Lunedi, 07 marzo 2011 17: 29

Cancro della pelle non melanocitico

Vota questo gioco
(0 voti )

Esistono tre tipi istologici di tumori cutanei non melanocitici (NMSC) (ICD-9: 173; ICD-10: C44): carcinoma a cellule basali, carcinoma a cellule squamose e rari sarcomi dei tessuti molli che coinvolgono la pelle, il tessuto sottocutaneo, le ghiandole sudoripare, ghiandole sebacee e follicoli piliferi.

Il carcinoma basocellulare è il NMSC più comune nelle popolazioni bianche, rappresentando dal 75 all'80% di esse. Si sviluppa solitamente sul viso, cresce lentamente e ha poca tendenza a metastatizzare.

I tumori a cellule squamose rappresentano dal 20 al 25% dei NMSC segnalati. Possono verificarsi in qualsiasi parte del corpo, ma soprattutto sulle mani e sulle gambe e possono metastatizzare. Nelle popolazioni con pigmentazione scura i tumori a cellule squamose sono i NMSC più comuni.

Sono comuni più NMSC primari. La maggior parte dei NMSC si verifica sulla testa e sul collo, in contrasto con la maggior parte dei melanomi che si verificano sul tronco e sugli arti. La localizzazione dei NMSC riflette i modelli di abbigliamento.

I NMSC sono trattati con vari metodi di escissione, radioterapia e chemioterapia topica. Rispondono bene al trattamento e oltre il 95% viene curato mediante escissione (IARC 1990).

L'incidenza dei NMSC è difficile da stimare a causa della grave sottostima e poiché molti registri dei tumori non registrano questi tumori. Il numero di nuovi casi negli Stati Uniti è stato stimato tra 900,000 e 1,200,000 nel 1994, una frequenza paragonabile al numero totale di tutti i tumori non cutanei (Miller & Weinstock 1994). Le incidenze segnalate variano ampiamente e sono in aumento in un certo numero di popolazioni, ad esempio in Svizzera e negli Stati Uniti. I tassi annuali più elevati sono stati riportati per la Tasmania (167/100,000 negli uomini e 89/100,000 nelle donne) e i più bassi per l'Asia e l'Africa (complessivamente 1/100,000 negli uomini e 5/100,000 nelle donne). NMSC è il tumore più comune nei caucasici. NMSC è circa dieci volte più comune nei bianchi rispetto alle popolazioni non bianche. La letalità è molto bassa (Higginson et al. 1992).

La suscettibilità al cancro della pelle è inversamente correlata al grado di pigmentazione della melanina, che si ritiene protegga dall'azione cancerogena della radiazione solare ultravioletta (UV). Il rischio di non melanoma nelle popolazioni di pelle bianca aumenta con la vicinanza all'equatore.

Nel 1992, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC 1992b) ha valutato la cancerogenicità della radiazione solare e ha concluso che vi sono prove sufficienti per la cancerogenicità della radiazione solare nell'uomo e che la radiazione solare causa melanoma maligno cutaneo e NMSC.

La riduzione dell'esposizione alla luce solare probabilmente ridurrebbe l'incidenza di NMSC. Nei bianchi, dal 90 al 95% dei NMSC sono attribuibili alla radiazione solare (IARC 1990).

I NMSC possono svilupparsi in aree di infiammazione cronica, irritazione e cicatrici da ustioni. I traumi e le ulcere croniche della pelle sono importanti fattori di rischio per i tumori cutanei a cellule squamose, in particolare in Africa.

La radioterapia, la chemioterapia con mostarda di azoto, la terapia immunosoppressiva, il trattamento con psoralene combinato con radiazioni UV-A e preparati di catrame di carbone applicati sulle lesioni cutanee sono stati associati ad un aumentato rischio di NMSC. È stato confermato che l'esposizione ambientale all'arsenico trivalente e ai composti dell'arsenico è associata all'eccesso di cancro della pelle nell'uomo (IARC 1987). L'arsenicismo può dare origine a cheratosi arsenicali palmari o plantari, carcinoma epidermoide e carcinoma basocellulare superficiale.

Condizioni ereditarie come la mancanza di enzimi necessari per riparare il DNA danneggiato dalle radiazioni UV possono aumentare il rischio di NMSC. Xeroderma pigmentoso rappresenta una tale condizione ereditaria.

Un esempio storico di cancro della pelle professionale è il cancro scrotale che Sir Percival Pott descrisse negli spazzacamini nel 1775. La causa di questi tumori era la fuliggine. All'inizio del 1900, i tumori dello scroto sono stati osservati nei filatori di muli nelle fabbriche tessili di cotone dove erano esposti all'olio di scisto, che veniva usato come lubrificante per i fusi di cotone. I tumori dello scroto sia negli spazzacamini che nei mulesspinner sono stati successivamente associati agli idrocarburi policiclici aromatici (IPA), molti dei quali sono cancerogeni per animali, in particolare alcuni IPA a 3, 4 e 5 anelli come il benz(a)pirene e il dibenz(a ,h)antracene (IARC 1983, 1984a, 1984b, 1985a). Oltre alle miscele che contengono facilmente IPA cancerogeni, i composti cancerogeni possono formarsi mediante cracking quando i composti organici vengono riscaldati.

Ulteriori occupazioni a cui sono stati associati gli eccessi di NMSC correlati agli IPA includono: lavoratori della riduzione dell'alluminio, lavoratori della gassificazione del carbone, lavoratori della cokeria, soffiatori di vetro, ingegneri di locomotive, finitrici stradali e addetti alla manutenzione delle autostrade, lavoratori dell'olio di scisto, installatori di utensili e posatori di utensili ( vedi tabella 1). Catrami di carbone, peci a base di carbone, altri prodotti derivati ​​dal carbone, olio di antracene, olio di creosoto, oli da taglio e oli lubrificanti sono alcuni dei materiali e delle miscele che contengono IPA cancerogeni.

Tabella 1. Occupazioni a rischio

cancerogeno
materiale o agente

Industria o pericolo

Processo o gruppo a rischio

Pece, catrame o
prodotto catramoso

Riduzione dell'alluminio


Industrie del carbone, del gas e del coke


Fabbricazione di carburante brevettato

Industria dell'asfalto

utilizzatori di creosoto

Lavoratore della pentola


Cokerie, distillazione del catrame, carbone
produzione di gas, caricamento del passo

Fabbricazione di bricchette

Costruzione della strada

Lavoratori di mattoni e piastrelle, legname
proofer

fuliggine

Spazzacamino

Industria della gomma



Miscelatori di nerofumo
(fuliggine commerciale) e olio

Lubrificante e
oli da taglio

Vetro soffiato

Raffinazione dell'olio di scisto

Industria del cotone

Lavoratori di paraffina

Ingegneria





Muli filatori



Toolsetter e operatori di setter
nelle officine automatiche
(oli da taglio)

Arsenico

Raffineria d'olio

Fabbriche di salse di pecora

Insetticidi arsenicali



Estrazione dell'arsenico

Ancora detergenti



Lavoratori e utilizzatori della produzione
(giardinieri, frutticoltori e
vendemmiatori)

Radiazione ionizzante

radiologi

Altri lavoratori delle radiazioni

 

Radiazioni ultraviolette

Lavoratori esterni


UV industriale

Agricoltori, pescatori, vignaioli e
altri lavoratori edili all'aperto

Arco di saldatura: lampade germicide;
processi di taglio e stampa

 

Ulteriori titoli di lavoro che sono stati associati a un aumento del rischio NMSC includono trasformatori di iuta, lavoratori all'aperto, tecnici di farmacia, lavoratori di segherie, lavoratori di olio di scisto, lavoratori di pecore, pescatori, attrezzisti, lavoratori dei vigneti e acquaioli. L'eccesso per i watermen (che sono principalmente coinvolti nelle tradizionali attività di pesca) è stato notato nel Maryland, USA ed era limitato ai tumori a cellule squamose. La radiazione solare probabilmente spiega i rischi eccessivi dei pescatori, dei lavoratori all'aperto, dei vignaioli e dei pescatori. I pescatori possono anche essere esposti a oli, catrame e arsenico inorganico dal pesce consumato, che possono contribuire all'eccesso osservato, che era triplicato in uno studio svedese, rispetto ai tassi specifici della contea (Hagmar et al. 1992). L'eccesso nei lavoratori della immersione delle pecore può essere spiegato dai composti dell'arsenico, che inducono tumori della pelle attraverso l'ingestione piuttosto che attraverso il contatto con la pelle. Sebbene gli allevatori abbiano un lieve aumento del rischio di melanoma, non sembrano avere un aumento del rischio di NMSC, sulla base di osservazioni epidemiologiche in Danimarca, Svezia e Stati Uniti (Blair et al. 1992).

Le radiazioni ionizzanti hanno causato il cancro della pelle nei primi radiologi e nei lavoratori che maneggiavano il radio. In entrambe le situazioni, le esposizioni sono state di lunga durata e massicce. Gli incidenti sul lavoro che comportano lesioni cutanee o irritazione cutanea a lungo termine possono aumentare il rischio di NMSC.

Prevenzione (del cancro della pelle professionale non melanocitico)

L'uso di indumenti adeguati e di una protezione solare con un fattore protettivo UV-B di 15 o superiore contribuirà a proteggere i lavoratori all'aperto esposti alle radiazioni ultraviolette. Inoltre, la sostituzione di materiali cancerogeni (come i mangimi) con alternative non cancerogene è un'altra ovvia misura protettiva che, tuttavia, potrebbe non essere sempre possibile. Il grado di esposizione a materiali cancerogeni può essere ridotto mediante l'uso di schermi protettivi su attrezzature, indumenti protettivi e misure igieniche.

Di fondamentale importanza è l'educazione della forza lavoro circa la natura del pericolo e le ragioni e il valore delle misure di protezione.

Infine, i tumori della pelle di solito impiegano molti anni per svilupparsi e molti di loro passano attraverso diversi stadi precancerosi prima di raggiungere il loro pieno potenziale maligno, come le cheratosi da arsenico e le cheratosi attiniche. Queste prime fasi sono facilmente rilevabili mediante ispezione visiva. Per questo motivo, i tumori della pelle offrono la reale possibilità che lo screening regolare possa ridurre la mortalità tra coloro che sono noti per essere stati esposti a qualsiasi cancerogeno per la pelle.

 

Di ritorno

Leggi 8468 volte Ultima modifica sabato 23 luglio 2022 20:07

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti sulle malattie della pelle

Adams, RM. 1988. Aspetti medico-legali delle malattie professionali della pelle. Dermatol Clin 6:121.

—. 1990. Malattia professionale della pelle. 2a ed. Filadelfia: Saunders.

Agner, T. 1991. Suscettibilità dei pazienti con dermatite atopica alla dermatite irritante causata da sodio lauril solfato. A Derm-Ven 71:296-300.

Balch, CM, AN Houghton e L Peters. 1993. Melanoma cutaneo. In Cancer: Principles and Practice of Oncology, a cura di VTJ DeVita, S Hellman e SA Rosenberg. Filadelfia: JB Lippincott.

Beral, V, H Evans, H Shaw e G Milton. 1982. Melanoma maligno ed esposizione a luci fluorescenti sul posto di lavoro. Lancetta II: 290-293.

Berardinelli, SP. 1988. Prevenzione delle malattie professionali della pelle attraverso l'uso di guanti di protezione chimica. Dermatol Clin 6:115-119.

Bijan, S. 1993. Tumori della pelle. In Cancer: Principles & Practice of Oncology, a cura di VTJ DeVita, S Hellman e SA Rosenberg. Filadelfia: JB Lippincott.

Blair, A, S Hoar Zahm, NE Pearce, EF Heinerman e J Fraumeni. 1992. Indizi sull'eziologia del cancro dagli studi sugli agricoltori. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:209-215.

Commission de la santé et de la sécurité du travail. 1993. Statistiques sur les lesioni professionnelles de 1989. Québec: CSST.

Cronin, E. 1987. Dermatite delle mani nei ristoratori. Dermatite da contatto 17: 265-269.

De Groot, CA. 1994. Patch test: Concentrazioni di test e veicoli per 3,700 allergeni. 2a ed. Amsterdam: Elsevier.

Durocher, LP. 1984. La protezione della pelle nell'ambiente di lavoro. Le Médecin du Québec 19:103-105.

—. 1995. Les gants de latex sont-ils sans risque? Il medico del lavoro 30:25-27.

Durocher, LP e N Paquette. 1985. Les verrues multiples chez les travailleurs de l'alimentation. L'Union Médicale du Canada 115:642-646.

Ellwood, JM e HK Koh. 1994. Eziologia, epidemiologia, fattori di rischio e problemi di salute pubblica del melanoma. Curr Opin Oncol 6:179-187.

Gellin, GA. 1972. Dermatosi occupazionali. Chicago: associazione medica americana.

Guin, JD. 1995. Dermatite pratica da contatto. New York: McGraw Hill.

Hagmar, L, K Linden, A Nilsson, B Norrving, B Akesson, A Schutz e T Moller. 1992. Incidenza e mortalità di cancro fra il pescatore svedese del Mar Baltico. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:217-224.

Hannaford, PC, L Villard Mackintosh, MP Vessey e CR Kay. 1991. Contraccettivi orali e melanoma maligno. Br J Cancro 63:430-433.

Higginson, J, CS Muir e M Munoz. 1992. Cancro umano: epidemiologia e ambiente
Cause. Monografie di Cambridge sulla ricerca sul cancro. Cambridge, Regno Unito: CUP.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1983. Composti aromatici polinucleari, parte I, dati chimici, ambientali e sperimentali. Monografie sulla valutazione del rischio cancerogeno delle sostanze chimiche per l'uomo, n. 32. Lione: IARC.

—. 1984a. Composti aromatici polinucleari, parte 2, nerofumo, oli minerali e alcuni nitroareni. Monografie sulla valutazione del rischio cancerogeno delle sostanze chimiche per l'uomo, n. 33. Lione: IARC.

—. 1984b. Composti aromatici polinucleari, parte 3, esposizioni industriali nella produzione di alluminio, gassificazione del carbone, produzione di coke e fondazione di ferro e acciaio. Monografie sulla valutazione del rischio cancerogeno delle sostanze chimiche per l'uomo, n. 34. Lione: IARC.

—. 1985a. Composti aromatici polinucleari, Parte 4, Bitumi, catrami di carbone e prodotti derivati, oli di scisto e fuliggine. Monografie sulla valutazione del rischio cancerogeno delle sostanze chimiche per l'uomo, n. 35. Lione: IARC.

—. 1985b. Radiazioni solari e ultraviolette. Monografie sulla valutazione del rischio cancerogeno delle sostanze chimiche per l'uomo, n. 55. Lione: IARC.

—. 1987. Valutazioni complessive di cancerogenicità: un aggiornamento delle monografie IARC, volumi da 1 a 42. Monografie sui rischi cancerogeni per l'uomo. Suppl. 7. Lione: IARC

—. 1990. Cancro: cause, occorrenza e controllo. Pubblicazioni scientifiche IARC, n. 100. Lione: IARC.

—. 1992a. Incidenza del cancro nei cinque continenti. vol. VI. Pubblicazioni scientifiche IARC, n. 120. Lione: IARC.

—. 1992b. Radiazioni solari e ultraviolette. Monografie sulla valutazione dei rischi cancerogeni per l'uomo, n. 55. Lione: IARC.

—. 1993. Tendenze nell'incidenza e nella mortalità del cancro. Pubblicazioni scientifiche IARC, n. 121. Lione: IARC.

Koh, HK, TH Sinks, AC Geller, DR Miller e RA Lew. 1993. Eziologia del melanoma. Cura del cancro Ris 65:1-28.

Kricker, A, BK Armstrong, ME Jones e RC Burton. 1993. Salute, radiazione solare UV e cambiamenti ambientali. Relazione tecnica IARC, n. 13. Lione: IARC.

La Chapelle, JM, P Frimat, D Tennstedt e G Ducombs. 1992. Dermatologie professionnelle et de l'environnement. Parigi: Masson.

Mathias, T. 1987. Prevenzione della dermatite da contatto professionale. J Am Acad Dermatol 23:742-748.

Miller, D e MA Weinstock. 1994. Cancro della pelle non melanoma negli Stati Uniti: incidenza. J Am Acad Dermatol 30:774-778.

Nelemans, PJ, R Scholte, H Groenendal, LA Kiemeney, FH Rampen, DJ Ruiter e AL Verbeek. 1993. Melanoma e occupazione: risultati di uno studio caso-controllo nei Paesi Bassi. Brit J Ind Med 50:642-646.

Rietschel, RI, e JF Fowler Jr. 1995. Dermatite da contatto di Fisher. 4a ed. Baltimora: Williams & Wilkins.

Sahel, JA, JD Earl e DM Albert. 1993. Melanomi intraoculari. In Cancer: Principles & Practice of Oncology, a cura di VTJ DeVita, S Hellman e SA Rosenberg. Filadelfia: JB Lippincott.

Sasseville, D. 1995. Dermatosi occupazionali: utilizzo di buone capacità diagnostiche. Allergia 8:16-24.

Schubert, H, N Berova, A Czernielewski, E Hegyi e L Jirasek. 1987. Epidemiologia dell'allergia al nichel. Dermatite da contatto 16:122-128.

Siemiatycki J, M Gerin, R Dewar, L Nadon, R Lakhani, D Begin e L Richardson. 1991. Associazioni tra circostanze professionali e cancro. In Fattori di rischio per il cancro sul posto di lavoro, a cura di J Siematycki. Londra, Boca Raton: CRC Press.

Stidham, KR, JL Johnson e HF Seigler. 1994. Superiorità di sopravvivenza delle donne con melanoma. Un'analisi multivariata di 6383 pazienti che esplora il significato del genere nell'esito prognostico. Archivi di chirurgia 129: 316-324.

Turjanmaa, K. 1987. Incidenza di allergia immediata ai guanti in lattice nel personale ospedaliero. Dermatite da contatto 17:270-275.