Banner 6

 

47. rumore

Editor del capitolo:  Alice H.Suter


 

Sommario 

Figure e tabelle

La natura e gli effetti del rumore
Alice H.Suter

Misurazione del rumore e valutazione dell'esposizione
Eduard I. Denisov e il tedesco A. Suvorov

Ingegneria del controllo del rumore
Dennis P. Driscoll

Programmi per la conservazione dell'udito
Larry H. Royster e Julia Doswell Royster

Norme e regolamenti
Alice H.Suter

tavoli

Fare clic su un collegamento sottostante per visualizzare la tabella nel contesto dell'articolo.

1. Limiti di esposizione ammissibili (PEL) per l'esposizione al rumore, per nazione

Cifre

Punta su una miniatura per vedere la didascalia della figura, fai clic per vedere la figura nel contesto dell'articolo.

NOI010T1NOI050F6NOI050F7NOI060F1NOI060F2NOI060F3NOI060F4NOI070F1NOI070T1

Giovedi, 24 marzo 2011 17: 42

La natura e gli effetti del rumore

La natura pervasiva del rumore professionale

Il rumore è uno dei rischi professionali più comuni. Negli Stati Uniti, ad esempio, più di 9 milioni di lavoratori sono esposti a livelli di rumore medi giornalieri ponderati A di 85 decibel (qui abbreviati come 85 dBA). Questi livelli di rumore sono potenzialmente pericolosi per il loro udito e possono produrre anche altri effetti negativi. Ci sono circa 5.2 milioni di lavoratori esposti al rumore al di sopra di questi livelli nel settore manifatturiero e dei servizi pubblici, che rappresentano circa il 35% del numero totale di lavoratori nelle industrie manifatturiere statunitensi.

I livelli di rumore pericolosi sono facilmente identificabili ed è tecnologicamente fattibile controllare il rumore eccessivo nella stragrande maggioranza dei casi applicando tecnologie standard, riprogettando l'apparecchiatura o il processo o adattando macchine rumorose. Ma troppo spesso non si fa nulla. Ci sono diverse ragioni per questo. In primo luogo, sebbene molte soluzioni di controllo del rumore siano notevolmente economiche, altre possono essere costose, soprattutto quando l'obiettivo è ridurre il rischio di rumore a livelli di 85 o 80 dBA.

Una ragione molto importante per l'assenza di programmi di controllo del rumore e di conservazione dell'udito è che, purtroppo, il rumore è spesso accettato come un "male necessario", una parte del fare affari, una parte inevitabile di un lavoro industriale. Il rumore pericoloso non provoca spargimenti di sangue, non rompe ossa, non produce tessuti dall'aspetto strano e, se i lavoratori riescono a superare i primi giorni o settimane di esposizione, spesso si sentono come se si fossero "abituati" al rumore. Ma ciò che molto probabilmente è accaduto è che hanno iniziato a subire una temporanea perdita dell'udito che offusca la loro sensibilità uditiva durante la giornata lavorativa e spesso si attenua durante la notte. Pertanto, il progresso della perdita dell'udito indotta dal rumore è insidioso in quanto si insinua gradualmente nel corso dei mesi e degli anni, in gran parte inosservato fino a raggiungere proporzioni invalidanti.

Un altro motivo importante per cui i pericoli del rumore non sono sempre riconosciuti è che c'è uno stigma collegato alla compromissione dell'udito che ne deriva. Come Raymond Hétu ha dimostrato così chiaramente nel suo articolo sulla riabilitazione dalla perdita dell'udito indotta dal rumore altrove in questo Enciclopedia, le persone con disabilità uditive sono spesso considerate anziane, mentalmente lente e generalmente incompetenti, e coloro che rischiano di incorrere in menomazioni sono riluttanti a riconoscere le loro menomazioni o il rischio per paura di essere stigmatizzati. Questa è una situazione spiacevole perché le perdite uditive indotte dal rumore diventano permanenti e, se aggiunte alla perdita uditiva che si verifica naturalmente con l'invecchiamento, possono portare alla depressione e all'isolamento nella mezza età e nella vecchiaia. Il momento di adottare misure preventive è prima che inizino le perdite uditive.

La portata dell'esposizione al rumore

Come accennato in precedenza, il rumore è particolarmente diffuso nelle industrie manifatturiere. Il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti ha stimato che il 19.3% dei lavoratori nel settore manifatturiero e dei servizi pubblici è esposto a livelli di rumore medi giornalieri di 90 dBA e superiori, il 34.4% è esposto a livelli superiori a 85 dBA e il 53.1% a livelli superiori a 80 dBA. Queste stime dovrebbero essere abbastanza tipiche della percentuale di lavoratori esposti a livelli pericolosi di rumore in altre nazioni. È probabile che i livelli siano un po' più alti nelle nazioni meno sviluppate, dove i controlli tecnici non sono usati così ampiamente, e un po' più bassi nelle nazioni con programmi di controllo del rumore più forti, come i paesi scandinavi e la Germania.

Molti lavoratori in tutto il mondo subiscono esposizioni molto pericolose, ben al di sopra di 85 o 90 dBA. Ad esempio, il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti ha stimato che quasi mezzo milione di lavoratori sono esposti a livelli di rumore medi giornalieri di 100 dBA e superiori, e più di 800,000 a livelli compresi tra 95 e 100 dBA nelle sole industrie manifatturiere.

La figura 1 classifica le industrie manifatturiere più rumorose negli Stati Uniti in ordine decrescente in base alla percentuale di lavoratori esposti sopra i 90 dBA e fornisce stime dei lavoratori esposti al rumore per settore industriale.

Figura 1. Esposizione professionale al rumore: l'esperienza negli Stati Uniti

NOI010T1

Esigenze di ricerca

Nei successivi articoli di questo capitolo dovrebbe risultare chiaro al lettore che gli effetti sull'udito della maggior parte dei tipi di rumore sono ben noti. I criteri per gli effetti del rumore continuo, variabile e intermittente sono stati sviluppati circa 30 anni fa e rimangono sostanzialmente gli stessi oggi. Questo non è vero, tuttavia, per il rumore impulsivo. A livelli relativamente bassi, il rumore impulsivo sembra non essere più dannoso e forse meno del rumore continuo, a parità di energia sonora. Ma ad alti livelli sonori, il rumore impulsivo sembra essere più dannoso, soprattutto quando viene superato un livello critico (o, più correttamente, un'esposizione critica). Sono necessarie ulteriori ricerche per definire più esattamente la forma della curva danno/rischio.

Un'altra area che deve essere chiarita è l'effetto negativo del rumore, sia sull'udito che sulla salute generale, in combinazione con altri agenti. Sebbene gli effetti combinati del rumore e delle droghe ototossiche siano abbastanza noti, la combinazione di rumore e sostanze chimiche industriali è motivo di crescente preoccupazione. I solventi e alcuni altri agenti sembrano essere sempre più neurotossici se sperimentati insieme ad alti livelli di rumore.

In tutto il mondo, i lavoratori esposti al rumore nelle industrie manifatturiere e nell'esercito ricevono la maggior parte dell'attenzione. Vi sono, tuttavia, molti lavoratori nel settore minerario, edile, agricolo e dei trasporti che sono anche esposti a livelli pericolosi di rumore, come evidenziato nella figura 1. È necessario valutare le esigenze uniche associate a queste occupazioni e il controllo del rumore e altri aspetti dei programmi di conservazione dell'udito devono essere estesi a questi lavoratori. Sfortunatamente, la fornitura di programmi di conservazione dell'udito ai lavoratori esposti al rumore non garantisce che la perdita dell'udito e gli altri effetti negativi del rumore saranno prevenuti. Esistono metodi standard per valutare l'efficacia dei programmi di conservazione dell'udito, ma possono essere ingombranti e non sono ampiamente utilizzati. È necessario sviluppare metodi di valutazione semplici che possano essere utilizzati da piccole e grandi aziende e da quelle con risorse minime.

La tecnologia esiste per ridurre la maggior parte dei problemi di rumore, come menzionato sopra, ma c'è un grande divario tra la tecnologia esistente e la sua applicazione. Devono essere sviluppati metodi attraverso i quali le informazioni su tutti i tipi di soluzioni per il controllo del rumore possano essere divulgate a coloro che ne hanno bisogno. Le informazioni sul controllo del rumore devono essere computerizzate e rese disponibili non solo agli utenti dei paesi in via di sviluppo, ma anche ai paesi industrializzati.

Tendenze future

In alcuni paesi vi è una crescente tendenza a porre maggiormente l'accento sull'esposizione al rumore non professionale e sul suo contributo all'onere della perdita dell'udito indotta dal rumore. Questi tipi di fonti e attività includono caccia, tiro al bersaglio, giocattoli rumorosi e musica ad alto volume. Questa focalizzazione è vantaggiosa in quanto mette in evidenza alcune fonti potenzialmente significative di problemi di udito, ma in realtà può essere dannosa se distoglie l'attenzione da gravi problemi di rumore professionale.

Una tendenza molto drammatica è evidente tra le nazioni appartenenti all'Unione Europea, dove la standardizzazione per il rumore avanza a un ritmo quasi senza fiato. Questo processo include standard per le emissioni di rumore del prodotto e per gli standard di esposizione al rumore.

Il processo di definizione degli standard non si sta muovendo rapidamente in Nord America, specialmente negli Stati Uniti, dove gli sforzi normativi sono a un punto morto e il movimento verso la deregolamentazione è una possibilità. Gli sforzi per regolamentare il rumore dei nuovi prodotti sono stati abbandonati nel 1982, quando il Noise Office dell'Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti è stato chiuso e gli standard sul rumore professionale potrebbero non sopravvivere al clima di deregolamentazione dell'attuale Congresso degli Stati Uniti.

Sembra che le nazioni in via di sviluppo siano in procinto di adottare e rivedere gli standard sul rumore. Questi standard tendono al conservatorismo, in quanto si stanno muovendo verso un limite di esposizione ammissibile di 85 dBA, e verso un tasso di cambio (rapporto di scambio tempo/intensità) di 3 dB. Quanto bene questi standard vengano applicati, specialmente nelle economie in espansione, è una questione aperta.

La tendenza in alcune delle nazioni in via di sviluppo è quella di concentrarsi sul controllo del rumore con metodi ingegneristici piuttosto che lottare con le complessità dei test audiometrici, dei dispositivi di protezione dell'udito, della formazione e della tenuta dei registri. Questo sembrerebbe essere un approccio molto sensato ove fattibile. A volte può essere necessaria l'integrazione con protezioni acustiche per ridurre l'esposizione a livelli di sicurezza.

Gli effetti del rumore

Alcuni dei materiali che seguono sono stati adattati da Suter, AH, “Rumore e conservazione dell'udito”, Capitolo 2 in Hearing Conservation Manual (3a ed.), Council for Accreditation in Occupational Hearing Conservation, Milwaukee, WI, USA (1993 ).

La perdita dell'udito è certamente l'effetto negativo più noto del rumore, e probabilmente il più grave, ma non è l'unico. Altri effetti dannosi includono l'acufene (fischi nelle orecchie), l'interferenza con la comunicazione vocale e con la percezione dei segnali di avvertimento, l'interruzione delle prestazioni lavorative, il fastidio e gli effetti extra-uditivi. Nella maggior parte dei casi, proteggere l'udito dei lavoratori dovrebbe proteggere dalla maggior parte degli altri effetti. Questa considerazione fornisce un ulteriore supporto alle aziende per implementare buoni programmi di controllo del rumore e di conservazione dell'udito.

Problema uditivo

L'ipoacusia indotta dal rumore è molto comune, ma è spesso sottovalutata perché non ci sono effetti visibili e, nella maggior parte dei casi, nessun dolore. C'è solo una graduale e progressiva perdita di comunicazione con la famiglia e gli amici, e una perdita di sensibilità ai suoni dell'ambiente, come il canto degli uccelli e la musica. Sfortunatamente, il buon udito è generalmente dato per scontato fino a quando non viene perso.

Queste perdite possono essere così graduali che gli individui non si rendono conto di ciò che è accaduto finché la menomazione non diventa invalidante. Il primo segno di solito è che le altre persone non sembrano parlare chiaramente come prima. La persona con problemi di udito dovrà chiedere agli altri di ripetersi e spesso si infastidisce per la loro apparente mancanza di considerazione. Alla famiglia e agli amici viene spesso detto: “Non urlare contro di me. Posso sentirti, ma non riesco proprio a capire quello che stai dicendo.

Man mano che la perdita dell'udito peggiora, l'individuo inizierà a ritirarsi dalle situazioni sociali. La chiesa, le assemblee civiche, le occasioni sociali e il teatro iniziano a perdere la loro attrattiva e l'individuo sceglierà di restare a casa. Il volume della televisione diventa motivo di contesa all'interno della famiglia, e altri membri della famiglia a volte vengono cacciati dalla stanza perché la persona con problemi di udito lo vuole così alto.

La presbiacusia, la perdita dell'udito che accompagna naturalmente il processo di invecchiamento, si aggiunge all'handicap uditivo quando la persona con perdita dell'udito causata dal rumore invecchia. Alla fine, la perdita può progredire fino a uno stadio così grave che l'individuo non può più comunicare con la famiglia o gli amici senza grandi difficoltà, e allora lui o lei è davvero isolato. Un apparecchio acustico può aiutare in alcuni casi, ma la chiarezza dell'udito naturale non sarà mai ripristinata, come la chiarezza della visione è con gli occhiali.

