Banner 10

 

72. Industria della carta e della cellulosa

Redattori di capitoli: Kay Teschke e Paul Demers


Sommario

Tabelle e figure

Profilo generale
Kay Teschke

Principali settori e processi

Fonti di fibre per pasta di legno e carta
Anya Keefe e Kay Teschke

Manipolazione del legno
Anya Keefe e Kay Teschke

Spappolando
Anya Keefe, George Astrakianakis e Judith Anderson

sbiancante
George Astrakianakis e Judith Anderson

Operazioni con carta riciclata
Dick Heederik

Produzione e trasformazione di lastre: cellulosa, carta, cartone
George Astrakianakis e Judith Anderson

Generazione di energia e trattamento delle acque
George Astrakianakis e Judith Anderson

Produzione di prodotti chimici e sottoprodotti
George Astrakianakis e Judith Anderson

Rischi e controlli sul lavoro
Kay Teschke, George Astrakianakis, Judith Anderson, Anya Keefe e Dick Heederik

Modelli di malattia e infortunio

Lesioni e malattie non maligne
Susan Kennedy e Kjell Torén

Cancro
Kjell Torén e Kay Teschke

Problemi ambientali e di salute pubblica
Anya Keefe e Kay Teschke

tavoli

Fare clic su un collegamento sottostante per visualizzare la tabella nel contesto dell'articolo.

1. Occupazione e produzione in paesi selezionati (1994)
2. Costituenti chimici delle fonti di cellulosa e fibre di carta
3. Agenti sbiancanti e loro condizioni d'uso
4. Additivi per la fabbricazione della carta
5. Potenziali rischi per la salute e la sicurezza per area di processo
6. Studi su cancro del polmone e dello stomaco, linfoma e leucemia
7. Sospensioni e domanda biologica di ossigeno nel macero

Cifre

Punta su una miniatura per vedere la didascalia della figura, fai clic per vedere la figura nel contesto dell'articolo.

PPI010F1PPI010F2PPI010F3PPI010F4PPI020F1PPI030F1PPI020F1PPI040F1PPI040F2PPI070F1PPI070F2PPI100F1PPI140F1


Fare clic per tornare all'inizio della pagina

bambini categorie

Lunedi, 28 marzo 2011 20: 02

Fonti di fibre per pasta di legno e carta

La struttura di base dei fogli di cellulosa e carta è un feltro di fibre di cellulosa tenuto insieme da legami idrogeno. La cellulosa è un polisaccaride con da 600 a 1,500 unità di zucchero ripetute. Le fibre hanno un'elevata resistenza alla trazione, assorbono gli additivi utilizzati per modificare la polpa nei prodotti di carta e cartone, e sono elastiche, chimicamente stabili e bianche. Lo scopo della spappolatura è separare le fibre di cellulosa dagli altri componenti della fonte di fibre. Nel caso del legno, questi includono emicellulose (con 15-90 unità zuccherine ripetute), lignine (unità altamente polimerizzate e complesse, principalmente fenilpropano; agiscono come la "colla" che cementa insieme le fibre), estrattivi (grassi, cere , alcoli, fenoli, acidi aromatici, oli essenziali, oleoresine, stearols, alcaloidi e pigmenti), e minerali e altre sostanze inorganiche. Come mostrato nella tabella 1, le proporzioni relative di questi componenti variano a seconda della fonte di fibre.

Tabella 1. Costituenti chimici delle fonti di cellulosa e fibre di carta (%)

 

Conifere

Hardwoods

Cannuccia

Bambù

Cotone

Carboidrati

         

a-cellulosa

38-46

38-49

28-42

26-43

80-85

emicellulosa

23-31

20-40

23-38

15-26

nd

La lignina

22-34

16-30

12-21

20-32

nd

Estratti

1-5

2-8

1-2

0.2-5

nd

Minerali e altro
inorganici


0.1-7


0.1-11


3-20


1-10


0.8-2

nd = nessun dato disponibile.

Le conifere e le latifoglie sono le principali fonti di fibre per la cellulosa e la carta. Le fonti secondarie includono cannucce di grano, segale e riso; canne, come la bagassa; steli legnosi di bambù, lino e canapa; e fibre di semi, foglie o rafia, come cotone, abaca e sisal. La maggior parte della pasta di cellulosa è ricavata da fibre vergini, ma la carta riciclata rappresenta una quota crescente della produzione, passando dal 20% nel 1970 al 33% nel 1991. tonnellate, figura 88); pertanto, la descrizione dei processi di cellulosa e carta nel seguente articolo si concentra sulla produzione a base di legno. I principi di base si applicano anche ad altre fibre.

Figura 1. Capacità mondiali di cellulosa, per tipo di cellulosa

PPI020F1

 

Di ritorno

Lunedi, 28 marzo 2011 20: 06

Manipolazione del legno

Il legno può arrivare a un deposito di segheria sotto forma di tronchi grezzi o come trucioli da una segheria. Alcune operazioni di cartiera hanno segherie in loco (spesso chiamate "woodrooms") che producono sia legname commerciabile che scorte per la cartiera. La segheria è discussa in dettaglio nel capitolo Legname. Questo articolo discute quegli elementi della preparazione del legno che sono specifici delle operazioni di produzione della pasta per carta.

L'area di preparazione del legno di una cartiera ha diverse funzioni di base: ricevere e dosare la fornitura di legno per il processo di spappolatura alla velocità richiesta dalla cartiera; preparare il legno in modo che soddisfi le specifiche di alimentazione del molino per specie, pulizia e dimensioni; e di raccogliere l'eventuale materiale scartato dalle precedenti operazioni ed avviarlo allo smaltimento finale. Il legno viene trasformato in trucioli o tronchi adatti alla spappolatura in una serie di passaggi che possono includere la scortecciatura, la segatura, la scheggiatura e la vagliatura.

I tronchi vengono scortecciati perché la corteccia contiene poca fibra, ha un alto contenuto di estrattivi, è scura e spesso porta grandi quantità di sabbia. La scortecciatura può essere effettuata idraulicamente con getti d'acqua ad alta pressione, oppure meccanicamente sfregando i tronchi l'uno contro l'altro o con utensili da taglio metallici. Scortecciatrici idrauliche possono essere utilizzate nelle zone costiere; tuttavia, l'effluente generato è difficile da trattare e contribuisce all'inquinamento delle acque.

I tronchi scortecciati possono essere segati in lunghezze corte (da 1 a 6 metri) per la spappolatura del legno macinato a pietra o scheggiati per metodi di spappolatura meccanica o chimica della raffinatrice. I cippatori tendono a produrre trucioli con una gamma di dimensioni considerevole, ma la produzione di pasta richiede trucioli di dimensioni molto specifiche per garantire un flusso costante attraverso i raffinatori e una cottura uniforme nei digestori. I trucioli vengono quindi passati su una serie di vagli che hanno la funzione di separare i trucioli in base alla lunghezza o allo spessore. I trucioli di grandi dimensioni vengono rigenerati, mentre i trucioli di dimensioni inferiori vengono utilizzati come combustibile di scarto o reimmessi nel flusso di trucioli.

I requisiti del particolare processo di spappolatura e le condizioni dei trucioli determineranno la durata dello stoccaggio dei trucioli (figura 1; notare i diversi tipi di trucioli disponibili per la spappolatura). A seconda dell'offerta di fibre e della domanda della cartiera, una cartiera manterrà un inventario di trucioli non vagliati da 2 a 6 settimane, di solito in grandi pile di trucioli all'aperto. I trucioli possono degradarsi a causa di reazioni di autossidazione e idrolisi o di attacchi fungini dei componenti del legno. Per evitare la contaminazione, gli inventari a breve termine (da ore a giorni) di trucioli vagliati vengono immagazzinati in silos o contenitori per trucioli. I trucioli per la spappolatura al solfito possono essere conservati all'aperto per diversi mesi per consentire la volatilizzazione degli estrattivi che potrebbero causare problemi nelle operazioni successive. I trucioli utilizzati nei mulini kraft dove la trementina e il tallolio vengono recuperati come prodotti commerciali in genere procedono direttamente alla spappolatura.

Figura 1. Area di stoccaggio dei trucioli con caricatori frontali

PPI030F1

Giorgio Astrakianakis

 

Di ritorno

Lunedi, 28 marzo 2011 20: 09

Spappolando

La spappolatura è il processo mediante il quale i legami all'interno della struttura del legno vengono rotti meccanicamente o chimicamente. Le paste chimiche possono essere prodotte mediante processi alcalini (cioè solfati o kraft) o acidi (cioè solfiti). La percentuale più alta di polpa è prodotta con il metodo al solfato, seguito dai metodi meccanici (inclusi semichimici, termomeccanici e meccanici) e dai metodi al solfito (figura 1). I processi di spappolamento si differenziano per la resa e la qualità del prodotto, e per i metodi chimici, per le sostanze chimiche utilizzate e la percentuale che può essere recuperata per il riutilizzo.

