Banner 13

 

85. Industria della stampa, della fotografia e della riproduzione

Editor del capitolo: David Richardson


Sommario

Tabelle e figure

Stampa e pubblicazione
Gordon C.Miller

Servizi di riproduzione e duplicazione
Robert W.Kilpper

Problemi di salute e modelli di malattia
Barry R. Friedlander

Panoramica delle questioni ambientali
Daniel R. Inglese

Laboratori fotografici commerciali
David Richardson

tavoli

Fare clic su un collegamento sottostante per visualizzare la tabella nel contesto dell'articolo.

1. Esposizioni nel settore della stampa
2. Rischi di mortalità del commercio di stampa
3. Esposizione chimica durante la lavorazione

Cifre

Punta su una miniatura per vedere la didascalia della figura, fai clic per vedere la figura nel contesto dell'articolo.

PRI020F1PRI040F1PRI100F1PRI100F2PRI100F3PRI100F4

Sabato, Aprile 02 2011 21: 41

Stampa e pubblicazione


Profilo generale

Le industrie della stampa, della fotografia commerciale e della riproduzione sono importanti in tutto il mondo in termini di importanza economica. L'industria della stampa è molto diversificata nelle tecnologie e nelle dimensioni delle imprese. Tuttavia, indipendentemente dalle dimensioni misurate dal volume di produzione, le diverse tecnologie di stampa descritte in questo capitolo sono le più comuni. In termini di volume di produzione, esiste un numero limitato di operazioni su larga scala, ma molte piccole. Dal punto di vista economico, l'industria della stampa è una delle industrie più grandi e genera un fatturato annuo di almeno 500 miliardi di dollari in tutto il mondo. Allo stesso modo, l'industria della fotografia commerciale è diversificata, con un numero limitato di operazioni di grandi volumi e molte operazioni di piccoli volumi. Il volume del fotofinish è quasi equamente diviso tra le operazioni di grandi e piccoli volumi. Il mercato della fotografia commerciale genera un fatturato annuo di circa 60 miliardi di dollari in tutto il mondo, con operazioni di fotoritocco che rappresentano circa il 40% di questo totale. L'industria della riproduzione, che consiste in operazioni di volume ridotto con entrate annuali combinate di circa 27 miliardi di dollari, genera quasi 2 trilioni di copie all'anno. Inoltre, i servizi di riproduzione e duplicazione su scala ancora più ridotta vengono forniti in loco presso la maggior parte delle organizzazioni e delle aziende.

I problemi di salute, ambiente e sicurezza in questi settori si stanno evolvendo in risposta alle sostituzioni con materiali potenzialmente meno pericolosi, nuove strategie di controllo dell'igiene industriale e l'avvento di nuove tecnologie, come l'introduzione di tecnologie digitali, imaging elettronico e computer. Molti problemi di salute e sicurezza storicamente importanti (ad esempio, i solventi nell'industria della stampa o la formaldeide come stabilizzante nelle soluzioni di fotoelaborazione) non saranno problemi in futuro a causa della sostituzione dei materiali o di altre strategie di gestione del rischio. Tuttavia, emergeranno nuovi problemi di salute, ambiente e sicurezza che dovranno essere affrontati dai professionisti della salute e della sicurezza. Ciò suggerisce la continua importanza del monitoraggio della salute e dell'ambiente come parte di un'efficace strategia di gestione del rischio nei settori della stampa, della fotografia commerciale e della riproduzione.

David Richardson


 

Panoramica dei processi di stampa

L'invenzione della stampa risale alla Cina nell'XI secolo. Nell'ultima parte del XV secolo, Johannes Gutenburg introdusse per la prima volta i caratteri mobili e inventò la macchina da stampa, creando così il processo di stampa oggi comune in tutto il mondo. Da allora, il processo di stampa si è notevolmente ampliato dalla semplice stampa di parole su carta alla stampa di parole e altre forme di arti grafiche su carta e altri materiali (substrati). Nel 11° secolo, l'imballaggio di tutti i tipi di prodotti di consumo ha portato la stampa a un altro livello. La stampa, l'imballaggio e le pubblicazioni, insieme al campo strettamente correlato del rivestimento e della laminazione, si trovano nei prodotti e nei processi di tutti i giorni utilizzati a casa, nel tempo libero e al lavoro.

L'arte di collocare parole e immagini su carta o altri supporti si sta muovendo in direzioni non previste nemmeno pochi anni fa. Si è evoluto uno spettro molto ampio di tecnologie, che vanno dagli stili di stampa più vecchi e tradizionali alle più recenti tecnologie che coinvolgono computer e processi correlati. Ciò include qualsiasi cosa, dalla vecchia tecnologia del tipo a base di piombo nelle macchine da stampa a letto piano alle moderne macchine da stampa a bobina diretta su lastra odierne (vedere la figura 1). In alcune operazioni, queste diverse tecnologie si trovano letteralmente fianco a fianco.

Figura 1. La fine di un processo di stampa

PRI020F1

Esistono quattro tipi generali di stampa e vi sono molti rischi per la sicurezza, la salute e l'ambiente associati a queste tecnologie.

1. Stampa tipografica o in rilievo. Questo processo, utilizzato da molti anni nella stampa e nella pubblicazione, prevede la creazione di immagini, spesso lettere o immagini, che vengono sollevate sopra uno sfondo o un'area non stampabile. L'inchiostro viene applicato all'area in rilievo, che viene quindi posta a contatto con la carta o altro substrato che accetta l'immagine.

Esistono diversi modi per creare l'immagine in rilievo, come l'assemblaggio di singole lettere utilizzando caratteri mobili o utilizzando la macchina linotype un tempo comune o il tipo creato dalla macchina. Questi processi sono appropriati per attività di stampa più semplici e con tirature più brevi. Per le attività di lunga durata, le lastre da stampa, spesso realizzate in metallo o plastica o materiali tipo gomma, sono più appropriate. L'uso di lastre di gomma o simili è spesso chiamato flessografia o stampa flessografica.

Gli inchiostri tipici di questo processo possono essere sia a base solvente che a base acqua. Alcuni inchiostri più recenti, basati sull'indurimento ultravioletto (UV) e altri sistemi chimico-fisici, sono in fase di sviluppo e implementazione in questo sistema di stampa.

2. Stampa calcografica o calcografica. Nei processi di stampa calcografica o rotocalco, l'immagine da stampare è incassata nella faccia di una lastra o cilindro inciso. La lastra o il cilindro è immerso nell'inchiostro. L'inchiostro in eccesso viene quindi rimosso dalle parti non incise della lastra mediante l'uso di a lame del dottore. La lastra o il cilindro viene quindi portato a contatto con la carta o altro supporto su cui l'inchiostro trasferisce l'immagine. Questo sistema di stampa è molto tipico dei prodotti stampati a lunga tiratura, come riviste e materiali da imballaggio.

Gli inchiostri sono tipicamente a base di solvente, con il toluene che è il solvente più comune negli inchiostri calcografici o rotocalco. L'uso di inchiostri a base di olio di soia e acqua è in corso con un certo successo. Tuttavia, non tutte le applicazioni possono utilizzare questa nuova tecnologia.

3. Stampa planografica o litografia. Materiali dissimili costituiscono la base per la stampa planografica o litografica. Utilizzando materiali dissimili, è possibile sviluppare aree ricettive all'acqua o idrorepellenti (ovvero ricettive all'inchiostro solvente). L'area ricettiva all'inchiostro del solvente conterrà l'immagine, mentre l'area ricettiva all'acqua diventerà lo sfondo o l'area non stampata. Pertanto, l'inchiostro aderisce solo in aree specifiche per il trasferimento sulla carta o su altro substrato. In molti casi, questo passaggio comporterà il trasferimento su una superficie intermedia, nota come coperta, che verrà successivamente posizionato contro la carta o altro supporto. Questo processo di trasferimento è chiamato stampa offset ed è ampiamente utilizzato per molte applicazioni di stampa, pubblicazione e imballaggio.

Va notato che non tutta la stampa offset prevede la litografia. A seconda delle esatte esigenze del processo di stampa, altri metodi di stampa possono utilizzare elementi di stampa offset.

Gli inchiostri usati nella stampa planografica o litografica sono solitamente a base di solvente (cioè non a base di acqua), ma alcuni inchiostri che non sono a base di solvente sono in rapido sviluppo.

4. Stampa porosa o serigrafica. La stampa porosa o serigrafica utilizza uno stencil posizionato su uno schermo a maglie fini. L'inchiostro viene applicato alle aree dello schermo aperto e premuto (spatola) sopra lo stencil e l'area a maglia aperta. L'inchiostro si trasferirà attraverso lo schermo alla carta o altro substrato sotto lo schermo. La serigrafia viene spesso utilizzata per attività di stampa più semplici ea basso volume, in cui questo processo può avere un vantaggio in termini di costi. L'uso tipico di questo processo di stampa è per tessuti, poster, espositori e carta da parati.

Gli inchiostri per la stampa serigrafica sono a base solvente o acqua, a seconda del supporto da stampare. Poiché il rivestimento utilizzato nella serigrafia è spesso più spesso, gli inchiostri sono in genere più viscosi di quelli utilizzati in altri metodi di stampa.

Preparazione del materiale pronto per la stampa

La preparazione del materiale per la stampa implica l'assemblaggio dei vari materiali, inclusi testo, fotografie, opere d'arte, illustrazioni e disegni, che sono oggetto di riproduzione nel materiale stampato. Tutti i materiali devono essere completamente finalizzati perché non è possibile apportare modifiche dopo la creazione delle lastre di stampa. Per correggere gli errori, il processo deve essere rifatto. A questo punto vengono applicati i principi delle arti grafiche per assicurare la corretta estetica del prodotto stampato.

Gli aspetti di salute e sicurezza della fase delle arti grafiche del processo di stampa sono generalmente considerati meno pericolosi rispetto agli altri aspetti della stampa. La generazione di opere d'arte può comportare un notevole sforzo fisico, oltre a rischi per la salute dovuti ai pigmenti, al mastice, agli adesivi spray e ad altri materiali utilizzati. Gran parte di questo viene sostituito dalla grafica computerizzata, di cui si parla anche nell'articolo “Commercial art” del Spettacolo e arte capitolo. I potenziali rischi di lavorare con unità di visualizzazione e computer sono discussi altrove in questo Enciclopedia. Postazioni di lavoro ergonomicamente sane possono alleviare i rischi.

Piatti

Le lastre o cilindri di stampa tipici dei processi di stampa contemporanei devono essere creati per la fotografia di processo o per il trucco generato dal computer. Spesso la produzione di lastre inizia con un sistema fotografico utilizzato per creare un'immagine, che successivamente può essere trasferita con metodi fotochimici sulla lastra. I colori devono essere separati e in questo processo devono essere sviluppati aspetti della qualità di stampa come le immagini a mezzitoni. La fotografia utilizzata per la produzione di lastre è molto sofisticata rispetto al tipico uso domestico di una macchina fotografica. Nitidezza, separazione dei colori e registro eccezionalmente fini sono necessari per consentire la produzione di materiali stampati di qualità. Con l'introduzione del computer, gran parte del lavoro manuale di assemblaggio e sviluppo delle immagini è stato eliminato.

I potenziali pericoli osservati in questa parte del processo di stampa sono simili a quelli tipici dell'industria fotografica e sono discussi altrove in questo capitolo. Il controllo delle potenziali esposizioni chimiche è importante durante la produzione di lastre.

Dopo che l'immagine è stata creata, vengono utilizzati processi fotomeccanici per creare la lastra di stampa. I processi fotomeccanici tipici per la produzione di lastre possono essere raggruppati nei seguenti:

Metodi manuali. È possibile utilizzare utensili manuali, incisori e coltelli per creare rilievi nella lastra, oppure è possibile utilizzare pastelli per creare aree idrorepellenti su una lastra litografica. (Questo è generalmente un metodo utilizzato in piccole produzioni o per attività di stampa speciali.)

Metodi meccanici. Torni, macchine lineari e simili tipi di attrezzature meccaniche vengono utilizzati per creare rilievi, oppure altre attrezzature possono essere utilizzate per produrre aree idrorepellenti su lastre litografiche.

Metodi elettrochimici. I metodi elettrochimici vengono utilizzati per depositare metalli su lastre o cilindri.

Metodi elettronici. Gli incisori elettronici vengono utilizzati per creare rilievi su lastre o cilindri.

Metodi elettrostatici. Metodi xerografici o simili vengono utilizzati per creare componenti dell'immagine in rilievo o idrorepellenti su lastre o cilindri.

Metodi fotomeccanici. Le immagini fotografiche possono essere trasferite alle lastre attraverso rivestimenti fotosensibili sulla lastra o sul cilindro.

La produzione di lastre fotomeccaniche è oggi il processo più comune. In molti casi, possono essere usati due o più sistemi per creare la lastra o il cilindro.

Le implicazioni per la salute e la sicurezza della produzione di lastre da stampa sono ampie a causa dei vari metodi utilizzati per creare la lastra. I metodi meccanici, meno utilizzati oggi che in passato, erano all'origine dei tipici problemi di sicurezza meccanica, compresi i rischi derivanti dall'uso di utensili manuali e delle attrezzature meccaniche più grandi spesso presenti nell'officina meccanica. I rischi legati alla sicurezza delle mani e alla protezione sono tipici nella produzione di lastre con metodi meccanici. Tale produzione di lastre comporta spesso l'uso di oli e detergenti che possono essere infiammabili o tossici.

I metodi più vecchi sono spesso ancora in uso in molte strutture insieme ad attrezzature più recenti e i rischi possono essere diffusi. Se la lastra è costituita da caratteri mobili, una macchina per linotipia, un tempo molto comune nella maggior parte delle tipografie, creava caratteri fondendo il piombo nella forma delle lettere. Il piombo viene fuso e conservato in una pentola di piombo. Con il barattolo di piombo presente, molti dei pericoli associati al piombo entrano direttamente nella tipografia. Piombo, che è discusso altrove in questo Enciclopedia, può entrare nel corpo attraverso l'inalazione di composti di piombo e per contaminazione della pelle con piombo e tipo contenente piombo che può quindi portare all'ingestione di piombo. Il risultato è un possibile avvelenamento cronico da piombo di basso grado, con conseguente disfunzione del sistema nervoso, disfunzione renale e altre tossicità.

Altri metodi di produzione di lastre utilizzano sistemi chimici tipici della placcatura o dell'incisione chimica per creare un'immagine sulla lastra o sul cilindro. Ciò coinvolge molte sostanze chimiche diverse, inclusi acidi e metalli pesanti (zinco, cromo, rame e alluminio), insieme a sistemi di resine a base di sostanze chimiche organiche che costituiscono alcuni degli strati superiori della lastra stessa. Alcuni sistemi ora utilizzano solventi a base di petrolio nei processi chimici di produzione delle lastre. I potenziali rischi per la salute derivanti da tali sostanze chimiche devono essere considerati nello sforzo di sicurezza intrapreso per tale struttura. La ventilazione e i dispositivi di protezione individuale adeguati alle sostanze chimiche utilizzate sono molto importanti. Inoltre, i potenziali effetti ambientali di corrosivi e metalli pesanti devono essere presi in considerazione come parte dello sforzo di sicurezza per la chimica della produzione di lastre. Anche lo stoccaggio e la miscelazione di questi sistemi chimici presenta rischi per la salute che possono essere significativi in ​​caso di fuoriuscita.

Anche i sistemi di incisione, utilizzati in alcuni casi per trasferire l'immagine sulla lastra o sul cilindro, possono presentare potenziali pericoli. I sistemi di incisione standard genereranno una certa contaminazione metallica che può essere un problema per coloro che lavorano con questi sistemi. I sistemi più recenti utilizzano apparecchiature laser per incidere l'immagine nel materiale della lastra. Sebbene ciò consenta l'eliminazione di alcuni passaggi nel processo di produzione delle lastre, la presenza del laser può presentare un pericolo per gli occhi e la pelle. Il laser può anche essere utilizzato per ammorbidire materiali, come la plastica, piuttosto che riscaldarli fino alla vaporizzazione, creando così ulteriori problemi legati al vapore e ai fumi per il posto di lavoro.

Nella maggior parte dei casi, il processo di produzione delle lastre rappresenta una parte relativamente piccola delle operazioni di produzione totali dell'impianto di stampa, il che limita automaticamente il rischio presente, poiché poche persone lavorano nell'area di produzione delle lastre e minori quantità di materiali sono tipiche di questo tipo di operazioni. Con il progredire della tecnologia, saranno necessari meno passaggi per tradurre l'immagine sulla lastra, presentando così minori possibilità che i rischi abbiano un impatto sui dipendenti e sull'ambiente.

Fabbricazione di inchiostro

A seconda delle tecnologie utilizzate, vengono utilizzati una varietà di inchiostri e rivestimenti. Gli inchiostri sono tipicamente costituiti da un vettore e pigmento o coloranti e resine che vanno a formare l'immagine.

Il supporto consente ai pigmenti e agli altri componenti di rimanere in soluzione fino a quando l'inchiostro non si asciuga. Tipici supporti per inchiostri da stampa includono alcoli, esteri (acetati), chetoni o acqua. Gli inchiostri rotocalco spesso contengono grandi quantità di toluene. Gli inchiostri più recenti possono contenere olio di soia epossidato e altre sostanze chimiche meno pericolose perché non volatili.

Un altro componente degli inchiostri tipici è il legante in resina. Il piegatore di resina viene utilizzato, dopo che il solvente si è asciugato, per trattenere il pigmento sul substrato. Le resine organiche, alcune naturali e altre sintetiche, come le resine acriliche, sono abitualmente utilizzate negli inchiostri.

Il pigmento fornisce il colore. Le basi dei pigmenti possono provenire da una varietà di sostanze chimiche tra cui metalli pesanti e materiali organici.

Gli inchiostri a polimerizzazione UV sono a base di acrilati e non contengono supporti. Non sono coinvolti nel processo di indurimento/essiccazione. Questi inchiostri tendono ad essere semplicemente un sistema di resina e pigmenti. Gli acrilati sono potenziali sensibilizzanti della pelle e delle vie respiratorie.

Esistono molti rischi per la salute e la sicurezza associati alla produzione di inchiostri. Poiché la composizione dell'inchiostro spesso include solventi infiammabili, la protezione antincendio è importante in qualsiasi struttura in cui viene effettuata la produzione di inchiostri. I sistemi sprinkler e le apparecchiature portatili di estinzione devono essere presenti e in piena e completa condizione operativa. Poiché i dipendenti devono sapere come utilizzare l'attrezzatura, è necessaria una formazione. I sistemi elettrici devono essere intrinsecamente sicuri o comportare lo spurgo o la protezione contro le esplosioni. Il controllo dell'elettricità statica è fondamentale poiché molti solventi possono generare una carica statica quando passano attraverso un tubo di plastica o attraverso l'aria. Il controllo dell'umidità, la messa a terra e il collegamento equipotenziale sono fortemente raccomandati per il controllo statico.

Le apparecchiature di miscelazione, dai piccoli miscelatori ai grandi serbatoi batch, possono imporre molti rischi meccanici per la sicurezza. Le pale e i sistemi del miscelatore devono essere custoditi o protetti in altro modo durante il funzionamento e durante le modalità di avviamento e pulizia. Le protezioni della macchina sono necessarie e devono essere al loro posto; quando vengono rimossi per attività di manutenzione, i programmi di lockout/tagout sono essenziali.

A causa delle quantità di materiali presenti, anche la movimentazione del materiale può presentare pericoli. Mentre si consiglia di maneggiare in questo modo tutti i materiali che sono opportunamente convogliati direttamente nell'area di utilizzo, molti componenti dell'inchiostro devono essere spostati manualmente nell'area di miscelazione in sacchi, fusti o altri contenitori. Ciò comporta l'utilizzo non solo di attrezzature meccaniche come carrelli elevatori e paranchi, ma anche di movimentazione manuale da parte dell'addetto alla miscelazione. Sforzi alla schiena e sollecitazioni simili sono comuni in queste operazioni. La formazione sulle corrette pratiche di sollevamento è un aspetto importante delle misure preventive, così come la selezione di processi di sollevamento meccanico che richiedono un coinvolgimento umano meno diretto.

Con così tanta manipolazione, possono verificarsi fuoriuscite e incidenti dovuti alla manipolazione di sostanze chimiche. Dovrebbero essere predisposti sistemi per far fronte a tali situazioni di emergenza. Inoltre, è necessaria la cura durante lo stoccaggio per evitare fuoriuscite e la possibile miscelazione di materiali incompatibili.

Le sostanze chimiche specifiche e le grandi quantità immagazzinate possono portare a problemi relativi a possibili esposizioni per la salute dei dipendenti. Ogni componente, che sia supporto, resina o pigmento, deve essere valutato sia individualmente che nel contesto del sistema di inchiostro. Lo sforzo per la sicurezza dovrebbe includere: valutazione dell'igiene industriale e campionamento per determinare se le esposizioni sono giudicate accettabili; ventilazione adeguata per la rimozione di materiali tossici; e dovrebbe essere preso in considerazione l'uso di adeguati dispositivi di protezione individuale. Poiché sono presenti sversamenti e altre possibilità di sovraesposizione, dovrebbero essere predisposti sistemi di emergenza per prestare i primi soccorsi. Docce di sicurezza, lavaggi oculari, kit di pronto soccorso e sorveglianza medica sono tutti raccomandati, altrimenti potrebbero verificarsi lesioni alla pelle, agli occhi, al sistema respiratorio e ad altri sistemi del corpo. Gli input possono variare da semplici dermatiti derivanti dall'esposizione della pelle ai solventi, a danni organici più permanenti dovuti all'esposizione a pigmenti di metalli pesanti, come il cromato di piombo, che si trovano in alcune formulazioni di inchiostro. Lo spettro di possibile tossicità è ampio a causa dei numerosi materiali utilizzati nella produzione di vari inchiostri e rivestimenti. Con le tecnologie più recenti, come gli inchiostri a polimerizzazione UV, il pericolo può passare dai rischi dei solventi standard alla sensibilizzazione dovuta al contatto ripetuto con la pelle. È necessario prestare attenzione per comprendere appieno i potenziali rischi delle sostanze chimiche utilizzate nella produzione di inchiostri e rivestimenti. È meglio farlo prima della formulazione.

Poiché molti inchiostri contengono materiali potenzialmente dannosi se si disperdono nell'ambiente, potrebbero essere necessari controlli sul processo di produzione dell'inchiostro. Inoltre, i materiali residui, compresi i materiali di pulizia ei rifiuti, devono essere maneggiati con cura, per ridurre al minimo il loro impatto sull'ambiente.

Con la forte enfasi mondiale su un ambiente migliore, vengono introdotti inchiostri più "amici della terra", che utilizzano l'acqua come solvente e resine e pigmenti meno tossici. Ciò dovrebbe contribuire a ridurre i rischi legati alla produzione di inchiostri.

Stampa

La stampa implica prendere la lastra, posizionare un inchiostro sulla lastra e trasferire l'inchiostro sul substrato. Nei processi offset, l'immagine viene trasferita da una lastra avvolta attorno a un cilindro a un cilindro di gomma intermedio (coperta) prima di essere trasferita sul supporto desiderato. I substrati non sono sempre limitati alla carta, sebbene la carta sia uno dei substrati più comuni. Molte etichette di fantasia sono stampate su film di poliestere metallizzato sottovuoto, utilizzando tecniche di stampa convenzionali. La plastica laminata può essere inserita nella macchina da stampa in fogli o come parte di un nastro continuo che viene successivamente tagliato secondo le specifiche per realizzare l'imballaggio.

Poiché la stampa spesso coinvolge il colore, diversi strati stampati possono essere posizionati sul substrato e quindi asciugati prima dell'aggiunta dello strato successivo. Tutto questo deve essere fatto in modo molto preciso per mantenere tutti i colori a registro. Ciò richiede più stazioni di stampa e controlli sofisticati per mantenere velocità e tensione adeguate attraverso la macchina da stampa.

I pericoli associati al funzionamento di una macchina da stampa sono simili a quelli coinvolti nella produzione di inchiostri. Il rischio di incendio è critico. Come per la produzione di inchiostri, sono necessari sistemi sprinkler e altri mezzi di protezione antincendio. Altri sistemi possono essere montati direttamente sulla pressa. Questi servono come controlli aggiuntivi oltre agli estintori portatili che dovrebbero essere disponibili. I sistemi elettrici devono soddisfare i requisiti di spurgo, a prova di esplosione o intrinsecamente sicuri. Anche il controllo dell'elettricità statica è importante, specialmente con solventi come l'alcool isopropilico e con le presse a bobina. Oltre alla manipolazione di liquidi infiammabili che possono generare elettricità statica durante il movimento attraverso i tubi di plastica o l'aria, la maggior parte dei film o dei nastri di plastica genererà anche cariche statiche molto sostanziali quando si spostano su un rullo di metallo. Il controllo dell'umidità, la messa a terra e il collegamento sono necessari per rimuovere l'elettricità statica, insieme alle tecniche di eliminazione dell'elettricità statica incentrate sul web.

La movimentazione manuale delle apparecchiature di stampa, dei materiali di supporto e dei relativi inchiostri è un'altra preoccupazione per la sicurezza. Sono presenti problemi di stoccaggio simili a quelli nella produzione di inchiostri. Si consiglia di ridurre al minimo la movimentazione manuale di apparecchiature, materiali di supporto e inchiostri. Dove ciò non è possibile, è necessaria un'istruzione di routine e mirata per coloro che lavorano nella sala stampa.

Ai problemi di sicurezza nella sala stampa si aggiungono i problemi di sicurezza meccanica che coinvolgono apparecchiature in rapido movimento/rotazione insieme a un substrato che si muove a velocità superiori a 1,500 piedi al minuto. I sistemi di protezione e gli allarmi sono necessari per garantire la sicurezza dei dipendenti. I sistemi di lockout e tagout sono necessari anche durante le funzioni di riparazione/manutenzione.

Con la quantità di apparecchiature rotanti e le velocità comuni in molte operazioni di stampa, il rumore è spesso un problema significativo, soprattutto quando sono presenti più macchine da stampa, come nella stampa di giornali. Se i livelli di rumore non sono accettabili, dovrebbe essere implementato un programma di conservazione dell'udito che includa controlli tecnici.

Sebbene gli inchiostri vengano spesso essiccati all'aria attorno alla macchina da stampa, si consiglia di utilizzare tunnel di asciugatura per ridurre l'esposizione ai solventi volatili.

Inoltre, in alcune operazioni di stampa ad alta velocità, potrebbe verificarsi l'appannamento dell'inchiostro. Sia l'essiccazione del solvente che l'eventuale appannamento dell'inchiostro presentano un rischio di inalazione di sostanze chimiche potenzialmente tossiche. Inoltre, la gestione ordinaria dell'operazione di stampa, il riempimento di serbatoi e vassoi, la pulizia di rulli e rulli folli e attività correlate possono comportare il contatto con inchiostri e solventi di pulizia.

Come per la produzione di inchiostri, si raccomanda uno sforzo di campionamento dell'igiene industriale ben strutturato, insieme a un'adeguata ventilazione e dispositivi di protezione individuale. Poiché queste presse, alcune delle quali sono molto grandi, devono essere pulite regolarmente, spesso vengono utilizzati solventi chimici, che portano a un ulteriore contatto chimico. Le procedure di manipolazione possono ridurre le esposizioni ma non rimuoverle del tutto, a seconda delle dimensioni delle operazioni di stampa. Come notato in precedenza, anche i nuovi inchiostri e rivestimenti che rappresentano una tecnologia migliore possono ancora presentare dei rischi. Ad esempio, gli inchiostri a polimerizzazione UV sono potenziali sensibilizzanti a contatto con la pelle e vi è una potenziale esposizione a livelli pericolosi di radiazioni UV.

Le emissioni delle operazioni di stampa, insieme alle soluzioni per la pulizia e agli inchiostri di scarto, sono potenziali problemi di interesse ambientale. Possono essere necessari sistemi di abbattimento dell'inquinamento atmosferico per catturare e distruggere o recuperare i solventi evaporati dagli inchiostri dopo la stampa. È importante una gestione attenta dei rifiuti generati per ridurre al minimo l'impatto sull'ambiente. I sistemi di gestione dei rifiuti sono raccomandati dove i solventi o altri componenti possono essere riciclati. La tecnologia più recente che utilizza solventi migliori per la pulizia proviene dagli attuali sforzi di ricerca. Ciò può ridurre le emissioni e le possibili esposizioni. Si raccomanda una revisione attiva dell'attuale tecnologia di pulizia per vedere se sono disponibili alternative alla pulizia con solvente, come l'utilizzo di soluzioni a base acquosa o oli vegetali, che soddisfino i requisiti riscontrati in specifiche operazioni di stampa. Tuttavia, le soluzioni detergenti a base acquosa contaminate da inchiostri a base solvente possono comunque richiedere un'attenta gestione sia all'interno dell'operazione di stampa che al momento dello smaltimento.

Finitura

Una volta stampato, il supporto in genere necessita di ulteriori rifiniture prima di essere preparato per l'uso finale. Alcuni materiali possono essere inviati direttamente dalla pressa all'attrezzatura di imballaggio che formerà la confezione e riempirà il contenuto o applicherà un adesivo e posizionerà l'etichetta sul contenitore. In altri casi, è necessaria una grande quantità di taglio o taglio a misura per l'assemblaggio finale del libro o altro materiale stampato.

I problemi di salute e sicurezza relativi alla finitura sono principalmente problemi di sicurezza meccanica. Poiché gran parte della finitura prevede il taglio a misura, sono tipici tagli e lacerazioni alle dita, alle mani e al polso/braccio. La sorveglianza è importante e deve essere utilizzata come parte di ogni compito. Anche i piccoli coltelli e le lame utilizzati dai dipendenti devono essere utilizzati con cura e conservati e smaltiti correttamente per evitare tagli e lacerazioni accidentali. Anche i sistemi più grandi richiedono lo stesso livello di attenzione nella sorveglianza e nell'addestramento per prevenire gli incidenti.

L'aspetto della movimentazione dei materiali della finitura è significativo. Questo vale sia per il materiale da rifinire che per il prodotto stampato confezionato finale. Laddove è possibile utilizzare attrezzature meccaniche come carrelli elevatori, paranchi e nastri trasportatori, sono consigliate. Laddove è necessario eseguire il sollevamento e la movimentazione manuale, è necessario intraprendere un'istruzione sul sollevamento corretto.

Una recente valutazione di questo componente del processo di stampa indica che il corpo umano può essere sottoposto a un possibile stress ergonomico. Ogni compito - taglio, cernita, imballaggio - dovrebbe essere rivisto per determinare le possibili implicazioni ergonomiche. Se si riscontrano problemi ergonomici, potrebbero essere necessari cambiamenti sul posto di lavoro per ridurre questo possibile fattore di stress a livelli accettabili. Spesso qualche forma di automazione può aiutare, ma nella maggior parte delle operazioni di stampa rimangono ancora molte attività di movimentazione manuale che possono creare stress ergonomico. La rotazione del lavoro può aiutare a ridurre questo problema.

La stampa nel futuro

Ci sarà sempre la necessità di stampare parole su un substrato. Ma il futuro della stampa comporterà un trasferimento più diretto delle informazioni dal computer alla macchina da stampa, così come la stampa elettronica, in cui parole e immagini vengono impresse su supporti elettromagnetici e altri substrati. Sebbene tale stampa elettronica possa essere visualizzata e letta solo attraverso un dispositivo elettronico, sempre più testo e letteratura stampati passeranno dal supporto stampato al formato del supporto elettronico. Ciò ridurrà molti dei problemi di sicurezza meccanica e salute legati alla stampa, ma aumenterà il numero di rischi ergonomici per la salute nel settore della stampa.

 

Di ritorno

Sabato, Aprile 02 2011 21: 42

Profilo generale

Le industrie della stampa, della fotografia commerciale e della riproduzione sono importanti in tutto il mondo in termini di importanza economica. L'industria della stampa è molto diversificata nelle tecnologie e nelle dimensioni delle imprese. Tuttavia, indipendentemente dalle dimensioni misurate dal volume di produzione, le diverse tecnologie di stampa descritte in questo capitolo sono le più comuni. In termini di volume di produzione, esiste un numero limitato di operazioni su larga scala, ma molte piccole. Dal punto di vista economico, l'industria della stampa è una delle industrie più grandi e genera un fatturato annuo di almeno 500 miliardi di dollari in tutto il mondo. Allo stesso modo, l'industria della fotografia commerciale è diversificata, con un numero limitato di operazioni di grandi volumi e molte operazioni di piccoli volumi. Il volume del fotofinish è quasi equamente diviso tra le operazioni di grandi e piccoli volumi. Il mercato della fotografia commerciale genera un fatturato annuo di circa 60 miliardi di dollari in tutto il mondo, con operazioni di fotoritocco che rappresentano circa il 40% di questo totale. L'industria della riproduzione, che consiste in operazioni di volume ridotto con entrate annuali combinate di circa 27 miliardi di dollari, genera quasi 2 trilioni di copie all'anno. Inoltre, i servizi di riproduzione e duplicazione su scala ancora più ridotta vengono forniti in loco presso la maggior parte delle organizzazioni e delle aziende.

I problemi di salute, ambiente e sicurezza in questi settori si stanno evolvendo in risposta alle sostituzioni con materiali potenzialmente meno pericolosi, nuove strategie di controllo dell'igiene industriale e l'avvento di nuove tecnologie, come l'introduzione di tecnologie digitali, imaging elettronico e computer. Molti problemi di salute e sicurezza storicamente importanti (ad esempio, i solventi nell'industria della stampa o la formaldeide come stabilizzante nelle soluzioni di fotoelaborazione) non saranno problemi in futuro a causa della sostituzione dei materiali o di altre strategie di gestione del rischio. Tuttavia, emergeranno nuovi problemi di salute, ambiente e sicurezza che dovranno essere affrontati dai professionisti della salute e della sicurezza. Ciò suggerisce la continua importanza del monitoraggio della salute e dell'ambiente come parte di un'efficace strategia di gestione del rischio nei settori della stampa, della fotografia commerciale e della riproduzione.

 

Di ritorno

Sabato, Aprile 02 2011 21: 45

Servizi di riproduzione e duplicazione

L'ufficio moderno può contenere diversi tipi di macchine per la riproduzione. Si va dall'onnipresente fotocopiatrice a processo a secco alla macchina per progetti piuttosto speciale, alle macchine fax e ciclostile, nonché ad altri tipi di duplicatori. All'interno di questo articolo, i diversi dispositivi saranno raggruppati in base ad ampie classi tecnologiche. Poiché le fotocopiatrici a secco sono così diffuse, riceveranno la massima attenzione.

Fotocopiatrici e stampanti laser

Operazioni di elaborazione

La maggior parte dei passaggi elettrofotografia convenzionale (xerografia) sono direttamente analoghe a quelle della fotografia. Nella fase di esposizione, la pagina stampata o la fotografia da copiare viene illuminata da un lampo di luce intensa e l'immagine riflessa viene messa a fuoco da una lente su un fotorecettore fotosensibile, carico elettricamente, che perde la sua carica ovunque la luce colpisca il suo superficie. La luce colpirà nello stesso schema della superficie da copiare. Successivamente, lo sviluppatore, generalmente composto da grandi perle di supporto con piccole particelle caricate elettrostaticamente che vi aderiscono, viene trasportato al fotorecettore mediante un processo di trasporto a cascata o magnetico. L'immagine caricata e latente sul fotorecettore si sviluppa quando la polvere finemente suddivisa (nota come toner, dry imager o inchiostro secco) viene attratta elettrostaticamente, si separa dallo sviluppatore e rimane sull'immagine. Infine, il toner che ha aderito alle aree dell'immagine viene trasferito elettrostaticamente (stampato) su un foglio di carta comune e permanentemente fuso su di esso (fissato) mediante l'applicazione di calore o calore e pressione. Il toner residuo viene rimosso dal fotorecettore mediante un processo di pulizia e depositato in una vaschetta del toner di scarto. Il fotorecettore viene quindi preparato per il successivo ciclo di imaging. Poiché la carta stampata rimuove solo il toner dallo sviluppatore, il supporto che lo ha fornito all'immagine viene rimesso in circolo nell'alloggiamento dello sviluppatore e miscelato con toner fresco che viene dosato nel sistema da una bottiglia o cartuccia di toner sostituibile.

Molte macchine applicano pressione e calore all'immagine del toner su carta durante un processo di fusione. Il calore è fornito da un rullo di fusione, che entra in contatto con la superficie tonica. A seconda delle caratteristiche del toner e dei materiali del fusore, parte del toner potrebbe aderire alla superficie del fusore anziché alla carta, provocando la cancellazione di parte dell'immagine sulla copia. Per evitare ciò, sulla superficie del rullo fusore viene applicato un lubrificante per fusore, comunemente un fluido a base di silicone.

In stampa laser, l'immagine viene prima convertita in un formato elettronico; cioè, viene digitalizzato in una serie di puntini molto piccoli (pixel) da uno scanner di documenti, oppure un'immagine digitale può essere creata direttamente in un computer. L'immagine digitalizzata viene quindi scritta sul fotorecettore nella stampante laser da un raggio laser. Le restanti fasi sono essenzialmente quelle della xerografia convenzionale, in cui l'immagine sul fotorecettore viene trasformata in carta o altre superfici.

Alcune fotocopiatrici utilizzano un processo noto come sviluppo liquido. Ciò differisce dal processo a secco convenzionale in quanto lo sviluppatore è generalmente un vettore idrocarburico liquido in cui sono disperse particelle di toner finemente suddivise. Lo sviluppo e il trasferimento sono generalmente analoghi ai processi convenzionali, tranne per il fatto che lo sviluppatore viene lavato sul fotorecettore e la copia umida viene essiccata mediante l'evaporazione del liquido residuo all'applicazione del calore o sia del calore che della pressione.

Materiali

I materiali di consumo associati alla fotocopiatura sono toner, sviluppatore, lubrificanti per fusore e carta. Sebbene non siano generalmente considerati materiali di consumo, i fotorecettori, il fusore e i rulli di pressione e varie altre parti si consumano regolarmente e devono essere sostituiti, specialmente nelle macchine ad alto volume. Queste parti generalmente non sono considerate sostituibili dal cliente e richiedono conoscenze specifiche per la loro rimozione e regolazione. Molte nuove macchine incorporano unità sostituibili dal cliente (CRU), che contengono il fotorecettore e lo sviluppatore in un'unità autonoma che il cliente può sostituire. In queste macchine, i rotoli del fusore e così via durano per tutta la vita della macchina o richiedono riparazioni separate. Nel tentativo di ridurre i costi di assistenza e aumentare la comodità del cliente, alcune aziende si stanno orientando verso una maggiore riparabilità da parte del cliente, in cui la riparazione può essere effettuata senza rischi meccanici o elettrici per il cliente e richiederà, al massimo, una telefonata a un centro di assistenza per assistenza.

Toner produrre l'immagine sulla copia finita. I toner secchi sono polveri sottili composte da plastica, coloranti e piccole quantità di additivi funzionali. Un polimero (plastica) è solitamente il componente principale di un toner secco; esempi comuni sono i polimeri stirene-acrilico, stirene-butadiene e poliestere. Nei toner neri, come colorante vengono utilizzati diversi nerofumo o pigmenti, mentre nella copiatura a colori vengono impiegati vari coloranti o pigmenti. Durante il processo di produzione del toner, il nerofumo o colorante e il polimero vengono mescolati allo stato fuso e la maggior parte del colorante viene incapsulata dal polimero. I toner secchi possono anche contenere additivi interni e/o esterni che aiutano a determinare la carica statica del toner e/o le caratteristiche di flusso.

I toner a umido sono simili ai toner a secco in quanto sono costituiti da pigmenti e additivi all'interno di un rivestimento polimerico. La differenza è che questi componenti vengono acquistati come dispersione in un vettore di idrocarburi isoparaffinici.

Sviluppatori sono generalmente miscele di toner e vettore. I carrier trasportano letteralmente il toner sulla superficie del fotorecettore e sono spesso realizzati con materiali a base di tipi speciali di sabbia, vetro, acciaio o ferrite. Possono essere rivestiti con una piccola quantità di polimero per ottenere il comportamento desiderato in un'applicazione specifica. Le miscele carrier/toner sono note come sviluppatori a due componenti. Gli sviluppatori a componente singolo non utilizzano un vettore separato. Piuttosto, incorporano un composto come l'ossido di ferro nel toner e utilizzano un dispositivo magnetico per applicare lo sviluppatore al fotorecettore.

Lubrificanti per fusore sono spesso fluidi a base di silicone che vengono applicati ai rulli del fusore per evitare che il toner si sposti dall'immagine sviluppata al rullo. Mentre molti sono semplici polidimetilsilossani (PDMS), altri contengono un componente funzionale per migliorare la loro adesione al rullo fusore. Alcuni lubrificanti dell'unità di fusione vengono versati da una bottiglia in un pozzetto, da cui vengono pompati e infine applicati al rullo dell'unità di fusione. In altre macchine il lubrificante può essere applicato tramite un nastro di tessuto saturo che pulisce parte della superficie del rullo, mentre in alcune macchine e stampanti più piccole l'applicazione viene eseguita da uno stoppino impregnato d'olio.

La maggior parte, se non tutte, le fotocopiatrici moderne sono realizzate per funzionare bene con varie grammature di carta normale non trattata. Vengono realizzate speciali forme autocopianti per alcune macchine ad alta velocità e vengono prodotte carte transfer non fondenti per l'imaging nelle fotocopiatrici e quindi l'applicazione dell'immagine su una maglietta o altro tessuto con l'applicazione di calore e pressione in una pressa. Le grandi fotocopiatrici di disegni di ingegneria/architettura spesso producono le loro copie su un velum traslucido.

Potenziali pericoli e loro prevenzione

I produttori responsabili hanno lavorato duramente per ridurre al minimo il rischio derivante da eventuali pericoli unici nel processo di fotocopiatura. Tuttavia, è necessario ottenere schede di dati sulla sicurezza dei materiali (MSDS) per qualsiasi materiale di consumo o prodotti chimici di servizio utilizzati con una particolare macchina.

Forse l'unico materiale unico a cui si può essere esposti in modo significativo nel processo di fotocopiatura è toner. I moderni toner secchi non dovrebbero rappresentare un pericolo per la pelle o per gli occhi di nessuno, tranne forse delle persone più sensibili, e le apparecchiature progettate di recente utilizzano cartucce di toner e CRU che riducono al minimo il contatto con il toner sfuso. Anche i toner liquidi non dovrebbero essere direttamente irritanti per la pelle. Tuttavia, i loro vettori di idrocarburi isoparaffinici sono solventi e possono sgrassare la pelle, portando a secchezza e screpolature in caso di esposizione ripetuta. Questi solventi possono anche essere leggermente irritanti per gli occhi.

Le attrezzature ben progettate non presenteranno a luce luminosa pericolo, anche se la lastra viene illuminata senza originale su di essa e alcuni sistemi di illuminazione sono interbloccati con il coperchio della lastra per impedire l'esposizione dell'operatore alla sorgente luminosa. Tutte le stampanti laser sono classificate come prodotti laser di Classe I, il che significa che, in normali condizioni di funzionamento, il radiazione laser (raggio) è inaccessibile, essendo contenuto all'interno del processo di stampa, e non presenta un rischio biologico. Inoltre, il dispositivo laser non dovrebbe richiedere manutenzione e, nel caso altamente insolito in cui sia necessario l'accesso al raggio, il produttore deve fornire procedure di lavoro sicure che devono essere seguite da un tecnico dell'assistenza adeguatamente addestrato.

Infine, l'hardware fabbricato correttamente non avrà spigoli vivi, punti di schiacciamento o rischi di scosse esposte nelle aree in cui gli operatori potrebbero mettere le mani.

Pericoli per la pelle e gli occhi

Oltre ai toner secchi che non presentano un rischio significativo per la pelle o per gli occhi, ci si aspetterebbe lo stesso con i toner a base di olio di silicone lubrificanti del fusore. I polidimetilsilossani (PDMS) sono stati sottoposti ad approfondite valutazioni tossicologiche e generalmente sono risultati benigni. Mentre alcuni PDMS a bassa viscosità possono essere irritanti per gli occhi, quelli usati come lubrificanti del fusore di solito non lo sono, né sono irritanti per la pelle. Indipendentemente dall'effettiva irritazione, ognuno di questi materiali sarà fastidioso per la pelle o per gli occhi. La pelle interessata può essere lavata con acqua e sapone e gli occhi devono essere lavati con acqua per diversi minuti.

Individui che lavorano frequentemente con toner liquidi, soprattutto in condizioni di potenziali schizzi, potrebbe voler indossare occhiali protettivi, occhiali di sicurezza con schermi laterali o una visiera, se necessario. I guanti rivestiti in gomma o vinile dovrebbero prevenire i problemi di pelle secca sopra menzionati.

Garanzia sono generalmente benigni pure. Tuttavia, ci sono stati casi di irritazione cutanea significativa quando non è stata prestata la dovuta attenzione durante la lavorazione. Processi di produzione scadenti possono anche causare problemi di odore quando la carta viene riscaldata nel fusore di una fotocopiatrice a secco. Occasionalmente, la pergamena in una fotocopiatrice tecnica non è stata elaborata correttamente e crea un problema di odore di solvente idrocarburico.

Oltre alla base isoparaffinica di toner liquidi, numerosi solventi sono abitualmente utilizzati nella manutenzione delle macchine. Sono inclusi detergenti per piastre e coperchi e dispositivi di rimozione della pellicola, che, in genere, sono alcol o soluzioni alcol/acqua contenenti piccole quantità di tensioattivi. Tali soluzioni sono irritanti per gli occhi, ma non irritano direttamente la pelle. Tuttavia, come i disperdenti del toner liquido, la loro azione solvente può sgrassare la pelle e portare a eventuali problemi di screpolature della pelle. Guanti e occhiali protettivi in ​​gomma o vinile o occhiali di sicurezza con schermi laterali dovrebbero essere sufficienti per evitare problemi.

Rischi di inalazione

L'ozono è di solito la più grande preoccupazione di coloro che si trovano nelle vicinanze di fotocopiatrici. I successivi problemi più facilmente identificabili sarebbero il toner, inclusa la polvere di carta e i composti organici volatili (COV). Alcune situazioni danno anche luogo a lamentele relative agli odori.

Ozono è generato principalmente dalla scarica corona dai dispositivi (corotroni/scorotroni) che caricano il fotorecettore in preparazione all'esposizione e alla pulizia. Nelle concentrazioni più adatte a essere incontrate nelle fotocopie, può essere identificato dal suo odore gradevole, simile al trifoglio. La sua bassa soglia di odore (da 0.0076 a 0.036 ppm) gli conferisce buone "proprietà di avvertimento", in quanto la sua presenza può essere rilevata prima che raggiunga concentrazioni dannose. Quando raggiunge concentrazioni che potrebbero produrre mal di testa, irritazione agli occhi e difficoltà respiratorie, il suo odore diventa forte e pungente. Non bisogna aspettarsi problemi di ozono da macchine ben tenute in aree adeguatamente ventilate. Tuttavia, l'ozono può essere rilevato quando gli operatori lavorano nel flusso di scarico della macchina, specialmente nel caso di lunghe tirature. Gli odori che vengono identificati come ozono da operatori inesperti si riscontrano solitamente come originati da altre fonti.

Toner è stato a lungo considerato un particolato fastidioso, o “particolato non altrimenti classificato” (PNOC). Gli studi condotti da Xerox Corporation negli anni '1980 hanno indicato che il toner inalato suscita le risposte polmonari che ci si aspetterebbe dall'esposizione a tali materiali particolati insolubili. Hanno anche dimostrato una mancanza di rischio cancerogeno a concentrazioni di esposizione ben al di sopra di quelle previste nell'ambiente d'ufficio.

Polvere di carta è costituito da frammenti di fibre di carta, collanti e riempitivi come argilla, biossido di titanio e carbonato di calcio. Tutti questi materiali sono considerati PNOC. Non sono stati riscontrati motivi di preoccupazione per le esposizioni alla polvere di carta previste nell'ambiente d'ufficio.

L'emissione di COV da parte delle fotocopiatrici è un sottoprodotto del loro utilizzo in toner e parti in plastica, gomme e lubrificanti organici. Anche così, le esposizioni a singole sostanze chimiche organiche nell'ambiente di una fotocopiatrice in funzione sono di solito ordini di grandezza inferiori a qualsiasi limite di esposizione professionale.

Odore i problemi con le moderne fotocopiatrici sono spesso un'indicazione di una ventilazione inadeguata. Le carte trattate, come i moduli autocopianti o le carte per il trasferimento di immagini e occasionalmente le pergamene utilizzate nelle fotocopiatrici, possono produrre odori di solventi idrocarburici, ma le esposizioni saranno ben al di sotto dei limiti di esposizione professionale se la ventilazione è adeguata per la normale copiatura. Le moderne fotocopiatrici sono dispositivi elettromeccanici complessi che hanno alcune parti (fusitori) funzionanti a temperature elevate. Oltre agli odori presenti durante il normale funzionamento, gli odori si verificano anche quando una parte si rompe sotto un carico termico e vengono rilasciati il ​​fumo e le emissioni di plastica e/o gomma calda. Ovviamente, non si dovrebbe rimanere in presenza di tali esposizioni. Comune a quasi tutti i problemi di odore sono lamentele di nausea e una sorta di irritazione agli occhi o alle mucose. Questi disturbi di solito sono semplicemente indicazioni di esposizione a un odore sconosciuto e probabilmente sgradevole e non sono necessariamente segni di significativa tossicità acuta. In tali casi, l'individuo esposto dovrebbe cercare aria fresca, che porta quasi sempre a un rapido recupero. Anche le esposizioni al fumo e ai vapori delle parti surriscaldate sono di solito di così breve durata che non c'è motivo di preoccuparsi. Anche così, è prudente consultare un medico solo se i sintomi persistono o si esacerbano.

Considerazioni sull'installazione

Come discusso in precedenza, le fotocopiatrici producono calore, ozono e COV. Mentre le raccomandazioni sull'ubicazione e sulla ventilazione devono essere ottenute dal produttore e devono essere seguite, è ragionevole aspettarsi che, per tutte le macchine tranne forse le più grandi, l'ubicazione in una stanza con una ragionevole circolazione dell'aria, più di due ricambi d'aria all'ora e un'adeguata lo spazio intorno alla macchina per la manutenzione sarà sufficiente per evitare problemi di ozono e cattivi odori. Naturalmente, questa raccomandazione presuppone anche che siano soddisfatte anche tutte le raccomandazioni dell'American Society of Heating, Refrigeration and Air Conditioning Engineers (ASHRAE) per gli occupanti della stanza. Se in una stanza viene aggiunta più di una fotocopiatrice, è necessario prestare attenzione a fornire una maggiore ventilazione e capacità di raffreddamento. Le macchine grandi e ad alto volume possono richiedere considerazioni speciali sul controllo del calore.

Le forniture non richiedono particolari considerazioni oltre a quelle per la conservazione di eventuali solventi infiammabili e per evitare il calore eccessivo. La carta deve essere conservata nella sua scatola per quanto possibile e l'involucro non deve essere aperto fino a quando la carta non è necessaria.

Macchine fax (fax).

Operazioni di elaborazione.

Nella riproduzione facsimile, il documento viene scansionato da una fonte di luce e l'immagine viene convertita in un formato elettronico compatibile con le comunicazioni telefoniche. Al ricevitore, sistemi elettro-ottici decodificano e stampano l'immagine trasmessa tramite processi termici diretti, a trasferimento termico, xerografici oa getto d'inchiostro.

Le macchine che utilizzano i processi termici hanno una matrice di stampa lineare come un circuito stampato, su cui la carta da copia viene calpestata durante il processo di stampa. Ci sono circa 200 contatti per pollice attraverso la larghezza della carta, che si riscaldano rapidamente quando vengono attivati ​​da una corrente elettrica. Quando è caldo, un contatto fa diventare nero il punto di contatto su una carta da copia trattata (termica diretta) o il rivestimento su un rullo donatore simile a un nastro di una macchina da scrivere deposita un punto nero sulla carta da copia (trasferimento termico).

I fax che operano mediante il processo xerografico utilizzano il segnale trasmesso dal telefono per attivare un raggio laser e quindi funzionano allo stesso modo di una stampante laser. In modo simile, le macchine a getto d'inchiostro funzionano allo stesso modo delle stampanti a getto d'inchiostro.

Materiali.

La carta, trattata o normale, i rulli donatori, il toner e l'inchiostro sono i principali materiali utilizzati per i fax. Le carte termiche dirette sono trattate con coloranti leuco, che virano dal bianco al nero quando riscaldate. I rulli donatori contengono una miscela di nerofumo in una base di cera e polimero, rivestita su un substrato di pellicola. La miscela è sufficientemente solida da non trasferirsi sulla pelle se strofinata, ma se riscaldata si trasferirà sulla carta da copia. I toner e gli inchiostri sono discussi nelle sezioni di fotocopiatura e stampa a getto d'inchiostro.

Potenziali pericoli e loro prevenzione.

Nessun rischio unico è stato associato ai fax. Ci sono state lamentele relative agli odori con alcune delle prime macchine termiche dirette; tuttavia, come per molti odori nell'ambiente d'ufficio, il problema è più indicativo di una bassa soglia di odore, e forse di una ventilazione inadeguata, che di un problema di salute. Le macchine a trasferimento termico di solito sono prive di odore e non sono stati identificati rischi con i rotoli donatori. I fax xerografici presentano gli stessi potenziali problemi delle fotocopiatrici a secco; tuttavia, la loro bassa velocità normalmente preclude qualsiasi problema di inalazione.

Progetto (Diazo)

Operazioni di elaborazione.

I riferimenti moderni a "progetti" o "macchine per progetti" generalmente significano copie diazo o fotocopiatrici. Queste fotocopiatrici sono spesso utilizzate con grandi disegni architettonici o ingegneristici realizzati su pellicola, pergamena o base di carta traslucida. Le carte trattate con diazo sono acide e contengono un copulante che produce un cambiamento di colore per reazione con il composto diazo; tuttavia la reazione è impedita dall'acidità della carta. Il foglio da copiare viene posto a contatto con la carta trattata ed esposto ad un'intensa luce ultravioletta (UV) proveniente da una sorgente fluorescente o di vapori di mercurio. La luce UV rompe il legame diazo sulle aree della carta da copia non protette dall'esposizione dell'immagine sul master, eliminando la possibilità di una successiva reazione con l'accoppiatore. Il master viene quindi rimosso dal contatto con la carta trattata, che viene quindi esposta ad un'atmosfera di ammoniaca. L'alcalinità dello sviluppatore ammoniacale neutralizza l'acidità della carta, permettendo alla reazione di viraggio diazo/copulante di produrre una copia dell'immagine sulle parti della carta che erano protette dagli UV dall'immagine sul master.

Materiali.

Acqua e ammoniaca sono gli unici materiali diazo-process oltre alla carta trattata.

Potenziali pericoli e loro prevenzione.

L'ovvia preoccupazione per le fotocopiatrici con processo diazo è l'esposizione all'ammoniaca, che può causare irritazione agli occhi e alle mucose. Le macchine moderne di solito controllano le emissioni e quindi le esposizioni sono generalmente notevolmente inferiori a 10 ppm. Tuttavia, le apparecchiature più vecchie possono richiedere una manutenzione attenta e frequente e un'eventuale ventilazione locale degli scarichi. Prestare attenzione durante la manutenzione di una macchina per evitare fuoriuscite e prevenire il contatto con gli occhi. Devono essere seguite le raccomandazioni dei produttori relative ai dispositivi di protezione. Si dovrebbe anche essere consapevoli del fatto che la carta fabbricata in modo improprio può anche causare problemi alla pelle.

Duplicatori digitali e ciclostile

Operazioni di elaborazione.

I duplicatori digitali e i ciclostile condividono lo stesso processo di base in quanto uno stencil master viene "bruciato" o "tagliato" e posizionato su un tamburo contenente inchiostro, da cui l'inchiostro scorre attraverso il master sulla carta da copia.

Materiali.

Stencil, inchiostri e carte sono le forniture utilizzate da queste macchine. L'immagine scansionata viene masterizzata digitalmente sul master in mylar di un duplicatore digitale, mentre viene tagliata elettricamente in uno stencil di carta ciclostile. Un'ulteriore differenza è che gli inchiostri per duplicatori digitali sono a base d'acqua, sebbene contengano del solvente di petrolio, mentre gli inchiostri per ciclostile sono basati su un distillato naftenico o su una miscela di etere glicolico/alcool.

Potenziali pericoli e loro prevenzione.

I rischi principali associati ai duplicatori digitali e ai ciclostile sono dovuti ai loro inchiostri, sebbene vi sia una potenziale esposizione al vapore di cera calda associata alla masterizzazione dell'immagine sullo stencil del duplicatore digitale e un'esposizione all'ozono durante l'elettrotaglio degli stencil. Entrambi i tipi di inchiostro hanno il potenziale per l'irritazione degli occhi e della pelle, mentre il più alto contenuto di distillato di petrolio dell'inchiostro del ciclostile ha un potenziale maggiore di causare dermatiti. L'uso di guanti protettivi mentre si lavora con gli inchiostri e un'adeguata ventilazione durante le copie dovrebbero proteggere dai rischi per la pelle e l'inalazione.

Duplicatori di spiriti

Operazioni di elaborazione.

I duplicatori di spiriti utilizzano uno stencil a immagine inversa rivestito con un colorante solubile in alcool. Durante la lavorazione, la carta da copia viene leggermente rivestita con un fluido per duplicazione a base di metanolo, che rimuove una piccola quantità di colorante al contatto con lo stencil, con conseguente trasferimento dell'immagine sulla carta da copia. Le copie possono emettere metanolo per qualche tempo dopo la duplicazione.

Materiali.

Carta, stampini e fluido per duplicazione sono le forniture principali per questa attrezzatura.

Potenziali pericoli e loro prevenzione.

I fluidi per la duplicazione dello spirito sono generalmente a base di metanolo e quindi sono tossici se assorbiti attraverso la pelle, inalati o ingeriti; sono anche infiammabili. La ventilazione dovrebbe essere adeguata per garantire che l'esposizione dell'operatore sia al di sotto degli attuali limiti di esposizione professionale e dovrebbe includere la fornitura di un'area ventilata per l'asciugatura. Alcuni fluidi di duplicazione più recenti utilizzati sono a base di alcol etilico o glicole propilenico, che evitano i problemi di tossicità e infiammabilità del metanolo. È necessario seguire le raccomandazioni dei produttori per quanto riguarda l'uso di dispositivi di protezione durante la manipolazione di tutti i fluidi per duplicazione.

 

Di ritorno

Sabato, Aprile 02 2011 21: 47

Problemi di salute e modelli di malattia

L'interpretazione dei dati sulla salute umana nell'industria della stampa, dell'elaborazione fotografica commerciale e della riproduzione non è semplice, poiché i processi sono complessi e si evolvono continuamente, a volte in modo drammatico. Mentre l'uso dell'automazione ha sostanzialmente ridotto l'esposizione al lavoro manuale nelle versioni modernizzate di tutte e tre le discipline, il volume di lavoro per dipendente è aumentato notevolmente. Inoltre, l'esposizione cutanea rappresenta un'importante via di esposizione per queste industrie, ma è caratterizzata meno bene dai dati disponibili sull'igiene industriale. La segnalazione di casi di effetti meno gravi e reversibili (ad es. mal di testa, irritazione del naso e degli occhi) è incompleta e sottostimata nella letteratura pubblicata. Nonostante queste sfide e limitazioni, gli studi epidemiologici, le indagini sulla salute e i case report forniscono una notevole quantità di informazioni sullo stato di salute dei lavoratori in questi settori.

Attività di stampa

Agenti ed esposizioni

Oggi esistono cinque categorie di processi di stampa: flessografia, rotocalco, tipografia, litografia e serigrafia. Il tipo di esposizione che può verificarsi da ciascun processo è correlato ai tipi di inchiostri da stampa utilizzati e alla probabilità di inalazione (nebbie, fumi di solventi e così via) e contatto con la pelle penetrabile dal processo e dalle attività di pulizia impiegate. Va notato che gli inchiostri sono composti da pigmenti organici o inorganici, veicoli oleosi o solventi (ad es. vettori) e additivi applicati per scopi speciali di stampa. La tabella 1 delinea alcune caratteristiche dei diversi processi di stampa.

Tabella 1. Alcune potenziali esposizioni nel settore della stampa

Processi

Tipo di inchiostro

Solvente

Potenziali esposizioni

Flessografia e rotocalco

Inchiostri liquidi (bassa viscosità)

Volatili
acqua

Solventi organici: xilene, benzene

Tipografia e litografia

Inchiostri in pasta (alta viscosità)

Oli—
vegetale
minerale

Nebbia d'inchiostro: solventi idrocarburici; isopropanolo; idrocarburi policiclici aromatici (IPA)

Serigrafia

Semipasta

Volatili

Solventi organici: xilene, cicloesanone, acetato di butile

 

Mortalità e rischi cronici

Esistono diversi studi epidemiologici e case-report sulle stampanti. Le caratterizzazioni dell'esposizione non sono quantificate in gran parte della letteratura precedente. Tuttavia, le particelle di nerofumo di dimensioni respirabili con idrocarburi policiclici aromatici potenzialmente cancerogeni (benzo(A)pirene) legati alla superficie sono stati segnalati nei locali delle macchine da stampa tipografica rotativa per la produzione di giornali. Gli studi sugli animali trovano il benzo(A)pirene strettamente legato alla superficie della particella di nerofumo e non facilmente rilasciato nei polmoni o in altri tessuti. Questa mancanza di "biodisponibilità" rende più difficile determinare se i rischi di cancro siano fattibili. Diversi, ma non tutti, gli studi epidemiologici di coorte (cioè popolazioni seguite nel tempo) hanno trovato suggerimenti di un aumento dei tassi di cancro ai polmoni nelle stampanti (tabella 2). Una valutazione più dettagliata di oltre 100 casi di cancro al polmone e 300 controlli (studio di tipo caso-controllo) da un gruppo di oltre 9,000 addetti alla stampa a Manchester, in Inghilterra (Leon, Thomas e Hutchings 1994) ha rilevato che la durata del lavoro in una sala macchine era correlato all'insorgenza di cancro ai polmoni nei lavoratori della stampa tipografica rotativa. Poiché non sono noti i modelli di fumo dei lavoratori, non è nota la considerazione diretta del ruolo dell'occupazione nello studio. Tuttavia, è suggestivo che il lavoro con la stampa tipografica rotativa possa aver presentato un rischio di cancro ai polmoni nei decenni precedenti. In alcune aree del mondo, tuttavia, possono ancora esistere tecnologie più vecchie, come la stampa tipografica rotativa, e quindi offrire opportunità per valutazioni preventive, nonché l'installazione di controlli appropriati ove necessario.


Tabella 2. Studi di coorte sui rischi di mortalità nel settore della stampa

Popolazione studiata

Numero di lavoratori

Rischi di mortalità* (IC 95%)

       
   

Periodo di follow-up

Paese

Tutte le cause

Tutti i tumori

Cancro ai polmoni

Addetti ai giornali

1,361

(1949-65) - 1978

USA

1.0 (0.8-1.0)

1.0 (0.8-1.2)

1.5 (0.9-2.3)

Addetti ai giornali

, 700

(1940-55) - 1975

Italy

1.1 (0.9-1.2)

1.2 (0.9-1.6)

1.5 (0.8-2.5)

Tipografi

1,309

1961-1984

USA

0.7 (0.7-0.8)

0.8 (0.7-1.0)

0.9 (0.6-1.2)

Stampanti (NGA)

4,702

(1943-63) - 1983

UK

0.8 (0.7-0.8)

0.7 (0.6-0.8)

0.6 (0.5-0.7)

Stampanti (NATSOPA)

4,530

(1943-63) - 1983

UK

0.9 (0.9-1.0)

1.0 (0.9-1.1)

0.9 (0.8-1.1)

Rotocalco

1,020

(1925-85) - 1986

Svezia

1.0 (0.9-1.2)

1.4 (1.0-1.9)

1.4 (0.7-2.5)

Stampanti su cartone

2,050

(1957-88) - 1988

USA

1.0 (0.9-1.2)

0.6 (0.3-0.9)

0.5 (0.2-1.2)

* Indici di mortalità standardizzati (SMR) = numero di decessi osservati diviso per il numero di decessi attesi, aggiustato per gli effetti dell'età nei periodi di tempo considerati. Un SMR di 1 indica nessuna differenza tra osservato e atteso. Nota: per gli SMR sono forniti intervalli di confidenza al 95%.

NGA = Associazione grafica nazionale, Regno Unito

NATSOPA = National Society of Operative Printers, Graphic and Media Personnel, Regno Unito.

Fonti: Paganini-Hill et al. 1980; Bertazzi e Zoccheti 1980; Michaels, Zoloth e Stern 1991; Leone 1994; Svenson et al. 1990; Lavelli et al. 1992.


Un altro gruppo di lavoratori che è stato sostanzialmente studiato sono i litografi. L'esposizione dei litografi moderni a solventi organici (trementina, toluene e così via), pigmenti, coloranti, idrochinone, cromati e cianati è stata notevolmente ridotta negli ultimi decenni a causa dell'uso di tecnologie informatiche, processi automatizzati e cambiamenti nei materiali. L'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) ha recentemente concluso che le esposizioni professionali nel processo di stampa sono possibilmente cancerogene per l'uomo (IARC 1996). Allo stesso tempo, può essere importante sottolineare che la conclusione della IARC si basa su esposizioni storiche che, nella maggior parte dei casi, dovrebbero essere significativamente diverse oggi. Rapporti di melanoma maligno hanno suggerito rischi circa il doppio del tasso previsto (Dubrow 1986). Mentre alcuni postulano che il contatto cutaneo con l'idrochinone potrebbe essere correlato al melanoma (Nielson, Henriksen e Olsen 1996), non è stato confermato in un impianto di produzione di idrochinone in cui è stata segnalata un'esposizione significativa all'idrochinone (Pifer et al. 1995). Tuttavia, dovrebbero essere enfatizzate le pratiche che riducono al minimo il contatto della pelle con i solventi, in particolare nella pulizia delle lastre.

Attività di elaborazione fotografica

Esposizioni e agenti

L'elaborazione fotografica di pellicole o carta in bianco e nero oa colori può essere eseguita manualmente o mediante processi su larga scala essenzialmente completamente automatizzati. La selezione del processo, delle sostanze chimiche, delle condizioni di lavoro (inclusi ventilazione, igiene e dispositivi di protezione individuale) e il carico di lavoro possono tutti influenzare i tipi di esposizione e i potenziali problemi di salute dell'ambiente di lavoro. I tipi di lavori (ossia, compiti relativi all'elaboratore) che hanno il maggior potenziale di esposizione a sostanze chimiche fotografiche chiave, come formaldeide, ammoniaca, idrochinone, acido acetico e sviluppatori di colore, sono indicati nella tabella 3. Il tipico lavoro di elaborazione e manipolazione fotografica flusso è rappresentato in figura 1.

Tabella 3. Compiti nell'elaborazione fotografica con potenziale di esposizione chimica

Area di lavoro

Compiti con potenziale di esposizione

Miscelazione chimica

Mescolare i prodotti chimici in soluzione.
Attrezzatura pulita.
Mantenere l'area di lavoro.

Laboratorio di analisi

Gestire i campioni.
Analizzare e reintegrare le soluzioni.
Valutazione del controllo di qualità.

Elaborazione pellicola/stampa

Elabora film e stampa utilizzando sviluppatori, indurenti, sbiancanti.

Decollo pellicola/stampa

Rimuovere la pellicola elaborata e le stampe per l'asciugatura.

 

Figura 1. Operazioni di elaborazione fotografica

PRI040F1

Nelle unità di trattamento ad alto volume progettate più di recente, alcune delle fasi del flusso di lavoro sono state combinate e automatizzate, rendendo meno probabile l'inalazione e il contatto con la pelle. La formaldeide, un agente utilizzato da decenni come stabilizzatore dell'immagine a colori, sta diminuendo in concentrazione nei prodotti fotografici. A seconda del processo specifico e delle condizioni ambientali del sito, la sua concentrazione d'aria può variare da livelli non rilevabili nella zona di respirazione dell'operatore fino a circa 0.2 ppm in corrispondenza degli sfiati dell'essiccatore della macchina. Le esposizioni possono verificarsi anche durante la pulizia delle apparecchiature, la produzione o il rifornimento del fluido stabilizzante e lo scarico dei processori, nonché in situazioni di fuoriuscita.

Va notato che mentre le esposizioni chimiche sono state l'obiettivo principale della maggior parte degli studi sulla salute degli elaboratori fotografici, anche altri aspetti dell'ambiente di lavoro, come la luce ridotta, la movimentazione dei materiali e le esigenze posturali del lavoro, sono di interesse per la salute preventiva.

Rischi di mortalità

L'unica sorveglianza pubblicata sulla mortalità degli elaboratori fotografici non suggerisce un aumento dei rischi di morte per l'occupazione (Friedlander, Hearne e Newman 1982). Lo studio ha riguardato nove laboratori di lavorazione negli Stati Uniti ed è stato aggiornato per coprire altri 15 anni di follow-up (Pifer 1995). Va notato che questo è uno studio su oltre 2,000 dipendenti che lavoravano attivamente all'inizio del 1964, con oltre il 70% di loro che aveva almeno 15 anni di occupazione nella loro professione in quel momento. Il gruppo è stato seguito per 31 anni, fino al 1994. Molte esposizioni rilevanti all'inizio della carriera di questi dipendenti, come il tetracloruro di carbonio, la n-butilammina e l'isopropilammina, sono state interrotte nei laboratori più di trent'anni fa. Tuttavia, molte delle esposizioni chiave nei laboratori moderni (ad es. acido acetico, formaldeide e anidride solforosa) erano presenti anche nei decenni precedenti, sebbene a concentrazioni molto più elevate. Durante il periodo di follow-up di 31 anni, il tasso di mortalità standardizzato era solo il 78% di quello previsto (SMR 0.78), con 677 decessi nei 2,061 lavoratori. Nessuna causa individuale di morte è stata significativamente aumentata.

I 464 trasformatori nello studio avevano anche una mortalità ridotta, sia rispetto alla popolazione generale (SMR 0.73) che ad altri lavoratori orari (SMR 0.83) e non avevano aumenti significativi in ​​nessuna causa di morte. Sulla base delle informazioni epidemiologiche disponibili, non sembra che l'elaborazione fotografica presenti un aumento del rischio di mortalità, anche alle più alte concentrazioni di esposizione probabilmente presenti negli anni '1950 e '1960.

Malattia polmonare

La letteratura ha pochissime segnalazioni di disturbi polmonari per i processori fotografici. Due articoli (Kipen e Lerman 1986; Hodgson e Parkinson 1986) descrivono un totale di quattro potenziali risposte polmonari all'elaborazione delle esposizioni sul posto di lavoro; tuttavia, nessuno dei due disponeva di dati quantitativi sull'esposizione ambientale per valutare i risultati polmonari misurati. Nell'unica rassegna epidemiologica sull'argomento non è stato identificato alcun aumento delle assenze per malattia a lungo termine per disturbi polmonari (Friedlander, Hearne e Newman 1982); tuttavia, è importante notare che le assenze per malattia di otto giorni consecutivi erano necessarie per essere catturate in quello studio. Sembra che i sintomi respiratori possano essere aggravati o avviati in individui sensibili dall'esposizione a concentrazioni più elevate di acido acetico, anidride solforosa e altri agenti durante lo sviluppo fotografico, qualora la ventilazione fosse scarsamente controllata o si verificassero errori durante la miscelazione, con conseguente rilascio di concentrazioni indesiderate di questi agenti. Tuttavia, casi polmonari correlati al lavoro sono stati riportati solo raramente in questa occupazione (Hodgson e Parkinson 1986).

Effetti acuti e subcronici

La dermatite allergica e irritativa da contatto è stata segnalata negli elaboratori fotografici per decenni, a partire dall'uso iniziale di prodotti chimici per il colore alla fine degli anni '1930. Molti di questi casi si sono verificati nei primi mesi di esposizione di un processore. L'uso di guanti protettivi e migliori processi di manipolazione hanno sostanzialmente ridotto la dermatite fotografica. Gli schizzi oculari con alcuni prodotti fotochimici possono presentare rischi di lesioni alla cornea. La formazione sulle procedure di lavaggio oculare (risciacquare gli occhi con acqua fredda per almeno 15 minuti seguiti da assistenza medica) e l'uso di occhiali protettivi è particolarmente importante per i fotoprocessori, molti dei quali possono lavorare in isolamento e/o in ambienti con scarsa illuminazione.

Esistono alcuni problemi di ergonomia per quanto riguarda il funzionamento di unità di elaborazione fotografica ad alto volume ea rotazione rapida. Il montaggio e lo smontaggio di grandi rotoli di carta fotografica può presentare un rischio di disturbi alla parte superiore della schiena, alle spalle e al collo. I rotoli possono pesare da 13.6 a 22.7 kg (da 30 a 50 libbre) e possono essere scomodi da maneggiare, a seconda in parte dell'accesso alla macchina, che può essere compromesso in cantieri compatti.

Lesioni e sforzi al personale possono essere prevenuti con un'adeguata formazione del personale, fornendo un accesso adeguato ai rotoli e tenendo conto dei fattori umani nella progettazione generale dell'area di lavorazione.

Prevenzione e metodi di diagnosi precoce degli effetti

La protezione da dermatiti, irritazioni respiratorie, lesioni acute e disturbi ergonomici inizia con il riconoscimento che tali disturbi possono verificarsi. Con un'adeguata informazione dei lavoratori (comprese etichette, schede dati sulla sicurezza dei materiali, dispositivi di protezione e programmi di formazione sulla protezione della salute), revisioni periodiche di salute/sicurezza dell'ambiente di lavoro e supervisione informata, la prevenzione può essere fortemente enfatizzata. Inoltre, l'identificazione precoce dei disturbi può essere facilitata disponendo di una risorsa medica per la segnalazione della salute dei lavoratori, insieme a valutazioni sanitarie periodiche volontarie mirate, concentrandosi sui sintomi respiratori e degli arti superiori nei questionari e sull'osservazione diretta delle aree cutanee esposte per segni di lavoro- dermatite correlata.

Poiché la formaldeide è un potenziale sensibilizzante delle vie respiratorie, un forte irritante e un possibile cancerogeno, è importante che ogni luogo di lavoro sia valutato per determinare dove viene utilizzata la formaldeide (revisioni dell'inventario chimico e della scheda di sicurezza dei materiali), per valutare le concentrazioni nell'aria (se indicato dai materiali utilizzate), per identificare dove potrebbero verificarsi perdite o sversamenti e per stimare la quantità che potrebbe essere sversata e la concentrazione generata negli scenari peggiori. Un piano di risposta alle emergenze dovrebbe essere sviluppato, affisso in modo visibile, comunicato e praticato periodicamente. Uno specialista della salute e della sicurezza dovrebbe essere consultato nello sviluppo di tale piano di emergenza.

Attività di riproduzione

Agenti ed esposizioni

Le moderne macchine fotocopiatrici emettono livelli molto bassi di radiazione ultravioletta attraverso il coperchio in vetro (plenum), generano rumore e possono emettere basse concentrazioni di ozono durante l'attività di lavorazione. Queste macchine utilizzano un toner, principalmente nerofumo (per stampanti in bianco e nero), per produrre una stampa scura sulla carta o sulla pellicola trasparente. Pertanto, le potenziali esposizioni di routine di interesse sanitario per gli operatori di fotocopie possono includere radiazioni ultraviolette, rumore, ozono e possibilmente toner. Nelle macchine più vecchie, il toner potrebbe essere un problema durante la sostituzione, sebbene le moderne cartucce autonome abbiano sostanzialmente ridotto la potenziale esposizione respiratoria e cutanea.

Il grado di esposizione alle radiazioni ultraviolette che si verifica attraverso il piano in vetro della fotocopiatrice è molto basso. La durata di un flash della fotocopiatrice è di circa 250 microsecondi, con una copia continua che effettua circa 4,200 flash all'ora, un valore che può variare a seconda della fotocopiatrice. Con la lastra di vetro in posizione, la lunghezza d'onda emessa varia da 380 a circa 396 nm. L'UVB in genere non deriva dai flash della fotocopiatrice. Le misurazioni UVA registrate al massimo alla patena di vetro hanno una media di circa 1.65 microjoule/cm2 per lampo. Pertanto, l'esposizione spettrale massima di 8 ore vicino ai raggi UV da una fotocopiatrice a funzionamento continuo che produce circa 33,000 copie al giorno è di circa 0.05 joule/cm2 alla superficie del vetro. Questo valore è solo una frazione del valore limite di soglia raccomandato dalla Conferenza americana degli igienisti industriali governativi (ACGIH) e sembra non presentare alcun rischio misurabile per la salute, anche in condizioni di esposizione così esagerate.

Va notato che alcuni lavoratori possono essere maggiormente a rischio di esposizione ai raggi UV, compresi quelli con condizioni fotosensibili, le persone che usano agenti/farmaci fotosensibilizzanti e le persone con pupille oculari compromesse (afachici). A queste persone viene solitamente consigliato di ridurre al minimo le loro esposizioni ai raggi UV come misura precauzionale generale.

Effetti acuti.

La letteratura non rivela molti effetti acuti significativamente correlati alla fotocopiatura. Le unità più vecchie e con una manutenzione insufficiente potrebbero emettere concentrazioni di ozono rilevabili se utilizzate in ambienti scarsamente ventilati. Mentre i sintomi di irritazione degli occhi e delle vie respiratorie superiori sono stati segnalati dai lavoratori in tali ambienti, le specifiche minime del produttore per lo spazio e la ventilazione, insieme alla più recente tecnologia delle fotocopiatrici, hanno sostanzialmente eliminato l'ozono come problema di emissione.

Rischi di mortalità.

Non sono stati trovati studi che descrivano mortalità o rischi cronici per la salute derivanti dalla fotocopiatura a lungo termine.

Prevenzione e diagnosi precoce

Seguendo semplicemente l'uso consigliato dai produttori, l'attività di fotocopiatura non dovrebbe presentare un rischio sul posto di lavoro. Gli individui che sperimentano un aggravamento dei sintomi legati all'uso intenso di fotocopiatrici dovrebbero chiedere consigli sulla salute e la sicurezza.

 

Di ritorno

Sabato, Aprile 02 2011 21: 51

Panoramica delle questioni ambientali

Principali problemi ambientali

solventi

I solventi organici sono utilizzati per una serie di applicazioni nell'industria della stampa. Gli usi principali includono solventi per la pulizia di presse e altre apparecchiature, agenti solubilizzanti negli inchiostri e additivi nelle soluzioni di bagnatura. Oltre alle preoccupazioni generali sulle emissioni di composti organici volatili (VOC), alcuni potenziali componenti del solvente possono essere persistenti nell'ambiente o avere un elevato potenziale di riduzione dell'ozono.

Argento

Durante l'elaborazione fotografica in bianco e nero ea colori, l'argento viene rilasciato in alcune delle soluzioni di elaborazione. È importante comprendere la tossicologia ambientale dell'argento in modo che queste soluzioni possano essere maneggiate e smaltite correttamente. Sebbene lo ione argento libero sia altamente tossico per la vita acquatica, la sua tossicità è molto inferiore in una forma complessa come negli effluenti di fotoelaborazione. Il cloruro d'argento, il tiosolfato d'argento e il solfuro d'argento, che sono forme di argento comunemente osservate nella fotoelaborazione, sono oltre quattro ordini di grandezza meno tossici del nitrato d'argento. L'argento ha un'elevata affinità per il materiale organico, il fango, l'argilla e altre sostanze che si trovano negli ambienti naturali, e questo riduce il suo potenziale impatto nei sistemi acquatici. Dato il livello estremamente basso di ioni d'argento liberi trovato negli effluenti di fotoelaborazione o nelle acque naturali, la tecnologia di controllo appropriata per l'argento complessato è sufficientemente protettiva dell'ambiente.

Altre caratteristiche dell'effluente di fotoelaborazione

La composizione dell'effluente fotografico varia a seconda dei processi in esecuzione: bianco e nero, inversione di colore, colore negativo/positivo o una combinazione di questi. L'acqua comprende dal 90 al 99% del volume effluente, con la maggior parte del resto costituito da sali inorganici che funzionano come tamponi e agenti fissanti (solubilizzanti l'alogenuro d'argento), chelati di ferro, come l'acido Feetilene diammina tetra-acetico e molecole organiche che fungono da agenti di sviluppo e antiossidanti. Ferro e argento sono i metalli significativi presenti.

Rifiuti solidi

Ogni componente dell'industria della stampa, della fotografia e della riproduzione genera rifiuti solidi. Questo può consistere in rifiuti di imballaggio come cartone e plastica, materiali di consumo come cartucce di toner o materiale di scarto da operazioni come carta di scarto o pellicola. La crescente pressione sui generatori industriali di rifiuti solidi ha portato le aziende a esaminare attentamente le opzioni per ridurre i rifiuti solidi attraverso la riduzione, il riutilizzo o il riciclaggio.

Materiale

Le apparecchiature svolgono un ruolo ovvio nel determinare l'impatto ambientale dei processi utilizzati nei settori della stampa, della fotografia e della riproduzione. Oltre a questo, il controllo sta aumentando su altri aspetti dell'attrezzatura. Un esempio è l'efficienza energetica, che si riferisce all'impatto ambientale della produzione di energia. Un altro esempio è la "legislazione sul ritiro", che richiede ai produttori di ricevere indietro le apparecchiature per il corretto smaltimento dopo la loro utile vita commerciale.

Tecnologie di controllo

L'efficacia di una data metodologia di controllo può dipendere in gran parte dai processi operativi specifici di una struttura, dalle dimensioni di tale struttura e dal necessario livello di controllo.

Tecnologie di controllo dei solventi

L'uso di solventi può essere ridotto in diversi modi. I componenti più volatili, come l'alcool isopropilico, possono essere sostituiti con composti aventi una tensione di vapore inferiore. In alcune situazioni, gli inchiostri e i lavaggi a base di solvente possono essere sostituiti con materiali a base d'acqua. Molte applicazioni di stampa necessitano di miglioramenti nelle opzioni a base acqua per competere efficacemente con i materiali a base solvente. La tecnologia degli inchiostri ad alto contenuto di solidi può anche portare a una riduzione dell'uso di solventi organici.

Le emissioni di solventi possono essere ridotte riducendo la temperatura delle soluzioni di bagnatura o di bagnatura. In applicazioni limitate, i solventi possono essere catturati su materiali adsorbenti come il carbone attivo e riutilizzati. In altri casi, le finestre operative sono troppo rigide per consentire il riutilizzo diretto dei solventi catturati, ma possono essere recuperati per il riciclaggio fuori sede. Le emissioni di solventi possono essere concentrate nei sistemi di condensazione. Questi sistemi sono costituiti da scambiatori di calore seguiti da un filtro o da un precipitatore elettrostatico. La condensa passa attraverso un separatore acqua-olio prima dello smaltimento finale.

Nelle operazioni più grandi, gli inceneritori (a volte chiamati postcombustori) possono essere utilizzati per distruggere i solventi emessi. Platino o altri materiali in metallo prezioso possono essere utilizzati per catalizzare il processo termico. I sistemi non catalizzati devono funzionare a temperature più elevate ma non sono sensibili ai processi che possono avvelenare i catalizzatori. Il recupero del calore è generalmente necessario per rendere convenienti i sistemi non catalizzati.

Tecnologie per il recupero dell'argento

Il livello di recupero dell'argento dal fotoeffluente è controllato dall'economia del recupero e/o dalle normative sullo scarico della soluzione. Le principali tecniche di recupero dell'argento includono l'elettrolisi, la precipitazione, la sostituzione metallica e lo scambio ionico.

Nel recupero elettrolitico, la corrente viene fatta passare attraverso la soluzione contenente argento e il metallo argentato viene placcato sul catodo, solitamente una piastra di acciaio inossidabile. Il fiocco d'argento viene raccolto mediante flessione, scheggiatura o raschiatura e inviato a un raffinatore per il riutilizzo. Il tentativo di abbassare il livello di argento della soluzione residua significativamente al di sotto di 200 mg/l è inefficiente e può provocare la formazione di solfuro d'argento indesiderato o sottoprodotti solforosi nocivi. Le celle a letto impaccato sono in grado di ridurre l'argento a livelli inferiori, ma sono più complesse e costose delle celle con elettrodi bidimensionali.

L'argento può essere recuperato dalla soluzione mediante precipitazione con un materiale che forma un sale d'argento insolubile. Gli agenti precipitanti più comuni sono la trimercaptotriazina trisodica (TMT) e vari sali di solfuro. Se si utilizza un sale solfuro, occorre prestare attenzione per evitare la generazione di idrogeno solforato altamente tossico. TMT è un'alternativa intrinsecamente più sicura recentemente introdotta nel settore della fotoelaborazione. Le precipitazioni hanno un'efficienza di recupero superiore al 99%.

Le cartucce di ricambio metalliche (MRC) consentono il flusso della soluzione contenente argento su un deposito filamentoso di ferro metallico. Lo ione argento viene ridotto al metallo argento mentre il ferro viene ossidato in specie ioniche solubili. Il fango metallico argenteo si deposita sul fondo della cartuccia. Gli MRC non sono appropriati nelle aree in cui il ferro negli effluenti è un problema. Questo metodo ha un'efficienza di recupero superiore al 95%.

Nello scambio ionico, i complessi anionici di tiosolfato d'argento si scambiano con altri anioni su un letto di resina. Quando la capacità del letto di resina è esaurita, la capacità aggiuntiva viene rigenerata estraendo l'argento con una soluzione concentrata di tiosolfato o convertendo l'argento in solfuro d'argento in condizioni acide. In condizioni ben controllate, questa tecnica può abbassare l'argento al di sotto di 1 mg/l. Tuttavia, lo scambio ionico può essere utilizzato solo su soluzioni diluite in argento e tiosolfato. La colonna è estremamente sensibile allo strippaggio se la concentrazione di tiosolfato dell'affluente è troppo elevata. Inoltre, la tecnica richiede molta manodopera e attrezzature, il che la rende costosa nella pratica.

Altre tecnologie di controllo del fotoeffluente

Il metodo più conveniente per gestire gli effluenti fotografici è tramite il trattamento biologico in un impianto di trattamento secondario dei rifiuti (spesso indicato come impianto di trattamento di proprietà pubblica, o POTW). Diversi componenti o parametri degli effluenti fotografici possono essere regolati da permessi di scarico fognario. Oltre all'argento, altri parametri regolati comuni includono pH, domanda chimica di ossigeno, domanda biologica di ossigeno e solidi totali disciolti. Numerosi studi hanno dimostrato che i rifiuti di fotoelaborazione (inclusa la piccola quantità di argento rimanente dopo un ragionevole recupero dell'argento) dopo il trattamento biologico non dovrebbero avere un effetto negativo sulle acque riceventi.

Altre tecnologie sono state applicate ai rifiuti di fotoelaborazione. In alcune regioni del mondo viene praticato il trasporto per il trattamento in inceneritori, cementifici o altro smaltimento definitivo. Alcuni laboratori riducono il volume della soluzione da trasportare attraverso l'evaporazione o la distillazione. Altre tecniche ossidative come l'ozonizzazione, l'elettrolisi, l'ossidazione chimica e l'ossidazione dell'aria umida sono state applicate agli effluenti di fotoelaborazione.

Un'altra importante fonte di riduzione dell'onere ambientale è rappresentata dalla riduzione delle fonti. Il livello di argento rivestito per metro quadrato nei prodotti sensibilizzati sta costantemente diminuendo con l'ingresso sul mercato di nuove generazioni di prodotti. Con la diminuzione dei livelli di argento nei supporti, è diminuita anche la quantità di sostanze chimiche necessarie per elaborare una determinata area di pellicola o carta. Anche la rigenerazione e il riutilizzo degli overflow della soluzione hanno comportato un minore impatto ambientale per immagine. Ad esempio, la quantità di agente di sviluppo del colore necessaria per elaborare un metro quadrato di carta colorata nel 1996 è inferiore al 20% di quella richiesta nel 1980.

Minimizzazione dei rifiuti solidi

Il desiderio di ridurre al minimo i rifiuti solidi sta incoraggiando gli sforzi per riciclare e riutilizzare i materiali piuttosto che smaltirli nelle discariche. Esistono programmi di riciclaggio per cartucce di toner, cassette per pellicole, fotocamere usa e getta e così via. Anche il riciclaggio e il riutilizzo degli imballaggi stanno diventando sempre più diffusi. Un maggior numero di componenti di imballaggi e attrezzature viene etichettato in modo appropriato per consentire programmi di riciclaggio dei materiali più efficienti.

Progettazione dell'analisi del ciclo di vita per l'ambiente

Tutte le questioni discusse in precedenza hanno portato a una crescente considerazione dell'intero ciclo di vita di un prodotto, dall'approvvigionamento di risorse naturali alla creazione dei prodotti, alla gestione dei problemi di fine vita di questi prodotti. Due strumenti analitici correlati, l'analisi del ciclo di vita e la progettazione per l'ambiente, vengono utilizzati per incorporare le questioni ambientali nel processo decisionale nella progettazione, sviluppo e vendita dei prodotti. L'analisi del ciclo di vita prende in considerazione tutti gli input ei flussi di materiali per un prodotto o processo e tenta di misurare quantitativamente l'impatto sull'ambiente delle diverse opzioni. La progettazione per l'ambiente prende in considerazione vari aspetti della progettazione del prodotto come la riciclabilità, la rilavorabilità e così via per ridurre al minimo l'impatto sull'ambiente della produzione o dello smaltimento delle apparecchiature in questione.

 

Di ritorno

Sabato, Aprile 02 2011 21: 52

Laboratori fotografici commerciali

Materiali e operazioni di lavorazione

Elaborazione in bianco e nero

Nell'elaborazione fotografica in bianco e nero, la pellicola o la carta esposta viene rimossa da un contenitore a tenuta di luce in una camera oscura e successivamente immersa in soluzioni acquose di sviluppatore, bagno di arresto e fissatore. Dopo un lavaggio con acqua, la pellicola o la carta è asciutta e pronta per l'uso. Lo sviluppatore riduce l'alogenuro d'argento esposto alla luce ad argento metallico. Il bagno di arresto è una soluzione debolmente acida che neutralizza lo sviluppatore alcalino e arresta l'ulteriore riduzione dell'alogenuro d'argento. La soluzione di fissaggio forma un complesso solubile con l'alogenuro d'argento non esposto, che viene successivamente rimosso dall'emulsione nel processo di lavaggio insieme a vari sali idrosolubili, tamponi e ioni alogenuro.

Elaborazione del colore

L'elaborazione a colori è più complessa dell'elaborazione in bianco e nero, con passaggi aggiuntivi necessari per l'elaborazione della maggior parte dei tipi di pellicole a colori, lucidi e carta. Insomma, invece di uno strato di alogenuro d'argento, come nelle pellicole in bianco e nero, ci sono tre negativi d'argento sovrapposti; cioè, viene prodotto un negativo d'argento per ciascuno dei tre strati sensibilizzati. A contatto con lo sviluppatore del colore, l'alogenuro d'argento esposto viene convertito in argento metallico mentre lo sviluppatore ossidato reagisce con uno specifico copulante in ogni strato per formare l'immagine colorante.

Un'altra differenza nell'elaborazione del colore è l'uso di un candeggiante per rimuovere l'argento metallico indesiderato dall'emulsione convertendo l'argento metallico in alogenuro d'argento per mezzo di un agente ossidante. Successivamente, l'alogenuro d'argento viene convertito in un complesso d'argento solubile, che viene poi rimosso mediante lavaggio come nel caso della lavorazione in bianco e nero. Inoltre, le procedure ei materiali di elaborazione del colore variano a seconda che si stia formando una trasparenza a colori o se si stiano elaborando negativi a colori e stampe a colori.

Progettazione generale dell'elaborazione

Le fasi essenziali della fotoelaborazione consistono quindi nel far passare la pellicola o la carta esposta attraverso una serie di vasche di lavorazione a mano o in macchine sviluppatrici. Sebbene i singoli processi possano essere diversi, esistono somiglianze nei tipi di procedure e attrezzature utilizzate nella fotoelaborazione. Ad esempio, ci sarà un'area di stoccaggio per prodotti chimici e materie prime e strutture per la manipolazione e lo smistamento dei materiali fotografici esposti in entrata. Strutture e attrezzature sono necessarie per misurare, pesare e miscelare i prodotti chimici di lavorazione e per fornire queste soluzioni ai vari serbatoi di lavorazione. Inoltre, viene utilizzata una varietà di dispositivi di pompaggio e dosaggio per fornire soluzioni di elaborazione ai serbatoi. Un laboratorio professionale o di fotofinitura utilizzerà in genere apparecchiature più grandi e più automatizzate che elaboreranno pellicola o carta. Per produrre un prodotto uniforme, i processori sono a temperatura controllata e, nella maggior parte dei casi, vengono riforniti con prodotti chimici freschi mentre il prodotto sensibilizzato viene fatto passare attraverso il processore.

Le operazioni più grandi possono avere laboratori di controllo della qualità per le determinazioni chimiche e la misurazione della qualità fotografica dei materiali prodotti. Sebbene l'uso di formulazioni chimiche confezionate possa eliminare la necessità di misurare, pesare e mantenere un laboratorio di controllo qualità, molte grandi strutture di fotoelaborazione preferiscono miscelare le proprie soluzioni di elaborazione da grandi quantità di sostanze chimiche costituenti.

Dopo la lavorazione e l'essiccazione dei materiali, sul prodotto finito possono essere applicate lacche o rivestimenti protettivi e possono essere effettuate operazioni di pulitura del film. Infine, i materiali vengono ispezionati, imballati e preparati per la spedizione al cliente.

Potenziali pericoli e loro prevenzione

Rischi unici della camera oscura

I potenziali pericoli nell'elaborazione fotografica commerciale sono simili a quelli di altri tipi di operazioni chimiche; tuttavia, una caratteristica unica è il requisito che alcune parti delle operazioni di lavorazione siano condotte al buio. Di conseguenza, l'operatore di trasformazione deve avere una buona conoscenza dell'apparecchiatura e dei suoi potenziali pericoli e delle misure precauzionali in caso di incidenti. Sono disponibili luci di sicurezza o occhiali a infrarossi che possono essere utilizzati per fornire un'illuminazione sufficiente per la sicurezza dell'operatore. Tutti gli elementi meccanici e le parti elettriche in tensione devono essere chiusi e le parti sporgenti della macchina devono essere coperte. Dovrebbero essere installate serrature di sicurezza per garantire che la luce non entri nella camera oscura e dovrebbero essere progettate in modo da consentire il libero passaggio del personale.

Pericoli per la pelle e gli occhi

A causa dell'ampia varietà di formule utilizzate dai vari fornitori e dei diversi metodi di confezionamento e miscelazione di sostanze chimiche per il fototrattamento, è possibile fare solo poche generalizzazioni riguardo ai tipi di rischi chimici presenti. È possibile incontrare una varietà di acidi forti e materiali caustici, specialmente nelle aree di stoccaggio e miscelazione. Molti prodotti chimici per la fotoelaborazione sono irritanti per la pelle e gli occhi e, in alcuni casi, possono causare ustioni alla pelle o agli occhi a seguito del contatto diretto. Il problema di salute più frequente nella fotoelaborazione è il potenziale di dermatite da contatto, che più comunemente deriva dal contatto della pelle con soluzioni di sviluppo alcaline. La dermatite può essere dovuta ad irritazione causata da soluzioni alcaline o acide, o, in alcuni casi, ad allergia cutanea.

Gli sviluppatori di colore sono soluzioni acquose che di solito contengono derivati ​​di p-phenylenediamine, mentre gli sviluppatori in bianco e nero di solito contengono p-metil-amminofenolsolfato (noto anche come Metol o agente di sviluppo KODAK ELON) e/o idrochinone. Gli sviluppatori di colore sono sensibilizzanti e irritanti cutanei più potenti rispetto agli sviluppatori in bianco e nero e possono anche causare reazioni lichenoidi. Inoltre, in alcune soluzioni di fotoprocessing si trovano altri sensibilizzanti cutanei come la formaldeide, il solfato di idrossilammina e l'S-(2-(dimetilammino)-etil)-isotiouronio dicloridrato. Lo sviluppo di allergia cutanea è più probabile che si verifichi dopo il contatto ripetuto e prolungato con le soluzioni di lavorazione. Le persone con malattie della pelle preesistenti o irritazione della pelle sono spesso più sensibili agli effetti delle sostanze chimiche sulla pelle.

Evitare il contatto con la pelle è un obiettivo importante nelle aree di fotoelaborazione. I guanti in neoprene sono consigliati per ridurre il contatto con la pelle, soprattutto nelle zone di miscelazione, dove si incontrano soluzioni più concentrate. In alternativa, i guanti in nitrile possono essere utilizzati quando non è richiesto un contatto prolungato con sostanze fotochimiche. I guanti devono essere di spessore sufficiente per evitare lacerazioni e perdite e devono essere ispezionati e puliti frequentemente, preferibilmente lavando accuratamente le superfici esterne ed interne con un detergente per le mani non alcalino. È particolarmente importante che il personale addetto alla manutenzione sia dotato di guanti protettivi durante la riparazione o la pulizia dei serbatoi e dei gruppi rack, e così via, poiché questi potrebbero ricoprirsi di depositi di sostanze chimiche. Le creme barriera non sono appropriate per l'uso con sostanze fotochimiche perché non sono impermeabili a tutte le sostanze fotochimiche e possono contaminare le soluzioni di lavorazione. Nella camera oscura è necessario indossare un grembiule protettivo o un camice da laboratorio ed è auspicabile un lavaggio frequente degli indumenti da lavoro. Per tutti gli indumenti protettivi riutilizzabili, gli utenti devono cercare segni di permeazione o degradazione dopo ogni utilizzo e sostituire gli indumenti in modo appropriato. Dovrebbero essere utilizzati anche occhiali protettivi e uno schermo facciale, specialmente nelle aree in cui vengono maneggiati prodotti fotochimici concentrati.

Se i prodotti chimici per la fotoelaborazione entrano in contatto con la pelle, l'area interessata deve essere lavata rapidamente con abbondante acqua. Poiché i materiali come gli sviluppatori sono alcalini, il lavaggio con un detergente per le mani non alcalino (pH da 5.0 a 5.5) riduce il rischio di sviluppare dermatiti. Gli indumenti devono essere cambiati immediatamente in caso di contaminazione con sostanze chimiche e le fuoriuscite o gli schizzi devono essere immediatamente ripuliti. Le strutture per il lavaggio delle mani e le disposizioni per il risciacquo degli occhi sono particolarmente importanti nelle aree di miscelazione e lavorazione. Dovrebbero essere disponibili anche docce di emergenza.

Rischi di inalazione

Oltre ai potenziali pericoli per la pelle e gli occhi, i gas o i vapori emessi da alcune soluzioni di fotoelaborazione possono presentare un rischio di inalazione, oltre a contribuire alla formazione di odori sgradevoli, soprattutto in aree scarsamente ventilate. Alcune soluzioni di elaborazione del colore possono rilasciare vapori come acido acetico, trietanolammina e alcol benzilico o gas come ammoniaca, formaldeide e anidride solforosa. Questi gas o vapori possono essere irritanti per le vie respiratorie e gli occhi o, in alcuni casi, possono causare altri effetti sulla salute. I potenziali effetti sulla salute di questi gas o vapori dipendono dalla concentrazione e di solito si osservano solo a concentrazioni che superano i limiti di esposizione professionale. Tuttavia, a causa di un'ampia variazione nella suscettibilità individuale, alcuni individui, ad esempio persone con condizioni mediche preesistenti come l'asma, possono sperimentare effetti a concentrazioni inferiori ai limiti di esposizione professionale.

Alcune sostanze fotochimiche possono essere rilevabili dall'odore a causa della bassa soglia di odore della sostanza chimica. Sebbene l'odore di una sostanza chimica non sia necessariamente indicativo di un pericolo per la salute, odori forti o odori che aumentano di intensità possono indicare che il sistema di ventilazione è inadeguato e deve essere rivisto.

Un'appropriata ventilazione di fotoelaborazione incorpora sia la diluizione generale che lo scarico locale per scambiare aria a una velocità accettabile all'ora. Una buona ventilazione offre l'ulteriore vantaggio di rendere l'ambiente di lavoro più confortevole. La quantità di ventilazione richiesta varia in base alle condizioni della stanza, alla resa di lavorazione, ai processori specifici e ai prodotti chimici di lavorazione. È possibile consultare un tecnico della ventilazione per garantire il funzionamento ottimale dei sistemi di ventilazione degli scarichi locali e locali. La lavorazione ad alta temperatura e l'agitazione a scoppio di azoto delle soluzioni del serbatoio possono aumentare il rilascio di alcune sostanze chimiche nell'aria ambiente. La velocità del processore, le temperature della soluzione e l'agitazione della soluzione devono essere impostate a livelli prestazionali minimi adeguati per ridurre il potenziale rilascio di gas o vapori dai serbatoi di processo.

Ventilazione generale della stanza, ad esempio 4.25 m3/min e 4.8 m3/min di scarico (equivalente a 10 ricambi d'aria all'ora in una stanza di 3 x 3 x 3 metri), con un tasso minimo di ricambio d'aria esterna di 0.15 m3/min al m2 superficie del pavimento: di solito è adeguata per i fotografi che si occupano di elaborazione fotografica di base. Una velocità di scarico superiore a una velocità di alimentazione produce una pressione negativa nella stanza e riduce la possibilità di fuga di gas o vapori nelle aree adiacenti. L'aria di scarico deve essere scaricata all'esterno dell'edificio per evitare la ridistribuzione di potenziali contaminanti dell'aria all'interno dell'edificio. Se i serbatoi del processore sono chiusi e dispongono di uno scarico (vedere la figura 1), è probabile che la portata minima di alimentazione e scarico dell'aria possa essere ridotta.

Figura 1. Ventilazione a macchina chiusa

PRI100F1

Alcune operazioni (ad es. viraggio, pulizia della pellicola, operazioni di miscelazione e procedure di lavorazione speciali) possono richiedere un'ulteriore ventilazione locale o una protezione respiratoria. Lo scarico locale è importante perché riduce la concentrazione di contaminanti aerodispersi che potrebbero altrimenti essere rimessi in circolo dal sistema di ventilazione di diluizione generale.

Per alcuni serbatoi può essere utilizzato un sistema di ventilazione laterale del tipo a fessura per l'estrazione di vapori o gas dalla superficie di un serbatoio. Se progettati e utilizzati correttamente, gli scarichi laterali a fessura aspirano aria pulita attraverso il serbatoio e rimuovono l'aria contaminata dalla zona di respirazione dell'operatore e dalla superficie dei serbatoi di lavorazione. Gli scarichi push-pull ad asola laterale sono i sistemi più efficaci (vedi figura 2).

Figura 2. Vaso aperto con ventilazione "push-pull".

PRI100F2

Un sistema di scarico con cappuccio o tettuccio (vedi figura 3) non è consigliato perché gli operatori spesso si chinano sui serbatoi con la testa sotto il cofano. In questa posizione la cappa aspira vapori o gas nella zona di respirazione dell'operatore.

Figura 3. Scarico superiore del tettuccio

PRI100F3

I coperchi dei serbatoi divisi con scarico locale collegati alla parte fissa sui serbatoi di miscelazione possono essere utilizzati per integrare la ventilazione generale della stanza nelle aree di miscelazione. I coperchi dei serbatoi (coperchi aderenti o galleggianti) devono essere utilizzati per prevenire il rilascio di potenziali contaminanti dell'aria dai serbatoi di stoccaggio e da altri serbatoi. Uno scarico flessibile può essere fissato ai coperchi del serbatoio per facilitare la rimozione delle sostanze chimiche volatili (vedere figura 4). A seconda dei casi, dovrebbero essere utilizzati miscelatori automatici, che consentono di aggiungere direttamente singole parti di prodotti multicomponente e successivamente miscelarli nei trasformatori, poiché riducono il potenziale di esposizione dell'operatore a sostanze fotochimiche.

Figura 4. Scarico del serbatoio di miscelazione chimica

PRI100F4

Quando si miscelano sostanze chimiche secche, i contenitori devono essere svuotati delicatamente per ridurre al minimo la dispersione nell'aria della polvere chimica. Tavoli, panche, scaffali e mensole devono essere puliti frequentemente con un panno inumidito con acqua per evitare che la polvere chimica residua si accumuli e successivamente si disperda nell'aria.

Progettazione impianti e operazioni

Le superfici che possono essere contaminate da sostanze chimiche devono essere costruite in modo da consentire il lavaggio con acqua. Devono essere previste disposizioni adeguate per gli scarichi a pavimento, in particolare nelle aree di stoccaggio, miscelazione e lavorazione. A causa della possibilità di perdite o sversamenti, è necessario prendere accordi per il contenimento, la neutralizzazione e il corretto smaltimento delle sostanze fotochimiche. Poiché a volte i pavimenti possono essere bagnati, la pavimentazione intorno alle aree potenzialmente bagnate deve essere coperta con nastro antiscivolo o vernice per motivi di sicurezza. Occorre inoltre tenere in considerazione i potenziali rischi elettrici. Per i dispositivi elettrici utilizzati dentro o vicino all'acqua, è necessario utilizzare interruttori automatici con guasto a terra e un'adeguata messa a terra.

Come regola generale, i fotochimici dovrebbero essere conservati in un'area fresca (a temperature non inferiori a 4.4 °C), asciutta (umidità relativa tra il 35 e il 50%), ben ventilata, dove possono essere facilmente inventariati e recuperati. Gli inventari chimici dovrebbero essere gestiti attivamente in modo da ridurre al minimo le quantità di sostanze chimiche pericolose immagazzinate e in modo che i materiali non vengano immagazzinati oltre la data di scadenza. Tutti i contenitori devono essere adeguatamente etichettati.

I prodotti chimici devono essere conservati per ridurre al minimo la probabilità di rottura del contenitore durante lo stoccaggio e il recupero. I contenitori di prodotti chimici non devono essere conservati dove possono cadere, sopra il livello degli occhi o dove il personale deve allungarsi per raggiungerli. La maggior parte dei materiali pericolosi deve essere conservata a un livello basso e su una base solida per evitare possibili rotture e fuoriuscite sulla pelle o sugli occhi. Le sostanze chimiche che, se miscelate accidentalmente, potrebbero causare incendi, esplosioni o rilascio di sostanze chimiche tossiche devono essere separate. Ad esempio, acidi forti, basi forti, riduttori, ossidanti e prodotti chimici organici devono essere conservati separatamente.

I liquidi infiammabili e combustibili devono essere conservati in contenitori e armadi di stoccaggio approvati. Le aree di stoccaggio devono essere mantenute fresche e devono essere vietati il ​​fumo, le fiamme libere, i riscaldatori o qualsiasi altra cosa che possa causare l'accensione accidentale. Durante le operazioni di trasferimento, è necessario assicurarsi che i contenitori siano adeguatamente collegati e messi a terra. La progettazione e il funzionamento delle aree di stoccaggio e manipolazione di materiali infiammabili e combustibili devono essere conformi alle normative antincendio ed elettriche applicabili.

Quando possibile, solventi e liquidi dovrebbero essere dosati mediante pompe dosatrici piuttosto che versando. Il pipettaggio di soluzioni concentrate e la creazione di sifoni per via orale non dovrebbero essere consentiti. L'uso di preparazioni prepesate o predosate può semplificare le operazioni e ridurre le possibilità di incidenti. È necessaria un'attenta manutenzione di tutte le pompe e linee per evitare perdite.

Una buona igiene personale dovrebbe essere sempre praticata nelle aree di fotoelaborazione. I prodotti chimici non devono mai essere collocati in contenitori per bevande o alimenti o viceversa; devono essere utilizzati solo contenitori destinati a prodotti chimici. Cibo o bevande non dovrebbero mai essere portati nelle aree in cui vengono utilizzate sostanze chimiche e le sostanze chimiche non devono essere conservate nei frigoriferi utilizzati per il cibo. Dopo aver maneggiato sostanze chimiche, le mani devono essere lavate accuratamente, soprattutto prima di mangiare o bere.

Formazione e istruzione

Tutto il personale, compresi quelli addetti alla manutenzione e alle pulizie, deve essere addestrato alle procedure di sicurezza relative alle proprie mansioni lavorative. Un programma di formazione per tutto il personale è essenziale per promuovere pratiche di lavoro sicure e prevenire gli incidenti. Il programma educativo dovrebbe essere svolto prima che il personale sia autorizzato a lavorare, successivamente a intervalli regolari e ogni volta che vengono introdotti nuovi potenziali pericoli sul posto di lavoro.

In breve

La chiave per lavorare in sicurezza con i prodotti chimici per la fotoelaborazione è comprendere i potenziali pericoli dell'esposizione e gestire il rischio a un livello accettabile. Le strategie di gestione del rischio per il controllo dei potenziali rischi professionali nella fotoelaborazione dovrebbero includere:

  • fornire al personale la formazione sui potenziali pericoli e sulle procedure di sicurezza sul posto di lavoro,
  • incoraggiare il personale a leggere e comprendere i veicoli di comunicazione dei pericoli (ad es. schede dati di sicurezza ed etichette dei prodotti),
  • mantenere la pulizia del posto di lavoro e una buona igiene personale,
  • assicurarsi che i processori e le altre apparecchiature siano installati, gestiti e mantenuti secondo le specifiche dei produttori,
  • sostituendo con sostanze chimiche meno pericolose o meno odorose, ove possibile,
  • utilizzando controlli tecnici (ad esempio, sistemi di ventilazione di scarico generali e locali) ove applicabile,
  • utilizzando dispositivi di protezione (p. es., guanti protettivi, occhiali o visiera) quando necessario,
  • stabilire procedure per garantire cure mediche tempestive a chiunque abbia prove di lesioni, e
  • considerazione del monitoraggio dell'esposizione ambientale e del monitoraggio della salute dei dipendenti come verifica di efficaci strategie di gestione del rischio.

 

Ulteriori informazioni sull'elaborazione in bianco e nero sono discusse nel Spettacolo e arte capitolo.

 

Di ritorno

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti