Banner 3

 

22. Risorse: informazione e SSL

Editor del capitolo:  Jukka Takala

 


 

Sommario

Figure e tabelle

Informazione: una precondizione per l'azione
Jukka Takala

Trovare e usare le informazioni
PK Abeytunga, Emmert Clevenstine, Vivian Morgan e Sheila Pantry

Gestione dell'informazione
Gordon Atherley

Caso di studio: servizio di informazione malese sulla tossicità dei pesticidi
DA Razak, AA Latiff, MIA Majid e R. Awang

Caso di studio: un'esperienza informativa di successo in Tailandia
Chaiyuth Chavalitnitikul

tavoli

Fare clic su un collegamento sottostante per visualizzare la tabella nel contesto dell'articolo.

1. Alcuni importanti periodici in materia di salute e sicurezza sul lavoro
2. Modulo di ricerca standard
3. Informazioni richieste in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Cifre

Punta su una miniatura per vedere la didascalia della figura, fai clic per vedere la figura nel contesto dell'articolo.

INF010T1INF020F1INF040F2INF040F3

Martedì, Febbraio 15 2011 18: 07

Informazione: una precondizione per l'azione

La produzione implica attività umane che si traducono in materiale, energia, informazioni o altre entità utili agli individui e alla società; il suo sviluppo dipende dalla raccolta, elaborazione, diffusione e utilizzo delle informazioni. Il lavoro può essere descritto come attività umana diretta a obiettivi prefissati nel processo di produzione, con strumenti e attrezzature che servono come strumento materiale di tale attività. Ma va tenuto presente che nel processo lavorativo le informazioni che vengono continuamente ricevute e organizzate influenzano e dirigono il processo.

Il processo lavorativo stesso contiene informazioni sotto forma di esperienza accumulata che viene immagazzinata dal lavoratore (come conoscenza e abilità); incarnato, per così dire, in strumenti, attrezzature, macchinari e, in particolare, da complessi sistemi tecnologici; e reso esplicito attraverso il mezzo di apparecchiature per l'elaborazione delle informazioni. Il processo di lavoro è un modo concreto e dinamico di utilizzare le informazioni per raggiungere determinati obiettivi prefissati. Le componenti di sicurezza di queste informazioni sono equamente distribuite tra i vari elementi del lavoro: il lavoratore, gli strumenti e le attrezzature, l'ambiente di lavoro e gli oggetti della produzione; infatti, le informazioni sulla sicurezza dovrebbero idealmente essere parte integrante delle informazioni necessarie per la produzione stessa: invece di “come produrre qualcosa” dovrebbe essere “come produrre qualcosa in modo sicuro (con minor rischio)”. Diversi esperimenti hanno dimostrato che le informazioni che collegano la sicurezza alla produzione non solo sono necessarie, ma sono sempre più percepite come tali.

La produzione implica non solo l'ovvia creazione tecnica di nuovi prodotti a partire da materie prime naturali o materiali e beni prodotti dall'uomo preesistenti, ma include anche la modifica e la riorganizzazione delle informazioni che riguardano il processo di produzione materiale e il ciclo dell'informazione stesso . La portata dell'elemento informativo di un processo di produzione in via di sviluppo aumenta rapidamente. Seguendo la pratica familiare di dividere il processo di produzione in tre parti, cioè produzione di energia, produzione di materiali e produzione di informazioni, possiamo anche dividere i suoi prodotti in categorie simili. Tuttavia, questi sono di solito di carattere misto. L'energia è generalmente trasportata dalla materia e l'informazione è associata o alla materia, per esempio la stampa, o all'energia, come la carica elettrica o gli impulsi ottici ed elettronici trasportati dalle fibre ottiche. Ma, a differenza dei prodotti materiali, l'informazione non perde necessariamente il suo valore quando subisce processi riproduttivi. È un prodotto che può essere riprodotto in massa, ma le sue copie possono essere esattamente valide quanto l'originale.

Informazioni sulla sicurezza e relativo utilizzo nei sistemi di produzione

Le informazioni sulla sicurezza spaziano su una vasta gamma di argomenti e possono assumere una corrispondente grande varietà di forme. Può essere classificato a seconda che trasmetta dati statistici, informazioni descrittive, dati di riferimento, testi originali o questioni quantitative o qualitative. Può trattarsi di una tabella statistica che riporta una raccolta di dati quantitativi relativi all'incidenza degli incidenti o di una scheda di sicurezza chimica. Può trattarsi di un database leggibile da computer, materiali pronti per l'uso (incluse illustrazioni e disegni), modelli di legislazione e regolamenti oi risultati della ricerca relativi a un particolare problema di sicurezza. Storicamente, la maggior parte dei bisogni informativi era coperta da metodi di comunicazione convenzionali, orali e scritti, fino all'avvento relativamente recente della fotografia, della comunicazione radiofonica, dei film, della televisione e delle produzioni video. Sebbene i metodi dei mass media dovessero facilitare la copia elettronica, tuttavia mancavano di selettività. Chiaramente, non tutte le persone hanno bisogno o sono interessate allo stesso tipo di informazioni sulla sicurezza. Le biblioteche e, in particolare, i centri specializzati di documentazione sulla sicurezza forniscono una selezione abbastanza completa di documenti che potrebbero fornire dettagli specifici per ciascun utilizzatore di informazioni, ma le loro risorse non sono facilmente accessibili sotto forma di copia. Gli ultimi metodi di raccolta, archiviazione e recupero delle informazioni, tuttavia, hanno risolto questo problema. Le informazioni gestite elettronicamente possono contenere la stessa quantità o più informazioni di una biblioteca completamente specializzata e può essere facilmente e rapidamente duplicato.

I professionisti della sicurezza, vale a dire ispettori, igienisti industriali, ingegneri della sicurezza, rappresentanti per la sicurezza, dirigenti, supervisori, ricercatori e anche lavoratori, faranno uso delle informazioni nella misura più desiderabile solo se sono facilmente disponibili. Tutto ciò di cui hanno bisogno dovrebbe essere accessibile direttamente sulle loro scrivanie o librerie. La documentazione esistente potrebbe essere convertita in formato elettronico e organizzata in modo tale che il recupero sia rapido e affidabile. Questi compiti sono già in corso di realizzazione e rappresentano un'impresa enorme. Innanzitutto, la selezione è essenziale. Le informazioni dovrebbero essere raccolte e fornite in via prioritaria e il processo di recupero dovrebbe essere conveniente e affidabile. Questi obiettivi richiedono una migliore organizzazione dei database e software e hardware più intelligenti.

Informazioni quantitative sulla sicurezza

Le informazioni in forma fattuale e quantitativa sono essenzialmente espresse come cifre numeriche. Le misure quantitative possono registrare valori nominali, come un determinato numero di incidenti; valori ordinali che definiscono le priorità; o rapporti, come possono descrivere la frequenza degli incidenti rispetto alla loro gravità. Il problema principale è definire i criteri per l'efficacia delle pratiche di sicurezza e trovare i modi migliori per misurarli (Tarrants 1980). Un altro problema è progettare forme di informazione che siano efficaci nel definire la natura (e la necessità) delle misure di sicurezza e che, allo stesso tempo, siano comprensibili a tutti gli interessati, ad esempio i lavoratori o gli utilizzatori di sostanze chimiche e attrezzatura. È stato dimostrato che le informazioni sulla sicurezza volere influenzare il comportamento, ma che il cambiamento nel comportamento è influenzato non solo dal contenuto dell'informazione, ma anche dalla forma in cui è presentata, ad esempio, dalla sua attrattiva e intelligibilità. Se i rischi non sono presentati in modo efficace e correttamente compresi e riconosciuti, non ci si può aspettare un comportamento razionale e sicuro né da parte dei lavoratori, né dei dirigenti, né dei progettisti, dei fornitori o di altri interessati alla sicurezza.

I dati quantitativi sul rischio non sono, in generale, ben compresi. C'è un'ampia confusione pubblica su quali siano i pericoli maggiori e quali i minori, perché non esiste una misura uniforme del rischio. Uno dei motivi di questo stato di cose è che i media pubblici non enfatizzano i problemi che si verificano continuamente, anche quelli più gravi, ma tendono a evidenziare notizie "scioccanti" relativamente rare e sorprendenti.

Un altro fattore che limita l'efficacia dell'educazione alla sicurezza è che l'elaborazione di complesse informazioni quantitative sui rischi può superare le capacità cognitive degli individui nella misura in cui si affidano all'euristica, assorbendo in modo non sistematico le lezioni dell'esperienza, per rendere gestibili i compiti relativi alla sicurezza. In generale, i rischi bassi sono sopravvalutati e quelli alti sottostimati (Viscusi 1987). Questo pregiudizio può essere compreso se consideriamo che senza alcuna informazione, tutti i rischi sarebbero considerati uguali. Ogni informazione ottenuta attraverso l'esperienza incoraggerà quindi una percezione distorta del rischio, con gli incidenti più frequenti ma meno dannosi che riceveranno più attenzione (e saranno evitati con maggiore cautela) rispetto agli incidenti più rari ma più gravi.

Informazioni sulla sicurezza qualitativa

Mentre le informazioni quantitative sulla sicurezza, con la loro forte attenzione a pericoli particolari, sono necessarie per concentrare i nostri sforzi su problemi di sicurezza essenziali, abbiamo bisogno di informazioni qualitative, che trasmettano il loro patrimonio di competenze pertinenti, al fine di trovare soluzioni pratiche (Takala 1992). Per sua natura questo tipo di informazioni non può essere preciso e quantitativo ma è eterogeneo e descrittivo. Comprende fonti così diverse come informazioni legali, materiali di formazione, audiovisivi, etichette, segni e simboli, schede di dati sulla sicurezza chimica e tecnica, norme, codici di condotta, libri di testo, articoli scientifici periodici, tesi di laurea, poster, newsletter e persino volantini. La varietà di materiali rende piuttosto difficile classificare e successivamente recuperare questi materiali quando necessario. Ma si può fare ed è stato effettivamente realizzato con successo: la redazione di profili di rischio aziendali, di settore, di settore e persino nazionali rappresenta un esempio pratico di fornitura di informazioni qualitative in modo sistematico che allo stesso tempo attribuisce misure quantitative all'importanza relativa dei problemi in questione.

Un'altra questione chiave è quella dell'intelligibilità. La comprensione richiede che le informazioni siano presentate in modo tale da essere comprese dall'utente finale. L'uso improprio del linguaggio, sia quello del linguaggio quotidiano che quello di una terminologia tecnica speciale (compreso il gergo), può creare forse il più grande ostacolo alla diffusione globale delle informazioni sulla sicurezza. I testi devono essere coscienziosamente e deliberatamente inquadrati in modo da fare un appello fortemente positivo al pubblico a cui sono destinati.

Sarebbe auspicabile stabilire una base di conoscenze completa di tutte le informazioni sulla sicurezza e sulla salute accumulate, accessibile agli utenti attraverso interfacce appositamente studiate per ciascun gruppo di utenti. Idealmente, tali interfacce tradurrebbero gli elementi desiderati di queste informazioni, senza ridondanza, in un formato comprensibile dall'utente, sia che si tratti di linguaggio naturale, terminologia specificata (o assenza di essa), immagini, illustrazioni, disegni o suono, e essere adattato alle esigenze e alle capacità dell'utente finale.

Impatto, presentazione e tipi di informazioni sulla sicurezza

L'informazione sulla sicurezza a livello aziendale e il ciclo informativo

Gli studi sui sistemi informativi sulla sicurezza all'interno delle aziende suggeriscono che il flusso di informazioni all'interno delle imprese segue un modello ciclico:

raccolta dati →

analisi e memorizzazione dei dati →

diffusione di informazioni sulla sicurezza →

sviluppo di misure preventive →

produzione di beni e materiali (rischi e infortuni) →

raccolta dati, ecc.

I principali metodi utilizzati per raccogliere i dati sono le indagini sugli incidenti, le ispezioni di sicurezza da parte del personale aziendale e la segnalazione di quasi incidenti. Questi metodi si concentrano sui problemi di sicurezza e non prestano molta attenzione ai problemi di salute e igiene industriale. Non forniscono nemmeno informazioni sull'esperienza accumulata al di fuori dell'impresa. È essenziale condividere tale esperienza da altre parti, dal momento che gli incidenti sono eventi rari ed è improbabile che si verifichi un numero sufficiente di incidenti simili, in particolare incidenti gravi (ad esempio, i disastri di Bhopal, Flixborough, Seveso e Città del Messico). qualsiasi impresa, o anche in qualsiasi paese, per servire come base per efficaci sforzi preventivi. Potrebbero, tuttavia, ripresentarsi da qualche parte nel mondo (ILO 1988).

Le attività legate alla sicurezza che l'industria può intraprendere possono assumere una varietà di forme. Le campagne di informazione volte a migliorare la diffusione delle informazioni sulla sicurezza possono includere slogan sulla sicurezza, lo sviluppo di a indice di pulizia, rinforzo positivo e programmi di formazione per i lavoratori (Saarela 1991). In alcuni paesi sono stati istituiti servizi di medicina del lavoro per coinvolgere il personale sanitario nell'attività aziendale di prevenzione degli infortuni. Questi servizi devono avere la capacità di raccogliere informazioni sul posto di lavoro, ad esempio per eseguire analisi del carico di lavoro e dei rischi, al fine di svolgere le loro attività quotidiane. Inoltre, molte aziende hanno istituito sistemi computerizzati per la registrazione e la segnalazione degli incidenti. Sistemi simili, adattati per registrare gli infortuni sul lavoro secondo un formato standard richiesto dagli organismi di indennizzo dei lavoratori, sono stati istituiti in diversi paesi.

L'informazione sulla sicurezza nazionale e mondiale e il ciclo dell'informazione

Così come esiste il ciclo delle informazioni sulla sicurezza entro un'azienda, esiste un ciclo informativo simile a livello nazionale e internazionale. Il flusso di informazioni sulla sicurezza da nazione a nazione può essere inteso come un cerchio che rappresenta varie fasi nel movimento delle informazioni in cui le informazioni sulla sicurezza possono essere necessarie, elaborate o diffuse.

Per valutare i meriti relativi dei vari sistemi informativi, è utile discutere la diffusione dell'informazione in termini di “ciclo dell'informazione”. Il flusso di informazioni sulla sicurezza a livello internazionale è rappresentato schematicamente nella figura 1, basata su Il modello di Roberto (Roberto 1983; Takala 1993). Come primo passo, le informazioni sulla sicurezza sono identificate o descritte dall'autore di un documento, dove la parola "documento" è usata nel suo senso più ampio e può denotare indifferentemente un articolo scientifico, un libro di testo, un rapporto statistico, un atto legislativo, una formazione audiovisiva materiale, scheda di sicurezza chimica o persino un floppy disk o un intero database. Qualunque sia il suo tipo, tuttavia, le informazioni possono entrare nel ciclo in forma elettronica o stampata.

