Mercoledì, Febbraio 16 2011 22: 39

Ossa e articolazioni

Vota questo gioco
(Voto 1)

L'osso e la cartilagine fanno parte dei tessuti connettivi specializzati che costituiscono il sistema scheletrico. L'osso è un tessuto vivente che si rinnova continuamente. La durezza dell'osso ben si adatta al compito di fornire la funzione di supporto meccanico, e l'elasticità della cartilagine, alla capacità di movimento delle articolazioni. Sia la cartilagine che l'osso sono costituiti da cellule specializzate che producono e regolano una matrice di materiale all'esterno delle cellule. La matrice è ricca di collageni, proteoglicani e proteine ​​non collagene. I minerali sono presenti anche nella matrice ossea.

La parte esterna dell'osso è chiamata corteccia ed è un osso compatto. La parte interna più spugnosa (osso trabecolare) è piena di midollo osseo che forma sangue (ematopoietico). Le parti interne ed esterne dell'osso hanno tassi di turnover metabolico diversi, con importanti conseguenze per l'osteoporosi in tarda età. L'osso trabecolare si rigenera a una velocità maggiore rispetto all'osso compatto, motivo per cui l'osteoporosi si osserva per la prima volta nei corpi vertebrali della colonna vertebrale, che hanno grandi parti trabecolari.

L'osso nel cranio e in altri siti selezionati si forma direttamente per formazione ossea (ossificazione intramembranosa) senza passare attraverso una fase intermedia della cartilagine. Le ossa lunghe degli arti si sviluppano dalla cartilagine attraverso un processo noto come ossificazione endocondrale. Questo processo è ciò che porta alla normale crescita delle ossa lunghe, alla riparazione delle fratture e, nella tarda età adulta, alla singolare formazione di nuovo osso in un'articolazione che è diventata osteoartritica.

L'osteoblasto è un tipo di cellula ossea responsabile della sintesi dei componenti della matrice nell'osso: il collagene distinto (tipo I) e i proteoglicani. Gli osteoblasti sintetizzano anche altre proteine ​​​​non collagene dell'osso. Alcune di queste proteine ​​possono essere misurate nel siero per determinare il tasso di turnover osseo.

L'altra cellula ossea distinta è chiamata osteoclasto. L'osteoclasto è responsabile del riassorbimento osseo. In circostanze normali, il vecchio tessuto osseo viene riassorbito mentre viene generato nuovo tessuto osseo. L'osso viene riassorbito dalla produzione di enzimi che dissolvono le proteine. Il turnover osseo è chiamato rimodellamento ed è normalmente un processo equilibrato e coordinato di riassorbimento e formazione. Il rimodellamento è influenzato dagli ormoni corporei e dai fattori di crescita locali.

Le articolazioni mobili (diartrodiali) si formano dove due ossa si incastrano. Le superfici articolari sono progettate per sostenere il peso e per adattarsi a una gamma di movimenti. L'articolazione è racchiusa da una capsula fibrosa, la cui superficie interna è una membrana sinoviale, che secerne liquido sinoviale. La superficie articolare è costituita da cartilagine ialina, al di sotto della quale si trova un supporto di osso duro (subcondrale). All'interno dell'articolazione, i legamenti, i tendini e le strutture fibrocartilaginee (menischi in alcune articolazioni, come il ginocchio), forniscono stabilità e una perfetta aderenza tra le superfici articolari. Le cellule specializzate di questi componenti articolari sintetizzano e mantengono le macromolecole della matrice le cui interazioni sono responsabili del mantenimento della resistenza alla trazione di legamenti e tendini, il tessuto connettivo lasso che sostiene i vasi sanguigni e gli elementi cellulari della membrana sinoviale, il liquido sinoviale viscoso, il elasticità della cartilagine ialina e rigidità dell'osso subcondrale. Questi componenti articolari sono interdipendenti e le loro relazioni sono mostrate nella tabella 1.

Tabella 1. Relazioni struttura-funzione e interdipendenza delle componenti articolari.

Componenti

Structure

funzioni

Legamenti e tendini

Tessuto denso, fibroso, connettivo

Previene l'eccessiva estensione delle articolazioni, fornisce stabilità e resistenza

Membrana sinoviale

Areolare, vascolare e cellulare

Secerne il liquido sinoviale, dissolve (fagocitosi) il materiale particolato nel liquido sinoviale

Liquido sinoviale

Fluido viscoso

Fornisce nutrienti per le articolazioni della cartilagine, lubrifica la cartilagine durante il movimento articolare

Cartilagine

Cartilagine ialina compatta

Costituisce la superficie articolare, sopporta il peso, risponde elasticamente alla compressione

Marchio di marea

Cartilagine calcificata

Separa la cartilagine articolare dall'osso sottostante

Osso subcondrale

Osso duro con spazi midollari

Fornisce supporto per la superficie articolare; La cavità midollare fornisce nutrienti alla base della cartilagine ed è la fonte di cellule con potenziale per la formazione di nuovo osso

Fonte: Hamerman e Taylor 1993.

Malattie selezionate delle ossa e delle articolazioni

Osteopenia è il termine generico utilizzato per descrivere la ridotta sostanza ossea rilevata ai raggi X. Spesso asintomatico nelle prime fasi, può infine manifestarsi come un indebolimento delle ossa. La maggior parte delle condizioni elencate di seguito induce osteopenia, sebbene i meccanismi con cui ciò si verifica siano diversi. Ad esempio, un eccesso di ormone paratiroideo migliora il riassorbimento osseo, mentre la carenza di calcio e fosfato, che può derivare da molteplici cause ed è spesso dovuta a una carenza di vitamina D, si traduce in una carenza di mineralizzazione. Quando le persone invecchiano, c'è uno squilibrio tra la formazione e il riassorbimento dell'osso. Nelle donne intorno all'età della menopausa predomina spesso il riassorbimento, una condizione chiamata osteoporosi di tipo I. In età avanzata, il riassorbimento può nuovamente dominare e portare all'osteoporosi di tipo II. L'osteoporosi di tipo I di solito colpisce la perdita ossea vertebrale e il collasso, mentre la frattura dell'anca predomina nel tipo II.

L'osteoartrosi (OA) è il principale disturbo cronico di alcune articolazioni mobili e la sua incidenza aumenta con l'età. All'età di 80 anni, quasi tutte le persone hanno articolazioni ingrossate sulle dita (nodi di Heberden). Questo di solito ha un significato clinico molto limitato. Le principali articolazioni portanti che sono soggette all'artrosi sono l'anca, il ginocchio, i piedi e le sfaccettature della colonna vertebrale. La spalla, sebbene non sostenga il peso, può anche soffrire di una varietà di alterazioni artritiche, tra cui la rottura della cuffia dei rotatori, la sublussazione della testa omerale e un versamento ad alto contenuto di enzimi proteolitici, un quadro clinico spesso chiamato "spalla di Milwaukee" e associato a forte dolore e limitazione del movimento. Il principale cambiamento nell'OA è principalmente quello della degradazione della cartilagine, ma la nuova formazione ossea chiamata osteofiti è solitamente visibile ai raggi X.

 

Di ritorno

Leggi 7556 volte Ultima modifica lunedì, 11 luglio 2011 08: 59
Altro in questa categoria: « Tendini Dischi intervertebrali "

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti del sistema muscoloscheletrico

Agenzia per la politica e la ricerca sanitaria (AHCPR). 1994. Problemi lombari acuti negli adulti. Linee guida per la pratica clinica 14. Washington, DC: AHCPR.

Allander, E. 1974. Prevalenza, incidenza e tassi di remissione di alcune comuni malattie o sindromi reumatiche. Scand J Rheumatol 3:145-153.

Accademia americana dei chirurghi ortopedici. 1988. Mozione congiunta. New York: Churchill Livingstone.
Anderson, JAD. 1988. Artrosi e la sua relazione con il lavoro. Scand J Ambiente di lavoro Salute 10:429-433.

Anderson, JJ e DT Felson. 1988. Fattori associati all'osteoartrosi del ginocchio nel primo National Health and Nutrition Survey (HANES 1): evidenza di un'associazione con il sovrappeso, la razza e le esigenze fisiche del lavoro. Am J Epidemiol 128:179-189.

Angelide, AC. 1982. Gangli della mano e del polso. In Chirurgia operativa della mano, a cura di DP Green. New York: Churchill Livingstone.

Armstrong, TJ, WA Castelli, G Evans e R Diaz-Perez. 1984. Alcuni cambiamenti istologici nel contenuto del tunnel carpale e le loro implicazioni biomeccaniche. J Occup Med 26(3):197-201.

Armstrong, TJ, P Buckle, L Fine, M Hagberg, B Jonsson, A Kilbom, I Kuorinka, B Silverstein, B Sjøgaard e E Viikari-Juntura. 1993. Un modello concettuale per i disturbi muscoloscheletrici del collo e degli arti superiori correlati al lavoro. Scand J Ambiente di lavoro Salute 19:73-84.

Arnett, FC, SM Edworthy, DA Bloch, DJ McShane, JF Fries, NS Cooper, LA Healey, SR Kaplan, MH Liang, HS Luthra, TAJ Medsger, DM Mitchell, DH Neustadt, RS Pinals, JG Schaller, JT Sharp, RL Wilder e GG Hunder. 1988. L'American Rheumatism Association 1987 ha rivisto i criteri per la classificazione dell'artrite reumatoide. Artrite Rheum 31:315-324.

Aronsson, G, U Bergkvist e S Almers. 1992. Organizzazione del lavoro e disturbi muscoloscheletrici nel lavoro al videoterminale (svedese con riassunto in inglese). Solna: Istituto nazionale di medicina del lavoro.
Axmacher, B e H Lindberg. 1993. Coxartrosi negli agricoltori. Clin Ortop 287:82-86.

Bergenudd, H, F Lindgärde, and B Nilsson. 1989. Prevalenza e coincidenza dei cambiamenti degenerativi delle mani e dei piedi nella mezza età e loro relazione con il carico di lavoro professionale, l'intelligenza e il background sociale. Clin Ortop 239:306-310.

Brinckmann, P e MH Papa. 1990. Effetti di carichi ripetuti e vibrazioni. In The Lumbar Spine, a cura di J Weinstein e SW Weisel. Filadelfia: WB Saunders.

Calin, A, J Elswood, S Rigg e SM Skevington. 1988. Spondilite anchilosante - una revisione analitica di 1500 pazienti: il modello mutevole della malattia. J Reumatolo 15:1234-1238.

Chaffin, D e GBJ Andersson. 1991. Biomeccanica occupazionale. New York: Wiley.

Daniel, RK e WC Breidenbach. 1982. Tendine: struttura, organizzazione e guarigione. Cap. 14 in The Musculoskeletal System: Embryology, Biochemistry and Physiology, a cura di RL Cruess. New York: Churchill Livingstone.

Dougados, M, S van der Linden, R Juhlin, B Huitfeldt, B Amor, A Calin, A Cats, B Dijkmans, I Olivieri, G Pasero, E Veys, and H Zeidler. 1991. Criteri preliminari del gruppo di studio europeo sulla spondiloartropatia per la classificazione della spondiloartropatia. Artrite Rheum 34:1218-1227.

Edwards, RHT. 1988. Ipotesi di meccanismi periferici e centrali alla base del dolore e delle lesioni muscolari professionali. Eur J Appl Physiol 57(3):275-281.

Felton, DT. 1990. L'epidemiologia dell'osteoartrosi del ginocchio: risultati del Framingham Osteoarthritis Study. Sem Arthrit Rheumat 20:42-50.

Felson, DT, JJ Anderson, A Naimark, AM Walker e RF Meenan. 1988. Obesità e artrosi del ginocchio: lo studio Framingham. Ann Intern Med 109:18-24.

Fungo, YB. 1972. Relazioni storiche stress-deformazione dei tessuti molli in semplice allungamento. Cap. 7 in Biomeccanica: i suoi fondamenti e obiettivi, a cura di YC Fung, N Perrone e M Anliker. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice Hall.

Gelberman, R, V Goldberg, K An e A Banes. 1987. Tendine. Cap. 1 in Lesione e riparazione del tessuto molle muscoloscheletrico, a cura di SL Woo e JA Buckwalter. Park Ridge, Ill: Accademia americana dei chirurghi ortopedici.

Gemne, G e H Saraste. 1987. Patologia ossea e articolare nei lavoratori che utilizzano strumenti vibranti manuali. Scand J Ambiente di lavoro Salute 13:290-300.

Goldberg, D.L. 1987. Sindrome fibromialgica. Una condizione emergente ma controversa. GIAMA 257:2782-2787.

Goldstein SA, TJ Armstrong, DB Chaffin e LS Matthews. 1987. Analisi della deformazione cumulativa nei tendini e nelle guaine dei tendini. J Biomech 20(1):1-6.

Gran, JT e G Husby. 1993. L'epidemiologia della spondilite anchilosante. Sem Arthrit Rheumat 22:319-334.

Linee guida e misure di audit per la supervisione specialistica dei pazienti con artrite reumatoide. Rapporto di un gruppo di lavoro congiunto della British Society for Rheumatology e dell'unità di ricerca del Royal College of Physicians. 1992. J Royal Coll Phys 26:76-82.

Hagberg, M. 1982. Sintomi e disturbi della tensione muscolare locale della spalla. J Hum Ergol 11:99-108.
Hagberg, M. e DH Wegman. 1987. Tassi di prevalenza e odds ratio delle malattie del collo della spalla in diversi gruppi professionali. Brit J Ind Med 44:602-610.

Hagberg, M, H Hendrick, B Silverstein, MJ Smith, R Well e P Carayon. 1995. Disturbi muscoloscheletrici legati al lavoro (WMSD): un libro di riferimento per la prevenzione, a cura di I Kuorinka e L Forcier. Londra: Taylor e Francesco.

Hägg, GM, J Suurküla e Å Kilbom. 1990. Predittori per i disturbi del collo-spalla legati al lavoro (svedese con riassunto in inglese). Solna: Istituto nazionale di medicina del lavoro.

Halpern, M. 1992. Prevenzione della lombalgia: ergonomia di base sul posto di lavoro e in clinica. Clin Rheum 6:705-730 di Bailliere.

Hamerman, D e S Taylor. 1993. Fattori umorali nella patogenesi dell'osteoartrosi. In Humoral Factors in the Regulation of Tissue Growth, a cura di PP Foá. New York: Primavera.

Hannan, MT, DT Felson, JJ Anderson, A Naimark e WB Kannel. 1990. Uso di estrogeni e artrosi radiografica del ginocchio nelle donne. Artrite Rheum 33:525-532.

Hansen, SM. 1993. Arbejdsmiljø Og Samfundsøkonomi -En Metode Til Konsekvensbeskrivning. Nord: Nordisk Ministerråd.

Hansen, SM e PL Jensen. 1993. Arbejdsmiljø Og Samfundsøkonomi - Regneark Og Dataunderlag. Nord: Nordisk Ministerråd. (Nordiske Seminar - og Arbejdsrapporter 1993:556.)

Hansson, J.E. 1987. Förararbetsplatser [Postazioni di lavoro per la guida, in svedese]. In Människan I Arbete, a cura di N Lundgren, G Luthman e K Elgstrand. Stoccolma: Almqvist & Wiksell.

Heliövaara, M, Mäkelä e K Sievers. 1993. Malattie muscoloscheletriche in Finlandia (in finlandese). Helsinki: Kansaneläkelaitoksen julkaisuja AL.

Järvholm U, G Palmerud, J Styf, P Herberts, R Kadefors. 1988. Pressione intramuscolare nel muscolo sovraspinato. J Ortop Res 6:230-238.

Giove, JB e HE Kleinert. 1988. Lesioni vascolari dell'arto superiore. In The Hand, a cura di R Tubiana. Filadelfia: WB Saunders.

Kärkkäinen, A. 1985. Osteoarthritis of the Hand in the Finnish Population Aged 30 Years and Over (in finlandese con riassunto in inglese). Finlandia: pubblicazioni dell'istituto di previdenza sociale.

Kivi, P. 1982. L'eziologia e il trattamento conservativo dell'epicondilite omerale. Scand J Rehabil Med 15:37-41.

Kivimäki, J. 1992. Reperti ultrasonici correlati al lavoro nelle ginocchia dei tappeti e dei posatori di pavimenti. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:400-402.

Kivimäki, J, H Riihimäki e K Hänninen. 1992. Disturbi del ginocchio in posatori di tappeti e pavimenti e pittori. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:310-316.

Kohatsu, ND e D Schurman. 1990. Fattori di rischio per lo sviluppo dell'osteoartrosi del ginocchio. Clin Ortop 261:242-246.

Kuorinka, I, B Jonsson, Å Kilbom, H Vinterberg, F Biering-Sørensen, G Andersson e K Jørgensen. 1987. Questionari nordici standardizzati per l'analisi dei sintomi muscoloscheletrici. Appl Ergon 18:233-237.

Kurppa, K, E Viikari-Juntura, E Kuosma, M Huus-konen e P Kivi. 1991. Incidenza di tenosinovite o peritendinite ed epicondilite in uno stabilimento di lavorazione della carne. Scand J Ambiente di lavoro Salute 17:32-37.

Leadbetter, WB. 1989. Concetti di stadiazione clinica nel trauma sportivo. Cap. 39 in Infiammazione indotta dallo sport: concetti scientifici clinici e di base, a cura di WB Leadbetter, JA Buckwalter e SL Gordon. Park Ridge, Ill: Accademia americana dei chirurghi ortopedici.

Lindberg, H e F Montgomery. 1987. Lavoro pesante e comparsa di gonartrosi. Clin Ortop 214:235-236.

Liss, GM e S Stock. 1996. La contrattura di Dupuytren può essere correlata al lavoro?: Revisione delle prove. Am J Ind Med 29:521-532.

Luigi, DS. 1992. La sindrome del tunnel carpale sul posto di lavoro. Cap. 12 in Occupational Disorders of the Upper Extremity, a cura di LH Millender, DS Louis e BP Simmons. New York: Churchill Livingstone.

Lundborg, G. 1988. Lesione e riparazione del nervo. Edimburgo: Churchill Livingstone.
Manz, A e W Rausch. 1965. Zur Pathogenese und Begutachtung der Epicondylitis humeri. Münch Med Wochenshcr 29:1406-1413.

Marsden, CD e deputato Sheehy. 1990. Il crampo dello scrittore. Tendenze Neurosci 13:148-153.

Mense, S. 1993. Meccanismi periferici della nocicezione muscolare e dolore muscolare locale. J Dolore muscoloscheletrico 1(1):133-170.

Moore, J.S. 1992. Funzione, struttura e risposte dell'unità muscolo-tendinea. Occup Med: State Art Rev 7(4):713-740.

Mubarak, SI. 1981. Sindromi compartimentali da sforzo. In Compartment Syndromes and Volkmann's Contracture, a cura di SJ Mubarak e AR Hargens. Filadelfia: WB Saunders.

Nachemson, A. 1992. Meccanica lombare rivelata dalle misurazioni della pressione intradiscale lombare. In The Lombar Spine and Back Pain, a cura di MIV Jayson. Edimburgo: Churchill Livingstone.

Obolenskaja, AJ, e Goljanitzki, JA. 1927. Die seröse Tendovaginitis in der Klinik und im Experiment. Dtsch Z Chir 201:388-399.

Partridge, REH e JJR Duthie. 1968. Reumatismi nei portuali e nei dipendenti pubblici: un confronto tra lavoratori manuali e sedentari pesanti. Ann Rheum Dis 27:559-568.

Rafusson V, OA Steingrímsdóttir, MH Olafsson e T Sveinsdóttir. 1989. Muskuloskeletala besvär bland islänningar. NordMed 104: 1070.

Roberts, S. 1990. Campionamento del disco intervertebrale. In Methods in Cartilage Research, a cura di A Maroudas e K Kuettner. Londra: stampa accademica.

Rydevik, BL e S Holm. 1992. Fisiopatologia del disco intervertebrale e delle strutture adiacenti. In The Spine, a cura di RH Rothman e FA Simeone. Filadelfia: WB Saunders.

Schüldt, K. 1988. Sull'attività dei muscoli del collo e sulla riduzione del carico nelle posizioni sedute. dottorato di ricerca tesi, Istituto Karolinska. Stoccolma.

Schüldt, K, J Ekholm, J Toomingas, K Harms-Ringdahl, M Köster e Stockholm MUSIC Study Group 1. 1993. Associazione tra resistenza/sforzo negli estensori del collo e disturbi del collo riportati (in svedese). In Stockholm Investigation 1, a cura di M Hagberg e C Hogstedt. Stoccolma: MUSICA Libri.

Silverstein, BA, LJ Fine e J Armstrong. 1986. Disturbi cumulativi da trauma del polso della mano nell'industria. Brit J Ind Med 43:779-784.

Sjøgaard, G. 1990. Affaticamento muscolare indotto dall'esercizio: il significato del potassio. Acta Physiol Scand 140 Suppl. 593:1-64.

Sjøgaard, G, OM Sejersted, J Winkel, J Smolander, K Jørgensen e R Westgaard. 1995. Valutazione dell'esposizione e meccanismi di patogenesi nei disturbi muscoloscheletrici legati al lavoro: aspetti significativi nella documentazione dei fattori di rischio. In Lavoro e Salute. Base scientifica del progresso nell'ambiente di lavoro, a cura di O Svane e C Johansen. Lussemburgo: Commissione europea, direzione generale V.

Spitzer, WO, FE LeBlanc, M Dupuis, et al. 1987. Approccio scientifico alla valutazione e gestione dei disturbi spinali legati all'attività. Colonna vertebrale 12(7S).

Tidswell, M. 1992. Libro di testo di ortopedia e reumatologia per fisioterapisti di Cash. Europa: Mosby.

Thompson, AR, LW Plewes e EG Shaw. 1951. Peritendinite crepitante e tenosinovite semplice: uno studio clinico su 544 casi nell'industria. Brit J Ind Med 8:150-160.

Urban, JPG e S Roberts. 1994. Chimica del disco intervertebrale in relazione ai requisiti funzionali. In Grieve's Modern Manual Therapy, a cura di JD Boyling e N Palastanga. Edimburgo: Churchill Livingstone.

Viikari-Juntura, E. 1984. Tenosinovite, peritendinite e sindrome del gomito del tennista. Scand J Ambiente di lavoro Salute 10:443-449.

Vingård, E, L Alfredsson, I Goldie e C Hogstedt. 1991. Occupazione e osteoartrosi dell'anca e del ginocchio. Int J Epidemiol 20:1025-1031.

Vingård, E, L Alfredsson, I Goldie e C Hogstedt. 1993. Sport e osteoartrosi dell'anca. Am J Sports Med 21:195-200.

Waters, TR, V Putz-Anderson, A Garg e LJ Fine. 1993. Equazione NIOSH rivista per la progettazione e la valutazione delle attività di sollevamento manuale. Ergonomia 36:739-776.

Wickström, G, K Hänninen, T Mattsson, T Niskanen, H Riihimäki, P Waris e A Zitting. 1983. Degenerazione del ginocchio nei lavoratori del rinforzo del calcestruzzo. Brit J Ind Med 40:216-219.

Wolfe, F. 1986. La sindrome clinica della fibrosite. Am J Med 81 Suppl. 3A:7-14.

Wolfe, F, HA Smythe, MB Yunus, RM Bennett, C Bombardier, DL Goldenberg, P Tugwell, SM Campbell, M Abeles, P Clark, AG Fam, SJ Farber, JJ Fiechtner, CM Franklin, RA Gatter, D Hamaty, J Lessard, AS Lichtbroun, AT Masi, GA McCain, WJ Reynolds, TJ Romano, IJ Russell e RP Sheon. 1990. I criteri dell'American College of Rheumatology per la classificazione della fibromialgia. Rapporto del comitato dei criteri multicentrici. Artrite Rheum 33:160-172.

Yunus, MB. 1993. Ricerca sulla fibromialgia e sulle sindromi dolorose miofasciali: stato attuale, problemi e direzioni future. J Dolore muscoloscheletrico 1(1):23-41.