Figura 1. Capacità mondiali di cellulosa, per tipo di cellulosa

PPI020F1

Spappolamento meccanico

Le paste meccaniche vengono prodotte macinando il legno contro una pietra o tra lastre di metallo, separando così il legno in singole fibre. L'azione di taglio rompe le fibre di cellulosa, in modo che la polpa risultante sia più debole delle polpe separate chimicamente. La lignina che collega la cellulosa all'emicellulosa non è dissolta; si ammorbidisce semplicemente, consentendo alle fibre di essere macinate dalla matrice del legno. La resa (percentuale di legno originale nella polpa) è generalmente superiore all'85%. Alcuni metodi di spappolatura meccanica utilizzano anche sostanze chimiche (cioè le paste chimico-meccaniche); le loro rese sono inferiori poiché rimuovono più materiali non cellulosici.

Nella spappolatura del legno macinato a pietra (SGW), il metodo meccanico più antico e storicamente più comune, le fibre vengono rimosse dai tronchi corti premendole contro un cilindro abrasivo rotante. Nella raffinazione meccanica della polpa (RMP, figura 2), che ha guadagnato popolarità dopo essere diventata commercialmente praticabile negli anni '1960, i trucioli di legno o la segatura vengono alimentati attraverso il centro di un raffinatore a disco, dove vengono sminuzzati in pezzi più fini mentre vengono espulsi attraverso barre e scanalature progressivamente più strette. (Nella figura 2, le raffinerie sono racchiuse al centro dell'immagine e i loro grandi motori sono sulla sinistra. I trucioli vengono alimentati attraverso i tubi di grande diametro e la polpa esce da quelli più piccoli.) Una modifica di RMP è la spappolatura termomeccanica (TMP ), in cui i trucioli vengono cotti a vapore prima e durante la raffinazione, generalmente sotto pressione.

Figura 2. Spappolatura meccanica del raffinatore

PPI040F1

Biblioteca Canfor

Uno dei primi metodi di produzione di paste chimico-meccaniche prevedeva la pre-vaporizzazione dei tronchi prima di farli bollire in liquori chimici per la pasta, quindi macinarli in macine di pietra per produrre paste "chemi-macinate". La moderna spappolatura chimico-meccanica utilizza raffinatrici a disco con trattamento chimico (ad es. bisolfito di sodio, idrossido di sodio) prima, durante o dopo la raffinazione. Le paste prodotte in questo modo sono denominate paste chimico-meccaniche (CMP) o paste chimico-termomeccaniche (CTMP), a seconda che la raffinazione sia stata effettuata a pressione atmosferica o elevata. Variazioni specializzate di CTMP sono state sviluppate e brevettate da numerose organizzazioni.

Polpa chimica e recupero

Le paste chimiche sono prodotte dissolvendo chimicamente la lignina tra le fibre di legno, consentendo così alle fibre di separarsi relativamente intatte. Poiché la maggior parte dei componenti del legno non fibroso viene rimossa in questi processi, le rese sono generalmente dell'ordine del 40-55%.

Nella pasta chimica, trucioli e prodotti chimici in soluzione acquosa vengono cotti insieme in un recipiente a pressione (digestore, figura 3) che può funzionare su base discontinua o continua. Nella cottura discontinua, il digestore viene riempito di trucioli attraverso un'apertura superiore, vengono aggiunti i prodotti chimici di digestione e il contenuto viene cotto a temperatura e pressione elevate. Una volta completata la cottura, la pressione viene rilasciata, "soffiando" la polpa delignificata fuori dal digestore e in un serbatoio di contenimento. La sequenza viene quindi ripetuta. Nella digestione continua, i trucioli pre-vaporizzati vengono immessi nel digestore a velocità continua. I trucioli e i prodotti chimici vengono miscelati insieme nella zona di impregnazione nella parte superiore del digestore e quindi procedono attraverso la zona di cottura superiore, la zona di cottura inferiore e la zona di lavaggio prima di essere soffiati nella vasca di soffiaggio.

Figura 3. Digestore continuo di kraft, con convogliatore di trucioli in costruzione

PPI040F2

Biblioteca Canfor

I prodotti chimici per la digestione vengono oggi recuperati nella maggior parte delle operazioni di spappolatura chimica. Gli obiettivi principali sono recuperare e ricostituire i prodotti chimici della digestione dal liquido di cottura esaurito e recuperare energia termica bruciando il materiale organico disciolto dal legno. Il vapore e l'elettricità risultanti forniscono parte, se non tutto, il fabbisogno energetico del mulino.

Polpa e recupero del solfato

Il processo al solfato produce una polpa più forte e più scura rispetto ad altri metodi e richiede il recupero chimico per competere economicamente. Il metodo si è evoluto dalla polpa di soda (che utilizza solo idrossido di sodio per la digestione) e ha iniziato a guadagnare importanza nel settore dagli anni '1930 agli anni '1950 con lo sviluppo dei processi di sbiancamento con biossido di cloro e recupero chimico, che producevano anche vapore ed energia per il mulino. Anche lo sviluppo di metalli resistenti alla corrosione, come l'acciaio inossidabile, per gestire gli ambienti acidi e alcalini della cartiera ha avuto un ruolo.

La miscela di cottura (liquore bianco) è idrossido di sodio (NaOH, "caustico") e solfuro di sodio (Na2S). La moderna spappolatura del kraft viene solitamente eseguita in digestori continui spesso rivestiti in acciaio inossidabile (figura 3). La temperatura del digestore viene aumentata lentamente fino a circa 170°C e mantenuta a tale livello per circa 3-4 ore. La polpa (chiamata brodo bruno per il suo colore) viene vagliata per rimuovere il legno crudo, lavata per rimuovere la miscela di cottura esaurita (ora liquore nero) e inviata all'impianto di sbianca o alla sala macchine per la pasta. La legna cruda viene restituita al digestore o inviata alla caldaia elettrica per essere bruciata.

Il liquore nero raccolto dal digestore e dalle rondelle marroni contiene materiale organico disciolto la cui esatta composizione chimica dipende dalle specie legnose macerate e dalle condizioni di cottura. Il liquore viene concentrato negli evaporatori fino a contenere meno del 40% di acqua, quindi spruzzato nella caldaia di recupero. La componente organica viene consumata come combustibile generando calore che viene recuperato nella parte superiore del forno sotto forma di vapore ad alta temperatura. Il componente inorganico incombusto si raccoglie sul fondo della caldaia come un fuso fuso. Il fuso fuoriesce dalla fornace e si dissolve in una soluzione caustica debole, producendo "liquore verde" contenente principalmente Na disciolto2S e carbonato di sodio (Na2CO3). Questo liquido viene pompato in un impianto di ricausificazione, dove viene chiarificato, quindi fatto reagire con calce spenta
(Ca(OH)2), formando NaOH e carbonato di calcio (CaCO3). Il liquido bianco viene filtrato e conservato per un uso successivo. CaCO3 viene inviato ad un forno da calce, dove viene riscaldato per rigenerare la calce (CaO).

 

Solfito spappolamento e recupero

La spappolatura al solfito ha dominato l'industria dalla fine del 1800 alla metà del 1900, ma il metodo utilizzato in quest'epoca era limitato dai tipi di legno che potevano essere spappolati e dall'inquinamento creato dallo scarico di liquori di cottura di scarto non trattati nei corsi d'acqua. Metodi più recenti hanno superato molti di questi problemi, ma la pasta al solfito è ora un piccolo segmento del mercato della pasta di cellulosa. Sebbene la polpa al solfito di solito utilizzi la digestione acida, esistono variazioni sia neutre che basiche.

Il liquore di cottura dell'acido solforoso (H2SO3) e ione bisolfito (HSO3-) è preparato in loco. Lo zolfo elementare viene bruciato per produrre anidride solforosa (SO2), che viene fatto passare attraverso una torre di assorbimento che contiene acqua e una delle quattro basi alcaline (CaCO3, la base solfito originale, Na2CO3, idrossido di magnesio (Mg(OH)2) o idrossido di ammonio (NH4OH)) che producono l'acido e lo ione e ne controllano le proporzioni. La spappolatura al solfito viene solitamente eseguita in digestori discontinui rivestiti in mattoni. Per evitare reazioni indesiderate, il digestore viene riscaldato lentamente fino a una temperatura massima di 130-140°C e le patatine vengono cotte a lungo (da 6 a 8 ore). All'aumentare della pressione del digestore, l'anidride solforosa gassosa (SO2) viene dissanguato e rimescolato con l'acido di cottura grezzo. Quando rimane circa da 1 a 1.5 ore di tempo di cottura, il riscaldamento viene interrotto e la pressione viene ridotta facendo fuoriuscire gas e vapore. La polpa viene soffiata in un serbatoio di contenimento, quindi lavata e vagliata.

