Banner 10

 

70. Allevamento di bestiame

Editor del capitolo: Melvin L.Myers


Sommario

Tabelle e figure

Allevamento di bestiame: la sua estensione e gli effetti sulla salute
Melvin L.Myers

Problemi di salute e modelli di malattia
Kendall Thu, Craig Zwerling e Kelley Donham

     Caso di studio: problemi di salute sul lavoro correlati agli artopodi
     Donald Barnardo

Colture foraggere
Lorann Stallones

Confinamento del bestiame
Kelly Donham

Zootecnia
Dean T. Stueland e Paul D. Gunderson

     Caso di studio: comportamento animale
     David L. Duro

Gestione del letame e dei rifiuti
Guglielmo Popendorf

     Una lista di controllo per le pratiche di sicurezza dell'allevamento del bestiame
     Melvin L.Myers

Prodotti lattiero-caseari
Giovanni maggio

Bovini, ovini e caprini
Melvin L.Myers

Pigs
Melvin L.Myers

Pollame e produzione di uova
Steven W. Lenhart

     Caso di studio: cattura, trasporto e lavorazione di pollame vivo
     Tony Ashdown

Cavalli e altri equini
Lynn Barroby

     Caso di studio: elefanti
     Melvin L.Myers

Animali da tiro in Asia
DD Gioshi

Alzare il Toro
David L. Duro

Produzione di animali da compagnia, da pelliccia e da laboratorio
Christian E. Nuovo arrivato

Piscicoltura e acquacoltura
George A. Conway e Ray RaLonde

Apicoltura, allevamento di insetti e produzione di seta
Melvin L. Myers e Donald Barnard

tavoli

Fare clic su un collegamento sottostante per visualizzare la tabella nel contesto dell'articolo.

1. Usi zootecnici
2. Produzione zootecnica internazionale (1,000 tonnellate)
3. Produzione annuale di feci di bestiame e urina negli Stati Uniti
4. Tipi di problemi di salute umana associati al bestiame
5. Zoonosi primarie per regione del mondo
6. Occupazioni diverse e salute e sicurezza
7. Potenziali rischi di artropodi sul posto di lavoro
8. Reazioni normali e allergiche alla puntura di insetto
9. Composti identificati nel confinamento dei suini
10 Livelli ambientali di vari gas nel confinamento dei suini
11 Malattie respiratorie associate alla produzione suina
12 Malattie zoonotiche degli allevatori di bestiame
13 Proprietà fisiche del letame
14 Alcuni importanti benchmark tossicologici per l'idrogeno solforato
15 Alcune procedure di sicurezza relative agli spandiletame
16 Tipi di ruminanti addomesticati come bestiame
17 Processi di allevamento del bestiame e potenziali pericoli
18 Malattie respiratorie da esposizioni in allevamenti
19 Zoonosi associate ai cavalli
20 Potenza di tiraggio normale di vari animali

Cifre

Punta su una miniatura per vedere la didascalia della figura, fai clic per vedere la figura nel contesto dell'articolo.

LIV010F2LIV010T3LIV140F1LIV110F1LIV140F1LIV070F2LIV090F1LIV090F2LIV090F3LIV090F4LIV090F6


Fare clic per tornare all'inizio della pagina

Panoramica

Gli esseri umani dipendono dagli animali per il cibo e i relativi sottoprodotti, il lavoro e una varietà di altri usi (vedi tabella 1). Per soddisfare queste esigenze, hanno addomesticato o tenuto in cattività specie di mammiferi, uccelli, rettili, pesci e artropodi. Questi animali sono diventati noti come bestiame, e allevarli ha implicazioni per la sicurezza e la salute sul lavoro. Questo profilo generale del settore include la sua evoluzione e struttura, l'importanza economica dei diversi prodotti del bestiame e le caratteristiche regionali del settore e della forza lavoro. Gli articoli di questo capitolo sono organizzati per processi occupazionali, settori zootecnici e conseguenze dell'allevamento.

Tabella 1. Usi zootecnici

Merce

Cibo

Sottoprodotti e altri usi

Prodotti lattiero-caseari

Latte fluido e in polvere, burro, formaggio e cagliata, caseina, latte evaporato, panna, yogurt e altro latte fermentato, gelato, siero di latte

Vitelli maschi e vacche anziane vendute al mercato dei prodotti bovini; latte come materia prima industriale di carboidrati (lattosio come diluente per farmaci), proteine ​​(usate come tensioattivo per stabilizzare le emulsioni alimentari) e grassi (i lipidi hanno potenziali usi come emulsionanti, tensioattivi e gel), frattaglie

Bovini, bufali, ovini

Carne (manzo, montone), sego commestibile

Cuoi e pelli (cuoio, collagene per involucri di salsicce, cosmetici, medicazione di ferite, riparazione di tessuti umani), frattaglie, lavoro (trazione), lana, capelli, sterco (come combustibile e fertilizzante), farina di ossa, oggetti religiosi, cibo per animali domestici, sego e grasso (acidi grassi, vernici, articoli in gomma, saponi, olio per lampade, plastica, lubrificanti) grasso, farina di sangue

Pollame

Carne, uova, uova di anatra (in India)

Piume e piumino, letame (come fertilizzante), cuoio, grasso, frattaglie, olio di uccelli incapaci di volare (vettore per prodotti farmaceutici del percorso cutaneo), controllo delle infestanti (oche nei campi di menta)

Maiale

La carne

Pelli, pelo, strutto, letame, frattaglie

Pesce (acquacoltura)

La carne

Farina di pesce, olio, conchiglia, animali da acquario

Cavallo, altri equini

Carne, sangue, latte

Ricreazione (equitazione, corsa), lavoro (equitazione, trazione), colla, mangime per cani, capelli

Micro-allevamento (coniglio, cavia), cane, gatto

La carne

Animali da compagnia, pellicce e pelli, cani da guardia, cani per non vedenti, cani da caccia, sperimentazione, pastorizia (dal cane), derattizzazione (dal gatto)

Bulls

 

Ricreazione (corrida, rodeo), sperma

Insetti e altri invertebrati (es.
vermicoltura, apicoltura)

Miele, 500 specie (larve, cavallette, formiche, grilli, termiti, locuste, larve di coleottero, vespe e api, bruchi di falena) sono una dieta regolare in molte società non occidentali

Cera d'api, seta, insetti predatori (sono possibili più di 5,000 specie e 400 sono conosciute come controlli per i parassiti delle colture; la zanzara carnivora "tox"
(Toxorhynchites spp.) le larve si nutrono del vettore della febbre dengue, vermicompositing, foraggio animale, impollinazione, medicina (veleno di api
per curare l'artrite), cocciniglie (gommalacca, colorante alimentare rosso, cocciniglia)

Fonti: DeFoliart 1992; Gillespie 1997; FAO 1995; O'Toole 1995; Tannahil 1973; USDA 1996a, 1996b.

Evoluzione e struttura del settore

Il bestiame si è evoluto negli ultimi 12,000 anni attraverso la selezione da parte delle comunità umane e l'adattamento a nuovi ambienti. Gli storici ritengono che la capra e la pecora siano state le prime specie di animali addomesticati per uso umano. Poi, circa 9,000 anni fa, gli umani addomesticarono il maiale. La mucca è stata l'ultimo grande animale alimentare addomesticato dall'uomo, circa 8,000 anni fa in Turchia o in Macedonia. Probabilmente fu solo dopo l'addomesticamento del bestiame che il latte fu scoperto come alimento utile. Veniva utilizzato anche latte di capra, pecora, renna e cammello. La gente della valle dell'Indo ha addomesticato il pollo della giungla indiano principalmente per la sua produzione di uova, che è diventato il pollo del mondo, con la sua fonte di uova e carne. Il popolo del Messico aveva addomesticato il tacchino (Tannahill 1973).

Gli esseri umani hanno utilizzato diverse altre specie di mammiferi e uccelli per il cibo, oltre a specie di anfibi e pesci e vari artropodi. Gli insetti hanno sempre fornito un'importante fonte di proteine ​​e oggi fanno parte della dieta umana principalmente nelle culture non occidentali del mondo (DeFoliart 1992). Il miele dell'ape mellifera era un alimento precoce; fumare le api dal loro nido per raccogliere il miele era noto in Egitto già 5,000 anni fa. Anche la pesca è un'antica occupazione utilizzata per produrre cibo, ma poiché i pescatori stanno esaurendo la pesca selvatica, l'acquacoltura è stata la fonte di produzione ittica in più rapida crescita dall'inizio degli anni '1980, contribuendo per circa il 14% alla produzione totale attuale di pesce (Platt 1995).

Gli esseri umani hanno anche addomesticato molti mammiferi da utilizzare per la pesca, tra cui il cavallo, l'asino, l'elefante, il cane, il bufalo, il cammello e la renna. Il primo animale utilizzato per la pesca, forse con l'eccezione del cane, fu probabilmente la capra, che attraverso la brucatura poteva defogliare gli arbusti per la coltivazione della terra. Gli storici ritengono che gli asiatici abbiano addomesticato il lupo asiatico, che sarebbe diventato il cane, 13,000 anni fa. Il cane si è rivelato utile al cacciatore per la sua velocità, l'udito e l'olfatto, e il cane da pastore ha aiutato nella prima domesticazione delle pecore (Tannahill 1973). Il popolo delle terre steppiche dell'Eurasia addomesticò il cavallo circa 4,000 anni fa. Il suo utilizzo per il lavoro (trazione) fu stimolato dall'invenzione del ferro di cavallo, dell'imbracatura del collare e dell'alimentazione dell'avena. Sebbene la trazione sia ancora importante in gran parte del mondo, gli agricoltori sostituiscono gli animali da tiro con le macchine man mano che l'agricoltura e il trasporto diventano più meccanizzati. Alcuni mammiferi, come il gatto, sono usati per controllare i roditori (Caras 1996).

La struttura dell'attuale industria del bestiame può essere definita dalle merci, i prodotti animali che entrano nel mercato. La tabella 2 mostra alcuni di questi prodotti e la produzione o il consumo mondiale di questi prodotti.

Tabella 2. Produzione zootecnica internazionale (1,000 tonnellate)

Merce

1991

1992

1993

1994

1995

1996

Carcasse di manzo e vitello

46,344

45,396

44,361

45,572

46,772

47,404

Carcasse di maiale

63,114

64,738

66,567

70,115

74,704

76,836

Carcasse di agnello, montone, capra

6,385

6,245

6,238

6,281

6,490

6,956

Pelli e pelli bovine

4,076

3,983

3,892

3,751

3,778

3,811

Sego e grasso

6,538

6,677

7,511

7,572

7,723

7,995

Carne di pollame

35,639

37,527

39,710

43,207

44,450

47,149

Latte di mucca

385,197

379,379

379,732

382,051

382,747

385,110

Gamberetti

815

884

N/A

N/A

N/A

N/A

molluschi

3,075

3,500

N/A

N/A

N/A

N/A

Salmonidi

615

628

N/A

N/A

N/A

N/A

Pesce d'acqua dolce

7,271

7,981

N/A

N/A

N/A

N/A

Consumo di uova (milioni di pezzi)

529,080

541,369

567,469

617,591

616,998

622,655

Fonti: FAO 1995; USDA 1996a, 1996b.

Importanza economica

La crescente popolazione mondiale e l'aumento del consumo pro capite hanno entrambi aumentato la domanda globale di carne e pesce, i cui risultati sono mostrati nella figura 1. La produzione globale di carne è quasi triplicata tra il 1960 e il 1994. In questo periodo, il consumo pro capite è aumentato dal 21 al 33 chilogrammi all'anno. A causa dei limiti dei pascoli disponibili, la produzione di carne bovina si è stabilizzata nel 1990. Di conseguenza, gli animali che sono più efficienti nel convertire i cereali da foraggio in carne, come maiali e polli, hanno ottenuto un vantaggio competitivo. Sia la carne di maiale che quella di pollame sono aumentate in netto contrasto con la produzione di carne bovina. La carne di maiale ha superato la carne di manzo nella produzione mondiale alla fine degli anni '1970. Il pollame potrebbe presto superare la produzione di carne bovina. La produzione di montone rimane bassa e stagnante (USDA 1996a). Le mucche da latte in tutto il mondo stanno lentamente diminuendo, mentre la produzione di latte è aumentata a causa dell'aumento della produzione per vacca (USDA 1996b).

Figura 1. Produzione mondiale di carne e pesce

LIV010F2

La produzione dell'acquacoltura è aumentata a un tasso annuo del 9.1% dal 1984 al 1992. La produzione di animali d'acquacoltura è aumentata da 14 milioni di tonnellate in tutto il mondo nel 1991 a 16 milioni di tonnellate nel 1992, con l'Asia che fornisce l'84% della produzione mondiale (Platt 1995). Gli insetti sono ricchi di vitamine, minerali ed energia e forniscono tra il 5% e il 10% delle proteine ​​animali per molte persone. Diventano anche una fonte vitale di proteine ​​durante i periodi di carestia (DeFoliart 1992).

Caratteristiche regionali dell'industria e della forza lavoro

Separare la forza lavoro impegnata nell'allevamento del bestiame dalle altre attività agricole è difficile. Le attività pastorali, come quelle in gran parte dell'Africa, e le pesanti operazioni basate sulle materie prime, come quelle negli Stati Uniti, hanno differenziato maggiormente tra bestiame e allevamento. Tuttavia, molte imprese agro-pastorali e agronomiche integrano i due. In gran parte del mondo, gli animali da tiro sono ancora ampiamente utilizzati nella produzione agricola. Inoltre, il bestiame e il pollame dipendono dai mangimi e dal foraggio generati dalle operazioni di coltivazione e queste operazioni sono comunemente integrate. La principale specie di acquacoltura al mondo è la carpa erbivora. Anche la produzione di insetti è legata direttamente alla produzione agricola. Il baco da seta si nutre esclusivamente di foglie di gelso; le api mellifere dipendono dal nettare dei fiori; le piante dipendono da loro per il lavoro di impollinazione; e gli esseri umani raccolgono larve commestibili da varie colture. La popolazione mondiale del 1994 ammontava a 5,623,500,000 e 2,735,021,000 persone (il 49% della popolazione) erano impegnate nell'agricoltura (vedi figura 2). Il maggior contributo a questa forza lavoro è in Asia, dove l'85% della popolazione agricola alleva animali da tiro. Seguono le caratteristiche regionali legate all'allevamento del bestiame.

Figura 2. Popolazione umana impegnata in agricoltura per regione del mondo, 1994.

LIV010T3

Africa sub-sahariana

La zootecnia è praticata nell'Africa subsahariana da oltre 5,000 anni. L'allevamento nomade del bestiame primitivo ha evoluto specie che tollerano la cattiva alimentazione, le malattie infettive e le lunghe migrazioni. Circa il 65% di questa regione, in gran parte intorno alle aree desertiche, è adatto solo per la produzione di bestiame. Nel 1994, il 65% dei circa 539 milioni di persone nell'Africa subsahariana dipendeva dal reddito agricolo, in calo rispetto al 76% nel 1975. Sebbene la sua importanza sia cresciuta dalla metà degli anni '1980, l'acquacoltura ha contribuito poco all'approvvigionamento alimentare di questa regione . L'acquacoltura in questa regione si basa sull'allevamento in stagno di tilapie e le imprese di esportazione hanno tentato di allevare gamberetti marini. Si prevede che un settore dell'acquacoltura di esportazione in questa regione cresca perché è previsto un aumento della domanda asiatica di pesce, che sarà alimentata dagli investimenti e dalla tecnologia asiatici attratti nella regione da un clima favorevole e dalla manodopera africana.

Asia e il Pacifico

In Asia e nella regione del Pacifico, quasi il 76% della popolazione agricola mondiale vive sul 30% della terra arabile mondiale. Circa l'85% degli agricoltori utilizza bovini (vitelli) e bufali per coltivare e trebbiare i raccolti.

Le operazioni di allevamento del bestiame sono principalmente unità su piccola scala in questa regione, ma grandi aziende agricole stanno stabilendo attività vicino ai centri urbani. Nelle zone rurali, milioni di persone dipendono dal bestiame per la carne, il latte, le uova, le pelli, l'energia elettrica e la lana. La Cina supera il resto del mondo con 400 milioni di maiali; il resto del mondo ha un totale di 340 milioni di maiali. L'India rappresenta oltre un quarto del numero di bovini e bufali in tutto il mondo, ma a causa delle politiche religiose che limitano la macellazione del bestiame, l'India contribuisce con meno dell'1% all'approvvigionamento mondiale di carne bovina. La produzione di latte fa parte dell'agricoltura tradizionale in molti paesi di questa regione. Il pesce è un ingrediente frequente nella dieta della maggior parte delle persone in questa regione. L'Asia contribuisce per l'84% alla produzione mondiale di acquacoltura. Con 6,856,000 tonnellate, la Cina da sola produce quasi la metà della produzione mondiale. Si prevede che la domanda di pesce aumenterà rapidamente e l'acquacoltura dovrebbe soddisfare questa domanda.

Europa

In questa regione di 802 milioni di persone, il 10.8% era impegnato nell'agricoltura nel 1994, che è diminuito in modo significativo dal 16.8% nel 1975. L'aumento dell'urbanizzazione e della meccanizzazione ha portato a questa diminuzione. Gran parte di questa terra arabile si trova nei climi settentrionali umidi e freddi e favorisce la coltivazione di pascoli per il bestiame. Di conseguenza, gran parte dell'allevamento del bestiame si trova nella parte settentrionale di questa regione. L'Europa ha contribuito per l'8.5% alla produzione mondiale di acquacoltura nel 1992. L'acquacoltura si è concentrata su specie di pesci a pinna (288,500 tonnellate) e molluschi (685,500 tonnellate) di valore relativamente elevato.

America Latina e Caraibi

La regione latinoamericana e caraibica differisce dalle altre regioni in molti modi. Restano da sfruttare ampi tratti di terra, la regione ha grandi popolazioni di animali domestici e gran parte dell'agricoltura è gestita come grandi operazioni. Il bestiame rappresenta circa un terzo della produzione agricola, che costituisce una parte significativa del prodotto interno lordo. La carne di bovini da carne rappresenta la quota maggiore e costituisce il 20% della produzione mondiale. La maggior parte delle specie di bestiame è stata importata. Tra le specie autoctone che sono state addomesticate ci sono cavie, cani, lama, alpaca, anatre mute, tacchini e galline nere. Questa regione ha contribuito solo per il 2.3% alla produzione mondiale dell'acquacoltura nel 1992.

Vicino Oriente

Attualmente, il 31% della popolazione del Vicino Oriente è impegnata nell'agricoltura. A causa della scarsità di precipitazioni in questa regione, l'unico uso agricolo per il 62% di questa superficie è il pascolo degli animali. La maggior parte delle principali specie di bestiame sono state addomesticate in questa regione (capre, pecore, maiali e bovini) alla confluenza dei fiumi Tigri ed Eufrate. Successivamente, in Nord Africa, furono addomesticati bufali d'acqua, dromedari e asini. Alcuni sistemi di allevamento del bestiame che esistevano in tempi antichi esistono ancora oggi. Si tratta di sistemi di sussistenza nella società tribale araba, in cui mandrie e greggi vengono spostati stagionalmente su grandi distanze alla ricerca di cibo e acqua. I sistemi di allevamento intensivo sono utilizzati nei paesi più sviluppati.

Nord America

Sebbene l'agricoltura sia una delle principali attività economiche in Canada e negli Stati Uniti, la percentuale della popolazione impegnata nell'agricoltura è inferiore al 2.5%. Dagli anni '1950, l'agricoltura è diventata più intensiva, portando a meno aziende agricole ma più grandi. Bestiame e prodotti animali costituiscono una parte importante della dieta della popolazione, contribuendo per il 40% all'energia alimentare totale. L'industria del bestiame in questa regione è stata molto dinamica. Gli animali introdotti sono stati allevati con animali indigeni per formare nuove razze. La domanda dei consumatori di carni più magre e uova con meno colesterolo sta avendo un impatto sulla politica di allevamento. I cavalli sono stati ampiamente utilizzati all'inizio del diciannovesimo secolo, ma sono diminuiti di numero a causa della meccanizzazione. Sono attualmente utilizzati nell'industria dei cavalli da corsa o per la ricreazione. Gli Stati Uniti hanno importato circa 700 specie di insetti per controllare più di 50 parassiti. L'acquacoltura in questa regione è in crescita e rappresentava il 3.7% della produzione acquicola mondiale nel 1992 (FAO 1995; Scherf 1995).

Problemi ambientali e di salute pubblica

I rischi professionali dell'allevamento del bestiame possono portare a lesioni, asma o infezioni zoonotiche. Inoltre, l'allevamento del bestiame pone diversi problemi ambientali e di salute pubblica. Un problema è l'effetto dei rifiuti animali sull'ambiente. Altre questioni includono la perdita di diversità biologica, i rischi associati all'importazione di animali e prodotti e la sicurezza alimentare.

Inquinamento idrico e atmosferico

I rifiuti animali rappresentano potenziali conseguenze ambientali dell'inquinamento dell'acqua e dell'aria. Sulla base dei fattori di scarico annuali statunitensi mostrati nella tabella 3, le principali razze di bestiame hanno scaricato un totale di 14.3 miliardi di tonnellate di feci e urina in tutto il mondo nel 1994. Di questo totale, i bovini (latte e manzo) hanno scaricato l'87%; suini, 9%; e polli e tacchini, 3% (Meadows 1995). A causa del loro elevato fattore di scarico annuo di 9.76 tonnellate di feci e urina per animale, i bovini hanno contribuito alla maggior parte dei rifiuti tra questi tipi di bestiame per tutte e sei le regioni del mondo dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO), che vanno dall'82% sia in Europa e Asia al 96% nell'Africa subsahariana.

Tabella 3. Produzione annuale di feci e urina di bestiame statunitense

Tipo di bestiame

Profilo demografico

Rifiuti (tonnellate)

Tonnellate per animale

Bovini (da latte e da carne)

46,500,000

450,000,000

9.76

Maiale

60,000,000

91,000,000

1.51

pollo e tacchino

7,500,000,000

270,000,000

0.04

Fonte: Prati 1995.

Negli Stati Uniti, gli agricoltori specializzati nell'allevamento del bestiame non si dedicano all'agricoltura, come era prassi storica. Di conseguenza, i rifiuti del bestiame non vengono più sistematicamente applicati ai terreni coltivati ​​come fertilizzanti. Un altro problema con l'allevamento di bestiame moderno è l'elevata concentrazione di animali in piccole aree come edifici di confinamento o mangimi. Le grandi operazioni possono confinare da 50,000 a 100,000 bovini, 10,000 suini o 400,000 polli in un'area. Inoltre, queste operazioni tendono a raggrupparsi vicino agli impianti di lavorazione per accorciare la distanza di trasporto degli animali agli stabilimenti.

Diversi problemi ambientali derivano da operazioni concentrate. Questi problemi includono sversamenti nelle lagune, infiltrazioni e deflussi cronici ed effetti sulla salute nell'aria. La pecolazione dei nitrati nelle acque sotterranee e il deflusso dai campi e dagli allevamenti contribuiscono in modo determinante alla contaminazione dell'acqua. Un maggiore utilizzo di allevamenti comporta una concentrazione di letame animale e un maggior rischio di contaminazione delle acque sotterranee. I rifiuti delle operazioni di bestiame e suini vengono generalmente raccolti nelle lagune, che sono fosse grandi e poco profonde scavate nel terreno. Il design della laguna dipende dalla sedimentazione dei solidi sul fondo, dove vengono digeriti anaerobicamente, e i liquidi in eccesso vengono controllati spruzzandoli sui campi vicini prima che trabocchino (Meadows 1995).

La biodegradazione dei rifiuti animali emette anche gas odorosi che contengono fino a 60 composti. Questi composti includono ammoniaca e ammine, solfuri, acidi grassi volatili, alcoli, aldeidi, mercaptani, esteri e carbonili (Sweeten 1995). Quando gli esseri umani avvertono gli odori delle operazioni concentrate di bestiame, possono provare nausea, mal di testa, problemi respiratori, interruzione del sonno, perdita di appetito e irritazione degli occhi, delle orecchie e della gola.

Meno compresi sono gli effetti negativi dei rifiuti di bestiame sul riscaldamento globale e sulla deposizione atmosferica. Il suo contributo al riscaldamento globale è attraverso la generazione di gas serra, anidride carbonica e metano. Il letame di bestiame può contribuire ai depositi di azoto a causa del rilascio di ammoniaca dalle lagune di rifiuti nell'atmosfera. L'azoto atmosferico rientra nel ciclo idrologico attraverso la pioggia e fluisce in torrenti, fiumi, laghi e acque costiere. L'azoto nell'acqua contribuisce ad aumentare la fioritura delle alghe che riducono l'ossigeno disponibile per i pesci.

Due modifiche nella produzione animale offrono soluzioni ad alcuni dei problemi di inquinamento. Si tratta di un minore confinamento degli animali e di migliori sistemi di trattamento dei rifiuti.

Diversità animale

La possibilità di una rapida perdita di geni, specie e habitat minaccia l'adattabilità e le caratteristiche di una varietà di animali che sono o potrebbero essere utili. Gli sforzi internazionali hanno sottolineato la necessità di preservare la diversità biologica a tre livelli: genetico, di specie e di habitat. Un esempio di diminuzione della diversità genetica è il numero limitato di tori utilizzati per allevare artificialmente femmine di molte specie di bestiame (Scherf 1995).

Con il declino di molte razze di bestiame, e quindi la riduzione della diversità delle specie, le razze dominanti sono aumentate, con un'enfasi sull'uniformità nelle razze a produzione più elevata. Il problema della mancanza di diversità delle razze bovine da latte è particolarmente acuto; con l'eccezione dell'Holstein ad alta produzione, le popolazioni lattiero-casearie sono in declino. L'acquacoltura non ha ridotto la pressione sulle popolazioni di pesci selvatici. Ad esempio, l'uso di reti sottili per la pesca della biomassa per il cibo dei gamberi porta alla raccolta di novellame di preziose specie selvatiche, che si aggiunge al loro esaurimento. Alcune specie, come cernie, pesce latte e anguille, non possono essere allevate in cattività, quindi i loro giovani vengono catturati in natura e allevati in allevamenti ittici, riducendo ulteriormente lo stock di popolazioni selvatiche.

Un esempio di perdita di diversità dell'habitat è l'impatto dei mangimi per gli allevamenti ittici sulle popolazioni selvatiche. I mangimi per pesci utilizzati nelle zone costiere colpiscono le popolazioni selvatiche di gamberi e pesci distruggendo il loro habitat naturale come le mangrovie. Inoltre, le feci dei pesci ei mangimi possono accumularsi sul fondo e uccidere le comunità bentoniche che filtrano l'acqua (Safina 1995).

Le specie animali che sopravvivono in abbondanza sono quelle usate come mezzo per i fini umani, ma un dilemma sociale emerge da un movimento per i diritti degli animali che sostiene che gli animali, in particolare gli animali a sangue caldo, non devono essere usati come mezzo per i fini umani. Prima del movimento per i diritti degli animali, prima della metà degli anni '1970 è iniziato un movimento per il benessere degli animali. I sostenitori del benessere degli animali sostengono il trattamento umano degli animali che vengono utilizzati per la ricerca, il cibo, l'abbigliamento, lo sport o la compagnia. Dalla metà degli anni '1970, i sostenitori dei diritti degli animali affermano che gli animali senzienti hanno il diritto di non essere utilizzati per la ricerca. Sembra altamente improbabile che l'uso umano degli animali venga abolito. È anche probabile che il benessere degli animali continuerà come movimento popolare (NIH 1988).

Importazione di animali e prodotti di origine animale

La storia dell'allevamento del bestiame è strettamente legata alla storia dell'importazione di bestiame in nuove aree del mondo. Malattie diffuse con la diffusione del bestiame importato e dei loro prodotti. Gli animali possono portare malattie che possono infettare altri animali o esseri umani e i paesi hanno istituito servizi di quarantena per controllare la diffusione di queste malattie zoonotiche. Tra queste malattie vi sono la scrapie, la brucellosi, la febbre Q e l'antrace. L'ispezione e la quarantena del bestiame e degli alimenti sono emerse come metodi per controllare l'importazione di malattie (MacDiarmid 1993).

La preoccupazione pubblica per la potenziale infezione degli esseri umani con la rara malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD) è emersa tra le nazioni importatrici di carne bovina nel 1996. Si sospetta che il consumo di carne bovina infetta da encefalopatia spongiforme bovina (BSE), popolarmente nota come malattia della Infezione da CJD. Sebbene non provata, le percezioni del pubblico includono l'ipotesi che la malattia possa essere entrata nel bestiame da mangimi contenenti farina di ossa e frattaglie di pecore affette da una malattia simile, la scrapie. Tutte e tre le malattie, negli esseri umani, nei bovini e negli ovini, presentano sintomi comuni di lesioni cerebrali spugnose. Le malattie sono fatali, le loro cause sono sconosciute e non ci sono test per rilevarle. I britannici hanno lanciato nel 1996 un abbattimento preventivo di un terzo della loro popolazione bovina per controllare la BSE e ripristinare la fiducia dei consumatori nella sicurezza delle loro esportazioni di carne bovina (Aldhous 1996).

Anche l'importazione di api africane in Brasile è diventata un problema di salute pubblica. Negli Stati Uniti, le sottospecie di api europee producono miele e cera d'api e impollinano i raccolti. Raramente sciamano in modo aggressivo, il che aiuta un'apicoltura sicura. La sottospecie africana è migrata dal Brasile in America centrale, Messico e Stati Uniti sudorientali. Questa ape è aggressiva e sciamerà in difesa della sua colonia. Si è incrociato con la sottospecie europea, il che si traduce in un'ape africanizzata più aggressiva. La minaccia per la salute pubblica è costituita da molteplici punture quando l'ape africanizzata sciama e da gravi reazioni tossiche negli esseri umani.

Attualmente esistono due controlli per l'ape africanizzata. Uno è che non sono resistenti nei climi settentrionali e possono essere limitati a climi temperati più caldi come gli Stati Uniti meridionali. L'altro controllo consiste nel sostituire abitualmente l'ape regina negli alveari con api regine della sottospecie europea, sebbene ciò non controlli le colonie selvatiche (Schumacher e Egen 1995).

Sicurezza alimentare

Molte malattie di origine alimentare derivano da batteri patogeni di origine animale. Gli esempi includono listeria e salmonelle trovate nei prodotti lattiero-caseari e salmonelle e campylobacter trovati nella carne e nel pollame. I Centers for Disease Control and Prevention stimano che il 53% di tutti i focolai di malattie di origine alimentare negli Stati Uniti siano stati causati dalla contaminazione batterica dei prodotti animali. Si stima che ogni anno si verifichino 33 milioni di malattie di origine alimentare, da cui derivano 9,000 decessi.

L'alimentazione subterapeutica di antibiotici e il trattamento antibiotico degli animali malati sono pratiche correnti di salute degli animali. La potenziale diminuzione dell'efficacia degli antibiotici per la terapia delle malattie è una preoccupazione crescente a causa del frequente sviluppo della resistenza agli antibiotici dei patogeni zoonotici. Molti antibiotici aggiunti ai mangimi sono utilizzati anche nella medicina umana e batteri resistenti agli antibiotici potrebbero svilupparsi e causare infezioni negli animali e nell'uomo.

Anche i residui di farmaci negli alimenti derivanti dalla medicazione del bestiame presentano dei rischi. Residui di antibiotici utilizzati nel bestiame o aggiunti ai mangimi sono stati trovati negli animali da produzione alimentare, comprese le mucche da latte. Tra questi farmaci ci sono il cloramfenicolo e la sulfametazina. Le alternative all'uso profilattico di antibiotici per mantenere la salute degli animali includono la modifica dei sistemi di produzione. Queste modifiche includono una riduzione del confinamento degli animali, una migliore ventilazione e migliori sistemi di trattamento dei rifiuti.

La dieta è stata associata a malattie croniche. La prova di un'associazione tra consumo di grassi e malattie cardiache ha stimolato gli sforzi per produrre prodotti animali con un contenuto di grassi inferiore. Questi sforzi includono l'allevamento di animali, l'alimentazione di maschi intatti piuttosto che castrati e l'ingegneria genetica. Gli ormoni sono anche visti come un metodo per diminuire il contenuto di grassi nella carne. Gli ormoni della crescita dei suini aumentano il tasso di crescita, l'efficienza alimentare e il rapporto tra muscolo e grasso. La crescente popolarità di specie a basso contenuto di grassi e di colesterolo come gli struzzi è un'altra soluzione (NRC 1989).

