Lunedi, Febbraio 28 2011 23: 53

Broncopneumopatia cronica ostruttiva

Vota questo gioco
(Voto 1)

I disturbi respiratori cronici caratterizzati da diversi gradi di dispnea, tosse, espettorazione flemma e insufficienza respiratoria funzionale sono inclusi nella categoria generale delle malattie polmonari croniche non specifiche (CNSLD). La definizione originale di CNSLD, accettata al Ciba Symposium nel 1959, copriva la bronchite cronica, l'enfisema e l'asma. Successivamente, la terminologia diagnostica della bronchite cronica è stata ridefinita secondo il concetto che la limitazione invalidante del flusso aereo rappresenta lo stadio finale del processo in continua progressione che inizia come espettorazione benigna causata dall'inalazione prolungata o ricorrente di sostanze irritanti bronchiali (la "British Hypothesis") . Il concetto è stato messo in discussione nel 1977 e da allora l'ipersecrezione e l'ostruzione delle vie aeree sono considerate processi non correlati. L'ipotesi alternativa, nota come "ipotesi olandese", pur accettando il ruolo del fumo e dell'inquinamento atmosferico nell'eziologia della limitazione cronica del flusso aereo, indica il ruolo chiave e possibilmente causale della suscettibilità dell'ospite, che si manifesta come, ad esempio, una tendenza asmatica. Studi successivi hanno dimostrato che entrambe le ipotesi possono contribuire alla comprensione della storia naturale della malattia cronica delle vie aeree. Sebbene la conclusione sul valore prognostico insignificante della sindrome ipersecretoria sia stata generalmente accettata come fondata, studi recenti hanno mostrato una significativa associazione tra disturbo ipersecretorio e aumento del rischio di sviluppo di limitazione del flusso aereo e mortalità respiratoria.

Attualmente, il termine CNSLD combina due grandi categorie di disturbi respiratori cronici, l'asma (discussa in un articolo separato di questo capitolo) e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Definizione

In un documento pubblicato dall'American Thoracic Society (ATS) (1987), la BPCO è definita come un disturbo caratterizzato da test anormali del flusso espiratorio che non cambiano in modo marcato per periodi di osservazione di diversi mesi. Prendendo in considerazione le cause funzionali e strutturali della limitazione del flusso aereo, la definizione include i seguenti disturbi delle vie aeree non asmatici: bronchite cronica, enfisema e malattia delle vie aeree periferiche. Le importanti caratteristiche comuni della BPCO sono pronunciate anomalie fisiopatologiche per lo più esibite come un grado variabile di limitazione cronica del flusso aereo (CAL). La limitazione cronica del flusso aereo può essere riscontrata in un soggetto con qualsiasi malattia inclusa nella rubrica della BPCO.

La bronchite cronica è definita come una condizione anomala delle vie respiratorie, caratterizzata da tosse produttiva persistente ed eccessiva, che riflette l'ipersecrezione mucosa all'interno delle vie aeree. Ai fini epidemiologici, la diagnosi di bronchite cronica si è basata sulle risposte al set di domande standard incluse nel questionario del Medical Research Council (MRC) o ATS sui sintomi respiratori. Il disturbo è definito come tosse ed espettorazione catarro che si verificano nella maggior parte dei giorni per almeno tre mesi all'anno, durante almeno due anni consecutivi.

L'enfisema è definito come un'alterazione anatomica del polmone caratterizzata da un abnorme allargamento degli spazi aerei distali al bronchiolo terminale, accompagnato dalla distruzione dell'architettura acinare. L'enfisema spesso coesiste con la bronchite cronica.

Il termine vie aeree periferiche malattia or malattia delle piccole vie aeree è usato per descrivere la condizione anomala delle vie aeree di diametro inferiore a 2-3 mm. L'infiammazione, l'ostruzione e la produzione eccessiva di muco in questa parte dell'albero bronchiale sono state osservate in una varietà di entità cliniche, tra cui la bronchite cronica e l'enfisema. L'evidenza patologica di anomalie strutturali locali e il concetto che i cambiamenti osservati possano rappresentare uno stadio precoce nella storia naturale della malattia cronica delle vie aeree, hanno stimolato alla fine degli anni '1960 e '1970 un rapido sviluppo di test funzionali progettati per esaminare le proprietà fisiologiche delle vie aeree periferiche. Di conseguenza, il termine malattia delle vie aeree periferiche è generalmente inteso riferirsi ad anomalie strutturali o difetto funzionale.

CAL è un segno distintivo funzionale della BPCO. Il termine si riferisce a una maggiore resistenza al flusso d'aria, con conseguente rallentamento persistente durante l'espirazione forzata. La sua definizione e le conoscenze cliniche e fisiopatologiche sottostanti implicano due importanti indizi diagnostici. In primo luogo, si deve dimostrare che la condizione ha un decorso cronico e la prima raccomandazione del 1958 richiedeva la presenza di CAL per più di un anno per soddisfare i criteri diagnostici. La tempistica suggerita di recente è meno rigorosa e si riferisce alla manifestazione di un difetto nell'arco di tre mesi. Nella sorveglianza della CAL correlata al lavoro, la valutazione spirometrica standard fornisce mezzi sufficienti per identificare la CAL, basata sulla riduzione del volume espiratorio forzato in un secondo (FEV1) e/o nel rapporto del FEV1 alla capacità vitale forzata (FVC).

Di solito, CAL viene diagnosticato quando il FEV1 APPREZZIAMO si riduce al di sotto dell'80% del valore previsto. Secondo la classificazione funzionale della CAL raccomandata dall'American Thoracic Society:

  1. lieve compromissione si verifica quando il valore del FEV1 è inferiore all'80% e superiore al 60% del valore previsto
  2. moderata compromissione si verifica quando FEV1 è compreso tra il 40% e il 59% del valore previsto
  3. grave compromissione si verifica quando FEV1 è inferiore al 40% del valore previsto.

 

Quando il grado di menomazione è valutato dal valore del FEV1rapporto /FVC, viene diagnosticato un difetto lieve se il rapporto scende tra il 60% e il 74%; compromissione moderata se il rapporto è compreso tra il 41% e il 59%; e grave compromissione se il rapporto è pari o inferiore al 40%.

Prevalenza della BPCO

Le prove accumulate indicano che la BPCO è un problema comune in molti paesi. La sua prevalenza è più alta negli uomini che nelle donne e aumenta con l'età. La bronchite cronica, una forma diagnostica ben standardizzata di BPCO, è da due a tre volte più diffusa negli uomini che nelle donne. Ampi sondaggi documentano che solitamente tra il 10% e il 20% degli uomini adulti nella popolazione generale soddisfano i criteri diagnostici di bronchite cronica (Tabella 18). La malattia è molto più frequente tra i fumatori, sia negli uomini che nelle donne. L'incidenza della BPCO nelle popolazioni occupate è discussa di seguito.

Tabella 1. Prevalenza della BPCO in paesi selezionati: risultati di ampie indagini

Paese Anno Profilo demografico Maschi Le femmine
  SMK (%) CB (%) BPCO/CAL (%) SMK (%) CB (%) BPCO/CAL (%)
USA 1978 4,699 56.6 16.5 nr 36.2 5.9 nr
USA 1982 2,540 52.8 13.0 5.2 32.2 4.1 2.5
UK 1961 1,569   17.0 nr nr 8.0 nr
Italia 1988 3,289 49.2 13.1 nr 26.9 2.8 nr
Polonia 1986 4,335 59.6 24.2 8.5 26.7 10.4 4.9
Nepal 1984 2,826 78.3 17.6 nr 58.9 18.9 nr
Giappone 1977 22,590 nr 5.8 nr nr 3.1 nr
Australia 1968 3,331 nr 6.3 nr nr 2.4 nr

Legenda: SMK = abitudine al fumo; CB = bronchite cronica; BPCO/CAL = broncopneumopatia cronica ostruttiva/limitazione cronica delle vie aeree; nr = non segnalato.

Modificato con il permesso di: Woolcock 1989.

 

Fattori di rischio di BPCO, compreso l'effetto delle esposizioni professionali

La BPCO è un disturbo ad eziologia multifattoriale. Numerosi studi hanno fornito prove di una dipendenza causale della BPCO da molti fattori di rischio, classificati come ospite e fattori ambientali. Il ruolo delle esposizioni professionali tra i fattori di rischio ambientale nella genesi della BPCO è stato riconosciuto in seguito all'accumulo di evidenze epidemiologiche pubblicate nel periodo 1984-1988. Recentemente sono stati confermati effetti indipendenti del fumo e delle esposizioni professionali, sulla base dei risultati degli studi pubblicati dal 1966 al 1991. La tabella 2 riassume lo stato attuale delle conoscenze sull'eziologia multifattoriale della BPCO.

Tabella 2. Fattori di rischio implicati nella BPCO

Fattore
correlate a
Reti putativo
ospite Deficit di antitripsina per età sessuale Atopia Fattori familiari Aumento della reattività delle vie aeree Salute pregressa
Ambiente Fumo di tabacco (personale) Fumo di tabacco
(ambientale) Inquinamento atmosferico Esposizione professionale

Riprodotto con il permesso di: Becklake et al. 1988.

 

L'insorgenza di bronchite cronica nelle popolazioni occupazionali è un potenziale marker di esposizione significativa a sostanze irritanti professionali. Un effetto significativo dell'esposizione alla polvere industriale sullo sviluppo della bronchite cronica è stato documentato nei lavoratori impiegati nell'estrazione del carbone, nell'industria siderurgica, nonché nell'industria tessile, edile e agricola. In generale, gli ambienti più polverosi sono associati a una maggiore prevalenza dei sintomi dell'espettorazione cronica. Gli studi di prevalenza, tuttavia, sono soggetti a "effetto lavoratore sano", un pregiudizio che si traduce in una sottostima dell'impatto sulla salute delle esposizioni professionali dannose. Più conclusivi, ma meno disponibili, sono i dati sull'incidenza della malattia. In alcune professioni il tasso di incidenza della bronchite cronica è elevato e va da 197-276/10,000 negli agricoltori a 380/10,000 negli operai metalmeccanici e 724/10,000 nei minatori e cavatori, contro i 108/10,000 negli impiegati.

Questo modello, e anche l'effetto causale del fumo, sono in linea con il concetto che la bronchite cronica presenta una risposta comune all'inalazione cronica di irritanti respiratori.

Si ritiene che un effetto deleterio del carico di polvere polmonare provochi un'infiammazione cronica aspecifica della parete bronchiale. Questo tipo di risposta infiammatoria è stata documentata in lavoratori esposti a polveri organiche e suoi costituenti, come ad esempio cereali ed endotossine, entrambi responsabili dell'infiammazione neutrofila. Il ruolo della suscettibilità individuale non può essere escluso e i fattori noti correlati all'ospite includono infezioni respiratorie pregresse, l'efficienza dei meccanismi di clearance e fattori genetici scarsamente determinati, mentre il fumo di sigaretta rimane una singola causa ambientale più potente di bronchite cronica.

Il contributo delle esposizioni professionali all'eziologia dell'enfisema non è chiaramente compreso. I presunti fattori causali includono ossido di azoto, ozono e cadmio, come suggerito da osservazioni sperimentali. I dati forniti dall'epidemiologia occupazionale sono meno convincenti e possono essere difficili da ottenere a causa dei livelli generalmente bassi di esposizione professionale e dell'effetto predominante del fumo. Questo è particolarmente importante in caso di cd enfisema centriacinare. L'altra forma patologica della malattia, l'enfisema panacinare, è considerata ereditaria e correlata all'alfa1-deficit di antitripsina.

L'infiammazione bronchiolare e peribronchiolare, accompagnata da un progressivo restringimento del segmento interessato dell'albero bronchiale (malattia delle vie aeree periferiche o bronchiolite costrittiva) può essere osservata in una varietà di condizioni alla base dei sintomi della BPCO, in diversi stadi della storia naturale. In ambito lavorativo, la malattia di solito segue un danno polmonare acuto dovuto all'inalazione di fumi tossici, come anidride solforosa, ammoniaca, cloro e ossidi di azoto. Tuttavia, l'epidemiologia occupazionale della bronchiolite costrittiva rimane in gran parte poco chiara. Evidentemente, i suoi primi stadi sono difficili da identificare a causa della sintomatologia non specifica e della limitazione della procedura diagnostica. Si sa di più sui casi successivi agli incidenti sul lavoro. In caso contrario, la malattia può passare inosservata fino allo sviluppo di una sintomatologia conclamata e di un'obiettiva compromissione respiratoria (ossia, limitazione cronica del flusso aereo).

La CAL non è infrequente in diversi gruppi professionali e, come documentato da studi controllati, la sua prevalenza negli operai può superare quella degli impiegati. A causa della complessa eziologia della CAL, compreso l'effetto del fumo e dei fattori di rischio correlati all'ospite, i primi studi sull'associazione tra limitazione cronica del flusso aereo ed esposizione professionale erano inconcludenti. La moderna epidemiologia occupazionale, impiegando la progettazione orientata agli obiettivi e la modellizzazione delle relazioni esposizione-risposta, ha fornito prove sull'associazione della capacità del flusso d'aria con l'esposizione a polveri, fumi e gas sia minerali che organici.

Studi longitudinali basati sulla forza lavoro condotti su lavoratori esposti a polveri minerali e organiche ea fumi e gas mostrano che la perdita di funzionalità polmonare è associata a esposizioni professionali. I risultati riassunti nella tabella 3 dimostrano un effetto significativo dell'esposizione alla polvere nelle miniere di carbone e ferro, nell'industria del cemento-amianto, nei lavoratori dell'acciaio e delle fonderie e nei lavoratori delle cartiere. Una serie di esposizioni analizzate è composta da esposizione a polveri e fumi (come idrocarburi non alogenati, pitture, resine o vernici) e gas (come anidride solforosa o ossidi di azoto). Secondo i risultati di una revisione completa, limitata agli articoli più validi e sistematicamente analizzati sulla BPCO e l'esposizione professionale alla polvere, si può stimare che 80 su 1,000 minatori di carbone non fumatori potrebbero sviluppare almeno il 20% di perdita di FEVXNUMX.1 dopo 35 anni di lavoro con una concentrazione media di polvere respirabile di 2 mg/m3, e per i cercatori d'oro non fumatori il rispettivo rischio potrebbe essere tre volte maggiore.

Tabella 3. Perdita della funzione ventilatoria in relazione alle esposizioni professionali: risultati di studi longitudinali selezionati basati sulla forza lavoro

Paese (anno) Soggetti ed esposizioni Prova utilizzata Perdita annuale di funzionalità*
      NE E NS S
UK (1982) 1,677 minatori di carbone FEVXNUMX ml 37 41 (av)
57 (max)
37 48
USA (1985) 1,072 minatori di carbone FEVXNUMX ml 40 47 40 49
Italia (1984) 65 lavoratori del cemento amianto FEVXNUMX ml 9 49 Non data Non data
Svezia (1985) 70 lavoratori del cemento amianto FEV% 4.2 9.2 3.7 9.4
Francia (1986) 871 minatori di ferro FEV% 6 8 5 7
Francia (1979) 159 operai siderurgici FEV% 0.6 7.4 Non data Non data
Canada (1984) 179 lavoratori delle miniere e delle fonderie FEVXNUMX/FVC% 1.6 3.1 2.0 3.4
Francia (1982) 556 lavoratori nelle fabbriche FEVXNUMX ml 42 50
52 (polvere)
47 (gas)
55 (calore)
40 48
Finlandia (1982) 659 lavoratori della cartiera FEVXNUMX ml Nessun effetto Nessun effetto 37 49
Canada (1987) 972 lavoratori delle miniere e delle fonderie FEVXNUMX ml   69 (torrefazione)
49 (forno)
33 (estrazione mineraria)
41 54

* La tabella mostra la perdita media annua di funzionalità polmonare negli esposti (E) rispetto ai non esposti (NE), e nei fumatori (S) rispetto ai non fumatori (NS). Effetti indipendenti del fumo (S) e/o dell'esposizione (E) si sono rivelati significativi nelle analisi effettuate dagli autori in tutti gli studi ad eccezione dello studio finlandese.

Modificato con il permesso di: Becklake 1989.

 

Studi selezionati eseguiti con i lavoratori del grano mostrano l'effetto dell'esposizione professionale alla polvere organica sui cambiamenti longitudinali nella funzione polmonare. Sebbene limitati nel numero e nella durata del follow-up, i risultati documentano una relazione indipendente del fumo con la perdita annuale della funzione polmonare (rispetto all'esposizione alla polvere di grano).

patogenesi

Il disturbo fisiopatologico centrale della BPCO è la limitazione cronica del flusso aereo. Il disturbo deriva dal restringimento delle vie aeree - una condizione che ha un meccanismo complesso nella bronchite cronica - mentre nell'enfisema l'ostruzione delle vie aeree deriva principalmente dal basso ritorno elastico del tessuto polmonare. Entrambi i meccanismi spesso coesistono.

Le anomalie strutturali e funzionali osservate nella bronchite cronica comprendono l'ipertrofia e l'iperplasia delle ghiandole sottomucose associate all'ipersecrezione mucosa. I cambiamenti infiammatori portano a iperplasia della muscolatura liscia e gonfiore della mucosa. L'ipersecrezione mucosa e il restringimento delle vie aeree favoriscono infezioni batteriche e virali delle vie respiratorie, che possono ulteriormente aumentare l'ostruzione delle vie aeree.

La limitazione del flusso aereo nell'enfisema riflette la perdita del ritorno elastico come conseguenza della distruzione delle fibre di elastina e del collasso della parete bronchiolare a causa dell'elevata compliance polmonare. Si ritiene che la distruzione delle fibre di elastina derivi da uno squilibrio nel sistema proteolitico-antiproteolitico, in un processo noto anche come carenza di inibitore della proteasi. Alfa1-antitripsina è la proteasi più potente che inibisce l'effetto dell'elastasi sugli alveoli nell'uomo. I neutrofili e i macrofagi che rilasciano elastasi si accumulano in risposta ai mediatori dell'infiammazione locale e all'inalazione di vari irritanti respiratori, compreso il fumo di tabacco. Gli altri inibitori meno potenti sono a2-macroglobulina e inibitore dell'elastasi a basso peso, rilasciato dalle ghiandole sottomucose.

Recentemente, l'ipotesi della carenza di antiossidanti è stata esaminata per il suo ruolo nei meccanismi patogenetici dell'enfisema. L'ipotesi sostiene che gli ossidanti, se non inibiti dagli antiossidanti, causino danni al tessuto polmonare, portando all'enfisema. Gli ossidanti noti includono fattori esogeni (ozono, cloro, ossidi di azoto e fumo di tabacco) e fattori endogeni come i radicali liberi. I fattori antiossidanti più importanti includono antiossidanti naturali come le vitamine E e C, catalasi, superossido dismutasi, glutatione, ceruloplasmina e antiossidanti sintetici come N-acetilcisteina e allopurinolo. C'è un numero crescente di prove sul sinergismo per quanto riguarda i meccanismi di carenza di antiossidanti e di inibitori della proteasi nella patogenesi dell'enfisema.

Patologia

Dal punto di vista patologico, la bronchite cronica è caratterizzata da ipertrofia e iperplasia delle ghiandole nella sottomucosa delle grandi vie aeree. Di conseguenza, il rapporto tra lo spessore della ghiandola bronchiale e lo spessore della parete bronchiale (il cosiddetto Indice Reid) aumenta. Altre anomalie patologiche comprendono la metaplasia dell'epitelio ciliare, l'iperplasia della muscolatura liscia e le infiltrazioni neutrofile e linfocitarie. I cambiamenti nelle grandi vie aeree sono spesso accompagnati da anomalie patologiche nei piccoli bronchioli.

I cambiamenti patologici nei piccoli bronchioli sono stati costantemente documentati come vari gradi del processo infiammatorio delle pareti delle vie aeree. Dopo l'introduzione del concetto di malattia delle piccole vie aeree, l'attenzione si è concentrata sulla morfologia dei segmenti separati dei bronchioli. L'esame istologico dei bronchioli membranosi, espansi successivamente ai bronchioli respiratori, evidenzia infiammazione parietale, fibrosi, ipertrofia muscolare, deposizione di pigmento, metaplasia epiteliale calice e squamosa e macrofagi intraluminali. Le anomalie patologiche del tipo sopra descritto sono state denominate "malattia delle vie aeree indotta da polvere minerale". Una condizione associata dimostrata in questo segmento del tratto respiratorio è l'alveolite fibrosante peribronchiolare, che si ritiene rappresenti la reazione precoce del tessuto polmonare all'inalazione di polvere minerale.

I cambiamenti patologici nell'enfisema possono essere classificati come enfisema centriacinare or enfisema panacinare. La prima entità è in gran parte limitata al centro dell'acino, mentre la seconda forma comporta cambiamenti in tutte le strutture dell'acino. Sebbene si ritenga che l'enfisema panacinare rifletta un deficit ereditario di un inibitore della proteasi, entrambe le forme possono coesistere. Nell'enfisema, i bronchioli terminali mostrano segni di infiammazione e gli spazi aerei distali sono ingranditi in modo anomalo. La distruzione strutturale coinvolge alveoli, capillari e può portare alla formazione di ampi spazi aerei anomali (enfisema bolloso). L'enfisema centriacinare tende a localizzarsi nei lobi polmonari superiori mentre l'enfisema panacinare si trova solitamente nei lobi polmonari inferiori.

Sintomi clinici

La tosse cronica e l'espettorazione del catarro sono due sintomi principali della bronchite cronica, mentre la dispnea (respiro corto) è una caratteristica clinica dell'enfisema. Nei casi avanzati, i sintomi di espettorazione cronica e dispnea di solito coesistono. L'insorgenza e la progressione della dispnea suggeriscono lo sviluppo di una limitazione cronica del flusso aereo. Secondo i sintomi e lo stato fisiologico, la presentazione clinica della bronchite cronica comprende tre forme della malattia: bronchite semplice, mucopurulenta e ostruttiva.

Nella bronchite cronica, i risultati dell'auscultazione del torace possono rivelare suoni respiratori normali. Nei casi avanzati ci può essere un tempo espiratorio prolungato, sibili e rantoli, uditi durante l'espirazione. La cianosi è comune nella bronchite ostruttiva avanzata.

La diagnosi clinica di enfisema è difficile nella sua fase iniziale. La dispnea può essere un singolo reperto. Il paziente con enfisema avanzato può avere il torace a botte e segni di iperventilazione. Come risultato dell'iperinflazione polmonare, altri risultati includono iperrisonanza, diminuzione dell'escursione diaframmatica e diminuzione dei suoni respiratori. La cianosi è rara.

A causa di fattori causali simili (prevalentemente l'effetto del fumo di tabacco) e di presentazione simile, la diagnosi di bronchite cronica nei confronti dell'enfisema può essere difficile, specialmente se la limitazione cronica del flusso aereo domina il quadro. La tabella 4 fornisce alcuni indizi utili per la diagnosi. La forma avanzata di BPCO può assumere due tipi estremi: bronchite predominante ("bloater blu") o enfisema predominante ("puffer rosa").

Tabella 4. Classificazione diagnostica di due tipi clinici di BPCO, bronchite cronica ed enfisema

Segni/sintomi Bronchite predominante
("Gonfiore blu")
Enfisema predominante
("Puffo rosa")
Massa corporea Maggiori prenotazioni Diminuzione
cianosi Frequente Infrequente
Tosse Sintomo predominante Intermittente
sputo Grossa quantità Raro
Dispnea Solitamente contrassegnato durante l'esercizio Sintomo predominante
Suoni del respiro Normale o leggermente diminuito,
suoni polmonari avventizi
Diminuzione
Cuore polmonare Frequente Infrequente
Infezioni respiratorie Frequente Infrequente

 

La radiologia del torace ha un valore diagnostico limitato nella bronchite cronica e nelle prime fasi dell'enfisema. L'enfisema avanzato mostra un pattern radiologico di aumentata radiotrasparenza (iperinflazione). La tomografia computerizzata fornisce una migliore comprensione della posizione e dell'entità dei cambiamenti enfisematosi, inclusa la differenziazione tra enfisema centriacinare e panacinare.

I test di funzionalità polmonare hanno una posizione consolidata nella valutazione diagnostica della BPCO (tabella 5). La batteria di test di importanza pratica nella valutazione funzionale della bronchite cronica e dell'enfisema comprende capacità funzionale residua (FRC), volume residuo (RV), capacità polmonare totale (TLC), FEV1 e FEV1/VC, resistenza delle vie aeree (Raw), conformità statica (Cst), rinculo elastico (PL, el), emogas (PaO2, Pa CO2) e capacità di diffusione (DLCO).

Tabella 5. Test di funzionalità polmonare nella diagnosi differenziale di due tipi clinici di BPCO, bronchite cronica ed enfisema

Test di funzionalità polmonare Bronchite predominante
("Gonfiore blu")
Enfisema predominante
("Puffo rosa")
Camper, FRC, TLC Normale o leggermente aumentato Notevolmente aumentato
FEV1 , FEV1 /VC Diminuzione Diminuzione
Raw Notevolmente aumentato Leggermente aumentato
Cst Normale Notevolmente aumentato
PL, el Normale Notevolmente aumentato
PaO2 Notevolmente aumentato Leggermente diminuito
PaCO2 Maggiori prenotazioni Normale
DLCO Normale o leggermente diminuito Diminuzione

RV = volume residuo; FRC = capacità residua funzionale; TLC = capacità polmonare totale; FEV1 = volume espiratorio forzato nel primo secondo e VC = capacità vitale; Raw = resistenza delle vie aeree; Cst = conformità statica; PL, el = rinculo elastico; PaO2 e PaCO2 = gas nel sangue; DLCO = capacità di diffusione.

 

La diagnosi clinica della malattia delle vie aeree periferiche non è possibile. Molto spesso la malattia accompagna la bronchite cronica o l'enfisema o addirittura precede la presentazione clinica di entrambe le ultime forme o della BPCO. La forma isolata di malattia delle vie aeree periferiche può essere studiata mediante test di funzionalità polmonare, sebbene lo stato funzionale delle vie aeree periferiche sia difficile da valutare. Questa parte dell'albero bronchiale contribuisce a meno del 20% della resistenza totale al flusso aereo e le anomalie isolate e lievi nelle piccole vie aeree sono considerate inferiori al livello di rilevabilità della spirometria convenzionale. I metodi più sensibili progettati per misurare la funzione delle vie aeree periferiche includono una serie di test, tra i quali i seguenti sono quelli di uso più frequente: flusso medio espiratorio massimo (FEF25-75), portate a bassi volumi polmonari (MEF50, MEF25), indice di azoto in un singolo respiro (SBN2/l), capacità di chiusura (CC), conduttanza del flusso d'aria a monte (Gus) e la compliance dipendente dalla frequenza (Cfd). In generale, si ritiene che questi test abbiano una bassa specificità. Su basi teoriche FEF25-75 e MEF50,25 dovrebbe riflettere innanzitutto i meccanismi di limitazione del calibro, mentre SBN2/l è pensato per essere più specifico per le proprietà meccaniche degli spazi aerei. I primi indici sono usati più frequentemente nell'epidemiologia occupazionale.

Diagnosi differenziale

Le differenze fondamentali tra bronchite cronica ed enfisema sono mostrate nelle tabelle 4 e 5. Tuttavia, in singoli casi la diagnosi differenziale è difficile e talvolta impossibile da condurre con un discreto grado di sicurezza. In alcuni casi è anche difficile distinguere tra BPCO e asma. In pratica, l'asma e la BPCO non sono entità ben definite e vi è un ampio grado di sovrapposizione tra le due malattie. Nell'asma, l'ostruzione delle vie aeree è solitamente intermittente, mentre nella BPCO è costante. Il decorso della limitazione del flusso aereo è più variabile nell'asma che nella BPCO.

Gestione del caso

La gestione clinica della BPCO comporta la cessazione dell'abitudine al fumo, l'unica misura più efficace. L'esposizione professionale a sostanze irritanti per le vie respiratorie deve essere interrotta o evitata. La gestione clinica dovrebbe concentrarsi sul corretto trattamento delle infezioni respiratorie e dovrebbe comportare regolari vaccinazioni antinfluenzali. La terapia con broncodilatatori è giustificata nei pazienti con limitazione del flusso aereo e dovrebbe comprendere b2-agonisti adrenergici e anticolinergici, somministrati in monoterapia o in associazione, preferibilmente per aerosol. La teofillina è ancora in uso sebbene il suo ruolo nella gestione della BPCO sia controverso. La terapia a lungo termine con corticosteroidi può essere efficace in alcuni casi. L'ipersecrezione bronchiale è spesso trattata con farmaci mucoattivi che influenzano la produzione di muco, la struttura del muco o la clearance mucociliare. La valutazione degli effetti della terapia mucolitica è difficile perché questi farmaci non sono usati come monoterapia della BPCO. Pazienti con ipossiemia (PaO2 pari o inferiore a 55 mm Hg) qualificano per l'ossigenoterapia a lungo termine, un trattamento facilitato dall'accesso agli ossigenatori portatili. Terapia di aumento con alfa1-antitripsina può essere considerata nell'enfisema con alfa confermata1-deficit di antitripsina (fenotipo PiZZ). L'effetto dei farmaci antiossidanti (come la vitamina E e C) sul decorso dell'enfisema è in fase di studio.

Frodi

La prevenzione della BPCO dovrebbe iniziare con campagne antifumo rivolte sia alla popolazione generale che ai gruppi professionali a rischio. In ambito lavorativo, il controllo e la prevenzione delle esposizioni ad irritanti respiratori sono essenziali e costituiscono sempre una priorità. Queste attività dovrebbero mirare a un'effettiva riduzione dell'inquinamento atmosferico a livelli di sicurezza, solitamente definiti dai cosiddetti livelli di esposizione ammissibili. Poiché il numero di inquinanti atmosferici non è regolamentato o non è adeguatamente regolamentato, ogni sforzo per ridurre l'esposizione è giustificato. In circostanze in cui tale riduzione è impossibile da ottenere, è necessaria una protezione respiratoria personale per ridurre il rischio di esposizione individuale ad agenti nocivi.

La prevenzione medica della BPCO in ambiente lavorativo comprende due passaggi importanti: un programma di sorveglianza della salute respiratoria e un programma di formazione dei dipendenti.

Il programma di sorveglianza della salute respiratoria prevede una valutazione regolare della salute respiratoria; inizia con la valutazione iniziale (anamnesi, esame fisico, radiografia del torace e test di funzionalità polmonare standard) e continua ad essere eseguito periodicamente durante il periodo di impiego. Il programma ha lo scopo di valutare la salute respiratoria di base dei lavoratori (e di identificare i lavoratori con compromissione respiratoria soggettiva e/o oggettiva) prima dell'inizio del lavoro e di rilevare i primi segni di compromissione respiratoria durante la sorveglianza continua dei lavoratori. I lavoratori con risultati positivi devono essere ritirati dall'esposizione e inviati per un'ulteriore valutazione diagnostica.

Il programma di formazione dei dipendenti dovrebbe essere basato sul riconoscimento affidabile dei rischi respiratori presenti nell'ambiente di lavoro e dovrebbe essere progettato da professionisti della salute, igienisti industriali, ingegneri della sicurezza e la direzione. Il programma dovrebbe fornire ai lavoratori informazioni adeguate sui rischi respiratori sul posto di lavoro, sui potenziali effetti respiratori delle esposizioni e sulle normative pertinenti. Dovrebbe anche comportare la promozione di pratiche di lavoro sicure e di uno stile di vita sano.

 

Di ritorno

Leggi 8660 volte Ultima modifica sabato 23 luglio 2022 19:54

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti sul sistema respiratorio

Abramson, MJ, JH Wlodarczyk, NA Saunders e MJ Hensley. 1989. La fusione dell'alluminio causa malattie polmonari? Am Rev Respir Dis 139:1042-1057.

Abrons, HL, MR Peterson, WT Sanderson, AL Engelberg e P Harber. 1988. Sintomi, funzione ventilatoria ed esposizioni ambientali nei lavoratori del cemento di Portland. Brit J Ind Med 45:368-375.

Adamson, IYR, L Young e DH Bowden. 1988. Rapporto tra lesione epiteliale alveolare e riparazione con l'indicazione della fibrosi polmonare. Am J Pathol 130(2):377-383.

Agius, R. 1992. La silice è cancerogena? Occup Med 42: 50-52.

Alberts, WM e GA Do Pico. 1996. Sindrome da disfunzione delle vie aeree reattive (revisione). Petto 109:1618-1626.
Albrecht, WN e CJ Bryant. 1987. Febbre da fumo di polimero associata al fumo e all'uso di uno spray antimuffa contenente politetrafluoroetilene. J Occup Med 29:817-819.

Conferenza americana degli igienisti industriali governativi (ACGIH). 1993. Valori limite di soglia 1993-1994 e indici di esposizione biologica. Cincinnati, Ohio: ACGIH.

Società toracica americana (ATS). 1987 Standard per la diagnosi e la cura dei pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e asma. Am Rev Respir Dis 136:225-244.

—.1995. Standardizzazione della spirometria: aggiornamento del 1994. Amer J Resp Crit Care Med 152: 1107-1137.

Antman, K e J Aisner. 1987. Malignità correlata all'amianto. Orlando: Grune & Stratton.

Antman, KH, FP Li, HI Pass, J Corson e T Delaney. 1993. Mesotelioma benigno e maligno. In Cancer: Principles and Practice of Oncology, a cura di VTJ DeVita, S Hellman e SA Rosenberg. Filadelfia: JB Lippincott.
Istituto Amianto. 1995. Centro di documentazione: Montreal, Canada.

Attfield, MD e K Morring. 1992. Un'indagine sulla relazione tra la pneumoconiosi dei lavoratori del carbone e l'esposizione alla polvere nei minatori di carbone degli Stati Uniti. Am Ind Hyg Assoc J 53(8):486-492.

Attfield, MD. 1992. Dati britannici sulla pneumoconiosi dei minatori di carbone e rilevanza per le condizioni statunitensi. Am J Sanità pubblica 82:978-983.

Attfield, MD e RB Althouse. 1992. Dati di sorveglianza sulla pneumoconiosi dei minatori di carbone degli Stati Uniti, dal 1970 al 1986. Am J Public Health 82:971-977.

Axmacher, B, O Axelson, T Frödin, R Gotthard, J Hed, L Molin, H Noorlind Brage e M Ström. 1991. Esposizione alla polvere nella malattia celiaca: uno studio di riferimento. Brit J Ind Med 48:715-717.

Baquet, CR, JW Horm, T Gibbs e P Greenwald. 1991. Fattori socioeconomici e incidenza del cancro tra neri e bianchi. J Natl Cancer Inst 83: 551-557.

Beaumont, GP. 1991. Riduzione dei baffi di carburo di silicio nell'aria mediante miglioramenti del processo. Appl Occup Environ Hyg 6(7):598-603.

Becklake, MR. 1989. Esposizioni professionali: evidenza di un'associazione causale con malattia polmonare ostruttiva cronica. Am Rev Respir Dis. 140: S85-S91.

—. 1991. L'epidemiologia dell'asbestosi. In Mineral Fibers and Health, a cura di D Liddell e K Miller. Boca Raton: CRC Press.

—. 1992. Esposizione professionale e malattia cronica delle vie aeree. Cap. 13 in Medicina Ambientale e del Lavoro. Boston: Little, Brown & Co.

—. 1993. In Asthma in the workplace, a cura di IL Bernstein, M Chan-Yeung, JL Malo e D Bernstein. Marcel Decker.

—. 1994. Pneumoconiosi. Cap. 66 in A Textbook of Respiratory Medicine, a cura di JF Murray e J Nadel. Filadelfia: WB Saunders.

Becklake, MR e caso B. 1994. Carico di fibre e malattia polmonare correlata all'amianto: determinanti delle relazioni dose-risposta. Am J Resp Critical Care Med 150:1488-1492.

Becklake, MR. et al. 1988. Le relazioni tra le risposte acute e croniche delle vie aeree alle esposizioni professionali. In attuale pneumologia. vol. 9, a cura di DH Simmons. Chicago: editori medici del libro annuale.

Bégin, R, A Cantin e S Massé. 1989. Recenti progressi nella patogenesi e nella valutazione clinica delle pneumoconiosi da polvere minerale: asbestosi, silicosi e pneumoconiosi da carbone. Eur Resp J 2:988-1001.

Bégin, R e P Sébastien. 1989. Capacità di rimozione della polvere alveolare come determinante della suscettibilità individuale all'asbestosi: osservazioni sperimentali. Ann Occup Hyg 33:279-282.

Bégin, R, A Cantin, Y Berthiaume, R Boileau, G Bisson, G Lamoureux, M Rola-Pleszczynski, G Drapeau, S Massé, M Boctor, J Breault, S Péloquin, and D Dalle. 1985. Caratteristiche cliniche per mettere in scena l'alveolite nei lavoratori dell'amianto. Am J Ind Med 8:521-536.

Bégin, R, G Ostiguy, R Filion e S Groleau. 1992. Recenti progressi nella diagnosi precoce dell'asbestosi. Sem Roentgenol 27(2):121-139.

Bégin, T, A Dufresne, A Cantin, S Massé, P Sébastien e G Perrault. 1989. Pneumoconiosi da carborundum. Petto 95(4):842-849.

Beijer L, M Carvalheiro, PG Holt e R Rylander. 1990. Aumento dell'attività procoagulante dei monociti del sangue nei lavoratori del cotonificio. J. Clin Lab Immunol 33:125-127.

Beral, V, P Fraser, M Booth e L Carpenter. 1987. Studi epidemiologici sui lavoratori dell'industria nucleare. In Radiation and Health: The Biological Effects of Low-Level Exposure to Ionizing Radiation, a cura di R Russell Jones e R Southwood. Chichester: Wiley.

Bernstein, IL, M Chan-Yeung, JL Malo e D Bernstein. 1993. Asma sul posto di lavoro. Marcel Decker.

Berrino F, M Sant, A Verdecchia, R Capocaccia, T Hakulinen, and J Esteve. 1995. Sopravvivenza dei malati di cancro in Europa: lo studio EUROCARE. Pubblicazioni scientifiche IARC, n. 132. Lione: IARC.

Berry, G, CB McKerrow, MKB Molyneux, CE Rossiter e JBL Tombleson. 1973. Uno studio sui cambiamenti acuti e cronici nella capacità ventilatoria dei lavoratori nei Lancashire Cotton Mills. Br J Ind Med 30:25-36.

Bignon J, (a cura di) 1990. Effetti sulla salute dei fillosilicati. Serie NATO ASI Berlino: Springer-Verlag.

Bignon, J, P Sébastien e M Bientz. 1979. Rassegna di alcuni fattori rilevanti per la valutazione dell'esposizione alle polveri di amianto. In The use of Biological Specimens for the Assessment of Human Exposure to Environmental Pollutants, a cura di A Berlin, AH Wolf e Y Hasegawa. Dordrecht: Martinus Nijhoff per la Commissione delle Comunità europee.

Bignon J, J Peto e R Saracci, (a cura di) 1989. Esposizione non professionale a fibre minerali. Pubblicazioni scientifiche IARC, n. 90. Lione: IARC.

Bisson, G, G Lamoureux e R Bégin. 1987. Scansione polmonare quantitativa al gallio 67 per valutare l'attività infiammatoria nelle pneumoconiosi. Sem Nuclear Med 17(1):72-80.

Blanc, PD e DA Schwartz. 1994. Risposte polmonari acute a esposizioni tossiche. In Respiratory Medicine, a cura di JF Murray e JA Nadel. Filadelfia: WB Saunders.

Blanc, P, H Wong, MS Bernstein e HA Boushey. 1991. Un modello umano sperimentale di febbre da fumi metallici. Ann Intern Med 114:930-936.

Blanc, PD, HA Boushey, H Wong, SF Wintermeyer e MS Bernstein. 1993. Citochine nella febbre da fumi metallici. Am Rev Respir Dis 147:134-138.

Blandford, TB, PJ Seamon, R Hughes, M Pattison e MP Wilderspin. 1975. Un caso di avvelenamento da politetrafluoroetilene in cockatiels accompagnato da febbre da fumi di polimero nel proprietario. Vet Rec 96:175-178.

Blount, BW. 1990. Due tipi di febbre da fumi metallici: lieve vs grave. Milit Med 155:372-377.

Boffetta, P, R Saracci, A Anderson, PA Bertazzi, Chang-Claude J, G Ferro, AC Fletcher, R Frentzel-Beyme, MJ Gardner, JH Olsen, L Simonato, L Teppo, P Westerholm, P Winter, and C Zocchetti . 1992. Mortalità per cancro al polmone tra i lavoratori nella produzione europea di fibre minerali artificiali: un'analisi di regressione di Poisson. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:279-286.

Borm, PJA. 1994. Marcatori biologici e malattie polmonari professionali: disturbi respiratori indotti da polvere minerale. Exp Polmone Ris 20:457-470.

Boucher, RC. 1981. Meccanismi di tossicità delle vie aeree indotta da inquinanti. Clin Petto Med 2:377-392.

Bouige, D. 1990. L'esposizione alla polvere risulta in 359 fabbriche che utilizzano amianto da 26 paesi. Nella settima conferenza internazionale sulla pneumoconiosi, 23-26 agosto 1988. Atti Parte II. Washington, DC: DHS (NIOSH).

Bouhuys A. 1976. Byssinosi: asma programmato nell'industria tessile. Polmone 154:3-16.

Bowden, DH, C Hedgecock e IYR Adamson. 1989. La fibrosi polmonare indotta dalla silice comporta la reazione di particelle con macrofagi interstiziali piuttosto che alveolari. G Pathol 158:73-80.

Brigham, KL e B Mayerick. 1986. Endotossine e lesioni polmonari. Am Rev Respir Dis 133:913-927.

Brodi, AR. 1993. Malattia polmonare indotta dall'amianto. Ambiente Salute Persp 100:21-30.

Brody, AR, LH Hill, BJ Adkins e RW O'Connor. 1981. Inalazione di amianto crisotilo nei ratti: schema di deposizione e reazione dell'epitelio alveolare e dei macrofagi polmonari. Am Rev Respir Dis 123:670.

Bronwyn, L, L Razzaboni, e P Bolsaitis. 1990. Prove di un meccanismo ossidativo per l'attività emolitica delle particelle di silice. Ambiente Salute Persp 87: 337-341.

Brookes, KJA. 1992. Elenco mondiale e manuale di metalli duri e materiali duri. Londra: dati internazionali sul carburo.

Brooks, SM e AR Kalica. 1987. Strategie per chiarire la relazione tra esposizioni professionali e ostruzione cronica del flusso aereo. Am Rev Respir Dis 135:268-273.

Brooks, SM, MA Weiss e IL Bernstein. 1985. Sindrome da disfunzione delle vie aeree reattiva (RADS). Petto 88:376-384.

Browne, K. 1994. Disturbi correlati all'amianto. Cap. 14 in Occupational Lung Disorders, a cura di WR Parkes. Oxford: Butterworth-Heinemann.

Brubaker, RE. 1977. Problemi polmonari associati all'uso di politetrafluoroetilene. J Occup Med 19:693-695.

Bunn, WB, JR Bender, TW Hesterberg, GR Chase e JL Konzen. 1993. Recenti studi sulle fibre vetrose artificiali: studi sull'inalazione di animali cronici. J Occup Med 35(2):101-113.

Burney, MB e S Chinn. 1987. Sviluppo di un nuovo questionario per misurare la prevalenza e la distribuzione dell'asma. Petto 91:79S-83S.

Burrell, R e R Rylander. 1981. Una revisione critica del ruolo delle precipitine nella polmonite da ipersensibilità. Eur J Resp Dis 62:332-343.

Bye, E. 1985. Presenza di fibre di carburo di silicio nell'aria durante la produzione industriale di carburo di silicio. Scand J Ambiente di lavoro Salute 11:111-115.

Cabral-Anderson, LJ, MJ Evans e G Freeman. 1977. Effetti di NO2 sui polmoni di ratti che invecchiano I. Exp Mol Pathol 27:353-365.

Campbell, JM. 1932. Sintomi acuti in seguito al lavoro con il fieno. Brit MedJ 2:1143-1144.

Carvalheiro MF, Y Peterson, E Rubenowitz, R Rylander. 1995. Attività bronchiale e sintomi legati al lavoro negli agricoltori. Am J Ind Med 27: 65-74.

Castellan, RM, SA Olenchock, KB Kinsley e JL Hankinson. 1987. Endotossina inalata e valori spirometrici ridotti: una relazione esposizione-risposta per la polvere di cotone. New Engl J Med 317:605-610.

Castleman, WL, DL Dungworth, LW Schwartz e WS Tyler. 1980. Bronchiolite respiratoria acuta - Uno studio ultrastrutturale e autoradiografico del danno e del rinnovamento delle cellule epiteliali nelle scimmie Rhesus esposte all'ozono. Am J Pathol 98:811-840.

Chan-Yeung, M. 1994. Meccanismo dell'asma professionale dovuto al cedro rosso occidentale. Am J Ind Med 25:13-18.

—. 1995. Valutazione dell'asma sul posto di lavoro. Dichiarazione di consenso ACCP. American College of Chest Physicians. Petto 108:1084-1117.
Chan-Yeung, M e JL Malo. 1994. Agenti eziologici nell'asma occupazionale. Eur Resp J 7:346-371.

Checkoway, H, NJ Heyer, P Demers e NE Breslow. 1993. Mortalità tra i lavoratori nell'industria della farina fossile. Brit J Ind Med 50:586-597.

Chiazze, L, DK Watkins, e C Fryar. 1992. Uno studio caso-controllo di malattie respiratorie maligne e non maligne tra i dipendenti di un impianto di produzione di fibra di vetro. Brit J Ind Med 49:326-331.

Churg, A. 1991. Analisi del contenuto di amianto nei polmoni. Brit J Ind Med 48:649-652.

Cooper, WC e G Jacobson. 1977. Un follow-up radiografico di ventuno anni di lavoratori nell'industria della diatomite. J Occup Med 19:563-566.

Craighead, JE, JL Abraham, A Churg, FH Green, J Kleinerman, PC Pratt, TA Seemayer, V Vallyathan e H Weill. 1982. La patologia delle malattie associate all'amianto dei polmoni e delle cavità pleuriche. Criteri diagnostici e sistema di classificazione proposto. Arch Pathol Lab Med 106: 544-596.

Cristallo, RG e JB West. 1991. Il polmone. New York: Corvo Press.

Cullen, MR, JR Balmes, JM Robins e GJW Smith. 1981. Polmonite lipoide causata dall'esposizione a nebbia d'olio da un laminatoio tandem in acciaio. Am J Ind Med 2: 51-58.

Dalal, NA, X Shi e V Vallyathan. 1990. Ruolo dei radicali liberi nei meccanismi di emolisi e perossidazione lipidica da parte della silice: studi comparativi di ESR e citotossicità. J Tox Environ Health 29:307-316.

Das, R e PD Blanc. 1993. Esposizione al gas di cloro e polmone: una revisione. Toxicol Ind Health 9:439-455.

Davis, JMG, AD Jones e BG Miller. 1991. Studi sperimentali sui ratti sugli effetti dell'inalazione di amianto accoppiati con l'inalazione di biossido di titanio o quarzo. Int J Exp Pathol 72:501-525.

Deng, JF, T Sinks, L Elliot, D Smith, M Singal e L Fine. 1991. Caratterizzazione della salute respiratoria e delle esposizioni presso un produttore di magneti permanenti sinterizzati. Brit J Ind Med 48:609-615.

de Viottis, JM. 1555. Opera Magnus. Historia de gentibus septentrionalibus. In Aedibus Birgittae. Roma.

Di Luzio, NR. 1985. Aggiornamento sulle attività immunomodulanti dei glucani. Springer Semin Immunopathol 8:387-400.

Bambola, R e J Peto. 1985. Effetti sulla salute dell'esposizione all'amianto. Londra, Health and Safety Commission London: Her Majesty's Stationery Office.

—. 1987. In Asbestos-Related Malignancy, a cura di K Antman e J Aisner. Orlando, Florida: Grune & Stratton.

Donelly, SC e MX Fitzgerald. 1990. Sindrome da disfunzione delle vie aeree reattiva (RADS) dovuta all'esposizione acuta al cloro. Int J Med Sci 159:275-277.

Donham, K, P Haglind, Y Peterson e R Rylander. 1989. Studi sull'ambiente e sulla salute dei lavoratori agricoli negli edifici svedesi per il confinamento dei maiali. Brit J Ind Med 46:31-37.

Fare Pico, GA. 1992. Esposizione pericolosa e malattie polmonari tra i lavoratori agricoli. Clin Petto Med 13: 311-328.

Dubois, F, R Bégin, A Cantin, S Massé, M Martel, G Bilodeau, A Dufresne, G Perrault e P Sébastien. 1988. L'inalazione di alluminio riduce la silicosi in un modello di pecora. Am Rev Respir Dis 137:1172-1179.

Dunn, AJ. 1992. Attivazione indotta da endotossina della catecolamina cerebrale e del metabolismo della serotonina: confronto con l'interleuchina.1. J Pharmacol Exp Therapeut 261:964-969.

Dutton, CB, MJ Pigeon, PM Renzi, PJ Feustel, RE Dutton e GD Renzi. 1993. Funzione polmonare nei lavoratori che raffinano la roccia fosforica per ottenere fosforo elementare. J Occup Med 35:1028-1033.

Ellenhorn, MJ e DG Barceloux. 1988. Tossicologia medica. New York: Elsevier.
Emmanuel, DA, JJ Marx e B Ault. 1975. Micotossicosi polmonare. Petto 67:293-297.

—. 1989. Sindrome tossica da polvere organica (micotossicosi polmonare) - Una revisione dell'esperienza nel Wisconsin centrale. In Principles of Health and Safety in Agriculture, a cura di JA Dosman e DW Cockcroft. Boca Raton: CRC Press.

Engelen, JJM, PJA Borm, M Van Sprundel e L Leenaerts. 1990. Parametri antiossidanti del sangue nelle diverse fasi della pneumoconiosi del lavoratore del carbone. Ambiente Salute Persp 84:165-172.

Englen, MD, SM Taylor, WW Laegreid, HD Liggit, RM Silflow, RG Breeze e RW Leid. 1989. Stimolazione del metabolismo dell'acido arachidonico nei macrofagi alveolari esposti alla silice. Exp Lung Res 15: 511-526.

Agenzia per la protezione dell'ambiente (EPA). 1987. Riferimento per il monitoraggio dell'aria ambiente e metodi equivalenti. Registro federale 52:24727 (1987 luglio XNUMX).

Ernst e Zejda. 1991. In Mineral Fibers and Health, a cura di D Liddell e K Miller. Boca Raton: CRC Press.

Comitato europeo di normalizzazione (CEN). 1991. Definizioni delle frazioni dimensionali per le misurazioni delle particelle aerodisperse sul posto di lavoro. Rapporto n. EN 481. Lussemburgo: CEN.

Evans, MJ, LJ Cabral-Anderson e G Freeman. 1977. Effetti di NO2 sui polmoni dei ratti che invecchiano II. Esp Mol Pathol 27:366-376.

Fogelmark, B, H Goto, K Yuasa, B Marchat e R Rylander. 1992. Tossicità polmonare acuta dell'inalazione di (13)-BD-glucano ed endotossina. Agenti Azioni 35:50-56.

Fraser, RG, JAP Paré, PD Paré e RS Fraser. 1990. Diagnosi delle malattie del torace. vol. III. Filadelfia: WB Saunders.

Fubini, B, E Giamello, M Volante, V Bolis. 1990. Funzionalità chimiche sulla superficie della silice che ne determinano la reattività quando viene inalata. Formazione e reattività dei radicali superficiali. Toxicol Ind Health 6(6):571-598.

Gibbs, AE, FD Pooley e DM Griffith. 1992. Pneumoconiosi del talco: uno studio patologico e mineralogico. Hum Pathol 23(12):1344-1354.

Gibbs, G, F Valic e K Browne. 1994. Rischio per la salute associato all'amianto crisotilo. Resoconto di un seminario tenutosi a Jersey, Isole del Canale. Ann Occup Hyg 38:399-638.

Gibbs, NOI. 1924. Nuvole e fumi. New York: Blakston.

Ginsburg, CM, MG Kris e JG Armstrong. 1993. Carcinoma polmonare non a piccole cellule. In Cancer: Principles & Practice of Oncology, a cura di VTJ DeVita, S Hellman e SA Rosenberg. Filadelfia: JB Lippincott.

Goldfrank, LR, NE Flomenbaum, N Lewin e MA Howland. 1990. Emergenze tossicologiche di Goldfrank. Norwalk, Connecticut: Appleton & Lange.
Goldstein, B e RE Rendall. 1987. L'uso profilattico di polivinilpiridina-N-ossido (PVNO) nei babbuini esposti alla polvere di quarzo. Ricerca ambientale 42:469-481.

Goldstein, RH e A Fine. 1986. Reazioni fibrotiche nel polmone: l'attivazione del fibroblasto polmonare. Exp Polmone Res 11:245-261.
Gordon, RE, D Solano e J Kleinerman. 1986. Alterazioni della giunzione stretta degli epiteli respiratori in seguito all'esposizione e al recupero a lungo termine di NO2. Exp Lung Res 11:179-193.

Gordon, T, LC Chen, JT Fine e RB Schlesinger. 1992. Effetti polmonari dell'ossido di zinco inalato in soggetti umani, cavie, ratti e conigli. Am Ind Hyg Assoc J 53:503-509.

Graham, D. 1994. Gas e fumi nocivi. In Textbook of Pulmonary Diseases, a cura di GL Baum e E Wolinsky. Boston: Little, Brown & Co.

Green, JM, RM Gonzalez, N Sonbolian e P Renkopf. 1992. La resistenza all'accensione del laser ad anidride carbonica di un nuovo tubo endotracheale. J Clin Anesthesiaol 4:89-92.

Guilianelli, C, A Baeza-Squiban, E Boisvieux-Ulrich, O Houcine, R Zalma, C Guennou, H Pezerat, and F MaraNo. 1993. Effetto di particelle minerali contenenti ferro su colture primarie di cellule epiteliali tracheali di coniglio: possibile implicazione dello stress ossidativo. Ambiente Salute Persp 101(5):436-442.

Gun, RT, Janckewicz, A Esterman, D Roder, R Antic, RD McEvoy e A Thornton. 1983. Byssinosi: uno studio trasversale in una fabbrica tessile australiana. J Soc Occup Med 33:119-125.

Haglind P e R Rylander. Esposizione alla polvere di cotone in una sala da gioco sperimentale. Br J Ind Med 10: 340-345.

Hanoa, R. 1983. Pneumoconiosi di grafite. Una revisione degli aspetti eziologici ed epidemiologici. Scand J Ambiente di lavoro Salute 9:303-314.

Harber, P, M Schenker e J Balmes. 1996. Malattie respiratorie professionali e ambientali. St Louis: Mosby.

Istituto per gli effetti sulla salute - Ricerca sull'amianto. 1991. Amianto negli edifici pubblici e commerciali: revisione della letteratura e sintesi delle conoscenze attuali. Cambridge, Massachusetts: Istituto per gli effetti sulla salute.

Heffner, JE e JE Repine. 1989. Strategie polmonari di difesa antiossidante. Am Rev Respir Dis 140: 531-554.

Hemenway, D, A Absher, B Fubini, L Trombley, P Vacek, M Volante e A Cabenago. 1994. Le funzionalità superficiali sono correlate alla risposta biologica e al trasporto di silice cristallina. Ann Occup Hyg 38 Suppl. 1:447-454.

Henson, PM e RC Murphy. 1989. Mediatori del processo infiammatorio. New York: Elsevier.

Heppleston AG. 1991. Minerali, fibrosi e polmone. Environ Health Persp 94:149-168.

Herbert, A, M Carvalheiro, E Rubenowiz, B Bake e R Rylander. 1992. Riduzione della diffusione alveolo-capillare dopo inalazione di endotossina in soggetti normali. Petto 102:1095-1098.

Hessel, PA, GK Sluis-Cremer, E Hnizdo, MH Faure, RG Thomas e FJ Wiles. 1988. Progressione della silicosi in relazione all'esposizione alla polvere di silice. Am Occup Hyg 32 Suppl. 1:689-696.

Higginson, J, CS Muir e N Muñoz. 1992. Cancro umano: epidemiologia e cause ambientali. In monografie di Cambridge sulla ricerca sul cancro. Cambridge: Università di Cambridge. Premere.

Cerve, WC. 1982. Tecnologia dell'aerosol: proprietà, comportamento e misurazione delle particelle sospese nell'aria. New York: John Wiley.

Hoffman, RE, K Rosenman, F Watt, et al. 1990. Sorveglianza delle malattie professionali: asma professionale. Morb Mortal Weekly Rep 39:119-123.

Hogg, J.C. 1981. Permeabilità della mucosa bronchiale e sua relazione con l'iperreattività delle vie aeree. J Allergy Clin immunol 67:421-425.

Holgate, ST, R Beasley e OP Twentyman. 1987. La patogenesi e il significato dell'iperreattività bronchiale nella malattia delle vie aeree. Clin Sci 73:561-572.

Holtzmann, MJ. 1991. Metabolismo dell'acido arachidonico. Implicazioni della chimica biologica per la funzione polmonare e la malattia. Am Rev Respir Dis 143:188-203.

Hughes, JM e H Weil. 1991. Asbestosi come precursore del cancro del polmone correlato all'amianto: risultati di uno studio prospettico sulla mortalità. Brit J Ind Med 48: 229-233.

Hussain, MH, JA Dick e YS Kaplan. 1980. Pneumoconiosi di terre rare. J Soc Occup Med 30:15-19.

Ihde, DC, HI Pass e EJ Glatstein. 1993. Cancro polmonare a piccole cellule. In Cancer: Principles and Practice of Oncology, a cura di VTJ DeVita, S Hellman e SA Rosenberg. Filadelfia: JB Lippincott.

Infante-Rivard, C, B Armstrong, P Ernst, M Peticlerc, LG Cloutier, and G Thériault. 1991. Studio descrittivo dei fattori prognostici che influenzano la sopravvivenza dei pazienti silicotici compensati. Am Rev Respir Dis 144:1070-1074.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1971-1994. Monografie sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo. vol. 1-58. Lione: IARC.

—. 1987. Monografie sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, valutazioni generali di cancerogenicità: un aggiornamento della IARC
Monografie. vol. 1-42. Lione: IARC. (Supplemento 7.)

—. 1988. Fibre minerali artificiali e radon. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 43. Lione: IARC.

—. 1988. Radone. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 43. Lione: IARC.

—. 1989a. Scarichi di motori diesel e benzina e alcuni nitroareni. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 46. Lione: IARC.

—. 1989 b. Esposizione non professionale a fibre minerali. Pubblicazioni scientifiche IARC, n. 90. Lione: IARC.

—. 1989 c. Alcuni solventi organici, monomeri di resina e composti correlati, pigmenti ed esposizione professionale nella produzione di vernici e verniciatura. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 47. Lione: IARC.

—. 1990a. Cromo e composti del cromo. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 49. Lione: IARC.

—. 1990b. Cromo, nichel e saldatura. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 49. Lione: IARC.

—. 1990 c. Nichel e composti di nichel. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 49. Lione: IARC.

—. 1991a. Acqua potabile clorata; Sottoprodotti della clorazione; Alcuni altri composti alogenati; Cobalto e composti di cobalto. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 52. Lione: IARC.

—. 1991b. Esposizioni professionali dovute a irrorazione e applicazione di insetticidi e alcuni pesticidi. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 53. Lione: IARC.

—. 1992. Esposizioni occupazionali a nebbie e vapori di acido solforico, altri acidi inorganici forti e altri prodotti chimici industriali. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 54. Lione: IARC.

—. 1994a. Berillio e composti del berillio. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 58. Lione: IARC.

—. 1994b. Berillio, cadmio e composti di cadmio, mercurio e industria del vetro. Monografie IARC sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 58. Lione: IARC.

—. 1995. Sopravvivenza dei malati di cancro in Europa: lo studio EUROCARE. Pubblicazioni scientifiche IARC, n. 132. Lione: IARC.

Commissione internazionale per la protezione radiologica (ICRP). 1994. Modello delle vie respiratorie umane per la protezione radiologica. Pubblicazione n. 66. ICRP.

Ufficio Internazionale del Lavoro (ILO). 1980. Linee guida per l'uso della classificazione internazionale ILO delle radiografie delle pneumoconiosi. Serie sulla sicurezza e la salute sul lavoro, n. 22. Ginevra: ILO.

—. 1985. Sesto rapporto internazionale sulla prevenzione e la soppressione della polvere nelle miniere, nelle gallerie e nelle cave 1973-1977. Serie sulla sicurezza e la salute sul lavoro, n. 48. Ginevra: OIL.

Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO). 1991. Qualità dell'aria - Definizioni della frazione di dimensione delle particelle per il campionamento relativo alla salute. Ginevra: ISO.

Janssen, YMW, JP Marsh, MP Absher, D Hemenway, PM Vacek, KO Leslie, PJA Borm e BT Mossman. 1992. Espressione di enzimi antiossidanti nei polmoni di ratto dopo l'inalazione di amianto o silice. J Biol Chem 267(15):10625-10630.

Jaurand, MC, J Bignon e P Brochard. 1993. La cellula del mesotelioma e il mesotelioma. Passato, presente e futuro. Conferenza internazionale, Parigi, 20 settembre - 2 ottobre 1991. Eur Resp Rev 3(11):237.

Jederlinic, PJ, JL Abraham, A Churg, JS Himmelstein, GR Epler e EA Gaensler. 1990. Fibrosi polmonare nei lavoratori dell'ossido di alluminio. Am Rev Respir Dis 142:1179-1184.

Johnson, NF, MD Hoover, DG Thomassen, YS Cheng, A Dalley e AL Brooks. 1992. Attività in vitro dei baffi in carburo di silicio rispetto ad altre fibre industriali utilizzando quattro sistemi di coltura cellulare. Am J Ind Med 21:807-823.

Jones, HD, TR Jones e WH Lyle. 1982. Fibra di carbonio: risultati di un'indagine sui lavoratori di processo e sul loro ambiente in una fabbrica che produce filamenti continui. Occup Hyg 26:861-868.

Jones, RN, JE Diem, HW Glindmeyer, V Dharmarajan, YY Hammad, J Carr e H Weill. 1979. Effetto Mill e relazioni dose-risposta nella bissinosi. Br J Ind Med 36:305-313.

Kamp, DW, P Graceffa, WA Prior e A Weitzman. 1992. Il ruolo dei radicali liberi nelle malattie indotte dall'amianto. Radicale libero Bio Med 12:293-315.

Karjalainen, A, PJ Karhonen, K Lalu, A Pentilla, E Vanhala, P Kygornen e A Tossavainen. 1994. Placche pleuriche ed esposizione a fibre minerali in una popolazione necroscopica urbana maschile. Occup Environ Med 51:456-460.

Kass, I, N Zamel, CA Dobry e M Holzer. 1972. Bronchiectasie a seguito di ustioni da ammoniaca delle vie respiratorie. Petto 62:282-285.

Katsnelson, BA, LK Konyscheva, YEN Sharapova e LI Privalova. 1994. Previsione dell'intensità comparativa dei cambiamenti pneumoconiotici causati dall'esposizione cronica per inalazione a polveri di diversa citotossicità mediante un modello matematico. Occup Environ Med 51:173-180.

Keenan, KP, JW Combs e EM McDowell. 1982. Rigenerazione dell'epitelio tracheale di criceto dopo lesioni meccaniche I, II, III. Virchow Archiv 41:193-252.

Keenan, KP, TS Wilson e EM McDowell. 1983. Rigenerazione dell'epitelio tracheale di criceto dopo lesioni meccaniche IV. Virchow Archiv 41:213-240.
Kehrer, J.P. 1993. Radicali liberi come mediatori di lesioni e malattie dei tessuti. Crit Rev Toxicol 23:21-48.

Keimig, DG, RM Castellan, GJ Kullman e KB Kinsley. 1987. Stato di salute respiratoria dei lavoratori gilsonite. Am J Ind Med 11:287-296.

Kelley, J. 1990. Citochine del polmone. Am Rev Respir Dis 141:765-788.

Kennedy, TP, R Dodson, NV Rao, H Ky, C Hopkins, M Baser, E Tolley e JR Hoidal. 1989. Le polveri che causano la pneumoconiosi generano OH e l'emolisi del prodotto agendo come catalizzatori di fenton. Arch Biochem Biophys 269(1):359-364.

Kilburn, KH e RH Warshaw. 1992. Opacità irregolari nel polmone, asma professionale e disfunzione delle vie aeree nei lavoratori dell'alluminio. Am J Ind Med 21:845-853.

Kokkarinen, J, H Tuikainen, e EO Terho. 1992. Grave polmone del contadino a seguito di una sfida sul posto di lavoro. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:327-328.

Kongerud, J, J Boe, V Soyseth, A Naalsund e P Magnus. 1994. Asma da camera in alluminio: l'esperienza norvegese. Eur Resp J 7:165-172.

Korn, RJ, DW Dockery e FE Speizer. 1987. Esposizione professionale e sintomi respiratori cronici. Am Rev Respir Dis 136:298-304.

Kriebel, D. 1994. Il modello dosimetrico nell'epidemiologia occupazionale e ambientale. Occup Hyg 1:55-68.

Kriegseis, W, A Scharmann e J Serafin. 1987. Indagini sulle proprietà superficiali delle polveri di silice per quanto riguarda la loro citotossicità. Ann Occup Hyg 31(4A):417-427.

Kuhn, DC e LM Demers. 1992. Influenza della chimica della superficie della polvere minerale sulla produzione di eicosanoidi da parte del macrofago alveolare. J Tox Ambiente Salute 35: 39-50.

Kuhn, DC, CF Stanley, N El-Ayouby e LM Demers. 1990. Effetto dell'esposizione alla polvere di carbone in vivo sul metabolismo dell'acido arachidonico nel macrofago alveolare del ratto. J Tox Environ Health 29:157-168.

Kunkel, SL, SW Chensue, RM Strieter, JP Lynch e DG Remick. 1989. Aspetti cellulari e molecolari dell'infiammazione granulomatosa. Am J Respir Cell Mol Biol 1:439-447.

Kuntz, WD e CP McCord. 1974. Febbre da fumo di polimero. J Occup Med 16:480-482.

Lapin, CA, DK Craig, MG Valerio, JB McCandless e R Bogoroch. 1991. Uno studio di tossicità per inalazione subcronica nei ratti esposti a baffi di carburo di silicio. Fondo Appl Toxicol 16:128-146.

Larsson, K, P Malmberg, A Eklund, L Belin, e E Blaschke. 1988. Esposizione a microrganismi, alterazioni infiammatorie delle vie aeree e reazioni immunitarie in allevatori asintomatici. Int Arch Allergia Imm 87:127-133.

Lauweryns, JM e JH Baert. 1977. Clearance alveolare e ruolo dei vasi linfatici polmonari. Am Rev Respir Dis 115:625-683.

Leach, J. 1863. Cotone Surat, poiché colpisce fisicamente gli operatori nei cotonifici. Lancetta II:648.

Lecours, R, M Laviolette e Y Cormier. 1986. Lavaggio broncoalveolare nella micotossicosi polmonare (sindrome tossica da polvere organica). Torace 41:924-926.

Lee, KP, DP Kelly, FO O'Neal, JC Stadler e GL Kennedy. 1988. Risposta polmonare alle fibrille sintetiche di aramide kevlar ultrafine dopo l'esposizione per inalazione di 2 anni nei ratti. Fondo Appl Toxicol 11:1-20.

Lemasters, G, J Lockey, C Rice, R McKay, K Hansen, J Lu, L Levin e P Gartside. 1994. Cambiamenti radiografici tra i lavoratori che fabbricano fibre e prodotti ceramici refrattari. Ann Occup Hyg 38 Suppl 1:745-751.

Lesur, O, A Cantin, AK Transwell, B Melloni, JF Beaulieu, and R Bégin. 1992. L'esposizione alla silice induce citotossicità e attività proliferativa di tipo II. Exp Polmone Ris 18:173-190.

Liddell, D e K Millers (a cura di). 1991. Fibre minerali e salute. Florida, Boca Raton: CRC Press.
Lippman, M. 1988. Indici di esposizione all'amianto. Ricerca ambientale 46:86-92.

—. 1994. Deposizione e ritenzione di fibre inalate: effetti sull'incidenza del cancro del polmone e del mesotelioma. Occupare Environ Med 5: 793-798.

Lockey, J e E James. 1995. Fibre artificiali e silicati fibrosi non amianto. Cap. 21 in Malattie respiratorie professionali e ambientali, a cura di P Harber, MB Schenker e JR Balmes. St.Louis: Mosby.

Luce, D, P Brochard, P Quénel, C Salomon-Nekiriai, P Goldberg, MA Billon-Galland e M Goldberg. 1994. Mesotelioma pleurico maligno associato all'esposizione a tremolite. Lancetta 344:1777.

Malo, JL, A Cartier, J L'Archeveque, H Ghezzo, F Lagier, C Trudeau, and J Dolovich. 1990. Prevalenza di asma professionale e sensibilizzazione immunologica allo psillio tra il personale sanitario negli ospedali per cure croniche. Am Rev Respir Dis 142:373-376.

Malo, JL, H Ghezzo, J L'Archeveque, F Lagier, B Perrin e A Cartier. 1991. La storia clinica è un mezzo soddisfacente per diagnosticare l'asma occupazionale? Am Rev Respir Dis 143:528-532.

Uomo, SFP e WC Hulbert. 1988. Riparazione delle vie aeree e adattamento alle lesioni da inalazione. In Pathophysiology and Treatment of Inhalation Injuries, a cura di J Locke. New York: Marcel Dekker.

Markowitz, S. 1992. Prevenzione primaria delle malattie polmonari professionali: una visione dagli Stati Uniti. Israele J Med Sci 28:513-519.

Marsh, GM, PE Enterline, RA Stone e VL Henderson. 1990. Mortalità tra una coorte di lavoratori di fibre minerali artificiali statunitensi: 1985 follow-up. J Occup Med 32:594-604.

Martin, TR, SW Meyer e DR Luchtel. 1989. Una valutazione della tossicità dei compositi in fibra di carbonio per le cellule polmonari in vitro e in vivo. Ricerca ambientale 49: 246-261.

May, JJ, L Stallones e D Darrow. 1989. Uno studio sulla polvere generata durante l'apertura del silo e il suo effetto fisiologico sui lavoratori. In Principles of Health and Safety in Agriculture, a cura di JA Dosman e DW Cockcroft. Boca Raton: CRC Press.

McDermott, M, C Bevan, JE Cotes, MM Bevan e PD Oldham. 1978. Funzione respiratoria nei lavoratori di lavagna. B Eur Physiopathol Resp 14:54.

McDonald, J.C. 1995. Implicazioni sulla salute dell'esposizione ambientale all'amianto. Ambiente salute Persp 106: 544-96.

McDonald, JC e AD McDonald. 1987. Epidemiologia del mesotelioma maligno. In Asbestos-Related Malignancy, a cura di K Antman e J Aisner. Orlando, Florida: Grune & Stratton.

—. 1991. Epidemiologia del mesotelioma. In Fibre Minerali e Salute. Boca Raton: CRC Press.

—. 1993. Mesotelioma: c'è uno sfondo? In The Mesothelioma Cell and Mesothelioma: Past, Present and Future, a cura di MC Jaurand, J Bignon e P Brochard.

—. 1995. Crisotilo, tremolite e mesotelioma. Scienza 267:775-776.

McDonald, JC, B Armstrong, B Case, D Doell, WTE McCaughey, AD McDonald e P Sébastien. 1989. Mesotelioma e tipo di fibra di amianto. Evidenza dalle analisi del tessuto polmonare. Cancro 63:1544-1547.

McDonald, JC, FDK Lidell, A Dufresne e AD McDonald. 1993. La coorte di nascita 1891-1920 di minatori e mugnai cristotili del Quebec: mortalità 1976-1988. Brit J Ind Med 50:1073-1081.

McMillan, DD e GN Boyd. 1982. Il ruolo degli antiossidanti e della dieta nella prevenzione o nel trattamento del danno microvascolare polmonare indotto dall'ossigeno. Ann NY Acad Sci 384:535-543.

Consiglio di ricerca medica. 1960. Questionario standardizzato sui sintomi respiratori. Brit MedJ 2:1665.

Mekky, S, SA Roach e RSF Schilling. 1967. Bissinosi tra le bobinatrici del settore. Br J Ind Med 24:123-132.

Merchant JA, JC Lumsden, KH Kilburn, WM O'Fallon, JR Ujda, VH Germino e JD Hamilton. 1973. Studi sulla risposta alla dose nei lavoratori tessili di cotone. J Occup Med 15:222-230.

Meredith, SK e JC McDonald. 1994. Malattie respiratorie legate al lavoro nel Regno Unito, 1989-1992. Occup Environ Med 44:183-189.

Meredith, S e H Nordman. 1996. Asma occupazionale: Misure di frequenza di quattro paesi. Torace 51:435-440.

Mermelstein, R, RW Lilpper, PE Morrow e H Muhle. 1994. Sovraccarico polmonare, dosimetria della fibrosi polmonare e loro implicazioni per lo standard di polvere respiratoria. Ann Occup Hyg 38 Suppl. 1:313-322.

Merriman, E.A. 1989. Uso sicuro della fibra aramidica di Kevlar nei compositi. Appl Ind Hyg Special Issue (dicembre):34-36.

Meurman, LO, E Pukkala e M Hakama. 1994. Incidenza del cancro tra i minatori di amianto antofillite in Finlandia. Occup Environ Med 51:421-425.

Michael, O, R Ginanni, J Duchateau, F Vertongen, B LeBon, and R Sergysels. 1991. Esposizione domestica all'endotossina e gravità clinica dell'asma. Clin Exp Allergy 21:441-448.

Michel, O, J Duchateau, G Plat, B Cantinieaux, A Hotimsky, J Gerain e R Sergysels. 1995. Risposta infiammatoria del sangue all'endotossina inalata in soggetti normali. Clin Exp Allergy 25:73-79.

Morey, P, JJ Fischer e R Rylander. 1983. Batteri Gram-negativi su cotone con particolare riferimento alle condizioni climatiche. Am Ind Hyg Assoc J 44: 100-104.

Accademia Nazionale delle Scienze. 1988. Rischi per la salute del radon e di altri emettitori alfa depositati internamente. Washington, DC: Accademia Nazionale delle Scienze.

—. 1990. Effetti sulla salute dell'esposizione a bassi livelli di radiazioni ionizzanti. Washington, DC: Accademia Nazionale delle Scienze.

Programma nazionale di educazione all'asma (NAEP). 1991. Rapporto del gruppo di esperti: linee guida per la diagnosi e la gestione dell'asma. Bethesda, Md: Istituti Nazionali della Salute (NIH).

Nemery, B. 1990. Tossicità dei metalli e delle vie respiratorie. Eur Resp J 3:202-219.

Newman, LS, K Kreiss, T King, S Seay e PA Campbell. 1989. Alterazioni patologiche e immunologiche nelle prime fasi della malattia da berillio. Riesame della definizione di malattia e della storia naturale. Am Rev Respir Dis 139:1479-1486.

Nicholson, W.J. 1991. In Health Effects Institute-Asbestos Research: Amianto negli edifici pubblici e commerciali. Cambrige, Mass: Health Effects Institute-Ricerca sull'amianto.

Niewoehner, DE e JR Hoidal. 1982. Fibrosi polmonare ed enfisema: risposte divergenti a una lesione comune. Scienza 217:359-360.

Nolan, RP, AM Langer, JS Harrington, G Oster e IJ Selikoff. 1981. Emolisi del quarzo in relazione alle sue funzionalità superficiali. Ambiente Ris 26:503-520.

Oakes, D, R Douglas, K Knight, M Wusteman e JC McDonald. 1982. Effetti respiratori dell'esposizione prolungata alla polvere di gesso. Ann Occup Hyg 2:833-840.

O'Brodovich, H e G Coates. 1987. Liquidazione polmonare di 99mTc-DTPA: una valutazione non invasiva dell'integrità epiteliale. Polmone 16:1-16.

Parkes, RW. 1994. Disordini polmonari professionali. Londra: Butterworth-Heinemann.

Parkin, DM, P Pisani e J Ferlay. 1993. Stime dell'incidenza mondiale di diciotto tumori principali nel 1985. Int J Cancer 54:594-606.

Pepys, J e PA Jenkins. 1963. Polmone del contadino: actinomiceti termofili come fonte dell'antigene del "fieno del polmone del contadino". Lancetta 2:607-611.

Pepys, J, RW Riddell, KM Citron e YM Clayton. 1962. Precipitine contro estratti di fieno e muffe nel siero di pazienti con polmone del contadino, aspergillosi, asma e sarcoidosi. Torace 17:366-374.

Pernis, B, EC Vigliani, C Cavagna, M Finulli. 1961. Il ruolo delle endotossine batteriche nelle malattie professionali causate dall'inalazione di polveri vegetali. Brit J Ind Med 18:120-129.

Petsonk, EL, E Storey, PE Becker, CA Davidson, K Kennedy e V Vallyathan. 1988. Pneumoconiosi nei lavoratori di elettrodi di carbonio. J Occup Med 30: 887-891.

Pézerat, H, R Zalma, J Guignard e MC Jaurand. 1989. Produzione di radicali dell'ossigeno mediante la riduzione dell'ossigeno derivante dall'attività superficiale delle fibre minerali. In Esposizione extraprofessionale alle fibre minerali, a cura di J Bignon, J Peto e R Saracci. Pubblicazioni Scientifiche IARC, n.90. Lione: IARC.

Piguet, PF, AM Collart, GE Gruaeu, AP Sappino, and P Vassalli. 1990. Requisito del fattore di necrosi tumorale per lo sviluppo della fibrosi polmonare indotta da silice. Natura 344:245-247.

Porcher, JM, C Lafuma, R El Nabout, MP Jacob, P Sébastien, PJA Borm, S Hannons e G Auburtin. 1993. Marcatori biologici come indicatori di esposizione e rischio pneumoconiotico: studio prospettico. Int Arch Occup Environ Health 65:S209-S213.

Prausnitz, C. 1936. Indagini sulla malattia da polvere respiratoria negli operatori dell'industria del cotone. Serie di rapporti speciali del Medical Research Council, n. 212. Londra: ufficio di cancelleria di Sua Maestà.

Preston, DL, H Kato, KJ ​​Kopecky e S Fujita. 1986. Rapporto di studio sulla durata della vita 10, parte 1. Mortalità per cancro tra i sopravvissuti alla bomba atomica a Hiroshima e Nagasaki, 1950-1982. Rapporto tecnico. RIFERIMENTO TR.

Quanjer, PH, GJ Tammeling, JE Cotes, OF Pedersen, R Peslin e JC Vernault. 1993. Volumi polmonari e flussi ventilatori forzati. Relazione del gruppo di lavoro, Standardizzazione dei test di funzionalità polmonare, Comunità europea per l'acciaio e il carbone. Dichiarazione ufficiale della European Respiratory Society. Eur Resp J 6(suppl 16): 5-40.

Rabe, OG. 1984. Deposizione e eliminazione delle particelle inalate. In Occupational Lung Disease, a cura di BL Gee, WKC Morgan e GM Brooks. New York: Corvo Press.

Ramazzini, B. 1713. De Moribis Artificium Diatriba (Malattie dei lavoratori). In Allergy Proc 1990, 11:51-55.

Rask-Andersen A. 1988. Reazioni polmonari all'inalazione di polvere di muffa negli agricoltori con particolare riferimento alla febbre e all'alveolite allergica. Acta Universitatis Upsalienses. Dissertazioni della Facoltà di Medicina 168. Uppsala.

Richards, RJ, LC Masek e RFR Brown. 1991. Meccanismi biochimici e cellulari della fibrosi polmonare. Toxicol Pathol 19(4):526
-539.

Richerson, H.B. 1983. Polmonite da ipersensibilità – patologia e patogenesi. Clin Rev Allergy 1: 469-486.

—. 1990. Concetti unificanti alla base degli effetti delle esposizioni alla polvere organica. Am J Ind Med 17:139-142.

—. 1994. Polmonite da ipersensibilità. In Organic Dusts - Exposure, Effects, and Prevention, a cura di R Rylander e RR Jacobs. Chicago: pubblicazione di Lewis.

Richerson, HB, IL Bernstein, JN Fink, GW Hunninghake, HS Novey, CE Reed, JE Salvaggio, MR Schuyler, HJ Schwartz e DJ Stechschulte. 1989. Linee guida per la valutazione clinica della polmonite da ipersensibilità. J Allergy Clin immunol 84:839-844.

Roma, WN. 1991. Relazione delle citochine delle cellule infiammatorie alla gravità della malattia in individui con esposizione professionale alla polvere inorganica. Am J Ind Med 19:15-27.

—. 1992a. Medicina Ambientale e del Lavoro. Boston: Little, Brown & Co.

—. 1992 b. Malattia polmonare indotta da lacca per capelli. In Medicina Ambientale e del Lavoro, a cura di WN Rom. Boston: Little, Brown & Co.

Rom, WN, JS Lee e BF Craft. 1981. Problemi di salute occupazionale e ambientale dell'industria dello scisto bituminoso in via di sviluppo: una rassegna. Am J Ind Med 2: 247-260.

Rosa, CS. 1992. Febbre da inalazione. In Medicina Ambientale e del Lavoro, a cura di WN Rom. Boston: Little, Brown & Co.

Rylander R. 1987. Il ruolo dell'endotossina per le reazioni dopo l'esposizione alla polvere di cotone. Am J Ind Med 12: 687-697.

Rylander, R, B Bake, JJ Fischer e IM Helander 1989. Funzione polmonare e sintomi dopo inalazione di endotossina. Am Rev Resp Dis 140:981-986.

Rylander R e R Bergström 1993. Reattività bronchiale tra i lavoratori del cotone in relazione all'esposizione alla polvere e alle endotossine. Ann Occup Hyg 37:57-63.

Rylander, R, KJ Donham e Y Peterson. 1986. Effetti sulla salute delle polveri organiche nell'ambiente agricolo. Am J Ind Med 10:193-340.

Rylander, R e P Haglind. 1986. Esposizione di lavoratori del cotone in una sala da gioco sperimentale con riferimento alle endotossine trasportate dall'aria. Environ Health Persp 66:83-86.

Rylander R, P Haglind, M Lundholm 1985. Endotossina nella polvere di cotone e decremento della funzione respiratoria tra i lavoratori del cotone. Am Rev Respir Dis 131:209-213.

Rylander, R e PG Holt. 1997. Modulazione della risposta immunitaria all'allergene inalato mediante co-esposizione ai componenti della parete cellulare microbica (13)-BD-glucano ed endotossina. Manoscritto.

Rylander, R e RR Jacobs. 1994. Polveri organiche: esposizione, effetti e prevenzione. Chicago: pubblicazione di Lewis.

—. 1997. Endotossina ambientale - Un documento sui criteri. J Occup Environ Health 3: 51-548.

Rylander, R e Y Peterson. 1990. Polveri organiche e malattie polmonari. Am J Ind Med 17:1148.

—. 1994. Agenti causativi di malattie legate alla polvere organica. Am J Ind Med 25:1-147.

Rylander, R, Y Peterson e KJ Donham. 1990. Questionario che valuta l'esposizione alla polvere organica. Am J Ind Med 17:121-126.

Rylander, R, RSF Schilling, CAC Pickering, GB Rooke, AN Dempsey e RR Jacobs. 1987. Effetti dopo esposizione acuta e cronica alla polvere di cotone - I criteri di Manchester. Brit J Ind Med 44:557-579.

Sabbioni, E, R Pietra, P Gaglione. 1982. Rischio professionale a lungo termine di pneumoconiosi delle terre rare. Sci Total Environ 26:19-32.

Sadoul, P. 1983. Pneumoconiosi in Europa ieri, oggi e domani. Eur J Resp Dis 64 Suppl. 126:177-182.

Scansetti, G, G Piolatto, e GC Botta. 1992. Particelle fibrose e non fibrose trasportate dall'aria in un impianto di produzione di carburo di silicio. Ann Occup Hyg 36(2):145-153.

Schantz, SP, LB Harrison e WK Hong. 1993. Tumori della cavità nasale e dei seni paranasali, rinofaringe, cavità orale e orofaringe. In Cancer: Principles & Practice of Oncology, a cura di VTJ DeVita, S Hellman e SA Rosenberg. Filadelfia: JB Lippincott.

Schilling, RSF. 1956. Byssinosi in cotone e altri lavoratori tessili. Lancetta 2:261-265.

Schilling, RSF, JPW Hughes, Dingwall-Fordyce e JC Gilson. 1955. Uno studio epidemiologico sulla bissinosi tra i lavoratori del cotone del Lancashire. Brit J Ind Med 12:217-227.

Schulte, PA. 1993. Uso di marcatori biologici nella ricerca e nella pratica della salute sul lavoro. J Tox Environ Health 40:359-366.

Schuyler, M, C Cook, M Listrom, e C Fengolio-Preiser. 1988. I blasti trasferiscono la polmonite da ipersensibilità sperimentale nelle cavie. Am Rev Respir Dis 137:1449-1455.

Schwartz DA, KJ Donham, SA Olenchock, WJ Popendorf, D Scott Van Fossen, LJ Burmeister e JA Merchant. 1995. Determinanti dei cambiamenti longitudinali nella funzione spirometrica tra gli operatori e gli allevatori di confinamento dei suini. Am J Respir Crit Care Med 151: 47-53.

Scienza dell'ambiente totale. 1994. Malattia del cobalto e dei metalli duri 150 (numero speciale): 1-273.

Scuderi, P. 1990. Effetti differenziali di rame e zinco sulla secrezione di citochine di monociti del sangue periferico umano. Cell Immunol 265:2128-2133.
Seaton, A. 1983. Carbone e polmone. Torace 38:241-243.

Seaton, J, D Lamb, W Rhind Brown, G Sclare e WG Middleton. 1981. Pneumoconiosi dei minatori di scisto. Torace 36:412-418.

Sébastien, P. 1990. I misteri della nocività del quarzo. In Conférence Thématique. 23 Congrès International De La Médecine Du Travail Montréal: Commission international de la Médecine du travail.

—. 1991. Deposizione polmonare e eliminazione delle fibre minerali trasportate dall'aria. In Mineral Fibers and Health, a cura di D Liddell e K Miller. Boca Raton: CRC Press.

Sébastien, P, A Dufresne e R Bégin. 1994. Ritenzione delle fibre di amianto ed esito dell'asbestosi con o senza cessazione dell'esposizione. Ann Occup Hyg 38 Suppl. 1:675-682.

Sébastien, P, B Chamak, A Gaudichet, JF Bernaudin, MC Pinchon, and J Bignon. 1994. Studio comparativo mediante microscopia elettronica a trasmissione analitica di particelle nei macrofagi polmonari umani alveolari e interstiziali. Ann Occup Hyg 38 Suppl. 1:243-250.

Seidman, H e IJ Selikoff. 1990. Declino dei tassi di mortalità tra i lavoratori dell'isolamento dell'amianto 1967-1986 associato alla diminuzione dell'esposizione lavorativa all'amianto. Annali dell'Accademia delle scienze di New York 609: 300-318.

Selikoff, IJ e J Churg. 1965. Gli effetti biologici dell'amianto. Ann NY Acad Sci 132:1-766.

Selikoff, IJ e DHK Lee. 1978. Amianto e malattia. New York: stampa accademica.

Sessioni, RB, LB Harrison e VT Hong. 1993. Tumori della laringe e dell'ipofaringe. In Cancer: Principles and Practice of Oncology, a cura di VTJ DeVita, S Hellman e SA Rosenberg. Filadelfia: JB Lippincott.

Shannon, HS, E Jamieson, JA Julian e DCF Muir. 1990. Mortalità dei lavoratori del filamento di vetro (tessile). Brit J Ind Med 47:533-536.

Sheppard, D. 1988. Agenti chimici. In Respiratory Medicine, a cura di JF Murray e JA Nadel. Filadelfia: WB Saunders.

Shimizu, Y, H Kato, WJ Schull, DL Preston, S Fujita e DA Pierce. 1987. Rapporto di studio sulla durata della vita 11, parte 1. Confronto dei coefficienti di rischio per la mortalità per cancro sito-specifica basata sul Kerma schermato DS86 e T65DR e sulle dosi degli organi. Rapporto tecnico. RERF TR 12-87.

Shustermann, DJ. 1993. Febbre da fumo di polimero e altre sindromi correlate alla pirolisi del fluorocarburo. Occup Med: State Art Rev 8:519-531.

Sigsgaard T, OF Pedersen, S Juul e S Gravesen. Disturbi respiratori e atopia nel cotone idrofilo e in altri lavoratori tessili in Danimarca. Am J Ind Med 1992;22:163-184.

Simonato, L, AC Fletcher e JW Cherrie. 1987. Studio di coorte storico dell'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dei lavoratori della produzione MMMF in sette paesi europei: estensione del follow-up. Ann Occup Hyg 31:603-623.

Skinner, HCW, M Roos e C Frondel. 1988. Amianto e altri minerali fibrosi. New York: Università di Oxford. Premere.

Skornik, WA. 1988. Tossicità per inalazione di particelle metalliche e vapori. In Pathophysiology and Treatment of Inhalation Injuries, a cura di J Locke. New York: Marcel Dekker.

Smith, PG e R Doll. 1982. Mortalità tra i pazienti con sponchylite anchilosante dopo un singolo ciclo di trattamento con raggi X. Brit MedJ 284:449-460.

Smith, T.J. 1991. Modelli farmacocinetici nello sviluppo di indicatori di esposizione in epidemiologia. Ann Occup Hyg 35(5):543-560.

Snella, MC e R Rylander. 1982. Reazioni delle cellule polmonari dopo inalazione di lipopolisaccaridi batterici. Eur J Resp Dis 63:550-557.

Stanton, MF, M Layard, A Tegeris, E Miller, M May, E Morgan e A Smith. 1981. Relazione tra la dimensione delle particelle e la cancerogenicità nell'amianto di anfibolo e altri minerali fibrosi. J Natl Cancer Inst 67:965-975.

Stephens, RJ, MF Sloan, MJ Evans e G Freeman. 1974. Risposta delle cellule alveolari di tipo I all'esposizione a 0.5 ppm 03 per brevi periodi. Esp Mol Pathol 20:11-23.

Stille, WT e IR Tabershaw. 1982. L'esperienza della mortalità dei lavoratori del talco nello stato di New York. J Occup Med 24:480-484.

Strom, E e O Alexandersen. 1990. Danni polmonari causati dalla sciolinatura. Tidsskrift per Den Norske Laegeforening 110:3614-3616.

Sulotto, Fa, Do Romano, La Berra. 1986. Pneumoconiosi delle terre rare: un nuovo caso. Am J Ind Med 9: 567-575.

Trice, MF. 1940. Febbre da sala da gioco. Mondo tessile 90:68.

Tyler, WS, NK Tyler e JA Last. 1988. Confronto delle esposizioni giornaliere e stagionali di giovani scimmie all'ozono. Tossicologia 50:131-144.

Ulfvarson, U e M Dahlqvist. 1994. Funzione polmonare nei lavoratori esposti allo scarico diesel. In Encyclopedia of Environmental Control Technology New Jersey: Gulf Publishing.

Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. 1987. Relazione sui rischi di cancro associati all'ingestione di amianto. Environ Health Persp 72:253-266.

Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (USDHHS). 1994. Rapporto sulla sorveglianza delle malattie polmonari legate al lavoro. Washington, DC: Servizi di sanità pubblica, Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Vacek, PM e JC McDonald. 1991. Valutazione del rischio utilizzando l'intensità dell'esposizione: un'applicazione all'estrazione di vermiculite. Brit J Ind Med 48:543-547.

Valiante, DJ, TB Richards e KB Kinsley. 1992. Sorveglianza della silicosi nel New Jersey: mirare ai luoghi di lavoro utilizzando i dati sulla sorveglianza delle malattie professionali e dell'esposizione. Am J Ind Med 21:517-526.

Vallyathan, NV e JE Craighead. 1981. Patologia polmonare in lavoratori esposti a talco non asbestiforme. Hum Pathol 12:28-35.

Vallyathan, V, X Shi, NS Dalal, W Irr e V Castranova. 1988. Generazione di radicali liberi da polvere di silice appena fratturata. Ruolo potenziale nel danno polmonare acuto indotto dalla silice. Am Rev Respir Dis 138:1213-1219.

Vanhee, D, P Gosset, B Wallaert, C Voisin e AB Tonnel. 1994. Meccanismi di fibrosi nella pneumoconiosi dei lavoratori del carbone. Aumento della produzione di fattore di crescita derivato dalle piastrine, fattore di crescita simile all'insulina di tipo I e fattore di crescita trasformante beta e relazione con la gravità della malattia. Am J Resp Critical Care Med 150(4):1049-1055.

Vaughan, GL, J Jordan e S Karr. 1991. La tossicità, in vitro, dei baffi di carburo di silicio. Ricerca ambientale 56:57-67.
Vincent, JH e K Donaldson. 1990. Un approccio dosimetrico per mettere in relazione la risposta biologica del polmone all'accumulo di polvere minerale inalata. Brit J Ind Med 47:302-307.

Vocaturo, KG, F. Colombo, and M. Zanoni. 1983. Esposizione umana ai metalli pesanti. Pneumoconiosi delle terre rare nei lavoratori occupati. Petto 83:780-783.

Wagner, GR. 1996. Screening sanitario e sorveglianza dei lavoratori esposti alla polvere minerale. Raccomandazione per il gruppo dei lavoratori dell'ILO. Ginevra: OMS.

Wagner, J.C. 1994. La scoperta dell'associazione tra amianto blu e mesoteliomi e le conseguenze. Brit J Ind Med 48:399-403.

Wallace, WE, JC Harrison, RC Grayson, MJ Keane, P Bolsaitis, RD Kennedy, AQ Wearden e MD Attfield. 1994. Contaminazione superficiale dell'alluminosilicato di particelle di quarzo respirabili da polveri di miniere di carbone e da polveri di argille. Ann Occup Hyg 38 Suppl. 1:439-445.

Warheit, DB, KA Kellar e MA Hartsky. 1992. Effetti cellulari polmonari nei ratti a seguito di esposizioni di aerosol a fibrille di aramide di Kevlar ultrafine: prove della biodegradabilità delle fibrille inalate. Toxicol Appl Pharmacol 116:225-239.

Waring, PM e RJ Watling. 1990. Depositi rari in un proiezionista cinematografico deceduto. Un nuovo caso di pneumoconiosi delle terre rare? Med J Australe 153:726-730.

Wegman, DH e JM Peters. 1974. Febbre da fumo di polimero e fumo di sigaretta. Ann Intern Med 81:55-57.

Wegman, DH, JM Peters, MG Boundy e TJ Smith. 1982. Valutazione degli effetti respiratori in minatori e mugnai esposti a talco privo di amianto e silice. Brit J Ind Med 39:233-238.

Wells, RE, RF Slocombe e AL Trapp. 1982. Tossicosi acuta di pappagallini (Melopsittacus undulatus) causata da prodotti di pirolisi da politetrafluoroetilene riscaldato: studio clinico. Am J Vet Res 43:1238-1248.

Wergeland, E, A Andersen e A Baerheim. 1990. Morbilità e mortalità nei lavoratori esposti al talco. Am J Ind Med 17:505-513.

Bianco, DW e JE Burke. 1955. Il metallo berillio. Cleveland, Ohio: Società americana per i metalli.

Wiessner, JH, NS Mandel, PG Sohnle, A Hasegawa e GS Mandel. 1990. L'effetto della modificazione chimica delle superfici di quarzo sul particolato induce infiammazione polmonare e fibrosi nel topo. Am Rev Respir Dis 141:11-116.

Williams, N, W Atkinson e AS Patchefsky. 1974. Febbre da fumo di polimero: non così benigna. J Occup Med 19:693-695.

Wong, O, D Foliart e LS Trent. 1991. Uno studio caso-controllo sul cancro del polmone in una coorte di lavoratori potenzialmente esposti a fibre di lana di scorie. Brit J Ind Med 48:818-824.

Woolcock, A.J. 1989. Epidemiologia della malattia cronica delle vie aeree. Petto 96 (suppl): 302-306S.

Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1982. Monografie IARC sulla valutazione del rischio cancerogeno delle sostanze chimiche per l'uomo. Lione: IARC.

Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e Office of Occupational Health. 1989. Limite di esposizione professionale per l'amianto. Ginevra: OMS.


Wright, JL, P Cagle, A Shurg, TV Colby e J Myers. 1992. Malattie delle piccole vie aeree. Am Rev Respir Dis 146:240-262.

Yan, CY, CC Huang, IC Chang, CH Lee, JT Tsai e YC Ko. 1993. Funzione polmonare e sintomi respiratori dei lavoratori del cemento portland nel sud di Taiwan. Kaohsiung J Med Sci 9:186-192.

Zajda, EP. 1991. Malattia pleurica e delle vie aeree associata a fibre minerali. In Fibre Minerali e
Salute, a cura di D Liddell e K Miller. Boca Raton: CRC Press.

Ziskind, M, RN Jones e H Weill. 1976. Silicosi. Am Rev Respir Dis 113:643-665.