La miscela di digestione esaurita, chiamata liquore rosso, può essere utilizzata per il recupero di calore e sostanze chimiche per tutte le operazioni tranne che a base di bisolfito di calcio. Per la polpa di solfito a base di ammoniaca, il liscivio rosso diluito viene prima rimosso per rimuovere l'SOXNUMX residuo2, poi concentrato e bruciato. I fumi contenenti SO2 viene raffreddato e fatto passare attraverso una torre di assorbimento dove l'ammoniaca fresca si combina con essa per rigenerare il liquido di cottura. Infine il liquore viene filtrato, fortificato con SO fresca2 e immagazzinato. L'ammoniaca non può essere recuperata perché viene convertita in azoto e acqua nella caldaia di recupero.

Nella spappolatura al solfito a base di magnesio, la combustione del liquido di spappolamento concentrato fornisce ossido di magnesio (MgO) e SO2, facilmente recuperabili. Nessun odore viene prodotto in questo processo; piuttosto MgO viene raccolto dai fumi e spento con acqua per produrre idrossido di magnesio (Mg(OH)2). COSÌ2 viene raffreddato e combinato con il Mg(OH)2 in una torre di assorbimento per ricostituire il liquido di cottura. Il bisolfito di magnesio (Mg(HSO3)2) viene quindi fortificato con SO fresco2 e immagazzinato. È possibile recuperare dall'80 al 90% dei prodotti chimici di cottura.

Il recupero del liquore di cottura al solfito di sodio è più complicato. Il liquor esaurito concentrato viene incenerito e circa il 50% dello zolfo viene convertito in SO2. Il resto del sodio e dello zolfo viene raccolto sul fondo della caldaia di recupero come odore di Na2S e Na2CO3. L'odore viene sciolto per produrre liquore verde, che viene convertito in bisolfito di sodio (NaHSO3) in più fasi. Il NaHSO3 è fortificato e conservato. Il processo di rigenerazione produce gas di zolfo ridotto, in particolare idrogeno solforato (H2S).

 

Di ritorno

Lunedi, 28 marzo 2011 20: 13

sbiancante

Lo sbiancamento è un processo in più fasi che raffina e illumina la polpa grezza. L'obiettivo è dissolvere (paste chimiche) o modificare (paste meccaniche) la lignina di colore bruno che non è stata rimossa durante la spappolatura, mantenendo l'integrità delle fibre della pasta. Un mulino produce pasta personalizzata variando l'ordine, la concentrazione e il tempo di reazione degli agenti sbiancanti.

Ogni fase di sbianca è definita dal suo agente sbiancante, pH (acidità), temperatura e durata (tabella 1). Dopo ogni fase di sbiancamento, la polpa può essere lavata con caustico per rimuovere i prodotti chimici di sbiancamento esauriti e la lignina disciolta prima che passi alla fase successiva. Dopo l'ultima fase, la polpa viene pompata attraverso una serie di filtri e detergenti per rimuovere eventuali contaminanti come sporco o plastica. Viene quindi concentrato e convogliato allo stoccaggio.

Tabella 1. Agenti sbiancanti e loro condizioni d'uso

 

Simbolo

Concentrazione
di agente (%)

pH

Consistenza*
(%)

Temperatura
(° C)

Tempo (ore)

Cloro (cl2)

C

2.5-8

2

3

20-60

0.5-1.5

Idrossido di sodio (NaOH)

E

1.5-4.2

11

10-12

<80

1-2

Biossido di cloro (ClO2)

D

~1

0-6

10-12

60-75

2-5

Ipoclorito di sodio (NaOCl)

H

1-2

9-11

10-12

30-50

0.5-3

Ossigeno (O2)

O

1.2-1.9

7-8

25-33

90-130

0.3-1

Il perossido di idrogeno (H.2O2)

P

0.25

10

12

35-80

4

Ozono (O3)

Z

0.5-3.5

2-3

35-55

20-40

<0.1

lavaggio acido (SO2)

A

4-6

1.8-5

1.5

30-50

0.25

Ditionito di sodio (NaS2O4)

Y

1-2

5.5-8

4-8

60-65

1-2

* Concentrazione di fibra in soluzione acquosa.

Storicamente, la sequenza di sbiancamento più comune utilizzata per produrre pasta kraft sbiancata di qualità commerciale si basa sul processo CEDED in cinque fasi (vedere la tabella 1 per la definizione dei simboli). Le prime due fasi di sbiancamento completano il processo di delignificazione e sono considerate estensioni del macero. A causa delle preoccupazioni ambientali relative ai composti organici clorurati negli effluenti della cartiera, molte cartiere sostituiscono il biossido di cloro (ClO2) per una parte del cloro (Cl2) utilizzato nella prima fase di sbiancamento (CDEDED) e utilizzare ossigeno (O2) pretrattamento durante la prima estrazione caustica (CDEODED). La tendenza attuale in Europa e Nord America è verso la completa sostituzione con ClO2 (es. DEDED) o l'eliminazione di entrambi i Cl2 e ClO2. Dove ClO2 viene utilizzato, anidride solforosa (SO2) viene aggiunto durante la fase finale di lavaggio come “anticloro” per arrestare il ClO2 reazione e per controllare il pH. Sequenze di sbiancamento senza cloro recentemente sviluppate (ad es. OAZQP, OQPZP, dove Q = chelazione) utilizzano enzimi, O2, ozono (O3), perossido di idrogeno (H2O2), peracidi e agenti chelanti come l'acido etilendiamminotetracetico (EDTA). Lo sbiancamento totalmente privo di cloro era stato adottato in otto mulini in tutto il mondo nel 1993. Poiché questi metodi più recenti eliminano le fasi di sbiancamento acido, il lavaggio con acido è un'aggiunta necessaria alle fasi iniziali dello sbiancamento kraft per consentire la rimozione dei metalli legati alla cellulosa.

Le paste al solfito sono generalmente più facili da sbiancare rispetto alle paste kraft a causa del loro contenuto di lignina inferiore. Brevi sequenze di sbiancamento (ad es. CEH, DCEHD, P, HP, EPOP) possono essere utilizzate per la maggior parte dei tipi di carta. Per le paste al solfito di grado dissolvibile utilizzate nella produzione di rayon, cellophane e così via, vengono rimosse sia l'emicellulosa che la lignina, richiedendo sequenze di sbiancamento più complesse (ad esempio, C1C2ECHDA). Il lavaggio acido finale serve sia per il controllo dei metalli che per l'anticloro. Il carico di effluenti per le paste al solfito di grado dissolvibile è molto maggiore perché viene consumata una grande quantità di legno grezzo (resa tipica 50%) e viene utilizzata più acqua.

Il termine schiarimento è usato per descrivere lo sbiancamento di paste meccaniche e altre paste ad alto rendimento, perché vengono sbiancate distruggendo i gruppi cromofori senza dissolvere la lignina. Gli agenti schiarenti includono H2O2 e/o idrosolfito di sodio (NaS2O4). Storicamente, idrosolfito di zinco (ZnS2O4) era comunemente usato, ma è stato ampiamente eliminato a causa della sua tossicità negli effluenti. Gli agenti chelanti vengono aggiunti prima dello sbiancamento per neutralizzare eventuali ioni metallici, prevenendo così la formazione di sali colorati o la decomposizione di H2O2. L'efficacia dello sbiancamento meccanico della polpa dipende dalla specie di legno. I legni duri (ad es. pioppo e pioppo) e legni teneri (ad es. abete rosso e balsamo) a basso contenuto di lignina ed estrattivi possono essere sbiancati a un livello di luminosità più elevato rispetto al pino e al cedro più resinosi.

 

Di ritorno

Lunedi, 28 marzo 2011 20: 15

Operazioni con carta riciclata

L'uso di carta da macero o riciclata come materia prima per la produzione di cellulosa è aumentato negli ultimi decenni e alcune cartiere dipendono quasi completamente dalla carta da macero. In alcuni paesi, la carta straccia viene separata dagli altri rifiuti domestici alla fonte prima di essere raccolta. In altri paesi la separazione per qualità (ad es. cartone ondulato, carta da giornale, carta pregiata, mista) avviene in appositi impianti di riciclaggio.

La carta riciclata può essere riciclata con un processo relativamente blando che utilizza acqua e talvolta NaOH. Piccoli pezzi di metallo e plastica possono essere separati durante e/o dopo la spappolatura, utilizzando una fune per detriti, cicloni o centrifugazione. Gli agenti di riempimento, le colle e le resine vengono rimossi in una fase di pulitura soffiando aria attraverso l'impasto di cellulosa, talvolta con l'aggiunta di agenti flocculanti. La schiuma contiene le sostanze chimiche indesiderate e viene rimossa. La polpa può essere disinchiostrata utilizzando una serie di passaggi di lavaggio che possono includere o meno l'uso di sostanze chimiche (ad esempio, derivati ​​degli acidi grassi tensioattivi) per dissolvere le impurità rimanenti e agenti sbiancanti per sbiancare la pasta. Lo sbiancamento ha lo svantaggio di ridurre la lunghezza delle fibre e quindi di ridurre la qualità finale della carta. Le sostanze chimiche sbiancanti utilizzate nella produzione di pasta riciclata sono generalmente simili a quelle utilizzate nelle operazioni di brillantatura per paste meccaniche. Dopo le operazioni di spappolatura e disinchiostratura, segue la produzione di lastre in modo molto simile a quella che utilizza pasta di fibre vergini.