 

Di ritorno

Lunedi, 28 marzo 2011 18: 46

Problemi di salute e modelli di malattia

L'addomesticamento degli animali è avvenuto in modo indipendente in un certo numero di aree del Vecchio e del Nuovo Mondo oltre 10,000 anni fa. Fino all'addomesticamento, la caccia e la raccolta erano il modello di sussistenza predominante. Il passaggio al controllo umano sui processi di produzione e riproduzione di animali e piante ha portato a cambiamenti rivoluzionari nella struttura delle società umane e nelle loro relazioni con l'ambiente. Il passaggio all'agricoltura ha segnato un aumento dell'intensità del lavoro e del tempo di lavoro dedicato alle attività legate all'approvvigionamento alimentare. Piccole famiglie nucleari, adattate a gruppi nomadi di caccia e raccolta, furono trasformate in grandi unità sociali estese e sedentarie adatte alla produzione alimentare domestica ad alta intensità di manodopera.

L'addomesticamento degli animali ha aumentato la suscettibilità umana alle lesioni e alle malattie legate agli animali. Le popolazioni non nomadi più grandi divise in quarti in prossimità degli animali hanno fornito maggiori opportunità di trasmissione di malattie tra animali e umani. Anche lo sviluppo di mandrie più grandi di bestiame maneggiato più intensamente ha aumentato la probabilità di lesioni. In tutto il mondo, diverse forme di allevamento animale sono associate a diversi rischi di lesioni e malattie. Ad esempio, i 50 milioni di abitanti che praticano l'agricoltura swidden (taglia e brucia) nelle regioni equatoriali affrontano problemi diversi dai 35 milioni di pastori nomadi in tutta la Scandinavia e attraverso l'Asia centrale o dai 48 milioni di produttori alimentari che praticano una forma di agricoltura industrializzata.

In questo articolo, forniamo una panoramica di modelli selezionati di lesioni, malattie infettive, malattie respiratorie e malattie della pelle associate alla produzione di bestiame. Il trattamento è disomogeneo dal punto di vista topico e geografico perché la maggior parte della ricerca è stata condotta nei paesi industrializzati, dove sono comuni forme intensive di allevamento di bestiame.

Panoramica

I tipi di problemi di salute umana e i modelli di malattia associati alla produzione animale possono essere raggruppati in base al tipo di contatto tra animali e persone (vedi tabella 1). Il contatto può avvenire tramite interazione fisica diretta o contatto con un agente organico o inorganico. I problemi di salute associati a tutti i tipi di produzione animale possono essere raggruppati in ciascuna di queste aree.


Tabella 1. Tipi di problemi di salute umana associati alla produzione di bestiame

Problemi di salute dovuti al contatto fisico diretto

Dermatite allergica da contatto
Rinite allergica
Morsi, calci, schiacciamenti
Avvelenamento e possibile ipersensibilità
Asma
graffi
Lesione traumatica

Problemi di salute da agenti organici

Avvelenamento agrochimico
Resistenza agli antibiotici
Bronchite cronica
Dermatite da contatto
Allergie da esposizioni alimentari a residui di farmaci
Malattie di origine alimentare
“polmone del contadino”
Polmonite da ipersensibilità
Irritazione delle mucose
Asma professionale
Sindrome tossica da polvere organica (ODTS)
Allergie da esposizioni farmaceutiche
Malattie zoonotiche

Problemi di salute da agenti fisici

Perdita uditiva
Traumi legati ai macchinari
Emissioni di metano ed effetto serra
Disordini muscolo-scheletrici
Stress


Il contatto umano diretto con il bestiame va dalla forza bruta di animali di grandi dimensioni come il bufalo cinese al contatto cutaneo non rilevato da peli microscopici della falena orientale giapponese. Ne può derivare una gamma corrispondente di problemi di salute, dall'irritante temporaneo al colpo fisico debilitante. Problemi notevoli includono lesioni traumatiche dovute alla manipolazione di bestiame di grandi dimensioni, ipersensibilità al veleno o tossicosi da morsi e punture di artropodi velenosi e dermatite cutanea da contatto e allergica.

Un certo numero di agenti organici utilizza vari percorsi dal bestiame all'uomo, causando una serie di problemi di salute. Tra le più importanti a livello globale vi sono le malattie zoonotiche. In tutto il mondo sono state identificate oltre 150 malattie zoonotiche, di cui circa 40 significative per la salute umana (Donham 1985). L'importanza delle malattie zoonotiche dipende da fattori regionali come le pratiche agricole, l'ambiente e lo status sociale ed economico di una regione. Le conseguenze sulla salute delle malattie zoonotiche vanno dai sintomi simil-influenzali relativamente benigni della brucellosi alla tubercolosi debilitante o a ceppi potenzialmente letali di Escherichia coli o rabbia.

Altri agenti organici includono quelli associati a malattie respiratorie. I sistemi di allevamento intensivo in edifici confinati creano ambienti chiusi in cui la polvere, compresi i microbi e i loro sottoprodotti, si concentrano e vengono aerosolizzati insieme ai gas che vengono a loro volta respirati dalle persone. Circa il 33% dei lavoratori al confinamento dei suini negli Stati Uniti soffre di sindrome tossica da polvere organica (ODTS) (Thorne et al. 1996).

Problemi analoghi esistono nelle stalle da latte, dove la polvere contenente endotossine e/o altri agenti biologicamente attivi nell'ambiente contribuisce alla bronchite, all'asma professionale e all'infiammazione della mucosa. Sebbene questi problemi siano più evidenti nei paesi sviluppati in cui l'agricoltura industrializzata è diffusa, la crescente esportazione di tecnologie di produzione di bestiame confinato verso aree in via di sviluppo come il sud-est asiatico e l'America centrale aumenta i rischi per i lavoratori lì.

I problemi di salute causati da agenti fisici in genere coinvolgono strumenti o macchinari direttamente o indirettamente coinvolti nella produzione di bestiame nell'ambiente di lavoro agricolo. I trattori sono la principale causa di decessi agricoli nei paesi sviluppati. Inoltre, tassi elevati di perdita dell'udito associati a macchinari e rumori di produzione di bestiame confinati e disturbi muscoloscheletrici dovuti a movimenti ripetitivi sono anche conseguenze delle forme industrializzate di agricoltura animale. L'industrializzazione agricola, caratterizzata dall'uso di tecnologie ad alta intensità di capitale che si interfacciano tra l'uomo e l'ambiente fisico per produrre cibo, è alla base della crescita degli agenti fisici come significativi fattori di salute legati al bestiame.

Infortuni

Il contatto diretto con il bestiame è una delle principali cause di lesioni in molte regioni industrializzate del mondo. Negli Stati Uniti, il National Traumatic Injury Surveillance of Farmers (NIOSH 1993) indica che il bestiame è la principale fonte di lesioni, con bovini, suini e ovini che costituiscono il 18% di tutti gli infortuni agricoli e rappresentano il più alto tasso di giornate lavorative perse. Ciò è coerente con un'indagine del 1980-81 condotta dal National Safety Council degli Stati Uniti (National Safety Council 1982).

Gli studi regionali statunitensi mostrano costantemente il bestiame come una delle principali cause di infortunio nel lavoro agricolo. I primi lavori sulle visite ospedaliere degli agricoltori a New York dal 1929 al 1948 rivelarono che il bestiame rappresentava il 17% degli infortuni legati all'agricoltura, secondo solo ai macchinari (Calandruccio e Powers 1949). Tali tendenze continuano, poiché la ricerca indica che il bestiame rappresenta almeno un terzo degli infortuni agricoli tra i produttori di latte del Vermont (Waller 1992), il 19% degli infortuni tra un campione casuale di agricoltori dell'Alabama (Zhou e Roseman 1995) e il 24% degli infortuni tra gli agricoltori dell'Iowa (Iowa Department of Public Health 1995). Uno dei pochi studi per analizzare i fattori di rischio per lesioni specifiche del bestiame indica che tali lesioni possono essere correlate all'organizzazione della produzione e alle caratteristiche specifiche dell'ambiente di allevamento del bestiame (Layde et al. 1996).

Le prove provenienti da altre aree agricole industrializzate del mondo rivelano modelli simili. La ricerca dall'Australia indica che i lavoratori del bestiame hanno il secondo più alto tasso di infortuni mortali sul lavoro nel paese (Erlich et al. 1993). Uno studio sui registri degli incidenti e sulle visite al pronto soccorso degli agricoltori britannici nel Galles occidentale (Cameron e Bishop 1992) rivela che il bestiame era la principale fonte di infortuni, rappresentando il 35% degli incidenti legati all'agricoltura. In Danimarca, uno studio su 257 infortuni agricoli ricoverati in ospedale ha rivelato che il bestiame è la seconda causa di infortuni, rappresentando il 36% degli infortuni curati (Carstensen, Lauritsen e Rasmussen 1995). La ricerca sulla sorveglianza è necessaria per affrontare la mancanza di dati sistematici sui tassi di infortuni legati al bestiame nelle aree in via di sviluppo del mondo.

La prevenzione delle lesioni legate al bestiame implica la comprensione del comportamento degli animali e il rispetto dei pericoli agendo in modo appropriato e utilizzando tecnologie di controllo appropriate. Comprendere le abitudini degli animali legate ai comportamenti alimentari e alle fluttuazioni ambientali, le relazioni sociali come gli animali isolati dal loro gregge, gli istinti nutritivi e protettivi delle femmine e la natura territoriale variabile e i modelli di alimentazione del bestiame sono fondamentali per ridurre il rischio di lesioni. La prevenzione degli infortuni dipende anche dall'uso e dalla manutenzione di attrezzature per il controllo del bestiame come recinzioni, recinti, stalle e gabbie. I bambini sono particolarmente a rischio e devono essere sorvegliati in apposite aree gioco ben lontane dalle aree di allevamento del bestiame.

Malattie infettive

Le malattie zoonotiche possono essere classificate in base alle loro modalità di trasmissione, che sono a loro volta legate alle forme dell'agricoltura, dell'organizzazione sociale umana e dell'ecosistema. Le quattro vie generali di trasmissione sono:

  1. singolo ospite vertebrato diretto
  2. ospite vertebrato multiplo ciclico
  3. ospite misto vertebrato-invertebrato
  4. ospite intermedio inanimato.

Le malattie zoonotiche possono essere generalmente caratterizzate come segue: sono non fatali, raramente diagnosticate e sporadiche piuttosto che epidemiche; imitano altre malattie; e gli umani sono in genere gli ospiti senza uscita. Le principali zoonosi per regione sono elencate nella tabella 2.

Tabella 2. Zoonosi primarie per regione del mondo

Nome comune

Fonte principale

Regione

Antrace

mammiferi

Mediterraneo orientale, Asia occidentale e sudorientale, America Latina

brucellosi

Capre, pecore, bovini, suini

Europa, area mediterranea, Stati Uniti

Encefalite, trasmessa da artropodi

Uccelli, pecore, roditori

Africa, Australia, Europa Centrale, Estremo Oriente, America Latina, Russia, Stati Uniti

Idatidosi

Cani, ruminanti, suini, carnivori selvatici

Mediterraneo orientale, Sud America meridionale, Africa meridionale e orientale, Nuova Zelanda, Australia meridionale, Siberia

Leptospirosi

Roditori, bovini, suini, carnivori selvatici, cavalli

In tutto il mondo, più diffuso nei Caraibi

Febbre Q.

Bovini, caprini, ovini

www.era.com

Rabbia

Cani, gatti, carnivori selvatici, pipistrelli

www.era.com

salmonellosi

Uccelli, mammiferi

In tutto il mondo, prevalente nelle regioni con agricoltura industriale e maggiore uso di antibiotici

Trichinosi

Suini, carnivori selvatici, animali artici

Argentina, Brasile, Centro Europa, Cile Nord America, Spagna

Tubercolosi

Bovini, cani, capre

In tutto il mondo, prevalente nei paesi in via di sviluppo

 

I tassi di malattie zoonotiche tra le popolazioni umane sono in gran parte sconosciuti a causa della mancanza di dati epidemiologici e di diagnosi errate. Anche nei paesi industrializzati come gli Stati Uniti, le malattie zoonotiche come la leptospirosi vengono spesso scambiate per influenza. I sintomi sono aspecifici, rendendo difficile la diagnosi, una caratteristica di molte zoonosi.

La prevenzione delle malattie zoonotiche consiste in una combinazione di eradicazione della malattia, vaccinazioni animali, vaccinazioni umane, igiene dell'ambiente di lavoro, pulizia e protezione delle ferite aperte, adeguate tecniche di manipolazione e preparazione degli alimenti (come pastorizzazione del latte e cottura completa della carne), uso di personale dispositivi di protezione (come stivali nelle risaie) e uso prudente di antibiotici per ridurre la crescita di ceppi resistenti. Le tecnologie di controllo e i comportamenti preventivi dovrebbero essere concettualizzati in termini di percorsi, agenti e host e mirati specificamente alle quattro vie di trasmissione.

Problemi respiratori

Data la varietà e l'entità delle esposizioni legate alla produzione animale, le malattie respiratorie possono rappresentare il principale problema sanitario. Studi in alcuni settori della produzione zootecnica nelle aree sviluppate del mondo rivelano che il 25% degli allevatori soffre di qualche forma di malattia respiratoria (Thorne et al. 1996). I tipi di lavoro più comunemente associati a problemi respiratori includono la produzione e la manipolazione del grano e il lavoro nelle unità di confinamento degli animali e nell'allevamento di animali da latte.

Le malattie respiratorie agricole possono derivare dall'esposizione a una varietà di polveri, gas, prodotti chimici agricoli e agenti infettivi. Le esposizioni alla polvere possono essere suddivise in quelle costituite principalmente da componenti organici e quelle costituite principalmente da componenti inorganici. La polvere di campo è la fonte primaria di esposizione alla polvere inorganica. La polvere organica è la principale esposizione respiratoria dei lavoratori della produzione agricola. La malattia deriva da periodiche esposizioni a breve termine a polvere organica agricola contenente un gran numero di microbi.

L'ODTS è la malattia acuta simil-influenzale osservata dopo un'esposizione periodica a breve termine ad alte concentrazioni di polvere (Donham 1986). Questa sindrome ha caratteristiche molto simili a quelle del polmone del contadino acuto, ma non comporta il rischio di insufficienza polmonare associata al polmone del contadino. La bronchite che colpisce i lavoratori agricoli ha sia una forma acuta che cronica (Rylander 1994). L'asma, come definito dall'ostruzione reversibile delle vie aeree associata all'infiammazione delle vie aeree, può anche essere causata da esposizioni agricole. Nella maggior parte dei casi questo tipo di asma è correlato a un'infiammazione cronica delle vie aeree piuttosto che a un'allergia specifica.

Un secondo modello di esposizione comune è l'esposizione giornaliera a un livello inferiore di polvere organica. Tipicamente, i livelli di polvere totale sono compresi tra 2 e 9 mg/m3, i conteggi dei microbi sono a 103 a 105 organismi/m3 e la concentrazione di endotossine è compresa tra 50 e 900 EU/m3. Esempi di tali esposizioni includono il lavoro in un'unità di confinamento dei suini, un fienile da latte o un impianto di allevamento di pollame. I sintomi usuali osservati con queste esposizioni includono quelli di bronchite acuta e cronica, una sindrome simile all'asma e sintomi di irritazione della membrana mucosa.

I gas svolgono un ruolo importante nel causare disturbi polmonari nell'ambiente agricolo. Negli edifici per il confinamento dei suini e negli allevamenti di pollame, i livelli di ammoniaca spesso contribuiscono a problemi respiratori. L'esposizione al fertilizzante ammoniaca anidra ha effetti sia acuti che a lungo termine sulle vie respiratorie. L'avvelenamento acuto da gas di idrogeno solforato rilasciato dagli impianti di stoccaggio del letame nelle stalle da latte e nelle unità di confinamento dei suini può causare decessi. L'inalazione di fumiganti insetticidi può anche portare alla morte.

La prevenzione delle malattie respiratorie può essere aiutata controllando la fonte di polveri e altri agenti. Nelle stalle, ciò include la gestione di un sistema di ventilazione correttamente progettato e una pulizia frequente per evitare l'accumulo di polvere. Tuttavia, i soli controlli tecnici sono probabilmente insufficienti. È inoltre necessaria la corretta selezione e l'uso di un respiratore antipolvere. Possono anche essere prese in considerazione alternative alle operazioni di confinamento, comprese le modalità di produzione al pascolo e parzialmente recintate, che possono essere redditizie quanto le operazioni confinate, in particolare se si considerano i costi sanitari sul lavoro.

Problemi di pelle

I problemi della pelle possono essere classificati come dermatiti da contatto, correlate al sole, infettive o indotte da insetti. Le stime indicano che i lavoratori agricoli sono a più alto rischio occupazionale per alcune dermatosi (Mathias 1989). Mentre mancano i tassi di prevalenza, in particolare nelle regioni in via di sviluppo, gli studi negli Stati Uniti indicano che le malattie professionali della pelle possono rappresentare fino al 70% di tutte le malattie professionali tra i lavoratori agricoli in alcune regioni (Hogan e Lane 1986).

Esistono tre tipi di dermatosi da contatto: dermatite irritativa, dermatite allergica e dermatite da fotocontatto. La forma più comune è la dermatite irritativa da contatto, mentre la dermatite allergica da contatto è meno comune e le reazioni di fotocontatto sono rare (Zuehlke, Mutel e Donham 1980). Le fonti comuni di dermatite da contatto in azienda includono fertilizzanti, piante e pesticidi. Di particolare rilievo è la dermatite da contatto con l'alimentazione del bestiame. I mangimi contenenti additivi come gli antibiotici possono causare dermatiti allergiche.

Gli agricoltori di carnagione chiara nelle aree in via di sviluppo del mondo sono particolarmente a rischio di problemi cutanei cronici indotti dal sole, tra cui rughe, cheratosi attiniche (lesioni squamose non cancerose) e cancro della pelle. I due tipi più comuni di cancro della pelle sono i carcinomi a cellule squamose e basocellulari. Il lavoro epidemiologico in Canada indica che gli agricoltori sono a maggior rischio di carcinoma a cellule squamose rispetto ai non agricoltori (Hogan e Lane 1986). I carcinomi a cellule squamose derivano spesso da cheratosi attiniche. Circa 2 su 100 carcinomi a cellule squamose metastatizzano e sono più comuni sulle labbra. I carcinomi a cellule basali sono più comuni e si verificano sul viso e sulle orecchie. Sebbene localmente distruttivi, i carcinomi basocellulari raramente metastatizzano.

Le dermatosi infettive più rilevanti per i lavoratori del bestiame sono tigna (funghi dermatofitici), orf (ectima contagioso) e nodulo del mungitore. Le infezioni da tigna sono infezioni superficiali della pelle che appaiono come lesioni squamose rosse che derivano dal contatto con bestiame infetto, in particolare bovini da latte. Uno studio dall'India, dove il bestiame vaga generalmente libero, ha rivelato che oltre il 5% degli abitanti delle zone rurali soffre di infezioni da tigna (Chaterjee et al. 1980). Orf, al contrario, è un virus del vaiolo solitamente contratto da pecore o capre infette. Il risultato sono tipicamente lesioni sul dorso delle mani o delle dita che di solito scompaiono con qualche cicatrice in circa 6 settimane. I noduli del mungitore derivano dall'infezione con lo pseudocowpox poxvirus, tipicamente dal contatto con mammelle o capezzoli infetti di mucche da latte. Queste lesioni appaiono simili a quelle di orf, sebbene siano più spesso multiple.

Le dermatosi indotte dagli insetti derivano principalmente da morsi e punture. Le infezioni da acari che parassitano il bestiame o contaminano i cereali sono particolarmente evidenti tra gli allevatori di bestiame. I morsi di pulcino e la scabbia sono tipici problemi cutanei da acari che provocano varie forme di irritazioni arrossate che di solito guariscono spontaneamente. Più gravi sono i morsi e le punture di vari insetti come api, vespe, calabroni o formiche che provocano reazioni anafilattiche. Lo shock anafilattico è una rara reazione di ipersensibilità che si verifica con una sovrapproduzione di sostanze chimiche emesse dai globuli bianchi che provoca la costrizione delle vie aeree e può portare all'arresto cardiaco.

Tutti questi problemi della pelle sono in gran parte prevenibili. La dermatite da contatto può essere prevenuta riducendo l'esposizione attraverso l'uso di indumenti protettivi, guanti e un'appropriata igiene personale. Inoltre, i problemi legati agli insetti possono essere prevenuti indossando indumenti di colore chiaro e senza fiori ed evitando applicazioni cutanee profumate. Il rischio di cancro della pelle può essere drasticamente ridotto utilizzando indumenti adeguati per ridurre al minimo l'esposizione, come un cappello a tesa larga. Anche l'uso di creme solari appropriate può essere utile, ma non dovrebbe essere considerato affidabile.

Conclusione

Il numero di bestiame in tutto il mondo è cresciuto rapidamente con l'aumento della popolazione umana. Ci sono circa 4 miliardi di bovini, maiali, pecore, capre, cavalli, bufali e cammelli nel mondo (Durning e Brough 1992). Tuttavia, vi è una notevole mancanza di dati sui problemi di salute umana legati al bestiame nelle aree in via di sviluppo del mondo come la Cina e l'India, dove attualmente risiede gran parte del bestiame e dove è probabile che si verifichi una crescita futura. Tuttavia, dato l'emergere dell'agricoltura industrializzata in tutto il mondo, si può prevedere che molti dei problemi di salute documentati nella produzione di bestiame nordamericano ed europeo probabilmente accompagneranno l'emergere della produzione di bestiame industrializzata altrove. Si prevede inoltre che i servizi sanitari in queste aree saranno inadeguati per affrontare le conseguenze sulla salute e sulla sicurezza della produzione zootecnica industrializzata generalmente descritta qui.

L'emergere mondiale della produzione industriale di bestiame con le relative conseguenze sulla salute umana accompagnerà cambiamenti fondamentali nell'ordine sociale, economico e politico paragonabili a quelli seguiti dall'addomesticamento degli animali oltre 10,000 anni fa. Prevenire i problemi di salute umana richiederà un'ampia comprensione e un impegno appropriato di queste nuove forme di adattamento umano e del posto della produzione di bestiame al loro interno.

 

Di ritorno

Gli artropodi comprendono più di 1 milione di specie di insetti e migliaia di specie di zecche, acari, ragni, scorpioni e millepiedi. Api, formiche, vespe e scorpioni pungono e iniettano veleno; zanzare e zecche succhiano il sangue e trasmettono malattie; e le scaglie e i peli dei corpi degli insetti possono irritare gli occhi e la pelle, così come i tessuti del naso, della bocca e del sistema respiratorio. La maggior parte delle punture negli esseri umani proviene da api sociali (bombi, api mellifere). Altre punture provengono da vespe di carta, giacche gialle, calabroni e formiche.

Gli artropodi possono rappresentare un pericolo per la salute sul posto di lavoro (vedi tabella 1), ma nella maggior parte dei casi i potenziali rischi per gli artropodi non sono esclusivi di occupazioni specifiche. Piuttosto, l'esposizione agli artropodi sul posto di lavoro dipende dalla posizione geografica, dalle condizioni locali e dal periodo dell'anno. La tabella 2 elenca alcuni di questi pericoli e i corrispondenti agenti artropodi. Per tutti i rischi di artropodi, la prima linea di difesa è l'evitamento o l'esclusione dell'agente incriminato. L'immunoterapia con il veleno può aumentare la tolleranza di una persona al veleno degli artropodi e si ottiene iniettando dosi crescenti di veleno nel tempo. È efficace nel 90-100% degli individui ipersensibili al veleno, ma comporta un ciclo indefinito di costose iniezioni. La tabella 3 elenca le reazioni normali e allergiche alle punture di insetti.

Tabella 1. Diverse occupazioni e il loro potenziale di contatto con artropodi che possono influire negativamente sulla salute e sulla sicurezza.

Occupazione

Artropodi

Personale edile, ambientalisti, agricoltori, pescatori, silvicoltori, addetti alla pesca e alla fauna selvatica, naturalisti, lavoratori dei trasporti, ranger del parco, lavoratori dei servizi pubblici

Formiche, api, mosche pungenti, bruchi, pulcini, centopiedi, tricotteri, vermi volanti, effimere, scorpioni, ragni, zecche, vespe

Produttori di cosmetici, lavoratori portuali, coloranti, operai, trasformatori di alimenti, lavoratori di grano, casalinghe, mugnai, lavoratori di ristoranti

formiche; coleotteri; tonchi di fagioli, cereali e piselli; acari; cocciniglie; ragni

apicoltori

Formiche, bombi, api mellifere, vespe

Addetti alla produzione di insetti, biologi di laboratorio e sul campo, curatori di musei

Nel laboratorio vengono allevate oltre 500 specie di artropodi. Particolarmente importanti sono le formiche, i coleotteri, gli acari, le falene, i ragni e le zecche.

Ospedale e altri operatori sanitari, amministratori scolastici, insegnanti

Formiche, scarafaggi, mosche pungenti, bruchi, scarafaggi, acari

Produttori di seta

Bachi da seta

 

Tabella 2. Potenziali rischi di artropodi sul posto di lavoro e loro agente(i) causale(i)

Pericolo

Agenti artropodi

Morsi, avvelenamento1

Formiche, mosche pungenti, millepiedi, acari, ragni

Avvelenamento da puntura, ipersensibilità al veleno2

Formiche, api, vespe, scorpioni

Intossicazione da zecche/paralisi

zecche

Asma

Coleotteri, tricotteri, bruchi, scarafaggi, grilli, acari della polvere, larve di mosche, acari del grano, punteruoli del grano, cavallette, api mellifere, effimere, falene, bachi da seta

Dermatite da contatto3

Coleotteri vesciche, bruchi, scarafaggi, acari della frutta secca, acari della polvere, acari del grano, acari della paglia, tarme, bachi da seta, ragni

1 Avvelenamento con veleno dalle ghiandole associate all'apparato boccale.

2 Avvelenamento con veleno da ghiandole non associate all'apparato boccale.

3 Include irritante primaria e dermatite allergica.

 

Tabella 3. Reazioni normali e allergiche alla puntura di insetto

Tipo di risposta

Reazione

I. Reazioni normali, non allergiche al momento della puntura

    Dolore, bruciore, prurito, arrossamento al sito della puntura, area bianca intorno al sito della puntura, gonfiore, dolorabilità

    II. Reazioni normali, non allergiche
    ore o giorni dopo la puntura

      Prurito, arrossamento residuo, piccolo danno marrone o rosso al sito della puntura, gonfiore al sito della puntura

      III. Grandi reazioni locali

      Enorme gonfiore attorno al sito della puntura che si estende su un'area di 10 cm o più e aumenta di dimensioni da 24 a 72 ore, a volte durando fino a una settimana o più

      IV. Reazioni allergiche cutanee

      Orticaria ovunque sulla pelle, gonfiore massiccio lontano dal sito della puntura, prurito generalizzato della pelle, arrossamento generalizzato della pelle lontano dal sito della puntura

      V. Sistemico non pericoloso per la vita
      reazioni allergiche

      Rinite allergica, sintomi respiratori minori, crampi addominali

      VI. Reazioni allergiche sistemiche pericolose per la vita

      Shock, perdita di coscienza, ipotensione o svenimento, difficoltà a respirare, massiccio gonfiore alla gola.

      Fonte: Schmidt 1992.

       

      Di ritorno

      Lunedi, 28 marzo 2011 19: 01

      Colture foraggere

      Man mano che le popolazioni tendevano a concentrarsi e cresceva la necessità di alimentazione invernale nei climi settentrionali, è emersa la necessità di raccogliere, curare e nutrire il fieno per gli animali domestici. Sebbene il pascolo risalga al primo addomesticamento degli animali, la prima pianta foraggera coltivata potrebbe essere stata l'erba medica, il cui uso registrato risale al 490 a.C. in Persia e in Grecia.

      Il foraggio per il bestiame è un input fondamentale per l'allevamento del bestiame. I foraggi vengono coltivati ​​per la loro vegetazione e non per i loro cereali o semi. Steli, foglie e infiorescenze (grappoli di fiori) di alcune leguminose (ad es. erba medica e trifoglio) e una varietà di graminacee non leguminose vengono utilizzate per il pascolo o raccolte e nutrite per il bestiame. Quando le colture di cereali come mais, sorgo o paglia vengono raccolte per la loro vegetazione, sono considerate colture foraggere.

      Processi di produzione

      Le principali categorie di colture foraggere sono i pascoli e gli allevamenti aperti, il fieno e l'insilato. Le colture foraggere possono essere raccolte dal bestiame (nei pascoli) o dall'uomo, a mano o con macchinari. Il raccolto può essere utilizzato per l'alimentazione agricola o per la vendita. Nella produzione di foraggio, i trattori sono una fonte di trazione e potenza di lavorazione e, nelle zone aride, può essere necessaria l'irrigazione.

      Il pascolo viene alimentato consentendo al bestiame di pascolare o brucare. Il tipo di coltura del pascolo, tipicamente erba, varia nella sua produzione con la stagione dell'anno, ei pascoli sono gestiti per il pascolo primaverile, estivo e autunnale. La gestione della gamma si concentra sul non pascolo eccessivo di un'area, il che comporta la rotazione del bestiame da un'area all'altra. I residui colturali possono far parte della dieta del pascolo per il bestiame.

      L'erba medica, un popolare raccolto di fieno, non è un buon raccolto di pascolo perché provoca gonfiore nei ruminanti, una condizione di accumulo di gas nel rumine (la prima parte dello stomaco della mucca) che può uccidere una mucca. Nei climi temperati, i pascoli sono inefficaci come fonte di mangime in inverno, quindi è necessario il mangime immagazzinato. Inoltre, nelle grandi operazioni, viene utilizzato il foraggio raccolto - fieno e insilato - perché il pascolo non è pratico per grandi concentrazioni di animali.

      Il fieno è un foraggio che viene coltivato e stagionato a secco prima dello stoccaggio e dell'alimentazione. Dopo che il raccolto di fieno è cresciuto, viene tagliato con una falciatrice o ranghinatore (una macchina che combina le operazioni di falciatura e rastrellatura) e rastrellato da una macchina in una lunga fila per l'essiccazione (un'andana). Durante questi due processi viene curato sul campo per l'imballaggio. Storicamente la raccolta veniva effettuata forcando fieno sfuso, che può ancora essere utilizzato per nutrire gli animali. Una volta stagionato, il fieno viene imballato. La pressa raccoglie il fieno dall'andana, lo comprime e lo avvolge in una piccola balla quadrata per la movimentazione manuale, oppure in grandi balle quadrate o rotonde per la movimentazione meccanica. La piccola balla può essere respinta meccanicamente dalla pressa in un rimorchio, oppure può essere raccolta a mano e collocata, un compito chiamato controtendenza, su un rimorchio per il trasporto all'area di stoccaggio. Le balle vengono immagazzinate in pile, solitamente sotto una copertura (fienile, capannone o plastica) per proteggerle dalla pioggia. Il fieno umido può facilmente deteriorarsi o bruciare spontaneamente a causa del calore del processo di decomposizione. Il fieno può essere trasformato per uso commerciale in pellet o cubetti compressi. Un raccolto può essere tagliato più volte in una stagione, tre volte è tipico. Quando viene nutrito, una balla viene spostata nella mangiatoia, aperta e posta nella mangiatoia dove l'animale può raggiungerla. Questa parte dell'operazione è tipicamente manuale.

      Altro foraggio raccolto per l'alimentazione del bestiame è il mais o il sorgo per l'insilato. Il vantaggio economico è che il mais ha fino al 50% di energia in più quando viene raccolto come insilato rispetto al grano. Una macchina viene utilizzata per raccogliere la maggior parte della pianta verde. Il raccolto viene tagliato, frantumato, sminuzzato ed espulso in un rimorchio. Il materiale viene poi alimentato come braciola verde o stoccato in un silo, dove subisce la fermentazione nelle prime 2 settimane. La fermentazione stabilisce un ambiente che impedisce il deterioramento. In un anno, il silo viene svuotato mentre l'insilato viene somministrato al bestiame. Questo processo di alimentazione è principalmente meccanico.

      Pericoli e loro prevenzione

      Lo stoccaggio di alimenti per animali presenta rischi per la salute dei lavoratori. All'inizio del processo di stoccaggio, viene prodotto biossido di azoto che può causare gravi danni respiratori e la morte ("malattia del riempitore di silo"). Lo stoccaggio in ambienti chiusi, come i silos, può creare questo pericolo, che può essere evitato non entrando nei silos o negli spazi di stoccaggio chiusi nelle prime settimane dopo lo stoccaggio del mangime. Ulteriori problemi possono verificarsi in seguito se l'erba medica, il fieno, la paglia o altri foraggi erano bagnati quando sono stati immagazzinati e vi è un accumulo di funghi e altri contaminanti microbici. Ciò può provocare malattie respiratorie acute ("malattia dello scaricatore di silo", tossicità da polvere organica) e/o malattie respiratorie croniche ("polmone del contadino"). Il rischio di malattie respiratorie acute e croniche può essere ridotto attraverso l'uso di adeguati respiratori. Dovrebbero inoltre essere previste adeguate procedure di accesso agli spazi confinati.

      La paglia e il fieno utilizzati per la lettiera sono generalmente secchi e vecchi, ma possono contenere muffe e spore che possono causare sintomi respiratori quando la polvere viene trasportata nell'aria. I respiratori antipolvere possono ridurre l'esposizione a questo rischio.

      Le attrezzature per la raccolta e l'imballaggio e le trinciatrici per lettiere sono progettate per tagliare, tagliare e maciullare. Sono stati associati a lesioni traumatiche ai lavoratori agricoli. Molte di queste lesioni si verificano quando i lavoratori tentano di liberare parti ostruite mentre l'apparecchiatura è ancora in funzione. L'apparecchiatura deve essere spenta prima di eliminare gli inceppamenti. Se più di una persona sta lavorando, dovrebbe essere attivo un programma di lockout/tagout. Un'altra importante fonte di lesioni e decessi è il ribaltamento del trattore senza un'adeguata protezione in caso di ribaltamento per il conducente (Deere & Co. 1994). Ulteriori informazioni sui pericoli delle macchine agricole sono discusse anche altrove in questo Enciclopedia.

      Laddove gli animali vengono utilizzati per piantare, raccogliere e immagazzinare mangime, esiste la possibilità di lesioni correlate agli animali dovute a calci, morsi, stiramenti, distorsioni, lesioni da schiacciamento e lacerazioni. Le corrette tecniche di manipolazione degli animali sono i mezzi più probabili per ridurre queste lesioni.

      La movimentazione manuale di balle di fieno e paglia può causare problemi ergonomici. I lavoratori dovrebbero essere addestrati alle corrette procedure di sollevamento e, ove possibile, dovrebbero essere utilizzate attrezzature meccaniche.

      Il foraggio e la lettiera sono a rischio di incendio. Il fieno umido, come accennato in precedenza, è un pericolo di combustione spontanea. Il fieno secco, la paglia e così via bruceranno facilmente, specialmente se sciolti. Anche il foraggio in cassetta è una delle principali fonti di combustibile in caso di incendio. Dovrebbero essere istituite precauzioni antincendio di base, come il divieto di fumare, l'eliminazione delle fonti di scintille e le misure antincendio.

       

      Di ritorno

      Lunedi, 28 marzo 2011 19: 04

      Confinamento del bestiame

      Le forze economiche globali hanno contribuito all'industrializzazione dell'agricoltura (Donham e Thu 1995). Nei paesi sviluppati, ci sono tendenze verso una maggiore specializzazione, intensità e meccanizzazione. L'aumento della produzione di bestiame da confinamento è stato il risultato di queste tendenze. Molti paesi in via di sviluppo hanno riconosciuto la necessità di adottare la produzione di confinamento nel tentativo di trasformare la loro agricoltura da un'impresa di sussistenza a un'impresa competitiva a livello globale. Man mano che più organizzazioni aziendali ottengono la proprietà e il controllo del settore, meno aziende agricole, ma più grandi, con molti dipendenti sostituiscono l'azienda agricola familiare.

      Concettualmente, il sistema di confinamento applica i principi della produzione industriale di massa alla produzione di bestiame. Il concetto di produzione in isolamento include l'allevamento di animali ad alta densità in strutture isolate dall'ambiente esterno e dotate di sistemi meccanici o automatizzati per la ventilazione, la gestione dei rifiuti, l'alimentazione e l'abbeveraggio (Donham, Rubino et al. 1977).

      Diversi paesi europei utilizzano sistemi di confinamento dall'inizio degli anni '1950. Il confinamento del bestiame iniziò ad apparire negli Stati Uniti alla fine degli anni '1950. I produttori di pollame sono stati i primi a utilizzare il sistema. All'inizio degli anni '1960, anche l'industria suina aveva iniziato ad adottare questa tecnica, seguita più recentemente dai produttori di latte e carne bovina.

      Accompagnando questa industrializzazione, si sono sviluppate diverse preoccupazioni sociali e sanitarie per i lavoratori. Nella maggior parte dei paesi occidentali, le aziende agricole stanno diminuendo di numero ma di dimensioni maggiori. Ci sono meno aziende agricole familiari (lavoro e gestione combinati) e più strutture aziendali (in particolare in Nord America). Il risultato è che ci sono più lavoratori assunti e relativamente meno familiari che lavorano. Inoltre, in Nord America, più lavoratori provengono da minoranze e gruppi di immigrati. Pertanto, vi è il rischio di produrre una nuova sottoclasse di lavoratori in alcuni segmenti dell'industria.

      Per il lavoratore agricolo è emersa una serie completamente nuova di esposizioni pericolose sul lavoro. Questi possono essere classificati in quattro voci principali:

      1. gas tossici e asfissianti
      2. aerosol bioattivi di particolato
      3. malattie infettive
      4. rumore.

       

      Anche i rischi respiratori sono motivo di preoccupazione.

      Gas tossici e asfissianti

      Diversi gas tossici e asfissianti risultanti dalla degradazione microbica dei rifiuti animali (urina e feci) possono essere associati al confinamento del bestiame. I rifiuti sono più comunemente immagazzinati in forma liquida sotto l'edificio, sopra un pavimento fessurato o in un serbatoio o laguna all'esterno dell'edificio. Questo sistema di stoccaggio del letame è solitamente anaerobico, portando alla formazione di una serie di gas tossici (vedi tabella 1) (Donham, Yeggy e Dauge 1988). Vedere anche l'articolo "Concime e gestione dei rifiuti" in questo capitolo.

      Tabella 1. Composti identificati nelle atmosfere degli edifici di confinamento dei suini

      2-propanolo

      etanolo

      Propionato di isopropile

      3-Pentanone

      Formiato di etile

      Acido isovalerico

      acetaldeide

      etilammina

      Metano

      Acido acetico

      Formaldehyde

      Acetato di metile

      Acetone

      Heptaldehyde

      metilammina

      Ammoniaca

      Composto azotato eterociclico

      Metilmercaptano

      n-Butanolo

      esanale

      Ottaldeide

      n-Butile

      Solfuro d'idrogeno

      n-Propanolo

      Acido butirrico

      indoli

      Acido propionico

      Diossido di carbonio

      isobutanolo

      Proponaldeide

      Monossido di carbonio

      Acetato di isobutile

      Propionato di propile

      Decaldeide

      Isobutyraldehyde

      Skatola

      Dietil solfuro

      Acido isobutirrico

      trietilamina

      Dimetilsolfuro

      Isopentanolo

      Trimetilammina

      Disolfuro

      Acetato di isopropile

       

       

      Ci sono quattro comuni gas tossici o asfissianti presenti in quasi tutte le operazioni in cui avviene la digestione anaerobica dei rifiuti: anidride carbonica (CO2), ammoniaca (NH3), idrogeno solforato (H2S) e metano (CH4). Una piccola quantità di monossido di carbonio (CO) può anche essere prodotta dai rifiuti animali in decomposizione, ma la sua fonte principale sono i riscaldatori usati per bruciare combustibili fossili. I livelli ambientali tipici di questi gas (così come del particolato) negli edifici per il confinamento dei suini sono riportati nella tabella 2. Sono inoltre elencate le esposizioni massime raccomandate negli edifici per i suini basate su recenti ricerche (Donham e Reynolds 1995; Reynolds et al. 1996) e la soglia limite valori (TLV) fissati dalla Conferenza americana degli igienisti industriali governativi (ACGIH 1994). Questi TLV sono stati adottati come limiti legali in molti paesi.

      Tabella 2. Livelli ambientali di vari gas negli edifici per il ricovero dei suini

      Gas

      Intervallo (ppm)

      Concentrazioni ambientali tipiche (ppm)

      Concentrazioni massime di esposizione raccomandate (ppm)

      Valori limite di soglia (ppm)

      CO

      da 0 a 200

      42

      50

      50

      CO2

      da 1,000 a 10,000

      8,000

      1,500

      5,000

      NH3

      da 5 a 200

      81

      7

      25

      H2S

      da 0 a 1,500

      4

      5

      10

      Polvere totale

      da 2 a 15 mg/m3

      4 mg/m3

      2.5 mg/m3

      10 mg/m3

      Polvere respirabile

      da 0.10 a 1.0 mg/m3

      0.4 mg/m3

      0.23 mg/m3

      3 mg/m3

      endotossina

      da 50 a 500 ng/m3

      200 ng/m3

      100 ng/m3

      (nessuno stabilito)

       

      Si può notare che in molti degli edifici almeno un gas, e spesso diversi, supera i limiti di esposizione. Va notato che l'esposizione simultanea a queste sostanze tossiche può essere additiva o sinergica: il TLV per la miscela può essere superato anche quando i singoli TLV non vengono superati. Le concentrazioni sono spesso più elevate in inverno che in estate, perché la ventilazione è ridotta per conservare il calore.

      Questi gas sono stati implicati in diverse condizioni acute nei lavoratori. H2S è stato implicato in molte morti improvvise di animali e diverse morti umane (Donham e Knapp 1982). La maggior parte dei casi acuti si sono verificati poco dopo che la fossa di letame è stata agitata o svuotata, il che può comportare un rilascio improvviso di un grande volume di H altamente tossico2S. In altri casi fatali, le fosse di letame erano state svuotate di recente e gli operai che entravano nella fossa per ispezioni, riparazioni o per recuperare un oggetto caduto crollavano senza alcun preavviso. I risultati post mortem disponibili di questi casi di avvelenamento acuto hanno rivelato un massiccio edema polmonare come l'unico reperto degno di nota. Questa lesione, unita all'anamnesi, è compatibile con l'intossicazione da idrogeno solforato. I tentativi di salvataggio da parte degli astanti hanno spesso provocato più vittime. I lavoratori del confinamento dovrebbero pertanto essere informati dei rischi connessi e consigliati di non entrare mai in un deposito di letame senza aver testato la presenza di gas tossici, essere dotati di un respiratore con la propria fornitura di ossigeno, garantire un'adeguata ventilazione e avere almeno altri due lavoratori in piedi da, attaccati con una fune all'operaio che entra, in modo che possa effettuare un salvataggio senza mettersi in pericolo. Ci dovrebbe essere un programma scritto per spazi confinati.

      Il CO può anche essere presente a livelli tossici acuti. Problemi di aborto nei suini a una concentrazione atmosferica da 200 a 400 ppm e sintomi subacuti negli esseri umani, come mal di testa cronico e nausea, sono stati documentati nei sistemi di confinamento dei suini. Anche i possibili effetti sul feto umano dovrebbero destare preoccupazione. La fonte primaria di CO proviene da unità di riscaldamento a combustione di idrocarburi funzionanti in modo improprio. Il forte accumulo di polvere negli edifici di confinamento dei suini rende difficile mantenere i riscaldatori in condizioni di corretto funzionamento. I riscaldatori radianti alimentati a propano sono anche una fonte comune di livelli inferiori di CO (ad esempio, da 100 a 300 ppm). Un'altra fonte sono le idropulitrici alimentate da un motore a combustione interna che può funzionare all'interno dell'edificio; Gli allarmi CO devono essere installati.

      Un'altra situazione estremamente pericolosa si verifica quando il sistema di ventilazione si guasta. I livelli di gas possono quindi raggiungere rapidamente livelli critici. In questo caso il problema principale è la sostituzione dell'ossigeno con altri gas, principalmente CO2 prodotto dalla fossa e dall'attività respiratoria degli animali presenti nell'edificio. Le condizioni letali potrebbero essere raggiunte in appena 7 ore. Per quanto riguarda la salute dei suini, la mancanza di ventilazione nella stagione calda può consentire alla temperatura e all'umidità di aumentare a livelli letali in 3 ore. I sistemi di ventilazione devono essere monitorati.

      Un quarto pericolo potenzialmente acuto deriva dall'accumulo di CH4, che è più leggero dell'aria e, quando emesso dalla fossa letame, tende ad accumularsi nelle parti superiori dell'edificio. Ci sono stati diversi casi di esplosioni verificatesi quando il CH4 l'accumulo è stato acceso da una fiamma pilota o dalla torcia di saldatura di un operaio.

      Aerosol bioattivi di particolato

      Le fonti di polvere negli edifici di confinamento sono una combinazione di mangime, forfora e peli dei suini e materiale fecale essiccato (Donham e Scallon 1985). I particolati sono circa il 24% di proteine ​​e quindi hanno il potenziale non solo per avviare una risposta infiammatoria a proteine ​​estranee, ma anche per avviare una reazione allergica avversa. La maggior parte delle particelle è inferiore a 5 micron, consentendo loro di essere respirate nelle parti profonde dei polmoni, dove possono produrre un pericolo maggiore per la salute. I particolati sono carichi di microbi (104 a 107/m3 aria). Questi microbi apportano diverse sostanze tossiche/infiammatorie tra cui, tra le altre, endotossina (il pericolo più documentato), glucani, istamina e proteasi. Le concentrazioni massime raccomandate per le polveri sono elencate nella tabella 2. I gas presenti all'interno dell'edificio ei batteri nell'atmosfera vengono adsorbiti sulla superficie delle particelle di polvere. Pertanto, le particelle inalate hanno l'effetto potenzialmente pericoloso aumentato di trasportare gas irritanti o tossici nonché batteri potenzialmente infettivi nei polmoni.

      Malattie infettive

      È stato riconosciuto che circa 25 malattie zoonotiche hanno un significato occupazionale per i lavoratori agricoli. Molti di questi possono essere trasmessi direttamente o indirettamente dal bestiame. Le condizioni di affollamento prevalenti nei sistemi di confinamento offrono un alto potenziale di trasmissione di malattie zoonotiche dal bestiame all'uomo. L'ambiente di confinamento dei suini può offrire un rischio di trasmissione ai lavoratori di influenza suina, leptospirosi, Streptococco suino e salmonella, per esempio. L'ambiente di confinamento del pollame può offrire un rischio di ornitosi, istoplasmosi, virus della malattia di New Castle e salmonella. Il confinamento dei bovini potrebbe rappresentare un rischio per la febbre Q, Verrucosum di trichophyton (tigna animale) e leptospirosi.

      Anche i prodotti biologici e gli antibiotici sono stati riconosciuti come potenziali rischi per la salute. I vaccini iniettabili e vari prodotti biologici sono comunemente usati nei programmi di medicina preventiva veterinaria nel confinamento degli animali. Inoculazione accidentale di vaccini Brucella e Escherichia coli è stato osservato che i batteri causano malattie negli esseri umani.

      Gli antibiotici sono comunemente usati sia per via parenterale che incorporati nei mangimi. Poiché è riconosciuto che i mangimi sono un componente comune delle polveri presenti negli edifici per il confinamento degli animali, si presume che gli antibiotici siano presenti anche nell'aria. Pertanto, l'ipersensibilità agli antibiotici e le infezioni resistenti agli antibiotici rappresentano potenziali pericoli per i lavoratori.

      Rumore

      Sono stati misurati livelli di rumore di 103 dBA all'interno degli edifici per il confinamento degli animali; questo è al di sopra del TLV e offre un potenziale per la perdita dell'udito indotta dal rumore (Donham, Yeggy e Dauge 1988).

      Sintomi respiratori dei lavoratori del confinamento del bestiame

      I rischi respiratori generali all'interno degli edifici per il confinamento del bestiame sono simili indipendentemente dalla specie di bestiame. Tuttavia, i confinamenti dei suini sono associati a effetti negativi sulla salute in una percentuale maggiore di lavoratori (dal 25 al 70% dei lavoratori attivi), con sintomi più gravi rispetto a quelli dei confinamenti di pollame o bovini (Rylander et al. 1989). I rifiuti negli allevamenti avicoli sono generalmente gestiti in forma solida, e in questo caso l'ammoniaca sembra essere il principale problema gassoso; l'idrogeno solforato non è presente.

      È stato osservato che i sintomi respiratori subacuti o cronici riportati dai lavoratori al confinamento sono più frequentemente associati al confinamento dei suini. Le indagini sui lavoratori del confinamento dei suini hanno rivelato che circa il 75% soffre di sintomi avversi delle vie respiratorie superiori acute. Questi sintomi possono essere suddivisi in tre gruppi:

      1. infiammazione acuta o cronica delle vie respiratorie (manifestata come bronchite)
      2. costrizione occupazionale acquisita (non allergica) delle vie aeree (asma)
      3. malattia febbrile autolimitante ritardata con sintomi generalizzati (sindrome tossica da polvere organica (ODTS)).

       

      I sintomi suggestivi di infiammazione cronica del sistema respiratorio superiore sono comuni; si vedono in circa il 70% dei lavoratori al confinamento dei suini. Più comunemente, includono oppressione al torace, tosse, respiro sibilante e produzione eccessiva di espettorato.

      In circa il 5% dei lavoratori, i sintomi si sviluppano dopo aver lavorato negli edifici solo per poche settimane. I sintomi includono oppressione toracica, respiro sibilante e difficoltà respiratorie. Di solito questi lavoratori sono colpiti così gravemente che sono costretti a cercare lavoro altrove. Non si sa abbastanza per indicare se questa reazione sia un'ipersensibilità allergica o un'ipersensibilità non allergica alla polvere e al gas. Più tipicamente, i sintomi di bronchite e asma si sviluppano dopo 5 anni di esposizione.

      Circa il 30% dei lavoratori sperimenta occasionalmente episodi di sintomi ritardati. Circa 4-6 ore dopo aver lavorato nell'edificio sviluppano una malattia simil-influenzale che si manifesta con febbre, mal di testa, malessere generale, dolori muscolari generali e dolore toracico. Di solito si riprendono da questi sintomi in 24-72 ore. Questa sindrome è stata riconosciuta come ODTS.

      Il potenziale di danno polmonare cronico sembra certamente essere reale per questi lavoratori. Tuttavia, questo non è stato finora documentato. Si raccomanda di seguire determinate procedure per prevenire l'esposizione cronica così come l'esposizione acuta ai materiali pericolosi negli edifici di confinamento dei suini. La Tabella 3 riassume le condizioni mediche osservate nei lavoratori al confinamento dei suini.

      Tabella 3. Malattie respiratorie associate alla produzione suina

      Malattia delle vie aeree superiori

      Sinusite
      Rinite irritativa
      Rinite allergica
      Faringite

      Malattia delle vie aeree inferiori

      Asma professionale
      Asma non allergico, malattia delle vie aeree iperresponsive,
      o sindrome da malattia reattiva delle vie aeree (RADS)
      Asma allergico (IgE mediato)
      Bronchite acuta o subacuta
      Bronchite cronica
      Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)

      Malattia interstiziale

      alveolite
      Infiltrato interstiziale cronico
      Edema polmonare

      Malattia generalizzata

      Sindrome tossica da polvere organica (ODTS)

      Fonti: Donham, Zavala e Merchant 1984; Dosmann et al. 1988; Haglind e Rylander 1987; Harries e Cromwell 1982; Heedrick et al. 1991; Holness et al. 1987; Iverson et al. 1988; Jones et al. 1984; Leistikov et al. 1989; Lenhart 1984; Rylander e Essle 1990; Rylander, Peterson e Donham 1990; Turner e Nichols 1995.

      Protezione dei lavoratori

      Esposizione acuta all'idrogeno solforato. Bisogna sempre prestare attenzione per evitare l'esposizione a H2S che può essere sprigionato durante l'agitazione di un serbatoio di stoccaggio del liquame anaerobico. Se il deposito si trova sotto l'edificio, è meglio rimanere fuori dall'edificio durante la procedura di svuotamento e per diverse ore dopo, finché il campionamento dell'aria non indica che è sicuro. La ventilazione dovrebbe essere al livello massimo durante questo periodo. Non si dovrebbe mai entrare in un impianto di stoccaggio del letame liquido senza che siano seguite le misure di sicurezza sopra menzionate.

       

      Esposizione al particolato. Per controllare l'esposizione al particolato dovrebbero essere utilizzate semplici procedure di gestione, come l'uso di apparecchiature di alimentazione automatizzate progettate per eliminare la maggior quantità possibile di polvere di mangime. L'aggiunta di grasso extra al mangime, frequenti lavaggi elettrici dell'edificio e l'installazione di pavimenti a doghe che puliscono bene sono tutte misure di controllo collaudate. Un sistema di controllo delle polveri a nebbia d'olio è attualmente allo studio e potrebbe essere disponibile in futuro. Oltre a un buon controllo tecnico, è necessario indossare una maschera antipolvere di buona qualità.

      Rumore. Devono essere fornite e indossate protezioni per le orecchie, in particolare quando si lavora nell'edificio per vaccinare gli animali o per altre procedure di gestione. Dovrebbe essere istituito un programma di conservazione dell'udito.

       

      Di ritorno

      Lunedi, 28 marzo 2011 19: 08

      Zootecnia

      L'allevamento degli animali - l'allevamento e l'uso degli animali - comporta un'ampia varietà di attività, tra cui l'allevamento, l'alimentazione, lo spostamento degli animali da un luogo all'altro, le cure di base (ad esempio, la cura degli zoccoli, la pulizia, le vaccinazioni), la cura degli animali feriti (sia mediante conduttori di animali o veterinari) e attività associate a particolari animali (ad esempio, mungitura di mucche, tosatura di pecore, lavoro con animali da tiro).

      Tale manipolazione del bestiame è associata a una varietà di infortuni e malattie tra gli esseri umani. Queste lesioni e malattie possono essere dovute all'esposizione diretta o alla contaminazione ambientale da parte degli animali. Il rischio di lesioni e malattie dipende in gran parte dal tipo di bestiame. Il rischio di lesioni dipende anche dai particolari del comportamento animale (vedere anche gli articoli in questo capitolo su animali specifici). Inoltre, è spesso più probabile che le persone associate all'allevamento di animali consumino i prodotti degli animali. Infine, le esposizioni specifiche dipendono dai metodi di gestione del bestiame, che sono emersi da fattori geografici e sociali che variano nella società umana.

      Pericoli e precauzioni

      Rischi ergonomici

      Il personale che lavora con il bestiame spesso deve stare in piedi, allungarsi, piegarsi o esercitare uno sforzo fisico in posizioni sostenute o inusuali. I lavoratori del bestiame hanno un rischio maggiore di dolori articolari alla schiena, alle anche e alle ginocchia. Esistono diverse attività che mettono a rischio ergonomico il lavoratore del bestiame. Ad esempio, l'assistenza al parto di un grosso animale può mettere il contadino in una posizione insolita e tesa, mentre con un piccolo animale, al lavoratore può essere richiesto di lavorare o sdraiarsi in un ambiente inclemente. Inoltre, il lavoratore può essere ferito assistendo animali malati e il cui comportamento non può essere anticipato. Più comunemente, il dolore alle articolazioni e alla schiena ha a che fare con un movimento ripetitivo, come la mungitura, durante il quale il lavoratore può accovacciarsi o inginocchiarsi ripetutamente.

      Altre malattie traumatiche cumulative sono riconosciute nei lavoratori agricoli, in particolare negli allevatori. Questi possono essere dovuti a movimenti ripetitivi o frequenti piccole ferite.

      Le soluzioni per ridurre il rischio ergonomico includono sforzi educativi intensificati incentrati su un'appropriata gestione degli animali, nonché sforzi ingegneristici per riprogettare l'ambiente di lavoro e i suoi compiti per accogliere fattori animali e umani.

      Infortuni

      Gli animali sono comunemente riconosciuti come agenti di lesioni nelle indagini sulle lesioni associate all'agricoltura. Ci sono diverse spiegazioni postulate per queste osservazioni. La stretta associazione tra il lavoratore e l'animale, che spesso ha un comportamento imprevedibile, mette a rischio il lavoratore. Molti animali hanno dimensioni e forza superiori. Le lesioni sono spesso dovute a traumi diretti dovuti a calci, morsi o schiacciamenti contro una struttura e spesso coinvolgono l'estremità inferiore del lavoratore. Anche il comportamento dei lavoratori può contribuire al rischio di lesioni. I lavoratori che penetrano nella "zona di fuga" del bestiame o che si posizionano in "punti ciechi" del bestiame corrono un rischio maggiore di lesioni derivanti dalla reazione di volo, urti, calci e schiacciamenti.

      Figura 1. Visione panoramica del bestiame

      LIV140F1

      Donne e bambini sono sovrarappresentati tra i lavoratori del bestiame feriti. Ciò può essere dovuto a fattori sociali che portano donne e bambini a svolgere maggiormente il lavoro legato agli animali, o può essere dovuto a differenze di dimensioni eccessive tra gli animali e il lavoratore o, nel caso dei bambini, all'uso di tecniche di manipolazione a cui il bestiame non sono abituati.

      Gli interventi specifici per prevenire le lesioni associate agli animali includono intensi sforzi educativi, la selezione di animali più compatibili con l'uomo, la selezione di lavoratori che hanno meno probabilità di agitare gli animali e approcci ingegneristici che riducono il rischio di esposizione dell'uomo agli animali.

      Malattie Zoonotiche

      L'allevamento del bestiame richiede una stretta associazione di lavoratori e animali. Gli esseri umani possono essere infettati da organismi normalmente presenti sugli animali, che raramente sono patogeni umani. Inoltre, i tessuti e il comportamento associati agli animali infetti possono esporre i lavoratori che sperimenterebbero poche o nessuna esposizione se lavorassero con bestiame sano.

      Le malattie zoonotiche rilevanti comprendono numerosi virus, batteri, micobatteri, funghi e parassiti (vedi tabella 1). Molte malattie zoonotiche, come l'antrace, la tinea capitis o l'orf, sono associate alla contaminazione della pelle. Inoltre, la contaminazione derivante dall'esposizione ad un animale malato è un fattore di rischio per la rabbia e la tularemia. Poiché i lavoratori del bestiame spesso hanno maggiori probabilità di ingerire prodotti animali sottotrattati, tali lavoratori sono a rischio di malattie come Campylobacter, criptosporidiosi, salmonellosi, trichinosi o tubercolosi.

      Tabella 1. Malattie zoonotiche degli allevatori di bestiame

      Malattia

      Agente

      Animale

      Esposizione

      Antrace

      batteri

      Capre, altri erbivori

      Maneggiare capelli, ossa o altri tessuti

      brucellosi

      batteri

      Bovini, suini, caprini, ovini

      Contatto con placenta e altri tessuti contaminati

      Campylobacter

      batteri

      Pollame, bovini

      Ingestione di alimenti contaminati, acqua, latte

      Criptosporidiosi

      Parasite

      Pollame, bovini, ovini, piccoli mammiferi

      Ingestione di feci animali

      Leptospirosi

      batteri

      Animali selvatici, suini, bovini, cani

      Acqua contaminata sulla pelle aperta

      Orf

      virus

      Pecore, capre

      Contatto diretto con le mucose

      Psittacosi

      Chlamydia

      Parrocchetti, pollame, piccioni

      Escrementi essiccati inalati

      Febbre Q.

      Rickettsia

      Bovini, caprini, ovini

      Polvere inalata da tessuti contaminati

      Rabbia

      virus

      Carnivori selvatici, cani, gatti, bestiame

      Esposizione di saliva carica di virus a rotture della pelle

      salmonellosi

      batteri

      Pollame, suini, bovini

      Ingestione di cibo da organismi contaminati

      tinea capitis

      Fungo

      Cani, gatti, bovini

      Contatto diretto

      Trichinosi

      roundworm

      Suini, cani, gatti, cavalli

      Mangiare carne poco cotta

      Tubercolosi, bovino

      micobatteri

      Bovini, suini

      Ingestione di latte non pastorizzato; inalazione di goccioline trasportate dall'aria

      Tularemia

      batteri

      Animali selvaggi, maiali, cani

      Inoculazione da acqua o carne contaminata

       

      Il controllo delle malattie zoonotiche deve concentrarsi sulla via e sulla fonte dell'esposizione. L'eliminazione della fonte e/o l'interruzione del percorso sono essenziali per il controllo della malattia. Ad esempio, ci deve essere un corretto smaltimento delle carcasse di animali malati. Spesso, la malattia umana può essere prevenuta eliminando la malattia negli animali. Inoltre, dovrebbe esserci un'adeguata lavorazione di prodotti o tessuti animali prima dell'uso nella catena alimentare umana.

      Alcune malattie zoonotiche vengono curate nell'allevatore con antibiotici. Tuttavia, l'uso profilattico antibiotico di routine sul bestiame può causare l'insorgenza di organismi resistenti di interesse generale per la salute pubblica.

      fabbri

      Il fabbro (lavoro di maniscalco) comporta principalmente lesioni muscoloscheletriche e ambientali. La manipolazione del metallo da utilizzare nella cura degli animali, come per i ferri di cavallo, richiede un lavoro pesante che richiede una notevole attività muscolare per preparare il metallo e posizionare zampe o piedi dell'animale. Inoltre, l'applicazione del prodotto creato, come un ferro di cavallo, all'animale nel lavoro di maniscalco è un'ulteriore fonte di lesioni (vedi figura 2).

      Figura 2. Fabbro che ferra un cavallo in Svizzera

      LIV110F1

      Spesso, il calore necessario per piegare il metallo comporta l'esposizione a gas nocivi. Una sindrome riconosciuta, febbre da fumi metallici, ha un quadro clinico simile all'infezione polmonare e deriva dall'inalazione di fumi di nichel, magnesio, rame o altri metalli.

      Gli effetti negativi sulla salute associati al fabbro possono essere alleviati lavorando con un'adeguata protezione respiratoria. Tali dispositivi respiratori includono respiratori o respiratori a filtro con cartucce e prefiltri in grado di filtrare gas acidi/vapori organici e fumi metallici. Se il lavoro del maniscalco si svolge in un luogo fisso, dovrebbe essere installata una ventilazione di scarico locale per la fucina. I controlli tecnici, che pongono distanza o barricate tra l'animale e il lavoratore, ridurranno il rischio di lesioni.

      Allergie agli animali

      Tutti gli animali possiedono antigeni non umani e potrebbero quindi fungere da potenziali allergeni. Inoltre, il bestiame è spesso ospite di acari. Poiché esiste un gran numero di potenziali allergie animali, il riconoscimento di uno specifico allergene richiede un'attenta e completa storia della malattia e dell'occupazione. Anche con tali dati, il riconoscimento di uno specifico allergene può essere difficile.

      L'espressione clinica delle allergie animali può includere un quadro di tipo anafilattico, con orticaria, tumefazione, secrezione nasale e asma. In alcuni pazienti, prurito e secrezione nasale possono essere gli unici sintomi.

      Controllare l'esposizione alle allergie animali è un compito formidabile. Il miglioramento delle pratiche nell'allevamento degli animali e le modifiche ai sistemi di ventilazione delle strutture di allevamento possono rendere meno probabile l'esposizione dell'allevatore di bestiame. Tuttavia, potrebbe esserci poco da fare, oltre alla desensibilizzazione, per prevenire la formazione di allergeni specifici. In generale, la desensibilizzazione di un lavoratore può essere eseguita solo se l'allergene specifico è adeguatamente caratterizzato.

       

      Di ritorno

      Capire cosa influenza il comportamento degli animali può aiutare a creare un ambiente di lavoro più sicuro. La genetica e le risposte apprese (condizionamento operante) influenzano il modo in cui un animale si comporta. Alcune razze di tori sono generalmente più docili di altre (influenza genetica). Un animale che ha esitato o si è rifiutato di entrare in un'area, e riesce a non farlo, probabilmente si rifiuterà di farlo la volta successiva. Con ripetuti tentativi diventerà più agitato e pericoloso. Gli animali rispondono al modo in cui vengono trattati e attingono alle esperienze passate quando reagiscono a una situazione. Gli animali che vengono inseguiti, schiaffeggiati, presi a calci, picchiati, sgridati, spaventati e così via, avranno naturalmente un senso di paura quando un essere umano è vicino. Pertanto, è importante fare tutto il possibile per rendere il movimento degli animali un successo al primo tentativo e il più possibile privo di stress per l'animale.

      Gli animali domestici che vivono in condizioni abbastanza uniformi sviluppano abitudini che si basano sul fare la stessa cosa ogni giorno a un'ora specifica. Confinare i tori in un paddock e dar loro da mangiare consente loro di abituarsi agli umani e può essere utilizzato con sistemi di accoppiamento con confinamento dei tori. Le abitudini sono anche causate da cambiamenti regolari delle condizioni ambientali, come fluttuazioni di temperatura o umidità quando la luce del giorno si trasforma in oscurità. Gli animali sono più attivi al momento del massimo cambiamento, che è all'alba o al tramonto, e meno attivi nel bel mezzo della giornata o della notte. Questo fattore può essere utilizzato vantaggiosamente nel movimento o nel lavoro degli animali.

      Come gli animali allo stato brado, gli animali domestici possono proteggere i territori. Durante l'alimentazione, questo può apparire come un comportamento aggressivo. Gli studi hanno dimostrato che il mangime distribuito in zone ampie e imprevedibili elimina il comportamento territoriale del bestiame. Quando il mangime è distribuito in modo uniforme o secondo schemi prevedibili, può provocare lotte da parte degli animali per assicurarsi il mangime ed escluderne altri. La protezione territoriale può verificarsi anche quando a un toro è permesso di rimanere con la mandria. Il toro può vedere la mandria e l'areale che copre come il suo territorio, il che significa che lo difenderà da minacce percepite e reali, come umani, cani e altri animali. L'introduzione di un nuovo o strano toro in età riproduttiva nella mandria si traduce quasi sempre in una lotta per stabilire il maschio dominante.

      I tori, poiché hanno gli occhi ai lati della testa, hanno una visione panoramica e una percezione della profondità molto ridotta. Ciò significa che possono vedere circa 270° intorno a loro, lasciando un punto cieco direttamente dietro di loro e proprio davanti al loro naso (vedi figura 1). Movimenti improvvisi o inaspettati da dietro possono "spaventare" l'animale perché non possono determinare la vicinanza o la gravità della minaccia percepita. Ciò può causare una risposta "fuggi o combatti" nell'animale. Poiché i bovini hanno una scarsa percezione della profondità, possono anche essere facilmente spaventati da ombre e movimenti al di fuori delle aree di lavoro o di stazionamento. Le ombre che cadono all'interno dell'area di lavoro possono apparire come un buco all'animale, che può farlo esitare. I bovini sono daltonici, ma percepiscono i colori come diverse sfumature di bianco e nero.

      Molti animali sono sensibili al rumore (rispetto agli esseri umani), soprattutto alle alte frequenze. Rumori forti e improvvisi, come cancelli di metallo che si chiudono, scivoli per la testa che si chiudono e/o urla umane possono causare stress negli animali.

      Figura 1. Visione panoramica del bestiame

      LIV140F1

       

      Di ritorno

      Lunedi, 28 marzo 2011 19: 15

      Gestione del letame e dei rifiuti

      L'importanza della gestione dei rifiuti è aumentata con l'aumentare dell'intensità della produzione agricola nelle aziende agricole. I rifiuti della produzione animale sono dominati dal letame, ma comprendono anche lettiere e rifiuti, mangime, acqua e suolo sprecati. La tabella 1 elenca alcune caratteristiche rilevanti del letame; i rifiuti umani sono inclusi sia per confronto sia perché anch'essi devono essere trattati in un'azienda agricola. L'elevato contenuto organico del letame fornisce un eccellente mezzo di crescita per i batteri. L'attività metabolica dei batteri consumerà ossigeno e manterrà il letame immagazzinato in uno stato anaerobico. L'attività metabolica anaerobica può produrre una serie di ben noti sottoprodotti gassosi tossici, tra cui anidride carbonica, metano, idrogeno solforato e ammoniaca.

      Tabella 1. Proprietà fisiche del letame escreto al giorno per 1,000 libbre di peso animale, esclusa l'umidità.

       

      Peso (libbre)

      Volume (ft3)

      Volatili (lb)

      Umidità (%)


             

      Come espulso

      Come memorizzato

      Mucca da latte

      80-85

      1.3

      1.4-1.5

      85-90

      > 98

      Vacca da carne

      51-63

      0.8-1.0

      5.4-6.4

      87-89

      45-55

      Maiale (allevatore)

      63

      1.0

      5.4

      90

      91

      Scrofa (gestazione)

      27

      0.44

      2.1

      91

      97

      Scrofa e maialini

      68

      1.1

      6.0

      90

      96

      galline ovaiole

      60

      0.93

      10.8

      75

      50

      Broilers

      80

      1.3

      15

      75

      24

      tacchini

      44

      0.69

      9.7

      75

      34

      Agnello (pecora)

      40

      0.63

      8.3

      75

      -

      Human

      30

      0.55

      1.9

      89

      99.5

      Fonte: USDA 1992.

      Processi di gestione

      La gestione del letame comporta la sua raccolta, una o più operazioni di conferimento, stoccaggio e/o trattamento facoltativo ed eventualmente utilizzazione. Il contenuto di umidità del letame elencato nella tabella 1 ne determina la consistenza. Rifiuti di diversa consistenza richiedono diverse tecniche di gestione e quindi possono presentare diversi rischi per la salute e la sicurezza (USDA 1992). Il volume ridotto di letame solido oa bassa umidità generalmente consente minori costi di attrezzatura e requisiti energetici, ma i sistemi di movimentazione non sono facilmente automatizzabili. La raccolta, il trasferimento e gli eventuali trattamenti facoltativi dei rifiuti liquidi sono più facilmente automatizzati e richiedono meno attenzioni quotidiane. Lo stoccaggio del letame diventa sempre più obbligatorio con l'aumentare della variabilità stagionale delle colture locali; il metodo di stoccaggio deve essere dimensionato per soddisfare il tasso di produzione e il programma di utilizzo, prevenendo al contempo danni ambientali, in particolare dal deflusso dell'acqua. Le opzioni per l'utilizzo includono l'uso come nutrienti per le piante, pacciame, mangime per animali, lettiera o una fonte per produrre energia.

      Produzione di letame

      Le vacche da latte sono generalmente allevate sui pascoli, tranne quando si trovano in aree di detenzione per la pre e post mungitura e durante gli estremi stagionali. L'uso dell'acqua per la pulizia nelle operazioni di mungitura può variare da 5 a 10 galloni al giorno per vacca, dove non è praticato lo scarico dei rifiuti, a 150 galloni al giorno per vacca dove lo è. Pertanto, il metodo utilizzato per la pulizia ha una forte influenza sul metodo scelto per il trasporto, lo stoccaggio e l'utilizzo del letame. Poiché la gestione dei bovini da carne richiede meno acqua, il letame bovino viene più spesso trattato come solido o semisolido. Il compostaggio è un metodo di stoccaggio e trattamento comune per tali rifiuti secchi. Anche l'andamento locale delle precipitazioni influenza fortemente lo schema di gestione dei rifiuti preferito. Gli allevamenti eccessivamente asciutti tendono a produrre un problema di polvere e odore sottovento.

      I maggiori problemi per i suini allevati su pascoli tradizionali sono il controllo del deflusso e dell'erosione del suolo a causa della natura gregaria dei suini. Un'alternativa è la costruzione di porcilaie semichiuse con lotti pavimentati, che facilitano anche la separazione dei rifiuti solidi e liquidi; i solidi richiedono alcune operazioni di trasferimento manuale, ma i liquidi possono essere gestiti per gravità. I sistemi di gestione dei rifiuti per edifici di produzione completamente chiusi sono progettati per raccogliere e immagazzinare automaticamente i rifiuti in forma prevalentemente liquida. Il bestiame che gioca con i propri abbeveratoi può aumentare i volumi di rifiuti suini. Lo stoccaggio del letame avviene generalmente in fosse anaerobiche o lagune.

      Gli impianti avicoli si dividono generalmente in quelli per la produzione di carne (tacchini e polli da carne) e di uova (ovaiole). I primi vengono allevati direttamente su lettiera preparata, che mantiene il letame in uno stato relativamente secco (dal 25 al 35% di umidità); l'unica operazione di travaso è la rimozione meccanica, generalmente una sola volta all'anno, e il trasporto direttamente in campo. Le galline sono alloggiate in gabbie sovrapposte senza lettiera; il loro letame può essere lasciato raccogliere in pile profonde per la rimozione meccanica poco frequente o essere automaticamente lavato o raschiato in una forma liquida molto simile al letame suino.

      La consistenza dei rifiuti della maggior parte degli altri animali, come pecore, capre e cavalli, è in gran parte solida; la principale eccezione sono i vitelli da carne, a causa della loro dieta liquida. I rifiuti dei cavalli contengono un'elevata frazione di lettiera e possono contenere parassiti interni, il che ne limita l'utilizzo sui pascoli. I rifiuti di piccoli animali, roditori e uccelli possono contenere organismi patogeni che possono essere trasmessi all'uomo. Tuttavia, gli studi hanno dimostrato che i batteri fecali non sopravvivono con il foraggio (Bell, Wilson e Dew 1976).

      Rischi di stoccaggio

      Gli impianti di stoccaggio dei rifiuti solidi devono comunque controllare il deflusso dell'acqua e la lisciviazione nelle acque superficiali e sotterranee. Pertanto, dovrebbero essere lastricati o fosse pavimentate (che possono essere stagni stagionali) o recinti coperti.

      Lo stoccaggio di liquidi e liquami è sostanzialmente limitato a stagni, lagune, pozzi o serbatoi sia sotto terra che fuori terra. Lo stoccaggio a lungo termine coincide con il trattamento in loco, generalmente mediante digestione anaerobica. La digestione anaerobica ridurrà i solidi volatili indicati nella tabella 1, riducendo anche gli odori emanati dall'eventuale utilizzo. Strutture di contenimento sotterranee non sorvegliate possono causare lesioni o decessi per ingresso accidentale e cadute (Knoblauch et al. 1996).

      Il trasferimento di liquami presenta un rischio molto variabile da mercaptani prodotti dalla digestione anaerobica. È stato dimostrato che i mercaptani (gas contenenti zolfo) contribuiscono maggiormente all'odore del letame e sono tutti piuttosto tossici (Banwart e Brenner 1975). Forse il più pericoloso degli effetti di H2S mostrata nella tabella 2 è la sua capacità insidiosa di paralizzare il senso dell'olfatto nell'intervallo da 50 a 100 ppm, rimuovendo la capacità sensoriale di rilevare livelli più elevati e rapidamente tossici. Lo stoccaggio di liquidi per un minimo di 1 settimana è sufficiente per avviare la produzione anaerobica di mercaptani tossici. Si ritiene che le principali differenze nei tassi di generazione di gas di letame a lungo termine siano dovute a variazioni incontrollate nelle differenze chimiche e fisiche all'interno del letame immagazzinato, come temperatura, pH, ammoniaca e carico organico (Donham, Yeggy e Dauge 1985).

       

      Tabella 2. Alcuni importanti parametri tossicologici per l'idrogeno solforato (H2S)

      Riferimento fisiologico o normativo

      Parti per milione (ppm)

      Soglia di rilevamento degli odori (odore di uova marce)

      .01-.1

      Odore offensivo

      3-5

      TLV-TWA = limite di esposizione consigliato

      10

      TLV-STEL = limite di esposizione consigliato di 15 minuti

      15

      Paralisi olfattiva (non può essere annusata)

      50-100

      Bronchite (tosse secca)

      100-150

      IDLH (polmonite ed edema polmonare)

      100

      Arresto respiratorio rapido (morte in 1-3 respiri)

      1,000-2,000

      TLV-TWA = Valori limite di soglia – Media ponderata nel tempo; STEL = Livello di esposizione a breve termine; IDLH = Immediatamente pericoloso per la vita e la salute.

      Il rilascio normalmente lento di questi gas durante lo stoccaggio aumenta notevolmente se il liquame viene agitato per risospendere i fanghi che si accumulano sul fondo. H2Sono state riportate concentrazioni di S di 300 ppm (Panti e Clark 1991) e sono state misurate 1,500 ppm durante l'agitazione del liquame. Le velocità di rilascio del gas durante l'agitazione sono troppo elevate per essere controllate dalla ventilazione. È molto importante rendersi conto che la digestione anaerobica naturale è incontrollata e quindi altamente variabile. La frequenza di sovraesposizioni gravi e fatali può essere prevista statisticamente, ma non in ogni singolo sito o momento. Un'indagine tra i produttori di latte in Svizzera ha riportato una frequenza di circa un incidente da gas di letame ogni 1,000 persone/anno (Knoblauch et al. 1996). Le precauzioni di sicurezza sono necessarie ogni volta che si pianifica l'agitazione per evitare l'evento insolitamente pericoloso. Se l'operatore non agita, il fango si accumulerà fino a dover essere rimosso meccanicamente. Tale fango dovrebbe essere lasciato asciugare prima che qualcuno entri fisicamente in una fossa chiusa. Ci dovrebbe essere un programma scritto per spazi confinati.

      Alternative raramente utilizzate agli stagni anaerobici includono uno stagno aerobico, uno stagno facoltativo (uno che utilizza batteri che possono crescere sia in condizioni aerobiche che anaerobiche), l'essiccazione (disidratazione), il compostaggio o un digestore anaerobico per biogas (USDA 1992). Le condizioni aerobiche possono essere create mantenendo la profondità del liquido non superiore a 60-150 cm o mediante aerazione meccanica. L'aerazione naturale occupa più spazio; l'aerazione meccanica è più costosa, così come le pompe di circolazione di un laghetto facoltativo. Il compostaggio può essere effettuato in andane (file di letame che devono essere rivoltate ogni 2-10 giorni), un cumulo statico ma aerato o un recipiente appositamente costruito. L'elevato contenuto di azoto del letame deve essere ridotto miscelando un emendamento ad alto tenore di carbonio che sosterrà la crescita microbica termofila necessaria per il compostaggio per controllare gli odori e rimuovere i patogeni. Il compostaggio è un metodo economico per il trattamento di piccole carcasse, se le ordinanze locali lo consentono. Si veda anche l'articolo “Operazioni di smaltimento rifiuti” in altra sede Enciclopedia. Se non è disponibile un impianto di rendering o smaltimento, altre opzioni includono l'incenerimento o l'interramento. Il loro trattamento tempestivo è importante per controllare la malattia della mandria o del gregge. I rifiuti di suini e pollame sono particolarmente sensibili alla produzione di metano, ma questa tecnica di utilizzo non è ampiamente adottata.

      Croste spesse possono formarsi sopra il letame liquido e apparire solide. Un lavoratore può camminare su questa crosta, sfondare e annegare. I lavoratori possono anche scivolare e cadere nel letame liquido e annegare. È importante mantenere l'attrezzatura di soccorso vicino al sito di stoccaggio del liquame ed evitare di lavorare da soli. Alcuni gas di letame, come il metano, sono esplosivi e i cartelli "vietato fumare" dovrebbero essere affissi all'interno o intorno all'edificio di stoccaggio del letame (Deere & Co. 1994).

      Rischi dell'applicazione

      Il trasferimento e l'utilizzo del letame secco può essere manuale o con ausili meccanici come un caricatore frontale, un caricatore a skid-steer e uno spandiletame, ognuno dei quali presenta un rischio per la sicurezza. Il letame viene sparso sul terreno come fertilizzante. Gli spargiletame sono generalmente trainati dietro un trattore e alimentati da una presa di forza (PTO) dal trattore. Si classificano in quattro tipologie: scatolate con battitori posteriori, flagelli, vasca a V con scarico laterale e vasca chiusa. I primi due servono per applicare il letame solido; lo spandiconcime con serbatoio a V viene utilizzato per applicare concime liquido, liquame o solido; e lo spandiconcime a serbatoio chiuso viene utilizzato per applicare il liquame. Gli spandiconcime gettano il letame su vaste aree sia posteriormente che lateralmente. I pericoli includono i macchinari, la caduta di oggetti, la polvere e gli aerosol. Diverse procedure di sicurezza sono elencate nella tabella 3.

       


      Tabella 3. Alcune procedure di sicurezza relative agli spandiletame

       

      1. Solo una persona deve azionare la macchina per evitare l'attivazione involontaria da parte di un'altra persona.

      2. Tenere i lavoratori lontani da prese di forza attive (PTO), battitori, coclee ed espulsori.

      3. Mantenere tutte le protezioni e gli scudi.

      4. Tenere le persone lontane dal retro e dai lati dello spandiconcime, che possono proiettare oggetti pesanti mescolati nel letame fino a 30 m.

      5. Evitare operazioni di scollegamento pericolose impedendo l'intasamento dello spargitore:

      • Tenere pietre, assi e altri oggetti lontani dallo spargitore.
      • In caso di gelo, assicurarsi che i flagelli e le catene sugli spargitori di tipo a flagelli siano allentati e non congelati prima dell'uso.
      • Mantenere in buone condizioni operative le catene e i battitori degli spandiconcime sostituendo le catene tese ed evitando di far cadere carichi di letame congelato sulle catene dello spandiconcime.
      • Non entrare mai in uno spargitore in funzione per pulirlo.
      • Mantenere la coclea di scarico e l'espulsore di scarico sugli spargitori con serbatoio a V in modo che funzionino liberamente.
      • Quando fa freddo, pulire l'interno dello spandiconcime in modo che il letame umido non congeli le parti in movimento.

       

      6. Utilizzare buone pratiche di sicurezza del trattore e della presa di forza.

      7. Assicurarsi che la valvola di sfiato sugli spargitori a serbatoio chiuso sia operativa per evitare pressioni eccessive.

      8. Quando si sgancia lo spargitore dal trattore, assicurarsi che il martinetto che sostiene il peso della linguetta dello spargitore sia sicuro e bloccato per evitare che lo spargitore cada.

      9. Quando lo spargitore crea polvere o aerosol nell'aria, utilizzare una protezione respiratoria.

      Fonte: Deere & Co. 1994.


       

       

      Di ritorno

      Alimentazione

        1. Utilizzare una ventilazione adeguata negli edifici e nei silos.
        2. Mantenere chiusi e chiusi gli ingressi alle aree di stoccaggio di cereali, mangimi e insilati.
        3. Affiggere segnali di avvertimento nelle aree di stoccaggio dei mangimi e degli insilati sul pericolo di intrappolamento nel grano che scorre o nei mangimi.
        4. Mantenere le scale per silos e contenitori in buone condizioni.
        5. Schermare gli ingressi della coclea per evitare il contatto con le coclee.
        6. Coprire le vasche di carico su coclee, elevatori e nastri trasportatori con griglia.
        7. Prestare attenzione durante lo spostamento di coclee ed elevatori; controllare le linee elettriche aeree.
        8. Assicurarsi che gli schermi siano in posizione per tutte le apparecchiature di alimentazione, macinazione e altre attrezzature.
        9. Sii consapevole degli effetti sulla salute della respirazione di polvere organica e informa il tuo medico della recente esposizione alla polvere quando cerchi un trattamento per malattie respiratorie.
        10. Utilizzare attrezzature automatizzate o meccanizzate per spostare i materiali in decomposizione.
        11. Utilizzare il contenimento della fonte, la ventilazione di scarico locale e metodi umidi per controllare la polvere organica.
        12. Utilizzare una protezione respiratoria adeguata quando l'esposizione alla polvere è inevitabile.

                         

                        Manovrabilità

                        1. Stabilire buoni programmi di igiene, vaccinazione e inoculazione.
                        2. Quando lavori con gli animali, pianifica un'uscita di fuga; avere almeno due vie d'uscita.
                        3. I gestori di bestiame dovrebbero avere abbastanza forza ed esperienza per il lavoro.
                        4. Evita di lavorare con gli animali quando sei stanco.
                        5. Fai attenzione quando ti avvicini agli animali per non spaventarli.
                        6. Conosci gli animali e sii paziente con loro.
                        7. Dehorn animali pericolosi.
                        8. Affiggere segnali di avvertimento dove sono immagazzinati i prodotti chimici; chiudili in una stanza o in un armadio.
                        9. Mescolare tutti i prodotti chimici all'esterno o in un'area ben ventilata.
                        10. Fai attenzione quando guidi gli animali.
                        11. Indossa guanti di gomma quando tratti animali malati.
                        12. Vaccinare gli animali e mettere in quarantena gli animali malati.
                        13. Lavarsi le mani dopo il contatto con vitelli con diarrea (pesci).

                                         

                                        Contenimento e custodia

                                          1. Assicurati che tutti i recinti, i cancelli, gli scivoli di carico e le recinzioni siano in buone condizioni e abbastanza resistenti da contenere l'animale.
                                          2. Non consentire il fumo di tabacco intorno ai fabbricati agricoli e alle aree di stoccaggio e rifornimento di carburante; affiggere cartelli “vietato fumare” in queste aree.
                                          3. Mantenere gli estintori di tipo ABC completamente carichi nei principali fabbricati agricoli.
                                          4. Rimuovere rifiuti e detriti attorno agli edifici per prevenire incendi e cadute.
                                          5. Mantenere tutti gli edifici in buono stato.
                                          6. Mantenere i cavi elettrici in buone condizioni.
                                          7. Utilizzare un'illuminazione adeguata in tutti gli edifici.
                                          8. Mantenere i pavimenti puliti e privi di cemento rotto e aree scivolose.

                                                         

                                                        Smaltimento dei rifiuti

                                                          1. Smaltire correttamente tutti i contenitori di sostanze chimiche seguendo le indicazioni sull'etichetta.
                                                          2. Installare tubi di sfiato e ventilatori di scarico nelle fosse di letame.

                                                             

                                                            Di ritorno

                                                            Lunedi, 28 marzo 2011 19: 23

                                                            Prodotti lattiero-caseari

                                                            L'allevatore è uno specialista dell'allevamento il cui obiettivo è ottimizzare la salute, la nutrizione e il ciclo riproduttivo di una mandria di mucche con l'obiettivo finale della massima produzione di latte. I principali fattori determinanti dell'esposizione dell'agricoltore ai rischi sono le dimensioni dell'azienda agricola e della mandria, il bacino di manodopera, la geografia e il grado di meccanizzazione. Un caseificio può essere una piccola azienda familiare che munge 20 o meno mucche al giorno, oppure può essere un'operazione aziendale che utilizza tre turni di lavoratori per nutrire e mungere migliaia di mucche XNUMX ore su XNUMX. Nelle regioni del mondo dove il clima è abbastanza mite, il bestiame può essere alloggiato in stalle aperte con tetti e pareti minime. In alternativa, in alcune regioni le stalle devono essere ben chiuse per preservare un calore sufficiente a proteggere gli animali e i sistemi di abbeveraggio e mungitura. Tutti questi fattori contribuiscono alla variabilità del profilo di rischio dell'allevatore. Tuttavia, ci sono una serie di pericoli che la maggior parte delle persone che lavorano nell'allevamento di latte in tutto il mondo incontreranno almeno in una certa misura.

                                                            Pericoli e precauzioni

                                                            Rumore

                                                            Un potenziale pericolo che si riferisce chiaramente al grado di meccanizzazione è il rumore. Negli allevamenti da latte, i livelli di rumore nocivo sono comuni e sempre correlati a qualche tipo di dispositivo meccanico. I principali trasgressori fuori dalla stalla sono trattori e motoseghe. I livelli di rumore di queste fonti sono spesso pari o superiori all'intervallo di 90-100 dBA. All'interno della stalla, altre fonti di rumore includono trincia lettiera, piccole pale compatte e pompe a vuoto per tubazioni di mungitura. Anche in questo caso le pressioni sonore possono superare quei livelli generalmente considerati dannosi per l'orecchio. Sebbene gli studi sulla perdita dell'udito indotta dal rumore negli allevatori siano limitati nel numero, essi si combinano per mostrare un modello convincente di deficit uditivi che colpiscono prevalentemente le frequenze più alte. Queste perdite possono essere piuttosto consistenti e si verificano molto più frequentemente negli agricoltori di tutte le età che nei controlli non agricoli. In molti degli studi, le perdite erano più notevoli nell'orecchio sinistro rispetto a quello destro, forse perché gli agricoltori trascorrono gran parte del loro tempo con l'orecchio sinistro rivolto verso il motore e la marmitta quando guidano con un attrezzo. La prevenzione di queste perdite può essere ottenuta mediante sforzi diretti all'abbattimento e all'attenuazione del rumore e all'istituzione di un programma di conservazione dell'udito. Certamente, l'abitudine di indossare dispositivi di protezione dell'udito, che si tratti di cuffie o tappi per le orecchie, può aiutare sostanzialmente a ridurre il rischio di perdita dell'udito indotta dal rumore della prossima generazione.

                                                            Sostanze chimiche

                                                            L'allevatore entra in contatto con alcuni prodotti chimici che si trovano comunemente in altri tipi di agricoltura, così come alcuni specifici per l'industria lattiero-casearia, come quelli utilizzati per la pulizia del sistema di mungitura automatizzata sottovuoto. Questa tubazione deve essere pulita efficacemente prima e dopo ogni utilizzo. Comunemente questo viene fatto lavando prima il sistema con una soluzione di sapone alcalino molto forte (tipicamente idrossido di sodio al 35%), seguita da una soluzione acida come acido fosforico al 22.5%. Sono state osservate numerose lesioni associate a queste sostanze chimiche. Le fuoriuscite hanno provocato ustioni cutanee significative. Gli schizzi possono danneggiare la cornea o la congiuntiva degli occhi non protetti. Tragica ingestione accidentale, spesso da parte di bambini piccoli, che può verificarsi quando questi materiali vengono pompati in una tazza e poi lasciati brevemente incustoditi. Queste situazioni possono essere prevenute al meglio mediante l'uso di un sistema di risciacquo chiuso e automatizzato. In assenza di un sistema automatizzato, devono essere prese precauzioni per limitare l'accesso a queste soluzioni. I misurini devono essere chiaramente etichettati, riservati solo a questo scopo, mai lasciati incustoditi e risciacquati accuratamente dopo ogni utilizzo.

                                                            Come altri che lavorano con il bestiame, gli allevatori possono essere esposti a una varietà di agenti farmaceutici che vanno dagli antibiotici e agenti progestinici agli inibitori delle prostaglandine e agli ormoni. A seconda del paese, gli allevatori possono anche utilizzare fertilizzanti, erbicidi e insetticidi con vari gradi di intensità. In generale, l'allevatore utilizza questi prodotti agrochimici in modo meno intensivo rispetto alle persone che lavorano in altri tipi di allevamento. Tuttavia, è necessaria la stessa cura nella miscelazione, applicazione e conservazione di questi materiali. Tecniche di applicazione appropriate e indumenti protettivi sono importanti per l'allevatore come chiunque altro lavori con questi composti.

                                                            Rischi ergonomici

                                                            Sebbene i dati sulla prevalenza di tutti i problemi muscoloscheletrici siano attualmente incompleti, è chiaro che gli allevatori hanno un rischio maggiore di artrite dell'anca e del ginocchio rispetto ai non allevatori. Allo stesso modo, anche il loro rischio di problemi alla schiena può essere elevato. Sebbene non sia ben studiato, non c'è dubbio che l'ergonomia sia un grosso problema. L'agricoltore può trasportare abitualmente pesi superiori a 40 kg, spesso in aggiunta al considerevole peso corporeo personale. La guida del trattore produce un'abbondante esposizione alle vibrazioni. Tuttavia, è la parte del lavoro dedicata alla mungitura che sembra ergonomicamente più significativa. Un allevatore può piegarsi o chinarsi da 4 a 6 volte durante la mungitura di una singola vacca. Questi movimenti vengono ripetuti con ciascuna di un certo numero di mucche due volte al giorno per decenni. Il trasporto dell'attrezzatura di mungitura da una stalla all'altra impone un ulteriore carico ergonomico sulle estremità superiori. Nei paesi in cui la mungitura è meno meccanizzata, il carico ergonomico per l'allevatore potrebbe essere diverso, ma è comunque probabile che rifletta un notevole sforzo ripetitivo. Una potenziale soluzione in alcuni paesi è il passaggio alle sale di mungitura. In questo ambiente l'agricoltore può mungere un certo numero di mucche contemporaneamente rimanendo diversi piedi sotto di loro nella fossa centrale della sala di mungitura. Ciò elimina la curvatura e la flessione, nonché il carico dell'estremità superiore del trasporto dell'attrezzatura da uno stallo all'altro. Quest'ultimo problema è affrontato anche dai sistemi di binari aerei introdotti in alcuni paesi scandinavi. Questi sostengono il peso dell'attrezzatura di mungitura durante gli spostamenti tra le stalle e possono anche fornire un comodo sedile per il mungitore. Anche con queste potenziali soluzioni, resta ancora molto da imparare sui problemi ergonomici e sulla loro risoluzione nell'allevamento da latte.

                                                            Polvere

                                                            Un problema strettamente collegato è quello delle polveri organiche. Si tratta di un materiale complesso, spesso allergenico e generalmente onnipresente negli allevamenti. La polvere ha spesso alte concentrazioni di endotossina e può contenere beta-glucani, istamina e altri materiali biologicamente attivi (Olenchock et al. 1990). I livelli di polvere totale e respirabile possono superare i 50 mg/m3 e 5 mg/m3, rispettivamente, con determinate operazioni. Questi più comunemente comportano il lavoro con mangime o lettiera contaminati da microbi all'interno di uno spazio chiuso come un fienile, un fienile, un silo o un silo per cereali. L'esposizione a questi livelli di polvere può provocare problemi acuti come ODTS o polmonite da ipersensibilità ("malattia polmonare del contadino"). L'esposizione cronica può anche svolgere un ruolo nell'asma, nella malattia polmonare degli agricoltori e nella bronchite cronica, che sembra verificarsi con un tasso doppio rispetto a una popolazione non agricola (Rylander e Jacobs 1994). I tassi di prevalenza di alcuni di questi problemi sono più elevati negli ambienti in cui è probabile che i livelli di umidità nel mangime siano elevati e nelle aree in cui le stalle sono più strettamente chiuse a causa dei requisiti climatici. Varie pratiche agricole come l'essiccazione del fieno e la scuotitura manuale del mangime per gli animali, e la scelta del materiale per la lettiera, possono essere i principali determinanti dei livelli sia della polvere che delle malattie associate. Gli agricoltori possono spesso escogitare una serie di tecniche per ridurre al minimo la quantità di crescita eccessiva microbica o la sua successiva aerosolizzazione. Gli esempi includono l'uso di segatura, giornali e altri materiali alternativi per la lettiera al posto del fieno modellato. Se si utilizza il fieno, l'aggiunta di un litro d'acqua alla superficie di taglio della balla riduce al minimo la polvere generata da un trinciapaglia meccanico. La tappatura dei silos verticali con fogli di plastica o teloni senza alimentazione aggiuntiva sopra questo strato riduce al minimo la polvere della successiva disopercolatura. L'uso di piccole quantità di umidità e/o ventilazione in situazioni in cui è probabile che si generi polvere è spesso possibile. Infine, gli agricoltori devono prevedere potenziali esposizioni alla polvere e utilizzare un'adeguata protezione respiratoria in queste situazioni.

                                                            Allergeni

                                                            Gli allergeni possono rappresentare una problematica per la salute di alcuni allevatori. I principali allergeni sembrano essere quelli che si incontrano nelle stalle, tipicamente forfora di animali e "acari di stoccaggio" che vivono nei mangimi immagazzinati nelle stalle. Uno studio ha esteso il problema degli acari oltre la stalla, trovando popolazioni considerevoli di queste specie che vivono anche all'interno delle fattorie (van Hage-Hamsten, Johansson e Hogland 1985). L'allergia agli acari è stata confermata come un problema in diverse parti del mondo, spesso con diverse specie di acari. La reattività a questi acari, al pelo di vacca ea molteplici altri allergeni meno significativi, si traduce in diverse manifestazioni allergiche (Marx et al. 1993). Questi includono l'insorgenza immediata di irritazione nasale e oculare, la dermatite allergica e, cosa di maggiore preoccupazione, l'asma occupazionale mediata da allergia. Ciò può manifestarsi come reazione immediata o ritardata (fino a 12 ore) e può manifestarsi in soggetti di cui non era nota la presenza di asma. È preoccupante perché il coinvolgimento dell'allevatore nelle attività di stalla è quotidiano, intenso e per tutta la vita. Con questa ri-sfida allergica quasi continua, è probabile che in alcuni allevatori si veda asma progressivamente più grave. La prevenzione include l'eliminazione della polvere, che è l'intervento più efficace e, purtroppo, più difficile per la maggior parte degli allevatori. I risultati delle terapie mediche, inclusi colpi di allergia, steroidi topici o altri agenti antinfiammatori e sollievo sintomatico con broncodilatatori, sono stati contrastanti.

                                                             

                                                            Di ritorno

                                                            Pagina 1 di 2

                                                            " DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

                                                            Contenuti