Banner 18

 

104. Guida ai prodotti chimici

 Redattori del capitolo: Jean Mager Stellman, DebraOsinsky e Pia Markkanen


 

 

Sommario

Profilo generale

Jean Mager Stellman, Debra Osinsky e Pia Markkanen


Acidi, Inorganici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


alcoli

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Materiali alcalini

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Ammine, alifatiche

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Azide

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Monossido di carbonio


Composti epossidici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Esteri, Acrilati

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


eteri

Tabelle degli eteri:

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche

Tabelle alogeni ed eteri:

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Fluorocarburi

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Gliceroli e Glicoli

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Composti eterociclici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Idrocarburi, Alifatici e Alogenati

Tabelle idrocarburi saturi alogenati:

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche

Tabelle degli idrocarburi insaturi alogenati:

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Idrocarburi, Alifatici Insaturi

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Idrocarburi, Aromatici Alogenati

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Gli isocianati

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Nitrocomposti Alifatici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Perossidi, organici e inorganici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Fosfati, inorganici e organici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche

 


 


Acidi e Anidridi, Organici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Aldeidi e chetali

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


amidi

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Composti amminici aromatici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Borani

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Composti ciano

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Esteri, Acetati

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Esteri, alcanoati (eccetto acetati)

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Eteri glicolici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Alogeni e loro composti

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Idrocarburi, Saturi e Aliciclici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


 

Idrocarburi, aromatici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Idrocarburi, Poliaromatici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


chetoni

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Composti Nitro, Aromatici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Fenoli e composti fenolici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Ftalati

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Composti di silicio e organosilicio

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Composti di zolfo, inorganici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


Composti Di Zolfo, Organici

Identificazione chimica

Rischi per la salute

Rischi fisici e chimici

Proprietà fisiche e chimiche


 

Mercoledì, Agosto 03 2011 01: 01

Esteri, Acrilati

si utilizza

Gli esteri acrilici sono utilizzati nella produzione di resine per la finitura della pelle e rivestimenti tessili, plastici e cartacei. acrilato di metile, producendo la resina più dura della serie estere acrilato, è utilizzato nella produzione di fibre acriliche come co-monomero dell'acrilonitrile perché la sua presenza facilita la filatura delle fibre. Viene utilizzato in odontoiatria, medicina e farmaceutica e per la polimerizzazione di scorie radioattive. L'acrilato di metile è utilizzato anche nella purificazione di effluenti industriali e nel rilascio temporizzato e nella disintegrazione di pesticidi. Etilacrilato è un componente di polimeri in emulsione e in soluzione per il rivestimento superficiale di tessuti, carta e cuoio. Viene utilizzato anche in aromi e fragranze sintetiche; come additivo per polpa nei lucidanti e sigillanti per pavimenti; nei lucidi per scarpe; e nella produzione di fibre acriliche, adesivi e leganti.

Oltre 50% del metacrilato di metile prodotto viene utilizzato per la produzione di polimeri acrilici. Sotto forma di polimetilmetacrilato e altre resine, viene utilizzato principalmente come fogli di plastica, polveri per stampaggio ed estrusione, resine per rivestimento superficiale, polimeri in emulsione, fibre, inchiostri e pellicole. Il metilmetacrilato è utile anche nella produzione dei prodotti noti come plexiglas o lucite. Sono utilizzati in protesi dentarie in plastica, lenti a contatto rigide e cemento. metacrilato di n-butile è un monomero per resine, rivestimenti di solventi, adesivi e additivi per olio, ed è utilizzato in emulsioni per la finitura di tessuti, pelle e carta e nella produzione di lenti a contatto.

Pericoli

Come per molti monomeri, ovvero sostanze chimiche che vengono polimerizzate per formare plastiche e resine, la reattività degli acrilati può comportare rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro se esistono livelli di esposizione sufficienti. L'acrilato di metile è altamente irritante e può causare sensibilizzazione. Ci sono alcune prove che l'esposizione cronica può danneggiare il fegato e il tessuto renale. La prova della cancerogenicità è inconcludente (Gruppo 3 — Non classificabile, secondo l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC)). Al contrario, l'acrilato di etile è classificato come cancerogeno di gruppo 2B (possibile cancerogeno per l'uomo). I suoi vapori sono altamente irritanti per il naso, gli occhi e le vie respiratorie. Può causare lesioni corneali e l'ispirazione di alte concentrazioni di vapori può portare a edema polmonare. È stata segnalata una certa sensibilizzazione cutanea a seguito del contatto con etilacrilato liquido.

L'acrilato di butile condivide proprietà biologiche simili con l'acrilato di metile e di etile, ma la tossicità sembra diminuire con l'aumentare del peso molecolare. Anch'esso è una sostanza irritante in grado di provocare sensibilizzazione dopo il contatto della pelle con il liquido.

I metacrilati assomigliano agli acrilati, ma sono biologicamente meno attivi. Ci sono alcune prove che la sostanza non provoca il cancro negli animali. Il metilmetacrilato può agire come un depressore del sistema nervoso centrale e ci sono segnalazioni di sensibilizzazione tra i lavoratori esposti al monomero. L'etilmetacrilato condivide le proprietà del metilmetacrilato ma è molto meno irritante. Come con gli acrilati, i metacrilati diminuiscono di potenza biologica con l'aumentare del peso molecolare e il butilmetacrilato, pur essendo irritante, è meno irritante dell'etilmetacrilato.

Tavoli in acrilati

Tabella 1- Informazioni chimiche.

Tabella 2 - Rischi per la salute.

Tabella 3 - Pericoli fisici e chimici.

Tabella 4 - Proprietà fisiche e chimiche.

 

Di ritorno

Mercoledì, Agosto 03 2011 01: 07

Esteri, alcanoati (eccetto acetati)

si utilizza

Gli esteri acrilici sono utilizzati nella produzione di resine per la finitura della pelle e rivestimenti tessili, plastici e cartacei. acrilato di metile, producendo la resina più dura della serie estere acrilato, è utilizzato nella produzione di fibre acriliche come co-monomero dell'acrilonitrile perché la sua presenza facilita la filatura delle fibre. Viene utilizzato in odontoiatria, medicina e farmaceutica e per la polimerizzazione di scorie radioattive. L'acrilato di metile è utilizzato anche nella purificazione di effluenti industriali e nel rilascio temporizzato e nella disintegrazione di pesticidi. Etilacrilato è un componente di polimeri in emulsione e in soluzione per il rivestimento superficiale di tessuti, carta e cuoio. Viene utilizzato anche in aromi e fragranze sintetiche; come additivo per polpa nei lucidanti e sigillanti per pavimenti; nei lucidi per scarpe; e nella produzione di fibre acriliche, adesivi e leganti.

Oltre 50% del metacrilato di metile prodotto viene utilizzato per la produzione di polimeri acrilici. Sotto forma di polimetilmetacrilato e altre resine, viene utilizzato principalmente come fogli di plastica, polveri per stampaggio ed estrusione, resine per rivestimento superficiale, polimeri in emulsione, fibre, inchiostri e pellicole. Il metilmetacrilato è utile anche nella produzione dei prodotti noti come plexiglas o lucite. Sono utilizzati in protesi dentarie in plastica, lenti a contatto rigide e cemento. metacrilato di n-butile è un monomero per resine, rivestimenti di solventi, adesivi e additivi per olio, ed è utilizzato in emulsioni per la finitura di tessuti, pelle e carta e nella produzione di lenti a contatto.

Pericoli

Come per molti monomeri, ovvero sostanze chimiche che vengono polimerizzate per formare plastiche e resine, la reattività degli acrilati può comportare rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro se esistono livelli di esposizione sufficienti. L'acrilato di metile è altamente irritante e può causare sensibilizzazione. Ci sono alcune prove che l'esposizione cronica può danneggiare il fegato e il tessuto renale. La prova della cancerogenicità è inconcludente (Gruppo 3 — Non classificabile, secondo l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC)). Al contrario, l'acrilato di etile è classificato come cancerogeno di gruppo 2B (possibile cancerogeno per l'uomo). I suoi vapori sono altamente irritanti per il naso, gli occhi e le vie respiratorie. Può causare lesioni corneali e l'ispirazione di alte concentrazioni di vapori può portare a edema polmonare. È stata segnalata una certa sensibilizzazione cutanea a seguito del contatto con etilacrilato liquido.

L'acrilato di butile condivide proprietà biologiche simili con l'acrilato di metile e di etile, ma la tossicità sembra diminuire con l'aumentare del peso molecolare. Anch'esso è una sostanza irritante in grado di provocare sensibilizzazione dopo il contatto della pelle con il liquido.

I metacrilati assomigliano agli acrilati, ma sono biologicamente meno attivi. Ci sono alcune prove che la sostanza non provoca il cancro negli animali. Il metilmetacrilato può agire come un depressore del sistema nervoso centrale e ci sono segnalazioni di sensibilizzazione tra i lavoratori esposti al monomero. L'etilmetacrilato condivide le proprietà del metilmetacrilato ma è molto meno irritante. Come con gli acrilati, i metacrilati diminuiscono di potenza biologica con l'aumentare del peso molecolare e il butilmetacrilato, pur essendo irritante, è meno irritante dell'etilmetacrilato.

Tavoli in acrilati

Tabella 1 - Informazioni chimiche.

Tabella 2 - Rischi per la salute.

Tabella 3 - Pericoli fisici e chimici.

Tabella 4 - Proprietà fisiche e chimiche.

 

Di ritorno

Mercoledì, Agosto 03 2011 01: 21

eteri

Gli eteri sono composti organici in cui l'ossigeno funge da collegamento tra due radicali organici. La maggior parte degli eteri di importanza industriale sono liquidi, sebbene l'etere metilico sia un gas e un certo numero di eteri, ad esempio gli eteri di cellulosa, siano solidi.

Pericoli

Il peso molecolare inferiore eteri (metile, dietil, isopropilico, vinile più vinile isopropilico) sono altamente infiammabili, con punti di infiammabilità inferiori alla normale temperatura ambiente. Di conseguenza, dovrebbero essere prese misure per evitare il rilascio di vapori in aree in cui possono esistere mezzi di accensione. Tutte le fonti di ignizione dovrebbero essere eliminate nelle aree in cui possono essere presenti concentrazioni apprezzabili di vapori di etere durante le normali operazioni, come nei forni di essiccazione, o dove può verificarsi un rilascio accidentale di etere sotto forma di vapore o liquido. Devono essere osservate ulteriori misure di controllo.

In caso di stoccaggio prolungato in presenza di aria o alla luce del sole, gli eteri sono soggetti alla formazione di perossido che comporta un possibile pericolo di esplosione. Nei laboratori, le bottiglie di vetro ambrato forniscono protezione, tranne che dalle radiazioni ultraviolette o dalla luce solare diretta. Gli inibitori come la rete di rame o una piccola quantità di agente riducente potrebbero non essere del tutto efficaci. Se non è richiesto un etere secco, si può aggiungere il 10% del volume di etere di acqua. L'agitazione con solfato ferroso acquoso al 5% rimuove i perossidi. La principale caratteristica tossicologica degli eteri non sostituiti è la loro azione narcotica, che li induce a produrre perdita di coscienza in caso di esposizione apprezzabile; e, da buoni solventi grassi, provocano dermatiti per contatto cutaneo ripetuto o prolungato. La recinzione e la ventilazione devono essere impiegate per evitare un'esposizione eccessiva. Creme barriera e guanti impermeabili aiutano a prevenire l'irritazione della pelle. In caso di perdita di coscienza, la persona deve essere allontanata dall'atmosfera contaminata e sottoposta a respirazione artificiale e ossigeno.

Il principale effetto fisiologico degli eteri non alogenati mostrato nelle tabelle allegate è l'anestesia. A esposizioni elevate, come esposizioni ripetute superiori a 400 ppm all'etere etilico, possono verificarsi irritazione nasale, perdita di appetito, mal di testa, vertigini ed eccitazione, seguite da sonnolenza. Il contatto ripetuto con la pelle può seccarla e screpolarla. A seguito di esposizioni a lungo termine, è stato segnalato che possono verificarsi disturbi mentali.

Eteri alogenati

A differenza degli eteri non alogenati, gli eteri alogenati rappresentano seri rischi industriali. Condividono la proprietà chimica di essere agenti aklilanti, cioè possono legare chimicamente gruppi alchilici, come gruppi etilici e metilici, a siti donatori di elettroni disponibili (ad esempio, -NH2 nel materiale genetico e nell'emoglobina). Si ritiene che tale alchilazione sia intimamente correlata all'induzione del cancro e viene discussa più ampiamente altrove in questo articolo Enciclopedia.

Bis (clorometil) etere (BCME) è un noto cancerogeno per l'uomo (classificazione Gruppo 1 dell'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC)). È anche una sostanza estremamente irritante. Gli effetti cancerogeni del BCME sono stati osservati in lavoratori esposti alla sostanza per un periodo di tempo relativamente breve. Questo periodo di latenza ridotto è probabilmente correlato alla potenza dell'agente.

Clorometil metil etere (CMME) è anche un noto cancerogeno per l'uomo che è anche intensamente irritante. L'esposizione ai vapori di CMME anche a livelli di 100 ppm può essere pericolosa per la vita. I lavoratori esposti a tali livelli hanno manifestato gravi effetti respiratori, incluso edema polmonare.

A meno che non vi siano prove contrarie, è prudente trattare tutti gli eteri alogenati con prudenza e considerare tutti gli agenti alchilanti potenziali cancerogeni a meno che non vi siano prove contrarie. I glicidil eteri sono considerati nella famiglia intitolata “Composti epossidici”.

Tabelle di etere

Tabella 1 - Informazioni chimiche.

Tabella 2 - Rischi per la salute.

Tabella 3 - Pericoli fisici e chimici.

Tabella 4 - Proprietà fisiche e chimiche.

Tabelle eteri alogenati

Tabella 1 - Informazioni chimiche.

Tabella 2 - Rischi per la salute.

Tabella 3 - Pericoli fisici e chimici.

Tabella 4 - Proprietà fisiche e chimiche.

 

Di ritorno

Mercoledì, Agosto 03 2011 04: 35

Fluorocarburi

I fluorocarburi sono derivati ​​da idrocarburi mediante la sostituzione di fluoro per alcuni o tutti gli atomi di idrogeno. Gli idrocarburi in cui alcuni degli atomi di idrogeno sono sostituiti da cloro o bromo in aggiunta a quelli sostituiti da fluoro (p. es., clorofluoroidrocarburi, bromofluoroidrocarburi) sono generalmente inclusi nella classificazione dei fluorocarburi, ad esempio il bromoclorodifluorometano (CClBrF2).

Il primo fluorocarburo economicamente importante fu il diclorodifluorometano (CCl2F2), introdotto nel 1931 come refrigerante di tossicità molto inferiore rispetto all'anidride solforosa, all'ammoniaca o al clorometano, che erano i refrigeranti attualmente popolari.

si utilizza

In passato i fluorocarburi venivano usati come refrigeranti, propellenti per aerosol, solventi, agenti schiumogeni, estintori e intermedi polimerici. Come discusso di seguito, le preoccupazioni circa gli effetti dei clorofluorocarburi nell'esaurimento dello strato di ozono nell'atmosfera superiore hanno portato al divieto di queste sostanze chimiche.

triclorofluorometano più dicloromonofluorometano erano precedentemente usati come propellenti per aerosol. triclorofluorometano attualmente funziona come agente detergente e sgrassante, refrigerante e agente espandente per schiume poliuretaniche. Viene utilizzato anche negli estintori e nell'isolamento elettrico e come fluido dielettrico. Il dicloromonofluorometano viene utilizzato nella fabbricazione di bottiglie di vetro, nei fluidi di scambio termico, come refrigerante per macchine centrifughe, come solvente e come agente espandente.

Diclorotetrafluoroetano è un solvente, diluente, detergente e sgrassante per circuiti stampati. Viene utilizzato come agente schiumogeno negli estintori, come refrigerante nei sistemi di raffreddamento e condizionamento dell'aria, nonché per la raffinazione del magnesio, per inibire l'erosione del metallo nei fluidi idraulici e per rinforzare le bottiglie. dichlorodifluoromethane veniva utilizzato anche per la fabbricazione di bottiglie di vetro; come aerosol per cosmetici, vernici e insetticidi; e per la depurazione dell'acqua, del rame e dell'alluminio. Tetrafluoruro di carbonio è un propellente per razzi e per la guida satellitare, e tetrafluoroetilene viene utilizzato nella preparazione di propellenti per aerosol di prodotti alimentari. Cloropentafluoroetano è un propellente nelle preparazioni alimentari aerosol e un refrigerante per elettrodomestici e condizionatori mobili. clorotrifluorometano, clorodifluorometano, trifluorometano, 1,1-difluoroetano più 1,1,-clorodifluoroetano sono anche refrigeranti.

Molti dei fluorocarburi sono usati come intermedi chimici e solventi in vari settori, come il tessile, il lavaggio a secco, la fotografia e la plastica. Inoltre, alcuni hanno funzioni specifiche come inibitori di corrosione e rilevatori di perdite. Teflon viene utilizzato nella produzione di materie plastiche per alte temperature, indumenti protettivi, tubi e lastre per laboratori chimici, isolanti elettrici, interruttori automatici, cavi, fili e rivestimenti antiaderenti. Clorotrifluorometano è usato per indurire i metalli, e 1,1,1,2-tetracloro-2,2-difluoroetano più diclorodifluorometano sono utilizzati per rilevare crepe superficiali e difetti metallici.

Alotano, isoflurano più enflurano sono usati come anestetici per inalazione.

Rischi ambientali

Negli anni '1970 e '1980 si sono accumulate prove del fatto che i fluorocarburi stabili e altre sostanze chimiche come il bromuro di metile e l'1,1,1-tricloroetano si diffonderebbero lentamente verso l'alto nella stratosfera una volta rilasciati, dove un'intensa radiazione ultravioletta potrebbe causare il rilascio di atomi di cloro liberi da parte delle molecole. Questi atomi di cloro reagiscono con l'ossigeno come segue:

Cl+O3 = ClO + O2

ClO + O = Cl + O2

O + o3 = 2O2

Poiché gli atomi di cloro vengono rigenerati nella reazione, sarebbero liberi di ripetere il ciclo; il risultato netto sarebbe un significativo impoverimento dell'ozono stratosferico, che protegge la terra dalle dannose radiazioni ultraviolette solari. L'aumento delle radiazioni ultraviolette comporterebbe un aumento del cancro della pelle, influenzerebbe i raccolti e la produttività delle foreste e influenzerebbe l'ecosistema marino. Gli studi sull'atmosfera superiore hanno mostrato aree di riduzione dell'ozono nell'ultimo decennio.

A causa di questa preoccupazione, a partire dal 1979 quasi tutti i prodotti aerosol contenenti clorofluorocarburi sono stati vietati in tutto il mondo. Nel 1987 è stato firmato un accordo internazionale, il Protocollo di Montreal sulle sostanze che riducono lo strato di ozono. Il protocollo di Montreal controlla la produzione e il consumo di sostanze che possono causare l'impoverimento dell'ozono. Ha stabilito una scadenza del 1996 per eliminare completamente la produzione e il consumo di clorofluorocarburi nei paesi sviluppati. I paesi in via di sviluppo hanno altri 10 anni per raggiungere la conformità. Sono stati stabiliti controlli anche per halon, tetracloruro di carbonio, 1,1,1-tricloroetano (metilcloroformio), idroclorofluorocarburi (HCFC), idrobromofluorocarburi (HBFC) e bromuro di metile. Alcuni usi essenziali di queste sostanze chimiche sono consentiti laddove non siano disponibili alternative tecnicamente ed economicamente fattibili.

Pericoli

I fluorocarburi sono, in generale, meno tossici dei corrispondenti idrocarburi clorurati o bromurati. Questa minore tossicità può essere associata alla maggiore stabilità del legame CF, e forse anche alla minore solubilità lipoide dei materiali più altamente fluorurati. A causa del loro basso livello di tossicità, è stato possibile selezionare fluorocarburi sicuri per gli usi previsti. E a causa della storia dell'uso sicuro in queste applicazioni, è erroneamente cresciuta la credenza popolare che i fluorocarburi siano completamente sicuri in tutte le condizioni di esposizione.

In una certa misura, i fluorocarburi volatili possiedono proprietà narcotiche simili, ma più deboli, a quelle mostrate dagli idrocarburi clorurati. Inalazione acuta di 2,500 ppm di triclorotrifluoroetano induce intossicazione e perdita di coordinazione psicomotoria nell'uomo; questo avviene a 10,000 ppm (1%) con diclorodifluorometano. Se diclorodifluorometano viene inalato a 150,000 ppm (15%) , ne risulta la perdita di coscienza. Sono stati segnalati oltre 100 decessi dall'annusare di fluorocarburi spruzzando contenitori di aerosol contenenti diclorodifluorometano come propellente in un sacchetto di carta e inalandolo. Alla Conferenza americana degli igienisti industriali governativi (ACGIH) TLV di 1,000 ppm, gli effetti narcotici non sono sperimentati dagli esseri umani.

Gli effetti tossici da esposizione ripetuta, come danni al fegato o ai reni, non sono stati prodotti dai fluorometani e dai fluoroetani. I fluoroalcheni, come tetrafluoroetilene, esafluoropropilene or clorotrifluoroetilene, può produrre danni al fegato e ai reni negli animali da esperimento dopo un'esposizione prolungata e ripetuta a concentrazioni appropriate.

Anche la tossicità acuta dei fluoroalcheni è sorprendente in alcuni casi. Perfluoroisobutilene è un esempio eccezionale. Con una L.C50 di 0.76 ppm per esposizioni di 4 ore per i ratti, è più tossico del fosgene. Come il fosgene, produce un edema polmonare acuto. D'altra parte, il fluoruro di vinile e il fluoruro di vinilidene sono fluoroalcani a bassissima tossicità.

Come molti altri vapori di solventi e anestetici chirurgici, i fluorocarburi volatili possono anche produrre aritmia cardiaca o arresto cardiaco in circostanze in cui una quantità anormalmente elevata di adrenalina viene secreta endogena (come rabbia, paura, eccitazione, sforzo intenso). Le concentrazioni necessarie per produrre questo effetto sono ben al di sopra di quelle normalmente incontrate durante l'uso industriale di questi materiali.

Nei cani e nelle scimmie, entrambi clorodifluorometano più diclorodifluorometano causare depressione respiratoria precoce, broncocostrizione, tachicardia, depressione miocardica e ipotensione a concentrazioni dal 5 al 10%. Clorodifluorometanoe, rispetto a diclorodifluorometano, non causa aritmie cardiache nelle scimmie (sebbene lo faccia nei topi) e non diminuisca la compliance polmonare nelle scimmie.

Misure di sicurezza e salute. Tutti i fluorocarburi subiranno una decomposizione termica se esposti a fiamme o metallo incandescente. I prodotti di decomposizione dei clorofluorocarburi includeranno acido fluoridrico e acido cloridrico insieme a quantità minori di fosgene e fluoruro di carbonile. L'ultimo composto è molto instabile all'idrolisi e si trasforma rapidamente in acido fluoridrico e anidride carbonica in presenza di umidità.