 

Di ritorno

I prodotti finali delle cartiere e della pasta di cellulosa dipendono dal processo di produzione della pasta di cellulosa e possono includere pasta di legno commerciale e vari tipi di prodotti di carta o cartone. Ad esempio, la pasta meccanica relativamente debole viene convertita in prodotti monouso come giornali e carta velina. La polpa Kraft viene trasformata in prodotti di carta multiuso come carta da lettere di alta qualità, libri e sacchetti della spesa. La polpa di solfito, che è principalmente cellulosa, può essere utilizzata in una serie di diversi prodotti finali tra cui carta speciale, rayon, pellicola fotografica, TNT, plastica, adesivi e persino miscele per gelati e torte. Le paste chimico-meccaniche sono eccezionalmente rigide, ideali per il supporto strutturale necessario per il cartone ondulato per contenitori. Le fibre della polpa di carta riciclata sono generalmente più corte, meno flessibili e meno permeabili all'acqua e non possono quindi essere utilizzate per prodotti di carta di alta qualità. La carta riciclata viene quindi utilizzata principalmente per la produzione di prodotti in carta morbida come carta velina, carta igienica, carta assorbente e tovaglioli.

Per produrre pasta per il mercato, l'impasto di pasta viene solitamente vagliato ancora una volta e la sua consistenza viene regolata (dal 4 al 10%) prima che sia pronta per la macchina per la produzione di pasta. La polpa viene quindi stesa su uno schermo metallico mobile o una rete di plastica (nota come "filo") nella "parte umida" della macchina per pasta, dove l'operatore monitora la velocità del filo in movimento e il contenuto di acqua della pasta ( figura 1; in alto a sinistra sono visibili le presse e il coperchio dell'essiccatoio; nei molini moderni gli operatori trascorrono molto tempo nelle sale di controllo). L'acqua e il filtrato vengono aspirati attraverso il filo, lasciando una rete di fibre. Il foglio di polpa viene fatto passare attraverso una serie di rulli rotanti ("presse") che spremono acqua e aria fino a quando la consistenza della fibra è del 40-45%. Il foglio viene poi fatto galleggiare attraverso una sequenza a più piani di essiccatori ad aria calda fino a quando la consistenza è del 90-95%. Infine, il foglio continuo di polpa viene tagliato a pezzi e impilato in balle. Le balle di cellulosa vengono compresse, avvolte e confezionate in fasci per lo stoccaggio e il trasporto.

Figura 1. Estremità umida della macchina per polpa che mostra il tappeto di fibre sul filo.

PPI070F1

Biblioteca Canfor

Sebbene simile in linea di principio alla produzione di fogli di cellulosa, la produzione di carta è notevolmente più complessa. Alcune cartiere utilizzano una varietà di paste diverse per ottimizzare la qualità della carta (ad esempio, un mix di legno duro, legno tenero, kraft, solfito, pasta meccanica o riciclata). A seconda del tipo di pasta utilizzata, è necessaria una serie di passaggi prima di formare il foglio di carta. Generalmente, la polpa essiccata del mercato viene reidratata, mentre la polpa ad alta consistenza proveniente dallo stoccaggio viene diluita. Le fibre di polpa possono essere battute per aumentare l'area di adesione delle fibre e quindi migliorare la resistenza del foglio di carta. La polpa viene quindi miscelata con additivi "wet-end" (tabella 1) e passata attraverso una serie finale di filtri e detergenti. La polpa è quindi pronta per la macchina continua.

Tabella 1. Additivi per la fabbricazione della carta

additivi

Posizione applicata

Finalità e/o esempi di agenti specifici

Additivi più comunemente usati

Talco

Tendiamo

Controllo del passo (previene la deposizione e l'accumulo
di tono)
Filler (rendere più luminoso, più liscio, più opaco)

Diossido di titanio

Tendiamo

Pigmento (schiarisce il foglio, migliora la stampa)
Filler (rendere più luminoso, più liscio, più opaco)

"Allume" (Al2(SO4)3)

Tendiamo

Precipita l'imbozzimatura della colofonia sulle fibre
Coadiuvante per la ritenzione (fissa additivi alle fibre, migliora la polpa
ritenzione di fibre)

Colofonia

Tendiamo

Dimensionamento interno (resiste alla penetrazione di liquidi)

Argilla (caolino)

Bagnato/asciutto

Filler (rendere più luminoso, più liscio, più opaco)
Pigmento o rivestimento superficiale (conferisce colore)

Amido

Bagnato/asciutto

Dimensionamento della superficie (resiste alla penetrazione di liquidi)
Additivo per resistenza a secco (aumenta la resistenza, riduce
pelucchi superficiali)
Aiuto alla ritenzione (legare gli additivi alla carta, migliorare
ritenzione di fibre di polpa)

Coloranti e
pigmenti

Bagnato/asciutto

ad esempio, coloranti acidi, basici o diretti, lacche colorate,
Ladro3, può anche includere veicoli solventi

Latex

Fine secca

Adesivo (rinforzare il foglio, legare gli additivi alla carta,
riempire i pori)
Impermeabilizzazione (resiste alla penetrazione di liquidi)

Altri additivi

Slimicidi

Tendiamo

ad esempio, thioni, tiazoli, tiocianati, hiocarbammati, tioli, isotiazolinoni,
formaldeide, glutaraldeide, glicoli, naftolo,
organici clorurati e bromurati, organici
composti di mercurio

antischiuma

Tendiamo

ad esempio, olio di pino, olio combustibile, oli riciclati, siliconi, alcoli

Trattamento filo
agenti

Tendiamo

ad esempio, imidazoli, butil diglicole, acetone, trementina,
acido fosforico

Bagnato e secco
additivi di resistenza

Tendiamo

ad esempio, resine di formaldeide, epicloridrina, gliossale,
gomme, poliammine, composti fenolici,
poliacrilammidi, poliammidi, derivati ​​della cellulosa

Rivestimenti,
adesivi e
plastificanti

Fine secca

ad esempio, idrossido di alluminio, acetato di polivinile,
acrilici, olio di lino, gomme, colle proteiche, cera
emulsioni, azite, gliossale, stearati, solventi,
polietilene, derivati ​​della cellulosa, lamina, gomma
derivati, poliammine, poliesteri,
polimeri butadiene-stirene

Altri

Bagnato/asciutto

Inibitori di corrosione, disperdenti, ignifughi,
agenti antitarnish, coadiuvanti drenanti, deflocculanti, pH
agenti di controllo, conservanti

 

Il diffusore di flusso e la cassa d'afflusso distribuiscono una sospensione sottile (dall'1 al 3%) di polpa raffinata su un filo in movimento (simile a una macchina per pasta, solo a una velocità molto più elevata, a volte superiore a 55 km/h) che forma le fibre in un sottile foglio di feltro. Il foglio si sposta attraverso una serie di rulli di pressione fino alla sezione dell'essiccatore, dove una serie di rulli riscaldati a vapore fa evaporare la maggior parte dell'acqua rimanente. I legami idrogeno tra le fibre si sono completamente sviluppati in questa fase. Infine la carta viene calandrata e bobinata. La calandratura è il processo mediante il quale la superficie della carta viene stirata liscia e il suo spessore ridotto. Il foglio di carta essiccato e calandrato viene avvolto su bobina, etichettato e trasportato al magazzino (figura 2; notare carta straccia sotto bobina e pannello di controllo operatore non chiuso). Gli additivi "dry-end" possono essere aggiunti prima della calandratura sulla macchina continua o in operazioni di spalmatura separate "fuori macchina" nel settore del converting dell'industria.

Figura 2. Estremità asciutta di una macchina continua che mostra la bobina di carta piena e l'operatore che utilizza la taglierina ad aria per tagliare l'estremità.

PPI070F2

Giorgio Astrakianakis

Nel processo di fabbricazione della carta viene utilizzata una varietà di sostanze chimiche per conferire alla carta caratteristiche superficiali e proprietà del foglio specifiche. Gli additivi più comunemente usati (tabella 1) sono tipicamente usati a livello percentuale, anche se alcuni come l'argilla e il talco possono contribuire fino al 40% al peso a secco di alcune carte. La tabella 1 indica anche la diversità degli additivi chimici che possono essere utilizzati per scopi di produzione e prodotti specifici; alcuni di questi vengono utilizzati a concentrazioni molto basse (ad esempio, i slimicidi vengono aggiunti all'acqua di lavorazione in parti per milione).

Il processo di produzione del cartone è simile a quello della produzione di carta o cellulosa. Una sospensione di polpa e acqua viene dispersa su un filo mobile, l'acqua viene rimossa e il foglio asciugato e conservato come un rotolo. Il processo differisce nel modo in cui il foglio viene formato per dare spessore, nella combinazione di più strati e nel processo di asciugatura. Il cartone può essere realizzato con fogli singoli o multistrato con o senza anima. I fogli sono solitamente pasta kraft di alta qualità (o miscela kraft e CTMP), mentre il nucleo è costituito da una miscela di pasta semichimica e riciclata a basso costo o da pasta interamente riciclata e altro materiale di scarto. Rivestimenti, barriere al vapore e strati multipli vengono aggiunti in base all'uso finale per proteggere il contenuto dall'acqua e dai danni fisici.

 

Di ritorno

Oltre al recupero dei liquori, le cartiere recuperano una parte significativa di energia dalla combustione di materiali di scarto e sottoprodotti del processo nelle caldaie elettriche. Materiali come corteccia, scarti di legno e fanghi secchi raccolti dai sistemi di trattamento degli effluenti possono essere bruciati per fornire vapore per alimentare i generatori elettrici.

Le cartiere e le cartiere consumano enormi quantità di acqua dolce. Una fabbrica di pasta kraft sbiancata da 1,000 tonnellate al giorno può utilizzare più di 150 milioni di litri di acqua al giorno; ancora di più una cartiera. Al fine di prevenire effetti negativi sulle attrezzature del mulino e per mantenere la qualità del prodotto, l'acqua in ingresso deve essere trattata per rimuovere contaminanti, batteri e minerali. Diversi trattamenti vengono applicati a seconda della qualità dell'acqua in ingresso. I letti di sedimentazione, i filtri, i flocculanti, il cloro e le resine a scambio ionico sono tutti utilizzati per trattare l'acqua prima che venga utilizzata nel processo. L'acqua utilizzata nelle caldaie di alimentazione e di recupero viene ulteriormente trattata con decontaminanti dell'ossigeno e inibitori di corrosione come idrazina e morfolina per evitare la formazione di depositi nei tubi della caldaia, per ridurre la corrosione dei metalli e per impedire il trascinamento dell'acqua alla turbina a vapore .

 

Di ritorno

Poiché molti prodotti chimici sbiancanti sono reattivi e pericolosi per il trasporto, vengono prodotti in loco o nelle vicinanze. Biossido di cloro (ClO2), ipoclorito di sodio (NaOCl) e peracidi sono sempre prodotti in loco, mentre il cloro (Cl2) e l'idrossido di sodio o caustico (NaOH) sono generalmente prodotti fuori sede. Il tallolio, un prodotto derivato dalla resina e dagli acidi grassi estratti durante la cottura del kraft, può essere raffinato in loco o fuori sede. La trementina, un sottoprodotto di kraft a frazione più leggera, viene spesso raccolta e concentrata in loco e raffinata altrove.

Biossido di cloro

Biossido di cloro (ClO2) è un gas giallo-verdastro altamente reattivo. È tossico e corrosivo, esplode ad alte concentrazioni (10%) e si riduce rapidamente a Cl2 E O2 in presenza di luce ultravioletta. Deve essere preparato come gas diluito e conservato come liquido diluito, rendendo impossibile il trasporto alla rinfusa.

ClO2 è generato riducendo il clorato di sodio (Na2ClO3) con SO2, metanolo, sale o acido cloridrico. Il gas che esce dal reattore viene condensato e immagazzinato come soluzione liquida al 10%. ClO moderno2 i generatori funzionano con un'efficienza del 95% o superiore e la piccola quantità di Cl2 che viene prodotto verrà raccolto o rimosso dal gas di sfiato. Possono verificarsi reazioni collaterali a seconda della purezza dei prodotti chimici di alimentazione, della temperatura e di altre variabili di processo. I sottoprodotti vengono restituiti al processo e le sostanze chimiche esaurite vengono neutralizzate e scaricate nelle fognature.

Ipoclorito di sodio

L'ipoclorito di sodio (NaOCl) è prodotto combinando Cl2 con una soluzione diluita di NaOH. È un processo semplice e automatizzato che non richiede quasi alcun intervento. Il processo è controllato mantenendo la concentrazione caustica tale che il Cl residuo2 nel recipiente di processo è ridotta al minimo.

Cloro e Caustico

Cloro (cl2), utilizzato come agente sbiancante fin dai primi del 1800, è un gas altamente reattivo, tossico, di colore verde che diventa corrosivo in presenza di umidità. Il cloro viene solitamente prodotto dall'elettrolisi della salamoia (NaCl) in Cl2 e NaOH negli impianti regionali e trasportato al cliente come liquido puro. Tre metodi sono usati per produrre Cl2 su scala industriale: la cella a mercurio, la cella a diaframma e il più recente sviluppo, la cella a membrana. Cl2 viene sempre prodotto all'anodo. Viene quindi raffreddato, purificato, essiccato, liquefatto e trasportato al frantoio. In fabbriche di pasta di legno grandi o remote, possono essere costruite strutture locali e il Cl2 può essere trasportato come un gas.

La qualità di NaOH dipende da quale dei tre processi viene utilizzato. Nel vecchio metodo delle celle di mercurio, il sodio e il mercurio si combinano per formare un amalgama che si decompone con l'acqua. L'NaOH risultante è quasi puro. Uno dei difetti di questo processo è che il mercurio contamina il luogo di lavoro e ha provocato seri problemi ambientali. L'NaOH prodotto dalla cella a diaframma viene rimosso con la salamoia esaurita e concentrato per consentire al sale di cristallizzare e separarsi. L'amianto è usato come diaframma. L'NaOH più puro viene prodotto nelle cellule della membrana. Una membrana a base di resina semipermeabile consente agli ioni di sodio di passare senza la salamoia o gli ioni di cloro e di combinarsi con l'acqua aggiunta alla camera catodica per formare NaOH puro. L'idrogeno gassoso è un sottoprodotto di ogni processo. Di solito viene trattato e utilizzato in altri processi o come combustibile.

Produzione di olio alto

La pasta Kraft di specie altamente resinose come il pino produce saponi di sodio di resina e acidi grassi. Il sapone viene raccolto dai serbatoi di stoccaggio del liquor nero e dai serbatoi di scrematura del sapone che si trovano nel treno evaporatore del processo di recupero chimico. Il sapone raffinato o il tallolio possono essere utilizzati come additivo per carburanti, agente antipolvere, stabilizzatore stradale, legante per pavimentazioni e flusso per tetti.

Nell'impianto di lavorazione, il sapone viene immagazzinato in serbatoi primari per consentire al liquor nero di depositarsi sul fondo. Il sapone sale e trabocca in un secondo serbatoio di stoccaggio. L'acido solforico ed il sapone decantato vengono caricati in un reattore, riscaldato a 100°C, agitato e quindi lasciato decantare. Dopo essersi depositato durante la notte, il tallolio grezzo viene travasato in un recipiente di stoccaggio e lasciato riposare per un altro giorno. La frazione superiore è considerata tall oil grezzo secco e viene pompata allo stoccaggio, pronta per la spedizione. La lignina cotta nella frazione inferiore entrerà a far parte del lotto successivo. L'acido solforico esausto viene pompato in un serbatoio di stoccaggio e l'eventuale lignina trascinata viene lasciata depositare sul fondo. La lignina rimasta nel reattore viene concentrata per diversi cuochi, sciolta in soluzione caustica al 20% e restituita al serbatoio primario del sapone. Periodicamente, il liquor nero raccolto e la lignina residua da tutte le fonti vengono concentrati e bruciati come combustibile.

Recupero di trementina

I gas dei digestori e il condensato degli evaporatori del liscivio nero possono essere raccolti per il recupero della trementina. I gas vengono condensati, combinati, quindi privati ​​della trementina, che viene ricondensata, raccolta e inviata a un decanter. La frazione superiore del decanter viene prelevata ed inviata allo stoccaggio, mentre la frazione inferiore viene riciclata allo stripper. La trementina grezza viene immagazzinata separatamente dal resto del sistema di raccolta perché è nociva e infiammabile e viene solitamente lavorata fuori sede. Tutti i gas incondensabili vengono raccolti e inceneriti nelle caldaie elettriche, nel forno a calce o in un forno dedicato. La trementina può essere lavorata per l'uso in canfora, resine sintetiche, solventi, agenti di flottazione e insetticidi.

 

Di ritorno

Lunedi, 28 marzo 2011 20: 20

Rischi e controlli sul lavoro

La tabella 1 fornisce una panoramica dei tipi di esposizione che ci si può aspettare in ciascuna area delle operazioni di cellulosa e carta. Sebbene le esposizioni possano essere elencate come specifiche per determinati processi di produzione, possono verificarsi anche esposizioni a dipendenti di altre aree a seconda delle condizioni meteorologiche, della vicinanza a fonti di esposizione e del fatto che lavorino in più di un'area di processo (ad esempio, controllo qualità, manodopera generale piscina e personale addetto alla manutenzione).

Tabella 1. Potenziali rischi per la salute e la sicurezza nella produzione di cellulosa e carta, per area di processo

Zona di processo

Pericoli per la sicurezza

Rischi fisici

Rischi chimici

Rischi biologici

Preparazione del legno

       

Stagno di tronchi

Annegamento; attrezzature mobili;
scivolare, cadere

Rumore; vibrazione; freddo; calore

Scarico motore

 

Stanza di legno

Punti di contatto; scivolare, cadere

Rumore; vibrazione

Terpeni e altri estratti di legno; polvere di legno

batteri; fungo

Schermatura dei trucioli

Punti di contatto; scivolare, cadere

Rumore; vibrazione

Terpeni e altri estratti di legno; polvere di legno

batteri; fungo

Cortile di trucioli

Punti di contatto; attrezzature mobili

Rumore; vibrazione; freddo; calore

Scarico del motore; terpeni e altri estratti di legno; polvere di legno

batteri; fungo

Spappolando

       

Legno di pietra
spappolamento

Scivolare, cadere

Rumore; campi elettrici e magnetici; alta umidità

   

RMP, CMP, CTMP

Scivolare, cadere

Rumore; campi elettrici e magnetici; alta umidità

Prodotti chimici e sottoprodotti della cottura; terpeni e altri estratti di legno; polvere di legno

 

Polpa al solfato

Scivolare, cadere

Rumore; alta umidità; calore

Acidi e alcali; prodotti chimici e sottoprodotti per cucinare; gas di zolfo ridotto; terpeni
e altri estratti di legno; polvere di legno

 

Recupero del solfato

Esplosioni; punti di presa; scivolare,
caduta

Rumore; calore; vapore

Acidi e alcali; amianto; cenere; prodotti chimici e sottoprodotti per cucinare; combustibili; ridotto
gas di zolfo; diossido di zolfo

 

Polpa al solfito

Scivolare, cadere

Rumore; alta umidità; calore

Acidi e alcali; prodotti chimici e sottoprodotti per cucinare; diossido di zolfo; terpeni e altri estratti di legno; polvere di legno

 

Recupero del solfito

Esplosioni; punti di presa; scivolare,
caduta

Rumore; calore; vapore

Acidi e alcali; amianto; cenere; prodotti chimici e sottoprodotti della cottura; combustibili; diossido di zolfo

 

Rispappolatura/disinchiostratura

Scivolare, cadere

 

Acidi e alcali; prodotti chimici e sottoprodotti sbiancanti; coloranti e inchiostri; pasta di cellulosa/polvere di carta; slimicidi; solventi

batteri

sbiancante

Scivolare, cadere

Rumore; alta umidità; calore

Prodotti chimici e sottoprodotti della sbianca; slimicidi; terpeni e altri estratti di legno

 

Foglio formatura e
conversione

       

Macchina per la polpa

Punti di contatto; scivolare, cadere

Rumore; vibrazione; alto
umidità; calore; vapore

Acidi e alcali; prodotti chimici e sottoprodotti sbiancanti; flocculante; pasta di cellulosa/polvere di carta; slimicidi; solventi

batteri

Macchina continua

Punti di contatto; scivolare, cadere

Rumore; vibrazione; alto
umidità; calore; vapore

Acidi e alcali; prodotti chimici e sottoprodotti sbiancanti; coloranti e inchiostri; flocculante; polpa/carta
polvere; additivi per carta; slimicidi; solventi

batteri

Finitura

Punti di contatto; attrezzature mobili

Rumore

Acidi e alcali; coloranti e inchiostri; flocculante;
pasta di cellulosa/polvere di carta; additivi per carta; slimicidi; solventi

 

Magazzino

Attrezzatura mobile

 

Combustibili; scarico del motore; pasta di legno/polvere di carta

 

Altre operazioni

       

Produzione di energia

Punti di contatto; scivolare, cadere

Rumore; vibrazione; elettrico e
campi magnetici; calore; vapore

Amianto; cenere; combustibili; terpeni e altri estratti di legno; polvere di legno

batteri; fungo

Trattamento delle acque

Annegamento

 

Decoloranti chimici e sottoprodotti

batteri

Trattamento degli effluenti

Annegamento

 

Prodotti chimici e sottoprodotti della sbianca; flocculante; gas di zolfo ridotto

batteri

Biossido di cloro
ELETTRICA

Esplosioni; scivolare, cadere

 

Decoloranti chimici e sottoprodotti

batteri

Recupero della trementina

Scivolare, cadere

 

Prodotti chimici e sottoprodotti della cottura; gas di zolfo ridotto; terpeni e altri estratti di legno

 

Produzione di olio alto

   

Acidi e alcali; prodotti chimici e sottoprodotti per cucinare; gas di zolfo ridotto; terpeni e altri estratti di legno

 

RMP = raffinazione spappolatura meccanica; CMP = spappolamento chimico-meccanico; CTMP = spappolamento chimico-termomeccanico.

 

È probabile che l'esposizione ai pericoli potenziali elencati nella tabella 1 dipenda dal grado di automazione dell'impianto. Storicamente, la produzione industriale di cellulosa e carta era un processo semiautomatico che richiedeva un grande intervento manuale. In tali strutture, gli operatori si sedevano a pannelli aperti adiacenti ai processi per visualizzare gli effetti delle loro azioni. Le valvole nella parte superiore e inferiore di un digestore discontinuo verrebbero aperte manualmente e, durante le fasi di riempimento, i gas nel digestore verrebbero spostati dai trucioli in arrivo (figura 1). I livelli chimici verrebbero regolati in base all'esperienza piuttosto che al campionamento e le regolazioni del processo dipenderebbero dall'abilità e dalla conoscenza dell'operatore, che a volte portava a problemi. Ad esempio, l'eccessiva clorazione della pasta di legno esporrebbe i lavoratori a valle a maggiori livelli di agenti sbiancanti. Nella maggior parte dei mulini moderni, il passaggio da pompe e valvole controllate manualmente a quelle controllate elettronicamente consente il funzionamento a distanza. La richiesta di controllo del processo entro tolleranze ristrette ha richiesto computer e sofisticate strategie ingegneristiche. Sale di controllo separate vengono utilizzate per isolare le apparecchiature elettroniche dall'ambiente di produzione della cellulosa e della carta. Di conseguenza, gli operatori di solito lavorano in sale di controllo climatizzate che offrono riparo dal rumore, dalle vibrazioni, dalla temperatura, dall'umidità e dalle esposizioni chimiche inerenti alle operazioni di frantumazione. Altri controlli che hanno migliorato l'ambiente di lavoro sono descritti di seguito.

Figura 1. Tappo di apertura del lavoratore sul digestore batch controllato manualmente.

PPI100F1

Archivi MacMillan Bloedel

I rischi per la sicurezza, tra cui punti di presa, superfici di calpestio bagnate, attrezzature in movimento e altezze, sono comuni durante le operazioni di cellulosa e carta. Sono essenziali protezioni intorno ai trasportatori in movimento e alle parti dei macchinari, pulizia rapida delle fuoriuscite, superfici di calpestio che consentano il drenaggio e parapetti sulle passerelle adiacenti alle linee di produzione o in quota. Le procedure di blocco devono essere seguite per la manutenzione dei trasportatori di trucioli, dei rulli delle macchine continue e di tutti gli altri macchinari con parti in movimento. Le apparecchiature mobili utilizzate nello stoccaggio dei trucioli, nelle aree portuali e di spedizione, nei magazzini e in altre operazioni devono essere dotate di protezione antiribaltamento, buona visibilità e avvisatori acustici; le corsie di circolazione per veicoli e pedoni devono essere chiaramente contrassegnate e segnalate.

Anche il rumore e il calore sono pericoli onnipresenti. Il principale controllo ingegneristico sono le cabine per gli operatori, come descritto sopra, solitamente disponibili nelle aree di preparazione del legno, spappolatura, sbiancamento e formatura dei fogli. Sono inoltre disponibili cabine chiuse con aria condizionata per attrezzature mobili utilizzate in cumulo di trucioli e altre operazioni in cantiere. Al di fuori di questi recinti, i lavoratori di solito richiedono una protezione dell'udito. Il lavoro in processi caldi o in aree all'aperto e nelle operazioni di manutenzione delle navi richiede che i lavoratori siano addestrati a riconoscere i sintomi dello stress da calore; in tali aree, l'orario di lavoro dovrebbe consentire l'acclimatazione e periodi di riposo. Il freddo può creare rischi di congelamento nei lavori all'aperto, così come condizioni di nebbia vicino ai cumuli di trucioli, che rimangono caldi.

Il legno, i suoi estratti ei microrganismi associati sono specifici per le operazioni di preparazione del legno e per le fasi iniziali della spappolatura. Il controllo delle esposizioni dipenderà dalla particolare operazione e può includere cabine dell'operatore, recinzione e ventilazione di seghe e nastri trasportatori, nonché stoccaggio chiuso dei trucioli e basso inventario dei trucioli. L'uso di aria compressa per eliminare la polvere di legno crea esposizioni elevate e dovrebbe essere evitato.

Le operazioni di spappolatura chimica presentano l'opportunità di esposizioni a sostanze chimiche di digestione e sottoprodotti gassosi del processo di cottura, inclusi composti di zolfo ridotti (pastatura kraft) e ossidati (pastatura con solfito) e sostanze organiche volatili. La formazione di gas può essere influenzata da una serie di condizioni operative: le specie legnose utilizzate; la quantità di pasta di legno; la quantità e la concentrazione di liquore bianco applicato; la quantità di tempo necessaria per spappolare; e temperatura massima raggiunta. Oltre alle valvole di tappatura automatiche del digestore e alle sale di controllo dell'operatore, altri controlli per queste aree includono la ventilazione di scarico locale nei digestori discontinui e nei serbatoi di soffiaggio, in grado di sfiatare alla velocità con cui i gas della nave vengono rilasciati; depressione nelle caldaie a recupero e solfito-SO2 torri acide per evitare fughe di gas; involucri completi o parziali ventilati su lavatrici post-digestione; monitor di gas continui con allarmi dove possono verificarsi perdite; e pianificazione e formazione della risposta alle emergenze. Gli operatori che prelevano campioni e conducono test devono essere consapevoli della potenziale esposizione acida e caustica nei processi e nei flussi di rifiuti e della possibilità di reazioni secondarie come il gas di idrogeno solforato (H2S) produzione se il liscivio nero proveniente dalla polpa di carta kraft viene a contatto con acidi (ad es. nelle fognature).

Nelle aree di recupero chimico, i prodotti chimici di processo acidi e alcalini ei loro sottoprodotti possono essere presenti a temperature superiori a 800°C. Le responsabilità lavorative possono richiedere ai lavoratori di entrare in contatto diretto con queste sostanze chimiche, rendendo necessario l'abbigliamento pesante. Ad esempio, gli operai rastrellano gli schizzi di fusione fusa che si raccolgono alla base delle caldaie, rischiando così ustioni chimiche e termiche. I lavoratori possono essere esposti alla polvere quando il solfato di sodio viene aggiunto al liquor nero concentrato e qualsiasi perdita o apertura rilascerà gas di zolfo ridotto nocivi (e potenzialmente fatali). Il potenziale per un'esplosione di acqua di fusione esiste sempre intorno alla caldaia di recupero. Le perdite d'acqua nelle pareti dei tubi della caldaia hanno provocato diverse esplosioni mortali. Le caldaie a recupero dovrebbero essere spente a qualsiasi indicazione di una perdita e dovrebbero essere attuate procedure speciali per il trasferimento del fuso. Il caricamento della calce e di altri materiali caustici deve essere effettuato con nastri trasportatori, elevatori e contenitori di stoccaggio chiusi e ventilati.

Negli impianti di sbiancamento, gli operatori sul campo possono essere esposti agli agenti sbiancanti, alle sostanze organiche clorurate e ad altri sottoprodotti. Le variabili di processo come la forza chimica dello sbiancamento, il contenuto di lignina, la temperatura e la consistenza della polpa vengono costantemente monitorate, con gli operatori che raccolgono campioni ed eseguono test di laboratorio. A causa dei pericoli di molti degli agenti sbiancanti utilizzati, dovrebbero essere presenti monitor di allarme continuo, dovrebbero essere forniti respiratori di emergenza a tutti i dipendenti e gli operatori dovrebbero essere addestrati nelle procedure di risposta alle emergenze. Gli involucri del baldacchino con ventilazione di scarico dedicata sono controlli tecnici standard che si trovano nella parte superiore di ogni torre di sbiancamento e fase di lavaggio.

Le esposizioni chimiche nella sala macchine di una cartiera o di una cartiera includono il residuo chimico dall'impianto di sbiancamento, gli additivi per la fabbricazione della carta e la miscela chimica nelle acque reflue. Polveri (cellulosa, cariche, rivestimenti) e fumi di scarico di apparecchiature mobili sono presenti nelle operazioni di dry-end e finitura. La pulizia tra un ciclo e l'altro del prodotto può essere effettuata con solventi, acidi e alcali. I controlli in quest'area possono includere la chiusura completa dell'essiccatore per fogli; chiusura ventilata delle aree dove gli additivi vengono scaricati, pesati e miscelati; utilizzo di additivi in ​​forma liquida anziché in polvere; utilizzo di inchiostri e coloranti a base acqua anziché a base solvente; ed eliminando l'uso di aria compressa per ripulire la carta rifilata e di scarto.

La produzione di carta negli impianti di carta riciclata è generalmente più polverosa della produzione di carta convenzionale che utilizza cellulosa di nuova produzione. L'esposizione ai microrganismi può verificarsi dall'inizio (raccolta e separazione della carta) fino alla fine (produzione della carta) della catena di produzione, ma l'esposizione alle sostanze chimiche è meno importante che nella produzione di carta convenzionale.

Le cartiere impiegano un vasto gruppo di manutenzione per la manutenzione delle loro apparecchiature di processo, tra cui carpentieri, elettricisti, meccanici di strumenti, isolatori, macchinisti, muratori, meccanici, carpentieri, pittori, pipefitters, meccanici di refrigerazione, lattonieri e saldatori. Insieme alle loro esposizioni commerciali specifiche (vedi il Lavorazione del metallo più lavorazione dei metalli più Occupazioni capitoli), questi operatori possono essere esposti a qualsiasi pericolo correlato al processo. Man mano che le operazioni di cartiera sono diventate più automatizzate e chiuse, le operazioni di manutenzione, pulizia e garanzia della qualità sono diventate le più esposte. Gli arresti degli impianti per la pulizia di recipienti e macchine sono motivo di particolare preoccupazione. A seconda dell'organizzazione dell'acciaieria, queste operazioni possono essere eseguite da personale interno di manutenzione o di produzione, anche se è comune il subappalto a personale esterno all'acciaieria, che può disporre di meno servizi di supporto per la salute e la sicurezza sul lavoro.

Oltre alle esposizioni di processo, le operazioni di produzione di cellulosa e cartiera comportano alcune esposizioni degne di nota per il personale addetto alla manutenzione. Poiché le operazioni di spappolamento, recupero e caldaia comportano un calore elevato, l'amianto è stato ampiamente utilizzato per isolare tubi e recipienti. L'acciaio inossidabile viene spesso utilizzato in recipienti e tubi durante le operazioni di spappolamento, recupero e sbiancamento e, in una certa misura, nella fabbricazione della carta. È noto che la saldatura di questo metallo genera fumi di cromo e nichel. Durante le fermate per manutenzione, possono essere applicati spray a base di cromo per proteggere il pavimento e le pareti delle caldaie a recupero dalla corrosione durante le operazioni di avviamento. Le misurazioni della qualità del processo nella linea di produzione vengono spesso effettuate utilizzando misuratori a infrarossi e radioisotopi. Sebbene gli indicatori siano generalmente ben schermati, i meccanici dello strumento che li servono possono essere esposti alle radiazioni.

Alcune esposizioni speciali possono verificarsi anche tra i dipendenti di altre operazioni di supporto alla cartiera. Gli addetti alle caldaie elettriche gestiscono la corteccia, il legno di scarto e i fanghi del sistema di trattamento degli effluenti. Nei mulini più vecchi, gli operai rimuovono la cenere dal fondo delle caldaie e poi richiudono le caldaie applicando una miscela di amianto e cemento attorno alla griglia della caldaia. Nelle moderne caldaie elettriche, questo processo è automatizzato. Quando il materiale viene immesso nella caldaia a un livello di umidità troppo elevato, i lavoratori possono essere esposti a rimbalzi di prodotti di combustione incompleta. I lavoratori addetti al trattamento dell'acqua possono essere esposti a sostanze chimiche come cloro, idrazina e varie resine. A causa della reattività del ClO2, il ClO2 il generatore si trova solitamente in un'area riservata e l'operatore è di stanza in una sala di controllo remoto con escursioni per raccogliere campioni e riparare il filtro salino. Clorato di sodio (un forte ossidante) utilizzato per generare ClO2 può diventare pericolosamente infiammabile se viene lasciato fuoriuscire su qualsiasi materiale organico o combustibile e quindi asciugarsi. Tutte le fuoriuscite devono essere bagnate prima di procedere a qualsiasi lavoro di manutenzione e tutte le attrezzature devono essere pulite accuratamente in seguito. Gli indumenti bagnati devono essere mantenuti bagnati e separati dagli indumenti da strada, fino al lavaggio.

 

Di ritorno

Lunedi, 28 marzo 2011 20: 24

Lesioni e malattie non maligne

Infortuni

Sono disponibili solo statistiche limitate sui tassi di incidenti in generale in questo settore. Rispetto ad altre industrie manifatturiere, il tasso di infortuni nel 1990 in Finlandia era inferiore alla media; in Canada, i tassi dal 1990 al 1994 erano simili a quelli di altri settori; negli Stati Uniti il ​​tasso del 1988 era leggermente superiore alla media; in Svezia e Germania, i tassi erano del 25% e del 70% superiori alla media (OIL 1992; Workers' Compensation Board of British Columbia 1995).

