Giovedi, 03 marzo 2011 19: 52

Visione e lavoro

Vota questo gioco
(0 voti )

Anatomia dell'occhio

L'occhio è una sfera (Graham et al. 1965; Adler 1992), di circa 20 mm di diametro, che si trova nell'orbita del corpo con i sei muscoli estrinseci (oculari) che muovono l'occhio attaccato alla sclera, la sua parete esterna ( Figura 1). Di fronte, la sclera è sostituita dalla cornea, che è trasparente. Dietro la cornea nella camera interna è il iris, che regola il diametro della pupilla, lo spazio attraverso il quale passa l'asse ottico. La parte posteriore della camera anteriore è formata dal cristallino biconvesso lente, la cui curvatura è determinata dai muscoli ciliari attaccati anteriormente alla sclera e posteriormente alla membrana coroidale, che riveste la camera posteriore. La camera posteriore è riempita con il umore vitreo— un liquido limpido e gelatinoso. La coroide, la superficie interna della camera posteriore, è nera per prevenire l'interferenza con l'acuità visiva dovuta ai riflessi interni della luce.

Figura 1. Rappresentazione schematica dell'occhio.

SEN060F1Le palpebre aiutano a mantenere un film di lacrime, prodotto dalle ghiandole lacrimali, che protegge la superficie anteriore dell'occhio. L'ammiccamento facilita la diffusione delle lacrime e il loro svuotamento nel canale lacrimale, che si svuota nella cavità nasale. La frequenza dell'ammiccamento, utilizzata come test di ergonomia, varia notevolmente a seconda dell'attività svolta (ad esempio, è più lenta durante la lettura) e anche delle condizioni di illuminazione (la frequenza dell'ammiccamento è ridotta da un aumento dell'illuminazione ).

La camera anteriore contiene due muscoli: il sfintere dell'iride, che contrae l'allievo, e il dilatatore, che lo allarga. Quando una luce intensa viene diretta verso un occhio normale, la pupilla si contrae (riflesso pupillare). Si contrae anche durante la visualizzazione di un oggetto vicino.

Le retina ha diversi strati interni di cellule nervose e uno strato esterno contenente due tipi di cellule fotorecettrici, il aste ed coni. Così, la luce passa attraverso le cellule nervose ai bastoncelli e ai coni dove, in un modo non ancora compreso, genera impulsi nelle cellule nervose che passano lungo il nervo ottico fino al cervello. I coni, che contano da quattro a cinque milioni, sono responsabili della percezione di immagini e colori luminosi. Sono concentrati nella porzione interna della retina, più densamente al fovea, una piccola depressione al centro della retina dove non ci sono bastoncelli e dove la visione è più acuta. Con l'aiuto della spettrofotometria, sono stati identificati tre tipi di coni, i cui picchi di assorbimento sono zone gialle, verdi e blu che rappresentano il senso del colore. Gli 80-100 milioni di bastoncelli diventano sempre più numerosi verso la periferia della retina e sono sensibili alla luce fioca (visione notturna). Svolgono anche un ruolo importante nella visione in bianco e nero e nel rilevamento del movimento.

Le fibre nervose, insieme ai vasi sanguigni che nutrono la retina, attraversano la coroide, il centro dei tre strati che formano la parete della camera posteriore, e lasciano l'occhio come nervo ottico in un punto un po' fuori centro, che, perché non ci sono fotorecettori lì, è noto come "punto cieco".

I vasi retinici, le uniche arterie e vene che possono essere visualizzate direttamente, possono essere visualizzati dirigendo una luce attraverso la pupilla e utilizzando un oftalmoscopio per mettere a fuoco la loro immagine (le immagini possono anche essere fotografate). Tali esami retinoscopici, parte della visita medica di routine, sono importanti nella valutazione delle componenti vascolari di malattie quali l'arteriosclerosi, l'ipertensione e il diabete, che possono causare emorragie retiniche e/o essudati che possono causare difetti nel campo visivo.

Proprietà dell'occhio che sono importanti per il lavoro

Meccanismo di accomodamento

Nell'occhio emmetrope (normale), quando i raggi luminosi passano attraverso la cornea, la pupilla e il cristallino, vengono focalizzati sulla retina, producendo un'immagine invertita che viene invertita dai centri visivi nel cervello.

Quando si osserva un oggetto distante, l'obiettivo si appiattisce. Quando si osservano oggetti vicini, il cristallino si adatta (cioè aumenta la sua potenza) contraendo i muscoli ciliari in una forma più ovale e convessa. Allo stesso tempo, l'iride restringe la pupilla, il che migliora la qualità dell'immagine riducendo le aberrazioni sferiche e cromatiche del sistema e aumentando la profondità di campo.

Nella visione binoculare, l'accomodazione è necessariamente accompagnata dalla convergenza proporzionale di entrambi gli occhi.

Il campo visivo e il campo di fissazione

Il campo visivo (lo spazio occupato dagli occhi a riposo) è limitato da ostacoli anatomici nel piano orizzontale (più ridotto dalla parte verso il naso) e nel piano verticale (limitato dal bordo superiore dell'orbita). Nella visione binoculare, il campo orizzontale è di circa 180 gradi e il campo verticale da 120 a 130 gradi. Nella visione diurna, la maggior parte delle funzioni visive sono indebolite alla periferia del campo visivo; al contrario, la percezione del movimento è migliorata. Nella visione notturna si ha una notevole perdita di acuità al centro del campo visivo, dove, come notato sopra, i bastoncelli sono meno numerosi.

Il campo di fissazione si estende oltre il campo visivo grazie alla mobilità degli occhi, della testa e del corpo; nelle attività lavorative è il campo di fissazione che conta. Le cause di riduzione del campo visivo, siano esse anatomiche o fisiologiche, sono numerosissime: restringimento della pupilla; opacità del cristallino; condizioni patologiche della retina, delle vie visive o dei centri visivi; la luminosità del bersaglio da percepire; le montature di occhiali per correzione o protezione; il movimento e la velocità del bersaglio da percepire; e altri.

Acuità visiva

“L'acuità visiva (VA) è la capacità di discriminare i minimi dettagli degli oggetti nel campo visivo. È specificato in termini di dimensione minima di alcuni aspetti critici di un oggetto di prova che un soggetto può identificare correttamente” (Riggs, in Graham et al. 1965). Una buona acuità visiva è la capacità di distinguere i dettagli fini. L'acuità visiva definisce il limite della discriminazione spaziale.

La dimensione retinica di un oggetto dipende non solo dalla sua dimensione fisica ma anche dalla sua distanza dall'occhio; è quindi espresso in termini di angolo visivo (solitamente in minuti d'arco). L'acuità visiva è il reciproco di questo angolo.

Riggs (1965) descrive diversi tipi di "compito di acuità". Nella pratica clinica e occupazionale, il compito di riconoscimento, in cui al soggetto è richiesto di nominare l'oggetto del test e individuarne alcuni dettagli, è quello più comunemente applicato. Per comodità, in oftalmologia, l'acuità visiva viene misurata rispetto ad un valore detto “normale” utilizzando delle tabelle che presentano una serie di oggetti di diverse dimensioni; devono essere visti a una distanza standard.

Nella pratica clinica le carte di Snellen sono i test più utilizzati per l'acuità visiva a distanza; viene utilizzata una serie di oggetti di prova in cui le dimensioni e l'ampia forma dei caratteri sono progettati per sottendere un angolo di 1 minuto a una distanza standard che varia da paese a paese (negli Stati Uniti, 20 piedi tra il grafico e l'individuo testato ; nella maggior parte dei paesi europei, 6 metri). Il normale punteggio di Snellen è quindi 20/20. Sono forniti anche oggetti di prova più grandi che formano un angolo di 1 minuto d'arco a distanze maggiori.

L'acuità visiva di un individuo è data dalla relazione VA = D¢/D, dove D¢ è la distanza standard di visione e D la distanza alla quale l'oggetto di prova più piccolo correttamente individuato dall'individuo sottende un angolo di 1 minuto d'arco. Ad esempio, il VA di una persona è 20/30 se, a una distanza di osservazione di 20 piedi, può solo identificare un oggetto che sottende un angolo di 1 minuto a 30 piedi.

Nella pratica optometrica, gli oggetti sono spesso lettere dell'alfabeto (o forme familiari, per analfabeti o bambini). Tuttavia, quando il test viene ripetuto, i grafici dovrebbero presentare caratteri non apprendibili per i quali il riconoscimento delle differenze non comporta caratteristiche educative e culturali. Questo è uno dei motivi per cui oggi è raccomandato a livello internazionale l'uso degli anelli di Landolt, almeno negli studi scientifici. Gli anelli di Landolt sono cerchi con uno spazio vuoto, la cui posizione direzionale deve essere identificata dal soggetto.

Tranne che nelle persone anziane o in quelle persone con difetti accomodativi (presbiopia), l'acuità visiva da lontano e da vicino sono parallele tra loro. La maggior parte dei lavori richiede sia una buona visione da lontano (senza alloggio) che una buona visione da vicino. Sono disponibili anche carte di Snellen di diverso tipo per la visione da vicino (figure 2 e 3). Questa particolare carta di Snellen dovrebbe essere tenuta a 16 pollici dall'occhio (40 cm); in Europa esistono tabelle simili per una distanza di lettura di 30 cm (la distanza appropriata per leggere un giornale).

Figura 2. Esempio di grafico di Snellen: anelli di Landolt (acuità in valori decimali (distanza di lettura non specificata)).

SEN060F2

Figura 3. Esempio di grafico di Snellen: lettere di Sloan per la misurazione della visione da vicino (40 cm) (acuità in valori decimali e in equivalenti a distanza).

SEN060F3

Con l'ampio uso di unità di visualizzazione visiva, VDU, tuttavia, c'è un crescente interesse nella salute sul lavoro per testare gli operatori a una distanza maggiore (da 60 a 70 cm, secondo Krueger (1992), al fine di correggere correttamente gli operatori VDU.

Vision tester e screening visivo

Per la pratica professionale sono disponibili sul mercato diversi tipi di tester visivi che hanno caratteristiche simili; si chiamano Orthorater, Visiotest, Ergovision, Titmus Optimal C Tester, C45 Glare Tester, Mesoptometer, Nyctometer e così via.

Sono piccoli; sono indipendenti dall'illuminazione della sala prove, avendo una propria illuminazione interna; forniscono diversi test, come l'acuità visiva binoculare e monoculare da lontano e da vicino (il più delle volte con caratteri non apprendibili), ma anche la percezione della profondità, la discriminazione approssimativa dei colori, l'equilibrio muscolare e così via. L'acuità visiva da vicino può essere misurata, a volte per una distanza breve e intermedia dell'oggetto di prova. Il più recente di questi dispositivi fa ampio uso dell'elettronica per fornire punteggi scritti automaticamente per diversi test. Inoltre, questi strumenti possono essere maneggiati da personale non medico dopo un certo addestramento.

I tester della vista sono progettati per lo screening prima dell'assunzione dei lavoratori, o talvolta per i test successivi, tenendo conto dei requisiti visivi del loro posto di lavoro. La tabella 1 indica il livello di acuità visiva necessario per svolgere attività da non qualificate a altamente qualificate, quando si utilizza un particolare dispositivo di test (Fox, in Verriest e Hermans 1976).

 


Tabella 1. Requisiti visivi per diverse attività quando si utilizza Titmus Optimal C Tester, con correzione

 

Categoria 1: lavoro d'ufficio

Acuità visiva da lontano 20/30 in ciascun occhio (20/25 per la visione binoculare)

Vicino VA 20/25 in ciascun occhio (20/20 per visione binoculare)

Categoria 2: Ispezione e altre attività nella meccanica fine

Far VA 20/35 in ciascun occhio (20/30 per la visione binoculare)

Vicino VA 20/25 in ciascun occhio (20/20 per visione binoculare)

Categoria 3: Operatori di macchine mobili

Far VA 20/25 in ciascun occhio (20/20 per la visione binoculare)

Vicino VA 20/35 in ciascun occhio (20/30 per visione binoculare)

Categoria 4: Operazioni di macchine utensili

Lontano e vicino VA 20/30 in ciascun occhio (20/25 per la visione binoculare)

Categoria 5: lavoratori non qualificati

Far VA 20/30 in ciascun occhio (20/25 per la visione binoculare)

Vicino VA 20/35 in ciascun occhio (20/30 per visione binoculare)

Categoria 6: Caposquadra

Far VA 20/30 in ciascun occhio (20/25 per la visione binoculare)

Vicino VA 20/25 in ciascun occhio (20/20 per visione binoculare)

Fonte: Secondo Fox in Verriest e Hermans 1975.

 


 

È raccomandato dai produttori che i dipendenti vengano misurati quando indossano gli occhiali correttivi. Fox (1965), tuttavia, sottolinea che una tale procedura può portare a risultati errati: ad esempio, i lavoratori vengono testati con occhiali troppo vecchi rispetto al momento della misurazione attuale; o le lenti possono essere usurate dall'esposizione alla polvere o ad altri agenti nocivi. Molto spesso capita anche che le persone arrivino in sala prove con gli occhiali sbagliati. Fox (1976) suggerisce quindi che, se "la visione corretta non è migliorata al livello 20/20 per lontano e vicino, si dovrebbe fare riferimento a un oftalmologo per una corretta valutazione e rifrazione per l'attuale necessità del dipendente sul suo lavoro" . Altre carenze dei tester della vista sono indicate più avanti in questo articolo.

Fattori che influenzano l'acuità visiva

VA incontra il suo primo limite nella struttura del retina. Nella visione diurna, può superare i 10/10 alla fovea e può diminuire rapidamente quando ci si allontana di pochi gradi dal centro della retina. Nella visione notturna, l'acuità è molto scarsa o nulla al centro ma può raggiungere un decimo alla periferia, a causa della distribuzione di coni e bastoncelli (figura 4).

Figura 4. Densità di coni e bastoncelli nella retina rispetto all'acuità visiva relativa nel campo visivo corrispondente.

SEN060F4

Il diametro della pupilla agisce sulla performance visiva in modo complesso. Quando è dilatata, la pupilla permette a più luce di entrare nell'occhio e stimolare la retina; la sfocatura dovuta alla diffrazione della luce è ridotta al minimo. Una pupilla più stretta, invece, riduce gli effetti negativi delle aberrazioni del cristallino sopra citate. In generale, un diametro della pupilla da 3 a 6 mm favorisce una visione nitida.

Grazie al processo di adattamento è possibile per l'essere umano vedere sia al chiaro di luna che in pieno sole, anche se c'è una differenza di illuminazione da 1 a 10,000,000. La sensibilità visiva è così ampia che l'intensità luminosa viene tracciata su una scala logaritmica.

Entrando in una stanza buia siamo dapprima completamente ciechi; allora gli oggetti intorno a noi diventano percepibili. All'aumentare del livello di luce, si passa dalla visione dominata dai bastoncelli alla visione dominata dai coni. Il cambiamento di sensibilità che l'accompagna è noto come Purkinje spostare. La retina adattata al buio è principalmente sensibile alla bassa luminosità, ma è caratterizzata dall'assenza di visione dei colori e da una scarsa risoluzione spaziale (bassa VA); la retina adattata alla luce è poco sensibile alla bassa luminosità (gli oggetti devono essere ben illuminati per essere percepiti), ma è caratterizzata da un alto grado di risoluzione spaziale e temporale e dalla visione dei colori. Dopo la desensibilizzazione indotta dall'intensa stimolazione luminosa, l'occhio recupera la sua sensibilità secondo una progressione tipica: dapprima un rapido cambiamento che coinvolge i coni e l'adattamento diurno o fotopico, seguito da una fase più lenta che coinvolge i bastoncelli e l'adattamento notturno o scotopico; la zona intermedia comporta luce fioca o adattamento mesopico.

Nell'ambiente di lavoro, l'adattamento notturno è poco rilevante tranne che per le attività in una stanza buia e per la guida notturna (sebbene il riflesso sulla strada dei fari porti sempre un po' di luce). Il semplice adattamento alla luce diurna è il più comune nelle attività industriali o d'ufficio, fornito dall'illuminazione naturale o artificiale. Tuttavia, al giorno d'oggi con l'enfasi sul lavoro al videoterminale, a molti lavoratori piace operare in condizioni di scarsa illuminazione.

Nella pratica professionale, il comportamento di gruppi di persone è particolarmente importante (rispetto alla valutazione individuale) quando si seleziona la progettazione più appropriata dei posti di lavoro. I risultati di uno studio condotto su 780 impiegati a Ginevra (Meyer et al. 1990) mostrano lo spostamento nella distribuzione percentuale dei livelli di acuità al variare delle condizioni di illuminazione. Si può notare che, una volta adattati alla luce diurna, la maggior parte dei lavoratori testati (con correzione oculare) raggiunge un'acuità visiva piuttosto elevata; non appena il livello di illuminazione circostante si riduce, il VA medio diminuisce, ma anche i risultati sono più diffusi, con alcune persone che hanno prestazioni molto scarse; questa tendenza è aggravata quando la luce fioca è accompagnata da qualche fonte di abbagliamento disturbante (figura 5). In altre parole, è molto difficile prevedere il comportamento di un soggetto in penombra dal suo punteggio in condizioni ottimali di luce diurna.

Figura 5. Distribuzione percentuale dell'acuità visiva degli impiegati testati.

SEN060F5

Bagliore. Quando gli occhi sono diretti da una zona buia a una zona illuminata e viceversa, o quando il soggetto guarda per un momento una lampada o una finestra (illuminazione variabile da 1,000 a 12,000 cd/m2), i cambiamenti di adattamento riguardano un'area limitata del campo visivo (adattamento locale). Il tempo di recupero dopo la disattivazione dell'abbagliamento può durare diversi secondi, a seconda del livello di illuminazione e del contrasto (Meyer et al. 1986) (figura 6).

Figura 6. Tempo di risposta prima e dopo l'esposizione all'abbagliamento per percepire il gap di un anello di Landolt: adattamento alla luce fioca.

SEN060F6

Immagini residue. Il disadattamento locale è solitamente accompagnato dall'immagine continua di un punto luminoso, colorato o meno, che produce un effetto di velo o mascheramento (questa è l'immagine consecutiva). Le immagini residue sono state studiate in modo molto approfondito per comprendere meglio alcuni fenomeni visivi (Brown in Graham et al. 1965). Dopo che la stimolazione visiva è cessata, l'effetto permane per qualche tempo; questa persistenza spiega, ad esempio, perché la percezione della luce continua può essere presente di fronte a una luce tremolante (vedi sotto). Se la frequenza dello sfarfallio è abbastanza alta, o guardando le auto di notte, vediamo una linea di luce. Queste immagini residue vengono prodotte al buio durante la visualizzazione di un punto illuminato; sono anche prodotti da aree colorate, lasciando immagini colorate. È il motivo per cui gli operatori videoterminali possono essere esposti a nitide immagini residue dopo aver guardato lo schermo per un tempo prolungato e poi aver spostato gli occhi verso un'altra area della stanza.

Le immagini residue sono molto complicate. Ad esempio, un esperimento sulle immagini residue ha scoperto che un punto blu appare bianco durante i primi secondi di osservazione, poi rosa dopo 30 secondi e poi rosso vivo dopo un minuto o due. Un altro esperimento ha mostrato che un campo rosso-arancio appariva momentaneamente rosa, poi entro 10-15 secondi passava attraverso l'arancione e il giallo fino a un aspetto verde brillante che rimaneva per tutta l'osservazione. Quando il punto di fissazione si sposta, di solito si sposta anche l'immagine residua (Brown in Graham et al. 1965). Tali effetti potrebbero essere molto fastidiosi per chi lavora con un videoterminale.

La luce diffusa emessa da fonti di abbagliamento ha anche l'effetto di ridurre il contrasto oggetto/sfondo (effetto velante) e quindi riducendo l'acuità visiva (abbagliamento da disabilità). Gli ergoftalmologi descrivono anche fastidiosi abbagliamenti, che non riducono l'acuità visiva ma provocano sensazioni spiacevoli o addirittura dolorose (IESNA 1993).

Il livello di illuminazione sul posto di lavoro deve essere adattato al livello richiesto dall'attività. Se tutto ciò che serve è percepire forme in un ambiente di luminosità stabile, può essere adeguata una debole illuminazione; ma non appena si tratta di vedere dettagli fini che richiedono una maggiore acutezza, o se il lavoro comporta la discriminazione del colore, l'illuminazione della retina deve essere notevolmente aumentata.

La tabella 2 fornisce i valori di illuminamento consigliati per la progettazione illuminotecnica di alcune postazioni di lavoro in diversi settori (IESNA 1993).

Tabella 2. Valori di illuminamento consigliati per la progettazione illuminotecnica di alcune postazioni di lavoro

Industria della pulitura e della pressatura
Pulizia a secco e ad umido e vaporizzazione 500-1,000 lux o 50-100 footcandle
Ispezione e avvistamento 2,000-5,000 lux o 200-500 footcandle
Riparazione e alterazione 1,000-2,000 lux o 100-200 footcandle
Prodotti lattiero-caseari, industria del latte fluido
Conservazione della bottiglia 200-500 lux o 20-50 footcandle
Lavabottiglie 200-500 lux o 20-50 footcandle
Riempimento, ispezione 500-1,000 lux o 50-100 footcandle
Laboratori 500-1,000 lux o 50-100 footcandle
Materiale elettrico, produzione
Impregnante 200-500 lux o 20-50 footcandle
Avvolgimento bobina isolante 500-1,000 lux o 50-100 footcandle
Stazioni di produzione di energia elettrica
Impianti di climatizzazione, preriscaldatore d'aria 50-100 lux o 50-10 footcandle
Ausiliari, pompe, serbatoi, compressori 100-200 lux o 10-20 footcandle
Industria dell'abbigliamento
Esaminare (appollaiarsi) 10,000-20,000 lux o 1,000-2,000 footcandle
Cutting 2,000-5,000 lux o 200-500 footcandle
Urgente 1,000-2,000 lux o 100-200 footcandle
Cucito 2,000-5,000 lux o 200-500 footcandle
Accatastamento e marcatura 500-1,000 lux o 50-100 footcandle
Spugnatura, decantazione, avvolgimento 200-500 lux o 20-50 footcandle
Banche
Generale 100-200 lux o 10-20 footcandle
Zona di scrittura 200-500 lux o 20-50 footcandle
Stazioni di cassieri 500-1,000 lux o 50-100 footcandle
Aziende lattiero-casearie
Zona fieno 20-50 lux o 2-5 footcandle
Zona di lavaggio 500-1,000 lux o 50-100 footcandle
Zona di alimentazione 100-200 lux o 10-20 footcandle
fonderie
Produzione di anime: bene 1,000-2,000 lux o 100-200 footcandle
Nucleo: medio 500-1,000 lux o 50-100 footcandle
Formatura: media 1,000-2,000 lux o 100-200 footcandle
Modanatura: grande 500-1,000 lux o 50-100 footcandle
Ispezione: bene 1,000-2,000 lux o 100-200 footcandle
Ispezione: media 500-1,000 lux o 50-100 footcandle

Fonte: IESNA 1993.

 

Contrasto di luminosità e distribuzione spaziale delle luminanze sul posto di lavoro. Dal punto di vista dell'ergonomia, il rapporto tra le luminanze dell'oggetto di prova, il suo sfondo immediato e l'area circostante è stato ampiamente studiato e sono disponibili raccomandazioni su questo argomento per diverse esigenze del compito (vedi Verriest e Hermans 1975; Grandjean 1987).

Il contrasto oggetto-sfondo è attualmente definito dalla formula (Lf - Lo)/Lf, Dove Lo è la luminanza dell'oggetto e Lf la luminanza dello sfondo. Varia quindi da 0 a 1.

Come mostrato dalla figura 7, l'acuità visiva aumenta con il livello di illuminazione (come detto in precedenza) e con l'aumento del contrasto oggetto-sfondo (Adrian 1993). Questo effetto è particolarmente marcato nei giovani. Un grande sfondo chiaro e un oggetto scuro forniscono quindi la migliore efficienza. Tuttavia, nella vita reale, il contrasto non raggiungerà mai l'unità. Ad esempio, quando una lettera nera viene stampata su un foglio di carta bianco, il contrasto oggetto-sfondo raggiunge solo un valore di circa il 90%.

Figura 7. Relazione tra l'acuità visiva di un oggetto scuro percepito su uno sfondo che riceve un'illuminazione crescente per quattro valori di contrasto.

SEN060F7

Nella situazione più favorevole, cioè nella presentazione positiva (lettere scure su sfondo chiaro), l'acuità e il contrasto sono collegati, in modo che la visibilità possa essere migliorata influenzando l'uno o l'altro fattore, ad esempio aumentando la dimensione delle lettere o la loro oscurità, come nella tavola di Fortuin (in Verriest e Hermans 1975). Quando sono comparsi sul mercato i display video, lettere o simboli venivano presentati sullo schermo come punti luminosi su uno sfondo scuro. Successivamente sono stati sviluppati nuovi schermi che mostravano lettere scure su sfondo chiaro. Sono stati condotti molti studi per verificare se questa presentazione migliorasse la vista. I risultati della maggior parte degli esperimenti sottolineano senza alcun dubbio che l'acuità visiva aumenta quando si leggono lettere scure su sfondo chiaro; ovviamente uno schermo scuro favorisce i riflessi delle fonti di abbagliamento.

Il campo visivo funzionale è definito dal rapporto tra la luminosità delle superfici effettivamente percepite dall'occhio al posto di lavoro e quelle delle aree circostanti. Bisogna fare attenzione a non creare differenze eccessive di luminosità nel campo visivo; a seconda delle dimensioni delle superfici interessate si verificano cambiamenti di adattamento generale o locale che provocano disagi nell'esecuzione del compito. Inoltre, si riconosce che per ottenere buone prestazioni, i contrasti nel campo devono essere tali che l'area di lavoro sia più illuminata rispetto alle immediate vicinanze e che le aree lontane siano più scure.

Tempo di presentazione dell'oggetto. La capacità di rilevare un oggetto dipende direttamente dalla quantità di luce che entra nell'occhio, e questa è legata all'intensità luminosa dell'oggetto, alle sue qualità superficiali e al tempo durante il quale appare (questo è noto nei test di presentazione tachistocopica). Una riduzione dell'acuità si verifica quando la durata della presentazione è inferiore a 100-500 ms.

Movimenti dell'occhio o del bersaglio. La perdita di prestazioni si verifica in particolare quando l'occhio sobbalza; tuttavia, non è richiesta la totale stabilità dell'immagine per ottenere la massima risoluzione. Ma è stato dimostrato che vibrazioni come quelle delle macchine da cantiere o dei trattori possono influire negativamente sull'acuità visiva.

Diplomazia. L'acuità visiva è maggiore nella visione binoculare rispetto a quella monoculare. La visione binoculare richiede assi ottici che si incontrano entrambi sull'oggetto che si sta guardando, in modo che l'immagine cada nelle aree corrispondenti della retina in ciascun occhio. Ciò è reso possibile dall'attività dei muscoli esterni. Se la coordinazione dei muscoli esterni viene a mancare, possono comparire immagini più o meno transitorie, come in caso di eccessivo affaticamento visivo, e possono provocare sensazioni fastidiose (Grandjean 1987).

Insomma, il potere discriminante dell'occhio dipende dal tipo di oggetto da percepire e dall'ambiente luminoso in cui viene misurato; nello studio medico le condizioni sono ottimali: elevato contrasto oggetto-sfondo, adattamento diretto alla luce diurna, caratteri con spigoli vivi, presentazione dell'oggetto senza limiti di tempo e certa ridondanza dei segnali (ad es. più lettere della stessa dimensione su un grafico di Snellen). Inoltre, l'acuità visiva determinata per scopi diagnostici è un'operazione massima e unica in assenza di fatica accomodativa. L'acuità clinica è quindi uno scarso riferimento per le prestazioni visive ottenute sul posto di lavoro. Inoltre, una buona acutezza clinica non significa necessariamente assenza di disagio sul lavoro, dove raramente si raggiungono condizioni di comfort visivo individuale. Nella maggior parte dei luoghi di lavoro, come sottolineato da Krueger (1992), gli oggetti da percepire sono sfocati ea basso contrasto, le luminanze di fondo sono disseminate in modo disuguale con molte fonti di abbagliamento che producono effetti di velatura e di adattamento locale e così via. Secondo i nostri calcoli, i risultati clinici non hanno molto valore predittivo della quantità e della natura dell'affaticamento visivo riscontrato, ad esempio, nel lavoro al videoterminale. Un'impostazione di laboratorio più realistica, in cui le condizioni di misurazione erano più vicine ai requisiti del compito, ha avuto risultati leggermente migliori (Rey e Bousquet 1990; Meyer et al. 1990).

Krueger (1992) ha ragione quando afferma che l'esame oftalmologico non è realmente appropriato per la salute e l'ergonomia sul lavoro, che dovrebbero essere sviluppate o estese nuove procedure di test e che le strutture di laboratorio esistenti dovrebbero essere messe a disposizione del medico del lavoro.

Visione in rilievo, visione stereoscopica

Visione binoculare permette di ottenere un'unica immagine attraverso la sintesi delle immagini ricevute dai due occhi. Le analogie tra queste immagini danno luogo alla cooperazione attiva che costituisce il meccanismo essenziale del senso della profondità e del rilievo. La visione binoculare ha l'ulteriore proprietà di allargare il campo, migliorare le prestazioni visive in generale, alleviare la fatica e aumentare la resistenza all'abbagliamento e all'abbagliamento.

Quando la fusione di entrambi gli occhi non è sufficiente, l'affaticamento oculare può comparire prima.

Senza raggiungere l'efficienza della visione binoculare nell'apprezzare il rilievo di oggetti relativamente vicini, la sensazione di rilievo e la percezione della profondità sono tuttavia possibili con visione monoculare mediante fenomeni che non richiedono disparità binoculare. Sappiamo che la dimensione degli oggetti non cambia; ecco perché la dimensione apparente gioca un ruolo nel nostro apprezzamento della distanza; quindi immagini retiniche di piccole dimensioni daranno l'impressione di oggetti distanti, e viceversa (dimensione apparente). Gli oggetti vicini tendono a nascondere oggetti più distanti (questo si chiama interposizione). Quello più luminoso dei due oggetti, o quello con un colore più saturo, sembra essere più vicino. Anche l'ambiente circostante gioca un ruolo: gli oggetti più distanti si perdono nella nebbia. Due rette parallele sembrano incontrarsi all'infinito (questo è l'effetto prospettico). Infine, se due bersagli si muovono alla stessa velocità, quello la cui velocità di spostamento retinico è minore apparirà più lontano dall'occhio.

La visione monoculare, infatti, non costituisce un grosso ostacolo nella maggior parte delle situazioni lavorative. Il soggetto deve abituarsi al restringimento del campo visivo e anche alla possibilità piuttosto eccezionale che l'immagine dell'oggetto cada nel punto cieco. (Nella visione binoculare la stessa immagine non cade mai contemporaneamente sul punto cieco di entrambi gli occhi.) Va inoltre notato che una buona visione binoculare non è necessariamente accompagnata da una visione in rilievo (stereoscopica), poiché questa dipende anche dal sistema nervoso complesso processi.

Per tutti questi motivi, le norme sulla necessità della visione stereoscopica sul lavoro dovrebbero essere abbandonate e sostituite da un esame approfondito delle persone da parte di un oculista. Tali regolamenti o raccomandazioni esistono tuttavia e la visione stereoscopica dovrebbe essere necessaria per compiti come la guida di gru, lavori di gioielleria e lavori di ritaglio. Tuttavia, dobbiamo tenere presente che le nuove tecnologie possono modificare profondamente il contenuto del compito; ad esempio, le moderne macchine utensili computerizzate sono probabilmente meno impegnative nella visione stereoscopica di quanto si credesse in precedenza.

Fino a guida è interessato, le normative non sono necessariamente simili da paese a paese. Nella tabella 3 (retro), sono menzionati i requisiti francesi per la guida di veicoli leggeri o pesanti. Le linee guida dell'American Medical Association sono il riferimento appropriato per i lettori americani. Fox (1973) menziona che, per il Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti nel 1972, i conducenti di autoveicoli commerciali dovrebbero avere un VA distante di almeno 20/40, con o senza occhiali correttivi; è necessario un campo visivo di almeno 70 gradi in ciascun occhio. A quel tempo era richiesta anche la capacità di riconoscere i colori dei semafori, ma oggi nella maggior parte dei paesi i semafori possono essere distinti non solo per colore ma anche per forma.

Tabella 3. Requisiti visivi per una patente di guida in Francia

Acuità visiva (con occhiali)
Per veicoli leggeri Almeno 6/10 per entrambi gli occhi con almeno 2/10 nell'occhio peggiore
Per mezzi pesanti VA con entrambi gli occhi di 10/10 con almeno 6/10 nell'occhio peggiore
Campo visivo
Per veicoli leggeri Nessuna licenza se riduzione periferica nei candidati con un occhio o con il secondo occhio con acuità visiva inferiore a 2/10
Per mezzi pesanti Completa integrità di entrambi i campi visivi (nessuna riduzione periferica, nessun scotoma)
Nistagmo (movimenti oculari spontanei)
Per veicoli leggeri Nessuna licenza se l'acuità visiva binoculare è inferiore a 8/10
Veicoli pesanti Non sono accettabili difetti di visione notturna

 

Movimenti oculari

Vengono descritti diversi tipi di movimenti oculari il cui obiettivo è quello di permettere all'occhio di sfruttare tutte le informazioni contenute nelle immagini. Il sistema di fissazione ci permette di mantenere l'oggetto in posizione a livello dei recettori foveolari dove può essere esaminato nella regione retinica con il massimo potere di risoluzione. Tuttavia, gli occhi sono costantemente soggetti a micromovimenti (tremore). Saccadi (particolarmente studiati durante la lettura) sono movimenti rapidi intenzionalmente indotti che hanno lo scopo di spostare lo sguardo da un particolare all'altro dell'oggetto immobile; il cervello percepisce questo movimento imprevisto come il movimento di un'immagine attraverso la retina. Questa illusione di movimento si incontra in condizioni patologiche del sistema nervoso centrale o dell'organo vestibolare. I movimenti di ricerca sono parzialmente volontari quando implicano il tracciamento di oggetti relativamente piccoli, ma diventano piuttosto irrefrenabili quando si tratta di oggetti molto grandi. Diversi meccanismi per sopprimere le immagini (inclusi gli scatti) consentono alla retina di prepararsi a ricevere nuove informazioni.

Illusioni di movimenti (movimenti autocinetici) di un punto luminoso o di un oggetto immobile, come il movimento di un ponte su un corso d'acqua, si spiegano con persistenza retinica e condizioni di visione non integrate nel nostro sistema centrale di riferimento. L'effetto consecutivo può essere solo un semplice errore di interpretazione di un messaggio luminoso (a volte dannoso nell'ambiente di lavoro) o determinare gravi disturbi neurovegetativi. Le illusioni causate dalle figure statiche sono ben note. I movimenti nella lettura sono discussi altrove in questo capitolo.

Flicker Fusion e curva di de Lange

Quando l'occhio è esposto a una successione di stimoli brevi, sperimenta dapprima uno sfarfallio e poi, con un aumento di frequenza, ha l'impressione di una luminosità stabile: questa è la frequenza di fusione critica. Se la luce stimolante fluttua in modo sinusoidale, il soggetto può sperimentare la fusione per tutte le frequenze al di sotto della frequenza critica in quanto il livello di modulazione di questa luce è ridotto. Tutte queste soglie possono quindi essere unite da una curva che è stata descritta per la prima volta da de Lange e che può essere modificata quando si cambia la natura della stimolazione: la curva sarà abbassata quando la luminanza dell'area tremolante viene ridotta o se il contrasto tra le il punto tremolante nelle sue diminuzioni circostanti; cambiamenti simili della curva possono essere osservati in patologie retiniche o in post-effetti di traumi cranici (Meyer et al. 1971) (Figura 8).

Figura 8. Curve di Flicker-fusion che collegano la frequenza della stimolazione luminosa intermittente e la sua ampiezza di modulazione alla soglia (curve di de Lange), media e deviazione standard, in 43 pazienti affetti da trauma cranico e 57 controlli (linea tratteggiata).

SEN060F8

Pertanto bisogna essere cauti quando si pretende di interpretare una caduta nella fusione critica dello sfarfallio in termini di affaticamento visivo indotto dal lavoro.

La pratica professionale dovrebbe fare un uso migliore della luce tremolante per rilevare piccoli danni o disfunzioni retiniche (p. es., si può osservare un miglioramento della curva quando si ha a che fare con una leggera intossicazione, seguito da un calo quando l'intossicazione diventa maggiore); questa procedura di test, che non altera l'adattamento retinico e che non richiede correzione oculare, è anche molto utile per il follow-up del recupero funzionale durante e dopo un trattamento (Meyer et al. 1983) (figura 9).

Figura 9. Curva di De Lange in un giovane che assorbe etambutolo; l'effetto del trattamento può essere dedotto confrontando la sensibilità al flicker del soggetto prima e dopo il trattamento.

SEN060F9

Visione a colori

La sensazione del colore è connessa con l'attività dei coni e quindi esiste solo nel caso di adattamento diurno (raggio fotopico della luce) o mesopico (raggio medio della luce). Affinché il sistema di analisi del colore funzioni in modo soddisfacente, l'illuminamento degli oggetti percepiti deve essere di almeno 10 cd/m2. In generale, tre fonti di colore, i cosiddetti colori primari - rosso, verde e blu - sono sufficienti per riprodurre un intero spettro di sensazioni cromatiche. Inoltre si osserva un fenomeno di induzione di contrasto cromatico tra due colori che si rafforzano reciprocamente: la coppia verde-rosso e la coppia giallo-blu.

Le due teorie della sensazione del colore, il tricromatico e la dicromatico, non sono esclusivi; il primo sembra applicarsi a livello dei coni e il secondo a livelli più centrali del sistema visivo.

Per comprendere la percezione degli oggetti colorati su uno sfondo luminoso, è necessario utilizzare altri concetti. Lo stesso colore può infatti essere prodotto da diversi tipi di radiazione. Per riprodurre fedelmente un determinato colore è quindi necessario conoscere la composizione spettrale delle sorgenti luminose e lo spettro della riflettanza dei pigmenti. L'indice di riproduzione del colore utilizzato dagli specialisti dell'illuminazione consente la selezione di tubi fluorescenti adeguati alle esigenze. I nostri occhi hanno sviluppato la facoltà di rilevare lievissime variazioni di tonalità di una superficie ottenute cambiandone la distribuzione spettrale; i colori spettrali (l'occhio ne può distinguere più di 200) ricreati da miscele di luce monocromatica rappresentano solo una piccola parte della possibile sensazione cromatica.

L'importanza delle anomalie della visione dei colori nell'ambiente di lavoro non dovrebbe quindi essere esagerata se non in attività come l'ispezione dell'aspetto dei prodotti e, ad esempio, per decoratori e simili, dove i colori devono essere correttamente identificati. Inoltre, anche nel lavoro degli elettricisti, dimensioni e forma o altri indicatori possono sostituire il colore.

Le anomalie della visione dei colori possono essere congenite o acquisite (degenerazioni). Nei tricromati anomali, il cambiamento può influenzare la sensazione rossa di base (tipo Dalton), o il verde o il blu (l'anomalia più rara). Nei dicromati, il sistema dei tre colori base è ridotto a due. Nella deuteranopia manca il verde di base. Nella protanopia è la scomparsa del rosso di base; sebbene meno frequente, questa anomalia, in quanto accompagnata da una perdita di luminosità nella gamma dei rossi, merita attenzione nell'ambiente di lavoro, in particolare evitando l'impiego di cartelli rossi soprattutto se poco illuminati. Va inoltre notato che questi difetti della visione dei colori si possono riscontrare in vario grado nel soggetto cosiddetto normale; da qui la necessità di cautela nell'usare troppi colori. Va inoltre tenuto presente che solo i difetti di colore ampi sono rilevabili con i tester della vista.

Errori di rifrazione

Il punto vicino (Weymouth 1966) è la distanza più breve alla quale un oggetto può essere messo a fuoco nitidamente; il più lontano è il punto lontano. Per l'occhio normale (emmetrope), il punto lontano è situato all'infinito. Per il miope occhio, il punto lontano è situato davanti alla retina, a una distanza finita; questo eccesso di forza viene corretto mediante lenti concave. Per il ipermetrope occhio (ipermetrope), il punto lontano è situato dietro la retina; questa mancanza di forza viene corretta mediante lenti convesse (figura 10). In caso di lieve ipermetropia, il difetto viene spontaneamente compensato con l'accomodazione e può essere ignorato dall'individuo. Nei miopi che non portano gli occhiali la perdita dell'accomodazione può essere compensata dal fatto che il punto lontano è più vicino.

Figura 10. Rappresentazione schematica degli errori di rifrazione e loro correzione.

SEN60F10

Nell'occhio ideale, la superficie della cornea dovrebbe essere perfettamente sferica; tuttavia, i nostri occhi mostrano differenze di curvatura in diversi assi (questo è chiamato astigmatismo); la rifrazione è più forte quando la curvatura è più accentuata, e il risultato è che i raggi che emergono da un punto luminoso non formano un'immagine precisa sulla retina. Questi difetti, quando pronunciati, vengono corretti mediante lenti cilindriche (vedi diagramma in basso nella figura 10, retro); nell'astigmatismo irregolare si consigliano le lenti a contatto. L'astigmatismo diventa particolarmente fastidioso durante la guida notturna o quando si lavora allo schermo, cioè in condizioni in cui i segnali luminosi risaltano su uno sfondo scuro o quando si utilizza un microscopio binoculare.

Le lenti a contatto non dovrebbero essere utilizzate nei posti di lavoro dove l'aria è troppo secca o in presenza di polveri e così via (Verriest e Hermans 1975).

In presbiopia, che è dovuto alla perdita di elasticità del cristallino con l'età, è l'ampiezza dell'accomodazione che si riduce, cioè la distanza tra i punti lontani e vicini; quest'ultimo (da circa 10 cm all'età di 10 anni) si allontana man mano che si invecchia; la correzione viene effettuata mediante lenti convergenti unifocali o multifocali; i secondi correggono per distanze sempre più ravvicinate dell'oggetto (in genere fino a 30 cm) tenendo conto che gli oggetti più vicini sono generalmente percepiti nella parte inferiore del campo visivo, mentre la parte superiore degli occhiali è riservata alla visione da lontano. Per il lavoro ai videoterminali vengono ora proposte nuove lenti diverse dalla tipologia abituale. Le lenti, dette progressive, quasi sfumano i limiti tra le zone di correzione. Le lenti progressive richiedono che l'utente sia più abituato ad esse rispetto agli altri tipi di lenti, perché il loro campo visivo è ristretto (vedi Krueger 1992).

Quando il compito visivo richiede una visione alternativa da lontano e da vicino, si consigliano lenti bifocali, trifocali o anche progressive. Tuttavia, va tenuto presente che l'uso di lenti multifocali può creare importanti modifiche alla postura di un operatore. Ad esempio, gli operatori videoterminali con presbiopia corretta mediante lenti bifocali tendono ad allungare il collo e possono accusare dolore alla cervicale e alla spalla. I produttori di occhiali proporranno poi lenti progressive di diverso tipo. Altro spunto è il miglioramento ergonomico delle postazioni videoterminali, per evitare di posizionare lo schermo troppo in alto.

La dimostrazione degli errori di rifrazione (che sono molto comuni nella popolazione attiva) non è indipendente dal tipo di misurazione. Le carte di Snellen fissate su un muro non daranno necessariamente gli stessi risultati di vari tipi di apparecchi in cui l'immagine dell'oggetto è proiettata su uno sfondo vicino. Infatti, in un tester della vista (vedi sopra), è difficile per il soggetto rilassare l'accomodazione, soprattutto perché l'asse della visione è più basso; questo è noto come "miopia strumentale".

Effetti dell'età

Con l'età, come già spiegato, il cristallino perde la sua elasticità, con la conseguenza che il punto vicino si allontana e il potere di accomodamento si riduce. Sebbene la perdita di alloggio con l'età possa essere compensata con gli occhiali, la presbiopia è un vero problema di salute pubblica. Kauffman (in Adler 1992) ne stima il costo, in termini di mezzi di correzione e perdita di produttività, dell'ordine di decine di miliardi di dollari all'anno per i soli Stati Uniti. Nei paesi in via di sviluppo abbiamo visto lavoratori costretti a rinunciare al lavoro (in particolare alla confezione di sari di seta) perché impossibilitati ad acquistare gli occhiali. Inoltre, quando è necessario utilizzare occhiali protettivi, è molto costoso offrire sia la correzione che la protezione. Va ricordato che l'ampiezza dell'accomodazione diminuisce anche nel secondo decennio di vita (e forse anche prima) e che scompare completamente all'età di 50-55 anni (Meyer et al. 1990) (figura 11).

Figura 11. Punto vicino misurato con la regola di Clement e Clark, distribuzione percentuale di 367 impiegati di età compresa tra 18 e 35 anni (sotto) e 414 impiegati di età compresa tra 36 e 65 anni (sopra).

SEN60F11

Influiscono anche altri fenomeni dovuti all'età: l'affondamento dell'occhio nell'orbita, che si verifica in età molto avanzata e varia più o meno a seconda degli individui, riduce le dimensioni del campo visivo (a causa della palpebra). La dilatazione della pupilla è massima nell'adolescenza e poi declina; nelle persone anziane, la pupilla si dilata meno e la reazione della pupilla alla luce rallenta. La perdita di trasparenza dei media dell'occhio riduce l'acuità visiva (alcuni media hanno la tendenza a diventare gialli, il che modifica la visione dei colori) (vedi Verriest e Hermans 1976). L'allargamento del punto cieco comporta la riduzione del campo visivo funzionale.

Con l'età e la malattia si osservano cambiamenti nei vasi retinici, con conseguente perdita funzionale. Anche i movimenti dell'occhio sono modificati; c'è un rallentamento e una riduzione di ampiezza dei movimenti esplorativi.

I lavoratori più anziani sono in doppio svantaggio in condizioni di debole contrasto e debole luminosità dell'ambiente; in primo luogo, hanno bisogno di più luce per vedere un oggetto, ma allo stesso tempo beneficiano meno di una maggiore luminosità perché sono abbagliati più rapidamente dalle fonti di abbagliamento. Questo handicap è dovuto a cambiamenti nel mezzo trasparente che lasciano passare meno luce e ne aumentano la diffusione (l'effetto velo sopra descritto). Il loro disagio visivo è aggravato da cambiamenti troppo repentini tra aree fortemente e debolmente illuminate (reazione pupillare rallentata, adattamento locale più difficile). Tutti questi difetti hanno un impatto particolare nel lavoro al videoterminale, ed è molto difficile, infatti, fornire una buona illuminazione dei posti di lavoro sia per gli operatori giovani che per quelli più anziani; si può osservare, ad esempio, che gli operatori più anziani ridurranno con tutti i mezzi possibili la luminosità della luce circostante, anche se la luce fioca tende a diminuire la loro acuità visiva.

 

 

Rischi per gli occhi sul lavoro

Tali rischi possono essere espressi in diversi modi (Rey e Meyer 1981; Rey 1991): dalla natura dell'agente causale (agente fisico, agenti chimici, ecc.), dalla via di penetrazione (cornea, sclera, ecc.), dalla natura delle lesioni (ustioni, contusioni, ecc.), dalla gravità della condizione (limitata agli strati esterni, interessando la retina, ecc.) e dalle circostanze dell'incidente (come per qualsiasi lesione fisica); questi elementi descrittivi sono utili per elaborare misure preventive. Vengono menzionate solo le lesioni oculari e le circostanze più frequenti nelle statistiche assicurative. Sottolineiamo che il risarcimento dei lavoratori può essere richiesto per la maggior parte delle lesioni agli occhi.

Condizioni oculari causate da corpi estranei

Queste condizioni si riscontrano particolarmente tra tornitori, lucidatori, fonditori, calderai, muratori e cavatori. I corpi estranei possono essere sostanze inerti come sabbia, metalli irritanti come ferro o piombo, oppure materiali organici animali o vegetali (polveri). Ecco perché, oltre alle lesioni oculari, possono verificarsi complicazioni come infezioni e intossicazioni se la quantità di sostanza introdotta nell'organismo è sufficientemente elevata. Le lesioni prodotte da corpi estranei saranno naturalmente più o meno invalidanti, a seconda che rimangano negli strati esterni dell'occhio o penetrino in profondità nel bulbo; il trattamento sarà quindi molto diverso e richiede talvolta l'immediato trasferimento della vittima alla clinica oculistica.

Ustioni agli occhi

Le ustioni sono causate da vari agenti: bagliori o fiamme (durante un'esplosione di gas); metallo fuso (la gravità della lesione dipende dal punto di fusione, con i metalli che fondono a temperature più elevate causando danni più gravi); e ustioni chimiche dovute, ad esempio, ad acidi e basi forti. Si verificano anche ustioni dovute all'acqua bollente, ustioni elettriche e molte altre.

Lesioni dovute all'aria compressa

Questi sono molto comuni. Due fenomeni entrano in gioco: la forza del getto stesso (ei corpi estranei accelerati dal flusso d'aria); e la forma del getto, un getto meno concentrato essendo meno dannoso.

Condizioni oculari causate dalle radiazioni

Radiazione ultravioletta (UV)

La fonte dei raggi può essere il sole o alcune lampade. Il grado di penetrazione nell'occhio (e di conseguenza il pericolo dell'esposizione) dipende dalla lunghezza d'onda. Tre zone sono state definite dalla International Lighting Commission: i raggi UVC (da 280 a 100 nm) vengono assorbiti a livello della cornea e della congiuntiva; Gli UVB (da 315 a 280 nm) sono più penetranti e raggiungono il segmento anteriore dell'occhio; Gli UVA (da 400 a 315 nm) penetrano ulteriormente.

Per i saldatori sono stati descritti gli effetti caratteristici dell'esposizione, come cheratocongiuntivite acuta, fotooftalmia cronica con diminuzione della vista, ecc. Il saldatore è sottoposto ad una notevole quantità di luce visibile, ed è fondamentale che gli occhi siano protetti con filtri adeguati. La cecità da neve, una condizione molto dolorosa per i lavoratori in montagna, deve essere evitata indossando occhiali da sole adeguati.

Radiazione infrarossan

I raggi infrarossi si trovano tra i raggi visibili e le onde radioelettriche più corte. Cominciano, secondo l'International Lighting Commission, a 750 nm. La loro penetrazione nell'occhio dipende dalla loro lunghezza d'onda; i raggi infrarossi più lunghi possono raggiungere il cristallino e persino la retina. Il loro effetto sull'occhio è dovuto alla loro calorigenicità. La condizione caratteristica si trova in chi soffia il vetro di fronte al forno. Altri lavoratori, come gli operai dell'altoforno, soffrono di irradiazione termica con vari effetti clinici (come cheratocongiuntivite, o ispessimento membranoso della congiuntiva).

LASER (Amplificazione della luce mediante emissione stimolata di radiazioni)

La lunghezza d'onda dell'emissione dipende dal tipo di laser: luce visibile, radiazione ultravioletta e infrarossa. È principalmente la quantità di energia proiettata che determina il livello del pericolo incorso.

I raggi ultravioletti causano lesioni infiammatorie; i raggi infrarossi possono provocare lesioni caloriche; ma il rischio maggiore è la distruzione del tessuto retinico da parte del raggio stesso, con perdita della vista nella zona interessata.

Radiazione da schermi catodici

Le emissioni provenienti dagli schermi catodici comunemente usati negli uffici (raggi x, ultravioletti, infrarossi e raggi radio) sono tutte al di sotto degli standard internazionali. Non c'è evidenza di alcuna relazione tra il lavoro al videoterminale e l'insorgenza della cataratta (Rubino 1990).

Sostanze nocive

Alcuni solventi, come gli esteri e le aldeidi (la formaldeide è molto usata), sono irritanti per gli occhi. Gli acidi inorganici, la cui azione corrosiva è ben nota, provocano distruzione dei tessuti e ustioni chimiche per contatto. Anche gli acidi organici sono pericolosi. Gli alcoli sono irritanti. La soda caustica, una base estremamente forte, è un potente corrosivo che aggredisce gli occhi e la pelle. Nella lista delle sostanze nocive sono incluse anche alcune materie plastiche (Grant 1979) oltre a polveri allergeniche o altre sostanze come legni esotici, piume e così via.

Infine, le malattie professionali infettive possono essere accompagnate da effetti sugli occhi.

Occhiali protettivi

Poiché l'uso di dispositivi di protezione individuale (occhiali e mascherine) può ostacolare la visione (riduzione dell'acuità visiva per perdita di trasparenza degli occhiali a causa della proiezione di corpi estranei e ostacoli nel campo visivo come le aste degli occhiali), l'igiene del lavoro tende anche ad utilizzare altri mezzi come l'aspirazione di polveri e particelle pericolose dall'aria attraverso la ventilazione generale.

Il medico del lavoro è spesso chiamato a consigliare sulla qualità degli occhiali adeguati al rischio; le direttive nazionali ed internazionali guideranno questa scelta. Inoltre, ora sono disponibili occhiali migliori, che includono miglioramenti in termini di efficacia, comfort e persino estetica.

Negli Stati Uniti, ad esempio, si può fare riferimento agli standard ANSI (in particolare ANSI Z87.1-1979) che hanno forza di legge ai sensi dell'Occupational Safety and Health Act federale (Fox 1973). La norma ISO n. 4007-1977 si riferisce anche ai dispositivi di protezione. In Francia, raccomandazioni e materiale protettivo sono disponibili presso l'INRS di Nancy. In Svizzera, la compagnia assicurativa nazionale CNA fornisce regole e procedure per l'estrazione di corpi estranei sul posto di lavoro. Per danni gravi è preferibile inviare il lavoratore infortunato dall'oculista o dalla clinica oculistica.

Infine, le persone con patologie oculari possono essere più a rischio di altre; discutere un problema così controverso va oltre lo scopo di questo articolo. Come detto in precedenza, il loro oculista dovrebbe essere consapevole dei pericoli che possono incontrare sul posto di lavoro e esaminarli attentamente.

Conclusione

Sul posto di lavoro, la maggior parte delle informazioni e dei segnali sono di natura visiva, anche se i segnali acustici possono svolgere un ruolo; né va dimenticata l'importanza dei segnali tattili nel lavoro manuale, così come in quello d'ufficio (ad esempio la velocità di una tastiera).

La nostra conoscenza dell'occhio e della vista proviene principalmente da due fonti: medica e scientifica. Per la diagnosi dei difetti e delle malattie dell'occhio sono state sviluppate tecniche che misurano le funzioni visive; queste procedure potrebbero non essere le più efficaci ai fini dei test occupazionali. Le condizioni della visita medica sono infatti molto lontane da quelle che si riscontrano sul posto di lavoro; ad esempio, per determinare l'acuità visiva l'oculista si avvarrà di grafici o strumenti dove il contrasto tra l'oggetto in esame e lo sfondo è il più alto possibile, dove i bordi degli oggetti in esame sono nitidi, dove non sono percepibili fonti di abbagliamento di disturbo e così via. Nella vita reale, le condizioni di illuminazione sono spesso scarse e le prestazioni visive sono sottoposte a stress per diverse ore.

Ciò sottolinea la necessità di utilizzare apparecchiature e strumentazioni di laboratorio che mostrino un potere predittivo più elevato per l'affaticamento visivo e l'affaticamento sul posto di lavoro.

Molti degli esperimenti scientifici riportati nei libri di testo sono stati eseguiti per una migliore comprensione teorica del sistema visivo, che è molto complesso. I riferimenti in questo articolo sono stati limitati a quelle conoscenze immediatamente utili nella medicina del lavoro.

Mentre le condizioni patologiche possono impedire ad alcune persone di soddisfare i requisiti visivi di un lavoro, sembra più sicuro ed equo - a parte i lavori molto impegnativi con le proprie normative (aviazione, per esempio) - dare all'oculista il potere di decisione, piuttosto che fare riferimento alle regole generali; ed è in questo modo che opera la maggior parte dei paesi. Sono disponibili linee guida per ulteriori informazioni.

D'altra parte, esistono pericoli per l'occhio quando esposto sul posto di lavoro a vari agenti nocivi, sia fisici che chimici. I pericoli per gli occhi nell'industria sono brevemente enumerati. In base alle conoscenze scientifiche, non ci si può aspettare alcun pericolo di sviluppare la cataratta lavorando su un videoterminale.

 

Di ritorno

Informazioni

Leggi 16474 volte Ultima modifica sabato 23 luglio 2022 20:05
Altro in questa categoria: " Equilibrio Gusto "

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti ai sistemi sensoriali

Adler, FH. 1992. Fisiologia dell'occhio: applicazione clinica. St. Louis: Mosby New York Books.

Adriano, W.K. 1993. Visual Performance, Acuity and Age: Lux Europa Atti della VII Conferenza Europea sull'Illuminazione. Londra: CIBS.

Ahlström, R, B Berglund e U Berblund. 1986. Alterata percezione degli odori nei detergenti per serbatoi. Scand J Ambiente di lavoro Salute 12:574-581.

Amore, JE. 1986. Effetti dell'esposizione chimica sull'olfatto negli esseri umani. In Toxicology of the Nasal Passages, a cura di CS Barrow. Washington, DC: pubblicazione dell'emisfero.

Andersen, HC, I Andersen e J Solgard. 1977. Tumori nasali, sintomi e funzione delle vie aeree superiori nei falegnami. Br J Ind Med 34:201-207.

—. 1993. Otorinolaringoiatria Clin N Am 5(26).

Axéll, T, K Nilner e B Nilsson. 1983. Valutazione clinica di pazienti segnalati con sintomi correlati al galvanismo orale. Scand Dent J 7:169-178.

Ballantyne, JC e JM Ajodhia. 1984. Vertigini iatrogene. In Vertigo, a cura di MR Dix e JD Hood. Chichester: Wiley.

Bar-Sela, S, M Levy, JB Westin, R Laster e ED Richter. 1992. Risultati medici nei lavoratori delle batterie al nichel-cadmio. Israele J Med Sci 28:578-583.

Bedwal, RS, N Nair e MP Sharma. 1993. Selenio: le sue prospettive biologiche. Ipotesi Med 41:150-159.

Campana, IR. 1994. Libro bianco: aspetti neuropsichiatrici della sensibilità alle sostanze chimiche di basso livello: un modello di sensibilizzazione neurale. Toxicol Ind Health 10:277-312.

Besser, R, G Krämer, R Thümler, J Bohl, L Gutmann e HC Hopf. 1987. Sindrome cerebellare limbica trimetilstagno acuta. Neurologia 37:945-950.

Beits, JP. 1987. Riabilitazione vestibolare. In Adult Audiology, Scott-Brown's Otolaryngology, a cura di D Stephens. Londra: Butterworth.

Blanc, PD, HA Boushey, H Wong, SF Wintermeyer e MS Bernstein. 1993. Citochine nella febbre da fumi metallici. Am Rev Respir Dis 147:134-138.

Blount, BW. 1990. Due tipi di febbre da fumi metallici: lieve vs grave. Mil Med (agosto) 155(8):372-7

Bokina, AI, ND Eksler e AD Semenenko. 1976. Indagine sul meccanismo d'azione degli inquinanti atmosferici sul sistema nervoso centrale e valutazione comparativa dei metodi di studio. Environ Health Persp 13:37-42.

Bolla, KI, BS Schwartz e W Stewart. 1995. Confronto della funzione neurocomportamentale nei lavoratori esposti a una miscela di piombo organico e inorganico e nei lavoratori esposti a solventi. Am J Ind Med 27:231-246.

Bonnefoi, M, TM Monticello e KT Morgan. 1991. Risposte tossiche e neoplastiche nei passaggi nasali: esigenze di ricerca futura. Exp Polmone Ris 17:853-868.

Boysen, M. e Solberg. 1982. Cambiamenti nella mucosa nasale dei mobilieri. Scand J Ambiente di lavoro Salute :273-282.

Brittebo, EB, PG Hogman e io Brandt. 1987. Legame epiteliale degli esaclorocicloesani nei tratti respiratorio e alimentare superiore: un confronto tra gli isomeri alfa, beta e gamma nei topi. Food Chem Toxicol 25:773-780.

Brooks, SM. 1994. Suscettibilità dell'ospite all'inquinamento dell'aria interna. J Allergy Clin Immunol 94:344-351.

Callender, TJ, L Morrow, K Subramanian, D Duhon e M Ristovv. 1993. Imaging metabolico cerebrale tridimensionale in pazienti con encefalopatia tossica. Ricerca ambientale 60:295-319.

Chia, SE, CN Ong, SC Foo e HP Lee. 1992. Esposizione di uno studente di medicina alla formaldeide in un laboratorio di dissezione di anatomia macroscopica. J Am Coll Health 41:115-119.

Choudhuri, S, KK Kramer e NE Berman. 1995. Espressione costitutiva dei geni della metallotioneina nel cervello del topo. Toxicol Appl Pharmacol 131:144-154.

Ciesielski, S, DP Loomis, SR Mims e A Auer. 1994. Esposizioni a pesticidi, depressione da colinesterasi e sintomi tra i lavoratori agricoli migranti della Carolina del Nord. Am J Sanità pubblica 84:446-451.

Clerisi, WJ, B Ross e LD Fechter. 1991. Ototossicità acuta di trialkyltins nella cavia. Toxicol Appl Pharmacol: 547-566.

Coleman, JW, MR Holliday e RJ Dearman. 1994. Interazioni citochine-mastociti: rilevanza per l'allergia chimica IgE-mediata. Tossicologia 88:225-235.

Cometto-Muñiz, JE e WS Cain. 1991. Influenza dei contaminanti presenti nell'aria sull'olfatto e sul senso chimico comune. In Smell and Taste in Health and Disease, a cura di TV Getchell. New York: Corvo Press.

—. 1994. Reazioni sensoriali di pungenza nasale e odore di composti organici volatili: gli alchilbenzeni. Am Ind Hyg Assoc J 55:811-817.

Corwin, J, M Loury e AN Gilbert. 1995. Luogo di lavoro, età e sesso come mediatori della funzione olfattiva: dati del National Geographic Smell Survey. Journal of Gerontolgy: Psychiol Sci 50B: P179-P186.

Consiglio sui materiali, gli strumenti e le attrezzature dentali. 1987. Relazione sullo stato dell'American Dental Association sull'incidenza della corrosione galvanica nella bocca e sui suoi potenziali effetti. J Am Dental Assoc 115:783-787.

Consiglio per gli affari scientifici. 1989. Rapporto del Consiglio: Formaldeide. GIAMA 261:1183-1187.

Crampton, GH. 1990. Cinetosi e mal di spazio. Boca Raton: CRC Press.

Cullen, MR. 1987. Lavoratori con sensibilità chimica multipla. Occup Med: Stato Art Rev 2(4).

Ritiene, DA, RL Doty e RG Settle. 1991. Disturbi dell'olfatto e del gusto, uno studio su 750 pazienti dell'Università della Pennsylvania Smell and Taste Center. Arch Otorinolaringoiatria Testa Collo Surg 117:519-528.

Della Fera, MA, AE Mott e ME Frank. 1995. Cause iatrogene di disturbi del gusto: radioterapia, chirurgia e farmaci. In Handbook of Olfaction and Gustation, a cura di RL Doty. New York: Marcel Dekker.

Dellon, AL. 1981. Valutazione della sensibilità e rieducazione della sensazione nella mano. Baltimora: Williams & Wilkins.

Dighe, RW. 1977. Recettori sensoriali. In Reconstructive Microsurgery, a cura di RK Daniel e JK Terzis. Boston: Little Brown & Co.

El-Etri, MM, WT Nickell, M Ennis, KA Skau e MT Shipley. 1992. Riduzioni della norepinefrina cerebrale nei ratti intossicati da soman: associazione con convulsioni e inibizione dell'AchE, decorso temporale e relazione con altre monoamine. Neurologia Sperimentale 118:153-163.

Evans, J e L Hastings. 1992. Accumulo di Cd(II) nel SNC a seconda della via di somministrazione: intraperitoneale, intratracheale o intranasale. Fondo Appl Toxicol 19:275-278.

Evans, JE, ML Miller, A Andringa e L Hastings. 1995. Effetti comportamentali, istologici e neurochimici del nichel (II) sul sistema olfattivo del ratto. Toxicol Appl Pharmacol 130:209-220.

Fechter, LD, JS Young e L Carlisle. 1988. Potenziamento dei cambiamenti di soglia indotti dal rumore e perdita di cellule ciliate da parte del monossido di carbonio. Udito Res 34:39-48.
Volpe, SL. 1973. Oftalmologia industriale e occupazionale. Springfield: Charles C. Thomas.

Frank, ME, TP Hettinger e AE Mott. 1992. Il senso del gusto: neurobiologia, invecchiamento ed effetti dei farmaci. Recensioni critiche in medicina di biologia orale 3: 371-393.

Frank, ME e DV Smith. 1991. Elettrogustometria: un modo semplice per testare il gusto. In Smell and Taste in Health and Disease, a cura di TV Getchell, RL Doty e LM Bartoshuk. New York: Corvo Press.

Gagnon, P, D Mergler, e S Lapare. 1994. Adattamento olfattivo, spostamento della soglia e recupero a bassi livelli di esposizione al metilisobutilchetone (MIBK). Neurotossicologia 15:637-642.

Gilbertson, AT. 1993. La fisiologia della ricezione del gusto dei vertebrati. Curr Opin Neurobiol 3:532-539.

Gordon, T e JM Bene. 1993. Febbre da fumi metallici. Occup Med: State Art Rev 8:505-517.

Gosselin, RE, RP Smith e HC Hodge. 1984. Tossicologia clinica dei prodotti commerciali. Baltimora: Williams & Wilkins.

Graham, CH, NR Barlett, JL Brown, Y Hsia, CG Mueller e LA Riggs. 1965. Visione e percezione visiva. New York: John Wiley and Sons, Inc.

Grandjean, E. 1987. Ergonomia negli uffici computerizzati. Londra: Taylor e Francesco.

Grant, A. 1979. Pericolo ottico dell'indurente in fibra di vetro. Med J Australe 1:23.

Gresham, LS, CA Molgaard e RA Smith. 1993. Induzione degli enzimi del citocromo P-450 attraverso il fumo di tabacco: un potenziale meccanismo per lo sviluppo di resistenza alle tossine ambientali in relazione al parkinsonismo e ad altre malattie neurologiche. Neuroepidemiolo 12:114-116.

Guidotti, TL. 1994. Esposizione professionale all'idrogeno solforato nell'industria del gas acido: alcuni problemi irrisolti. Int Arch Occup Environ Health 66:153-160.

Gyntelberg, F, S Vesterhauge, P Fog, H Isager, and K Zillstorff. 1986. Intolleranza acquisita ai solventi organici e risultati del test vestibolare. Am J Ind Med 9:363-370.

Hastings, L. 1990. Neurotossicologia sensoriale: uso del sistema olfattivo nella valutazione della tossicità. Neurotossicologia e teratologia 12:455-459.

Testa, PW. 1984. Vertigine e barotrauma. In Vertigo, a cura di MR Dix e JD Hood. Chichester: Wiley.

Hohmann, B e F Schmuckli. 1989. Dangers du bruit pour l'ouië et l'emplacement de travail. Lucerna: CNA.

Holmström, M, G Rosen e B Wilhelmsson. 1991. Sintomi, fisiologia delle vie aeree e istologia dei lavoratori esposti a pannelli di fibra a media densità. Scand J Ambiente di lavoro Salute 17:409-413.

Hotz, P, A Tschopp, D Söderström e J Holtz. 1992. Disturbi dell'olfatto o del gusto, sintomi neurologici ed esposizione agli idrocarburi. Int Arch Occup Environ Health 63:525-530.

Howard, IP. 1982. Orientamento visivo umano. Chichester: Wiley.

Iggo, A e AR Muir. 1969. La struttura e la funzione di un corpuscolo tattile che si adatta lentamente nella pelle pelosa. J Physiol Lond 200(3):763-796.

Illuminating Engineering Society del Nord America (IESNA). 1993. Visione e percezione. In Lighting Handbook: Reference and Application, a cura di MS Rea e Fies. New York: IESNA.

Innocenti, A, M Valiani, G Vessio, M Tassini, M Gianelli, S Fusi. 1985. Polvere di legno e malattie nasali: esposizione alla polvere di legno di castagno e perdita dell'olfatto (studio pilota). Med Lavoro 4:317-320.

Jacobsen, P, HO Hein, P Suadicani, A Parving, and F Gyntelberg. 1993. Esposizione mista a solventi e compromissione dell'udito: uno studio epidemiologico su 3284 uomini. Lo studio sui maschi di Copenaghen. Occup Med 43:180-184.

Johansson, B, E Stenman e M Bergman. 1984. Studio clinico di pazienti sottoposti a indagine sul cosiddetto galvanismo orale. Scand J Dent Res 92:469-475.

Johnson, AC e PR Nylén. 1995. Effetti dei solventi industriali sull'udito. Occup Med: recensioni sullo stato dell'arte. 10:623-640.

Kachru, DM, SK Tandon, UK Misra e D Nag. 1989. Avvelenamento da piombo professionale tra i lavoratori di gioielli in argento. Giornale indiano delle scienze mediche 43: 89-91.

Keele, CA. 1964. Sostanze che producono dolore e prurito. Londra: Edward Arnold.

Kinnamon, SC e TV Getchell. 1991. Trasduzione sensoriale nei neuroni del recettore olfattivo e nelle cellule del recettore gustativo. In Smell and Taste in Health and Disease, a cura di TV Getchell, RL Doty e LM Bartoshuk. New York: Corvo Press.

Krueger, H. 1992. Exigences visuelles au poste de travail: Diagnostic et traitement. Caieri
medico-sociale 36:171-181.

Lakshmana, MK, T Desiraju e TR Raju. 1993. Alterazioni indotte dal cloruro mercurico dei livelli di attività di noradrenalina, dopamina, serotonina e acetilcolina esterasi in diverse regioni del cervello di ratto durante lo sviluppo postnatale. Arch Toxicol 67:422-427.

Lima, C e JP Vital. 1994. Risposta della mucosa olfattiva nelle cavie dopo l'instillazione intranasale con Cryptococcus neoformans: uno studio istologico e immunocitochimico. Micopatologia 126:65-73.

Luxon, LM. 1984. L'anatomia e la fisiologia del sistema vestibolare. In Vertigo, a cura di MR Dix e JD Hood. Chichester: Wiley.

MacKinnon, SE e AL Dellon. 1988. Chirurgia del nervo periferico. New York: editori medici di Thieme.

Marek, J.J. 1993. La biologia molecolare della trasduzione del gusto. Biosaggi 15:645-650.

Marek, M. 1992. Interazioni tra amalgame dentali e ambiente orale. Adv Dental Res 6:100-109.

Margolskee, RF. 1993. La biochimica e la biologia molecolare della trasduzione del gusto. Curr Opin Neurobiol 3:526-531.

Martin, J.H. 1985. Fisiologia del recettore e codifica della submodalità nel sistema sensoriale somatico. Principi di neuroscienza, a cura di ER Kandel e JH Schwartz.

Meyer, J.J. 1990. Physiologie de la vision et ambiance lumineuse. Document de l'Aerospatiale, Parigi.

Meyer, JJ, A Bousquet, L Zoganas e JC Schira. 1990. Disagio e abbagliamento invalidante negli operatori videoterminali. In Work with Display Units 89, a cura di L Berlinguet e D Berthelette. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Meyer, JJ, P Rey e A Bousquet. 1983. Uno stimolatore automatico di luce intermittente per registrare le soglie percettive dello sfarfallio nei pazienti con malattia retinica. In Advances in Diagnostic Visual Optics, a cura di GM Brenin e IM Siegel. Berlino: Springer-Verlag.

Meyer, JJ, P Rey, B Thorens e A Beaumanoire. 1971. Examen de sujets atteints d'un traummatisme cranio-cérébral par un test percezione visuelle: courbe de Lange. Arco Svizzero di Neurol 108:213-221.

Meyer, JJ, A Bousquet, JC Schira, L Zoganas e P Rey. 1986. Sensibilità alla luce e affaticamento visivo durante la guida notturna. In Vision in Vehicles, a cura di AG Gale. Amsterdam: Elsevier Science Editore.

Miller, C.S. 1992. Possibili modelli per sensibilità chimica multipla: questioni concettuali e ruolo del sistema limbico. Toxicol Ind Health 8:181-202.

Miller, RR, JT Young, RJ Kociba, DG Keyes, KM Bodner, LL Calhoun e JA Ayres. 1985. Tossicità cronica e saggio biologico di oncogenicità dell'acrilato di etile inalato nei ratti fischer 344 e nei topi B6C3F1. Droga Chem Toxicol 8:1-42.

Möller, C, L Ödkvist, B Larsby, R Tham, T Ledin e L Bergholtz. 1990. Reperto otoneurologico tra i lavoratori esposti allo stirene. Scand J Ambiente di lavoro Salute 16:189-194.

Monteagudo, FSE, MJD Cassidy e PI Folb. 1989. Sviluppi recenti nella tossicologia dell'alluminio. Med Toxicolo 4:1-16.

Morata, TC, DE Dunn, LW Kretschmer, GK Lemasters e RW Keith. 1993. Effetti dell'esposizione professionale a solventi organici e rumore sull'udito. Scand J Ambiente di lavoro Salute 19:245-254.

Mott, AE, M Grushka e BJ Sessle. 1993. Diagnosi e gestione dei disturbi del gusto e della sindrome della bocca urente. Cliniche dentali del Nord America 37:33-71.

Mott, AE e DA Leopold. 1991. Disturbi del gusto e dell'olfatto. Med Clin N Am 75:1321-1353.

Mountcastle, Virginia Occidentale. 1974. Fisiologia medica. St. Louis: CV Mosby.

Mountcastle, VB, WH Talbot, I Darian-Smith e HH Kornhuber. 1967. Basi neurali del senso di vibrazione fluttuante. Scienza :597-600.

Muijser, H, EMG Hoogendijk e J Hoosima. 1988. Gli effetti dell'esposizione professionale allo stirene sulle soglie uditive ad alta frequenza. Tossicologia: 331-340.

Nemery, B. 1990. Tossicità dei metalli e delle vie respiratorie. Eur Respir J 3:202-219.

Naus, A. 1982. Alterazioni dell'acuità olfattiva causate dal mentolo. J Laryngol Otol 82:1009-1011.

Ortendahl, TW. 1987. Modifiche orali nei subacquei che lavorano con saldatura elettrica/taglio sott'acqua. Svedese Dent J Suppl 43:1-53.

Örtendahl, TW, G Dahlén e HOE Röckert. 1985. La valutazione dei problemi orali nei subacquei che eseguono saldature elettriche e tagli sott'acqua. Sottomarino Biomed Res 12:55-62.

Ogawa, H. 1994. Corteccia gustativa dei primati: anatomia e fisiologia. Neurosci Res 20:1-13.

O'Reilly, JP, BL Respicio e FK Kurata. 1977. Hana Kai II: un'immersione in saturazione secca di 17 giorni a 18.6 ATA. VII: Sensazioni uditive, visive e gustative. Sottomarino Biomed Res 4: 307-314.

Otto, D, G Robinson, S Bauman, S Schroeder, P Mushak, D Kleinbaum e L Boone. 1985. Studio di follow-up di % anni su bambini con assorbimento di piombo da basso a moderato: valutazione elettrofisiologica. Ambiente ricerca 38: 168-186.

Oyanagi, K, E Ohama e F Ikuta. 1989. Il sistema uditivo nell'intossicazione da metilmercurio: un'indagine neuropatologica su 14 casi di autopsia a Niigata, in Giappone. Acta Neuropathol 77:561-568.

Partecipanti di SCP n. 147/242 e HF Morris. 1990. Progetto di studi cooperative amministrazione veterani n. 147: Associazione gusto metallico con leghe metalloceramiche. J Prosthet Dent 63:124-129.

Petersen, PE e C. Gormsen. 1991. Condizioni orali tra i lavoratori delle fabbriche di batterie tedesche. Odontoiatria di comunità ed epidemiologia orale 19:104-106.

Pfeiffer, P e H Schwickerath. 1991. Solubilità del nichel e gusto metallico. Zwr 100:762-764,766,768-779.

Pompeiano, O e JHJ Allum. 1988. Controllo vestibolospinale della postura e della locomozione. Progressi nella ricerca sul cervello, n.76. Amsterdam: Elsevier.

Rees, T e L Duckert. 1994. Perdita dell'udito e altri disturbi otici. In Textbook of Clinical, Occupational and Environmental Medicine, a cura di C Rosenstock. Filadelfia: WB Saunders.

Ressler, KJ, SL Sullivan e LB Buck. 1994. Una dissezione molecolare del modello spaziale nel sistema olfattivo. Curr Opin Neurobiol 4:588-596.

Rey, P. 1991. Précis De Medecine Du Travail. Ginevra: Medicine et Hygiène.

Rey, P e A Bousquet. 1990. Strategie di visita oculistica medica per operatori videoterminali. In Work With Display Units 89, a cura di L Berlinguet e D Berthelette. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Rose, CS, PG Heywood e RM Costanzo. 1934. Compromissione olfattiva dopo esposizione professionale cronica al cadmio. J Occup Med 34:600-605.

Rubino, GF. 1990. Indagine epidemiologica sui disturbi oculari: la ricerca multicentrica italiana. In Work with Display Units 89, a cura di L Berlinguet e D Berthelette. Amsterdam: Elsevier Science Publishers BV

Ruth, J.H. 1986. Soglie olfattive e livelli di irritazione di diverse sostanze chimiche: una revisione. Am Ind Hyg Assoc J 47:142-151.

Rusznak, C, JL Devalia e RJ Davies. 1994. L'impatto dell'inquinamento sulle malattie allergiche. Allergia 49:21-27.

Ryback, LP. 1992. Audizione: Gli effetti delle sostanze chimiche. Otorinolaringoiatria-Chirurgia della testa e del collo 106:677-686.

—. 1993. Ototossicità. Otorinolaringoiatria Clin N Am 5(26).

Savov, A. 1991. Danni alle orecchie, al naso e alla gola nella produzione di rame. Problemi na Khigienata 16:149-153.

—. 1994. Cambiamenti nel gusto e nell'olfatto: interazioni farmacologiche e preferenze alimentari. Nutr Rev 52(II):S11-S14.

Schiffmann, SS. 1994. Cambiamenti nel gusto e nell'olfatto: interazioni farmacologiche e preferenze alimentari. Nutr Rev 52(II): S11-S14.

Schiffman, SS e HT Nagle. 1992. Effetto degli inquinanti ambientali su gusto e olfatto. Otorinolaringoiatria-Chirurgia della testa e del collo 106:693-700.

Schwartz, BS, DP Ford, KI Bolla, J Agnew e ML Bleecker. 1991. Disfunzione olfattiva associata al solvente: non un predittore di deficit nell'apprendimento e nella memoria. Am J Psychiatr 148:751-756.

Schweisfurth, H e C Schottes. 1993. Intossicazione acuta di un gas simile all'idrazina da parte di 19 lavoratori in una discarica. Zbl Hyg 195:46-54.

Shusterman, D. 1992. Revisione critica: il significato per la salute dell'inquinamento ambientale da odori. Arch Environ Health 47:76-87.

Shusterman, DJ e JE Sheedy. 1992. Disturbi professionali e ambientali dei sensi speciali. Occup Med: State Art Rev 7:515-542.

Siblerud, RL. 1990. Il rapporto tra il mercurio dell'amalgama dentale e la salute del cavo orale. Ann Dent 49:6-10.

Sinclair. 1981. Meccanismi di sensazione cutanea. Oxford: Università di Oxford. Premere.

Spielmann, AI. 1990. Interazione di saliva e gusto. J Dental Res 69:838.

Stevens, JC e WS Caino. 1986. Invecchiamento e percezione dell'irritazione nasale. Physiol Behav 37:323-328.

van Dijk, FJH. 1986. Effetti non uditivi del rumore nell'industria. II Una revisione della letteratura. Int Arch Occup Environ Salute 58.

Verriest, G e G Hermans. 1975. Les aptitudes visuelles professionnelles. Bruxelles: Imprimerie médicale et scientifique.

Welch, AR, JP Birchall e FW Stafford. 1995. Rinite professionale - Possibili meccanismi di patogenesi. J Laryngol Otol 109:104-107.

Weymouth, FW. 1966. L'occhio come strumento ottico. In Fisiologia e Biofisica, a cura di TC Ruch e HD Patton. Londra: Saunders.

Wieslander, G, D Norbäck e C Edling. 1994. Esposizione professionale a vernici a base d'acqua e sintomi della pelle e degli occhi. Occup Environ Med 51:181-186.

Winberg, S, R Bjerselius, E Baatrup, e KB Doving. 1992. L'effetto di Cu (II) sull'elettro-olfattogramma (EOG) del salmone atlantico (Salmo salar L) in acqua dolce artificiale di diverse concentrazioni di carbonio inorganico. Ecotossicologia e sicurezza ambientale 24:167-178.

Witek, T.J. 1993. Il naso come bersaglio per gli effetti avversi dall'ambiente: applicazione dei progressi nelle misurazioni e nei meccanismi fisiologici nasali. Am J Ind Med 24:649-657.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1981. Arsenico. Criteri di salute ambientale, n.18. Ginevra: OMS.

Yardley, L. 1994. Vertigini e vertigini. Londra: Routledge.

Yontchev, E, GE Carlsson e B Hedegard. 1987. Risultati clinici in pazienti con disturbi del disagio orofacciale. Int J Orale Maxillofac Surg 16:36-44.