Figura 1. Il ciclo delle informazioni

MISSING

  1. Le informazioni vengono inviate a un editore o editore, che ne valuterà la validità per la pubblicazione. La pubblicazione di un documento è, chiaramente, un fattore importante per la sua utilità e accessibilità generale semplicemente perché i materiali inediti sono difficili da reperire.
  2. I documenti pubblicati possono essere utilizzati direttamente da un professionista della sicurezza o possono rivolgersi a un utente finale non professionale come il lavoratore sul posto di lavoro (ad esempio, le schede di sicurezza chimica).
  3. Il documento può quindi essere inviato a un centro informazioni. Nel caso di documenti che veicolano informazioni primarie (risultati di ricerche originali, ad esempio), il centro provvederà sistematicamente a raccogliere, vagliare e selezionare le informazioni utili in essi contenute, effettuando così la prima lettura sommaria di grandi volumi di documenti. Una pubblicazione secondaria regolarmente pubblicata o aggiornata, come un periodico o una banca dati contenente abstract o recensioni, può essere pubblicata o resa disponibile dal centro informazioni. Ciò attirerà costantemente l'attenzione sugli sviluppi significativi in ​​materia di sicurezza e salute sul lavoro.
  4. Tali pubblicazioni o banche dati secondarie si rivolgono principalmente ai professionisti della sicurezza. Esempi di tali banche dati secondarie e pubblicazioni sono i CISDOC database e il Sicurezza e salute sul lavoro bollettino dell'Organizzazione internazionale del lavoro, e il NIOSTIC database del National Institute for Occupational Safety and Health (NIOSH) negli Stati Uniti. Il veicolo di interscambio tra un determinato soggetto istituzionale (es. un'azienda) e il ciclo informativo nazionale o globale è in ogni caso l'utente. L'utente non è necessariamente un singolo professionista della sicurezza, ma può anche essere il sistema di gestione della sicurezza dell'ente. Un utente del materiale pubblicato può inoltre comunicare un feedback direttamente all'autore o all'editore, una pratica comune per le pubblicazioni scientifiche.
  5. A questo punto del ciclo informativo, il documento pubblicato può essere modificato a seguito del "test di realtà", la fase in cui il professionista della sicurezza utilizza effettivamente le informazioni per ridurre il numero di infortuni o malattie professionali, o per risolvere altri problemi sul lavoro.
  6. L'esperienza contribuisce a una migliore previsione dei rischi per la salute e degli incidenti.
  7. L'esperienza può portare a nuovi risultati di ricerca sotto forma di rapporti e documenti che vengono inviati all'editore: così il ciclo è completato.

 

Applicazioni delle informazioni sulla sicurezza

Le informazioni possono essere utilizzate per diversi scopi: formazione all'interno e all'esterno dell'azienda; progettazione di macchinari, processi, materiali e metodi; operazioni di ispezione e controllo. Il carattere vario di tali usi implica che le informazioni debbano essere redatte in una forma adeguata per ogni tipo di utente. Gli stessi utenti modificano e rielaborano le informazioni in nuovi prodotti informativi. Ad esempio, un ispettorato può redigere nuove norme e regolamenti, i produttori di macchine possono stabilire nuove linee guida alla luce del loro coinvolgimento nelle attività di standardizzazione della sicurezza, i produttori di sostanze chimiche possono compilare le proprie schede di sicurezza dei materiali ed etichette e i formatori possono produrre manuali, audiovisivi e dispense. Alcune informazioni possono essere di un tipo specifico e pronto all'uso che offre soluzioni dirette a problemi di sicurezza e salute individuali, mentre altre informazioni possono indicare miglioramenti nel processo di produzione, come un metodo, una macchina o un materiale più sicuri. Nonostante la loro varietà, l'elemento comune a tutti questi prodotti informativi è che, per essere utili, alla fine dovranno essere impiegati da un sistema di gestione della sicurezza aziendale. Le risorse che coinvolgono processi, materiali e metodi devono essere selezionate, acquistate, trasportate e installate; persone per utilizzarle selezionate e formate; follow-up e supervisione esercitati; e gli output devono essere distribuiti con costante attenzione a un'ampia gamma di esigenze informative.

Sistemi Informativi di Sicurezza Computerizzati

I computer sono l'ultimo anello del processo di sviluppo che spazia su tutti i mezzi di informazione, dal linguaggio parlato e scritto ai sistemi elettronici contemporanei. In effetti, potrebbero essere in grado di svolgere il lavoro di tutti i precedenti tipi di manipolazione delle informazioni. I computer sono particolarmente adatti a questo scopo per la loro capacità di gestire compiti altamente specifici che comportano grandi volumi di informazioni. Nel campo delle informazioni sulla sicurezza possono essere particolarmente utili per le tipologie di necessità elencate in figura 2.

Immagine 2. Possibili applicazioni dell'informazione informatizzata

INF010T1

 

Di ritorno

Martedì, Febbraio 15 2011 18: 13

Trovare e usare le informazioni

Man mano che il bagaglio di conoscenze accumulate in materia di sicurezza e salute cresce ed è pubblicizzato sia dai media generali che da quelli specializzati, le preoccupazioni che hanno a che fare con la salute personale in generale, con i rischi ambientali e con la sicurezza e la salute sul lavoro hanno ricevuto una crescente attenzione. Soprattutto per quanto riguarda il luogo di lavoro, il principio secondo cui sia i datori di lavoro che i lavoratori hanno la necessità e il diritto di ricevere adeguate informazioni sulla sicurezza e sulla salute sta diventando sempre più chiaramente riconosciuto e attuato attivamente.

Bisogno di informazioni

Informazioni affidabili, complete e comprensibili sono essenziali per garantire gli obiettivi di sicurezza e salute sul lavoro (SSL). Queste informazioni devono essere facilmente accessibili, aggiornate e direttamente applicabili alle circostanze specifiche dell'utente. Tuttavia, la grande varietà di ambienti di lavoro e l'enorme volume e diversità di informazioni sulla SSL, che riguardino la tossicologia, la biochimica, la scienza comportamentale o l'ingegneria, sfidano i fornitori di tali informazioni a soddisfare esigenze come le seguenti:

  • informazioni accademiche o teoriche, richieste da sofisticati specialisti e ricercatori tecnici o scientifici
  • informazioni pratiche, richieste da autorità di regolamentazione, datori di lavoro e dipendenti
  • informazioni legislative, necessarie per lo sviluppo e l'attuazione di politiche, la formazione di dipendenti e datori di lavoro, lo sviluppo e l'attuazione di programmi di SSL e il rispetto dei requisiti di SSL. Le responsabilità dei professionisti della sicurezza e dei rappresentanti e dei membri dei comitati assegnati a compiti relativi alla sicurezza includono normalmente la fornitura di informazioni ad altri. Inoltre, in molti paesi le leggi sulla sicurezza e sulla salute richiedono che le informazioni: (a) siano fornite ai lavoratori da governi, datori di lavoro e fornitori di prodotti chimici, tra gli altri; e (b) essere generati da organizzazioni come le società a cui si applicano le leggi.

 

Le informazioni sulla sicurezza e la salute sul lavoro sono necessarie per:

  • Per prendere decisioni informate. Le informazioni sulla sicurezza e la salute sul lavoro consentono alle autorità di regolamentazione, ai legislatori, ai professionisti della SSL, alle organizzazioni sindacali e industriali, ai datori di lavoro e ai lavoratori di prendere decisioni ponderate in merito a un ambiente di lavoro sano e sicuro. Queste decisioni possono includere lo sviluppo e l'attuazione di politiche di sicurezza e salute sul lavoro, requisiti normativi e programmi di sicurezza e salute appropriati per il posto di lavoro.
  • Per svolgere in sicurezza i compiti. I lavoratori hanno bisogno di informazioni sulla sicurezza e la salute sul lavoro per poter prendere decisioni quotidiane in merito allo svolgimento efficace ma sicuro delle loro mansioni. I datori di lavoro lo richiedono per formare i propri dipendenti a prendere queste decisioni.
  • Per soddisfare i requisiti legislativi e normativi. Senza informazioni complete e accurate sulla sicurezza e la salute sul lavoro, i lavoratori, i datori di lavoro, le organizzazioni sindacali e gli operatori della sicurezza e della salute sul lavoro non sarebbero in grado di soddisfare questi mandati.
  • Per esercitare i diritti. A un numero crescente di lavoratori è stato riconosciuto il diritto di conoscere i rischi connessi alle loro mansioni e di partecipare al processo decisionale relativo al loro ambiente di lavoro. In alcuni paesi hanno il diritto di rifiutare lavori pericolosi.

 

Efficace diffusione delle informazioni

Le seguenti considerazioni devono essere affrontate al fine di garantire che un programma di diffusione delle informazioni sulla sicurezza e la salute sul lavoro sia efficace.

  1. Le informazioni devono essere presentate in una forma adatta alle esigenze, alle circostanze e al background dell'utente finale. Ad esempio, i documenti contenenti informazioni tecniche possono essere più utili per i professionisti della sicurezza e della salute sul lavoro che per quei dipendenti e datori di lavoro che di solito hanno meno familiarità con il linguaggio tecnico. Tuttavia, si dovrebbe sempre prendere in considerazione la conversione del materiale tecnico in un linguaggio comune al fine di realizzare un programma completo di informazioni sulla sicurezza e la salute sul lavoro. Per essere efficaci, le informazioni sulla sicurezza e salute sul lavoro devono essere utili e comprensibili.
  2. Dovrebbero essere considerati pubblici alternativi. Ad esempio, un articolo sui rischi nei ristoranti commerciali dovrebbe interessare scuole, carceri e altre istituzioni che dispongono di strutture per la ristorazione.
  3. Le informazioni devono raggiungere le persone che ne hanno bisogno e dovrebbe essere sviluppata una strategia globale per comunicarle loro. I metodi disponibili includono la posta diretta alle persone su una mailing list acquistata o sviluppata; presentazioni a seminari, simposi e corsi di formazione; espone a convegni professionali così come a riunioni di lavoratori e piccole imprese; e pubblicità in periodici commerciali e professionali.
  4. Spesso, i disseminatori secondari possono essere utilizzati per aumentare una strategia di disseminazione. Questi sforzi cooperativi incoraggiano la coerenza, riducono le duplicazioni e beneficiano dei punti di forza dei divulgatori secondari. Ad esempio, dopo aver prestato servizio come revisore di documenti, un rappresentante di un'associazione di categoria potrebbe essere interessato a mettere a disposizione dei membri una pubblicazione relativa ai dipendenti o, in minima parte, avvisare i membri della disponibilità del documento originale. I divulgatori secondari possono anche ridurre i costi perché potrebbero essere disposti a ristampare il materiale per coloro che potrebbero averne bisogno, in particolare se ricevono in prestito la copia fotografica oi negativi.

[v. Morgan]

Popolazione utenti

La sicurezza e la salute sul lavoro comprendono l'intero spettro delle attività lavorative e delle professioni. Le informazioni sulla sicurezza e la salute relative a tali attività sono necessarie alle persone che hanno la responsabilità per legge di garantire ambienti di lavoro sicuri e salubri o che possono essere danneggiate da pericoli originati, anche a distanza, dalle attività lavorative. Questi includono: le persone che sono direttamente coinvolte nei rischi sul lavoro o che sono impegnate professionalmente nella sicurezza e salute sul lavoro; persone di altre organizzazioni che forniscono servizi a un posto di lavoro; e le comunità e il pubblico in generale che possono essere esposti, forse a una distanza maggiore, a qualsiasi effetto deleterio dei processi lavorativi. Di conseguenza, il profilo dell'utente per le informazioni sulla sicurezza e la salute sul lavoro copre una gamma estremamente ampia di tipologie.

In primo luogo, c'è il decisore. In ogni stabilimento, diverse categorie di persone occupano posizioni decisionali chiave che incidono direttamente (e, abbastanza spesso, indirettamente) sulla salute e sul benessere delle persone associate a un particolare posto di lavoro, di quelle nelle comunità circostanti e di altri che potrebbero esserne interessati dalle pratiche dello stabilimento. Queste persone possono essere datori di lavoro, dirigenti di linea senior, membri di comitati congiunti per la sicurezza e la salute, rappresentanti per la sicurezza e la salute o personale specializzato responsabile della sicurezza e della salute, degli acquisti, della formazione e della gestione delle informazioni. Tutte queste categorie di persone necessitano di informazioni adeguate per svolgere efficacemente le proprie funzioni legate alla sicurezza e per prendere decisioni informate in merito ai problemi di SSL e al modo in cui affrontarli.

I dipendenti stessi non sono in alcun modo esentati dalla necessità di acquisire e agire in base alle informazioni in materia di SSL. Tutti i dipendenti, siano essi lavoratori autonomi, che lavorano in qualsiasi altra parte del settore privato o per un istituto governativo, indipendentemente dal paese, dall'ubicazione, dall'industria o dal ruolo, hanno una responsabilità nei confronti della sicurezza e della salute che è associata al proprio lavoro e che richiede informazioni secondo le loro circostanze particolari. Tutti hanno bisogno di sapere a quali pericoli presenti o potenziali possono essere esposti e di conoscere le possibili soluzioni e misure preventive, quali sono i loro diritti e doveri e quali risorse hanno a disposizione che possono aiutarli a svolgere i loro compiti in questo contesto .

Nello stesso campo della sicurezza e della salute, i dirigenti che sono specificamente responsabili della sicurezza e della salute sul posto di lavoro e i professionisti della sicurezza e della salute sul lavoro e dei campi correlati: infermieri e medici (interni o di guardia), educatori alla sicurezza, gli ispettori e altri la cui competenza comprende la sicurezza, la salute e l'igiene sul lavoro, hanno costantemente bisogno di informazioni su vari problemi di sicurezza e salute sul lavoro per svolgere le loro responsabilità quotidiane.

Sebbene molte persone e organizzazioni siano in contatto con i luoghi di lavoro solo attraverso i servizi che forniscono, è necessario tenere presente che possono avere un impatto in termini di sicurezza sui luoghi di lavoro che servono e, a loro volta, possono essere influenzati dal loro contatto con questi ambienti. I fornitori di attrezzature, materiali e prodotti chimici a consumatori quali fabbriche e uffici, associazioni industriali, sindacati, servizi di trasporto, servizi di ispezione o servizi sanitari per i lavoratori, devono preoccuparsi di esaminare se il loro rapporto reciproco possa implicare un potenziale di sviluppo di insospettati problemi di sicurezza e per farlo hanno bisogno di informazioni sulle circostanze specifiche associate alla prestazione dei loro servizi nei vari luoghi di lavoro.

Gli accademici e i ricercatori che lavorano in aree tematiche associate alla sicurezza e alla salute sul lavoro sono grandi utilizzatori di informazioni su tali argomenti, inclusi materiali di revisione e rapporti di ricerche attuali e passate. Le informazioni tecnico-scientifiche sono necessarie anche ai professionisti di campi come l'ingegneria, la chimica, la medicina e la stessa gestione delle informazioni. Inoltre, ai fini della segnalazione di eventi o preoccupazioni specifici, i professionisti dei media pubblici devono cercare informazioni di base su argomenti di SSL in modo che possano a loro volta informare il pubblico in generale.

Un'altra categoria di utilizzatori di informazioni sulla SSL sono i governi a tutti i livelli: locale, regionale e nazionale. I responsabili politici, i legislatori e i regolatori, i pianificatori e altri burocrati si occupano tutti di questioni di sicurezza e salute sul lavoro che incidono sulle loro particolari funzioni.

Sulla scala forse più ampia di necessità e utilizzo di informazioni per quanto riguarda l'ampiezza della diffusione, c'è la società stessa. Le preoccupazioni per l'ambiente e la salute e un maggiore riconoscimento dei diritti dei cittadini, insieme all'impatto dei moderni mezzi di comunicazione, hanno accresciuto la consapevolezza della società sui problemi di sicurezza e salute sul lavoro e hanno creato una vasta domanda di informazioni in modo che la società nel suo insieme stia ora facendo aumentare... e grandi richieste di informazioni su vari problemi di sicurezza e salute sul lavoro. I consumatori, le comunità in prossimità degli stabilimenti di lavoro e il pubblico in generale sono preoccupati per le attività che vengono svolte nei luoghi di lavoro e per i prodotti che producono e vogliono conoscere le loro implicazioni per la sicurezza e la salute. In particolare, i gruppi di cittadini e i lobbisti preoccupati per la sicurezza e la salute delle comunità vogliono informazioni su tutti gli aspetti dei rischi legati alle attività sul posto di lavoro come la produzione, le emissioni nell'ambiente, il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti che sono rilevanti per la loro causa.

Vi sono enormi complessità nell'informare questo spettro eterogeneo di utenti delle informazioni che rappresentano diversi background, livelli di istruzione, culture, lingue e livelli di conoscenza della SSL (per non parlare degli ambienti di lavoro). Per essere efficaci, il contenuto, la presentazione e l'accessibilità delle informazioni devono essere mirate a soddisfare le esigenze specifiche di queste diverse categorie di utenti.

[v. Morgan e PK Abeytunga]

Natura delle informazioni sulla sicurezza e la salute

Qualità delle informazioni

Le informazioni in materia di SSL devono essere autorevoli e, cosa più importante, convalidate da esperti. Le informazioni autorevoli provengono da fonti o organizzazioni ufficiali e riconosciute, ma bisogna essere consapevoli che vengono sempre più prodotte informazioni provenienti da altre fonti, che non sembrano essere state convalidate. Alcuni esempi di errori dovuti alla mancanza di validazione sono:

  • Le misure non vengono verificate e appaiono con le abbreviazioni sbagliate (es. “m” (che significa metri) invece di “mm” (che significa millimetri).
  • Il punto decimale è nella posizione sbagliata in un limite di esposizione.
  • Viene utilizzato il nome chimico errato.
  • Le illustrazioni mostrano pratiche di sicurezza e salute errate.

 

Problemi con le informazioni sulla sicurezza e la salute sul lavoro

Sebbene ci sia un'enorme quantità di informazioni sulla sicurezza e salute sul lavoro, ci sono aree in cui le informazioni sono scarse o non raccolte in un formato accessibile. Le informazioni necessarie sono frammentate in varie aree tematiche e fonti, molte fonti di informazioni sono distorte e le informazioni spesso non sono disponibili o non sono utilizzabili per le molte persone che ne hanno bisogno. Per far risparmiare tempo a chi cerca informazioni, è necessario tenere presente i seguenti punti.

Legislazione: Tutta la legislazione in materia di sicurezza e salute sul lavoro è disponibile, ma non c'è ancora una database centrale della legislazione di tutti i paesi. Il Centro internazionale di informazione sulla sicurezza e la salute sul lavoro (CIS), con sede presso l'Ufficio internazionale del lavoro (ILO), ha compiuto alcuni sforzi in questo settore, ma CISDOC, il database CIS, non è del tutto completo. Nel Regno Unito, l'Unità di diritto europeo per la sicurezza e la salute sul lavoro dell'Università di Salford dispone di una raccolta completa e aggiornata del testo integrale della legislazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro degli Stati membri dell'Unione europea, comprese le direttive europee in vigore in ciascuno nazione. Questa collezione si sta allargando per includere i paesi scandinavi e, infine, il resto del mondo. Anche il quartier generale del servizio di informazione esecutivo per la sicurezza e la salute del Regno Unito a Sheffield dispone di una serie completa del testo completo della legislazione degli Stati membri dell'Unione europea, ma è corretta solo fino al 1991. Sono disponibili numerose banche dati che forniscono riferimento alla legislazione di diversi paesi e anche alcuni servizi di aggiornamento stampati disponibili in diversi paesi.

Statistiche: La maggior parte dei paesi non dispone di un metodo uniforme o coerente di raccolta delle statistiche. Pertanto, non si può presumere che due paesi qualsiasi utilizzino la stessa metodologia; di conseguenza i dati provenienti da paesi diversi non possono essere facilmente utilizzati per studi comparativi.

Ergonomia: Sebbene molti database includano informazioni sull'ergonomia, non esiste un database che riunisca le informazioni disponibili da fonti di tutto il mondo. Un utile diario di astrazione stampato è  Estratti di ergonomia che è disponibile in formato CD-ROM.

Ricerca: Non esiste una fonte esaustiva di informazioni sulla ricerca internazionale in materia di sicurezza e salute sul lavoro, ma esistono numerose riviste e banche dati contenenti i risultati delle ricerche e dei programmi di ricerca. Il Istituto nazionale di ricerca e sicurezza per la prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali (INRS) in Francia dispone di una banca dati, ma non contiene tutte le ricerche note sulla sicurezza e la salute sul lavoro.

Film e video: Film e video aiutano a trasmettere informazioni in modo semplice e comprensibile, ma non esiste un database completo di film e video, anche se i nuovi titoli appaiono in un flusso infinito. Il CIS ha tentato di raccogliere informazioni sul materiale disponibile nel database CISDOC, così come il Safety and Health Executive Information Services del Regno Unito nel database HSELINE. Alcuni paesi, come il Regno Unito, gli Stati Uniti e la Francia, producono cataloghi annuali che contengono nuovi titoli pubblicati l'anno precedente.

Altre considerazioni: A causa di questi problemi e lacune, chi cerca informazioni sulla sicurezza e la salute sul lavoro non troverà un'unica fonte completa per le risposte alle domande. Ci sono un certo numero di aree tematiche e discipline coinvolte che devono essere verificate per ottenere un quadro completo di ognuno di questi argomenti.

L'utilizzatore delle informazioni dovrebbe essere consapevole che può esserci una mancanza di conoscenza su un particolare argomento, o anche opinioni contrastanti o prevenute, ed è saggio ottenere interpretazioni da specialisti prima di giungere a conclusioni. Alcune informazioni possono essere trasferite facilmente e rapidamente nel mondo di oggi, ma è necessario tenere conto delle condizioni locali e anche dei requisiti legali del paese.

Costo dell'informazione

Mentre molte grandi organizzazioni che possono essere basate sul governo sono disposte a condividere le informazioni gratuitamente o a un costo molto basso, chi cerca informazioni sulla salute e sicurezza sul lavoro deve essere consapevole che il costo di una buona informazione convalidata è in costante aumento come creazione, produzione, stampa e continuano ad aumentare i costi di distribuzione sia della carta stampata che dei prodotti elettronici.

Pertanto, un servizio di informazioni economico che disponga non solo di informazioni aggiornate ma anche di professionisti dell'informazione di alta qualità, formati e qualificati con esperienza pertinente sta diventando una rarità. Organizzazioni come l'Organizzazione internazionale del lavoro, con il suo numero crescente di paesi membri, stanno incoraggiando la creazione di centri o risorse di informazione focali in cui il cercatore di informazioni può utilizzare e anche ottenere l'accesso ad altri centri in tutto il mondo. Il miglioramento delle telecomunicazioni dirette dovrebbe aumentare la capacità di supportare i centri regionali.

Poiché i prezzi cambiano continuamente, non è sembrato appropriato includerli nella sezione seguente. Tuttavia, i relativi costi dei documenti dipenderanno sempre dall'entità dello sforzo necessario per assemblare i loro contenuti, dal numero di copie stampate e dalla misura in cui il costo dell'acquisto di un documento sarà compensato dal beneficio dell'applicazione dei suoi contenuti, sebbene il il prezzo delle pubblicazioni di alta qualità può essere ridotto mediante sovvenzioni pubbliche.

[S. Dispensa]

Tipi di informazioni sulla sicurezza e sulla salute e dove trovarle

La gamma di utenti sopra descritta definisce la gamma di tipi di documenti che costituiscono "informazioni sulla sicurezza e salute sul lavoro". È utile distinguere tra quei documenti che si occupano esclusivamente di questioni di sicurezza e salute sul lavoro (pubblicazioni "core") e quelli ("altri") che contengono informazioni utili ma hanno un focus diverso. Il numero di pubblicazioni presentate nella tabella 1 è stato limitate da considerazioni di spazio. Le riviste elencate sono state scelte per la frequenza con cui sono state citate in altre pubblicazioni o in banche dati bibliografiche (l'inclusione di una fonte dovrebbe non essere considerato come un avallo da parte dell'ILO e non è un riflesso su una pubblicazione o una serie che non è nominata.)

Tabella 1. Esempi di periodici fondamentali in materia di salute e sicurezza sul lavoro

Lingua

Nome

Argomento

Inglese

Giornale dell'American Industrial Hygiene Association

Igiene del lavoro

 

Giornale americano di medicina industriale

Salute sul lavoro

 

Ergonomia applicata

Ergonomia

 

Igiene industriale applicata

Igiene del lavoro

 

Medicina del lavoro e dell'ambiente (ex BJIM)

Salute sul lavoro

 

Ergonomia

Ergonomia

 

Giornale di materiali pericolosi

Sicurezza chimica

 

Scienze della sicurezza

Scienza della sicurezza

 

Giornale scandinavo di lavoro, ambiente e salute

Igiene e salute sul lavoro

Francese

Lavoro e sicurezza

Scienza della sicurezza

Italiano

Medicina del Lavoro

Salute sul lavoro

Giapponese

Giornale giapponese di salute industriale

Salute sul lavoro

Russo

Gigiena truda i professional'nye zabolevanija

Igiene del lavoro

Spagnolo

Salud e Trabajo

La sicurezza e la salute sul lavoro

 

Fonti cartacee tradizionali

Il veicolo più diffuso per l'informazione è la carta, sotto forma di libri e periodici. Questi periodici escono regolarmente ei libri hanno reti di distribuzione estese e consolidate. Il letteratura primaria è l'insieme delle riviste in cui vengono riportate nuove osservazioni, scoperte o invenzioni da parte dei responsabili. Le recensioni sullo stato dell'arte compaiono anche nelle pubblicazioni primarie. Per essere pubblicato in una pubblicazione primaria, un articolo deve essere rivisto da un certo numero di esperti nel campo in questione, che assicurino che rifletta le buone pratiche e che le sue conclusioni derivino dai fatti presentati. Questo processo è chiamato peer review.

Tipici della categoria “altro” sono, tra gli altri, i Giornale dell'Istituto internazionale di ingegneria del controllo del rumore e l' Journal of American Medical Association (JAMA). Le agenzie governative in molti paesi stampano periodici statistici che contano come letteratura primaria, anche se non utilizzano il processo di revisione tra pari dei giornalisti di ricerca. Il Morbilità e mortalità Rapporto settimanale emesso dai Centers for Disease Control and Prevention negli Stati Uniti ne è un esempio. I periodici primari possono essere trovati nelle biblioteche delle istituzioni competenti (la JAMA nelle biblioteche della facoltà di medicina e degli ospedali, per esempio).

Ci sono alcune riviste di base a circolazione di massa che non sono sottoposte a revisione paritaria, ma che forniscono informazioni primarie sotto forma di notizie su eventi recenti o imminenti, oltre ad articoli di facile lettura su argomenti di interesse attuale. Spesso includono pubblicità di prodotti e servizi per la sicurezza e la salute sul lavoro che sono esse stesse informazioni utili sulle fonti di approvvigionamento. Possono essere pubblicati da autorità pubbliche, ad esempio, Notiziario dell'Australia e Bezopasnost' truda v promyshlennosti (Russia), da consigli di sicurezza privati ​​senza scopo di lucro—Notizie sulla sicurezza australiana, sicurezza e salute (STATI UNITI D'AMERICA), Promosafe (Belgio), Di gestione della sicurezza (UK), Arbetsmiljo (Svezia), SNOP (Italia) o da imprese private—Lettera sulla sicurezza e la salute sul lavoro (STATI UNITI D'AMERICA). Ci sono anche molte pubblicazioni in altre specialità che includono informazioni utili e interessanti:Settimana Chimica, Impiantista, Prevenzione Incendi.

La difficoltà di trovare informazioni su un particolare argomento nella massa della letteratura primaria ha spinto allo sviluppo di fonti secondarie. Si tratta di guide alla letteratura o ad avvenimenti recenti, come casi giudiziari, i cui scritti ufficiali compaiono altrove. Indicano dove è pubblicato un determinato documento su un argomento e di solito forniscono un breve riassunto del suo contenuto. Ci sono anche indici di citazione, che elencano le pubblicazioni che citano un dato documento; questi consentono un efficiente reperimento delle pubblicazioni rilevanti una volta identificato un riferimento chiave (purtroppo non ce n'è uno dedicato esclusivamente alla sicurezza e salute sul lavoro). Poiché devono essere aggiornate, le fonti secondarie utilizzano la più recente tecnologia elettronica per accelerare la loro pubblicazione.

Per migliorare l'accesso, in particolare alle aree con un numero limitato di computer, alcune banche dati sono rese disponibili anche in formato cartaceo. L'ILO Sicurezza e Salute sul Lavoro—Bollettino ILO/CIS è una versione stampata del CISDOC che viene emessa sei volte all'anno e comprende indici annuali e quinquennali. Allo stesso modo, Estratto Medica è disponibile come rivista. Alcuni database di fonti secondarie sono disponibili anche su microfiche, come ad esempio RTECS, anche se è più comune che le informazioni bibliografiche cartacee siano supportate da microfiche full-text. In questi casi il database è in due parti: riferimenti bibliografici e abstract su carta (o in formato elettronico) e il testo completo su microfiche.

Alcuni altri titoli di fonti secondarie lo sono Medicina del Lavoro e Medicina del Lavoro, e CA seleziona "Sicurezza e salute sul lavoro". Altri includono il Indice delle citazioni scientifiche, Indice delle citazioni delle scienze sociali, Riassunti chimici, e BIOSI. A causa del numero di persone altamente qualificate coinvolte nella loro preparazione, le fonti secondarie tendono ad essere costose.

Alcune newsletter sono preziose fonti secondarie, in quanto citano importanti pubblicazioni recenti, leggi o sentenze giudiziarie. Gli esempi includono: Pubblicazioni principali: Consulente per la conformità OSHA (STATI UNITI D'AMERICA); Altro: Bollettino prodotti chimici in corso (EPA statunitense). Mentre molte pubblicazioni governative di questo tipo sono gratuite, le newsletter raccolte e compilate privatamente tendono ad essere costose. Raramente si trovano nelle biblioteche; chi ne ha bisogno potrebbe trovarli degni del prezzo dell'abbonamento.

Un terzo tipo importante di fonte di informazioni comprende libri di testo, enciclopedie e compendi. Mentre le recensioni nella letteratura primaria descrivono un dominio di conoscenza al momento della loro scrittura, le recensioni di fonti terziarie raccontano l'evoluzione di quella conoscenza e il suo contesto più ampio. I compendi di dati riuniscono valori originariamente misurati e riportati in momenti diversi nel corso di molti anni.

Le pubblicazioni principali in questa "categoria terziaria" includono Igiene industriale e tossicologia di Patty (Patty 1978), Pericoli chimici reattivi (Bretherick 1979), Proprietà pericolose dei materiali industriali (Sax 1989), Manuale del gefährlichen Güter (Hommel 1987), Le malattie delle professioni (Hunter 1978), e questo Enciclopedia. Esempi di pubblicazioni terziarie nella categoria "altro" sono le enciclopedie in un volume McGraw-Hill che coprono varie aree della scienza e della tecnologia e il Enciclopedia concisa della tecnologia chimica Kirk-Othmer (Grayson e Eckroth 1985), 4th edizione in 27 volumi (i volumi da 1 a 5 sono pubblicati). I lettori non dovrebbero trascurare la grande quantità di informazioni relative alla sicurezza e alla salute sul lavoro che si trovano nelle grandi enciclopedie generali: Britannica, Universalis, Brockhaus, ecc.

Letteratura grigia

Sono molti i libri ei periodici che non hanno lo stesso articolato sistema di pubblicazione e distribuzione della tradizionale letteratura cartacea, ad esempio relazioni, schede e cataloghi; questi sono indicati come letteratura grigia perché sono difficili da trovare. La letteratura primaria nella categoria grigia comprende rapporti di agenzie governative (rapporti di ricerca, statistiche, indagini sugli incidenti, ecc.), tesi e rapporti di istituti di ricerca universitari e commerciali, come lo State Research Institute (VTT) in Finlandia o l'European Chemical Industry Ecology -Centro di ricerca sulla tossicologia (ECETOC) in Belgio. Una buona fonte di informazioni sulla sicurezza e la salute sul lavoro nei paesi in via di sviluppo può essere trovata nei rapporti delle agenzie pubbliche e private. I cataloghi dei produttori possono fornire una grande quantità di informazioni. Molti esistono in più di una lingua, quindi un set completo fornisce una guida a un tipo di terminologia che raramente si trova nei dizionari.

Per aiutare il professionista della sicurezza e della salute sul lavoro a trovare questi documenti pubblicati in modo irregolare, sono state create una serie di fonti secondarie. Loro includono rapporti governativi, annunci, riviste indicizzate e abstract di dissertazione. Gli editori di rapporti possono occasionalmente includere un catalogo di documenti precedentemente pubblicati nella serie di rapporti stessi. Le fonti secondarie non sono letteratura grigia: sono pubblicate regolarmente e sono facili da trovare nelle biblioteche.

Un tipo importante di letteratura grigia è terziario: schede di dati sulla sicurezza dei materiali (MSDS) e documenti sui criteri. (Alcuni fogli dati sono periodici; ad esempio, il File di dati sulla sicurezza industriale, pubblicato mensilmente da Wilmington Publishers nel Regno Unito). Le fonti principali sono: autorità nazionali (NIOSH, Arbetsmiljoinstitutet), programmi internazionali come il programma internazionale sulla sicurezza chimica (IPCS), i prodotti dei fabbricanti (MSDS).

Leggi, norme e brevetti in stampa

La maggior parte dei paesi e dei raggruppamenti regionali (ad esempio, l'Unione Europea) ha come fonte primaria una gazzetta ufficiale dove vengono stampate nuove leggi, regolamenti derivati ​​e brevetti. Estratti di singole leggi, brevetti, ecc. sono emessi anche da stampatori governativi. Gli standard sono un caso più complicato. Gli standard tecnici sono spesso sviluppati da associazioni volontarie ufficialmente riconosciute come l'American Society for Testing and Materials (ASTM) o da istituti governativi indipendenti (come la German Deutsche Industrie Normen (DIN)); questi organismi coprono i loro costi operativi dalla vendita di copie dei loro standard. Gli standard di salute e benessere (come i limiti sull'orario di lavoro o sull'esposizione a determinate sostanze) sono più spesso fissati dalle agenzie governative, quindi i testi compaiono nelle riviste ufficiali.

L'American Association of Law Libraries ha iniziato a pubblicare Diritto straniero: fonti attuali di codici e legislazione nelle giurisdizioni del mondo. Sono apparsi due dei tre volumi previsti (L'emisfero occidentale, 1989 e Europa occidentale e orientale e Comunità europee, 1991). I volumi a fogli mobili sono aggiornati annualmente. Questo lavoro descrive gli ordinamenti giuridici di tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite e di quelle dipendenze che hanno i propri regimi giuridici. Identifica i testi rilevanti sotto varie intestazioni di argomenti (i testi sulla sicurezza e salute sul lavoro si trovano sotto le intestazioni “lavoro” e settore industriale). Gli editori annotano numerose altre fonti secondarie e includono un elenco di fornitori di pubblicazioni giuridiche straniere.

Il compendio è lo strumento normale per lavorare con le leggi e i regolamenti derivati: il tempo che intercorre tra la pubblicazione di una nuova legge nella gazzetta ufficiale e la sua inclusione nelle raccolte è generalmente molto breve e il testo può avere significato solo nel contesto di altri regolamenti . Anche con gli standard accade spesso che uno standard individuale (ad esempio, lo standard elettrochimico internazionale (IEC) 335-2-28 sulle macchine per cucire) non indichi tutti i requisiti applicabili, ma citi uno standard "genitore" nel stessa serie che stabilisce i requisiti universali (IEC 335-1, Sicurezza degli apparecchi elettrici domestici e similari). Molti paesi hanno edizioni consolidate dei loro codici del lavoro in cui si trova la legislazione centrale sulla sicurezza e la salute sul lavoro. Allo stesso modo, l'ILO e l'Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO) pubblicano raccolte di standard, mentre l'International Register of Potentially Toxic Chemicals (IRPTC) Fascicolo legale contiene informazioni provenienti da tredici paesi.

Informazioni in formato elettronico

Lo studio delle pratiche di sicurezza e salute sul lavoro e delle discipline che le supportano è cresciuto vigorosamente dal 1950 al 1990. L'organizzazione e l'indicizzazione della massa di pubblicazioni risultante è stata una delle prime applicazioni dei computer.

Database

Nel 1996 esistevano solo pochi database full-text dedicati esclusivamente alla sicurezza e alla salute sul lavoro, ma il numero sta crescendo rapidamente. Informazioni rilevanti, tuttavia, possono essere trovate in altri, come i database on-line dell'American Chemical Society Journals Online e del Dow-Jones e altri servizi di informazione. D'altra parte, ci sono molte fonti secondarie in materia di sicurezza e salute sul lavoro disponibili online: CISDOC, NIOSHTIC, HSELINE, INRS, CSNB e parti di HEALSAFE. Altre fonti includono ERIC (Educational Resources Information Center), che è un servizio statunitense; MEDLINE, che comprende abstract della letteratura medica mondiale preparati dalla Biblioteca Nazionale di Medicina degli Stati Uniti; NTIS, che indicizza la "letteratura grigia" statunitense; e SIGLE, che fa lo stesso per l'Europa.

I diversi tipi di database esistenti sulla sicurezza e la salute sul lavoro includono quanto segue:

  • Banche dati bibliografiche. Si tratta di database di documenti già pubblicati, in cui una voce (record) può includere elementi (campi) come il nome dell'autore, il titolo del documento, il nome dell'editore o della fonte e l'ubicazione del documento e del suo abstract. I record generalmente includono indicatori di classificazione che sono descrittori primari o secondari o parole chiave descrivendo la cronaca. Le parole chiave sono spesso prese da a vocabolario controllato, o dizionario. Il documento stesso non è memorizzato nel database.
  • Database full-text. A differenza del database bibliografico, che contiene solo informazioni bibliografiche e forse un abstract, tutto il testo rilevante (il testo completo) del documento è incluso in questo tipo di database. Di solito ci sono anche alcuni classificatori e descrittori, per aiutare nel recupero. Le banche dati sulle schede di dati sulla sicurezza chimica, contenenti ciascuna da una a dieci pagine, e persino intere enciclopedie e altri documenti di grandi dimensioni, possono essere conservate in tale formato. I database full-text corrispondono a fonti primarie e terziarie di informazioni stampate - sono raccolte di fatti e insiemi completi di dati - mentre i database bibliografici sono fonti secondarie che descrivono o fanno riferimento ad altri documenti. Come le fonti secondarie stampate, possono contenere estratti delle informazioni citate.
  • Database fattuali. Questi contengono misure o valori numerici, come i valori limite di soglia delle sostanze chimiche.
  • Database multimediali. Questi contengono immagini, disegni, illustrazioni, suoni e video (o riferimenti e collegamenti ad essi) così come il testo del documento (Abeytunga e de Jonge 1992).
  • Database misti. Gli elementi di ciascuno dei database sopra descritti sono inclusi in un database misto.

 

Ciascuno di questi database consente a una persona con una domanda a cui rispondere di ottenere l'accesso alle informazioni elettroniche pertinenti in due modi: utilizzando linee telefoniche collegate a un computer in cui sono memorizzate le informazioni o acquisendo un dischetto o un compact disc contenente le informazioni e installandolo sul personal computer dell'utente.

Servizi online

Vengono chiamati database di sicurezza di grandi dimensioni a cui è possibile accedere tramite computer di grandi dimensioni e che sono sempre accessibili ogni volta che i computer sono in esecuzione On-line banche dati. Le organizzazioni che gestiscono sistemi in linea sono indicate come loro padroni di casa (Takala et al. 1992). Fino a poco tempo fa, i database on-line sono stati l'unico mezzo fattibile per l'archiviazione e la diffusione di informazioni tramite supporti magnetici che consentono l'uso di computer e software di ricerca appositamente progettati per il recupero e il download di dati (Wood, Philipp e Colley 1988) . Praticamente chiunque abbia accesso ad un videoterminale (o microcomputer) e ad una linea di telecomunicazione (dati o telefonica) può avvalersi di una banca dati on-line.

Con la proliferazione di servizi in linea disponibili in commercio dall'inizio degli anni '1970, le informazioni sono diventate più facilmente accessibili. È stato stimato che nel 1997 c'erano ben oltre 6,000 database disponibili per il recupero di informazioni nel mondo, che coprivano molti argomenti e per un totale di oltre 100 milioni di riferimenti. Inoltre, ci sono oltre 3,000 fonti CD-ROM, incluso un numero sempre crescente di CD-ROM full-text.

I servizi in linea, che hanno avuto inizio con i database bibliografici, si basano su enormi computer mainframe centrali che sono costosi da installare e mantenere. Con l'aumentare del volume delle informazioni e della popolazione degli utenti, il solo aggiornamento dei sistemi comporta ingenti investimenti.

Sistemi aperti, che consentono ai computer di dialogare con i computer di qualsiasi parte del mondo, stanno diventando sempre più una caratteristica standard dell'ambiente di lavoro, eliminando la necessità di ospitare tutti i dati di sicurezza necessari su un computer "in-house".

I problemi di telecomunicazione e il numero limitato di terminali disponibili nei paesi in via di sviluppo limitano servizi come questi, soprattutto al mondo industrializzato. Il livello delle infrastrutture esistenti; preoccupazioni politiche come sicurezza, segretezza e centralizzazione; e le peculiarità culturali possono limitare fortemente l'uso dei servizi on-line. Inoltre, la complessità dei sistemi di accesso e ricerca limita ulteriormente il numero degli utenti. Coloro che sono solo occasionalmente interessati alle informazioni molto probabilmente non saranno sufficientemente esperti nelle tecniche necessarie, o potrebbero forse dimenticare del tutto le procedure corrette. Di conseguenza, sono gli specialisti dell'informazione addestrati che tendono più spesso a utilizzare questi sistemi computerizzati. I professionisti della sicurezza, in particolare a livello di fabbrica, li usano raramente. Le banche dati on-line non sono molto utilizzate per scopi di formazione sulla sicurezza a causa delle costose tariffe di utenza al minuto. I database in linea sono, tuttavia, insostituibili quando la dimensione del database è così grande che un CD-ROM o anche diversi di essi non possono contenere tutti i dati desiderati.

Guide alla ricerca online

Ci sono un certo numero di utili guide pubblicate per la ricerca on-line e banche dati che il cercatore di informazioni OHS potrebbe desiderare di consultare. Possono essere forniti da una biblioteca pubblica o universitaria e da un servizio informativo o possono essere acquistati presso l'editore.

I grandi host mantengono centinaia di database diversi disponibili 24 ore al giorno. Nell'eseguire una ricerca in linea, possono essere attuate varie strategie di ricerca che combinano una serie di requisiti tecnici. Utilizzando particolari tecniche di ricerca come la ricerca per descrittori o per parole chiave, si può spaziare su una grande quantità di materiali disponibili, concentrandosi sulle informazioni più rilevanti per le proprie esigenze. Oltre alla ricerca per parola chiave, FREETEXT la ricerca, in cui viene effettuata una ricerca per parole specifiche situate in quasi tutti i campi del testo del database, può fornire ulteriori informazioni. Praticamente non esistono limiti per quanto riguarda la dimensione di un database e diversi database di grandi dimensioni possono essere messi insieme per formare un gruppo. Un cluster può essere utilizzato come se fosse un singolo database, in modo che una strategia di ricerca possa essere applicata simultaneamente a tutti oa database selezionati. Questo tipo di  Tutta la sicurezza Il database è attualmente in fase di creazione da parte di uno dei grandi host, il sistema di recupero delle informazioni dell'Agenzia spaziale europea (ESA-IRS). Questo cluster è destinato a includere molti database di grandi dimensioni e la sua dimensione è nell'intervallo di gigabyte o miliardi di caratteri. Tali cluster sono, ovviamente, completamente dipendenti dal computer.

Gli elenchi completi dei database disponibili on-line possono essere ottenuti dai principali host internazionali, vale a dire ESA-IRS, DIALOG, ORBIT, STN, CCINFOline e Questel. Ogni host identifica solo i propri database; elenchi più estesi possono essere trovati in directory come Elenco dei database di Gale Research (compresi CD-ROM e dischetti), che è disponibile on-line su ORBIT e Questel oltre che in formato cartaceo.

Diversi compact disc offrono database dedicati alla sicurezza e alla salute sul lavoro: il CD-ROM OSHA dell'Occupational Safety and Health Administration (OSHA) degli Stati Uniti, i dischi CCINFO del Canadian Centre for Occupational Health and Safety (CCOHS) in inglese e in francese (CCOHS 1996), i CD-ROM a testo integrale del servizio di informazioni per la salute e la sicurezza del Regno Unito OSH-CD e OSH-OFFSHORE, pubblicati da SilverPlatter, che pubblica anche molti altri CD-ROM relativi alla sicurezza e alla salute sul lavoro come CHEMBANK, EINECS, TOXLINE , e EXCERPTA MEDICA. Springer-Verlag pubblica anche GEFAHRGUT, un CD-ROM in tedesco. Il testo completo delle Convenzioni e Raccomandazioni dell'ILO relative alla sicurezza e salute sul lavoro è disponibile su ILOLEX, un CD-ROM pubblicato da Kluwer. Informazioni secondarie si possono trovare anche nei dischi CCINFO e nella OSH-ROM di SilverPlatter. MEDLINE e PESTBANK sono altri due CD-ROM interessanti.

Molti tipi di fonti di informazioni utili possono essere ottenute in questo modo su dischetto. GUANTI elenca le proprietà dei materiali utilizzati per i guanti protettivi per aiutare gli utenti a scegliere quelli più resistenti per un determinato lavoro. I rischi chimici reattivi di Bretherick è disponibile su dischetto, così come una raccolta ILO di informazioni sulle sostanze chimiche regolamentate sul posto di lavoro, i limiti di esposizione in 13 paesi, le frasi di rischio e di sicurezza da utilizzare nell'etichettatura e le citazioni delle pubblicazioni pertinenti.

Altre fonti di dischetti includono Dissotterrare, che fornisce dati su agenzie, programmi e aree di competenza delle Nazioni Unite. Esistono anche guide secondarie ai dati. Una fonte fondamentale è FACTS, che contiene estratti di denunce di incidenti sul lavoro tenute presso l'Istituto tecnico nazionale olandese (TNO). Esistono altri programmi per assistere il praticante, ad esempio ACCUSAFE (un sistema di controllo della sicurezza del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti); EBE, un sistema di gestione delle informazioni sviluppato dal progetto di cooperazione tecnica regionale CIS per l'Asia.

Specialisti in materia

Risolvere i problemi di sicurezza e salute sul lavoro non è semplicemente una questione di accumulare fatti, qualcuno deve usare i fatti per escogitare soluzioni. Tutti gli specialisti della sicurezza e della salute sul lavoro hanno aree di competenza e quando i problemi esulano dalla competenza di una persona è il momento di chiedere aiuto. Le principali industrie hanno spesso operazioni dedicate alla sicurezza e alla salute, come il Center for Chemical Process Safety dell'American Institute of Chemical Engineers. I centri antiveleni locali possono aiutare con l'identificazione del prodotto e le emergenze sul posto di lavoro. Le società professionali (ad esempio, l'American Society for Testing and Materials) possono pubblicare registri di esperti riconosciuti. pubblicazioni specialistiche (es. Prevenzione del fuoco) includono pubblicità utili. In molti paesi, le agenzie nazionali offrono servizi di consulenza.

Ogni biblioteca del mondo è un centro informazioni dove si possono trovare i fatti rilevanti per la sicurezza e la salute sul lavoro. Tuttavia, non è possibile rispondere a tutte le possibili domande in una singola libreria. In generale, gli specialisti dell'informazione oi bibliotecari di riferimento conosceranno le fonti specializzate nelle loro regioni e potranno consigliare gli utenti in modo appropriato. Ci sono anche guide stampate, come Directory di biblioteche speciali e centri di informazione di Gale Research Inc (16a ed., 1993). Le istituzioni a livello nazionale che fungono da centri nazionali e di collaborazione CIS formano una rete che può indirizzare le richieste di informazioni alla fonte di competenza più appropriata.

Informazioni sulla sicurezza sul lavoro

Poiché queste "pubblicazioni" - manifesti, insegne, opuscoli, ecc. - sono immagini piuttosto che parole o numeri, in passato non erano suscettibili di archiviazione e recupero elettronico. Al momento in cui scriviamo, le cose stanno cambiando, ma lo specialista in SSL che cerca opuscoli appropriati da distribuire durante un corso di mezza giornata sulla sicurezza antincendio dovrebbe probabilmente rivolgersi ai vigili del fuoco locali prima di accendere un computer. Delle principali banche dati in materia di SSL, solo il CISDOC include sistematicamente riferimenti a materiali di formazione e la raccolta del CISDOC è indicativa piuttosto che esaustiva.

Poiché le biblioteche normalmente non dispongono di cataloghi, l'interessato deve costruire una collezione personale contattando i fornitori. Questi includono aziende commerciali (ad esempio, Lab Safety Supply International), agenzie private nazionali o governative (assicuratori, sindacati). Una serie iniziale di indirizzi può essere compilata dalle informazioni di origine in CISDOC.

[E. Clevenstina]

Implicazioni per l'accesso alle informazioni

Strategie di ricerca

La ricerca di informazioni può essere molto frustrante. Il seguente consiglio viene offerto, in particolare a coloro che non godono dei vantaggi di un servizio di informazione completo o di una biblioteca in loco.

Come ottenere un prestito o una fotocopia di un articolo, libro o relazione

Si può fare uso di una biblioteca pubblica locale, universitaria, politecnica, universitaria o ospedaliera. Molti forniscono materiale solo di riferimento, ma dispongono di fotocopiatrici in loco in modo che gli elementi possano essere riprodotti (con attenzione alle condizioni del copyright). Per prima cosa si dovrebbero controllare gli indici oi cataloghi della biblioteca: se l'articolo cercato non è disponibile, l'informatico o il bibliotecario indicherà un'altra biblioteca che potrebbe essere in grado di aiutare. Lo specialista della sicurezza del proprio sindacato, associazione professionale o istituto di lavoro può essere contattato per assistenza. Qualsiasi richiesta dovrebbe essere inquadrata nel modo più utile possibile, con attenzione alla necessità dello specialista dell'informazione o del bibliotecario per i seguenti tipi di informazioni:

  • titolo e autore(i) dell'articolo, del libro o della relazione
  • editore
  • anno di pubblicazione
  • edizione
  • International Standard Book Number (ISBN): si tratta di un identificatore univoco assegnato a ogni documento pubblicato
  • titolo di periodico o rivista
  • data del periodico o rivista e volume, numero di parte e pagine richieste
  • nome della banca dati.

 

Possono essere necessarie fino a tre settimane o più se un articolo deve essere preso in prestito da un'altra fonte, ma può essere ottenuto più rapidamente se si è disposti a pagare per un servizio "premium".

Come cercare informazioni su un particolare argomento.

Anche in questo caso si dovrebbe avvalersi di servizi e contatti locali. Specialisti dell'informazione o bibliotecari assisteranno il cercatore di informazioni nell'uso dei vari indici e abstract tradizionali. Ulteriori informazioni fornite in questo capitolo saranno utili in qualsiasi ricerca e si potrebbero controllare varie bibliografie, annuari, guide, altre enciclopedie, dizionari e libri e scrivere alle organizzazioni pertinenti per ulteriori informazioni. L'utilizzo di reti consolidate paga dividendi. Uno specialista locale dell'informazione o una biblioteca locale dovrebbe essere in grado di effettuare una ricerca on-line o su CD-ROM in una o più banche dati informatizzate elencate in questo capitolo.

Tecniche di ricerca

Le informazioni richieste dovrebbero essere specificate chiaramente; ad esempio, “lesioni” è un termine troppo ampio per cercare informazioni su un argomento come “problemi di lombalgia tra gli infermieri”. Gli aspetti particolari di un argomento dovrebbero essere definiti accuratamente, con la menzione di qualsiasi parola chiave, termine correlato, sinonimo, nome/i chimico/i o numero di registro degli abstract chimici, e così via, che potrebbe essere disponibile per il richiedente. Il nome di un autore che è un noto esperto in un'area di interesse può essere controllato per trovare ulteriori pubblicazioni più recenti sotto il suo nome. Si dovrebbe decidere quante informazioni sono necessarie: pochi riferimenti o una ricerca esaustiva. Le informazioni pubblicate in altre lingue non devono essere trascurate; il British Library Document Supply Centre (BLDSC) raccoglie traduzioni su tutti gli argomenti. Il NIOSH negli Stati Uniti, il CCOHS in Canada e l'Health and Safety Executive (HSE) nel Regno Unito dispongono di ampi programmi di traduzione. L'HSE deposita ogni anno più di 700 traduzioni presso BLDSC.

È utile tenere a disposizione un modulo di ricerca standard (vedi tabella 2), per garantire che ogni ricerca venga effettuata in modo sistematico e coerente.

 


Tabella 2. Modulo di ricerca standard

 

CERCARE

Parole

______________________________

Sinonimi

______________________________

Numero di registro chimico

______________________________

Autori conosciuti

______________________________

Quanto indietro nel tempo per cercare?

______________________________

Quante referenze richieste?

______________________________

Dove cercare (ad esempio, indici, biblioteche)

______________________________

Riviste/periodici controllati

______________________________

Libri/rapporti controllati

______________________________

Database/CD-ROM controllati

______________________________

Termini utilizzati nella ricerca

______________________________

Numero di referenze trovate

______________________________

Data

______________________________

 


 

Il diagramma di flusso in figura 1 illustra un percorso tipico per localizzare le informazioni.

Figura 1. Percorsi semplici verso le informazioni

INF020F1

Avanzamento tecnologico

La tecnologia continua a progredire rapidamente, con nuovi sviluppi come la fornitura in tutto il mondo di informazioni ad alta larghezza di banda a velocità di trasmissione ad alta velocità che diventano sempre più disponibili a costi sempre più bassi. L'uso della posta elettronica sta inoltre facilitando l'accesso alle informazioni, così che la ricerca di orientamento e consulenza da parte di specialisti in tutto il mondo sta diventando molto più semplice. L'adozione e l'uso della trasmissione via fax dei dati hanno dato un contributo prezioso, sempre a basso costo. Il potenziale di queste nuove tecnologie informatiche è enorme. Le loro strutture per l'accesso alle informazioni a costi sempre più bassi possono contribuire sempre più a ridurre le disparità esistenti nella disponibilità di informazioni tra i paesi e tra le regioni di un paese. Man mano che le reti di distribuzione delle informazioni si espandono e vengono create ulteriori applicazioni innovative utilizzando queste tecnologie vantaggiose, saranno raggiunte sempre più persone, in modo che il ruolo delle informazioni come mezzo per realizzare i cambiamenti desiderati sul posto di lavoro possa essere realizzato.

Vantaggio di costo della tecnologia

Le nuove tecnologie sono anche un vantaggio per i paesi in via di sviluppo. È noto che la conoscenza e l'informazione sono vitali per ottenere una migliore qualità della vita e della qualità dell'ambiente. Le tecnologie dell'informazione rappresentano uno dei mezzi più convenienti per i paesi in via di sviluppo per tenere il passo con il progresso in vari campi di attività. Le tecnologie elettroniche possono migliorare sostanzialmente la capacità dei paesi in via di sviluppo di ottenere i vantaggi di una migliore diffusione delle informazioni in modo conveniente.

I mainframe ei sistemi on-line, pur non essendo affatto obsoleti, sono costosi per molte istituzioni. I costi come quelli per la produzione dei dati e le telecomunicazioni sono elevati e spesso proibitivi. Le tecnologie odierne, come CD-ROM e Internet, sono il modo migliore per questi paesi di essere informati e di fare i conti con le attuali conoscenze in molti settori, soprattutto quelli molto critici relativi alla salute. I vantaggi che offrono per presentare grandi raccolte di informazioni in forme che parlano direttamente agli utenti e soddisfano rapidamente e comodamente le loro diverse esigenze sono innegabili.

I costi di un'intera workstation (personal computer, lettore di CD-ROM e relative applicazioni) stanno diminuendo rapidamente. L'accessibilità delle informazioni basate su PC e le competenze locali nelle tecnologie dell'informazione, forniscono ai paesi in via di sviluppo l'opportunità di condurre attività su informazioni vitali allo stesso livello del mondo sviluppato.

[S. Dispensa e PK Abeytunga]

Di ritorno

Martedì, Febbraio 15 2011 18: 17

Gestione dell'informazione

Informazioni affidabili, complete e comprensibili sono essenziali per la salute e la sicurezza sul lavoro. Gli utenti di tali informazioni sono dirigenti, lavoratori, professionisti della sicurezza e della salute sul lavoro, rappresentanti della sicurezza e della salute e membri del comitato per la sicurezza e la salute sul lavoro. Le responsabilità di professionisti, rappresentanti e membri di comitati includono normalmente la fornitura di informazioni ad altri. Le leggi sulla sicurezza e salute sul lavoro in molti paesi richiedono che le informazioni siano fornite ai lavoratori da governi, datori di lavoro e fornitori di prodotti chimici, tra gli altri, e che siano generate da organizzazioni come le aziende a cui si applicano le leggi.

Informazioni a livello aziendale

Viste dall'interno di un'organizzazione, le informazioni necessarie per la sicurezza e la salute sul lavoro sono di due tipi fondamentali:

Tabella 1. Informazioni richieste in materia di salute e sicurezza sul lavoro

INF030T1

Informazioni generate esternamente. Queste informazioni sono necessarie all'interno dell'organizzazione per soddisfare esigenze specifiche e risolvere problemi. È vario e voluminoso e proviene da numerose fonti (vedi tabella 1). Per raggiungere gli standard desiderati di affidabilità, completezza e intelligibilità, deve essere gestito. La gestione delle informazioni prevede tre processi continui:

  1. analizzare i bisogni informativi degli utenti dell'informazione
  2. individuare e ottenere le informazioni richieste
  3. fornire le informazioni necessarie agli utenti.

 

Informazioni generate internamente. Queste informazioni vengono utilizzate per aiutare a identificare i problemi di sicurezza e salute, per monitorare le prestazioni e per conformarsi ai requisiti legali.

La raccolta, la codifica e l'archiviazione delle informazioni derivanti dalle indagini sugli incidenti può aiutare a identificare gli incidenti ricorrenti ed evidenziare i fattori causali. Ad esempio, le registrazioni dell'esposizione dei singoli lavoratori a particolari sostanze chimiche possono essere importanti anni dopo se sorgono problemi di malattie legate al lavoro.

Le informazioni sono tratte da tali dati mediante analisi. Affinché l'analisi fornisca conclusioni affidabili, i dati devono essere completi e affidabili. Per essere affidabili, le informazioni devono essere raccolte e compilate secondo principi scientifici. Ad esempio, la domanda o il problema dovrebbero essere definiti chiaramente in anticipo in modo da raccogliere tutti i dati appropriati e così via

  • I tipi di dati da includere nella compilazione sono rigorosamente definiti.
  • La raccolta dei dati avviene in modo coerente consentendo il controllo della validità e integrità dei dati.
  • Le limitazioni dei dati sono comprese e dichiarate.

 

La gestione delle informazioni coinvolge i processi di raccolta, archiviazione, recupero e analisi dei dati.

Organizzazione della gestione delle informazioni

I compiti di gestione delle informazioni sono spesso organizzati e condotti da un servizio informazioni. Le funzioni di tale servizio includono:

  1. Garantire che le informazioni essenziali e aggiornate siano disponibili quando sono necessarie e che gli utenti non siano sovraccaricati da informazioni eccessive o ridondanti.
  2. Rendere le informazioni utilizzabili per le persone che ne hanno bisogno. Farlo richiede spesso una conoscenza dettagliata dei bisogni delle persone che cercano le informazioni e una comprensione approfondita delle informazioni che cercano.
  3. Aiutare gli utenti a trovare le informazioni da soli.
  4. Diffondere attivamente informazioni. L'accesso alle informazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro è una questione di diritto generale, non un privilegio per un gruppo selezionato. Il desk-top publishing ha ridotto i costi di produzione di opuscoli, newsletter e altri materiali per un'ampia distribuzione.
  5. Raccogliere e fornire informazioni in modo efficiente ed economico. Nessun servizio di informazione ha un budget illimitato.
  6. Tenere il passo con le responsabilità legali per la raccolta e la fornitura di informazioni.
  7. Fornire o coordinare le risorse e le competenze necessarie per la produzione e l'analisi delle informazioni generate internamente, tra cui:
  • sistemi informativi di sicurezza aziendale (registrazione infortuni, segnalazione mancati incidenti)
  • statistiche infortuni e malattie, registri delle esposizioni (vedi anche cap Sistemi di registrazione e sorveglianza)
  • banche dati di indagine sugli incidenti gravi (si veda anche l'articolo “Audit, ispezioni e indagini”)
  • specifiche indagini di raccolta dati (si veda anche il cap Epidemiologia e statistica)
  • sistemi di registrazione delle ispezioni e banche dati
  • elenchi e albi dei periti, indirizzi
  • banche dati di cartelle cliniche (vedi anche i capitoli Servizi di salute sul lavoro e Problemi etici).
  • Facilitare sondaggi e ricerche. I metodi saranno spesso tratti da discipline scientifiche come l'epidemiologia e la statistica. Il servizio informazioni può aiutare i ricercatori a raccogliere le informazioni di base di cui hanno bisogno, fornire strutture informatiche per archiviare i dati e diffondere i risultati della ricerca in tutta la comunità della salute e sicurezza sul lavoro. In alcuni tipi di studio, anche il servizio informazioni può partecipare alla raccolta dei dati.

 

Affinché il servizio informazioni possa svolgere con successo tutte queste funzioni, deve superare diversi problemi. Un problema persistente è l'elevato tasso di crescita della già considerevole quantità di informazioni potenzialmente rilevanti per la salute e la sicurezza sul lavoro. Questo problema è aggravato dai numerosi aggiornamenti e revisioni delle informazioni esistenti. Un'estensione di questo problema è che l'apparente eccesso di informazioni nasconde una mancanza di materiale multidisciplinare. Gran parte delle informazioni risultanti dalla ricerca in medicina e ingegneria, ad esempio, viene comunicata a specialisti. Potrebbe essere incomprensibile per chiunque altro. La nuova conoscenza non è quindi trasferibile ad alcuni potenziali utenti per i quali può essere di grande importanza. Uno dei ruoli di un servizio di informazione è quello di stimolare la produzione di materiali multidisciplinari.

Altri problemi sorgono a causa delle barriere che i potenziali utenti incontrano nell'accedere o utilizzare le informazioni. Per esempio:

  • Linguaggio umano. Gran parte delle informazioni disponibili in materia di salute e sicurezza sul lavoro sono formulate in un linguaggio che molti utenti non comprendono bene o non comprendono affatto. Il servizio di informazione dovrebbe essere in grado di trasporre le informazioni e il gergo nel linguaggio quotidiano dell'utente, e dovrebbe essere in grado di farlo senza perdita di qualità dell'informazione. I computer possono aiutare a superare tali barriere linguistiche. Possono assistere nella traduzione da un tipo di lingua a un'altra e possono produrre automaticamente testo in una lingua mentre l'utente inserisce informazioni in un'altra. Mediante la generazione di testo strutturato, i computer possono essere in grado di scrivere automaticamente vari rapporti.
  • Alfabetizzazione. Un altro ostacolo alla comunicazione efficace legato alla lingua può sorgere perché i livelli di alfabetizzazione tra i potenziali utenti sono inferiori ai livelli di lettura richiesti per comprendere le informazioni più tecniche in materia di salute e sicurezza sul lavoro. I computer offrono un aiuto per superare questa barriera con tecniche che analizzano automaticamente i livelli di lettura dei materiali scritti, che possono quindi essere valutati per l'idoneità per utenti particolari.
  • Restrizioni nella distribuzione e disponibilità. Alcune informazioni di grande importanza per la salute e la sicurezza sul lavoro possono essere classificate come riservate. Gli esempi includono dati medici, segreti commerciali e alcuni documenti governativi. Le leggi sul copyright limitano anche la duplicazione di vari tipi di informazioni. In alcune circostanze, mantenere riservate le informazioni è una responsabilità tanto importante quanto divulgarle. La riservatezza delle informazioni è una considerazione necessaria per le persone e le organizzazioni che generano informazioni. La gestione delle informazioni implica la competenza nell'evitare problemi di riservatezza, ad esempio utilizzando dati aggregati piuttosto che individuali, e acquisendo una conoscenza dettagliata dei requisiti legittimi per proteggere la riservatezza delle informazioni.
  • Strumenti di accesso alle informazioni (aiuti alla ricerca) utilizzati nelle biblioteche per cercare informazioni. Non tutti gli utenti sanno utilizzare strumenti avanzati di accesso alle informazioni, come i cataloghi informatizzati (vedi sotto), e non tutte le informazioni sono facilmente accessibili per mezzo di strumenti di accesso. La maggior parte degli strumenti di accesso richiede esperienza e abilità, oltre a una buona conoscenza della lingua inglese. I sistemi di menu sono un tentativo di semplificare il compito del ricercatore, ma la semplificazione può agire per nascondere le informazioni. Tali problemi possono essere ridotti al minimo se i professionisti dell'informazione adottano il ruolo di tutor.
  • La tastiera del computer. Per alcune persone, la tastiera del computer è una barriera perché non sono state addestrate a usarla. Le persone con disabilità come lesioni da sforzo ripetitivo non possono utilizzarlo per lunghi periodi di tempo o per niente. Il riconoscimento vocale fornisce un mezzo alternativo di comunicazione con il computer.
  • Il costo finanziario (e ambientale) della consegna di informazioni e documenti. La carta è un mezzo costoso per la distribuzione delle informazioni. Sebbene si suppone che i computer risparmino sulla carta, in pratica possono essere estremamente dispendiosi. I sistemi informativi gestiti con cura sono il modo più economico (e meno oneroso per l'ambiente) di distribuire e archiviare le informazioni.

 

Servizi di informazione e biblioteche

I servizi di informazione e le biblioteche lavorano insieme. Le grandi biblioteche comunitarie e speciali, come le biblioteche legali o mediche, spesso dispongono di servizi di informazione. I servizi di informazione specializzati (comprese le biblioteche) dedicati alla salute e sicurezza sul lavoro si trovano solitamente all'interno di organizzazioni come istituti di sicurezza e salute sul lavoro, aziende, università e dipartimenti governativi.

Il servizio informazioni si impegna a rispondere alle domande degli utenti ea tenerli informati su questioni importanti. Richiede il supporto delle competenze e delle risorse della biblioteca per cercare e ottenere le informazioni e per affrontare alcune questioni relative al diritto d'autore. Il servizio informazioni analizza le informazioni relative alle esigenze degli interroganti. Raccoglie risposte che spesso implicano informazioni provenienti da fonti al di fuori dell'ambito di una biblioteca comunitaria (vedi tabella 1).

Alcuni esperti di informazione e salute e sicurezza sul lavoro distinguono tra la biblioteca comunitaria ei servizi di informazione. Sostengono che la duplicazione inutile degli sforzi dovrebbe essere evitata per motivi di costo, se non altro. Una regola empirica è che i materiali in prestito da una biblioteca comunitaria accessibile alla comunità di utenti del servizio di informazione non dovrebbero essere disponibili per il prestito anche dal servizio di informazione. Allo stesso modo, il servizio di informazione dovrebbe specializzarsi in informazioni sulla sicurezza e la salute sul lavoro che normalmente non sono disponibili attraverso la biblioteca della comunità. Il servizio di informazione dovrebbe essere in grado di concentrarsi sul servizio a gruppi e individui con esigenze definite in materia di sicurezza e salute sul lavoro. Il servizio di informazione può anche supportare l'obbligo legale di un'organizzazione di fornire o generare informazioni, cosa che non ci si potrebbe aspettare da una biblioteca comunitaria.

Le biblioteche si avvalgono di sistemi informatizzati altamente sviluppati per l'acquisizione e la catalogazione dei materiali e per il monitoraggio e il controllo della circolazione. I servizi di informazione accedono a questi sistemi attraverso il lavoro di gruppo con personale bibliotecario specializzato. La biblioteca e il servizio informazioni devono cooperare strettamente nell'organizzazione dei materiali di consultazione (materiali non disponibili per il prestito), dei prestiti interbibliotecari, dei sistemi on-line e dei materiali audiovisivi. Il servizio di informazione avrebbe normalmente una raccolta centrale di importanti materiali di riferimento come quelli dell'ILO Enciclopedia di Salute e sicurezza sul posto di lavoro.

La diffusione selettiva delle informazioni (SDI) è un aspetto dei servizi di informazione in cui la cooperazione è particolarmente importante tra i servizi di informazione e le biblioteche comunitarie. Per gestire un servizio di SDI, il fornitore di informazioni memorizza a profilo di ricerca personale delle esigenze dell'utente. Un gruppo di profili per i ricercatori, ad esempio, verrebbe utilizzato per scansionare i titoli degli articoli scientifici man mano che vengono pubblicati. I titoli corrispondenti a particolari profili vengono notificati agli interessati. Sebbene lo SDI possa essere un servizio importante, può essere difficile organizzarlo in modo efficace quando le esigenze di informazione degli utenti variano considerevolmente di volta in volta, come spesso accade nel campo della sicurezza e salute sul lavoro.

Formazione per l'accesso alle informazioni

I lavoratori ei dirigenti devono sapere da chi e da dove possono ottenere informazioni. Ad esempio, le schede di sicurezza dei materiali sono un'importante fonte di informazioni sulla salute e sulla sicurezza relative alle sostanze chimiche utilizzate sul posto di lavoro. Lavoratori e dirigenti hanno bisogno di formazione per cercare e utilizzare queste informazioni. Poiché nessuna formazione sulla salute e sicurezza sul lavoro può coprire tutti i potenziali problemi, la conoscenza di dove cercare le informazioni è vitale per lavoratori e dirigenti. Qualcosa sulle fonti di informazione e sui servizi dovrebbe essere incluso in tutta la formazione sulla salute e sicurezza sul lavoro.

La formazione informativa è una parte essenziale della formazione dei professionisti, dei rappresentanti e dei membri dei comitati.

Il presupposto della formazione è che tali persone abbiano una buona conoscenza della salute e della sicurezza sul lavoro, ma necessitino di una formazione di base nelle capacità di gestione delle informazioni. Tali capacità includono la ricerca di risorse informative on-line e l'uso efficace di un servizio di informazioni. La formazione dovrebbe includere l'esperienza pratica di lavorare in gruppo con bibliotecari professionisti e personale informativo.

Gli scienziati professionisti delle biblioteche e dell'informazione rappresentano il livello più avanzato di istruzione e formazione nel lavoro informativo. Ma nella loro formazione possono aver avuto poca esposizione alla salute e alla sicurezza sul lavoro. È necessario aumentare questo contenuto e forse sviluppare un'adeguata specializzazione nell'istruzione universitaria e universitaria di questo gruppo.

Il computer nella gestione delle informazioni

Tutti i processi di gestione delle informazioni coinvolgono sempre più i computer. Mentre gran parte dell'informazione mondiale è ancora in formato cartaceo, ed è probabile che rimanga tale per qualche tempo a venire, il ruolo dei computer sta aumentando in ogni area. I computer continuano a diventare più piccoli e meno costosi mentre aumentano le capacità. I microcomputer economici, chiamati anche personal computer (PC), possono svolgere il lavoro di gestione delle informazioni che solo pochi anni fa avrebbe richiesto un costoso computer mainframe. Tre concetti chiave nell'informatica sono particolarmente importanti nella gestione delle informazioni: database, sistemi di gestione di database e comunicazione informatica.

Database

Un elenco telefonico è un semplice esempio di database. La compagnia telefonica conserva un elenco principale di nomi e numeri di telefono in un computer. Questo elenco è un database informatico. Le modifiche possono essere apportate rapidamente, in modo che sia sempre aggiornato. Viene utilizzato anche nella stampa della versione cartacea dell'elenco telefonico, che è una banca dati ad accesso pubblico. Gli individui e le organizzazioni spesso tengono i propri elenchi di numeri di telefono utilizzati di frequente. Tali elenchi sono database personali o privati.

La versione cartacea dell'elenco telefonico illustra la forma base di un database. Le informazioni sono organizzate per cognome (famiglia), in ordine alfabetico. Iniziali e indirizzi distinguono le persone con lo stesso cognome. Per ogni combinazione univoca di nome, iniziali e indirizzo esiste almeno un numero di telefono. Nella terminologia del database, ogni riga (cognome › numero di telefono) è a record. Vengono chiamati nomi, iniziali, indirizzi e numeri di telefono campi.

La forma cartacea di un database di grandi dimensioni, come un elenco telefonico, presenta notevoli limiti. Se tutto quello che si ha come punto di partenza è un numero di telefono, trovare un nome nell'elenco telefonico di una grande città è a dir poco difficile. Ma questo compito è facile per il computer della compagnia telefonica. Riorganizza semplicemente tutti i record in ordine numerico di numero di telefono. La facilità con cui i record possono essere riorganizzati è una delle caratteristiche più utili di un database informatico.

I cataloghi delle biblioteche sono banche dati che esistono sia in formato cartaceo che elettronico. Ogni record corrisponde a un particolare libro o articolo. I campi identificano la data e il luogo di pubblicazione e indicano dove è possibile visionarne una copia. I database dei cataloghi delle biblioteche esistono per molti argomenti, inclusi molti rilevanti per la salute e la sicurezza sul lavoro. Il CISDOC dell'ILO ne è un esempio banca dati bibliografica.

Oltre ai nomi degli autori, ai dati di riferimento (come titolo, data di pubblicazione, nome della rivista), un database bibliografico contiene spesso un astratto anche. L'abstract serve a informare il ricercatore del contenuto dell'articolo. L'utente può quindi decidere se ottenere la carta completa.

I database possono memorizzare non solo abstract, ma anche il testo completo degli articoli, nonché immagini (grafica) come fotografie e diagrammi. Multimedia è una potente applicazione della tecnologia dei database per combinare suoni, testo e immagini visive fisse e in movimento.

I progressi nei supporti di archiviazione ottici e magnetici hanno ridotto il costo dell'archiviazione ad alta capacità. Di conseguenza, database più grandi e sempre più complessi vengono conservati nei personal computer o sono accessibili tramite essi.

Sistemi di gestione del database

Organizzare i record in un database e molte altre importanti funzioni di gestione delle informazioni, come eseguire a Ricerca per particolari anagrafiche, sono effettuate mediante un sistema di gestione di database (DBMS). Il DBMS è un software che consente all'utente di lavorare con i dati nel database. Il DBMS è quindi un elemento vitale nella gestione delle informazioni. Una forma speciale di software DBMS è il gestore delle informazioni personali, utilizzato per elenchi telefonici personali, elenchi di cose da fare, accordi per riunioni e altri dati personali conservati da individui.

Il concetto di filtro è utile per rappresentare il modo in cui una ricerca è strutturata da un DBMS. Ogni ricerca può essere vista come un filtro che permette il passaggio in avanti solo di quei record che corrispondono ad un particolare profilo. Ad esempio, l'utente potrebbe chiedere di vedere tutti i record pubblicati sull'amianto durante l'anno 1985. La ricerca verrebbe espressa al computer come un'istruzione per filtrare tutti i record che hanno la parola chiave "amianto" nel titolo e che sono stati pubblicati nel 1985. Un'istruzione tipica recitava:

parola chiave del titolo = amianto E data di pubblicazione = 1985

L'operatore AND è noto come a Operatore booleano, dal nome di George Boole (un matematico inglese) che ideò un sistema di logica algebrica nel XIX secolo noto come Algebra booleana. Altri operatori booleani comunemente usati sono OR e NOT. Utilizzando questi, i filtri di ricerca possono essere resi altamente specifici.

Comunicazioni informatiche

Le comunicazioni informatiche hanno creato numerose reti, formali e informali, attraverso le quali vengono scambiate informazioni. Tali reti coprono spesso grandi distanze. Molti operano attraverso il normale sistema telefonico per mezzo di a modem. Altri usano le comunicazioni satellitari.

In una rete tipica, i database sono conservati in un computer, il bersaglio, mentre un personal computer, il origine, emette il richiesta per una ricerca. Il bersaglio è risposta è quello di restituire i record prodotti dalla ricerca. Gli standard internazionali sono stati sviluppati per garantire che questa comunicazione da computer a computer avvenga correttamente. Esempi di tali standard sono ISO 10162 e 10163-1 (entrambi del 1993), che riguardano la ricerca e il recupero.

In passato, le comunicazioni informatiche richiedevano computer grandi e costosi. La potenza e la capacità dei personal computer è ora così grande che persino un individuo può organizzare reti dal proprio ufficio o da casa. La rete attraverso la quale l'individuo si connette al mondo dell'informazione è Internet. Nel 1996 questo era diventato il sistema di comunicazione in più rapida crescita che il mondo abbia mai conosciuto, con una previsione di un miliardo di utenti entro la fine del secolo.

Uno strumento di questa crescita è il World Wide Web. Questo set di strumenti software semplifica la complessità di Internet. Con il Web l'utente non ha bisogno di conoscere linguaggi o comandi informatici. Né l'utente deve affidarsi ai servizi di un professionista dell'informazione, come avveniva in passato. Lo strumento chiave per l'utente è un browser Web, un programma per computer che consente all'utente di navigare attraverso il Web. Con questo, milioni di documenti Web, le risorse informative del Web, diventano accessibili. Le risorse Web non si limitano al testo, ma sono anche presentazioni multimediali complete che includono suoni e animazioni.

La capacità multimediale trasforma il Web in un importante mezzo di formazione. Nel 1996, i programmi di formazione sulla salute e la sicurezza sul lavoro avevano iniziato a comparire sul Web. Dai siti Web più grandi, è possibile scaricare programmi per computer da utilizzare per la salute e la sicurezza sul lavoro. Altre risorse informative sul Web includevano il crescente numero di siti di biblioteche rilevanti per la salute e la sicurezza sul lavoro sul Web. Con la continua crescita del Web, potremmo ben vedere entro la durata di questa edizione dell'ILO Enciclopedia lo sviluppo di una “università virtuale” mondiale della salute e sicurezza sul lavoro.

Internet fornisce il sistema globale di posta elettronica (e-mail) mediante il quale gli individui si scambiano messaggi privati. Internet è sempre più utilizzato anche per la posta vocale e le videoconferenze.

Messaging differisce dalla posta elettronica. Nella messaggistica, tutti i membri del gruppo possono leggere e rispondere a un messaggio. La messaggistica viene utilizzata per le conferenze al computer in cui molte persone partecipano a una discussione su un argomento particolare. È un modo economico per creare una rete, ad esempio, tra professionisti della salute e sicurezza sul lavoro con un interesse comune in un particolare tipo di rischio professionale.

Il trasferimento di file è un processo di base nell'informatica. Nella terminologia informatica, a filetto è l'unità base di memorizzazione che consente al computer di distinguere un insieme di informazioni da un altro. Un file può essere un programma per computer, un documento di elaborazione testi, un intero database o un insieme filtrato di record prodotto da una ricerca in un database. Il trasferimento di file è il mezzo con cui i computer trasferiscono informazioni tra di loro. Vari protocolli di trasferimento file (FTP) assicurano che i dati non vengano modificati in alcun modo durante il trasferimento. La particolare importanza del trasferimento di file per la gestione delle informazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro è che qualsiasi servizio di informazione con anche un modesto personal computer può ricevere tutti i tipi di informazioni dai servizi di informazione di tutto il mondo. Il trasferimento di file e i servizi associati sono in genere il metodo più conveniente per trasferire le informazioni. Man mano che le capacità del computer migliorano, l'ampiezza e la portata delle informazioni che possono essere trasferite aumentano rapidamente.

Un esempio di elaborazione di transazioni in linea sarebbe ordinare una pubblicazione tramite un personal computer. Un altro esempio è il contributo di un dato a un computer in una città lontana in relazione a un progetto di ricerca che coinvolge diverse regioni geografiche.

Altre forme di comunicazione informatica che svolgono un ruolo sempre più importante nella salute e sicurezza sul lavoro sono basate su computer faxback Servizi. L'utente telefona al computer per ordinare informazioni specifiche. Il computer invia quindi le informazioni al fax del chiamante.

In sintesi, si può affermare che il computer non è solo il principale strumento per la gestione delle informazioni, ma anche il grande facilitatore della rivoluzione informatica che continua a prendere slancio nel campo della sicurezza e salute sul lavoro, come in altri importanti ambiti della vita umana attività.

 

Di ritorno

Introduzione

A differenza dei problemi che attirano l'attenzione dei paesi industrializzati rispetto ai pericoli dei pesticidi, vale a dire l'esposizione occupazionale cronica e la contaminazione ambientale, la principale minaccia rappresentata dai pesticidi in molti paesi in via di sviluppo è l'avvelenamento acuto stesso. Una recente stima dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) stima a 3 milioni il numero annuo di avvelenamenti gravi, con circa 220,000 morti. È motivo di ulteriore preoccupazione il fatto che, sulla base di un'indagine sugli avvelenamenti minori autodichiarati in quattro paesi asiatici, sia stato dimostrato che ogni anno 25 milioni di lavoratori agricoli nei paesi in via di sviluppo sono esposti al pericolo di avvelenamento acuto da pesticidi (Jeyaratnam 1990 ).

In Malesia, un paese prevalentemente agricolo, l'uso di pesticidi è relativamente diffuso. Nella sola Malesia peninsulare, circa 1.5 milioni di ettari di terreno sono dedicati alla coltivazione di alberi della gomma e 0.6 milioni di ettari a palme da olio. L'occupazione di quasi 4.3 milioni di persone è legata all'agricoltura.

La legislazione principale per il controllo dei pesticidi in Malesia è il Pesticides Act del 1974. L'intento principale di questa legge è il controllo della produzione e dell'importazione di pesticidi attraverso la registrazione. Altri aspetti del controllo includono la concessione di licenze ai locali che vendono pesticidi e lo stoccaggio per la vendita, la corretta etichettatura dei pesticidi e il controllo dell'importazione di pesticidi non registrati per scopi di ricerca e didattici (Tan et al. 1992).

Indagini condotte dall'industria agrochimica locale hanno mostrato che nel 1987 la maggior parte dei circa 715,000 piccoli coltivatori di gomma e palma da olio utilizzavano il paraquat (Shariff 1993). In un periodo di dieci anni (1979-1988), i pesticidi hanno rappresentato il 40.3% del numero totale di 5,152 casi di avvelenamento umano in Malesia. Il paraquat ha contribuito per il 27.8%, altri erbicidi per l'1.7%, malathion per il 4.7%, altri organofosfati per il 2.1%, composti organoclorurati per il 2.6% e altri pesticidi per l'1.4%. Ogni anno, 230 milioni di ringgit (MYR) vengono spesi solo per i diserbanti (Tara et al. 1989). È stato stimato che circa il 73% degli avvelenamenti da paraquat siano suicidi, rispetto al 14% dovuto a incidenti e all'1% dovuto all'esposizione professionale (Jeyaratnam 1990).

I casi di avvelenamento da pesticidi non sono stati ben documentati. Tuttavia, tali incidenti si verificano, secondo una serie di studi selezionati. Un sondaggio ha mostrato che l'avvelenamento si era verificato nel 14.5% dei 4,531 agricoltori che coltivavano ortaggi, fiori e frutta nelle Cameron Highlands. I ricoveri ospedalieri hanno mostrato che il 32.1% erano avvelenamenti accidentali da pesticidi e il 67.9% casi di suicidio. A Tanjung Karang, un'area di risaia, il 72% dei coltivatori di riso ha manifestato sintomi di avvelenamento durante la manipolazione di pesticidi e raramente sono stati indossati indumenti, occhiali, scarpe e maschere respiratorie adeguati. Nel 1989, 448 addetti ai pesticidi hanno ricevuto cure mediche negli ospedali governativi (Lee 1991).

In un altro studio (Awang et al. 1991) condotto in un'area prevalentemente agricola, è stato riportato che il 12.2% su un totale di 264 casi di avvelenamento trattati in un ospedale universitario era dovuto a pesticidi. In un altro studio (Majid et al. 1991) i livelli sierici di pseudocolinesterasi, utilizzati come indicatore dell'esposizione agli organofosfati, sono risultati significativamente più bassi negli orticoltori: il grado di diminuzione di questi livelli ematici dipende dalla durata di esposizione a questi pesticidi.

L'uso di pesticidi in Malesia ha destato serie preoccupazioni. Un recente rapporto del dipartimento malese delle fabbriche e dei macchinari, un'agenzia che applica la legge sulla sicurezza e la salute sul lavoro, ha rivelato che il tasso di incidenti per la manipolazione impropria dei pesticidi è quattro volte superiore a quello di altre industrie, ed è pari a 93 per 1,000 lavoratori rispetto alla media nazionale di 23 per 1,000 (Rengam 1991). Ciò sembra indicare un'insufficienza di materiale didattico e di informazioni sulla sicurezza e un'apparente mancanza di cautela nella manipolazione dei pesticidi. Un rapporto del 1994 ha inoltre evidenziato la morte di circa 70 bovini, sospettata di essere dovuta ad avvelenamento da paraquat in conseguenza del rientro degli animali in un'area irrorata (New Straits Times 1994).

Chiaramente vi è un urgente bisogno non solo di raccogliere dati, ma anche di facilitare l'educazione tra coloro che sono coinvolti nell'uso dei pesticidi. È in quest'ottica che nel 1989 è stato sviluppato un servizio di informazione sui pesticidi ed è stato lanciato un sistema di informazione pilota in tutto il paese. Informazioni integrate su droghe e veleni Servizi (IDPIS) del Centro nazionale antiveleni con sede presso l'Universiti Sains Malaysia (USM) a Penang.

Lo scopo principale dell'IDPIS è quello di diffondere informazioni riguardanti questioni relative alla salute, in particolare per quanto riguarda l'uso di droghe e il controllo dei veleni, sia agli operatori sanitari che al pubblico (Razak et al. 1991).

Il servizio di informazione sui pesticidi, lanciato attraverso il videotex sistema, ha avuto il gradito effetto collaterale di aprire nuove possibilità per molti altri database importanti per l'assistenza sanitaria. I database IDPIS sono stati continuamente utilizzati come guida per lo sviluppo di altri database per la gestione delle informazioni relative a pesticidi, prodotti chimici industriali e domestici e integratori alimentari. Il Informazioni sui parassiti sistema era uno di questi prodotti; è stato avviato dall'IDPIS in collaborazione con il Pesticide Board (l'organismo malese di regolamentazione dei pesticidi) e il Malaysian-German Pesticide Project. Questa disposizione ha avuto un notevole successo in termini di convalida delle informazioni e valutazione delle esigenze di informazioni in considerazione delle tendenze nazionali nell'uso dei pesticidi.

Questo sistema si concentra sui pesticidi registrati in Malesia, ma potrebbe anche soddisfare quelli trovati in tutta la regione Asia-Pacifico. Ad oggi, le informazioni su più di 500 sostanze biochimicamente attive sono state incorporate nel sistema informativo sui pesticidi, con circa 3,000 prodotti disponibili in commercio ei loro profili elencati. Il sistema è disponibile in due modalità, vale a dire tramite un sistema videotex e anche tramite una rete di computer che utilizza PC. La prima struttura si chiama Pestinfo, mentre la seconda si chiama the Sistema Informativo Pesticidi (Vedi Figura 1).

Figura 1. Flusso informativo e accesso relazionale nel Sistema Informativo Pesticidi

INF040F2

Informazioni sui parassiti

Il sistema Pestinfo è il primo ad essere reso disponibile in questa regione e opera tramite TELITA, il sistema videotex nazionale della Malesia. Gestito dalla società di telecomunicazioni della Malesia, TELITA fornisce un accesso nazionale economico e veloce. Si può accedere a TELITA attraverso un televisore e un decoder o un sistema informatico dotato di modem connesso a una rete telefonica (Siraj 1990). Tale sistema è economico in quanto ogni accesso telefonico costa solo 0.13 MYR (meno di 0.05 USD) e il tempo di accesso viene addebitato a soli 0.08 MYR al minuto. È unico a livello internazionale nel suo approccio in quanto è sia professionale che basato sulla comunità. Le informazioni in Pestinfo sono confezionate collettivamente con altri due database online strettamente correlati (denominati Linea di droga e Veleno) per massimizzare le informazioni relazionali fornite all'utente finale.

Pestinfo può essere consultato da membri del pubblico e da professionisti allo stesso modo, compresi quelli del settore agricolo, siano essi divulgatori o lavoratori sul campo. Tutti i database sono ben integrati, eppure indipendenti, in modo che tutti i dati pertinenti siano facilmente accessibili. Per questo motivo, Pestinfo di USM è organizzato in sequenza in almeno 15 sottocategorie.

Anche gli utenti finali che sono operatori sanitari possono accedere direttamente a Veleno, che riporta ulteriori dettagli specialistici per quanto riguarda la gestione dei pazienti in caso di avvelenamento.

Poisonline di per sé è infatti un modulo informativo ad ampia base che copre diverse classi di veleni, compresi prodotti farmaceutici, prodotti chimici industriali e domestici, alimenti e cosmetici. Fornisce informazioni sui segni e sintomi di avvelenamento secondo i sistemi anatomici, sulle modalità di trattamento e gestione e sugli aspetti di prevenzione dell'avvelenamento. Sono incluse anche informazioni dettagliate sugli antidoti e le procedure di trattamento di emergenza.

L'on-line Sistema di segnalazione avvelenamento è una caratteristica eccezionale incorporata in Pestinfo e anche in Poisonline. Questa funzione consente all'utente finale di effettuare elettronicamente segnalazioni di prima linea, attraverso un formato appositamente progettato, quando si verifica un caso di avvelenamento. Non solo consente la documentazione automatica di tutti i casi segnalati, ma funge contemporaneamente da sistema di rinvio istantaneo che consente di effettuare sistematicamente il follow-up. Anche attraverso il sistema di segnalazione è possibile avviare l'appropriata risposta immediata per assistere ulteriormente l'utente nella gestione del caso di avvelenamento. I dati ottenuti tramite il sistema di segnalazione degli avvelenamenti verranno automaticamente archiviati in un sistema di rete basato su PC per consentire la generazione di rapporti statistici.

Inoltre, tutti gli utenti di Pestinfo potranno accedere a diversi altri database di facile utilizzo sull'istruzione pubblica con particolare attenzione alla salute, in particolare nelle aree correlate alla farmaceutica. Questi database mirano a educare il pubblico sull'uso corretto di sostanze chimiche e droghe e sul mantenimento di una buona salute. Il database principale progettato per questo scopo è designato Infoline pubblica.

Una caratteristica interessante per quanto riguarda la pubblica istruzione è il servizio “Chiedi al tuo farmacista”, che fornisce un servizio di posta elettronica per domande e risposte su qualsiasi argomento relativo alla salute. Questo è disponibile gratuitamente per tutti gli utenti.

Il Sistema Informativo sui Pesticidi

La prima esperienza con Pestinfo ha portato allo sviluppo del Sistema Informativo Pesticidi, che offre nuove possibilità di elaborazione delle informazioni ai fini dell'identificazione nei casi di avvelenamento e può servire come mezzo di riferimento per i divulgatori nonché come mezzo per compilare eventi di avvelenamento che potrebbero essere di aiuto nel processo decisionale politico e nella pianificazione per la salute centri. Poiché il sistema videotex non era completamente attrezzato per soddisfare queste esigenze, è stata sviluppata un'applicazione che fornisce diverse funzioni di ricerca flessibili utilizzando il PC.

Come accennato in precedenza, il servizio di informazioni sui pesticidi è integrato da un sistema di microcomputer basato su rete di facile utilizzo che funziona su PC compatibili con IBM. Questa applicazione si chiama Sistema Informativo sui Pesticidi Versione 2.3 ed è stato appositamente progettato per il mantenimento della documentazione aggiornata, nonché per l'elaborazione dei registri di avvelenamento ricevuti elettronicamente o in altro modo. Può essere istruito a produrre report statistici di base nonché a rispondere ad altre richieste di manipolazione dei dati come stabilito nel software. È quindi più flessibile nel reperire informazioni, dati i poteri aggiuntivi di elaborazione e interazione concessi da ciascun PC. È stato progettato utilizzando dBase3 Plus e compilato sotto Clipper estate 5.0.

Il sistema di informazione sui pesticidi contiene ulteriori informazioni pertinenti a cui è possibile accedere facilmente tramite il nome del pesticida, la composizione, il numero di registrazione e il nome del produttore o del dichiarante di ogni singolo prodotto registrato nel paese. Il menu principale del Sistema è descritto in figura 1. Il Sistema è particolarmente adatto all'utilizzo da parte di operatori sanitari oltre che da parte del personale agricolo in quanto può essere caricato su un computer portatile.

Ad oggi, più del 50% dei casi di avvelenamento ricevuti on-line sono stati correlati ai pesticidi (Latiff et al. 1991). La combinazione delle due modalità di funzionamento sopra descritte ha indubbiamente migliorato il funzionamento del Sistema Informativo Pesticidi, rendendo possibile una risposta ancora più rapida ad una più ampia gamma di richieste.

Direzioni future

Il compito di raccogliere e diffondere informazioni sui pesticidi agli utilizzatori ha avuto molto successo anche se è stato svolto su base informale. IDPIS ha anche preso nuove direzioni alla luce del rapido progresso dell'hardware e della tecnologia di comunicazione. Ad esempio, anche le applicazioni basate sulla rete saranno collegate agli utenti a livello nazionale attraverso una collaborazione con una società di comunicazioni di rete che supporta e fornisce collegamenti di comunicazione per l'intero paese. Ciò migliorerà ulteriormente la comunicabilità delle informazioni sanitarie, in quanto questo tipo di accordo garantisce soluzioni economiche sia per l'utente che per IDPIS come fornitore di informazioni.

Attualmente, IDPIS opera su due reti, vale a dire Token Ring e Ethernet, ai fini del lavoro di ricerca e sviluppo nei sistemi informativi (figura 2). Il primo è installato presso l'Ospedale didattico universitario. Entrambe le reti sono collegate a un IBM RISC6000 in modo che le informazioni e le risorse all'interno dei server delle due reti possano essere condivise e coordinate per fornire strutture per l'istruzione, la formazione e la ricerca. Le reti saranno progettate per incorporare uno strumento di sorveglianza nei settori della farmacoepidemiologia e della tossicovigilanza.

Figura 2. Il sistema integrato di informazione sulle droghe e sui veleni basato sulla rete (IDPIS)

INF040F3

Nel 1996 IDPIS ha istituito la propria homepage su Internet come Rete malese per la droga e il veleno, all'indirizzo http://prn.usm.my.

 

Di ritorno

sfondo

La Thailandia ha una popolazione di circa 59 milioni di persone e una superficie di 514,000 chilometri quadrati. La crescita della popolazione è dell'1.7% annuo. La forza lavoro nel 1995 era di 34 milioni di cui 33 milioni di occupati e 1 milione di disoccupati. Circa 17 e 14 milioni di persone erano impiegate rispettivamente nei settori agricolo e non agricolo.

In passato, la Thailandia è stata un'economia agricola, esportando più riso e tapioca insieme rispetto ad altri paesi, ma durante il periodo di 30 anni 1960-90 l'economia thailandese ha subito drammatici cambiamenti strutturali. Il settore manifatturiero ha assunto il ruolo di primo piano in termini di contributo al PIL. Questi cambiamenti hanno reso la Thailandia una delle economie in più rapida crescita nella regione, con un settore manifatturiero in rapida espansione che fornisce tessuti, indumenti, prodotti elettrici ed elettronici, gemme e gioielli e dozzine di altri prodotti per i mercati locali e mondiali.

Il governo reale thailandese è molto preoccupato per il benessere dei lavoratori thailandesi sia nel settore industriale che in quello agricolo. Questa preoccupazione ha portato a seminari che sottolineano la necessità di misure efficaci per migliorare le condizioni e gli ambienti di lavoro dei lavoratori in vari settori e situazioni lavorative. Alla luce di tutte le questioni prese in considerazione, l'Istituto nazionale per il miglioramento delle condizioni di lavoro e dell'ambiente (NICE) è stato istituito attraverso accordi di collaborazione tra il governo tailandese reale e le Nazioni Unite. NICE è diventata una divisione del Dipartimento per la protezione e il benessere del lavoro (DLPW), che ha la responsabilità primaria per la protezione dei lavoratori in Thailandia e cerca di raggiungere i suoi obiettivi attraverso il rafforzamento delle procedure dei sistemi istituzionali esistenti e delle capacità tecniche di DLPW.

L'obiettivo del NICE è quello di migliorare la protezione dei lavoratori da infortuni e malattie professionali e da condizioni di lavoro insoddisfacenti. Le sue attività principali sono le seguenti:

    1. lo sviluppo e l'attuazione di programmi di formazione in materia di sicurezza e salute sul lavoro e condizioni di lavoro
    2. lo sviluppo e il funzionamento di un sistema informativo gestionale (MIS) per centralizzare tutte le informazioni raccolte e fornire una base per la pianificazione, la valutazione e il coordinamento di politiche e programmi per migliorare le condizioni di lavoro e l'ambiente
    3. lo sviluppo di un punto focale visibile per lo scambio nazionale di informazioni e competenze sulle condizioni di lavoro e sull'ambiente
    4. fornire supporto tecnico per aumentare la capacità del personale ispettivo che si occupa delle condizioni di lavoro e dell'ambiente
    5. fornitura di strutture di laboratorio in materia di igiene del lavoro, fisiologia ed ergonomia del lavoro e collaudo delle attrezzature di sicurezza
    6. fornitura di supporto, attraverso servizi di ricerca e consulenza tecnica, ad esempio, per estendere la protezione alle piccole imprese.

               

              NICE ha uno staff di 50 professionisti ed è suddiviso nelle seguenti sezioni: Amministrazione Generale, Ambiente di lavoro, Ergonomia e Fisiologia del lavoro, Tecnologia della sicurezza, Promozione e formazione della sicurezza, Centro di informazione sulla sicurezza e salute, Audiovisivi e 12 poli regionali nelle aree industriali di tutto il territorio Paese.

              Centro nazionale di informazione sulla sicurezza e la salute sul lavoro della Thailandia

              Al fine di migliorare la capacità del NICE di raggiungere il suo obiettivo in modo più efficace, il NICE, in collaborazione con il Centro internazionale di informazione sulla sicurezza e la salute sul lavoro dell'Ufficio internazionale del lavoro con sede a Ginevra, ha istituito il Centro nazionale di informazione sulla sicurezza e la salute sul lavoro della Thailandia. Il Centro si occupa principalmente di raccogliere informazioni sulla sicurezza sul lavoro, la salute e le condizioni di lavoro, dalla Thailandia e dall'estero, elaborarle, conservarle e diffonderle ai datori di lavoro, ai lavoratori, alle loro rispettive organizzazioni e organismi correlati e ad altri che hanno bisogno di tali informazioni. Questo centro informazioni comprende una biblioteca di riferimento, un'unità di documentazione, un servizio di informazioni e un'unità informatica.

              La Biblioteca

              Quando è stata aperta, questa biblioteca possedeva solo poche centinaia di libri; ora la collezione comprende circa 3,000 titoli di libri e 20,000 titoli di microfiches su vari argomenti in materia di sicurezza e salute sul lavoro come malattie professionali, ingegneria della sicurezza e salute e condizioni di lavoro. Inoltre, dal 1983, la biblioteca è abbonata a 27 pubblicazioni in lingua inglese e dieci riviste tailandesi. Sono disponibili trenta titoli di videotape in esposizione e locandine. Il raggio d'azione della biblioteca per i professionisti della sicurezza e della salute è in continua espansione.

              L'unità di documentazione

              Il compito di questa unità è quello di produrre una newsletter sulla sicurezza e la salute sul lavoro; linee guida, manuale e codice di condotta; un opuscolo; e fogli informativi.

                1. La newsletter sulla sicurezza e la salute. Ogni anno vengono prodotte quattro newsletter, ognuna delle quali presenta diverse offerte come aggiornamenti sulla sicurezza e sulla salute, notizie sulla ricerca, interviste, statistiche e così via. Ci sono 6,000 copie di ciascuna newsletter prodotte annualmente.
                2. Fogli informativi. Questi sono divisi in quattro gruppi di argomenti, tra cui:

                      • sicurezza e salute in generale, es. sicurezza edilizia, prevenzione incendi e ventilazione nei luoghi di lavoro
                      • uso pratico per la sicurezza, ad esempio, l'uso sicuro di utensili manuali o l'uso sicuro di apparecchiature elettriche
                      • dati chimici come quelli che potrebbero riguardare l'idrossido di sodio o l'ammoniaca
                      • leggi e normative in materia di sicurezza, come quelle che riguarderebbero ambienti di lavoro sicuri, e molto altro.

                             

                              3. Recentemente l'Unità Documentazione ha prodotto 109 titoli di fogli informativi e ne sono state stampate 10,000 copie ciascuna, per un totale di oltre un milione di copie.
                              4. La linea guida, il manuale e il codice di condotta. A partire dalla metà degli anni '1990 erano stati prodotti 15 titoli di questa pubblicazione; ad esempio, uno di questi comprendeva una linea guida per la manipolazione sicura dei pesticidi e un manuale per il pronto soccorso nell'industria. Ogni pubblicazione è stata stampata in 3,000 copie.
                              5. Brochure. Sono stati prodotti dieci titoli di opuscoli relativi, ad esempio, all'uso dei tappi per le orecchie sul posto di lavoro. Di ogni titolo sono state stampate 5,000 copie, per un totale di 50,000 copie.

                                    Il servizio di inchiesta

                                    Il servizio di inchiesta è stato istituito con lo scopo di cercare risposte alle domande sulla sicurezza e salute sul lavoro da parte di tutte le persone interessate in questo campo: ispettori del lavoro, addetti alla sicurezza, datori di lavoro, dipendenti, studenti e altri. Tutte le richieste possono raggiungere il centro per posta, telefono o fax. Prima di inviare ogni risposta, tutte le informazioni vengono verificate dallo staff tecnico NICE per verificarne la correttezza.

                                    Ogni anno vengono inviate al centro circa 600 richieste.

                                    L'unità informatica

                                    In qualità di punto focale per la raccolta e lo scambio di informazioni, competenze ed esperienze pratiche nel settore della sicurezza e salute sul lavoro, NICE ha creato diversi database: su stabilimenti industriali, rapporti di indagini sugli incidenti, rapporti di ispezione del lavoro, addetti alla sicurezza, installazione di grandi rischi, caldaie rapporti di ispezione, rapporti di ispezione dell'ambiente di lavoro e rapporti di screening sanitario dei lavoratori. Al fine di migliorare le capacità di questa unità, NICE ha sviluppato un sistema informatico centralizzato che fungerà da database host sulla sicurezza e la salute sul lavoro. Questo lavoro è stato svolto con l'assistenza del Centro internazionale di ricerca sullo sviluppo (IDRC) e dell'Organizzazione internazionale del lavoro. Nel frattempo, è stata istituita la rete locale (LAN) tra il NICE e gli altri Centri regionali per la sicurezza e la salute sul lavoro. Questo collegamento aiuterà il personale di un Centro Regionale ad accedere alle informazioni dai database NICE e da vari database CD-ROM nell'unità informatica NICE.

                                    Al fine di promuovere come suo diretto interesse il miglioramento delle condizioni di lavoro e la sicurezza e la salute dei lavoratori thailandesi in tutto il paese, tutti i servizi del NICE sono gratuiti e NICE ora supporta tutti gli ispettori del lavoro, circa 5,000 addetti alla sicurezza, circa 650 organizzazioni del commercio sindacati di medie e grandi imprese, datori di lavoro e lavoratori su tutto il territorio nazionale. Pertanto, NICE continua a sviluppare e rafforzare la sua capacità di proteggere i lavoratori da prestazioni insoddisfacenti e infortuni dovuti a condizioni di lavoro non sicure e pericoli nell'ambiente.

                                     

                                    Di ritorno

                                    " DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

                                    Contenuti