I tre fluorocarburi commercialmente più importanti (triclorofluorometano, diclorodifluorometano più triclorotrifluoroetano) sono stati testati per mutagenicità e teratogenicità con esito negativo. Clorodifluorometano, che ha ricevuto una certa considerazione come possibile propellente per aerosol, è risultato essere mutageno nei test di mutagenicità batterica. I test di esposizione a vita hanno fornito alcune prove di cancerogenicità nei ratti maschi esposti a 50,000 ppm (5%), ma non a 10,000 ppm (1%). L'effetto non è stato osservato nelle femmine di ratto o in altre specie. L'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) lo ha classificato nel Gruppo 3 (prove limitate di cancerogenicità negli animali). C'è stata qualche evidenza di teratogenicità nei ratti esposti a 50,000 ppm (5%), ma non a 10,000 ppm (1% ), e non c'erano prove nei conigli fino a 50,000 ppm.

Le vittime dell'esposizione al fluorocarburo devono essere rimosse dall'ambiente contaminato e trattate sintomaticamente. L'adrenalina non deve essere somministrata, a causa della possibilità di indurre aritmie cardiache o arresto.

tetrafluoroetilene

I principali rischi di tetrafluoroetilene monomero sono la sua infiammabilità in un ampio intervallo di concentrazioni (dall'11 al 60%) e la potenziale esplosività. Il tetrafluoroetilene non inibito è soggetto a polimerizzazione e/o dimerizzazione spontanea, entrambe reazioni esotermiche. Il conseguente aumento di pressione in un contenitore chiuso può provocare un'esplosione, e ne sono state segnalate diverse. Si pensa che queste reazioni spontanee siano avviate da impurità attive come l'ossigeno.

Il tetrafluoroetilene non presenta di per sé un rischio tossico acuto, il LC50 per un'esposizione di 4 ore di ratti pari a 40,000 ppm. I ratti che muoiono per esposizioni letali mostrano non solo danni ai polmoni, ma anche cambiamenti degenerativi nel rene, quest'ultimo mostrato anche da altri fluoroalcheni ma non dai fluoroalcani.

Un altro pericolo riguarda le impurità tossiche formatesi durante la preparazione o la pirolisi del tetrafluoroetilene, in particolare ottafluoroisobutilene, che ha una concentrazione letale approssimativa di soli 0.76 ppm per un'esposizione di 4 ore di ratti. Sono stati descritti alcuni incidenti mortali dovuti all'esposizione a questi "alti bollenti". A causa dei potenziali pericoli, gli esperimenti casuali con il tetrafluoroetilene non dovrebbero essere intrapresi da persone non qualificate.

Misure di sicurezza e salute. Il tetrafluoroetilene viene trasportato e spedito in bombole di acciaio ad alta pressione. In tali condizioni il monomero dovrebbe essere inibito per prevenire la polimerizzazione o la dimerizzazione spontanea. Le bombole dovrebbero essere dotate di dispositivi di decompressione, sebbene non si debba trascurare il fatto che tali dispositivi potrebbero ostruirsi con il polimero.

Teflon (politetrafluoroetilene) viene sintetizzato dalla polimerizzazione del tetrafluoroetilene con un catalizzatore redox. Il teflon non è pericoloso a temperatura ambiente. Tuttavia, se viene riscaldato da 300 a 500 °C, i prodotti di pirolisi includono acido fluoridrico e ottafluoroisobutilene. A temperature più elevate, da 500 a 800 °C, viene prodotto fluoruro di carbonile. Al di sopra di 650 °C vengono prodotti tetrafluoruro di carbonio e anidride carbonica. Può causare febbre da fumi di polimero, una malattia simil-influenzale. La causa più comune di malattia è da sigarette accese contaminate da polvere di teflon. È stato riportato anche edema polmonare.

Anestetici al fluorocarbonio. Alotano è un vecchio anestetico per inalazione, spesso utilizzato in combinazione con il protossido di azoto. isoflurano più enflurano stanno diventando più popolari perché hanno meno effetti collaterali segnalati rispetto a alotano.

L'alotano produce anestesia a concentrazioni superiori a 6,000 ppm. L'esposizione a 1,000 ppm per 30 minuti provoca anomalie nei test comportamentali che non si verificano a 200 ppm. Non ci sono segnalazioni di irritazione o sensibilizzazione della pelle, degli occhi o delle vie respiratorie. L'epatite è stata segnalata a concentrazioni sub-anestetiche e l'epatite grave, talvolta fatale, si è verificata in pazienti ripetutamente esposti a concentrazioni di anestetico. Non è stata riscontrata tossicità epatica da esposizioni professionali a isoflurano or enflurano. L'epatite si è verificata in pazienti esposti a 6,000 ppm di enflurano o superiori; sono stati segnalati casi anche dall'uso di isoflurano, ma il suo ruolo non è stato dimostrato.

Uno studio sugli animali sulla tossicità epatica non ha rilevato effetti tossici nei ratti esposti ripetutamente a 100 ppm di alotano nell'aria; un altro studio ha rilevato necrosi cerebrale, epatica e renale a 10 ppm, secondo le osservazioni al microscopio elettronico. Nessun effetto è stato riscontrato nei topi esposti a 1,000 ppm di enflurano per 4 ore/giorno per circa 70 giorni; una leggera riduzione dell'aumento di peso corporeo è stato l'unico effetto riscontrato quando sono stati esposti a 3,000 ppm per 4 ore/giorno, 5 giorni/settimana fino a 78 settimane. In un altro studio, nei topi esposti ininterrottamente a 700 ppm di enflurano per un massimo di 17 giorni, sono state riscontrate gravi perdite di peso e decessi con danno epatico; nello stesso studio non sono stati osservati effetti in ratti o cavie esposti per 5 settimane. Con l'isoflurano, l'esposizione continua dei topi a 150 ppm e oltre nell'aria ha causato un ridotto aumento di peso corporeo. Effetti simili sono stati osservati nelle cavie, ma non nei ratti, a 1,500 ppm. Nessun effetto significativo è stato osservato nei topi esposti 4 ore/giorno, 5 giorni/settimana per 9 settimane fino a 1,500 ppm.

Nessuna evidenza di mutagenicità o cancerogenicità è stata trovata negli studi sugli animali con enflurano o isoflurano o negli studi epidemiologici sull'alotano. I primi studi epidemiologici che suggerivano effetti riproduttivi avversi da alotano e altri anestetici per inalazione non sono stati verificati per l'esposizione ad alotano in studi successivi.

Nessuna prova convincente di effetti fetali è stata trovata nei ratti con esposizioni di alotano fino a 800 ppm e nessun effetto sulla fertilità con esposizioni ripetute fino a 1,700 ppm. C'era una certa fetotossicità (ma non teratogenicità) a 1,600 ppm e oltre. Nei topi, c'era fetotossicità a 1,000 ppm ma non a 500 ppm. Gli studi sulla riproduzione dell'enflurano non hanno riscontrato effetti sulla fertilità nei topi a concentrazioni fino a 10,000 ppm, con qualche evidenza di anormalità dello sperma a 12,000 ppm. Non c'è stata evidenza di teratogenicità nei topi esposti fino a 7,500 ppm o nei ratti fino a 5,000 ppm. C'è stata una lieve evidenza di embrio/fetotossicità nelle ratte gravide esposte a 1,500 ppm. Con isoflurano, l'esposizione di topi maschi fino a 4,000 ppm per 4 ore/giorno per 42 giorni non ha avuto alcun effetto sulla fertilità. Non sono stati osservati effetti fetotossici in topi gravidi esposti a 4,000 ppm per 4 ore/giorno per 2 settimane; l'esposizione di ratte gravide a 10,500 ppm ha prodotto una minore perdita di peso corporeo fetale. In un altro studio, nei feti di topi esposti a 6,000 ppm di isoflurano per 4 ore al giorno nei giorni da 6 a 15 di gravidanza sono stati riscontrati una riduzione delle dimensioni della cucciolata e del peso corporeo del feto ed effetti sullo sviluppo; non sono stati riscontrati effetti a 60 o 600 ppm.

Tabelle di fluorocarburi

Tabella 1 - Informazioni chimiche.

Tabella 2 - Rischi per la salute.

Tabella 3 - Pericoli fisici e chimici.

Tabella 4 - Proprietà fisiche e chimiche.

 

Di ritorno

Mercoledì, Agosto 03 2011 04: 43

Eteri glicolici

si utilizza

Gli eteri glicolici sono ampiamente utilizzati come solventi perché tendono ad essere abbastanza solubili sia in acqua che in liquidi organici. Gli usi generali includono inchiostri e coloranti, smalti, vernici e come agenti di pulizia nelle industrie del lavaggio a secco e del vetro. Anche l'industria dei semiconduttori utilizza ampiamente questi composti come solventi e detergenti.

Gli etilenglicoleteri sono ampiamente utilizzati come solventi per resine, lacche, pitture, vernici, coloranti e inchiostri, nonché componenti di paste per pittura, composti per la pulizia, saponi liquidi, cosmetici e fluidi idraulici. Gli eteri di glicole propilenico e butilenico sono preziosi come agenti disperdenti e come solventi per lacche, vernici, resine, coloranti, oli e grassi.

Glicole etilenico monoetil etere è un solvente nell'industria della lacca, della stampa, dei metalli e chimica. Viene anche utilizzato per la tintura e la stampa nell'industria tessile e come agente di finitura della pelle, additivo antighiaccio per carburanti per aviazione e componente di solventi per vernici e soluzioni detergenti. Dietilenglicole monometil etere più etilene glicole monobutil etere acetato funzionano nell'industria come solventi altobollenti. Dietilenglicole monometil etere viene utilizzato per mordenti per legno che non sollevano la grana, per spazzolare lacche con odori delicati, per inchiostri per timbri e per rifinire la pelle. Nell'industria delle vernici, è un agente coalescente per la vernice al lattice; e nell'industria tessile, viene utilizzato per la stampa, i saponi tessili e le paste coloranti, nonché per fissare la torsione e condizionare filati e tessuti.

I solventi etere monometilico di glicole dietilenico, etere monoetile di glicole dietilenico più dietilene glicole mono-n-butil etere servono come diluenti nei liquidi per freni idraulici. 2-fenossietanolo è un fissativo per profumi, cosmetici e saponi, un supporto per coloranti tessili e un solvente per detergenti, inchiostri, germicidi e prodotti farmaceutici. 2-Metossietanolo è anche un fissativo per profumi. Viene utilizzato nella produzione di pellicole fotografiche, come additivo antighiaccio per carburanti, come solvente per resine utilizzate nell'industria elettronica e come agente per la tintura della pelle. 2-Metossietanolo più propilenglicole metil etere sono utili per sigillare con solvente il cellophane. Glicole etilenico mono-n-butil etere è un solvente per rivestimenti protettivi e per la pulizia dei metalli. Viene utilizzato nell'industria tessile per prevenire macchie durante la stampa o la tintura.

Pericoli

In generale, gli effetti acuti degli eteri glicolici sono limitati al sistema nervoso centrale e sono simili alla tossicità acuta del solvente. Questi effetti includono vertigini, mal di testa, confusione, affaticamento, disorientamento, linguaggio confuso e (se abbastanza grave) depressione respiratoria e perdita di coscienza. Gli effetti dell'esposizione a lungo termine includono irritazione cutanea, anemia e soppressione del midollo osseo, encefalopatia e tossicità riproduttiva. 2-Metossietanolo più 2-etossietanolo (ei loro acetati) sono i più tossici. A causa della loro volatilità relativamente bassa, l'esposizione si verifica più spesso a seguito del contatto della pelle con liquidi o dell'inalazione di vapori in spazi chiusi.

La maggior parte degli eteri di glicole etilenico sono più volatili del composto progenitore e, di conseguenza, meno facilmente controllabili rispetto all'esposizione al vapore. Tutti gli eteri sono più tossici del glicole etilenico e presentano un complesso sintomatologico simile.

Etere monometilico di glicole etilenico (metilcellosolve; Dowanol EM; 2-metossietanolo). Il D.L. orale50 per l'etere monometilico di glicole etilenico nei ratti è associato a decessi ritardati che comportano edema polmonare, lieve danno epatico ed esteso danno renale. L'insufficienza renale è la probabile causa di morte in risposta a ripetute esposizioni orali. Questo etere glicolico è moderatamente irritante per l'occhio, producendo dolore acuto, infiammazione delle membrane e annebbiamento corneale che persiste per diverse ore. Sebbene l'etere monometilico di glicole etilenico non sia particolarmente irritante per la pelle, può essere assorbito in quantità tossiche. L'esperienza con l'esposizione umana all'etere monometilico di glicole etilenico ha indicato che può provocare la comparsa di leucociti immaturi, anemia monocitica e cambiamenti neurologici e comportamentali. Gli studi hanno anche dimostrato che l'esposizione per inalazione negli esseri umani può portare a dimenticanza, cambiamenti di personalità, debolezza, letargia e mal di testa. Negli animali, l'inalazione di concentrazioni più elevate può provocare degenerazione testicolare, danni alla milza e sangue nelle urine. Gli studi sugli animali hanno mostrato anemia, danni al timo e al midollo a 300 ppm. A 50 ppm durante la gravidanza negli animali, sono state riportate gravi anomalie fetali. L'effetto sulla salute più importante sembra essere l'effetto sul sistema riproduttivo umano, con una diminuzione della spermatogenesi. Pertanto, è evidente che l'etere monometilico del glicole etilenico è un composto moderatamente tossico e che il contatto ripetuto con la pelle o l'inalazione di vapori devono essere evitati.

Glicole etilenico monoetil etere (solvente cellosolve; Dowanol EE; 2-etossietanolo). L'etere monoetile del glicole etilenico è meno tossico dell'etere metilico (sopra). L'azione tossica più significativa è sul sangue e non sono previsti sintomi neurologici. Per altri aspetti è simile nell'azione tossica all'etere monometilico di glicole etilenico. Un'esposizione eccessiva può provocare moderata irritazione al sistema respiratorio, edema polmonare, depressione del sistema nervoso centrale e marcata glomerulite. Negli studi sugli animali, la fetotossicità e la teratogenicità sono state osservate a livelli superiori a 160 ppm e i cambiamenti comportamentali nella prole erano evidenti dopo l'esposizione materna a 100 ppm.

Altri eteri di glicole etilenico. La menzione dell'etere monobutile di glicole etilenico è anche opportuna a causa del suo ampio uso nell'industria. Nei ratti, i decessi in risposta a singole esposizioni orali sono attribuibili alla narcosi, mentre i decessi ritardati derivano da congestione polmonare e insufficienza renale. Il contatto diretto dell'occhio con questo etere produce dolore intenso, marcata irritazione congiuntivale e annebbiamento corneale, che possono persistere per diversi giorni. Come con l'etere monometilico, il contatto con la pelle non provoca molta irritazione cutanea, ma possono essere assorbite quantità tossiche. Studi sull'inalazione hanno dimostrato che i ratti possono tollerare 30 esposizioni di 7 ore a 54 ppm, ma alcune lesioni si verificano a una concentrazione di 100 ppm. A concentrazioni più elevate, i ratti hanno mostrato emorragia nei polmoni, congestione delle viscere, danni al fegato, emoglobinuria e marcata fragilità eritrocitaria. La fetotossicità è stata osservata nei ratti esposti a 100 ppm, ma non a 50 ppm. Una maggiore fragilità eritrocitaria era evidente a tutte le concentrazioni di esposizione superiori a 50 ppm di vapori di glicole etilenico monobutil etere. Gli esseri umani sembrano essere un po' meno suscettibili rispetto agli animali da laboratorio a causa dell'apparente resistenza alla sua azione emolitica. Mentre mal di testa e irritazione oculare e nasale sono stati osservati negli esseri umani al di sopra di 100 ppm, non sono stati riscontrati danni ai globuli rossi.

Entrambe le isopropilico più n-propil eteri di glicole etilenico presentano pericoli particolari. Questi eteri glicolici hanno una bassa LD orale a dose singola50 valori e causano gravi danni ai reni e al fegato. L'urina sanguinante è un segno precoce di grave danno renale. La morte di solito avviene entro pochi giorni. Il contatto con gli occhi provoca una rapida irritazione congiuntivale e parziale opacità corneale nel coniglio, con recupero che richiede circa 1 settimana. Come la maggior parte degli altri etilene glicoleteri, i propil derivati ​​sono solo lievemente irritanti per la pelle ma possono essere assorbiti in quantità tossiche. Inoltre, sono altamente tossici per inalazione. Fortunatamente, etere monoisopropilico di glicole etilenico non è un importante composto commerciale.

Dietilenglicoleteri. Gli eteri del glicole dietilenico hanno una tossicità inferiore rispetto agli eteri del glicole etilenico, ma hanno caratteristiche simili.

Glicoli polietilenici. Il trietilene, il tetraetilene ei polietilenglicoli superiori sembrano essere composti innocui a bassa tensione di vapore.

Eteri di glicole propilenico. L'etere monometilico del glicole propilenico ha una tossicità relativamente bassa. Nei ratti, la singola dose orale LD50 ha causato la morte per depressione generalizzata del sistema nervoso centrale, probabilmente arresto respiratorio. Dosi orali ripetute (3 g/kg) per un periodo di 35 giorni hanno indotto nei ratti solo lievi alterazioni istopatologiche nel fegato e nei reni. Il contatto con gli occhi ha provocato solo una lieve irritazione transitoria. Non è apprezzabilmente irritante per la pelle, ma il confinamento di grandi quantità di etere nella pelle del coniglio provoca depressione del sistema nervoso centrale. Il vapore non presenta un rischio sostanziale per la salute se inalato. La narcosi profonda sembra essere la causa della morte negli animali sottoposti a forti esposizioni per inalazione. Questo etere è irritante per gli occhi e il tratto respiratorio superiore dell'uomo a concentrazioni non pericolose per la salute; quindi ha alcune proprietà di avviso.

Di- e tripropilene glicoleteri presentano proprietà tossicologiche simili ai derivati ​​del monopropilene, ma non presentano sostanzialmente alcun pericolo per quanto riguarda l'inalazione dei vapori o il contatto con la pelle.

Polibutilenglicoli. Quelli che sono stati esaminati possono causare danni ai reni in dosi eccessive, ma non sono dannosi per gli occhi o la pelle e non vengono assorbiti in quantità tossiche.

Esteri acetici, diesteri, esteri eterei. Questi derivati ​​dei comuni glicoli sono di particolare importanza in quanto vengono impiegati come solventi per plastiche e resine in diversi prodotti. Molti esplosivi contengono estere di glicole etilenico come abbassatore del punto di congelamento. Per quanto riguarda la tossicità, gli esteri degli acidi grassi eteri glicolici sono considerevolmente più irritanti per le membrane mucose rispetto ai composti progenitori discussi in precedenza. Tuttavia, gli esteri degli acidi grassi hanno proprietà di tossicità essenzialmente identiche ai materiali progenitori una volta assorbiti i primi, poiché gli esteri vengono saponificati in ambienti biologici per produrre acido grasso e il corrispondente glicole o etere glicolico.

Misure di sicurezza e salute

Le misure utilizzate per controllare e limitare l'esposizione agli eteri glicolici sono essenzialmente le stesse utilizzate per controllare l'esposizione ai solventi, come discusso altrove in questo Enciclopedia. La sostituzione di un materiale con un altro meno tossico, se possibile, è sempre un buon punto di partenza. È importante disporre di adeguati sistemi di ventilazione in grado di ridurre efficacemente al minimo la concentrazione di materiale nella zona di respirazione. Laddove sono presenti rischi di esplosione e incendio, è necessario prestare attenzione per evitare fiamme libere o scintille e conservare i materiali in contenitori "a prova di esplosione". I dispositivi di protezione individuale, come respiratori, guanti e indumenti, sebbene importanti, non dovrebbero essere considerati esclusivamente. Indossare sempre occhiali protettivi se l'esposizione agli schizzi rappresenta un rischio. Quando si utilizza l'etere monometilico di glicole etilenico, i lavoratori devono indossare occhiali di sicurezza chimica ed è necessaria un'adeguata ventilazione. Si raccomanda inoltre la protezione degli occhi ogni volta che esiste la possibilità di tale contatto con etilene glicole monobutil etere. Evitare l'inalazione dei suoi vapori e il contatto con la pelle. In particolare quando si lavora con 2-metossietanolo o 2-etossietanolo, evitare assolutamente qualsiasi contatto con la pelle.

Tabelle eteri glicolici

Tabella 1 - Informazioni chimiche.

Tabella 2 - Rischi per la salute.

Tabella 3 - Pericoli fisici e chimici.

Tabella 4 - Proprietà fisiche e chimiche.

 

Di ritorno

Mercoledì, Agosto 03 2011 04: 47

Gliceroli e Glicoli

si utilizza

Glicoli e gliceroli hanno numerose applicazioni nell'industria perché sono solventi organici completamente solubili in acqua. Molti di questi composti sono usati come solventi per coloranti, vernici, resine, inchiostri, insetticidi e prodotti farmaceutici. Inoltre, i loro due gruppi idrossilici chimicamente reattivi rendono i glicoli importanti intermedi chimici. Tra i molti usi di glicoli e poliglicoli, i principali includono l'essere un additivo per l'abbassamento del punto di congelamento, per la lubrificazione e per la solubilizzazione. I glicoli servono anche come additivi indiretti e diretti agli alimenti e come ingredienti in formulazioni di resine esplosive e alchidiche, nebbie teatrali e cosmetici.

Glicole propilenico è ampiamente utilizzato in prodotti farmaceutici, cosmetici, come umettante in alcuni alimenti e come lubrificante. Viene anche utilizzato come fluido termovettore negli usi in cui le perdite potrebbero portare al contatto con gli alimenti, come nei refrigeranti per le apparecchiature di refrigerazione del settore lattiero-caseario. Viene anche utilizzato come solvente nei coloranti e negli aromi alimentari, come antigelo nei birrifici e negli stabilimenti e come additivo per la vernice al lattice per fornire stabilità al gelo e al disgelo. glicole propilenico, glicole etilenico più 1,3-butandiolo sono componenti dei fluidi antighiaccio per aeromobili. Glicole tripropilenico più 2,3-butandiolo sono solventi per coloranti. I butandioli (butilenglicoli) sono utilizzati nella produzione di resine poliestere.

Glicole etilenico è un antigelo nei sistemi di raffreddamento e riscaldamento, un solvente nell'industria delle vernici e della plastica e un ingrediente del fluido antighiaccio utilizzato per le piste aeroportuali. Viene utilizzato nei fluidi per freni idraulici, dinamite a basso congelamento, coloranti per legno, adesivi, tinture per pelli e tabacco. Serve anche come agente disidratante per il gas naturale, solvente per inchiostri e pesticidi e ingrediente nei condensatori elettrolitici. Glicole dietilenico è un umettante per tabacco, caseina, spugne sintetiche e prodotti di carta. Si trova anche in composizioni di sughero, adesivi per legatoria, liquidi per freni, lacche, cosmetici e soluzioni antigelo per sistemi sprinkler. Il glicole dietilenico viene utilizzato per le tenute idrauliche dei serbatoi di gas, come lubrificante e finissaggio per tessuti, solvente per coloranti al tino e agente disidratante del gas naturale. Glicole trietilenico è un solvente e lubrificante nella tintura e stampa tessile. Viene anche utilizzato nella disinfezione dell'aria e in varie materie plastiche per aumentare la flessibilità. Il trietilene glicole è un umettante nell'industria del tabacco e un intermedio per la produzione di plastificanti, resine, emulsionanti, lubrificanti ed esplosivi.

Una certa misura della versatilità di glicerina si può ricavare dal fatto che sono stati rivendicati circa 1,700 usi per il composto e i suoi derivati. Il glicerolo è utilizzato in alimenti, prodotti farmaceutici, articoli da toeletta e cosmetici. È un solvente e un umettante in prodotti come il tabacco, la glassa per dolciumi, le creme per la pelle e il dentifricio, che altrimenti si deteriorerebbero durante la conservazione seccandosi. Inoltre, il glicerolo è un lubrificante aggiunto alla gomma da masticare come coadiuvante tecnologico; un agente plastificante per cocco umido e tritato; e un additivo per mantenere la morbidezza e l'umidità nei farmaci. Serve a proteggere dal gelo i parabrezza ed è un antigelo nelle automobili, nei contatori del gas e nei martinetti idraulici. Il più grande uso singolo del glicerolo, tuttavia, è nella produzione di resine alchidiche per rivestimenti superficiali. Questi sono preparati condensando il glicerolo con un acido bicarbossilico o anidride (solitamente anidride ftalica) e acidi grassi. Un altro uso importante del glicerolo è nella produzione di esplosivi, tra cui nitroglicerina e dinamite.

Glicerina

Il glicerolo è un alcol trivalente e subisce reazioni caratteristiche degli alcoli. I gruppi idrossilici hanno vari gradi di reattività e quelli nelle posizioni 1 e 3 sono più reattivi di quelli nella posizione 2. Utilizzando queste differenze di reattività e variando le proporzioni dei reagenti, è possibile ottenere mono-, di- o tri-derivati. Il glicerolo viene preparato mediante idrolisi dei grassi o sinteticamente dal propilene. I principali costituenti di praticamente tutti gli oli e i grassi animali e vegetali sono i trigliceridi degli acidi grassi.

L'idrolisi di tali gliceridi produce acidi grassi liberi e glicerolo. Vengono utilizzate due tecniche di idrolisi: idrolisi alcalina (saponificazione) e idrolisi neutra (scissione). Nella saponificazione, il grasso viene bollito con idrossido di sodio e cloruro di sodio, con conseguente formazione di glicerolo e sali di sodio degli acidi grassi (saponi).

Nell'idrolisi neutra, i grassi vengono idrolizzati mediante un processo discontinuo o semicontinuo in un'autoclave ad alta pressione o mediante una tecnica continua controcorrente in una colonna ad alta pressione. Esistono due processi principali per la sintesi del glicerolo dal propilene. In un processo, il propilene viene trattato con cloro per dare cloruro di allile; questo reagisce con la soluzione di ipoclorito di sodio per dare glicerolo dicloridrina, da cui si ottiene il glicerolo per idrolisi alcalina. Nell'altro processo, il propilene viene ossidato ad acroleina, che viene ridotta ad alcol allilico. Questo composto può essere idrossilato con perossido di idrogeno acquoso per dare direttamente glicerolo, o trattato con ipoclorito di sodio per dare glicerolo monocloridrina, che, per idrolisi alcalina, produce glicerolo.

Pericoli

Il glicerolo ha una tossicità molto bassa (LD orale50 (topo) 31.5 g/kg) ed è generalmente considerato innocuo in tutte le normali condizioni d'uso. La glicerina produce solo una diuresi molto lieve in individui sani che ricevono una singola dose orale di 1.5 g/kg o meno. Gli effetti avversi in seguito alla somministrazione orale di glicerina comprendono lieve mal di testa, vertigini, nausea, vomito, sete e diarrea.

Quando è presente come nebbia, è classificato dall'American Conference of Governmental Industrial Hygienists (ACGIH) come un "particolato fastidioso", e come tale un TLV di 10 mg/m3 è stato assegnato. Inoltre, la reattività del glicerolo lo rende pericoloso, e suscettibile di esplodere a contatto con agenti ossidanti forti come permanganato di potassio, clorato di potassio e così via. Di conseguenza non dovrebbe essere immagazzinato vicino a tali materiali.

Glicoli e derivati

I glicoli commercialmente importanti sono composti alifatici che possiedono due gruppi idrossilici e sono liquidi viscosi incolori, essenzialmente inodori. Il glicole etilenico e il glicole dietilenico sono di primaria importanza tra i glicoli ei loro derivati. La tossicità e il pericolo di alcuni importanti composti e gruppi sono discussi nella sezione finale di questo articolo. Nessuno dei glicoli o loro derivati ​​studiati è risultato mutageno, cancerogeno o teratogeno.

I glicoli ei loro derivati ​​sono liquidi combustibili. poiché i loro punti di infiammabilità sono al di sopra della normale temperatura ambiente, i vapori possono essere presenti in concentrazioni all'interno della gamma infiammabile o esplosiva solo quando riscaldati (ad esempio, forni). Per questo motivo presentano solo un moderato rischio di incendio.

Sintesi. Il glicole etilenico viene prodotto commercialmente dall'ossidazione dell'etilene con aria, seguita dall'idratazione dell'ossido di etilene risultante. Il glicole dietilenico viene prodotto come sottoprodotto della produzione di glicole etilenico. Allo stesso modo, il glicole propilenico e l'1,2-butandiolo sono prodotti rispettivamente dall'idratazione dell'ossido di propilene e dell'ossido di butilene. Il 2,3-butandiolo è prodotto dall'idratazione del 2,3-epossibutano; L'1,3-butandiolo è prodotto dall'idrogenazione catalitica dell'aldolo usando il nichel Raney; e 1,4-butandiolo è prodotto dalla reazione di acetilene con formaldeide, seguita da idrogenazione del risultante 2-butin-1,4-diolo.

Rischi dei glicoli comuni

Glicole etilenico. La tossicità orale del glicole etilenico negli animali è piuttosto bassa. Tuttavia, dall'esperienza clinica è stato stimato che la dose letale per un essere umano adulto è di circa 100 cm3 o circa 1.6 g/kg, indicando così una maggiore potenza tossica per l'uomo che per gli animali da laboratorio. La tossicità è dovuta ai metaboliti, che variano per le diverse specie. Gli effetti tipici dell'eccessiva assunzione orale di glicole etilenico sono narcosi, depressione del centro respiratorio e danno renale progressivo.

Le scimmie sono state mantenute per 3 anni con diete contenenti dallo 0.2 allo 0.5% di glicole etilenico senza apparenti effetti avversi; non sono stati trovati tumori nella vescica, ma c'erano cristalli e calcoli di ossalato. L'irritazione primaria degli occhi e della pelle è generalmente lieve in risposta al glicole etilenico, ma il materiale può essere assorbito attraverso la pelle in quantità tossiche. L'esposizione di ratti e topi per 8 ore al giorno per 16 settimane a concentrazioni comprese tra 0.35 e 3.49 mg/l non ha indotto danni organici. Alle concentrazioni più elevate erano presenti nebbia e goccioline. Di conseguenza, le esposizioni ripetute dell'uomo ai vapori a temperatura ambiente non dovrebbero presentare un rischio significativo. Il glicole etilenico non sembra presentare un rischio significativo dall'inalazione di vapori a temperatura ambiente o dal contatto con la pelle o con la bocca in condizioni industriali ragionevoli. Tuttavia, potrebbe essere generato un pericolo di inalazione industriale se il glicole etilenico fosse riscaldato o agitato vigorosamente (generando una nebbia), o se si verificasse un contatto o un'ingestione apprezzabile con la pelle per un periodo di tempo prolungato. Il principale pericolo per la salute del glicole etilenico è legato all'ingestione di grandi quantità.

Glicole dietilenico. Il glicole dietilenico è abbastanza simile al glicole etilenico in termini di tossicità, sebbene senza produzione di acido ossalico. È più direttamente tossico per i reni rispetto al glicole etilenico. Quando vengono ingerite dosi eccessive, gli effetti tipici da attendersi sono diuresi, sete, perdita di appetito, narcosi, ipotermia, insufficienza renale e morte, a seconda della gravità dell'esposizione. Topi e ratti esposti a glicole dietilenico a livelli di 5 mg/mXNUMX3 per 3-7 mesi ha sperimentato cambiamenti nel sistema nervoso centrale ed endocrino e negli organi interni e altri cambiamenti patologici. Sebbene non sia di interesse pratico, quando somministrato ad alte dosi agli animali, il glicole dietilenico ha prodotto calcoli alla vescica e tumori, probabilmente secondari ai calcoli. Questi potrebbero essere dovuti al glicole monoetilenico presente nel campione. Come con il glicole etilenico, il glicole dietilenico non sembra presentare un rischio significativo dall'inalazione di vapori a temperatura ambiente o dal contatto con la pelle o con la bocca in condizioni industriali ragionevoli.

Glicole propilenico. Il glicole propilenico presenta un basso rischio di tossicità. È igroscopico e in uno studio su 866 soggetti umani è risultato essere un irritante primario in alcune persone, probabilmente a causa della disidratazione. Potrebbe anche causare reazioni cutanee allergiche in oltre il 2% delle persone con eczema. Le esposizioni a lungo termine degli animali ad atmosfere sature di glicole propilenico non hanno effetti misurabili. A causa della sua bassa tossicità, il glicole propilenico è ampiamente utilizzato nelle formulazioni farmaceutiche, nei cosmetici e, con alcune limitazioni, nei prodotti alimentari.

Glicole dipropilenico è di bassissima tossicità. È essenzialmente non irritante per la pelle e gli occhi e, a causa della sua bassa tensione di vapore e tossicità, non è un problema di inalazione a meno che grandi quantità non vengano riscaldate in uno spazio ristretto.

butandioli. Esistono quattro isomeri; tutti sono solubili in acqua, alcool etilico ed etere. Hanno una bassa volatilità, quindi l'inalazione non è un problema nelle normali condizioni industriali. Ad eccezione dell'isomero 1,4-, i butandioli non creano rischi industriali significativi.

Nei ratti, massicce esposizioni orali di 1,2-butandiolo narcosi profonda indotta e irritazione dell'apparato digerente. Può verificarsi anche necrosi congestizia del rene. Si ritiene che i decessi ritardati siano il risultato di un'insufficienza renale progressiva, mentre i decessi acuti sono probabilmente attribuibili alla narcosi. Il contatto oculare con l'1,2-butandiolo può provocare lesioni alla cornea, ma anche un contatto prolungato con la pelle è generalmente innocuo rispetto all'irritazione primaria e alla tossicità da assorbimento. Non sono stati segnalati effetti avversi dell'inalazione di vapori.

1,3-butandiolo è essenzialmente non tossico tranne che in dosi orali travolgenti, nel qual caso può verificarsi narcosi.

Poco si sa sulla tossicità di 2,3-butandiolo, ma dai pochi studi sugli animali pubblicati, sembra trovarsi tra 1,2- e 1,3-butandioli in tossicità.

1,4-butandiolo è circa otto volte più tossico dell'isomero 1,2 nei test di tossicità acuta. L'ingestione acuta provoca grave narcosi e possibile danno renale. La morte deriva probabilmente dal collasso del sistema nervoso simpatico e parasimpatico. Non è un irritante primario, né è facilmente assorbito per via percutanea.

Tabelle di glicoli e gliceroli

Tabella 1 - Informazioni chimiche.

Tabella 2 - Rischi per la salute.

Tabella 3 - Pericoli fisici e chimici.

Tabella 4 - Proprietà fisiche e chimiche.

 

Di ritorno

Mercoledì, Agosto 03 2011 04: 54

Alogeni e loro composti

Fluoro, cloro, bromo, iodio e l'elemento radioattivo più recentemente scoperto, l'astato, costituiscono la famiglia degli elementi noti come alogeni. Fatta eccezione per l'astato, le proprietà fisiche e chimiche di questi elementi sono state studiate in modo esaustivo. Occupano il gruppo VII nella tavola periodica e mostrano una gradazione quasi perfetta nelle proprietà fisiche.

La parentela degli alogeni è illustrata anche dalla somiglianza nelle proprietà chimiche degli elementi, somiglianza che è associata alla disposizione di sette elettroni nel guscio esterno della struttura atomica di ciascuno degli elementi del gruppo. Tutti i membri formano composti con l'idrogeno e la prontezza con cui avviene l'unione diminuisce all'aumentare del peso atomico. Allo stesso modo, i calori di formazione dei vari sali diminuiscono con l'aumentare dei pesi atomici degli alogeni. Le proprietà degli acidi alogenati e dei loro sali mostrano una relazione sorprendente; la somiglianza è evidente nei composti alogenati organici, ma, poiché il composto diventa chimicamente più complesso, le caratteristiche e le influenze di altri componenti della molecola possono mascherare o modificare la gradazione delle proprietà.

si utilizza

Gli alogeni sono utilizzati nell'industria chimica, idrica e sanitaria, della plastica, farmaceutica, della pasta di legno e della carta, tessile, militare e petrolifera. Bromo, cloro, fluoro più iodio sono intermedi chimici, agenti sbiancanti e disinfettanti. Sia il bromo che il cloro sono utilizzati nell'industria tessile per lo sbiancamento e l'impermeabilizzazione della lana. Il bromo è utilizzato anche nei processi di estrazione dell'estrazione dell'oro e nella perforazione di pozzi di petrolio e gas. È un ritardante di fiamma nell'industria della plastica e un intermedio nella produzione di fluidi idraulici, agenti refrigeranti e deumidificanti e preparati per ondulare i capelli. Il bromo è anche un componente di gas militari e fluidi estinguenti.

Il cloro è utilizzato come disinfettante per i rifiuti e nella depurazione e trattamento dell'acqua potabile e delle piscine. È un agente sbiancante nelle lavanderie e nell'industria della cellulosa e della carta. Il cloro viene utilizzato nella produzione di batterie speciali e idrocarburi clorurati e nella lavorazione di carne, verdura, pesce e frutta. Inoltre, agisce come ritardante di fiamma. Biossido di cloro è utilizzato nelle industrie dell'acqua e dei servizi igienico-sanitari e delle piscine per la purificazione dell'acqua, il controllo del gusto e dell'odore. È un agente sbiancante nell'industria alimentare, conciaria, tessile, della cellulosa e della carta, nonché un agente ossidante, battericida e antisettico. Viene utilizzato nella pulitura e deconcia della pelle e nello sbiancamento di cellulosa, oli e cera d'api. Tricloruro di azoto anticamente era usato come sbiancante e “miglioratore” per la farina. Iodio è anche un disinfettante nell'industria dell'acqua e dei servizi igienico-sanitari e funge da intermedio chimico per ioduri inorganici, ioduro di potassio e composti di iodio organico.

Fluoro, monossido di fluoro, pentafluoruro di bromo più trifluoruro di cloro sono ossidanti per sistemi di propellente per razzi. Fluoro è anche utilizzato nella conversione del tetrafluoruro di uranio in esafluoruro di uranio, e ctrifluoruro di cloro viene utilizzato nel combustibile per reattori nucleari e per tagliare i tubi dei pozzi petroliferi.

fluoruro di calcio, presente nel minerale fluorite, è la fonte primaria di fluoro e dei suoi composti. Viene utilizzato nella metallurgia ferrosa come fondente per aumentare la fluidità della scoria. Il fluoruro di calcio si trova anche nell'industria ottica, del vetro e dell'elettronica.

Bromuro di idrogeno e le sue soluzioni acquose sono utili per la produzione di bromuri organici e inorganici e come agenti riducenti e catalizzatori. Sono anche usati nell'alchilazione di composti aromatici. Bromuro di potassio viene utilizzato per produrre carte e lastre fotografiche. Grandi quantità di gas fosgene sono necessarie per numerose sintesi industriali, inclusa la produzione di coloranti. Il fosgene è utilizzato anche nel gas militare e nei prodotti farmaceutici. Il fosgene si trova negli insetticidi e nei fumiganti.

Pericoli

La somiglianza che questi elementi esibiscono nelle proprietà chimiche è evidente negli effetti fisiologici associati al gruppo. I gas (fluoro e cloro) ei vapori di bromo e iodio sono irritanti per le vie respiratorie; l'inalazione di concentrazioni relativamente basse di questi gas e vapori provoca una sensazione sgradevole e pungente, seguita da una sensazione di soffocamento, tosse e una sensazione di costrizione al petto. Il danno al tessuto polmonare associato a queste condizioni può causare un sovraccarico di liquidi nei polmoni, provocando una condizione di edema polmonare che può rivelarsi fatale.

Fluoro e suoi composti

fonti

La maggior parte del fluoro e dei suoi composti è ottenuta direttamente o indirettamente dal fluoruro di calcio (fluorite) e dalla roccia fosfatica (fluorapatite) o da sostanze chimiche da essi derivate. Il fluoruro nella roccia fosfatica limita l'utilità di questo minerale e, pertanto, il fluoruro deve essere rimosso quasi completamente nella preparazione del fosforo elementare o del fosfato di calcio alimentare e parzialmente nella conversione della fluoroapatite in fertilizzante. Questi fluoruri vengono recuperati in alcuni casi come acido acquoso o come sali di calcio o di sodio del fluoruro liberato (probabilmente una miscela di acido fluoridrico e tetrafluoruro di silicio), o rilasciati nell'atmosfera.

Rischi di incendio ed esplosione

Molti dei composti del fluoro presentano un rischio di incendio ed esplosione. Il fluoro reagisce con quasi tutti i materiali, compresi i contenitori metallici e le tubazioni se il film passivante è rotto. La reazione con i metalli può produrre idrogeno gassoso. Nei sistemi di trasporto è necessaria una pulizia assoluta per evitare reazioni localizzate e conseguenti rischi di incendio. Vengono utilizzate speciali valvole esenti da lubrificante per evitare reazioni con i lubrificanti. Il difluoruro di ossigeno è esplosivo in miscele gassose con acqua, idrogeno solforato o idrocarburi. Quando riscaldati, molti composti del fluoro producono gas velenosi e fumi di fluoruro corrosivi.

Rischi per la salute

Acido fluoridrico. Il contatto della pelle con acido fluoridrico anidro produce gravi ustioni che si avvertono immediatamente. Anche le soluzioni acquose concentrate di acido fluoridrico provocano una precoce sensazione di dolore, ma le soluzioni diluite possono non avvertire di lesioni. Il contatto esterno con liquidi o vapori provoca grave irritazione degli occhi e delle palpebre che può provocare difetti visivi prolungati o permanenti o distruzione totale degli occhi. Sono stati segnalati decessi dall'esposizione della pelle fino al 2.5% della superficie corporea totale.

Il trattamento rapido è essenziale e dovrebbe includere un lavaggio abbondante con acqua durante il tragitto verso l'ospedale, quindi l'immersione in una soluzione ghiacciata di solfato di magnesio al 25%, se possibile. Il trattamento standard per le ustioni da lievi a moderate prevede l'applicazione di un gel di gluconato di calcio; ustioni più gravi possono richiedere l'iniezione dentro e intorno all'area interessata con una soluzione di gluconato di calcio al 10% o di solfato di magnesio. A volte può essere necessaria l'anestesia locale per il dolore.

L'inalazione di nebbie di acido fluoridrico concentrato o acido fluoridrico anidro può causare grave irritazione respiratoria e un'esposizione di soli 5 minuti è solitamente fatale entro 2-10 ore dall'edema polmonare emorragico. L'inalazione può anche essere coinvolta nelle esposizioni cutanee.

Fluoro e altri gas fluorurati. Il fluoro elementare, il trifluoruro di cloro e il difluoruro di ossigeno sono forti ossidanti e possono essere altamente distruttivi. A concentrazioni molto elevate, questi gas possono avere un effetto estremamente corrosivo sui tessuti animali. Tuttavia, il trifluoruro di azoto è sorprendentemente meno irritante. Il fluoro gassoso a contatto con l'acqua forma acido fluoridrico, che provoca gravi ustioni cutanee e ulcerazioni.

L'esposizione acuta al fluoro a 10 ppm provoca una leggera irritazione cutanea, oculare e nasale; l'esposizione superiore a 25 ppm è intollerabile, sebbene esposizioni ripetute possano causare acclimatazione. Elevate esposizioni possono causare edema polmonare ritardato, emorragia e danni ai reni, ed eventualmente essere fatali. Il difluoruro di ossigeno ha effetti simili.

In uno studio di inalazione acuta nel ratto con trifluoruro di cloro, 800 ppm per 15 minuti e 400 ppm per 25 minuti sono risultate fatali. La tossicità acuta è paragonabile a quella del fluoruro di idrogeno. In uno studio a lungo termine su due specie, 1.17 ppm ha causato irritazione respiratoria e oculare e, in alcuni animali, la morte.

In studi ripetuti a lungo termine su animali con inalazione di fluoro, sono stati osservati effetti tossici su polmoni, fegato e testicoli a 16 ppm e irritazione delle mucose e dei polmoni a 2 ppm. Il fluoro a 1 ppm è stato tollerato. In un successivo studio multispecie, non sono stati osservati effetti da esposizioni di 60 minuti a concentrazioni fino a 40 ppm.

Sono disponibili dati scarsi sull'esposizione industriale dei lavoratori al fluoro. C'è ancora meno esperienza di esposizione a lungo termine al trifluoruro di cloro e al difluoruro di ossigeno.

fluoruri

L'ingestione di quantità di fluoruri solubili nell'intervallo da 5 a 10 grammi è quasi certamente fatale per gli adulti umani. Sono stati segnalati decessi umani in relazione all'ingestione di acido fluoridrico, fluoruro di sodio e fluosilicati. Sono state segnalate malattie non mortali dovute all'ingestione di questi e altri fluoruri, compreso il sale scarsamente solubile, la criolite (fluoruro di sodio e alluminio).

Nell'industria, le polveri contenenti fluoruro svolgono un ruolo in una percentuale considerevole di casi di esposizione effettiva o potenziale al fluoruro e l'ingestione di polvere può essere un fattore significativo. L'esposizione occupazionale al fluoruro può essere in gran parte dovuta a fluoruri gassosi, ma, anche in questi casi, l'ingestione raramente può essere completamente esclusa, sia a causa della contaminazione di alimenti o bevande consumate sul posto di lavoro sia a causa di fluoruri espulsi e ingeriti. Nell'esposizione a una miscela di fluoruri gassosi e particolati, sia l'inalazione che l'ingestione possono essere fattori significativi nell'assorbimento del fluoruro.

È stato ampiamente riportato che la fluorosi o l'intossicazione cronica da fluoro producono la deposizione di fluoruro nei tessuti scheletrici sia degli animali che dell'uomo. I sintomi includevano aumento dell'opacità ossea radiografica, formazione di escrescenze smussate sulle costole e calcificazione dei legamenti intervertebrali. La screziatura dentale si trova anche nei casi di fluorosi. L'esatta relazione tra i livelli di fluoruro nelle urine e i tassi concomitanti di deposizione ossea di fluoruro non è completamente compresa. Tuttavia, a condizione che i livelli di fluoruro urinario nei lavoratori non siano costantemente superiori a 4 ppm, sembra esserci poco motivo di preoccupazione; a un livello di fluoruro urinario di 6 ppm dovrebbero essere presi in considerazione monitoraggi e/o controlli più elaborati; a un livello di 8 ppm e oltre, è prevedibile che la deposizione scheletrica di fluoruro, se si lascia che l'esposizione continui per molti anni, porti ad un aumento della radiopacità ossea.

I fluoborati sono unici in quanto lo ione fluoborato assorbito viene escreto quasi completamente nelle urine. Ciò implica che vi è poca o nessuna dissociazione del fluoruro dallo ione fluoborato, e quindi praticamente non ci si aspetterebbe alcuna deposizione scheletrica di quel fluoruro.

In uno studio sui lavoratori della criolite, circa la metà si è lamentata della mancanza di appetito e della mancanza di respiro; una percentuale minore menzionava costipazione, dolore localizzato nella regione del fegato e altri sintomi. Un leggero grado di fluorosi è stato riscontrato nei lavoratori della criolite esposti da 2 a 2.5 anni; segni più definiti sono stati trovati in quelli esposti per quasi 5 anni e segni di fluorosi moderata sono comparsi in quelli con più di 11 anni di esposizione.

I livelli di fluoruro sono stati associati all'asma professionale tra i lavoratori nelle potroom per la riduzione dell'alluminio.

Fluoruro di calcio. I pericoli della fluorite sono dovuti principalmente agli effetti dannosi del contenuto di fluoro e gli effetti cronici includono malattie di denti, ossa e altri organi. Sono state segnalate lesioni polmonari tra le persone che inalano polvere contenente dal 92 al 96% di fluoruro di calcio e dal 3.5% di silice. Si è concluso che il fluoruro di calcio intensifica l'azione fibrogenica della silice nei polmoni. Tra i minatori di fluorite sono stati segnalati casi di bronchite e silicosi.

Rischi ambientali

Gli impianti industriali che utilizzano quantità di composti del fluoro, come le acciaierie, le fonderie di alluminio, le fabbriche di superfosfati e così via, possono emettere nell'atmosfera gas, fumi o polveri contenenti fluoro. Sono stati segnalati casi di danni ambientali in animali al pascolo su erba contaminata, tra cui fluorosi con chiazze dentali, deposizione ossea e deperimento; si è verificata anche l'incisione dei vetri delle finestre nelle case vicine.

Bromo e suoi composti

Bromo è ampiamente distribuito in natura sotto forma di composti inorganici come i minerali, nell'acqua di mare e nei laghi salati. Piccole quantità di bromo sono contenute anche nei tessuti animali e vegetali. Si ottiene da laghi o pozzi salati, dall'acqua di mare e dalle acque madri rimaste dopo il trattamento con sali potassici (silnite, carnallite).

Il bromo è un liquido altamente corrosivo, i cui vapori sono estremamente irritanti per gli occhi, la pelle e le mucose. A contatto prolungato con i tessuti, il bromo può provocare ustioni profonde, di lunga guarigione e soggette ad ulcerazione; Il bromo è anche tossico per ingestione, inalazione e assorbimento cutaneo.

Una concentrazione di bromo di 0.5 mg/m3 non deve essere superato in caso di esposizione prolungata; in una concentrazione di bromo da 3 a 4 mg/m3, lavorare senza respiratore è impossibile. Una concentrazione da 11 a 23 mg/m3 produce grave soffocamento ed è opinione diffusa che da 30 a 60 mg/mXNUMX3 è estremamente pericoloso per l'uomo e che 200 mg/m3 si sarebbe rivelato fatale in brevissimo tempo.

Il bromo ha proprietà cumulative, essendo depositato nei tessuti come bromuri e sostituendo altri alogeni (iodio e cloro). Gli effetti a lungo termine includono disturbi del sistema nervoso.

Le persone esposte regolarmente a concentrazioni da tre a sei volte superiori al limite di esposizione per 1 anno lamentano mal di testa, dolore nella regione del cuore, irritabilità crescente, perdita di appetito, dolori articolari e dispepsia. Durante il quinto o sesto anno di lavoro possono verificarsi perdita dei riflessi corneali, faringite, disturbi vegetativi e iperplasia tiroidea accompagnata da disfunzione tiroidea. I disturbi cardiovascolari si verificano anche sotto forma di degenerazione miocardica e ipotensione; possono verificarsi anche disturbi funzionali e secretori del tratto digestivo. Segni di inibizione della leucopoiesi e della leucocitosi sono visibili nel sangue. La concentrazione ematica di bromo varia tra 0.15 mg/100 cmXNUMX3 a 1.5 mg/100 cmXNUMX3 indipendentemente dal grado di intossicazione.

Bromuro di idrogeno il gas è rilevabile senza irritazione a 2 ppm. L'acido bromidrico, la sua soluzione al 47% in acqua, è un liquido corrosivo, leggermente giallo con un odore pungente, che si scurisce all'esposizione all'aria e alla luce.

L'azione tossica dell'acido bromidrico è da due a tre volte più debole di quella del bromo, ma più acutamente tossica dell'acido cloridrico. Sia la forma gassosa che quella acquosa irritano le mucose del tratto respiratorio superiore a 5 ppm. L'avvelenamento cronico è caratterizzato da infiammazione delle vie respiratorie superiori e problemi digestivi, lievi modificazioni dei riflessi e diminuzione della conta degli eritrociti. La sensibilità olfattiva può essere ridotta. Il contatto con la pelle o le mucose può causare ustioni.

Acido bromico e acido ipobromoso. Gli acidi ossigenati del bromo si trovano solo in soluzioni o come sali. La loro azione sull'organismo è simile a quella dell'acido bromidrico.

Bromuro ferroso-ferrico. I bromuri ferroso-ferrici sono sostanze solide utilizzate nell'industria chimica e farmaceutica e nella fabbricazione di prodotti fotografici. Sono prodotti facendo passare una miscela di bromo e vapore su limatura di ferro. Il risultante sale di bromo caldo e sciropposo viene versato in contenitori di ferro, dove si solidifica. Il bromo umido (cioè il bromo contenente più di circa 20 ppm di acqua) è corrosivo per la maggior parte dei metalli e il bromo elementare deve essere trasportato secco in contenitori di monel, nichel o piombo ermeticamente sigillati. Per ovviare al problema della corrosione, il bromo viene spesso trasportato sotto forma di sale ferroso-ferrico.

Bromofosgene. Questo è un prodotto di decomposizione del bromoclorometano e si incontra nella produzione di violetto di genziana. Deriva dalla combinazione di monossido di carbonio con bromo in presenza di cloruro di ammonio anidro.

L'azione tossica del bromofosgene è simile a quella del fosgene (vedi Fosgene in questo articolo).

Bromuro di cianogeno. Il bromuro di cianogeno è un solido utilizzato per l'estrazione dell'oro e come pesticida. Reagisce con l'acqua producendo acido cianidrico e acido bromidrico. La sua azione tossica assomiglia a quella dell'acido cianidrico e probabilmente ha una tossicità simile.

Anche il bromuro di cianogeno ha un pronunciato effetto irritante e alte concentrazioni possono causare edema polmonare ed emorragie polmonari. Venti ppm per 1 minuto e 8 ppm per 10 minuti sono intollerabili. Nei topi e nei gatti, 70 ppm provocano la paralisi in 3 minuti e 230 ppm sono fatali.

Cloro e suoi composti inorganici

I composti del cloro sono ampiamente presenti in natura, costituendo circa il 2% dei materiali della superficie terrestre, soprattutto sotto forma di cloruro di sodio nell'acqua di mare e in depositi naturali come carnallite e silvite.

Cloro gassoso è principalmente un irritante delle vie respiratorie. In concentrazione sufficiente, il gas irrita le mucose, le vie respiratorie e gli occhi. In casi estremi la difficoltà respiratoria può aumentare fino al punto in cui può verificarsi la morte per collasso respiratorio o insufficienza polmonare. L'odore caratteristico e penetrante del cloro gassoso di solito avvisa della sua presenza nell'aria. Inoltre, ad alte concentrazioni, è visibile come un gas giallo-verdastro. Il cloro liquido a contatto con la pelle o gli occhi provoca ustioni chimiche e/o congelamento.

Gli effetti del cloro possono diventare più gravi fino a 36 ore dopo l'esposizione. L'attenta osservazione delle persone esposte dovrebbe far parte del programma di risposta medica.

Esposizione cronica. La maggior parte degli studi non indica alcuna connessione significativa tra gli effetti negativi sulla salute e l'esposizione cronica a basse concentrazioni di cloro. Uno studio finlandese del 1983 ha mostrato un aumento della tosse cronica e una tendenza all'ipersecrezione di muco tra i lavoratori. Tuttavia, questi lavoratori non hanno mostrato alcuna funzione polmonare anormale nei test o nelle radiografie del torace.

Uno studio del 1993 del Chemical Industry Institute of Toxicology sull'inalazione cronica di ratti e topi esposti a cloro gassoso a 0.4, 1.0 o 2.5 ppm per un massimo di 6 ore al giorno e da 3 a 5 giorni alla settimana per un massimo di 2 anni. Non c'erano prove di cancro. L'esposizione al cloro a tutti i livelli ha prodotto lesioni nasali. Poiché i roditori sono respiratori nasali obbligatori, non è chiaro come questi risultati debbano essere interpretati per gli esseri umani.

Concentrazioni di cloro notevolmente superiori ai valori soglia attuali possono verificarsi senza essere immediatamente percepibili; le persone perdono rapidamente la capacità di rilevare l'odore del cloro in piccole concentrazioni. È stato osservato che l'esposizione prolungata a concentrazioni atmosferiche di cloro di 5 ppm provoca malattie dei bronchi e una predisposizione alla tubercolosi, mentre studi polmonari hanno indicato che concentrazioni da 0.8 a 1.0 ppm causano una riduzione permanente, sebbene moderata, della funzione polmonare. L'acne non è inusuale nelle persone esposte per lunghi periodi di tempo a basse concentrazioni di cloro, ed è comunemente nota come “cloracne”. Possono verificarsi anche danni allo smalto dei denti.

ossidi

In tutto, ci sono cinque ossidi di cloro. Sono monossido di cloro, monossido di cloro, biossido di cloro, esossido di cloro e epossido di cloro; hanno principalmente lo stesso effetto sull'organismo umano e richiedono le stesse misure di sicurezza del cloro. Quello più utilizzato nell'industria è il biossido di cloro. Il biossido di cloro è un irritante delle vie respiratorie e degli occhi simile al cloro ma di grado più grave. Le esposizioni acute per inalazione causano bronchite ed edema polmonare, i cui sintomi osservati nei lavoratori interessati sono tosse, respiro sibilante, difficoltà respiratorie, secrezione nasale e irritazione degli occhi e della gola.

Tricloruro di azoto è un potente irritante per la pelle e le mucose degli occhi e delle vie respiratorie. I vapori sono corrosivi come il cloro. È altamente tossico se ingerito.

La concentrazione letale media (LC50) di tricloruro di azoto nei ratti è di 12 ppm secondo uno studio che prevedeva l'esposizione dei ratti a concentrazioni da 0 a 157 ppm per 1 ora. I cani nutriti con farina sbiancata con tricloruro di azoto sviluppano rapidamente atassia e convulsioni epilettiformi. L'esame istologico degli animali da esperimento ha mostrato necrosi della corteccia cerebrale e disordini delle cellule di Purkinje nel cervelletto. Anche il nucleo dei globuli rossi può essere colpito.

Il tricloruro di azoto può esplodere a seguito di un impatto, esposizione al calore, onde supersoniche e anche spontaneamente. La presenza di alcune impurità può aumentare il rischio di esplosione. Esploderà anche a contatto con tracce di alcuni composti organici, in particolare trementina. La decomposizione produce prodotti di decomposizione clorurati altamente tossici.

Fosgene. Commercialmente, il fosgene (COCl2) è prodotto dalla reazione tra cloro e monossido di carbonio. Il fosgene si forma anche come sottoprodotto indesiderabile quando alcuni idrocarburi clorurati (soprattutto diclorometano, tetracloruro di carbonio, cloroformio, tricloroetilene, percloroetilene ed esacloroetano) entrano in contatto con una fiamma libera o metallo caldo, come nella saldatura. La decomposizione degli idrocarburi clorurati in ambienti chiusi può comportare l'accumulo di concentrazioni dannose di fosgene, come ad esempio dall'uso del tetracloruro di carbonio come materiale estinguente o del tetracloroetilene come lubrificante nella lavorazione dell'acciaio di alta qualità.

Il fosgene anidro non è corrosivo per i metalli, ma in presenza di acqua reagisce a partire dall'acido cloridrico, che è corrosivo.

Il fosgene è uno dei gas più velenosi utilizzati nell'industria. L'inalazione di 50 ppm per un breve periodo è fatale per i test sugli animali. Per l'uomo, l'inalazione prolungata da 2 a 5 ppm è pericolosa. Un'ulteriore proprietà pericolosa del fosgene è la mancanza di tutti i sintomi premonitori durante la sua inalazione, che può causare solo una leggera irritazione delle mucose delle vie respiratorie e degli occhi a concentrazioni da 4 a 10 ppm. L'esposizione a 1 ppm per periodi prolungati può causare edema polmonare ritardato.

I casi leggeri di avvelenamento sono seguiti da bronchite temporanea. Nei casi più gravi può verificarsi edema polmonare ritardato. Ciò può verificarsi dopo un periodo di latenza di diverse ore, solitamente da 5 a 8, ma raramente più di 12. Nella maggior parte dei casi, il paziente rimane cosciente fino alla fine; la morte è causata da asfissia o insufficienza cardiaca. Se il paziente sopravvive ai primi 2 o 3 giorni, la prognosi è generalmente favorevole. Alte concentrazioni di fosgene causano un danno acido immediato al polmone e causano rapidamente la morte per soffocamento e l'interruzione della circolazione attraverso i polmoni.

Tutela dell'ambiente

Il cloro libero distrugge la vegetazione e, poiché può verificarsi in concentrazioni che causano tali danni in condizioni climatiche sfavorevoli, il suo rilascio nell'atmosfera circostante dovrebbe essere vietato. Se non è possibile utilizzare il cloro liberato per la produzione di acido cloridrico o simili, si deve prendere ogni precauzione per legare il cloro, ad esempio mediante uno scrubber a calce. Speciali misure tecniche di sicurezza con sistemi di allarme automatico devono essere installate, negli stabilimenti e nelle vicinanze, ovunque vi sia il rischio che quantità apprezzabili di cloro possano fuoriuscire nell'atmosfera circostante.

Dal punto di vista dell'inquinamento ambientale, particolare attenzione va riservata alle bombole o altri recipienti adibiti al trasporto del cloro o dei suoi composti, alle misure per il controllo dei possibili pericoli e alle misure da adottare in caso di emergenza.

Iodio e suoi composti

Lo iodio non si trova libero in natura, ma ioduri e/o iodati si trovano come tracce di impurità nei depositi di altri sali. I depositi di salnitro cileno contengono abbastanza iodato (circa lo 0.2% di iodato di sodio) per rendere fattibile il suo sfruttamento commerciale. Allo stesso modo, alcune salamoie presenti in natura, specialmente negli Stati Uniti, contengono quantità recuperabili di ioduro. Lo ioduro nell'acqua dell'oceano è concentrato da alcune alghe (kelp), la cui cenere era precedentemente una fonte importante dal punto di vista commerciale in Francia, Regno Unito e Giappone.

Lo iodio è un potente agente ossidante. Potrebbe verificarsi un'esplosione se entra in contatto con materiali come acetilene o ammoniaca.

I vapori di iodio, anche a basse concentrazioni, sono estremamente irritanti per le vie respiratorie, gli occhi e, in misura minore, la pelle. Concentrazioni fino a 0.1 ppm nell'aria possono causare irritazioni agli occhi in caso di esposizione prolungata. Concentrazioni superiori a 0.1 ppm causano un'irritazione oculare sempre più grave insieme a irritazione delle vie respiratorie e, infine, edema polmonare. Altre lesioni sistemiche dovute all'inalazione di vapori di iodio sono improbabili a meno che la persona esposta non abbia già un disturbo della tiroide. Lo iodio viene assorbito dai polmoni, convertito in ioduro nel corpo e quindi escreto, principalmente nelle urine. Lo iodio in forma cristallina o in soluzioni forti è un grave irritante per la pelle; non si rimuove facilmente dalla pelle e, dopo il contatto, tende a penetrare ea provocare lesioni continue. Le lesioni cutanee causate dallo iodio assomigliano a ustioni termiche, tranne per il fatto che lo iodio colora di marrone le aree bruciate. Le ulcere che sono lente a guarire possono svilupparsi a causa dello iodio che rimane fissato al tessuto.

La probabile dose orale letale media di iodio è di 2-3 g negli adulti, a causa della sua azione corrosiva sul sistema gastrointestinale. In generale, i materiali contenenti iodio (sia organici che inorganici) sembrano essere più tossici di analoghi materiali contenenti bromo o cloro. Oltre alla tossicità "simile all'alogeno", lo iodio è concentrato nella ghiandola tiroidea (la base per il trattamento del cancro alla tiroide con 131I), e quindi è probabile che i disturbi metabolici derivino dalla sovraesposizione. L'assorbimento cronico di iodio provoca lo “iodismo”, una malattia caratterizzata da tachicardia, tremore, perdita di peso, insonnia, diarrea, congiuntivite, rinite e bronchite. Inoltre, può svilupparsi ipersensibilità allo iodio, caratterizzata da eruzioni cutanee ed eventualmente rinite e/o asma.

Radioattività. Lo iodio ha numero atomico 53 e peso atomico compreso tra 117 e 139. Il suo unico isotopo stabile ha massa 127 (126.9004); i suoi isotopi radioattivi hanno tempi di dimezzamento da pochi secondi (pesi atomici di 136 e superiori) a milioni di anni (129IO). Nelle reazioni che caratterizzano il processo di fissione in un reattore nucleare, 131Io è formato in abbondanza. Questo isotopo ha un'emivita di 8.070 giorni; emette radiazioni beta e gamma con energie principali rispettivamente di 0.606 MeV (max) e 0.36449 MeV.

Entrando nel corpo per qualsiasi via, lo iodio inorganico (ioduro) si concentra nella ghiandola tiroidea. Questo, unito all'abbondante formazione di 131I nella fissione nucleare, lo rende uno dei materiali più pericolosi che possono essere rilasciati da un reattore nucleare deliberatamente o per caso.

Tabelle alogeni e composti

Tabella 1 - Informazioni chimiche.

Tabella 2 - Rischi per la salute.

Tabella 3 - Pericoli fisici e chimici.

Tabella 4 - Proprietà fisiche e chimiche.

 

Di ritorno

Mercoledì, Agosto 03 2011 05: 26

Composti eterociclici

I composti eterociclici sono usati come intermedi chimici e solventi nell'industria farmaceutica, chimica, tessile, dei coloranti, petrolifera e fotografica. Diversi composti funzionano anche come acceleratori di vulcanizzazione nell'industria della gomma.

acridina più benzantrone sono usati come materie prime e intermedi nella produzione di coloranti. Benzantrone è utilizzato anche nell'industria pirotecnica. Propilenimina è utilizzato nei flocculanti nella raffinazione del petrolio e come modificatore per carburanti propellenti per razzi. È stato utilizzato negli additivi per olio come modificatore per il controllo della viscosità, per prestazioni ad alta pressione e per la resistenza all'ossidazione. 3-metilpiridina più 4-metilpiridina servire come agenti impermeabilizzanti nell'industria tessile. La 4-metilpiridina è un solvente nella sintesi di prodotti farmaceutici, resine, coloranti, acceleranti di gomma, pesticidi e agenti impermeabilizzanti. 2-pirrolidone è utilizzato anche in preparazioni farmaceutiche e funziona come solvente altobollente nella lavorazione del petrolio. Si trova negli inchiostri da stampa speciali e in alcuni lucidi per pavimenti. 4,4'-Ditiodimorfolina è utilizzato nell'industria della gomma come antimacchia e agente vulcanizzante. Nell'industria della gomma, 2-vinilpiridina è trasformato in un terpolimero utilizzato negli adesivi per l'incollaggio della tortiglia per pneumatici alla gomma.

Diversi composti eterociclici—morfolina, mercaptobenzotiazolo, piperazina, 1,2,3-benzotriazolo più chinolina—funzionano come inibitori di corrosione per il trattamento del rame e delle acque industriali. Il mercaptobenzotiazolo è anche un inibitore della corrosione negli oli da taglio e nei prodotti petroliferi e un additivo per pressioni estreme nei grassi. La morfolina è un solvente per resine, cere, caseina e coloranti e un agente antischiuma nell'industria della carta e del cartone. Inoltre, si trova in insetticidi, fungicidi, erbicidi, anestetici locali e antisettici. L'1,2,3-benzotriazolo è un agente di ritenzione, sviluppo e antiappannamento nelle emulsioni fotografiche, un componente del fluido antighiaccio per aerei militari e un agente stabilizzante nell'industria della plastica.

Piridina è utilizzato da numerose industrie sia come intermedio chimico che come solvente. Viene utilizzato nella produzione di vitamine, sulfamidici, disinfettanti, sostanze coloranti ed esplosivi e come coadiuvante nella tintura nell'industria tessile. La piridina è anche utile nelle industrie della gomma e delle vernici, nella perforazione di pozzi di petrolio e gas e nelle industrie alimentari e delle bevande analcoliche come agente aromatizzante. Il vinilpiridine sono utilizzati per la produzione di polimeri. Sulfolano, un solvente e un plastificante, viene utilizzato per l'estrazione di idrocarburi aromatici dai flussi di raffineria di petrolio, per la finitura tessile e come componente del fluido idraulico. tetraidrotiofene è un solvente e un odorante di gas combustibile utilizzato nei sistemi di allarme antincendio nelle miniere sotterranee. Piperidina è utilizzato nella produzione di prodotti farmaceutici, agenti bagnanti e germicidi. È un agente indurente per resine epossidiche e un costituente in tracce di olio combustibile.

Pericoli

acridina è un potente irritante che, a contatto con la pelle o le mucose, provoca prurito, bruciore, starnuti, lacrimazione e irritazione della congiuntiva. Lavoratori esposti a polvere di cristalli di acridina in concentrazioni da 0.02 a 0.6 mg/m3 lamentava mal di testa, disturbi del sonno, irritabilità e fotosensibilizzazione e presentava edema delle palpebre, congiuntivite, eruzioni cutanee, leucocitosi e aumento della velocità di sedimentazione dei globuli rossi. Questi sintomi non sono comparsi a una concentrazione aerea di acridina di 1.01 mg/mXNUMX3. Quando riscaldato, l'acridina emette fumi tossici. L'acridina e un gran numero dei suoi derivati ​​hanno dimostrato di possedere proprietà mutagene e di inibire la riparazione del DNA e la crescita cellulare in diverse specie.

Negli animali, dosi quasi letali di aminopiridine producono una maggiore eccitabilità al suono e al tatto e causano tremore, convulsioni cloniche e tetania. Provocano anche la contrazione del muscolo scheletrico e della muscolatura liscia, producendo vasocostrizione e aumento della pressione sanguigna. È stato riportato che le aminopiridine e alcune alchil piridine esercitano un'azione inotropa e cronotropa sul cuore. Le piridine viniliche provocano convulsioni meno drammatiche. L'avvelenamento acuto può verificarsi sia per inalazione della polvere o del vapore a concentrazioni relativamente basse, sia per assorbimento cutaneo.

Un rischio comune di benzantrone è la sensibilizzazione cutanea dovuta all'esposizione alla polvere di benzantrone. La sensibilità varia da persona a persona, ma dopo un'esposizione che va da pochi mesi a diversi anni, le persone sensibili, specialmente quelle bionde o con i capelli rossi, sviluppano un eczema che può essere intenso nel suo decorso e la cui fase acuta può lasciare una pigmentazione nocciola o grigio ardesia, soprattutto intorno agli occhi. Microscopicamente, è stata trovata atrofia della pelle. I disturbi cutanei dovuti al benzantrone sono più frequenti nella stagione calda e sono notevolmente aggravati dal caldo e dalla luce.

morfolina è un composto moderatamente tossico per ingestione e per applicazione cutanea; la morfolina non diluita è un forte irritante per la pelle e un potente irritante per gli occhi. Non sembra avere effetti tossici cronici. È un moderato rischio di incendio se esposto al calore e la decomposizione termica provoca il rilascio di fumi contenenti ossidi di azoto.

fenotiazina ha proprietà irritanti nocive e l'esposizione industriale può produrre lesioni cutanee e fotosensibilizzazione, compresa la cheratite fotosensibilizzata. Per quanto riguarda gli effetti sistemici, è stato segnalato che l'intossicazione grave nell'uso terapeutico è caratterizzata da anemia emolitica ed epatite tossica. A causa della sua bassa solubilità, la velocità del suo assorbimento dal tratto gastrointestinale dipende dalla dimensione delle particelle. Una forma micronizzata del farmaco viene assorbita rapidamente. La tossicità della sostanza varia molto da animale ad animale, la LD orale50 nei ratti è di 5 g/kg.

Sebbene la fenotiazina si ossidi abbastanza facilmente quando è esposta all'aria, il rischio di incendio non è elevato. Tuttavia, se coinvolta in un incendio, la fenotiazina produce ossidi di zolfo e di azoto altamente tossici, che sono pericolosi irritanti per i polmoni.

Piperidina viene assorbito per inalazione e attraverso il tubo digerente e la pelle; produce negli animali una risposta tossica simile a quella ottenuta con le aminopiridine. Grandi dosi bloccano la conduzione gangliare. Piccole dosi provocano una stimolazione sia parasimpatica che simpatica a causa dell'azione sui gangli. Aumento della pressione sanguigna e della frequenza cardiaca, nausea, vomito, salivazione, respiro affannoso, debolezza muscolare, paralisi e convulsioni sono segni di intossicazione. Questa sostanza è altamente infiammabile e sviluppa concentrazioni esplosive di vapore a temperature ambiente normali. Devono essere adottate le precauzioni raccomandate per la piridina.

Piridina e suoi omologhi. Alcune informazioni sulla piridina sono disponibili da segnalazioni cliniche di esposizione umana, principalmente attraverso trattamenti medici o attraverso l'esposizione al vapore. La piridina viene assorbita attraverso il tratto gastrointestinale, attraverso la pelle e per inalazione. Sintomi e segni clinici di intossicazione includono disturbi gastrointestinali con diarrea, dolore addominale e nausea, debolezza, mal di testa, insonnia e nervosismo. Esposizioni inferiori a quelle necessarie per produrre segni clinici evidenti possono causare vari gradi di danno epatico con degenerazione adiposa lobulare centrale, congestione e infiltrazione cellulare; esposizioni ripetute a basso livello causano cirrosi. Il rene sembra essere meno sensibile al danno indotto dalla piridina rispetto al fegato. In generale la piridina ei suoi derivati ​​provocano irritazioni locali a contatto con la pelle, le mucose e la cornea. Gli effetti sul fegato possono verificarsi a livelli troppo bassi per suscitare una risposta dal sistema nervoso, e quindi nessun segnale di avvertimento può essere disponibile per un lavoratore potenzialmente esposto. Inoltre, sebbene l'odore della piridina sia facilmente rilevabile a concentrazioni di vapore inferiori a 1 ppm, non si può fare affidamento sul rilevamento dell'odore poiché l'affaticamento olfattivo si verifica rapidamente.

La piridina sia nella fase liquida che in quella vapore può costituire un grave pericolo di incendio ed esplosione se esposta alla fiamma; può anche reagire violentemente con sostanze ossidanti. Quando la piridina viene riscaldata fino alla decomposizione, vengono rilasciati fumi di cianuro.

Pirrolo e pirrolidina. Il pirrolo è un liquido infiammabile e, quando brucia, emette pericolosi ossidi di azoto. Ha un'azione depressiva sul sistema nervoso centrale e, in caso di grave intossicazione, è dannosa per il fegato. Sono disponibili pochi dati sul grado di rischio professionale che questa sostanza presenta. Dovrebbero essere adottate misure di protezione e prevenzione antincendio e dovrebbero essere forniti mezzi per estinguere l'incendio. Dispositivi di protezione delle vie respiratorie dovrebbero essere disponibili per le persone che combattono un incendio che coinvolge il pirrolo.

L'esperienza umana con la pirrolidina non è ben documentata. La somministrazione prolungata nei ratti ha causato riduzione della diuresi, inibizione della spermatogenesi, diminuzione del contenuto di emoglobina nel sangue ed eccitazione nervosa. Come per molti nitrati, l'acidità dello stomaco può convertire la pirrolidina in N-nitrosopirrolidina, un composto che si è rivelato cancerogeno negli animali da laboratorio. Alcuni lavoratori possono sviluppare mal di testa e vomito dall'esposizione.

Il liquido è in grado di sviluppare concentrazioni infiammabili di vapore alle normali temperature di esercizio; di conseguenza, luci aperte e altri agenti che potrebbero innescare il vapore dovrebbero essere esclusi dalle aree in cui viene utilizzato. Durante la combustione, la pirrolidina emette pericolosi ossidi di azoto e le persone esposte a questi prodotti di combustione devono essere dotate di un'adeguata protezione respiratoria. Devono essere previsti argini e davanzali per impedire la diffusione di liquidi che fuoriescono accidentalmente dai recipienti di stoccaggio e di processo.

chinolina viene assorbito attraverso la pelle (per via percutanea). I segni clinici di tossicità includono letargia, distress respiratorio e prostrazione che porta al coma. Questa sostanza è irritante per la pelle e può causare gravi danni permanenti alla cornea. È cancerogeno in diverse specie animali, ma i dati disponibili sul rischio di cancro nell'uomo sono inadeguati. È moderatamente infiammabile ma non sviluppa una concentrazione infiammabile di vapore a temperatura inferiore a 99 °C.

Vinilpiridina. Una breve esposizione al vapore ha causato irritazione agli occhi, al naso e alla gola e transitori mal di testa, nausea, nervosismo e anoressia. Il contatto con la pelle provoca dolore bruciante seguito da gravi ustioni cutanee. Può svilupparsi sensibilizzazione. Il rischio di incendio è moderato e la decomposizione per calore è accompagnata dal rilascio di pericolosi fumi di cianuro.

Misure di sicurezza e salute

Le normali precauzioni di sicurezza sono necessarie per la manipolazione delle polveri e dei vapori delle sostanze chimiche di questo gruppo. Poiché la sensibilizzazione cutanea è associata ad un certo numero di essi, è particolarmente importante fornire adeguate strutture sanitarie e di lavaggio. Occorre prestare attenzione per assicurare che i lavoratori abbiano accesso a zone di ristoro pulite.

Tabelle dei composti eterociclici

Tabella 1 - Informazioni chimiche.

Tabella 2 - Rischi per la salute.

Tabella 3 - Pericoli fisici e chimici.

Tabella 4 - Proprietà fisiche e chimiche.

 

Di ritorno

Mercoledì, Agosto 03 2011 05: 29

Idrocarburi, Saturi e Aliciclici

Gli idrocarburi alifatici sono composti di carbonio e idrogeno. Possono essere molecole sature o insature a catena aperta, ramificate o non ramificate, la cui nomenclatura è la seguente:

  • paraffine (o alcani): idrocarburi saturi
  • olefine (o alcheni): idrocarburi insaturi con uno o più legami a doppio legame
  • acetileni (o alchini): idrocarburi insaturi con uno o più legami a triplo legame

 

Le formule generali sono CnH2n + 2 per le paraffine, CnH2n per le olefine e CnH2n-2 per gli acetileni.

Le molecole più piccole sono gas a temperatura ambiente (C1 a C4). Man mano che la molecola aumenta di dimensioni e complessità strutturale, diventa un liquido con viscosità crescente (C5 a C16), e infine gli idrocarburi a più alto peso molecolare sono solidi a temperatura ambiente (sopra C16).

Gli idrocarburi alifatici di importanza industriale derivano principalmente dal petrolio, che è una miscela complessa di idrocarburi. Sono prodotti dal cracking, dalla distillazione e dal frazionamento del petrolio greggio.

Il metano, l'elemento più basso della serie, comprende l'85% del gas naturale, che può essere prelevato direttamente da sacche o serbatoi in prossimità di depositi di petrolio. Grandi quantità di pentano sono prodotte dalla condensazione frazionata del gas naturale.

si utilizza

Gli idrocarburi saturi sono utilizzati nell'industria come combustibili, lubrificanti e solventi. Dopo aver subito processi di alchilazione, isomerizzazione e deidrogenazione, fungono anche da materiali di partenza per la sintesi di vernici, rivestimenti protettivi, plastiche, gomme sintetiche, resine, pesticidi, detergenti sintetici e un'ampia varietà di prodotti petrolchimici.

I carburanti, lubrificanti e solventi sono miscele che possono contenere molti idrocarburi diversi. Gas naturale è da tempo distribuito in forma gassosa per l'utilizzo come gas di città. Ora viene liquefatto in grandi quantità, spedito refrigerato e conservato come liquido refrigerato fino a quando non viene introdotto invariato o riformato in un sistema di distribuzione del gas di città. Gas di petrolio liquefatti (GPL), costituito principalmente da propano più butano, vengono trasportati e stoccati sotto pressione o come liquidi refrigerati, e vengono utilizzati anche per aumentare l'approvvigionamento di gas di città. Sono utilizzati direttamente come combustibili, spesso in lavori metallurgici di alta qualità in cui è essenziale un combustibile privo di zolfo, nella saldatura e nel taglio con ossipropano e in circostanze in cui una forte domanda industriale di combustibili gassosi metterebbe a dura prova l'approvvigionamento pubblico. Le installazioni di stoccaggio per questi scopi variano in dimensioni da circa 2 tonnellate a diverse migliaia di tonnellate. I gas di petrolio liquefatti sono anche usati come propellenti per molti tipi di aerosol, e i membri superiori della serie, da eptano verso l'alto, sono usati come carburanti e solventi. isobutano viene utilizzato per controllare la volatilità della benzina ed è un componente del fluido di calibrazione dello strumento. isoottano è il carburante standard di riferimento per il numero di ottano dei carburanti, e ottano è utilizzato nei carburanti per motori antidetonante. Oltre ad essere un componente della benzina, nonano è un componente del detersivo biodegradabile.

L'uso principale di esano è come solvente in colle, cementi e adesivi per la produzione di calzature, sia in pelle che in plastica. È stato utilizzato come solvente per colle nell'assemblaggio di mobili, negli adesivi per carta da parati, come solvente per colle nella produzione di borse e valigie in pelle e finta pelle, nella fabbricazione di impermeabili, nella ricostruzione di pneumatici per automobili e nell'estrazione di oli vegetali. In molti usi, l'esano è stato sostituito da eptano a causa della tossicità di n-esano.

Non è possibile elencare tutte le occasioni in cui l'esano possono essere presenti nell'ambiente di lavoro. Si può avanzare come regola generale che la sua presenza sia da sospettare in solventi volatili e sgrassanti a base di idrocarburi derivati ​​dal petrolio. Esano è utilizzato anche come detergente nell'industria tessile, del mobile e del cuoio.

Gli idrocarburi alifatici usati come materiali di partenza di intermedi per la sintesi possono essere singoli composti di elevata purezza o miscele relativamente semplici.

Pericoli

Incendio ed esplosione

Lo sviluppo di grandi impianti di stoccaggio prima per il metano gassoso e poi per il GPL è stato associato a esplosioni di grande entità ed effetti catastrofici, che hanno sottolineato il pericolo quando si verifica una massiccia fuoriuscita di queste sostanze. La miscela infiammabile di gas e aria può estendersi ben oltre le distanze considerate adeguate per i normali scopi di sicurezza, con il risultato che la miscela infiammabile può essere incendiata da un incendio domestico o da un motore di automobile ben al di fuori della zona di pericolo specificata. Il vapore può quindi incendiarsi su un'area molto vasta e la propagazione della fiamma attraverso la miscela può raggiungere una violenza esplosiva. Durante l'uso di questi idrocarburi gassosi si sono verificati molti incendi ed esplosioni minori, ma comunque gravi.

Gli incendi più estesi che coinvolgono idrocarburi liquidi si sono verificati quando grandi quantità di liquido sono fuoriuscite e sono defluite verso una parte dello stabilimento dove potrebbe avvenire l'accensione, oppure si sono diffuse su un'ampia superficie ed evaporate rapidamente. La famigerata esplosione di Flixborough (Regno Unito) è attribuita a una perdita di cicloesano.

Rischi per la salute

I primi due membri della serie, metano ed etano, sono farmacologicamente “inerti”, appartenenti ad un gruppo di gas detti “asfissianti semplici”. Questi gas possono essere tollerati in alte concentrazioni nell'aria inspirata senza produrre effetti sistemici. Se la concentrazione è sufficientemente elevata da diluire o escludere l'ossigeno normalmente presente nell'aria, gli effetti prodotti saranno dovuti a privazione di ossigeno o asfissia. Il metano non ha odore di avvertimento. A causa della sua bassa densità, il metano può accumularsi in zone scarsamente ventilate producendo un'atmosfera asfissiante. L'etano in concentrazioni inferiori a 50,000 ppm (5%) nell'atmosfera non produce effetti sistemici sulla persona che lo respira.

Farmacologicamente, gli idrocarburi al di sopra dell'etano possono essere raggruppati con gli anestetici generali nella grande classe nota come depressivi del sistema nervoso centrale. I vapori di questi idrocarburi sono leggermente irritanti per le mucose. La potenza di irritazione aumenta da pentano a ottano. In generale, la tossicità degli alcani tende ad aumentare all'aumentare del numero di carbonio degli alcani. Inoltre, gli alcani a catena lineare sono più tossici degli isomeri ramificati.

Gli idrocarburi di paraffina liquida sono solventi grassi e irritanti primari per la pelle. Il contatto ripetuto o prolungato con la pelle secca e sgrassa la pelle, con conseguenti irritazioni e dermatiti. Il contatto diretto di idrocarburi liquidi con il tessuto polmonare (aspirazione) provocherà polmonite chimica, edema polmonare ed emorragia. Intossicazione cronica da n-esano o miscele contenenti n-l'esano può comportare polineuropatia.

Il propano non provoca sintomi negli esseri umani durante brevi esposizioni a concentrazioni di 10,000 ppm (1%). Una concentrazione di 100,000 ppm (10%) non è notevolmente irritante per gli occhi, il naso o le vie respiratorie, ma provoca un leggero capogiro in pochi minuti. Il gas butano provoca sonnolenza, ma nessun effetto sistemico durante un'esposizione di 10 minuti a 10,000 ppm (1%).

Il pentano è il membro più basso della serie che è liquido a temperatura e pressione ambiente. Negli studi sull'uomo un'esposizione di 10 minuti a 5,000 ppm (0.5%) non ha causato irritazione delle mucose o altri sintomi.

L'eptano ha causato una leggera vertigine negli uomini esposti per 6 minuti a 1,000 ppm (0.1%) e per 4 minuti a 2,000 ppm (0.2%). Un'esposizione di 4 minuti a 5,000 ppm (0.5%) di eptano ha causato marcate vertigini, incapacità di camminare in linea retta, ilarità e incoordinazione. Questi effetti sistemici sono stati prodotti in assenza di lamentele di irritazione della membrana mucosa. Un'esposizione di 15 minuti all'eptano a questa concentrazione ha prodotto uno stato di intossicazione caratterizzato da ilarità incontrollata in alcuni individui, e in altri ha prodotto uno stupore che durava per 30 minuti dopo l'esposizione. Questi sintomi sono stati spesso intensificati o avvertiti per la prima volta al momento dell'ingresso in un'atmosfera incontaminata. Questi individui lamentavano anche perdita di appetito, lieve nausea e un sapore simile alla benzina per diverse ore dopo l'esposizione all'eptano.

L'ottano in concentrazioni da 6,600 a 13,700 ppm (da 0.66 a 1.37%) ha causato narcosi nei topi entro 30-90 min. Nessun decesso o convulsione è derivato da queste esposizioni a concentrazioni inferiori a 13,700 ppm (1.37%).

Poiché è probabile che in una miscela di alcani i componenti abbiano effetti tossici additivi, il National Institute for Occupational Safety and Health (NIOSH) degli Stati Uniti ha raccomandato di mantenere un valore limite di soglia per gli alcani totali (C5 a C8) di 350 mg/m3 come media ponderata nel tempo, con un valore massimo di 15 minuti di 1,800 mg/m3. n-L'esano è considerato separatamente a causa della sua neurotossicità.

n-esano

n-L'esano è un idrocarburo alifatico saturo a catena lineare (o alcano) con la formula generale CnH2n + 2 e uno di una serie di idrocarburi con basso punto di ebollizione (tra 40 e
90 °C) ottenibile dal petrolio mediante vari processi (cracking, reforming). Questi idrocarburi sono una miscela di alcani e cicloalcani con da cinque a sette atomi di carbonio
(n-pentano, n-esano, n-eptano, isopentano, ciclopentano, 2-metilpentano,
3-metilpentano, cicloesano, metilciclopentano). La loro distillazione frazionata produce singoli idrocarburi che possono essere di vari gradi di purezza.

L'esano è venduto commercialmente come una miscela di isomeri con sei atomi di carbonio, bollente a 60 to
70 °C. Gli isomeri che più comunemente lo accompagnano sono 2-metilpentano, 3-metilpentano, 2,3-dimetilbutano e 2,2-dimetilbutano. Il termine esano tecnico nell'uso commerciale denota una miscela in cui si trovano non solo n-esano e suoi isomeri ma anche altri idrocarburi alifatici con XNUMX-XNUMX atomi di carbonio (pentano, eptano e loro isomeri).

Idrocarburi con sei atomi di carbonio, compreso n-esano, sono contenuti nei seguenti derivati ​​del petrolio: etere di petrolio, benzina (benzina), nafta e ligroina e carburanti per aerei a reazione.

Esposizione a n-esanoe può derivare da lavoro o meno-cause occupazionali. In ambito lavorativo può avvenire attraverso l'utilizzo di solventi per colle, cementi, adesivi o fluidi sgrassanti. Il n-il contenuto di esano di questi solventi varia. Nelle colle per calzatura e nei cementi di gomma può raggiungere dal 40 al 50% del peso del solvente. Gli usi a cui si fa riferimento sono quelli che hanno causato malattie professionali in passato, e in alcuni casi l'esano è stato sostituito con l'eptano. Esposizione professionale a n-esano può verificarsi anche per inalazione di fumi di benzina in depositi di carburanti o officine per la riparazione di autoveicoli. Il pericolo di questa forma di esposizione professionale, tuttavia, è molto lieve, perché la concentrazione di n-esano nella benzina per autotrazione si mantiene al di sotto del 10% per la necessità di un elevato numero di ottano.

L'esposizione extraprofessionale si riscontra soprattutto tra i bambini oi tossicodipendenti che praticano l'annusata di colla o benzina. Qui il n-il contenuto di esano varia dal valore occupazionale in colla a 10% o meno a benzina.

Pericoli

n-esano può penetrare nel corpo in due modi: per inalazione o attraverso la pelle. L'assorbimento è lento in entrambi i modi. Infatti misurazioni della concentrazione di n-esano nel respiro espirato in condizioni di equilibrio hanno mostrato il passaggio dai polmoni al sangue di una frazione del n-esano inalato dal 5.6 al 15%. L'assorbimento attraverso la pelle è estremamente lento.

n-L'esano ha gli stessi effetti pelle precedentemente descritti per altri idrocarburi alifatici liquidi. L'esano tende a vaporizzare se ingerito o aspirato nell'albero tracheobronchiale. Il risultato può essere una rapida diluizione dell'aria alveolare e una marcata diminuzione del suo contenuto di ossigeno, con asfissia e conseguente danno cerebrale o arresto cardiaco. Le lesioni polmonari irritative che si verificano dopo l'aspirazione di omologhi superiori (es. ottano, nonano, decano e così via) e di loro miscele (es. cherosene) non sembrano essere un problema con l'esano. Gli effetti acuti o cronici sono quasi sempre dovuti all'inalazione. L'esano è tre volte più tossico del pentano. Gli effetti acuti si verificano durante l'esposizione ad alte concentrazioni di n-vapori di esano e vanno da capogiri o vertigini dopo una breve esposizione a concentrazioni di circa 5,000 ppm, a convulsioni e narcosi, osservate negli animali a concentrazioni di circa 30,000 ppm. Negli esseri umani, 2,000 ppm (0.2%) non producono sintomi in un'esposizione di 10 minuti. Un'esposizione di 880 ppm per 15 minuti può causare irritazione agli occhi e alle vie respiratorie superiori nell'uomo.

Gli effetti cronici si manifestano dopo un'esposizione prolungata a dosi che non producono sintomi acuti evidenti e tendono a scomparire lentamente al termine dell'esposizione. Tra la fine degli anni '1960 e l'inizio degli anni '1970, fu attirata l'attenzione sui focolai di polineuropatia sensomotoria e sensoriale tra i lavoratori esposti a miscele di solventi contenenti n-esano in concentrazioni principalmente comprese tra 500 e 1,000 ppm con picchi più elevati, sebbene concentrazioni fino a 50 ppm potrebbero causare sintomi in alcuni casi. In alcuni casi sono stati osservati atrofia muscolare e coinvolgimento dei nervi cranici come disturbi visivi e intorpidimento facciale. Circa il 50% ha mostrato denervazione e rigenerazione dei nervi, sono stati lamentati formicolio, intorpidimento e debolezza delle estremità distali, principalmente nelle gambe. L'inciampare è stato spesso osservato. I riflessi del tendine d'Achille sono scomparsi; il tatto e la sensazione di calore erano diminuiti. Il tempo di conduzione è diminuito nei nervi motori e sensoriali delle braccia e delle gambe.

