Errore di salute e attività critiche nella brachiterapia post-carico remoto: approcci per migliorare le prestazioni del sistema

Remote postloading btachytherapy (RAB) è un processo medico utilizzato nel trattamento del cancro. RAB utilizza un dispositivo controllato da computer per inserire e rimuovere da remoto sorgenti radioattive, vicino a un bersaglio (o tumore) nel corpo. Problemi relativi alla dose erogata durante il RAB sono stati riportati e attribuiti a errore umano (Swann-D'Emilia, Chu e Daywalt 1990). Callan et al. (1995) hanno valutato l'errore umano e le attività critiche associate alla RAB in 23 siti negli Stati Uniti. La valutazione comprendeva sei fasi:

Fase 1: Funzioni e compiti. La preparazione al trattamento era considerata il compito più difficile, poiché era responsabile del maggior sforzo cognitivo. Inoltre, le distrazioni hanno avuto il massimo effetto sulla preparazione.

Fase 2: Interferenze uomo-sistema. Il personale spesso non aveva familiarità con le interfacce che usava raramente. Gli operatori non erano in grado di vedere i segnali di controllo o le informazioni essenziali dalle loro postazioni di lavoro. In molti casi, le informazioni sullo stato del sistema non sono state fornite all'operatore.

Fase 3: Procedure e pratiche. Poiché le procedure utilizzate per passare da un'operazione all'altra e quelle utilizzate per trasmettere informazioni e attrezzature tra le attività non erano ben definite, le informazioni essenziali potevano andare perse. Le procedure di verifica erano spesso assenti, mal costruite o incoerenti.

Fase 4: Politiche formative. Lo studio ha rivelato l'assenza di programmi di formazione formale nella maggior parte dei siti.

Fase 5: Strutture organizzative di supporto. La comunicazione durante la RAB era particolarmente soggetta ad errori. Le procedure di controllo della qualità erano inadeguate.

Fase 6: Identificazione e classificazione delle circostanze che favoriscono l'errore umano. In tutto, sono stati identificati e classificati 76 fattori che favoriscono l'errore umano. Sono stati individuati e valutati approcci alternativi.

Dieci attività critiche erano soggette a errore:

  • programmazione, identificazione e monitoraggio del paziente
  • stabilizzazione del posizionamento dell'applicatore
  • localizzazione di grandi volumi
  • localizzazione della posizione di sosta
  • dosimetria
  • impostazione del trattamento
  • inserimento del piano di trattamento
  • scambio di fonti
  • calibrazione della sorgente
  • tenuta dei registri e garanzia di qualità di routine

 

Il trattamento è stata la funzione associata al maggior numero di errori. Sono stati analizzati trenta errori correlati al trattamento e sono stati riscontrati errori durante quattro o cinque attività secondarie del trattamento. La maggior parte degli errori si è verificata durante la somministrazione del trattamento. Il secondo maggior numero di errori era associato alla pianificazione del trattamento ed era correlato al calcolo della dose. Sono in corso miglioramenti delle attrezzature e della documentazione, in collaborazione con i produttori.

 

Di ritorno

L'Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH) ha studiato il sollevamento e altri infortuni correlati in due magazzini di generi alimentari (denominati di seguito "Magazzino A" e "Magazzino B") (NIOSH 1993a; NIOSH 1995). Entrambi i magazzini dispongono di standard ingegneristici rispetto ai quali vengono misurate le prestazioni del selettore degli ordini; coloro che scendono al di sotto del loro standard sono soggetti ad azione disciplinare. I dati nella tabella 1 sono espressi solo in percentuale dei selezionatori di ordini, riportando ogni anno tutti gli infortuni o solo gli infortuni alla schiena.

Tabella 1. Schiena e tutti gli infortuni e le malattie sul lavoro segnalati che coinvolgono i selettori degli ordini in due magazzini di generi alimentari studiati dal NIOSH, 1987-1992.

Anno

Magazzino A: tutti gli infortuni (%)

Magazzino B: tutti gli infortuni (%)

Magazzino A: solo infortuni alla schiena (%)

Magazzino B: solo infortuni alla schiena (%)

1987

79

N/A

28

N/A

1988

88

N/A

31

N/A

1989

87

62

39

21

1990

81

62

31

31

1991

52

83

28

29

1992

N/A

86

N/A

17

Fonti: NIOSH 1993a, 1995.

A rischio di generalizzare questi dati oltre il loro contesto, secondo qualsiasi calcolo, la grandezza di registrabile le percentuali di infortuni e malattie in questi magazzini sono piuttosto significative e notevolmente superiori ai dati aggregati del settore nel suo complesso per tutte le classificazioni professionali. Mentre gli infortuni totali al Magazzino A mostrano un leggero calo, in realtà aumentano al Magazzino B. Ma gli infortuni alla schiena, con l'eccezione del 1992 al Magazzino B, sono entrambi abbastanza stabili e significativi. In termini generali, questi dati suggeriscono che i selezionatori degli ordini hanno virtualmente 3 probabilità su 10 di subire un infortunio alla schiena che comporti cure mediche e/o tempo perso in un dato anno.

La National Association of Grocery Warehouses of America (NAGWA) degli Stati Uniti, un gruppo industriale, ha riferito che stiramenti e distorsioni alla schiena rappresentano il 30% di tutti gli infortuni che coinvolgono i magazzini di generi alimentari e che un terzo di tutti i lavoratori del magazzino (non solo i selezionatori degli ordini) sperimenteranno un infortunio registrabile all'anno; questi dati sono coerenti con gli studi NIOSH. Inoltre, hanno stimato il costo del pagamento di questi infortuni (risarcimento dei lavoratori principalmente) a $ 0.61 l'ora per il periodo 1990-1992 (quasi $ 1,270 all'anno per lavoratore). Hanno anche determinato che il sollevamento manuale era la causa principale di lesioni alla schiena nel 54% di tutti i casi studiati.

Oltre a una revisione delle statistiche sugli infortuni e sulle malattie, NIOSH ha utilizzato uno strumento di questionario che è stato somministrato a tutti i selezionatori di ordini di generi alimentari. Al magazzino A, dei 38 selezionatori a tempo pieno, il 50% ha riportato almeno un infortunio negli ultimi 12 mesi e il 18% dei selezionatori a tempo pieno ha riportato almeno un infortunio alla schiena nei 12 mesi precedenti. Per il magazzino B, il 63% dei 19 selezionatori a tempo pieno ha riportato almeno un infortunio registrabile negli ultimi 12 mesi e il 47% ha riportato di aver avuto almeno un infortunio alla schiena nello stesso periodo. Il 47% dei lavoratori a tempo pieno presso il magazzino A ha riportato un significativo mal di schiena nell'anno precedente, così come il XNUMX% dei selezionatori a tempo pieno presso il magazzino B. Questi dati auto-riportati corrispondono strettamente ai dati dell'indagine su infortuni e malattie.

Oltre a rivedere i dati sugli infortuni relativi alle lesioni alla schiena, il NIOSH ha applicato la sua equazione di sollevamento rivista a un campione di attività di sollevamento di selettori di ordini e ha scoperto che tutte le attività di sollevamento campionate superavano il limite di peso raccomandato di margini significativi, il che indica che le attività studiate erano altamente stressanti dal punto di vista ergonomico. Inoltre, sono state stimate le forze di compressione sul disco vertebrale L5/S1; tutti hanno superato i limiti biomeccanici raccomandati di 3.4 kN (kilonewton), che è stato identificato come limite superiore per proteggere la maggior parte dei lavoratori dal rischio di lesioni lombari.

Infine, NIOSH, utilizzando metodologie sia di spesa energetica che di consumo di ossigeno, ha stimato la domanda di energia sui selettori di ordini di generi alimentari in entrambi i magazzini. Il fabbisogno energetico medio del selettore degli ordini ha superato il criterio stabilito di 5 kcal/minuto (4 METS) per una giornata di 8 ore, che è riconosciuto come lavoro da moderato a pesante per la maggior parte dei lavoratori sani. Al magazzino A, il tasso metabolico di lavoro variava da 5.4 a 8.0 kcal/minuto e la frequenza cardiaca di lavoro variava da 104 a 131 battiti al minuto; al magazzino B, era rispettivamente da 2.6 a 6.3 kcal/minuto e da 138 a 146 battiti al minuto.

La richiesta di energia dei selezionatori di ordini da un sollevamento continuo a una velocità da 4.1 a 4.9 sollevamenti al minuto probabilmente provocherebbe affaticamento muscolare, specialmente quando si lavora su turni di 10 o più ore. Ciò illustra chiaramente il costo fisiologico del lavoro nei due magazzini fino ad oggi studiati. Riassumendo i suoi risultati, NIOSH è giunto alla seguente conclusione sui rischi affrontati dai selezionatori di ordini di magazzini di generi alimentari:

In sintesi, tutti gli assemblatori di ordini (selezionatori di ordini) hanno un rischio elevato di disturbi muscoloscheletrici, inclusa la lombalgia, a causa della combinazione di fattori lavorativi avversi che contribuiscono tutti all'affaticamento, un carico metabolico elevato e l'incapacità dei lavoratori di regolare il proprio ritmo di lavoro a causa delle esigenze lavorative. Secondo i criteri riconosciuti che definiscono la capacità del lavoratore e il relativo rischio di lesioni lombari, il lavoro di assemblatore in questo luogo di lavoro esporrà anche una forza lavoro altamente selezionata a un rischio sostanziale di sviluppare lesioni lombari. Inoltre, in generale, riteniamo che gli standard di prestazione esistenti incoraggino e contribuiscano a questi livelli eccessivi di sforzo (NIOSH 1995).

 

Di ritorno

Giovedì, 27 ottobre 2011 20: 59

Caso di studio: donne che pescano

The Entangling Net: le donne della pesca commerciale dell'Alaska raccontano le loro vite, di Leslie Leyland Fields (Urbana: University of Illinois Press, 1996), è la storia, basata sull'esperienza e sulle interviste dell'autrice, di alcune delle donne che lavoravano come pescatori commerciali nelle acque dell'Oceano Pacifico e del Golfo dell'Alaska intorno all'isola di Kodiak e alle isole Aleutine. I seguenti estratti catturano parte del sapore dell'esperienza di queste donne, perché hanno scelto questa linea di lavoro e cosa ha comportato.

Teresa Peterson

L'ultima stagione del merluzzo nero è iniziata il 15 maggio. Erano due ragazze e due ragazzi. Lo skipper voleva un equipaggio che potesse innescare velocemente l'attrezzatura; era quello che cercava. ... Per iniziare, tutto ciò che stavamo cercando di fare è girare i ganci. È un gioco di numeri. Idealmente esegui 18,000-20,000 hook al giorno. E così avremmo sempre quattro persone che adescano e una persona che trasporta l'attrezzatura. Le persone che adescavano ruoterebbero avvolgendo l'ingranaggio. Siamo tornati al modo tradizionale di pescare. La maggior parte delle barche Kodiak lascerà cadere l'attrezzatura in una vasca, da sola, quindi riporterai quella vasca e la escherai. Sulle vecchie golette di halibut avvolgono tutto a mano in modo da poter girare ogni amo. Cercano di creare una bobina davvero bella, quindi quando la riprendi puoi innescarla due volte più velocemente. I primi due giorni abbiamo esaminato il tempo necessario per innescare i pattini disordinati (le lunghe lenze su cui sono attaccati gli ami). Mi rifiuto di adescare un altro pattino in quel modo, quindi abbiamo iniziato tutti a avvolgere a mano il nostro. Quando lo fai, sei in grado di spostarti dalla tua stazione di esca. Abbiamo davvero lavorato per lunghe ore, spesso ventiquattro ore, poi andiamo al giorno successivo e lavoriamo tutta quella notte fino alle 2:00 circa e il giorno successivo altre venti ore. Poi ci sdraiavamo per circa tre ore. Poi ci rialzavamo e scendevamo per altre ventiquattr'ore e un paio d'ore. La prima settimana abbiamo dormito in media dieci ore tutte insieme: l'abbiamo capito. Quindi abbiamo scherzato, ventiquattro avanti, uno spento.

Non avevo mai pescato così duramente prima. Quando è stato aperto, abbiamo pescato sabato, tutto il sabato, tutta la domenica e metà del lunedì. Così ben oltre cinquantasei ore senza dormire, lavorando sodo, il più velocemente possibile. Poi ci siamo sdraiati per circa tre ore. Ti alzi. Sei così rigido! Poi abbiamo fatto un viaggio, poco più di 40,000 sterline in quattro giorni, quindi praticamente eravamo rimasti in piedi per tutti e quattro i giorni. Era un bel carico. È stato davvero motivante. Guadagno mille dollari al giorno. ... Sono le stagioni più brevi, le stagioni più brevi per i palangari, che stanno riportando le barche a questi orari. ... con una stagione di tre settimane, sei quasi costretto a farlo a meno che tu non riesca a ruotare una persona verso il basso (lasciarla dormire) (pp. 31-33).

Leslie Smith

Ma il motivo per cui mi sento fortunato è perché eravamo là fuori, una donna che gestiva una barca con un equipaggio di sole donne, e lo stavamo facendo. E lo stavamo facendo bene come chiunque altro nella flotta, quindi non mi sono mai sentito intimidito nel pensare: "Oh, una donna non può farlo, non può capirlo o non è in grado di farlo" perché il primo il lavoro che ho mai avuto è stato con le donne e andavamo bene. Quindi ho avuto quel fattore di fiducia dall'inizio della mia carriera di marinaio... (p. 35).

Quando sei su una barca, non hai una vita, non hai spazio fisico, non hai tempo per te stesso. È tutta la barca, la pesca, per quattro mesi di fila... (p. 36).

Ho un po' di protezione da alcuni venti, ma praticamente la otterrò tutta. ... C'è anche molta marea qui. Scarichi queste ancore; hai quindici o venti ancore, alcune delle quali da trecento libbre, per cercare di tenere in posizione una rete. E ogni volta che esci la rete si attorciglia in una forma diversa e devi trascinare queste ancore in giro. E il tempo non è molto bello per la maggior parte del tempo. Combatti sempre contro il vento. È una sfida, una sfida fisica invece che una sfida mentale... (p. 37).

Battere i moli (andare di barca in barca in cerca di lavoro) era la cosa peggiore. Dopo averlo fatto per un po' mi sono reso conto che probabilmente c'è solo il 15 percento delle barche su cui hai la possibilità di essere assunto perché il resto non assumerà donne. Principalmente perché le loro mogli non glielo permettono o c'è già un'altra donna sulla barca o sono semplicemente sessisti a tutto campo: non vogliono donne. Ma tra questi tre fattori, il numero di barche su cui potevi essere noleggiato era così esiguo da essere scoraggiante. Ma dovevi scoprire di che barche si trattava. Ciò significa camminare sui moli... (p. 81).

Marta Sutro

Stavo pensando alla domanda che hai fatto prima. Perché le donne sono sempre più attratte da questo. Non lo so. Ti chiedi se ci sia un numero crescente di donne che estraggono carbone o si autotrasportano. Non so se ha qualcosa a che fare con l'Alaska e l'intero fascino di poter prendere parte a qualcosa che prima ti era stato negato, o forse è una razza di donne che sono state cresciute o in qualche modo sono state cresciute per capire che certe barriere che presumibilmente c'erano non sono legittime. Anche resistendo a tutti i pericoli, è un'esperienza importante ed è molto fattibile, molto... odio usare la parola "soddisfacente", ma è molto appagante. Ho adorato, ho adorato far finire perfettamente una serie di pentole e non dover chiedere a nessuno di aiutarmi con una delle porte una volta e ottenere tutte le enormi mazzette di esca che in un certo senso piombi sotto la pentola nel mezzo. ...Ci sono elementi che non puoi trovare in nessun altro tipo di esperienza. È quasi come coltivare. È così elementare. Richiede un processo così elementare. Fin dai tempi biblici abbiamo parlato di questo tipo di persone. C'è questo ethos che lo circonda che è molto antico. E poter andare a quello e attingere da esso. Entra in tutto questo regno mistico (p.44).

Lisa Jakubowski

È molto solitario essere l'unica donna su una barca. Mi impegno a non farmi mai coinvolgere da ragazzi a livello romantico o altro. Gli amici. Sono sempre aperto agli amici, ma devi sempre stare attento che non pensino che sia di più. Vedi, ci sono così tanti diversi livelli di ragazzi. Non voglio essere amico degli ubriaconi e dei cocainomani. Ma sicuramente le persone più rispettabili con cui sono diventato amico. E ho mantenuto amicizie maschili e amicizie femminili. C'è molta solitudine però. Ho scoperto che la terapia della risata aiuta. Esco sul ponte posteriore e rido tra me e mi sento meglio (p. 61).

Campi di Leslie Leyland

Ciascuna (donna) ha chiesto solo parità di trattamento e pari opportunità. Questo non viene automaticamente in un lavoro in cui hai bisogno della forza per far atterrare una nassa oscillante da 130 libbre, la resistenza per resistere a trentasei ore consecutive di lavoro senza dormire, il moxie per guidare una sciabica da 150 cavalli a pieno regime velocità vicino alle barriere coralline e abilità pratiche speciali come la riparazione e la manutenzione di motori diesel, la riparazione di reti, l'idraulica operativa. Questi sono i poteri che vincono la giornata e il pesce; questi sono i poteri che le donne pescatrici devono dimostrare agli uomini miscredenti. E, non da ultimo, c'è una resistenza attiva da parte di una parte inaspettata: altre donne, mogli di uomini che pescano (p. 53).

Questo fa parte di ciò che so di essere uno skipper. ... Tu solo tieni in mano la vita di due, tre o quattro persone. I pagamenti della tua barca e i costi assicurativi ti costano decine di migliaia ogni anno: devi pescare. Gestisci un mix potenzialmente instabile di personalità e abitudini lavorative. Devi avere una vasta conoscenza della navigazione, delle condizioni meteorologiche, dei regolamenti sulla pesca; devi essere in grado di far funzionare e riparare in una certa misura l'array di elettronica ad alta tecnologia che è il cervello della barca. ... L'elenco potrebbe continuare.

Perché qualcuno solleva e trasporta volentieri un tale carico? C'è un altro lato, ovviamente. Per affermarlo positivamente, c'è indipendenza nello skipper, un grado di autonomia che raramente si trova in altre professioni. Tu solo controlli la vita all'interno della tua arca. Puoi decidere dove andrai a pescare, quando la barca va, quanto velocemente va, per quanto tempo e duramente lavorerà l'equipaggio, per quanto tempo dormono tutti, le condizioni meteorologiche in cui lavorerai, i gradi di rischio che correrai, il tipo di cibo che mangi... (p. 75).

Nel 1992, quarantaquattro navi affondarono in Alaska, ottantasette persone furono salvate da navi che affondavano, trentacinque morirono. Nella primavera del 1988 quarantaquattro morirono dopo che la nebbia di ghiaccio si era spostata e aveva consumato barche ed equipaggio. Per mettere questi numeri in prospettiva, l'Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro riferisce che il tasso di mortalità annuale per tutte le professioni statunitensi è di 7 ogni 100,000 lavoratori. Per la pesca commerciale in Alaska, il tasso sale a 200 per 100,000, rendendolo il lavoro più mortale del paese. Per i pescatori di granchi, la cui stagione dura tutto l'inverno, il tasso sale a 660 per 100,000, o quasi 100 volte la media nazionale (p. 98).

