Banner 10

 

69. A caccia

Editor del capitolo: George A. Conway


Sommario

tavoli

Un profilo di caccia e cattura negli anni '1990
Giovanni N. Trento

Malattie associate alla caccia e alla cattura
Maria E. Marrone

tavoli

Fare clic su un collegamento sottostante per visualizzare la tabella nel contesto dell'articolo.

1. Esempi di malattie potenzialmente significative per cacciatori e trapper

Panoramica del settore

La caccia e la cattura di animali selvatici sono due attività umane molto antiche che persistono oggi in una varietà di forme in tutto il mondo. Entrambi comportano la cattura e la morte di specie bersaglio che vivono in habitat selvaggi o relativamente poco sviluppati. Viene cacciata un'ampia varietà di specie. Piccoli mammiferi selvatici come lepri, conigli e scoiattoli vengono cacciati in tutto il mondo. Esempi di selvaggina grossa comunemente perseguiti dai cacciatori sono cervi, antilopi, orsi e grandi felini. Uccelli acquatici e fagiani sono tra gli uccelli selvatici comunemente cacciati. L'intrappolamento è limitato agli animali che hanno una pelliccia con un valore commerciale o pratico per l'uso da parte del cacciatore. Nelle zone temperate settentrionali, castoro, topo muschiato, visone, lupo, lince rossa e procioni sono spesso intrappolati.

La caccia è l'inseguimento e l'uccisione di singoli animali selvatici, solitamente per motivi alimentari, di abbigliamento o ricreativi. Recentemente, la caccia in alcune situazioni è stata vista come un modo per mantenere la continuità culturale di una cultura indigena. La caccia alla balena di sussistenza nell'Alaska settentrionale ne è un esempio. I cacciatori di solito impiegano armi a proiettili come fucili, fucili o arco e frecce. I cacciatori sono più specializzati e devono ottenere un numero di mammiferi da pelliccia senza danneggiare le pellicce. Le trappole e le cadute mortali sono state utilizzate per millenni. Le tagliole (sia imbottite che non imbottite) sono ancora comunemente utilizzate per alcune specie; le trappole mortali come il Conibear sono più ampiamente utilizzate per altre specie.

Evoluzione e struttura del settore

In poche società tradizionali in tutto il mondo oggi, la caccia continua come attività di sopravvivenza individuale, sostanzialmente immutata da prima dell'evoluzione dell'allevamento o dell'agricoltura. Tuttavia, la maggior parte delle persone caccia oggi come una forma di attività per il tempo libero; alcuni guadagnano redditi parziali come cacciatori professionisti o trapper; e relativamente pochi sono impiegati in queste occupazioni a tempo pieno. Il commercio di caccia e cattura iniziò probabilmente con il commercio di cibo e pelli per animali in eccedenza. Il commercio si è gradualmente evoluto in occupazioni specializzate ma correlate. Gli esempi includono l'abbronzatura; preparazione di pelli e pellicce; fabbricazione di abbigliamento; produzione di attrezzature per la caccia, la cattura e l'outdoor; guida professionale; e regolazione delle popolazioni di fauna selvatica.

Importanza economica

Negli ultimi secoli la ricerca commerciale di pellicce ha influenzato il corso della storia. Le popolazioni selvatiche, il destino delle popolazioni indigene e il carattere di molte nazioni sono stati plasmati dalla ricerca di pellicce selvatiche. (Ad esempio, vedi Hinnis 1973.) Un'importante caratteristica continua del commercio di pellicce è che la domanda di pellicce ei prezzi risultanti possono fluttuare ampiamente nel tempo. Il cambiamento nella moda europea dal feltro di castoro ai cappelli di seta nei primi decenni del XIX secolo pose fine all'era degli uomini di montagna nelle Montagne Rocciose del Nord America. L'impatto sulle persone dipendenti dal raccolto di pellicce può essere improvviso e grave. La protesta pubblica organizzata contro il clubbing dei cuccioli di foca della Groenlandia nell'Atlantico settentrionale occidentale negli anni '19 ha provocato un grave impatto economico e sociale sulle piccole comunità lungo la costa canadese di Terranova.

La cattura e la caccia continuano ad essere importanti in molte economie rurali. Le spese cumulative per queste attività possono essere notevoli. Nel 1991, circa 10.7 milioni di cacciatori di selvaggina grossa negli Stati Uniti hanno speso 5.1 miliardi di dollari in viaggi e attrezzature (Dipartimento degli interni degli Stati Uniti, Servizio per la pesca e la fauna selvatica e Dipartimento del commercio degli Stati Uniti, Bureau of the Census 1993).

Caratteristiche della forza lavoro

La caccia professionale è ora rara (ad eccezione delle attività di guida) nelle nazioni sviluppate, e generalmente limitata alle operazioni di abbattimento (ad esempio, per predatori o animali ungulati in eccesso) e al fastidioso controllo della popolazione (ad esempio, alligatori). Pertanto, la caccia è ora in gran parte per la sussistenza e / o la ricreazione, mentre la cattura rimane un'occupazione che produce reddito per alcuni residenti rurali. La maggior parte dei cacciatori e cacciatori sono uomini. Nel 1991, il 92% dei 14.1 milioni di persone (dai 16 anni in su) che cacciavano negli Stati Uniti erano maschi. La caccia e la cattura attirano persone indipendenti e vigorose che amano lavorare e vivere sulla terra. Entrambe sono attività tradizionali per molte famiglie rurali, dove i giovani vengono istruiti dai genitori o dagli anziani nella caccia così come nella preparazione del cibo, delle pelli e dei vestiti. Si tratta di un'attività stagionale utilizzata per integrare le scorte alimentari e, in caso di cattura, per ottenere denaro. Il successo costante dipende da una conoscenza approfondita delle abitudini e della competenza della fauna selvatica con una gamma di abilità all'aperto. Anche un trasporto efficiente verso buone zone di caccia e di cattura è un requisito importante.

Principali settori e processi

La caccia richiede di localizzare e avvicinarsi da vicino a un animale selvatico, e quindi di eliminarlo, secondo una combinazione di regole formali e informali (Ortega y Gasset 1985). Il trasporto verso la zona di caccia è spesso una spesa importante, in particolare per i cacciatori ricreativi che possono vivere nei centri urbani. Anche i trasporti sono una fonte primaria di rischio professionale. Gli incidenti automobilistici, aerei leggeri e navali, nonché gli incidenti con cavalli, veicoli fuoristrada e veicoli da neve sono tutte fonti di rischio. Altre fonti sono il tempo, l'esposizione e le difficoltà del terreno. Perdersi in un paese aspro è sempre un pericolo. Lesioni da selvaggina pericolosa ferita come orsi, elefanti e bufali sono sempre possibili per i cacciatori che cercano quelle specie. Nelle piccole capanne o tende, il fuoco, il monossido di carbonio e il gas propano presentano tutti potenziali pericoli. Sia i cacciatori che i trapper devono fare i conti con le ferite autoinflitte dai coltelli e, nel caso dei cacciatori con l'arco, dalle punte delle frecce a punta larga. Gli incidenti con armi da fuoco sono anche una ben nota fonte di lesioni e mortalità per i cacciatori, nonostante i continui sforzi per affrontare il problema.

I cacciatori sono generalmente esposti agli stessi pericoli dei cacciatori. I trapper nelle aree circumpolari hanno maggiori possibilità di problemi di congelamento e ipotermia. La possibilità di sfondare laghi e fiumi ricoperti di ghiaccio durante i mesi invernali è un problema serio. Alcuni trapper percorrono lunghe distanze da soli e devono utilizzare in sicurezza le loro trappole, spesso in condizioni difficili. Il maltrattamento provoca dita contuse o rotte, forse un braccio rotto. I morsi di animali vivi intrappolati sono sempre un potenziale problema. Gli attacchi di volpi rabbiose o problemi con animali di grossa taglia come orsi o alci durante la stagione riproduttiva sono insoliti ma non sconosciuti. La scuoiatura e la manipolazione della pelliccia espongono i cacciatori a ferite da coltello e, a volte, a malattie della fauna selvatica.

Tecniche di caccia

Armi da fuoco

Le armi da fuoco sono l'equipaggiamento di base per la maggior parte dei cacciatori. I fucili e i fucili moderni sono i più popolari, ma dagli anni '1970 in alcuni paesi sviluppati è aumentata anche la caccia con pistole e armi da fuoco ad avancarica più primitive. Tutti sono essenzialmente piattaforme di lancio e puntamento per un singolo proiettile (a proiettile) o, nel caso dei fucili, una nuvola di piccoli proiettili a corto raggio (denominati tiro). La portata effettiva dipende dal tipo di arma da fuoco utilizzata e dall'abilità del cacciatore. Può variare da poche a diverse centinaia di metri nella maggior parte delle condizioni di caccia. I proiettili dei fucili possono viaggiare per migliaia di metri e causare comunque danni o lesioni.

La maggior parte degli incidenti di caccia che coinvolgono armi da fuoco sono scariche accidentali o incidenti legati alla vista, in cui la vittima non è identificata dal tiratore. I moderni produttori di armi da fuoco utilizzate per la caccia e la cattura sono riusciti, con poche eccezioni, a produrre attrezzature meccanicamente sicure e affidabili a prezzi competitivi. Sono stati compiuti molti sforzi per perfezionare le sicurezze meccaniche per prevenire scariche accidentali, ma il funzionamento sicuro da parte dell'utente dell'arma da fuoco è ancora essenziale. Produttori, governi e gruppi privati ​​come i circoli di caccia hanno tutti lavorato per promuovere le armi da fuoco e la sicurezza dei cacciatori. La loro enfasi è stata posta sullo stoccaggio sicuro, l'uso e la manipolazione delle armi da fuoco.

L'International Hunter Education Association (IHEA) definisce un incidente di caccia come "qualsiasi evento che è attribuito direttamente o indirettamente a un'arma da fuoco o ad un arco e provoca lesioni o morte a una o più persone a seguito delle azioni di una persona durante la caccia" (IHEA 1995). Nel 1995, 17 milioni di persone hanno acquistato licenze di caccia negli Stati Uniti (esclusa l'Alaska). Per il 1995, l'IHEA ha ricevuto segnalazioni di 107 morti e 1,094 feriti per incidenti di caccia negli Stati Uniti. Il tipo più comune di incidente si è verificato quando la vittima non è stata identificata dal tiratore. È stato dimostrato che l'uso di indumenti arancione fiammata o cacciatore riduce gli incidenti legati alla visibilità negli stati che ne richiedono l'uso. L'IHEA raccomanda un uso più ampio di indumenti arancione fiammante. Quaranta stati ora richiedono l'uso di blaze orange, ma in alcuni di essi è limitato all'uso su terreni pubblici o solo per la caccia grossa. L'IHEA riferisce che le lesioni autoinflitte sono la seconda causa più comune di incidenti con armi da fuoco da caccia, rappresentando il 31% del numero totale nel 1995.

I governi incoraggiano la caccia e la sicurezza delle armi da fuoco in vari modi. In alcuni paesi europei, i cacciatori devono superare un esame scritto o dimostrare competenza nella caccia di una particolare specie. Gli Stati Uniti enfatizzano l'educazione dei cacciatori, che è amministrata da ogni stato. Tutti gli stati tranne l'Alaska richiedono una qualche forma di tessera educativa obbligatoria per cacciatori prima di consentire la caccia in quello stato. È richiesto un minimo di 10 ore di insegnamento. Le materie del corso includono la responsabilità del cacciatore, la conservazione della fauna selvatica, le armi da fuoco, l'etica della caccia, la caccia speciale, le abilità di sopravvivenza e il primo soccorso.

Altre tecniche di caccia

Negli ultimi decenni, il perfezionamento dell'arco composto ha reso la caccia con l'arco disponibile a milioni di cacciatori ricreativi. Gli archi composti utilizzano un sistema di carrucole e cavi per ridurre al minimo la forza e l'allenamento una volta necessari per cacciare con gli archi tradizionali. I cacciatori con l'arco usano frecce a punta larga affilate come rasoi; i tagli da teste larghe e la caduta su punte di freccia non protette sono due tipi di incidenti comuni a questa specialità di caccia. Una caccia con l'arco efficace richiede una vasta conoscenza della fauna selvatica e abilità di stalking. I cacciatori con l'arco normalmente devono trovarsi entro 30 metri dalla loro preda per poter sparare in modo efficace.

Tecniche di cattura

La maggior parte della produzione mondiale di pellicce selvatiche proviene da due aree: il Nord America e l'ex Unione Sovietica. I trapper normalmente operano a linea o serie di set, ciascuno con uno o più dispositivi destinati a trattenere o uccidere la specie bersaglio senza danneggiare la pelle. Le trappole e le trappole (comprese le trappole umane a scatola, a tagliola e che afferrano il corpo) sono le più comunemente usate. Le trappole possono variare da pochi set in un torrente dietro una residenza a centinaia disposti lungo diverse centinaia di miglia di sentiero. Il Manuale dei cacciatori di pelli dell'Alaska (ATA 1991) è una descrizione recente delle tecniche di cattura attualmente in uso in quella regione.

Tecniche di trattamento della pelle

I cacciatori normalmente scuoiano le loro catture e vendono le pelli essiccate a un acquirente di pellicce o direttamente a una casa d'aste. Le pelli verranno infine vendute a un produttore che veste o concia le pelli. Successivamente vengono preparati in indumenti. I prezzi delle pellicce variano considerevolmente. Il prezzo pagato per una pelle dipende dalla taglia, dal colore desiderato, dallo stato del pelo, dall'assenza di difetti e dalle condizioni di mercato. I trapper esperti devono catturare i furbearer e preparare le pelli per la vendita in un modo che renda l'intero processo sufficientemente redditizio per continuare a operare. Per una discussione approfondita sull'industria della pelliccia selvatica, vedere Novak et al. (1987).

Problemi ambientali e di salute pubblica

I progressi tecnologici dalla seconda guerra mondiale hanno migliorato la sorte di cacciatori e cacciatori in molti modi. Questi miglioramenti hanno alleviato, almeno nei paesi sviluppati, l'isolamento, il lavoro fisico estenuante e la malnutrizione occasionale che una volta dovevano essere sopportati. I migliori metodi di navigazione e di ricerca e salvataggio hanno migliorato i livelli di sicurezza di queste occupazioni in generale. I cacciatori di trichechi e balene nativi dell'Alaska, ad esempio, ora tornano quasi sempre a casa sani e salvi dalla caccia.

Nel 20° secolo, due grandi questioni hanno messo seriamente in discussione queste occupazioni. Sono la continua necessità di mantenere sani gli ecosistemi della fauna selvatica e le questioni etiche derivanti dal modo in cui cacciatori e cacciatori interagiscono con gli animali selvatici. La ricerca e le normative sponsorizzate dal governo sono di solito l'approccio in prima linea per affrontare l'annoso problema dello sfruttamento umano della fauna selvatica. La disciplina scientifica della gestione della fauna selvatica è emersa a metà del secolo e ha continuato ad evolversi nel concetto più ampio di biologia della conservazione. Quest'ultimo cerca di mantenere la salute dell'ecosistema e la diversità genetica.

All'inizio del XX secolo, la distruzione dell'habitat e lo sfruttamento commerciale negli Stati Uniti avevano contribuito all'esaurimento delle risorse ittiche e di selvaggina. Cacciatori, cacciatori e altri sostenitori dell'outdoor hanno ottenuto l'approvazione della legislazione che ha creato il Federal Aid in Wildlife Restoration Act degli Stati Uniti del 20. Questo atto impone un'accisa del 1937-10% sulla vendita di fucili, pistole, fucili, munizioni e attrezzature per il tiro con l'arco. Il denaro viene quindi utilizzato per aumentare le entrate ottenute dalla vendita di licenze statali di caccia/cattura, etichette e francobolli.

Dalla fine degli anni '1930, gli aiuti federali degli Stati Uniti hanno destinato milioni di dollari alla ricerca sulla fauna selvatica, alla conservazione, alla gestione e all'educazione dei cacciatori. Un risultato di questi sforzi è che le popolazioni selvatiche nordamericane utilizzate attivamente da cacciatori e cacciatori ora sono generalmente sane e in grado di sostenere usi di consumo. L'esperienza degli aiuti federali suggerisce che quando la fauna selvatica ha un collegio elettorale disposto a pagare i costi di ricerca e gestione, il futuro per quelle specie è relativamente brillante. Sfortunatamente ci sono molti ecosistemi e specie selvatiche in tutto il mondo dove non è così. Mentre stiamo per entrare in un nuovo secolo, l'alterazione dell'habitat e l'estinzione delle specie sono problemi di conservazione molto reali.

L'altra sfida continua è la controversia sui diritti degli animali. La caccia e la cattura, in particolare per scopi ricreativi o non di sussistenza, sono un'attività socialmente accettabile in un mondo del 21° secolo di popolazione umana in crescita e risorse in diminuzione? Questo dibattito sociale si è intensificato negli ultimi decenni. Un aspetto positivo del dialogo è che coloro che partecipano a queste attività hanno dovuto svolgere un lavoro migliore nell'articolare le proprie posizioni e nel mantenere standard elevati nelle prestazioni di caccia e cattura. Le attività che offendevano la sensibilità del pubblico in generale, come l'abbattimento di cuccioli di foca arpa al largo della costa di Terranova, sono state talvolta eliminate, in questo caso con un enorme costo sociale ed economico per i Terranova che avevano partecipato per molte generazioni a quelle attività. Un recente divieto minacciato dalle comunità europee sull'importazione di pellicce prelevate da tagliole d'acciaio ha intensificato la ricerca di metodi pratici e più umani per uccidere alcuni animali da pelliccia. Questo stesso divieto proposto minaccia uno stile di vita di sussistenza rurale del Nord America che esiste da molto tempo. (Per maggiori dettagli vedi Herscovici 1985.)

 

Di ritorno

Pericoli

I pericoli associati alla caccia e alla cattura sono numerosi: cadute, annegamenti, congelamento, ferite da trappole per animali, morsi di animali, reazioni a punture e punture di insetti, ferite da taglio del legno, abbagliamento del sole e molti altri. Tuttavia, di solito sono i meno esperti a subire tali disavventure. I fattori più importanti che contribuiscono alla gravità di questi rischi professionali sono l'isolamento e la distanza. Cacciatori e cacciatori spesso lavorano da soli in aree aspre lontane da qualsiasi centro di cure mediche e le loro posizioni esatte possono spesso essere sconosciute a chiunque per settimane alla volta. Una ferita, un morso di animale o un altro incidente che sarebbe altrimenti di lieve entità può avere gravi conseguenze in tali circostanze.

incidenti

Poiché i cacciatori professionisti lavorano principalmente nella stagione invernale nei climi nordici, il riverbero del sole dalla neve può provocare lesioni agli occhi e le basse temperature possono produrre congelamento e un pericoloso abbassamento della temperatura corporea, noto come ipotermia; i sintomi dell'ipotermia includono euforia e letargia, con conseguenze fatali se non riconosciute in tempo. L'attraversamento di laghi e fiumi ghiacciati richiede estrema cautela perché la rottura di un sottile strato di ghiaccio può provocare annegamento o ipotermia in pochi minuti. L'esposizione prolungata a temperature anche moderatamente fredde senza indumenti adeguati può portare all'ipotermia. Altri incidenti includono ferite da arma da fuoco, contrattempi in motoslitta, ferite da scuoiamento e spaccatura di legna, lo scatto accidentale di trappole e morsi o ferite da animali intrappolati, serpenti o altri incontri con animali. Oltre al rischio di infezione delle ferite, esiste anche la possibilità di contrarre determinate malattie dagli animali.

Malattie

Cacciatori e trapper sono potenzialmente esposti a una grande varietà di agenti infettivi che possono causare malattie. Tra questi ci sono zoonotici malattie, trasmesse dagli animali alle persone. Le malattie zoonotiche sono causate da numerosi tipi di batteri, virus, parassiti e funghi. Il rischio di contrarre malattie zoonotiche varia a seconda del luogo, della stagione e delle condizioni di vita. Una persona può essere infettata direttamente (p. es., da un morso di animale o dal contatto con il sangue mentre scuoia un animale) o indirettamente (p. es., da una puntura di insetto che trasmette la malattia da un altro animale a un essere umano).

Rabbia è una delle malattie più gravi che possono essere contratte dagli animali selvatici, di solito da una ferita da morso, perché è essenzialmente fatale al 100% senza cure mediche. La rabbia è endemica in molte aree e può infettare la maggior parte degli animali a sangue caldo, tra cui volpi, cani, gatti, pipistrelli, procioni, puzzole, lupi, orsi e castori, nonché animali più grandi come caribù, alci, bovini e cavalli. Il virus della rabbia colpisce il cervello; pertanto, qualsiasi animale selvatico che sembri perdere la paura dell'uomo o mostrare qualsiasi altro comportamento insolito dovrebbe essere considerato pericoloso. Poiché il virus della rabbia, così come una serie di altri virus e batteri, viene trasmesso nella saliva, tutti i morsi di animali devono essere lavati accuratamente con acqua e sapone. Qualsiasi cacciatore o cacciatore che viene morso da un animale sospettato di essere rabbioso dovrebbe cercare immediatamente assistenza medica e dovrebbe cercare di ottenere la testa dell'animale per il test.

Tularemia, conosciuto anche come febbre della mosca dei cervi più febbre da coniglio, è una malattia batterica che può essere trasmessa indirettamente (da zecche, moscerini e altri moscerini pungenti) o direttamente (da morsi di animali infetti o maneggiando carcasse, pellicce e pelli di animali infetti). Può anche infettare le riserve d'acqua e contaminare la carne. I suoi sintomi, simili a quelli della febbre ondulante e della peste, includono febbre, brividi, affaticamento e linfonodi ingrossati. Nelle aree in cui si sospetta la malattia, l'approvvigionamento idrico deve essere disinfettato. La selvaggina deve essere ben cotta prima di essere mangiata. Braccia e mani devono essere mantenute pulite e disinfettate. Indossare guanti di gomma in caso di tagli o abrasioni. L'area in cui vengono maneggiate carcasse, pelli e pellicce deve essere mantenuta pulita e disinfettata.

Antrace è un'altra malattia batterica che può infettare cacciatori e cacciatori, poiché è endemica sia negli animali selvatici che in quelli domestici nella maggior parte del mondo. Un'infezione cutanea da contatto con pelli e pellami contaminati è la forma più frequente di antrace; tuttavia, le persone vengono infettate anche mangiando carne contaminata. La malattia causata dall'inalazione è meno comune. Il trattamento dovrebbe essere ricercato immediatamente.

Tubercolosi è un problema sempre più significativo in molte aree. Molte specie di animali possono essere una fonte di infezione da tubercolosi per i cacciatori. Sebbene la maggior parte dei casi di tubercolosi umana sia dovuta all'esposizione a tosse e starnuti da esseri umani infetti, molte specie di animali, inclusi uccelli e animali a sangue freddo, possono essere infettati dal bacillo. La tubercolosi si trasmette anche consumando latticini non pastorizzati. È anche possibile contrarre l'infezione inalando goccioline respiratorie trasportate dall'aria o mangiando la carne di animali infetti. Le persone che sono immunosoppresse (p. es., a causa di farmaci o infezione da virus dell'immunodeficienza umana) sono particolarmente a rischio per gli agenti più comuni della tubercolosi, così come quelli che si trovano nel suolo e nell'acqua.

I cacciatori e i trapper possono anche soffrire di diverse malattie fungine trasmesse dagli animali e dai funghi del suolo. Verrucosum di trichophyton più T. mentagrofite sono i principali agenti della tigna che colpiscono l'uomo. Inoltre, i cani fungono da serbatoio per Microsporum canis, la principale causa di tigna animale nell'uomo. Cacciatori e cacciatori possono essere esposti a funghi che risiedono nel suolo e nella vegetazione in decomposizione, in particolare terreni contaminati da escrementi di uccelli o pipistrelli; questi funghi, che non sono malattie zoonotiche, abitano habitat specifici. Coccidioides immitis è comune solo nelle zone aride e semi-aride, mentre Blastomyces dermatitidis predilige terreni umidi lungo corsi d'acqua e zone indisturbate. Cryptococcus neoformans più Capsulatum Histoplasma sono più comuni e vivono in terreni arricchiti da escrementi di uccelli e pipistrelli. Se inalati, questi funghi possono causare sintomi simili alla polmonite e gravi malattie sistemiche sia nelle persone che negli animali.

Tetano è un'altra grave malattia che infetta sia l'uomo che gli animali. I batteri del tetano sono anche molto comuni nel suolo e in altre parti dell'ambiente e sono normali abitanti del tratto digestivo di molti animali. Le ferite, in particolare le ferite da puntura profonde, che sono contaminate da sporcizia, hanno maggiori probabilità di essere infettate. La prevenzione include un'adeguata cura delle ferite e la vaccinazione di routine.

Le zecche del legno, le zanzare, le pulci e altri insetti pungenti spesso trasmettono infezioni dagli animali all'uomo. Piaga bubbonica è un esempio di malattia batterica trasmessa dai morsi delle pulci. Una pulce si infetta quando prende un pasto di sangue da un animale infetto, di solito un roditore, un coniglio o una lepre, ma anche vari carnivori. La pulce trasmette quindi l'infezione all'animale successivo di cui si nutre, compreso l'uomo. Le persone possono anche essere infettate maneggiando tessuti di animali infetti o inalando goccioline trasportate dall'aria da esseri umani o animali, di solito gatti, con forma polmonare di peste. I sintomi iniziali della peste bubbonica non sono specifici e comprendono febbre, brividi, nausea e prostrazione. Successivamente, i linfonodi possono gonfiarsi e infiammarsi (il bubboni da cui prende il nome la malattia).

Una malattia più comune trasmessa dal morso di un insetto è La malattia di Lyme. La malattia di Lyme è una delle tante trasmesse dalle zecche. Il primo sintomo è spesso un'eruzione cutanea a occhio di bue, un cerchio rosso con un centro pallido nella sede del morso. L'eruzione scompare; tuttavia, senza trattamento, la malattia può progredire in artrite e complicanze più gravi.

Hantavirus infettano i roditori in tutto il mondo e le infezioni umane sono state descritte per decenni, che colpiscono più tipicamente i reni. Nel 1993, la sindrome polmonare da hantavirus è stata recentemente riconosciuta negli Stati Uniti. Questo virus ha causato un'insufficienza respiratoria rapidamente fatale. È probabile che la trasmissione di questi virus avvenga tramite aerosol di urina e feci di roditori. Si pensa che le persone infette siano state esposte a topi che hanno contaminato capanne e case.

Inoltre, cacciatori e cacciatori possono essere esposti a un'ampia varietà di altre infezioni virali, batteriche, fungine e parassitarie che a volte si riscontrano negli animali selvatici (tabella 1). Per i dettagli è possibile consultare opere di riferimento standard.

Tabella 1. Esempi di malattie potenzialmente significative per cacciatori e cacciatori

Agente

Malattia

Serbatoio

Modo di trasmissione

Avvenimento

Malattie batteriche

Bacillus anthracis

Antrace

Animali, pelli, capelli, ossa, terra

Contatto diretto e indiretto,
punture di insetti, inalazione,
ingestione

Americhe, Europa, Asia, Africa

Borellia spp.

Malattia di Lyme, febbre ricorrente

Roditori, piccoli mammiferi, cervi, zecche

Morsi di zecche e pidocchi

In tutto il mondo tranne l'Australia

Brucelle spp.

Brucellosi, febbre ondulante

Animali

Contatto, ingestione, inalazione

www.era.com

Campylobacter spp.

enterite

Animali

L'ingestione

www.era.com

Coxiella burnetii

Febbre Q.

Animali

Inalazione, contatto

www.era.com

Clostridium tetani

Tetano

Suolo

Contatti

www.era.com

Ehrlichia spp.

ehrlichiosi

Sconosciuto

Morso di zecca

Nord America, Africa, Asia

Francisella tularensis

tularemia

Animali

Punture di insetti, contatto, ingestione,
inalazione

In tutto il mondo tranne l'Australia

Leptospira spp.

Leptospirosi

Animali

Contatto, ingestione, inalazione

www.era.com

Listeria monocytogenes

Listeriosi

Suolo, animali, umani

L'ingestione

USA

Micobatterio spp.

Tubercolosi

Umani, mammiferi, uccelli,
animali a sangue freddo,
ambiente

Inalazione, ingestione, ferita
contaminazione

www.era.com

Rickettsie spp.

Rickettsiosi da zecche
(gruppo febbre maculosa)

Zecche, roditori

Morsi di zecche e acari

www.era.com

Salmonella spp.

salmonellosi

Mammiferi, uccelli, sangue freddo
animali

L'ingestione

www.era.com

Vibrio colera

Colera

Gli esseri umani

L'ingestione

www.era.com

Yersinia pestis

Peste, peste bubbonica

Roditori, lepri, conigli, umani,
carnivoro

Morsi di pulci, inalazione, contatto

www.era.com

Malattie virali

Arbovirus
(oltre 100 tipi)

Febbri, rash, febbri emorragiche,
encefalite (include dengue, febbre gialla, encefalite virale, febbre della Rift Valley, febbre da zecche)

Umani, animali, insetti

Punture di insetti: zanzare, zecche, moscerini, flebotomi, altri

www.era.com

Virus Ebola/Marburg

febbri emorragiche

Sconosciuto, scimmie

Sconosciuto, contatto fluido corporeo

Africa, esposizione alle scimmie

Hantavirus

Febbre emorragica, sindromi renali e polmonari

Roditore

Inalazione

Asia, ex Unione Sovietica,
Americas

Virus Lassa

febbre di Lassa

Roditore

Inalazione, contatto con fluidi corporei

Africa occidentale

Virus di rabbia

Rabbia

mammiferi

Virus nella saliva, di solito un morso
ferita o graffio, occasionalmente
inalazioni, trapianti di organi

In tutto il mondo tranne qualche isola
paesi

Malattie fungine

Blastomyces dermatitidis

Blastomicosi

Suolo

Inalazione

Africa, India, Israele, Nord
America, Arabia Saudita,
Sud Africa

Coccidioides immitis

Coccidioidomicosi, febbre della valle, febbre del deserto

Suolo

Inalazione

Argentina, Paraguay, Colombia,
Venezuela, Messico, Centrale
America, Stati Uniti

Cryptococcus neoformans

Criptococcosi

Terreno, escrementi di uccelli e pipistrelli

Inalazione

www.era.com

Capsulatum Histoplasma

Istoplasmosi

Terreno, escrementi di uccelli e pipistrelli

Inalazione

Americhe, Africa, Asia orientale,
Australia

Microsporum spp.,
Trichophyton spp.

Tigna

Umani, animali, suolo

Contatto diretto o indiretto

www.era.com

Malattie parassitarie

Babesia spp.

Babesiosi

Roditori, bovini

Punture di zecche

Europa, Messico, Russia,
Jugoslavia, USA

Baylisascaris spp.

Larva migrante di Baylisascaris

Procioni, tassi, puzzole,
pescatori, martore, orsi

L'ingestione

Nord America

Cryptosporidium parvum

Criptosporidiosi

Umani, bovini, animali domestici

L'ingestione

www.era.com

DiphyUobothrium grande;

Infezione da tenia

Umani, cani, orsi, mangiatori di pesce
mammiferi

L'ingestione

Regioni lacustri

Echinococco spp.

echinococcosi

Animali

L'ingestione

www.era.com

Giardia spp.

Giardiasi

Umani, animali

L'ingestione

www.era.com

Leishmania spp.

leishmaniosi

Umani, animali

Morso di flebotomo

Aree tropicali e subtropicali

Trichinella spiralis

Trichinellosi

Animali

L'ingestione

www.era.com

Tripanosoma spp.

tripanosomiasi

Umani, animali

Morsi di insetto

Africa, Americhe

 

La maggior parte delle malattie zoonotiche e di altri agenti infettivi può essere evitata usando il buon senso e alcune precauzioni generali. L'acqua dovrebbe essere bollita o trattata chimicamente. Tutti gli alimenti devono essere adeguatamente cotti, specialmente quelli di origine animale. Le carni di tutti gli animali selvatici devono essere cotte a 71°C (160°F). Gli alimenti consumati crudi devono essere accuratamente lavati. I morsi e le punture di insetti dovrebbero essere evitati infilando i pantaloni negli stivali; indossare camicie a maniche lunghe; utilizzando repellenti e zanzariere, se necessario. Le zecche dovrebbero essere rimosse il prima possibile. Evitare il contatto diretto con tessuti animali e fluidi corporei. Si consiglia di indossare i guanti, in particolare se le mani sono screpolate o abrase. Le mani devono essere lavate con acqua e sapone dopo aver maneggiato l'animale e sempre prima di mangiare. I morsi e le ferite devono essere lavati con acqua e sapone il prima possibile, con un trattamento medico di follow-up, soprattutto se si sospetta l'esposizione a un animale infetto da rabbia. I cacciatori e i trapper dovrebbero essere vaccinati contro le malattie comuni nella loro posizione. Avere a portata di mano forniture di primo soccorso di emergenza e una conoscenza di base delle procedure di primo soccorso può fare la differenza tra un incidente grave e uno minore.


Di ritorno

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti