Giovedi, 17 febbraio 2011 23: 19

Manifestazioni di avvelenamento acuto e precoce cronico

Vota questo gioco
(2 voti )

Le attuali conoscenze sulle manifestazioni a breve e lungo termine dell'esposizione a sostanze neurotossiche derivano da studi sperimentali su animali e studi sulle camere umane, studi epidemiologici su lavoratori attivi e pensionati e/o malati, studi e rapporti clinici, nonché disastri su larga scala , come quelli avvenuti a Bhopal, a seguito di una fuoriuscita di isocianato di metile, ea Minamata, per avvelenamento da metilmercurio.

L'esposizione a sostanze neurotossiche può produrre effetti immediati (acuti) e/o effetti a lungo termine (cronici). In entrambi i casi, gli effetti possono essere reversibili e scomparire nel tempo in seguito alla riduzione o cessazione dell'esposizione, oppure determinare danni permanenti e irreversibili. La gravità della compromissione acuta e cronica del sistema nervoso dipende dalla dose di esposizione, che comprende sia la quantità che la durata dell'esposizione. Come l'alcool e le droghe ricreative, molte sostanze neurotossiche possono essere inizialmente eccitanti, producendo una sensazione di benessere o euforia e/o accelerando le funzioni motorie; all'aumentare della dose in quantità o nel tempo, queste stesse neurotossine deprimeranno il sistema nervoso. Infatti, la narcosi (uno stato di stupore o insensibilità) è indotta da un gran numero di sostanze neurotossiche, che alterano la mente e deprimono il sistema nervoso centrale.

Avvelenamento acuto

Gli effetti acuti riflettono la risposta immediata alla sostanza chimica. La gravità dei sintomi e dei disturbi che ne derivano dipende dalla quantità che raggiunge il sistema nervoso. Con esposizioni lievi, gli effetti acuti sono lievi e transitori e scompaiono quando cessa l'esposizione. Mal di testa, stanchezza, stordimento, difficoltà di concentrazione, sensazione di ubriachezza, euforia, irritabilità, vertigini e riflessi rallentati sono i tipi di sintomi sperimentati durante l'esposizione a sostanze chimiche neurotossiche. Sebbene questi sintomi siano reversibili, quando l'esposizione viene ripetuta giorno dopo giorno, anche i sintomi si ripresentano. Inoltre, poiché la sostanza neurotossica non viene immediatamente eliminata dall'organismo, i sintomi possono persistere anche dopo il lavoro. I sintomi riportati in una particolare postazione di lavoro riflettono bene l'interferenza chimica con il sistema nervoso e dovrebbero essere considerati un segnale di avvertimento per una potenziale sovraesposizione; dovrebbero essere avviate misure preventive per ridurre i livelli di esposizione.

Se l'esposizione è molto elevata, come può verificarsi in caso di fuoriuscite, perdite, esplosioni e altri incidenti, i sintomi ei segni di intossicazione sono debilitanti (forti mal di testa, confusione mentale, nausea, vertigini, incoordinazione, visione offuscata, perdita di coscienza); se l'esposizione è sufficientemente elevata, gli effetti possono essere di lunga durata, con possibile conseguente coma e morte.

I disturbi acuti correlati ai pesticidi sono un evento comune tra i lavoratori agricoli nei paesi produttori di alimenti, dove grandi quantità di sostanze tossiche vengono utilizzate come insetticidi, fungicidi, nematocidi ed erbicidi. Organofosfati, carbammati, organoclorurati, piretro, piretrina, paraquat e diquat sono tra le principali categorie di pesticidi; esistono tuttavia migliaia di formulazioni di pesticidi, contenenti centinaia di principi attivi diversi. Alcuni pesticidi, come il maneb, contengono manganese, mentre altri sono disciolti in solventi organici. Oltre ai sintomi sopra menzionati, l'intossicazione acuta da organofosfati e carbammati può essere accompagnata da salivazione, incontinenza, convulsioni, spasmi muscolari, diarrea, disturbi visivi, nonché difficoltà respiratorie e tachicardia; questi derivano da un eccesso del neurotrasmettitore acetilcolina, che si verifica quando queste sostanze attaccano una sostanza chimica chiamata colinesterasi. La colinesterasi ematica diminuisce proporzionalmente al grado di intossicazione acuta da organofosfati o carbammati.

Con alcune sostanze, come i pesticidi organofosforati e il monossido di carbonio, esposizioni acute ad alto livello possono produrre un deterioramento ritardato di alcune parti del sistema nervoso. Per i primi possono verificarsi intorpidimento e formicolio, debolezza e squilibrio alcune settimane dopo l'esposizione, mentre per i secondi può verificarsi un deterioramento neurologico ritardato, con sintomi di confusione mentale, atassia, incoordinazione motoria e paresi. Ripetuti episodi acuti di alti livelli di monossido di carbonio sono stati associati al parkinsonismo in età avanzata. È possibile che elevate esposizioni a determinate sostanze chimiche neurotossiche possano essere associate a un aumento del rischio di disturbi neurodegenerativi più avanti nella vita.

Avvelenamento cronico

Il riconoscimento dei pericoli delle sostanze chimiche neurotossiche ha portato molti paesi a ridurre i livelli di esposizione consentiti. Tuttavia, per la maggior parte delle sostanze chimiche, il livello al quale non si verificheranno effetti avversi in caso di esposizione a lungo termine è ancora sconosciuto. L'esposizione ripetuta a livelli da bassi a medi di sostanze neurotossiche per molti mesi o anni può alterare le funzioni del sistema nervoso in modo insidioso e progressivo. La continua interferenza con i processi molecolari e cellulari fa sì che le funzioni neurofisiologiche e psicologiche subiscano lente alterazioni, che nelle prime fasi possono passare inosservate poiché ci sono grandi riserve nei circuiti del sistema nervoso e il danno può, nelle prime fasi, essere compensato attraverso un nuovo apprendimento.

Pertanto, la lesione iniziale del sistema nervoso non è necessariamente accompagnata da disturbi funzionali e può essere reversibile. Tuttavia, con il progredire del danno, i sintomi e i segni, spesso di natura non specifica, diventano evidenti e le persone possono rivolgersi a un medico. Infine, la menomazione può diventare così grave da manifestare una chiara sindrome clinica, generalmente irreversibile.

La Figura 1 schematizza il continuum di deterioramento della salute associato all'esposizione a sostanze neurotossiche. La progressione della disfunzione neurotossica dipende sia dalla durata che dalla concentrazione dell'esposizione (dose) e può essere influenzata da altri fattori sul posto di lavoro, dallo stato di salute individuale e dalla suscettibilità, nonché dallo stile di vita, in particolare dal consumo di alcol e dall'esposizione a sostanze neurotossiche utilizzate negli hobby, come colle applicate nell'assemblaggio di mobili o modellismo in plastica, vernici e sverniciatori.

Figura 1. Deterioramento della salute su un continuum all'aumentare del dosaggio

NER040F1

Diverse strategie sono adottate per l'identificazione di malattie neurotossine tra i singoli lavoratori e per la sorveglianza del deterioramento precoce del sistema nervoso tra i lavoratori attivi. La diagnosi clinica si basa su una costellazione di segni e sintomi, accoppiata alla storia medica e di esposizione per un individuo; eziologie diverse dall'esposizione devono essere sistematicamente escluse. Per la sorveglianza della disfunzione precoce tra i lavoratori attivi, il ritratto di gruppo della disfunzione è importante. Molto spesso, il modello di disfunzione osservato per il gruppo sarà simile al modello di compromissione osservato clinicamente nella malattia. È un po' come riassumere alterazioni precoci e lievi per produrre un quadro di ciò che sta accadendo al sistema nervoso. Il modello o il profilo della risposta precoce complessiva fornisce un'indicazione della specificità e del tipo di azione della particolare sostanza o miscela neurotossica. Nei luoghi di lavoro con potenziale esposizione a sostanze neurotossiche, la sorveglianza sanitaria di gruppi di lavoratori può rivelarsi particolarmente utile per la prevenzione e l'azione sul luogo di lavoro al fine di evitare lo sviluppo di malattie più gravi (cfr. Figura 2). Studi sul posto di lavoro condotti in tutto il mondo, con lavoratori attivi esposti a specifiche sostanze neurotossiche oa miscele di varie sostanze chimiche, hanno fornito preziose informazioni sulle prime manifestazioni di disfunzione del sistema nervoso in gruppi di lavoratori esposti.

Figura 2. Prevenzione della neurotossicità sul lavoro.

NER090F1

Primi sintomi di avvelenamento cronico

Gli stati d'animo alterati sono molto spesso i primi sintomi dei cambiamenti iniziali nel funzionamento del sistema nervoso. Irritabilità, euforia, sbalzi d'umore improvvisi, stanchezza eccessiva, sentimenti di ostilità, ansia, depressione e tensione sono tra gli stati d'animo più spesso associati a esposizioni neurotossiche. Altri sintomi includono problemi di memoria, difficoltà di concentrazione, mal di testa, visione offuscata, sensazione di ubriachezza, vertigini, lentezza, sensazione di formicolio alle mani o ai piedi, perdita di libido e così via. Sebbene nelle prime fasi questi sintomi non siano di solito sufficientemente gravi da interferire con il lavoro, riflettono un diminuito benessere e influenzano la capacità di godere appieno delle relazioni familiari e sociali. Spesso, a causa della natura non specifica di questi sintomi, i lavoratori, i datori di lavoro e gli operatori sanitari sul lavoro tendono a ignorarli e cercano cause diverse dall'esposizione sul posto di lavoro. In effetti, tali sintomi possono contribuire o aggravare una situazione personale già difficile.

Nei luoghi di lavoro in cui vengono utilizzate sostanze neurotossiche, i lavoratori, i datori di lavoro e il personale addetto alla salute e sicurezza sul lavoro devono essere particolarmente consapevoli della sintomatologia dell'intossicazione precoce, indicativa della vulnerabilità del sistema nervoso all'esposizione. Sono stati sviluppati questionari sui sintomi per gli studi sui luoghi di lavoro e la sorveglianza dei luoghi di lavoro in cui vengono utilizzate sostanze neurotossiche. La tabella 1 contiene un esempio di tale questionario.

 


Tabella 1. Lista di controllo dei sintomi cronici

 

Sintomi riscontrati nell'ultimo mese

1. Ti sei stancato più facilmente del previsto per il tipo di attività che svolgi?

2. Ti sei sentito stordito o stordito?

3. Hai avuto difficoltà a concentrarti?

4. Sei stato confuso o disorientato?

5. Hai avuto difficoltà a ricordare le cose?

6. I tuoi parenti hanno notato che hai difficoltà a ricordare le cose?

7. Hai dovuto prendere appunti per ricordare le cose?

8. Hai avuto difficoltà a capire il significato dei giornali?

9. Ti sei sentito irritabile?

10. Ti sei sentito depresso?

11. Hai avuto palpitazioni cardiache anche quando non ti stai esercitando?

12. Hai avuto un attacco?

13. Hai dormito più spesso del solito per te?

14. Hai avuto difficoltà ad addormentarti?

15. Sei stato infastidito dalla mancanza di coordinazione o dalla perdita di equilibrio?

16. Hai avuto perdita di forza muscolare nelle gambe o nei piedi?

17. Hai avuto perdita di forza muscolare nelle braccia o nelle mani?

18. Hai avuto difficoltà a muovere le dita o ad afferrare oggetti?

19. Hai avuto intorpidimento delle mani e formicolio alle dita che durano da più di un giorno?

20. Hai avuto intorpidimento delle mani e formicolio alle dita dei piedi che durano più di un giorno?

21. Hai avuto mal di testa almeno una volta alla settimana?

22. Hai avuto difficoltà a tornare a casa dal lavoro perché ti sentivi stordito o stanco?

23. Ti sei sentito "sballato" a causa delle sostanze chimiche utilizzate sul lavoro?

24. Hai avuto una minore tolleranza per l'alcol (ci vuole meno per ubriacarsi)?

Fonte: Tratto da Johnson 1987.


 

Cambiamenti motori, sensoriali e cognitivi precoci nell'avvelenamento cronico

Con l'aumentare dell'esposizione si possono osservare cambiamenti nelle funzioni motorie, sensoriali e cognitive nei lavoratori esposti a sostanze neurotossiche, che non presentano segni clinici di anomalia. Poiché il sistema nervoso è complesso e alcune aree sono vulnerabili a sostanze chimiche specifiche, mentre altre sono sensibili all'azione di un gran numero di agenti tossici, un'ampia gamma di funzioni del sistema nervoso può essere influenzata da un singolo agente tossico o da una miscela di neurotossine. Tempo di reazione, coordinazione occhio-mano, memoria a breve termine, memoria visiva e uditiva, attenzione e vigilanza, destrezza manuale, vocabolario, cambio di attenzione, forza di presa, velocità motoria, fermezza della mano, umore, visione dei colori, percezione vibrotattile, udito e olfatto sono tra le molte funzioni che hanno dimostrato di essere alterate da diverse sostanze neurotossiche.

Informazioni importanti sul tipo di deficit precoci che derivano dall'esposizione sono state fornite confrontando le prestazioni tra lavoratori esposti e non esposti e rispetto al grado di esposizione. Anger (1990) fornisce un'eccellente revisione della ricerca neurocomportamentale sul luogo di lavoro fino al 1989. La tabella 2 adattata da questo articolo fornisce un esempio del tipo di deficit neurofunzionali che sono stati costantemente osservati in gruppi di lavoratori attivi esposti ad alcuni dei più comuni sostanze neurotossiche.

Tabella 2. Effetti neurofunzionali consistenti dell'esposizione in cantiere ad alcune delle principali sostanze neurotossiche

 

Solventi organici misti

Solfuro di carbonio

Styrene

organofos-
fati

Piombo

mercurio

Acquisizione

+

 

 

+

 

Influenzare

+

 

+

 

+

 

categorizzazione

+

 

 

 

 

 

codifica

+

+

 

 

+

+

Visione dei colori

+

 

+

 

 

 

Cambio di concetto

+

 

 

 

 

 

distraibilità

 

 

 

 

+

 

Intelligence

+

+

 

+

+

+

Memorie

+

+

+

+

+

+

Coordinamento motorio

+

+

+

 

+

+

Velocità del motore

+

+

+

 

+

+

Sensibilità al contrasto visivo vicino

+

 

 

 

 

 

Soglia di percezione degli odori

+

 

 

 

 

 

Identificazione degli odori

+

 

 

 

+

 

Personalità

+

+

 

 

 

+

Relazioni spaziali

+

+

 

 

+

 

Soglia vibrotattile

+

 

 

+

 

+

vigilanza

+

+

 

 

+

 

Campo visivo

 

 

 

 

+

+

Vocabolario

 

 

 

 

+

 

Fonte: adattato da Anger 1990.

Sebbene in questa fase del continuum dal benessere alla malattia, la perdita non rientri nell'intervallo clinicamente anormale, possono esserci conseguenze sulla salute associate a tali cambiamenti. Ad esempio, una minore vigilanza e riflessi ridotti possono esporre i lavoratori a un maggior rischio di incidenti. L'olfatto viene utilizzato per identificare perdite e saturazione della maschera (sfondamento della cartuccia) e la perdita acuta o cronica dell'olfatto rende meno inclini a identificare una situazione potenzialmente pericolosa. I cambiamenti di umore possono interferire con le relazioni interpersonali sul lavoro, socialmente e in casa. Queste fasi iniziali di deterioramento del sistema nervoso, che possono essere osservate esaminando gruppi di lavoratori esposti e confrontandoli con lavoratori non esposti o rispetto al loro grado di esposizione, riflettono una diminuzione del benessere e possono essere predittive del rischio di malattie neurologiche più gravi problemi in futuro.

La salute mentale nell'avvelenamento cronico

I disturbi neuropsichiatrici sono stati a lungo attribuiti all'esposizione a sostanze neurotossiche. Le descrizioni cliniche vanno da disturbi affettivi, tra cui ansia e depressione, a manifestazioni di comportamento psicotico e allucinazioni. L'esposizione acuta ad alto livello a molti metalli pesanti, solventi organici e pesticidi può produrre delirio. La "pazzia da manganese" è stata descritta in persone con esposizione a lungo termine al manganese e la ben nota sindrome del "cappellaio matto" deriva dall'intossicazione da mercurio. L'encefalopatia tossica di tipo 2a, caratterizzata da cambiamenti prolungati della personalità che comportano affaticamento, labilità emotiva, controllo degli impulsi, umore generale e motivazione, è stata associata all'esposizione a solventi organici. Vi sono prove crescenti da studi clinici e sulla popolazione che i disturbi della personalità persistono nel tempo, molto tempo dopo la cessazione dell'esposizione, sebbene altri tipi di compromissione possano migliorare.

Nel continuum dal benessere alla malattia, i cambiamenti di umore, l'irritabilità e l'eccessivo affaticamento sono spesso i primissimi segnali di una sovraesposizione a sostanze neurotossiche. Sebbene i sintomi neuropsichiatrici siano regolarmente esaminati negli studi sul posto di lavoro, questi sono raramente presentati come un problema di salute mentale con potenziali conseguenze sul benessere mentale e sociale. Ad esempio, i cambiamenti nello stato di salute mentale influenzano il comportamento, contribuendo a difficili relazioni interpersonali ea disaccordi in casa; questi a loro volta possono aggravare il proprio stato mentale. Nei luoghi di lavoro con programmi di aiuto ai dipendenti, progettati per aiutare i dipendenti con problemi personali, l'ignoranza dei potenziali effetti sulla salute mentale dell'esposizione a sostanze neurotossiche può portare a trattamenti che si occupano degli effetti piuttosto che della causa. È interessante notare che tra i numerosi focolai segnalati di "isteria di massa" o malattia psicogena, le industrie con esposizione a sostanze neurotossiche sono sovrarappresentate. È possibile che queste sostanze, per la maggior parte non dosate, abbiano contribuito ai sintomi riportati.

Le manifestazioni di salute mentale dell'esposizione alla neurotossina possono essere simili a quelle causate da fattori di stress psicosociali associati a una scarsa organizzazione del lavoro, nonché reazioni psicologiche a incidenti, eventi molto stressanti e gravi intossicazioni, chiamate disturbo da stress post-traumatico (come discusso altrove in questo Enciclopedia). Una buona comprensione della relazione tra problemi di salute mentale e condizioni di lavoro è importante per avviare adeguate azioni preventive e curative.

Considerazioni generali nella valutazione della disfunzione neurotossica precoce

Quando si valuta la disfunzione precoce del sistema nervoso tra i lavoratori attivi, è necessario tenere conto di una serie di fattori. In primo luogo, molte delle funzioni neuropsicologiche e neurofisiologiche esaminate diminuiscono con l'età; alcuni sono influenzati dalla cultura o dal livello di istruzione. Questi fattori devono essere presi in considerazione quando si considera la relazione tra esposizione e alterazioni del sistema nervoso. Ciò può essere fatto confrontando gruppi con status socio-demografico simile o utilizzando metodi statistici di aggiustamento. Ci sono, tuttavia, alcuni trabocchetti che dovrebbero essere evitati. Ad esempio, i lavoratori più anziani possono avere storie lavorative più lunghe ed è stato suggerito che alcune sostanze neurotossiche possono accelerare l'invecchiamento. La segregazione del lavoro può confinare i lavoratori, le donne e le minoranze scarsamente istruiti in posti di lavoro con esposizioni più elevate. In secondo luogo, anche il consumo di alcol, il fumo e le droghe, che contengono sostanze neurotossiche, possono influenzare i sintomi e le prestazioni. Una buona comprensione del posto di lavoro è importante per svelare i diversi fattori che contribuiscono alla disfunzione del sistema nervoso e l'attuazione di misure preventive.

 

Di ritorno

Leggi 11408 volte Ultima modifica Martedì, Ottobre 11 2011 20: 41

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti al sistema nervoso

Amaducci, L, C Arfaioli, D Inzitari, M Marchi. 1982. Sclerosi multipla tra calzaturieri e pellettieri: un'indagine epidemiologica a Firenze. Acta Neurol Scand 65:94-103.

Rabbia, K.W. 1990. Ricerca neurocomportamentale in cantiere: risultati, metodi sensibili, batterie di test e passaggio dai dati di laboratorio alla salute umana. Neurotossicologia 11:629-720.

Anger, WK, MG Cassitto, Y Liang, R Amador, J Hooisma, DW Chrislip, D Mergler, M Keifer e J Hörtnagel. 1993. Confronto delle prestazioni di tre continenti sulla batteria di test di base neurocomportamentale raccomandata dall'OMS (NCTB). Ambiente Ris 62:125-147.

Arlien-Søborg, P. 1992. Neurotossicità del solvente. Boca Raton: CRC Press.
Armon, C, LT Kurland, JR Daube e PC O'Brian. 1991. Correlati epidemiologici della sclerosi laterale amiotrofica sporadica. Neurologia 41:1077-1084.

Axelson, O. 1996. Dove andiamo nella neuroepidemiologia occupazionale? Scand J Ambiente di lavoro Salute 22: 81-83.

Axelson, O, M Hane e C Hogstedt. 1976. Uno studio di riferimento sui disturbi neuropsichiatrici tra i lavoratori esposti a solventi. Scand J Ambiente di lavoro Salute 2:14-20.

Bowler, R, D Mergler, S Rauch, R Harrison e J Cone. 1991. Disturbi affettivi e di personalità tra donne ex lavoratrici di microelettronica. J Clin Psichiatria 47:41-52.

Brackbill, RM, N Maizlish e T Fischbach. 1990. Rischio di disabilità neuropsichiatrica tra i pittori negli Stati Uniti. Scand J Ambiente di lavoro Salute 16:182-188.

Campbell, AMG, ER Williams e D Barltrop. 1970. Malattia del motoneurone ed esposizione al piombo. J Neurol Neurosurg Psichiatria 33:877-885.

Cherry, NM, FP Labrèche e JC McDonald. 1992. Danni cerebrali organici ed esposizione professionale ai solventi. Br J Ind Med 49:776-781.

Chio, LA, LA Tribolo, RE Schiffer. 1989. Malattia del motoneurone ed esposizione alla colla. Lancetta 2:921.

Cooper, JR, FE Bloom e RT Roth. 1986. La base biochimica della neurofarmacologia. New York: Università di Oxford. Premere.

Dehart, RL. 1992. Sensibilità chimica multipla: che cos'è? Molteplici sensibilità chimiche. Addendum a: Marcatori biologici in immunotossicologia. Washington, DC: National Academy Press.

Feldmann, RG. 1990. Effetti delle tossine e degli agenti fisici sul sistema nervoso. In Neurology in Clinical Practice, a cura di WG Bradley, RB Daroff, GM Fenichel e CD Marsden. Stoneham, Massa: Butterworth.

Feldman, RG e LD Quenzer. 1984. Fondamenti di Neuropsicofarmacologia. Sunderland, Massachusetts: Sinauer Associates.

Flodin, U, B Söderfeldt, H Noorlind-Brage, M Fredriksson e O Axelson. 1988. Sclerosi multipla, solventi e animali domestici: uno studio di riferimento. Arch Neurol 45:620-623.

Fratiglioni L, A Ahlbom, M Viitanen e B Winblad. 1993. Fattori di rischio per la malattia di Alzheimer ad esordio tardivo: uno studio caso-controllo basato sulla popolazione. Ann Neurol 33:258-66.

Goldsmith, JR, Y Herishanu, JM Abarbanel e Z Weinbaum. 1990. Il clustering della malattia di Parkinson indica l'eziologia ambientale. Arch Environ Health 45:88-94.

Graves, AB, CM van Duijn, V Chandra, L Fratiglioni, A Heyman, AF Jorm, et al. 1991. Esposizione professionale a solventi e piombo come fattori di rischio per il morbo di Alzheimer: una rianalisi collaborativa di studi caso-controllo. Int J Epidemiol 20 Suppl. 2:58-61.

Grönning, M, G Albrektsen, G Kvåle, B Moen, JA Aarli e H Nyland. 1993. Solventi organici e sclerosi multipla. Acta Neurol Scand 88:247-250.

Gunnarsson, LG, L Bodin, B Söderfeldt, e O Axelson. 1992. Uno studio caso-controllo sulla malattia dei motoneuroni: la sua relazione con l'ereditarietà e le esposizioni professionali, in particolare i solventi. Br J Ind Med 49:791-798.

Hanninen, H e K Lindstrom. 1979. Batteria di test neurocomportamentali dell'Istituto di salute sul lavoro. Helsinki: Istituto di medicina del lavoro.

Hagberg, M, H Morgenstem e M Kelsh. 1992. Impatto delle occupazioni e delle mansioni lavorative sulla prevalenza della sindrome del tunnel carpale. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:337-345.

Hart, DE. 1988. Tossicologia neuropsicologica: identificazione e valutazione delle sindromi neurotossiche umane. New York: Pergamo Press.

Hawkes, CH, JB Cavanagh e AJ Fox. 1989. Malattia del motoneurone: un disturbo secondario all'esposizione al solvente? Lancetta 1:73-76.

Howard, J.K. 1979. Un'indagine clinica sui lavoratori della formulazione del paraquat. Br J Ind Med 36:220-223.

Hutchinson, LJ, RW Amsler, JA Lybarger e W Chappell. 1992. Batterie per test neurocomportamentali da utilizzare negli studi sul campo della salute ambientale. Atlanta: Agenzia per le sostanze tossiche e il registro delle malattie (ATSDR).

Johnson, BL. 1987. Prevenzione della malattia neurotossica nelle popolazioni lavoratrici. Chichester: Wiley.

Kandel, ER, HH Schwartz e TM Kessel. 1991. Principi di scienze neurali. New York: Elsevier.

Kukull, WA, EB Larson, JD Bowen, WC McCormick, L Teri, ML Pfanschmidt, et al. 1995. Esposizione ai solventi come fattore di rischio per il morbo di Alzheimer: uno studio caso-controllo. Am J Epidemiol 141:1059-1071.

Landtblom, AM, U Flodin, M Karlsson, S Pålhagen, O Axelson, and B Söderfeldt. 1993. Sclerosi multipla ed esposizione a solventi, radiazioni ionizzanti e animali. Scand J Ambiente di lavoro Salute 19:399-404.

Landtblom, AM, U Flodin, B Söderfeldt, C Wolfson e O Axelson. 1996. Solventi organici e sclerosi multipla: una sintesi delle prove del cemento. Epidemiologia 7: 429-433.

Maizlish, D e O Feo. 1994. Alteraciones neuropsicológicas en trabajadores expuestos a neurotóxicos. Salud de los Trabajadores 2:5-34.

Mergler, D. 1995. Neurofisiologia comportamentale: misure quantitative di tossicità sensoriale. In Neurotoxicology: approcci e metodi, a cura di L Chang e W Slikker. New York: stampa accademica.

O'Donoghue, JL. 1985. Neurotossicità dei prodotti chimici industriali e commerciali. vol. I e II. Boca Raton: CRC Press.

Sassine, MP, D Mergler, F Larribe e S Bélanger. 1996. Détérioration de la santé mentale chez des travailleurs exposés au styrène. Rev epidmiol med soc santé publ 44:14-24.

Semchuk, KM, EJ Love e RG Lee. 1992. Malattia di Parkinson ed esposizione a lavori agricoli e prodotti chimici antiparassitari. Neurologia 42:1328-1335.

Seppäläinen, AMH. 1988. Approcci neurofisiologici alla rilevazione della neurotossicità precoce negli esseri umani. Crit Rev Toxicol 14:245-297.

Sienko, DG, JD Davis, JA Taylor e BR Brooks. 1990. Sclerosi laterale amiotrofica: uno studio caso-controllo in seguito al rilevamento di un cluster in una piccola comunità del Wisconsin. Arch Neurol 47:38-41.

Simonsen, L, H Johnsen, SP Lund, E Matikainen, U Midtgård e A Wennberg. 1994. Valutazione dei dati di neurotossicità: un approccio metodologico alla classificazione delle sostanze chimiche neurotossiche. Scand J Ambiente di lavoro Salute 20:1-12.

Sobel, E, Z Davanipour, R Sulkava, T Erkinjuntti, J Wikström, VW Henderson, et al. 1995. Occupazioni con esposizione a campi elettromagnetici: un possibile fattore di rischio per la malattia di Alzheimer. Am J Epidemiol 142:515-524.

Spencer, PS e HH Schaumburg. 1980. Neurotossicologia sperimentale e clinica. Baltimora: Williams & Wilkins.

Conciatore, CM. 1989. Il ruolo delle tossine ambientali nell'eziologia del morbo di Parkinson. Tendenze Neuroscienze 12:49-54.

Urie, RL. 1992. Protezione personale da esposizioni a materiali pericolosi. In Hazardous Materials Toxicology: Clinical Principles of Environmental Health, a cura di JB Sullivan e GR Krieger. Baltimora: Williams & Wilkins.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1978. Principi e metodi di valutazione della tossicità delle sostanze chimiche, parte 1 e 2. EHC, n. 6, parte 1 e 2. Ginevra: OMS.

Organizzazione mondiale della sanità e Consiglio nordico dei ministri. 1985. Effetti cronici di solventi organici sul sistema nervoso centrale e criteri diagnostici. EHC, n. 5. Ginevra: OMS.

Zayed, J, G Ducic, G Campanella, JC Panisset, P André, H Masson, et al. 1990. Facteurs environnementaux dans l'étiologie de la maladie de Parkinson. Can J Neurol Sci 17:286-291.