Debra Nielsen

Sono alto solo un metro e mezzo e peso cento libbre e quindi gli uomini hanno un istinto protettivo nei miei confronti. Ho dovuto superarlo per tutta la mia vita per entrare davvero e fare qualsiasi cosa. L'unico modo in cui sono riuscito a superare è essere più veloce e sapere cosa sto facendo. Si tratta di leva finanziaria. ... Devi rallentare. Devi usare la tua testa in modo diverso e il tuo corpo in modo diverso. Penso che sia importante che le persone sappiano quanto sono piccolo perché se posso farlo, significa che qualsiasi donna può farlo... (p. 86).

Cristina Holmes

Credo davvero nella North Pacific Vessel Owner's Association, offrono alcuni corsi davvero buoni, uno dei quali è Emergenze mediche in mare. Penso che ogni volta che prendi qualsiasi tipo di corso di tecnologia marina ti stai facendo un favore (p. 106).

Rebecca Raigoza

Sviluppato un tale senso di indipendenza e forza. Cose che pensavo non avrei mai potuto fare, ho imparato che le avrei fatte qui. Mi ha appena aperto un mondo completamente nuovo da giovane. diventare una donna, non lo so. Ci sono così tante possibilità ora perché so che posso fare "un lavoro da uomo", sai? C'è molto potere che ne deriva (p. 129).

Copyright 1997 del Board of Trustees dell'Università dell'Illinois. Usato con il permesso della University of Illinois Press.

 

Di ritorno

Giovedì, 27 ottobre 2011 20: 34

Sistemi di classificazione

3.1. Generale

3.1.1. L'autorità competente, o un organismo approvato o riconosciuto dall'autorità competente, dovrebbe stabilire sistemi e criteri specifici per classificare una sostanza chimica come pericolosa e dovrebbe estendere progressivamente tali sistemi e la loro applicazione. Possono essere seguiti i criteri esistenti per la classificazione stabiliti da altre autorità competenti o da accordi internazionali, se sono coerenti con i criteri ei metodi delineati in questo codice, e questo è incoraggiato laddove può aiutare l'uniformità di approccio. I risultati del lavoro del gruppo di coordinamento del programma internazionale UNEP/ILO/OMS sulla sicurezza chimica (IPCS) per l'armonizzazione della classificazione delle sostanze chimiche dovrebbero essere presi in considerazione, se del caso. Le responsabilità e il ruolo delle autorità competenti in materia di sistemi di classificazione sono definiti nei paragrafi 2.1.8 (criteri e requisiti), 2.1.9 (elenco consolidato) e 2.1.10 (valutazione di nuove sostanze chimiche).

3.1.2. I fornitori devono garantire che le sostanze chimiche fornite siano state classificate o identificate e che le loro proprietà siano state valutate (cfr. paragrafi 2.4.3 (valutazione) e 2.4.4 (classificazione)).

3.1.3. I fabbricanti o gli importatori, a meno che non siano esentati, devono fornire all'autorità competente informazioni sugli elementi e composti chimici non ancora inclusi nell'elenco di classificazione consolidato compilato dall'autorità competente, prima del loro utilizzo sul posto di lavoro (cfr. paragrafo 2.1.10 (valutazione di nuove sostanze chimiche )).

3.1.4. Le quantità limitate di una nuova sostanza chimica necessarie per scopi di ricerca e sviluppo possono essere prodotte, manipolate e trasportate tra laboratori e impianti pilota prima che tutti i pericoli di questa sostanza chimica siano noti in conformità con le leggi e i regolamenti nazionali. Tutte le informazioni disponibili trovate in letteratura o note al datore di lavoro per la sua esperienza con prodotti chimici e applicazioni simili dovrebbero essere prese pienamente in considerazione e dovrebbero essere applicate adeguate misure di protezione, come se il prodotto chimico fosse pericoloso. I lavoratori coinvolti devono essere informati delle effettive informazioni sui pericoli man mano che vengono a conoscenza.

3.2. Criteri di classificazione

3.2.1. I criteri per la classificazione delle sostanze chimiche dovrebbero basarsi sui loro rischi intrinseci per la salute e fisici, tra cui:

  1. proprietà tossiche, compresi gli effetti sulla salute sia acuti che cronici in tutte le parti del corpo;
  2. caratteristiche chimiche o fisiche, comprese le proprietà infiammabili, esplosive, ossidanti e pericolosamente reattive;
  3. proprietà corrosive e irritanti;
  4. effetti allergenici e sensibilizzanti;
  5. effetti cancerogeni;
  6. effetti teratogeni e mutageni;
  7. effetti sul sistema riproduttivo.

 

3.3. Metodo di classificazione

3.3.1. La classificazione delle sostanze chimiche dovrebbe basarsi sulle fonti di informazione disponibili, ad esempio:

  1. dati di test;
  2. informazioni fornite dal produttore o dall'importatore, comprese le informazioni sul lavoro di ricerca svolto;
  3. informazioni disponibili a seguito di norme di trasporto internazionali, ad esempio, le raccomandazioni delle Nazioni Unite sul trasporto di merci pericolose, che dovrebbero essere prese in considerazione per la classificazione delle sostanze chimiche in caso di trasporto, e la Convenzione di Basilea dell'UNEP sul controllo delle merci transfrontaliere Movimenti di rifiuti pericolosi e loro smaltimento (1989), che dovrebbero essere presi in considerazione in relazione ai rifiuti pericolosi;
  4. libri di consultazione o letteratura;
  5. esperienza pratica;
  6. nel caso di miscele, sulla prova della miscela o sui pericoli noti dei suoi componenti;
  7. informazioni fornite a seguito del lavoro di valutazione del rischio svolto dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC), dal Programma internazionale UNEP/ILO/OMS sulla sicurezza chimica (IPCS), dalle Comunità europee e da varie istituzioni nazionali e internazionali, nonché come informazioni disponibili attraverso sistemi come l'UNEP International Register of Potentially Toxic Chemicals (IRPTC).

 

3.3.2. Alcuni sistemi di classificazione in uso possono essere limitati solo a particolari classi di sostanze chimiche. Un esempio è la classificazione dei pesticidi raccomandata dall'OMS in base al pericolo e le linee guida per la classificazione, che classifica i pesticidi solo in base al grado di tossicità e principalmente in base ai rischi acuti per la salute. I datori di lavoro ei lavoratori dovrebbero comprendere i limiti di qualsiasi sistema di questo tipo. Tali sistemi possono essere utili per completare un sistema applicabile più in generale.

3.3.3. Le miscele di sostanze chimiche dovrebbero essere classificate in base ai pericoli presentati dalle miscele stesse. Solo se le miscele non sono state testate nel loro insieme dovrebbero essere classificate sulla base dei pericoli intrinseci delle sostanze chimiche che le compongono.

Fonte: ILO 1993, capitolo 3.

 

Di ritorno

Un approccio sistematico alla sicurezza richiede un efficiente flusso di informazioni dai fornitori agli utilizzatori di sostanze chimiche sui potenziali pericoli e le corrette precauzioni di sicurezza. Nell'affrontare la necessità di un programma scritto di comunicazione dei rischi, il Codice di condotta dell'ILO sulla sicurezza nell'uso di sostanze chimiche sul lavoro (ILO 1993) afferma: "Il fornitore dovrebbe fornire al datore di lavoro le informazioni essenziali sulle sostanze chimiche pericolose sotto forma di un documento sulla sicurezza chimica scheda dati." Questa scheda di dati sulla sicurezza chimica o scheda di dati sulla sicurezza dei materiali (MSDS) descrive i pericoli di un materiale e fornisce istruzioni su come il materiale può essere maneggiato, utilizzato e immagazzinato in sicurezza. Le schede di sicurezza sono prodotte dal produttore o dall'importatore di prodotti pericolosi. Il produttore deve fornire ai distributori e agli altri clienti gli MSDS al primo acquisto di un prodotto pericoloso e se l'MSDS cambia. I distributori di sostanze chimiche pericolose devono fornire automaticamente MSDS ai clienti commerciali. Ai sensi del Codice di condotta dell'ILO, i lavoratori ei loro rappresentanti dovrebbero avere diritto a una scheda di sicurezza ea ricevere le informazioni scritte in forme o lingue facilmente comprensibili. Poiché alcune delle informazioni richieste potrebbero essere destinate a specialisti, potrebbero essere necessari ulteriori chiarimenti da parte del datore di lavoro. L'MSDS è solo una fonte di informazioni su un materiale e, pertanto, è utilizzato al meglio insieme a bollettini tecnici, etichette, formazione e altre comunicazioni.

I requisiti per un programma scritto di comunicazione dei rischi sono delineati in almeno tre importanti direttive internazionali: lo standard di comunicazione dei pericoli dell'Amministrazione per la sicurezza e la salute occupazionale degli Stati Uniti (OSHA), il sistema informativo sui materiali pericolosi sul posto di lavoro (WHMIS) del Canada e la direttiva 91/155 della Commissione europea /CEE. In tutte e tre le direttive sono stabiliti i requisiti per la preparazione di una scheda di sicurezza completa. I criteri per le schede tecniche includono informazioni sull'identità della sostanza chimica, il suo fornitore, la classificazione, i pericoli, le precauzioni di sicurezza e le relative procedure di emergenza. La seguente discussione descrive in dettaglio il tipo di informazioni richieste incluse nel Codice di condotta dell'ILO del 1992 sulla sicurezza nell'uso di sostanze chimiche sul lavoro. Sebbene il Codice non intenda sostituire le leggi nazionali, i regolamenti o gli standard accettati, le sue raccomandazioni pratiche sono destinate a tutti coloro che hanno la responsabilità di garantire l'uso sicuro delle sostanze chimiche sul posto di lavoro.

La seguente descrizione del contenuto della scheda di dati sulla sicurezza chimica corrisponde alla sezione 5.3 del codice:

Le schede di dati sulla sicurezza chimica per le sostanze chimiche pericolose devono fornire informazioni sull'identità della sostanza chimica, sul suo fornitore, sulla classificazione, sui pericoli, sulle precauzioni di sicurezza e sulle relative procedure di emergenza.

Le informazioni da includere dovrebbero essere quelle stabilite dall'autorità competente per l'area in cui si trovano i locali del datore di lavoro o da un organismo approvato o riconosciuto da tale autorità competente. Di seguito sono riportati i dettagli del tipo di informazioni che dovrebbero essere richieste.

(a) Identificazione del prodotto chimico e della società

Il nome deve essere lo stesso utilizzato sull'etichetta della sostanza chimica pericolosa, che può essere il nome chimico convenzionale o un nome commerciale di uso comune. Possono essere usati nomi aggiuntivi se questi aiutano l'identificazione. Devono essere inclusi il nome completo, l'indirizzo e il numero di telefono del fornitore. Dovrebbe essere fornito anche un numero di telefono di emergenza, per il contatto in caso di emergenza. Questo numero può essere quello dell'azienda stessa o di un organismo di consulenza riconosciuto, purché entrambi possano essere contattati in qualsiasi momento.

(b) Informazioni sugli ingredienti (composizione)

Le informazioni dovrebbero consentire ai datori di lavoro di identificare chiaramente i rischi associati a una particolare sostanza chimica in modo che possano condurre una valutazione del rischio, come indicato nella sezione 6.2 (Procedure per la valutazione) di questo codice. Normalmente dovrebbero essere forniti dettagli completi sulla composizione, ma potrebbe non essere necessario se i rischi possono essere adeguatamente valutati. Dovrebbe essere fornito quanto segue, tranne nel caso in cui il nome o la concentrazione di un ingrediente in una miscela siano informazioni riservate che possono essere omesse conformemente alla sezione 2.6:

  1. una descrizione dei componenti principali, compresa la loro natura chimica;
  2. l'identità e le concentrazioni dei componenti pericolosi per la sicurezza e la salute
  3. l'identità e la concentrazione massima rilevabile dei componenti che si trovano alla concentrazione o superano la concentrazione alla quale sono classificati come pericolosi per la sicurezza e la salute negli elenchi approvati o riconosciuti dall'autorità competente, o che sono vietati a concentrazioni più elevate dall'autorità competente autorità.

 

(c) Identificazione del pericolo

I pericoli più importanti, inclusi i pericoli più significativi per la salute, fisici e ambientali, dovrebbero essere indicati in modo chiaro e breve, come panoramica dell'emergenza. Le informazioni devono essere compatibili con quelle riportate sull'etichetta.

(d) Misure di primo soccorso

Le misure di primo soccorso e di auto-aiuto dovrebbero essere spiegate con attenzione. Devono essere descritte le situazioni in cui è richiesta assistenza medica immediata e devono essere indicate le misure necessarie. Se del caso, dovrebbe essere sottolineata la necessità di disposizioni speciali per un trattamento specifico e immediato.

e) Misure antincendio

Dovrebbero essere inclusi i requisiti per combattere un incendio che coinvolge una sostanza chimica; per esempio:

  1. agenti estinguenti idonei;
  2. agenti estinguenti che non devono essere utilizzati per motivi di sicurezza;
  3. dispositivi di protezione speciali per i vigili del fuoco.

Dovrebbero inoltre essere fornite informazioni sulle proprietà della sostanza chimica in caso di incendio e sui particolari rischi di esposizione dovuti ai prodotti della combustione, nonché sulle precauzioni da adottare.

(f) Misure in caso di rilascio accidentale

Dovrebbero essere fornite informazioni sull'azione da intraprendere in caso di rilascio accidentale della sostanza chimica. Le informazioni dovrebbero includere:

  1. precauzioni per la salute e la sicurezza: rimozione delle fonti di ignizione, fornitura di una ventilazione sufficiente, fornitura di adeguati dispositivi di protezione individuale;
  2. precauzioni ambientali: allontanamento dagli scarichi, necessità di allertare i servizi di emergenza ed eventuale necessità di allertare le immediate vicinanze in caso di rischio imminente;
  3. metodi di messa in sicurezza e bonifica: utilizzo di idonei materiali assorbenti, evitando la produzione di gas/fumi da acqua o altro diluente, utilizzo di idonei neutralizzanti;
  4. avvertenze: sconsigliare azioni pericolose ragionevolmente prevedibili.

 

(g) Manipolazione e stoccaggio

Devono essere fornite informazioni sulle condizioni raccomandate dal fornitore per lo stoccaggio e la manipolazione sicuri, tra cui:

  1. progettazione e ubicazione di magazzini o recipienti;
  2. separazione dai luoghi di lavoro e dagli edifici occupati;
  3. materiali incompatibili;
  4. condizioni di conservazione (ad esempio, temperatura e umidità, evitare la luce solare);
  5. evitare fonti di ignizione, compresi accorgimenti particolari per evitare l'accumulo di elettricità statica;
  6. fornitura di ventilazione locale e generale;
  7. metodi di lavoro raccomandati e quelli da evitare.

 

(h) Controllo dell'esposizione e protezione personale

Dovrebbero essere fornite informazioni sulla necessità di dispositivi di protezione individuale durante l'uso di una sostanza chimica e sul tipo di dispositivi che forniscono una protezione adeguata e adeguata. Se del caso, dovrebbe essere ricordato che i controlli primari dovrebbero essere forniti dalla progettazione e dall'installazione di qualsiasi attrezzatura utilizzata e da altre misure ingegneristiche, e dovrebbero essere fornite informazioni sulle pratiche utili per ridurre al minimo l'esposizione dei lavoratori. Dovrebbero essere forniti parametri di controllo specifici come i limiti di esposizione o gli standard biologici, insieme alle procedure di monitoraggio raccomandate.

(i) Proprietà fisiche e chimiche

Dovrebbe essere fornita una breve descrizione dell'aspetto della sostanza chimica, se si tratta di un solido, liquido o gas, e del suo colore e odore. Determinate caratteristiche e proprietà, se note, devono essere fornite, specificando la natura del test per determinarle caso per caso. I test utilizzati dovrebbero essere conformi alle leggi e ai criteri nazionali applicabili sul luogo di lavoro del datore di lavoro e, in assenza di leggi o criteri nazionali, i criteri di prova del paese esportatore dovrebbero essere utilizzati come guida. La portata delle informazioni fornite dovrebbe essere adeguata all'uso della sostanza chimica. Esempi di altri dati utili includono:

  • viscosità
  • punto di congelamento/intervallo di congelamento
  • punto/intervallo di ebollizione
  • punto/intervallo di fusione
  • punto d'infiammabilità
  • temperatura di autoaccensione
  • proprietà esplosive
  • proprietà ossidanti
  • pressione del vapore
  • peso molecolare
  • peso specifico o densità
  • pH
  • solubilità
  • coefficiente di ripartizione (acqua/n-ottano)
  • parametri come la densità del vapore
  • miscibilità
  • velocità di evaporazione e conducibilità.

 

(j) Stabilità e reattività

Deve essere dichiarata la possibilità di reazioni pericolose in determinate condizioni. Devono essere indicate le condizioni da evitare, come ad esempio:

  1. condizioni fisiche (ad es. temperatura, pressione, luce, urti, contatto con umidità o aria);
  2. vicinanza ad altre sostanze chimiche (es. acidi, basi, agenti ossidanti o qualsiasi altra sostanza specifica che possa provocare una reazione pericolosa).

Dove vengono emessi prodotti di decomposizione pericolosi, questi devono essere specificati insieme alle necessarie precauzioni.

(k) Informazioni tossicologiche

Questa sezione dovrebbe fornire informazioni sugli effetti sul corpo e sulle potenziali vie di ingresso nel corpo. Si dovrebbe fare riferimento agli effetti acuti, sia immediati che ritardati, e agli effetti cronici derivanti dall'esposizione sia a breve che a lungo termine. Occorre inoltre fare riferimento ai rischi per la salute derivanti da possibili reazioni con altre sostanze chimiche, comprese eventuali interazioni note, ad esempio, derivanti dall'uso di farmaci, tabacco e alcol.

(l) Informazioni ecologiche

Devono essere descritte le caratteristiche più importanti che possono avere un effetto sull'ambiente. Le informazioni dettagliate richieste dipenderanno dalle leggi nazionali e dalla prassi in vigore sul luogo di lavoro del datore di lavoro. Le informazioni tipiche che dovrebbero essere fornite, se del caso, includono le potenziali vie di rilascio della sostanza chimica che destano preoccupazione, la sua persistenza e degradabilità, il potenziale di bioaccumulo e la tossicità acquatica e altri dati relativi all'ecotossicità (ad esempio, effetti sugli impianti di trattamento delle acque) .

(m) Considerazioni sullo smaltimento

Devono essere forniti metodi sicuri per lo smaltimento della sostanza chimica e degli imballaggi contaminati, che possono contenere residui di sostanze chimiche pericolose. Occorre ricordare ai datori di lavoro che potrebbero esistere leggi e prassi nazionali in materia.

(n) Informazioni sul trasporto

Dovrebbero essere fornite informazioni sulle precauzioni speciali che i datori di lavoro dovrebbero conoscere o adottare durante il trasporto della sostanza chimica all'interno o all'esterno dei propri locali. Possono essere incluse anche le informazioni pertinenti fornite nelle Raccomandazioni delle Nazioni Unite sul trasporto di merci pericolose e in altri accordi internazionali.

(o) Informazioni normative

Le informazioni richieste per la marcatura e l'etichettatura della sostanza chimica dovrebbero essere fornite qui. È necessario fare riferimento a normative o prassi nazionali specifiche applicabili all'utente. Si dovrebbe ricordare ai datori di lavoro di fare riferimento ai requisiti delle leggi e prassi nazionali.

(p) Altre informazioni

Dovrebbero essere incluse altre informazioni che possono essere importanti per la salute e la sicurezza dei lavoratori. Esempi sono i consigli sulla formazione, gli usi e le restrizioni raccomandati, i riferimenti e le fonti dei dati chiave per la compilazione della scheda di dati sulla sicurezza chimica, il punto di contatto tecnico e la data di emissione della scheda.

 

Di ritorno

In uno studio caso-controllo che ha esaminato i fattori ambientali e occupazionali per le malformazioni congenite (Kurppa et al. 1986), sono stati identificati 1,475 casi dal registro finlandese delle malformazioni congenite durante il periodo tra il 1976 e il 1982 (vedi tabella 1). Una madre il cui parto ha preceduto immediatamente un caso, e si trovava nello stesso distretto, fungeva da controllo per quel caso. L'esposizione alle unità di visualizzazione visiva (VDU) durante il primo trimestre di gravidanza è stata valutata mediante interviste faccia a faccia condotte in clinica durante una visita postnatale oa casa. La classificazione dell'uso probabile o ovvio del videoterminale è stata determinata da igienisti del lavoro, ciechi agli esiti della gravidanza, utilizzando i titoli di lavoro e le risposte a domande a risposta aperta che chiedevano di descrivere la giornata lavorativa ordinaria. Non c'è stata evidenza di un aumento del rischio né tra le donne che hanno segnalato l'esposizione ai videoterminali (OR 0.9; 95% CI 0.6 – 1.2), né tra le donne i cui titoli professionali indicavano una possibile esposizione ai videoterminali (235 casi/255 controlli).

Una coorte di donne svedesi appartenenti a tre gruppi professionali è stata identificata attraverso un collegamento tra il censimento professionale e il registro delle nascite mediche nel periodo 1980-1981 (Ericson e Källén 1986). All'interno di tale coorte è stato condotto uno studio caso-base: i casi erano 412 donne ricoverate per aborto spontaneo e altre 110 con altri esiti (come morte perinatale, malformazioni congenite e peso alla nascita inferiore a 1500 g). I controlli erano 1,032 donne di età simile che avevano bambini senza nessuna di queste caratteristiche, scelte dallo stesso registro. Usando gli odds ratio grezzi, c'era una relazione esposizione-risposta tra l'esposizione al videoterminale nelle ore settimanali stimate (divise in categorie di cinque ore) e gli esiti della gravidanza (escluso l'aborto spontaneo). Dopo aver controllato il fumo e lo stress, l'effetto dell'uso del videoterminale su tutti gli esiti avversi della gravidanza non era significativo.

Concentrandosi su uno dei tre gruppi professionali individuati da uno studio precedente di Ericson, è stato condotto uno studio di coorte utilizzando 4,117 gravidanze tra gli impiegati della previdenza sociale in Svezia (Westerholm e Ericson 1986). I tassi di aborto spontaneo ospedalizzato, basso peso alla nascita, mortalità perinatale e malformazioni congenite in questa coorte sono stati confrontati con i tassi nella popolazione generale. La coorte è stata suddivisa in cinque gruppi di esposizione definiti dai rappresentanti sindacali e dei datori di lavoro. Non sono stati trovati eccessi per nessuno dei risultati studiati. Il rischio relativo complessivo di aborto spontaneo, standardizzato per l'età della madre era 1.1 (95% CI 0.8 – 1.4).

È stato condotto uno studio di coorte su 1,820 nascite tra le donne che hanno mai lavorato presso il Norwegian Postal Giro Centre tra il 1967 e il 1984 (Bjerkedal e Egenaes 1986). Sono stati stimati i tassi di natimortalità, morte nella prima settimana, morte perinatale, basso e bassissimo peso alla nascita, parto pretermine, parto plurimo e malformazioni congenite per le gravidanze avvenute durante il rapporto di lavoro presso il centro (990 gravidanze) e le gravidanze avvenute prima o dopo il rapporto di lavoro presso centro (830 gravidanze). I tassi di esiti avversi della gravidanza sono stati stimati anche per tre periodi di sei anni (1967-1972), (1973-1978) e (1979-1984). L'introduzione dei videoterminali è iniziata nel 1972 ed è stata ampiamente utilizzata nel 1980. Lo studio ha concluso che non vi era alcuna indicazione che l'introduzione dei videoterminali nel centro avesse portato a un aumento del tasso di esiti avversi della gravidanza.

Una coorte di 9,564 gravidanze è stata identificata attraverso i registri dei test di gravidanza sulle urine di tre cliniche della California nel 1981-1982 (Goldhaber, Polen e Hiatt. 1988). La copertura da parte di un piano medico della California settentrionale era un requisito per poter partecipare allo studio. Gli esiti della gravidanza sono stati trovati per tutte le gravidanze identificate tranne 391. Da questa coorte, 460 su 556 casi di aborto spontaneo (<28 settimane), 137 su 156 casi di anomalie congenite e 986 su 1,123 controlli (corrispondenti a ogni quinto parto normale nella coorte originale), hanno risposto a un questionario postale retrospettivo sulle esposizioni chimiche ambientali compreso l'uso di pesticidi e videoterminali durante la gravidanza. Gli odds ratio per le donne con uso di videoterminali nel primo trimestre per oltre 20 ore settimanali, aggiustati per undici variabili tra cui età, precedente aborto spontaneo o difetti alla nascita, fumo e alcol, erano 1.8 (IC 95% 1.2 – 2.8) per l'aborto spontaneo e 1.4 (IC 95% 0.7-2.9) per CI XNUMX – XNUMX) per difetti congeniti, rispetto alle donne lavoratrici che non hanno riferito di utilizzare videoterminali.

In uno studio condotto in 11 unità di maternità ospedaliere nell'area di Montreal per un periodo di due anni (1982-1984), 56,012 donne sono state intervistate su fattori occupazionali, personali e sociali dopo il parto (51,855) o il trattamento per aborto spontaneo (4,127) ( McDonald e altri 1988).Queste donne hanno anche fornito informazioni su 48,637 gravidanze precedenti. Gli esiti avversi della gravidanza (aborto spontaneo, nati morti, malformazioni congenite e basso peso alla nascita) sono stati registrati sia per le gravidanze in corso che per quelle precedenti. I rapporti tra i tassi osservati e quelli attesi sono stati calcolati per gruppo di occupazione per le gravidanze in corso e le gravidanze precedenti. I tassi attesi per ciascun gruppo di occupazione erano basati sui risultati dell'intero campione e aggiustati per otto variabili, tra cui età, fumo e alcol. Nessun aumento del rischio è stato riscontrato tra le donne esposte ai videoterminali.

Uno studio di coorte che ha confrontato i tassi di minaccia di aborto, durata della gestazione, peso alla nascita, peso della placenta e ipertensione indotta dalla gravidanza tra donne che usavano videoterminali e donne che non ne facevano uso è stato condotto su 1,475 donne (Nurminen e Kurppa 1988).La coorte è stata definita come tutti i non casi di un precedente studio caso-controllo di malformazioni congenite. Le informazioni sui fattori di rischio sono state raccolte mediante interviste faccia a faccia. I rapporti di frequenza grezzi e aggiustati per i risultati studiati non hanno mostrato effetti statisticamente significativi per il lavoro con videoterminali.

Nel 344-1984 è stato condotto uno studio caso-controllo su 1985 casi di aborto spontaneo ricoverato in tre ospedali di Calgary, in Canada (Bryant e Love 1989). Sono stati scelti fino a due controlli (314 prenatali e 333 postpartum) tra le donne che avevano partorito o suscettibile di partorire negli ospedali dello studio. I controlli sono stati abbinati a ciascun caso sulla base dell'età dell'ultimo periodo mestruale, della parità e dell'ospedale previsto per il parto. L'uso del videoterminale a casa e al lavoro, prima e durante la gravidanza, è stato determinato attraverso interviste presso gli ospedali per i controlli postnatali e l'aborto spontaneo, ea casa, al lavoro o in studio per i controlli prenatali. Lo studio ha controllato le variabili socioeconomiche e ostetriche. L'uso del videoterminale era simile tra i casi ed entrambi i controlli prenatali (OR=1.14; p=0.47) e postnatali (OR=0.80; p=0.2).

In una contea della California è stato condotto uno studio caso-controllo su 628 donne con aborto spontaneo, identificate attraverso l'invio di campioni patologici, il cui ultimo periodo mestruale si è verificato nel 1986, e 1,308 controlli che hanno avuto nati vivi (Windham et al. 1990). I controlli sono stati selezionati casualmente, in un rapporto di due a uno, tra donne abbinate per data dell'ultimo periodo mestruale e ospedale. Le attività durante le prime 20 settimane di gravidanza sono state identificate attraverso interviste telefoniche. Ai partecipanti è stato anche chiesto informazioni sull'uso dei videoterminali al lavoro durante questo periodo. Gli odds ratio grezzi per l'aborto spontaneo e l'uso di videoterminali per meno di 20 ore alla settimana (1.2; 95% CI 0.88 – 1.6) e almeno 20 ore alla settimana (1.3; 95% CI 0.87 – 1.5), hanno mostrato pochi cambiamenti quando aggiustati per variabili tra cui il gruppo di occupazione, l'età materna, la precedente perdita fetale, il consumo di alcol e il fumo. In un'ulteriore analisi tra le donne nel gruppo di controllo, i rischi di basso peso alla nascita e ritardo della crescita intrauterina non erano significativamente elevati.

Uno studio caso-controllo è stato condotto su una base di studio di 24,352 gravidanze avvenute tra il 1982 e il 1985 tra 214,108 impiegati commerciali e impiegati in Danimarca (Brandt e Nielsen 1990). I casi, 421 intervistate tra le 661 donne che hanno dato alla luce bambini con anomalie congenite e che lavoravano al momento della gravidanza, sono stati confrontati con 1,365 intervistate tra le 2,252 gravidanze selezionate a caso tra le donne lavoratrici. Le gravidanze, i loro esiti e l'occupazione sono stati determinati attraverso un collegamento di tre database. Le informazioni sull'uso del videoterminale (sì/no/ore settimanali) e sui fattori personali e legati al lavoro come lo stress, l'esposizione ai solventi, lo stile di vita ei fattori ergonomici sono state determinate attraverso un questionario inviato per posta. In questo studio, l'uso di videoterminali durante la gravidanza non è stato associato ad un aumentato rischio di anomalie congenite.

Utilizzando la stessa base di studio del precedente studio sulle anomalie congenite (Brandt e Nielsen 1990), 1,371 donne su 2,248 le cui gravidanze si sono concluse con un aborto spontaneo ospedalizzato sono state confrontate con 1,699 gravidanze selezionate a caso (Nielsen e Brandt 1990). Sebbene lo studio sia stato condotto tra lavoratrici commerciali e impiegate, non tutte le gravidanze corrispondevano a periodi in cui le donne svolgevano un'attività lucrativa come lavoratrici commerciali o impiegate. La misura dell'associazione utilizzata nello studio era il rapporto tra il tasso di utilizzo di videoterminali tra le donne con aborto spontaneo e il tasso di utilizzo di videoterminali tra la popolazione campione (che rappresenta tutte le gravidanze comprese quelle terminate con aborto spontaneo). Il rate ratio aggiustato per qualsiasi esposizione a VDU e aborto spontaneo era 0.94 (IC 95% 0.77 – 1.14).

È stato condotto uno studio caso-controllo su 573 donne che hanno partorito bambini con malformazioni cardiovascolari tra il 1982 e il 1984 (Tikkanen e Heinonen 1991). I casi sono stati identificati attraverso il registro finlandese delle malformazioni congenite. Il gruppo di controllo era composto da 1,055 donne, selezionate casualmente tra tutti i parti ospedalieri durante lo stesso periodo di tempo. L'utilizzo del videoterminale, registrato come mai, regolare o saltuario, è stato valutato attraverso un'intervista condotta 3 mesi dopo la consegna. Non è stata trovata alcuna associazione statisticamente significativa tra l'uso di videoterminali, al lavoro oa casa, e le malformazioni cardiovascolari.

È stato condotto uno studio di coorte tra 730 donne sposate che hanno riportato gravidanze tra il 1983 e il 1986 (Schnorr et al. 1991). Queste donne erano impiegate come operatrici di assistenza alla directory o come operatrici telefoniche generali presso due compagnie telefoniche in otto stati del sud-est degli Stati Uniti. Solo gli operatori di assistenza telefonica utilizzavano videoterminali al lavoro. L'uso del videoterminale è stato determinato attraverso i registri aziendali. I casi di aborto spontaneo (perdita del feto a 28 settimane di gestazione o prima) sono stati identificati attraverso un'intervista telefonica; i certificati di nascita sono stati successivamente utilizzati per confrontare le segnalazioni delle donne con gli esiti della gravidanza e, quando possibile, sono stati consultati i medici. Le intensità dei campi elettrici e magnetici sono state misurate a frequenze molto basse ed estremamente basse per un campione delle postazioni di lavoro. Le postazioni di lavoro VDU ​​hanno mostrato intensità di campo più elevate rispetto a quelle che non utilizzano videoterminali. Non è stato riscontrato alcun eccesso di rischio per le donne che hanno utilizzato videoterminali durante il primo trimestre di gravidanza (OR 0.93; IC 95% 0.63 – 1.38) e non è stata rilevata alcuna relazione esposizione-risposta osservando il tempo di utilizzo di videoterminali per settimana.

Una coorte di 1,365 lavoratrici commerciali e impiegatizie danesi che erano occupate al momento della gravidanza e identificate attraverso uno studio precedente (Brandt e Nielsen 1990; Nielsen e Brandt 1990), è stata utilizzata per studiare i tassi di fecondabilità, in relazione all'uso del VDU ( Brandt e Nielsen 1992). La fecondabilità è stata misurata come tempo dall'interruzione dell'uso del controllo delle nascite al momento del concepimento ed è stata determinata attraverso un questionario postale. Questo studio ha mostrato un aumento del rischio relativo di attesa prolungata per la gravidanza per il sottogruppo con almeno 21 ore settimanali di utilizzo del videoterminale. (RR 1.61; IC 95% 1.09 – 2.38).

Una coorte di 1,699 lavoratrici commerciali e impiegatizie danesi, costituita da donne occupate e disoccupate al momento della gravidanza, individuate attraverso lo studio riportato nel paragrafo precedente, è stata utilizzata per studiare il basso peso alla nascita (434 casi), il parto pretermine (443 casi) , piccola per età gestazionale (749 casi) e mortalità infantile (160 casi), in relazione ai modelli di utilizzo del videoterminale (Nielsen e Brandt 1992). Lo studio non è riuscito a mostrare alcun aumento del rischio per questi esiti avversi della gravidanza tra le donne con uso di videoterminali.

In uno studio caso-controllo, sono state intervistate 150 donne nullipare con aborto spontaneo diagnosticato clinicamente e 297 lavoratrici nullipare che frequentavano un ospedale a Reading, in Inghilterra, per cure prenatali tra il 1987 e il 1989 (Roman et al. 1992). Le interviste sono state condotte faccia a faccia al momento della loro prima visita prenatale per i controlli e tre settimane dopo l'aborto per le donne con aborto spontaneo. Per le donne che hanno menzionato l'uso di videoterminali, sono state valutate le stime del tempo di esposizione in ore settimanali e l'ora del calendario della prima esposizione. Sono stati valutati anche altri fattori come gli straordinari, l'attività fisica sul lavoro, lo stress e il benessere fisico sul lavoro, l'età, il consumo di alcol e precedenti aborti spontanei. Le donne che hanno lavorato con i videoterminali avevano un odds ratio per l'aborto spontaneo di 0.9 (IC 95% 0.6 – 1.4) e non c'era alcuna relazione con la quantità di tempo trascorso utilizzando i videoterminali. L'aggiustamento per altri fattori come l'età materna, il fumo, l'alcol e il precedente aborto spontaneo non ha alterato i risultati.

Da una base di studio di impiegati di banca e impiegati in tre società in Finlandia, 191 casi di aborto spontaneo ospedalizzato e 394 controlli (nati vivi) sono stati identificati dai registri medici finlandesi per il periodo 1975-1985 (Lindbohm et al. 1992). L'utilizzo dei videoterminali è stato definito utilizzando le segnalazioni dei lavoratori e le informazioni aziendali. Le intensità del campo magnetico sono state valutate retrospettivamente in un ambiente di laboratorio utilizzando un campione dei videoterminali utilizzati nelle aziende. L'odds ratio per l'aborto spontaneo e il lavoro con videoterminali era 1.1 (95% CI 0.7 – 1.6). Quando gli utenti di videoterminali sono stati divisi in gruppi in base alle intensità di campo per i loro modelli di videoterminali, l'odd ratio era 3.4 (95% CI 1.4 – 8.6) per i lavoratori che avevano utilizzato videoterminali con un'elevata intensità di campo magnetico nella larghezza di banda a frequenza estremamente bassa (0.9 μT), rispetto a quelli che lavorano con videoterminali con livelli di intensità di campo inferiori ai limiti di rilevamento (0.4 μT). Questo rapporto di probabilità è cambiato solo leggermente se aggiustato per fattori di carico di lavoro ergonomico e mentale. Quando si confrontano i lavoratori esposti ad elevate intensità di campo magnetico con i lavoratori non esposti ai videoterminali, l'odd ratio non era più significativo.

Uno studio, che ha esaminato gli esiti avversi della gravidanza e la fertilità, è stato condotto tra le dipendenti pubbliche che lavorano per gli uffici delle imposte del governo britannico (Bramwell e Davidson 1994). Dei 7,819 questionari spediti nella prima fase dello studio, 3,711 sono stati restituiti. L'uso del videoterminale è stato determinato attraverso questo primo questionario. L'esposizione è stata valutata come ore settimanali di utilizzo del videoterminale durante la gravidanza. Un anno dopo, è stato inviato un secondo questionario per valutare l'incidenza di esiti avversi della gravidanza tra queste donne; Hanno risposto 2,022 dei partecipanti originali. Possibili fattori di confusione includevano la storia della gravidanza, i fattori ergonomici, i fattori di stress sul lavoro, la caffeina, l'alcool, il consumo di sigarette e tranquillanti. Non c'era alcuna relazione tra l'esposizione valutata un anno prima e l'incidenza di esiti avversi della gravidanza.

 

Di ritorno

Giovedì, 27 ottobre 2011 19: 57

Formule e definizioni

In generale esiste una relazione di radice quadrata tra lo spessore d di uno strato d'aria statico e velocità dell'aria v. La funzione esatta dipende dalle dimensioni e dalla forma della superficie, ma per il corpo umano un'approssimazione utile è:

L'aria calma funge da strato isolante con una conduttività (una costante del materiale, indipendentemente dalla forma del materiale) di 026 W/mK, che ha un coefficiente di scambio termico h (unità di ) (la proprietà conduttiva di una lastra di materiale) di:

(Kerslake 1972).

Flusso di calore radiante () tra due superfici è approssimativamente proporzionale alla loro differenza di temperatura:

where T è la temperatura assoluta media (in Kelvin) delle due superfici, è il coefficiente di assorbimento e è la costante di Stefan-Boltzmann ( ). La quantità di scambio di radiazioni è inversamente proporzionale al numero di strati intercettanti (n):

Isolamento dell'abbigliamento () è definito dalle seguenti equazioni:

where è isolamento intrinseco, è (adiacente) l'isolamento dell'aria, è isolamento totale, è la temperatura media della pelle, è la temperatura media della superficie esterna dell'indumento, è la temperatura dell'aria, è il flusso di calore secco (calore convettivo e radiante) per unità di superficie cutanea e è il fattore dell'area di abbigliamento. Questo coefficiente è stato sottovalutato negli studi precedenti, ma studi più recenti convergono verso l'espressione

Spesso I è espresso nell'unità clo; uno clo è uguale .

McCullough et al. (1985) hanno dedotto un'equazione di regressione dai dati su un mix di completi di abbigliamento, utilizzando lo spessore del tessuto (, in mm) e percentuale di superficie corporea coperta () come determinanti. La loro formula per l'isolamento di singoli capi di abbigliamento () è:

La resistenza evaporativa R (unità di s/m) può essere definito come:

(o talvolta in )

Per gli strati di tessuto, l'equivalente in aria () è lo spessore dell'aria che fornisce la stessa resistenza alla diffusione del tessuto. Il vapore associato e calore latente () i flussi sono:

where D è il coefficiente di diffusione (), C la concentrazione di vapore () e il calore di evaporazione (2430 J/g).

(da Lotens 1993). è relazionato a R di:

dove:

D è il coefficiente di diffusione del vapore acqueo nell'aria, .

 

Di ritorno

I. Indice di stress termico (ITS)

Il miglioramento equazione del bilancio termico è:

dove è l'evaporazione necessaria per mantenere l'equilibrio termico,  è il carico solare e la produzione di calore metabolico H viene utilizzato al posto del tasso metabolico per tenere conto del lavoro esterno. Un miglioramento importante è il riconoscimento che non tutto il sudore evapora (ad esempio, alcune gocce) quindi il tasso di sudore richiesto è correlato al tasso di evaporazione richiesto da:

where NSC è l'efficienza della sudorazione.

Usato all'interno, il trasferimento di calore sensibile è calcolato da:

Per condizioni esterne con carico solare,  è sostituito con e tenuto conto del carico solare (RS ) di:

Le equazioni utilizzate si adattano ai dati sperimentali e non sono strettamente razionali.

Massima perdita di calore per evaporazione è:

e l'efficienza della sudorazione è data da:

ma

nsc = 1, ecc

più

nsc = 0.29, ecc

L'indice di stress termico (IST) in g/h è dato da:

where  è il tasso di evaporazione richiesto , 0.37 convertito in g/h eNSC è l'efficienza della sudorazione (McIntyre 1980).

II. Tasso di sudore richiesto

Simile agli altri indici razionali, si ricava dai sei parametri fondamentali (temperatura dell'aria (), temperatura radiante ( ), umidità relativa velocità dell'aria (v), isolamento degli indumenti ( ), tasso metabolico (M) e lavoro esterno (W)). Sono richiesti anche i valori effettivi dell'area di radiazione per la postura (seduti = 0.72, in piedi = 0.77). Da questo l'evaporazione richiesta è calcolata da:

Le equazioni sono fornite per ogni componente (vedi tabella 8 e tabella 9). La temperatura media della pelle è calcolata da un'equazione di regressione lineare multipla o si assume un valore di 36°C.

Dall'evaporazione richiesta (Ereg) e massima evaporazione (Emax) e l'efficienza della sudorazione (r), si calcolano:

Umidità della pelle richiesta 

Tasso di sudore richiesto 

III. Tasso di sudorazione previsto in 4 ore (P4SR)

Passi compiuti per ottenere il P4SR valore dell'indice sono riassunti da McIntyre (1980) come segue:

If , aumentare la temperatura del bulbo umido di .

Se il tasso metabolico M > 63 , aumentare la temperatura a bulbo umido della quantità indicata nel grafico (vedi figura 6).

Se gli uomini sono vestiti, aumentare la temperatura del bulbo umido di .

Le modifiche sono additive.

Il (P4SR) è determinato dalla figura 6. Il P4SR è poi:

IV. Frequenza del battito cardiaco

where M è il tasso metabolico, è la temperatura dell'aria in °C e Pa è la tensione di vapore in Mb.

Givoni e Goldman (1973) forniscono equazioni per prevedere la frequenza cardiaca di persone (soldati) in ambienti caldi. Definiscono un indice per la frequenza cardiaca (RSI) da una modifica della temperatura rettale di equilibrio prevista,

IHR è poi:

where M = tasso metabolico (watt), = lavoro meccanico (watt), clo = isolamento termico degli indumenti,  = temperatura dell'aria = carico termico totale metabolico e ambientale (watt), = capacità di raffreddamento evaporativo per indumenti e ambiente (watt).

La frequenza cardiaca di equilibrio (in battiti al minuto) è quindi data da:

per RSI 225

cioè una relazione lineare (tra temperatura rettale e frequenza cardiaca) per frequenze cardiache fino a circa 150 battiti al minuto. Per IHR >225:

cioè una relazione esponenziale quando la frequenza cardiaca si avvicina al massimo, dove:

= frequenza cardiaca di equilibrio (bpm),

65 = frequenza cardiaca a riposo presunta in condizioni confortevoli (bpm) e t = tempo in ore.

V. Indice di temperatura del globo a bulbo umido (WBGT)

La temperatura del globo a bulbo umido è data da:

per condizioni con radiazione solare, e:

per condizioni interne senza radiazione solare, dove Tnwb= temperatura di un termometro a bulbo umido a ventilazione naturale, Ta = temperatura dell'aria e Tg = temperatura di un globotermometro nero di diametro 150 mm.

 

Di ritorno

Giovedì, 27 ottobre 2011 19: 36

Caso di studio: cosa significa dose?

Esistono diversi modi per definire una dose di radiazioni ionizzanti, ciascuno appropriato per scopi diversi.

Dose assorbita

La dose assorbita assomiglia di più alla dose farmacologica. Mentre la dose farmacologica è la quantità di sostanza somministrata a un soggetto per unità di peso o superficie, la dose radiologica assorbita è la quantità di energia trasmessa dalle radiazioni ionizzanti per unità di massa. La dose assorbita è misurata in Gray (1 Gray = 1 joule/kg).

Quando gli individui sono esposti in maniera omogenea, ad esempio per irradiazione esterna da raggi cosmici e terrestri o per irradiazione interna da parte del potassio-40 presente nell'organismo, tutti gli organi ei tessuti ricevono la stessa dose. In queste circostanze, è opportuno parlare di tutto il corpo dose. È tuttavia possibile che l'esposizione non sia omogenea, nel qual caso alcuni organi e tessuti riceveranno dosi significativamente più elevate rispetto ad altri. In questo caso, è più rilevante pensare in termini di dose d'organo. Ad esempio, l'inalazione di figlie di radon provoca l'esposizione essenzialmente solo dei polmoni e l'incorporazione di iodio radioattivo provoca l'irradiazione della ghiandola tiroidea. In questi casi si può parlare di dose polmonare e di dose tiroidea.

Tuttavia, sono state sviluppate anche altre unità di dose che tengono conto delle differenze negli effetti dei diversi tipi di radiazioni e delle diverse sensibilità alle radiazioni di tessuti e organi.

Dose equivalente

Lo sviluppo di effetti biologici (p. es., inibizione della crescita cellulare, morte cellulare, azoospermia) dipende non solo dalla dose assorbita, ma anche dal tipo specifico di radiazione. La radiazione alfa ha un potenziale ionizzante maggiore rispetto alla radiazione beta o gamma. La dose equivalente tiene conto di questa differenza applicando fattori di ponderazione specifici per la radiazione. Il fattore di ponderazione per le radiazioni gamma e beta (basso potenziale ionizzante), è pari a 1, mentre quello per le particelle alfa (alto potenziale ionizzante) è 20 (ICRP 60). La dose equivalente è misurata in Sievert (Sv).

Dose efficace

Nei casi di irradiazione non omogenea (es. esposizione di vari organi a radionuclidi diversi), può essere utile calcolare una dose globale che integri le dosi ricevute da tutti gli organi e tessuti. Ciò richiede di tenere conto della sensibilità alle radiazioni di ciascun tessuto e organo, calcolata dai risultati degli studi epidemiologici sui tumori indotti dalle radiazioni. La dose efficace è misurata in Sieverts (Sv) (ICRP 1991). La dose efficace è stata sviluppata ai fini della protezione dalle radiazioni (vale a dire, la gestione del rischio) ed è quindi inappropriata per l'uso in studi epidemiologici sugli effetti delle radiazioni ionizzanti.

Dose collettiva

La dose collettiva riflette l'esposizione di un gruppo o di una popolazione e non di un individuo ed è utile per valutare le conseguenze dell'esposizione a radiazioni ionizzanti a livello di popolazione o di gruppo. Viene calcolato sommando le dosi individuali ricevute, oppure moltiplicando la dose individuale media per il numero di individui esposti nei gruppi o popolazioni in questione. La dose collettiva è misurata in uomo-Sieverts (uomo Sv).

 

Di ritorno

80a sessione dell'ILO, 2 giugno 1993

80a sessione dell'ILO, 2 giugno 1993

PARTE I. AMBITO E DEFINIZIONI

Articolo 1

1. Lo scopo della presente Convenzione è la prevenzione di incidenti rilevanti che coinvolgono sostanze pericolose e la limitazione delle conseguenze di tali incidenti....

Articolo 3

Ai fini della presente Convenzione:

a) il termine "sostanza pericolosa" designa una sostanza o una miscela di sostanze che, in virtù delle loro proprietà chimiche, fisiche o tossicologiche, singolarmente o in combinazione, costituisce un pericolo;

b) il termine "quantità soglia" designa per una determinata sostanza pericolosa o categoria di sostanze quella quantità, prescritta da leggi e regolamenti nazionali in riferimento a condizioni specifiche, che se superata identifica un impianto a rischio elevato;

c) il termine "impianto a rischio elevato" designa un impianto che produce, tratta, manipola, utilizza, elimina o immagazzina, in modo permanente o temporaneo, una o più sostanze o categorie di sostanze pericolose in quantità che superano la quantità soglia;

d) il termine "incidente rilevante" designa un evento improvviso — come un'emissione importante, un incendio o un'esplosione — nel corso di un'attività all'interno di un impianto a rischio elevato, che coinvolge una o più sostanze pericolose e comporta un grave pericolo per i lavoratori , il pubblico o l'ambiente, immediato o ritardato;

e) il termine "relazione sulla sicurezza" indica una presentazione scritta delle informazioni tecniche, gestionali e operative relative ai pericoli e ai rischi di un impianto a rischio elevato e al loro controllo e che giustificano le misure adottate per la sicurezza dell'impianto;

f) il termine "mancato incidente" indica qualsiasi evento improvviso che coinvolga una o più sostanze pericolose che, se non fosse per l'attenuazione di effetti, azioni o sistemi, avrebbe potuto trasformarsi in un incidente rilevante.

SECONDA PARTE. PRINCIPI GENERALI

Articolo 4

1. Alla luce delle leggi e dei regolamenti nazionali, delle condizioni e delle pratiche, e in consultazione con le organizzazioni più rappresentative dei datori di lavoro e dei lavoratori e con le altre parti interessate che possono essere interessate, ciascun Membro formula, attua e riesamina periodicamente una politica nazionale coerente concernente la protezione dei lavoratori, della popolazione e dell'ambiente contro il rischio di incidenti rilevanti.

2. Questa politica deve essere attuata attraverso misure preventive e protettive per gli impianti a rischio elevato e, ove possibile, deve promuovere l'uso delle migliori tecnologie di sicurezza disponibili.

Articolo 5

1. L'autorità competente, o un organismo approvato o riconosciuto dall'autorità competente, previa consultazione delle organizzazioni più rappresentative dei datori di lavoro e dei lavoratori e delle altre parti interessate che possono essere interessate, istituisce un sistema per l'identificazione degli impianti a rischio elevato come definiti all'articolo 3, lettera c), sulla base di un elenco di sostanze pericolose o di categorie di sostanze pericolose o di entrambe, unitamente alle rispettive quantità di soglia, conformemente alle disposizioni legislative e regolamentari nazionali o alle norme internazionali.

2. Il sistema di cui al precedente comma 1 è periodicamente rivisto e aggiornato.

Articolo 6

L'autorità competente, previa consultazione delle organizzazioni rappresentative dei datori di lavoro e dei lavoratori interessati, adotta disposizioni speciali per proteggere le informazioni riservate trasmesse o messe a sua disposizione a norma degli articoli 8, 12, 13 o 14, la cui divulgazione potrebbe arrecare danno a l'attività di un datore di lavoro, purché tale disposizione non comporti gravi rischi per i lavoratori, la collettività o l'ambiente.

PARTE III. RESPONSABILITA' DEI DATORI DI LAVORO IDENTIFICAZIONE

Articolo 7

I datori di lavoro identificano gli impianti a rischio elevato sotto il loro controllo sulla base del sistema di cui all'articolo 5.

NOTIFICA

Articolo 8

1. I datori di lavoro notificano all'autorità competente qualsiasi impianto a rischio rilevante da essi individuato:

a) entro un periodo di tempo fisso per un impianto esistente;

b) prima della sua messa in funzione nel caso di un nuovo impianto.

2. I datori di lavoro informano inoltre l'autorità competente prima di qualsiasi chiusura definitiva di un impianto a rischio elevato.

Articolo 9

In relazione a ciascun impianto a rischio maggiore, i datori di lavoro devono istituire e mantenere un sistema documentato di controllo dei rischi maggiori che includa disposizioni per:

a) l'identificazione e l'analisi dei pericoli e la valutazione dei rischi, compresa la considerazione delle possibili interazioni tra le sostanze;

b) misure tecniche, compresa la progettazione, i sistemi di sicurezza, la costruzione, la scelta dei prodotti chimici, il funzionamento, la manutenzione e l'ispezione sistematica dell'impianto;

c) misure organizzative, comprese la formazione e l'istruzione del personale, la fornitura di attrezzature per garantirne la sicurezza, i livelli di personale, l'orario di lavoro, la definizione delle responsabilità e i controlli sugli appaltatori esterni e sui lavoratori temporanei sul sito dell'impianto;

d) piani e procedure di emergenza, tra cui:

(i) la preparazione di efficaci piani e procedure di emergenza del sito, inclusi
procedure mediche di emergenza, da applicare in caso di incidenti rilevanti o minaccia
dello stesso, con periodiche verifiche e valutazioni della loro efficacia e revisione come da art
necessario;

(ii) la fornitura di informazioni su potenziali incidenti e piani di emergenza del sito a
autorità e organismi preposti alla predisposizione dei piani di emergenza e
procedure per la protezione del pubblico e dell'ambiente al di fuori del sito di
l'installazione;

(iii) ogni necessaria consultazione con tali autorità ed organismi;

e) misure per limitare le conseguenze di un incidente rilevante;

f) consultazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti;

(g) miglioramento del sistema, comprese le misure per la raccolta di informazioni e l'analisi degli incidenti e dei quasi incidenti. Gli insegnamenti così appresi devono essere discussi con i lavoratori e i loro rappresentanti e devono essere registrati in conformità con la legislazione e la prassi nazionale....

* * *

PARTE IV. RESPONSABILITA' DELLE AUTORITA' COMPETENTI

PREPARAZIONE ALL'EMERGENZA FUORI SEDE

Articolo 15

Tenendo conto delle informazioni fornite dal datore di lavoro, l'autorità competente assicura che i piani e le procedure di emergenza contenenti disposizioni per la protezione del pubblico e dell'ambiente al di fuori del sito di ciascun impianto a rischio elevato siano stabiliti, aggiornati a intervalli adeguati e coordinati con il autorità e organi competenti.

Articolo 16

L'autorità competente garantisce che:

a) le informazioni sulle misure di sicurezza e sul comportamento corretto da adottare in caso di incidente rilevante siano divulgate alle persone che possono essere colpite da un incidente rilevante senza che queste debbano richiederlo e che tali informazioni siano aggiornate e ridiffuse all'occorrenza intervalli appropriati;

b) l'avvertimento sia dato il prima possibile in caso di incidente rilevante;

(c) qualora un incidente rilevante possa avere effetti transfrontalieri, le informazioni richieste ai precedenti punti (a) e (b) siano fornite agli Stati interessati, per assisterli negli accordi di cooperazione e coordinamento.

Articolo 17

L'autorità competente stabilisce una politica globale di ubicazione che preveda un'adeguata separazione degli impianti a rischio elevato proposti dalle aree di lavoro e residenziali e dalle strutture pubbliche e misure appropriate per gli impianti esistenti. Tale politica rifletterà i Principi generali enunciati nella Parte II della Convenzione.

ISPEZIONE

Articolo 18

1. L'autorità competente dispone di personale adeguatamente qualificato e formato con le competenze appropriate e un supporto tecnico e professionale sufficiente per ispezionare, indagare, valutare e consigliare sulle questioni trattate nella presente Convenzione e per garantire il rispetto delle leggi e dei regolamenti nazionali .

2. I rappresentanti del datore di lavoro e i rappresentanti dei lavoratori di un impianto a rischio elevato avranno la possibilità di accompagnare gli ispettori che controllano l'applicazione delle misure prescritte in applicazione della presente Convenzione, a meno che gli ispettori non considerino, alla luce delle istruzioni generali del autorità competente, che ciò possa pregiudicare l'esercizio delle loro funzioni.

Articolo 19

L'autorità competente ha il diritto di sospendere qualsiasi operazione che presenti una minaccia imminente di incidente rilevante.

PARTE V. DIRITTI E DOVERI DEI LAVORATORI E DEI LORO RAPPRESENTANTI

Articolo 20

I lavoratori ei loro rappresentanti in un impianto a rischio elevato devono essere consultati attraverso meccanismi di cooperazione appropriati al fine di garantire un sistema di lavoro sicuro. In particolare, i lavoratori e i loro rappresentanti devono:

a) essere adeguatamente e opportunamente informati dei pericoli associati all'impianto a rischio elevato e delle loro probabili conseguenze;

b) essere informato di qualsiasi ordine, istruzione o raccomandazione formulata dall'autorità competente;

c) essere consultato nella preparazione e avere accesso ai seguenti documenti:

i) il rapporto sulla sicurezza;

(ii) piani e procedure di emergenza;

(iii) denunce di infortuni;

d) essere regolarmente istruito e formato sulle pratiche e sulle procedure per la prevenzione degli incidenti rilevanti e il controllo degli sviluppi che possono portare a un incidente rilevante e sulle procedure di emergenza da seguire in caso di incidente rilevante;

(e) nell'ambito del loro lavoro, e senza essere svantaggiati, intraprendono azioni correttive e se necessario interrompono l'attività qualora, sulla base della loro formazione ed esperienza, abbiano una ragionevole giustificazione per ritenere che vi sia un pericolo imminente di un incidente grave e informare il proprio supervisore o lanciare l'allarme, a seconda dei casi, prima o il prima possibile dopo aver intrapreso tale azione;

f) discutono con il datore di lavoro di eventuali pericoli potenziali che ritengono in grado di generare un incidente rilevante e hanno il diritto di notificare tali pericoli all'autorità competente.

Articolo 21

I lavoratori impiegati presso il sito di un impianto a rischio elevato devono:

a) rispettare tutte le prassi e le procedure relative alla prevenzione degli incidenti rilevanti e al controllo degli sviluppi che possono provocare un incidente rilevante all'interno dell'impianto a rischio rilevante;

(b) rispettare tutte le procedure di emergenza in caso di incidente rilevante.

PARTE VI. RESPONSABILITA' DEGLI STATI ESPORTATORI

Articolo 22

Quando, in uno Stato membro esportatore, l'uso di sostanze, tecnologie o processi pericolosi è vietato come fonte potenziale di un incidente rilevante, le informazioni su tale divieto e le relative ragioni sono messe a disposizione dallo Stato membro esportatore a qualsiasi importatore nazione.

Fonte: Estratti, Convenzione n. 174 (ILO 1993).

 

Di ritorno

Pagina 1 di 122

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti