Giovedi, 17 febbraio 2011 23: 36

Neuroepidemiologia occupazionale

Vota questo gioco
(0 voti )

Olav Axelson*

*Adattato da Axelson 1996.

Le prime conoscenze sugli effetti neurotossici delle esposizioni professionali sono apparse attraverso osservazioni cliniche. Gli effetti osservati sono stati più o meno acuti e hanno riguardato l'esposizione a metalli come piombo e mercurio oa solventi come solfuro di carbonio e tricloroetilene. Con il tempo, tuttavia, gli effetti più cronici e clinicamente meno evidenti degli agenti neurotossici sono stati valutati attraverso moderni metodi di esame e studi sistematici di gruppi più ampi. Tuttavia, l'interpretazione dei risultati è stata controversa e dibattuta, come gli effetti cronici dell'esposizione ai solventi (Arlien-Søborg 1992).

Le difficoltà incontrate nell'interpretazione degli effetti neurotossici cronici dipendono sia dalla diversità e dalla vaghezza dei sintomi e dei segni sia dal problema associato di definire un'entità di malattia appropriata per studi epidemiologici conclusivi. Ad esempio, nell'esposizione ai solventi, gli effetti cronici potrebbero includere problemi di memoria e concentrazione, stanchezza, mancanza di iniziativa, responsabilità affettiva, irritabilità e talvolta vertigini, mal di testa, intolleranza all'alcol e riduzione della libido. I metodi neurofisiologici hanno anche rivelato vari disturbi funzionali, ancora una volta difficili da condensare in una singola entità patologica.

Allo stesso modo, una varietà di effetti neurocomportamentali sembra verificarsi anche a causa di altre esposizioni professionali, come una moderata esposizione al piombo o saldatura con una certa esposizione ad alluminio, piombo e manganese o esposizione a pesticidi. Ancora ci sono anche segni neurofisiologici o neurologici, tra gli altri, polineuropatia, tremore e disturbi dell'equilibrio, in soggetti esposti a organoclorurati, organofosforati e altri insetticidi.

In considerazione dei problemi epidemiologici che comporta la definizione di un'entità patologica al di fuori delle molteplici tipologie di effetti neurocomportamentali cui si fa riferimento, è diventato naturale considerare anche alcuni disturbi neuropsichiatrici clinicamente più o meno definiti in relazione alle esposizioni professionali.

A partire dagli anni '1970 diversi studi si sono concentrati in particolare sull'esposizione ai solventi e sulla sindrome psico-organica, quando di gravità invalidante. Più recentemente anche la demenza di Alzheimer, la sclerosi multipla, il morbo di Parkinson, la sclerosi laterale amiotrofica e condizioni correlate hanno suscitato interesse nell'epidemiologia occupazionale.

Per quanto riguarda l'esposizione ai solventi e la sindrome psico-organica (o encefalopatia cronica tossica in medicina del lavoro clinica, quando l'esposizione viene presa in considerazione diagnosticamente), il problema della definizione di una corretta entità della malattia era evidente e ha portato a considerare in blocco le diagnosi di encefalopatia, demenza e atrofia cerebrale, ma anche di nevrosi, nevrastenia e nervosismo erano incluse come non necessariamente distinte l'una dall'altra nella pratica medica (Axelson, Hane e Hogstedt 1976). Recentemente, anche entità patologiche più specifiche, come la demenza organica e l'atrofia cerebrale, sono state associate all'esposizione ai solventi (Cherry, Labréche e McDonald 1992). I risultati non sono stati del tutto coerenti, tuttavia, poiché nessun eccesso di "demenza presenile" è apparso in uno studio di riferimento su larga scala negli Stati Uniti con ben 3,565 casi di vari disturbi neuropsichiatrici e 83,245 referenti ospedalieri (Brackbill, Maizlish e Fischbach 1990). Tuttavia, rispetto ai muratori, c'era un eccesso di circa il 45% di disturbi neuropsichiatrici invalidanti tra i pittori maschi bianchi, ad eccezione dei pittori a spruzzo.

Le esposizioni occupazionali sembrano giocare un ruolo anche per disturbi più specifici della sindrome psico-organica. Quindi, nel 1982, un'associazione tra sclerosi multipla ed esposizione ai solventi da colle fu indicata per la prima volta nell'industria calzaturiera italiana (Amaducci et al. 1982). Questa relazione è stata notevolmente rafforzata da ulteriori studi in Scandinavia (Flodin et al. 1988; Landtblom et al. 1993; Grönning et al. 1993) e altrove, così che 13 studi con alcune informazioni sull'esposizione ai solventi potrebbero essere presi in considerazione in una revisione ( Landblom et al., 1996). Dieci di questi studi hanno fornito dati sufficienti per l'inclusione in una meta-analisi, mostrando un rischio doppio di sclerosi multipla tra gli individui con esposizione ai solventi. Alcuni studi associano anche la sclerosi multipla al lavoro radiologico, alla saldatura e al lavoro con erbicidi fenossidici (Flodin et al. 1988; Landtblom et al. 1993). Il morbo di Parkinson sembra essere più comune nelle aree rurali (Goldsmith et al. 1990), specialmente in giovane età (Tanner 1989). Più interessante, uno studio di Calgary, Canada, ha mostrato un triplice rischio di esposizione agli erbicidi (Semchuk, Love e Lee 1992).

Tutti i casi che hanno ricordato esposizioni specifiche hanno riferito di esposizione a erbicidi fenossi o tiocarbammati. Uno di loro ha ricordato l'esposizione al paraquat, che è chimicamente simile a MPTP (N-metil-4-fenil-1,2,3,6-tetraidropiridina), un induttore di una sindrome simile al Parkinson. Tuttavia, i lavoratori del paraquat non sono ancora stati colpiti da tale sindrome (Howard 1979). Studi di riferimento in Canada, Cina, Spagna e Svezia hanno indicato una relazione con l'esposizione a prodotti chimici industriali non specificati, pesticidi e metalli, in particolare manganese, ferro e alluminio (Zayed et al. 1990).

In uno studio condotto negli Stati Uniti, è apparso un aumento del rischio di malattia dei motoneuroni (che comprende sclerosi laterale amiotrofica, paralisi bulbare progressiva e atrofia muscolare progressiva) in relazione alla saldatura e alla brasatura (Armon et al. 1991). Anche la saldatura è apparsa come un fattore di rischio, così come funzionava l'elettricità, e funzionava anche con agenti impregnanti in uno studio svedese (Gunnarsson et al. 1992). L'ereditarietà per le malattie neurodegenerative e della tiroide, combinata con l'esposizione ai solventi e il sesso maschile, ha mostrato un rischio fino a 15.6. Altri studi indicano anche che l'esposizione al piombo e ai solventi potrebbe essere importante (Campbell, Williams e Barltrop 1970; Hawkes, Cavanagh e Fox 1989; Chio, Tribolo e Schiffer 1989; Sienko et al. 1990).

Per la malattia di Alzheimer, nessuna chiara indicazione di alcun rischio professionale è apparsa in una meta-analisi di undici studi di riferimento (Graves et al. 1991), ma più recentemente un aumento del rischio è stato collegato al lavoro operaio (Fratiglioni et al. 1993 ). Un altro nuovo studio, che includeva anche le età più anziane, ha indicato che l'esposizione ai solventi potrebbe essere un fattore di rischio piuttosto forte (Kukull et al. 1995). Il recente suggerimento che la malattia di Alzheimer possa essere correlata all'esposizione a campi elettromagnetici è stato forse ancora più sorprendente (Sobel et al. 1995). È probabile che entrambi questi studi stimolino l'interesse per diverse nuove indagini lungo le linee indicate.

Quindi, alla luce delle attuali prospettive della neuroepidemiologia occupazionale, come brevemente delineato, sembra esserci una ragione per condurre ulteriori studi legati al lavoro su diversi disturbi neurologici e neuropsichiatrici, finora più o meno trascurati. Non è improbabile che ci siano alcuni effetti che contribuiscono a varie esposizioni professionali, nello stesso modo in cui abbiamo visto per molti tipi di cancro. Inoltre, come nella ricerca sul cancro eziologico, nuovi indizi che suggeriscono cause ultime o meccanismi scatenanti alla base di alcuni dei gravi disturbi neurologici possono essere ottenuti dall'epidemiologia occupazionale.

 

Di ritorno

Leggi 4957 volte Ultima modifica sabato 23 luglio 2022 19:38
Altro in questa categoria: « Diagnosi

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti al sistema nervoso

Amaducci, L, C Arfaioli, D Inzitari, M Marchi. 1982. Sclerosi multipla tra calzaturieri e pellettieri: un'indagine epidemiologica a Firenze. Acta Neurol Scand 65:94-103.

Rabbia, K.W. 1990. Ricerca neurocomportamentale in cantiere: risultati, metodi sensibili, batterie di test e passaggio dai dati di laboratorio alla salute umana. Neurotossicologia 11:629-720.

Anger, WK, MG Cassitto, Y Liang, R Amador, J Hooisma, DW Chrislip, D Mergler, M Keifer e J Hörtnagel. 1993. Confronto delle prestazioni di tre continenti sulla batteria di test di base neurocomportamentale raccomandata dall'OMS (NCTB). Ambiente Ris 62:125-147.

Arlien-Søborg, P. 1992. Neurotossicità del solvente. Boca Raton: CRC Press.
Armon, C, LT Kurland, JR Daube e PC O'Brian. 1991. Correlati epidemiologici della sclerosi laterale amiotrofica sporadica. Neurologia 41:1077-1084.

Axelson, O. 1996. Dove andiamo nella neuroepidemiologia occupazionale? Scand J Ambiente di lavoro Salute 22: 81-83.

Axelson, O, M Hane e C Hogstedt. 1976. Uno studio di riferimento sui disturbi neuropsichiatrici tra i lavoratori esposti a solventi. Scand J Ambiente di lavoro Salute 2:14-20.

Bowler, R, D Mergler, S Rauch, R Harrison e J Cone. 1991. Disturbi affettivi e di personalità tra donne ex lavoratrici di microelettronica. J Clin Psichiatria 47:41-52.

Brackbill, RM, N Maizlish e T Fischbach. 1990. Rischio di disabilità neuropsichiatrica tra i pittori negli Stati Uniti. Scand J Ambiente di lavoro Salute 16:182-188.

Campbell, AMG, ER Williams e D Barltrop. 1970. Malattia del motoneurone ed esposizione al piombo. J Neurol Neurosurg Psichiatria 33:877-885.

Cherry, NM, FP Labrèche e JC McDonald. 1992. Danni cerebrali organici ed esposizione professionale ai solventi. Br J Ind Med 49:776-781.

Chio, LA, LA Tribolo, RE Schiffer. 1989. Malattia del motoneurone ed esposizione alla colla. Lancetta 2:921.

Cooper, JR, FE Bloom e RT Roth. 1986. La base biochimica della neurofarmacologia. New York: Università di Oxford. Premere.

Dehart, RL. 1992. Sensibilità chimica multipla: che cos'è? Molteplici sensibilità chimiche. Addendum a: Marcatori biologici in immunotossicologia. Washington, DC: National Academy Press.

Feldmann, RG. 1990. Effetti delle tossine e degli agenti fisici sul sistema nervoso. In Neurology in Clinical Practice, a cura di WG Bradley, RB Daroff, GM Fenichel e CD Marsden. Stoneham, Massa: Butterworth.

Feldman, RG e LD Quenzer. 1984. Fondamenti di Neuropsicofarmacologia. Sunderland, Massachusetts: Sinauer Associates.

Flodin, U, B Söderfeldt, H Noorlind-Brage, M Fredriksson e O Axelson. 1988. Sclerosi multipla, solventi e animali domestici: uno studio di riferimento. Arch Neurol 45:620-623.

Fratiglioni L, A Ahlbom, M Viitanen e B Winblad. 1993. Fattori di rischio per la malattia di Alzheimer ad esordio tardivo: uno studio caso-controllo basato sulla popolazione. Ann Neurol 33:258-66.

Goldsmith, JR, Y Herishanu, JM Abarbanel e Z Weinbaum. 1990. Il clustering della malattia di Parkinson indica l'eziologia ambientale. Arch Environ Health 45:88-94.

Graves, AB, CM van Duijn, V Chandra, L Fratiglioni, A Heyman, AF Jorm, et al. 1991. Esposizione professionale a solventi e piombo come fattori di rischio per il morbo di Alzheimer: una rianalisi collaborativa di studi caso-controllo. Int J Epidemiol 20 Suppl. 2:58-61.

Grönning, M, G Albrektsen, G Kvåle, B Moen, JA Aarli e H Nyland. 1993. Solventi organici e sclerosi multipla. Acta Neurol Scand 88:247-250.

Gunnarsson, LG, L Bodin, B Söderfeldt, e O Axelson. 1992. Uno studio caso-controllo sulla malattia dei motoneuroni: la sua relazione con l'ereditarietà e le esposizioni professionali, in particolare i solventi. Br J Ind Med 49:791-798.

Hanninen, H e K Lindstrom. 1979. Batteria di test neurocomportamentali dell'Istituto di salute sul lavoro. Helsinki: Istituto di medicina del lavoro.

Hagberg, M, H Morgenstem e M Kelsh. 1992. Impatto delle occupazioni e delle mansioni lavorative sulla prevalenza della sindrome del tunnel carpale. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:337-345.

Hart, DE. 1988. Tossicologia neuropsicologica: identificazione e valutazione delle sindromi neurotossiche umane. New York: Pergamo Press.

Hawkes, CH, JB Cavanagh e AJ Fox. 1989. Malattia del motoneurone: un disturbo secondario all'esposizione al solvente? Lancetta 1:73-76.

Howard, J.K. 1979. Un'indagine clinica sui lavoratori della formulazione del paraquat. Br J Ind Med 36:220-223.

Hutchinson, LJ, RW Amsler, JA Lybarger e W Chappell. 1992. Batterie per test neurocomportamentali da utilizzare negli studi sul campo della salute ambientale. Atlanta: Agenzia per le sostanze tossiche e il registro delle malattie (ATSDR).

Johnson, BL. 1987. Prevenzione della malattia neurotossica nelle popolazioni lavoratrici. Chichester: Wiley.

Kandel, ER, HH Schwartz e TM Kessel. 1991. Principi di scienze neurali. New York: Elsevier.

Kukull, WA, EB Larson, JD Bowen, WC McCormick, L Teri, ML Pfanschmidt, et al. 1995. Esposizione ai solventi come fattore di rischio per il morbo di Alzheimer: uno studio caso-controllo. Am J Epidemiol 141:1059-1071.

Landtblom, AM, U Flodin, M Karlsson, S Pålhagen, O Axelson, and B Söderfeldt. 1993. Sclerosi multipla ed esposizione a solventi, radiazioni ionizzanti e animali. Scand J Ambiente di lavoro Salute 19:399-404.

Landtblom, AM, U Flodin, B Söderfeldt, C Wolfson e O Axelson. 1996. Solventi organici e sclerosi multipla: una sintesi delle prove del cemento. Epidemiologia 7: 429-433.

Maizlish, D e O Feo. 1994. Alteraciones neuropsicológicas en trabajadores expuestos a neurotóxicos. Salud de los Trabajadores 2:5-34.

Mergler, D. 1995. Neurofisiologia comportamentale: misure quantitative di tossicità sensoriale. In Neurotoxicology: approcci e metodi, a cura di L Chang e W Slikker. New York: stampa accademica.

O'Donoghue, JL. 1985. Neurotossicità dei prodotti chimici industriali e commerciali. vol. I e II. Boca Raton: CRC Press.

Sassine, MP, D Mergler, F Larribe e S Bélanger. 1996. Détérioration de la santé mentale chez des travailleurs exposés au styrène. Rev epidmiol med soc santé publ 44:14-24.

Semchuk, KM, EJ Love e RG Lee. 1992. Malattia di Parkinson ed esposizione a lavori agricoli e prodotti chimici antiparassitari. Neurologia 42:1328-1335.

Seppäläinen, AMH. 1988. Approcci neurofisiologici alla rilevazione della neurotossicità precoce negli esseri umani. Crit Rev Toxicol 14:245-297.

Sienko, DG, JD Davis, JA Taylor e BR Brooks. 1990. Sclerosi laterale amiotrofica: uno studio caso-controllo in seguito al rilevamento di un cluster in una piccola comunità del Wisconsin. Arch Neurol 47:38-41.

Simonsen, L, H Johnsen, SP Lund, E Matikainen, U Midtgård e A Wennberg. 1994. Valutazione dei dati di neurotossicità: un approccio metodologico alla classificazione delle sostanze chimiche neurotossiche. Scand J Ambiente di lavoro Salute 20:1-12.

Sobel, E, Z Davanipour, R Sulkava, T Erkinjuntti, J Wikström, VW Henderson, et al. 1995. Occupazioni con esposizione a campi elettromagnetici: un possibile fattore di rischio per la malattia di Alzheimer. Am J Epidemiol 142:515-524.

Spencer, PS e HH Schaumburg. 1980. Neurotossicologia sperimentale e clinica. Baltimora: Williams & Wilkins.

Conciatore, CM. 1989. Il ruolo delle tossine ambientali nell'eziologia del morbo di Parkinson. Tendenze Neuroscienze 12:49-54.

Urie, RL. 1992. Protezione personale da esposizioni a materiali pericolosi. In Hazardous Materials Toxicology: Clinical Principles of Environmental Health, a cura di JB Sullivan e GR Krieger. Baltimora: Williams & Wilkins.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1978. Principi e metodi di valutazione della tossicità delle sostanze chimiche, parte 1 e 2. EHC, n. 6, parte 1 e 2. Ginevra: OMS.

Organizzazione mondiale della sanità e Consiglio nordico dei ministri. 1985. Effetti cronici di solventi organici sul sistema nervoso centrale e criteri diagnostici. EHC, n. 5. Ginevra: OMS.

Zayed, J, G Ducic, G Campanella, JC Panisset, P André, H Masson, et al. 1990. Facteurs environnementaux dans l'étiologie de la maladie de Parkinson. Can J Neurol Sci 17:286-291.