Il decorso della malattia è generalmente molto lento. Dopo la comparsa dei primi sintomi si osserva spesso un deterioramento del quadro clinico attraverso un aggravamento del deficit motorio delle regioni originariamente colpite e la loro estensione a quelle finora sane. Questo deterioramento può verificarsi per alcuni mesi dopo la cessazione dell'esposizione. L'estensione avviene generalmente dagli arti inferiori a quelli superiori. Nei casi molto gravi compare una paralisi motoria ascendente con deficienza funzionale dei muscoli respiratori. Il recupero può richiedere fino a 1 o 2 anni. Il recupero è generalmente completo, ma una diminuzione dei riflessi tendinei, in particolare del tendine d'Achille, può persistere in condizioni di apparente pieno benessere.

Sintomi a carico del sistema nervoso centrale (difetti della funzione visiva o della memoria) sono stati osservati in casi gravi di intossicazione da n-esano e sono stati correlati alla degenerazione dei nuclei visivi e dei tratti delle strutture ipotalamiche. Questi possono essere permanenti.

Per quanto riguarda gli esami di laboratorio, i più comuni esami ematologici ed ematochimici non evidenziano alterazioni caratteristiche. Questo vale anche per gli esami delle urine, che mostrano un aumento della creatinuria solo nei casi gravi di paralisi con ipotrofia muscolare.

L'esame del liquido spinale non porta a reperti caratteristici, né manometrici né qualitativi, salvo rari casi di aumento del contenuto proteico. Sembra che solo il sistema nervoso mostri cambiamenti caratteristici. Le letture dell'elettroencefalogramma (EEG) sono generalmente normali. Nei casi gravi di malattia, tuttavia, è possibile rilevare aritmie, fastidio diffuso o sottocorticale e irritazione. Il test più utile è l'elettromiografia (EMG). I reperti indicano lesioni mieliniche e assonali dei nervi distali. La velocità di conduzione motoria (MCV) e la velocità di conduzione sensibile (SCV) sono ridotte, la latenza distale (LD) è modificata e il potenziale sensoriale (SPA) è diminuito.

La diagnosi differenziale rispetto alle altre polineuropatie periferiche si basa sulla simmetria della paralisi, sull'estrema rarità della perdita sensoriale, sull'assenza di alterazioni del liquido cerebrospinale e, soprattutto, sulla consapevolezza di aver avuto esposizione a contenenti solventi n-esano e il verificarsi di più di un caso con sintomi simili nello stesso posto di lavoro.

Sperimentalmente, grado tecnico n-l'esano ha prodotto disturbi dei nervi periferici nei topi a 250 ppm e concentrazioni superiori dopo 1 anno di esposizione. Le indagini metaboliche hanno indicato che nelle cavie n-esano e metil butil chetone (MBK) sono metabolizzati negli stessi composti neurotossici (2-esandiolo e 2,5-esandione).

Le modificazioni anatomiche dei nervi alla base delle manifestazioni cliniche sopra descritte sono state osservate, sia in animali da laboratorio che in esseri umani malati, mediante biopsia muscolare. Il primo convincente n-La polineurite da esano riprodotta sperimentalmente è dovuta a Schaumberg e Spencer nel 1976. Le modificazioni anatomiche dei nervi sono rappresentate da degenerazione assonale. Questa degenerazione assonale e la conseguente demielinizzazione della fibra iniziano alla periferia, in particolare nelle fibre più lunghe, e tendono a svilupparsi verso il centro, sebbene il neurone non mostri segni di degenerazione. Il quadro anatomico non è specifico per la patologia di n-esano, poiché è comune a una serie di malattie nervose dovute a veleni sia nell'uso industriale che non industriale.

Un aspetto molto interessante di nLa tossicologia dell'esano risiede nell'identificazione dei metaboliti attivi della sostanza e nelle sue relazioni con la tossicologia di altri idrocarburi. In primo luogo sembra accertato che la patologia nervosa è causata solo da n-esano e non dai suoi isomeri di cui sopra o dal puro n-pentano o n-eptano.

La Figura 1 mostra la via metabolica di n-esano e metile n-butilchetone negli esseri umani. Si può vedere che i due composti hanno una via metabolica comune e da cui si può formare MBK n-esano. La patologia nervosa è stata riprodotta con 2-esanolo, 2,5-esandiolo e 2,5-esandione. È ovvio, come è stato inoltre dimostrato dall'esperienza clinica e dall'esperimento sugli animali, che l'MBK è anche neurotossico. Il più tossico dei n-metaboliti dell'esano in questione è il 2,5-esandione. Un altro aspetto importante della connessione tra n-metabolismo e tossicità dell'esano è l'effetto sinergico che il metiletilchetone (MEK) ha dimostrato di avere nella neurotossicità di n-esano e MBK. Il MEK non è di per sé neurotossico né per gli animali né per l'uomo, ma ha provocato lesioni del sistema nervoso periferico negli animali trattati con n-esano o MBK che insorgono più rapidamente di lesioni simili causate da quelle sole sostanze. È molto probabile che la spiegazione vada trovata in un'attività di interferenza metabolica di MEK nel percorso da cui parte n-esano e MBK ai metaboliti neurotossici di cui sopra.

Figura 1. La via metabolica dell'n-esano e del metil-n-butilchetone  

MISSING

Misure di sicurezza e salute

Risulta evidente da quanto sopra osservato che l'associazione di n-esano con MBK o MEK nei solventi per uso industriale è da evitare. Quando possibile, sostituire eptano per esano.

Per quanto riguarda i TLV in vigore per n-esano, sono state osservate modificazioni del pattern EMG in lavoratori esposti a concentrazioni di 144 mg/ml (40 ppm) che non erano presenti in lavoratori non esposti a n-esano. Il monitoraggio medico dei lavoratori esposti si basa sia sulla conoscenza dei dati relativi alla concentrazione di n-esano nell'atmosfera e all'osservazione clinica, in particolare in campo neurologico. Il monitoraggio biologico per il 2,5-esandione nelle urine è l'indicatore di esposizione più utile, sebbene l'MBK costituisca un fattore di confusione. Se necessario, misurazione di n-l'esano nell'aria espirata alla fine del turno può confermare l'esposizione.

Cicloparaffine (cicloalcani)

Le cicloparaffine sono idrocarburi aliciclici in cui tre o più atomi di carbonio di ciascuna molecola sono uniti in una struttura ad anello e ciascuno di questi atomi di carbonio dell'anello è unito a due atomi di idrogeno, o gruppi alchilici. I membri di questo hanno la formula generale CnH2n. I derivati ​​di queste cicloparaffine includono composti come il metilcicloesano (C6H11CH3). Dal punto di vista della sicurezza e della salute sul lavoro, i più importanti sono il cicloesano, il ciclopropano e il metilcicloesano.

cicloesano è utilizzato in prodotti per la rimozione di vernici e vernici; come solvente per lacche e resine, gomme sintetiche, grassi e cere nell'industria dei profumi; come intermedio chimico nella produzione di acido adipico, benzene, cloruro di cicloesile, nitrocicloesano, cicloesanolo e cicloesanone; e per la determinazione del peso molecolare in chimica analitica. ciclopropano funge da anestetico generale.

Pericoli

Queste cicloparaffine ei loro derivati ​​sono liquidi infiammabili ei loro vapori formano concentrazioni esplosive nell'aria a temperatura ambiente normale.

Possono produrre effetti tossici per inalazione e ingestione, hanno azione irritante e sgrassante sulla pelle. In generale le cicloparaffine sono anestetici e depressivi del sistema nervoso centrale, ma la loro tossicità acuta è bassa e, a causa della loro quasi completa eliminazione dall'organismo, il pericolo di intossicazione cronica è relativamente basso.

cicloesano. La tossicità acuta del cicloesano è molto bassa. Nei topi, l'esposizione a 18,000 ppm (61.9 mg/l) di vapore di cicloesano nell'aria ha prodotto tremore in 5 min, equilibrio disturbato in 15 min e decubito completo in 25 min. Nei conigli, il tremito si è verificato in 6 min, l'equilibrio disturbato in 15 min e il completo decubito in 30 min. Non sono state riscontrate alterazioni tossiche nei tessuti dei conigli dopo l'esposizione per 50 periodi di 6 ore a concentrazioni di 1.46 mg/l (434 ppm). 300 ppm erano rilevabili dall'odore e alquanto irritanti per gli occhi e le mucose. Il vapore di cicloesano provoca una debole anestesia di breve durata ma più potente dell'esano.

La sperimentazione sugli animali ha dimostrato che il cicloesano è molto meno dannoso del benzene, il suo analogo aromatico ad anello a sei membri, e, in particolare, non attacca il sistema emopoietico come fa il benzene. Si pensa che la pressoché assenza di effetti dannosi nei tessuti emopoietici sia dovuta, almeno in parte, a differenze nel metabolismo del cicloesano e del benzene. Sono stati determinati due metaboliti del cicloesano, cicloesanone e cicloesanolo, il primo parzialmente ossidato ad acido adipico; nessuno dei derivati ​​fenolici che sono una caratteristica della tossicità del benzene è stato trovato come metaboliti negli animali esposti al cicloesano, e questo ha portato a proporre il cicloesano come solvente sostitutivo del benzene.

metilcicloesano ha una tossicità simile ma inferiore a quella del cicloesano. Nessun effetto è risultato da esposizioni ripetute di conigli a 1,160 ppm per 10 settimane e sono state osservate solo lievi lesioni renali ed epatiche a 3,330 ppm. L'esposizione prolungata a 370 ppm sembrava essere innocua per le scimmie. Non sono stati segnalati effetti tossici da esposizione industriale o intossicazione nell'uomo da metilcicloesano.

Studi su animali dimostrano che la maggior parte di questa sostanza che entra nel flusso sanguigno è coniugata con acido solforico e glucuronico ed escreta nelle urine come solfati o glucuronidi, ed in particolare il glucuronide di trans-4-metilcicloesanolo.

Tabelle degli idrocarburi saturi e aliciclici

Tabella 1 - Informazioni chimiche.

Tabella 2 - Rischi per la salute.

Tabella 3 - Pericoli fisici e chimici.

Tabella 4 - Proprietà fisiche e chimiche.

 

Di ritorno

Mercoledì, Agosto 03 2011 05: 37

Idrocarburi, Alifatici e Alogenati

Gli idrocarburi alifatici alogenati sono sostanze chimiche organiche in cui uno o più atomi di idrogeno sono stati sostituiti da un alogeno (cioè fluorurato, clorurato, bromurato o iodato). I prodotti chimici alifatici non contengono un anello benzenico.

Gli idrocarburi alifatici clorurati sono prodotti per clorurazione di idrocarburi, per aggiunta di cloro o acido cloridrico a composti insaturi, per reazione tra acido cloridrico o calce clorurata e alcoli, aldeidi o chetoni, ed eccezionalmente per clorurazione di solfuro di carbonio o in qualche altro modo. In alcuni casi sono necessarie più fasi (es. clorurazione con successiva eliminazione dell'acido cloridrico) per ottenere il derivato necessario, e solitamente si ottiene una miscela da cui separare la sostanza desiderata. Gli idrocarburi alifatici bromurati vengono preparati in modo analogo, mentre per gli idrocarburi iodati ed in particolare per i fluorurati sono preferiti altri metodi quali la produzione elettrolitica di iodoformio.

Il punto di ebollizione delle sostanze generalmente aumenta con la massa molecolare e viene quindi ulteriormente innalzato dall'alogenazione. Tra gli alifatici alogenati, solo i composti non molto fluorurati (cioè fino al decafluorobutano incluso), il clorometano, il diclorometano, il cloroetano, il cloroetilene e il bromometano sono gassosi a temperature normali. La maggior parte degli altri composti in questo gruppo sono liquidi. I composti fortemente clorurati, così come il tetrabromometano e il triodometano, sono solidi. L'odore degli idrocarburi è spesso fortemente esaltato dall'alogenazione, e diversi membri volatili del gruppo non hanno solo un odore sgradevole, ma hanno anche un sapore dolce pronunciato (ad esempio, cloroformio e derivati ​​fortemente alogenati di etano e propano).

si utilizza

Gli idrocarburi alogenati insaturi alifatici e aliciclici sono utilizzati nell'industria come solventi, intermedi chimici, fumiganti e insetticidi. Si trovano nell'industria chimica, vernici e vernici, tessile, della gomma, della plastica, dei coloranti, farmaceutica e del lavaggio a secco.

Gli usi industriali degli idrocarburi alifatici e aliciclici alogenati saturi sono numerosi, ma la loro importanza primaria è la loro applicazione come solventi, intermedi chimici, composti estinguenti e agenti per la pulizia dei metalli. Questi composti si trovano nelle industrie della gomma, della plastica, della lavorazione dei metalli, delle pitture e vernici, della sanità e del tessile. Alcuni sono componenti di fumiganti del suolo e insetticidi, altri sono agenti vulcanizzanti della gomma.

1,2,3-tricloropropano più 1,1-dicloroetano sono solventi e ingredienti in vernici e sverniciatori, mentre bromuro di metile è un solvente nei coloranti all'anilina. Bromuro di metile viene utilizzato anche per sgrassare la lana, sterilizzare gli alimenti per il controllo dei parassiti e per estrarre oli dai fiori. Cloruro di metile è un solvente e diluente per gomma butilica, un componente di fluidi per apparecchiature termometriche e termostatiche e un agente schiumogeno per materie plastiche. 1,1,1-tricloroetano viene utilizzato principalmente per la pulizia dei metalli a freddo e come refrigerante e lubrificante per gli oli da taglio. È un detergente per strumenti nella meccanica di precisione, un solvente per coloranti e un componente di liquido smacchiante nell'industria tessile; nelle materie plastiche, l'1,1,1-tricloroetano è un detergente per stampi in plastica. L'1,1-dicloroetano è un solvente, detergente e sgrassante utilizzato in mastice, spray insetticida, estintori e benzina, nonché per la gomma ad alto vuoto, la flottazione di minerali, la plastica e la diffusione di tessuti nell'industria tessile. Il cracking termico dell'1,1-dicloroetano produce cloruro di vinile. 1,1,2,2-Tetrachloroethane ha varie funzioni come solvente non infiammabile nell'industria della gomma, delle pitture e vernici, dei metalli e delle pellicce. È anche un agente antitarme per i tessuti ed è utilizzato nelle pellicole fotografiche, nella produzione di seta artificiale e perle e per stimare il contenuto di acqua del tabacco.

Dicloruro di etilene ha usi limitati come solvente e come intermedio chimico. Si trova nei solventi per vernici, vernici e finiture ed è stato utilizzato come additivo per benzina per ridurre il contenuto di piombo. diclorometano or cloruro di metilene viene utilizzato principalmente come solvente nelle formulazioni industriali e svernicianti e in alcuni aerosol, inclusi pesticidi e prodotti cosmetici. Serve come solvente di processo nell'industria farmaceutica, plastica e alimentare. Il cloruro di metilene è anche usato come solvente negli adesivi e nelle analisi di laboratorio. L'uso principale di 1,2-dibromoetano è nella formulazione di antidetonanti a base di piombo per la miscelazione con la benzina. Viene anche utilizzato nella sintesi di altri prodotti e come componente di fluidi a indice di rifrazione.

Il cloroformio è anche un intermedio chimico, un agente di lavaggio a secco e un solvente per gomma. esacloroetano è un agente degassante per metalli di alluminio e magnesio. Viene utilizzato per rimuovere le impurità dai metalli fusi e per inibire l'esplosività del metano e la combustione del perclorato di ammonio. È usato in articoli pirotecnici, esplosivi e militari.

bromoform è un solvente, ritardante di fiamma e flottante. Viene utilizzato per la separazione dei minerali, la vulcanizzazione della gomma e la sintesi chimica. Tetracloruro di carbonio era precedentemente utilizzato come solvente sgrassante e nel lavaggio a secco, smacchiatore di tessuti e fluido antincendio, ma la sua tossicità ha portato a interrompere il suo utilizzo nei prodotti di consumo e come fumigante. Poiché gran parte del suo utilizzo è nella produzione di clorofluorocarburi, che a loro volta vengono eliminati dalla grande maggioranza degli usi commerciali, l'uso del tetracloruro di carbonio diminuirà ulteriormente. Ora è utilizzato nella produzione di semiconduttori, cavi, recupero di metalli e come catalizzatore, agente essiccante azeotropico per candele bagnate, profumo di sapone e per estrarre olio dai fiori.

Sebbene sostituito dal tetracloroetilene nella maggior parte delle aree, tricloroetilene funziona come agente sgrassante, solvente e diluente per vernici. Serve come agente per rimuovere i fili di imbastitura nei tessuti, un anestetico per i servizi dentistici e un agente rigonfiante per la tintura del poliestere. Il tricloroetilene è utilizzato anche nello sgrassaggio a vapore per la lavorazione dei metalli. È stato utilizzato nel liquido correttore per macchine da scrivere e come solvente di estrazione per la caffeina. Tricloroetilene, 3-cloro-2-metil-1-propene più bromuro di allile si trovano nei fumiganti e negli insetticidi. 2-cloro-1,3-butadiene è utilizzato come intermedio chimico nella produzione di gomma artificiale. Esacloro-1,3-butadiene viene utilizzato come solvente, come intermedio nella produzione di lubrificanti e gomma e come pesticida per la fumigazione.

Cloruro di vinile è stato utilizzato principalmente nell'industria delle materie plastiche e per la sintesi del cloruro di polivinile (PVC). Tuttavia, in passato era ampiamente utilizzato come refrigerante, solvente di estrazione e propellente per aerosol. È un componente delle piastrelle per pavimenti in vinile-amianto. Altri idrocarburi insaturi sono utilizzati principalmente come solventi, ritardanti di fiamma, fluidi per lo scambio termico e come agenti di pulizia in un'ampia varietà di industrie. tetracloroetilene viene utilizzato nella sintesi chimica e nel finissaggio tessile, imbozzimatura e sbozzimatura. Viene utilizzato anche per il lavaggio a secco e nel fluido isolante e nel gas di raffreddamento dei trasformatori. cis-1,2-dicloroetilene è un solvente per profumi, coloranti, lacche, termoplastici e gomma. Bromuro di vinile è un ritardante di fiamma per il supporto di tappeti, indumenti da notte e arredi per la casa. Cloruro di allile viene utilizzato per resine termoindurenti per vernici e materie plastiche e come intermedio chimico. 1,1-dicloroetilene è utilizzato negli imballaggi alimentari e 1,2-dicloroetilene è un agente di estrazione a bassa temperatura per sostanze sensibili al calore, come oli profumati e caffeina nel caffè.

Pericoli

La produzione e l'uso di idrocarburi alifatici alogenati comporta seri potenziali problemi di salute. Possiedono molti effetti tossici locali e sistemici; i più gravi includono cancerogenicità e mutagenicità, effetti sul sistema nervoso e lesioni di organi vitali, in particolare il fegato. Nonostante la relativa semplicità chimica del gruppo, gli effetti tossici variano notevolmente e la relazione tra struttura ed effetto non è automatica.

Cancro. Per diversi idrocarburi alifatici alogenati (ad es. cloroformio e tetracloruro di carbonio) l'evidenza sperimentale di cancerogenicità è stata osservata molto tempo fa. Le classificazioni di cancerogenicità dell'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) sono riportate in appendice al Tossicologia capitolo di questa Enciclopedia. Alcuni idrocarburi alifatici alogenati presentano anche proprietà mutagene e teratogene.

Depressione del sistema nervoso centrale (CNS) è l'effetto acuto più notevole di molti degli idrocarburi alifatici alogenati. L'ebbrezza (ubriachezza) e l'eccitazione che si trasforma in narcosi è la reazione tipica, e per questo motivo molte delle sostanze chimiche di questo gruppo sono state usate come anestetici o addirittura abusate come droghe ricreative. L'effetto narcotico varia: un composto può avere effetti narcotici molto pronunciati mentre un altro è solo debolmente narcotico. Nell'esposizione acuta grave c'è sempre il pericolo di morte per insufficienza respiratoria o arresto cardiaco, poiché gli idrocarburi alifatici alogenati rendono il cuore più suscettibile alle catecolamine.

L' effetti neurologici di alcuni composti, come il cloruro di metile e il bromuro di metile, così come altri composti bromurati o iodati di questo gruppo, sono molto più gravi, in particolare in caso di esposizione ripetuta o cronica. Questi effetti sul sistema nervoso centrale non possono essere semplicemente descritti come depressione del sistema nervoso, poiché i sintomi possono essere estremi e includere mal di testa, nausea, atassia, tremori, difficoltà nel parlare, disturbi visivi, convulsioni, paralisi, delirio, mania o apatia. Gli effetti possono essere di lunga durata, con solo un recupero molto lento, oppure possono esserci danni neurologici permanenti. Gli effetti associati a diverse sostanze chimiche possono avere una varietà di nomi come "encefalopatia da cloruro di metile" e "encefalomielite da cloroprene". Anche i nervi periferici possono essere colpiti, come si osserva con la polineurite da tetracloroetano e da dicloroacetilene.

Sistemico. Gli effetti dannosi sul fegato, sui reni e su altri organi sono comuni praticamente a tutti gli idrocarburi alifatici alogenati, sebbene l'entità del danno vari sostanzialmente da un membro del gruppo all'altro. Poiché i segni della lesione non compaiono immediatamente, questi effetti sono stati talvolta definiti effetti ritardati. Il decorso dell'intossicazione acuta è stato spesso descritto come bifasico: i segni di un effetto reversibile in uno stadio iniziale dell'intossicazione (narcosi) come prima fase, con segni di altra lesione sistemica che diventano evidenti solo più tardi come seconda fase. Altri effetti, come il cancro, possono avere periodi di latenza estremamente lunghi. Non è sempre possibile, tuttavia, operare una netta distinzione tra gli effetti tossici dell'esposizione cronica o ripetuta e gli effetti ritardati dell'intossicazione acuta. Non esiste una semplice relazione tra l'intensità degli effetti immediati e quelli ritardati di particolari idrocarburi alifatici alogenati. Nel gruppo si possono trovare sostanze con un potere narcotico piuttosto forte e deboli effetti ritardati, e sostanze molto pericolose perché possono provocare danni d'organo irreversibili senza mostrare effetti immediati molto forti. Quasi mai è coinvolto un solo organo o sistema; in particolare, il danno è raramente causato solo al fegato o ai reni, anche da composti che erano considerati tipicamente epatotossici (p. es., tetracloruro di carbonio) o nefrotossici (p. es., bromuro di metile).

L' proprietà irritanti locali di queste sostanze sono particolarmente pronunciate nel caso di alcuni dei membri insaturi; esistono differenze sorprendenti, tuttavia, anche tra composti molto simili (ad esempio, l'ottafluoroisobutilene è enormemente più irritante dell'ottafluoro-2-butene isomerico). L'irritazione polmonare può essere un grave pericolo nell'esposizione acuta per inalazione ad alcuni composti appartenenti a questo gruppo (p. es., cloruro di allile), e alcuni di essi sono lacrimatori (p. es., tetrabromuro di carbonio). Alte concentrazioni di vapori o schizzi di liquidi possono essere pericolose per gli occhi in alcuni casi; la lesione causata dalle membra più usate, invece, si riprende spontaneamente, e solo un'esposizione prolungata della cornea dà luogo a lesioni persistenti. Molte di queste sostanze, come l'1,2-dibromoetano e l'1,3-dicloropropano, sono decisamente irritanti e dannose per la pelle, provocando arrossamenti, vesciche e necrosi anche a breve contatto.

Essendo buoni solventi, tutti questi prodotti chimici possono danneggiare la pelle sgrassandola e rendendola secca, vulnerabile, screpolata e screpolata, in particolare a contatto ripetuto.

Pericoli di composti specifici

Tetracloruro di carbonio è una sostanza chimica estremamente pericolosa che è stata responsabile di decessi per avvelenamento di lavoratori gravemente esposti ad essa. È classificato come possibile cancerogeno per l'uomo del gruppo 2B dalla IARC e molte autorità, come il British Health and Safety Executive, richiedono la graduale eliminazione del suo utilizzo nell'industria. Poiché gran parte dell'uso del tetracloruro di carbonio era nella produzione di clorofluorocarburi, l'eliminazione virtuale di queste sostanze chimiche limita ulteriormente drasticamente gli usi commerciali di questo solvente.

La maggior parte delle intossicazioni da tetracloruro di carbonio sono derivate dall'inalazione del vapore; tuttavia, la sostanza è anche prontamente assorbita dal tratto gastrointestinale. Essendo un buon solvente per i grassi, il tetracloruro di carbonio rimuove il grasso dalla pelle al contatto, il che può portare allo sviluppo di una dermatite settica secondaria. Poiché viene assorbito attraverso la pelle, è necessario prestare attenzione per evitare il contatto prolungato e ripetuto con la pelle. Il contatto con gli occhi può causare un'irritazione transitoria, ma non provoca lesioni gravi.

Il tetracloruro di carbonio ha proprietà anestetiche e l'esposizione ad alte concentrazioni di vapore può portare alla rapida perdita di coscienza. Gli individui esposti a concentrazioni inferiori all'anestetico di vapori di tetracloruro di carbonio mostrano frequentemente altri effetti sul sistema nervoso come vertigini, vertigini, mal di testa, depressione, confusione mentale e incoordinazione. Può causare aritmie cardiache e fibrillazione ventricolare a concentrazioni più elevate. A concentrazioni di vapore sorprendentemente basse, alcuni individui manifestano disturbi gastrointestinali come nausea, vomito, dolori addominali e diarrea.

Gli effetti del tetracloruro di carbonio sul fegato e sui reni devono essere presi in considerazione in primo luogo nella valutazione del potenziale rischio sostenuto dalle persone che lavorano con questo composto. Va notato che il consumo di alcol aumenta gli effetti dannosi di questa sostanza. Anuria o oliguria è la risposta iniziale, seguita in pochi giorni da una diuresi. L'urina ottenuta durante il periodo di diuresi ha un basso peso specifico, e solitamente contiene proteine, albumina, cilindri pigmentati e globuli rossi. Autorizzazione renale di inulina, diodrast e p-l'acido aminoippurico sono ridotti, indicando una diminuzione del flusso sanguigno attraverso il rene e un danno glomerulare e tubulare. La funzione del rene ritorna gradualmente alla normalità e, entro 100-200 giorni dall'esposizione, la funzione renale rientra nell'intervallo basso-normale. L'esame istopatologico dei reni rivela vari gradi di danno all'epitelio tubulare.

Cloroformio. Il cloroformio è anche un pericoloso idrocarburo clorurato volatile. Può essere dannoso per inalazione, ingestione e contatto con la pelle e può causare narcosi, paralisi respiratoria, arresto cardiaco o morte ritardata per danni al fegato e ai reni. Potrebbe essere usato impropriamente dagli sniffer. Il cloroformio liquido può causare sgrassamento della pelle e ustioni chimiche. È teratogeno e cancerogeno per topi e ratti. Il fosgene si forma anche per azione di forti ossidanti sul cloroformio.

Il cloroformio è una sostanza chimica onnipresente, utilizzata in molti prodotti commerciali e formata spontaneamente attraverso la clorazione di composti organici, come nell'acqua potabile clorata. Il cloroformio nell'aria può derivare almeno in parte dalla degradazione fotochimica del tricloroetilene. Alla luce del sole si decompone lentamente in fosgene, cloro e acido cloridrico.

Il cloroformio è classificato dalla IARC come possibile cancerogeno per l'uomo del gruppo 2B, sulla base di prove sperimentali. Il D.L. orale50 per cani e ratti è di circa 1 g/kg; I ratti di 14 giorni sono due volte più sensibili dei ratti adulti. I topi sono più sensibili dei ratti. Il danno epatico è la causa della morte. Cambiamenti istopatologici nel fegato e nei reni sono stati osservati in ratti, cavie e cani esposti per 6 mesi (7 ore/giorno, 5 giorni/settimana) a 25 ppm in aria. Sono stati segnalati infiltrazione grassa, degenerazione centrolobulare granulare con aree necrotiche nel fegato e cambiamenti nelle attività degli enzimi sierici, nonché gonfiore dell'epitelio tubulare, proteinuria, glicosuria e diminuzione dell'escrezione di fenolsulfoneftaleina. Sembra che il cloroformio abbia scarso potenziale di causare anomalie cromosomiche in vari sistemi di test, quindi si ritiene che la sua cancerogenicità derivi da meccanismi non genotossici. Il cloroformio provoca anche varie anomalie fetali negli animali da esperimento e non è stato ancora stabilito un livello senza effetto.

Le persone esposte in modo acuto ai vapori di cloroformio nell'aria possono sviluppare sintomi diversi a seconda della concentrazione e della durata dell'esposizione: mal di testa, sonnolenza, sensazione di ubriachezza, stanchezza, vertigini, nausea, eccitazione, perdita di coscienza, depressione respiratoria, coma e morte per narcosi. La morte può verificarsi a causa di paralisi respiratoria o in seguito ad arresto cardiaco. Il cloroformio sensibilizza il miocardio alle catecolamine. Una concentrazione da 10,000 a 15,000 ppm di cloroformio nell'aria inalata provoca anestesia e da 15,000 a 18,000 ppm può essere letale. Le concentrazioni di stupefacenti nel sangue sono da 30 a 50 mg/100 ml; livelli da 50 a 70 mg/100 ml di sangue sono letali. Dopo un recupero transitorio da una forte esposizione, l'insufficienza delle funzioni epatiche e il danno renale possono causare la morte. Sono stati descritti effetti sul muscolo cardiaco. L'inalazione di concentrazioni molto elevate può causare un arresto improvviso dell'azione del cuore (morte da shock).

I lavoratori esposti a basse concentrazioni nell'aria per lunghi periodi e le persone con dipendenza sviluppata dal cloroformio possono soffrire di sintomi neurologici e gastrointestinali simili all'alcolismo cronico. Sono stati segnalati casi di varie forme di disturbi del fegato (epatomegalia, epatite tossica e degenerazione del fegato grasso).

2-cloropropano è un potente anestetico; non è stato ampiamente utilizzato, tuttavia, perché negli esseri umani sono stati segnalati vomito e aritmia cardiaca e negli esperimenti sugli animali sono state riscontrate lesioni al fegato e ai reni. Gli schizzi sulla pelle o negli occhi possono provocare effetti gravi ma transitori. È un grave pericolo di incendio.

diclorometano (cloruro di metilene) è altamente volatile e si possono sviluppare alte concentrazioni atmosferiche in aree scarsamente ventilate, provocando la perdita di coscienza nei lavoratori esposti. La sostanza ha tuttavia un odore dolciastro a concentrazioni superiori a 300 ppm, e di conseguenza può essere rilevata a livelli inferiori a quelli con effetti acuti. È stato classificato dalla IARC come possibile cancerogeno per l'uomo. I dati sugli esseri umani sono insufficienti, ma i dati disponibili sugli animali sono considerati sufficienti.

Sono stati segnalati casi di avvelenamento mortale nei lavoratori che entrano in spazi confinati in cui erano presenti elevate concentrazioni di diclorometano. In un caso fatale, un'oleoresina veniva estratta mediante un processo in cui la maggior parte delle operazioni veniva condotta in un sistema chiuso; tuttavia, il lavoratore è stato intossicato dal vapore che fuoriesce dalle prese d'aria nel serbatoio di alimentazione interno e dai percolatori. È stato riscontrato che la perdita effettiva di diclorometano dall'impianto è pari a 3,750 l a settimana.

La principale azione tossica acuta del diclorometano è esercitata sul sistema nervoso centrale: un effetto narcotico o, in alte concentrazioni, un effetto anestetico; quest'ultimo effetto è stato descritto come variabile da grave affaticamento a stordimento, sonnolenza e persino perdita di coscienza. Il margine di sicurezza tra questi effetti gravi e quelli di carattere meno grave è stretto. Gli effetti narcotici causano perdita di appetito, mal di testa, vertigini, irritabilità, stupore, intorpidimento e formicolio degli arti. L'esposizione prolungata a concentrazioni inferiori di stupefacenti può produrre, dopo un periodo di latenza di diverse ore, mancanza di respiro, tosse secca e non produttiva con forte dolore ed eventualmente edema polmonare. Alcune autorità hanno anche segnalato disturbi ematologici sotto forma di riduzione dei livelli di eritrociti ed emoglobina, nonché ingorgo dei vasi sanguigni cerebrali e dilatazione del cuore.

Tuttavia, l'intossicazione lieve non sembra produrre alcuna disabilità permanente e la potenziale tossicità del diclorometano per il fegato è molto inferiore a quella di altri idrocarburi alogenati (in particolare, tetracloruro di carbonio), sebbene i risultati degli esperimenti sugli animali non siano coerenti in questo rispetto. Tuttavia, è stato sottolineato che il diclorometano è raramente utilizzato allo stato puro, ma spesso viene miscelato con altri composti che esercitano un effetto tossico sul fegato. Dal 1972 è stato dimostrato che le persone esposte al diclorometano hanno livelli elevati di carbossiemoglobina (come il 10% un'ora dopo due ore di esposizione a 1,000 ppm di diclorometano e il 3.9% 17 ore dopo) a causa della conversione in vivo del diclorometano in carbonio monossido. A quel tempo l'esposizione a concentrazioni di diclorometano non superiori a una media ponderata nel tempo (TWA) di 500 ppm potrebbe comportare un livello di carbossiemoglobina superiore a quello consentito per il monossido di carbonio (7.9% COHb è il livello di saturazione corrispondente a 50 ppm di esposizione a CO); 100 ppm di diclorometano produrrebbero lo stesso livello di COHb o concentrazione di CO nell'aria alveolare di 50 ppm di CO.

L'irritazione della pelle e degli occhi può essere causata dal contatto diretto, tuttavia i principali problemi di salute sul lavoro derivanti da un'esposizione eccessiva sono i sintomi di ubriachezza e incoordinazione che derivano dall'intossicazione da diclorometano e dagli atti non sicuri e dai conseguenti incidenti a cui questi sintomi possono portare.

Il diclorometano viene assorbito attraverso la placenta e può essere ritrovato nei tessuti embrionali in seguito all'esposizione della madre; è anche escreto attraverso il latte. Ad oggi sono disponibili dati inadeguati sulla tossicità riproduttiva.

Dicloruro di etilene è infiammabile e costituisce un pericoloso pericolo di incendio. È classificato nel gruppo 2B, un possibile cancerogeno per l'uomo, dalla IARC. Il dicloruro di etilene può essere assorbito attraverso le vie respiratorie, la pelle e il tratto gastrointestinale. Viene metabolizzato in 2-cloroetanolo e acido monocloroacetico, entrambi più tossici del composto originale. Ha una soglia di odore nell'uomo che varia da 2 a 6 ppm come determinato in condizioni di laboratorio controllate. Tuttavia, l'adattamento sembra avvenire relativamente presto e dopo 1 o 2 minuti l'odore a 50 ppm è appena percettibile. Il dicloruro di etilene è notevolmente tossico per l'uomo. Da 100 a 24 ml sono sufficienti per provocare la morte entro 48-4,000 ore. L'inalazione di XNUMX ppm causerà gravi malattie. In alte concentrazioni è immediatamente irritante per occhi, naso, gola e pelle.

Un uso importante della sostanza chimica è nella produzione di cloruro di vinile, che è principalmente un processo chiuso. Le perdite dal processo possono verificarsi e si verificano, tuttavia, producendo un pericolo per il lavoratore così esposto. Tuttavia, la possibilità più probabile di esposizione si verifica durante il versamento di contenitori di etilene dicloruro in tini aperti, dove viene successivamente utilizzato per la fumigazione del grano. Le esposizioni si verificano anche attraverso perdite di produzione, applicazione di vernici, estrazioni con solventi e operazioni di smaltimento dei rifiuti. Il dicloruro di etilene si fotoossida rapidamente all'aria e non si accumula nell'ambiente. Non è noto che si bioconcentri in alcuna catena alimentare o si accumuli nei tessuti umani.

La classificazione del cloruro di etilene come cancerogeno di gruppo 2B si basa sui significativi aumenti della produzione di tumori riscontrati in entrambi i sessi nei topi e nei ratti. Molti dei tumori, come l'emangiosarcoma, sono tipi di tumori non comuni, raramente se non mai riscontrati negli animali di controllo. Il "tempo al tumore" negli animali trattati era inferiore rispetto ai controlli. Poiché ha causato una malattia maligna progressiva di vari organi in due specie di animali, l'etilene dicloruro deve essere considerato potenzialmente cancerogeno per l'uomo.

Esaclorobutadiene (HCBD). Le osservazioni sui disturbi indotti dal lavoro sono scarse. Lavoratori agricoli che fumigano vigneti e contemporaneamente esposti a da 0.8 a 30 mg/m3 HCBD e da 0.12 a 6.7 ​​mg/mXNUMX3 il policlorobutano nell'atmosfera mostrava ipotensione, disturbi cardiaci, bronchite cronica, malattia epatica cronica e disturbi della funzione nervosa. In altri lavoratori esposti sono state osservate condizioni cutanee probabilmente dovute all'HCBD.

esacloroetano possiede un effetto narcotico; tuttavia, poiché è un solido e ha una tensione di vapore piuttosto bassa in condizioni normali, il rischio di una depressione del sistema nervoso centrale per inalazione è basso. È irritante per la pelle e le mucose. È stata osservata irritazione da polvere ed è stato riportato che l'esposizione degli operatori ai fumi dell'esacloroetano caldo causa blefarospasmo, fotofobia, lacrimazione e arrossamento della congiuntiva, ma non lesioni alla cornea o danni permanenti. L'esacloroetano può causare alterazioni distrofiche nel fegato e in altri organi, come dimostrato negli animali.

La IARC ha inserito l'HCBD nel Gruppo 3, non classificabile quanto a cancerogenicità.

Cloruro di metile è un gas inodore e quindi non dà alcun avviso. È quindi possibile che si verifichi un'esposizione considerevole senza che gli interessati se ne accorgano. Esiste anche il rischio di suscettibilità individuale anche a un'esposizione lieve. Negli animali ha mostrato effetti marcatamente diversi nelle diverse specie, con una maggiore suscettibilità negli animali con un sistema nervoso centrale più sviluppato, ed è stato suggerito che i soggetti umani possano mostrare un grado ancora maggiore di suscettibilità individuale. Un pericolo relativo a un'esposizione cronica lieve è la possibilità che "l'ubriachezza", le vertigini e il lento recupero da una leggera intossicazione possano causare il mancato riconoscimento della causa e che le perdite possano passare insospettate. Ciò potrebbe comportare un'ulteriore esposizione prolungata e incidenti. La maggior parte dei casi mortali registrati è stata causata da perdite dai frigoriferi domestici o da difetti negli impianti di refrigerazione. È anche un pericoloso pericolo di incendio ed esplosione.

L'intossicazione grave è caratterizzata da un periodo di latenza di diverse ore prima della comparsa di sintomi quali cefalea, affaticamento, nausea, vomito e dolori addominali. Vertigini e sonnolenza possono essere esistite per qualche tempo prima che l'attacco più acuto fosse accelerato da un incidente improvviso. L'intossicazione cronica da esposizione più lieve è stata segnalata meno frequentemente, forse perché i sintomi possono scomparire rapidamente con la cessazione dell'esposizione. Le lamentele durante i casi lievi includono vertigini, difficoltà a camminare, mal di testa, nausea e vomito. I sintomi oggettivi più frequenti sono un'andatura barcollante, nistagmo, disturbi del linguaggio, ipotensione arteriosa e attività elettrica cerebrale ridotta e disturbata. L'intossicazione lieve e prolungata può causare danni permanenti al muscolo cardiaco e al sistema nervoso centrale, con cambiamento di personalità, depressione, irritabilità e occasionalmente allucinazioni visive e uditive. L'aumento del contenuto di albume nel liquido cerebrospinale, con possibili lesioni extrapiramidali e piramidali, può suggerire una diagnosi di meningoencefalite. Nei casi mortali, l'autopsia ha mostrato congestione di polmoni, fegato e reni.

tetracloroetano è un potente narcotico, un veleno per il sistema nervoso centrale e per il fegato. La lenta eliminazione del tetracloroetano dal corpo può essere una ragione della sua tossicità. L'inalazione del vapore è normalmente la principale fonte di assorbimento del tetracloroetano, sebbene ci siano prove che l'assorbimento attraverso la pelle possa avvenire in una certa misura. È stato ipotizzato che alcuni effetti sul sistema nervoso (ad es. tremore) siano causati principalmente dall'assorbimento cutaneo. È anche irritante per la pelle e può produrre dermatiti.

La maggior parte delle esposizioni professionali al tetracloroetano derivano dal suo utilizzo come solvente. Numerosi casi mortali si verificarono tra il 1915 e il 1920 quando fu impiegato nella preparazione di tessuti per aeroplani e nella fabbricazione di perle artificiali. Altri casi mortali di intossicazione da tetracloroetano sono stati segnalati nella produzione di occhiali protettivi, nell'industria della pelle artificiale, nell'industria della gomma e in un'industria bellica non specificata. Casi non fatali si sono verificati nella produzione della seta artificiale, nella sgrassatura della lana, nella preparazione della penicillina e nella fabbricazione di gioielli.

Il tetracloroetano è un potente narcotico, essendo da due a tre volte più efficace del cloroformio in questo senso per gli animali. Casi mortali tra gli esseri umani sono il risultato dell'ingestione di tetracloroetano, con morte avvenuta entro 12 ore. Sono stati segnalati anche casi non fatali, che hanno comportato perdita di coscienza ma senza gravi conseguenze. Rispetto al tetracloruro di carbonio, gli effetti narcotici del tetracloroetano sono molto più gravi, ma gli effetti nefrotossici sono meno marcati. L'intossicazione cronica da tetracloroetano può assumere due forme: effetti sul sistema nervoso centrale, come tremore, vertigini e mal di testa; e sintomi gastrointestinali ed epatici, inclusi nausea, vomito, dolore gastrico, ittero e ingrossamento del fegato.

1,1,1-tricloroetano viene rapidamente assorbito attraverso i polmoni e il tratto gastrointestinale. Può essere assorbito attraverso la pelle, ma questo è raramente di importanza sistemica a meno che non sia confinato alla superficie della pelle sotto una barriera impermeabile. La prima manifestazione clinica di sovraesposizione è una depressione funzionale del sistema nervoso centrale, che inizia con vertigini, incoordinazione e compromissione del test di Romberg (soggetto in equilibrio su un piede, con gli occhi chiusi e le braccia lungo i fianchi), che progredisce fino all'anestesia e all'arresto del centro respiratorio. La depressione del SNC è proporzionale all'entità dell'esposizione e tipica di un agente anestetico, da qui il pericolo di sensibilizzazione del cuore all'adrenalina con lo sviluppo di un'aritmia. Sono state prodotte lesioni transitorie al fegato e ai reni a seguito di una forte sovraesposizione e durante l'autopsia sono state notate lesioni polmonari. Diverse gocce spruzzate direttamente sulla cornea possono provocare una lieve congiuntivite, che si risolverà spontaneamente entro pochi giorni. Il contatto prolungato o ripetuto con la pelle provoca eritema transitorio e lieve irritazione, dovuti all'azione sgrassante del solvente.

Dopo l'assorbimento di 1,1,1-tricloroetano una piccola percentuale viene metabolizzata in anidride carbonica mentre il resto appare nelle urine come glucuronide di 2,2,2-tricloroetanolo.

Esposizione acuta. Gli esseri umani esposti a 900-1,000 ppm hanno sperimentato un'irritazione oculare lieve e transitoria e una compromissione immediata, sebbene minima, della coordinazione. Esposizioni di questa portata possono anche indurre mal di testa e stanchezza. Disturbi dell'equilibrio sono stati occasionalmente osservati in soggetti “sensibili” esposti a concentrazioni comprese tra 300 e 500 ppm. Uno dei test clinici più sensibili di lieve intossicazione durante il tempo di esposizione è l'incapacità di eseguire un normale test di Romberg modificato. Al di sopra di 1,700 ppm sono stati osservati evidenti disturbi dell'equilibrio.

La maggior parte dei pochi decessi riportati in letteratura si è verificata in situazioni in cui un individuo è stato esposto a concentrazioni anestetiche del solvente ed è morto a causa della depressione del centro respiratorio o di un'aritmia derivante dalla sensibilizzazione del cuore all'epinefrina.

L'1,1,1-Tricloroetano non è classificabile (Gruppo 3) per quanto riguarda la cancerogenicità secondo IARC.

L' 1,1,2-tricloroetano isomero è usato come intermedio chimico e come solvente. La principale risposta farmacologica a questo composto è la depressione del SNC. Sembra essere meno acutamente tossico della forma 1,1,2-. Sebbene l'IARC lo consideri un cancerogeno non classificabile (Gruppo 3), alcune agenzie governative lo trattano come un possibile cancerogeno per l'uomo (ad esempio, l'Istituto nazionale statunitense per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH)).

tricloroetilene. Sebbene, in normali condizioni d'uso, il tricloroetilene non sia infiammabile e non esplosivo, può decomporsi ad alte temperature in acido cloridrico, fosgene (in presenza di ossigeno nell'atmosfera) e altri composti. Tali condizioni (temperature superiori a 300 °C) si riscontrano su metalli caldi, nella saldatura ad arco e nelle fiamme libere. Il dicloroacetilene, un composto esplosivo, infiammabile e tossico, può formarsi in presenza di alcali forti (p. es., idrossido di sodio).

Il tricloroetilene ha principalmente un effetto narcotico. In caso di esposizione ad alte concentrazioni di vapore (superiori a circa 1,500 mg/m3) ci può essere uno stadio eccitatorio o euforico seguito da vertigini, confusione, sonnolenza, nausea, vomito ed eventualmente perdita di coscienza. Nell'ingestione accidentale di tricloroetilene, questi sintomi sono preceduti da una sensazione di bruciore alla gola e all'esofago. Negli avvelenamenti da inalazione, la maggior parte delle manifestazioni si risolve con la respirazione di aria non contaminata e l'eliminazione del solvente e dei suoi metaboliti. Tuttavia, si sono verificati decessi a seguito di infortuni sul lavoro. Il contatto prolungato di pazienti incoscienti con tricloroetilene liquido può causare formazione di vesciche sulla pelle. Un'altra complicazione dell'avvelenamento può essere la polmonite chimica e danni al fegato o ai reni. Il tricloroetilene spruzzato negli occhi produce irritazione (bruciore, lacrimazione e altri sintomi).

Dopo il contatto ripetuto con il tricloroetilene liquido, può svilupparsi grave dermatite (secchezza, arrossamento, irruvidimento e screpolatura della pelle), seguita da infezione secondaria e sensibilizzazione.

Il tricloroetilene è classificato come probabile cancerogeno per l'uomo del gruppo 2A dalla IARC. Inoltre, il sistema nervoso centrale è il principale organo bersaglio della tossicità cronica. Si devono distinguere due tipi di effetti: (a) effetto narcotico del tricloroetilene e del suo metabolita tricloroetanolo quando ancora presente nell'organismo, e (b) sequele di lunga durata di ripetute sovraesposizioni. Quest'ultimo può persistere per diverse settimane o addirittura mesi dopo la fine dell'esposizione al tricloroetilene. I sintomi principali sono stanchezza, vertigini, irritabilità, mal di testa, disturbi digestivi, intolleranza all'alcool (ubriachezza dopo il consumo di piccole quantità di alcol, macchie cutanee dovute alla vasodilatazione – “vampata da sgrassatore”), confusione mentale. I sintomi possono essere accompagnati da segni neurologici minori dispersi (principalmente del cervello e del sistema nervoso autonomo, raramente dei nervi periferici) nonché da deterioramento psicologico. Raramente sono state osservate irregolarità del ritmo cardiaco e coinvolgimento epatico minore. L'effetto euforico dell'inalazione di tricloroetilene può portare a desiderio, assuefazione e annusare.

Composti allilici

I composti allilici sono analoghi insaturi dei corrispondenti composti propilici e sono rappresentati dalla formula generale CH2:CHCH2X, dove X nel presente contesto è solitamente un radicale alogeno, idrossile o acido organico. Come nel caso dei composti vinilici strettamente affini, le proprietà reattive associate al doppio legame si sono dimostrate utili ai fini della sintesi chimica e della polimerizzazione.

Alcuni effetti fisiologici significativi nell'igiene industriale sono anche associati alla presenza del doppio legame nei composti allilici. È stato osservato che gli esteri alifatici insaturi presentano proprietà irritanti e lacrimogene che non sono presenti (almeno nella stessa misura) nei corrispondenti esteri saturi; e il LD acuto50 per varie vie tende ad essere inferiore per l'estere insaturo che per il composto saturo. Notevoli differenze in questi aspetti si trovano tra allil acetato e propil acetato. Queste proprietà irritanti, tuttavia, non sono limitate agli esteri allilici; si trovano in diverse classi di composti allilici.

Cloruro di allile (cloroprene) ha proprietà infiammabili e tossiche. È solo debolmente narcotico, ma per il resto è altamente tossico. È molto irritante per gli occhi e le vie respiratorie superiori. Sia l'esposizione acuta che quella cronica possono causare danni ai polmoni, al fegato e ai reni. L'esposizione cronica è stata anche associata alla diminuzione della pressione sistolica e della tonicità dei vasi sanguigni cerebrali. A contatto con la pelle provoca lieve irritazione, ma l'assorbimento attraverso la pelle provoca dolore profondo nell'area di contatto. Lesioni sistemiche possono essere associate all'assorbimento cutaneo.

Gli studi sugli animali danno risultati contraddittori per quanto riguarda cancerogenicità, mutagenicità e tossicità riproduttiva. La IARC ha inserito il cloruro di allile in una classificazione del Gruppo 3, non classificabile.

Composti vinilici e clorurati di vinilidene

I vinili sono intermedi chimici e sono utilizzati principalmente come monomeri nella produzione di materie plastiche. Molti di essi possono essere preparati mediante l'aggiunta del composto appropriato all'acetilene. Esempi di monomeri vinilici includono bromuro di vinile, cloruro di vinile, fluoruro di vinile, acetato di vinile, eteri vinilici ed esteri vinilici. I polimeri sono prodotti ad alto peso molecolare formati dalla polimerizzazione, che può essere definita come un processo che prevede la combinazione di monomeri simili per produrre un altro composto contenente gli stessi elementi nelle stesse proporzioni, ma con un peso molecolare più elevato e caratteristiche fisiche diverse.

Cloruro di vinile. Il cloruro di vinile (VC) è infiammabile e forma una miscela esplosiva con l'aria in proporzioni comprese tra il 4 e il 22% in volume. Durante la combustione si decompone in acido cloridrico gassoso, monossido di carbonio e anidride carbonica. Viene facilmente assorbito dall'organismo umano attraverso l'apparato respiratorio, da dove passa nella circolazione sanguigna e da qui ai vari organi e tessuti. Viene anche assorbito attraverso l'apparato digerente come contaminante di cibi e bevande, e attraverso la pelle; tuttavia, queste due vie di ingresso sono trascurabili per l'avvelenamento professionale.

Il VC assorbito viene trasformato ed escreto in vari modi a seconda della quantità accumulata. Se è presente in alte concentrazioni, fino al 90% può essere eliminato immodificato per esalazione, accompagnata da piccole quantità di CO2; il resto subisce biotrasformazione ed è escreto con l'urina. Se presente in basse concentrazioni, la quantità di monomero espirata immodificata è estremamente ridotta e la proporzione ridotta a CO2 rappresenta circa il 12%. Il resto è soggetto a ulteriori trasformazioni. Il centro principale del processo metabolico è il fegato, dove il monomero subisce numerosi processi ossidativi, essendo catalizzato in parte dall'alcool deidrogenasi e in parte da una catalasi. La principale via metabolica è quella microsomiale, dove il VC viene ossidato ad ossido di cloroetilene, un epossido instabile che si trasforma spontaneamente in cloroacetaldeide.

Qualunque sia la via metabolica seguita, il prodotto finale è sempre cloroacetaldeide, che si coniuga consecutivamente con glutatione o cisteina, oppure viene ossidato ad acido monocloroacetico, che in parte passa nelle urine e in parte si combina con glutatione e cisteina. I principali metaboliti urinari sono: idrossietilcisteina, carbossietilcisteina (tal quale o N-acetilata), acido monocloroacetico e acido tiodiglicolico in tracce. Una piccola percentuale di metaboliti viene escreta con la bile nell'intestino.

Avvelenamento acuto. Nell'uomo l'esposizione prolungata a VC determina uno stato di intossicazione che può avere un decorso acuto o cronico. Concentrazioni atmosferiche di circa 100 ppm non sono percepibili poiché la soglia di odore è compresa tra 2,000 e 5,000 ppm. Se sono presenti concentrazioni di monomero così elevate, vengono percepite come un odore dolciastro, non sgradevole. L'esposizione ad alte concentrazioni provoca uno stato di euforia seguito da astenia, sensazione di pesantezza alle gambe e sonnolenza. La vertigine si osserva a concentrazioni comprese tra 8,000 e 10,000 ppm, l'udito e la vista sono compromessi a 16,000 ppm, la perdita di coscienza e la narcosi si verificano a 70,000 ppm e concentrazioni superiori a 120,000 ppm possono essere fatali per l'uomo.

Azione cancerogena. Il cloruro di vinile è classificato come cancerogeno umano noto di gruppo 1 dalla IARC ed è regolamentato come cancerogeno umano noto da numerose autorità in tutto il mondo. Nel fegato, può indurre lo sviluppo di un tumore maligno estremamente raro noto come angiosarcoma o emangioblastoma o emangioendotelioma maligno o mesenchimoma angiomatoso. Il periodo medio di latenza è di circa 20 anni. Evolve in modo asintomatico e si manifesta solo in fase avanzata, con sintomi di epatomegalia, dolore e decadimento dello stato di salute generale, e possono essere presenti segni di concomitante fibrosi epatica, ipertensione portale, varici esofagee, ascite, emorragia dell'apparato digerente del tratto, anemia ipocromica, colestasi con aumento della fosfatasi alcalina, iperbilirubinemia, aumento del tempo di ritenzione BSP, iperfunzione della milza caratterizzata essenzialmente da trombocitopenia e reticolocitosi e coinvolgimento delle cellule epatiche con diminuzione dell'albumina sierica e del fibrinogeno.

L'esposizione a lungo termine a concentrazioni sufficientemente elevate dà origine a una sindrome chiamata "malattia da cloruro di vinile". Questa condizione è caratterizzata da sintomi neurotossici, modificazioni del microcircolo periferico (fenomeno di Raynaud), alterazioni cutanee di tipo sclerodermico, alterazioni scheletriche (acro-osteolisi), modificazioni del fegato e della milza (fibrosi epato-splenica), pronunciati sintomi genotossici, così come il cancro. Potrebbe esserci un coinvolgimento cutaneo, inclusa la sclerodermia sul dorso della mano in corrispondenza delle articolazioni metacarpali e falangee e all'interno degli avambracci. Le mani sono pallide e si sentono fredde, umide e gonfie a causa di un duro edema. La pelle può perdere elasticità, essere difficile da sollevare nelle pieghe o ricoperta da piccole papule, microvescicole e formazioni urticaroidi. Tali cambiamenti sono stati osservati su piedi, collo, viso e schiena, così come mani e braccia.

Acro-osteolisi. Questo è un cambiamento scheletrico generalmente localizzato alle falangi distali delle mani. È dovuta a necrosi ossea asettica di origine ischemica, indotta da arteriolite ossea stenosante. Il quadro radiologico mostra un processo di osteolisi con bande trasversali o con falangi ungueali assottigliate.

Cambiamenti del fegato. In tutti i casi di avvelenamento da VC, si possono osservare alterazioni del fegato. Possono iniziare con difficoltà di digestione, sensazione di pesantezza nella regione epigastrica e meteorismo. Il fegato è ingrossato, ha la sua consistenza normale e non dà particolare dolore alla palpazione. I test di laboratorio sono raramente positivi. L'ingrossamento del fegato scompare dopo la rimozione dall'esposizione. La fibrosi epatica può svilupparsi in persone esposte per periodi di tempo più lunghi, cioè dopo 2-20 anni. Questa fibrosi è talvolta isolata, ma più spesso associata ad un ingrossamento della milza, che può essere complicato da ipertensione portale, vene varicose all'esofago e al cardias, e di conseguenza da emorragie del tubo digerente. La fibrosi del fegato e della milza non è necessariamente associata a un ingrossamento di questi due organi. I test di laboratorio sono di scarso aiuto, ma l'esperienza ha dimostrato che è necessario eseguire un test BSP e determinare SGOT (siero glutammico-ossalacetico transaminasi) e SGPT (siero glutammico transaminasi piruvico), gamma GT e bilirubinemia. L'unico esame affidabile è una laparoscopia con biopsia. La superficie del fegato è irregolare per la presenza di granulazioni e zone sclerotiche. La struttura generale del fegato è raramente modificata e il parenchima è poco influenzato, sebbene vi siano cellule epatiche con tumefazioni torbide e necrosi delle cellule epatiche; è evidente un certo polimorfismo dei nuclei cellulari. Le alterazioni mesenchimali sono più specifiche in quanto vi è sempre una fibrosi della capsula di Glisson che si estende negli spazi portali e passa negli interstizi delle cellule epatiche. Quando è coinvolta la milza, presenta una fibrosi capsulare con iperplasia follicolare, dilatazione dei sinusoidi e congestione della polpa rossa. Una discreta ascite non è infrequente. Dopo la rimozione dall'esposizione, l'epatomegalia e la splenomegalia diminuiscono, le alterazioni del parenchima epatico si invertono e le alterazioni mesenchimali possono subire un ulteriore deterioramento o anche cessare la loro evoluzione.

Bromuro di vinile. Sebbene la tossicità acuta del bromuro di vinile sia inferiore a quella di molte altre sostanze chimiche di questo gruppo, è considerato un probabile cancerogeno per l'uomo (Gruppo 2A) dall'IARC e dovrebbe essere trattato come potenziale cancerogeno professionale sul posto di lavoro. Allo stato liquido il bromuro di vinile è moderatamente irritante per gli occhi, ma non per la pelle dei conigli. Ratti, conigli e scimmie esposti a 250 o 500 ppm per 6 ore al giorno, 5 giorni alla settimana per 6 mesi non hanno rivelato alcun danno. Un esperimento di 1 anno su ratti esposti a 1,250 o 250 ppm (6 ore al giorno, 5 giorni alla settimana) ha rivelato un aumento della mortalità, perdita di peso corporeo, angiosarcoma del fegato e carcinomi delle ghiandole di Zymbal. La sostanza si è rivelata mutagena nei ceppi di Salmonella tiphimurium con e senza attivazione metabolica.

Cloruro di vinilidene (VDC). Se il cloruro di vinilidene puro viene mantenuto tra -40 °C e +25 °C in presenza di aria o ossigeno, si forma un composto perossidico violentemente esplosivo di struttura indeterminata, che può esplodere per lievi stimoli meccanici o per calore. I vapori sono moderatamente irritanti per gli occhi e l'esposizione ad alte concentrazioni può causare effetti simili all'ubriachezza, che possono progredire fino allo stato di incoscienza. Il liquido è un irritante per la pelle, che può essere in parte dovuto all'inibitore fenolico aggiunto per prevenire la polimerizzazione incontrollata e l'esplosione. Ha anche proprietà sensibilizzanti.

Il potenziale cancerogeno del VDC negli animali è ancora controverso. IARC non lo ha classificato come possibile o probabile cancerogeno (a partire dal 1996), ma il NIOSH statunitense ha raccomandato lo stesso limite di esposizione per il VDC come per il cloruro di vinile monomero, ovvero 1 ppm. Ad oggi non sono disponibili segnalazioni di casi o studi epidemiologici relativi alla cancerogenicità per l'uomo dei copolimeri VDC-cloruro di vinile.

Il VDC ha un'attività mutagena, il cui grado varia a seconda della sua concentrazione: a bassa concentrazione è stato riscontrato superiore a quello del cloruro di vinile monomero; tuttavia tale attività sembra diminuire a dosi elevate, probabilmente a causa di un'azione inibitoria sugli enzimi microsomiali responsabili della sua attivazione metabolica.

Idrocarburi alifatici contenenti bromo

bromoform. Gran parte dell'esperienza nei casi di avvelenamento negli esseri umani deriva dalla somministrazione orale ed è difficile determinare il significato della tossicità del bromoformio nell'uso industriale. Il bromoformio è stato utilizzato per anni come sedativo e in particolare come antitosse, l'ingestione di quantità superiori alla dose terapeutica (da 0.1 a 0.5 g) ha causato stupore, ipotensione e coma. Oltre all'effetto narcotico, si verifica un effetto irritante e lacrimatorio piuttosto forte. L'esposizione ai vapori di bromoformio provoca una marcata irritazione delle vie respiratorie, lacrimazione e salivazione. Il bromoformio può danneggiare il fegato ei reni. Nei topi, i tumori sono stati provocati dall'applicazione intraperitoneale. Viene assorbito attraverso la pelle. In caso di esposizione a concentrazioni fino a 100 mg/m3 (10 ppm), sono state segnalate lamentele di mal di testa, vertigini e dolore nella regione del fegato e sono state segnalate alterazioni della funzionalità epatica.

Dibromuro di etilene (dibromoetano) è una sostanza chimica potenzialmente pericolosa con una dose minima letale per l'uomo stimata di 50 mg/kg. Infatti l'ingestione di 4.5 cm3 di Dow-fume W-85, che contiene l'83% di dibromoetano, si è rivelato fatale per una femmina adulta di 55 kg. È classificato come probabile cancerogeno per l'uomo del gruppo 2A da IARC.

I sintomi indotti da questa sostanza chimica dipendono dal contatto diretto con la pelle, dall'inalazione di vapori o dall'ingestione orale. Poiché la forma liquida è un forte irritante, il contatto prolungato con la pelle provoca arrossamento, edema e vesciche con eventuale desquamazione ulcerativa. L'inalazione dei suoi vapori provoca danni al sistema respiratorio con congestione polmonare, edema e polmonite. Si verifica anche depressione del sistema nervoso centrale con sonnolenza. Quando la morte sopravviene, di solito è dovuta a insufficienza cardiopolmonare. L'ingestione orale di questo materiale porta a lesioni del fegato con danni minori ai reni. Questo è stato trovato sia negli animali da esperimento che negli esseri umani. La morte in questi casi è generalmente attribuibile a danni epatici estesi. Altri sintomi che si possono riscontrare dopo l'ingestione o l'inalazione includono eccitazione, mal di testa, tinnito, debolezza generalizzata, polso debole e flebile e vomito grave e protratto.

La somministrazione orale di dibromoetano mediante sonda gastrica ha causato carcinomi a cellule squamose del prestomaco nei ratti e nei topi, tumori polmonari nei topi, emoangiosarcomi della milza nei ratti maschi e cancro al fegato nelle femmine. Non sono disponibili segnalazioni di casi nell'uomo o studi epidemiologici definitivi.

Recentemente è stata rilevata una grave interazione tossica nei ratti tra dibromoetano inalato e disulfiram, con conseguenti livelli di mortalità molto elevati con un'elevata incidenza di tumori, inclusi emoangiosarcomi del fegato, della milza e del rene. Pertanto il NIOSH statunitense ha raccomandato che (a) i lavoratori non dovrebbero essere esposti al dibromoetano durante il corso della terapia con sulfiram (Antabuse, Rosulfiram usato come deterrente per l'alcool), e (b) nessun lavoratore dovrebbe essere esposto sia al dibromoetano che al disulfiram (quest'ultimo essendo utilizzato anche nell'industria come acceleratore nella produzione di gomma, fungicida e insetticida).

Fortunatamente l'applicazione del dibromoetano come fumigante del terreno avviene normalmente sotto la superficie del terreno con un iniettore, che riduce al minimo il rischio di contatto diretto con il liquido e il vapore. La sua bassa tensione di vapore riduce anche la possibilità di inalazione di quantità apprezzabili.

L'odore di dibromoetano è riconoscibile ad una concentrazione di 10 ppm. Le procedure descritte in precedenza in questo capitolo per la manipolazione degli agenti cancerogeni devono essere applicate a questa sostanza chimica. Indumenti protettivi e guanti in nylon-neoprene contribuiranno ad evitare il contatto con la pelle e il possibile assorbimento. In caso di contatto diretto con la superficie cutanea, il trattamento consiste nella rimozione degli indumenti di copertura e nel lavaggio accurato della pelle con acqua e sapone. Se ciò avviene entro breve tempo dall'esposizione, costituisce una protezione adeguata contro lo sviluppo di lesioni cutanee. Il coinvolgimento degli occhi da parte del liquido o del vapore può essere trattato con successo sciacquando con abbondante acqua. Poiché l'ingestione di dibromoetano per via orale porta a gravi danni al fegato, è imperativo che lo stomaco venga prontamente svuotato e che venga eseguita un'accurata lavanda gastrica. Gli sforzi per proteggere il fegato dovrebbero includere procedure tradizionali come una dieta ricca di carboidrati e vitamine supplementari, in particolare le vitamine B, C e K.

Bromuro di metile è tra gli alogenuri organici più tossici e non dà alcun odore che avverta della sua presenza. Nell'atmosfera si disperde lentamente. Per questi motivi è tra i materiali più pericolosi incontrati nell'industria. L'ingresso nel corpo avviene principalmente per inalazione, mentre il grado di assorbimento cutaneo è probabilmente insignificante. A meno che non si verifichi una grave narcosi, è tipico che l'insorgenza dei sintomi sia ritardata di ore o addirittura di giorni. Alcuni decessi sono stati causati dalla fumigazione, dove il suo uso continuato è problematico. Alcuni si sono verificati a causa di perdite da impianti di refrigerazione o dall'uso di estintori. Il contatto prolungato della pelle con indumenti contaminati da schizzi può causare ustioni di secondo grado.

Il bromuro di metile può danneggiare cervello, cuore, polmoni, milza, fegato, ghiandole surrenali e reni. Da questi organi sono stati recuperati sia alcool metilico che formaldeide, e bromuro in quantità variabili da 32 a 62 mg/300 g di tessuto. Il cervello può essere gravemente congestionato, con edema e degenerazione corticale. La congestione polmonare può essere assente o estrema. La degenerazione dei tubuli renali porta all'uremia. Il danno al sistema vascolare è indicato da emorragia nei polmoni e nel cervello. Si dice che il bromuro di metile venga idrolizzato nel corpo, con la formazione di bromuro inorganico. Gli effetti sistemici del bromuro di metile possono essere una forma insolita di bromidismo con penetrazione intracellulare del bromuro. Il coinvolgimento polmonare in questi casi è meno grave.

Una dermatite acneforme è stata osservata in persone ripetutamente esposte. Dopo inalazione ripetuta di concentrazioni moderate di bromuro di metile sono stati riportati effetti cumulativi, spesso con disturbi del sistema nervoso centrale.

Misure di sicurezza e salute

L'uso dei composti più pericolosi del gruppo dovrebbe essere evitato del tutto. Ove tecnicamente fattibile, dovrebbero essere sostituiti da sostanze meno nocive. Ad esempio, per quanto possibile, dovrebbero essere utilizzate sostanze meno pericolose al posto del bromometano nella refrigerazione e come estintori. Oltre alle prudenti misure di sicurezza e salute applicabili alle sostanze chimiche volatili di tossicità simile, si raccomanda anche quanto segue:

Incendio ed esplosione. Solo i membri superiori della serie degli idrocarburi alifatici alogenati non sono infiammabili e non esplosivi. Alcuni di essi non supportano la combustione e vengono utilizzati come estintori. Al contrario, i membri inferiori della serie sono infiammabili, in alcuni casi anche altamente infiammabili (ad esempio, 2-cloropropano) e formano miscele esplosive con l'aria. Inoltre, in presenza di ossigeno, da alcuni componenti insaturi (ad esempio il dicloroetilene) possono formarsi composti perossidici violentemente esplosivi anche a temperature molto basse. Composti tossicologicamente pericolosi possono essere formati dalla decomposizione termica di idrocarburi alogenati.

Le misure ingegneristiche e igieniche di prevenzione dovrebbero essere completate da visite sanitarie periodiche e complementari esami di laboratorio mirati agli organi bersaglio, in particolare fegato e reni.

Tabelle degli idrocarburi saturi alogenati

Tabella 1 - Informazioni chimiche.

Tabella 2 - Rischi per la salute.

Tabella 3 - Pericoli fisici e chimici.

Tabella 4 - Proprietà fisiche e chimiche.

Tabelle degli idrocarburi insaturi alogenati

Tabella 5 - Informazioni chimiche.

Tabella 6 - Rischi per la salute.

Tabella 7 - Pericoli fisici e chimici.

Tabella 8 - Proprietà fisiche e chimiche.

 

Di ritorno

Pagina 2 di 15

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti