Banner 2

 

16. Servizi di medicina del lavoro

Redattori di capitoli:  Igor A. Fedotov, Marianne Saux e Jorma Rantanen


 

Sommario

Figure e tabelle

Standard, principi e approcci nei servizi di medicina del lavoro
Jorma Rantanen e Igor A. Fedotov

Servizi e pratica di medicina del lavoro
Georges H. Coppee

Ispezione medica dei luoghi di lavoro e dei lavoratori in Francia
Marianne Saux

Servizi di medicina del lavoro nelle piccole imprese
Jorma Rantanen e Leon J. Warshaw

Assicurazione contro gli infortuni e servizi di medicina del lavoro in Germania
Wilfried Coenen e Edith Perlebach

Servizi di medicina del lavoro negli Stati Uniti: Introduzione
Sharon L. Morris e Peter Orris

Agenzie governative per la salute sul lavoro negli Stati Uniti
Sharon L. Morris e Linda Rosenstock

Servizi aziendali di medicina del lavoro negli Stati Uniti: servizi forniti internamente
William B. Bunn e Robert J. McCunney

Servizi di medicina del lavoro a contratto negli Stati Uniti
Penny Higgins

Attività basate sui sindacati negli Stati Uniti
Lamont Byrd

Servizi di medicina del lavoro accademici negli Stati Uniti
Dean B. Baker

Servizi di medicina del lavoro in Giappone
Ken Takahashi

Protezione del lavoro nella Federazione Russa: legge e pratica
Nikolai F. Izmerov e Igor A. Fedotov

La pratica del servizio di medicina del lavoro nella Repubblica popolare cinese
Zhi Su

Sicurezza e salute sul lavoro nella Repubblica ceca
Vladimír Bencko e Daniela Pelclová

Praticare la salute sul lavoro in India
T.K. Joshi

tavoli

Fare clic su un collegamento sottostante per visualizzare la tabella nel contesto dell'articolo.

1.  Principi per la pratica della medicina del lavoro
2.  Medici con conoscenze specialistiche in occ. medicinale
3.  Assistenza da parte dei servizi esterni di medicina del lavoro
4.  Forza lavoro sindacalizzata statunitense
5.  Requisiti minimi, salute delle piante
6.  Esami periodici delle esposizioni alla polvere   
7.  Esami fisici dei rischi professionali
8.  Risultati del monitoraggio ambientale
9.  Silicosi ed esposizione, miniera di tungsteno di Yiao Gang Xian
10 Silicosi nell'azienda Ansham Steel

Cifre

Punta su una miniatura per vedere la didascalia della figura, fai clic per vedere la figura nel contesto dell'articolo.

OHS100F1OHS162T1OHS162T2OHS130F4OHS130F5OHS130F6OHS130F7OHS140F1OHS140F2OHS140F3


Fare clic per tornare all'inizio della pagina

Questo articolo si basa sugli standard, i principi e gli approcci incorporati nella Convenzione ILO sui servizi sanitari sul lavoro, 1985 (n. 161) e nella Raccomandazione che l'accompagna (n. 171); Convenzione ILO sulla sicurezza e la salute sul lavoro, 1981 (n. 155) e relativa raccomandazione (n. 164); e il documento di lavoro della dodicesima sessione del comitato congiunto OIL/OMS sulla salute sul lavoro, 5-7 aprile 1995.

La Convenzione ILO sui servizi di medicina del lavoro (n. 161) definisce i “servizi di medicina del lavoro” come servizi a cui sono affidate funzioni essenzialmente preventive e responsabili di consigliare il datore di lavoro, i lavoratori e i loro rappresentanti nell'impresa sui requisiti per stabilire e mantenere un ambiente sicuro e sano ambiente di lavoro che faciliti una salute fisica e mentale ottimale in relazione al lavoro e l'adattamento del lavoro alle capacità dei lavoratori alla luce del loro stato di salute fisica e mentale.

Prestazione di servizi di medicina del lavoro significa svolgere attività sul posto di lavoro con l'obiettivo di proteggere e promuovere la sicurezza, la salute e il benessere dei lavoratori, nonché migliorare le condizioni di lavoro e l'ambiente di lavoro. Questi servizi sono forniti da professionisti della medicina del lavoro che operano individualmente o come parte di unità di servizi speciali dell'impresa o di servizi esterni.

La pratica della medicina del lavoro è più ampia e non consiste solo delle attività svolte dal servizio di medicina del lavoro. Si tratta di un'attività multidisciplinare e multisettoriale che coinvolge oltre ai professionisti della salute e sicurezza sul lavoro altri specialisti sia interni che esterni all'azienda, nonché le autorità competenti, i datori di lavoro, i lavoratori ei loro rappresentanti. Tale coinvolgimento richiede un sistema ben sviluppato e ben coordinato sul posto di lavoro. L'infrastruttura necessaria dovrebbe comprendere tutti i sistemi amministrativi, organizzativi e operativi necessari per condurre con successo la pratica della medicina del lavoro e garantirne lo sviluppo sistematico e il miglioramento continuo.

L'infrastruttura più elaborata per la pratica della medicina del lavoro è descritta nella Convenzione ILO sulla sicurezza e salute sul lavoro, 1981 (n. 155) e nella Convenzione sui servizi di medicina del lavoro, 1985 (n. 161). L'istituzione di servizi di medicina del lavoro secondo i modelli sostenuti dalla Convenzione n. 161 e dalla relativa Raccomandazione n. 171 è una delle opzioni. È comunque evidente che i servizi di medicina del lavoro più avanzati sono in accordo con gli strumenti ILO. Possono essere utilizzati altri tipi di infrastrutture. La medicina del lavoro, l'igiene del lavoro e la sicurezza sul lavoro possono essere esercitate separatamente o congiuntamente all'interno dello stesso servizio di medicina del lavoro. Il servizio di medicina del lavoro può essere un'unica entità integrata o un insieme di diverse unità di salute e sicurezza sul lavoro unificate da una preoccupazione comune per la salute e il benessere dei lavoratori.

Disponibilità di servizi di medicina del lavoro

I servizi di medicina del lavoro sono distribuiti in modo disomogeneo nel mondo (WHO 1995b). Nella Regione Europea, circa la metà della popolazione attiva rimane scoperta da servizi di medicina del lavoro competenti; la variazione tra i paesi è molto ampia, con cifre di copertura comprese tra il 5% e il 90% della forza lavoro. I paesi dell'Europa centrale e orientale in transizione stanno incontrando difficoltà nell'erogazione dei servizi a causa della riorganizzazione delle loro attività economiche e della disgregazione delle grandi industrie centralizzate in unità più piccole.

Cifre di copertura inferiori si trovano in altri continenti. Solo pochi paesi (Stati Uniti, Canada, Giappone, Australia, Israele) mostrano dati di copertura paragonabili a quelli dell'Europa occidentale. Nelle tipiche regioni in via di sviluppo, la copertura dei servizi sanitari per i dipendenti varia al massimo dal 5% al ​​10%, con servizi che si trovano principalmente nelle imprese manifatturiere, mentre alcuni settori dell'industria, dell'agricoltura, dei lavoratori autonomi, delle piccole imprese e del lavoro informale di solito non sono affatto coperti. Anche nei paesi in cui i tassi di copertura sono elevati, ci sono lacune, con le piccole imprese, alcuni lavoratori mobili, l'edilizia, l'agricoltura ei lavoratori autonomi che sono scarsamente serviti.

Pertanto, esiste un bisogno universale di aumentare la copertura dei lavoratori da parte dei servizi di medicina del lavoro in tutto il mondo. In un certo numero di paesi, i programmi di intervento per aumentare la copertura hanno dimostrato che è possibile migliorare sostanzialmente la disponibilità dei servizi di medicina del lavoro in un tempo relativamente breve ea un costo ragionevole. È stato riscontrato che tali interventi migliorano sia l'accesso dei lavoratori ai servizi sia l'efficacia in termini di costi dei servizi forniti.

Impatto politico degli strumenti internazionali

La cosiddetta riforma dell'ambiente di lavoro, avvenuta nella maggior parte dei paesi industrializzati negli anni '1970 e '1980, ha visto la produzione di importanti strumenti e linee guida internazionali. Riflettevano le risposte delle politiche di salute sul lavoro alle nuove esigenze della vita lavorativa e il raggiungimento di un consenso internazionale sullo sviluppo della sicurezza e della salute sul lavoro.

Il programma internazionale per il miglioramento delle condizioni di lavoro e dell'ambiente (PIACT) è stato lanciato dall'ILO nel 1976 (Miglioramento delle condizioni di lavoro e dell'ambiente: un programma internazionale (PIACT) 1984; 71a sessione della Conferenza internazionale del lavoro 1985). La Convenzione ILO sulla sicurezza e la salute sul lavoro, 1981 (n. 155), con la relativa Raccomandazione (n. 164), e la Convenzione ILO sui servizi sanitari sul lavoro, 1985 (n. 161) e la relativa Raccomandazione (n. 171), ampliate l'impatto dell'ILO sullo sviluppo della sicurezza e della salute sul lavoro. Al 31 maggio 1995 erano state registrate 40 ratifiche di queste Convenzioni, ma il loro impatto pratico era molto più ampio del numero di ratifiche, poiché molti paesi avevano attuato i principi contenuti in questi strumenti, sebbene non fossero stati in grado di ratificarli.

Allo stesso tempo, la strategia globale dell'OMS per la salute per tutti entro l'anno 2000 (HFA) (1981), lanciata per la prima volta nel 1979, è stata seguita negli anni '1980 dall'introduzione e dall'attuazione di strategie HFA regionali e nazionali in cui la salute dei lavoratori costituiva una parte essenziale. Nel 1987, l'OMS ha lanciato un Programma d'azione per la salute dei lavoratori e nel 1994 i Centri di collaborazione dell'OMS per la salute sul lavoro hanno sviluppato la Strategia globale per la salute sul lavoro per tutti (1995), che è stata approvata dal Comitato esecutivo dell'OMS (EB97.R6) e adottato all'unanimità dall'Assemblea mondiale della sanità nel maggio 1996 (WHA 49.12).

Le caratteristiche più importanti del consenso internazionale sulla sicurezza e la salute sul lavoro sono:

  • un focus sulla salute e sicurezza sul lavoro per tutti i lavoratori indipendentemente dal settore dell'economia, dal tipo di occupazione (lavoratore dipendente o autonomo), dalle dimensioni dell'impresa o dell'azienda (industria, settore pubblico, servizi, agricoltura e così via )
  • la responsabilità dei governi per la creazione di adeguate infrastrutture per la pratica della salute sul lavoro attraverso la legislazione, i contratti collettivi o qualsiasi altro meccanismo accettabile per il governo previa consultazione con le organizzazioni rappresentative dei datori di lavoro e dei lavoratori
  • la responsabilità dei governi per lo sviluppo e l'attuazione della politica di sicurezza e salute sul lavoro in collaborazione tripartita con le organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori
  • la responsabilità primaria del datore di lavoro per la fornitura di servizi di medicina del lavoro a livello aziendale, che deve coinvolgere professionisti della medicina del lavoro competenti per attuare le disposizioni previste dalla legislazione nazionale o dai contratti collettivi
  • la prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali e il controllo dei rischi sul posto di lavoro, nonché lo sviluppo di un ambiente di lavoro e di un lavoro favorevole alla salute dei lavoratori sono lo scopo principale dei servizi di medicina del lavoro.

 

Il vertice delle Nazioni Unite sull'ambiente e lo sviluppo di Rio de Janeiro nel 1993 ha toccato diversi aspetti dell'ambiente umano che hanno rilevanza per la salute sul lavoro (WHO 1993). La sua Agenda 21 contiene elementi sulla fornitura di servizi per i lavoratori svantaggiati e sulla garanzia della sicurezza chimica sul posto di lavoro. La Dichiarazione di Rio sottolineava il diritto delle persone a condurre “una vita sana e produttiva in armonia con la natura”, il che richiederebbe che il lavoro e l'ambiente di lavoro soddisfino determinati standard minimi di salute e sicurezza.

Tali strumenti e programmi internazionali hanno stimolato direttamente o indirettamente l'inclusione della fornitura di servizi di medicina del lavoro nei programmi nazionali Health for All by the Year 2000 e in altri programmi nazionali di sviluppo. Pertanto, gli strumenti internazionali sono serviti da linee guida per lo sviluppo della legislazione e dei programmi nazionali.

Un ruolo significativo nello sviluppo globale della salute sul lavoro è stato svolto dal Comitato congiunto ILO/OMS sulla salute sul lavoro, che, nelle sue dodici riunioni tenutesi dal 1950, ha dato importanti contributi alla definizione dei concetti e al loro trasferimento in ambito nazionale e locale pratiche.

Strutture legislative per la pratica della medicina del lavoro

La maggior parte dei paesi ha leggi che disciplinano la fornitura di servizi di medicina del lavoro, ma la struttura della legislazione, il suo contenuto ei lavoratori da essa coperti variano ampiamente (Rantanen 1990; WHO 1989c). Le leggi più tradizionali considerano i servizi di medicina del lavoro come un insieme di attività specializzate e separate come l'assistenza sanitaria sul lavoro, i servizi di sicurezza e igiene sul lavoro, i programmi di promozione della salute sul lavoro e così via. In molti paesi, invece di stabilire quelli che potrebbero essere considerati programmi, la legislazione stabilisce la responsabilità dei datori di lavoro di fornire valutazioni dei rischi per la salute, esami sanitari dei lavoratori o altre attività individuali relative alla salute e sicurezza dei lavoratori.

Leggi più recenti che riflettono linee guida internazionali come quelle contenute nella Convenzione ILO sui servizi di medicina del lavoro (n. 161) considerano il servizio di medicina del lavoro come un team integrato, completo e multidisciplinare contenente tutti gli elementi necessari per il miglioramento della salute sul lavoro, il miglioramento dell'ambiente di lavoro, la promozione della salute dei lavoratori e lo sviluppo complessivo degli aspetti strutturali e gestionali del luogo di lavoro necessari per la salute e la sicurezza.

La legislazione di solito delega l'autorità di istituire, implementare e ispezionare i servizi di medicina del lavoro a ministeri o agenzie come il Lavoro, la Sanità o la Previdenza Sociale (WHO 1990).

Esistono due tipi principali di legislazione che regola i servizi di medicina del lavoro:

Uno considera il servizio di medicina del lavoro come un'infrastruttura di servizi multidisciplinari integrati e stabilisce gli obiettivi, le attività, gli obblighi ei diritti dei vari partner, le condizioni di funzionamento, nonché le qualifiche del suo personale. Gli esempi includono la direttiva quadro dell'Unione europea n. 89/391/CEE sulla sicurezza e la salute sul lavoro (CEC 1989; Neal e Wright 1992), la legge ARBO olandese (Kroon e Overeynder 1991) e la legge finlandese sui servizi sanitari sul lavoro (traduzione di la legge sulla medicina del lavoro e il decreto del Consiglio di Stato n. 1009 del 1979). Gli esempi di organizzazione dei sistemi di servizi di medicina del lavoro nel mondo industrializzato conformi a questo tipo di legislazione sono solo pochi, ma il loro numero è destinato a crescere con la progressiva attuazione della Direttiva Quadro dell'Unione Europea (89/391/ CEE).

L'altro tipo di legislazione si trova nella maggior parte dei paesi industrializzati ed è più frammentato. Invece di un unico atto che stabilisce il servizio di medicina del lavoro come entità, si tratta di una serie di leggi che obbligano semplicemente i datori di lavoro a svolgere determinate attività. Questi possono essere stipulati in modo del tutto specifico o semplicemente in generale, lasciando aperte le questioni relative alla loro organizzazione e alle condizioni operative (WHO 1989c). In molti paesi in via di sviluppo, questa legislazione è applicabile solo ai principali settori industriali, mentre un gran numero di altri settori come l'agricoltura, le piccole imprese e il settore informale rimangono scoperti.

Durante gli anni '1980, in particolare nei paesi industrializzati, sviluppi sociali e demografici come l'invecchiamento della popolazione attiva, l'aumento delle pensioni di invalidità e dell'assenteismo per malattia e la difficoltà nel controllo dei bilanci previdenziali hanno portato ad alcune interessanti riforme dei sistemi nazionali di medicina del lavoro. Questi si sono concentrati sulla prevenzione della disabilità sia a breve che a lungo termine, sulla conservazione della capacità lavorativa, in particolare dei lavoratori più anziani, e sulla riduzione del pensionamento anticipato.

Ad esempio, l'emendamento dell'ARBO Act olandese (Kroon e Overeynder 1991) insieme ad altre tre leggi sociali finalizzate alla prevenzione della disabilità a breve e lungo termine, ha stabilito nuovi importanti requisiti per i servizi di salute e sicurezza sul lavoro a livello di stabilimento. Includevano:

  • requisiti minimi per procedure, linee guida e strutture
  • requisiti minimi per il numero, la composizione e la competenza delle équipe dei servizi di medicina del lavoro, compresi specialisti come medici con competenze in medicina del lavoro, esperti senior di sicurezza, igienisti del lavoro e consulenti di gestione
  • requisiti che specificano l'organizzazione dei servizi e le loro attività
  • requisiti dei sistemi di garanzia della qualità, compresi audit appropriati
  • requisito che gli specialisti che lavorano nel servizio siano certificati dalle autorità competenti e che il servizio stesso sia certificato sulla base di un audit esterno.

 

Questo nuovo sistema sarà implementato gradualmente e dovrebbe essere maturo entro la fine degli anni '1990.

Gli emendamenti della legge finlandese sui servizi di medicina del lavoro del 1991 e del 1994 hanno introdotto il mantenimento della capacità lavorativa, in particolare dei lavoratori anziani, come nuovo elemento nelle attività preventive basate sulla legislazione dei servizi di medicina del lavoro. Attuato attraverso la stretta collaborazione di tutti gli attori del luogo di lavoro (direzione, lavoratori, servizi di salute e sicurezza), comporta il miglioramento e l'adattamento del lavoro, dell'ambiente di lavoro e delle attrezzature al lavoratore, il miglioramento e il mantenimento della capacità lavorativa fisica e mentale del lavoratore lavoratore, e rendere l'organizzazione del lavoro più favorevole al mantenimento della capacità lavorativa del lavoratore. Attualmente, gli sforzi sono diretti allo sviluppo e alla valutazione di metodi pratici per raggiungere questi obiettivi.

L'adozione nel 1987 dell'Atto unico europeo ha dato nuovo slancio alle misure di salute e sicurezza sul lavoro adottate dalle Comunità europee. Questa è stata la prima volta che la salute e la sicurezza sul lavoro sono state incluse direttamente nel trattato CEE del 1957 e ciò è avvenuto attraverso il nuovo articolo 118a. Di notevole importanza per il livello di protezione è che le direttive adottate dagli Stati membri ai sensi dell'articolo 118 A stabiliscono requisiti minimi in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Secondo questo principio, gli Stati membri devono aumentare il loro livello di protezione se è inferiore ai requisiti minimi fissati dalle direttive. Oltre a ciò, hanno il diritto e sono incoraggiati a mantenere e introdurre misure di protezione più rigorose di quelle richieste dalle direttive.

Nel giugno 1989 è stata adottata la prima e probabilmente la più importante direttiva che stabilisce prescrizioni minime in materia di salute e sicurezza sul lavoro ai sensi dell'articolo 118 bis: direttiva quadro 89/391/CEE sull'introduzione di misure volte a promuovere il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori al lavoro. È la strategia centrale in materia di salute e sicurezza su cui si baseranno tutte le successive direttive. La direttiva quadro deve essere integrata da singole direttive che riguardano settori specifici e stabilisce anche il quadro generale per le future direttive ad essa correlate.

La Direttiva Quadro 89/391/CEE contiene molte caratteristiche delle Convenzioni ILO n. 155 e 161 che i 15 paesi dell'Unione Europea implementeranno nelle loro leggi e pratiche nazionali. Le principali disposizioni rilevanti per la pratica della medicina del lavoro includono:

  • lo sviluppo di una politica globale coerente di prevenzione a livello aziendale che riguardi l'ambiente di lavoro, la tecnologia, l'organizzazione del lavoro, le condizioni di lavoro e le relazioni sociali
  • la responsabilità del datore di lavoro di garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori in ogni aspetto relativo al lavoro, compresa la prevenzione dei rischi professionali, la fornitura di informazioni e formazione, nonché la fornitura della necessaria organizzazione del lavoro, misure di controllo e mezzi che la salute sul lavoro le attività dovrebbero essere svolte in collaborazione tra datori di lavoro e lavoratori
  • che i lavoratori ricevano una sorveglianza sanitaria adeguata ai rischi per la salute che incorrono durante il lavoro
  • che i lavoratori hanno il diritto di ricevere tutte le informazioni necessarie sui rischi per la sicurezza e la salute nonché sulle misure preventive e protettive nei confronti sia dell'impresa in generale che di ogni tipologia di posto di lavoro e pratica lavorativa
  • che la progettazione e l'introduzione di nuove tecnologie siano soggette alla consultazione dei lavoratori e/o dei loro rappresentanti, per quanto riguarda la scelta delle attrezzature, delle condizioni di lavoro e dell'ambiente di lavoro per la sicurezza e la salute dei lavoratori
  • che i principi generali di prevenzione dovrebbero includere l'eliminazione dei rischi professionali; valutazione dei pericoli che non possono essere evitati; contrastare i rischi alla fonte; adattare il lavoro all'individuo, in particolare per quanto riguarda la progettazione dei luoghi di lavoro, la scelta delle attrezzature e dei metodi di lavoro e di produzione; adeguarsi al progresso tecnico; sostituzione di sostanze pericolose con altre non pericolose o meno pericolose; dare priorità alle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale; dare opportune istruzioni ai lavoratori.

 

Nel corso degli ultimi anni è stata introdotta una grande mole di legislazione dell'Unione Europea, tra cui una serie di direttive particolari basate sui principi formulati nella Direttiva Quadro, alcune ad integrazione di quelle che erano state oggetto di misure di armonizzazione tecnica in preparazione, altre riguardanti specifiche rischi e settori ad alto rischio. Esempi del primo gruppo sono le direttive concernenti i requisiti minimi di sicurezza e salute per il luogo di lavoro, per l'uso delle attrezzature di lavoro da parte dei lavoratori durante il lavoro, per l'uso dei dispositivi di protezione individuale, per la movimentazione manuale dei carichi, per il lavoro con apparecchiature video , per la segnaletica di sicurezza e salute sul lavoro e l'attuazione dei requisiti minimi di sicurezza e salute nei cantieri temporanei o mobili. Il secondo gruppo comprende direttive quali la protezione dei lavoratori dai rischi connessi all'esposizione al cloruro di vinile monomero, al piombo metallico e ai suoi composti ionici, all'amianto durante il lavoro, agli agenti cancerogeni durante il lavoro, agli agenti biologici durante il lavoro, la protezione dei lavoratori mediante il divieto di determinati agenti e/o determinate attività lavorative e alcuni altri (Neal e Wright 1992; EC 1994).

Di recente sono state avanzate proposte per l'adozione di altre direttive (in particolare le direttive sugli agenti fisici, sugli agenti chimici, sulle attività di trasporto e sui luoghi di lavoro e sulle attrezzature di lavoro) al fine di consolidare alcune direttive esistenti e razionalizzare l'approccio generale alla sicurezza e alla salute delle lavoratori in questi campi (EC 1994).

Molti nuovi elementi nella legislazione e nelle prassi nazionali rispondono ai problemi emergenti della vita lavorativa di oggi e contengono disposizioni per l'ulteriore sviluppo delle infrastrutture sanitarie sul lavoro. Ciò riguarda in particolare la programmazione, a livello nazionale e aziendale, di attività più complete rispetto agli aspetti psicosociali, organizzativi e di capacità lavorativa e un'enfasi particolare sul principio di partecipazione. Prevedono inoltre l'applicazione di sistemi di gestione della qualità, la verifica e la certificazione sia della competenza degli esperti che dei servizi per soddisfare i requisiti della legislazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Pertanto, tali leggi nazionali, assorbendo il contenuto sostanziale degli strumenti dell'ILO, indipendentemente dal fatto che gli strumenti siano ratificati o meno, portano alla graduale attuazione degli obiettivi e dei principi sanciti nelle Convenzioni ILO n. 155 e 161 e nella Convenzione dell'OMS Strategia HFA.

Obiettivi della pratica della medicina del lavoro

Gli obiettivi della pratica della salute sul lavoro originariamente definiti nel 1950 dal Comitato congiunto ILO/OMS sulla salute sul lavoro affermavano che:

La salute sul lavoro dovrebbe mirare alla promozione e al mantenimento del massimo grado di benessere fisico, mentale e sociale dei lavoratori in tutte le professioni; la prevenzione tra i lavoratori delle deviazioni dalla salute causate dalle loro condizioni di lavoro; la protezione dei lavoratori nel loro impiego dai rischi derivanti da fattori nocivi per la salute; l'inserimento e il mantenimento del lavoratore in un ambiente lavorativo adeguato alle sue capacità fisiologiche e psicologiche; e, per riassumere: l'adattamento del lavoro all'uomo e di ogni uomo al suo lavoro.

Nel 1959, sulla base delle discussioni dello speciale comitato tripartito dell'ILO (che rappresenta governi, datori di lavoro e lavoratori), la Quarantatreesima Sessione della Conferenza Internazionale del Lavoro adottò la Raccomandazione n. 112 (ILO 1959) che definiva un servizio di medicina del lavoro come un servizio istituito in o vicino a un luogo di lavoro ai fini di:

  • proteggere i lavoratori da qualsiasi rischio per la salute che possa derivare dal loro lavoro o dalle condizioni in cui esso viene svolto
  • contribuire all'adattamento fisico e mentale dei lavoratori, in particolare mediante l'adattamento del lavoro ai lavoratori e la loro assegnazione a lavori per i quali sono adatti
  • contribuire all'instaurazione e al mantenimento del più alto grado possibile di benessere fisico e psichico dei lavoratori.

 

Nel 1985, l'ILO ha adottato nuovi strumenti internazionali - la Convenzione sui servizi di medicina del lavoro (n. 161) e la relativa Raccomandazione (n. 171) (ILO 1985a, 1985b) - che definiscono i servizi di medicina del lavoro come servizi a cui sono affidate funzioni essenzialmente preventive e responsabili per consigliare il datore di lavoro, i lavoratori ei loro rappresentanti nell'impresa su: i requisiti per stabilire e mantenere un ambiente di lavoro sicuro e salubre che faciliti una salute fisica e mentale ottimale in relazione al lavoro; e l'adattamento del lavoro alle capacità dei lavoratori alla luce del loro stato di salute fisica e mentale.

Nel 1980, l'OMS/Euro Working Group on Evaluation of Occupational Health and Industrial Hygiene Services (WHO 1982) ha definito l'obiettivo finale di tali servizi come "promuovere condizioni di lavoro che garantiscano il più alto grado di qualità della vita lavorativa proteggendo la salute dei lavoratori , migliorando il loro benessere fisico, mentale e sociale e prevenendo malattie e incidenti”.

L'ampia indagine sui servizi di medicina del lavoro nei 32 paesi della Regione Europea condotta nel 1985 dall'Ufficio Regionale per l'Europa dell'OMS (Rantanen 1990) ha individuato i seguenti principi come obiettivi della pratica della salute sul lavoro:

  • proteggere la salute dei lavoratori dai rischi sul lavoro (principio di protezione e prevenzione)
  • adattare il lavoro e l'ambiente di lavoro alle capacità dei lavoratori (principio di adattamento)
  • migliorare il benessere fisico, mentale e sociale dei lavoratori (principio di promozione della salute)
  • ridurre al minimo le conseguenze dei rischi professionali, degli infortuni e degli infortuni e delle malattie professionali e correlate al lavoro (principio di cura e riabilitazione)
  • fornire servizi di assistenza sanitaria generale ai lavoratori e alle loro famiglie, sia curativi che preventivi, sul posto di lavoro o presso strutture limitrofe (principio di assistenza sanitaria primaria generale).

 

Tali principi possono ancora essere considerati rilevanti rispetto ai nuovi sviluppi nelle politiche e nella legislazione dei paesi. D'altra parte, la formulazione degli obiettivi della pratica della medicina del lavoro così come risultano dalle recenti leggi nazionali e lo sviluppo di nuovi bisogni per la vita lavorativa sembrano sottolineare le seguenti tendenze (WHO 1995a, 1995b; Rantanen, Lehtinen e Mikheev 1994):

  • L'ambito della salute sul lavoro si sta espandendo per coprire non solo la salute e la sicurezza, ma anche il benessere psicologico e sociale e la capacità di condurre una vita socialmente ed economicamente produttiva.
  • L'intera gamma di obiettivi va oltre l'ambito delle tradizionali questioni di salute e sicurezza sul lavoro.
  • I nuovi principi vanno oltre la mera prevenzione e il controllo degli effetti negativi per la salute e la sicurezza dei lavoratori alla promozione positiva della salute, al miglioramento dell'ambiente di lavoro e dell'organizzazione del lavoro.

 

Esiste quindi certamente una tendenza all'allargamento dell'ambito degli obiettivi della pratica della medicina del lavoro verso nuove tipologie di problematiche che comportano conseguenze sociali ed economiche per i lavoratori.

Funzioni e attività dei Servizi di medicina del lavoro

Per tutelare e promuovere la salute dei lavoratori, un servizio di medicina del lavoro deve rispondere alle esigenze specifiche dell'impresa che serve e dei lavoratori in essa impiegati. Con l'enorme gamma e portata delle attività industriali, manifatturiere, commerciali, agricole e altre attività economiche, non è possibile stabilire un programma dettagliato di attività o modello di organizzazione e condizioni di funzionamento per un servizio di medicina del lavoro che dovrebbe essere adatto a tutti imprese e in ogni circostanza. Secondo la Convenzione ILO sulla salute e sicurezza sul lavoro (n. 155) e la Convenzione ILO sui servizi sanitari sul lavoro (n. 161), la responsabilità primaria per la salute e la sicurezza dei lavoratori spetta ai datori di lavoro. Le funzioni di un servizio di medicina del lavoro sono proteggere e promuovere la salute dei lavoratori, migliorare le condizioni di lavoro e l'ambiente di lavoro e mantenere la salute dell'impresa nel suo insieme fornendo servizi di medicina del lavoro ai lavoratori e consulenza di esperti al datore di lavoro su come raggiungere i più elevati standard possibili di salute e sicurezza nell'interesse della particolare comunità lavorativa di cui fa parte.

La Convenzione ILO n. 161 e la relativa Raccomandazione n. 171 considerano i servizi di medicina del lavoro come multidisciplinari, completi e, sebbene essenzialmente preventivi, consentono anche di svolgere attività curative. I documenti dell'OMS che richiedono servizi per le piccole imprese, i lavoratori autonomi ei lavoratori agricoli incoraggiano la fornitura di servizi da parte delle unità di assistenza sanitaria primaria (Rantanen, Lehtinen e Mikheev 1994). I documenti sopra descritti e le leggi ei programmi nazionali raccomandano un'implementazione graduale in modo che le attività di medicina del lavoro possano essere adattate alle esigenze nazionali e locali e alle circostanze prevalenti.

Idealmente, un servizio di medicina del lavoro dovrebbe istituire e agire secondo un programma di attività adattato alle esigenze dell'impresa in cui opera. Le sue funzioni dovrebbero essere adeguate e adeguate ai rischi professionali e ai rischi per la salute dell'impresa che serve, con particolare attenzione ai problemi specifici del ramo di attività economica interessato. Di seguito sono rappresentate le funzioni fondamentali e le attività più tipiche di un servizio di medicina del lavoro.

Orientamento preliminare all'impresa

Se i servizi di medicina del lavoro non sono stati forniti in precedenza o quando vengono assunti nuovi membri del personale del servizio di medicina del lavoro, è necessario un orientamento preliminare alla situazione di sicurezza e salute sul lavoro dell'impresa. Ciò comporta i seguenti passaggi:

  • L'analisi del tipo di produzione indicherà i tipi di rischi tipici dell'attività economica, del lavoro o dell'occupazione che quindi si possono prevedere di incontrare nell'impresa e può aiutare a identificare quelli che possono richiedere particolare attenzione.
  • L'esame dei problemi che sono stati identificati da professionisti della medicina del lavoro, dirigenti, lavoratori o altri specialisti e le misure di salute sul lavoro che sono state precedentemente intraprese sul posto di lavoro indicheranno la percezione dei problemi da parte dell'impresa. Ciò dovrebbe includere l'esame dei rapporti sulle attività di salute e sicurezza sul lavoro, le misure di igiene industriale, i dati di monitoraggio biologico e così via.
  • L'esame delle caratteristiche della forza lavoro (ovvero numeri per età, sesso, origine etnica, relazioni familiari, classificazioni occupazionali, storia lavorativa e, se disponibili, problemi di salute correlati) aiuterà a identificare i gruppi vulnerabili e quelli con bisogni speciali.
  • Dovrebbero essere esaminati i dati disponibili sulle malattie professionali e gli infortuni e l'assenteismo per malattia raggruppati, se possibile, per reparto, occupazione e tipo di lavoro, fattori causali e tipo di infortunio o malattia.
  • I dati sui metodi di lavoro, le sostanze chimiche manipolate durante il lavoro, le recenti misurazioni dell'esposizione e il numero di lavoratori esposti a rischi speciali sono necessari per l'identificazione dei problemi prioritari.
  • Dovrebbero essere esplorate la conoscenza da parte dei dipendenti dei problemi di salute sul lavoro, l'estensione della loro formazione in misure di emergenza e pronto soccorso e le prospettive di un efficace comitato per la sicurezza e la salute sul lavoro.
  • Infine, i piani in sospeso per i cambiamenti nei sistemi di produzione, l'installazione di nuovi impianti, macchinari e attrezzature, l'introduzione di nuovi materiali e le modifiche nell'organizzazione del lavoro dovrebbero essere esaminati come base per cambiare la pratica della medicina del lavoro in futuro.

 

Sorveglianza dell'ambiente di lavoro

La qualità dell'ambiente di lavoro attraverso il rispetto delle norme di sicurezza e salute deve essere assicurata dalla sorveglianza sul posto di lavoro. Secondo la Convenzione ILO n. 161, la sorveglianza dell'ambiente di lavoro è uno dei compiti principali dei servizi di medicina del lavoro.

Sulla base delle informazioni ottenute attraverso l'orientamento preliminare all'impresa, viene condotta un'indagine walk-through del luogo di lavoro, preferibilmente da parte di un team multidisciplinare di medicina del lavoro integrato da rappresentanti dei datori di lavoro e dei lavoratori. Ciò dovrebbe includere interviste con dirigenti, capisquadra e lavoratori. Quando necessario, possono essere eseguiti controlli speciali di sicurezza, igiene, ergonomia o psicologici.

Liste di controllo e linee guida speciali sono disponibili e sono consigliate per tali indagini. Le osservazioni possono indicare la necessità di misurazioni o controlli specifici che dovrebbero essere eseguiti da specialisti in igiene del lavoro, ergonomia, tossicologia, ingegneria della sicurezza o psicologia che potrebbero essere membri del team di salute sul lavoro dell'impresa o potrebbero dover essere assunti all'esterno. Tali misurazioni o controlli speciali possono essere al di là delle risorse delle piccole imprese, che dovrebbero basarsi sulle osservazioni effettuate durante l'indagine integrate da dati qualitativi o, nel migliore dei casi, anche semiquantitativi.

Come lista di controllo di base per l'identificazione di potenziali rischi per la salute, si può raccomandare l'Elenco delle malattie professionali (emendato nel 1980) allegato alla Convenzione ILO sulle indennità di infortunio sul lavoro, 1964 (n. 121). Elenca le principali cause note di malattie professionali e, sebbene il suo scopo principale sia quello di fornire una guida per l'indennizzo delle malattie professionali, può servire anche per la loro prevenzione. I pericoli non menzionati nell'elenco possono essere aggiunti in base alle condizioni nazionali o locali.

L'ambito della sorveglianza dell'ambiente di lavoro come definito dalla Raccomandazione sui servizi sanitari sul lavoro dell'ILO (n. 171) è il seguente:

  • individuazione e valutazione dei fattori ambientali che possono incidere sulla salute dei lavoratori
  • valutazione delle condizioni di igiene del lavoro e dei fattori nell'organizzazione del lavoro che possono dar luogo a rischi per la salute dei lavoratori
  • valutazione dei dispositivi di protezione collettiva e individuale
  • valutazione, se del caso, mediante metodi di monitoraggio validi e generalmente accettati, dell'esposizione dei lavoratori ad agenti pericolosi
  • valutazione dei sistemi di controllo progettati per eliminare o ridurre l'esposizione.

 

Come risultato dell'indagine walk-through dovrebbe essere preparato un inventario dei pericoli, identificando ogni pericolo insito nell'impresa. Questo inventario è necessario per stimare un potenziale di esposizione e suggerire misure di controllo. Ai fini del presente inventario e per facilitare la progettazione, l'attuazione e la valutazione dei controlli, i pericoli dovrebbero essere classificati in modo incrociato in base ai rischi che presentano per la salute dei lavoratori con esiti acuti o cronici e per tipo di pericolo (ossia, chimico, fisico, biologico, psicologico o ergonomico).

Il passo successivo è una valutazione quantitativa dell'esposizione, necessaria per una più precisa valutazione dei rischi per la salute. Consiste nel misurare l'intensità o la concentrazione, la variazione nel tempo, la durata totale dell'esposizione, nonché il numero di lavoratori esposti. La misurazione e la valutazione dell'esposizione sono generalmente condotte da igienisti del lavoro, ergonomi e specialisti nel controllo degli infortuni. Si basano sui principi del monitoraggio ambientale e dovrebbero includere, ove necessario, il monitoraggio ambientale per raccogliere dati sull'esposizione in un determinato ambiente di lavoro e il monitoraggio dell'esposizione personale di un singolo lavoratore o di un gruppo di lavoratori (ad esempio, esposti a rischi specifici) . La misurazione dell'esposizione è necessaria ogni volta che i pericoli sono sospetti o ragionevolmente prevedibili e dovrebbe essere basata sull'inventario dei pericoli completato combinato con una valutazione delle pratiche di lavoro. La conoscenza dei potenziali effetti causati da ciascun pericolo dovrebbe essere utilizzata per stabilire le priorità di intervento.

La valutazione dei rischi per la salute sul luogo di lavoro dovrebbe essere effettuata considerando il quadro completo delle esposizioni rispetto agli standard di esposizione professionale stabiliti. Tali standard sono espressi in termini di livelli ammissibili e limiti di esposizione e sono stabiliti attraverso numerosi studi scientifici che correlano l'esposizione con gli effetti sulla salute prodotti. Alcuni di essi sono diventati standard statali e sono legalmente applicabili secondo la legge e la pratica nazionale. Esempi sono le concentrazioni massime consentite (MAK in Germania, MAC nei paesi dell'Europa orientale) ei limiti di esposizione consentiti (PEL, Stati Uniti). Esistono PEL per circa 600 sostanze chimiche comunemente presenti sul posto di lavoro. Esistono anche limiti sull'esposizione media ponderata nel tempo, limiti di esposizione a breve termine (STEL), massimali e per alcune condizioni difficili che potrebbero provocare l'assorbimento cutaneo.

La sorveglianza nell'ambiente di lavoro include il monitoraggio sia delle esposizioni pericolose che degli esiti per la salute. Se l'esposizione ai pericoli è eccessiva, dovrebbe essere controllata indipendentemente dall'esito e dovrebbe essere valutata la salute dei lavoratori esposti. L'esposizione è considerata eccessiva se si avvicina o supera i limiti stabiliti come quelli sopra menzionati.

La sorveglianza dell'ambiente di lavoro fornisce informazioni sui bisogni di salute sul lavoro dell'impresa e indica le priorità per le azioni preventive e di controllo. La maggior parte degli strumenti che guidano i servizi di medicina del lavoro sottolineano la necessità di effettuare la sorveglianza prima dell'inizio dei servizi, periodicamente durante lo svolgimento delle attività, e sempre quando si sono verificati cambiamenti sostanziali del lavoro o dell'ambiente di lavoro.

I risultati ottenuti forniscono i dati necessari per stimare se le azioni preventive intraprese contro i rischi per la salute sono efficaci, nonché se i lavoratori sono collocati in posti di lavoro adeguati alle loro capacità. Questi dati sono utilizzati anche dal servizio di medicina del lavoro per garantire il mantenimento di una protezione affidabile contro le esposizioni e per formulare consigli su come implementare i controlli al fine di migliorare l'ambiente di lavoro. Inoltre, le informazioni accumulate vengono utilizzate per indagini epidemiologiche, per la revisione dei livelli di esposizione consentiti, nonché per la valutazione dell'efficacia delle misure di controllo ingegneristico e di altri metodi di vari programmi preventivi.

Informare il datore di lavoro, la direzione aziendale e i lavoratori sui rischi per la salute sul lavoro

Man mano che si ottengono informazioni sui potenziali rischi per la salute sul luogo di lavoro, queste devono essere comunicate ai responsabili dell'attuazione delle misure preventive e di controllo, nonché ai lavoratori esposti a tali rischi. Le informazioni dovrebbero essere quanto più precise e quantitative possibile, descrivendo le misure preventive adottate e spiegando cosa dovrebbero fare i lavoratori per garantirne l'efficacia.

La Raccomandazione dell'ILO sui servizi sanitari sul lavoro, 1985 (n. 171) prevede che, in conformità con la legislazione e la prassi nazionale, i dati risultanti dalla sorveglianza dell'ambiente di lavoro dovrebbero essere registrati in modo appropriato ed essere a disposizione del datore di lavoro, dei lavoratori e loro rappresentanti, o al comitato per la sicurezza e la salute, ove esistente. Questi dati dovrebbero essere utilizzati su base riservata esclusivamente per fornire orientamenti e consigli sulle misure per migliorare l'ambiente di lavoro e la sicurezza e la salute dei lavoratori. Anche l'autorità competente dovrebbe avere accesso a questi dati. Possono essere comunicati ad altri dal servizio di medicina del lavoro solo con il consenso del datore di lavoro e dei lavoratori. I lavoratori interessati dovrebbero essere informati in modo adeguato e appropriato dei risultati della sorveglianza e dovrebbero avere il diritto di richiedere il monitoraggio dell'ambiente di lavoro.

Valutazione dei rischi per la salute

Per valutare i rischi per la salute sul lavoro, le informazioni provenienti dalla sorveglianza dell'ambiente di lavoro sono combinate con informazioni provenienti da altre fonti, come la ricerca epidemiologica su particolari occupazioni ed esposizioni, valori di riferimento come i limiti di esposizione professionale e le statistiche disponibili. I dati qualitativi (ad esempio, se la sostanza è cancerogena) e, ove possibile, quantitativi (ad esempio, qual è il grado di esposizione) possono dimostrare che i lavoratori affrontano rischi per la salute e indicare la necessità di misure preventive e di controllo.

Le fasi di una valutazione del rischio per la salute sul lavoro includono:

  • identificazione dei rischi per la salute sul lavoro (eseguita a seguito della sorveglianza dell'ambiente di lavoro)
  • analisi di come il pericolo può colpire il lavoratore (vie di ingresso e tipo di esposizione, valori limite di soglia, relazioni dose-risposta, effetti nocivi per la salute che può causare e così via)
  • identificazione dei lavoratori o gruppi di lavoratori esposti a rischi specifici
  • identificazione di individui e gruppi con particolari vulnerabilità
  • valutazione delle misure di prevenzione e controllo dei pericoli disponibili
  • trarre conclusioni e documentare i risultati della valutazione
  • revisione periodica e, se necessario, rivalutazione.

 

Sorveglianza della salute dei lavoratori

A causa di limitazioni di natura tecnologica ed economica, spesso non è possibile eliminare tutti i rischi per la salute nei luoghi di lavoro. È in queste circostanze che la sorveglianza della salute dei lavoratori svolge un ruolo importante. Comprende molte forme di valutazione medica degli effetti sulla salute sviluppati a seguito dell'esposizione dei lavoratori ai rischi per la salute sul lavoro.

Gli scopi principali degli esami sanitari sono valutare l'idoneità di un lavoratore a svolgere determinati lavori, valutare eventuali danni alla salute che possono essere correlati all'esposizione ad agenti nocivi inerenti al processo lavorativo e identificare casi di malattie professionali in conformità con legislazione nazionale.

Gli esami sanitari non possono proteggere i lavoratori dai rischi per la salute e non possono sostituire adeguate misure di controllo, che hanno la prima priorità nella gerarchia delle azioni. Gli esami sanitari aiutano a identificare le condizioni che possono rendere un lavoratore più suscettibile agli effetti di agenti pericolosi oa rilevare i primi segni di danni alla salute causati da questi agenti. Dovrebbero essere condotte parallelamente alla sorveglianza dell'ambiente di lavoro, che fornisce informazioni sulla potenziale esposizione sul posto di lavoro ed è utilizzata dai professionisti della medicina del lavoro per valutare i risultati ottenuti attraverso la sorveglianza sanitaria dei lavoratori esposti.

La sorveglianza sanitaria dei lavoratori può essere passiva e attiva

In caso di sorveglianza sanitaria passiva, i lavoratori ammalati o affetti sono tenuti a consultare i professionisti della medicina del lavoro. La sorveglianza passiva di solito rileva solo la malattia sintomatica e richiede che i professionisti della medicina del lavoro siano in grado di differenziare gli effetti delle esposizioni professionali dagli effetti simili delle esposizioni non professionali.

In caso di sorveglianza sanitaria attiva, i professionisti della medicina del lavoro selezionano ed esaminano i lavoratori che sono ad alto rischio di malattia o infortunio sul lavoro. Può essere condotto in molte forme, comprese le visite mediche periodiche per tutti i lavoratori, le visite mediche per i lavoratori esposti a specifici rischi per la salute, lo screening e il monitoraggio biologico di gruppi selezionati di lavoratori. Le forme specifiche di sorveglianza sanitaria dipendono in gran parte dai possibili effetti sulla salute derivanti da una particolare esposizione professionale. La sorveglianza attiva è più appropriata per i lavoratori con una storia di esposizioni multiple e quelli a più alto rischio di malattia o infortunio.

I dettagli sulla sorveglianza sanitaria sono forniti nella Convenzione ILO n. 161 e nella Raccomandazione n. 171. Questi strumenti specificano che la sorveglianza della salute dei lavoratori dovrebbe includere, nei casi e alle condizioni specificate dall'autorità competente, tutte le valutazioni necessarie per proteggere il salute dei lavoratori, che possono includere:

  • valutazione sanitaria dei lavoratori prima della loro assegnazione a compiti specifici che possono comportare un pericolo per la loro salute o quella di altri
  • valutazione sanitaria a intervalli periodici durante il lavoro che comporti l'esposizione a un particolare pericolo per la salute
  • accertamento sanitario alla ripresa del lavoro dopo un'assenza prolungata per motivi di salute, ai fini dell'accertamento di eventuali cause occupazionali, raccomandando idonee azioni a tutela dei lavoratori e determinando l'idoneità dei lavoratori alla mansione e le esigenze di assegnazione e riabilitazione
  • valutazione della salute durante e dopo la cessazione dell'incarico comportante rischi che potrebbero causare o contribuire a futuri danni alla salute.

 

La valutazione dello stato di salute dei lavoratori è della massima importanza quando viene avviata la pratica della salute sul lavoro, quando vengono assunti nuovi lavoratori, quando vengono adottate nuove pratiche lavorative, quando vengono introdotte nuove tecnologie, quando vengono identificate esposizioni speciali e quando i singoli lavoratori presentano caratteristiche di salute che necessitano di follow-up. Un certo numero di paesi ha regolamenti o linee guida speciali che specificano quando e come devono essere effettuati gli esami sanitari. Gli esami sanitari dovrebbero essere monitorati e continuamente sviluppati per identificare gli effetti sulla salute legati al lavoro nella loro prima fase di sviluppo.

Esami sanitari pre-assegnazione (pre-assunzione).

Questo tipo di accertamento sanitario viene effettuato prima dell'inserimento lavorativo dei lavoratori o della loro assegnazione a specifiche mansioni che possono comportare un pericolo per la loro salute o quella di terzi. Lo scopo di questa valutazione della salute è determinare se una persona è fisicamente e psicologicamente idonea a svolgere un determinato lavoro e garantire che la sua collocazione in questo lavoro non rappresenti un pericolo per la sua salute o per la salute di altri lavoratori . Nella maggior parte dei casi, sarà sufficiente un esame dell'anamnesi, un esame fisico generale e test di laboratorio di routine (ad es. semplice emocromo e analisi delle urine), ma in alcuni casi la presenza di un problema di salute o le esigenze insolite di un particolare lavoro saranno sufficienti. richiedono approfonditi esami funzionali o test diagnostici.

Esistono numerosi problemi di salute che possono rendere pericoloso un determinato lavoro per il lavoratore o comportare un rischio per il pubblico o altri lavoratori. Per questi motivi può essere necessario, ad esempio, escludere i lavoratori con ipertensione incontrollata o diabete instabile da alcuni lavori rischiosi (es. piloti aerei e marittimi, autisti di mezzi pubblici e mezzi pesanti, gruisti). Il daltonismo può giustificare l'esclusione dai lavori che richiedono la discriminazione del colore per motivi di sicurezza (ad esempio, la lettura dei segnali stradali). Nei lavori che richiedono un elevato standard di idoneità generale come le immersioni in acque profonde, i vigili del fuoco, il servizio di polizia e il pilotaggio di aerei, solo i lavoratori in grado di soddisfare i requisiti di prestazione sarebbero accettabili. Dovrebbe anche essere presa in considerazione la possibilità che le malattie croniche possano essere aggravate dalle esposizioni legate a un particolare lavoro. È essenziale, quindi, che l'esaminatore abbia una conoscenza dettagliata del lavoro e dell'ambiente di lavoro e sia consapevole che le descrizioni standardizzate del lavoro possono essere troppo superficiali o addirittura fuorvianti.

Dopo aver terminato una valutazione sanitaria prescritta, il medico del lavoro deve comunicare i risultati per iscritto sia al lavoratore che al datore di lavoro. Tali conclusioni comunicate al datore di lavoro non devono contenere informazioni di natura medica. Dovrebbero contenere una conclusione sull'idoneità della persona esaminata per l'incarico proposto o svolto e specificare i tipi di lavoro e le condizioni di lavoro che sono controindicati dal punto di vista medico, temporaneamente o permanentemente.

La visita medica pre-assuntiva è importante per la successiva storia lavorativa del lavoratore in quanto fornisce le necessarie informazioni cliniche e di laboratorio sullo stato di salute del lavoratore al momento dell'ingresso nel mondo del lavoro. Rappresenta inoltre una base indispensabile per la successiva valutazione di eventuali cambiamenti dello stato di salute che si dovessero verificare successivamente.

Visite sanitarie periodiche

Questi vengono eseguiti a intervalli periodici durante il rapporto di lavoro che comporta l'esposizione a potenziali pericoli che non potrebbero essere eliminati del tutto con misure preventive e di controllo. La finalità delle visite sanitarie periodiche è quella di monitorare lo stato di salute dei lavoratori durante il loro rapporto di lavoro. Ha lo scopo di verificare l'idoneità dei lavoratori in relazione al loro lavoro e di rilevare il prima possibile qualsiasi segno di cattiva salute che possa essere dovuto al lavoro. Spesso sono integrati da altri esami in accordo con la natura dei pericoli osservati.

I loro obiettivi includono:

  • identificare il prima possibile eventuali effetti nocivi per la salute causati dalle pratiche lavorative o dall'esposizione a potenziali pericoli
  • rilevare l'eventuale insorgenza di una malattia professionale
  • verificare se la salute di un lavoratore particolarmente vulnerabile o malato cronico sia compromessa dal lavoro o dall'ambiente di lavoro
  • monitoraggio dell'esposizione personale con l'ausilio del monitoraggio biologico
  • verificare l'efficacia delle misure preventive e di controllo
  • identificare i possibili effetti sulla salute di cambiamenti nelle pratiche di lavoro, nella tecnologia o nelle sostanze utilizzate nell'impresa.

 

Questi obiettivi determineranno la frequenza, il contenuto e le modalità degli esami sanitari periodici, che possono essere effettuati ogni uno-tre mesi o ogni pochi anni, a seconda della natura dell'esposizione, della risposta biologica attesa, delle opportunità di prevenzione misure e la fattibilità del metodo di esame. Possono essere completi o limitati a pochi test o determinazioni. Linee guida speciali sullo scopo, la frequenza, il contenuto e la metodologia di questi esami sono disponibili in un certo numero di paesi.

Esami sanitari per il rientro al lavoro

Questo tipo di accertamento sanitario è necessario per autorizzare la ripresa del lavoro dopo una lunga assenza per motivi di salute. Questo esame sanitario determina l'idoneità dei lavoratori al lavoro, raccomanda azioni appropriate per proteggerli da future esposizioni e identifica se è necessaria una riassegnazione o una riabilitazione speciale.

Analogamente, quando un lavoratore cambia lavoro, il medico del lavoro è tenuto a certificare l'idoneità del lavoratore a svolgere le nuove mansioni. L'obiettivo dell'esame, la necessità e l'utilizzo dei risultati ne determinano il contenuto e le modalità e il contesto in cui si svolge.

Esami generali di salute

In molte imprese, gli esami sanitari generali possono essere eseguiti dal servizio di medicina del lavoro. Di solito sono volontari e possono essere disponibili per l'intera forza lavoro o solo per determinati gruppi determinati dall'età, dalla durata del rapporto di lavoro, dallo status nell'organizzazione e così via. Possono essere completi o limitati a screening per particolari malattie o rischi per la salute. I loro obiettivi ne determinano la frequenza, i contenuti ei metodi utilizzati.

Visite sanitarie dopo la fine del servizio

Questo tipo di valutazione della salute viene eseguita dopo la cessazione dell'incarico che comporta pericoli che potrebbero causare o contribuire a futuri danni alla salute. Lo scopo di questa valutazione sanitaria è di effettuare una valutazione finale della salute dei lavoratori, confrontarla con precedenti esami medici e valutare in che modo i precedenti incarichi di lavoro possono aver influito sulla loro salute.

Osservazioni generali

Le osservazioni generali riassunte di seguito si applicano a tutti i tipi di esami sanitari.

Gli esami sanitari dei lavoratori devono essere condotti da personale professionalmente qualificato e formato in materia di salute sul lavoro. Questi operatori sanitari dovrebbero avere familiarità con le esposizioni sul lavoro, i requisiti fisici e le altre condizioni di lavoro nell'impresa ed essere esperti nell'uso di tecniche e strumenti di esami medici appropriati, nonché nella tenuta di moduli di registrazione corretti.

L'esame sanitario non sostituisce l'azione volta a prevenire o controllare le esposizioni pericolose nell'ambiente di lavoro. Se la prevenzione ha avuto successo, sono necessari meno esami.

Tutti i dati raccolti in relazione agli esami sanitari sono riservati e devono essere registrati dal servizio di medicina del lavoro in un fascicolo sanitario personale riservato. I dati personali relativi agli accertamenti sanitari possono essere comunicati ad altri solo con il consenso informato del lavoratore interessato. Quando il lavoratore desidera che i dati vengano inoltrati ad un medico personale, ne fornisce formale autorizzazione.

Le conclusioni sull'idoneità di un lavoratore per un particolare lavoro o sugli effetti sulla salute del lavoro dovrebbero essere comunicate al datore di lavoro in una forma che non viola il principio della riservatezza dei dati sanitari personali.

L'utilizzo degli esami sanitari e dei loro risultati per qualsiasi tipo di discriminazione nei confronti dei lavoratori non può essere tollerato e deve essere severamente vietato.

Iniziative per misure preventive e di controllo

I servizi di medicina del lavoro sono responsabili non solo dell'identificazione e della valutazione dei rischi potenziali per la salute dei lavoratori, ma anche di fornire consulenza sulle misure preventive e di controllo che aiuteranno ad evitare i rischi.

Dopo aver analizzato i risultati della sorveglianza dell'ambiente di lavoro, compreso, ove necessario, il monitoraggio dell'esposizione personale dei lavoratori, e i risultati della sorveglianza sanitaria dei lavoratori, compresi, ove necessario, i risultati del monitoraggio biologico, i servizi di medicina del lavoro dovrebbero essere in grado di valutare possibili connessioni tra l'esposizione ai rischi professionali e i conseguenti danni alla salute e proporre adeguate misure di controllo per proteggere la salute dei lavoratori. Queste misure sono raccomandate insieme ad altri servizi tecnici dell'impresa dopo aver consultato la direzione dell'impresa, i datori di lavoro, i lavoratori oi loro rappresentanti.

Le misure di controllo dovrebbero essere adeguate per prevenire un'esposizione non necessaria durante le normali condizioni operative, nonché durante gli incidenti e le emergenze. Dovrebbero essere prese in considerazione anche le modifiche pianificate nei processi di lavoro e le raccomandazioni dovrebbero essere adattabili alle esigenze future.

Le misure di controllo dei pericoli per la salute sono utilizzate per eliminare l'esposizione professionale, minimizzarla o comunque ridurla entro i limiti consentiti. Includono principalmente ingegneria, controlli ingegneristici nell'ambiente di lavoro, cambiamenti nella tecnologia, sostanze e materiali e come misure preventive secondarie, controlli del comportamento umano, dispositivi di protezione individuale, controllo integrato e altri.

La formulazione di raccomandazioni per le misure di controllo è un processo complicato che include l'analisi delle informazioni sui rischi per la salute esistenti nell'impresa e la considerazione dei requisiti e delle esigenze di sicurezza e salute sul lavoro. Per l'analisi della fattibilità e dei costi rispetto ai benefici si dovrebbe considerare il fatto che gli investimenti fatti per la salute e la sicurezza potrebbero ripagarsi per lunghi periodi nel futuro, ma non necessariamente immediatamente.

Gli strumenti dell'ILO prevedono l'obbligo per i datori di lavoro, i lavoratori ei loro rappresentanti di cooperare e partecipare all'attuazione di tali raccomandazioni. Di solito sono discussi dal comitato per la sicurezza e la salute delle grandi imprese o, nelle imprese più piccole, dai rappresentanti dei datori di lavoro e dei lavoratori. È importante documentare le raccomandazioni proposte in modo che possa esserci un seguito della loro attuazione. Tale documentazione dovrebbe sottolineare la responsabilità della direzione per le azioni preventive e di controllo all'interno dell'impresa.

Ruolo consultivo

I servizi di medicina del lavoro hanno un compito importante da svolgere fornendo consulenza alla direzione aziendale, ai datori di lavoro, ai lavoratori e ai comitati per la salute e la sicurezza nelle loro capacità collettive e individuali. Questo deve essere riconosciuto e utilizzato nei processi decisionali poiché spesso accade che i professionisti della medicina del lavoro non siano direttamente coinvolti nel processo decisionale.

La Convenzione ILO sui servizi di medicina del lavoro (n. 161) e la Raccomandazione (n. 171) promuovono il ruolo consultivo dei professionisti della medicina del lavoro nelle imprese. Per promuovere l'adattamento del lavoro ai lavoratori e migliorare le condizioni e l'ambiente di lavoro, i servizi di medicina del lavoro dovrebbero fungere da consulenti in materia di salute sul lavoro, igiene, ergonomia, dispositivi di protezione collettiva e individuale per i datori di lavoro, i lavoratori e i loro rappresentanti nell'impresa, e al comitato per la sicurezza e la salute e dovrebbe collaborare con altri servizi che già operano come consulenti in questi campi. Dovrebbero consigliare sulla pianificazione e l'organizzazione del lavoro, la progettazione dei luoghi di lavoro, la scelta, la manutenzione e le condizioni di macchinari e altre attrezzature, nonché sulle sostanze e sui materiali utilizzati nell'impresa. Dovrebbero inoltre partecipare allo sviluppo di programmi per il miglioramento delle pratiche di lavoro, nonché al collaudo e alla valutazione degli aspetti sanitari delle nuove attrezzature.

I servizi di medicina del lavoro dovrebbero fornire ai lavoratori consulenza personale sulla loro salute in relazione al lavoro.

Un altro compito importante è fornire consulenza e informazioni relative all'integrazione dei lavoratori che sono stati vittime di infortuni sul lavoro o malattie al fine di aiutarli nella loro rapida riabilitazione, proteggere la loro capacità lavorativa, ridurre l'assenteismo e ripristinare un buon clima psicosociale nell'impresa .

Le attività educative e formative sono strettamente legate al compito di consulenza che i professionisti della medicina del lavoro svolgono nei confronti dei datori di lavoro e dei lavoratori. Rivestono particolare importanza quando si prevede la modifica di impianti esistenti o l'introduzione di nuove attrezzature, ovvero quando possono verificarsi cambiamenti nella disposizione dei luoghi di lavoro, delle postazioni di lavoro e nell'organizzazione del lavoro. Tali attività hanno un vantaggio se avviate al momento giusto perché prevedono una migliore considerazione dei fattori umani e dei principi ergonomici nel miglioramento delle condizioni di lavoro e dell'ambiente.

I servizi di consulenza tecnica sul luogo di lavoro costituiscono un'importante funzione preventiva dei servizi di medicina del lavoro. Dovrebbero dare priorità alla consapevolezza dei rischi professionali e al coinvolgimento dei datori di lavoro e dei lavoratori nel controllo dei rischi e nel miglioramento dell'ambiente di lavoro.

Servizi di pronto soccorso e preparazione alle emergenze

L'organizzazione del primo soccorso e del trattamento di emergenza è una responsabilità tradizionale dei servizi di medicina del lavoro. La Convenzione ILO n. 161 e la Raccomandazione n. 171 stabiliscono che il servizio di medicina del lavoro dovrebbe fornire il primo soccorso e il trattamento di emergenza in caso di infortunio o indisposizione dei lavoratori sul posto di lavoro e dovrebbe collaborare all'organizzazione del primo soccorso.

Ciò copre la preparazione agli infortuni e alle condizioni di salute acute dei singoli lavoratori, nonché la prontezza alla risposta in collaborazione con altri servizi di emergenza in caso di incidenti gravi che interessano l'intera azienda. La formazione al primo soccorso è un dovere primario dei servizi di medicina del lavoro, e il personale di questi servizi è tra i primi a rispondere.

Il servizio di medicina del lavoro dovrebbe prendere accordi preliminari appropriati per i servizi di ambulanza e con i vigili del fuoco, la polizia e le unità di soccorso e gli ospedali locali al fine di evitare ritardi e confusione che potrebbero minacciare la sopravvivenza dei lavoratori gravemente feriti o colpiti. Queste disposizioni, integrate da esercitazioni quando possibile, sono particolarmente importanti per prepararsi a gravi emergenze come incendi, esplosioni, emissioni tossiche e altre catastrofi che possono coinvolgere molte persone nell'impresa e nel vicinato e possono provocare un numero di vittime .

Medicina del lavoro, servizi generali di medicina preventiva e curativa

I servizi di medicina del lavoro possono essere coinvolti nella diagnosi, nel trattamento e nella riabilitazione di infortuni e malattie professionali. La conoscenza delle malattie professionali e degli infortuni unita alla conoscenza del lavoro, dell'ambiente di lavoro e delle esposizioni professionali presenti sul luogo di lavoro consentono ai professionisti della medicina del lavoro di svolgere un ruolo chiave nella gestione dei problemi di salute correlati al lavoro.

Secondo l'ambito delle attività e come richiesto dalla legislazione nazionale o in base alla prassi nazionale, i servizi di medicina del lavoro rientrano in tre categorie principali:

  • servizi di medicina del lavoro con funzioni essenzialmente preventive, comprendenti principalmente visite sul posto di lavoro, visite mediche e prestazioni di primo soccorso
  • servizi di medicina del lavoro con funzioni preventive integrati da servizi di cura selettivi e di assistenza sanitaria generale
  • servizi di medicina del lavoro con un'ampia gamma di attività che includono sia attività preventive che curative e riabilitative complete.

 

La Raccomandazione dell'ILO sui servizi di medicina del lavoro (n. 171) promuove la fornitura di servizi di assistenza sanitaria curativa e generale come funzioni dei servizi di medicina del lavoro laddove siano ritenuti appropriati. Sulla base della legislazione e della prassi nazionale, il servizio di medicina del lavoro può intraprendere o partecipare a una o più delle seguenti attività curative in relazione alle malattie professionali:

  • trattamento dei lavoratori che non hanno interrotto il lavoro o che hanno ripreso il lavoro dopo un'assenza
  • trattamento dei lavoratori con malattie professionali o danni alla salute aggravati dal lavoro
  • trattamento delle vittime di incidenti e infortuni sul lavoro
  • aspetti medici della rieducazione e riabilitazione professionale.

 

La fornitura di servizi generali di assistenza sanitaria preventiva e curativa comprende la prevenzione e il trattamento delle malattie non professionali e altri servizi sanitari primari pertinenti. Di solito, i servizi generali di assistenza sanitaria preventiva includono vaccinazioni, assistenza alla maternità e all'infanzia, servizi generali di igiene e sanitari, mentre i servizi generali di assistenza sanitaria curativa includono la pratica convenzionale a livello di medico generico. Qui, la Raccomandazione ILO n. 171 prescrive che il servizio di medicina del lavoro possa, tenendo conto dell'organizzazione della medicina preventiva a livello nazionale, svolgere le seguenti funzioni:

  • effettuare vaccinazioni contro i rischi biologici nell'ambiente di lavoro
  • partecipare a campagne finalizzate alla tutela della salute dei lavoratori
  • collaborare con le autorità sanitarie nell'ambito dei programmi di sanità pubblica.

 

I servizi di medicina del lavoro istituiti dalle grandi imprese, così come quelli che operano in aree remote o scarsamente servite dal punto di vista medico, possono essere chiamati a fornire assistenza sanitaria generale non professionale non solo ai lavoratori ma anche alle loro famiglie. L'estensione di tali servizi dipende dall'infrastruttura dei servizi sanitari nella comunità e dalla capacità delle imprese. Quando le imprese industriali sono insediate in aree poco sviluppate, può anche essere opportuno fornire tali servizi insieme all'assistenza sanitaria sul lavoro.

In alcuni paesi, i servizi di medicina del lavoro forniscono cure ambulatoriali durante l'orario di lavoro, normalmente fornite da un medico generico. Si tratta solitamente di semplici forme di cura, oppure può trattarsi di cure mediche più complete se l'impresa ha una convenzione con la previdenza sociale o altri enti assicurativi che prevede il rimborso del costo delle cure dei lavoratori.

Reinserimento

La partecipazione dei servizi di medicina del lavoro è particolarmente cruciale nel guidare la riabilitazione dei lavoratori e il loro ritorno al lavoro. Ciò sta diventando sempre più importante a causa dell'elevato numero di infortuni sul lavoro nei paesi in via di sviluppo e dell'invecchiamento della popolazione attiva nelle società industrializzate. I servizi di riabilitazione sono solitamente forniti da unità esterne che possono essere indipendenti o ospedaliere e composte da specialisti della riabilitazione, terapisti occupazionali, consulenti professionali e così via.

Vi sono alcuni aspetti importanti riguardanti la partecipazione dei servizi di medicina del lavoro alla riabilitazione dei lavoratori infortunati.

In primo luogo, il servizio di medicina del lavoro può svolgere un ruolo importante nel fare in modo che i lavoratori che si stanno riprendendo da un infortunio o da una malattia vengano prontamente indirizzati a loro. È di gran lunga preferibile, quando possibile, che il lavoratore ritorni al suo posto di lavoro originario, ed è una funzione importante del servizio di medicina del lavoro mantenere i contatti durante il periodo di inabilità con i responsabili del trattamento durante le fasi acute al fine di individuare il momento in cui si può prevedere il rientro al lavoro.

In secondo luogo, il servizio di medicina del lavoro può facilitare un ritorno anticipato al lavoro collaborando con l'unità di riabilitazione nella pianificazione. La sua conoscenza del lavoro e dell'ambiente di lavoro sarà utile per esplorare le possibilità di modificare il lavoro originale (ad esempio, cambiamenti nell'assegnazione del lavoro, orari limitati, periodi di riposo, attrezzature speciali e così via) o organizzare un sostituto temporaneo alternativo.

Infine, seguendo i progressi del lavoratore, il servizio di medicina del lavoro può tenere informata la direzione della probabile durata dell'assenza o della capacità limitata, o dell'entità dell'eventuale invalidità residua, in modo da predisporre l'assunzione di personale alternativo con un impatto minimo sui programmi di produzione. Il servizio di medicina del lavoro, invece, mantiene un legame con i lavoratori e spesso con le loro famiglie, facilitando e preparando al meglio il loro rientro al lavoro.

Adattamento del lavoro ai lavoratori

Per facilitare l'adattamento del lavoro ai lavoratori e migliorare le condizioni e l'ambiente di lavoro, i servizi di medicina del lavoro dovrebbero consigliare il datore di lavoro, i lavoratori e il comitato per la sicurezza e la salute dell'impresa in materia di salute e igiene del lavoro ed ergonomia. Le raccomandazioni possono includere modifiche del lavoro, delle attrezzature e dell'ambiente di lavoro che consentiranno al lavoratore di lavorare in modo efficace e sicuro. Ciò può comportare la riduzione del carico di lavoro fisico per un lavoratore anziano, la fornitura di attrezzature speciali per i lavoratori con disabilità sensoriali o locomotorie o l'adattamento di attrezzature o pratiche di lavoro alle dimensioni antropometriche del lavoratore. Gli adattamenti possono essere richiesti temporaneamente nel caso di lavoratori che si stanno riprendendo da un infortunio o da una malattia. Un certo numero di paesi ha disposizioni legali che richiedono adattamenti sul posto di lavoro.

Protezione dei gruppi vulnerabili

Il servizio di medicina del lavoro è responsabile delle raccomandazioni che proteggeranno i gruppi vulnerabili di lavoratori, come quelli con ipersensibilità o malattie croniche e quelli con determinate disabilità. Ciò può includere la selezione di un lavoro che riduca al minimo gli effetti negativi, la fornitura di attrezzature speciali o dispositivi di protezione, la prescrizione di un congedo per malattia e così via. Le raccomandazioni devono essere realizzabili alla luce delle circostanze in un particolare luogo di lavoro e ai lavoratori può essere richiesto di seguire una formazione specifica sulle pratiche di lavoro appropriate e sull'uso di dispositivi di protezione individuale.

Informazione, educazione e formazione

I servizi di medicina del lavoro dovrebbero svolgere un ruolo attivo nel fornire informazioni pertinenti e organizzare l'istruzione e la formazione in relazione al lavoro.

La Convenzione (n. 161) e la Raccomandazione (n. 171) dei servizi di medicina del lavoro dell'ILO prevedono la partecipazione dei servizi di medicina del lavoro alla progettazione e all'attuazione di programmi di informazione, istruzione e formazione nel campo della sicurezza e della salute sul lavoro per il personale delle impresa. Dovrebbero partecipare alla formazione progressiva e continua di tutti i lavoratori dell'impresa che contribuiscono alla sicurezza e alla salute sul lavoro.

I professionisti della medicina del lavoro possono contribuire ad aumentare la consapevolezza dei lavoratori sui rischi professionali a cui sono esposti, discutere con loro dei rischi per la salute esistenti e consigliare i lavoratori sulla protezione della loro salute, comprese le misure di protezione e l'uso corretto dei dispositivi di protezione individuale. Ogni contatto con i lavoratori offre l'occasione per fornire informazioni utili e incoraggiare comportamenti salutari sul posto di lavoro.

I servizi di medicina del lavoro dovrebbero fornire tutte le informazioni sui rischi professionali presenti nell'impresa nonché sugli standard di sicurezza e salute pertinenti alla situazione locale. Queste informazioni dovrebbero essere scritte in un linguaggio comprensibile dai lavoratori. Dovrebbe essere fornito su base periodica e soprattutto quando vengono introdotte nuove sostanze o attrezzature o vengono apportate modifiche all'ambiente di lavoro.

L'istruzione e la formazione possono svolgere un ruolo chiave nel miglioramento delle condizioni di lavoro e dell'ambiente. Gli sforzi per migliorare la sicurezza, la salute e il benessere sul lavoro sono spesso sostanzialmente limitati a causa della mancanza di consapevolezza, competenza tecnica e know-how. L'istruzione e la formazione in settori specifici della sicurezza e della salute sul lavoro e delle condizioni di lavoro possono facilitare sia la diagnosi dei problemi che l'attuazione delle soluzioni e possono quindi aiutare a superare questi limiti.

Le Convenzioni ILO n. 155 e 161 e le relative Raccomandazioni sottolineano il ruolo chiave dell'istruzione e della formazione nell'impresa. La formazione è essenziale per adempiere agli obblighi sia dei datori di lavoro che dei lavoratori. I datori di lavoro sono responsabili dell'organizzazione della formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro all'interno dello stabilimento, ei lavoratori ei loro rappresentanti nell'impresa dovrebbero cooperare pienamente con loro a tale riguardo.

La formazione in materia di sicurezza e salute sul lavoro dovrebbe essere organizzata come parte integrante degli sforzi generali per migliorare le condizioni di lavoro e l'ambiente, ei servizi di medicina del lavoro dovrebbero svolgere un ruolo importante a tale riguardo. Dovrebbe mirare a risolvere vari problemi che incidono sul benessere fisico e mentale dei lavoratori e dovrebbe riguardare l'adattamento alla tecnologia e alle attrezzature, il miglioramento dell'ambiente di lavoro, l'ergonomia, l'organizzazione dell'orario di lavoro, l'organizzazione del lavoro, il contenuto del lavoro e il benessere dei lavoratori.

Attività di promozione della salute

C'è una certa tendenza, in particolare in Nord America, a incorporare attività di promozione del benessere sotto forma di programmi di salute sul lavoro. Questi programmi sono, tuttavia, essenzialmente programmi generali di promozione della salute che possono includere elementi come l'educazione alla salute, la gestione dello stress e la valutazione dei rischi per la salute. Di solito mirano a modificare le pratiche di salute personale come l'abuso di alcol e droghe, il fumo, la dieta e l'esercizio fisico, al fine di migliorare lo stato di salute generale e ridurre l'assenteismo. Sebbene tali programmi dovrebbero migliorare la produttività e ridurre i costi dell'assistenza sanitaria, finora non sono stati adeguatamente valutati. Questi programmi, concepiti come programmi di promozione della salute, sebbene validi in quanto tali, non sono generalmente considerati programmi di salute sul lavoro, ma servizi di sanità pubblica erogati sul posto di lavoro, poiché concentrano l'attenzione e le risorse sulle abitudini di salute personale piuttosto che sulla protezione dei lavoratori contro i pericoli.

Va riconosciuto che l'attuazione di programmi di promozione della salute è un fattore importante che contribuisce al miglioramento della salute dei lavoratori nell'impresa. In alcuni paesi, la "promozione della salute sul posto di lavoro" è considerata una disciplina a sé stante ed è svolta da gruppi completamente indipendenti di operatori sanitari diversi dai professionisti della medicina del lavoro. In questo caso, le loro attività dovrebbero essere coordinate con le attività del servizio di medicina del lavoro, il cui personale può garantirne la pertinenza, la fattibilità e l'effetto sostenibile. La partecipazione dei servizi di medicina del lavoro alla realizzazione di programmi di promozione della salute non dovrebbe limitare l'esercizio delle loro funzioni principali in quanto servizi sanitari specializzati creati per proteggere i lavoratori da esposizioni dannose e condizioni di lavoro non salutari sul posto di lavoro.

Uno sviluppo molto recente in alcuni paesi (ad esempio, Paesi Bassi, Finlandia) è l'istituzione di attività di promozione della salute sul lavoro all'interno dei servizi di medicina del lavoro. Tali attività mirano alla promozione e al mantenimento della capacità lavorativa dei lavoratori mirando ad azioni di prevenzione e promozione precoce dei lavoratori e della loro salute, dell'ambiente di lavoro e dell'organizzazione del lavoro. I risultati di tali attività sono molto positivi.

Raccolta dati e registrazione

È importante che tutti i contatti medici, le valutazioni, le valutazioni e i sondaggi siano adeguatamente documentati e che le registrazioni siano archiviate in modo sicuro in modo che, se necessario per esami sanitari di follow-up, scopi legali o di ricerca, possano essere recuperati anni e persino decenni dopo.

La Raccomandazione dell'ILO sui servizi di medicina del lavoro (n. 171) prevede che i servizi di medicina del lavoro registrino i dati sulla salute dei lavoratori in archivi personali riservati. Questi file dovrebbero anche contenere informazioni sui posti di lavoro svolti dai lavoratori, sull'esposizione ai rischi professionali connessi al loro lavoro e sui risultati di qualsiasi valutazione dell'esposizione dei lavoratori a tali rischi. I dati personali relativi agli accertamenti sanitari possono essere comunicati ad altri solo con il consenso informato del lavoratore interessato.

Le condizioni e il tempo durante il quale le registrazioni contenenti i dati sanitari dei lavoratori devono essere conservate, comunicate o trasferite, e le misure necessarie per mantenerle riservate, specialmente quando questi dati sono informatizzati, sono solitamente prescritte da leggi o regolamenti nazionali o dall'autorità competente autorità e governato da linee guida etiche riconosciute.

Ricerca

Secondo la Raccomandazione sui servizi di medicina del lavoro dell'ILO (n. 171), i servizi di medicina del lavoro, in consultazione con i rappresentanti dei datori di lavoro e dei lavoratori, dovrebbero contribuire alla ricerca nei limiti delle loro risorse partecipando a studi nell'impresa o nelle pertinenti ramo di attività economica (ad esempio, per raccogliere dati a fini epidemiologici o partecipare a programmi di ricerca nazionali). I medici del lavoro coinvolti nella realizzazione di progetti di ricerca saranno pertanto vincolati dalle considerazioni etiche applicate a tali progetti dalla World Medical Association (WMA) e dal Council for International Organizations of Medical Sciences (CIOMS). La ricerca nell'ambiente di lavoro può coinvolgere “volontari” sani e il servizio di medicina del lavoro dovrebbe informarli pienamente sullo scopo e sulla natura della ricerca. Ogni partecipante deve dare il proprio consenso individuale alla partecipazione al progetto. Il consenso collettivo fornito dal sindacato dei lavoratori nell'impresa non è sufficiente. I lavoratori devono sentirsi liberi di ritirarsi dall'indagine in qualsiasi momento e il servizio di medicina del lavoro dovrebbe essere responsabile del fatto che non saranno sottoposti a indebite pressioni per rimanere all'interno del progetto contro la loro volontà.

Relazioni e comunicazioni

Un servizio di medicina del lavoro di successo è necessariamente coinvolto in comunicazioni di vario tipo.

Collaborazione interna

Il servizio di medicina del lavoro è parte integrante dell'apparato produttivo dell'impresa. Deve coordinare strettamente le sue attività con l'igiene del lavoro, la sicurezza sul lavoro, l'educazione sanitaria e la promozione della salute e altri servizi direttamente connessi alla salute dei lavoratori, quando questi operano separatamente. Inoltre, deve collaborare con tutti i servizi del funzionamento dell'impresa: amministrazione del personale, finanza, rapporti con i dipendenti, pianificazione e progettazione, ingegneria di produzione, manutenzione degli impianti e così via. Non dovrebbero esserci ostacoli nel raggiungere qualsiasi dipartimento dell'azienda quando sono coinvolte questioni di salute e sicurezza dei lavoratori. Allo stesso tempo, il servizio di medicina del lavoro dovrebbe essere sensibile ai bisogni e sensibile ai vincoli di tutti gli altri dipartimenti. E, se non riporta ad un dirigente di grado più alto, deve avere il privilegio di accedere direttamente al top management nei casi in cui le raccomandazioni importanti relative alla salute dei lavoratori sono negate nella dovuta considerazione.

Per funzionare efficacemente, il servizio di medicina del lavoro ha bisogno del supporto della direzione aziendale, del datore di lavoro, dei lavoratori e dei loro rappresentanti. Gli strumenti dell'ILO (ILO 1981a, 1981b, 1985a, 1985b) richiedono che il datore di lavoro ei lavoratori collaborino e partecipino all'attuazione delle misure organizzative e di altro tipo relative ai servizi di medicina del lavoro su base equa.

Il datore di lavoro dovrebbe collaborare con il servizio di medicina del lavoro per il raggiungimento dei suoi obiettivi in ​​particolare:

  • fornire informazioni generali sulla salute e la sicurezza sul lavoro nell'impresa
  • fornire informazioni su eventuali fattori noti o sospetti che potrebbero influire sulla salute dei lavoratori
  • dotare il servizio di medicina del lavoro di risorse adeguate in termini di strutture, attrezzature e forniture e di personale qualificato
  • fornire l'autorità appropriata per consentire al servizio di medicina del lavoro di svolgere le sue funzioni
  • consentire il libero accesso a tutte le parti e strutture dell'impresa (compresi impianti separati e unità sul campo) e fornire informazioni sui piani per i cambiamenti nelle attrezzature e nelle forniture di produzione, nonché sui processi di lavoro e sull'organizzazione del lavoro, in modo che possano essere prese misure preventive prima che i lavoratori siano esposti a potenziali pericoli
  • tenendo tempestivamente conto delle eventuali raccomandazioni formulate dal servizio di medicina del lavoro per il controllo dei rischi professionali e la tutela della salute dei lavoratori, e assicurandone l'attuazione
  • salvaguardare l'autonomia professionale dei professionisti della medicina del lavoro, incoraggiando e, ove possibile, sovvenzionando la loro formazione continua.

 

Laddove è richiesto un programma speciale a livello aziendale per le attività di medicina del lavoro, la collaborazione tra il datore di lavoro e il servizio di medicina del lavoro è fondamentale nella preparazione di tale programma e del rapporto di attività.

I servizi di medicina del lavoro sono istituiti per proteggere e promuovere la salute dei lavoratori prevenendo gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. Molte funzioni dei servizi di medicina del lavoro non possono essere svolte senza la cooperazione con i lavoratori. Secondo gli strumenti dell'ILO, i lavoratori e le loro organizzazioni dovrebbero cooperare con i servizi di medicina del lavoro e fornire supporto a questi servizi nell'esecuzione dei loro doveri (ILO, 1981a, 1981b, 1985a, 1985b). I lavoratori dovrebbero cooperare con i servizi di medicina del lavoro in particolare:

  • informare il servizio di medicina del lavoro su eventuali fattori noti o sospetti nel lavoro e nell'ambiente di lavoro che potrebbero avere effetti negativi sulla loro salute
  • assistere il personale di medicina del lavoro nello svolgimento delle proprie mansioni sul posto di lavoro
  • partecipare a esami sanitari, sondaggi e altre attività condotte dal servizio di medicina del lavoro
  • rispettando le norme e i regolamenti in materia di salute e sicurezza
  • mantenere le attrezzature di sicurezza e i dispositivi di protezione individuale, nonché le forniture di pronto soccorso e le attrezzature di emergenza e imparare a usarle correttamente
  • partecipazione ad esercitazioni di educazione alla salute e alla sicurezza nei luoghi di lavoro
  • riferire sull'efficacia delle misure di sicurezza e salute sul lavoro
  • partecipare all'organizzazione, pianificazione, attuazione e valutazione delle attività dei servizi di medicina del lavoro.

 

Gli strumenti dell'ILO raccomandano la collaborazione tra datori di lavoro e lavoratori in materia di sicurezza e salute sul lavoro (ILO 1981a,1981b,1985a,1985b). Tale collaborazione si esplica nel Comitato per la sicurezza e la salute sul lavoro delle imprese, che comprende i rappresentanti dei lavoratori e del datore di lavoro e costituisce un forum per la discussione delle questioni relative alla salute e sicurezza sul lavoro. L'istituzione di tale comitato può essere prescritta dalla legislazione o dai contratti collettivi nelle imprese con 50 o più lavoratori. Nelle imprese più piccole, le sue funzioni sono destinate ad essere espletate da discussioni meno formali tra i delegati dei lavoratori alla sicurezza e il datore di lavoro.

Il comitato ha un'ampia gamma di funzioni (ILO 1981b) che possono includere:

  • partecipare alle decisioni riguardanti l'istituzione, l'organizzazione, il personale e il funzionamento del servizio di medicina del lavoro
  • contribuire al programma di salute e sicurezza sul lavoro dell'impresa
  • fornire supporto al servizio di medicina del lavoro nell'espletamento delle sue funzioni
  • partecipando alla valutazione delle attività del servizio di medicina del lavoro e contribuendo alla redazione dei relativi rapporti presentati agli enti sovvenzionanti, alla direzione aziendale e alle autorità esterne
  • facilitare la comunicazione di informazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro tra i diversi servizi dell'impresa
  • fornire un forum per discussioni e decisioni su azioni di collaborazione nell'impresa in materia di sicurezza e salute sul lavoro
  • valutare lo stato generale della salute e sicurezza sul lavoro in azienda.

 

Il principio della partecipazione dei lavoratori alle decisioni riguardanti la propria salute e sicurezza, sui cambiamenti nei posti di lavoro e negli ambienti di lavoro e sulle attività di sicurezza e salute è sottolineato nelle recenti linee guida sulla pratica della salute sul lavoro. Richiede inoltre che i lavoratori abbiano accesso alle informazioni sulle attività dell'impresa in materia di sicurezza e salute sul lavoro e su qualsiasi potenziale pericolo per la salute che possono incontrare sul posto di lavoro. Di conseguenza, il principio del "diritto alla conoscenza" e i principi di trasparenza sono stati stabiliti o rafforzati dalla legislazione in molti paesi.

Collaborazione esterna

I servizi di medicina del lavoro dovrebbero stabilire stretti rapporti con i servizi e le istituzioni esterne. In primis i rapporti con il sistema sanitario pubblico del Paese nel suo complesso e con le istituzioni e le strutture delle comunità locali. Questo inizia a livello delle unità di assistenza sanitaria primaria e si estende al livello dei servizi specialistici ospedalieri, alcuni dei quali possono anche fornire servizi di medicina del lavoro. Tali relazioni sono importanti quando è necessario indirizzare i lavoratori a servizi sanitari specializzati per un'adeguata valutazione e trattamento degli infortuni e delle malattie professionali, e anche per fornire opportunità per mitigare i possibili effetti negativi dei problemi di salute non professionali sulla frequenza e sulle prestazioni lavorative. La collaborazione con la sanità pubblica e con i servizi di salute ambientale è importante. Invitare i medici di medicina generale e altri operatori sanitari a visitare il servizio di medicina del lavoro e familiarizzare con le esigenze poste ai loro pazienti dalle professioni o dai rischi a cui sono esposti non solo aiuterà a stabilire relazioni amichevoli, ma fornirà anche un'opportunità per sensibilizzarli ai dettagli dei problemi di salute sul lavoro che normalmente verrebbero ignorati nel loro trattamento dei lavoratori per i quali forniscono servizi di assistenza sanitaria generale.

Gli istituti di riabilitazione sono un frequente partner di collaborazione, in particolare nel caso di lavoratori con handicap o disabilità croniche che possono richiedere sforzi speciali per migliorare e mantenere le loro capacità lavorative. Tale collaborazione è particolarmente importante nel raccomandare modifiche temporanee del lavoro che accelereranno e faciliteranno il ritorno al lavoro di persone che si stanno riprendendo da gravi infortuni o malattie, con eziologia professionale o extraprofessionale.

Le organizzazioni di risposta alle emergenze e i fornitori di primo soccorso come i servizi di ambulanza, le cliniche ambulatoriali e di emergenza ospedaliere, i centri antiveleni, la polizia e i vigili del fuoco e le organizzazioni di soccorso civico possono garantire il trattamento rapido di lesioni acute e malattie e assistere nella pianificazione e nella risposta a gravi emergenze.

Collegamenti adeguati con gli enti previdenziali e di assicurazione sanitaria possono facilitare la gestione delle prestazioni e il funzionamento del sistema di compensazione dei lavoratori.

Le autorità competenti in materia di sicurezza e salute e gli ispettorati del lavoro sono partner collaborativi fondamentali per i servizi di medicina del lavoro. Oltre ad accelerare le ispezioni formali, rapporti appropriati possono fornire supporto per le attività interne di salute e sicurezza sul lavoro e offrire opportunità di input alla formulazione di regolamenti e metodi di applicazione.

La partecipazione ad associazioni professionali e alle attività degli istituti di istruzione/formazione e delle università è preziosa per predisporre la formazione continua del personale professionale. Idealmente, il tempo e le spese dovrebbero essere sovvenzionati dall'impresa. Inoltre, i contatti collegiali con i professionisti della medicina del lavoro al servizio di altre imprese possono fornire informazioni e approfondimenti strategici e possono portare a partenariati per la raccolta e la ricerca di dati significativi.

I tipi di collaborazione sopra descritti dovrebbero essere avviati fin dall'inizio del funzionamento del servizio di medicina del lavoro ed essere continuati e ampliati a seconda dei casi. Possono non solo facilitare il raggiungimento degli obiettivi del servizio di medicina del lavoro, ma possono anche contribuire alla comunità e agli sforzi di pubbliche relazioni dell'impresa.

Infrastrutture per i Servizi di Medicina del Lavoro

Le infrastrutture per la fornitura di servizi di medicina del lavoro non sono sufficientemente sviluppate nella maggior parte del mondo, compresi i paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo. La necessità di servizi di medicina del lavoro è particolarmente sentita nei paesi in via di sviluppo e di nuova industrializzazione, che ospitano otto lavoratori su dieci nel mondo. Se organizzati in modo appropriato ed efficace, tali servizi contribuirebbero in modo significativo non solo alla salute dei lavoratori, ma anche allo sviluppo socio-economico generale, alla produttività, alla salute ambientale e al benessere di paesi, comunità e famiglie (OMS 1995b; Jeyaratnam e Chia 1994). Efficaci servizi di medicina del lavoro possono non solo ridurre l'assenteismo per malattia evitabile e l'inabilità al lavoro, ma anche aiutare a controllare i costi dell'assistenza sanitaria e della previdenza sociale. Pertanto, lo sviluppo dei servizi di medicina del lavoro che coprono tutti i lavoratori è pienamente giustificato per quanto riguarda sia la salute dei lavoratori che l'economia.

Le infrastrutture per la fornitura di servizi di medicina del lavoro dovrebbero consentire l'attuazione efficace delle attività necessarie per raggiungere gli obiettivi della salute sul lavoro (OIL 1985a, 1985b; Rantanen, Lehtinen e Mikheev 1994; WHO 1989b). Per consentire la necessaria flessibilità, l'articolo 7 della Convenzione ILO n. 161 prevede che i servizi di medicina del lavoro possano essere organizzati come servizio per un'unica impresa o come servizio comune a più imprese. Oppure, in conformità con le condizioni e la prassi nazionale, i servizi di medicina del lavoro possono essere organizzati dalle imprese o dai gruppi di imprese interessati, dalle autorità pubbliche o dai servizi ufficiali, dagli enti previdenziali, da qualsiasi altro organismo autorizzato dall'autorità competente o da una combinazione dei suddetti .

Alcuni paesi hanno regolamenti che mettono in relazione l'organizzazione dei servizi di medicina del lavoro con le dimensioni dell'impresa. Ad esempio, le imprese più grandi devono istituire un proprio servizio interno di medicina del lavoro mentre le imprese di medie e piccole dimensioni devono aderire ai servizi di gruppo. Di norma, la legislazione consente flessibilità nella scelta dei modelli strutturali dei servizi di medicina del lavoro al fine di soddisfare le condizioni e le pratiche locali.

Modelli di servizi di medicina del lavoro

Per soddisfare le esigenze di salute sul lavoro delle imprese che variano ampiamente rispetto al tipo di industria, dimensione, tipo di attività, struttura e così via, sono stati sviluppati diversi modelli di servizi di salute sul lavoro (Rantanen, Lehtinen e Mikheev 1994; OMS 1989). Nei paesi in via di sviluppo e di nuova industrializzazione, ad esempio, dove l'assistenza sanitaria per la popolazione in generale può essere carente, il servizio di medicina del lavoro può fornire assistenza sanitaria primaria non professionale anche ai dipendenti e alle loro famiglie. Ciò è stato implementato con successo anche in Finlandia, Svezia e Italia (Rantanen 1990; OMS 1990). D'altro canto, l'elevato livello di copertura dei lavoratori in Finlandia è stato reso possibile dall'organizzazione di centri sanitari comunali (unità PHC) che forniscono servizi di medicina del lavoro per i lavoratori delle piccole imprese, i lavoratori autonomi e persino i piccoli cantieri gestiti da grandi imprese che sono sparsi in tutto il paese.

Modello in-plant (in azienda).

Molte grandi imprese industriali e non industriali, sia nel settore privato che in quello pubblico, dispongono di un servizio integrato e completo di medicina del lavoro presso le loro sedi che non solo fornisce una gamma completa di servizi di medicina del lavoro, ma può anche fornire servizi di medicina del lavoro non professionale ai lavoratori e le loro famiglie e possono svolgere ricerche. Queste unità di solito hanno personale multidisciplinare che può includere non solo medici e infermieri del lavoro, ma anche igienisti del lavoro, ergonomi, tossicologi, fisiologi del lavoro, tecnici di laboratorio e radiologici, e possibilmente fisioterapisti, assistenti sociali, educatori sanitari, consulenti e psicologi del lavoro. I servizi di igiene e sicurezza sul lavoro possono essere forniti dal personale del servizio di medicina del lavoro o da unità separate dell'impresa. Tali unità multidisciplinari sono generalmente offerte solo da grandi imprese (spesso multinazionali) e la loro qualità dei servizi e l'impatto sulla salute e sulla sicurezza sono molto convincenti.

Le imprese più piccole possono avere un'unità interna che è composta da uno o più infermieri di medicina del lavoro e un medico del lavoro part-time che visita l'unità per diverse ore al giorno o più volte alla settimana. Una variante è l'unità presidiata da uno o più infermieri di medicina del lavoro con un medico "di guardia" che visita l'unità solo su convocazione e di solito fornisce "ordini permanenti" che autorizzano l'infermiere ad eseguire procedure e dispensare farmaci che sono normalmente prerogativa solo di medici abilitati. In alcuni casi negli Stati Uniti e in Inghilterra, queste unità sono gestite e supervisionate da un appaltatore esterno come un ospedale locale o un'organizzazione imprenditoriale privata.

Per vari motivi, il personale di medicina del lavoro può a volte essere sempre più separato dalla struttura operativa centrale dell'impresa e, di conseguenza, la gamma di servizi che fornisce tende a ridursi al pronto soccorso e al trattamento di infortuni e malattie professionali acute e l'esecuzione di visite mediche di routine. I medici a tempo parziale e in particolare i medici di guardia spesso non acquisiscono la necessaria familiarità con i dettagli del tipo di lavoro svolto o dell'ambiente di lavoro e potrebbero non avere contatti sufficienti con i dirigenti e il comitato per la sicurezza o non avere l'autorità sufficiente per raccomandare adeguate misure preventive.

Nell'ambito delle riduzioni della forza lavoro osservate in tempi di recessione, alcune grandi imprese stanno riducendo i loro servizi di medicina del lavoro e, in alcuni casi, li stanno eliminando del tutto. Quest'ultimo può verificarsi quando un'impresa con un servizio di medicina del lavoro istituito viene acquisita da un'impresa che non lo aveva mantenuto. In tali casi, l'impresa può stipulare contratti con risorse esterne per gestire la struttura interna e assumere consulenti su base ad hoc per fornire servizi specializzati come igiene del lavoro, tossicologia e ingegneria della sicurezza. Alcune imprese scelgono di mantenere un esperto in salute sul lavoro e ambientale come direttore o manager medico interno per coordinare i servizi dei fornitori esterni, monitorare le loro prestazioni e fornire consulenza al top management su questioni relative alla salute e sicurezza dei dipendenti e preoccupazioni ambientali.

Modello di gruppo o interaziendale

La condivisione dei servizi di medicina del lavoro da parte di gruppi di piccole o medie imprese è stata ampiamente utilizzata in paesi industrializzati come Svezia, Norvegia, Finlandia, Danimarca, Paesi Bassi, Francia e Belgio. Ciò consente alle imprese che individualmente sono troppo piccole per avere i propri servizi, di godere dei vantaggi di un servizio completo ben attrezzato e ben attrezzato. Lo Slough Plan, organizzato alcuni decenni fa in una comunità industriale in Inghilterra, ha aperto la strada a questo tipo di accordo. Negli anni '1980, interessanti esperimenti con i centri regionali di medicina del lavoro organizzati in Svezia si sono rivelati fattibili e particolarmente utili per le medie imprese, e alcuni paesi, come la Danimarca, si sono sforzati di aumentare la dimensione delle unità condivise per consentire loro fornire una gamma più ampia di servizi invece di suddividerli in unità monodisciplinari più piccole.

Uno svantaggio frequente del modello di gruppo rispetto al modello in-plant delle imprese più grandi è la distanza tra il cantiere e il servizio di medicina del lavoro. Questo è importante non solo nei casi che richiedono il primo soccorso per lesioni più gravi (a volte è più prudente inviare tali casi direttamente a un ospedale locale, scavalcando l'unità di medicina del lavoro) ma perché di solito si perde più tempo quando i lavoratori sono costretti ad allontanarsi i locali quando si richiedono prestazioni sanitarie durante l'orario di lavoro. Un altro problema sorge quando le imprese partecipanti non sono in grado di apportare fondi sufficienti per sostenere l'unità che è costretta a chiudere quando non sono più disponibili i contributi statali o di fondazioni private che ne hanno sovvenzionato l'avvio.

Modello orientato al settore (specifico del settore).

Una variante del modello di gruppo è l'utilizzo congiunto di un servizio di medicina del lavoro da parte di più imprese della stessa industria, commercio o attività economica. L'edilizia, l'alimentazione, l'agricoltura, le banche e le assicurazioni sono esempi di settori che hanno stipulato tali accordi in Europa; tali modelli si trovano in Svezia, Paesi Bassi e Francia. Il vantaggio di questo modello è l'opportunità per il servizio di medicina del lavoro di concentrarsi su un particolare settore e accumulare competenze speciali nell'affrontare i suoi problemi. Un tale modello per l'industria delle costruzioni in Svezia fornisce servizi sofisticati, di alta qualità e multidisciplinari per l'intero paese ed è stato in grado di condurre ricerche e sviluppare programmi che affrontano problemi specifici di tale industria.

Ambulatori ospedalieri

Gli ambulatori ospedalieri e i pronto soccorso hanno tradizionalmente fornito servizi a lavoratori feriti o malati che cercano assistenza. Uno svantaggio notevole è la scarsa dimestichezza con le malattie professionali da parte del personale abituale e dei medici curanti. In alcuni casi, come notato sopra, i servizi di medicina del lavoro hanno stipulato accordi con gli ospedali locali per fornire determinati servizi specializzati e colmare il divario collaborando nella cura o istruendo il personale ospedaliero sui tipi di casi che possono essere indirizzati a loro.

Più di recente, gli ospedali hanno iniziato a gestire speciali cliniche o servizi di medicina del lavoro che sono paragonati favorevolmente ai grandi servizi interni o di gruppo sopra descritti. Sono composti da medici specializzati in medicina del lavoro che possono anche condurre ricerche sui tipi di problemi che vedono. In Svezia, ad esempio, ci sono otto cliniche regionali di medicina del lavoro, molte delle quali sono affiliate a un'università oa una facoltà di medicina, ciascuna delle quali fornisce servizi alle imprese in diverse comunità. Molti hanno un'unità speciale per servire le piccole imprese.

Una differenza significativa tra i servizi di gruppo e l'attività ospedaliera è che nel primo caso le imprese partecipanti di solito condividono la proprietà del servizio di medicina del lavoro e hanno l'autorità decisionale sul suo funzionamento, mentre il secondo opera come un policlinico privato o pubblico che ha un rapporto fornitore-cliente con le imprese committenti. Ciò limita, ad esempio, la misura in cui la partecipazione e la collaborazione tra datori di lavoro e lavoratori possono influenzare il funzionamento dell'unità.

Centri sanitari privati

Il modello di centro sanitario privato è un'unità solitamente organizzata da un gruppo di medici (può essere organizzato da un'organizzazione imprenditoriale privata che impiega i medici) per fornire diversi tipi di servizi sanitari ambulatoriali e talvolta anche ospedalieri. I centri più grandi hanno spesso uno staff multidisciplinare e possono offrire servizi di igiene del lavoro e fisioterapia, mentre le unità più piccole forniscono solitamente solo servizi medici. Come nel modello della clinica ospedaliera, il rapporto fornitore-cliente con le imprese partecipanti può ostacolare l'attuazione del principio del coinvolgimento del datore di lavoro e del lavoratore nella formulazione di politiche e procedure.

In alcuni paesi, i centri sanitari privati ​​sono stati criticati per essere troppo orientati ai servizi clinici curativi forniti dai medici. Tale critica è giustificata nel caso di centri più piccoli in cui i servizi sono forniti da medici generici invece che da operatori sanitari esperti nella pratica della medicina del lavoro.

Unità di assistenza sanitaria primaria

Le unità di assistenza sanitaria di base sono generalmente organizzate dalle autorità municipali o da altre autorità locali o dal servizio sanitario nazionale e di solito forniscono sia servizi di prevenzione che assistenza sanitaria di base. Questo è il modello fortemente raccomandato dall'OMS come mezzo per fornire servizi alle piccole imprese e, in particolare, alle imprese agricole, al settore informale e ai lavoratori autonomi. Poiché i medici generici e gli infermieri di solito mancano di specializzazione ed esperienza in medicina del lavoro, il successo di questo modello dipende in modo critico da quanta formazione in medicina del lavoro e medicina del lavoro può essere organizzata per gli operatori sanitari.

Un vantaggio di questo modello è la sua buona copertura del paese e la sua posizione nelle comunità in cui le persone che serve lavorano e vivono. Questo è un vantaggio particolare al servizio dei lavoratori agricoli e dei lavoratori autonomi.

Un punto debole è la sua concentrazione sui servizi sanitari curativi generali e sul trattamento delle emergenze con solo una capacità limitata di effettuare la sorveglianza dell'ambiente di lavoro e di istituire misure preventive necessarie sul posto di lavoro. L'esperienza in Finlandia, dove grandi unità di assistenza sanitaria di base impiegano team di specialisti qualificati per fornire servizi di medicina del lavoro, è, tuttavia, molto positiva. Interessanti nuovi modelli per la fornitura di servizi di medicina del lavoro da parte delle unità di assistenza sanitaria primaria sono stati sperimentati nell'area cinese di Shanghai.

Modello previdenziale

In Israele, Messico, Spagna e alcuni paesi africani, ad esempio, i servizi di medicina del lavoro sono forniti da unità speciali organizzate e gestite dal sistema di sicurezza sociale. In Israele, questo modello è sostanzialmente simile nella struttura e nel funzionamento al modello di gruppo, mentre altrove è solitamente più orientato all'assistenza sanitaria curativa. La particolarità di questo modello è che è gestito dall'ente preposto all'indennizzo dei lavoratori per gli infortuni e le malattie professionali. Mentre vengono forniti servizi curativi e riabilitativi, l'enfasi sul controllo dei costi della sicurezza sociale ha portato a dare priorità ai servizi di prevenzione.

Selezione di un modello per i servizi di medicina del lavoro

La decisione primaria di disporre o meno di un servizio di medicina del lavoro può essere determinata dalla legge, da un contratto di gestione del lavoro o dalle preoccupazioni della direzione in merito alla salute e alla sicurezza dei dipendenti. Mentre molte imprese sono motivate verso una decisione positiva dalla consapevolezza del valore di un servizio di medicina del lavoro per mantenere il proprio apparato produttivo, altre sono spinte da considerazioni economiche come il controllo dei costi delle prestazioni di compensazione dei lavoratori, l'assenteismo per malattia evitabile e l'invalidità, il prepensionamento per motivi di salute, sanzioni regolamentari, contenziosi e così via.

Il modello per la fornitura di servizi di medicina del lavoro può essere dettato da leggi o regolamenti che possono essere generali o applicabili solo a determinati settori. Questo è generalmente il caso del modello previdenziale, in cui le imprese clienti non hanno altra scelta.

Nella maggior parte dei casi, il modello selezionato è determinato da fattori quali la dimensione della forza lavoro e le sue caratteristiche demografiche, i tipi di lavoro che svolgono e i rischi sul posto di lavoro che incontrano, l'ubicazione del/i sito/i di lavoro, il tipo e la qualità dei servizi sanitari disponibili nella comunità e, cosa forse più importante, la ricchezza dell'impresa e la sua capacità di fornire il necessario sostegno finanziario. A volte, un'impresa lancerà un'unità minima e allargherà ed espanderà le sue attività man mano che dimostra il suo valore e guadagna l'accettazione dei lavoratori. Finora sono stati condotti solo pochi studi comparativi sul funzionamento di vari modelli di servizi di medicina del lavoro in diverse situazioni.

Servizi di igiene del lavoro

Strumenti e linee guida internazionali raccomandano fortemente l'inclusione dei servizi di igiene del lavoro nel servizio multidisciplinare di medicina del lavoro. In alcuni paesi, tuttavia, l'igiene del lavoro è tradizionalmente svolta come attività separata e indipendente. In tali circostanze, è necessaria la collaborazione con altri servizi coinvolti nelle attività di sicurezza e salute sul lavoro.

Servizi di sicurezza

I servizi di sicurezza sono tradizionalmente svolti come attività separata da addetti alla sicurezza o ingegneri della sicurezza che sono dipendenti dell'impresa (ILO 1981a; Bird e Germain 1990) o tramite qualche forma di accordo di consulenza. Nel servizio di sicurezza aziendale, il responsabile della sicurezza è spesso anche il principale responsabile della sicurezza in azienda e rappresenta il datore di lavoro in tali questioni. Ancora una volta, la tendenza moderna è quella di integrare la sicurezza con l'igiene e la salute sul lavoro e altri servizi coinvolti nelle attività di salute sul lavoro al fine di formare un'entità multidisciplinare.

Laddove le attività di sicurezza sono svolte parallelamente a quelle di salute e igiene del lavoro, la collaborazione è necessaria in particolare per quanto riguarda l'identificazione dei pericoli di infortunio, la valutazione dei rischi, la pianificazione e l'attuazione delle misure preventive e di controllo, l'istruzione e la formazione di dirigenti, preposti e lavoratori, nonché la raccolta, la conservazione e la registrazione dei registri degli infortuni e l'attuazione delle eventuali misure di controllo istituite.

Personale del Servizio di medicina del lavoro

Tradizionalmente, il servizio di medicina del lavoro è composto solo da un medico di medicina del lavoro, oppure da un medico e un infermiere che, eventualmente con l'aggiunta di un igienista industriale, possono essere designati come personale “di base”. Le disposizioni più recenti, tuttavia, richiedono che, ove possibile, il personale di medicina del lavoro abbia una composizione multidisciplinare.

Il personale può essere allargato a un team multidisciplinare completo a seconda del modello di servizio, della natura del settore e dei tipi di lavoro coinvolti, della disponibilità dei vari specialisti o di programmi per la loro formazione e dell'entità delle risorse finanziarie disponibili risorse. Quando non fanno effettivamente parte del personale, i posti di personale supplementare possono essere occupati da servizi di supporto esterni (WHO 1989a, 1989b). Possono includere ingegneri della sicurezza, specialisti della salute mentale (p. es., psicologi, consulenti), fisiologi del lavoro, ergonomi, fisioterapisti, tossicologi, epidemiologi ed educatori sanitari. La maggior parte di questi è raramente inclusa nel personale a tempo pieno del servizio di medicina del lavoro e viene coinvolta a tempo parziale o “secondo necessità” (Rantanen 1990).

Poiché i fabbisogni quantitativi di personale di medicina del lavoro variano ampiamente a seconda dell'impresa interessata, del modello organizzativo e delle prestazioni erogate dal servizio di medicina del lavoro, nonché della disponibilità di servizi di supporto e paralleli, non è possibile essere categorici in merito dimensione numerica del personale (Rantanen 1990; Rantanen, Lehtinen e Mikheev 1994). Ad esempio, 3,000 lavoratori in una grande impresa richiedono un personale più piccolo di quanto sarebbe necessario per fornire una gamma simile di servizi per 300 posti di lavoro con 10 dipendenti ciascuno. Si è notato però che attualmente in Europa la proporzione abituale è di un medico e due infermiere per servire da 2,000 a 3,000 lavoratori. La variazione è ampia e va da 1 su 500 a 1 su 5,000. In alcuni paesi, le decisioni sul personale del servizio di medicina del lavoro sono prese dal datore di lavoro sulla base del tipo e del volume dei servizi forniti, mentre in un certo numero di paesi il numero e la composizione del personale di medicina del lavoro sono stabiliti dalla legislazione. Ad esempio, la recente legislazione nei Paesi Bassi richiede che il team di salute sul lavoro sia composto almeno da un medico, un igienista, un ingegnere della sicurezza e un esperto in rapporti di lavoro/organizzazione (Ordine ministeriale sulla certificazione dei servizi SSB e requisiti di competenza per SSB Servizi 1993).

Molti paesi hanno formulato criteri di competenza ufficiali o semi-ufficiali per i medici e gli infermieri del lavoro, ma non sono stati stabiliti quelli per le altre discipline. I nuovi principi dell'Unione Europea richiedono la conferma della competenza di tutti gli specialisti di medicina del lavoro e alcuni paesi hanno istituito sistemi di certificazione per loro (CEC 1989; Ordine ministeriale sulla certificazione dei servizi SSB e requisiti di competenza per i servizi SSB 1993).

I programmi di formazione per gli specialisti della medicina del lavoro non sono ben sviluppati, a parte quelli per i medici del lavoro, gli infermieri e, in alcuni paesi, gli igienisti del lavoro (Rantanen 1990). È stata incoraggiata l'istituzione di curricula a tutti i livelli per tutte le categorie specialistiche, compresi i programmi di formazione di base, post-laurea e continua. Si ritiene inoltre auspicabile includere elementi formativi di medicina del lavoro a livello di istruzione di base, non solo nelle scuole di medicina ma anche in altre istituzioni come le università tecniche, le facoltà di scienze e così via. Oltre al background scientifico e alle competenze pratiche necessarie per la pratica della medicina del lavoro, la formazione dovrebbe includere lo sviluppo di atteggiamenti adeguati nei confronti della protezione della salute dei lavoratori. La formazione in collaborazione con specialisti di altre discipline consentirebbe un approccio multidisciplinare. Si ritiene inoltre necessaria la formazione in collaborazione con le autorità competenti ei datori di lavoro.

L'identità professionale degli specialisti di medicina del lavoro deve essere sostenuta in modo equo tra le varie discipline. Rafforzare la loro indipendenza professionale è fondamentale per un efficiente svolgimento delle loro funzioni e può aumentare l'interesse di altri operatori sanitari nello sviluppo di carriere permanenti nel settore della medicina del lavoro. È importante che i programmi di formazione vengano riorganizzati mentre i paesi stanno sviluppando nuove competenze e criteri di certificazione per gli specialisti in medicina del lavoro.

Infrastrutture per i servizi di supporto

La maggior parte delle imprese non può permettersi il servizio completo multidisciplinare di medicina del lavoro necessario per i propri programmi di salute e sicurezza sul lavoro. Oltre ai servizi di base forniti all'impresa, lo stesso servizio di medicina del lavoro può richiedere competenze tecniche in aree quali (Kroon e Overeynder 1991; CEC 1989; Rantanen, Lehtinen e Mikheev 1994):

  • igiene del lavoro (misurazione e analisi)
  • ergonomia
  • informazioni e consigli su nuovi problemi e approcci alla loro soluzione
  • sviluppo organizzativo
  • psicologia e gestione dello stress
  • nuovi sviluppi nelle misure e nelle attrezzature di controllo
  • supporto alla ricerca.

 

I paesi hanno utilizzato approcci diversi per l'organizzazione di tali servizi. Ad esempio, la Finlandia dispone di un Istituto di medicina del lavoro con sei istituti regionali per fornire supporto esperto ai servizi di medicina del lavoro di prima linea. La maggior parte dei paesi industrializzati dispone di un tale istituto nazionale o di una struttura analoga con servizi di ricerca, formazione, informazione e consulenza come funzioni principali; sono rari nei paesi in via di sviluppo. Qualora tale istituto non esista, tali servizi possono essere forniti da gruppi di ricerca universitari, enti previdenziali, sistemi sanitari nazionali, autorità governative per la salute e la sicurezza sul lavoro e consulenti privati.

Le esperienze dei paesi industrializzati hanno dimostrato l'opportunità di creare in ogni paese in via di industrializzazione e di recente sviluppo un apposito centro di ricerca e sviluppo in materia di salute sul lavoro che possa:

  • fornire supporto per lo sviluppo, la valutazione e il monitoraggio delle politiche
  • fornire un supporto scientifico continuo per la definizione di standard e limiti di esposizione professionale
  • sviluppare e implementare criteri per valutare la competenza nelle varie discipline di medicina del lavoro
  • fornire e promuovere la creazione di programmi educativi e formativi per aumentare il numero e la competenza degli specialisti della medicina del lavoro
  • fornire informazioni e consulenza in materia di salute sul lavoro non solo agli operatori del settore ma anche a dirigenti, sindacati, agenzie governative e al pubblico in generale
  • condurre o commissionare ricerche necessarie in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

 

Quando un singolo istituto non è in grado di fornire tutti i servizi necessari, potrebbe essere necessario creare una rete tra diverse unità di servizio come università, istituti di ricerca e altre organizzazioni simili.

Finanziamento dei servizi di medicina del lavoro

Secondo gli strumenti dell'ILO, la responsabilità primaria del finanziamento dei servizi di salute e sicurezza sul lavoro spetta al datore di lavoro, senza alcun onere per i lavoratori. In alcuni paesi, tuttavia, ci sono modifiche di questi principi. Ad esempio, i costi per la fornitura di servizi di medicina del lavoro possono essere sostanzialmente sovvenzionati dall'ente previdenziale. Un esempio calzante è la Finlandia, dove la principale responsabilità finanziaria è del datore di lavoro, ma il 50% dei costi sarà rimborsato dall'istituto di previdenza sociale, a condizione che vi sia la prova del rispetto delle norme sulla salute e la sicurezza sul lavoro e il comitato per la sicurezza e la salute sul lavoro dell'impresa conferma che i servizi di medicina del lavoro sono stati forniti correttamente.

Nella maggior parte dei paesi sono disponibili tali sistemi nazionali di rimborso. Nel modello di centro sanitario comunitario per l'erogazione dei servizi di medicina del lavoro, i costi di avviamento delle strutture, delle attrezzature e del personale sono sostenuti dalla comunità, ma i costi operativi sono sostenuti riscuotendo le tasse dai datori di lavoro e dai lavoratori autonomi.

I sistemi di rimborso o sovvenzione hanno lo scopo di favorire la disponibilità di servizi alle imprese con vincoli economici, e in particolare alle piccole imprese che raramente possono disporre di risorse adeguate. L'efficacia di un tale sistema è dimostrata dall'esperienza in Svezia negli anni '1980, in cui lo stanziamento di ingenti somme di finanziamenti governativi per sovvenzionare i servizi di medicina del lavoro per le imprese in generale e in particolare per le piccole imprese ha aumentato la percentuale di lavoratori coperti da Dal 60% a oltre l'80%.

Sistemi di Qualità e Valutazione dei Servizi di Medicina del Lavoro

Il servizio di medicina del lavoro dovrebbe continuamente valutare autonomamente i propri obiettivi, le attività ei risultati conseguiti in materia di tutela della salute dei lavoratori e di miglioramento dell'ambiente di lavoro. Molte imprese dispongono di audit indipendenti periodici da parte di specialisti dell'organizzazione o di consulenti esterni. In alcuni paesi esistono meccanismi governativi o privati ​​per la ricertificazione periodica basati su protocolli di audit formali. In alcune imprese, indagini periodiche tra i dipendenti forniscono utili indicazioni sull'apprezzamento dei lavoratori nei confronti del servizio di medicina del lavoro e sulla loro soddisfazione per i servizi da esso erogati. Per essere veramente utili, deve esserci un feedback dei risultati di tali sondaggi ai dipendenti partecipanti e la prova che vengono intraprese azioni appropriate per affrontare eventuali problemi che rivelano.

Molti dei paesi industrializzati (ad es. Paesi Bassi e Finlandia) hanno avviato l'uso degli standard della serie ISO 9000 nello sviluppo di sistemi di qualità per i servizi sanitari in generale e per i servizi di medicina del lavoro. Ciò è particolarmente appropriato perché molte aziende clienti stanno applicando tali standard ai propri processi produttivi. Alcune imprese che hanno incluso i loro servizi di medicina del lavoro nell'applicazione del Total Quality Management (noto anche come Continuous Quality Improvement) in tutte le loro organizzazioni hanno riportato un'esperienza positiva in termini di miglioramento della qualità e funzionamento più agevole dei servizi.

In pratica, l'applicazione di un programma di miglioramento continuo della qualità significa che ogni dipartimento o unità dell'azienda analizza le proprie funzioni e prestazioni e istituisce le modifiche necessarie per portare la loro qualità a un livello ottimale. Il servizio di medicina del lavoro non dovrebbe solo essere un partecipante volontario in questo sforzo, ma dovrebbe rendersi disponibile per garantire che le considerazioni sulla salute e la sicurezza dei lavoratori non siano trascurate in questo processo.

La valutazione della qualità dei servizi di medicina del lavoro non serve solo gli interessi dei datori di lavoro, dei lavoratori e delle autorità competenti, ma anche gli interessi dei fornitori dei servizi. Diversi schemi per tale valutazione sono stati sviluppati in un certo numero di paesi. Ai fini pratici, l'autovalutazione da parte del personale del servizio di medicina del lavoro stesso può essere la più pratica, in particolare quando esiste un comitato per la salute e la sicurezza per valutare i risultati di tale valutazione.

C'è un crescente interesse nell'esaminare gli aspetti economici dei servizi di salute e sicurezza sul lavoro e nella convalida del loro rapporto costo-efficacia, ma sono stati ancora pubblicati pochi studi di questo tipo.

Sviluppo graduale dei servizi di medicina del lavoro

La Convenzione ILO sui servizi di medicina del lavoro del 1985 (n. 161) e la sua Raccomandazione di accompagnamento (n. 171) incoraggiano i paesi a sviluppare progressivamente servizi di medicina del lavoro per tutti i lavoratori, in tutti i rami dell'attività economica e in tutte le imprese, comprese quelle del settore pubblico settore e i soci delle cooperative di produzione. Alcuni paesi hanno già sviluppato servizi ben organizzati basati su disposizioni previste dalla loro legislazione.

A partire dai servizi consolidati, ci sono tre strategie per un ulteriore sviluppo: estendere l'intero spettro di attività per coprire più imprese e più lavoratori; ampliare il contenuto dei servizi di medicina del lavoro offrendo solo servizi di base; e graduale espansione sia del contenuto che della copertura.

Ci sono state discussioni sulle attività minime che dovrebbero essere fornite da un servizio di medicina del lavoro. In alcuni paesi, sono limitati agli esami sanitari condotti da medici appositamente autorizzati. Nel 1989, l'OMS/Consultazione europea sui servizi di medicina del lavoro (OMS 1989b) propose che il minimo dovesse comprendere le seguenti attività fondamentali:

  • valutazione dei bisogni di salute sul lavoro
  • azioni preventive e di controllo rivolte all'ambiente di lavoro
  • attività di prevenzione rivolte al lavoratore
  • attività curative limitate al primo soccorso, diagnosi di malattie professionali, riabilitazione al rientro al lavoro
  • follow-up e valutazione delle statistiche degli infortuni e delle malattie professionali.

 

In pratica, esiste un gran numero di luoghi di lavoro in tutto il mondo che non sono ancora stati in grado di fornire alcun servizio ai propri lavoratori. Di conseguenza, il primo passo per un programma nazionale può essere limitato solo alla creazione di servizi di medicina del lavoro che forniscano queste attività fondamentali per i più bisognosi.

Prospettive future per lo sviluppo dei servizi di medicina del lavoro

Lo sviluppo futuro dei servizi di medicina del lavoro dipende da una serie di fattori nel mondo del lavoro e anche dalle economie e dalle politiche nazionali. Le tendenze più importanti nei paesi industrializzati comprendono l'invecchiamento della forza lavoro, l'aumento dei modelli e degli orari di lavoro irregolari, il lavoro a distanza (telelavoro), i luoghi di lavoro mobili e il costante aumento delle piccole imprese e dei lavoratori autonomi. Vengono introdotte nuove tecnologie, vengono utilizzate nuove sostanze e materiali e compaiono nuove forme di organizzazione del lavoro. C'è pressione per aumentare contemporaneamente la produttività e la qualità, con conseguente necessità di mantenere una forte motivazione per il lavoro di fronte al ritmo crescente del cambiamento, e la necessità di apprendere nuove pratiche e metodi di lavoro cresce rapidamente.

Sebbene le misure per combattere i rischi professionali tradizionali abbiano avuto successo, in particolare nei paesi industrializzati, è improbabile che questi rischi scompaiano del tutto nel prossimo futuro e continueranno a rappresentare un pericolo anche se per popolazioni di lavoratori più piccole. I problemi psicologici e psicosociali stanno diventando rischi professionali dominanti. La globalizzazione dell'economia mondiale, la regionalizzazione e la crescita delle economie e delle imprese multinazionali stanno creando una forza lavoro mobile a livello internazionale e determinano l'esportazione dei rischi professionali verso aree in cui le normative e i vincoli di protezione sono deboli o inesistenti.

In risposta a queste tendenze, il secondo incontro dei centri di collaborazione dell'OMS per la salute sul lavoro (la rete di 52 istituti nazionali di salute sul lavoro) tenutosi nell'ottobre 1994 ha sviluppato la strategia globale sulla salute sul lavoro per tutti con particolare rilevanza per lo sviluppo futuro della salute sul lavoro la pratica. Per quanto riguarda l'ulteriore sviluppo dei servizi di medicina del lavoro, in futuro dovranno essere affrontati i seguenti problemi emergenti:

  • sviluppo universale della salute sul lavoro per tutti al fine di uniformare le condizioni di lavoro e di salute in tutte le parti del mondo
  • sviluppare migliori metodi predittivi per valutare in anticipo i rischi per la salute delle esposizioni e fornire criteri di salute e sicurezza per progettisti, progettisti e ingegneri industriali
  • migliorare l'integrazione dei servizi di medicina del lavoro con gli altri servizi dell'impresa
  • sviluppare sistemi migliorati per fornire servizi di medicina del lavoro alle piccole imprese, ai lavoratori agricoli e ai lavoratori autonomi
  • accelerare e migliorare la valutazione dei potenziali pericoli introdotti da nuove tecnologie, materiali e sostanze
  • rafforzare le strategie e le metodologie applicabili nell'affrontare gli aspetti psicosociali del lavoro, con particolare attenzione al controllo dei pericoli e alla prevenzione dei loro effetti negativi
  • migliorare la capacità di prevenire e controllare i disturbi muscoloscheletrici, le lesioni da sforzo cumulativo e lo stress professionale
  • aumentare l'attenzione alle esigenze dei lavoratori anziani e migliorare i metodi per il loro adattamento al lavoro e il mantenimento delle capacità lavorative
  • sviluppare e potenziare programmi per mantenere le capacità lavorative dei disoccupati e facilitarne il reimpiego
  • aumentare il numero e la competenza dei professionisti in molte discipline coinvolte nella salute e sicurezza sul lavoro e riconoscere la necessità di coinvolgere nuove discipline come la scienza dell'organizzazione del lavoro, la gestione della qualità e l'economia sanitaria.

 

Per riassumere, i servizi di medicina del lavoro dovranno affrontare sfide formidabili durante il prossimo decennio e oltre, oltre alle pressioni economiche, politiche e sociali inerenti al cambiamento delle configurazioni nazionali e industriali. Includono i problemi di salute sul lavoro legati alle nuove tecnologie dell'informazione e all'automazione, le nuove sostanze chimiche e le nuove forme di energia fisica, i rischi delle nuove biotecnologie, la delocalizzazione e il trasferimento internazionale di tecnologie pericolose, l'invecchiamento della forza lavoro, i problemi speciali di tali gruppi vulnerabili come i malati cronici ei portatori di handicap, così come la disoccupazione ei trasferimenti forzati dalla ricerca di lavoro, e la comparsa di malattie nuove e finora non riconosciute che possono colpire la forza lavoro.

Conclusioni

Le infrastrutture per la salute sul lavoro non sono sufficientemente sviluppate per soddisfare le esigenze dei lavoratori in tutte le parti del mondo. La necessità di efficaci servizi di medicina del lavoro sta crescendo anziché diminuire. Gli strumenti dell'ILO sui servizi di medicina del lavoro e le strategie parallele dell'OMS forniscono una valida base per lo sviluppo significativo dei servizi di medicina del lavoro e dovrebbero essere utilizzati da ciascun paese in quanto fissano obiettivi politici per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori nel paese.

I paesi in via di sviluppo e di nuova industrializzazione ospitano circa 8 lavoratori su 10 nel mondo e non più del 5-10% di questa popolazione attiva ha accesso a servizi di medicina del lavoro adeguati. In molti paesi industrializzati questa percentuale non supera il 20-50%. Se tali servizi potessero essere organizzati e forniti a tutti i lavoratori, non solo influenzerebbero favorevolmente la salute dei lavoratori, ma avrebbero anche un'influenza positiva sul benessere e sullo stato economico dei paesi, delle loro comunità e dell'intera popolazione. Ciò aiuterebbe anche a controllare i costi dell'assenteismo per malattia e della disabilità evitabili e a limitare l'escalation dei costi dell'assistenza sanitaria e della sicurezza sociale.

Linee guida internazionali per efficaci politiche e programmi di salute sul lavoro sono disponibili ma non sufficientemente applicate a livello nazionale e locale. Dovrebbe essere incoraggiata la collaborazione tra i Paesi e le organizzazioni internazionali e tra i Paesi stessi per fornire il necessario supporto finanziario, tecnico e professionale necessario per aumentare l'accesso ai servizi di medicina del lavoro.

La gamma e la quantità di servizi di medicina del lavoro richiesti da un'impresa variano ampiamente a seconda delle condizioni del paese e della comunità, della natura del settore e dei processi e dei materiali utilizzati, nonché delle caratteristiche della forza lavoro. I servizi preventivi dovrebbero avere la massima priorità e dovrebbe essere garantito un livello accettabile di qualità.

Sono disponibili diversi modelli per l'organizzazione dei servizi di medicina del lavoro e la creazione delle relative infrastrutture. La scelta dovrebbe essere determinata dalle caratteristiche dell'impresa, dalle risorse disponibili in termini di finanze, strutture, personale qualificato, dal tipo di problemi previsti e da ciò che è disponibile nella comunità. Sono necessarie ulteriori ricerche sull'idoneità di vari modelli in diverse situazioni.

Fornire servizi di medicina del lavoro di alta qualità spesso richiede il coinvolgimento di un'ampia gamma di discipline in materia di salute e sicurezza sul lavoro, salute generale e psicosociali. Il servizio ideale è gestito da un team multidisciplinare in cui sono rappresentate alcune di queste specialità. Tuttavia, anche tali servizi devono rivolgersi a fonti esterne quando sono richiesti specialisti raramente utilizzati. Per soddisfare il crescente bisogno di tali specialisti, è necessario reclutare, formare e fornire la specializzazione in medicina del lavoro in numero adeguato necessaria per un'efficacia ottimale nel mondo del lavoro. La collaborazione internazionale dovrebbe essere incoraggiata nella raccolta delle informazioni disponibili e nella progettazione della loro applicazione in circostanze diverse, e la sua diffusione attraverso reti già stabilite dovrebbe essere ampiamente promossa.

Le attività di ricerca in materia di salute sul lavoro sono state tradizionalmente incentrate su settori quali la tossicologia, l'epidemiologia e la diagnosi e il trattamento dei problemi di salute. Sono necessarie ulteriori ricerche sull'efficacia dei vari modelli e meccanismi per la fornitura di servizi di medicina del lavoro, sul loro rapporto costo-efficacia e sulla loro adattabilità alle diverse circostanze.

Ci sono una serie di scopi e obiettivi dei servizi di medicina del lavoro, alcuni dei quali potrebbero dover essere riconsiderati a causa del mondo del lavoro in continua evoluzione. Queste dovrebbero essere riviste e riviste dai più autorevoli organismi internazionali alla luce dei nuovi ed emergenti problemi di salute e sicurezza sul lavoro e delle nuove modalità di promozione e tutela della salute dei lavoratori.

Le Convenzioni e le Raccomandazioni dell'ILO sulla salute e la sicurezza sul lavoro, gli approcci e gli standard in esse incorporati, le strategie e le risoluzioni dell'OMS, nonché i programmi internazionali di entrambe le organizzazioni costituiscono una solida base per il lavoro nazionale e un'ampia cooperazione internazionale per l'ulteriore sviluppo e miglioramento delle condizioni occupazionali servizi e pratiche sanitarie. Tali strumenti e la loro debita attuazione sono particolarmente necessari in tutto il mondo in tempi di vita lavorativa in rapido mutamento; nell'implementazione di nuove tecnologie; e sotto il rischio crescente di anteporre gli obiettivi economici e materiali a breve termine ai valori di salute e sicurezza.

 

Di ritorno

Venerdì, Febbraio 11 2011 20: 05

Servizi e pratica di medicina del lavoro

Infrastrutture, prassi e approcci alla medicina del lavoro

Sebbene siano stati compiuti molti progressi dagli anni '1980 verso un approccio globale alla salute sul lavoro in cui la protezione e la promozione della salute dei lavoratori sono perseguite insieme al mantenimento e alla promozione della loro capacità lavorativa, con particolare attenzione alla creazione e al mantenimento di un ambiente sicuro e un ambiente di lavoro sano per tutti, c'è molto spazio per la discussione sul modo in cui la salute sul lavoro viene effettivamente implementata. L'espressione pratica di medicina del lavoro è attualmente utilizzato per coprire l'intero spettro di attività svolte da datori di lavoro, lavoratori e loro organizzazioni, progettisti e architetti, produttori e fornitori, legislatori e parlamentari, ispettori del lavoro e della salute, analisti del lavoro e specialisti dell'organizzazione del lavoro, organismi di normazione, università e istituti di ricerca tutelare la salute e promuovere la sicurezza e la salute sul lavoro.

L'espressione pratica di medicina del lavoro include il contributo dei professionisti della medicina del lavoro, ma non si limita alla loro pratica di medicina del lavoro.

La confusione si verifica spesso perché il termine servizi di medicina del lavoro può essere usato per indicare:

  • la fornitura di servizi di medicina del lavoro (vale a dire, il contributo dei professionisti della medicina del lavoro alla sicurezza e salute sul lavoro)
  • le disposizioni organizzative istituzionalizzate per fornire tali servizi (ad es servizi di medicina del lavoro che fanno parte dell'infrastruttura per proteggere e promuovere la salute dei lavoratori).

 

Per superare questa difficoltà e molte altre comuni cause di malinteso, per il secondo punto all'ordine del giorno della dodicesima sessione del Comitato congiunto ILO/OMS sulla salute sul lavoro è stata utilizzata la seguente formulazione: “Infrastrutture per la pratica della salute sul lavoro: opzioni e modelli per le politiche nazionali, approcci, strategie e programmi di assistenza sanitaria primaria e funzioni dei servizi di medicina del lavoro” (1995b) con la seguente interpretazione dei termini:

  • Pratica di medicina del lavoro comprende le attività di tutti coloro che contribuiscono alla tutela e alla promozione della salute dei lavoratori e al miglioramento delle condizioni e dell'ambiente di lavoro; questi termini non devono essere intesi semplicemente come la pratica dei professionisti della medicina del lavoro.
  • Approcci di salute sul lavoro incarna una serie di principi e approcci per guidare l'azione, come il principio generale dell'assistenza sanitaria di base sostenuto dall'OMS e il miglioramento delle condizioni di lavoro e dell'ambiente sostenuto dall'ILO.
  • Infrastrutture per la pratica della medicina del lavoro indica le disposizioni organizzative per attuare una politica nazionale e condurre azioni a livello aziendale; le infrastrutture possono assumere la forma di servizi di medicina del lavoro “istituzionalizzati” e includere molti altri organismi come gli istituti nazionali per la sicurezza e la salute sul lavoro.

 

L'uso delle parole chiave infrastrutture, pratica e approcci consente ai vari attori e partner della prevenzione di svolgere i propri ruoli individuali nei rispettivi ambiti di competenza e di agire anche congiuntamente.

Servizi di medicina del lavoro contribuire al pratica di medicina del lavoro, che è intrinsecamente multidisciplinare e intersettoriale e coinvolge altri specialisti sia interni che esterni all'azienda oltre ai professionisti della salute e sicurezza sul lavoro, nonché le autorità governative competenti, i datori di lavoro, i lavoratori ei loro rappresentanti. Funzionalmente, i servizi di medicina del lavoro devono essere considerati sia una parte delle infrastrutture sanitarie a livello nazionale sia delle infrastrutture esistenti per l'attuazione della legislazione pertinente in materia di sicurezza e salute sul lavoro. È una decisione nazionale determinare se tali servizi debbano essere sotto la supervisione del ministero del lavoro, del ministero della salute, degli enti previdenziali, di un comitato nazionale tripartito o di altri organismi.

Esiste un gran numero di modelli per i servizi di medicina del lavoro. Uno di essi gode del sostegno di un ampio consenso a livello internazionale: il modello proposto dalla Convenzione sui servizi sanitari sul lavoro dell'ILO (n. 161) e dalla Raccomandazione (n. 171) adottata dalla Conferenza internazionale del lavoro nel 1985. I paesi dovrebbero tenerne conto modello come obiettivo verso il quale progredire, tenendo conto, ovviamente, delle differenze locali e della disponibilità di personale specializzato e di risorse finanziarie. Dovrebbe essere adottata una politica nazionale per sviluppare progressivamente i servizi di medicina del lavoro per tutti i lavoratori, tenendo conto dei rischi specifici delle imprese. Tale politica dovrebbe essere formulata, attuata e rivista periodicamente alla luce delle condizioni e delle pratiche nazionali in consultazione con le organizzazioni più rappresentative dei datori di lavoro e dei lavoratori. Dovrebbero essere stabiliti piani che indichino le misure che saranno prese quando i servizi di medicina del lavoro non possono essere istituiti immediatamente per tutte le imprese.

Cooperazione multidisciplinare e collaborazione intersettoriale: una prospettiva complessiva

L'ILO e l'OMS hanno una definizione comune di salute sul lavoro (vedi riquadro), che è stata adottata dal Comitato congiunto ILO/OMS sulla salute sul lavoro nella sua prima sessione (1950) e rivista nella sua dodicesima sessione (1995).

I governi, in collaborazione con le organizzazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori e le organizzazioni professionali interessate, dovrebbero progettare politiche, programmi e piani d'azione adeguati e appropriati per lo sviluppo della salute sul lavoro con contenuto multidisciplinare e copertura completa. In ogni paese, la portata e il contenuto dei programmi dovrebbero essere adattati alle esigenze nazionali, dovrebbero tener conto delle condizioni locali e dovrebbero essere integrati nei piani di sviluppo nazionali. Il Comitato congiunto ILO/OMS ha sottolineato che i principi incorporati nelle Convenzioni ILO n. 155 e n. 161 e nelle relative Raccomandazioni, così come le risoluzioni, le linee guida e gli approcci dell'OMS relativi alla salute sul lavoro, forniscono una guida universalmente accettata per la progettazione di tali politiche e programmi (comitato congiunto OIL/OMS per la salute sul lavoro 1992).

 


 

Definizione di salute sul lavoro adottata dal Comune
Comitato ILO/OMS per la salute sul lavoro (1950)

La salute sul lavoro dovrebbe mirare alla promozione e al mantenimento del massimo grado di benessere fisico, mentale e sociale dei lavoratori in tutte le professioni; la prevenzione tra i lavoratori delle deviazioni dalla salute causate dalle loro condizioni di lavoro; la protezione dei lavoratori nel loro impiego dai rischi derivanti da fattori nocivi per la salute; l'inserimento e il mantenimento del lavoratore in un ambiente lavorativo adeguato alle sue capacità fisiologiche e psicologiche e; riassumendo: l'adattamento del lavoro all'uomo e di ogni uomo al suo lavoro.

L'obiettivo principale della salute sul lavoro è su tre diversi obiettivi: (i) il mantenimento e la promozione della salute e della capacità lavorativa dei lavoratori; (ii) il miglioramento dell'ambiente di lavoro e del lavoro affinché diventino favorevoli alla sicurezza e alla salute e (iii) lo sviluppo delle organizzazioni del lavoro e delle culture del lavoro in una direzione che sostenga la salute e la sicurezza sul lavoro e, così facendo, promuova anche un clima sociale positivo e funzionamento e può aumentare la produttività delle imprese. Il concetto di cultura del lavoro è inteso in questo contesto come un riflesso dei sistemi di valori essenziali adottati dall'impresa interessata. Tale cultura si riflette concretamente nei sistemi manageriali, nella politica del personale, nei principi di partecipazione, nelle politiche di formazione e nella gestione della qualità dell'impresa.

 


 

Vi sono caratteristiche simili tra la strategia dell'ILO per il miglioramento delle condizioni e dell'ambiente di lavoro e il principio generale dell'OMS dell'assistenza sanitaria di base. Entrambi poggiano su considerazioni tecniche, etiche e sociali simili ed entrambi:

  • mirare a tutti gli interessati, lavoratori o pubblico
  • definire politiche, strategie e mezzi di azione
  • insistere sulla responsabilità di ciascun datore di lavoro per la salute e la sicurezza dei lavoratori nel suo impiego
  • porre l'accento sulla prevenzione primaria e sul controllo del rischio alla fonte
  • dare particolare importanza all'informazione, all'educazione sanitaria e alla formazione
  • indicare la necessità di sviluppare una pratica di medicina del lavoro che sia facilmente accessibile a tutti e disponibile sul posto di lavoro
  • riconoscere il ruolo centrale della partecipazione, della partecipazione della comunità ai programmi sanitari, della partecipazione intersettoriale e della partecipazione dei lavoratori al miglioramento delle condizioni di lavoro e dell'ambiente di lavoro
  • evidenziare le interazioni tra salute, ambiente e sviluppo, nonché tra sicurezza e salute sul lavoro e occupazione produttiva.

 

L'obiettivo principale dell'attività dell'ILO è stata la fornitura di linee guida internazionali e un quadro giuridico per lo sviluppo di politiche e infrastrutture per la salute sul lavoro su base tripartita (inclusi governi, datori di lavoro e lavoratori) e il supporto pratico per azioni di miglioramento sul posto di lavoro, mentre l'OMS si è concentrata sulla fornitura di background scientifici, metodologie, supporto tecnico e sulla formazione del personale sanitario e relativo personale per la salute sul lavoro (Comitato congiunto ILO/OMS sulla salute sul lavoro 1992).

Cooperazione multidisciplinare

Per l'OMS, salute sul lavoro comprende la sicurezza sul lavoro. L'igiene è concettualizzata come diretta alla prevenzione delle malattie mentre la sicurezza è pensata come la disciplina che previene le lesioni corporali dovute a incidenti. Per l'OIL, la sicurezza e la salute sul lavoro è considerata una disciplina finalizzata alla prevenzione degli infortuni sul lavoro (sia malattie professionali che infortuni) e al miglioramento delle condizioni di lavoro e dell'ambiente. I termini sicurezza sul lavoro, medicina del lavoro, medicina del lavoro, igiene del lavoro e infermieristica di salute sul lavoro sono utilizzati per riconoscere il contributo di diverse professioni (ad es. ingegneri, medici, infermieri, igienisti) e in riconoscimento del fatto che l'organizzazione della sicurezza e della salute sul lavoro a livello aziendale comprende molto spesso servizi di sicurezza sul lavoro e servizi di salute sul lavoro separati, così come i comitati per la sicurezza e la salute.

In una certa misura, sicurezza sul lavoro e la prevenzione primaria sono più direttamente legate alla tecnologia utilizzata, al processo di produzione e alla gestione quotidiana di quanto non lo sia salute sul lavoro, che si concentra maggiormente sui rapporti tra lavoro e salute, in particolare sulla sorveglianza dell'ambiente di lavoro e della salute dei lavoratori (prevenzione secondaria), nonché sui fattori umani e sugli aspetti ergonomici. Inoltre, a livello aziendale, gli ingegneri sono una presenza necessaria e sono parte integrante della linea dirigenziale (ingegneri di produzione, manutentori, tecnici e così via), mentre la salute e l'igiene del lavoro richiedono l'intervento di specialisti in campo sanitario che non hanno bisogno essere presenti per il funzionamento dell'impresa, ma possono essere consulenti o appartenere a un servizio esterno di medicina del lavoro.

Qualunque siano le disposizioni organizzative e la terminologia utilizzata, la cosa più importante è che i professionisti della sicurezza e della salute sul lavoro lavorino come una squadra. Non è necessario che si trovino necessariamente nella stessa unità o servizio, sebbene ciò possa essere auspicabile ove appropriato. L'accento non dovrebbe essere posto sulla struttura dei servizi ma sull'esecuzione delle loro funzioni a livello aziendale in modo corretto (dal punto di vista scientifico, tecnico ed etico). L'accento dovrebbe essere posto sulla cooperazione e sul coordinamento nell'elaborazione e nell'attuazione di un programma d'azione, nonché sullo sviluppo di concetti unificanti, come le "culture del lavoro" (cultura della sicurezza, cultura della protezione del lavoro, cultura aziendale) che favoriscono la sicurezza e salute sul lavoro e “miglioramento continuo della qualità” delle condizioni e dell'ambiente di lavoro.

Nel 1992, il Comitato congiunto ILO/OMS ha sottolineato che l'ambito della salute sul lavoro è molto ampio (come mostrato nella tabella 1), comprendendo discipline come la medicina del lavoro, l'assistenza infermieristica del lavoro, l'igiene del lavoro, la sicurezza sul lavoro, l'ergonomia, l'ingegneria, la tossicologia, l'ambiente igiene, psicologia del lavoro e gestione del personale. La collaborazione e la partecipazione dei datori di lavoro e dei lavoratori ai programmi di salute sul lavoro è un prerequisito essenziale per una pratica di salute sul lavoro di successo.

Tabella 1. Sei principi e tre livelli per una sana pratica di medicina del lavoro

 

Principi

Livelli

Frodi

Marchio

Adattamento

Diffusione

Mitigazione

Individui (diversità)

Prevenzione degli incidenti

Igiene industriale

1920 secondi

Medicina del lavoro

Equipaggiamento per la protezione personale

1930 secondi

Organizzazione scientifica del lavoro

Analisi del lavoro

1950 secondi

Programmi di assistenza ai dipendenti

1950 secondi

Compensazione del trattamento

1910 secondi

Gruppi (gruppi esposti, bisogni speciali)

Ambiente di lavoro sano e sicuro

Sicurezza incorporata

1970 secondi

Medicina del lavoro

Protezione della macchina

1940 secondi

Ergonomia incluso il design

1950 secondi

Programmi di promozione della salute dei lavoratori

1980 secondi

Pianificazione e preparazione alle emergenze

1970 secondi

Società e tutti i lavoratori
(principio generale dell'assistenza sanitaria primaria)

Tecnologie di controllo

Gestione della salute ambientale

1970 secondi

Salute ambientale

Epidemiologia

Assistenza sanitaria preventiva

1960 secondi

Tecnologie appropriate

Tutela dei consumatori

1970 secondi

Programmi di educazione e promozione della salute

1970 secondi

Curativo

assistenza sanitaria
Reinserimento

1920 secondi

Nota: i tempi (1910, 1920, ecc.) sono arbitrari. Le date sono fornite semplicemente per fornire un'idea della scala temporale per il progressivo sviluppo di un approccio globale alla salute sul lavoro. Le date variano da paese a paese e possono indicare l'inizio o il pieno sviluppo di una disciplina o la comparsa di nuovi termini o approcci per una pratica che è stata portata avanti per molti anni. Questa tavola non intende delineare le esatte discipline coinvolte nel processo, ma presentare in modo sintetico le loro relazioni nel quadro di un approccio multidisciplinare e di cooperazione intersettoriale, verso un ambiente di lavoro sano e sicuro e la salute per tutti, con un approccio partecipativo e l'obiettivo di nuove forme di sviluppo che, per essere sostenibili, devono essere eque.

 

La definizione di un obiettivo comune è una delle soluzioni per evitare la trappola di un'eccessiva compartimentazione delle discipline. Tale compartimentazione delle discipline a volte può essere un vantaggio in quanto consente un'analisi approfondita specializzata dei problemi. Spesso può essere un fattore negativo, perché impedisce lo sviluppo di un approccio multidisciplinare. C'è bisogno di sviluppare concetti unificanti che aprano campi di cooperazione. La nuova definizione di salute sul lavoro adottata dal Comitato misto nel 1995 serve a questo scopo.

A volte possono esserci accese discussioni sul fatto che la salute sul lavoro sia una disciplina a sé stante, o sia parte della tutela del lavoro, della salute ambientale o della salute pubblica. Quando la questione è più che accademica e coinvolge decisioni come quale organizzazione o ministero è competente per specifiche aree disciplinari, il risultato può avere conseguenze significative per quanto riguarda l'allocazione dei fondi e la distribuzione delle risorse disponibili sotto forma di competenze e attrezzature.

Una delle soluzioni a tale problema è sostenere approcci convergenti basati sugli stessi valori con un obiettivo comune. L'approccio dell'OMS all'assistenza sanitaria di base e l'approccio dell'OIL al miglioramento delle condizioni di lavoro e dell'ambiente possono servire a questo scopo. Tenendo presenti i valori comuni di equità, solidarietà, salute e giustizia sociale, questi approcci possono essere tradotti in strategie (la strategia dell'OMS per la salute sul lavoro per tutti) e programmi (il programma internazionale dell'ILO per il miglioramento delle condizioni di lavoro e dell'ambiente) nonché come nei piani di azione e di attività realizzati o realizzati a livello aziendale, nazionale e internazionale da tutti i partner nella prevenzione, protezione e promozione della salute dei lavoratori, in modo autonomo o congiunto.

Ci sono altre possibilità. L'International Social Security Association (ISSA) propone il “concetto di prevenzione” come via d'oro alla sicurezza sociale per affrontare “la sicurezza in tutto il mondo” sul lavoro ea casa, in viaggio e nel tempo libero. La Commissione internazionale per la salute sul lavoro (ICOH) sta sviluppando un approccio etico nella salute sul lavoro e catalizza un riavvicinamento e una fecondazione incrociata tra la salute sul lavoro e la salute dell'ambiente. Una tendenza simile può essere osservata in molti paesi dove, ad esempio, le associazioni professionali ora riuniscono specialisti di salute sul lavoro e di salute ambientale.

Collaborazione intersettoriale

Nel 1984, l'annuale Conferenza internazionale del lavoro dell'ILO ha adottato una risoluzione relativa al miglioramento delle condizioni e dell'ambiente di lavoro, incorporando il concetto che il miglioramento delle condizioni e dell'ambiente di lavoro è un elemento essenziale per la promozione della giustizia sociale. Ha sottolineato che il miglioramento delle condizioni di lavoro e dell'ambiente costituisce un contributo positivo allo sviluppo nazionale e rappresenta una misura del successo di qualsiasi politica economica e sociale. Ha enunciato tre principi fondamentali:

  • Il lavoro dovrebbe svolgersi in un ambiente sano e sicuro.
  • Le condizioni di lavoro dovrebbero essere coerenti con il benessere dei lavoratori e la dignità umana.
  • Il lavoro dovrebbe offrire reali possibilità di realizzazione personale, autorealizzazione e servizio alla società.

 

Nel corso degli anni '1980 si è verificato uno spostamento dal concetto di sviluppo verso il concetto di “sviluppo sostenibile”, che include “il diritto a una vita sana e produttiva in armonia con la natura” come indicato nel primo principio della Dichiarazione di Rio (Conferenza delle Nazioni Unite sull'ambiente e lo sviluppo—UNCED 1992). L'obiettivo di un ambiente sano e sicuro è quindi diventato parte integrante del concetto di sviluppo sostenibile, che implica anche un equilibrio tra la protezione dell'ambiente e la creazione di opportunità di lavoro, migliori condizioni di vita e salute per tutti. Sia la salute ambientale che quella occupazionale contribuiscono a rendere lo sviluppo sostenibile, equo e sano non solo dal punto di vista economico ma anche umano, sociale ed etico. Questo cambio di paradigma è illustrato nella figura 1.

Figura 1. Un approccio multidisciplinare verso uno sviluppo sostenibile ed equo

OHS100F1

Lo scopo di questa figura è quello di illustrare l'interazione tra la salute sul lavoro e la salute ambientale e il loro contributo reciproco a uno sviluppo sostenibile. Individua un'area che rappresenta l'integrazione degli obiettivi economici e sociali realizzabili tenendo conto allo stesso tempo dell'ambiente, dell'occupazione e della salute.

La Commissione dell'OMS per la salute e l'ambiente ha inoltre riconosciuto che "il tipo di sviluppo necessario per salvaguardare la salute e il benessere dipenderà da molte condizioni, compreso il rispetto per l'ambiente, mentre lo sviluppo senza rispetto per l'ambiente comporterebbe inevitabilmente un danno alla salute umana" (OMS 1992). Nella stessa ottica, la salute sul lavoro dovrebbe essere riconosciuta come un “valore aggiunto”, cioè un contributo positivo allo sviluppo nazionale e una condizione della sua sostenibilità.

Di particolare importanza per il lavoro dell'ILO e dell'OMS sono la Dichiarazione e il Programma d'azione adottati dal Vertice Mondiale per lo Sviluppo Sociale tenutosi a Copenaghen nel 1995. La Dichiarazione impegna le nazioni del mondo a perseguire l'obiettivo di una piena, produttiva e l'occupazione liberamente scelta come priorità fondamentale delle loro politiche economiche e sociali. Il Vertice ha indicato chiaramente che l'obiettivo non deve essere quello di creare posti di lavoro qualsiasi, ma posti di lavoro di qualità che salvaguardino i diritti e gli interessi fondamentali dei lavoratori. Ha chiarito che la creazione di posti di lavoro di buona qualità deve includere misure per ottenere un ambiente di lavoro sano e sicuro, eliminare i rischi ambientali per la salute e garantire la salute e la sicurezza sul lavoro. Questa è un'indicazione che il futuro della salute sul lavoro potrebbe essere una partnership attiva per conciliare occupazione, salute e ambiente verso uno sviluppo equo e sostenibile.

L'approccio dell'assistenza sanitaria primaria enfatizza l'equità sociale, l'accessibilità e l'accessibilità, la partecipazione e il coinvolgimento della comunità, come notato dal Comitato congiunto ILO/OMS sulla salute sul lavoro nel 1995. Questi valori morali ed etici di base sono comuni all'ILO e all'OMS. L'approccio dell'assistenza sanitaria primaria è innovativo perché applica i valori sociali all'assistenza sanitaria preventiva e curativa. Questa complementarità non è sempre stata chiaramente compresa; a volte la confusione è dovuta all'interpretazione di parole comuni, che ha portato a un certo grado di malinteso nella discussione dei ruoli e delle attività effettive che devono essere intraprese dall'ILO e dall'OMS, che sono complementari e si sostengono a vicenda.

L'assistenza sanitaria di base può essere considerata basata sui principi di equità sociale, autosufficienza e sviluppo della comunità. Può anche essere considerata una strategia per riorientare i sistemi sanitari, al fine di promuovere il coinvolgimento individuale e comunitario e la collaborazione tra tutti i settori interessati alla salute. Un principio generale dovrebbe essere che l'assistenza sanitaria di base dovrebbe incorporare una componente di medicina del lavoro e che i servizi specializzati di medicina del lavoro dovrebbero applicare il principio generale dell'assistenza sanitaria di base, indipendentemente dal modello strutturale in atto.

Ci sono molti partner nella prevenzione, che condividono la filosofia sia dell'ILO che dell'OMS, che dovrebbero fornire gli input necessari per implementare una buona pratica occupazionale. Il Comitato congiunto ILO/OMS ha indicato che l'ILO e l'OMS dovrebbero promuovere un approccio inclusivo alla salute sul lavoro nei loro paesi membri. Se si utilizza un tale approccio, la salute sul lavoro può essere vista come una materia multidisciplinare e integrata. In quest'ottica, le attività delle diverse organizzazioni e ministeri non saranno competitive o contraddittorie, ma saranno complementari e si sosterranno a vicenda, lavorando per uno sviluppo equo e sostenibile. L'accento dovrebbe essere posto su obiettivi comuni, concetti unificati e valori di base.

Come sottolineato dal Comitato congiunto ILO/OMS nel 1995, è necessario sviluppare indicatori di salute sul lavoro per la promozione e il monitoraggio della progressione verso la salute e lo sviluppo sostenibile. Le forme di sviluppo che mettono in pericolo la salute non possono rivendicare la qualità di essere eque o sostenibili. Gli indicatori verso la “sostenibilità” includono necessariamente indicatori di salute, poiché l'UNCED ha sottolineato che l'impegno di “proteggere e promuovere la salute umana” è un principio fondamentale per lo sviluppo sostenibile (Agenda 21, Capitolo 6). L'OMS ha assunto un ruolo guida nello sviluppo sia del concetto che dell'uso degli indicatori di salute ambientale, alcuni dei quali riguardano la salute e l'ambiente di lavoro.

L'OMS e l'ILO dovrebbero sviluppare indicatori di salute sul lavoro che potrebbero aiutare i paesi nella valutazione, sia retrospettiva che prospettica, della loro pratica di salute sul lavoro, e assisterli nel monitorare i progressi compiuti verso gli obiettivi fissati dalle politiche nazionali sulla sicurezza sul lavoro, la salute sul lavoro e l'ambiente di lavoro. Lo sviluppo di tali indicatori incentrati sulle interazioni tra lavoro e salute potrebbe anche aiutare i servizi di medicina del lavoro a valutare e guidare i loro programmi e le loro attività per migliorare le condizioni di lavoro e l'ambiente (vale a dire, nel monitorare l'efficienza e il modo in cui svolgono le loro funzioni).

Norme e linee guida

Le Convenzioni e le Raccomandazioni dell'ILO sulla sicurezza e salute sul lavoro definiscono i diritti dei lavoratori e attribuiscono doveri e responsabilità alle autorità competenti, ai datori di lavoro e ai lavoratori in materia di sicurezza e salute sul lavoro. Le Convenzioni e le Raccomandazioni dell'ILO adottate dalla Conferenza Internazionale del Lavoro, nel loro insieme, costituiscono il Codice Internazionale del Lavoro che definisce gli standard minimi in materia di lavoro.

La politica dell'ILO in materia di salute e sicurezza sul lavoro è essenzialmente contenuta in due Convenzioni internazionali e nelle relative Raccomandazioni. La Convenzione ILO sulla sicurezza e la salute sul lavoro (n. 155) e la sua raccomandazione (n. 164), 1981, prevedono l'adozione di una politica nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro a livello nazionale e descrivono le azioni necessarie a livello nazionale e a livello a livello aziendale per promuovere la sicurezza e la salute sul lavoro e per migliorare l'ambiente di lavoro. La Convenzione ILO sui servizi di medicina del lavoro (n. 161) e la sua Raccomandazione (n. 171), 1985, prevedono l'istituzione di servizi di medicina del lavoro che contribuiranno all'attuazione della politica di sicurezza e salute sul lavoro e svolgeranno le loro funzioni al livello aziendale.

Questi strumenti forniscono un approccio globale alla salute sul lavoro che include la prevenzione primaria, secondaria e terziaria ed è coerente con i principi generali dell'assistenza sanitaria primaria. Indicano il modo in cui l'assistenza sanitaria sul lavoro dovrebbe idealmente essere erogata alle popolazioni lavoratrici e propongono un modello che canalizzi verso il luogo di lavoro attività organizzate che richiedono personale esperto al fine di catalizzare un'interazione tra diverse discipline per promuovere la cooperazione tra tutti i partner nella prevenzione . Questi strumenti forniscono anche un quadro organizzativo in cui i professionisti della medicina del lavoro possono fornire servizi di qualità in modo efficiente per garantire la protezione e la promozione della salute dei lavoratori e contribuire alla salute delle imprese.

funzioni

La Convenzione n. 161 definisce servizi di medicina del lavoro come servizi dedicati a funzioni essenzialmente preventive e incaricati di consigliare i datori di lavoro, i lavoratori e i loro rappresentanti nell'impresa sui requisiti per stabilire e mantenere un ambiente di lavoro sicuro e sano che ottimizzi la salute fisica e mentale in relazione al lavoro e sull'adattamento del lavoro alle capacità dei lavoratori, tenuto conto del loro stato di salute fisica e psichica.

La Convenzione specifica che i servizi di medicina del lavoro dovrebbero includere quelle delle seguenti funzioni che sono adeguate e appropriate ai rischi professionali sul posto di lavoro:

  • identificazione e valutazione dei rischi da pericoli per la salute nei luoghi di lavoro
  • sorveglianza dei fattori nell'ambiente di lavoro e nelle pratiche di lavoro che possono incidere sulla salute dei lavoratori, compresi gli impianti sanitari, le mense e gli alloggi se tali strutture sono fornite dal datore di lavoro
  • consulenza sulla pianificazione e l'organizzazione del lavoro, compresa la progettazione dei luoghi di lavoro, sulla scelta, la manutenzione e lo stato di macchinari e altre attrezzature e sulle sostanze utilizzate nel lavoro
  • partecipazione allo sviluppo di programmi per il miglioramento delle pratiche di lavoro, nonché test e valutazione degli aspetti sanitari delle nuove attrezzature
  • consulenza in materia di salute, sicurezza e igiene sul lavoro e in materia di ergonomia e dispositivi di protezione individuale e collettiva
  • sorveglianza della salute dei lavoratori in relazione al lavoro
  • promuovere l'adattamento del lavoro al lavoratore
  • contribuire a misure di riabilitazione professionale
  • collaborare per l'informazione, la formazione e l'istruzione nei settori della salute e igiene del lavoro e dell'ergonomia
  • organizzare il primo soccorso e il trattamento di emergenza
  • partecipazione all'analisi degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali.

 

La Convenzione e la Raccomandazione dell'ILO sono molto flessibili per quanto riguarda le forme di organizzazione dei servizi di medicina del lavoro. L'istituzione di servizi di medicina del lavoro può essere effettuata mediante leggi o regolamenti, mediante contratti collettivi o in qualsiasi altro modo approvato dall'autorità competente, previa consultazione con le organizzazioni rappresentative dei datori di lavoro e dei lavoratori interessati. I servizi di medicina del lavoro possono essere organizzati come servizio per una singola impresa o come servizio comune a più imprese. Per quanto possibile, i servizi di medicina del lavoro dovrebbero essere situati vicino al luogo di lavoro o dovrebbero essere organizzati in modo da garantire il loro corretto funzionamento presso il luogo di lavoro. Possono essere organizzati dalle imprese interessate, dalle autorità pubbliche o dai servizi ufficiali, dagli enti previdenziali, da qualsiasi altro ente autorizzato dalle autorità o, addirittura, dalla combinazione di uno qualsiasi di questi. Ciò offre un ampio grado di flessibilità e, anche nello stesso paese, possono essere utilizzati diversi o tutti questi metodi, a seconda delle condizioni e della pratica locale.

La flessibilità della Convenzione dimostra che lo spirito degli strumenti dell'OIL sui servizi di medicina del lavoro è quello di porre maggiormente l'accento sui suoi obiettivi piuttosto che sulle regole amministrative per raggiungerli. È importante garantire la salute sul lavoro a tutti i lavoratori, o almeno compiere progressi verso questo obiettivo. Tali progressi sono generalmente realizzabili per gradi, ma è necessario compiere alcuni progressi verso il raggiungimento di questi obiettivi e mobilitare le risorse nel modo più efficiente per questo scopo.

Esistono vari metodi di finanziamento della salute sul lavoro. In molti paesi l'obbligo di istituire e mantenere i servizi di medicina del lavoro spetta ai datori di lavoro. In altri paesi fanno parte dei sistemi sanitari nazionali o dei servizi sanitari pubblici. Il personale, il finanziamento e la formazione del personale non sono dettagliati nella Convenzione ma sono approcci nazionali individuali.

Esistono molti esempi di servizi di medicina del lavoro istituiti da enti previdenziali o finanziati da regimi assicurativi speciali per i lavoratori. A volte il loro finanziamento è regolato da un accordo concordato tra il ministero del lavoro e il ministero della salute o tra gli enti previdenziali. In alcuni paesi i sindacati gestiscono i servizi di medicina del lavoro. Esistono anche disposizioni speciali in cui i fondi vengono raccolti dai datori di lavoro da un'istituzione centrale o da un organismo tripartito e poi erogati per fornire assistenza sanitaria sul lavoro o distribuiti per finanziare il funzionamento dei servizi di medicina del lavoro.

Anche le fonti di finanziamento dei servizi di medicina del lavoro possono variare a seconda delle loro attività. Ad esempio, quando svolgono attività curative, la previdenza sociale può contribuire al loro finanziamento. Se i servizi di medicina del lavoro partecipano a programmi di sanità pubblica e alla promozione della salute o ad attività di ricerca, possono essere trovate o rese disponibili altre fonti di finanziamento. Il finanziamento dipenderà non solo dal modello strutturale scelto per organizzare i servizi di medicina del lavoro, ma anche dal valore che la società riconosce alla tutela e promozione della salute e dalla sua disponibilità ad investire nella salute sul lavoro e nella prevenzione dei rischi professionali.

Condizioni di funzionamento

Particolare enfasi è posta sulle condizioni di funzionamento dei servizi di medicina del lavoro. Non solo è necessario che i servizi di medicina del lavoro svolgano una serie di compiti, ma è altrettanto importante che tali compiti siano svolti in modo appropriato, tenendo conto degli aspetti tecnici ed etici.

Esistono alcuni requisiti di base per quanto riguarda il funzionamento dei servizi di medicina del lavoro che sono enunciati nella Convenzione dell'OIL, e in particolare nella Raccomandazione sui servizi di medicina del lavoro. Questi possono essere riassunti come segue:

  • Il personale dei servizi di medicina del lavoro dovrebbe essere qualificato e beneficiare di una piena indipendenza professionale.
  • La riservatezza dovrebbe essere garantita.
  • I lavoratori dovrebbero essere informati delle attività dei servizi e dei risultati delle loro valutazioni sanitarie.
  • I datori di lavoro, i lavoratori ei loro rappresentanti dovrebbero partecipare al funzionamento dei servizi e all'elaborazione dei loro programmi.

 

Le dimensioni etiche della salute sul lavoro sono sempre più prese in considerazione e si pone l'accento sulla necessità sia della qualità che della valutazione continua dei servizi di medicina del lavoro. Non è solo necessario determinare cosa dovrebbe essere fatto, ma anche per quale scopo ea quali condizioni. La Raccomandazione dell'ILO sui servizi di medicina del lavoro (n. 171) ha introdotto una prima serie di principi al riguardo. Ulteriori indicazioni sono fornite dal Codice etico internazionale per i professionisti della medicina del lavoro adottato dalla Commissione internazionale per la salute sul lavoro (ICOH 1992).

Nel 1995, il Comitato congiunto ILO/OMS sulla salute sul lavoro ha sottolineato che “l'assicurazione della qualità dei servizi deve essere parte integrante dello sviluppo dei servizi di salute sul lavoro. Non è etico dare servizi di scarsa qualità”. Il Codice Etico dell'ICOH prescrive che "i professionisti della medicina del lavoro dovrebbero istituire un programma di audit professionale delle proprie attività al fine di garantire che siano stati fissati standard appropriati, che siano rispettati e che eventuali carenze siano rilevate e corrette" .

Obiettivi e valori comuni

Il ruolo dei servizi di medicina del lavoro istituzionalizzati va inquadrato nel quadro più ampio delle politiche e delle infrastrutture sanitarie e sociali. Le funzioni dei servizi di medicina del lavoro contribuiscono all'attuazione delle politiche nazionali in materia di sicurezza sul lavoro, salute sul lavoro e ambiente di lavoro sostenute dalla Convenzione sulla sicurezza e salute sul lavoro dell'OIL (n. 155) e dalla Raccomandazione (n. 164), 1981. Salute sul lavoro i servizi contribuiscono anche al raggiungimento degli obiettivi incarnati nella strategia "Health For All" sostenuta dall'OMS come politica per l'equità, la solidarietà e la salute.

Vi sono segnali di una crescente tendenza a mobilitare competenze e risorse nell'ambito di accordi di rete e joint venture. A livello internazionale, questo è già il caso per la sicurezza chimica, dove esiste un meccanismo interorganizzativo per la sicurezza chimica: il Programma interorganizzativo per la sana gestione delle sostanze chimiche (IOMC). Esistono molti altri campi in cui stanno emergendo o potrebbero essere sviluppate nuove forme flessibili di cooperazione internazionale tra paesi e organizzazioni internazionali, come la radioprotezione e la sicurezza biologica.

Gli accordi di rete aprono nuovi campi di cooperazione che possono essere adattati in modo flessibile al tema che deve essere affrontato, come lo stress lavorativo, il coordinamento della ricerca o l'aggiornamento di questo Enciclopedia. L'enfasi è posta sulle interazioni e non più sulla compartimentazione verticale delle discipline. Il concetto di leadership lascia il posto alla partnership attiva. Le reti internazionali per la sicurezza e la salute sul lavoro si stanno sviluppando rapidamente e potrebbero essere ulteriormente sviluppate sulla base delle strutture esistenti che potrebbero essere interconnesse. I ruoli dell'ILO e dell'OMS potrebbero benissimo essere quelli di avviare reti internazionali progettate per soddisfare i bisogni e le richieste dei loro componenti e per raggiungere l'obiettivo comune di proteggere le persone sul lavoro.

I valori sociali ed etici concordati dalla comunità internazionale sono incorporati nelle Convenzioni e Raccomandazioni dell'ILO, così come nella politica dell'OMS su “Salute per tutti”. A partire dagli anni '1980 è progressivamente emerso il concetto di sviluppo sostenibile che, dopo la Conferenza di Rio e il Vertice sociale di Copenaghen, prende ora in considerazione le interrelazioni tra occupazione, salute e ambiente. L'obiettivo comune di un ambiente di lavoro sano e sicuro per tutti rafforzerà la determinazione di tutti coloro che sono coinvolti nella sicurezza e salute sul lavoro a servire meglio la salute dei lavoratori e a contribuire a uno sviluppo sostenibile ed equo per tutti. Una delle principali sfide in materia di salute sul lavoro potrebbe essere quella di risolvere il conflitto tra valori come il diritto alla salute e il diritto al lavoro a livello sia dell'individuo che di tutti i lavoratori, con l'obiettivo di proteggere la salute e consentire l'occupazione.

 

Di ritorno

Storia

Negli anni '1930, l'applicazione in Francia di alcune clausole del codice del lavoro relative all'igiene del lavoro ha dimostrato il valore di fornire agli ispettori del posto di lavoro l'accesso ai consultori medici.

Le leggi del 17 luglio 1937 e del 10 maggio 1946 (articoli L 611-7 e R 611-4) autorizzavano il Dipartimento dell'ispezione sul posto di lavoro a ordinare interventi medici temporanei. Nel tempo, questi interventi, originariamente concepiti come intermittenti, si sono evoluti in attività continuative complementari e condotte contestualmente all'ispezione sul posto di lavoro.

La promulgazione della legge dell'11 ottobre 1946 sulla medicina del lavoro fu presto seguita dall'istituzione di un quadro tecnico permanente per l'ispezione medica dei luoghi di lavoro e dei lavoratori. Il decreto del 16 gennaio 1947 stabiliva l'ambito, le tariffe, lo statuto e le funzioni degli ispettori sanitari dei luoghi di lavoro e dei lavoratori.

Dal 1947, tuttavia, lo sviluppo tecnico in questo settore è stato irregolare e sporadico e il numero di ispettori medici a volte non è riuscito a tenere il passo con il numero di compiti ispettivi; quest'ultimo è stato vero anche per le ispezioni sul posto di lavoro. Così, mentre i reparti medici istituiti in base alla legge 11 ottobre 1946 aumentavano in prevalenza e importanza, il numero degli ispettori sanitari si riduceva progressivamente da 44, numero originariamente previsto nel 1947, a 21. Queste tendenze contraddittorie spiegano in parte alcune delle le criticità che il sistema della medicina del lavoro ha dovuto affrontare.

Tuttavia, dal 1970, e in particolare dal 1975, c'è stato uno sforzo significativo per creare un Dipartimento di ispezione medica sul posto di lavoro in grado di rispondere alle esigenze dei circa 6,000 medici responsabili di oltre 12 milioni di lavoratori. Nel 1980 ai servizi ispettivi sono stati assegnati 39 posti retribuiti, di cui 36 effettivamente occupati. Nel 1995 erano disponibili 43 posti. Il Piano d'azione prioritario numero 12 del VII Piano prevede 45 ispettori medici; questo porterà il personale ai livelli originariamente previsti nel 1947.

Mentre i funzionari francesi riconoscevano la necessità di istituire un servizio di controllo specializzato responsabile dell'applicazione delle direttive legislative e regolamentari in materia di igiene e medicina del lavoro, conclusioni identiche venivano tratte in altri paesi. In risposta a questo crescente consenso, l'OIL, in collaborazione con l'OMS, convocò a Ginevra nel 1963 un convegno internazionale sull'ispezione medica dei luoghi di lavoro. Tra gli esiti degni di nota del convegno vi furono la definizione delle responsabilità, dei doveri e delle conoscenze e requisiti di formazione degli ispettori medici, e le tecniche ei metodi di ispezione medica.

Organizzazione Generale

L'ufficio centrale del Dipartimento per il lavoro e l'ispezione sanitaria dei lavoratori fa parte del Dipartimento per le relazioni industriali e riporta direttamente al Direttore regionale delle relazioni industriali e dell'ispezione medica. Il Direttore Regionale, a sua volta, fa parte del Consiglio Regionale del Lavoro e dell'Occupazione e riporta direttamente al Direttore Regionale del Lavoro e dell'Occupazione. Il numero di professionisti e lavoratori in Francia nel 1995 era:

  • 12.5 milioni di lavoratori che beneficiano della copertura generale
  • 6,337 medici, di cui 2,500 a tempo pieno
  • 4,000 infermieri
  • 1,500 reparti medici
  • Il 90% dei lavoratori è seguito da reparti medici di settore.

 

Il numero di ispettori medici in ciascuna regione dipende dal numero di posti di medicina del lavoro stipendiati in quella regione. In generale, ogni ispettore medico regionale dovrebbe essere responsabile di circa 300,000 lavoratori. Questa regola generale è, tuttavia, soggetta a modifiche in entrambe le direzioni, a seconda delle dimensioni e della geografia di ciascuna regione.

Mission

Sebbene molte delle sue clausole non siano più pertinenti o siano decadute, è tuttavia utile rivedere le responsabilità degli ispettori sanitari prescritte dal citato decreto del 16 gennaio 1947.

Il medico responsabile del dipartimento è responsabile, tra l'altro, del coordinamento di tutte le problematiche mediche nei vari dipartimenti del Ministero del lavoro e della previdenza sociale. Le sue funzioni possono essere estese con decreto.

L'ispettore medico dei luoghi di lavoro e dei lavoratori:

    1. mantenere, con i Comitati Tecnici delle Accrediti Previdenziali, il contatto diretto e permanente con il Servizio Ispezione Luoghi di Lavoro, e vigilare sull'applicazione della normativa in materia di igiene del lavoro e tutela della salute dei lavoratori
    2. svolgere, in via continuativa, attività volte alla tutela della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro; tali attività comprenderanno, tra l'altro, la vigilanza sui Dipartimenti di Medicina del Lavoro istituiti con la legge 11 ottobre 1946
    3. supervisionare, in stretta collaborazione con i servizi psicotecnici, le visite mediche finalizzate all'accertamento dell'idoneità al lavoro dei lavoratori, riclassificare e indirizzare i lavoratori temporaneamente inabili al lavoro o portatori di handicap fisici ai centri di riabilitazione
    4. sovrintendere, in collaborazione con i Comitati Tecnici degli Enti Previdenziali, alla predisposizione, compilazione ed utilizzo delle statistiche relative alle caratteristiche fisiopatologiche dell'organico.

           

          L'Ispettore Sanitario dei Luoghi di Lavoro comunicherà alle Commissioni Tecniche delle Accrediti Previdenziali le informazioni in suo possesso relative al rischio di malattia professionale e infortuni nelle diverse aziende. La nota del 15 settembre 1976 concernente l'organizzazione dei Dipartimenti per le Relazioni Industriali attribuisce al Dipartimento per l'Ispezione Sanitaria e del Lavoro i seguenti compiti:

          • l'approfondimento di aspetti tecnici di medicina del lavoro, patologia, fisiologia del lavoro ed ergonomia
          • l'approfondimento di questioni relative alla tutela della salute dei lavoratori e alle condizioni di lavoro
          • l'indagine sugli aspetti medici del lavoro
          • il monitoraggio dei progressi in medicina, fisiologia ed ergonomia
          • il coordinamento della raccolta di informazioni regionali.

           

          La gestione degli ispettori medici comporta:

          • il coordinamento degli ispettori sanitari regionali
          • lo sviluppo e l'applicazione di relazioni, studi tecnici e ricerche condotte a livello regionale o transregionale e, in ultima analisi, di gruppi di lavoro specializzati
          • l'organizzazione di incontri che forniscano ai membri del Dipartimento per il lavoro e l'ispezione medica dei lavoratori l'opportunità di confrontare esperienze e definire approcci coerenti a nuovi problemi
          • la predisposizione delle procedure di assunzione e formazione degli ispettori sanitari dei luoghi di lavoro e dei lavoratori
          • la formazione continua di tutti gli ispettori medici regionali.

           

          Oltre a queste attività fondamentali, il Dipartimento per il lavoro e l'ispezione medica dei lavoratori collabora anche con i dipartimenti delle relazioni industriali e delle risorse umane in tutti i casi che coinvolgono aspetti medici del lavoro (in particolare quelli che coinvolgono lavoratori portatori di handicap, candidati alla formazione continua e candidati al lavoro) ed è responsabile per la gestione, il coordinamento, il reclutamento e la formazione degli ispettori sanitari regionali e per garantire la loro formazione tecnica continua. Infine, l'ufficio centrale del Dipartimento svolge anche attività di consulenza ed è il rappresentante ufficiale del governo in materia di medicina del lavoro.

          I Dipartimenti per l'Ispettorato Sanitario del Lavoro e dei Lavoratori centrali o regionali del Dipartimento del Lavoro possono essere chiamati a intervenire quando altri dipartimenti governativi privi di propri servizi di ispezione medica (in particolare il Dipartimento della Salute e della Previdenza Sociale) si trovano ad affrontare problemi legati alla prevenzione o correzione dei rischi per la salute sul lavoro; questi dipartimenti del Dipartimento del lavoro possono anche concorrere all'istituzione di un dipartimento di prevenzione medica. Ad eccezione dei casi in cui la parte richiedente è un altro servizio governativo di ispezione del lavoro, il ruolo del Dipartimento è solitamente limitato a un ruolo consultivo.

          Dal 7 al 10 giugno 1994, quasi 1,500 persone hanno partecipato al XIII Giornate nazionali di medicina del lavoro (23° Convegno Nazionale di Medicina del Lavoro) organizzato da la Société et l'Institut de médecine du travail et d'ergonomie de Franche-Comté (Società e Istituto di Medicina del Lavoro ed Ergonomia della Franca Contea). Sono stati discussi i seguenti argomenti:

          • neurotossicità dell'esposizione a solventi di basso livello
          • salute e la precarietà della salute e del lavoro
          • lo stress e la tensione del lavoro contemporaneo: il ruolo del medico del lavoro.

           

          Il Dipartimento è il rappresentante del governo nelle agenzie o istituzioni medicosociali, scientifiche e professionali nel campo della medicina del lavoro. Questi includono il Conseil National de l'Ordre des Médecins (il Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Medici), le Haut Comité d'Études et d'Information contre l'alcoolisme (l'Alto Commissariato per la Ricerca e l'Informazione sull'Alcolismo) e varie istituzioni universitarie e scientifiche. Inoltre, il Dipartimento centrale per il lavoro e l'ispezione medica dei lavoratori è spesso chiamato a presentare la posizione del governo francese sulle questioni mediche alla Comunità economica europea, all'OMS e all'OIL. I dipartimenti regionali hanno competenze analoghe, ai sensi della circolare DRT n. 18-79, del 6 luglio 1979, sul ruolo della cooperazione tra ispettori del lavoro e ispettori medici dei luoghi di lavoro nella prevenzione dei rischi professionali. La circolare individua le attività di orientamento, informazione, vigilanza, gestione e intervento da svolgere, secondo necessità, in collaborazione con i servizi regionali, dipartimentali o locali di controllo del lavoro.

          Sebbene sia gli ispettori sul posto di lavoro che gli ispettori medici condividano obiettivi comuni - la prevenzione dei rischi per la salute sul lavoro - i loro interventi specifici possono differire, a seconda delle competenze tecniche richieste. Altre circostanze possono invece richiedere la loro collaborazione.

          Proposta Nuova Circolare

          Una circolare in preparazione riprende e aggiorna le clausole della circolare del 6 luglio 1979. Si segnala che dal 1° gennaio 1995 i Dipartimenti della formazione professionale hanno assunto le competenze dei Dipartimenti regionali del Lavoro e dell'Occupazione. Occorre pertanto rivedere la funzione, il ruolo e la missione degli ispettori medici dei luoghi di lavoro.

          In sintesi, si può affermare che nel 1980 i reparti di controllo medico hanno riacquistato a tutti gli effetti il ​​ruolo e le funzioni originariamente loro previsti nel periodo 1946-47. Il prossimo passo più probabile nell'ispezione medica è verso una maggiore enfasi sulla promozione, la gestione e la ricerca nei luoghi di lavoro. Questa evoluzione, va notato, è parallela a quella della stessa medicina del lavoro. Dopo un lungo periodo di sviluppo e implementazione che può ormai considerarsi praticamente concluso, la medicina del lavoro deve ora entrare in una nuova era di miglioramento qualitativo e progresso scientifico.

           

          Di ritorno

          La copertura dei lavoratori nelle piccole imprese (SSE) è forse la sfida più scoraggiante per i sistemi di erogazione dei servizi di medicina del lavoro. Nella maggior parte dei paesi, le ESS comprendono la stragrande maggioranza delle imprese commerciali e industriali - raggiungendo il 90% in alcuni dei paesi in via di sviluppo e di recente industrializzazione - e si trovano in ogni settore dell'economia. Impiegano in media quasi il 40% della forza lavoro nei paesi industrializzati appartenenti all'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e fino al 60% della forza lavoro nei paesi in via di sviluppo e di nuova industrializzazione. Sebbene i loro lavoratori siano esposti forse a una gamma di rischi ancora maggiore rispetto ai loro omologhi nelle grandi imprese (Reverente 1992; Hasle et al. 1986), di solito hanno poco o nessun accesso ai moderni servizi di salute e sicurezza sul lavoro.

          Definizione di piccole imprese

          Le imprese sono classificate come piccole imprese sulla base di caratteristiche quali la dimensione del loro investimento di capitale, l'ammontare delle loro entrate annuali o il numero dei loro dipendenti. A seconda del contesto, il numero per l'ultima categoria variava da uno a 500 dipendenti. In questo articolo, il termine ESS verrà applicata alle imprese con 50 dipendenti o meno, la definizione più ampiamente accettata (ILO 1986).

          Le ESS stanno acquisendo importanza nelle economie nazionali. Sono ad alta intensità di occupazione, flessibili nell'adattarsi a situazioni di mercato in rapida evoluzione e offrono opportunità di lavoro a molti che altrimenti sarebbero disoccupati. I loro requisiti patrimoniali sono spesso bassi e possono produrre beni e servizi vicino al consumatore o al cliente.

          Presentano anche degli svantaggi. La loro vita è spesso breve, rendendo difficile il monitoraggio delle loro attività e, spesso, i loro esigui margini di profitto sono conseguiti solo a scapito dei loro lavoratori (che spesso ne sono anche i proprietari) in termini di ore e intensità di carichi di lavoro ed esposizione a fattori occupazionali rischi per la salute.

          La forza lavoro delle ESS

          La forza lavoro delle ESS è caratterizzata dalla sua diversità. In molti casi, comprende il manager così come i membri della sua famiglia. Le SSE forniscono l'ingresso nel mondo del lavoro per i giovani e attività significative per i lavoratori anziani e in esubero che sono stati separati dalle imprese più grandi. Di conseguenza, spesso espongono gruppi vulnerabili come i bambini, le donne incinte e gli anziani a rischi per la salute sul lavoro. Inoltre, poiché molte SSE vengono svolte all'interno o nelle vicinanze della casa, spesso espongono i familiari e i vicini ai rischi fisici e chimici dei loro luoghi di lavoro e presentano problemi di salute pubblica attraverso la contaminazione dell'aria o dell'acqua o del cibo coltivato vicino ai locali.

          Il livello di istruzione e lo stato socio-economico dei lavoratori SSE variano ampiamente, ma sono spesso inferiori alla media dell'intera forza lavoro. Di particolare rilevanza è il fatto che i loro proprietari/dirigenti potrebbero aver ricevuto poca formazione sul funzionamento e sulla gestione e ancor meno sul riconoscimento, la prevenzione e il controllo dei rischi per la salute sul lavoro. Anche dove sono disponibili adeguate risorse educative, spesso mancano il tempo, l'energia e le risorse finanziarie per farne uso.

          Rischi professionali nelle SSE e lo stato di salute dei loro lavoratori

          Come tutti gli altri aspetti dell'ESS, le loro condizioni di lavoro variano ampiamente a seconda della natura generale dell'impresa, del tipo di produzione, della proprietà e dell'ubicazione. In generale, i rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro sono molto simili a quelli incontrati nelle imprese più grandi, ma come notato sopra, le esposizioni ad essi sono spesso sostanzialmente più elevate che nelle grandi imprese. Occasionalmente, tuttavia, le condizioni di lavoro nelle ESS possono essere molto migliori rispetto a quelle nelle imprese più grandi con un tipo di produzione simile (Paoli 1992).

          Sebbene siano stati riportati pochissimi studi, non sorprende che le indagini sulla salute dei lavoratori nelle ESS in paesi industrializzati come la Finlandia (Huuskonen e Rantala 1985) e la Germania (Hauss 1992) abbiano rivelato un'incidenza relativamente alta di problemi di salute, molti dei quali erano associati a una ridotta capacità lavorativa e/o erano di origine legata al lavoro. Nelle SSE nei paesi in via di sviluppo è stata segnalata una prevalenza ancora maggiore di malattie professionali e problemi di salute legati al lavoro (Reverente 1992).

          Ostacoli ai servizi di medicina del lavoro per le ESS

          Esistono formidabili barriere strutturali, economiche e psicologiche alla fornitura di servizi di medicina del lavoro alle ESS. Includono quanto segue:

            1. Tradizionalmente, la legislazione sulla sicurezza e la salute sul lavoro nella maggior parte dei paesi ha esentato gli SSE ed è generalmente applicabile solo alle industrie manifatturiere. Il "settore informale" (questo includerebbe, ad esempio, i lavoratori autonomi) e l'agricoltura non erano coperti. Anche dove la legislazione aveva una copertura più ampia, non era applicabile alle imprese con un numero ridotto di dipendenti: 500 dipendenti era il limite minimo abituale. Di recente, alcuni paesi (ad esempio, Francia, Belgio e paesi nordici) hanno emanato leggi che richiedono la fornitura di servizi di medicina del lavoro per tutte le imprese, indipendentemente dalle dimensioni o dal settore dell'economia (Rantanen 1990).
            2. Gli SSE, come definiti per questo articolo, sono troppo piccoli per giustificare un servizio di medicina del lavoro in azienda. La loro grande diversità rispetto al tipo di industria e ai metodi di produzione, nonché allo stile di organizzazione e funzionamento, insieme al fatto che sono distribuiti su vaste aree geografiche, rende difficile organizzare servizi di medicina del lavoro che soddisfino tutte le loro esigenze.
            3. Le barriere economiche sono sostanziali. Molte SSE sono sull'orlo della sopravvivenza e semplicemente non possono permettersi alcuna aggiunta ai loro costi operativi, anche se potrebbero promettere risparmi significativi in ​​futuro. Inoltre, potrebbero non essere in grado di permettersi l'istruzione e la formazione in materia di riconoscimento, prevenzione e controllo dei pericoli per i loro proprietari/dirigenti, tanto meno per i loro dipendenti. Alcuni paesi hanno affrontato il problema economico fornendo sussidi da agenzie governative o istituti di sicurezza sociale (Rantanen 1994), oppure hanno incluso i servizi di medicina del lavoro nei programmi che promuovono lo sviluppo economico e sociale generale degli SSE (Kogi, Phoon e Thurman 1988).
            4. Anche quando i vincoli finanziari non inibiscono, c'è spesso una riluttanza tra i proprietari/gestori di ESS a dedicare il tempo e l'energia necessari per acquisire la necessaria comprensione di base delle relazioni tra lavoro e salute. Una volta acquisite, tuttavia, le SSE possono avere molto successo nell'applicare le informazioni e le abilità nei loro luoghi di lavoro (Niemi e Notkola 1991; Niemi et al. 1991).
            5. Le imprese del settore informale e della piccola agricoltura sono raramente registrate ei loro legami formali con le agenzie ufficiali possono essere deboli o inesistenti. Le attività svolte come impresa possono essere difficili da distinguere da quelle che coinvolgono la casa e la famiglia private. Di conseguenza, potrebbero esserci preoccupazioni sulla privacy e resistenza agli interventi di "estranei". Le ESS spesso resistono al coinvolgimento in associazioni di categoria e organizzazioni comunitarie, e forse nella maggior parte dei casi i loro dipendenti non sono iscritti a sindacati. Per superare tali ostacoli, alcuni paesi hanno utilizzato organizzazioni di divulgazione per la distribuzione di informazioni, la creazione di speciali opportunità di formazione per gli SSE da parte delle agenzie ufficiali per la sicurezza e la salute sul lavoro e l'adozione del modello di assistenza primaria per la fornitura di servizi di medicina del lavoro ( Jeyaratnam 1992).
            6. Molte SSE si trovano in comunità che forniscono un facile accesso ai servizi di emergenza e di assistenza primaria. Tuttavia, la mancanza di conoscenza ed esperienza dei medici e degli infermieri rispetto ai rischi professionali e ai loro effetti si traduce spesso nel mancato riconoscimento delle malattie professionali e, probabilmente più importante, nella perdita di opportunità per installare le necessarie misure di prevenzione e controllo.

                       

                      Strumenti internazionali relativi alla sicurezza sul lavoro e ai servizi sanitari

                      In alcuni paesi, le attività di sicurezza e salute sul lavoro sono di competenza dei ministeri del lavoro e sono regolate da un'autorità speciale per la sicurezza e la salute sul lavoro; in altri, questa responsabilità è condivisa dai rispettivi ministeri del lavoro, della salute e/o degli affari sociali. In alcuni paesi, come l'Italia, le norme relative ai servizi di medicina del lavoro sono incorporate nella legislazione sanitaria o, come in Finlandia, in una legge speciale. Negli Stati Uniti e in Inghilterra, la fornitura di servizi di medicina del lavoro è su base volontaria, mentre in Svezia, tra gli altri, un tempo era regolata da contratti collettivi.

                      La Convenzione ILO sulla sicurezza e la salute sul lavoro (n. 155) (ILO 1981a) richiede ai governi di organizzare una politica per la sicurezza e la salute sul lavoro applicabile a tutte le imprese in tutti i settori dell'economia che deve essere attuata da un'autorità competente. Questa Convenzione stabilisce le responsabilità delle autorità, dei datori di lavoro e dei lavoratori e, integrata dalla concomitante Raccomandazione n. 164, definisce le principali attività di sicurezza e salute sul lavoro di tutti i soggetti interessati a livello nazionale e locale.

                      L'ILO li ha integrati nel 1985 con la Convenzione internazionale n. 161 e la Raccomandazione n. 171 sui servizi di medicina del lavoro. Questi contengono disposizioni sull'elaborazione delle politiche, l'amministrazione, l'ispezione e la collaborazione dei servizi di medicina del lavoro, le attività dei gruppi di sicurezza e salute sul lavoro, le condizioni operative e le responsabilità dei datori di lavoro e dei lavoratori, e offrono inoltre linee guida per l'organizzazione dei servizi di medicina del lavoro a livello di l'impresa. Sebbene non specifichino gli SSE, sono stati sviluppati tenendo conto di questi poiché non sono stati fissati limiti di dimensione per i servizi di medicina del lavoro ed è stata sottolineata la necessaria flessibilità nella loro organizzazione.

                      Sfortunatamente, la ratifica di questi strumenti dell'OIL è stata limitata, in particolare nei paesi in via di sviluppo. Sulla base dell'esperienza dei paesi industrializzati, è probabile che senza azioni speciali e supporto da parte delle autorità governative, l'attuazione dei principi dell'ILO non avrà luogo nelle ESS.

                      L'OMS è stata attiva nel promuovere lo sviluppo dei servizi di medicina del lavoro. L'esame dei requisiti legali è stato effettuato in una consultazione nel 1989 (WHO 1989a) e una serie di circa 20 documenti tecnici su vari aspetti dei servizi di medicina del lavoro è stata pubblicata dalla sede centrale dell'OMS. Nel 1985 e di nuovo nel 1992, l'Ufficio regionale dell'OMS in Europa ha condotto e riportato indagini sui servizi di medicina del lavoro in Europa, mentre l'Organizzazione panamericana della sanità ha designato il 1992 come anno speciale per la salute sul lavoro, promuovendo le attività di salute sul lavoro in generale e conducendo un programma speciale in Centro e Sud America.

                      L'Unione Europea ha emanato 16 direttive in materia di sicurezza e salute sul lavoro, la più importante delle quali è la Direttiva 391/1989, denominata “Direttiva Quadro” (CEC 1989). Questi contengono disposizioni per misure specifiche come richiedere ai datori di lavoro di organizzare valutazioni dei rischi per la salute di diverse strutture tecniche o di fornire esami sanitari dei lavoratori esposti a rischi speciali. Coprono anche la protezione dei lavoratori contro i pericoli fisici, chimici e biologici, compresa la movimentazione di carichi pesanti e il lavoro presso unità video.

                      Mentre tutti questi strumenti e sforzi internazionali sono stati sviluppati pensando alle ESS, il fatto è che la maggior parte delle loro disposizioni sono pratiche solo per le imprese più grandi. Restano da sviluppare modelli efficaci per l'organizzazione di un livello simile di servizi di medicina del lavoro per l'ESS.

                      Organizzazione dei servizi di medicina del lavoro per le ESS

                      Come notato in precedenza, le loro piccole dimensioni, la dispersione geografica e l'ampia variazione dei tipi e delle condizioni di lavoro, insieme alle grandi limitazioni delle risorse economiche e umane, rendono difficile organizzare in modo efficiente i servizi di medicina del lavoro per le ESS. Solo alcuni dei vari modelli per la fornitura di servizi di medicina del lavoro descritti in dettaglio in questo capitolo sono adattabili all'ESS.

                      Forse le uniche eccezioni sono le SSE che sono unità operative disperse di grandi imprese. Questi di solito sono regolati da politiche stabilite per l'intera organizzazione, partecipano ad attività educative e formative a livello aziendale e hanno accesso a un team multidisciplinare di specialisti in medicina del lavoro situato in un servizio centrale di medicina del lavoro che di solito ha sede presso la sede del impresa. Un fattore importante per il successo di questo modello è che tutti i costi delle attività di sicurezza e salute sul lavoro siano coperti dall'unità centrale di medicina del lavoro o dal bilancio generale aziendale. Quando, come sempre più spesso, i costi sono imputati al budget operativo della SSE, può essere difficile ottenere la piena collaborazione del suo dirigente locale, la cui performance può essere giudicata sulla base della redditività di quella particolare impresa.

                      I servizi di gruppo organizzati congiuntamente da diverse piccole e medie imprese sono stati implementati con successo in diversi paesi europei: Finlandia, Svezia, Norvegia, Danimarca, Paesi Bassi e Francia. In alcuni altri paesi sono stati sperimentati, con l'aiuto di sovvenzioni governative o fondazioni private, ma non sono sopravvissuti dopo la cessazione delle sovvenzioni.

                      Un'interessante modifica del modello di servizio di gruppo è il servizio di filiale, che fornisce servizi a un numero elevato di imprese operanti tutte nello stesso tipo di industria, come l'edilizia, la silvicoltura, l'agricoltura, l'industria alimentare e così via. Il modello consente alle unità di servizio di specializzarsi nei problemi tipici del ramo e quindi di accumulare un'elevata competenza nel settore che servono. Un famoso esempio di tale modello è la svedese Bygghälsan, che fornisce servizi per l'industria delle costruzioni.

                      Un'eccezione degna di nota è l'accordo organizzato da un sindacato i cui membri sono impiegati in ESS ampiamente disperse in un unico settore (ad esempio, operatori sanitari, tagliatori di carne, impiegati e lavoratori dell'abbigliamento). Solitamente organizzati nell'ambito di un contratto collettivo, sono finanziati dai contributi dei datori di lavoro, ma sono generalmente governati da un consiglio composto da rappresentanti sia dei datori di lavoro che dei lavoratori. Alcuni gestiscono centri sanitari locali che forniscono un'ampia gamma di servizi clinici primari e specialistici non solo per i lavoratori ma spesso anche per le persone a loro carico.

                      In alcuni casi, i servizi di medicina del lavoro vengono forniti da cliniche ambulatoriali ospedaliere, centri sanitari privati ​​e centri di assistenza primaria della comunità. Tendono a concentrarsi sul trattamento di gravi infortuni e malattie legate al lavoro e, ad eccezione forse degli esami medici di routine, forniscono poco in termini di servizi preventivi. Il loro personale ha spesso un basso livello di sofisticazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro e il fatto che di solito siano pagati in base a un compenso per il servizio non costituisce un grande incentivo per il loro coinvolgimento nella sorveglianza, prevenzione e controllo dei rischi sul posto di lavoro.

                      Uno svantaggio particolare di questi accordi di "servizi esterni" è che il rapporto di cliente o cliente con coloro che li utilizzano preclude generalmente la partecipazione e la collaborazione di datori di lavoro e lavoratori alla pianificazione e al monitoraggio di questi servizi che sono stipulati nelle Convenzioni ILO e nelle altre Convenzioni internazionali strumenti nati per orientare i servizi di sicurezza e salute sul lavoro.

                      Un'altra variante è il "modello previdenziale", in cui i servizi di medicina del lavoro sono forniti dalla stessa organizzazione che è responsabile del costo del risarcimento per malattie professionali e infortuni. Questo facilita la disponibilità di risorse per finanziare i servizi in cui, sebbene siano presenti servizi curativi e riabilitativi, i servizi preventivi sono spesso prioritari.

                      Uno studio approfondito condotto in Finlandia (Kalimo et al. 1989), uno dei pochissimi tentativi di valutare i servizi di medicina del lavoro, ha mostrato che i centri sanitari municipali e i centri sanitari privati ​​erano i principali fornitori di servizi di medicina del lavoro per le ESS, seguiti dal centri di gruppo o condivisi. Più piccola era l'impresa, più era probabile che utilizzasse il centro sanitario municipale; fino al 70% delle ESS da uno a cinque lavoratori erano servite da centri sanitari comunali. Tra i risultati significativi dello studio vi è stata la verifica del valore delle visite sul posto di lavoro da parte del personale dei centri al servizio delle ESS per conoscere (1) le condizioni di lavoro e le particolari problematiche sanitarie professionali delle imprese clienti, e (2) la necessità fornire loro una formazione specifica in materia di sicurezza e salute sul lavoro prima di intraprendere la fornitura dei servizi.

                      Tipi di attività per i servizi di medicina del lavoro per le ESS

                      I servizi di medicina del lavoro progettati per le ESS variano ampiamente a seconda delle leggi e prassi nazionali, dei tipi di lavoro e degli ambienti di lavoro interessati, delle caratteristiche e dello stato di salute dei lavoratori e della disponibilità di risorse (sia in termini di capacità delle ESS di permettersi i servizi di medicina del lavoro e la disponibilità di strutture e personale sanitario sul territorio). Sulla base degli strumenti internazionali sopra citati e dei seminari e delle consultazioni regionali, è stato sviluppato un elenco di attività per servizi completi di medicina del lavoro (Rantanen 1989; OMS 1989a, 1989b). Una serie di attività chiave che dovrebbero essere sempre presenti in un programma di servizi di medicina del lavoro e che sono rilevanti per l'ESS possono essere raccolte da tali rapporti. Comprendono ad esempio:

                      Valutazione dei bisogni di salute sul lavoro dell'impresa

                      • analisi preliminare delle attività dell'impresa e identificazione dei rischi per la salute e la sicurezza comuni a tali luoghi di lavoro
                      • ispezione e sorveglianza del luogo di lavoro per identificare e quantificare i pericoli effettivamente presenti nella particolare impresa
                      • valutare l'entità dei rischi che presentano e classificarli in ordine di urgenza e priorità
                      • ripetere la valutazione dei pericoli ogni volta che ci sono cambiamenti nei metodi di produzione, nelle attrezzature e nei materiali.

                       

                      Attività di prevenzione e controllo nei luoghi di lavoro

                      • comunicazione dei risultati della valutazione ai titolari/dirigenti e ai rappresentanti dei lavoratori
                      • individuazione delle misure di prevenzione e controllo necessarie e disponibili, attribuendo loro la relativa priorità in termini di urgenza e fattibilità
                      • supervisionarne l'installazione e l'implementazione
                      • monitorarne la continua efficacia.

                       

                      Attività preventive rivolte ai lavoratori

                      • valutazione e sorveglianza dello stato di salute dei lavoratori mediante pre-collocamento, screening ed esami periodici, sia generali che focalizzati sugli effetti biologici di particolari pericoli cui i lavoratori possono essere stati esposti
                      • adattamento del posto di lavoro, del posto di lavoro e dell'ambiente di lavoro per promuovere la salute e la sicurezza continua dei lavoratori con particolare attenzione ai gruppi vulnerabili come i giovanissimi, gli anziani e le persone con malattie acquisite e disabilità
                      • fornire ai lavoratori educazione sanitaria e formazione alle corrette pratiche di lavoro
                      • fornire istruzione e formazione per proprietari/dirigenti e supervisori che inculchino la consapevolezza delle esigenze di salute dei lavoratori e la motivazione per avviare adeguate misure di prevenzione e controllo.

                       

                      Attività curative

                      • fornire o disporre l'erogazione di adeguati servizi diagnostici, terapeutici e riabilitativi per gli infortuni e le malattie professionali
                      • fornire o organizzare una riabilitazione precoce per ovviare a disabilità evitabili e incoraggiare e supervisionare gli adattamenti nel lavoro che consentiranno il ritorno anticipato al lavoro
                      • fornire istruzione e formazione (e riqualificazione periodica) nelle procedure di primo soccorso e di emergenza
                      • stabilire procedure e condurre esercitazioni di addestramento per far fronte a gravi emergenze come sversamenti, incendi, esplosioni e così via
                      • fornire o organizzare il coinvolgimento dei lavoratori in programmi che promuovono la salute e il benessere generale.

                       

                      Registrazione e valutazione

                      • effettuare e conservare adeguate registrazioni sugli infortuni sul lavoro, infortuni e malattie professionali e, se possibile, sull'esposizione; valutare lo stato generale di salute e sicurezza dell'impresa sulla base di tali dati
                      • monitorare l'efficacia delle misure di prevenzione e controllo dei pericoli.

                       

                      Implicita nell'elenco di attività fondamentali di cui sopra è l'adeguata disponibilità di consigli e consulenze in tali specialità di sicurezza e salute sul lavoro come l'igiene del lavoro, l'ergonomia, la fisiologia del lavoro, l'ingegneria della sicurezza, la psichiatria e la psicologia del lavoro e così via. È improbabile che tali specialisti siano rappresentati nel personale delle strutture che forniscono servizi di medicina del lavoro alle ESS ma, quando necessario, di solito possono essere forniti da agenzie governative, università e risorse di consulenza private.

                      A causa della loro mancanza di sofisticazione e di tempo, i proprietari/gestori di SSE sono costretti a fare più affidamento sui fornitori di attrezzature di sicurezza per l'efficacia e l'affidabilità dei loro prodotti, e sui fornitori di prodotti chimici e altri materiali di produzione per informazioni complete e chiare (ad esempio, schede tecniche) sui pericoli che possono presentare e su come questi possono essere prevenuti o controllati. È importante, quindi, che esistano leggi e regolamenti nazionali che coprano un'etichettatura corretta, la qualità e l'affidabilità del prodotto e la fornitura di informazioni facilmente comprensibili (nella lingua locale) sull'uso e la manutenzione delle attrezzature, nonché sull'uso e la conservazione del prodotto. Come supporto, le organizzazioni commerciali e comunitarie di cui le SSE sono spesso membri dovrebbero includere informazioni sulla prevenzione e il controllo delle esposizioni potenzialmente pericolose nelle loro newsletter e altre comunicazioni.

                      Conclusioni

                      Nonostante la loro importanza per l'economia nazionale e il loro ruolo di datori di lavoro della maggioranza della forza lavoro nazionale, l'ESS, i lavoratori autonomi e l'agricoltura sono settori tipicamente scarsamente serviti dai servizi di medicina del lavoro. La Convenzione ILO n. 161 e la Raccomandazione n. 171 forniscono linee guida pertinenti per lo sviluppo di tali servizi per l'ESS e dovrebbero essere ratificate e attuate da tutti i paesi. I governi nazionali dovrebbero sviluppare i necessari meccanismi legali, amministrativi e finanziari per fornire a tutti i luoghi di lavoro servizi di sicurezza e salute sul lavoro che identifichino, prevengano e controllino efficacemente le esposizioni a potenziali pericoli e promuovano il miglioramento e il mantenimento di livelli ottimali di stato di salute, benessere e capacità produttiva di tutti i lavoratori. La collaborazione a livello internazionale, regionale e subregionale, come quella fornita dall'ILO e dall'OMS, dovrebbe essere incoraggiata per promuovere lo scambio di informazioni ed esperienze, lo sviluppo di norme e linee guida appropriate e l'avvio di programmi di formazione e ricerca pertinenti.

                      Le ESS possono in molti casi essere riluttanti a cercare attivamente i servizi delle unità di medicina del lavoro anche se potrebbero essere i migliori beneficiari di tali servizi. In considerazione di ciò, alcuni governi e istituzioni, in particolare nei paesi nordici, hanno adottato una nuova strategia avviando interventi su vasta scala per l'istituzione o lo sviluppo di servizi. Ad esempio, l'Istituto finlandese di medicina del lavoro attua attualmente un programma d'azione, per 600 ESS che impiegano 16,000 lavoratori, finalizzato allo sviluppo dei servizi di medicina del lavoro, al mantenimento della capacità lavorativa, alla prevenzione dei rischi ambientali nel vicinato e al miglioramento della competenza delle ESS in materia di lavoro salute e sicurezza.

                       

                      Di ritorno

                      Ogni datore di lavoro è contrattualmente obbligato a prendere precauzioni per garantire la sicurezza dei propri dipendenti. Le norme e i regolamenti in materia di lavoro a cui prestare attenzione sono necessariamente tanto vari quanto i pericoli presenti sul posto di lavoro. Per questo motivo, la legge sulla sicurezza sul lavoro (ASiG) della Repubblica federale di Germania include tra i doveri dei datori di lavoro l'obbligo legale di consultare professionisti specializzati in materia di sicurezza sul lavoro. Ciò significa che il datore di lavoro è tenuto a nominare non solo personale specializzato (in particolare per le soluzioni tecniche) ma anche medici aziendali per gli aspetti medici della sicurezza sul lavoro.

                      La legge sulla sicurezza sul lavoro è in vigore dal dicembre 1973. All'epoca nella RFT c'erano solo circa 500 medici formati in quella che veniva chiamata medicina del lavoro. Il sistema dell'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni ha svolto un ruolo decisivo nello sviluppo e nella costruzione dell'attuale sistema, mediante il quale la medicina del lavoro si è affermata nelle aziende nella persona dei medici aziendali.

                      Doppio sistema di salute e sicurezza sul lavoro nella Repubblica federale di Germania

                      In quanto uno dei cinque rami della previdenza sociale, il sistema legale di assicurazione contro gli infortuni attribuisce priorità al compito di adottare tutte le misure appropriate per garantire la prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali attraverso l'individuazione e l'eliminazione dei rischi per la salute legati al lavoro. Al fine di adempiere a questo mandato legale, i legislatori hanno conferito ampia autorità a un sistema di assicurazione contro gli infortuni autonomo per emanare le proprie regole e regolamenti che concretizzano e modellano le necessarie precauzioni preventive. Per questo motivo, il sistema legale dell'assicurazione contro gli infortuni ha assunto – nei limiti del diritto pubblico esistente – il ruolo di determinare quando un datore di lavoro è tenuto ad assumere un medico aziendale, quali qualifiche in medicina del lavoro il datore di lavoro può richiedere all'azienda medico e quanto tempo il datore di lavoro può stimare che il medico dovrà dedicare alla cura dei suoi dipendenti.

                      La prima bozza di tale norma antinfortunistica risale al 1978. All'epoca, il numero di medici disponibili con competenze in medicina del lavoro non appariva sufficiente per garantire a tutte le imprese l'assistenza dei medici aziendali. Così si è deciso in un primo momento di stabilire condizioni concrete per le imprese più grandi. All'epoca, certo, le imprese appartenenti alla grande industria avevano spesso già provveduto a provvedere autonomamente ai medici aziendali, disposizioni che già soddisfacevano o addirittura superavano i requisiti previsti dalla normativa antinfortunistica.

                      Assunzione di un Medico Competente

                      Le ore assegnate nelle aziende per la cura dei dipendenti - chiamate tempi di assegnazione—sono stabiliti dal sistema legale di assicurazione contro gli infortuni. Le conoscenze a disposizione degli assicuratori circa i rischi per la salute esistenti nei vari rami hanno costituito la base per il calcolo dei tempi di affidamento. L'inquadramento delle imprese rispetto a particolari assicuratori e la valutazione dei possibili rischi per la salute da essi intrapresa costituivano quindi la base per l'attribuzione di un medico aziendale.

                      Poiché l'assistenza prestata dai medici aziendali è una misura di sicurezza sul lavoro, il datore di lavoro deve coprire i costi di assegnazione di tali medici. Il numero di dipendenti all'interno di ciascuna delle diverse aree di rischio moltiplicato per il tempo dedicato all'assistenza determina la somma degli oneri finanziari. Il risultato è una gamma di forme di cura diverse, poiché può pagare - a seconda delle dimensioni di un'azienda - o per assumere un medico o medici a tempo pieno, cioè come proprio dell'azienda, o part-time, con servizi resi su base oraria. Questa varietà di requisiti ha portato a una varietà di forme organizzative in cui vengono offerti i servizi di medicina del lavoro.

                      I doveri di un medico aziendale

                      In linea di principio, occorre distinguere, per motivi giuridici, tra le disposizioni prese dalle aziende per fornire assistenza ai dipendenti e l'attività svolta dai medici del sistema sanitario pubblico preposti all'assistenza medica generale della popolazione.

                      Al fine di differenziare chiaramente i servizi di medicina del lavoro di cui sono responsabili i datori di lavoro, che sono riportati nella figura 1, la legge sulla sicurezza sul lavoro ha già fissato nella legge un catalogo di doveri per i medici aziendali. Il medico competente non è soggetto agli ordini del datore di lavoro nell'espletamento di tali compiti; tuttavia, fino ai giorni nostri, i medici aziendali hanno dovuto lottare contro l'immagine del medico d'ufficio.

                      Figura 1. Le mansioni dei medici del lavoro assunti dalle aziende in Germania

                      OHS162T1

                      Uno dei compiti essenziali del medico aziendale è la visita di medicina del lavoro dei dipendenti. Tale visita può rendersi necessaria in relazione alle specificità di una determinata azienda, qualora sussistano particolari condizioni lavorative che inducano il medico competente a proporre, di propria iniziativa, una visita ai dipendenti interessati. Non può però costringere un dipendente a lasciarsi esaminare da lui, ma deve piuttosto convincerlo attraverso la fiducia.

                      Visite Speciali Preventive in Medicina del Lavoro

                      Esiste, oltre a questo tipo di visita, l'apposita visita preventiva, la cui partecipazione da parte del lavoratore è prevista dal datore di lavoro per motivi di legge. Tali speciali controlli preventivi si concludono con il rilascio di un certificato medico, in cui il medico esaminatore attesta che, sulla base della visita effettuata, non ha obiezioni all'assunzione da parte del dipendente del posto di lavoro in questione. Il datore di lavoro può assegnare il dipendente una sola volta per ogni certificato rilasciato.

                      Speciali controlli preventivi in ​​medicina del lavoro sono prescritti per legge se nell'ambiente di lavoro si verifica un'esposizione a particolari materiali pericolosi o se particolari attività pericolose fanno parte della pratica lavorativa e tali rischi per la salute non possono essere esclusi attraverso adeguate misure di sicurezza sul lavoro. Solo in circostanze eccezionali, come nel caso, ad esempio, dei controlli di radioprotezione, l'obbligo legale di eseguire un esame viene integrato da disposizioni di legge relative a ciò a cui il medico che esegue l'esame deve prestare attenzione, quali metodi deve applicare, quali criteri deve utilizzare per interpretare l'esito della visita e quali criteri deve applicare nel giudicare lo stato di salute in relazione agli incarichi di lavoro.

                      Per questo nel 1972 il associazioni di commercio, costituita da associazioni di categoria commerciali che erogano l'assicurazione contro gli infortuni per l'artigianato e l'industria, ha autorizzato un comitato di esperti a formulare adeguate raccomandazioni ai medici operanti in medicina del lavoro. Tali raccomandazioni esistono da più di 20 anni. Il associazioni di commercio Le linee guida per i controlli preventivi speciali, elencate nella figura 2, mostrano ora un totale di 43 procedure di esame per i vari rischi per la salute che possono essere contrastati, sulla base delle attuali conoscenze, con adeguate misure di precauzione medica in modo da prevenire lo sviluppo di malattie.

                      Figura 2. Informazioni sintetiche sui servizi esterni del Berufgenossenschaften nell'industria edile tedesca

                      OHS162T2

                      L' associazioni di commercio dedurre il mandato di rendere disponibili tali raccomandazioni dal loro dovere di adottare tutte le misure appropriate per prevenire l'insorgenza di malattie professionali. Queste linee guida per i controlli preventivi speciali sono un lavoro standard nel campo della medicina del lavoro. Trovano applicazione in tutte le sfere di attività, non solo nelle imprese nel settore del commercio e dell'industria.

                      In relazione alla fornitura di tali raccomandazioni di medicina del lavoro, il associazioni di commercio ha inoltre provveduto tempestivamente a garantire che nelle aziende sprovviste di un proprio medico aziendale il datore di lavoro fosse tenuto a predisporre tali controlli preventivi. Fermi restando alcuni requisiti di base che hanno a che fare principalmente con le conoscenze specialistiche del medico, ma anche con le strutture disponibili nel suo studio, anche i medici senza esperienza in medicina del lavoro possono acquisire l'autorità per offrire alle aziende i loro servizi nell'esecuzione di controlli preventivi, subordinato a una politica amministrata dal associazioni di commercio. Questo è stato il presupposto per l'attuale disponibilità del totale di 13,000 medici autorizzati in Germania che eseguono i 3.8 milioni di controlli preventivi eseguiti ogni anno.

                      E' stata la fornitura di un numero sufficiente di medici che ha consentito anche legalmente di esigere che i datori di lavoro avviassero questi speciali controlli preventivi in ​​completa indipendenza dal fatto che l'azienda si avvalesse o meno di un medico preparato a tali controlli. In questo modo è stato possibile utilizzare il sistema obbligatorio di assicurazione contro gli infortuni per garantire l'applicazione di alcune misure di tutela della salute sul lavoro, anche a livello di piccole imprese. Le norme di legge in materia si trovano nell'Ordinanza sulle sostanze pericolose e, in senso lato, nella normativa antinfortunistica, che disciplina i diritti ei doveri del datore di lavoro e del dipendente esaminato e la funzione del medico abilitato.

                      Assistenza fornita dai medici aziendali

                      Le statistiche pubblicate annualmente dal Consiglio federale dei medici (Associazione medica federale) evidenziano che per l'anno 1994 oltre 11,500 medici possiedono i requisiti, sotto forma di conoscenze specialistiche in medicina del lavoro, per essere medici aziendali (cfr. tabella 1). Nella Repubblica federale di Germania, l'organizzazione Standesvertretung la rappresentanza della professione medica regola autonomamente quali titoli devono essere posseduti dai medici per quanto riguarda lo studio e il successivo sviluppo professionale prima che possano esercitare l'attività di medico in un determinato campo della medicina.

                      Tabella 1. Medici con conoscenze specialistiche in medicina del lavoro

                       

                      Numero*

                      Percentuale*

                      Denominazione del campo "medicina del lavoro"

                      3,776

                      31.4

                      Denominazione aggiuntiva "medicina aziendale"

                      5,732

                      47.6

                      Conoscenze specialistiche in medicina del lavoro
                      secondo altre qualifiche

                      2,526

                      21.0

                      Totale

                      12,034

                      100

                      * A partire dal 31 dicembre 1995.

                      Il soddisfacimento di tali prerequisiti per l'attività di medico aziendale rappresenta o il conseguimento della qualificazione disciplinare “medicina del lavoro” o della qualificazione aggiuntiva “medicina d'impresa”, ovvero quattro anni di ulteriore studio dopo l'abilitazione all'esercizio della professione per esercitare esclusivamente l'attività di medico del lavoro, oppure tre anni di ulteriore studio, decorsi i quali l'attività di medico aziendale è consentita solo in quanto connessa con l'attività medica in altro campo (es. internista). I medici tendono a preferire la seconda variante. Ciò significa, tuttavia, che loro stessi vedono l'enfasi principale del loro lavoro professionale come medici in un campo classico dell'attività medica, non nella pratica medica professionale.

                      Per questi medici la medicina del lavoro ha il significato di fonte ausiliaria di reddito. Ciò spiega allo stesso tempo perché l'elemento medico della visita medica continui a prevalere nell'esercizio pratico della professione di medico aziendale, sebbene il legislatore e lo stesso sistema legale di assicurazione contro gli infortuni pongano l'accento sull'ispezione delle aziende e sulla consulenza medica prestata a datori di lavoro e dipendenti .

                      Inoltre, esiste ancora un gruppo di medici che, avendo acquisito conoscenze specialistiche in medicina del lavoro negli anni precedenti, soddisfacevano a quel tempo requisiti diversi. Di particolare importanza a questo proposito sono gli standard che i medici dell'ex Repubblica Democratica Tedesca dovevano soddisfare per poter esercitare la professione di medico aziendale.

                      Organizzazione delle cure fornite dai medici aziendali

                      In linea di principio, è lasciata al datore di lavoro la libera scelta del medico aziendale per l'azienda tra quelli che offrono servizi di medicina del lavoro. Poiché tale offerta non era ancora disponibile dopo la costituzione, all'inizio degli anni '1970, dei relativi presupposti giuridici, il sistema obbligatorio di assicurazione contro gli infortuni ha preso l'iniziativa di regolare l'economia di mercato della domanda e dell'offerta.

                      L' associazioni di commercio dell'industria edile ha istituito i propri servizi di medicina del lavoro, impegnando medici specialisti in medicina del lavoro in contratti di assistenza, in qualità di medici aziendali, alle imprese convenzionate. Attraverso i loro statuti, il associazioni di commercio disponevano che ciascuna delle loro aziende fosse assistita dal proprio servizio di medicina del lavoro. I costi sostenuti sono stati ripartiti tra tutte le imprese attraverso opportune forme di finanziamento. Una sintesi delle informazioni relative ai servizi esterni di medicina del lavoro del associazioni di commercio del settore edile è riportato nella tabella 2.

                      Tabella 2. Assistenza medica aziendale fornita dai servizi esterni di medicina del lavoro, 1994

                       

                      Medici che prestano assistenza come occupazione primaria

                      Medici che prestano assistenza come occupazione secondaria

                      I nostri Centri

                      Dipendenti curati

                      ARGE Bau1

                      221

                       

                      83 cellulari: 46

                       

                      BAD2

                      485

                      72

                      175 cellulari: 7

                      1.64 milioni

                      IAS3

                      183

                       

                      58

                      500,000

                      TÜV4

                         

                      72

                       

                      AMD Würzburg5

                      60-70

                       

                      30-35

                       

                      1 ARGE Bau = Comunità Operaia del Berufgenossenschaften delle Associazioni di categoria del settore edile.
                      2 BAD = Servizio di Medicina del Lavoro del Berufgenossenschaften.
                      3 IAS = Istituto di Medicina del Lavoro e Sociale.
                      4 TÜV = Associazione di controllo tecnico.
                      5 AMD Würzburg = Servizio di medicina del lavoro del Berufgenossenschaften.

                       

                      L' associazioni di commercio per l'industria marittima e quella per le spedizioni nazionali fondarono anche i propri servizi di medicina del lavoro per le loro imprese. È una caratteristica di tutti loro che le idiosincrasie delle imprese del loro settore - imprese non stazionarie con particolari esigenze professionali - siano state un fattore decisivo nel prendere l'iniziativa di far capire alle loro aziende la necessità dei medici aziendali.

                      Considerazioni analoghe hanno provocato il resto associazioni di commercio di unirsi in una confederazione per fondare il Servizio di Medicina del Lavoro della associazioni di commercio (CATTIVO). Questa organizzazione di servizi, che offre i suoi servizi a tutte le imprese del mercato, è stata abilitata in una fase iniziale dalle garanzie finanziarie fornite dal associazioni di commercio essere presente su tutto il territorio della Repubblica Federale Tedesca. La sua ampia copertura, per quanto riguarda la rappresentanza, aveva lo scopo di garantire che anche quelle imprese situate negli stati federali, o stati di attività economica relativamente scarsa, della Repubblica federale avessero accesso a un medico aziendale nella loro zona. Questo principio è stato mantenuto fino ad oggi. Il BAD è considerato, nel frattempo, il più grande fornitore di servizi di medicina del lavoro. Tuttavia, è costretta dall'economia di mercato ad affermarsi contro la concorrenza di altri fornitori, in particolare all'interno degli agglomerati urbani, mantenendo un alto livello di qualità in ciò che offre.

                      I servizi di medicina del lavoro dell'Associazione per il controllo tecnico (TÜV) e dell'Istituto per la medicina del lavoro e sociale (IAS) sono il secondo e il terzo fornitore transregionale. Vi sono inoltre numerose piccole imprese attive a livello regionale in tutti gli Stati Federati di Germania.

                      Cooperazione con altri fornitori di servizi in materia di salute e sicurezza sul lavoro

                      La legge sulla sicurezza sul lavoro, quale base giuridica per l'assistenza prestata alle aziende da parte dei medici aziendali, prevede anche la vigilanza professionale sulla sicurezza sul lavoro, in particolare al fine di garantire che gli aspetti della sicurezza sul lavoro siano gestiti da personale istruito sulle precauzioni tecniche. Le esigenze della pratica industriale sono nel frattempo cambiate a tal punto che le conoscenze tecniche relative a questioni di sicurezza sul lavoro devono ora essere integrate sempre più dalla familiarità con questioni di tossicologia dei materiali utilizzati. Inoltre, le questioni dell'organizzazione ergonomica delle condizioni di lavoro e degli effetti fisiologici degli agenti biologici giocano un ruolo crescente nelle valutazioni degli stress in un luogo di lavoro.

                      Le conoscenze necessarie possono essere acquisite solo attraverso la collaborazione interdisciplinare di esperti nel campo della salute e della sicurezza sul lavoro. Pertanto, il sistema obbligatorio di assicurazione contro gli infortuni sostiene in particolare lo sviluppo di forme organizzative che tengano conto di tale cooperazione interdisciplinare in fase organizzativa e crei al proprio interno i presupposti per tale cooperazione, ridisegnando opportunamente i propri dipartimenti amministrativi. Quello che un tempo si chiamava Servizio Ispettivo Tecnico dell'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni si trasforma in un campo di prevenzione, all'interno del quale non solo ingegneri tecnici ma anche chimici, biologi e, sempre più, medici sono attivi insieme nella progettazione di soluzioni ai problemi della sicurezza sul lavoro.

                      Questo è uno dei presupposti indispensabili per creare le basi per quel tipo di organizzazione della cooperazione interdisciplinare - all'interno delle imprese e tra enti di servizi tecnologici per la sicurezza e medici aziendali - necessaria per un'efficiente soluzione dei problemi immediati della salute e sicurezza sul lavoro.

                      Inoltre, la supervisione in materia di tecnologia della sicurezza dovrebbe essere avanzata, in tutte le aziende, tanto quanto la supervisione da parte dei medici aziendali. Gli specialisti della sicurezza devono essere assunti dalle imprese sulla stessa base giuridica - la legge sulla sicurezza sul lavoro - o il personale adeguatamente formato affiliato all'industria deve essere fornito dalle imprese stesse. Così come nel caso della sorveglianza prestata dai medici aziendali, la normativa antinfortunistica, Specialisti per la sicurezza sul lavoro (VBG 122), ha formulato i requisiti secondo i quali le imprese devono avvalersi di specialisti della sicurezza. Anche nel caso della vigilanza tecnico-sicurezza delle imprese, tali prescrizioni adottano tutte le cautele necessarie per incorporare ciascuna delle 2.6 milioni di imprese che attualmente compongono l'economia commerciale oltre a quelle del settore pubblico.

                      Circa due milioni di queste imprese hanno meno di 20 dipendenti e sono classificate come piccola industria. Con la piena supervisione di tutte le imprese, comprese le imprese sempre più piccole, il sistema legale di assicurazione contro gli infortuni si crea una piattaforma per l'istituzione della salute e della sicurezza sul lavoro in tutti i settori.

                       

                      Di ritorno

                      Storia

                      I servizi di medicina del lavoro negli Stati Uniti sono sempre stati divisi in funzione e controllo. La misura in cui il governo a qualsiasi livello dovrebbe emanare regole che influenzino le condizioni di lavoro è stata oggetto di continue controversie. Inoltre, c'è stata una tensione inquieta tra i governi statale e federale su chi dovrebbe assumersi la responsabilità primaria per i servizi di prevenzione basati principalmente sulle leggi che regolano la sicurezza e la salute sul lavoro. Il risarcimento monetario per infortuni e malattie sul lavoro è stato principalmente responsabilità delle compagnie assicurative private e l'educazione alla sicurezza e alla salute, con solo recenti modifiche, è stata lasciata in gran parte ai sindacati e alle aziende.

                      È stato a livello statale che ha avuto luogo il primo sforzo governativo per regolamentare le condizioni di lavoro. Le leggi sulla sicurezza e la salute sul lavoro iniziarono ad essere emanate dagli stati nel 1800, quando i livelli crescenti di produzione industriale iniziarono ad essere accompagnati da alti tassi di incidenti. La Pennsylvania ha promulgato la prima legge sull'ispezione delle miniere di carbone nel 1869 e il Massachusetts è stato il primo stato ad approvare una legge sull'ispezione delle fabbriche nel 1877.

                      Nel 1900 gli stati più industrializzati disponevano di alcune leggi che regolavano alcuni rischi sul posto di lavoro. All'inizio del ventesimo secolo, New York e il Wisconsin guidarono la nazione nello sviluppo di programmi di sicurezza e salute sul lavoro più completi.

                      La maggior parte degli stati ha adottato leggi sulla compensazione dei lavoratori che impongono l'assicurazione privata senza colpa tra il 1910 e il 1920. Alcuni stati, come Washington, forniscono un sistema gestito dallo stato che consente la raccolta di dati e il targeting degli obiettivi di ricerca. Le leggi sulla compensazione variavano ampiamente da stato a stato, generalmente non erano ben applicate e escludevano dalla copertura molti lavoratori, come i lavoratori agricoli. Solo i lavoratori ferroviari, portuali e portuali e gli impiegati federali hanno sistemi nazionali di compensazione dei lavoratori.

                      Nei primi decenni del ventesimo secolo, il ruolo federale nella sicurezza e salute sul lavoro era in gran parte limitato alla ricerca e alla consultazione. Nel 1910 fu istituito presso il Dipartimento degli Interni il Federal Bureau of Mines per indagare sugli incidenti; consultare l'industria; condurre ricerche sulla sicurezza e sulla produzione; e fornire formazione in materia di prevenzione degli incidenti, primo soccorso e soccorso in miniera. L'Office of Industrial Hygiene and Sanitation è stato creato nel Servizio sanitario pubblico nel 1914 per condurre ricerche e assistere gli stati nella risoluzione dei problemi di sicurezza e salute sul lavoro. Si trovava a Pittsburgh a causa della sua stretta associazione con il Bureau of Mines e della sua attenzione agli infortuni e alle malattie nelle industrie minerarie e siderurgiche.

                      Nel 1913 fu istituito un dipartimento del lavoro separato; il Bureau of Labor Standards e l'Interdepartmental Safety Council furono organizzati nel 1934. Nel 1936, il Department of Labor iniziò ad assumere un ruolo normativo ai sensi del Walsh-Healey Public Contracts Act, che richiedeva ad alcuni appaltatori federali di soddisfare gli standard minimi di sicurezza e salute. L'applicazione di questi standard è stata spesso effettuata dagli stati con vari gradi di efficacia, in base ad accordi di cooperazione con il Dipartimento del lavoro. Molti ritenevano che questo mosaico di leggi statali e federali non fosse efficace nella prevenzione di infortuni e malattie sul lavoro.

                      L'era moderna

                      Le prime leggi federali complete sulla sicurezza e la salute sul lavoro furono approvate nel 1969 e nel 1970. Nel novembre 1968, un'esplosione a Farmington, West Virginia, uccise 78 minatori di carbone, dando impulso alle richieste dei minatori per una legislazione federale più severa. Nel 1969 fu approvato il Federal Coal Mine Health and Safety Act, che stabiliva standard obbligatori di salute e sicurezza per le miniere di carbone sotterranee. Il Federal Mine Safety and Health Act del 1977 ha combinato e ampliato il Coal Mine Act del 1969 con altre precedenti leggi minerarie e ha creato la Mine Safety and Health Administration (MSHA) per stabilire e applicare standard di sicurezza e salute per tutte le miniere negli Stati Uniti.

                      Non è stato un singolo disastro, ma un costante aumento dei tassi di infortunio durante gli anni '1960 che ha contribuito a stimolare l'approvazione dell'Occupational Safety and Health Act del 1970. Una coscienza ambientale emergente e un decennio di legislazione progressista hanno assicurato il nuovo atto omnibus. La legge copre la maggior parte dei luoghi di lavoro negli Stati Uniti. Ha istituito l'Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro (OSHA) nel Dipartimento del lavoro per stabilire e applicare gli standard federali di sicurezza e salute sul lavoro. La legge non rappresentava una rottura completa rispetto al passato in quanto conteneva un meccanismo mediante il quale gli stati potevano amministrare i propri programmi OSHA. La legge ha anche istituito l'Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH), in quello che oggi è il Dipartimento della salute e dei servizi umani, per condurre ricerche, formare professionisti della sicurezza e della salute e sviluppare standard di sicurezza e salute raccomandati.

                      Oggi negli Stati Uniti, i servizi di sicurezza e salute sul lavoro sono responsabilità suddivise di diversi settori. Nelle grandi aziende i servizi per la cura, la prevenzione e l'educazione sono forniti principalmente dai dipartimenti medici aziendali. Nelle aziende più piccole, questi servizi sono generalmente forniti da ospedali, cliniche o studi medici.

                      Le valutazioni tossicologiche e mediche indipendenti sono fornite da singoli professionisti, nonché da cliniche accademiche e del settore pubblico. Infine, gli enti governativi provvedono all'applicazione, al finanziamento della ricerca, all'istruzione e alla definizione degli standard imposti dalle leggi sulla sicurezza e salute sul lavoro.

                      Questo complesso sistema è descritto nei seguenti articoli. Dott. Bunn e McCunney della Mobil Oil Corporation e del Massachusetts Institute of Technology, rispettivamente, riferiscono sui servizi aziendali. Penny Higgins, RN, BS, della Northwest Community Healthcare ad Arlington Heights, Illinois, delinea i programmi ospedalieri. Le attività della clinica accademica sono esaminate da Dean Baker, MD, MPH, direttore dell'Università della California, Irvine's Center for Occupational and Environmental Health. La dott.ssa Linda Rosenstock, direttrice dell'Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro, e Sharon L. Morris, vicepresidente per la sensibilizzazione della comunità del Dipartimento di salute ambientale dell'Università di Washington, riassumono le attività del governo a livello federale, statale e locale. LaMont Byrd, il direttore della salute e della sicurezza per l'International Brotherhood of Teamsters, AFL-CIO, descrive le varie attività fornite ai membri di questo sindacato internazionale dal suo ufficio.

                      Questa divisione delle responsabilità nella medicina del lavoro porta spesso a sovrapposizioni e, nel caso della retribuzione dei lavoratori, a requisiti e servizi incoerenti. Questo approccio pluralistico è sia la forza che la debolezza del sistema negli Stati Uniti. Promuove molteplici approcci ai problemi, ma può confondere tutti tranne l'utente più sofisticato. È un sistema che spesso è in evoluzione, con gli equilibri di potere che si spostano avanti e indietro tra gli attori chiave: industria privata, sindacati e governi statali o federali.

                       

                      Di ritorno

                      L'amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro (OSHA)

                      Finalità e organizzazione

                      L'OSHA è stato creato per incoraggiare datori di lavoro e lavoratori a ridurre i rischi sul posto di lavoro e ad attuare efficaci programmi di sicurezza e salute. Ciò si ottiene stabilendo e applicando standard, monitorando le prestazioni dei programmi OSHA statali, richiedendo ai datori di lavoro di conservare registri di infortuni e malattie legate al lavoro, fornendo formazione sulla sicurezza e sulla salute per datori di lavoro e dipendenti e indagando sui reclami dei lavoratori che affermano di essere stati discriminati contro per la segnalazione di pericoli per la sicurezza o la salute.

                      L'OSHA è diretto da un assistente del segretario del lavoro per la sicurezza e la salute sul lavoro, che riferisce al segretario del lavoro. La sede dell'OSHA è a Washington, DC, con dieci uffici regionali e circa 85 uffici di area. Circa la metà degli stati amministra i propri programmi statali di sicurezza e salute, con l'OSHA federale responsabile dell'applicazione negli stati senza programmi statali approvati. L'Occupational Safety and Health Act richiede inoltre che ogni agenzia del governo federale mantenga un programma di sicurezza e salute coerente con gli standard OSHA.

                      Programma e servizi

                      Gli standard costituiscono la base del programma di applicazione dell'OSHA, che stabilisce i requisiti che i datori di lavoro devono soddisfare per essere conformi. Gli standard proposti sono pubblicati nel registro federale con possibilità di commenti pubblici e udienze. Gli standard definitivi sono anche pubblicati nel Federal Register e possono essere impugnati presso una Corte d'Appello degli Stati Uniti.

                      Nelle aree in cui l'OSHA non ha stabilito uno standard, i datori di lavoro sono tenuti a seguire la clausola di dovere generale dell'Occupational Safety and Health Act, che afferma che ciascun datore di lavoro deve fornire "un luogo di lavoro che sia libero da pericoli riconosciuti che stanno causando o potrebbero causare causare la morte o gravi danni fisici ai propri dipendenti”.

                      L'OSHA ha il diritto di entrare nel posto di lavoro per determinare se un datore di lavoro è conforme ai requisiti della legge. L'OSHA attribuisce la massima priorità alle indagini su situazioni di pericolo imminente, catastrofi e incidenti mortali, reclami dei dipendenti e ispezioni programmate in industrie altamente pericolose.

                      Se il datore di lavoro rifiuta l'ingresso, all'ispettore può essere richiesto di ottenere un mandato di perquisizione da un giudice distrettuale o magistrato statunitense. Sia i rappresentanti dei lavoratori che quelli dei datori di lavoro hanno il diritto di accompagnare gli ispettori OSHA nelle loro visite agli impianti. L'ispettore emette le denunce e propone le sanzioni per le eventuali violazioni riscontrate nel corso dell'ispezione e fissa un termine per la correzione delle stesse.

                      Il datore di lavoro può contestare la citazione alla Commissione per la revisione della sicurezza e della salute sul lavoro, un organismo indipendente istituito per ascoltare le contestazioni alle citazioni dell'OSHA e le multe proposte. Il datore di lavoro può anche presentare ricorso contro una decisione sfavorevole della Commissione di revisione dinanzi a un tribunale federale.

                      L'assistenza alla consulenza è disponibile gratuitamente per i datori di lavoro che accettano di correggere eventuali gravi pericoli individuati dal consulente. L'assistenza può essere fornita nello sviluppo di programmi di sicurezza e salute e nella formazione dei lavoratori. Questo servizio, destinato ai piccoli datori di lavoro, è in gran parte finanziato dall'OSHA e fornito da agenzie governative statali o università.

                      L'OSHA ha un programma di protezione volontaria (VPP), che esenta i luoghi di lavoro dalle ispezioni programmate se soddisfano determinati criteri e accettano di sviluppare i propri programmi completi di sicurezza e salute. Tali luoghi di lavoro devono avere tassi di incidenti inferiori alla media e programmi di sicurezza scritti, mettere a disposizione dell'OSHA i registri degli infortuni e dell'esposizione e informare i lavoratori sui loro diritti.

                      Risorse

                      Nel 1995, il budget dell'OSHA era di 312 milioni di dollari, con circa 2,300 dipendenti. Queste risorse sono destinate a fornire copertura a più di 90 milioni di lavoratori negli Stati Uniti.

                      Programmi statali OSHA

                      Finalità e organizzazione

                      L'Occupational Safety and Health Act del 1970 ha dato ai governi statali il opzione della disciplina della sicurezza e salute sul lavoro.

                      Gli Stati conducono i propri programmi per stabilire e far rispettare gli standard di sicurezza e salute presentando un piano statale all'OSHA per l'approvazione. Il piano statale descrive in dettaglio come lo stato propone di stabilire e applicare standard che siano "almeno altrettanto efficaci" di quelli dell'OSHA e di assumere la giurisdizione su dipendenti statali, municipali e altri dipendenti pubblici (non federali) che l'OSHA stesso non copre altrimenti. In questi stati, il governo federale rinuncia alle responsabilità normative dirette e fornisce invece finanziamenti parziali ai programmi statali e monitora le attività statali per la conformità agli standard nazionali.

                      Programma e servizi

                      Circa la metà degli stati ha scelto di amministrare i propri programmi. Altri due stati, New York e Connecticut, hanno scelto di mantenere la giurisdizione federale nei loro stati, ma di aggiungere un sistema statale di sicurezza e salute sul lavoro che fornisca protezione ai dipendenti pubblici.

                      I programmi OSHA gestiti dallo stato consentono agli stati di personalizzare le risorse e indirizzare gli sforzi normativi per soddisfare le esigenze speciali nei loro stati. Ad esempio, la registrazione viene eseguita in modo diverso negli Stati Uniti orientali e occidentali. La Carolina del Nord, che gestisce il proprio programma OSHA, è stata in grado di indirizzare i suoi regolamenti sul disboscamento, la sensibilizzazione, i programmi di formazione e applicazione per soddisfare le esigenze di sicurezza e salute dei taglialegna in quello stato.

                      Lo Stato di Washington, che ha un'ampia base economica agricola, ha sviluppato requisiti di sicurezza agricola che superano i requisiti minimi nazionali obbligatori e ha tradotto le informazioni sulla sicurezza in spagnolo per soddisfare le esigenze dei lavoratori agricoli di lingua spagnola.

                      Oltre a sviluppare programmi che soddisfano le loro esigenze specifiche, gli stati sono in grado di sviluppare programmi e emanare regolamenti per i quali potrebbe non esserci un sostegno sufficiente a livello federale. California, Utah, Vermont e Washington hanno restrizioni sull'esposizione sul posto di lavoro al fumo di tabacco ambientale; Lo Stato di Washington e l'Oregon richiedono che ciascun datore di lavoro sviluppi piani di prevenzione di infortuni e malattie specifici per il luogo di lavoro; Lo standard dello Utah per la perforazione di petrolio e gas e la produzione di esplosivi supera gli standard OSHA federali.

                      I programmi statali sono autorizzati a condurre programmi di consultazione che forniscono assistenza gratuita ai datori di lavoro nell'identificazione e correzione dei rischi sul posto di lavoro. Queste consultazioni, che vengono effettuate solo su richiesta del datore di lavoro, sono tenute separate dai programmi di esecuzione.

                      Risorse

                      Nel 1993, secondo la Occupational Safety and Health State Plan Association, i programmi amministrati dallo stato avevano un totale di circa 1,170 addetti all'applicazione. Inoltre, avevano circa 300 consulenti per la sicurezza e la salute e quasi 60 coordinatori della formazione e dell'istruzione. La maggior parte di questi programmi sono nei dipartimenti del lavoro statali.

                      Amministrazione per la sicurezza e la salute delle miniere (MSHA)

                      Finalità e organizzazione

                      La Mine Safety and Health Administration (MSHA) stabilisce e applica standard per ridurre gli infortuni, le malattie e i decessi nelle miniere e nelle operazioni di lavorazione dei minerali, indipendentemente dalle dimensioni, dal numero di dipendenti o dal metodo di estrazione. MSHA è tenuta a ispezionare ogni miniera sotterranea almeno quattro volte l'anno e ogni miniera in superficie almeno due volte l'anno.

                      Oltre ai programmi di applicazione, il Mine Safety and Health Act richiede che l'agenzia stabilisca regolamenti sulla sicurezza e la formazione sanitaria per i minatori, aggiorni e rafforzi le leggi sulla sicurezza e la salute nelle miniere e incoraggi la partecipazione dei minatori e dei loro rappresentanti alle attività di sicurezza. MSHA collabora anche con gli operatori minerari per risolvere i problemi di sicurezza e salute attraverso programmi di istruzione e formazione e lo sviluppo di controlli ingegneristici per ridurre gli infortuni.

                      Come OSHA, MSHA è diretto da un Assistente Segretario del Lavoro. Le attività di sicurezza e salute nelle miniere di carbone sono amministrate attraverso dieci uffici distrettuali nelle regioni di estrazione del carbone. Le attività di sicurezza e salute nelle miniere di metalli e non sono amministrate attraverso sei uffici distrettuali nelle aree minerarie del paese.

                      Un certo numero di uffici del personale che assistono nell'amministrazione delle responsabilità dell'agenzia si trovano presso la sede centrale di Arlington, in Virginia. Questi includono l'Office of Standards, Regulations and Variances; l'Ufficio delle valutazioni; la direzione del supporto tecnico; e l'Office of Program Policy. Inoltre, l'Educational Policy and Development Office sovrintende al programma di formazione dell'agenzia presso la National Mine Health and Safety Academy di Beckley, West Virginia, che è la più grande istituzione al mondo interamente dedicata alla sicurezza nelle miniere e alla formazione sanitaria.

                      Programma e servizi

                      Le morti e gli infortuni nel settore minerario sono diminuiti in modo significativo negli ultimi cento anni. Dal 1880 al 1910, migliaia di minatori di carbone furono uccisi, con 3,242 morti nel solo 1907. Un gran numero di minatori è stato ucciso anche in altri tipi di miniere. Il numero medio di morti minerarie è diminuito nel corso degli anni a meno di 100 all'anno oggi.

                      MSHA applica le disposizioni della legge sulle mine che richiedono agli operatori minerari di avere un piano di formazione sulla sicurezza e sulla salute approvato che prevede 40 ore di formazione di base per i nuovi minatori sotterranei, 24 ore di formazione per i nuovi minatori di superficie, 8 ore di aggiornamento annuale per tutti i minatori e formazione sui compiti legati alla sicurezza per i minatori assegnati a nuovi lavori. La National Mine Health and Safety Academy offre un'ampia varietà di corsi di sicurezza e salute. MSHA offre programmi di formazione speciali per dirigenti e lavoratori in piccole operazioni minerarie. I materiali di formazione MSHA, tra cui videocassette, film, pubblicazioni e materiali tecnici sono disponibili presso l'Accademia e presso gli uffici distrettuali.

                      Risorse

                      Nel 1995, MSHA aveva un budget di circa $ 200 milioni e circa 2,500 dipendenti. Queste risorse erano responsabili di garantire la salute e la sicurezza di circa 113,000 minatori di carbone e 197,000 minatori nelle miniere di metalli e non metalli.

                      L'Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH)

                      Finalità e organizzazione

                      L'Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH) è l'agenzia federale responsabile della conduzione di ricerche su infortuni e malattie professionali e della trasmissione degli standard raccomandati all'OSHA. Il NIOSH finanzia programmi educativi per i professionisti della sicurezza e della salute sul lavoro attraverso i centri di risorse educative (ERC) e progetti di formazione nelle università degli Stati Uniti. Ai sensi del Federal Mine Safety and Health Act del 1977, il NIOSH conduce anche ricerche e valutazioni dei rischi per la salute e raccomanda gli standard di salute delle miniere alla Mine Safety and Health Administration.

                      Il Direttore del NIOSH riferisce al Direttore dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie all'interno del Dipartimento della salute e dei servizi umani. La sede centrale del NIOSH è a Washington, DC, con uffici amministrativi ad Atlanta, Georgia, e laboratori a Cincinnati, Ohio, e Morgantown, West Virginia.

                      Programma e servizi

                      La ricerca NIOSH è condotta sia sul campo che in laboratorio. I programmi di sorveglianza identificano il verificarsi di infortuni sul lavoro e malattie. Questi includono la raccolta di dati mirati diretti a condizioni specifiche, come alti livelli di piombo nel sangue negli adulti o lesioni tra i lavoratori adolescenti. NIOSH collega anche i dati raccolti dagli stati e da altre agenzie federali per rendere sempre più praticabile ottenere un quadro nazionale degli effetti dei rischi professionali.

                      La ricerca sul campo viene condotta nei luoghi di lavoro negli Stati Uniti. Questi studi consentono di identificare i pericoli, valutare l'entità delle esposizioni e determinare l'efficacia delle misure preventive. Il diritto di ingresso nel mondo del lavoro è essenziale per la capacità dell'Istituto di condurre questa ricerca. Questa ricerca sul campo si traduce in articoli nella letteratura scientifica e in raccomandazioni per la prevenzione dei pericoli in luoghi di lavoro specifici.

                      Lavorando con i dipartimenti sanitari statali, NIOSH indaga sugli incidenti mortali sul posto di lavoro per cause specifiche, tra cui elettrocuzioni, cadute, incidenti legati alle macchine e incidenti in spazi confinati. NIOSH ha un programma speciale per assistere le piccole imprese sviluppando tecnologie economiche ed efficaci per controllare le esposizioni pericolose alla fonte.

                      NIOSH conduce ricerche di laboratorio per studiare i rischi sul posto di lavoro in condizioni controllate. Questa ricerca assiste il NIOSH nel determinare le cause ei meccanismi delle malattie e degli infortuni sul lavoro, nello sviluppo di strumenti per misurare e monitorare le esposizioni e nello sviluppare e valutare la tecnologia di controllo e i dispositivi di protezione individuale.

                      Circa il 17% del budget NIOSH è dedicato al finanziamento di attività di servizio. Molte di queste attività di servizio sono anche basate sulla ricerca, come il programma di valutazione dei rischi per la salute. NIOSH conduce centinaia di valutazioni dei rischi per la salute ogni anno quando richiesto da datori di lavoro, lavoratori o agenzie federali e statali. Dopo aver valutato il luogo di lavoro, NIOSH fornisce ai lavoratori e ai datori di lavoro raccomandazioni per ridurre le esposizioni.

                      NIOSH risponde anche alle richieste di informazioni attraverso un numero verde. Attraverso questo numero, i chiamanti possono ottenere informazioni sulla sicurezza e la salute sul lavoro, richiedere una valutazione dei rischi per la salute o ottenere una pubblicazione NIOSH. Anche la home page di NIOSH sul World Wide Web è una buona fonte di informazioni su NIOSH.

                      NIOSH mantiene una serie di database, tra cui NIOSHTIC, un database bibliografico di letteratura sulla sicurezza e salute sul lavoro, e il Registro degli effetti tossici delle sostanze chimiche (RTECS), che è un compendio di dati tossicologici estratti dalla letteratura scientifica che soddisfa il mandato NIOSH per "elencare tutte le sostanze tossiche note e le concentrazioni alle quali è noto che si verifica tossicità".

                      NIOSH testa anche i respiratori e certifica che soddisfano gli standard nazionali stabiliti. Questo aiuta datori di lavoro e lavoratori nella scelta del respiratore più appropriato per specifici ambienti pericolosi.

                      NIOSH finanzia programmi presso le università degli Stati Uniti per formare medici di medicina del lavoro, infermieri di medicina del lavoro, igienisti industriali e professionisti della sicurezza. NIOSH finanzia anche programmi per introdurre la sicurezza e la salute nelle scuole aziendali, di ingegneria e professionali. Questi programmi, che possono essere ERC multidisciplinari o borse di formazione per progetti monodisciplinari, hanno dato un contributo significativo allo sviluppo della salute sul lavoro come disciplina e al fabbisogno di professionisti della sicurezza e della salute qualificati.

                      Risorse

                      Il NIOSH aveva circa 900 dipendenti e un budget di 133 milioni di dollari nel 1995. Il NIOSH è l'unica agenzia federale con la responsabilità legale di condurre ricerche sulla sicurezza e salute sul lavoro e formazione professionale.

                      Il futuro dei programmi di sicurezza e salute sul lavoro

                      Il futuro di questi programmi federali di sicurezza e salute sul lavoro negli Stati Uniti è molto in dubbio nel clima anti-regolamentare degli anni '1990. Continuano ad esserci proposte serie da parte del Congresso che cambierebbero drasticamente il funzionamento di questi programmi.

                      Una proposta richiederebbe alle agenzie di regolamentazione di concentrarsi maggiormente sull'istruzione e la consultazione e meno sulla definizione e l'applicazione delle norme. Un altro fisserebbe i requisiti per complesse analisi costi-benefici che devono essere condotte prima di poter stabilire gli standard. NIOSH è stato minacciato di abolizione o fusione con OSHA. E tutte queste agenzie sono state prese di mira per riduzioni di budget.

                      Se attuate, queste proposte ridurrebbero notevolmente il ruolo federale nella conduzione della ricerca e nella definizione e applicazione di standard uniformi di sicurezza e salute sul lavoro in tutti gli Stati Uniti.

                       

                       

                      Di ritorno

                      I programmi di medicina industriale variano sia nel contenuto che nella struttura. È opinione comune che i programmi medici industriali siano supportati solo da grandi aziende e siano sufficientemente completi da valutare tutti i lavoratori per tutti i possibili effetti negativi. Tuttavia, i programmi attuati dalle industrie variano considerevolmente nella loro portata. Alcuni programmi offrono solo screening pre-collocamento, mentre altri offrono sorveglianza medica totale, promozione della salute e altri servizi speciali. Inoltre, le strutture dei programmi differiscono l'una dall'altra, così come i membri dei team di sicurezza e salute. Alcuni programmi contrattano con un medico fuori sede per svolgere servizi medici, mentre altri hanno un'unità sanitaria presso il sito composta da medici e personale infermieristico e sostenuta da uno staff di igienisti industriali, ingegneri, tossicologi ed epidemiologi. I doveri e le responsabilità di questi membri del team per la sicurezza e la salute varieranno a seconda del settore e del rischio connesso.

                      Motivazione per i programmi medici industriali

                      Il monitoraggio medico dei lavoratori è motivato da molteplici fattori. In primo luogo, vi è la preoccupazione per la sicurezza e la salute generale del dipendente. In secondo luogo, un beneficio monetario deriva da uno sforzo di sorveglianza attraverso una maggiore produttività del dipendente e una riduzione dei costi delle cure mediche. In terzo luogo, è obbligatorio il rispetto dell'Occupational Safety and Health Act (OSHA), dei requisiti per le pari opportunità di lavoro (EEO), dell'Americans with Disabilities Act (ADA) e di altre linee guida statutarie. Infine, c'è lo spettro del contenzioso civile e penale se programmi adeguati non vengono istituiti o risultano inadeguati (McCunney 1995; Bunn 1985).

                      Tipi di servizi e programmi di medicina del lavoro

                      I servizi di medicina del lavoro sono determinati attraverso una valutazione dei bisogni. I fattori che influiscono sul tipo di servizio di medicina del lavoro da utilizzare includono i potenziali rischi delle normali operazioni, i dati demografici della forza lavoro e l'interesse della direzione per la salute sul lavoro. I servizi sanitari dipendono dal tipo di industria, dai rischi fisici, chimici o biologici presenti e dai metodi utilizzati per prevenire l'esposizione, nonché dagli standard, dai regolamenti e dalle normative del governo e dell'industria.

                      Importanti compiti dei servizi sanitari generali includono quanto segue:

                      • valutazione della capacità dei dipendenti di svolgere in sicurezza le mansioni assegnate (tramite valutazioni pre-inserimento)
                      • riconoscimento dei primi sintomi e segni di effetti sulla salute legati al lavoro e intervento appropriato (gli esami di sorveglianza medica possono rivelarli)
                      • fornitura di cure e riabilitazione per infortuni e malattie professionali e disturbi non professionali che influiscono sulle prestazioni lavorative (infortuni sul lavoro)
                      • promozione e mantenimento della salute dei dipendenti (wellness)
                      • valutazione della capacità lavorativa di una persona alla luce di un disturbo medico cronico (in tal caso è richiesta una visita medica indipendente)
                      • supervisione delle politiche e dei programmi relativi alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

                       

                      Localizzazione delle Strutture dei Servizi Sanitari

                      Strutture in loco

                      La fornitura di servizi di medicina del lavoro oggi è sempre più fornita tramite appaltatori e strutture mediche locali. Tuttavia, i servizi in loco formati dai datori di lavoro erano l'approccio tradizionale adottato dall'industria. In contesti con un numero considerevole di dipendenti o determinati rischi per la salute, i servizi in loco sono convenienti e forniscono servizi di alta qualità. L'estensione di questi programmi varia considerevolmente, dal supporto infermieristico part-time a una struttura medica con personale completo e medici a tempo pieno.

                      La necessità di un servizio medico in loco è generalmente determinata dalla natura dell'attività dell'azienda e dai potenziali rischi per la salute presenti sul posto di lavoro. Ad esempio, un'azienda che utilizza il benzene come materia prima o ingrediente nel suo processo produttivo avrà probabilmente bisogno di un programma di sorveglianza medica. Inoltre, molte altre sostanze chimiche manipolate o prodotte dalla stessa pianta possono essere tossiche. In queste circostanze, può essere economicamente fattibile e consigliabile dal punto di vista medico fornire servizi medici in loco. Alcuni servizi in loco forniscono supporto infermieristico occupazionale durante l'orario di lavoro diurno e possono coprire anche il secondo e il terzo turno o i fine settimana.

                      I servizi in loco dovrebbero essere eseguiti in aree di impianto compatibili con la pratica della medicina. La struttura medica dovrebbe essere situata in posizione centrale per essere accessibile a tutti i dipendenti. Le esigenze di riscaldamento e raffreddamento dovrebbero essere prese in considerazione per consentire l'uso più economico della struttura. Una regola empirica che è stata utilizzata nell'assegnazione della superficie a un'unità medica interna è di un piede quadrato per dipendente per le unità che servono fino a 1,000 dipendenti; questa cifra dovrebbe probabilmente includere un minimo di 300 piedi quadrati. Il costo dello spazio e diverse importanti considerazioni progettuali sono state descritte da specialisti (McCunney 1995; Felton 1976).

                      Per alcuni impianti di produzione situati in aree rurali o altrimenti remote, i servizi possono essere forniti in modo utile in un furgone mobile. Se tale installazione è resa disponibile, possono essere formulate le seguenti raccomandazioni:

                      • L'assistenza dovrebbe essere fornita alle aziende i cui servizi medici interni non sono completamente attrezzati per far fronte a programmi di sorveglianza medica che richiedono l'uso di attrezzature speciali, come audiometri, spirometri o macchine a raggi X.
                      • I programmi di sorveglianza medica dovrebbero essere resi disponibili in aree geografiche remote, in particolare per garantire l'uniformità dei dati raccolti per gli studi epidemiologici. Ad esempio, per migliorare l'accuratezza scientifica di uno studio sui disturbi polmonari professionali, dovrebbe essere utilizzato uno spirometro simile e la preparazione delle radiografie del torace dovrebbe essere eseguita secondo gli standard internazionali appropriati, come quelli dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).
                      • I dati provenienti da diversi siti dovrebbero essere coordinati per l'inserimento in un programma software per computer.

                       

                      Una società che si affida a un servizio di furgone mobile, tuttavia, richiederà comunque a un medico di condurre esami preliminari e per garantire la qualità dei servizi forniti dalla società di furgone mobile.

                      Servizi più comunemente eseguiti nella struttura interna

                      Una valutazione in loco è essenziale per determinare il tipo di servizi sanitari appropriati per una struttura. I servizi più comuni forniti nell'ambito della medicina del lavoro sono le valutazioni pre-collocamento, la valutazione di infortuni o malattie correlate al lavoro e gli esami di sorveglianza medica.

                      Valutazioni preliminari al collocamento

                      L'esame di pre-collocamento viene eseguito dopo che a una persona è stata data un'offerta condizionata di lavoro. L'ADA utilizza pre-assunzione per indicare che la persona deve essere assunta se supera l'esame fisico.

                      L'esame pre-collocamento deve essere eseguito con attenzione alle mansioni lavorative, compresi i requisiti fisici e cognitivi (per la sensibilità alla sicurezza) e la potenziale esposizione a materiali pericolosi. Il contenuto dell'esame dipende dal lavoro e dalla valutazione del cantiere. Ad esempio, i lavori che richiedono l'uso di dispositivi di protezione individuale, come un respiratore, spesso includono uno studio della funzionalità polmonare (test respiratorio) come parte dell'esame pre-collocamento. Coloro che sono coinvolti nelle attività del Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti (DOT) di solito richiedono test antidroga urinari. Per evitare errori nel contenuto o nel contesto dell'esame, è consigliabile sviluppare protocolli standard concordati dall'azienda e dal medico esaminatore.

                      Dopo l'esame, il medico fornisce a parere scritto sull'idoneità della persona a svolgere il lavoro senza rischi per la salute o la sicurezza per sé o per gli altri. In circostanze normali, le informazioni mediche non devono essere divulgate su questo modulo, ma solo idoneità al dovere. Questa forma di comunicazione può essere un modulo standard da inserire nella cartella del dipendente. Le cartelle cliniche specifiche, tuttavia, rimangono presso la struttura sanitaria e sono conservate solo da un medico o da un infermiere.

                      Infortuni e malattie professionali

                      Un'assistenza medica tempestiva e di qualità è essenziale per il dipendente che subisce un infortunio sul lavoro o una malattia professionale. L'unità medica o il medico a contratto devono curare i dipendenti che sono infortunati sul lavoro o che manifestano sintomi correlati al lavoro. Il servizio medico aziendale ha un ruolo importante da svolgere nella gestione dei costi retributivi dei lavoratori, in particolare nell'effettuare valutazioni di rientro al lavoro a seguito di assenze per malattia o infortunio. Una funzione importante del professionista medico è il coordinamento dei servizi di riabilitazione di tali assenti per assicurare un regolare ritorno al lavoro. I programmi riabilitativi più efficaci si avvalgono di mansioni modificate o incarichi alternativi.

                      Un compito importante del consulente medico dell'azienda è determinare la relazione tra esposizione ad agenti pericolosi e malattia, infortunio o menomazione. In alcuni stati, il dipendente può scegliere il proprio medico curante, mentre in altri stati il ​​datore di lavoro può dirigere o almeno suggerire la valutazione da parte di uno specifico medico o struttura sanitaria. Il datore di lavoro di solito ha il diritto di designare un medico per condurre un esame di "seconda opinione", specialmente nel contesto di una guarigione prolungata o di un grave disturbo medico.

                      L'infermiere o il medico consiglia la direzione sulla registrabilità di infortuni e malattie professionali in conformità con i requisiti di conservazione dei registri dell'OSHA e deve avere familiarità con le linee guida dell'OSHA e del Bureau of Labor Statistics (BLS). La direzione deve assicurare che l'operatore sanitario conosca a fondo queste linee guida.

                      Esami di sorveglianza medica

                      Gli esami di sorveglianza medica sono richiesti da alcuni standard OSHA per l'esposizione ad alcune sostanze (amianto, piombo e così via) e sono raccomandati come conformi alla buona pratica medica per l'esposizione ad altre, come solventi, metalli e polveri come la silice. I datori di lavoro devono rendere questi esami, quando richiesto dagli standard OSHA, disponibili gratuitamente per i dipendenti. Sebbene il dipendente possa rifiutarsi di partecipare a un esame, il datore di lavoro può specificare che l'esame è una condizione per l'assunzione.

                      Lo scopo della sorveglianza medica è prevenire le malattie legate al lavoro attraverso il riconoscimento precoce di problemi, come risultati di laboratorio anormali che possono essere associati alle prime fasi di una malattia. Il dipendente viene quindi rivalutato a intervalli successivi. La coerenza nel follow-up medico delle anomalie scoperte durante gli esami di sorveglianza medica è essenziale. Anche se la direzione dovrebbe essere informata di qualsiasi disturbo medico correlato al lavoro, le condizioni mediche non derivanti dal posto di lavoro dovrebbero rimanere riservate ed essere trattate dal medico di famiglia. In tutti i casi, i dipendenti dovrebbero essere informati dei loro risultati (McCunney 1995; Bunn 1985, 1995; Felton 1976).

                      Consultazione di direzione

                      Sebbene il medico e l'infermiere della medicina del lavoro siano più facilmente riconosciuti per le loro abilità mediche pratiche, possono anche offrire una consulenza medica significativa a qualsiasi azienda. Il professionista sanitario può sviluppare procedure e pratiche per i programmi medici, tra cui la promozione della salute, il rilevamento e la formazione sull'abuso di sostanze e la tenuta della documentazione medica.

                      Per le strutture con un programma medico interno, è necessaria una politica per la gestione della gestione dei rifiuti sanitari e delle attività correlate in conformità con lo standard OSHA sui patogeni a trasmissione ematica. La formazione rispetto a determinati standard OSHA, come lo standard di comunicazione dei rischi, lo standard OSHA sull'accesso all'esposizione e alle cartelle cliniche e i requisiti di conservazione dei registri OSHA, è un ingrediente essenziale per un programma ben gestito.

                      Le procedure di risposta alle emergenze dovrebbero essere sviluppate per qualsiasi struttura che è a maggior rischio di calamità naturali o che maneggia, utilizza o produce materiali potenzialmente pericolosi, in conformità con l'emendamento di riautorizzazione del Superfund Act (SARA). I principi della risposta alle emergenze mediche e della gestione dei disastri dovrebbero, con l'assistenza del medico dell'azienda, essere incorporati in qualsiasi piano di risposta alle emergenze del sito. Poiché le procedure di emergenza differiscono a seconda del pericolo, il medico e l'infermiere devono essere preparati a gestire sia i rischi fisici, come quelli che si verificano in un incidente da radiazioni, sia i rischi chimici.

                      La promozione della salute

                      I programmi di promozione della salute e benessere per educare le persone sugli effetti negativi sulla salute di determinati stili di vita (come il fumo di sigaretta, una dieta povera e la mancanza di esercizio fisico) stanno diventando sempre più comuni nell'industria. Sebbene non siano essenziali per un programma di salute sul lavoro, questi servizi possono essere preziosi per i dipendenti.

                      L'incorporazione di piani di promozione del benessere e della salute nel programma medico è raccomandata quando possibile. Gli obiettivi di tale programma sono una forza lavoro attenta alla salute e produttiva. I costi dell'assistenza sanitaria possono essere ridotti grazie alle iniziative di promozione della salute.

                      Programmi di rilevamento dell'abuso di sostanze

                      Negli ultimi anni, soprattutto dopo la sentenza del Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti (DOT) sui test antidroga (1988), molte organizzazioni hanno sviluppato programmi di test antidroga. Nell'industria chimica e in altre industrie manifatturiere, il tipo più comune di test antidroga urinario viene eseguito durante la valutazione pre-collocamento. Le sentenze del DOT sui test antidroga per i trasporti interstatali, le operazioni di trasporto del gas (oleodotti) e le industrie ferroviarie, della guardia costiera e dell'aviazione sono considerevolmente più ampie e includono test periodici "per giusta causa", cioè per motivi di sospetto abuso di sostanze. I medici sono coinvolti nei programmi di screening della droga esaminando i risultati per garantire che motivi diversi dall'uso illecito di droghe vengano eliminati per le persone con test positivi. Devono garantire l'integrità del processo di test e confermare qualsiasi test positivo con il dipendente prima di rilasciare i risultati alla direzione. Un programma di assistenza ai dipendenti e una politica aziendale uniforme sono essenziali.

                      Cartelle cliniche

                      Le cartelle cliniche sono documenti riservati che devono essere conservati da un medico del lavoro o da un infermiere e conservati in modo tale da proteggerne la riservatezza. Alcuni registri, come una lettera che indica l'idoneità di una persona all'uso del respiratore, devono essere conservati in loco in caso di controllo normativo. I risultati di test medici specifici, tuttavia, dovrebbero essere esclusi da tali file. L'accesso a tali registri dovrebbe essere limitato al professionista sanitario, al dipendente e ad altre persone designate dal dipendente. In alcuni casi, come la presentazione di una richiesta di risarcimento dei lavoratori, si rinuncia alla riservatezza. Lo standard OSHA Access to Employee Exposure and Medical Records (29 CFR 1910.120) richiede che i dipendenti siano informati annualmente del loro diritto di accesso alle proprie cartelle cliniche e dell'ubicazione di tali cartelle.

                      La riservatezza delle cartelle cliniche deve essere preservata in conformità con le linee guida legali, etiche e normative. I dipendenti devono essere informati quando le informazioni mediche saranno rilasciate alla direzione. Idealmente, a un dipendente verrà chiesto di firmare un modulo medico che autorizzi il rilascio di determinate informazioni mediche, inclusi test di laboratorio o materiale diagnostico.

                      Il primo articolo dell'American College of Occupational and Environmental Medicine Codice etico richiede che "i medici dovrebbero accordare la massima priorità alla salute e alla sicurezza delle persone sia sul posto di lavoro che nell'ambiente". Nella pratica della medicina del lavoro, sia il datore di lavoro che il dipendente beneficiano se i medici sono imparziali e obiettivi e applicano solidi principi medici, scientifici e umanitari.

                      Programmi internazionali

                      Nella medicina internazionale del lavoro e dell'ambiente, i medici che lavorano per le industrie statunitensi avranno non solo le tradizionali responsabilità dei medici del lavoro e dell'ambiente, ma avranno anche significative responsabilità di gestione clinica. La responsabilità del dipartimento medico includerà l'assistenza clinica dei dipendenti e comunemente dei coniugi e dei figli dei dipendenti. La servitù, la famiglia allargata e la comunità sono spesso incluse nelle responsabilità cliniche. Inoltre, il medico del lavoro avrà anche responsabilità per i programmi occupazionali relativi alle esposizioni e ai rischi sul posto di lavoro. I programmi di sorveglianza medica, così come gli esami preliminari e periodici sono componenti fondamentali del programma.

                      Anche la progettazione di adeguati programmi di promozione e prevenzione della salute è una grande responsabilità. Nell'arena internazionale, questi programmi di prevenzione includeranno problemi oltre a quelli relativi allo stile di vita comunemente considerati negli Stati Uniti o nell'Europa occidentale. Le malattie infettive richiedono un approccio sistematico alla vaccinazione e alla chemioprofilassi necessarie. I programmi educativi per la prevenzione devono includere l'attenzione agli agenti patogeni trasmessi dal cibo, dall'acqua e dal sangue e ai servizi igienico-sanitari generali. I programmi di prevenzione degli incidenti devono essere presi in considerazione in considerazione dell'elevato rischio di decessi correlati al traffico in molti paesi in via di sviluppo. Questioni speciali come l'evacuazione e le cure di emergenza devono essere esaminate in dettaglio e devono essere attuati programmi appropriati. L'esposizione ambientale a rischi chimici, biologici e fisici è spesso aumentata nei paesi in via di sviluppo. I programmi di prevenzione ambientale si basano su piani educativi in ​​più fasi con test biologici indicati. I programmi clinici da sviluppare a livello internazionale possono includere la gestione ospedaliera, ambulatoriale, di emergenza e di terapia intensiva di espatriati e dipendenti nazionali.

                      Un programma ausiliario per i medici del lavoro internazionali è la medicina dei viaggi. La sicurezza dei viaggiatori a rotazione di breve durata o dei residenti stranieri richiede una conoscenza specifica delle vaccinazioni indicate e di altre misure preventive su base globale. Oltre alle vaccinazioni raccomandate, è imperativa la conoscenza dei requisiti medici per i visti. Molti paesi richiedono test sierologici o radiografie del torace e alcuni paesi possono prendere in considerazione qualsiasi condizione medica significativa nella decisione di rilasciare un visto per lavoro o come requisito di residenza.

                      Anche l'assistenza ai dipendenti e i programmi marittimi e aeronautici sono comunemente inclusi nelle responsabilità del medico del lavoro internazionale. La pianificazione delle emergenze e la fornitura di farmaci appropriati e la formazione sul loro utilizzo sono questioni impegnative per le navi marittime e aeree. Il supporto psicologico sia dei dipendenti espatriati che nazionali è spesso desiderabile e/o necessario. I programmi di assistenza ai dipendenti possono essere estesi agli espatriati e un supporto speciale offerto ai familiari. I programmi per droghe e alcol dovrebbero essere considerati nel contesto sociale di un dato paese (Bunn 1995).

                      Conclusione

                      In conclusione, la portata e l'organizzazione dei programmi aziendali di salute sul lavoro possono variare notevolmente. Tuttavia, se opportunamente discussi e implementati, questi programmi sono convenienti, proteggono l'azienda da responsabilità legali e promuovono la salute occupazionale e generale della forza lavoro.

                       

                      Di ritorno

                      Configurazione

                      I datori di lavoro negli Stati Uniti forniscono da tempo assistenza medica ai lavoratori infortunati attraverso l'uso di medici privati, cliniche, strutture di assistenza immediata e dipartimenti di emergenza ospedalieri. Questa cura per la maggior parte è stata episodica e raramente coordinata, poiché solo le aziende più grandi potevano fornire servizi di medicina del lavoro interni.

                      Un recente sondaggio condotto su 22,457 aziende con meno di 5,000 dipendenti in un'area suburbana di Chicago ha rilevato che il 93% aveva meno di 50 dipendenti e solo l'1% impiegava più di 250 dipendenti. Di questo gruppo, il 52% ha utilizzato un fornitore specifico per i propri infortuni sul lavoro, il 24% non ha utilizzato un fornitore specifico e un altro 24% ha consentito al dipendente di cercare il proprio fornitore. Solo l'1% delle aziende si è avvalso di un direttore sanitario per fornire assistenza. Queste aziende costituiscono il 99% di tutti i datori di lavoro dell'area indagata, rappresentando oltre 524,000 dipendenti (Sistemi Sanitari Nazionali 1992).

                      Dall'approvazione della legge che ha creato l'Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro nel 1970, e con i cambiamenti di accompagnamento nel finanziamento dell'assistenza sanitaria che hanno avuto luogo da allora, l'obiettivo e le priorità dell'assistenza sono cambiati. I costi assicurativi per la compensazione dei lavoratori e l'assistenza sanitaria di gruppo sono aumentati dal 14 al 26% annuo dal 1988 al 1991 (BNA 1991). Nel 1990, i costi dell'assistenza sanitaria rappresentavano la porzione più ampia dei 53 miliardi di dollari spesi negli Stati Uniti per le indennità dei lavoratori e nel 1995 si prevede che le prestazioni mediche raggiungeranno il 50% di un prezzo totale di 100 miliardi di dollari per le indennità dei lavoratori. costi (Resnick 1992).

                      I costi dei premi variano a seconda dello stato a causa delle diverse normative sulla compensazione dei lavoratori. Il Lettera di Kiplinger Washington del 9 settembre 1994 afferma: “In Montana, gli appaltatori pagano una media di $ 35.29 di assicurazione contro i danni per ogni $ 100 di busta paga. In Florida, costa $ 21.99. Illinois, $ 19.48. La stessa copertura costa $ 5.55 in Indiana o $ 9.55 in South Carolina. Con l'evolversi della necessità di un'assistenza economica per la compensazione dei lavoratori, i datori di lavoro chiedono maggiore assistenza ai loro fornitori di assistenza sanitaria.

                      La maggior parte di questa assistenza medica è fornita da strutture mediche di proprietà indipendente. I datori di lavoro possono stipulare un contratto per questa assistenza, sviluppare una relazione con un fornitore o garantirla in base alle necessità. La maggior parte dell'assistenza viene prestata sulla base di una tariffa per servizio, con l'inizio della capitazione e dei contratti diretti che emergono durante la seconda metà degli anni '1990.

                      Tipi di servizi

                      I datori di lavoro richiedono universalmente che i servizi di medicina del lavoro includano il trattamento acuto di lesioni e malattie come distorsioni, stiramenti, lesioni alla schiena e agli occhi e lacerazioni. Questi costituiscono la maggior parte dei casi acuti osservati in un programma di salute sul lavoro.

                      Spesso vengono richiesti esami che vengono dati prima del collocamento o dopo un'offerta di lavoro, per determinare la capacità dei potenziali dipendenti di svolgere in sicurezza il lavoro richiesto senza ferire se stessi o altri. Questi esami devono essere valutati coerentemente con la legge degli Stati Uniti come incorporata nell'Americans with Disabilities Act. Questa legge vieta la discriminazione nelle assunzioni basata su una disabilità che non impedisce a un individuo di svolgere le funzioni essenziali del futuro lavoro. Ci si aspetta inoltre che il datore di lavoro offra una "sistemazione ragionevole" a un dipendente disabile (EEOC e Dipartimento di giustizia 1991).

                      Sebbene richiesto dalla legge solo per alcune categorie di lavoro, i test sull'abuso di sostanze stupefacenti e/o alcol sono ora eseguiti dal 98% delle aziende Fortune 200 negli Stati Uniti. Questi test possono includere misurazioni di urina, sangue e respiro per i livelli di droghe illecite o alcol (BNA 1994).

                      Inoltre, un datore di lavoro può richiedere servizi specializzati come i test di sorveglianza medica richiesti dall'OSHA, ad esempio esami di idoneità del respiratore, basati sulla capacità fisica e sulla funzione polmonare del lavoratore, che valutano la capacità del lavoratore di indossare un respiratore in sicurezza; esami dell'amianto e altri test di esposizione chimica, mirati a valutare lo stato di salute di un individuo rispetto alla possibile esposizione e agli effetti a lungo termine di un determinato agente sulla salute generale della persona.

                      Al fine di valutare lo stato di salute dei dipendenti chiave, alcune aziende contraggono esami fisici per i propri dirigenti. Questi esami sono generalmente di natura preventiva e offrono un'ampia valutazione della salute, inclusi test di laboratorio, radiografie, test di stress cardiaco, screening del cancro e consulenza sullo stile di vita. La frequenza di questi esami è spesso basata sull'età piuttosto che sul tipo di lavoro.

                      Gli esami di idoneità periodici sono spesso appaltati dai comuni per valutare lo stato di salute dei vigili del fuoco e degli agenti di polizia, che sono generalmente testati per misurare la loro capacità fisica di gestire situazioni fisicamente stressanti e per determinare se si sono verificate esposizioni sul posto di lavoro.

                      Un datore di lavoro può anche stipulare contratti per servizi riabilitativi, tra cui terapia fisica, incrudimento del lavoro, valutazioni ergonomiche sul posto di lavoro e terapie professionali e occupazionali.

                      Più di recente, a beneficio dei dipendenti e nel tentativo di ridurre i costi dell'assistenza sanitaria, i datori di lavoro stanno stipulando contratti per programmi di benessere. Questi screening orientati alla prevenzione e programmi educativi cercano di valutare la salute in modo che possano essere offerti interventi appropriati per modificare gli stili di vita che contribuiscono alla malattia. I programmi includono lo screening del colesterolo, la valutazione dei rischi per la salute, la cessazione del fumo, la gestione dello stress e l'educazione alimentare.

                      Programmi sono in fase di sviluppo in tutte le aree dell'assistenza sanitaria per soddisfare le esigenze dei dipendenti. Il programma di assistenza ai dipendenti (EAP) è un altro programma recente sviluppato per fornire consulenza e servizi di riferimento ai dipendenti con abuso di sostanze, problemi emotivi, familiari e/o finanziari che i datori di lavoro hanno determinato avere un effetto sulla capacità del dipendente di essere produttivo.

                      Un servizio relativamente nuovo per la medicina del lavoro è la gestione dei casi. Tale servizio, solitamente erogato da personale infermieristico o impiegatizio supervisionato da infermieri, ha effettivamente ridotto i costi garantendo al lavoratore infortunato un'assistenza di qualità adeguata. Le compagnie di assicurazione hanno da tempo fornito la gestione dei costi dei sinistri (i dollari spesi per i casi di risarcimento dei lavoratori) in un momento in cui il lavoratore infortunato è stato assente dal lavoro per un determinato periodo di tempo o quando è stato raggiunto un determinato importo in dollari. La gestione del caso è un processo più proattivo e simultaneo che può essere applicato dal primo giorno dell'infortunio. I case manager indirizzano il paziente al livello di cura appropriato, interagiscono con il medico curante per determinare quali tipi di lavoro modificato il paziente è clinicamente in grado di eseguire e collaborano con il datore di lavoro per garantire che il paziente svolga un lavoro che non peggiorerà la infortunio. L'obiettivo del case manager è di riportare il dipendente a un minimo di dovere modificato il più rapidamente possibile, nonché di identificare medici di buona qualità i cui risultati andranno a beneficio del paziente.

                      I fornitori

                      I servizi sono disponibili attraverso una varietà di fornitori con diversi gradi di esperienza. L'ufficio del medico privato può offrire esami pre-collocamento e test sull'abuso di sostanze, nonché il follow-up delle lesioni acute. L'ufficio del medico generalmente richiede appuntamenti e ha orari di servizio limitati. Se le capacità esistono, il medico privato può anche offrire esami esecutivi o può indirizzare il paziente a un ospedale vicino per test approfonditi di laboratorio, raggi X e stress.

                      La clinica industriale offre generalmente cure acute per lesioni (comprese le cure di follow-up), esami pre-collocamento e test per l'abuso di sostanze. Spesso hanno capacità di raggi X e di laboratorio e possono avere medici che hanno esperienza nella valutazione del posto di lavoro. Ancora una volta, le loro ore sono generalmente limitate all'orario lavorativo, quindi i datori di lavoro con operazioni di secondo e terzo turno potrebbero dover utilizzare un pronto soccorso durante la sera e nei fine settimana. La clinica industriale tratta raramente il paziente privato, ed è generalmente percepita come il “medico aziendale”, in quanto di solito vengono presi accordi per fatturare direttamente al datore di lavoro o alla compagnia assicurativa dell'azienda.

                      Le strutture di assistenza immediata sono un altro sito di parto alternativo. Queste strutture sono fornitori walk-in di cure mediche generali e non richiedono appuntamenti. Queste strutture sono generalmente dotate di capacità radiologiche e di laboratorio e di medici esperti in medicina d'urgenza, medicina interna o ambulatorio familiare. La tipologia di cliente va dal paziente pediatrico all'adulto con mal di gola. Oltre alla cura degli infortuni acuti e al follow-up minore dei dipendenti infortunati, queste strutture possono eseguire test fisici pre-collocamento e abuso di sostanze. Quelle strutture che hanno sviluppato una componente di medicina del lavoro spesso forniscono esami periodici e screening richiesti dall'OSHA e possono avere rapporti contrattuali con fornitori aggiuntivi per servizi che non offrono essi stessi.

                      Il pronto soccorso dell'ospedale è spesso il luogo prescelto per il trattamento delle lesioni acute e generalmente è stato in grado di fare poco altro in termini di servizi di medicina del lavoro. Ciò è avvenuto sebbene l'ospedale avesse le risorse per fornire la maggior parte dei servizi richiesti, ad eccezione di quelli offerti da medici esperti in medicina del lavoro. Tuttavia, un dipartimento di emergenza da solo non dispone dell'assistenza gestita e dell'esperienza per il ritorno al lavoro ora richieste dall'industria.

                      Programmi ospedalieri

                      Le amministrazioni ospedaliere sono diventate consapevoli del fatto che non solo hanno le risorse e la tecnologia disponibili, ma che la compensazione dei lavoratori era uno degli ultimi programmi "assicurativi" che avrebbero pagato le tariffe per il servizio, aumentando così le entrate danneggiate dagli accordi di sconto stipulati con l'assicurazione per l'assistenza gestita aziende come HMO e PPO. Queste società di assistenza gestita, così come i programmi Medicare e Medicaid finanziati a livello federale e statale per l'assistenza sanitaria generale, hanno richiesto periodi di soggiorno più brevi e hanno imposto un sistema di pagamento basato sul "raggruppamento correlato alla diagnosi" (DRG). Questi schemi hanno costretto gli ospedali a ridurre i costi cercando un migliore coordinamento delle cure e nuovi prodotti che generano reddito. Sono emersi timori che i costi sarebbero stati spostati dall'assistenza sanitaria di gruppo alla compensazione dei lavoratori; in molti casi questi timori erano fondati, con i costi per il trattamento di un infortunio alla schiena sotto l'indennizzo dei lavoratori da due a tre volte il costo previsto dai piani sanitari di gruppo. Uno studio del Dipartimento del Lavoro e dell'Industria del Minnesota del 1990 ha riportato che i costi del trattamento per distorsioni e stiramenti erano 1.95 volte maggiori, e quelli per le lesioni alla schiena 2.3 volte maggiori, sotto il compenso dei lavoratori rispetto ai piani di assicurazione sanitaria di gruppo (Zaldman 1990).

                      Diversi modelli di consegna ospedaliera si sono evoluti. Questi includono la clinica di proprietà dell'ospedale (nel campus o fuori), il pronto soccorso, il "fast-track" (dipartimento di emergenza non acuto) e i servizi di medicina del lavoro gestiti amministrativamente. L'American Hospital Association ha riferito che Ryan Associates e Occupational Health Research avevano studiato 119 programmi di salute sul lavoro negli Stati Uniti (Newkirk 1993). Hanno scoperto che:

                      • Il 25.2% era basato sul pronto soccorso ospedaliero
                      • Il 24.4% era ospedaliero non basato sul pronto soccorso
                      • Il 28.6% erano cliniche indipendenti ospedaliere
                      • Il 10.9% erano cliniche indipendenti di proprietà indipendente
                      • Il 10.9% erano altri tipi di programmi.

                       

                      Tutti questi programmi valutavano i costi sulla base di una tariffa per servizio e offrivano una varietà di servizi che, oltre al trattamento di lavoratori gravemente feriti, includevano esami prima dell'inserimento, test antidroga e alcolici, riabilitazione, consulenza sul posto di lavoro, esami prescritti dall'OSHA sorveglianza medica, fisici esecutivi e programmi di benessere. Inoltre, alcuni hanno offerto programmi di assistenza ai dipendenti, assistenza infermieristica in loco, rianimazione cardiopolmonare, pronto soccorso e gestione dei casi.

                      Più spesso oggi i programmi ospedalieri di medicina del lavoro stanno aggiungendo un modello infermieristico di gestione dei casi. All'interno di un tale modello che incorpora la gestione medica integrata, i costi totali di compensazione dei lavoratori possono essere ridotti del 50%, il che è un incentivo significativo per il datore di lavoro a utilizzare fornitori che offrono questo servizio (Tweed 1994). Queste riduzioni dei costi sono generate da una forte attenzione alla necessità di un ritorno anticipato al lavoro e alla consultazione sui programmi di lavoro modificati. Gli infermieri lavorano con gli specialisti per aiutare a definire il lavoro accettabile dal punto di vista medico che un dipendente infortunato può svolgere in sicurezza e con restrizioni.

                      Nella maggior parte degli stati, i lavoratori statunitensi ricevono i due terzi del loro stipendio mentre ricevono un'indennità di lavoro temporaneo per invalidità totale. Quando ritornano al lavoro modificato, continuano a fornire un servizio ai loro datori di lavoro e mantengono la loro autostima attraverso il lavoro. I lavoratori che sono rimasti senza lavoro per sei o più settimane spesso non tornano più alla loro piena occupazione e sono spesso costretti a svolgere lavori meno retribuiti e meno qualificati.

                      L'obiettivo finale di un programma di salute sul lavoro basato sull'ospedale è quello di consentire ai pazienti di accedere all'ospedale per il trattamento degli infortuni sul lavoro e di continuare con l'ospedale come principale fornitore di tutti i servizi sanitari. Man mano che gli Stati Uniti passano a un sistema sanitario capitato, il numero di vite coperte servite da un ospedale diventa il principale indicatore di successo.

                      Con questa forma capitata di finanziamento dell'assistenza sanitaria, i datori di lavoro pagano un tasso pro capite ai fornitori per tutti i servizi sanitari di cui i loro dipendenti e le persone a loro carico potrebbero aver bisogno. Se le persone coperte da tale piano rimangono in buona salute, il fornitore è in grado di trarne profitto. Se le vite coperte sono utenti elevati dei servizi, il fornitore potrebbe non guadagnare abbastanza entrate dai premi per coprire i costi delle cure e potrebbe quindi perdere denaro. Diversi stati degli Stati Uniti si stanno muovendo verso la capitazione per l'assicurazione sanitaria di gruppo e alcuni stanno sperimentando una copertura 24 ore su XNUMX per tutta l'assistenza sanitaria, comprese le prestazioni mediche di compensazione dei lavoratori. Gli ospedali non giudicheranno più il successo in base al censimento dei pazienti, ma in base al rapporto tra vite coperte e costi.

                      I programmi completi di medicina del lavoro ospedalieri sono progettati per soddisfare la necessità di un programma completo di medicina del lavoro di alta qualità per la comunità industriale e aziendale. Il progetto si basa sulla premessa che la cura degli infortuni e le visite mediche pre-collocamento sono importanti ma da sole non costituiscono un programma di medicina del lavoro. Un ospedale che serve molte aziende può permettersi un medico di medicina del lavoro per sovrintendere ai servizi medici e, pertanto, è possibile ottenere un focus occupazionale più ampio, consentendo consulenze tossicologiche, valutazioni sul posto di lavoro ed esami richiesti dall'OSHA per contaminanti come l'amianto o il piombo e per attrezzature come i respiratori, oltre ai consueti servizi di trattamento degli infortuni sul lavoro, esami fisici e screening antidroga. Gli ospedali hanno anche le risorse necessarie per fornire un database computerizzato e un sistema di gestione dei casi.

                      Fornendo ai datori di lavoro un unico centro di servizi completo per le esigenze di assistenza sanitaria dei propri dipendenti, il programma di salute sul lavoro può garantire meglio che il dipendente riceva un'assistenza sanitaria di qualità e compassionevole nell'ambiente più appropriato, riducendo allo stesso tempo i costi per il datore di lavoro. I fornitori di medicina del lavoro possono monitorare le tendenze all'interno di un'azienda o di un settore e formulare raccomandazioni per ridurre gli incidenti sul lavoro e migliorare la sicurezza.

                      Un programma completo di medicina del lavoro ospedaliero consente al piccolo datore di lavoro di condividere i servizi di un dipartimento medico aziendale. Tale programma fornisce prevenzione e benessere, nonché servizi di assistenza acuta e consente una maggiore attenzione alla promozione della salute per i lavoratori statunitensi e le loro famiglie.

                       

                      Di ritorno

                      Venerdì, Febbraio 11 2011 20: 34

                      Attività basate sui sindacati negli Stati Uniti

                      Nel 1995, il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti, Bureau of Labor Statistics, ha pubblicato un rapporto che indicava che 18.8 milioni di lavoratori, ovvero circa il 16% della forza lavoro degli Stati Uniti, sono iscritti a sindacati o lavoratori che non dichiarano alcuna affiliazione sindacale ma sono coperti da un sindacato contratto (Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti 1995). La tabella 1 si basa su questo rapporto per caratterizzare la forza lavoro sindacalizzata per settore. La maggior parte di questi lavoratori è rappresentata da sindacati affiliati all'American Federation of Labour and Congress of Industrial Organizations (AFL-CIO), che comprende 86 sindacati nazionali e internazionali (Statistical Abstract of the United States 1994). I sindacati sono generalmente organizzati in sedi internazionali o nazionali, uffici regionali e distrettuali e sindacati locali.

                      Tabella 1. Distribuzione 1994 della forza lavoro sindacalizzata negli Stati Uniti secondo l'industria

                      Occupazione
                      o industria

                      Totale occupati

                      Membri di sindacati*

                      Rappresentato dai sindacati**

                         

                      Occupato

                      Totale (%)

                      Occupato

                      Totale (%)

                      Salario agricolo
                      e salariati

                      1,487

                      34

                      2.3

                      42

                      2.8

                      Lavoratori salariati e salariati privati ​​​​non agricoli

                      88,163

                      9,620

                      10.9

                      10,612

                      12

                      Siti di estrazione mineraria

                      652

                      102

                      15.7

                      111

                      17.1

                      Edilizia

                      4,866

                      916

                      18.8

                      966

                      19.9

                      Produzione

                      19,267

                      3,514

                      18.2

                      3,787

                      19.7

                      Beni durevoli

                      11,285

                      2,153

                      19.1

                      2,327

                      20.6

                      Beni non durevoli

                      7,983

                      1,361

                      17

                      1,460

                      18.3

                      Trasporti e servizi pubblici

                      6,512

                      1,848

                      28.4

                      1,997

                      30.7

                      Trasporti in Damanhur

                      3,925

                      1,090

                      27.8

                      1,152

                      29.3

                      Comunicazioni e servizi di pubblica utilità

                      2,587

                      758

                      29.3

                      846

                      32.7

                      Commercio all'ingrosso e al dettaglio

                      22,319

                      1,379

                      6.2

                      1,524

                      6.8

                      Commercio all'ingrosso

                      3,991

                      260

                      6.5

                      289

                      7.2

                      Commercio al dettaglio

                      18,328

                      1,120

                      6.1

                      1,236

                      6.7

                      Finanza, assicurazioni e proprietà immobiliari

                      6,897

                      156

                      2.3

                      215

                      3.1

                      Servizi

                      27,649

                      1,704

                      6.2

                      2,012

                      7.3

                      Lavoratori del governo

                      18,339

                      7,094

                      38.7

                      8,195

                      44.7

                      I dati si riferiscono ai membri di un sindacato o di un'associazione di lavoratori simile a un sindacato.
                      ** I dati si riferiscono agli iscritti a un sindacato o ad un'associazione di lavoratori assimilata a un sindacato, nonché ai lavoratori che non dichiarano alcuna appartenenza sindacale ma le cui mansioni sono coperte da un contratto sindacale o associativo.

                      Nota: i dati si riferiscono al lavoro unico o principale dei lavoratori a tempo pieno o parziale. Sono esclusi i lavoratori autonomi le cui imprese sono incorporate sebbene tecnicamente si qualifichino come lavoratori salariati e salariati. I dati del 1994 non sono direttamente confrontabili con i dati del 1993 e degli anni precedenti. Per ulteriori informazioni, vedere "Revisioni nell'indagine sulla popolazione attuale in vigore dal gennaio 1994", nel numero di febbraio 1994 di Occupazione e guadagni.

                       

                      I sindacati forniscono servizi completi di sicurezza e salute ai lavoratori iscritti a sindacati. Attraverso lo sviluppo di accordi di contrattazione collettiva e fornendo servizi tecnici e correlati, i sindacati affrontano le esigenze e le preoccupazioni dei loro membri.

                      A livello nazionale e internazionale, funzionari sindacali e membri del personale (professionisti della sicurezza e della salute, avvocati, lobbisti e altri) lavorano per influenzare i funzionari eletti affinché approvino leggi e norme sulla sicurezza e sulla salute che proteggano i lavoratori. I rappresentanti sindacali sviluppano e negoziano inoltre accordi di contrattazione collettiva con i datori di lavoro contenenti un linguaggio legalmente vincolante per i contratti di sicurezza e salute.

                      I sindacati assicurano che i lavoratori abbiano ambienti di lavoro sicuri e salubri attraverso accordi di contrattazione collettiva. Idealmente, questi accordi forniscono anche ai lavoratori un mezzo per affrontare i problemi di sicurezza e salute o per risolvere le controversie in materia di sicurezza e salute che possono sorgere sul posto di lavoro.

                      Assistenza tecnica

                      Presso l'ufficio centrale, i sindacati spesso impiegano o assumono igienisti industriali professionisti, ergonomi, medici del lavoro, ingegneri e altri professionisti della sicurezza e della salute per fornire assistenza tecnica ai lavoratori. Questi professionisti forniscono servizi come lo svolgimento di indagini sui reclami; effettuare valutazioni di sicurezza e salute sul posto di lavoro; e interpretare e tradurre dati di monitoraggio ambientale, risultati medici e altre informazioni tecniche in un linguaggio comprensibile dal lavoratore medio.

                      Le indagini sui reclami in materia di sicurezza e salute sono regolarmente condotte da professionisti o consulenti sindacali. Lavorando in collaborazione con i rappresentanti dei dipendenti designati dal sindacato locale interessato, questi professionisti affrontano questioni quali l'esposizione dei lavoratori a rischi chimici o fisici, malattie e lesioni muscoloscheletriche e il mancato rispetto delle normative applicabili in materia di sicurezza e salute.

                      Inoltre, i sindacati possono essere coinvolti nelle indagini sugli incidenti in situazioni in cui i risultati delle indagini del datore di lavoro sono contestati dai dipendenti interessati.

                      I rappresentanti sindacali possono utilizzare le informazioni ottenute durante tali indagini per risolvere i reclami in materia di sicurezza e salute collaborando con il datore di lavoro attraverso il processo di contrattazione collettiva. I sindacati possono utilizzare la procedura di reclamo o il linguaggio specifico del contratto di sicurezza e salute per proteggere i lavoratori. Tuttavia, il sindacato può scegliere di contattare un'agenzia di regolamentazione federale o statale se il datore di lavoro non rispetta leggi, norme o regolamenti stabiliti.

                      I professionisti della sicurezza e della salute basati sui sindacati e/o i rappresentanti sindacali sul posto di lavoro designati e formati, ad esempio i membri dei comitati sindacali locali per la sicurezza e la salute o i sindacati, conducono sondaggi sul posto di lavoro per valutare i pericoli dell'ambiente di lavoro.

                      Durante i rilievi vengono valutati i processi di produzione o altre operazioni all'interno del cantiere. I registri di sicurezza e salute (ad esempio, OSHA 200 Logs, Department of Transportation (DOT) Accident Reports, risultati del monitoraggio ambientale e programmi scritti) vengono esaminati per determinare la conformità con i contratti collettivi e gli standard e i regolamenti governativi. I risultati delle indagini vengono documentati e gli eventuali problemi vengono risolti attraverso la contrattazione collettiva o contattando un'agenzia di regolamentazione governativa.

                      I lavoratori stessi spesso richiedono informazioni e rapporti tecnici o normativi, ad esempio schede chimiche, risultati del monitoraggio ambientale, risultati del monitoraggio biologico o normative federali o statali in materia di sicurezza e salute. A causa della natura tecnica di queste informazioni, il lavoratore può aver bisogno di assistenza per comprendere l'argomento e come si applica al suo posto di lavoro. Il personale sindacale per la sicurezza e la salute può fornire ai lavoratori assistenza nella comprensione delle informazioni tecniche. Il modo in cui viene fornita l'assistenza dipende dalle esigenze del lavoratore.

                      I sindacati fungono anche da punto di smistamento per cure mediche specialistiche o assistenza da utilizzare nelle udienze di indennizzo dei lavoratori. I sindacati in genere conservano elenchi di nomi e indirizzi di medici indipendenti rispettabili ai quali il lavoratore può essere indirizzato, se necessario.

                      Attività legislative e regolamentari

                      Il coinvolgimento attivo nella regolamentazione governativa in materia di sicurezza e salute è una preoccupazione molto importante dei sindacati; incoraggiano i loro membri a partecipare alle attività legislative e di regolamentazione della sicurezza e della salute a vari livelli.

                      I sindacati cercano di influenzare i politici affinché propongano leggi per stabilire adeguati standard di sicurezza e salute sul lavoro; per rispondere alle proposte normative sulla sicurezza e la salute presentate dalle agenzie di regolamentazione governative; influenzare il modo in cui le agenzie di regolamentazione governative applicano le norme sulla sicurezza e la salute sul lavoro; o per organizzare il sostegno alle agenzie di regolamentazione governative soggette a riduzioni di bilancio o modifiche operative da parte del Congresso degli Stati Uniti.

                      Lobbisti sindacali, professionisti tecnici, ricercatori e membri del personale legale sono il personale principale coinvolto in queste attività. Questi membri del personale sono responsabili della raccolta, dell'analisi e dell'organizzazione dei dati necessari per sviluppare una posizione sindacale sulle attività legislative o regolamentari. Stabiliscono inoltre i contatti necessari con agenzie o individui per garantire che la posizione del sindacato sia presentata ai funzionari eletti.

                      I membri del personale sindacale per la sicurezza e la salute possono incontrare un problema di sicurezza e salute che riguarda i lavoratori ma non è regolato da un'agenzia governativa. In questo caso, il sindacato può sviluppare osservazioni scritte e/o testimonianze orali da presentare durante le udienze pubbliche. L'intento dei commenti o delle testimonianze è quello di istruire i funzionari competenti e incoraggiarli a redigere una legislazione per risolvere il problema.

                      Le agenzie che applicano le normative sulla sicurezza e la salute sono, a volte, oggetto di riduzioni di budget. Spesso questi tagli di bilancio sono visti come contrari alla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori sul posto di lavoro. I sindacati sviluppano e attuano strategie per prevenire tali riduzioni. Ciò può essere fatto collaborando con i lobbisti sindacali per educare i funzionari legislativi e di altro tipo sugli effetti negativi che le riduzioni avranno sui lavoratori. Inoltre, ci sono “sforzi di base” che includono l'organizzazione e la mobilitazione dei lavoratori per scrivere lettere ai loro funzionari eletti evidenziando la loro opposizione ai tagli proposti.

                      Inoltre, i sindacati sono molto coinvolti nella preparazione e nella consegna di commenti scritti e testimonianze orali in risposta alle proposte di norme sulla sicurezza e la salute promulgate dalle agenzie di regolamentazione federali e statali. È di vitale importanza che i lavoratori abbiano opportunità di partecipazione significativa al processo normativo. I sindacati sono i mezzi che i lavoratori possono utilizzare per partecipare pienamente al processo normativo.

                      Accordi di contrattazione collettiva

                      Il contratto collettivo di lavoro è lo strumento primario utilizzato dai sindacati per realizzare i servizi agli iscritti. I sindacati utilizzano le competenze tecniche di igienisti industriali, ergonomi, ingegneri, medici del lavoro e altri professionisti della sicurezza e della salute per raccogliere e analizzare le informazioni sulla sicurezza e sulla salute al fine di preparare i rappresentanti sindacali responsabili della negoziazione dei contratti collettivi.

                      I sindacati utilizzano gli accordi di contrattazione collettiva come documenti legali e vincolanti per fornire sicurezza sul lavoro e protezione della salute ai lavoratori. Gli obiettivi primari degli accordi sono fornire protezione ai lavoratori che non sono coperti da norme e regolamenti federali o statali sulla sicurezza e la salute sul lavoro o fornire protezione ai lavoratori oltre gli standard statali e federali minimi.

                      Per prepararsi alla contrattazione, i sindacati raccolgono informazioni per documentare i problemi di sicurezza e salute che interessano i membri. Ciò può essere ottenuto conducendo sondaggi sui membri, collaborando con personale tecnico e/o consulenti per identificare i pericoli sul posto di lavoro, esaminando le informazioni relative a reclami o indagini sulla sicurezza e sulla salute che potrebbero essere stati condotti e esaminando e valutando i dati sulla retribuzione dei lavoratori, il monitoraggio ambientale sondaggi o registri di infortuni e malattie.

                      Nelle fasi finali della preparazione alla contrattazione, il comitato di negoziazione dà la priorità ai problemi di sicurezza e salute e considera soluzioni fattibili ai problemi.

                      Istruzione e formazione dei lavoratori

                      I sindacati hanno un ruolo molto importante nel fornire formazione e istruzione in materia di sicurezza e salute ai loro membri.

                      Il tipo di formazione fornita va dai diritti di sicurezza di base sul posto di lavoro (ad esempio, la comunicazione dei rischi) alla formazione specifica del settore, come quella fornita ai lavoratori coinvolti in progetti di bonifica dei rifiuti pericolosi. Questa formazione è di vitale importanza per i lavoratori che lavorano in ambienti di lavoro in rapida evoluzione.

                      La formazione dei lavoratori fornita dai sindacati è solitamente finanziata attraverso le quote dei membri, le sovvenzioni federali e statali e i fondi di formazione stabiliti dai datori di lavoro come negoziato negli accordi di contrattazione collettiva. I corsi di formazione e istruzione dei lavoratori sono sviluppati da personale e consulenti professionisti insieme a un ampio contributo dei lavoratori. Spesso vengono offerti corsi di formazione per formatori per consentire la formazione tra pari.

                      Sforzi di ricerca

                      I sindacati lavorano con istituzioni come università e agenzie governative per condurre ricerche specifiche sulla sicurezza e salute sul lavoro. Gli sforzi di ricerca sono in genere finanziati dal sindacato o dai datori di lavoro o attraverso sovvenzioni statali o federali.

                      I sindacati utilizzano i risultati degli studi nel processo di regolamentazione della sicurezza e della salute per negoziare il linguaggio contrattuale al fine di eliminare o ridurre significativamente i pericoli sul posto di lavoro o, in alternativa, per sviluppare interventi per eliminare o ridurre significativamente il rischio eccessivo per gli iscritti al sindacato - per esempio, per fornire corsi per smettere di fumare tra i lavoratori esposti all'amianto. Inoltre, i risultati della ricerca possono essere utilizzati per sviluppare o modificare vari tipi di attrezzature utilizzate sul posto di lavoro.

                      I servizi di sicurezza e salute sul lavoro forniti dai sindacati sono principalmente di natura preventiva e richiedono gli sforzi congiunti di professionisti tecnici, medici del lavoro, avvocati, lobbisti e membri dei sindacati. Fornendo questi servizi, i sindacati sono in grado di garantire efficacemente la sicurezza e la salute dei loro membri e degli altri lavoratori sul posto di lavoro.

                       

                      Di ritorno

                      Pagina 1 di 2

                      " DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

                      Contenuti