I fattori di rischio più comunemente riscontrati per incidenti gravi e mortali nell'industria della cellulosa e della carta sono le stesse attrezzature per la fabbricazione della carta e le dimensioni e il peso estremi delle balle e dei rotoli di cellulosa o carta. In uno studio del governo degli Stati Uniti del 1993 sugli incidenti sul lavoro tra il 1979 e il 1984 nelle fabbriche di cellulosa, carta e cartone (Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti 1993), il 28% era dovuto al fatto che i lavoratori rimanevano intrappolati all'interno o tra rulli o attrezzature rotanti ("punti di contatto" ) e
Il 18% era dovuto allo schiacciamento dei lavoratori da parte di oggetti che cadevano o rotolavano, in particolare rotoli e balle. Altre cause di morte multipla includevano elettrocuzione, idrogeno solforato e inalazione di altri gas tossici, massicce ustioni termiche/chimiche e un caso di esaurimento da calore. È stato segnalato che il numero di incidenti gravi associati alle macchine per la carta diminuisce con l'installazione di nuove apparecchiature in alcuni paesi. Nel settore del converting è diventato più comune il lavoro ripetitivo e monotono e l'uso di attrezzature meccanizzate con velocità e forze più elevate. Sebbene non siano disponibili dati specifici del settore, si prevede che questo settore registrerà tassi maggiori di lesioni da sforzo eccessivo associate a lavoro ripetitivo.

Malattie non maligne

I problemi di salute più ben documentati incontrati dai lavoratori della cartiera sono i disturbi respiratori acuti e cronici (Torén, Hagberg e Westberg 1996). L'esposizione a concentrazioni estremamente elevate di cloro, biossido di cloro o biossido di zolfo può verificarsi a seguito di una perdita o di altri problemi di processo. I lavoratori esposti possono sviluppare lesioni polmonari acute indotte da sostanze chimiche con grave infiammazione delle vie aeree e rilascio di fluidi negli spazi aerei, che richiedono il ricovero in ospedale. L'entità del danno dipende dalla durata e dall'intensità dell'esposizione e dal gas specifico coinvolto. Se il lavoratore sopravvive all'episodio acuto, può verificarsi un recupero completo. Tuttavia, in incidenti di esposizione meno intensi (di solito anche a seguito di interruzioni o fuoriuscite di processo), l'esposizione acuta al cloro o al biossido di cloro può innescare il successivo sviluppo di asma. Questa asma indotta da irritanti è stata registrata in numerose segnalazioni di casi e recenti studi epidemiologici e le prove attuali indicano che può persistere per molti anni dopo l'incidente di esposizione. I lavoratori esposti in modo simile che non sviluppano l'asma possono sperimentare un aumento persistente dell'irritazione nasale, della tosse, del respiro sibilante e della riduzione della velocità del flusso aereo. I lavoratori più a rischio per questi incidenti di esposizione includono gli addetti alla manutenzione, i lavoratori degli impianti di candeggina e gli operai edili nei siti della cartiera. Alti livelli di esposizione al biossido di cloro causano anche irritazione agli occhi e la sensazione di vedere degli aloni intorno alle luci.

Alcuni studi sulla mortalità hanno indicato un aumento del rischio di morte per malattie respiratorie tra i lavoratori della cartiera esposti all'anidride solforosa e alla polvere di carta (Jäppinen e Tola 1990; Torén, Järvholm e Morgan 1989). Aumento dei sintomi respiratori è stato riportato anche nei lavoratori delle fabbriche di solfiti che sono cronicamente esposti a bassi livelli di anidride solforosa (Skalpe 1964), sebbene una maggiore ostruzione del flusso d'aria non sia normalmente riportata tra le popolazioni delle fabbriche di pasta di cellulosa in generale. Sintomi di irritazione respiratoria sono segnalati anche da lavoratori esposti ad alte concentrazioni nell'aria di terpeni nei processi di recupero della trementina spesso presenti nei siti di produzione della pasta per carta. È stato anche riportato che la polvere di carta morbida è associata ad un aumento dell'asma e della broncopneumopatia cronica ostruttiva (Torén, Hagberg e Westberg 1996).

L'esposizione a microrganismi, in particolare attorno a mucchi di trucioli e rifiuti, scortecciatrici e presse per fanghi, crea un rischio maggiore di reazioni di ipersensibilità nei polmoni. Le prove di ciò sembrano essere limitate a segnalazioni di casi isolati di polmonite da ipersensibilità, che possono portare a cicatrici polmonari croniche. La bagassosi, o polmonite da ipersensibilità associata all'esposizione a microrganismi termofili e bagassa (un sottoprodotto della canna da zucchero), è ancora presente negli stabilimenti che utilizzano la bagassa come fibra.

Altri rischi respiratori comunemente riscontrati nell'industria della cellulosa e della carta includono i fumi di saldatura dell'acciaio inossidabile e l'amianto (vedere "Amianto", "Nichel" e "Cromo" altrove nel Enciclopedia). Gli addetti alla manutenzione sono il gruppo con maggiori probabilità di essere a rischio a causa di queste esposizioni.

I composti a ridotto contenuto di zolfo (compresi idrogeno solforato, dimetildisolfuri e mercaptani) sono potenti irritanti per gli occhi e possono causare mal di testa e nausea in alcuni lavoratori. Questi composti hanno soglie di odore molto basse (range ppb) in individui non precedentemente esposti; tuttavia, tra i lavoratori di lunga data del settore, le soglie di odore sono notevolmente più elevate. Concentrazioni comprese tra 50 e 200 ppm producono affaticamento olfattivo e i soggetti non sono più in grado di rilevare il caratteristico odore di "uova marce". A concentrazioni più elevate, l'esposizione provocherà perdita di coscienza, paralisi respiratoria e morte. Decessi associati all'esposizione a composti di zolfo ridotto in spazi ristretti si sono verificati nei siti di produzione di pasta per carta.

È stato riportato che la mortalità cardiovascolare è aumentata nei lavoratori della pasta e della carta, con alcune prove di esposizione-risposta che suggeriscono un possibile collegamento con l'esposizione a composti di zolfo ridotti (Jäppinen 1987; Jäppinen e Tola 1990). Tuttavia, altre cause di questo aumento della mortalità possono includere l'esposizione al rumore e il lavoro a turni, entrambi associati a un aumento del rischio di cardiopatia ischemica in altri settori.

I problemi della pelle riscontrati dai lavoratori delle cartiere e della pasta di cellulosa includono ustioni chimiche e termiche acute e dermatiti da contatto (sia irritanti che allergiche). I lavoratori delle fabbriche di pasta di cellulosa negli impianti di processo kraft subiscono spesso ustioni da alcali sulla pelle a causa del contatto con liquori di macerazione caldi e fanghi di idrossido di calcio dal processo di recupero. La dermatite da contatto è segnalata più frequentemente tra i lavoratori delle cartiere e della trasformazione, poiché molti degli additivi, agenti antischiuma, biocidi, inchiostri e colle utilizzati nella produzione di carta e prodotti di carta sono irritanti e sensibilizzanti cutanei primari. La dermatite può verificarsi a causa dell'esposizione alle sostanze chimiche stesse o dalla manipolazione di carta o prodotti di carta appena trattati.

Il rumore è un rischio significativo in tutta l'industria della cellulosa e della carta. Il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha stimato che livelli di rumore superiori a 85 dBA sono stati riscontrati in oltre il 75% degli stabilimenti dell'industria della carta e dei prodotti affini, rispetto al 49% degli stabilimenti della produzione in generale, e che oltre il 40% dei lavoratori è stato regolarmente esposto a livelli di rumorosità superiori a 85 dBA (US Department of Commerce 1983). I livelli di rumore intorno alle macchine per la carta, alle cippatrici e alle caldaie di recupero tendono ad essere ben oltre i 90 dBA. Anche le operazioni di conversione tendono a generare elevati livelli di rumorosità. La riduzione dell'esposizione dei lavoratori attorno alle macchine per la carta viene solitamente tentata mediante l'uso di sale di controllo chiuse. Nel converting, dove solitamente l'operatore staziona accanto alla macchina, questo tipo di misura di controllo è raramente utilizzato. Tuttavia, dove le macchine per la trasformazione sono state chiuse, ciò ha comportato una minore esposizione sia alla polvere di carta che al rumore.

L'eccessiva esposizione al calore è riscontrata dai lavoratori delle cartiere che lavorano nelle aree delle macchine continue, con temperature registrate di 60°C, sebbene nella letteratura scientifica pubblicata non siano disponibili studi sugli effetti dell'esposizione al calore in questa popolazione.

 

Di ritorno

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti