Martedì, Febbraio 22 2011 17: 05

Esame della funzionalità polmonare

Vota questo gioco
(3 voti )

La funzione polmonare può essere misurata in diversi modi. Tuttavia, lo scopo delle misurazioni deve essere chiaro prima dell'esame, al fine di interpretare correttamente i risultati. In questo articolo tratteremo l'esame della funzionalità polmonare con particolare riguardo all'ambito lavorativo. È importante ricordare i limiti nelle diverse misurazioni della funzione polmonare. Gli effetti temporanei acuti sulla funzionalità polmonare possono non essere distinguibili in caso di esposizione a polvere fibrogenica come quarzo e amianto, ma possono esserlo effetti cronici sulla funzionalità polmonare dopo un'esposizione a lungo termine (>20 anni). Ciò è dovuto al fatto che gli effetti cronici si verificano anni dopo che la polvere è stata inalata e depositata nei polmoni. D'altra parte, gli effetti temporanei acuti delle polveri organiche e inorganiche, così come le muffe, i fumi di saldatura e gli scarichi dei motori, ben si prestano allo studio. Ciò è dovuto al fatto che l'effetto irritante di queste polveri si manifesterà dopo alcune ore di esposizione. Effetti acuti o cronici sulla funzionalità polmonare possono essere rilevati anche in caso di esposizione a concentrazioni di gas irritanti (biossido di azoto, aldeidi, acidi e cloruri acidi) in prossimità di valori limite di esposizione ben documentati, soprattutto se l'effetto è potenziato dalla contaminazione atmosferica da particolato .

Le misurazioni della funzionalità polmonare devono essere sicure per i soggetti esaminati e l'apparecchiatura per la funzionalità polmonare deve essere sicura per l'esaminatore. È disponibile una sintesi dei requisiti specifici per diversi tipi di apparecchiature per la funzionalità polmonare (ad esempio, Quanjer et al. 1993). Naturalmente, l'attrezzatura deve essere calibrata secondo standard indipendenti. Ciò può essere difficile da ottenere, soprattutto quando si utilizzano apparecchiature computerizzate. Il risultato del test di funzionalità polmonare dipende sia dal soggetto che dall'esaminatore. Per fornire risultati soddisfacenti dall'esame, i tecnici devono essere ben addestrati e in grado di istruire attentamente il soggetto e anche incoraggiare il soggetto a svolgere correttamente il test. L'esaminatore dovrebbe anche avere conoscenza delle vie aeree e dei polmoni per interpretare correttamente i risultati delle registrazioni.

Si raccomanda che i metodi utilizzati abbiano una riproducibilità piuttosto elevata sia tra soggetti che all'interno di essi. La riproducibilità può essere misurata come coefficiente di variazione, cioè la deviazione standard moltiplicata per 100 divisa per il valore medio. Si considerano accettabili valori inferiori al 10% in misurazioni ripetute sullo stesso soggetto.

Per determinare se i valori misurati sono patologici o meno, devono essere confrontati con equazioni di previsione. Solitamente le equazioni di predizione delle variabili spirometriche si basano su età e altezza, stratificate per sesso. Gli uomini hanno in media valori di funzionalità respiratoria più elevati rispetto alle donne, della stessa età e altezza. La funzione polmonare diminuisce con l'età e aumenta con l'altezza. Un soggetto alto avrà quindi un volume polmonare maggiore di un soggetto basso della stessa età. Il risultato delle equazioni di previsione può differire notevolmente tra le diverse popolazioni di riferimento. Anche la variazione di età e altezza nella popolazione di riferimento influenzerà i valori previsti. Ciò significa, ad esempio, che un'equazione di previsione non deve essere utilizzata se l'età e/o l'altezza del soggetto esaminato sono al di fuori degli intervalli per la popolazione che è alla base dell'equazione di previsione.

Il fumo ridurrà anche la funzione polmonare e l'effetto può essere potenziato in soggetti che sono esposti professionalmente ad agenti irritanti. La funzione polmonare era considerata non patologica se i valori ottenuti rientravano nell'80% del valore previsto, derivato da un'equazione di previsione.

Misure

Le misurazioni della funzionalità polmonare vengono eseguite per giudicare la condizione dei polmoni. Le misurazioni possono riguardare volumi polmonari misurati singoli o multipli o le proprietà dinamiche delle vie aeree e dei polmoni. Quest'ultimo è solitamente determinato attraverso manovre dipendenti dallo sforzo. Le condizioni nei polmoni possono anche essere esaminate per quanto riguarda la loro funzione fisiologica, cioè la capacità di diffusione, la resistenza e la compliance delle vie aeree (vedi sotto).

Le misurazioni relative alla capacità ventilatoria sono ottenute mediante spirometria. La manovra respiratoria viene solitamente eseguita come inspirazione massima seguita da un'espirazione massima, capacità vitale (VC, misurata in litri). Devono essere eseguite almeno tre registrazioni tecnicamente soddisfacenti (ossia, sforzo inspiratorio ed espiratorio completo e nessuna perdita osservata) e deve essere riportato il valore più alto. Il volume può essere misurato direttamente mediante una campana a tenuta d'acqua oa bassa resistenza, oppure misurato indirettamente mediante pneumotacografia (ossia, integrazione di un segnale di flusso nel tempo). È importante qui notare che tutti i volumi polmonari misurati dovrebbero essere espressi in BTPS, cioè temperatura corporea e pressione ambiente satura di vapore acqueo.

La capacità vitale in espirazione forzata (FVC, in litri) è definita come una misurazione della VC eseguita con uno sforzo espiratorio forzato massimo. Grazie alla semplicità del test e all'attrezzatura relativamente poco costosa, l'espiratogramma forzato è diventato un test utile nel monitoraggio della funzionalità polmonare. Tuttavia, ciò ha portato a molte registrazioni scadenti, il cui valore pratico è discutibile. Per effettuare registrazioni soddisfacenti può essere utile la linea guida aggiornata per la raccolta e l'uso dell'espiratogramma forzato, pubblicata dall'American Thoracic Society nel 1987.

I flussi istantanei possono essere misurati sulle curve flusso-volume o flusso-tempo, mentre i flussi oi tempi medi nel tempo sono derivati ​​dallo spirogramma. Le variabili associate che possono essere calcolate dall'espiratogramma forzato sono il volume espiratorio forzato in un secondo (FEV1, in litri al secondo), in percentuale di FVC (FEV1%), flusso di picco (PEF, l/s), flussi massimi al 50% e al 75% della capacità vitale forzata (MEF50 e MEF25, rispettivamente). Un'illustrazione della derivazione del FEV1 dall'espiratogramma forzato è delineato nella figura 1. Nei soggetti sani, le portate massime a grandi volumi polmonari (cioè all'inizio dell'espirazione) riflettono principalmente le caratteristiche di flusso delle grandi vie aeree mentre quelle a piccoli volumi polmonari (cioè alla fine di espirazione) sono generalmente ritenuti riflettere le caratteristiche delle piccole vie aeree, figura 2. In queste ultime il flusso è laminare, mentre nelle grandi vie aeree può essere turbolento.

Figura 1. Spirogramma espiratorio forzato che mostra la derivazione del FEVXNUMX1 e FVC secondo il principio di estrapolazione.

RES030F1

 

Figura 2. Curva flusso-volume che mostra la derivazione del flusso espiratorio di picco (PEF), i flussi massimi al 50% e al 75% della capacità vitale forzata (ed , rispettivamente).

RES030F2

Il PEF può anche essere misurato da un piccolo dispositivo portatile come quello sviluppato da Wright nel 1959. Un vantaggio di questa apparecchiatura è che il soggetto può effettuare misurazioni seriali, ad esempio sul posto di lavoro. Per ottenere registrazioni utili, però, è necessario istruire bene i soggetti. Inoltre, si dovrebbe tenere presente che le misurazioni del PEF con, ad esempio, un misuratore di Wright e quelle misurate dalla spirometria convenzionale non dovrebbero essere confrontate a causa delle diverse tecniche di soffio.

Le variabili spirometriche VC, FVC e FEV1 mostrano una ragionevole variazione tra individui in cui età, altezza e sesso di solito spiegano dal 60 al 70% della variazione. I disturbi restrittivi della funzione polmonare si tradurranno in valori più bassi per VC, FVC e FEV1. Le misurazioni dei flussi durante l'espirazione mostrano una grande variazione individuale, poiché i flussi misurati dipendono sia dallo sforzo che dal tempo. Ciò significa, ad esempio, che un soggetto avrà un flusso estremamente elevato in caso di volume polmonare ridotto. D'altra parte, il flusso può essere estremamente basso in caso di volume polmonare molto elevato. Tuttavia, il flusso è generalmente ridotto in caso di malattia cronica ostruttiva (p. es., asma, bronchite cronica).

Figura 3. Schema principale dell'apparecchiatura per la determinazione della capacità polmonare totale (TLC) secondo la tecnica della diluizione dell'elio.

RES030F3

La proporzione del volume residuo (RV), cioè il volume di aria che è ancora nei polmoni dopo un'espirazione massima, può essere determinata mediante diluizione del gas o mediante pletismografia corporea. La tecnica della diluizione del gas richiede attrezzature meno complicate ed è quindi più conveniente da utilizzare negli studi effettuati sul posto di lavoro. Nella figura 3 è stato delineato il principio della tecnica di diluizione del gas. La tecnica si basa sulla diluizione di un gas indicatore in un circuito di respirazione. Il gas indicatore deve essere scarsamente solubile nei tessuti biologici in modo che non venga assorbito dai tessuti e dal sangue nei polmoni. Inizialmente si utilizzava l'idrogeno, ma per la sua capacità di formare miscele esplosive con l'aria è stato sostituito dall'elio, facilmente individuabile grazie al principio della conducibilità termica.

Il soggetto e l'apparato formano un sistema chiuso, e la concentrazione iniziale del gas viene così ridotta quando viene diluita nel volume del gas nei polmoni. Dopo l'equilibrio, la concentrazione del gas indicatore è la stessa nei polmoni come nell'apparato e la capacità funzionale residua (FRC) può essere calcolata mediante una semplice equazione di diluizione. Il volume dello spirometro (compresa l'aggiunta della miscela di gas nello spirometro) è indicato da VS, VL è il volume del polmone, Fi è la concentrazione iniziale del gas e Ff è la concentrazione finale.

FR = VL = [(VS · Fi) / Ff] - VS

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vengono eseguite da due a tre manovre VC per fornire una base affidabile per il calcolo del TLC (in litri). Le suddivisioni dei diversi volumi polmonari sono delineate nella figura 4.

 

Figura 4. Spirogramma etichettato per mostrare le suddivisioni della capacità totale.

RES030F4

A causa del cambiamento delle proprietà elastiche delle vie aeree, RV e FRC aumentano con l'età. Nelle malattie croniche ostruttive, di solito si osservano valori aumentati di RV e FRC, mentre VC è diminuito. Tuttavia, in soggetti con aree polmonari scarsamente ventilate, ad esempio soggetti con enfisema, la tecnica della diluizione del gas può sottostimare RV, FRC e anche TLC. Ciò è dovuto al fatto che il gas indicatore non comunicherà con le vie aeree chiuse, e quindi la diminuzione della concentrazione del gas indicatore darà valori erroneamente piccoli.

 

 

 

Figura 5. Uno schema principale della registrazione della chiusura delle vie aeree e della pendenza del plateau alveolare (%).

RES030F5

Le misure della chiusura delle vie aeree e della distribuzione del gas nei polmoni possono essere ottenute in un'unica manovra mediante la tecnica di lavaggio del respiro singolo, figura 5. L'apparecchiatura è composta da uno spirometro collegato a un sistema bag-in-box e un registratore per misurazioni continue della concentrazione di azoto. La manovra si effettua mediante una massima inspirazione di ossigeno puro dalla sacca. All'inizio dell'espirazione, la concentrazione di azoto aumenta a seguito dello svuotamento dello spazio morto del soggetto, contenente ossigeno puro. L'espirazione continua con l'aria dalle vie aeree e dagli alveoli. Infine, l'aria dagli alveoli, contenente dal 20 al 40% di azoto, viene espirata. Quando l'espirazione dalle parti basali dei polmoni aumenta, la concentrazione di azoto aumenterà bruscamente in caso di chiusura delle vie aeree nelle regioni polmonari dipendenti, figura 5. Questo volume sopra RV, al quale le vie aeree si chiudono durante l'espirazione, è solitamente espresso come volume di chiusura (CV) in percentuale di VC (CV%). La distribuzione dell'aria inspirata nei polmoni è espressa come pendenza del plateau alveolare (%N2 o fase III, %N2/L). Si ottiene prendendo la differenza di concentrazione di azoto tra il punto in cui viene espirato il 30% dell'aria e il punto di chiusura delle vie aeree e dividendola per il volume corrispondente.

L'invecchiamento così come i disturbi ostruttivi cronici si tradurranno in valori aumentati sia per CV% che per fase III. Tuttavia, nemmeno i soggetti sani hanno una distribuzione uniforme dei gas nei polmoni, con valori leggermente elevati per la fase III, cioè dall'1 al 2% di N2/l. Si ritiene che le variabili CV% e fase III riflettano le condizioni nelle piccole vie aeree periferiche con un diametro interno di circa 2 mm. Normalmente, le vie aeree periferiche contribuiscono a una piccola parte (dal 10 al 20%) della resistenza totale delle vie aeree. Cambiamenti piuttosto estesi che non sono rilevabili dai test di funzionalità polmonare convenzionali come la spirometria dinamica, possono verificarsi, ad esempio, a seguito di un'esposizione a sostanze irritanti nell'aria nelle vie aeree periferiche. Ciò suggerisce che l'ostruzione delle vie aeree inizia nelle piccole vie aeree. I risultati degli studi hanno anche mostrato alterazioni del CV% e della fase III prima che si verificassero cambiamenti dalla spirometria dinamica e statica. Questi primi cambiamenti possono andare in remissione quando l'esposizione ad agenti pericolosi è cessata.

Il fattore di trasferimento del polmone (mmol/min; kPa) è un'espressione della capacità di diffusione del trasporto di ossigeno nei capillari polmonari. Il fattore di trasferimento può essere determinato utilizzando tecniche di respiro singolo o multiplo; la tecnica del respiro singolo è considerata la più adatta negli studi sul posto di lavoro. Viene utilizzato il monossido di carbonio (CO) poiché la contropressione di CO è molto bassa nel sangue periferico, a differenza di quella dell'ossigeno. Si presume che l'assorbimento di CO segua un modello esponenziale e questa ipotesi può essere utilizzata per determinare il fattore di trasferimento per il polmone.

Determinazione di TLCO (fattore di trasferimento misurato con CO) viene effettuato mediante una manovra respiratoria comprendente un'espirazione massimale, seguita da un'inspirazione massimale di una miscela gassosa contenente monossido di carbonio, elio, ossigeno e azoto. Dopo un periodo di trattenimento del respiro, viene eseguita un'espirazione massima, che riflette il contenuto nell'aria alveolare, Figura 10. L'elio viene utilizzato per la determinazione del volume alveolare (VA). Supponendo che la diluizione di CO sia la stessa dell'elio, si può calcolare la concentrazione iniziale di CO, prima dell'inizio della diffusione. TLCO è calcolato secondo l'equazione delineata di seguito, dove k dipende dalle dimensioni dei termini componenti, t è il tempo effettivo per trattenere il respiro e log è il logaritmo in base 10. Il volume ispirato è indicato Vi e le frazioni F di CO ed elio sono indicati con i ed a per ispirato e alveolare, rispettivamente.

TLCO = k Vi (Fa,Lui/Fi,He) tronco d'albero (Fi,CO Fa,He/Fa, CO Fi,Lui) (t)-1

 

Figura 6. Uno schema principale della registrazione del fattore di trasferimento

RES030F6

La dimensione di TLCO dipenderà da una varietà di condizioni, ad esempio la quantità di emoglobina disponibile, il volume degli alveoli ventilati e dei capillari polmonari perfusi e la loro relazione reciproca. Valori per TLCO diminuiscono con l'età e aumentano con l'attività fisica e l'aumento dei volumi polmonari. Diminuito TLCO si troverà sia nei disturbi polmonari restrittivi che in quelli ostruttivi.

La compliance (l/kPa) è una funzione, inter alia, della proprietà elastica dei polmoni. I polmoni hanno una tendenza intrinseca a collaborare, cioè a collassare. La capacità di mantenere i polmoni tesi dipenderà dal tessuto polmonare elastico, dalla tensione superficiale negli alveoli e dalla muscolatura bronchiale. D'altra parte, la parete toracica tende ad espandersi a volumi polmonari da 1 a 2 litri al di sopra del livello FRC. A volumi polmonari più elevati, deve essere applicata potenza per espandere ulteriormente la parete toracica. A livello di FRC, la corrispondente tendenza nei polmoni è bilanciata dalla tendenza ad espandersi. Il livello FRC è quindi indicato dal livello di riposo del polmone.

La compliance del polmone è definita come la variazione di volume divisa per la variazione di pressione transpolmonare, cioè la differenza tra le pressioni nella bocca (atmosferica) e nel polmone, come risultato di una manovra respiratoria. Le misurazioni della pressione nel polmone non sono facilmente eseguibili e sono quindi sostituite da misurazioni della pressione nell'esofago. La pressione nell'esofago è quasi uguale alla pressione nel polmone e viene misurata con un sottile catetere di polietilene con un palloncino che copre i 10 cm distali. Durante le manovre inspiratorie ed espiratorie, le variazioni di volume e pressione vengono registrate rispettivamente mediante uno spirometro e un trasduttore di pressione. Quando le misurazioni vengono eseguite durante la respirazione corrente, è possibile misurare la compliance dinamica. La compliance statica si ottiene quando viene eseguita una manovra VC lenta. In quest'ultimo caso le misurazioni vengono effettuate in un pletismografo corporeo e l'espirazione viene interrotta ad intermittenza mediante un otturatore. Tuttavia, le misurazioni della compliance sono complicate da eseguire quando si esaminano gli effetti dell'esposizione sulla funzione polmonare nel luogo di lavoro e questa tecnica è considerata più appropriata in laboratorio.

Nella fibrosi si osserva una minore compliance (aumento dell'elasticità). Per provocare un cambiamento di volume, sono necessari grandi cambiamenti di pressione. D'altra parte, si osserva un'elevata compliance, ad esempio, nell'enfisema come risultato della perdita di tessuto elastico e quindi anche di elasticità nel polmone.

La resistenza nelle vie aeree dipende essenzialmente dal raggio e dalla lunghezza delle vie aeree ma anche dalla viscosità dell'aria. La resistenza delle vie aeree (RL in (kPa/l) /s), può essere determinato utilizzando uno spirometro, un trasduttore di pressione e un pneumotacografo (per misurare il flusso). Le misurazioni possono anche essere effettuate utilizzando un pletismografo corporeo per registrare le variazioni di flusso e pressione durante le manovre ansimanti. Con la somministrazione di un farmaco destinato a provocare broncocostrizione, si possono identificare soggetti sensibili, a causa delle loro vie aeree iperreattive. I soggetti con asma di solito hanno valori aumentati per RL.

Effetti acuti e cronici dell'esposizione professionale sulla funzione polmonare

La misurazione della funzionalità polmonare può essere utilizzata per rivelare un effetto dell'esposizione professionale sui polmoni. L'esame della funzionalità polmonare prima dell'assunzione non dovrebbe essere utilizzato per escludere i soggetti in cerca di lavoro. Questo perché la funzione polmonare dei soggetti sani varia entro ampi limiti ed è difficile tracciare una linea di confine al di sotto della quale si possa tranquillamente affermare che il polmone è patologico. Un altro motivo è che l'ambiente di lavoro dovrebbe essere sufficientemente buono da consentire anche ai soggetti con lieve compromissione della funzionalità polmonare di lavorare in sicurezza.

Gli effetti cronici sui polmoni nei soggetti professionalmente esposti possono essere rilevati in diversi modi. Le tecniche sono progettate per determinare gli effetti storici, tuttavia, e sono meno adatte a servire come linee guida per prevenire la compromissione della funzione polmonare. Un disegno di studio comune consiste nel confrontare i valori effettivi nei soggetti esposti con i valori di funzionalità polmonare ottenuti in una popolazione di riferimento senza esposizione professionale. I soggetti di riferimento possono essere assunti dalle stesse (o vicine) sedi di lavoro o dalla stessa città.

L'analisi multivariata è stata utilizzata in alcuni studi per valutare le differenze tra soggetti esposti e referenti non esposti abbinati. I valori della funzionalità polmonare nei soggetti esposti possono anche essere standardizzati mediante un'equazione di riferimento basata sui valori della funzionalità polmonare nei soggetti non esposti.

Un altro approccio è quello di studiare la differenza tra i valori della funzione polmonare nei lavoratori esposti e non esposti dopo l'aggiustamento per età e altezza con l'utilizzo di valori di riferimento esterni, calcolati mediante un'equazione di previsione basata su soggetti sani. La popolazione di riferimento può anche essere abbinata ai soggetti esposti secondo l'etnia, il sesso, l'età, l'altezza e l'abitudine al fumo al fine di un ulteriore controllo di tali fattori influenzanti.

Il problema è, tuttavia, decidere se una diminuzione è abbastanza grande da essere classificata come patologica, quando si utilizzano valori di riferimento esterni. Sebbene gli strumenti negli studi debbano essere portatili e semplici, occorre prestare attenzione sia alla sensibilità del metodo scelto per rilevare piccole anomalie nelle vie aeree e nei polmoni sia alla possibilità di combinare diversi metodi. Ci sono indicazioni che i soggetti con sintomi respiratori, come la dispnea da sforzo, corrono un rischio maggiore di avere un declino accelerato della funzione polmonare. Ciò significa che la presenza di sintomi respiratori è importante e quindi non deve essere trascurata.

Il soggetto può anche essere seguito dalla spirometria, per esempio, una volta all'anno, per un certo numero di anni, al fine di dare un avvertimento contro lo sviluppo della malattia. Ci sono limitazioni, tuttavia, poiché questo richiederà molto tempo e la funzione polmonare potrebbe essersi deteriorata in modo permanente quando si può osservare la diminuzione. Questo approccio non deve pertanto essere una scusa per ritardare l'attuazione di misure volte a ridurre le concentrazioni nocive di inquinanti atmosferici.

Infine, gli effetti cronici sulla funzione polmonare possono anche essere studiati esaminando i singoli cambiamenti della funzione polmonare in soggetti esposti e non esposti nel corso di un certo numero di anni. Un vantaggio del disegno dello studio longitudinale è che la variabilità intersoggettiva viene eliminata; tuttavia, la progettazione è considerata lunga e costosa.

I soggetti suscettibili possono anche essere identificati confrontando la loro funzione polmonare con e senza esposizione durante i turni di lavoro. Al fine di minimizzare i possibili effetti delle variazioni diurne, la funzione polmonare viene misurata alla stessa ora del giorno in un'occasione non esposta e una esposta. La condizione di non esposizione può essere ottenuta, ad esempio, spostando occasionalmente il lavoratore in un'area non contaminata o utilizzando un respiratore adatto durante un intero turno, o in alcuni casi eseguendo misurazioni della funzionalità polmonare nel pomeriggio del giorno di riposo del lavoratore.

Una preoccupazione particolare è che effetti ripetuti e temporanei possono provocare effetti cronici. Una diminuzione acuta temporanea della funzione polmonare può essere non solo un indicatore di esposizione biologica, ma anche un predittore di un decremento cronico della funzione polmonare. L'esposizione agli inquinanti atmosferici può provocare effetti acuti percepibili sulla funzione polmonare, sebbene i valori medi degli inquinanti atmosferici misurati siano inferiori ai valori limite igienici. Sorge quindi la domanda se questi effetti siano davvero dannosi a lungo termine. È difficile rispondere direttamente a questa domanda, soprattutto perché l'inquinamento atmosferico nei luoghi di lavoro ha spesso una composizione complessa e l'esposizione non può essere descritta in termini di concentrazioni medie dei singoli composti. L'effetto di un'esposizione professionale è anche in parte dovuto alla sensibilità dell'individuo. Ciò significa che alcuni soggetti reagiranno prima o in misura maggiore rispetto ad altri. Il motivo fisiopatologico alla base di una diminuzione acuta e temporanea della funzione polmonare non è completamente compreso. La reazione avversa all'esposizione a un contaminante atmosferico irritante è, tuttavia, una misura oggettiva, in contrasto con esperienze soggettive come sintomi di diversa origine.

Il vantaggio di rilevare i cambiamenti precoci nelle vie aeree e nei polmoni causati da inquinanti atmosferici pericolosi è ovvio: l'esposizione prevalente può essere ridotta per prevenire malattie più gravi. Pertanto, un obiettivo importante a questo proposito è utilizzare le misurazioni degli effetti temporanei acuti sulla funzione polmonare come un sensibile sistema di allerta precoce che può essere utilizzato quando si studiano gruppi di lavoratori sani.

Monitoraggio degli irritanti

L'irritazione è uno dei criteri più frequenti per la fissazione dei valori limite di esposizione. Tuttavia, non è certo che il rispetto di un limite di esposizione basato sull'irritazione protegga dall'irritazione. Va considerato che un limite di esposizione per un contaminante dell'aria di solito contiene almeno due parti: un limite medio ponderato nel tempo (TWAL) e un limite di esposizione a breve termine (STEL), o almeno regole per il superamento della media ponderata nel tempo limite, “limiti di escursione”. Nel caso di sostanze altamente irritanti, come l'anidride solforosa, l'acroleina e il fosgene, è importante limitare la concentrazione anche durante periodi molto brevi, ed è stata quindi pratica comune fissare valori limite di esposizione professionale sotto forma di limiti massimi, con un periodo di campionamento che sia mantenuto il più breve consentito dalle strutture di misurazione.

I valori limite medi ponderati nel tempo per una giornata di otto ore combinati con le regole per l'escursione al di sopra di questi valori sono forniti per la maggior parte delle sostanze nell'elenco dei valori limite di soglia (TLV) della Conferenza americana degli igienisti industriali governativi (ACGIH). L'elenco TLV del 1993-94 contiene la seguente dichiarazione relativa ai limiti di escursione per il superamento dei valori limite:

“Per la stragrande maggioranza delle sostanze con un TLV-TWA, non sono disponibili dati tossicologici sufficienti per giustificare uno STEL = limite di esposizione a breve termine). Tuttavia, le escursioni al di sopra del TLV-TWA dovrebbero essere controllate anche quando il TWA di otto ore rientra nei limiti raccomandati”.

Le misurazioni dell'esposizione di contaminanti atmosferici noti e il confronto con valori limite di esposizione ben documentati dovrebbero essere effettuati su base routinaria. Vi sono, tuttavia, molte situazioni in cui la determinazione del rispetto dei valori limite di esposizione non è sufficiente. Questo è il caso nelle seguenti circostanze (inter alia):

  1. quando il valore limite è troppo elevato per evitare irritazioni
  2. quando l'irritante è sconosciuto
  3. quando l'irritante è una miscela complessa e non è noto alcun indicatore adatto.

 

Come sostenuto in precedenza, la misurazione degli effetti acuti e temporanei sulla funzione polmonare può essere utilizzata in questi casi come avvertimento contro la sovraesposizione a sostanze irritanti.

Nei casi (2) e (3), gli effetti acuti e temporanei sulla funzione polmonare possono essere applicabili anche nel testare l'efficacia delle misure di controllo per ridurre l'esposizione alla contaminazione dell'aria o nelle indagini scientifiche, ad esempio, nell'attribuire effetti biologici ai componenti dell'aria contaminanti. Seguono alcuni esempi in cui effetti acuti e temporanei sulla funzionalità polmonare sono stati impiegati con successo nelle indagini sulla salute sul lavoro.

Studi sugli effetti sulla funzione polmonare acuta e temporanea

Alla fine del 1950, nei lavoratori del cotone è stata registrata una diminuzione temporanea della funzione polmonare correlata al lavoro durante un turno di lavoro. esposti a toluene diisocianato, vigili del fuoco, addetti alla lavorazione della gomma, stampatori e animemaker, saldatori, sciolinatori, lavoratori esposti a polveri organiche e sostanze irritanti nelle vernici a base acqua.

Tuttavia, ci sono anche diversi esempi in cui le misurazioni prima e dopo l'esposizione, di solito durante un turno, non sono riuscite a dimostrare alcun effetto acuto, nonostante un'esposizione elevata. Ciò è probabilmente dovuto all'effetto della normale variazione circadiana, principalmente nelle variabili della funzione polmonare a seconda delle dimensioni del calibro delle vie aeree. Pertanto, la diminuzione temporanea di queste variabili deve superare la normale variazione circadiana per essere riconosciuta. Il problema può essere aggirato, tuttavia, misurando la funzione polmonare alla stessa ora del giorno in ogni occasione di studio. Utilizzando il dipendente esposto come proprio controllo, la variazione interindividuale viene ulteriormente ridotta. I saldatori sono stati studiati in questo modo e, sebbene la differenza media tra i valori FVC non esposti ed esposti fosse inferiore al 3% in 15 saldatori esaminati, questa differenza era significativa al livello di confidenza del 95% con una potenza superiore al 99%.

Gli effetti transitori reversibili sui polmoni possono essere utilizzati come indicatore di esposizione di complicati componenti irritanti. Nello studio sopra citato, le particelle nell'ambiente di lavoro erano determinanti per gli effetti irritanti sulle vie respiratorie e sui polmoni. Le particelle sono state rimosse da un respiratore costituito da un filtro combinato con un casco per saldatura. I risultati hanno indicato che gli effetti sui polmoni erano causati dalle particelle nei fumi di saldatura e che l'uso di un respiratore antiparticolato potrebbe prevenire questo effetto.

L'esposizione allo scarico diesel dà anche effetti irritativi misurabili sui polmoni, mostrati come una diminuzione acuta e temporanea della funzionalità polmonare. I filtri meccanici montati sui tubi di scarico dei camion utilizzati nelle operazioni di carico dagli stivatori alleviavano i disturbi soggettivi e riducevano la diminuzione acuta e temporanea della funzionalità polmonare osservata quando non veniva eseguita alcuna filtrazione. I risultati indicano quindi che la presenza di particelle nell'ambiente di lavoro svolge un ruolo nell'effetto irritativo sulle vie aeree e sui polmoni e che è possibile valutare l'effetto mediante misurazioni dei cambiamenti acuti nella funzione polmonare.

Una molteplicità di esposizioni e un ambiente di lavoro in continua evoluzione possono presentare difficoltà nel discernere la relazione causale dei diversi agenti esistenti in un ambiente di lavoro. Lo scenario di esposizione nelle segherie è un esempio illuminante. Non è possibile (ad esempio, per motivi economici) effettuare misurazioni dell'esposizione di tutti i possibili agenti (terpeni, polvere, muffe, batteri, endotossine, micotossine, ecc.) in questo ambiente di lavoro. Un metodo fattibile può essere quello di seguire lo sviluppo della funzione polmonare longitudinalmente. In uno studio sui lavoratori delle segherie nel reparto di rifilatura del legno, la funzionalità polmonare è stata esaminata prima e dopo una settimana lavorativa e non è stata riscontrata alcuna diminuzione statisticamente significativa. Tuttavia, uno studio di follow-up condotto alcuni anni dopo ha rivelato che quei lavoratori che hanno effettivamente avuto una diminuzione numerica della funzione polmonare durante una settimana lavorativa hanno anche avuto un declino accelerato a lungo termine della funzione polmonare. Ciò potrebbe indicare che i soggetti vulnerabili possono essere rilevati misurando i cambiamenti nella funzione polmonare durante una settimana lavorativa.

 

Di ritorno

Leggi 11411 volte Ultima modifica sabato 23 luglio 2022 19:46

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti sul sistema respiratorio

Abramson, MJ, JH Wlodarczyk, NA Saunders e MJ Hensley. 1989. La fusione dell'alluminio causa malattie polmonari? Am Rev Respir Dis 139:1042-1057.

Abrons, HL, MR Peterson, WT Sanderson, AL Engelberg e P Harber. 1988. Sintomi, funzione ventilatoria ed esposizioni ambientali nei lavoratori del cemento di Portland. Brit J Ind Med 45:368-375.

Adamson, IYR, L Young e DH Bowden. 1988. Rapporto tra lesione epiteliale alveolare e riparazione con l'indicazione della fibrosi polmonare. Am J Pathol 130(2):377-383.

Agius, R. 1992. La silice è cancerogena? Occup Med 42: 50-52.

Alberts, WM e GA Do Pico. 1996. Sindrome da disfunzione delle vie aeree reattive (revisione). Petto 109:1618-1626.
Albrecht, WN e CJ Bryant. 1987. Febbre da fumo di polimero associata al fumo e all'uso di uno spray antimuffa contenente politetrafluoroetilene. J Occup Med 29:817-819.

Conferenza americana degli igienisti industriali governativi (ACGIH). 1993. Valori limite di soglia 1993-1994 e indici di esposizione biologica. Cincinnati, Ohio: ACGIH.

Società toracica americana (ATS). 1987 Standard per la diagnosi e la cura dei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e asma. Am Rev Respir Dis 136:225-244.

—.1995. Standardizzazione della spirometria: aggiornamento del 1994. Amer J Resp Crit Care Med 152: 1107-1137.

Antman, K e J Aisner. 1987. Malignità correlata all'amianto. Orlando: Grune & Stratton.

Antman, KH, FP Li, HI Pass, J Corson e T Delaney. 1993. Mesotelioma benigno e maligno. In Cancer: Principles and Practice of Oncology, a cura di VTJ DeVita, S Hellman e SA Rosenberg. Filadelfia: JB Lippincott.
Istituto Amianto. 1995. Centro di documentazione: Montreal, Canada.

Attfield, MD e K Morring. 1992. Un'indagine sulla relazione tra la pneumoconiosi dei lavoratori del carbone e l'esposizione alla polvere nei minatori di carbone degli Stati Uniti. Am Ind Hyg Assoc J 53(8):486-492.

Attfield, MD. 1992. Dati britannici sulla pneumoconiosi dei minatori di carbone e rilevanza per le condizioni statunitensi. Am J Sanità pubblica 82:978-983.

Attfield, MD e RB Althouse. 1992. Dati di sorveglianza sulla pneumoconiosi dei minatori di carbone degli Stati Uniti, dal 1970 al 1986. Am J Public Health 82:971-977.

Axmacher, B, O Axelson, T Frödin, R Gotthard, J Hed, L Molin, H Noorlind Brage e M Ström. 1991. Esposizione alla polvere nella malattia celiaca: uno studio di riferimento. Brit J Ind Med 48:715-717.

Baquet, CR, JW Horm, T Gibbs e P Greenwald. 1991. Fattori socioeconomici e incidenza del cancro tra neri e bianchi. J Natl Cancer Inst 83: 551-557.

Beaumont, GP. 1991. Riduzione dei baffi di carburo di silicio nell'aria mediante miglioramenti del processo. Appl Occup Environ Hyg 6(7):598-603.

Becklake, MR. 1989. Esposizioni professionali: evidenza di un'associazione causale con malattia polmonare ostruttiva cronica. Am Rev Respir Dis. 140: S85-S91.

—. 1991. L'epidemiologia dell'asbestosi. In Mineral Fibers and Health, a cura di D Liddell e K Miller. Boca Raton: CRC Press.

—. 1992. Esposizione professionale e malattia cronica delle vie aeree. Cap. 13 in Medicina Ambientale e del Lavoro. Boston: Little, Brown & Co.

—. 1993. In Asthma in the workplace, a cura di IL Bernstein, M Chan-Yeung, JL Malo e D Bernstein. Marcel Decker.

—. 1994. Pneumoconiosi. Cap. 66 in A Textbook of Respiratory Medicine, a cura di JF Murray e J Nadel. Filadelfia: WB Saunders.

Becklake, MR e caso B. 1994. Carico di fibre e malattia polmonare correlata all'amianto: determinanti delle relazioni dose-risposta. Am J Resp Critical Care Med 150:1488-1492.

Becklake, MR. et al. 1988. Le relazioni tra le risposte acute e croniche delle vie aeree alle esposizioni professionali. In attuale pneumologia. vol. 9, a cura di DH Simmons. Chicago: editori medici del libro annuale.

Bégin, R, A Cantin e S Massé. 1989. Recenti progressi nella patogenesi e nella valutazione clinica delle pneumoconiosi da polvere minerale: asbestosi, silicosi e pneumoconiosi da carbone. Eur Resp J 2:988-1001.

Bégin, R e P Sébastien. 1989. Capacità di rimozione della polvere alveolare come determinante della suscettibilità individuale all'asbestosi: osservazioni sperimentali. Ann Occup Hyg 33:279-282.

Bégin, R, A Cantin, Y Berthiaume, R Boileau, G Bisson, G Lamoureux, M Rola-Pleszczynski, G Drapeau, S Massé, M Boctor, J Breault, S Péloquin, and D Dalle. 1985. Caratteristiche cliniche per mettere in scena l'alveolite nei lavoratori dell'amianto. Am J Ind Med 8:521-536.

Bégin, R, G Ostiguy, R Filion e S Groleau. 1992. Recenti progressi nella diagnosi precoce dell'asbestosi. Sem Roentgenol 27(2):121-139.

Bégin, T, A Dufresne, A Cantin, S Massé, P Sébastien e G Perrault. 1989. Pneumoconiosi da carborundum. Petto 95(4):842-849.

Beijer L, M Carvalheiro, PG Holt e R Rylander. 1990. Aumento dell'attività procoagulante dei monociti del sangue nei lavoratori del cotonificio. J. Clin Lab Immunol 33:125-127.

Beral, V, P Fraser, M Booth e L Carpenter. 1987. Studi epidemiologici sui lavoratori dell'industria nucleare. In Radiation and Health: The Biological Effects of Low-Level Exposure to Ionizing Radiation, a cura di R Russell Jones e R Southwood. Chichester: Wiley.

Bernstein, IL, M Chan-Yeung, JL Malo e D Bernstein. 1993. Asma sul posto di lavoro. Marcel Decker.

Berrino F, M Sant, A Verdecchia, R Capocaccia, T Hakulinen, and J Esteve. 1995. Sopravvivenza dei malati di cancro in Europa: lo studio EUROCARE. Pubblicazioni scientifiche IARC, n. 132. Lione: IARC.

Berry, G, CB McKerrow, MKB Molyneux, CE Rossiter e JBL Tombleson. 1973. Uno studio sui cambiamenti acuti e cronici nella capacità ventilatoria dei lavoratori nei Lancashire Cotton Mills. Br J Ind Med 30:25-36.

Bignon J, (a cura di) 1990. Effetti sulla salute dei fillosilicati. Serie NATO ASI Berlino: Springer-Verlag.

Bignon, J, P Sébastien e M Bientz. 1979. Rassegna di alcuni fattori rilevanti per la valutazione dell'esposizione alle polveri di amianto. In The use of Biological Specimens for the Assessment of Human Exposure to Environmental Pollutants, a cura di A Berlin, AH Wolf e Y Hasegawa. Dordrecht: Martinus Nijhoff per la Commissione delle Comunità europee.

Bignon J, J Peto e R Saracci, (a cura di) 1989. Esposizione non professionale a fibre minerali. Pubblicazioni scientifiche IARC, n. 90. Lione: IARC.

Bisson, G, G Lamoureux e R Bégin. 1987. Scansione polmonare quantitativa al gallio 67 per valutare l'attività infiammatoria nelle pneumoconiosi. Sem Nuclear Med 17(1):72-80.

Blanc, PD e DA Schwartz. 1994. Risposte polmonari acute a esposizioni tossiche. In Respiratory Medicine, a cura di JF Murray e JA Nadel. Filadelfia: WB Saunders.

Blanc, P, H Wong, MS Bernstein e HA Boushey. 1991. Un modello umano sperimentale di febbre da fumi metallici. Ann Intern Med 114:930-936.

Blanc, PD, HA Boushey, H Wong, SF Wintermeyer e MS Bernstein. 1993. Citochine nella febbre da fumi metallici. Am Rev Respir Dis 147:134-138.

Blandford, TB, PJ Seamon, R Hughes, M Pattison e MP Wilderspin. 1975. Un caso di avvelenamento da politetrafluoroetilene in cockatiels accompagnato da febbre da fumi di polimero nel proprietario. Vet Rec 96:175-178.

Blount, BW. 1990. Due tipi di febbre da fumi metallici: lieve vs grave. Milit Med 155:372-377.

Boffetta, P, R Saracci, A Anderson, PA Bertazzi, Chang-Claude J, G Ferro, AC Fletcher, R Frentzel-Beyme, MJ Gardner, JH Olsen, L Simonato, L Teppo, P Westerholm, P Winter, and C Zocchetti . 1992. Mortalità per cancro al polmone tra i lavoratori nella produzione europea di fibre minerali artificiali: un'analisi di regressione di Poisson. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:279-286.

Borm, PJA. 1994. Marcatori biologici e malattie polmonari professionali: disturbi respiratori indotti da polvere minerale. Exp Polmone Ris 20:457-470.

Boucher, RC. 1981. Meccanismi di tossicità delle vie aeree indotta da inquinanti. Clin Petto Med 2:377-392.

Bouige, D. 1990. L'esposizione alla polvere risulta in 359 fabbriche che utilizzano amianto da 26 paesi. Nella settima conferenza internazionale sulla pneumoconiosi, 23-26 agosto 1988. Atti Parte II. Washington, DC: DHS (NIOSH).

Bouhuys A. 1976. Byssinosi: asma programmato nell'industria tessile. Polmone 154:3-16.

Bowden, DH, C Hedgecock e IYR Adamson. 1989. La fibrosi polmonare indotta dalla silice comporta la reazione di particelle con macrofagi interstiziali piuttosto che alveolari. G Pathol 158:73-80.

Brigham, KL e B Mayerick. 1986. Endotossine e lesioni polmonari. Am Rev Respir Dis 133:913-927.

Brodi, AR. 1993. Malattia polmonare indotta dall'amianto. Ambiente Salute Persp 100:21-30.

Brody, AR, LH Hill, BJ Adkins e RW O'Connor. 1981. Inalazione di amianto crisotilo nei ratti: schema di deposizione e reazione dell'epitelio alveolare e dei macrofagi polmonari. Am Rev Respir Dis 123:670.

Bronwyn, L, L Razzaboni, e P Bolsaitis. 1990. Prove di un meccanismo ossidativo per l'attività emolitica delle particelle di silice. Ambiente Salute Persp 87: 337-341.

Brookes, KJA. 1992. Elenco mondiale e manuale di metalli duri e materiali duri. Londra: dati internazionali sul carburo.

Brooks, SM e AR Kalica. 1987. Strategie per chiarire la relazione tra esposizioni professionali e ostruzione cronica del flusso aereo. Am Rev Respir Dis 135:268-273.

Brooks, SM, MA Weiss e IL Bernstein. 1985. Sindrome da disfunzione delle vie aeree reattiva (RADS). Petto 88:376-384.

Browne, K. 1994. Disturbi correlati all'amianto. Cap. 14 in Occupational Lung Disorders, a cura di WR Parkes. Oxford: Butterworth-Heinemann.

Brubaker, RE. 1977. Problemi polmonari associati all'uso di politetrafluoroetilene. J Occup Med 19:693-695.

Bunn, WB, JR Bender, TW Hesterberg, GR Chase e JL Konzen. 1993. Recenti studi sulle fibre vetrose artificiali: studi sull'inalazione di animali cronici. J Occup Med 35(2):101-113.

Burney, MB e S Chinn. 1987. Sviluppo di un nuovo questionario per misurare la prevalenza e la distribuzione dell'asma. Petto 91:79S-83S.

Burrell, R e R Rylander. 1981. Una revisione critica del ruolo delle precipitine nella polmonite da ipersensibilità. Eur J Resp Dis 62:332-343.

Bye, E. 1985. Presenza di fibre di carburo di silicio nell'aria durante la produzione industriale di carburo di silicio. Scand J Ambiente di lavoro Salute 11:111-115.

Cabral-Anderson, LJ, MJ Evans e G Freeman. 1977. Effetti di NO2 sui polmoni di ratti che invecchiano I. Exp Mol Pathol 27:353-365.

Campbell, JM. 1932. Sintomi acuti in seguito al lavoro con il fieno. Brit MedJ 2:1143-1144.

Carvalheiro MF, Y Peterson, E Rubenowitz, R Rylander. 1995. Attività bronchiale e sintomi legati al lavoro negli agricoltori. Am J Ind Med 27: 65-74.

Castellan, RM, SA Olenchock, KB Kinsley e JL Hankinson. 1987. Endotossina inalata e valori spirometrici ridotti: una relazione esposizione-risposta per la polvere di cotone. New Engl J Med 317:605-610.

Castleman, WL, DL Dungworth, LW Schwartz e WS Tyler. 1980. Bronchiolite respiratoria acuta - Uno studio ultrastrutturale e autoradiografico del danno e del rinnovamento delle cellule epiteliali nelle scimmie Rhesus esposte all'ozono. Am J Pathol 98:811-840.

Chan-Yeung, M. 1994. Meccanismo dell'asma professionale dovuto al cedro rosso occidentale. Am J Ind Med 25:13-18.

—. 1995. Valutazione dell'asma sul posto di lavoro. Dichiarazione di consenso ACCP. American College of Chest Physicians. Petto 108:1084-1117.
Chan-Yeung, M e JL Malo. 1994. Agenti eziologici nell'asma occupazionale. Eur Resp J 7:346-371.

Checkoway, H, NJ Heyer, P Demers e NE Breslow. 1993. Mortalità tra i lavoratori nell'industria della farina fossile. Brit J Ind Med 50:586-597.

Chiazze, L, DK Watkins, e C Fryar. 1992. Uno studio caso-controllo di malattie respiratorie maligne e non maligne tra i dipendenti di un impianto di produzione di fibra di vetro. Brit J Ind Med 49:326-331.

Churg, A. 1991. Analisi del contenuto di amianto nei polmoni. Brit J Ind Med 48:649-652.

Cooper, WC e G Jacobson. 1977. Un follow-up radiografico di ventuno anni di lavoratori nell'industria della diatomite. J Occup Med 19:563-566.

Craighead, JE, JL Abraham, A Churg, FH Green, J Kleinerman, PC Pratt, TA Seemayer, V Vallyathan e H Weill. 1982. La patologia delle malattie associate all'amianto dei polmoni e delle cavità pleuriche. Criteri diagnostici e sistema di classificazione proposto. Arch Pathol Lab Med 106: 544-596.

Cristallo, RG e JB West. 1991. Il polmone. New York: Corvo Press.

Cullen, MR, JR Balmes, JM Robins e GJW Smith. 1981. Polmonite lipoide causata dall'esposizione a nebbia d'olio da un laminatoio tandem in acciaio. Am J Ind Med 2: 51-58.

Dalal, NA, X Shi e V Vallyathan. 1990. Ruolo dei radicali liberi nei meccanismi di emolisi e perossidazione lipidica da parte della silice: studi comparativi di ESR e citotossicità. J Tox Environ Health 29:307-316.

Das, R e PD Blanc. 1993. Esposizione al gas di cloro e polmone: una revisione. Toxicol Ind Health 9:439-455.

Davis, JMG, AD Jones e BG Miller. 1991. Studi sperimentali sui ratti sugli effetti dell'inalazione di amianto accoppiati con l'inalazione di biossido di titanio o quarzo. Int J Exp Pathol 72:501-525.

Deng, JF, T Sinks, L Elliot, D Smith, M Singal e L Fine. 1991. Caratterizzazione della salute respiratoria e delle esposizioni presso un produttore di magneti permanenti sinterizzati. Brit J Ind Med 48:609-615.

de Viottis, JM. 1555. Opera Magnus. Historia de gentibus septentrionalibus. In Aedibus Birgittae. Roma.

Di Luzio, NR. 1985. Aggiornamento sulle attività immunomodulanti dei glucani. Springer Semin Immunopathol 8:387-400.

Bambola, R e J Peto. 1985. Effetti sulla salute dell'esposizione all'amianto. Londra, Health and Safety Commission London: Her Majesty's Stationery Office.

—. 1987. In Asbestos-Related Malignancy, a cura di K Antman e J Aisner. Orlando, Florida: Grune & Stratton.

Donelly, SC e MX Fitzgerald. 1990. Sindrome da disfunzione delle vie aeree reattiva (RADS) dovuta all'esposizione acuta al cloro. Int J Med Sci 159:275-277.

Donham, K, P Haglind, Y Peterson e R Rylander. 1989. Studi sull'ambiente e sulla salute dei lavoratori agricoli negli edifici svedesi per il confinamento dei maiali. Brit J Ind Med 46:31-37.

Fare Pico, GA. 1992. Esposizione pericolosa e malattie polmonari tra i lavoratori agricoli. Clin Petto Med 13: 311-328.

Dubois, F, R Bégin, A Cantin, S Massé, M Martel, G Bilodeau, A Dufresne, G Perrault e P Sébastien. 1988. L'inalazione di alluminio riduce la silicosi in un modello di pecora. Am Rev Respir Dis 137:1172-1179.

Dunn, AJ. 1992. Attivazione indotta da endotossina della catecolamina cerebrale e del metabolismo della serotonina: confronto con l'interleuchina.1. J Pharmacol Exp Therapeut 261:964-969.

Dutton, CB, MJ Pigeon, PM Renzi, PJ Feustel, RE Dutton e GD Renzi. 1993. Funzione polmonare nei lavoratori che raffinano la roccia fosforica per ottenere fosforo elementare. J Occup Med 35:1028-1033.

Ellenhorn, MJ e DG Barceloux. 1988. Tossicologia medica. New York: Elsevier.
Emmanuel, DA, JJ Marx e B Ault. 1975. Micotossicosi polmonare. Petto 67:293-297.

—. 1989. Sindrome tossica da polvere organica (micotossicosi polmonare) - Una revisione dell'esperienza nel Wisconsin centrale. In Principles of Health and Safety in Agriculture, a cura di JA Dosman e DW Cockcroft. Boca Raton: CRC Press.

Engelen, JJM, PJA Borm, M Van Sprundel e L Leenaerts. 1990. Parametri antiossidanti del sangue nelle diverse fasi della pneumoconiosi del lavoratore del carbone. Ambiente Salute Persp 84:165-172.

Englen, MD, SM Taylor, WW Laegreid, HD Liggit, RM Silflow, RG Breeze e RW Leid. 1989. Stimolazione del metabolismo dell'acido arachidonico nei macrofagi alveolari esposti alla silice. Exp Lung Res 15: 511-526.

Agenzia per la protezione dell'ambiente (EPA). 1987. Riferimento per il monitoraggio dell'aria ambiente e metodi equivalenti. Registro federale 52:24727 (1987 luglio XNUMX).

Ernst e Zejda. 1991. In Mineral Fibers and Health, a cura di D Liddell e K Miller. Boca Raton: CRC Press.

Comitato europeo di normalizzazione (CEN). 1991. Definizioni delle frazioni dimensionali per le misurazioni delle particelle aerodisperse sul posto di lavoro. Rapporto n. EN 481. Lussemburgo: CEN.

Evans, MJ, LJ Cabral-Anderson e G Freeman. 1977. Effetti di NO2 sui polmoni dei ratti che invecchiano II. Esp Mol Pathol 27:366-376.

Fogelmark, B, H Goto, K Yuasa, B Marchat e R Rylander. 1992. Tossicità polmonare acuta dell'inalazione di (13)-BD-glucano ed endotossina. Agenti Azioni 35:50-56.

Fraser, RG, JAP Paré, PD Paré e RS Fraser. 1990. Diagnosi delle malattie del torace. vol. III. Filadelfia: WB Saunders.

Fubini, B, E Giamello, M Volante, V Bolis. 1990. Funzionalità chimiche sulla superficie della silice che ne determinano la reattività quando viene inalata. Formazione e reattività dei radicali superficiali. Toxicol Ind Health 6(6):571-598.

Gibbs, AE, FD Pooley e DM Griffith. 1992. Pneumoconiosi del talco: uno studio patologico e mineralogico. Hum Pathol 23(12):1344-1354.

Gibbs, G, F Valic e K Browne. 1994. Rischio per la salute associato all'amianto crisotilo. Resoconto di un seminario tenutosi a Jersey, Isole del Canale. Ann Occup Hyg 38:399-638.

Gibbs, NOI. 1924. Nuvole e fumi. New York: Blakston.

Ginsburg, CM, MG Kris e JG Armstrong. 1993. Carcinoma polmonare non a piccole cellule. In Cancer: Principles & Practice of Oncology, a cura di VTJ DeVita, S Hellman e SA Rosenberg. Filadelfia: JB Lippincott.

Goldfrank, LR, NE Flomenbaum, N Lewin e MA Howland. 1990. Emergenze tossicologiche di Goldfrank. Norwalk, Connecticut: Appleton & Lange.
Goldstein, B e RE Rendall. 1987. L'uso profilattico di polivinilpiridina-N-ossido (PVNO) nei babbuini esposti alla polvere di quarzo. Ricerca ambientale 42:469-481.

Goldstein, RH e A Fine. 1986. Reazioni fibrotiche nel polmone: l'attivazione del fibroblasto polmonare. Exp Polmone Res 11:245-261.
Gordon, RE, D Solano e J Kleinerman. 1986. Alterazioni della giunzione stretta degli epiteli respiratori in seguito all'esposizione e al recupero a lungo termine di NO2. Exp Lung Res 11:179-193.

Gordon, T, LC Chen, JT Fine e RB Schlesinger. 1992. Effetti polmonari dell'ossido di zinco inalato in soggetti umani, cavie, ratti e conigli. Am Ind Hyg Assoc J 53:503-509.

Graham, D. 1994. Gas e fumi nocivi. In Textbook of Pulmonary Diseases, a cura di GL Baum e E Wolinsky. Boston: Little, Brown & Co.

Green, JM, RM Gonzalez, N Sonbolian e P Renkopf. 1992. La resistenza all'accensione del laser ad anidride carbonica di un nuovo tubo endotracheale. J Clin Anesthesiaol 4:89-92.

Guilianelli, C, A Baeza-Squiban, E Boisvieux-Ulrich, O Houcine, R Zalma, C Guennou, H Pezerat, and F MaraNo. 1993. Effetto di particelle minerali contenenti ferro su colture primarie di cellule epiteliali tracheali di coniglio: possibile implicazione dello stress ossidativo. Ambiente Salute Persp 101(5):436-442.

Gun, RT, Janckewicz, A Esterman, D Roder, R Antic, RD McEvoy e A Thornton. 1983. Byssinosi: uno studio trasversale in una fabbrica tessile australiana. J Soc Occup Med 33:119-125.

Haglind P e R Rylander. Esposizione alla polvere di cotone in una sala da gioco sperimentale. Br J Ind Med 10: 340-345.

Hanoa, R. 1983. Pneumoconiosi di grafite. Una revisione degli aspetti eziologici ed epidemiologici. Scand J Ambiente di lavoro Salute 9:303-314.

Harber, P, M Schenker e J Balmes. 1996. Malattie respiratorie professionali e ambientali. St Louis: Mosby.

Istituto per gli effetti sulla salute - Ricerca sull'amianto. 1991. Amianto negli edifici pubblici e commerciali: revisione della letteratura e sintesi delle conoscenze attuali. Cambridge, Massachusetts: Istituto per gli effetti sulla salute.

Heffner, JE e JE Repine. 1989. Strategie polmonari di difesa antiossidante. Am Rev Respir Dis 140: 531-554.

Hemenway, D, A Absher, B Fubini, L Trombley, P Vacek, M Volante e A Cabenago. 1994. Le funzionalità superficiali sono correlate alla risposta biologica e al trasporto di silice cristallina. Ann Occup Hyg 38 Suppl. 1:447-454.

Henson, PM e RC Murphy. 1989. Mediatori del processo infiammatorio. New York: Elsevier.

Heppleston AG. 1991. Minerali, fibrosi e polmone. Environ Health Persp 94:149-168.

Herbert, A, M Carvalheiro, E Rubenowiz, B Bake e R Rylander. 1992. Riduzione della diffusione alveolo-capillare dopo inalazione di endotossina in soggetti normali. Petto 102:1095-1098.

Hessel, PA, GK Sluis-Cremer, E Hnizdo, MH Faure, RG Thomas e FJ Wiles. 1988. Progressione della silicosi in relazione all'esposizione alla polvere di silice. Am Occup Hyg 32 Suppl. 1:689-696.

Higginson, J, CS Muir e N Muñoz. 1992. Cancro umano: epidemiologia e cause ambientali. In monografie di Cambridge sulla ricerca sul cancro. Cambridge: Università di Cambridge. Premere.

Cerve, WC. 1982. Tecnologia dell'aerosol: proprietà, comportamento e misurazione delle particelle sospese nell'aria. New York: John Wiley.

Hoffman, RE, K Rosenman, F Watt, et al. 1990. Sorveglianza delle malattie professionali: asma professionale. Morb Mortal Weekly Rep 39:119-123.

Hogg, J.C. 1981. Permeabilità della mucosa bronchiale e sua relazione con l'iperreattività delle vie aeree. J Allergy Clin immunol 67:421-425.

Holgate, ST, R Beasley e OP Twentyman. 1987. La patogenesi e il significato dell'iperreattività bronchiale nella malattia delle vie aeree. Clin Sci 73:561-572.

Holtzmann, MJ. 1991. Metabolismo dell'acido arachidonico. Implicazioni della chimica biologica per la funzione polmonare e la malattia. Am Rev Respir Dis 143:188-203.

Hughes, JM e H Weil. 1991. Asbestosi come precursore del cancro del polmone correlato all'amianto: risultati di uno studio prospettico sulla mortalità. Brit J Ind Med 48: 229-233.

Hussain, MH, JA Dick e YS Kaplan. 1980. Pneumoconiosi di terre rare. J Soc Occup Med 30:15-19.

Ihde, DC, HI Pass e EJ Glatstein. 1993. Cancro polmonare a piccole cellule. In Cancer: Principles and Practice of Oncology, a cura di VTJ DeVita, S Hellman e SA Rosenberg. Filadelfia: JB Lippincott.

Infante-Rivard, C, B Armstrong, P Ernst, M Peticlerc, LG Cloutier, and G Thériault. 1991. Studio descrittivo dei fattori prognostici che influenzano la sopravvivenza dei pazienti silicotici compensati. Am Rev Respir Dis 144:1070-1074.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1971-1994. Monografie sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo. vol. 1-58. Lione: IARC.

—. 1987. Monografie sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, valutazioni generali di cancerogenicità: un aggiornamento della IARC
Monografie. vol. 1-42. Lione: IARC. (Supplemento 7.)

—. 1988. Fibre minerali artificiali e radon. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 43. Lione: IARC.

—. 1988. Radone. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 43. Lione: IARC.

—. 1989a. Scarichi di motori diesel e benzina e alcuni nitroareni. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 46. Lione: IARC.

—. 1989 b. Esposizione non professionale a fibre minerali. Pubblicazioni scientifiche IARC, n. 90. Lione: IARC.

—. 1989 c. Alcuni solventi organici, monomeri di resina e composti correlati, pigmenti ed esposizione professionale nella produzione di vernici e verniciatura. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 47. Lione: IARC.

—. 1990a. Cromo e composti del cromo. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 49. Lione: IARC.

—. 1990b. Cromo, nichel e saldatura. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 49. Lione: IARC.

—. 1990 c. Nichel e composti di nichel. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 49. Lione: IARC.

—. 1991a. Acqua potabile clorata; Sottoprodotti della clorazione; Alcuni altri composti alogenati; Cobalto e composti di cobalto. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 52. Lione: IARC.

—. 1991b. Esposizioni professionali dovute a irrorazione e applicazione di insetticidi e alcuni pesticidi. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 53. Lione: IARC.

—. 1992. Esposizioni occupazionali a nebbie e vapori di acido solforico, altri acidi inorganici forti e altri prodotti chimici industriali. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 54. Lione: IARC.

—. 1994a. Berillio e composti del berillio. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 58. Lione: IARC.

—. 1994b. Berillio, cadmio e composti di cadmio, mercurio e industria del vetro. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 58. Lione: IARC.

—. 1995. Sopravvivenza dei malati di cancro in Europa: lo studio EUROCARE. Pubblicazioni scientifiche IARC, n. 132. Lione: IARC.

Commissione internazionale per la protezione radiologica (ICRP). 1994. Modello delle vie respiratorie umane per la protezione radiologica. Pubblicazione n. 66. ICRP.

Ufficio Internazionale del Lavoro (ILO). 1980. Linee guida per l'uso della classificazione internazionale ILO delle radiografie delle pneumoconiosi. Serie sulla sicurezza e la salute sul lavoro, n. 22. Ginevra: ILO.

—. 1985. Sesto rapporto internazionale sulla prevenzione e la soppressione della polvere nelle miniere, nelle gallerie e nelle cave 1973-1977. Serie sulla sicurezza e la salute sul lavoro, n. 48. Ginevra: OIL.

Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO). 1991. Qualità dell'aria - Definizioni della frazione di dimensione delle particelle per il campionamento relativo alla salute. Ginevra: ISO.

Janssen, YMW, JP Marsh, MP Absher, D Hemenway, PM Vacek, KO Leslie, PJA Borm e BT Mossman. 1992. Espressione di enzimi antiossidanti nei polmoni di ratto dopo l'inalazione di amianto o silice. J Biol Chem 267(15):10625-10630.

Jaurand, MC, J Bignon e P Brochard. 1993. La cellula del mesotelioma e il mesotelioma. Passato, presente e futuro. Conferenza internazionale, Parigi, 20 settembre - 2 ottobre 1991. Eur Resp Rev 3(11):237.

Jederlinic, PJ, JL Abraham, A Churg, JS Himmelstein, GR Epler e EA Gaensler. 1990. Fibrosi polmonare nei lavoratori dell'ossido di alluminio. Am Rev Respir Dis 142:1179-1184.

Johnson, NF, MD Hoover, DG Thomassen, YS Cheng, A Dalley e AL Brooks. 1992. Attività in vitro dei baffi in carburo di silicio rispetto ad altre fibre industriali utilizzando quattro sistemi di coltura cellulare. Am J Ind Med 21:807-823.

Jones, HD, TR Jones e WH Lyle. 1982. Fibra di carbonio: risultati di un'indagine sui lavoratori di processo e sul loro ambiente in una fabbrica che produce filamenti continui. Occup Hyg 26:861-868.

Jones, RN, JE Diem, HW Glindmeyer, V Dharmarajan, YY Hammad, J Carr e H Weill. 1979. Effetto Mill e relazioni dose-risposta nella bissinosi. Br J Ind Med 36:305-313.

Kamp, DW, P Graceffa, WA Prior e A Weitzman. 1992. Il ruolo dei radicali liberi nelle malattie indotte dall'amianto. Radicale libero Bio Med 12:293-315.

Karjalainen, A, PJ Karhonen, K Lalu, A Pentilla, E Vanhala, P Kygornen e A Tossavainen. 1994. Placche pleuriche ed esposizione a fibre minerali in una popolazione necroscopica urbana maschile. Occup Environ Med 51:456-460.

Kass, I, N Zamel, CA Dobry e M Holzer. 1972. Bronchiectasie a seguito di ustioni da ammoniaca delle vie respiratorie. Petto 62:282-285.

Katsnelson, BA, LK Konyscheva, YEN Sharapova e LI Privalova. 1994. Previsione dell'intensità comparativa dei cambiamenti pneumoconiotici causati dall'esposizione cronica per inalazione a polveri di diversa citotossicità mediante un modello matematico. Occup Environ Med 51:173-180.

Keenan, KP, JW Combs e EM McDowell. 1982. Rigenerazione dell'epitelio tracheale di criceto dopo lesioni meccaniche I, II, III. Virchow Archiv 41:193-252.

Keenan, KP, TS Wilson e EM McDowell. 1983. Rigenerazione dell'epitelio tracheale di criceto dopo lesioni meccaniche IV. Virchow Archiv 41:213-240.
Kehrer, J.P. 1993. Radicali liberi come mediatori di lesioni e malattie dei tessuti. Crit Rev Toxicol 23:21-48.

Keimig, DG, RM Castellan, GJ Kullman e KB Kinsley. 1987. Stato di salute respiratoria dei lavoratori gilsonite. Am J Ind Med 11:287-296.

Kelley, J. 1990. Citochine del polmone. Am Rev Respir Dis 141:765-788.

Kennedy, TP, R Dodson, NV Rao, H Ky, C Hopkins, M Baser, E Tolley e JR Hoidal. 1989. Le polveri che causano la pneumoconiosi generano OH e l'emolisi del prodotto agendo come catalizzatori di fenton. Arch Biochem Biophys 269(1):359-364.

Kilburn, KH e RH Warshaw. 1992. Opacità irregolari nel polmone, asma professionale e disfunzione delle vie aeree nei lavoratori dell'alluminio. Am J Ind Med 21:845-853.

Kokkarinen, J, H Tuikainen, e EO Terho. 1992. Grave polmone del contadino a seguito di una sfida sul posto di lavoro. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:327-328.

Kongerud, J, J Boe, V Soyseth, A Naalsund e P Magnus. 1994. Asma da camera in alluminio: l'esperienza norvegese. Eur Resp J 7:165-172.

Korn, RJ, DW Dockery e FE Speizer. 1987. Esposizione professionale e sintomi respiratori cronici. Am Rev Respir Dis 136:298-304.

Kriebel, D. 1994. Il modello dosimetrico nell'epidemiologia occupazionale e ambientale. Occup Hyg 1:55-68.

Kriegseis, W, A Scharmann e J Serafin. 1987. Indagini sulle proprietà superficiali delle polveri di silice per quanto riguarda la loro citotossicità. Ann Occup Hyg 31(4A):417-427.

Kuhn, DC e LM Demers. 1992. Influenza della chimica della superficie della polvere minerale sulla produzione di eicosanoidi da parte del macrofago alveolare. J Tox Ambiente Salute 35: 39-50.

Kuhn, DC, CF Stanley, N El-Ayouby e LM Demers. 1990. Effetto dell'esposizione alla polvere di carbone in vivo sul metabolismo dell'acido arachidonico nel macrofago alveolare del ratto. J Tox Environ Health 29:157-168.

Kunkel, SL, SW Chensue, RM Strieter, JP Lynch e DG Remick. 1989. Aspetti cellulari e molecolari dell'infiammazione granulomatosa. Am J Respir Cell Mol Biol 1:439-447.

Kuntz, WD e CP McCord. 1974. Febbre da fumo di polimero. J Occup Med 16:480-482.

Lapin, CA, DK Craig, MG Valerio, JB McCandless e R Bogoroch. 1991. Uno studio di tossicità per inalazione subcronica nei ratti esposti a baffi di carburo di silicio. Fondo Appl Toxicol 16:128-146.

Larsson, K, P Malmberg, A Eklund, L Belin, e E Blaschke. 1988. Esposizione a microrganismi, alterazioni infiammatorie delle vie aeree e reazioni immunitarie in allevatori asintomatici. Int Arch Allergia Imm 87:127-133.

Lauweryns, JM e JH Baert. 1977. Clearance alveolare e ruolo dei vasi linfatici polmonari. Am Rev Respir Dis 115:625-683.

Leach, J. 1863. Cotone Surat, poiché colpisce fisicamente gli operatori nei cotonifici. Lancetta II:648.

Lecours, R, M Laviolette e Y Cormier. 1986. Lavaggio broncoalveolare nella micotossicosi polmonare (sindrome tossica da polvere organica). Torace 41:924-926.

Lee, KP, DP Kelly, FO O'Neal, JC Stadler e GL Kennedy. 1988. Risposta polmonare alle fibrille sintetiche di aramide kevlar ultrafine dopo l'esposizione per inalazione di 2 anni nei ratti. Fondo Appl Toxicol 11:1-20.

Lemasters, G, J Lockey, C Rice, R McKay, K Hansen, J Lu, L Levin e P Gartside. 1994. Cambiamenti radiografici tra i lavoratori che fabbricano fibre e prodotti ceramici refrattari. Ann Occup Hyg 38 Suppl 1:745-751.

Lesur, O, A Cantin, AK Transwell, B Melloni, JF Beaulieu, and R Bégin. 1992. L'esposizione alla silice induce citotossicità e attività proliferativa di tipo II. Exp Polmone Ris 18:173-190.

Liddell, D e K Millers (a cura di). 1991. Fibre minerali e salute. Florida, Boca Raton: CRC Press.
Lippman, M. 1988. Indici di esposizione all'amianto. Ricerca ambientale 46:86-92.

—. 1994. Deposizione e ritenzione di fibre inalate: effetti sull'incidenza del cancro del polmone e del mesotelioma. Occupare Environ Med 5: 793-798.

Lockey, J e E James. 1995. Fibre artificiali e silicati fibrosi non amianto. Cap. 21 in Malattie respiratorie professionali e ambientali, a cura di P Harber, MB Schenker e JR Balmes. St.Louis: Mosby.

Luce, D, P Brochard, P Quénel, C Salomon-Nekiriai, P Goldberg, MA Billon-Galland e M Goldberg. 1994. Mesotelioma pleurico maligno associato all'esposizione a tremolite. Lancetta 344:1777.

Malo, JL, A Cartier, J L'Archeveque, H Ghezzo, F Lagier, C Trudeau, and J Dolovich. 1990. Prevalenza di asma professionale e sensibilizzazione immunologica allo psillio tra il personale sanitario negli ospedali per cure croniche. Am Rev Respir Dis 142:373-376.

Malo, JL, H Ghezzo, J L'Archeveque, F Lagier, B Perrin e A Cartier. 1991. La storia clinica è un mezzo soddisfacente per diagnosticare l'asma occupazionale? Am Rev Respir Dis 143:528-532.

Uomo, SFP e WC Hulbert. 1988. Riparazione delle vie aeree e adattamento alle lesioni da inalazione. In Pathophysiology and Treatment of Inhalation Injuries, a cura di J Locke. New York: Marcel Dekker.

Markowitz, S. 1992. Prevenzione primaria delle malattie polmonari professionali: una visione dagli Stati Uniti. Israele J Med Sci 28:513-519.

Marsh, GM, PE Enterline, RA Stone e VL Henderson. 1990. Mortalità tra una coorte di lavoratori di fibre minerali artificiali statunitensi: 1985 follow-up. J Occup Med 32:594-604.

Martin, TR, SW Meyer e DR Luchtel. 1989. Una valutazione della tossicità dei compositi in fibra di carbonio per le cellule polmonari in vitro e in vivo. Ricerca ambientale 49: 246-261.

May, JJ, L Stallones e D Darrow. 1989. Uno studio sulla polvere generata durante l'apertura del silo e il suo effetto fisiologico sui lavoratori. In Principles of Health and Safety in Agriculture, a cura di JA Dosman e DW Cockcroft. Boca Raton: CRC Press.

McDermott, M, C Bevan, JE Cotes, MM Bevan e PD Oldham. 1978. Funzione respiratoria nei lavoratori di lavagna. B Eur Physiopathol Resp 14:54.

McDonald, J.C. 1995. Implicazioni sulla salute dell'esposizione ambientale all'amianto. Ambiente salute Persp 106: 544-96.

McDonald, JC e AD McDonald. 1987. Epidemiologia del mesotelioma maligno. In Asbestos-Related Malignancy, a cura di K Antman e J Aisner. Orlando, Florida: Grune & Stratton.

—. 1991. Epidemiologia del mesotelioma. In Fibre Minerali e Salute. Boca Raton: CRC Press.

—. 1993. Mesotelioma: c'è uno sfondo? In The Mesothelioma Cell and Mesothelioma: Past, Present and Future, a cura di MC Jaurand, J Bignon e P Brochard.

—. 1995. Crisotilo, tremolite e mesotelioma. Scienza 267:775-776.

McDonald, JC, B Armstrong, B Case, D Doell, WTE McCaughey, AD McDonald e P Sébastien. 1989. Mesotelioma e tipo di fibra di amianto. Evidenza dalle analisi del tessuto polmonare. Cancro 63:1544-1547.

McDonald, JC, FDK Lidell, A Dufresne e AD McDonald. 1993. La coorte di nascita 1891-1920 di minatori e mugnai cristotili del Quebec: mortalità 1976-1988. Brit J Ind Med 50:1073-1081.

McMillan, DD e GN Boyd. 1982. Il ruolo degli antiossidanti e della dieta nella prevenzione o nel trattamento del danno microvascolare polmonare indotto dall'ossigeno. Ann NY Acad Sci 384:535-543.

Consiglio di ricerca medica. 1960. Questionario standardizzato sui sintomi respiratori. Brit MedJ 2:1665.

Mekky, S, SA Roach e RSF Schilling. 1967. Bissinosi tra le bobinatrici del settore. Br J Ind Med 24:123-132.

Merchant JA, JC Lumsden, KH Kilburn, WM O'Fallon, JR Ujda, VH Germino e JD Hamilton. 1973. Studi sulla risposta alla dose nei lavoratori tessili di cotone. J Occup Med 15:222-230.

Meredith, SK e JC McDonald. 1994. Malattie respiratorie legate al lavoro nel Regno Unito, 1989-1992. Occup Environ Med 44:183-189.

Meredith, S e H Nordman. 1996. Asma occupazionale: Misure di frequenza di quattro paesi. Torace 51:435-440.

Mermelstein, R, RW Lilpper, PE Morrow e H Muhle. 1994. Sovraccarico polmonare, dosimetria della fibrosi polmonare e loro implicazioni per lo standard di polvere respiratoria. Ann Occup Hyg 38 Suppl. 1:313-322.

Merriman, E.A. 1989. Uso sicuro della fibra aramidica di Kevlar nei compositi. Appl Ind Hyg Special Issue (dicembre):34-36.

Meurman, LO, E Pukkala e M Hakama. 1994. Incidenza del cancro tra i minatori di amianto antofillite in Finlandia. Occup Environ Med 51:421-425.

Michael, O, R Ginanni, J Duchateau, F Vertongen, B LeBon, and R Sergysels. 1991. Esposizione domestica all'endotossina e gravità clinica dell'asma. Clin Exp Allergy 21:441-448.

Michel, O, J Duchateau, G Plat, B Cantinieaux, A Hotimsky, J Gerain e R Sergysels. 1995. Risposta infiammatoria del sangue all'endotossina inalata in soggetti normali. Clin Exp Allergy 25:73-79.

Morey, P, JJ Fischer e R Rylander. 1983. Batteri Gram-negativi su cotone con particolare riferimento alle condizioni climatiche. Am Ind Hyg Assoc J 44: 100-104.

Accademia Nazionale delle Scienze. 1988. Rischi per la salute del radon e di altri emettitori alfa depositati internamente. Washington, DC: Accademia Nazionale delle Scienze.

—. 1990. Effetti sulla salute dell'esposizione a bassi livelli di radiazioni ionizzanti. Washington, DC: Accademia Nazionale delle Scienze.

Programma nazionale di educazione all'asma (NAEP). 1991. Rapporto del gruppo di esperti: linee guida per la diagnosi e la gestione dell'asma. Bethesda, Md: Istituti Nazionali della Salute (NIH).

Nemery, B. 1990. Tossicità dei metalli e delle vie respiratorie. Eur Resp J 3:202-219.

Newman, LS, K Kreiss, T King, S Seay e PA Campbell. 1989. Alterazioni patologiche e immunologiche nelle prime fasi della malattia da berillio. Riesame della definizione di malattia e della storia naturale. Am Rev Respir Dis 139:1479-1486.

Nicholson, W.J. 1991. In Health Effects Institute-Asbestos Research: Amianto negli edifici pubblici e commerciali. Cambrige, Mass: Health Effects Institute-Ricerca sull'amianto.

Niewoehner, DE e JR Hoidal. 1982. Fibrosi polmonare ed enfisema: risposte divergenti a una lesione comune. Scienza 217:359-360.

Nolan, RP, AM Langer, JS Harrington, G Oster e IJ Selikoff. 1981. Emolisi del quarzo in relazione alle sue funzionalità superficiali. Ambiente Ris 26:503-520.

Oakes, D, R Douglas, K Knight, M Wusteman e JC McDonald. 1982. Effetti respiratori dell'esposizione prolungata alla polvere di gesso. Ann Occup Hyg 2:833-840.

O'Brodovich, H e G Coates. 1987. Liquidazione polmonare di 99mTc-DTPA: una valutazione non invasiva dell'integrità epiteliale. Polmone 16:1-16.

Parkes, RW. 1994. Disordini polmonari professionali. Londra: Butterworth-Heinemann.

Parkin, DM, P Pisani e J Ferlay. 1993. Stime dell'incidenza mondiale di diciotto tumori principali nel 1985. Int J Cancer 54:594-606.

Pepys, J e PA Jenkins. 1963. Polmone del contadino: actinomiceti termofili come fonte dell'antigene del "fieno del polmone del contadino". Lancetta 2:607-611.

Pepys, J, RW Riddell, KM Citron e YM Clayton. 1962. Precipitine contro estratti di fieno e muffe nel siero di pazienti con polmone del contadino, aspergillosi, asma e sarcoidosi. Torace 17:366-374.

Pernis, B, EC Vigliani, C Cavagna, M Finulli. 1961. Il ruolo delle endotossine batteriche nelle malattie professionali causate dall'inalazione di polveri vegetali. Brit J Ind Med 18:120-129.

Petsonk, EL, E Storey, PE Becker, CA Davidson, K Kennedy e V Vallyathan. 1988. Pneumoconiosi nei lavoratori di elettrodi di carbonio. J Occup Med 30: 887-891.

Pézerat, H, R Zalma, J Guignard e MC Jaurand. 1989. Produzione di radicali dell'ossigeno mediante la riduzione dell'ossigeno derivante dall'attività superficiale delle fibre minerali. In Esposizione extraprofessionale alle fibre minerali, a cura di J Bignon, J Peto e R Saracci. Pubblicazioni Scientifiche IARC, n.90. Lione: IARC.

Piguet, PF, AM Collart, GE Gruaeu, AP Sappino, and P Vassalli. 1990. Requisito del fattore di necrosi tumorale per lo sviluppo della fibrosi polmonare indotta da silice. Natura 344:245-247.

Porcher, JM, C Lafuma, R El Nabout, MP Jacob, P Sébastien, PJA Borm, S Hannons e G Auburtin. 1993. Marcatori biologici come indicatori di esposizione e rischio pneumoconiotico: studio prospettico. Int Arch Occup Environ Health 65:S209-S213.

Prausnitz, C. 1936. Indagini sulla malattia da polvere respiratoria negli operatori dell'industria del cotone. Serie di rapporti speciali del Medical Research Council, n. 212. Londra: ufficio di cancelleria di Sua Maestà.

Preston, DL, H Kato, KJ ​​Kopecky e S Fujita. 1986. Rapporto di studio sulla durata della vita 10, parte 1. Mortalità per cancro tra i sopravvissuti alla bomba atomica a Hiroshima e Nagasaki, 1950-1982. Rapporto tecnico. RIFERIMENTO TR.

Quanjer, PH, GJ Tammeling, JE Cotes, OF Pedersen, R Peslin e JC Vernault. 1993. Volumi polmonari e flussi ventilatori forzati. Relazione del gruppo di lavoro, Standardizzazione dei test di funzionalità polmonare, Comunità europea per l'acciaio e il carbone. Dichiarazione ufficiale della European Respiratory Society. Eur Resp J 6(suppl 16): 5-40.

Rabe, OG. 1984. Deposizione e eliminazione delle particelle inalate. In Occupational Lung Disease, a cura di BL Gee, WKC Morgan e GM Brooks. New York: Corvo Press.

Ramazzini, B. 1713. De Moribis Artificium Diatriba (Malattie dei lavoratori). In Allergy Proc 1990, 11:51-55.

Rask-Andersen A. 1988. Reazioni polmonari all'inalazione di polvere di muffa negli agricoltori con particolare riferimento alla febbre e all'alveolite allergica. Acta Universitatis Upsalienses. Dissertazioni della Facoltà di Medicina 168. Uppsala.

Richards, RJ, LC Masek e RFR Brown. 1991. Meccanismi biochimici e cellulari della fibrosi polmonare. Toxicol Pathol 19(4):526
-539.

Richerson, H.B. 1983. Polmonite da ipersensibilità – patologia e patogenesi. Clin Rev Allergy 1: 469-486.

—. 1990. Concetti unificanti alla base degli effetti delle esposizioni alla polvere organica. Am J Ind Med 17:139-142.

—. 1994. Polmonite da ipersensibilità. In Organic Dusts - Exposure, Effects, and Prevention, a cura di R Rylander e RR Jacobs. Chicago: pubblicazione di Lewis.

Richerson, HB, IL Bernstein, JN Fink, GW Hunninghake, HS Novey, CE Reed, JE Salvaggio, MR Schuyler, HJ Schwartz e DJ Stechschulte. 1989. Linee guida per la valutazione clinica della polmonite da ipersensibilità. J Allergy Clin immunol 84:839-844.

Roma, WN. 1991. Relazione delle citochine delle cellule infiammatorie alla gravità della malattia in individui con esposizione professionale alla polvere inorganica. Am J Ind Med 19:15-27.

—. 1992a. Medicina Ambientale e del Lavoro. Boston: Little, Brown & Co.

—. 1992 b. Malattia polmonare indotta da lacca per capelli. In Medicina Ambientale e del Lavoro, a cura di WN Rom. Boston: Little, Brown & Co.

Rom, WN, JS Lee e BF Craft. 1981. Problemi di salute occupazionale e ambientale dell'industria dello scisto bituminoso in via di sviluppo: una rassegna. Am J Ind Med 2: 247-260.

Rosa, CS. 1992. Febbre da inalazione. In Medicina Ambientale e del Lavoro, a cura di WN Rom. Boston: Little, Brown & Co.

Rylander R. 1987. Il ruolo dell'endotossina per le reazioni dopo l'esposizione alla polvere di cotone. Am J Ind Med 12: 687-697.

Rylander, R, B Bake, JJ Fischer e IM Helander 1989. Funzione polmonare e sintomi dopo inalazione di endotossina. Am Rev Resp Dis 140:981-986.

Rylander R e R Bergström 1993. Reattività bronchiale tra i lavoratori del cotone in relazione all'esposizione alla polvere e alle endotossine. Ann Occup Hyg 37:57-63.

Rylander, R, KJ Donham e Y Peterson. 1986. Effetti sulla salute delle polveri organiche nell'ambiente agricolo. Am J Ind Med 10:193-340.

Rylander, R e P Haglind. 1986. Esposizione di lavoratori del cotone in una sala da gioco sperimentale con riferimento alle endotossine trasportate dall'aria. Environ Health Persp 66:83-86.

Rylander R, P Haglind, M Lundholm 1985. Endotossina nella polvere di cotone e decremento della funzione respiratoria tra i lavoratori del cotone. Am Rev Respir Dis 131:209-213.

Rylander, R e PG Holt. 1997. Modulazione della risposta immunitaria all'allergene inalato mediante co-esposizione ai componenti della parete cellulare microbica (13)-BD-glucano ed endotossina. Manoscritto.

Rylander, R e RR Jacobs. 1994. Polveri organiche: esposizione, effetti e prevenzione. Chicago: pubblicazione di Lewis.

—. 1997. Endotossina ambientale - Un documento sui criteri. J Occup Environ Health 3: 51-548.

Rylander, R e Y Peterson. 1990. Polveri organiche e malattie polmonari. Am J Ind Med 17:1148.

—. 1994. Agenti causativi di malattie legate alla polvere organica. Am J Ind Med 25:1-147.

Rylander, R, Y Peterson e KJ Donham. 1990. Questionario che valuta l'esposizione alla polvere organica. Am J Ind Med 17:121-126.

Rylander, R, RSF Schilling, CAC Pickering, GB Rooke, AN Dempsey e RR Jacobs. 1987. Effetti dopo esposizione acuta e cronica alla polvere di cotone - I criteri di Manchester. Brit J Ind Med 44:557-579.

Sabbioni, E, R Pietra, P Gaglione. 1982. Rischio professionale a lungo termine di pneumoconiosi delle terre rare. Sci Total Environ 26:19-32.

Sadoul, P. 1983. Pneumoconiosi in Europa ieri, oggi e domani. Eur J Resp Dis 64 Suppl. 126:177-182.

Scansetti, G, G Piolatto, e GC Botta. 1992. Particelle fibrose e non fibrose trasportate dall'aria in un impianto di produzione di carburo di silicio. Ann Occup Hyg 36(2):145-153.

Schantz, SP, LB Harrison e WK Hong. 1993. Tumori della cavità nasale e dei seni paranasali, rinofaringe, cavità orale e orofaringe. In Cancer: Principles & Practice of Oncology, a cura di VTJ DeVita, S Hellman e SA Rosenberg. Filadelfia: JB Lippincott.

Schilling, RSF. 1956. Byssinosi in cotone e altri lavoratori tessili. Lancetta 2:261-265.

Schilling, RSF, JPW Hughes, Dingwall-Fordyce e JC Gilson. 1955. Uno studio epidemiologico sulla bissinosi tra i lavoratori del cotone del Lancashire. Brit J Ind Med 12:217-227.

Schulte, PA. 1993. Uso di marcatori biologici nella ricerca e nella pratica della salute sul lavoro. J Tox Environ Health 40:359-366.

Schuyler, M, C Cook, M Listrom, e C Fengolio-Preiser. 1988. I blasti trasferiscono la polmonite da ipersensibilità sperimentale nelle cavie. Am Rev Respir Dis 137:1449-1455.

Schwartz DA, KJ Donham, SA Olenchock, WJ Popendorf, D Scott Van Fossen, LJ Burmeister e JA Merchant. 1995. Determinanti dei cambiamenti longitudinali nella funzione spirometrica tra gli operatori e gli allevatori di confinamento dei suini. Am J Respir Crit Care Med 151: 47-53.

Scienza dell'ambiente totale. 1994. Malattia del cobalto e dei metalli duri 150 (numero speciale): 1-273.

Scuderi, P. 1990. Effetti differenziali di rame e zinco sulla secrezione di citochine di monociti del sangue periferico umano. Cell Immunol 265:2128-2133.
Seaton, A. 1983. Carbone e polmone. Torace 38:241-243.

Seaton, J, D Lamb, W Rhind Brown, G Sclare e WG Middleton. 1981. Pneumoconiosi dei minatori di scisto. Torace 36:412-418.

Sébastien, P. 1990. I misteri della nocività del quarzo. In Conférence Thématique. 23 Congrès International De La Médecine Du Travail Montréal: Commission international de la Médecine du travail.

—. 1991. Deposizione polmonare e eliminazione delle fibre minerali trasportate dall'aria. In Mineral Fibers and Health, a cura di D Liddell e K Miller. Boca Raton: CRC Press.

Sébastien, P, A Dufresne e R Bégin. 1994. Ritenzione delle fibre di amianto ed esito dell'asbestosi con o senza cessazione dell'esposizione. Ann Occup Hyg 38 Suppl. 1:675-682.

Sébastien, P, B Chamak, A Gaudichet, JF Bernaudin, MC Pinchon, and J Bignon. 1994. Studio comparativo mediante microscopia elettronica a trasmissione analitica di particelle nei macrofagi polmonari umani alveolari e interstiziali. Ann Occup Hyg 38 Suppl. 1:243-250.

Seidman, H e IJ Selikoff. 1990. Declino dei tassi di mortalità tra i lavoratori dell'isolamento dell'amianto 1967-1986 associato alla diminuzione dell'esposizione lavorativa all'amianto. Annali dell'Accademia delle scienze di New York 609: 300-318.

Selikoff, IJ e J Churg. 1965. Gli effetti biologici dell'amianto. Ann NY Acad Sci 132:1-766.

Selikoff, IJ e DHK Lee. 1978. Amianto e malattia. New York: stampa accademica.

Sessioni, RB, LB Harrison e VT Hong. 1993. Tumori della laringe e dell'ipofaringe. In Cancer: Principles and Practice of Oncology, a cura di VTJ DeVita, S Hellman e SA Rosenberg. Filadelfia: JB Lippincott.

Shannon, HS, E Jamieson, JA Julian e DCF Muir. 1990. Mortalità dei lavoratori del filamento di vetro (tessile). Brit J Ind Med 47:533-536.

Sheppard, D. 1988. Agenti chimici. In Respiratory Medicine, a cura di JF Murray e JA Nadel. Filadelfia: WB Saunders.

Shimizu, Y, H Kato, WJ Schull, DL Preston, S Fujita e DA Pierce. 1987. Rapporto di studio sulla durata della vita 11, parte 1. Confronto dei coefficienti di rischio per la mortalità per cancro sito-specifica basata sul Kerma schermato DS86 e T65DR e sulle dosi degli organi. Rapporto tecnico. RERF TR 12-87.

Shustermann, DJ. 1993. Febbre da fumo di polimero e altre sindromi correlate alla pirolisi del fluorocarburo. Occup Med: State Art Rev 8:519-531.

Sigsgaard T, OF Pedersen, S Juul e S Gravesen. Disturbi respiratori e atopia nel cotone idrofilo e in altri lavoratori tessili in Danimarca. Am J Ind Med 1992;22:163-184.

Simonato, L, AC Fletcher e JW Cherrie. 1987. Studio di coorte storico dell'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dei lavoratori della produzione MMMF in sette paesi europei: estensione del follow-up. Ann Occup Hyg 31:603-623.

Skinner, HCW, M Roos e C Frondel. 1988. Amianto e altri minerali fibrosi. New York: Università di Oxford. Premere.

Skornik, WA. 1988. Tossicità per inalazione di particelle metalliche e vapori. In Pathophysiology and Treatment of Inhalation Injuries, a cura di J Locke. New York: Marcel Dekker.

Smith, PG e R Doll. 1982. Mortalità tra i pazienti con sponchylite anchilosante dopo un singolo ciclo di trattamento con raggi X. Brit MedJ 284:449-460.

Smith, T.J. 1991. Modelli farmacocinetici nello sviluppo di indicatori di esposizione in epidemiologia. Ann Occup Hyg 35(5):543-560.

Snella, MC e R Rylander. 1982. Reazioni delle cellule polmonari dopo inalazione di lipopolisaccaridi batterici. Eur J Resp Dis 63:550-557.

Stanton, MF, M Layard, A Tegeris, E Miller, M May, E Morgan e A Smith. 1981. Relazione tra la dimensione delle particelle e la cancerogenicità nell'amianto di anfibolo e altri minerali fibrosi. J Natl Cancer Inst 67:965-975.

Stephens, RJ, MF Sloan, MJ Evans e G Freeman. 1974. Risposta delle cellule alveolari di tipo I all'esposizione a 0.5 ppm 03 per brevi periodi. Esp Mol Pathol 20:11-23.

Stille, WT e IR Tabershaw. 1982. L'esperienza della mortalità dei lavoratori del talco nello stato di New York. J Occup Med 24:480-484.

Strom, E e O Alexandersen. 1990. Danni polmonari causati dalla sciolinatura. Tidsskrift per Den Norske Laegeforening 110:3614-3616.

Sulotto, Fa, Do Romano, La Berra. 1986. Pneumoconiosi delle terre rare: un nuovo caso. Am J Ind Med 9: 567-575.

Trice, MF. 1940. Febbre da sala da gioco. Mondo tessile 90:68.

Tyler, WS, NK Tyler e JA Last. 1988. Confronto delle esposizioni giornaliere e stagionali di giovani scimmie all'ozono. Tossicologia 50:131-144.

Ulfvarson, U e M Dahlqvist. 1994. Funzione polmonare nei lavoratori esposti allo scarico diesel. In Encyclopedia of Environmental Control Technology New Jersey: Gulf Publishing.

Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. 1987. Relazione sui rischi di cancro associati all'ingestione di amianto. Environ Health Persp 72:253-266.

Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (USDHHS). 1994. Rapporto sulla sorveglianza delle malattie polmonari legate al lavoro. Washington, DC: Servizi di sanità pubblica, Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Vacek, PM e JC McDonald. 1991. Valutazione del rischio utilizzando l'intensità dell'esposizione: un'applicazione all'estrazione di vermiculite. Brit J Ind Med 48:543-547.

Valiante, DJ, TB Richards e KB Kinsley. 1992. Sorveglianza della silicosi nel New Jersey: mirare ai luoghi di lavoro utilizzando i dati sulla sorveglianza delle malattie professionali e dell'esposizione. Am J Ind Med 21:517-526.

Vallyathan, NV e JE Craighead. 1981. Patologia polmonare in lavoratori esposti a talco non asbestiforme. Hum Pathol 12:28-35.

Vallyathan, V, X Shi, NS Dalal, W Irr e V Castranova. 1988. Generazione di radicali liberi da polvere di silice appena fratturata. Ruolo potenziale nel danno polmonare acuto indotto dalla silice. Am Rev Respir Dis 138:1213-1219.

Vanhee, D, P Gosset, B Wallaert, C Voisin e AB Tonnel. 1994. Meccanismi di fibrosi nella pneumoconiosi dei lavoratori del carbone. Aumento della produzione di fattore di crescita derivato dalle piastrine, fattore di crescita simile all'insulina di tipo I e fattore di crescita trasformante beta e relazione con la gravità della malattia. Am J Resp Critical Care Med 150(4):1049-1055.

Vaughan, GL, J Jordan e S Karr. 1991. La tossicità, in vitro, dei baffi di carburo di silicio. Ricerca ambientale 56:57-67.
Vincent, JH e K Donaldson. 1990. Un approccio dosimetrico per mettere in relazione la risposta biologica del polmone all'accumulo di polvere minerale inalata. Brit J Ind Med 47:302-307.

Vocaturo, KG, F. Colombo, and M. Zanoni. 1983. Esposizione umana ai metalli pesanti. Pneumoconiosi delle terre rare nei lavoratori occupati. Petto 83:780-783.

Wagner, GR. 1996. Screening sanitario e sorveglianza dei lavoratori esposti alla polvere minerale. Raccomandazione per il gruppo dei lavoratori dell'ILO. Ginevra: OMS.

Wagner, J.C. 1994. La scoperta dell'associazione tra amianto blu e mesoteliomi e le conseguenze. Brit J Ind Med 48:399-403.

Wallace, WE, JC Harrison, RC Grayson, MJ Keane, P Bolsaitis, RD Kennedy, AQ Wearden e MD Attfield. 1994. Contaminazione superficiale dell'alluminosilicato di particelle di quarzo respirabili da polveri di miniere di carbone e da polveri di argille. Ann Occup Hyg 38 Suppl. 1:439-445.

Warheit, DB, KA Kellar e MA Hartsky. 1992. Effetti cellulari polmonari nei ratti a seguito di esposizioni di aerosol a fibrille di aramide di Kevlar ultrafine: prove della biodegradabilità delle fibrille inalate. Toxicol Appl Pharmacol 116:225-239.

Waring, PM e RJ Watling. 1990. Depositi rari in un proiezionista cinematografico deceduto. Un nuovo caso di pneumoconiosi delle terre rare? Med J Australe 153:726-730.

Wegman, DH e JM Peters. 1974. Febbre da fumo di polimero e fumo di sigaretta. Ann Intern Med 81:55-57.

Wegman, DH, JM Peters, MG Boundy e TJ Smith. 1982. Valutazione degli effetti respiratori in minatori e mugnai esposti a talco privo di amianto e silice. Brit J Ind Med 39:233-238.

Wells, RE, RF Slocombe e AL Trapp. 1982. Tossicosi acuta di pappagallini (Melopsittacus undulatus) causata da prodotti di pirolisi da politetrafluoroetilene riscaldato: studio clinico. Am J Vet Res 43:1238-1248.

Wergeland, E, A Andersen e A Baerheim. 1990. Morbilità e mortalità nei lavoratori esposti al talco. Am J Ind Med 17:505-513.

Bianco, DW e JE Burke. 1955. Il metallo berillio. Cleveland, Ohio: Società americana per i metalli.

Wiessner, JH, NS Mandel, PG Sohnle, A Hasegawa e GS Mandel. 1990. L'effetto della modificazione chimica delle superfici di quarzo sul particolato induce infiammazione polmonare e fibrosi nel topo. Am Rev Respir Dis 141:11-116.

Williams, N, W Atkinson e AS Patchefsky. 1974. Febbre da fumo di polimero: non così benigna. J Occup Med 19:693-695.

Wong, O, D Foliart e LS Trent. 1991. Uno studio caso-controllo sul cancro del polmone in una coorte di lavoratori potenzialmente esposti a fibre di lana di scorie. Brit J Ind Med 48:818-824.

Woolcock, A.J. 1989. Epidemiologia della malattia cronica delle vie aeree. Petto 96 (suppl): 302-306S.

Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1982. Monografie IARC sulla valutazione del rischio cancerogeno delle sostanze chimiche per l'uomo. Lione: IARC.

Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e Office of Occupational Health. 1989. Limite di esposizione professionale per l'amianto. Ginevra: OMS.


Wright, JL, P Cagle, A Shurg, TV Colby e J Myers. 1992. Malattie delle piccole vie aeree. Am Rev Respir Dis 146:240-262.

Yan, CY, CC Huang, IC Chang, CH Lee, JT Tsai e YC Ko. 1993. Funzione polmonare e sintomi respiratori dei lavoratori del cemento portland nel sud di Taiwan. Kaohsiung J Med Sci 9:186-192.

Zajda, EP. 1991. Malattia pleurica e delle vie aeree associata a fibre minerali. In Fibre Minerali e
Salute, a cura di D Liddell e K Miller. Boca Raton: CRC Press.

Ziskind, M, RN Jones e H Weill. 1976. Silicosi. Am Rev Respir Dis 113:643-665.