Compromissione dell'udito professionale

L'ipoacusia indotta dal rumore è solitamente considerata una malattia o una malattia professionale, piuttosto che un infortunio, perché la sua progressione è graduale. In rare occasioni, un dipendente può subire una perdita dell'udito immediata e permanente a causa di un evento molto rumoroso come un'esplosione o un processo molto rumoroso, come la rivettatura sull'acciaio. In queste circostanze la perdita dell'udito viene talvolta indicata come una lesione e viene chiamata "trauma acustico". La circostanza usuale, tuttavia, è una lenta diminuzione della capacità uditiva nel corso di molti anni. L'entità del danno dipenderà dal livello del rumore, dalla durata dell'esposizione e dalla suscettibilità del singolo lavoratore. Sfortunatamente, non esiste alcun trattamento medico per l'ipoacusia professionale; esiste solo la prevenzione.

Gli effetti uditivi del rumore sono ben documentati e c'è poca controversia sulla quantità di rumore continuo che causa vari gradi di perdita dell'udito (ISO 1990). Anche il fatto che il rumore intermittente causi la perdita dell'udito è incontestato. Ma i periodi di rumore interrotti da periodi di quiete possono offrire all'orecchio interno un'opportunità per riprendersi da una temporanea perdita dell'udito e possono quindi essere in qualche modo meno pericolosi del rumore continuo. Questo è vero principalmente per le occupazioni all'aperto, ma non per ambienti interni come le fabbriche, dove i necessari intervalli di quiete sono rari (Suter 1993).

Anche il rumore impulsivo, come il rumore degli spari e dello stampaggio del metallo, danneggia l'udito. Ci sono alcune prove che il pericolo del rumore impulsivo è più grave di quello di altri tipi di rumore (Dunn et al. 1991; Thiery e Meyer-Bisch 1988), ma non è sempre così. L'entità del danno dipenderà principalmente dal livello e dalla durata dell'impulso e potrebbe essere peggiore in presenza di rumore continuo in sottofondo. Ci sono anche prove che le fonti di rumore impulsivo ad alta frequenza sono più dannose di quelle composte da frequenze più basse (Hamernik, Ahroon e Hsueh 1991; Price 1983).

La perdita dell'udito dovuta al rumore è spesso temporanea all'inizio. Nel corso di una giornata rumorosa, l'orecchio si affatica e il lavoratore sperimenterà una riduzione dell'udito nota come spostamento temporaneo della soglia (STT). Tra la fine di un turno di lavoro e l'inizio del successivo l'orecchio di solito si riprende da gran parte del TTS, ma spesso una parte della perdita rimane. Dopo giorni, mesi e anni di esposizione, il TTS porta a effetti permanenti e nuove quantità di TTS iniziano ad accumularsi sulle perdite ormai permanenti. Un buon programma di test audiometrici cercherà di identificare queste perdite uditive temporanee e fornire misure preventive prima che le perdite diventino permanenti.

Prove sperimentali indicano che diversi agenti industriali sono tossici per il sistema nervoso e producono perdita dell'udito negli animali da laboratorio, specialmente quando si verificano in combinazione con il rumore (Fechter 1989). Questi agenti includono (1) pericoli di metalli pesanti, come composti di piombo e trimetilstagno, (2) solventi organici, come toluene, xilene e solfuro di carbonio, e (3) un asfissiante, il monossido di carbonio. Recenti ricerche sui lavoratori dell'industria (Morata 1989; Morata et al. 1991) suggeriscono che alcune di queste sostanze (solfuro di carbonio e toluene) possono aumentare il potenziale dannoso del rumore. Vi sono anche prove che alcuni farmaci già tossici per l'orecchio possono aumentare gli effetti dannosi del rumore (Boettcher et al. 1987). Gli esempi includono alcuni antibiotici e farmaci chemioterapici contro il cancro. I responsabili dei programmi di conservazione dell'udito devono essere consapevoli del fatto che i lavoratori esposti a queste sostanze chimiche o che usano questi farmaci possono essere più suscettibili alla perdita dell'udito, specialmente se esposti anche al rumore.

Compromissione dell'udito extraprofessionale

È importante comprendere che il rumore professionale non è l'unica causa di perdita dell'udito indotta dal rumore tra i lavoratori, ma la perdita dell'udito può anche essere causata da fonti al di fuori del posto di lavoro. Queste fonti di rumore producono ciò che a volte viene chiamato "sociocusia" e i loro effetti sull'udito sono impossibili da distinguere dall'ipoacusia professionale. Possono essere ipotizzati solo ponendo domande dettagliate sulle attività ricreative e su altre attività rumorose del lavoratore. Esempi di fonti sociocusiche potrebbero essere strumenti per la lavorazione del legno, motoseghe, motociclette non silenziate, musica ad alto volume e armi da fuoco. Il tiro frequente con pistole di grosso calibro (senza protezione dell'udito) può contribuire in modo significativo alla perdita dell'udito indotta dal rumore, mentre è più probabile che la caccia occasionale con armi di piccolo calibro sia innocua.

L'importanza dell'esposizione al rumore non professionale e la conseguente sociocusia è che questa perdita dell'udito si aggiunge all'esposizione che un individuo potrebbe ricevere da fonti professionali. Per il bene della salute generale dell'udito dei lavoratori, dovrebbe essere consigliato loro di indossare un'adeguata protezione dell'udito quando si impegnano in attività ricreative rumorose.

Acufene

L'acufene è una condizione che spesso accompagna l'ipoacusia sia temporanea che permanente dovuta al rumore, così come altri tipi di ipoacusia neurosensoriale. Spesso indicato come "fischio nelle orecchie", l'acufene può variare da lieve in alcuni casi a grave in altri. A volte le persone riferiscono di essere più infastidite dal loro acufene che dal loro deficit uditivo.

È probabile che le persone con acufene lo notino maggiormente in condizioni di quiete, ad esempio quando cercano di andare a dormire la notte o quando sono sedute in una cabina insonorizzata per sottoporsi a un test audiometrico. È un segno che le cellule sensoriali nell'orecchio interno sono state irritate. È spesso un precursore della perdita dell'udito indotta dal rumore e quindi un importante segnale di avvertimento.

Interferenza di comunicazione e sicurezza

Il fatto che il rumore possa interferire o "mascherare" la comunicazione vocale e i segnali di avvertimento è solo buon senso. Molti processi industriali possono essere eseguiti molto bene con un minimo di comunicazione tra i lavoratori. Altri lavori, tuttavia, come quelli svolti da piloti di aerei, ingegneri ferroviari, comandanti di carri armati e molti altri, fanno molto affidamento sulla comunicazione vocale. Alcuni di questi lavoratori utilizzano sistemi elettronici che sopprimono il rumore e amplificano il parlato. Al giorno d'oggi sono disponibili sofisticati sistemi di comunicazione, alcuni con dispositivi che annullano i segnali acustici indesiderati in modo che la comunicazione possa avvenire più facilmente.

In molti casi, i lavoratori devono solo arrangiarsi, sforzandosi di comprendere le comunicazioni al di sopra del rumore e gridando sopra di esso o segnalando. A volte le persone possono sviluppare raucedine o persino noduli vocali o altre anomalie sulle corde vocali a causa di uno sforzo eccessivo. Potrebbe essere necessario rivolgersi a queste persone per cure mediche.

Le persone hanno imparato per esperienza che a livelli di rumore superiori a circa 80 dBA devono parlare a voce molto alta, mentre a livelli superiori a 85 dBA devono gridare. A livelli molto superiori a 95 dBA devono avvicinarsi l'uno all'altro per comunicare. Specialisti acustici hanno sviluppato metodi per prevedere la quantità di comunicazione che può avvenire in situazioni industriali. Le previsioni risultanti dipendono dalle caratteristiche acustiche sia del rumore che del parlato (o altro segnale desiderato), nonché dalla distanza tra chi parla e chi ascolta.

È generalmente noto che il rumore può interferire con la sicurezza, ma solo pochi studi hanno documentato questo problema (ad esempio, Moll van Charante e Mulder 1990; Wilkins e Acton 1982). Ci sono state numerose segnalazioni, tuttavia, di lavoratori che hanno vestiti o mani intrappolati nelle macchine e sono rimasti gravemente feriti mentre i loro colleghi erano ignari delle loro grida di aiuto. Per evitare interruzioni della comunicazione in ambienti rumorosi, alcuni datori di lavoro hanno installato dispositivi di allarme visivo.

Un altro problema, riconosciuto più dagli stessi lavoratori esposti al rumore che dai professionisti della conservazione dell'udito e della salute sul lavoro, è che i dispositivi di protezione dell'udito possono talvolta interferire con la percezione del parlato e dei segnali di avvertimento. Questo sembra essere vero soprattutto quando i portatori hanno già perdite uditive ei livelli di rumore scendono al di sotto dei 90 dBA (Suter 1992). In questi casi, i lavoratori nutrono una preoccupazione molto legittima nell'indossare protezioni acustiche. È importante essere attenti alle loro preoccupazioni e implementare controlli tecnici del rumore o migliorare il tipo di protezione offerta, come protezioni integrate in un sistema di comunicazione elettronico. Inoltre, le protezioni acustiche sono ora disponibili con una risposta in frequenza più piatta e più "ad alta fedeltà", che può migliorare la capacità dei lavoratori di comprendere il parlato ei segnali di avvertimento.

Effetti sulle prestazioni lavorative

Gli effetti del rumore sulle prestazioni lavorative sono stati studiati sia in laboratorio che in condizioni di lavoro reali. I risultati hanno dimostrato che il rumore di solito ha scarso effetto sull'esecuzione di lavori ripetitivi e monotoni e, in alcuni casi, può effettivamente aumentare le prestazioni lavorative quando il livello del rumore è basso o moderato. Alti livelli di rumore possono degradare le prestazioni lavorative, soprattutto quando l'attività è complicata o comporta l'esecuzione di più di una cosa alla volta. Il rumore intermittente tende ad essere più dirompente del rumore continuo, in particolare quando i periodi di rumore sono imprevedibili e incontrollabili. Alcune ricerche indicano che le persone hanno meno probabilità di aiutarsi a vicenda e hanno maggiori probabilità di mostrare comportamenti antisociali in ambienti rumorosi piuttosto che in quelli silenziosi. (Per una rassegna dettagliata degli effetti del rumore sulle prestazioni lavorative si veda Suter 1992).

Fastidio

Sebbene il termine "fastidio" sia più spesso connesso a problemi di rumore nella comunità, come aeroporti o piste automobilistiche, i lavoratori dell'industria possono anche sentirsi infastiditi o irritati dal rumore del loro posto di lavoro. Questo fastidio può essere correlato all'interferenza della comunicazione vocale e delle prestazioni lavorative sopra descritte, ma può anche essere dovuto al fatto che molte persone hanno un'avversione per il rumore. A volte l'avversione al rumore è così forte che un lavoratore cercherà lavoro altrove, ma questa opportunità non è spesso praticabile. Dopo un periodo di adattamento, la maggior parte non sembrerà molto infastidita, ma potrebbe ancora lamentarsi di affaticamento, irritabilità e insonnia. (La regolazione avrà più successo se i giovani lavoratori sono adeguatamente dotati di protezioni acustiche fin dall'inizio, prima che sviluppino qualsiasi perdita dell'udito.) È interessante notare che questo tipo di informazioni a volte affiora dopo un'azienda avvia un programma di controllo del rumore e di conservazione dell'udito perché i lavoratori si sarebbero resi conto del contrasto tra le condizioni precedenti e quelle migliorate successivamente.

Effetti extrauditivi

In quanto fattore di stress biologico, il rumore può influenzare l'intero sistema fisiologico. Il rumore agisce allo stesso modo di altri fattori di stress, inducendo il corpo a rispondere in modi che possono essere dannosi a lungo termine e portare a disturbi noti come "malattie da stress". Di fronte al pericolo in tempi primitivi, il corpo subirebbe una serie di cambiamenti biologici, preparandosi a combattere oa scappare (la classica risposta "lotta o fuga"). Ci sono prove che questi cambiamenti persistono ancora con l'esposizione a forti rumori, anche se una persona può sentirsi "adattata" al rumore.

La maggior parte di questi effetti sembra essere transitoria, ma con l'esposizione continua è stato dimostrato che alcuni effetti avversi sono cronici negli animali da laboratorio. Anche diversi studi sui lavoratori dell'industria puntano in questa direzione, mentre alcuni studi non mostrano effetti significativi (Rehm 1983; van Dijk 1990). L'evidenza è probabilmente più forte per gli effetti cardiovascolari come l'aumento della pressione sanguigna o i cambiamenti nella chimica del sangue. Una serie significativa di studi di laboratorio sugli animali ha mostrato livelli di pressione arteriosa elevati cronici derivanti dall'esposizione al rumore intorno a 85-90 dBA, che non sono tornati al basale dopo la cessazione dell'esposizione (Peterson et al. 1978, 1981 e 1983).

Gli studi sulla chimica del sangue mostrano un aumento dei livelli delle catecolamine epinefrina e norepinefrina a causa dell'esposizione al rumore (Rehm 1983), e una serie di esperimenti condotti da ricercatori tedeschi hanno trovato una connessione tra l'esposizione al rumore e il metabolismo del magnesio nell'uomo e negli animali (Ising e Kruppa 1993). Il pensiero corrente sostiene che gli effetti extra-uditivi del rumore sono molto probabilmente mediati psicologicamente, attraverso l'avversione al rumore, rendendo molto difficile ottenere relazioni dose-risposta. (Per una panoramica completa di questo problema, vedere Ising e Kruppa 1993.)

Poiché gli effetti extra-uditivi del rumore sono mediati dal sistema uditivo, il che significa che è necessario udire il rumore affinché si verifichino effetti avversi, una protezione dell'udito adeguatamente adattata dovrebbe ridurre la probabilità di questi effetti proprio come accade con la perdita dell'udito .

 

Di ritorno

Per la prevenzione degli effetti nocivi del rumore sui lavoratori, occorre prestare attenzione alla scelta della strumentazione appropriata, dei metodi di misurazione e delle procedure per valutare l'esposizione dei lavoratori. È importante valutare correttamente i diversi tipi di esposizione al rumore, come il rumore continuo, intermittente e impulsivo, per distinguere gli ambienti di rumore con diversi spettri di frequenza, nonché considerare la varietà delle situazioni lavorative, come le officine di martellatura a caldo, stanze che ospitano compressori d'aria, processi di saldatura ad ultrasuoni e così via. Gli scopi principali della misurazione del rumore negli ambienti professionali sono (1) identificare i lavoratori sovraesposti e quantificare le loro esposizioni e (2) valutare la necessità sia del controllo del rumore tecnico che degli altri tipi di controllo indicati. Altri usi della misurazione del rumore sono la valutazione dell'efficacia di particolari controlli del rumore e la determinazione dei livelli di fondo nelle sale audiometriche.

Strumenti di misura

Gli strumenti per la misurazione del rumore comprendono fonometri, dosimetri acustici e apparecchiature ausiliarie. Lo strumento base è il fonometro, uno strumento elettronico costituito da un microfono, un amplificatore, vari filtri, uno squadratore, un mediatore esponenziale e un visualizzatore tarato in decibel (dB). I fonometri sono classificati in base alla loro precisione, che va dal più preciso (tipo 0) al minimo (tipo 3). Il tipo 0 viene solitamente utilizzato in laboratorio, il tipo 1 viene utilizzato per altre misure di precisione del livello sonoro, il tipo 2 è il misuratore per uso generale e il tipo 3, il misuratore di rilevamento, non è raccomandato per l'uso industriale. La figura 1 e la figura 2 illustrano un fonometro.

Figura 1. Fonometro: controllo della calibrazione. Per gentile concessione di Larson Davis

NOI050F6

Figura 2. Fonometro con schermo antivento. Per gentile concessione di Larson Davis

NOI050F7

I fonometri hanno anche dispositivi di ponderazione della frequenza incorporati, che sono filtri che consentono il passaggio della maggior parte delle frequenze discriminando le altre. Il filtro più comunemente utilizzato è la rete di ponderazione A, sviluppata per simulare la curva di risposta dell'orecchio umano a livelli di ascolto moderati. I fonometri offrono anche una scelta di risposte del misuratore: la risposta "lenta", con una costante di tempo di 1 sec, la risposta "veloce" con una costante di tempo di 0.125 sec, e la risposta "impulsiva" che ha una risposta di 35 ms per la parte crescente del segnale e una costante di tempo di 1500 ms per il decadimento del segnale.

Le specifiche per i fonometri possono essere trovate negli standard nazionali e internazionali, come l'Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO), la Commissione elettrotecnica internazionale (IEC) e l'American National Standards Institute (ANSI). Le pubblicazioni IEC IEC 651 (1979) e IEC 804 (1985) riguardano i fonometri di tipo 0, 1 e 2, con ponderazioni di frequenza A, B e C e "lento", "veloce" e "impulsivo". costanti di tempo. ANSI S1.4-1983, come modificato da ANSI S1.4A-1985, fornisce anche le specifiche per i fonometri.

Per facilitare un'analisi acustica più dettagliata, i set di filtri a banda intera di ottava e banda di 1/3 di ottava possono essere collegati o inclusi nei moderni fonometri. Al giorno d'oggi, i fonometri stanno diventando sempre più piccoli e facili da usare, mentre allo stesso tempo le loro possibilità di misurazione si stanno espandendo.

Per misurare esposizioni al rumore non stazionarie, come quelle che si verificano in ambienti a rumore intermittente o impulsivo, è più conveniente utilizzare un fonometro integrato. Questi misuratori possono misurare simultaneamente i livelli sonori equivalenti, di picco e massimi e calcolare, registrare e memorizzare diversi valori automaticamente. Il dosimetro acustico o “dosimetro” è una forma di fonometro integratore che può essere indossato nel taschino della camicia o attaccato agli abiti del lavoratore. I dati del dosimetro acustico possono essere informatizzati e stampati.

È importante assicurarsi che gli strumenti di misurazione del rumore siano sempre adeguatamente calibrati. Ciò significa controllare acusticamente la calibrazione dello strumento prima e dopo l'uso quotidiano, nonché effettuare valutazioni elettroniche a intervalli appropriati.

Metodi di misurazione

I metodi di misurazione del rumore da utilizzare dipendono dagli obiettivi di misurazione, vale a dire, per valutare quanto segue:

    • il rischio di danni all'udito
    • la necessità e i tipi appropriati di controlli tecnici
    • il “carico di rumore” per compatibilità con il tipo di lavoro da eseguire
    • il livello di background necessario per la comunicazione e la sicurezza.

           

          Lo standard internazionale ISO 2204 fornisce tre tipi di metodo per la misurazione del rumore: (1) il metodo di rilevamento, (2) il metodo ingegneristico e (3) il metodo di precisione.

          Il metodo di indagine

          Questo metodo richiede la minor quantità di tempo e attrezzature. I livelli di rumore di una zona di lavoro vengono misurati con un fonometro utilizzando un numero limitato di punti di misurazione. Sebbene non esista un'analisi dettagliata dell'ambiente acustico, è necessario tenere conto dei fattori temporali, ad esempio se il rumore è costante o intermittente e per quanto tempo i lavoratori sono esposti. La rete di ponderazione A viene solitamente utilizzata nel metodo di indagine, ma quando vi è una componente predominante a bassa frequenza, la rete di ponderazione C o la risposta lineare possono essere appropriate.

          Il metodo ingegneristico

          Con questo metodo, le misurazioni del livello sonoro ponderato A o quelle che utilizzano altre reti di ponderazione vengono integrate con misurazioni che utilizzano filtri per bande di ottava intera o di 1/3 di ottava. Il numero di punti di misurazione e le gamme di frequenza vengono selezionati in base agli obiettivi di misurazione. I fattori temporali dovrebbero essere nuovamente registrati. Questo metodo è utile per valutare l'interferenza con la comunicazione vocale calcolando i livelli di interferenza vocale (SIL), nonché per progettare programmi di abbattimento del rumore e per stimare gli effetti uditivi e non uditivi del rumore.

          Il metodo di precisione

          Questo metodo è richiesto per situazioni complesse, in cui è necessaria la descrizione più completa del problema del rumore. Le misurazioni complessive del livello sonoro sono integrate con misurazioni di un'ottava intera o di una banda di 1/3 d'ottava e le storie temporali vengono registrate per intervalli di tempo appropriati in base alla durata e alle fluttuazioni del rumore. Ad esempio, potrebbe essere necessario misurare i livelli sonori di picco degli impulsi utilizzando l'impostazione "peak hold" di uno strumento o misurare i livelli di infrasuoni o ultrasuoni, che richiedono speciali capacità di misurazione della frequenza, direttività del microfono e così via.

          Coloro che utilizzano il metodo di precisione dovrebbero assicurarsi che la gamma dinamica dello strumento sia sufficientemente ampia da evitare "overshoot" durante la misurazione degli impulsi e che la risposta in frequenza sia sufficientemente ampia se si devono misurare infrasuoni o ultrasuoni. Lo strumento dovrebbe essere in grado di effettuare misurazioni di frequenze fino a 2 Hz per gli infrasuoni e fino ad almeno 16 kHz per gli ultrasuoni, con microfoni sufficientemente piccoli.

          I seguenti passaggi di "buon senso" possono essere utili per il misuratore di rumore alle prime armi:

            1. Ascoltare le principali caratteristiche del rumore da misurare (qualità temporali, come qualità stazionarie, intermittenti o impulsive; caratteristiche di frequenza, come quelle del rumore a banda larga, toni predominanti, infrasuoni, ultrasuoni, ecc.). Nota le caratteristiche più importanti.
            2. Scegli la strumentazione più idonea (tipo di fonometro, dosimetro acustico, filtri, registratore, ecc.).
            3. Verificare la calibrazione e le prestazioni dello strumento (batterie, dati di calibrazione, correzioni del microfono, ecc.).
            4. Prendere appunti o uno schizzo (se si utilizza un sistema) della strumentazione, inclusi modello e numeri di serie.
            5. Fare uno schizzo dell'ambiente acustico da misurare, comprese le principali fonti di rumore e le dimensioni e le caratteristiche importanti della stanza o dell'ambiente esterno.
            6. Misurare il rumore e annotare il livello misurato per ciascuna rete di ponderazione o per ciascuna banda di frequenza. Notare anche la risposta del misuratore (come "lento", "veloce", "impulso", ecc.) e l'entità della fluttuazione del misuratore (ad esempio, più o meno 2 dB).

                       

                      Se le misurazioni vengono effettuate all'aperto, i dati meteorologici pertinenti, come il vento, la temperatura e l'umidità dovrebbero essere annotati se considerati importanti. Un parabrezza dovrebbe essere sempre utilizzato per le misurazioni all'aperto e anche per alcune misurazioni all'interno. Le istruzioni del produttore devono essere sempre seguite per evitare l'influenza di fattori come vento, umidità, polvere e campi elettrici e magnetici, che possono influenzare le letture.

                      Procedure di misurazione

                      Esistono due approcci di base per misurare il rumore sul posto di lavoro:

                        • L' esposizione di ciascun lavoratore, tipo di lavoratore o rappresentante dei lavoratori. Il dosimetro acustico è lo strumento preferibile per questo scopo.
                        • Rumore livelli può essere misurato in varie zone, realizzando una mappa acustica per la determinazione delle aree a rischio. In questo caso, verrebbe utilizzato un fonometro per effettuare letture in punti regolari in una rete di coordinate.

                           

                          Valutazione dell'esposizione dei lavoratori

                          Per valutare il rischio di perdita dell'udito da specifiche esposizioni al rumore, il lettore dovrebbe consultare lo standard internazionale ISO 1999 (1990). Lo standard contiene un esempio di questa valutazione del rischio nel suo allegato D.

                          Le esposizioni al rumore dovrebbero essere misurate in prossimità dell'orecchio del lavoratore e, nel valutare il rischio relativo dell'esposizione dei lavoratori, le sottrazioni dovrebbero non per l'attenuazione fornita dai dispositivi di protezione dell'udito. La ragione di questo avvertimento è che ci sono prove considerevoli che l'attenuazione fornita dalle protezioni acustiche quando vengono indossate sul posto di lavoro è spesso inferiore alla metà dell'attenuazione stimata dal produttore. La ragione di ciò è che i dati del produttore sono ottenuti in condizioni di laboratorio e questi dispositivi di solito non sono montati e indossati in modo così efficace sul campo. Al momento, non esiste uno standard internazionale per stimare l'attenuazione delle protezioni acustiche quando vengono indossate sul campo, ma una buona regola sarebbe quella di dividere i valori di laboratorio a metà.

                          In alcune circostanze, in particolare quelle che comportano compiti difficili o lavori che richiedono concentrazione, può essere importante ridurre al minimo lo stress o la fatica legati all'esposizione al rumore adottando misure di controllo del rumore. Questo può essere vero anche per livelli di rumore moderati (inferiori a 85 dBA), quando il rischio di danni all'udito è minimo, ma il rumore è fastidioso o affaticante. In tali casi può essere utile eseguire valutazioni del volume utilizzando ISO 532 (1975), Metodo per il calcolo del livello di sonorità.

                          L'interferenza con la comunicazione vocale può essere stimata secondo ISO 2204 (1979) utilizzando l'"indice di articolazione", o più semplicemente misurando i livelli sonori nelle bande di ottava centrate a 500, 1,000 e 2,000 Hz, risultando nel "livello di interferenza vocale" .

                          Criteri di esposizione

                          La selezione dei criteri di esposizione al rumore dipende dall'obiettivo da raggiungere, come la prevenzione della perdita dell'udito o la prevenzione dello stress e dell'affaticamento. Le esposizioni massime consentite in termini di livelli di rumore medi giornalieri variano tra le nazioni da 80, a 85, a 90 dBA, con parametri di scambio (tassi di cambio) di 3, 4 o 5 dBA. In alcuni paesi, come la Russia, i livelli di rumore consentiti sono fissati da 50 a 80 dBA, a seconda del tipo di lavoro svolto e tenendo conto del carico di lavoro mentale e fisico. Ad esempio, i livelli consentiti per il lavoro al computer o l'esecuzione di lavori d'ufficio impegnativi sono compresi tra 50 e 60 dBA. (Per ulteriori informazioni sui criteri di esposizione, vedere l'articolo "Standard e regolamenti" in questo capitolo.)

                           

                          Di ritorno

                          Giovedi, 24 marzo 2011 18: 00

                          Ingegneria del controllo del rumore

                          Idealmente, il mezzo più efficace per il controllo del rumore consiste in primo luogo nell'impedire alla fonte di rumore di entrare nell'ambiente dell'impianto, stabilendo un efficace programma "Buy Quiet" per dotare il posto di lavoro di attrezzature progettate per una bassa emissione di rumore. Per attuare un programma di questo tipo, deve essere elaborata una dichiarazione di specifiche chiara e ben scritta per limitare le caratteristiche del rumore delle attrezzature, delle strutture e dei processi dei nuovi impianti che tenga conto del rischio del rumore. Un buon programma integra anche il monitoraggio e la manutenzione.

                          Una volta installate le apparecchiature e identificato il rumore in eccesso attraverso le misurazioni del livello sonoro, il problema del controllo del rumore diventa più complicato. Tuttavia, sono disponibili controlli tecnici che possono essere adattati alle apparecchiature esistenti. Inoltre, di solito c'è più di un'opzione di controllo del rumore per ogni problema. Pertanto, diventa importante per l'individuo che gestisce il programma di controllo del rumore determinare i mezzi più fattibili ed economici disponibili per la riduzione del rumore in ogni data situazione.

                          Controllo del rumore in fabbrica e progettazione del prodotto

                          L'uso di specifiche scritte per definire i requisiti per l'apparecchiatura, la sua installazione e l'accettazione sono pratiche standard nell'ambiente odierno. Una delle maggiori opportunità nell'area del controllo del rumore a disposizione del progettista di fabbrica è quella di influenzare la selezione, l'acquisto e il layout di nuove attrezzature. Se scritta e gestita correttamente, l'implementazione di un programma "Buy Quiet" attraverso le specifiche di acquisto può rivelarsi un mezzo efficace per controllare il rumore.

                          L'approccio più proattivo al controllo del rumore nella fase di progettazione della struttura e di approvvigionamento delle attrezzature esiste in Europa. Nel 1985, i dodici stati membri della Comunità Europea (CE), ora Unione Europea (UE), hanno adottato le Direttive del "Nuovo Approccio" progettate per affrontare un'ampia classe di apparecchiature o macchinari, piuttosto che singoli standard per ogni tipo di apparecchiatura. Alla fine del 1994 erano state emanate tre direttive "Nuovo Approccio" che contenevano requisiti sul rumore. Queste Direttive sono:

                          1. Direttiva 89/392/CEE, con due modifiche 91/368/CEE e 93/44/CEE
                          2. Direttiva 89 / 106 / CEE
                          3. Direttiva 89/686/CEE, con un emendamento 93/95/CEE.

                           

                          Il primo punto sopra elencato (89/392/CEE) è comunemente chiamato Direttiva Macchine. Questa direttiva obbliga i produttori di apparecchiature a includere il controllo del rumore come parte essenziale della sicurezza delle macchine. L'obiettivo fondamentale di queste misure è che, per essere venduti all'interno dell'UE, i macchinari o le attrezzature devono soddisfare i requisiti essenziali in materia di rumore. Di conseguenza, sin dalla fine degli anni '1980, i produttori interessati alla commercializzazione all'interno dell'UE hanno posto una grande enfasi sulla progettazione di apparecchiature a bassa rumorosità.

                          Per le aziende al di fuori dell'UE che tentano di attuare un programma volontario "Buy Quiet", il grado di successo ottenuto dipende in gran parte dalla tempistica e dall'impegno dell'intera gerarchia dirigenziale. Il primo passo del programma è stabilire criteri di rumorosità accettabili per la costruzione di un nuovo impianto, l'ampliamento di un impianto esistente e l'acquisto di nuove attrezzature. Affinché il programma sia efficace, i limiti di rumorosità specificati devono essere visti sia dall'acquirente che dal venditore come un requisito assoluto. Quando un prodotto non soddisfa altri parametri di progettazione dell'apparecchiatura, come dimensioni, portata, pressione, aumento di temperatura consentito e così via, viene ritenuto inaccettabile dalla direzione aziendale. Questo è lo stesso impegno che deve essere seguito per quanto riguarda i livelli di rumore al fine di realizzare un programma "Buy Quiet" di successo.

                          Per quanto riguarda l'aspetto temporale sopra menzionato, prima nel processo di progettazione si tiene conto degli aspetti rumorosi di un progetto o dell'acquisto di attrezzature, maggiore è la probabilità di successo. In molte situazioni, il progettista della fabbrica o l'acquirente dell'attrezzatura avrà una scelta di tipi di attrezzatura. La conoscenza delle caratteristiche di rumore delle varie alternative gli permetterà di specificare quelle più silenziose.

                          Oltre alla selezione delle apparecchiature, è essenziale un coinvolgimento precoce nella progettazione del layout delle apparecchiature all'interno dell'impianto. Spostare l'attrezzatura su carta durante la fase di progettazione di un progetto è chiaramente molto più semplice che spostare fisicamente l'attrezzatura in un secondo momento, specialmente quando l'attrezzatura è in funzione. Una semplice regola da seguire è quella di mantenere insieme macchine, processi e aree di lavoro di livello sonoro approssimativamente uguale; e separare zone particolarmente rumorose da zone particolarmente silenziose con zone cuscinetto aventi livelli di rumore intermedi.

                          La convalida dei criteri di rumorosità come requisito assoluto richiede uno sforzo cooperativo tra il personale aziendale di dipartimenti quali ingegneria, legale, acquisti, igiene industriale e ambiente. Ad esempio, i reparti di igiene industriale, sicurezza e/o del personale possono determinare i livelli di rumore desiderati per le apparecchiature, nonché condurre indagini sonore per qualificare le apparecchiature. Successivamente, gli ingegneri dell'azienda possono scrivere le specifiche di acquisto, nonché selezionare tipi di apparecchiature silenziose. Molto probabilmente l'agente acquirente gestirà il contratto e si affiderà ai rappresentanti dell'ufficio legale per l'assistenza nell'esecuzione. Il coinvolgimento di tutte queste parti dovrebbe iniziare con l'inizio del progetto e continuare attraverso le richieste di finanziamento, la pianificazione, la progettazione, l'offerta, l'installazione e la messa in servizio.

                          Anche il documento di specifica più completo e conciso ha poco valore a meno che l'onere della conformità non sia posto sul fornitore o sul produttore. È necessario utilizzare un linguaggio contrattuale chiaro per definire i mezzi per determinare la conformità. Vanno consultate e seguite le procedure aziendali finalizzate all'attivazione delle garanzie. Potrebbe essere auspicabile includere clausole penali per il mancato rispetto. In primo piano nella propria strategia di applicazione è l'impegno dell'acquirente a vedere che i requisiti sono soddisfatti. Il compromesso sui criteri di rumore in cambio di costi, data di consegna, prestazioni o altre concessioni dovrebbe essere l'eccezione e non la regola.

                          Negli Stati Uniti, ANSI ha pubblicato lo standard ANSI S12.16: Linee guida per la specifica del rumore dei nuovi macchinari (1992). Questo standard è una guida utile per scrivere una specifica interna aziendale sul rumore. Inoltre, questo standard fornisce indicazioni per ottenere dati sul livello sonoro dai produttori di apparecchiature. Una volta ottenuti dal produttore, i dati possono quindi essere utilizzati dai progettisti dell'impianto per pianificare i layout delle apparecchiature. A causa dei vari tipi di apparecchiature e strumenti distintivi per i quali è stato preparato questo standard, non esiste un unico protocollo di indagine appropriato per la misurazione dei dati sul livello sonoro. Di conseguenza, questo standard contiene informazioni di riferimento sulla procedura di misurazione del suono appropriata per testare una varietà di apparecchiature fisse. Queste procedure di indagine sono state preparate dall'appropriata organizzazione commerciale o professionale negli Stati Uniti responsabile di un particolare tipo o classe di apparecchiature.

                          Retrofitting di apparecchiature esistenti

                          Prima di poter decidere cosa fare, diventa necessario identificare la causa principale del rumore. A tal fine, è utile comprendere come viene generato il rumore. Il rumore è creato per la maggior parte da impatti meccanici, flusso d'aria ad alta velocità, flusso di fluido ad alta velocità, superfici vibranti di una macchina e molto spesso dal prodotto che viene fabbricato. Per quanto riguarda quest'ultimo elemento, è spesso il caso nelle industrie manifatturiere e di processo come la fabbricazione di metalli, la produzione di vetro, la lavorazione degli alimenti, l'estrazione mineraria e così via, che l'interazione tra il prodotto e le macchine impartisce l'energia che crea il rumore.

                          Identificazione della fonte

                          Uno degli aspetti più impegnativi del controllo del rumore è l'identificazione della fonte effettiva. In un tipico ambiente industriale di solito ci sono più macchine che operano contemporaneamente, il che rende difficile identificare la causa principale del rumore. Ciò è particolarmente vero quando si utilizza un fonometro standard (SLM) per valutare l'ambiente acustico. L'SLM in genere fornisce un livello di pressione sonora (SPL) in una posizione specifica, che molto probabilmente è il risultato di più di una sorgente di rumore. Pertanto, spetta al geometra adottare un approccio sistematico che aiuti a separare le singole fonti e il loro contributo relativo all'SPL complessivo. Le seguenti tecniche di rilevamento possono essere utilizzate per aiutare a identificare l'origine o la fonte del rumore:

                          • Misurare lo spettro di frequenza e rappresentare graficamente i dati.
                          • Misurare il livello sonoro, in dBA, in funzione del tempo.
                          • Confronta i dati di frequenza di apparecchiature o linee di produzione simili.
                          • Isola i componenti con controlli temporanei o attivando e disattivando singoli elementi quando possibile.

                           

                          Uno dei metodi più efficaci per localizzare la sorgente del rumore è misurarne lo spettro di frequenza. Una volta misurati i dati, è molto utile rappresentare graficamente i risultati in modo da poter osservare visivamente le caratteristiche della sorgente. Per la maggior parte dei problemi di abbattimento del rumore, le misurazioni possono essere eseguite con filtri a banda piena (1/1) oa un terzo (1/3) d'ottava utilizzati con SLM. Il vantaggio della misurazione in banda di 1/3 d'ottava è che fornisce informazioni più dettagliate su ciò che viene emanato da un'apparecchiatura. La Figura 1 mostra un confronto tra le misurazioni in banda 1/1 e 1/3 d'ottava condotte vicino a una pompa a nove pistoni. Come illustrato in questa figura, i dati in banda di 1/3 di ottava identificano chiaramente la frequenza di pompaggio e molte delle sue armoniche. Se si utilizzassero solo dati in banda 1/1 o interi in banda d'ottava, come illustrato dalla linea continua e tracciati a ciascuna frequenza della banda centrale nella figura 1, diventa più difficile diagnosticare ciò che sta accadendo all'interno della pompa. Con i dati in banda 1/1 d'ottava ci sono un totale di nove punti dati tra 25 Hertz (Hz) e 10,000 Hz, come mostrato in questa figura. Tuttavia, ci sono un totale di 27 punti dati in questo intervallo di frequenza con l'uso di misurazioni di 1/3 di banda d'ottava. Chiaramente, i dati in banda di 1/3 d'ottava forniranno dati più utili per identificare la causa principale di un rumore. Queste informazioni sono fondamentali se l'obiettivo è controllare il rumore alla fonte. Se l'unico interesse è trattare il percorso lungo il quale le onde sonore vengono trasmesse, allora i dati in banda 1/1 d'ottava saranno sufficienti ai fini della selezione di prodotti o materiali acusticamente appropriati.

                          Figura 1. Confronto tra i dati in banda 1/1 e 1/3 d'ottava

                          NOI060F1

                          La Figura 2 mostra un confronto tra lo spettro in banda di 1/3 d'ottava misurato a 3 piedi dal tubo incrociato di un compressore di un refrigeratore di liquido e il livello di fondo misurato a circa 25 piedi di distanza (si prega di notare le approssimazioni fornite nella nota a piè di pagina). Questa posizione rappresenta l'area generale in cui i dipendenti generalmente attraversano questa stanza. Per la maggior parte la sala compressori non è abitualmente occupata dai lavoratori. L'unica eccezione esiste quando gli addetti alla manutenzione stanno riparando o revisionando altre apparecchiature nella stanza. Oltre al compressore, in quest'area operano diverse altre macchine di grandi dimensioni. Per facilitare l'identificazione delle fonti primarie di rumore, sono stati misurati diversi spettri di frequenza vicino a ciascuna delle apparecchiature. Quando ogni spettro è stato confrontato con i dati nella posizione di sfondo nella passerella, solo il tubo di attraversamento dell'unità del compressore ha mostrato una forma di spettro simile. Di conseguenza, si può concludere che questa è la principale fonte di rumore che controlla il livello misurato sulla passerella dei dipendenti. Quindi, come illustrato nella figura 2, attraverso l'uso di dati di frequenza misurati vicino all'apparecchiatura e confrontando graficamente le singole fonti con i dati registrati presso le postazioni di lavoro dei dipendenti o altre aree di interesse, è spesso possibile identificare le fonti dominanti di rumore chiaramente.

                          Figura 2. Confronto tra tubo incrociato e livello di fondo

                          NOI060F2

                          Quando il livello sonoro fluttua, come con apparecchiature cicliche, è utile misurare il livello sonoro complessivo ponderato A rispetto al tempo. Con questa procedura è importante osservare e documentare quali eventi si stanno verificando nel tempo. La Figura 3 mostra il livello sonoro misurato presso la postazione di lavoro dell'operatore durante un ciclo completo della macchina. Il processo rappresentato in figura 3 rappresenta quello di una macchina avvolgitrice di prodotti, che ha un tempo di ciclo di circa 95 secondi. Come mostrato nella figura, il livello massimo di rumore di 96.2 dBA si verifica durante il rilascio di aria compressa, 33 secondi nel ciclo della macchina. Gli altri eventi importanti sono anch'essi etichettati nella figura, che permette di identificare la fonte e il relativo contributo di ciascuna attività durante l'intero ciclo di avvolgimento.

                          Figura 3. Postazione di lavoro per operatore di confezionamento

                          NOI060F3

                          In ambienti industriali in cui sono presenti più linee di processo con la stessa apparecchiatura, vale la pena confrontare tra loro i dati di frequenza per apparecchiature simili. La Figura 4 illustra questo confronto per due linee di processo simili, che producono entrambe lo stesso prodotto e operano alla stessa velocità. Parte del processo prevede l'uso di un dispositivo ad azionamento pneumatico che perfora un foro di mezzo pollice nel prodotto come fase finale della sua produzione. L'ispezione di questa figura rivela chiaramente che la linea n. 1 ha un livello sonoro complessivo superiore di 5 dBA rispetto alla linea n. Inoltre, lo spettro rappresentato per la linea #2 contiene una frequenza fondamentale e molte armoniche che non compaiono nello spettro per la linea #1. Di conseguenza, è necessario indagare la causa di queste differenze. Spesso differenze significative saranno un'indicazione della necessità di manutenzione, come nel caso del meccanismo di punzonatura finale della linea n. 2. Tuttavia, questo particolare problema di rumore richiederà ulteriori misure di controllo poiché il livello generale sulla linea n. 2 è ancora relativamente alto. Ma il punto di questa tecnica di indagine è identificare i diversi problemi di rumore che possono esistere tra elementi simili di apparecchiature e processi che possono essere facilmente risolti con una manutenzione efficace o altri aggiustamenti.

                          Figura 4. Operazione di punzonatura finale per linee di processo identiche

                          NOI060F4

                          Come accennato in precedenza, un SLM fornisce tipicamente un SPL che comprende energia acustica da una o più sorgenti di rumore. In condizioni di misurazione ottimali, sarebbe meglio misurare ogni elemento dell'apparecchiatura con tutte le altre apparecchiature spente. Sebbene questa situazione sia ideale, raramente è pratico arrestare l'impianto per consentire l'isolamento di una particolare sorgente. Per aggirare questa limitazione, è spesso efficace utilizzare misure di controllo temporanee con determinate sorgenti di rumore che forniranno una certa riduzione del rumore a breve termine in modo da consentire la misurazione di un'altra sorgente. Alcuni materiali disponibili che possono fornire una riduzione temporanea includono involucri in compensato, coperte acustiche, silenziatori e barriere. Spesso, l'applicazione permanente di questi materiali crea problemi a lungo termine come accumulo di calore, interferenza con l'accesso dell'operatore o il flusso del prodotto o costose cadute di pressione associate a silenziatori selezionati in modo errato. Tuttavia, per facilitare l'isolamento dei singoli componenti, questi materiali possono essere efficaci come controllo a breve termine.

                          Un altro metodo disponibile per isolare una particolare macchina o componente consiste nell'accendere e spegnere diverse apparecchiature o sezioni di una linea di produzione. Per condurre efficacemente questo tipo di analisi diagnostica, il processo deve essere in grado di funzionare con l'elemento selezionato disattivato. Successivamente, affinché questa procedura sia legittima, è fondamentale che il processo di produzione non ne risenta in alcun modo. Se il processo è interessato, è del tutto possibile che la misurazione non sia rappresentativa del livello di rumore in condizioni normali. Infine, tutti i dati validi possono quindi essere classificati in base all'entità del valore dBA complessivo per aiutare a stabilire la priorità delle apparecchiature per il controllo del rumore tecnico.

                          Selezione delle opzioni di controllo del rumore appropriate

                          Una volta identificata la causa o la fonte del rumore e noto come si irradia alle aree di lavoro dei dipendenti, il passo successivo è decidere quali possono essere le opzioni di controllo del rumore disponibili. Il modello standard utilizzato per il controllo di quasi tutti i pericoli per la salute consiste nell'esaminare le varie opzioni di controllo che si applicano alla sorgente, al percorso e al ricevitore. In alcune situazioni sarà sufficiente il controllo di uno di questi elementi. Tuttavia, in altre circostanze può essere necessario il trattamento di più di un elemento per ottenere un ambiente acustico accettabile.

                          Il primo passo nel processo di controllo del rumore dovrebbe essere tentare una qualche forma di trattamento della sorgente. In effetti, la modifica della sorgente affronta la causa principale di un problema di rumore, mentre il controllo del percorso di trasmissione del suono con barriere e recinzioni tratta solo i sintomi del rumore. In quelle situazioni in cui sono presenti più sorgenti all'interno di una macchina e l'obiettivo è trattare la sorgente, sarà necessario affrontare tutti i meccanismi che generano rumore componente per componente.

                          Per il rumore eccessivo generato da impatti meccanici, le opzioni di controllo da esaminare possono includere metodi per ridurre la forza motrice, ridurre la distanza tra i componenti, bilanciare le apparecchiature rotanti e installare raccordi antivibranti. Per quanto riguarda il rumore derivante dal flusso d'aria ad alta velocità o dal flusso del fluido, la modifica principale consiste nel ridurre la velocità del mezzo, supponendo che questa sia un'opzione fattibile. A volte la velocità può essere ridotta aumentando l'area della sezione trasversale della condotta in questione. Le ostruzioni nella tubazione devono essere eliminate per consentire un flusso ottimizzato, che a sua volta ridurrà le variazioni di pressione e la turbolenza nel mezzo trasportato. Infine, l'installazione di un silenziatore o di una marmitta opportunamente dimensionati può fornire una significativa riduzione del rumore complessivo. Il produttore del silenziatore deve essere consultato per assistenza nella selezione del dispositivo appropriato, in base ai parametri operativi e ai vincoli stabiliti dall'acquirente.

                          Quando le superfici vibranti di una macchina fungono da cassa di risonanza per il rumore aereo, le opzioni di controllo includono una riduzione della forza motrice associata al rumore, la creazione di sezioni più piccole su superfici più grandi, la perforazione della superficie, l'aumento della rigidità del substrato o massa, e l'applicazione di materiale smorzante o raccordi antivibranti. Per quanto riguarda l'uso di materiali antivibranti e di smorzamento, è necessario consultare il fabbricante del prodotto per assistenza nella scelta dei materiali appropriati e delle procedure di installazione. Infine, in molte industrie il prodotto effettivo che viene fabbricato sarà spesso un efficiente radiatore del suono aereo. In queste situazioni è importante valutare i modi per proteggere saldamente o supportare meglio il prodotto durante la fabbricazione. Un'altra misura di controllo del rumore da studiare sarebbe quella di ridurre la forza d'urto tra la macchina e il prodotto, tra parti del prodotto stesso o tra elementi di prodotto separati.

                          Spesso la riprogettazione del processo o dell'apparecchiatura e la modifica della sorgente possono rivelarsi irrealizzabili. Inoltre, potrebbero esserci situazioni in cui è praticamente impossibile identificare la causa principale del rumore. Quando esiste una qualsiasi di queste situazioni, l'uso di misure di controllo per il trattamento del percorso di trasmissione del suono sarebbe un mezzo efficace per ridurre il livello di rumore complessivo. Le due principali misure di abbattimento per i trattamenti dei percorsi sono i recinti e le barriere acustiche.

                          Lo sviluppo di custodie acustiche è molto avanzato nel mercato odierno. Sia le custodie standard che quelle personalizzate sono disponibili da diversi produttori. Per procurarsi il sistema appropriato è necessario che l'acquirente fornisca informazioni sull'attuale livello di rumore complessivo (e possibilmente dati sulla frequenza), le dimensioni dell'apparecchiatura, l'obiettivo di riduzione del rumore, la necessità di flusso di prodotti e l'accesso dei dipendenti, ed ogni altro vincolo operativo. Il venditore sarà quindi in grado di utilizzare queste informazioni per selezionare un articolo in stock o fabbricare un involucro personalizzato per soddisfare le esigenze dell'acquirente.

                          In molte situazioni può essere più economico progettare e costruire un armadio invece di acquistare un sistema commerciale. Nella progettazione degli involucri, molti fattori devono essere presi in considerazione se si vuole che l'involucro risulti soddisfacente sia dal punto di vista acustico che produttivo. Le linee guida specifiche per la progettazione della custodia sono le seguenti:

                          Dimensioni della custodia. Non esiste una linea guida critica per le dimensioni o le dimensioni di un contenitore. La migliore regola da seguire è piu 'grande e', meglio 'e. È fondamentale che venga lasciato uno spazio sufficiente per consentire all'apparecchiatura di eseguire tutti i movimenti previsti senza entrare in contatto con la custodia.

                          Muro di recinzione. La riduzione del rumore fornita da un involucro dipende dai materiali utilizzati nella costruzione delle pareti e dalla tenuta dell'involucro. La selezione dei materiali appropriati per il muro di recinzione dovrebbe essere determinata utilizzando le seguenti regole empiriche (Moreland 1979):

                          • per un armadio, senza assorbimento interno:

                          TLrichiesto=NR+20 dBA

                          • con circa il 50% di assorbimento interno:

                          TLrichiesto=NR+15 dBA

                          • con assorbimento interno al 100%:

                          TLrichiesto=NR+10 dBA.

                          In queste espressioni TLrichiesto è la perdita di trasmissione richiesta alla parete o al pannello dell'armadio e NR è la riduzione del rumore desiderata per raggiungere l'obiettivo di abbattimento.

                          Foche. Per la massima efficienza, tutti i giunti delle pareti dell'armadio devono essere ben aderenti. Le aperture attorno agli attraversamenti dei tubi, cavi elettrici e così via, devono essere sigillate con mastice non indurente come mastice siliconico.

                          Assorbimento interno. Per assorbire e dissipare l'energia acustica, la superficie interna dell'involucro deve essere rivestita con materiale fonoassorbente. Lo spettro di frequenza della sorgente deve essere utilizzato per selezionare il materiale appropriato. I dati di assorbimento pubblicati dal produttore forniscono la base per abbinare il materiale alla fonte del rumore. È importante abbinare i massimi fattori di assorbimento a quelle frequenze della sorgente che presentano i livelli di pressione sonora più elevati. Il fornitore o il produttore del prodotto può anche assistere nella selezione del materiale più efficace in base allo spettro di frequenza della sorgente.

                          Isolamento della custodia. È importante che la struttura della custodia sia separata o isolata dall'apparecchiatura per garantire che le vibrazioni meccaniche non vengano trasmesse alla custodia stessa. Quando parti della macchina, come le penetrazioni dei tubi, entrano in contatto con l'involucro, è importante includere raccordi antivibranti nel punto di contatto per cortocircuitare qualsiasi potenziale percorso di trasmissione. Infine, se la macchina fa vibrare il pavimento, anche la base dell'armadio deve essere trattata con materiale antivibrante.

                          Fornire flusso di prodotto. Come con la maggior parte delle apparecchiature di produzione, sarà necessario spostare il prodotto all'interno e all'esterno del recinto. L'uso di canali o tunnel rivestiti acusticamente può consentire il flusso del prodotto e tuttavia fornire assorbimento acustico. Per ridurre al minimo la dispersione del rumore, si raccomanda che tutti i passaggi siano tre volte più lunghi della larghezza interna della dimensione maggiore dell'apertura del tunnel o del canale.

                          Fornire l'accesso ai lavoratori. Porte e finestre possono essere installate per fornire accesso fisico e visivo all'apparecchiatura. È fondamentale che tutte le finestre abbiano almeno le stesse proprietà di perdita di trasmissione delle pareti del recinto. Successivamente, tutte le porte di accesso devono essere sigillate ermeticamente su tutti i bordi. Per impedire il funzionamento dell'apparecchiatura con le porte aperte, si consiglia di prevedere un sistema di interblocco che consenta il funzionamento solo quando le porte sono completamente chiuse.

                          Ventilazione della custodia. In molte applicazioni con custodia, si verificherà un eccessivo accumulo di calore. Per far passare l'aria di raffreddamento attraverso l'armadio, è necessario installare un ventilatore con una capacità da 650 a 750 piedi cubi/metri cubi sull'uscita o sul condotto di scarico. Infine, i condotti di aspirazione e scarico devono essere rivestiti con materiale assorbente.

                          Protezione del materiale assorbente. Per evitare che il materiale assorbente venga contaminato, è necessario applicare una barriera antispruzzo sul rivestimento assorbente. Questo dovrebbe essere di un materiale molto leggero, come una pellicola di plastica da un mil. Lo strato assorbente deve essere mantenuto con lamiera stirata, lamiera forata o tela metallica. Il materiale di rivestimento deve avere almeno il 25% di area aperta.

                          Un trattamento alternativo del percorso di trasmissione del suono consiste nell'utilizzare una barriera acustica per bloccare o schermare il ricevitore (il lavoratore a rischio di rumore) dal percorso del suono diretto. Una barriera acustica è un materiale ad alta perdita di trasmissione, come una partizione solida o un muro, inserito tra la sorgente di rumore e il ricevitore. Bloccando il percorso visivo diretto verso la sorgente, la barriera fa sì che le onde sonore raggiungano il ricevitore per riflessione su varie superfici della stanza e per diffrazione ai bordi della barriera. Di conseguenza, il livello di rumore complessivo viene ridotto nella posizione del ricevitore.

                          L'efficacia di una barriera è funzione della sua posizione rispetto alla sorgente o ai ricevitori di rumore e delle sue dimensioni complessive. Per massimizzare la potenziale riduzione del rumore, la barriera dovrebbe essere posizionata il più vicino possibile alla sorgente o al ricevitore. Successivamente, la barriera dovrebbe essere il più alta e larga possibile. Per bloccare efficacemente il percorso del suono, un materiale ad alta densità, dell'ordine da 4 a 6 lb/ft3, dovrebbe essere usato. Infine, la barriera non deve contenere aperture o lacune, che possono ridurne significativamente l'efficacia. Se è necessario includere una finestra per l'accesso visivo all'apparecchiatura, allora è importante che la finestra abbia un grado di trasmissione del suono almeno equivalente a quello del materiale barriera stesso.

                          L'ultima opzione per ridurre l'esposizione al rumore dei lavoratori è trattare lo spazio o l'area in cui lavora il dipendente. Questa opzione è più pratica per quelle attività lavorative, come l'ispezione dei prodotti o le stazioni di monitoraggio delle apparecchiature, in cui il movimento dei dipendenti è limitato a un'area relativamente piccola. In queste situazioni, è possibile installare una cabina acustica o un riparo per isolare i dipendenti e fornire sollievo da livelli di rumore eccessivi. Le esposizioni quotidiane al rumore saranno ridotte fintanto che una parte significativa del turno di lavoro viene trascorsa all'interno del rifugio. Per costruire un tale rifugio, dovrebbero essere consultate le linee guida precedentemente descritte per la progettazione del recinto.

                          In conclusione, l'implementazione di un efficace programma “Buy Quiet” dovrebbe essere il primo passo in un processo di controllo totale del rumore. Questo approccio è progettato per impedire l'acquisto o l'installazione di qualsiasi apparecchiatura che potrebbe presentare un problema di rumore. Tuttavia, per quelle situazioni in cui esistono già livelli di rumore eccessivi, è quindi necessario valutare sistematicamente l'ambiente acustico al fine di sviluppare l'opzione di controllo ingegneristico più pratica per ogni singola sorgente di rumore. Nel determinare la priorità relativa e l'urgenza dell'attuazione delle misure di controllo del rumore, è necessario considerare l'esposizione dei dipendenti, l'occupazione dello spazio e i livelli di rumore dell'area complessiva. Ovviamente, un aspetto importante del risultato desiderato è quello di ottenere la massima riduzione dell'esposizione al rumore dei dipendenti per i fondi monetari investiti e che allo stesso tempo sia garantito il massimo grado di protezione dei dipendenti.

                           

                          Di ritorno

                          Giovedi, 24 marzo 2011 18: 05

                          Programmi per la conservazione dell'udito

                          Gli autori ringraziano il Dipartimento del lavoro della Carolina del Nord per il permesso di riutilizzare i materiali sviluppati durante la stesura di una guida del settore NCDOL sulla conservazione dell'udito.

                          L'obiettivo primario dei programmi professionali di conservazione dell'udito (HCP) è quello di prevenire la perdita dell'udito indotta dal rumore sul posto di lavoro a causa di pericolose esposizioni al rumore sul posto di lavoro (Royster e Royster 1989 e 1990). Tuttavia, la persona - che in seguito sarà definita "persona chiave" - ​​responsabile dell'efficacia dell'HCP dovrebbe usare il buon senso per modificare queste pratiche per adattarle alla situazione locale al fine di raggiungere l'obiettivo desiderato: protezione dei lavoratori da esposizioni professionali dannose al rumore. Un obiettivo secondario di questi programmi dovrebbe essere quello di educare e motivare le persone in modo tale che scelgano anche di proteggersi da dannose esposizioni al rumore non professionale e trasferire le loro conoscenze sulla conservazione dell'udito alle loro famiglie e amici.

                          La figura 1 mostra le distribuzioni di oltre 10,000 campioni di esposizione al rumore provenienti da quattro fonti in due paesi, tra cui una varietà di ambienti di lavoro industriali, minerari e militari. I campioni sono valori medi ponderati nel tempo di 8 ore basati su tassi di cambio di 3, 4 e 5 dB. Questi dati indicano che circa il 90% delle esposizioni giornaliere equivalenti al rumore sono pari o inferiori a 95 dBA e solo il 10% supera i 95 dBA.

                          Figura 1. Rischio di esposizione al rumore stimato per diverse popolazioni

                          NOI070F1

                          L'importanza dei dati nella figura 1, supponendo che si applichino alla maggior parte dei paesi e delle popolazioni, è semplicemente che la stragrande maggioranza dei dipendenti esposti al rumore deve raggiungere solo 10 dBA di protezione dal rumore per eliminare il pericolo. Quando i dispositivi di protezione dell'udito (HPD) vengono indossati per ottenere questa protezione, i responsabili della salute dei lavoratori devono prendersi il tempo necessario per dotare ogni individuo di un dispositivo che sia comodo, pratico per l'ambiente, tenga conto delle esigenze uditive dell'individuo (capacità di sentire segnali di avvertimento, discorsi, ecc.) e fornisce una tenuta acustica se indossato giorno dopo giorno in ambienti reali.

                           

                          Questo articolo presenta un insieme condensato di buone pratiche di conservazione dell'udito, come riassunto nella lista di controllo presentata nella figura 2.

                          Figura 2. Lista di controllo delle buone pratiche HCP

                          NOI070T1

                          Vantaggi della conservazione dell'udito

                          La prevenzione dell'ipoacusia professionale avvantaggia il dipendente preservando le capacità uditive che sono fondamentali per una buona qualità della vita: comunicazione interpersonale, godimento della musica, rilevamento di suoni di avvertimento e molto altro. L'HCP fornisce un vantaggio di screening sanitario, poiché le perdite uditive non professionali e le malattie dell'orecchio potenzialmente curabili vengono spesso rilevate attraverso audiogrammi annuali. La riduzione dell'esposizione al rumore riduce anche il potenziale stress e la fatica legati al rumore.

                          Il datore di lavoro ne beneficia direttamente implementando un HCP efficace che mantenga il buon udito dei dipendenti, poiché i lavoratori rimarranno più produttivi e più versatili se le loro capacità di comunicazione non saranno compromesse. Operatori sanitari efficaci possono ridurre i tassi di infortunio e promuovere l'efficienza del lavoro.

                          Fasi di un HCP

                          Fare riferimento alla lista di controllo nella figura 2 per i dettagli di ciascuna fase. Personale diverso può essere responsabile di fasi diverse e questo personale costituisce il team HCP.

                          Indagini sull'esposizione sonora

                          I fonometri o i dosimetri di rumore personale vengono utilizzati per misurare i livelli sonori sul posto di lavoro e stimare l'esposizione al rumore dei lavoratori per determinare se è necessario un operatore sanitario; in tal caso, i dati così raccolti contribuiranno a stabilire adeguate politiche HCP per proteggere i dipendenti (Royster, Berger e Royster 1986). I risultati del sondaggio identificano quali dipendenti (per reparto o mansione) saranno inclusi nell'HCP, quali aree dovrebbero essere affisse per l'uso obbligatorio di protezioni acustiche e quali dispositivi di protezione dell'udito sono adeguati. Sono necessari campioni adeguati di condizioni di produzione rappresentative per classificare le esposizioni in intervalli (inferiori a 85 dBA, 85-89, 90-94, 95-99 dBA, ecc.). La misurazione dei livelli sonori ponderati A durante l'indagine generale sul rumore spesso identifica le fonti di rumore dominanti nelle aree dell'impianto in cui gli studi di controllo del rumore di ingegneria successivi possono ridurre significativamente l'esposizione dei dipendenti.

                          Controlli del rumore ingegneristici e amministrativi

                          I controlli del rumore possono ridurre l'esposizione al rumore dei dipendenti a un livello di sicurezza, eliminando la necessità di un programma di conservazione dell'udito. I controlli tecnici (vedere "Controllo tecnico del rumore" [NOI03AE] in questo capitolo) implicano modifiche della sorgente del rumore (come il montaggio di silenziatori sugli ugelli di scarico dell'aria), del percorso del rumore (come il posizionamento di involucri insonorizzanti attorno all'apparecchiatura) o del ricevitore (come la costruzione di un recinto attorno alla postazione di lavoro del dipendente). L'input del lavoratore è spesso necessario nella progettazione di tali modifiche per garantire che siano pratiche e non interferiscano con i suoi compiti. Ovviamente, le esposizioni pericolose al rumore dei dipendenti dovrebbero essere ridotte o eliminate per mezzo di controlli tecnici del rumore ogni volta che è pratico e fattibile.

                          I controlli amministrativi sul rumore includono la sostituzione delle vecchie apparecchiature con nuovi modelli più silenziosi, l'adesione ai programmi di manutenzione delle apparecchiature relativi al controllo del rumore e le modifiche agli orari di lavoro dei dipendenti per ridurre le dosi di rumore limitando il tempo di esposizione quando pratico e tecnicamente consigliabile. La pianificazione e la progettazione per raggiungere livelli di rumore non pericolosi quando vengono messi in funzione nuovi impianti di produzione è un controllo amministrativo che può anche eliminare la necessità di un operatore sanitario.

                          Educazione e motivazione

                          I membri del team HCP e i dipendenti non parteciperanno attivamente alla conservazione dell'udito a meno che non ne comprendano lo scopo, come beneficeranno direttamente del programma e che il rispetto dei requisiti di sicurezza e salute dell'azienda è una condizione per l'assunzione. Senza un'istruzione significativa per motivare le azioni individuali, l'HCP fallirà (Royster e Royster 1986). Gli argomenti da trattare dovrebbero includere quanto segue: lo scopo e i benefici dell'operatore sanitario, i metodi e i risultati dell'indagine sonora, l'uso e il mantenimento di trattamenti ingegneristici per il controllo del rumore per ridurre le esposizioni, esposizioni pericolose al rumore fuori dal lavoro, come il rumore danneggia l'udito, conseguenze di perdita dell'udito nella vita quotidiana, selezione e applicazione di dispositivi di protezione dell'udito e importanza di un'usura costante, come i test audiometrici identificano i cambiamenti dell'udito per indicare la necessità di una maggiore protezione e le politiche HCP del datore di lavoro. Idealmente, questi argomenti possono essere spiegati a piccoli gruppi di dipendenti nelle riunioni sulla sicurezza, lasciando ampio spazio per le domande. Negli operatori sanitari efficaci la fase educativa è un processo continuo, non solo una presentazione annuale, poiché il personale sanitario coglie opportunità quotidiane per ricordare agli altri di conservare il proprio udito.

                          Protezione dell'udito

                          Il datore di lavoro fornisce dispositivi di protezione dell'udito (tappi per le orecchie, cuffie e dispositivi semi-inserti) che i dipendenti possono indossare fintanto che esistono livelli di rumore pericolosi sul posto di lavoro. Poiché per molti tipi di apparecchiature industriali non sono stati sviluppati controlli del rumore ingegneristici fattibili, le protezioni acustiche sono la migliore opzione attuale per prevenire la perdita dell'udito indotta dal rumore in queste situazioni. Come indicato in precedenza, la maggior parte dei lavoratori esposti al rumore deve raggiungere solo 10 dB di attenuazione per essere adeguatamente protetti dal rumore. Con l'ampia selezione di protezioni acustiche oggi disponibili, è possibile ottenere facilmente una protezione adeguata (Royster 1985; Royster e Royster 1986) se i dispositivi vengono adattati individualmente a ciascun dipendente per ottenere una tenuta acustica con un comfort accettabile e se al lavoratore viene insegnato come indossare il dispositivo correttamente per mantenere una tenuta acustica, ma in modo coerente ogni volta che esiste un rischio di rumore.

                          Valutazioni audiometriche

                          Ogni individuo esposto dovrebbe ricevere un controllo dell'udito di base seguito da controlli annuali per monitorare lo stato dell'udito e rilevare qualsiasi cambiamento dell'udito. Un audiometro viene utilizzato in una cabina di attenuazione del suono per testare le soglie uditive del dipendente a 0.5, 1, 2, 3, 4, 6 e 8 kHz. Se l'HCP è efficace, i risultati audiometrici dei dipendenti non mostreranno cambiamenti significativi associati ai danni all'udito indotti dal rumore durante il lavoro. Se vengono rilevati cambiamenti dell'udito sospetti, il tecnico audiometrico e l'audiologo o il medico che esamina la registrazione possono consigliare al dipendente di indossare gli HPD con maggiore attenzione, valutare se sono necessari HPD più adatti e motivare l'individuo a prestare maggiore attenzione nel proteggere il proprio ascoltare sia dentro che fuori dal lavoro. A volte possono essere identificate cause non professionali del cambiamento dell'udito, come l'esposizione al rumore da colpi di arma da fuoco o per hobby o problemi all'orecchio medico. Il monitoraggio audiometrico è utile solo se viene mantenuto il controllo di qualità delle procedure di test e se i risultati vengono utilizzati per avviare il follow-up per le persone con cambiamenti uditivi significativi (Royster 1985).

                          Tenuta del registro

                          I requisiti per il tipo di registri da conservare e la durata della loro conservazione variano da paese a paese. Nei paesi in cui le questioni legali e il risarcimento dei lavoratori sono questioni importanti, i registri dovrebbero essere conservati più a lungo di quanto richiesto dalle normative sul lavoro poiché sono spesso utili per scopi legali. L'obiettivo della tenuta dei registri è documentare come i dipendenti sono stati protetti dal rumore (Royster e Royster 1989 e 1990). Le registrazioni particolarmente importanti includono le procedure e i risultati dell'indagine sonora, la calibrazione ei risultati audiometrici, le azioni di follow-up in risposta ai cambiamenti dell'udito dei dipendenti e la documentazione dell'applicazione e della formazione delle protezioni acustiche. Le registrazioni dovrebbero includere i nomi del personale che ha svolto i compiti di HCP così come i risultati.

                          Valutazione del programma

                          Caratteristiche dei programmi efficaci

                          Gli operatori sanitari di successo condividono le seguenti caratteristiche e promuovono una "cultura della sicurezza" rispetto a tutti i programmi di sicurezza (occhiali di sicurezza, "caschi protettivi", comportamento di sollevamento sicuro, ecc.).

                          L'"individuo chiave"

                          La strategia più importante per far funzionare efficacemente insieme le cinque fasi dell'HCP è unirle sotto la supervisione di un individuo di importanza centrale (Royster e Royster 1989 e 1990). Nelle aziende più piccole in cui una persona può effettivamente svolgere tutti gli aspetti dell'HCP, la mancanza di coordinamento di solito non è un problema. Tuttavia, con l'aumentare delle dimensioni dell'organizzazione, diversi tipi di personale vengono coinvolti nell'HCP: personale addetto alla sicurezza, personale medico, ingegneri, igienisti industriali, supervisori di attrezzi, supervisori di produzione e altri. Con personale di diverse discipline che svolge diversi aspetti del programma, diventa molto difficile coordinare i propri sforzi a meno che un "individuo chiave" non sia in grado di supervisionare l'intero HCP. La scelta di chi dovrebbe essere questa persona è fondamentale per il successo del programma. Una delle principali qualifiche per l'individuo chiave è il genuino interesse per l'HCP dell'azienda.

                          L'individuo chiave è sempre accessibile ed è sinceramente interessato a commenti o reclami che possono aiutare a migliorare l'HCP. Questo individuo non assume un atteggiamento remoto o rimane in un ufficio, gestendo l'HCP su carta su mandato, ma trascorre del tempo negli stabilimenti di produzione o ovunque i lavoratori siano attivi per interagire con loro e osservare come i problemi possono essere prevenuti o risolti.

                          Comunicazione attiva e ruoli

                          I membri principali del team HCP dovrebbero incontrarsi regolarmente per discutere i progressi del programma e garantire che tutti i compiti vengano svolti. Una volta che le persone con compiti diversi capiranno come i loro ruoli contribuiscono al risultato complessivo del programma, collaboreranno meglio per prevenire la perdita dell'udito. L'individuo chiave può ottenere questa comunicazione e cooperazione attiva se la direzione gli fornisce l'autorità per prendere decisioni HCP e l'allocazione delle risorse per agire sulle decisioni una volta prese. Il successo dell'HCP dipende da tutti, dal capo superiore al tirocinante assunto più di recente; ognuno ha un ruolo importante. Il ruolo della direzione è in gran parte quello di supportare l'HCP e far rispettare le sue politiche come un aspetto del programma generale di salute e sicurezza dell'azienda. Per quadri e quadri il ruolo è più diretto: aiutano a realizzare le cinque fasi. Il ruolo dei dipendenti è quello di partecipare attivamente al programma ed essere aggressivi nel formulare suggerimenti per migliorare il funzionamento degli operatori sanitari. Tuttavia, affinché la partecipazione dei dipendenti abbia successo, la direzione e il team HCP devono essere ricettivi ai commenti e rispondere effettivamente agli input dei dipendenti.

                          Protettori dell'udito: efficaci e applicati

                          L'importanza delle politiche di protezione dell'udito per il successo degli operatori sanitari è sottolineata da due caratteristiche desiderate per gli operatori sanitari efficaci: applicazione rigorosa dell'utilizzo delle protezioni acustiche (deve esserci un'applicazione effettiva, non solo una politica cartacea) e la disponibilità di protezioni potenzialmente efficaci per l'uso da parte di i portatori nell'ambiente di lavoro. I dispositivi potenzialmente efficaci sono abbastanza pratici e comodi da essere indossati costantemente dai dipendenti e forniscono un'adeguata attenuazione del suono senza compromettere la comunicazione a causa dell'iperprotezione.

                          Influenze esterne limitate sull'operatore sanitario

                          Se le decisioni degli operatori sanitari locali sono limitate dalle politiche imposte dalla sede centrale dell'azienda, la persona chiave potrebbe aver bisogno dell'assistenza del top management per ottenere eccezioni alle regole aziendali o esterne al fine di soddisfare le esigenze locali. L'individuo chiave deve anche mantenere uno stretto controllo su tutti i servizi forniti da consulenti esterni, appaltatori o funzionari governativi (come sondaggi sonori o audiogrammi). Quando vengono utilizzati appaltatori, è più difficile integrare i loro servizi in modo coerente nell'HCP generale, ma è fondamentale farlo. Se il personale interno all'impianto non si attiene all'utilizzo delle informazioni fornite dagli appaltatori, gli elementi contrattuali del programma perdono efficacia. L'esperienza indica chiaramente che è molto difficile stabilire e mantenere un operatore sanitario efficace che dipende prevalentemente da appaltatori esterni.

                          In contrasto con le caratteristiche precedenti, il seguente è un elenco di alcune cause comuni di inefficacia HCP.

                            • comunicazione e coordinamento inadeguati tra il personale HCP
                            • informazioni insufficienti o errate utilizzate per prendere decisioni
                            • formazione inadeguata per installatori ed emittenti di protezioni acustiche
                            • selezione inadeguata o inappropriata di protezioni in magazzino
                            • affidamento eccessivo sulla valutazione dei numeri nella scelta dei dispositivi
                            • incapacità di adattare e addestrare individualmente ciascun portatore di HPD
                            • eccessivo affidamento su fonti esterne (governo o appaltatori) per fornire servizi HCP
                            • mancato utilizzo dei risultati del monitoraggio audiometrico per educare e motivare i dipendenti
                            • mancato utilizzo dei dati audiometrici per valutare l'efficacia degli operatori sanitari.

                                             

                                            Valutazione oggettiva dei dati audiometrici

                                            I dati audiometrici per la popolazione esposta al rumore forniscono la prova che l'operatore sanitario sta prevenendo l'ipoacusia professionale. Nel corso del tempo, il tasso di cambiamento dell'udito per i dipendenti esposti al rumore non dovrebbe essere superiore a quello dei controlli abbinati senza lavori rumorosi. Per dare una prima indicazione dell'efficacia degli operatori sanitari, sono state sviluppate procedure per l'analisi di database audiometrici utilizzando la variabilità di anno in anno nei valori soglia (Royster e Royster 1986; ANSI 1991).

                                             

                                            Di ritorno

                                            Giovedi, 24 marzo 2011 18: 09

                                            Norme e regolamenti

                                            Termini e condizioni

                                            Nel campo del rumore professionale, i termini regolamento, Standarde legislazione sono spesso usati in modo intercambiabile, anche se tecnicamente possono avere significati leggermente diversi. Uno standard è un insieme codificato di regole o linee guida, molto simile a un regolamento, ma può essere sviluppato sotto gli auspici di un gruppo di consenso, come l'Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO). La legislazione è costituita da leggi prescritte dalle autorità legislative o dagli organi di governo locali.

                                            Molte norme nazionali sono chiamate legislazione. Alcuni organismi ufficiali usano anche i termini standard e regolamenti. Questioni del Consiglio delle Comunità europee (CEC). direttive. Tutti i membri della Comunità Europea avevano bisogno di “armonizzare” i loro standard di rumore (regolamenti o legislazione) con la Direttiva CEE del 1986 sull'esposizione professionale al rumore entro l'anno 1990 (CEC 1986). Ciò significa che gli standard e le normative sul rumore dei paesi membri dovevano essere protettivi almeno quanto la direttiva CEE. Negli Stati Uniti, a regolamento è una regola o un ordine prescritto da un'autorità governativa e di solito ha più la natura di una formalità che di uno standard.

                                            Alcune nazioni hanno a codice di pratica, che è un po' meno formale. Ad esempio, lo standard nazionale australiano per l'esposizione professionale al rumore è costituito da due brevi paragrafi che stabiliscono regole obbligatorie, seguiti da un codice di condotta di 35 pagine che fornisce una guida pratica su come lo standard dovrebbe essere implementato. I codici di condotta di solito non hanno forza legale di regolamenti o leggi.

                                            Un altro termine che viene usato occasionalmente è raccomandazione, che è più simile a una linea guida che a una norma imperativa e non è applicabile. In questo articolo, il termine Standard sarà usato genericamente per rappresentare gli standard di rumore di tutti i gradi di formalità.

                                            Standard di consenso

                                            Uno degli standard di rumore più ampiamente utilizzati è ISO 1999, Acustica: determinazione dell'esposizione professionale al rumore e stima del danno uditivo indotto dal rumore (ISO 1990). Questo standard di consenso internazionale rappresenta una revisione di una versione precedente, meno dettagliata e può essere utilizzato per prevedere l'entità della perdita dell'udito che si prevede si verifichi in vari centili della popolazione esposta a varie frequenze audiometriche in funzione del livello e della durata dell'esposizione, dell'età e sesso.

                                            L'ISO è attualmente molto attivo nel settore della standardizzazione del rumore. Il suo comitato tecnico TC43, "Acustica", sta lavorando a uno standard per valutare l'efficacia dei programmi di conservazione dell'udito. Secondo von Gierke (1993), il Sottocomitato 43 (SC1) del TC1 ha 21 gruppi di lavoro, alcuni dei quali stanno prendendo in considerazione più di tre standard ciascuno. TC43/SC1 ha emesso 58 standard relativi al rumore e 63 standard aggiuntivi sono in fase di revisione o preparazione (von Gierke 1993).

                                            Criteri di rischio-danno

                                            Il termine criteri di danno-rischio si riferisce al rischio di danni all'udito dovuti a vari livelli di rumore. Molti fattori entrano nello sviluppo di questi criteri e standard oltre ai dati che descrivono la quantità di perdita dell'udito risultante da una certa quantità di esposizione al rumore. Ci sono considerazioni sia tecniche che politiche.

                                            Le seguenti domande sono buoni esempi di considerazioni politiche: quale percentuale della popolazione esposta al rumore dovrebbe essere protetta e quanto la perdita dell'udito costituisce un rischio accettabile? Dovremmo proteggere anche i membri più sensibili della popolazione esposta da qualsiasi perdita dell'udito? O dovremmo proteggerci solo da un handicap uditivo risarcibile? Si tratta di stabilire quale formula per la perdita dell'udito utilizzare, e diversi enti governativi hanno variato ampiamente le loro scelte.

                                            Negli anni precedenti, sono state prese decisioni normative che consentivano notevoli quantità di perdita dell'udito come rischio accettabile. La definizione più comune era un livello medio di soglia uditiva (o "limite basso") di 25 dB o superiore alle frequenze audiometriche di 500, 1,000 e 2,000 Hz. Da quel momento, le definizioni di "problema uditivo" o "handicap uditivo" sono diventate più restrittive, con diverse nazioni o gruppi di consenso che sostengono definizioni diverse. Ad esempio, alcune agenzie governative statunitensi ora utilizzano 25 dB a 1,000, 2,000 e 3,000 Hz. Altre definizioni possono incorporare un limite basso di 20 o 25 dB a 1,000, 2,000 e 4,000 Hz e possono includere una gamma più ampia di frequenze.

                                            In generale, poiché le definizioni includono frequenze più elevate e livelli di "recinzione" o soglia uditiva inferiori, il rischio accettabile diventa più stringente e una percentuale più elevata della popolazione esposta sembrerà essere a rischio a causa di determinati livelli di rumore. Se non vi è alcun rischio di perdita dell'udito a causa dell'esposizione al rumore, anche nei membri più sensibili della popolazione esposta, il limite di esposizione consentito dovrebbe essere di appena 75 dBA. La Direttiva CEE ha infatti stabilito un livello equivalente (Leq) di 75 dBA come livello al quale il rischio è trascurabile, e questo livello è stato proposto anche come obiettivo per gli impianti di produzione svedesi (Kihlman 1992).

                                            Nel complesso, il pensiero prevalente su questo argomento è che è accettabile che una forza lavoro esposta al rumore perda un po' l'udito, ma non troppo. Per quanto riguarda quanto è troppo, non c'è consenso in questo momento. Con ogni probabilità, la maggior parte delle nazioni redige standard e regolamenti nel tentativo di mantenere il rischio a un livello minimo tenendo conto della fattibilità tecnica ed economica, ma senza raggiungere un consenso su questioni come le frequenze, il recinto o la percentuale della popolazione a cui essere protetto.

                                            Presentazione dei criteri di rischio-danno

                                            I criteri per la perdita dell'udito indotta dal rumore possono essere presentati in due modi: spostamento permanente della soglia indotto dal rumore (NIPTS) o percentuale di rischio. NIPTS è la quantità di spostamento di soglia permanente rimanente in una popolazione dopo aver sottratto lo spostamento di soglia che si verificherebbe "normalmente" per cause diverse dal rumore professionale. Il rischio percentuale è la percentuale di una popolazione con una certa quantità di danni all'udito causati dal rumore dopo sottraendo la percentuale di una popolazione simile non esposti al rumore professionale. Questo concetto è talvolta chiamato rischio in eccesso. Sfortunatamente, nessuno dei due metodi è privo di problemi.

                                            Il problema con l'utilizzo del solo NIPTS è che è difficile riassumere gli effetti del rumore sull'udito. I dati sono solitamente riportati in una grande tabella che mostra lo spostamento della soglia indotto dal rumore per ogni frequenza audiometrica in funzione del livello di rumore, degli anni di esposizione e del percentile della popolazione. Il concetto di percentuale di rischio è più attraente perché utilizza numeri singoli e sembra facile da capire. Ma il problema con la percentuale di rischio è che può variare enormemente a seconda di una serie di fattori, in particolare l'altezza della barriera del livello della soglia uditiva e le frequenze utilizzate per definire il danno uditivo (o handicap).

                                            Con entrambi i metodi, l'utente deve essere sicuro che le popolazioni esposte e non esposte siano accuratamente abbinate per fattori quali l'età e l'esposizione al rumore non professionale.

                                            Standard nazionali sul rumore

                                            La tabella 1 riporta alcune delle caratteristiche principali degli standard di esposizione al rumore di diverse nazioni. La maggior parte delle informazioni è aggiornata alla data di questa pubblicazione, ma alcuni standard potrebbero essere stati rivisti di recente. Si consiglia ai lettori di consultare le versioni più recenti delle norme nazionali.

                                            Tabella 1. Limiti di esposizione consentiti (PEL), tassi di cambio e altri requisiti per l'esposizione al rumore in base alla nazione

                                            Nazione, data

                                            PEL Lav., 8 ore,

                                            dBAa

                                            Tasso di cambio, dBAb

                                            Lmax rms

                                            Lpicco SPL

                                            Controllo ingegneristico di livello dBAc

                                            Test audiometrico di livello dBAc

                                            Argentina

                                            90

                                            3

                                            110 dBA

                                               

                                            Australia,1 1993

                                            85

                                            3

                                            140 dB di picco

                                            85

                                            85

                                            Brasile, 1992

                                            85

                                            5

                                            115 dBA
                                            140 dB di picco

                                            85

                                             

                                            Canada,2 1990

                                            87

                                            3

                                             

                                            87

                                            84

                                            CCE,3, 4 1986

                                            85

                                            3

                                            140 dB di picco

                                            90

                                            85

                                            Cile

                                            85

                                            5

                                            115 dBA
                                            140 dB

                                               

                                            Cina,5 1985

                                            70-90

                                            3

                                            115 dBA

                                               

                                            Finlandia, 1982

                                            85

                                            3

                                             

                                            85

                                             

                                            Francia, 1990

                                            85

                                            3

                                            135 dB di picco

                                             

                                            85

                                            Germania,3, 6 1990

                                            85
                                            55,70

                                            3

                                            140 dB di picco

                                            90

                                            85

                                            Ungheria

                                            85

                                            3

                                            125 dBA
                                            140 dB di picco

                                            90

                                             

                                            India,7 1989

                                            90

                                             

                                            115 dBA
                                            140 dBA

                                               

                                            Israele, 1984

                                            85

                                            5

                                            115 dBA
                                            140 dB di picco

                                               

                                            Italia, 1990

                                            85

                                            3

                                            140 dB di picco

                                            90

                                            85

                                            Olanda, 8 1987

                                            80

                                            3

                                            140 dB di picco

                                            85

                                             

                                            Nuova Zelanda,9 1981

                                            85

                                            3

                                            115 dBA
                                            140 dB di picco

                                               

                                            Norvegia,10 1982

                                            85
                                            55,70

                                            3

                                            110 dBA

                                             

                                            80

                                            Spagna, 1989

                                            85

                                            3

                                            140 dB di picco

                                            90

                                            80

                                            Svezia, 1992

                                            85

                                            3

                                            115 dBA
                                            140 dBc

                                            85

                                            85

                                            Regno Unito, 1989

                                            85

                                            3

                                            140 dB di picco

                                            90

                                            85

                                            Stati Uniti d'America,11 1983

                                            90

                                            5

                                            115 dBA
                                            140 dB di picco

                                            90

                                            85

                                            Uruguay

                                            90

                                            3

                                            110 dBA

                                               

                                            a PEL = limite di esposizione consentito.

                                            b Tasso di cambio. A volte chiamato tasso di raddoppio o rapporto di scambio tempo/intensità, questa è la quantità di variazione del livello di rumore (in dB) consentita per ogni dimezzamento o raddoppio della durata dell'esposizione.

                                            c Come il PEL, anche i livelli che danno inizio ai requisiti per i controlli tecnici e i test audiometrici, presumibilmente, sono livelli medi.

                                            Fonti: Arenas 1995; Gunn; Embleton 1994; ILO 1994. Gli standard pubblicati di varie nazioni sono stati ulteriormente consultati.


                                            Note alla tabella 1.

                                            1 I livelli per i controlli tecnici, i test dell'udito e altri elementi del programma di conservazione dell'udito sono definiti in un codice di condotta.

                                            2 C'è qualche variazione tra le singole province canadesi: Ontario, Quebec e New Brunswick utilizzano 90 dBA con un tasso di cambio di 5 dB; Alberta, Nuova Scozia e Terranova utilizzano 85 dBA con un tasso di cambio di 5 dB; e la Columbia Britannica utilizza 90 dBA con un tasso di cambio di 3 dB. Tutti richiedono controlli tecnici al livello del PEL. Manitoba richiede determinate pratiche di conservazione dell'udito superiori a 80 dBA, protezioni acustiche e formazione su richiesta superiori a 85 dBA e controlli tecnici superiori a 90 dBA.

                                            3 Il Consiglio delle Comunità Europee (86/188/CEE) e la Germania (UVV Larm-1990) affermano che non è possibile dare un limite preciso per l'eliminazione dei pericoli per l'udito e il rischio di altri danni alla salute dovuti al rumore. Pertanto il datore di lavoro è obbligato a ridurre il livello di rumore il più possibile, tenendo conto del progresso tecnico e della disponibilità di misure di controllo. Anche altre nazioni della CE potrebbero aver adottato questo approccio.

                                            4 Quei paesi compresi nella Comunità Europea dovevano avere standard conformi almeno alla Direttiva CEE entro il 1 gennaio 1990.

                                            5 La Cina richiede diversi livelli per diverse attività: ad esempio, 70 dBA per linee di assemblaggio di precisione, officine di lavorazione e sale computer; 75 dBA per locali di servizio, di osservazione e di riposo; 85 dBA per nuove officine; e 90 dBA per le officine esistenti.

                                            6 La Germania ha anche standard di rumore di 55 dBA per attività mentalmente stressanti e 70 dBA per il lavoro d'ufficio meccanizzato.

                                            7 Raccomandazione.

                                            8 La legislazione sul rumore dei Paesi Bassi richiede un controllo tecnico del rumore a 85 dBA “a meno che ciò non possa essere ragionevolmente richiesto”. La protezione dell'udito deve essere fornita sopra gli 80 dBA e i lavoratori sono tenuti a indossarla a livelli superiori a 90 dBA.

                                            9 La Nuova Zelanda richiede un massimo di 82 dBA per un'esposizione di 16 ore. Le cuffie devono essere indossate in presenza di livelli di rumore superiori a 115 dBA.

                                            10 La Norvegia richiede un PEL di 55 dBA per lavori che richiedono una grande quantità di concentrazione mentale, 85 dBA per lavori che richiedono comunicazione verbale o grande precisione e attenzione e 85 dBA per altri ambienti di lavoro rumorosi. I limiti consigliati sono inferiori di 10 dB. I lavoratori esposti a livelli di rumore superiori a 85 dBA devono indossare protezioni acustiche.

                                            11 Questi livelli si applicano allo standard acustico OSHA, che copre i lavoratori dell'industria in generale e del commercio marittimo. I servizi militari statunitensi richiedono standard un po' più severi. L'aeronautica americana e l'esercito americano utilizzano entrambi un PEL di 85 dBA e un tasso di cambio di 3 dB.


                                            La tabella 1 mostra chiaramente la tendenza della maggior parte delle nazioni a utilizzare un limite di esposizione consentito (PEL) di 85 dBA, mentre circa la metà degli standard utilizza ancora 90 dBA per la conformità ai requisiti per i controlli tecnici, come consentito dalla direttiva CEE. La stragrande maggioranza delle nazioni sopra elencate ha adottato il tasso di cambio di 3 dB, ad eccezione di Israele, Brasile e Cile, che utilizzano tutti la regola dei 5 dB con un livello di criterio di 85 dBA. L'altra eccezione degna di nota sono gli Stati Uniti (nel settore civile), sebbene sia l'esercito americano che l'aeronautica americana abbiano adottato la regola dei 3 dB.

                                            Oltre ai loro requisiti per proteggere i lavoratori dalla perdita dell'udito, diverse nazioni includono disposizioni per prevenire altri effetti negativi del rumore. Alcune nazioni affermano la necessità di proteggere dagli effetti extra-uditivi del rumore nelle loro normative. Sia la Direttiva CEE che la norma tedesca riconoscono che il rumore sul luogo di lavoro comporta un rischio per la salute e la sicurezza dei lavoratori oltre alla perdita dell'udito, ma che le attuali conoscenze scientifiche sugli effetti extrauditivi non consentono di fissare precisi livelli di sicurezza.

                                            Lo standard norvegese include un requisito secondo cui i livelli di rumore non devono superare i 70 dBA negli ambienti di lavoro in cui è necessaria la comunicazione vocale. Lo standard tedesco sostiene la riduzione del rumore per la prevenzione dei rischi di incidenti e sia la Norvegia che la Germania richiedono un livello massimo di rumore di 55 dBA per migliorare la concentrazione e prevenire lo stress durante le attività mentali.

                                            Alcuni paesi hanno standard di rumore speciali per diversi tipi di luoghi di lavoro. Ad esempio, la Finlandia e gli Stati Uniti hanno norme sul rumore per le cabine dei veicoli a motore, la Germania e il Giappone specificano i livelli di rumore per gli uffici. Altri includono il rumore come uno dei tanti pericoli regolamentati in un particolare processo. Altri standard ancora si applicano a tipi specifici di attrezzature o macchine, come compressori d'aria, motoseghe e macchine edili.

                                            Inoltre, alcune nazioni hanno promulgato standard separati per i dispositivi di protezione dell'udito (come la Direttiva CEE, Paesi Bassi e Norvegia) e per i programmi di conservazione dell'udito (come Francia, Norvegia, Spagna, Svezia e Stati Uniti).

                                            Alcune nazioni utilizzano approcci innovativi per affrontare il problema del rumore professionale. Ad esempio, i Paesi Bassi hanno uno standard separato per i luoghi di lavoro di nuova costruzione e l'Australia e la Norvegia forniscono informazioni ai datori di lavoro per istruire i produttori sulla fornitura di apparecchiature più silenziose.

                                            Ci sono poche informazioni sul grado di applicazione di questi standard e regolamenti. Alcuni specificano che i datori di lavoro "dovrebbero" intraprendere determinate azioni (come nei codici di condotta o nelle linee guida), mentre la maggior parte specifica che i datori di lavoro "devono". Gli standard che utilizzano "devono" sono più propensi a essere obbligatori, ma le singole nazioni variano ampiamente nella loro capacità e inclinazione a garantire l'applicazione. Anche all'interno della stessa nazione, l'applicazione degli standard sul rumore professionale può variare considerevolmente con il governo al potere.

                                             

                                            Di ritorno

                                            " DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

                                            Contenuti