Martedì, Febbraio 15 2011 20: 54

Programmi di riabilitazione e prevenzione

Vota questo gioco
(0 voti )

La maggior parte delle persone con CVD riconosciuta è in grado di lavorare in modo efficace e produttivo nella maggior parte dei lavori che si trovano nel posto di lavoro moderno. Solo pochi decenni fa, le persone sopravvissute a un infarto miocardico acuto venivano coccolate e viziate per settimane e mesi con una stretta supervisione e un'inattività forzata. La conferma di laboratorio della diagnosi è stata sufficiente per giustificare l'etichettatura dell'individuo come "permanentemente e totalmente disabile". La nuova tecnologia diagnostica che fornisce una valutazione più accurata dello stato cardiaco e le esperienze favorevoli di coloro che non potevano o non volevano accettare tale etichetta, hanno presto dimostrato che un ritorno anticipato al lavoro e un livello ottimale di attività era non solo possibile ma auspicabile (Edwards , McCallum e Taylor 1988; Theorell et al. 1991; Theorell 1993). Oggi, i pazienti iniziano l'attività fisica supervisionata non appena gli effetti acuti dell'infarto si attenuano, spesso escono dall'ospedale in pochi giorni invece delle obbligatorie 6-8 settimane di un tempo e spesso tornano al lavoro entro poche settimane . Quando desiderabile e fattibile, le procedure chirurgiche come l'angioplastica, le operazioni di by-pass e persino il trapianto cardiaco possono migliorare il flusso sanguigno coronarico, mentre un regime caratterizzato da dieta, esercizio fisico e controllo dei fattori di rischio per CHD può ridurre al minimo (o addirittura invertire) la progressione di aterosclerosi coronarica.

Una volta superate le fasi acute, spesso pericolose per la vita, della CVD, il movimento passivo seguito da un esercizio attivo dovrebbe essere iniziato precocemente durante la degenza in ospedale o in clinica. Con gli attacchi di cuore, questa fase è completata quando l'individuo può salire le scale senza grandi difficoltà. Allo stesso tempo, l'individuo viene istruito in un regime di prevenzione del rischio che include una dieta adeguata, esercizi di condizionamento cardiovascolare, riposo e rilassamento adeguati e gestione dello stress. Durante queste fasi della riabilitazione, il sostegno di familiari, amici e colleghi di lavoro può essere particolarmente utile (Brusis e Weber-Falkensammer 1986). Il programma può essere svolto in strutture riabilitative o in “gruppi cardiaci” ambulatoriali sotto la supervisione di un medico esperto (Halhubar e Traencker 1986). È stato dimostrato che l'attenzione al controllo dello stile di vita e dei fattori di rischio comportamentali e al controllo dello stress si traduce in una riduzione misurabile del rischio di reinfarto e di altri problemi cardiovascolari.

Durante tutto il programma il medico curante deve mantenere i contatti con il datore di lavoro (ed in particolare con il medico competente, se presente) per discutere le prospettive di guarigione e la probabile durata del periodo di invalidità, e per esplorare la fattibilità di eventuali accordi speciali che possono essere necessari per consentire un rientro anticipato al lavoro. La consapevolezza del lavoratore che il lavoro è in attesa e che ci si aspetta che lui o lei possa ritornarvi è un potente fattore motivante per il miglioramento del recupero. L'esperienza ha ampiamente dimostrato che il successo dello sforzo riabilitativo diminuisce con il prolungarsi dell'assenza dal lavoro.

Nei casi in cui gli aggiustamenti desiderabili nel posto di lavoro e/o sul posto di lavoro non sono possibili o fattibili, la riqualificazione e l'appropriato inserimento lavorativo possono evitare l'invalidità non necessaria. Laboratori appositamente protetti sono spesso utili per reintegrare nel mondo del lavoro persone che sono state assenti dal lavoro per lunghi periodi per ricevere cure per i gravi effetti dell'ictus, dell'insufficienza cardiaca congestizia o dell'angina pectoris invalidante.

Dopo il ritorno al lavoro, è assolutamente auspicabile una sorveglianza continua sia da parte del medico curante che del medico del lavoro. Le valutazioni mediche periodiche, a intervalli inizialmente frequenti ma che si allungano man mano che il recupero è assicurato, sono utili per valutare lo stato cardiovascolare del lavoratore, regolare i farmaci e altri elementi del regime di mantenimento e monitorare l'aderenza allo stile di vita e alle raccomandazioni comportamentali. I risultati soddisfacenti di questi esami possono consentire il graduale allentamento di qualsiasi limitazione o restrizione del lavoro fino a quando il lavoratore non è completamente integrato nel posto di lavoro.

Programmi di promozione e prevenzione della salute nei luoghi di lavoro

La prevenzione delle malattie e degli infortuni sul lavoro è una responsabilità primaria del programma di salute e sicurezza sul lavoro dell'organizzazione. Ciò include la prevenzione primaria (vale a dire, l'identificazione e l'eliminazione o il controllo di potenziali pericoli e sollecitazioni modificando l'ambiente di lavoro o il lavoro). È integrato da misure di prevenzione secondaria che tutelano i lavoratori dagli effetti di pericoli esistenti e da sollecitazioni non eliminabili (es. dispositivi di protezione individuale e visite mediche periodiche di sorveglianza). I programmi di promozione e prevenzione della salute sul posto di lavoro (HPP) vanno oltre questi obiettivi. Mettono l'accento sul comportamento attento alla salute in relazione allo stile di vita, ai fattori comportamentali di rischio, all'eliminazione o alla gestione dello stress e così via. Sono di grande importanza, in particolare nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. Gli obiettivi dell'HPP, come formulati dal Comitato dell'OMS per il monitoraggio dell'ambiente e della salute nella salute sul lavoro, si estendono oltre la semplice assenza di malattia e infortunio per includere il benessere e la capacità funzionale (WHO 1973).

La progettazione e il funzionamento dei programmi HPP sono discussi più dettagliatamente altrove nel capitolo. Nella maggior parte dei paesi, si concentrano in particolare sulla prevenzione delle malattie cardiovascolari. Ad esempio, in Germania, il programma "Avere un cuore per il tuo cuore" integra i circoli per la salute del cuore organizzati dalle compagnie di assicurazione sanitaria (Murza e Laaser 1990, 1992), mentre il movimento "Take Heart" in Gran Bretagna e Australia ha obiettivi simili (Glasgow et al. 1995).

L'efficacia di tali programmi è stata verificata negli anni '1980 dall'OMS Collaborative Trial in Prevention of Heart Disease, che è stato condotto in 40 paia di fabbriche in quattro paesi europei e ha coinvolto circa 61,000 uomini di età compresa tra 40 e 59 anni. l'attività educativa, svolta principalmente dal servizio sanitario dei dipendenti dell'organizzazione, si è focalizzata sulle diete ipocolesterolemizzanti, sull'abbandono del fumo di sigaretta, sul controllo del peso, sull'aumento dell'attività fisica e sul controllo dell'ipertensione. Uno screening randomizzato del 10% dei lavoratori ammissibili nelle fabbriche designate come controlli ha dimostrato che durante i 4-7 anni dello studio, il rischio complessivo di CVD potrebbe essere ridotto dell'11.1% (19.4% tra quelli inizialmente ad alto rischio). Nelle fabbriche di studio, la mortalità per CHD è diminuita del 7.4%, mentre la mortalità complessiva è diminuita del 2.7%. I risultati migliori sono stati raggiunti in Belgio, dove l'intervento è stato svolto in modo continuativo durante l'intero periodo di studio, mentre i risultati peggiori sono stati osservati in Gran Bretagna, dove le attività di prevenzione sono state fortemente ridotte prima dell'ultimo esame di follow-up. Questa disparità sottolinea la relazione tra successo e durata dello sforzo di educazione sanitaria; ci vuole tempo per inculcare i cambiamenti di stile di vita desiderati. Anche l'intensità dello sforzo educativo è stata un fattore: in Italia, dove sono stati coinvolti sei educatori sanitari a tempo pieno, è stata ottenuta una riduzione del 28% del profilo complessivo dei fattori di rischio, mentre in Gran Bretagna, dove solo due educatori a tempo pieno hanno servito tre volte il numero di lavoratori, è stata ottenuta una riduzione del fattore di rischio di solo il 4%.

Mentre il tempo necessario per rilevare riduzioni di mortalità e morbilità CHD è un formidabile fattore limitante negli studi epidemiologici volti a valutare i risultati dei programmi sanitari aziendali (Mannebach 1989), sono state dimostrate riduzioni dei fattori di rischio (Janssen 1991; Gomel et al. 1993 ; Glasgow et al. 1995). Sono state segnalate diminuzioni temporanee del numero di giornate lavorative perse e un calo dei tassi di ospedalizzazione (Harris 1994). Sembra esserci un accordo generale sul fatto che le attività HPP nella comunità e in particolare sul posto di lavoro abbiano contribuito in modo significativo alla riduzione della mortalità cardiovascolare negli Stati Uniti e in altri paesi industrializzati occidentali.

Conclusione

Le malattie cardiovascolari incombono sul posto di lavoro, non tanto perché il sistema cardiovascolare è particolarmente vulnerabile ai rischi ambientali e lavorativi, ma perché sono così comuni nella popolazione in età lavorativa. Il luogo di lavoro offre un'arena particolarmente vantaggiosa per l'individuazione di malattie cardiovascolari non riconosciute e asintomatiche, per l'elusione dei fattori sul posto di lavoro che potrebbero accelerarle o aggravarle e per l'identificazione di fattori che aumentano il rischio di malattie cardiovascolari e il montaggio di programmi per eliminare o controllarli. Quando si verificano CVD, una sollecita attenzione al controllo delle circostanze legate al lavoro che possono prolungare o aumentare la loro gravità può ridurre al minimo l'estensione e la durata della disabilità, mentre gli sforzi riabilitativi precoci e supervisionati da professionisti faciliteranno il ripristino della capacità lavorativa e ridurranno il rischio di recidive .

Pericoli fisici, chimici e biologici

Il sistema cardiovascolare intatto è notevolmente resistente agli effetti dannosi dei rischi fisici, chimici e biologici incontrati sul posto di lavoro o sul posto di lavoro. Con pochissime eccezioni, tali rischi sono raramente una causa diretta di malattie cardiovascolari. D'altra parte, una volta che l'integrità del sistema cardiovascolare è compromessa - e questo può essere del tutto silenzioso e non riconosciuto - l'esposizione a questi rischi può contribuire allo sviluppo continuo di un processo patologico o precipitare sintomi che riflettono una compromissione funzionale. Ciò impone l'identificazione precoce dei lavoratori con CVD incipiente e la modifica dei loro posti di lavoro e/o dell'ambiente di lavoro per ridurre il rischio di effetti dannosi. I segmenti seguenti includeranno brevi discussioni su alcuni dei rischi professionali più comunemente riscontrati che possono interessare il sistema cardiovascolare. Ciascuno dei pericoli presentati di seguito è discusso più ampiamente altrove nel Enciclopedia.

 

 

Di ritorno

Leggi 4431 volte Ultima modifica lunedì 13 giugno 2022 00:06

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti del sistema cardiovascolare

Acha, P e B Szyfres. 1980. Zoonosi e malattie trasmissibili comuni all'uomo e agli animali. Washington, DC: Ufficio regionale dell'OMS.

al-Eissa, YA. 1991. Febbre reumatica acuta durante l'infanzia in Arabia Saudita. Ann Trop Paediat 11(3):225-231.

Alfredsson, L, R Karasek e T Theorell. 1982. Rischio di infarto miocardico e ambiente di lavoro psicosociale: un'analisi della forza lavoro svedese maschile. Soc Sci Med 16:463-467.

Alfredsson, L, CL Spetz, e T Theorell. 1985. Tipo di occupazione e ricovero prossimo futuro per infarto del miocardio (MI) e alcune altre diagnosi. Int J Epidemiol 14:378-388.

Altura, BM. 1993. Effetti extraurali dell'esposizione cronica al rumore sulla pressione sanguigna, sulla microcircolazione e sugli elettroliti nei ratti: modulazione di Mg2+. In Lärm und Krankheit [Rumore e malattia], a cura di H Ising e B Kruppa. Stoccarda: Gustav Fischer.

Altura, BM, BT Altura, A Gebrewold, H Ising e T Gunther. 1992. Ipertensione e magnesio indotti dal rumore nei ratti: relazione con la microcircolazione e il calcio. JAppl Physiol 72:194-202.

Associazione americana per l'igiene industriale (AIHA). 1986. Rischi biologici: manuale di riferimento. Akron, Ohio: AIHA.

Arribada, A, W Apt, X Aguilera, A Solari, and J Sandoval. 1990. Cardiopatia di Chagas nella prima regione del Cile. Studio clinico, epidemiologico e parassitologico. Revista Médica de Chile 118(8):846-854.

Aro, S e J Hasan. 1987. Classe occupazionale, stress psicosociale e morbilità. Ann Clin Ris 19:62-68.

Atkins, EH e EL Baker. 1985. Esacerbazione della malattia coronarica dovuta all'esposizione professionale al monossido di carbonio: un rapporto di due decessi e una revisione della letteratura. Am J Ind Med 7:73-79.

Azofra, J, R Torres, JL Gómez Garcés, M Górgolas, ML Fernández Guerrero e M Jiménez Casado. 1991. Endocardite da erysipelothrix rhusiopathiae. Estudio de due casos y revisión de la literatura [Endocarditis for erysipelothrix rhusiopathiae. Studio di due casi e revisione della letteratura. Enfermedades Infecciosas y Microbiologia Clinica 9(2):102-105.

Baron, JA, JM Peters, DH Garabrant, L Bernstein e R Krebsbach. 1987. Il fumo come fattore di rischio nella perdita dell'udito indotta dal rumore. J Occup Med 29:741-745.

Bavdekar, A, M Chaudhari, S Bhave e A Pandit. 1991. Ciprofloxacina nella febbre tifoide. Ind J Pediatr 58(3):335-339.

Behymer, D e HP Riemann. 1989. Infezione da Coxiella burnetii (febbre Q). J Am Vet Med Assoc 194:764-767.

Berlino, JA e GA Colditz. 1990. Una meta-analisi dell'attività fisica nella prevenzione della malattia coronarica. Am J Epidemiol 132:612-628.

Bernhardt, J.H. 1986. Effetti biologici dei campi magnetici statici ea frequenza estremamente bassa. Monaco di Baviera: MMV Medizin Verlag.

—. 1988. Stabilimento di limiti dipendenti dalla frequenza per i campi elettrici e magnetici e valutazione degli effetti indiretti. Radiat Environ Biophys 27: 1-27.

Beschorner, WE, K Baughman, RP Turnicky, GM Hutchins, SA Rowe, AL Kavanaugh-McHugh, DL Suresch e A Herskowitz. 1990. Patologia della miocardite associata all'HIV e immunopatologia. Am J Pathol 137(6):1365-1371.

Blanc, P, P Hoffman, JF Michaels, E Bernard, H Vinti, P Morand e R Loubiere. 1990. Coinvolgimento cardiaco nei portatori del virus dell'immunodeficienza umana. Rapporto di 38 casi. Annales de cardiologie et d'angiologie 39(9):519-525.

Bouchard, C, RJ Shephard e T Stephens. 1994. Attività fisica, forma fisica e salute. Champaign, Ill: cinetica umana.

Bovenzi, M. 1990. Stimolazione autonomica e attività riflessa cardiovascolare nella sindrome mano-braccio-vibrazione. Kurume Med J 37:85-94.

Briazgounov, IP. 1988. Il ruolo dell'attività fisica nella prevenzione e nel trattamento delle malattie non trasmissibili. Statistica mondiale sulla salute Q 41:242-250.

Brouqui, P, HT Dupont, M Drancourt, Y Berland, J Etienne, C Leport, F Goldstein, P Massip, M Micoud, A Bertrand 1993. Febbre Q cronica. Novantadue casi dalla Francia, inclusi 27 casi senza endocardite. Arch Int Med 153(5):642-648.

Brusis, OA e H. Weber-Falkensammer (a cura di). 1986. Handbuch der Koronargruppenbetreuung
[Manuale di cura del gruppo coronarico]. Erlangen: Perimed.

Carter, Paesi Bassi. 1988. Risposta della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna negli equipaggi di armi di artiglieria media. Med J Australe 149:185-189.

Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. 1993. Focus sulla salute pubblica: attività fisica e prevenzione delle malattie coronariche. Morb Mortal Weekly Rep 42:669-672.

Clark, RP e OG Edholm. 1985. L'uomo e il suo ambiente termale. Londra: Edward Arnold.

Conolly, JH, PV Coyle, AA Adgey, HJ O'Neill e DM Simpson. 1990. Febbre Q clinica nell'Irlanda del Nord 1962-1989. Ulster MedJ 59(2):137-144.

Curwen, M. 1991. Mortalità invernale in eccesso: un fenomeno britannico? Tendenze sanitarie 22:169-175.
Curwen, M e T Devis. 1988. Mortalità invernale, temperatura e influenza: il rapporto è cambiato negli ultimi anni? Tendenze della popolazione 54:17-20.

DeBacker, G, M Kornitzer, H Peters e M Dramaix. 1984. Relazione tra ritmo di lavoro e fattori di rischio coronarico. Eur Cuore J 5 Suppl. 1:307.

DeBacker, SOL, M Kornitzer, M Dramix, H Peeters e F Kittel. 1987. Orario di lavoro irregolare e livelli lipidici negli uomini. In Expanding Horizons in Atherosclerosis Research, a cura di G Schlierf e H Mörl. Berlino: Springer.

Dökert, B. 1981. Grundlagen der Infektionskrankheiten für medizinische Berufe [Fondamenti di malattie infettive per la professione medica]. Berlino: Volk und Wissen.

Douglas, AS, TM Allan e JM Rawles. 1991. Composizione della stagionalità della malattia. Scott Med J 36:76-82.

Dukes-Dobos, FN. 1981. Rischi di esposizione al calore. Scand J Ambiente di lavoro Salute 7:73.

Dupuis, H e W Cristo. 1966. Sul comportamento vibrante dello stomaco sotto l'influenza della vibrazione sinusoidale e stocastica. Int J Appl Physiol Occup Physiol 22:149-166.

Dupuis, H e G Zerlett. 1986. Gli effetti delle vibrazioni di tutto il corpo. Berlino: Springer.

Dupuis, H, E Christ, DJ Sandover, W Taylor e A Okada. 1993. Atti della 6a Conferenza internazionale sulle vibrazioni mano-braccio, Bonn, Repubblica federale di Germania, 19-22 maggio 1992. Essen: Druckzentrum Sutter & Partner.

Edwards, FC, RI McCallum e PJ Taylor. 1988. Idoneità al lavoro: gli aspetti medici. Oxford: Università di Oxford. Premere.

Eiff, AW v. 1993. Aspetti selezionati delle risposte cardiovascolari allo stress acuto. Lärm und Krankheit [Rumore e malattia], a cura di H Ising e B Kruppa. Stoccarda: Gustav Fischer.

Fajen, J, B Albright e SS Leffingwell. 1981. Un'indagine trasversale sull'igiene medica e industriale dei lavoratori esposti al disolfuro di carbonio. Scand J Ambiente di lavoro Salute 7 Suppl. 4:20-27.

Färkkilä, M, I Pyykkö, e E Heinonen. 1990. Stress da vibrazione e sistema nervoso autonomo. Kurume Med J 37:53-60.

Fisher, LD e DC Tucker. 1991. L'esposizione al rumore del getto d'aria aumenta rapidamente la pressione sanguigna nei giovani ratti ipertesi borderline. J Ipertensione 9:275-282.

Frauendorf, H, U Kobryn e W Gelbrich. 1992. [Reazioni circolatorie alle sollecitazioni fisiche degli effetti del rumore rilevanti per la medicina del lavoro (in tedesco)]. In Arbeitsmedizinische Aspekte der Arbeits (-zeit) organization [Aspetti di medicina del lavoro dell'organizzazione del posto di lavoro e dell'orario di lavoro], a cura di R Kreutz e C Piekarski. Stoccarda: Gentner.

Frauendorf, H, U Kobryn, W Gelbrich, B Hoffman e U Erdmann. 1986. [Esami ergometrici sui diversi gruppi muscolari e sui loro effetti sulla frequenza del battito cardiaco e sulla pressione sanguigna (in tedesco).] Zeitschrift für klinische Medizin 41:343-346.

Frauendorf, H, G Caffier, G Kaul e M Wawrzinoszek. 1995. Modelluntersuchung zur Erfassung und Bewertung der Wirkung kombinierter physischer und psychischer Belastungen auf Funktionen des Herz-Kreislauf-Systems (Schlußbericht) [Modello di ricerca sulla considerazione e valutazione degli effetti degli stress fisici e psichici combinati sulle funzioni del sistema cardiovascolare
(Rapporto finale)]. Bremerhaven: Wirtschaftsverlag NW.

Fritze, E e KM Müller. 1995. Herztod und akuter Myokardinfarkt nach psychischen oder physischen Belastungen—Kausalitätsfragen und Versicherungsrecht. Versicherungsmedizin 47:143-147.

Gamberale, F. 1990. Effetti fisiologici e psicologici dell'esposizione a campi magnetici ea frequenza estremamente bassa sull'uomo. Scand J Ambiente di lavoro Salute 16 Suppl. 1:51-54.

Gemne, G. 1992. Fisiopatologia e patogenesi dei disturbi nei lavoratori che utilizzano strumenti vibranti portatili. In Hand-Arm Vibration: A Comprehensive Guide for Occupational Health Professionals, a cura di PL Pelmear, W Taylor e DE Wasserman. New York: Van Nostrand Reinhold.
—. 1994. Dov'è la frontiera della ricerca per le vibrazioni mano-braccio? Scand J Work Environ Health 20, numero speciale: 90-99.

Gemne, G e W Taylor. 1983. Vibrazioni mano-braccio e sistema nervoso autonomo centrale. Atti del Simposio Internazionale, Londra, 1983. J Low Freq Noise Vib numero speciale.

Gierke, HE e CS Harris. 1990. Sulla potenziale associazione tra esposizione al rumore e malattie cardiovascolari. In Noise As a Public Health Problem, a cura di B Berglund e T Lindvall. Stoccolma: Consiglio svedese per la ricerca edilizia.

Glantz, SA e WW Parmley. 1995. Fumo passivo e malattie cardiache. GIAMA 273:1047-1053.

Glasgow, RE, JR Terborg, JF Hollis, HH Severson e MB Shawn. 1995. Take Heart: risultati della fase iniziale di un programma di benessere in cantiere. Am J Sanità pubblica 85: 209-216.

Gomel, M, B Oldenberg, JM Sumpson e N Owen. 1993. Riduzione del rischio cardiovascolare sul posto di lavoro: uno studio randomizzato di valutazione del rischio per la salute, istruzione, consulenza e incentivi. Am J Sanità pubblica 83:1231-1238.

Gordon, DJ, J Hyde e DC Trost. 1988. Variazione ciclica stagionale nei livelli plasmatici di lipidi e lipoproteine: il gruppo placebo della prova di prevenzione primaria coronarica delle cliniche di ricerca sui lipidi. JClin Epidemiol 41:679-689.

Griffin, MJ, 1990. Manuale delle vibrazioni umane. Londra: accademico.

Gross, R, D Jahn e P Schölmerich (a cura di). 1970. Lehrbuch der Inneren Medizin [Libro di testo di medicina interna]. Stoccarda: Schattauer.

Gross, D, H Willens e St Zeldis. 1981. Miocardite nella malattia del legionario. Petto 79(2):232-234.

Halhuber, C e K Traencker (a cura di). 1986. Die Koronare Herzkrankheit—eine Herausforderung an Politik und Gesellschaft [Malattia coronarica: una sfida politica e sociale]. Erlangen: Perimed.

Härenstam, A, T Theorell, K Orth-Gomer, UB Palm e AL Unden. 1987. Lavoro a turni, latitudine decisionale e attività ectopica ventricolare: uno studio sugli elettrocardiogrammi di 24 ore nel personale carcerario svedese. Stress da lavoro 1:341-350.

Harris, JS. 1994. Promozione della salute nei luoghi di lavoro. In Medicina del Lavoro, a cura di C Zenz. St Louis: Mosby.

Harrison, DW e PL Kelly. 1989. Differenze di età nelle prestazioni cardiovascolari e cognitive in condizioni di rumore. Abilità percettive e motorie 69: 547-554.

Heinemann, L. 1993. MONICA East Germany Data Book. Berlino: ZEG.

Helmert, U, S Shea e U Maschewsky-Schneider. 1995. Classe sociale e cambiamenti dei fattori di rischio di malattie cardiovascolari nella Germania occidentale 1984-1991. EurJ Pub Health 5:103-108.

Heuchert, G e G Enderlein. 1994. Registri professionali in Germania: diversità nell'approccio e nell'impostazione. In Garanzia di qualità dei servizi di medicina del lavoro. Bremerhaven: Wirtschaftsverlag NW.
Higuchi, M de L, CF DeMorais, NV Sambiase, AC Pereira-Barretto, G Bellotti e F Pileggi. 1990. Criteri istopatologici della miocardite: uno studio basato su cuore normale, cuore chagasico e cardiomiopatia dilatativa. Circul giapponese J 54(4):391-400.

Hinderliter, AL, AF Adams, CJ Price, MC Herbst, G Koch e DS Sheps. 1989. Effetti dell'esposizione di monossido di carbonio a basso livello sulle aritmie ventricolari a riposo e indotte dall'esercizio in pazienti con malattia coronarica e nessuna ectopia basale. Arch Environ Health 44(2):89-93.

Hofmann, F (a cura di). 1993. Infektiologie—Diagnostik Therapie Prophylaxe—Handbuch und Atlas für Klinik und Praxis [Infectology—Diagnostik Therapy Prophylaxis—Handbook and Atlas for Clinic and Practice]. Landsberg: Ecomed.

Ilmarinen, J. 1989. Lavoro e salute cardiovascolare: punto di vista della fisiologia occupazionale. Anna Med 21:209-214.

Ising, H e B Kruppa. 1993. Lärm und Krankheit [Rumore e malattia]. Atti del Simposio Internazionale “Noise and Disease”, Berlino, 26-28 settembre 1991. Stoccarda: Gustav Fischer.

Janssen, H. 1991. Zur Frage der Effektivität und Effizienz betrieblicher Gesundheitsförderung—Ergebnisse einer Literatur recherche [Sulla questione dell'efficacia e dell'efficienza della ricerca sanitaria aziendale—Risultati di una ricerca bibliografica]. Zeitschrift für Präventivmedizin und Gesundheitsförderung 3:1-7.

Jegaden, D, C LeFuart, Y Marie e P Piquemal. 1986. Contribution à l'étude de la relation bruit-hypertension artérielle à propos de 455 marins de commerce agés de 40 à 55 ans. Arch mal prof (Parigi) 47:15-20.

Kaji, H, H Honma, M Usui, Y Yasuno e K Saito. 1993. Analisi di 24 casi di sindrome del martello ipotenare osservati tra i lavoratori esposti alle vibrazioni. In Proceedings of 6th International Conference on Hand-Arm-Vibration, a cura di H Dupuis, E Christ, DJ Sandover, W Taylor e A Okade. Essen: Druckzentrum Sutter.

Kannel, WB, A Belanger, R D'Agostino e I Israel. 1986. Attività fisica e richiesta fisica sul posto di lavoro e rischio di malattie cardiovascolari e morte: The Framingham Study. Sono il cuore G 112:820-825.

Karasek, RA e T Theorell. 1990. Lavoro sano. New York: libri di base.

Karnaukh, NG, GA Petrow, CG Mazai, MN Zubko e ER Doroklin. 1990. [La temporanea perdita di capacità lavorativa nei lavoratori nelle officine calde dell'industria metallurgica a causa di malattie degli organi circolatori (in russo)]. Vracebnoe delo 7:103-106.

Kaufmann, AF e ME Potter. 1986. Psittacosi. Malattie respiratorie professionali, a cura di JA Merchant. Pubblicazione n. 86-102. Washington, DC: NIOSH.

Kawahara, J, H Sano, H Fukuzaki, H Saito e J Hirouchi. 1989. Effetti acuti dell'esposizione al freddo sulla pressione sanguigna, sulla funzione piastrinica e sull'attività nervosa simpatica nell'uomo. Am J Ipertensione 2:724-726.

Keatinge, WR, SRW Coleshaw, JC Eaton et al. 1986. Aumento della conta piastrinica e dei globuli rossi, viscosità del sangue e livelli di colesterolo plasmatico durante lo stress da calore e mortalità per trombosi coronarica e cerebrale. Am J Med 81: 795-800.

Khaw, KT. 1995. Temperatura e mortalità cardiovascolare. Lancetta 345: 337-338.

Kleinman, MT, DM Davidson, RB Vandagriff, VJ Caiozzo e JL Whittenberger. 1989. Effetti dell'esposizione a breve termine al monossido di carbonio in soggetti con malattia coronarica. Arch Environ Health 44(6):361-369.

Kloetzel, K, AE de Andrale, J Falleiros, JC Pacheco. 1973. Relazione tra ipertensione ed esposizione prolungata al calore. J Occup Med 15: 878-880.

Knave, B. 1994. Campi elettrici e magnetici e risultati sulla salute: una panoramica. Scand J Work Environ Health 20, numero speciale: 78-89.

Knutsson, A. 1989. Rapporti tra trigliceridi sierici e gamma-glutamiltransferasi tra lavoratori a turni e giornalieri. G Int Med 226:337-339.

Knutsson, A, TÅkerstedt, BG Jonsson, and K Orth-Gomer. 1986. Aumento del rischio di cardiopatia ischemica nei turnisti. Lancetta 2:89-92.

Kornhuber, HH e G Lisson. 1981. Bluthochdruck—sind Industriestressoren, Lärm oder Akkordarbeit wichtige Ursachen? Deutsche medizinische Wochenschrift 106:1733-1736.

Kristensen, TS. 1989. Malattie cardiovascolari e ambiente di lavoro. Scand J Ambiente di lavoro Salute 15:245-264.

—. 1994. Malattie cardiovascolari e ambiente di lavoro. In Encyclopedia of Environmental Control Technology, a cura di PN Cheremisinoff. Houston: Golfo.

—. 1995. Il modello di supporto del controllo della domanda: sfide metodologiche per la ricerca futura. Medicina dello stress 11:17-26.

Kunst, AE, CWN Looman e JP Mackenbach. 1993. Temperatura dell'aria esterna e mortalità nei Paesi Bassi: un'analisi delle serie temporali. Am J Epidemiol 137:331-341.

Landsbergis, PA, SJ Schurman, BA Israel, PL Schnall, MK Hugentobler, J Cahill e D Baker. 1993. Stress da lavoro e malattie cardiache: prove e strategie per la prevenzione. Nuove Soluzioni :42-58.

Lavie, P, N Chillag, R Epstein, O Tzischinsky, R Givon, S Fuchs e B Shahal. 1989. Disturbi del sonno nei turnisti: come marker per la sindrome da disadattamento. Stress da lavoro 3:33-40.

Lebedeva, NV, ST Alimova e FB Efendiev. 1991. [Studio sulla mortalità tra i lavoratori esposti al microclima di riscaldamento (in russo)]. Gigiena truda i professionalnye zabolevanija 10:12-15.

Lennernäs, M, TÅkerstedt e L Hambraeus. 1994. Alimentazione notturna e colesterolo sierico dei lavoratori a tre turni. Scand J Ambiente di lavoro Salute 20:401-406.

Levi, L. 1972. Stress e disagio in risposta a stimoli psicosociali. Acta Med Scand Suppl. 528.

—. 1983. Stress e malattie coronariche: cause, meccanismi e prevenzione. Atto Nerv Super 25:122-128.

Lloyd, EL. 1991. Il ruolo del freddo nella cardiopatia ischemica: una revisione. Salute pubblica 105:205-215.

Mannebach, H. 1989. [Gli ultimi 10 anni hanno migliorato le possibilità di prevenire la malattia coronarica? (in tedesco)]. J Prev Med Salute Res 1:41-48.

Marmotta, M e T Theorell. 1991. Classe sociale e malattie cardiovascolari: il contributo del lavoro. In The Psychosocial Work Environment, a cura di TV Johnson e G Johannson. Amityville: Baywood.

Marshall, M e P Bilderling. 1984. [The Hypothenar-Hammer syndrome e importante diagnosi differenziale sulla malattia del dito bianco correlata alle vibrazioni (in tedesco)]. In Neurotoxizität von Arbeitsstoffen. Kausalitätsprobleme beim Berufskrebs. Vibrazione. [Neurotossicità da sostanze sul posto di lavoro. Causality Problems with Occupational Cancer], a cura di H. Konietzko e F. Schuckmann. Stoccarda: Gentner.

Michalak, R, H Ising, e E Rebentisch. 1990. Effetti circolatori acuti del rumore di volo militare a bassa quota. Int Arch Occup Environ Health 62:365-372.

Mielck, A. 1994. Krankheit und sociale Ungleichheit. Opladen: Leske & Budrich.

Millar, K e MJ Acciai. 1990. Vasocostrizione periferica sostenuta durante il lavoro in continuo rumore intenso. Aviat Space Environ Med 61:695-698.

Mittleman, MA, M Maclure, GH Tofler, JB Sherwood, RJ Goldberg e JE Muller. 1993. Innesco di infarto miocardico acuto da sforzo fisico pesante. New Engl J Med 329:1677-1683.
Morris, JN, JA Heady e PAB Raffle. 1956. Physique of London busmen: Epidemiology of uniforms. Lancetta 2:569-570.

Morris, JN, A Kagan, DC Pattison, MJ Gardner e PAB Raffle. 1966. Incidenza e previsione della cardiopatia ischemica negli autobus di Londra. Lancetta 2:553-559.

Moulin, JJ, P Wild, B Mantout, M Fournier-Betz, JM Mur e G Smagghe. 1993. Mortalità per cancro ai polmoni e malattie cardiovascolari tra i lavoratori della produzione di acciaio inossidabile. Il cancro causa il controllo 4:75-81.

Mrowietz, U. 1991. Klinik und Therapie der Lyme-Borreliose. Informationen über Infektionen [Clinica e terapia della borreliosi di Lyme. Information on Infections-Scientific Conference, Bonn, 28-29 giugno 1990]. Basilea: Editiones Roches.

Murza, G e U Laaser. 1990, 1992. Hab ein Herz für Dein Herz [Abbi un cuore per il tuo cuore]. Gesundheitsförderung [Ricerca sanitaria]. vol. 2 e 4. Bielefeld: IDIS.

Istituto Nazionale di Cuore, Polmone e Sangue. 1981. Controllo per la pressione sanguigna nell'ambiente di lavoro, Università del Michigan. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

Neild, PJ, P Syndercombe-Court, WR Keatinge, GC Donaldson, M Mattock e M Caunce. 1994. Aumenti indotti dal freddo nella conta degli eritrociti, nel colesterolo plasmatico e nel fibrinogeno plasmatico delle persone anziane senza un aumento paragonabile della proteina C o del fattore X. Clin Sci Mol Med 86:43-48.

Nurminen, M e S Hernberg. 1985. Effetti dell'intervento sulla mortalità cardiovascolare dei lavoratori esposti al solfuro di carbonio: un follow-up di 15 anni. Brit J Ind Med 42:32-35.

Olsen, N. 1990. Iperreattività del sistema nervoso simpatico centrale nel dito bianco indotto da vibrazioni. Kurume MedJ 37:109-116.

Olsen, N e TS Kristensen. 1991. Impatto dell'ambiente di lavoro sulle malattie cardiovascolari in Danimarca. J Epidemiol Community Health 45:4-10.

Orth-Gomer, K. 1983. Intervento sui fattori di rischio coronarico adattando un programma di lavoro a turni alla ritmicità biologica. Psychosom Med 45:407-415.

Paffenbarger, RS, ME Laughlin, AS Gima e RA Black. 1970. Attività lavorativa degli scaricatori di porto in relazione alla morte per malattia coronarica e ictus. New Engl J Med 282:1109-1114.

Pan, WH, LA Li e MJ Tsai. 1995. Temperature estreme e mortalità per malattia coronarica e infarto cerebrale nei cinesi anziani. Lancetta 345:353-355.

Parrot, J, JC Petiot, JP Lobreau e HJ Smolik. 1992. Effetti cardiovascolari del rumore impulsivo, del rumore del traffico stradale e del rumore rosa intermittente a LAeq=75 dB, in funzione del sesso, dell'età e del livello di ansia: uno studio comparativo. Int Arch Occup Environ Health 63:477-484;485-493.

Pate, RR, M Pratt, SN Blair, WL Haskell, et al. 1995. Attività fisica e salute pubblica. Una raccomandazione dei Centers for Disease Control and Prevention e dell'American College of Sports Medicine. GIAMA 273:402-407.

Pelmear, PL, W Taylor e DE Wasserman (a cura di). 1992. Vibrazioni mano-braccio: una guida completa per i professionisti della medicina del lavoro. New York: Van Nostrand Reinhold.

Petiot, JC, J Parrot, JP Lobreau e JH Smolik. 1988. Differenze individuali nelle risposte cardiovascolari al rumore intermittente nelle femmine umane. Int J Psicofisiolo 6:99-109;111-123.

Pillsburg, HC. 1986. Ipertensione, iperlipoproteinemia, esposizione cronica al rumore: esiste sinergia nella patologia cocleare? Laringoscopio 96:1112-1138.

Powell, KE, PD Thompson, CJ Caspersen e JS Kendrick. 1987. L'attività fisica e l'incidenza della malattia coronarica. Ann Rev Pub Salute 8: 253-287.

Rebentisch, E, H Lange-Asschenfeld, e H Ising (a cura di). 1994. Gesundheitsgefahren durch Lärm: Kenntnisstand der Wirkungen von arbeitslärm, Umweltlärm und lanter Musik [Rischi per la salute dovuti al rumore: stato della conoscenza degli effetti del rumore sul posto di lavoro, del rumore ambientale e della musica ad alto volume]. Monaco di Baviera: MMV, Medizin Verlag.

Redmond, CK, J Gustin e E Kamon. 1975. Esperienza di mortalità a lungo termine dei lavoratori siderurgici: VIII. Modelli di mortalità dei lavoratori siderurgici a focolare aperto. J Occup Med 17:40-43.

Redmond, CK, JJ Emes, S Mazumdar, PC Magee e E Kamon. 1979. Mortalità dei lavoratori siderurgici impiegati in lavori a caldo. J Environ Pathol Toxicol 2:75-96.

Reindell, H e H Roskamm (a cura di). 1977. Herzkrankheiten: Pathophysiologie, Diagnostik, Therapie
[Malattie cardiache: fisiopatologia, diagnostica, terapia]. Berlino: Springer.

Riecker, G (a cura di). 1988. Therapie innerer Krankheiten [Terapia delle malattie interne]. Berlino: Springer.

Rogot, E e SJ Padgett. 1976. Associazioni di mortalità coronarica e ictus con temperatura e nevicate in aree selezionate degli Stati Uniti 1962-1966. Am J Epidemiol 103:565-575.

Romon, M, MC Nuttens, C Fievet, P Pot, JM Bard, D Furon e JC Fruchart. 1992. Aumento dei livelli di trigliceridi nei turnisti. Am J Med 93:259-262.

Rutenfranz, J, P Knauth, e D Angersbach. 1981. Problemi di ricerca sul lavoro a turni. In Ritmi biologici, sonno e lavoro a turni, a cura di LC Johnson, DI Tepas, WP Colquhoun e MJ Colligan. New York: Spettro.

Saltin, B. 1992. Stile di vita sedentario: un rischio per la salute sottovalutato. G Int Med 232:467-469.
Schnall, PL, PA Landsbergis e D Baker. 1994. Sforzo di lavoro e malattie cardiovascolari. Ann Rev Pub Salute 15: 381-411.

Schulz, FH e H Stobbe (a cura di). 1981. Grundlagen und Klinik innerer Erkrankungen [Fondamenti e clinica delle malattie interne]. vol. III. Berlino: Volk e Gesundheit.

Schwarze, S e SJ Thompson. 1993. Ricerca sugli effetti fisiologici non uditivi del rumore dal 1988: revisione e prospettive. In Bruit et Santé [Noise and Man '93: Noise As a Public Health Problem], a cura di M Vallet. Arcueil: ist. national de recherche sur les transports et leur securité.

Siegrist, J. 1995. Crisi sociali e salute (in tedesco). Gottinga: Hogrefe.

Shadick, NA, CB Phillips, EL Logigian, AC Steere, RF Kaplan, VP Berardi, PH Duray, MG Larson, EA Wright, KS Ginsburg, JN Katz e MH Liang. 1994. Gli esiti clinici a lungo termine della malattia di Lyme: uno studio di coorte retrospettivo basato sulla popolazione. Ann Intern Med 121:560-567.

Stern, FB, WE Halperin, RW Hornung, VL Ringenburg e CS McCammon. 1988. Mortalità per malattie cardiache tra gli ufficiali di ponti e tunnel esposti al monossido di carbonio. Am J Epidemiol 128(6):1276-1288.

Stout, RW e V Grawford. 1991. Variazioni stagionali nelle concentrazioni di fibrinogeno tra gli anziani. Lancetta 338:9-13.

Sundermann, A (a cura di). 1987. Lehrbuch der Inneren Medizin [Libro di testo di medicina interna]. Jena: Gustav Fisher.

Suurnäkki, T, J Ilmarinen, G Wägar, E Järvinen e K Landau. 1987. Malattie cardiovascolari dei dipendenti comunali e fattori di stress occupazionale in Finlandia. Int Arch Occup Environ Health 59:107-114.

Talbott, E, PC Findlay, LH Kuller, LA Lenkner, KA Matthews, RA Day e EK Ishii. 1990. Perdita dell'udito indotta dal rumore: un possibile marker per l'ipertensione nelle popolazioni più anziane esposte al rumore. J Occup Med 32:690-697.

Tanaka, S, A Konno, A Hashimoto. 1989. L'influenza delle basse temperature sulla progressione dell'ipertensione: uno studio epidemiologico. J Ipertensione 7 Suppl. 1:549-551.

Theorell, T. 1993. Aspetti medici e psicologici degli interventi sul lavoro. Int Rev Ind Organo Psicol 8: 173-192.

Theorell, T, G Ahlberg-Hulten, L Alfredsson, A Perski, and F Sigala. 1987. Bullers Effekter Pa Människor. Rapporti di ricerca sullo stress, n. 195. Stoccolma: Istituto nazionale dei fattori psicosociali e della salute.

Theorell, T, A Perski, K Orth-Gomer, U de Faire. 1991. Gli effetti dello sforzo del ritorno al lavoro sul rischio di morte cardiaca dopo una prima infrazione miocardica prima dei 45 anni. Int J Cardiol 30: 61-67.

Thompson, SJ. 1993. Revisione: Effetti sulla salute extraurali dell'esposizione cronica al rumore negli esseri umani. In Lärm und Krankheit [Rumore e malattia], a cura di H Ising e B Kruppa. Stoccarda: Gustav Fischer.

Tüchsen, F. 1993. Orario di lavoro e cardiopatia ischemica negli uomini danesi: uno studio di coorte di 4 anni sull'ospedalizzazione. Int J Epidemiol 22:215-221.

Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP), Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e Associazione internazionale per la protezione dalle radiazioni (IRPA). 1984. Campi a frequenza estremamente bassa (ELF). Criteri di salute ambientale, n. 35. Ginevra: OMS.

—. 1987. Campi magnetici. Criteri di salute ambientale, n. 69. Ginevra: OMS.

van Dijk, FJH. 1990. Ricerca epidemiologica sugli effetti non uditivi dell'esposizione professionale al rumore. Environ Int 16 (numero speciale): 405-409.

van Dijk, FJH, JHA Verbeek e FF de Vries. 1987. Effetti non uditivi del rumore professionale nell'industria. V. Uno studio sul campo in un cantiere navale. Int Arch Occup Environ Health 59:55-62;133-145.

Virokannas, H. 1990. Riflessi cardiovascolari nei lavoratori esposti a vibrazioni mano-braccio. Kurume MedJ 37:101-107.

Weir, FW e VL Fabiano. 1982. Rivalutazione del ruolo del monossido di carbonio nella produzione o aggravamento dei processi di malattie cardiovascolari. J Occup Med 24(7):519-525

Wells, A.J. 1994. Il fumo passivo come causa di malattie cardiache. GIAMA 24:546-554.

Wielgosz, AT. 1993. Il declino della salute cardiovascolare nei paesi in via di sviluppo. Statistica mondiale sulla salute Q 46:90-150.

Wikström, BO, A Kjellberg e U Landström. 1994. Effetti sulla salute dell'esposizione professionale a lungo termine alle vibrazioni di tutto il corpo: una revisione. Int J Ind Erg 14:273-292.

Wild, P, JJ Moulin, FX Ley e P Schaffer. 1995. Mortalità per malattie cardiovascolari tra i minatori di potassio esposti al calore. Epidemiologia 6:243-247.

Willich, SN, M Lewis, H Löwel, HR Arntz, F Schubert e R Schröder. 1993. Lo sforzo fisico come fattore scatenante dell'infarto miocardico acuto. New Engl J Med 329:1684-1690.

Wojtczak-Jaroszowa, J e D Jarosz. 1986. Reclami sanitari, malattie e infortuni dei lavoratori impiegati in ambienti con temperature elevate. Canad J Pub Salute 77: 132-135.

Woodhouse, PR, KT Khaw e M Plummer. 1993a. Variazione stagionale della pressione sanguigna in relazione alla temperatura negli uomini e nelle donne anziani. J Ipertensione 11:1267-1274.

—. 1993 b. Variazione stagionale dei lipidi in una popolazione anziana. Età Invecchiamento 22:273-278.

Woodhouse, PR, KT Khaw, TW Meade, Y Stirling e M Plummer. 1994. Variazioni stagionali del fibrinogeno plasmatico e dell'attività del fattore VII negli anziani: infezioni invernali e morte per malattie cardiovascolari. Lancetta 343:435-439.

Progetto MONICA dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. 1988. Variazione geografica dei principali fattori di rischio di malattia coronarica negli uomini e nelle donne di età compresa tra 35 e 64 anni. World Health Stat Q 41: 115-140.

—. 1994. Infarto miocardico e morti coronariche nel progetto MONICA dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Procedure di registrazione, tassi di eventi e casi di mortalità in 38 popolazioni di 21 paesi in quattro continenti. Circolazione 90:583-612.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1973. Rapporto di un comitato di esperti dell'OMS sul monitoraggio ambientale e sanitario nella salute sul lavoro. Technical Report Series, n. 535. Ginevra: OMS.

—. 1975. Classificazione internazionale delle malattie, 9a revisione. Ginevra: OMS

—. 1985. Identificazione e controllo delle malattie professionali. Technical Report Series, n. 714. Ginevra: OMS.

—. 1994a. Fattori di rischio di malattie cardiovascolari: nuove aree di ricerca. Serie di rapporti tecnici, n. 841. Ginevra: OMS.

—. 1994 b. World Health Statistics Annual 1993. Ginevra: OMS.

Wyndham, CH e SA Fellingham. 1978. Clima e malattia. S Afr Med J 53:1051-1061.

Zhao, Y, S Liu e S Zhang. 1994. Effetti dell'esposizione al rumore a breve termine sulla frequenza cardiaca e sul segmento ST dell'ECG nei ratti maschi. In Rischi per la salute dovuti al rumore: stato della conoscenza degli effetti del rumore sul posto di lavoro, del rumore ambientale e della musica ad alto volume, a cura di E Rebentisch, H Lange-Asschenfeld e H Ising. Monaco di Baviera: MMV, Medizin Verlag.