Martedì, 08 marzo 2011 23: 32

Condizioni sistemiche: un'introduzione

Vota questo gioco
(0 voti )

L'ultima edizione di questo Enciclopedia non conteneva articoli né sulla sindrome dell'edificio malato (SBS) né sulla sensibilità chimica multipla (MCS) (quest'ultimo termine è stato coniato da Cullen, 1987). La maggior parte dei professionisti della medicina del lavoro non si sente a proprio agio con tali fenomeni guidati dai sintomi e spesso psicologicamente correlati, almeno in parte perché i pazienti con queste sindromi non rispondono in modo affidabile ai mezzi standard di intervento di salute sul lavoro, vale a dire la riduzione dell'esposizione. Anche i medici non professionali nella medicina generale reagiscono in modo simile: i pazienti con patologie poco verificabili, come quelli che lamentano sindrome da stanchezza cronica o fibromialgia, sono considerati più difficili da trattare (e generalmente si considerano più disabili) rispetto ai pazienti con condizioni deformanti come l'artrite reumatoide. C'è chiaramente meno imperativo normativo per la sindrome dell'edificio malato e le sensibilità chimiche multiple rispetto alle classiche sindromi occupazionali come l'intossicazione da piombo o la silicosi. Questo disagio da parte dei medici curanti e la mancanza di un adeguato orientamento normativo è un peccato, per quanto comprensibile possa essere, perché porta a minimizzare l'importanza di questi reclami sempre più comuni, anche se in gran parte soggettivi e non letali. Poiché molti lavoratori con queste condizioni dichiarano una disabilità totale e si possono trovare pochi esempi di cure, le sensibilità chimiche multiple e la sindrome dell'edificio malato presentano sfide importanti ai sistemi di compensazione.

Nel mondo sviluppato, poiché molte tossine occupazionali classiche sono meglio controllate, le sindromi sintomatiche, come quelle attualmente in esame associate a esposizioni di livello inferiore, stanno assumendo un crescente riconoscimento come significativi problemi economici e sanitari. I manager sono frustrati da queste condizioni per una serie di motivi. Poiché nella maggior parte delle giurisdizioni non esistono requisiti normativi chiari che coprano l'aria interna o gli individui ipersensibili (con l'importante eccezione delle persone con disturbi allergici riconosciuti), è impossibile per la direzione essere certa che siano conformi o meno. I livelli di contaminanti specifici dell'agente sviluppati per gli ambienti industriali, come i livelli di esposizione ammissibili (PEL) dell'Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro degli Stati Uniti (OSHA) o i valori limite di soglia (TLV) della Conferenza americana degli igienisti industriali governativi (ACGIH), chiaramente non sono in grado di prevenire o prevedere disturbi sintomatici nei lavoratori degli uffici e della scuola. Infine, a causa dell'apparente importanza della suscettibilità individuale e dei fattori psicologici come determinanti della risposta a bassi livelli di contaminanti, l'impatto degli interventi ambientali non è così prevedibile come molti vorrebbero prima che venga presa la decisione di impegnare scarse risorse edilizie o di manutenzione. Spesso, dopo che si sono verificati reclami, viene individuato un potenziale colpevole, ad esempio livelli elevati di composti organici volatili rispetto all'aria esterna, eppure, dopo la riparazione, i reclami persistono o si ripresentano.

I dipendenti che soffrono di sintomi della sindrome dell'edificio malato o di sensibilità chimiche multiple sono spesso meno produttivi e spesso accusatori quando la direzione o il governo sono riluttanti a impegnarsi in interventi che non possono essere previsti in modo affidabile per migliorare i sintomi. Chiaramente, i fornitori di medicina del lavoro sono tra i pochi individui chiave che potrebbero essere in grado di facilitare ragionevoli risultati intermedi a vantaggio di tutti gli interessati. Questo è vero indipendentemente dal fatto che una causa sottostante sia o meno bassi livelli di contaminanti, o anche nel raro caso di vera isteria di massa, che spesso può avere fattori scatenanti ambientali di basso livello. Usare abilità e sensibilità per affrontare, valutare e incorporare una combinazione di fattori nelle soluzioni è un approccio importante alla gestione.

La sindrome dell'edificio malato è la più contenuta e definibile delle due condizioni, e ha avuto persino definizioni stabilite dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (1987). Sebbene vi sia dibattito, sia in generale che in casi specifici, se una determinata lesione sia più attribuibile ai singoli lavoratori o all'edificio, è ampiamente riconosciuto, sulla base di studi di esposizione controllata con composti organici volatili, nonché di indagini epidemiologiche, che i fattori ambientali modificabili guidano i tipi di sintomi che sono inclusi nel seguente articolo intitolato Sindrome da costruzione malata. In quell'articolo, Michael Hodgson (1992) descrive in dettaglio la triade di fattori personali, di attività lavorativa e di costruzione che possono contribuire in varie proporzioni ai sintomi in una popolazione di lavoratori. Uno dei problemi principali consiste nel mantenere una buona comunicazione tra dipendente e datore di lavoro durante le indagini e i tentativi di riparazione. Gli operatori sanitari di solito richiedono una consulenza ambientale esperta per assistere nella valutazione e nella risoluzione dei focolai identificati.

La sensibilità chimica multipla è una condizione più problematica da definire rispetto alla sindrome dell'edificio malato. Alcune entità mediche organizzate, tra cui l'American Medical Association, hanno pubblicato documenti di posizione che mettono in discussione la base scientifica della diagnosi di questa condizione. Molti medici che praticano senza una rigorosa base scientifica hanno comunque difeso la validità di questa diagnosi. Si basano su test diagnostici non provati o sovrainterpretati come l'attivazione dei linfociti o l'imaging cerebrale e possono raccomandare trattamenti come terapie della sauna e megadosi di vitamine, pratiche che hanno in gran parte generato l'animosità di gruppi come l'American Medical Association. Tuttavia, nessuno nega che ci sia un gruppo di pazienti che si lamentano di diventare sintomatici in risposta a bassi livelli di sostanze chimiche ambientali. I loro sintomi costituzionali si sovrappongono a quelli di altre sindromi soggettive come la sindrome da stanchezza cronica e la fibromialgia. Questi sintomi includono dolore, affaticamento e confusione, peggiorano con un'esposizione chimica di basso livello e sono riportati essere presenti in una percentuale sostanziale di pazienti a cui sono state diagnosticate queste altre sindromi. Di grande importanza, ma ancora irrisolta, è la questione se i sintomi di sensibilità chimica siano acquisiti (e in che misura) a causa di una precedente sovraesposizione chimica o se, come nella situazione comunemente riportata, insorgano senza un importante evento scatenante identificato.

La sensibilità chimica multipla viene talvolta invocata come risultato in alcuni focolai di sindrome dell'edificio malato che non vengono risolti o migliorati dopo indagini e rimedi di routine. Qui è chiaro che la MCS affligge un individuo o un piccolo numero di persone, raramente una popolazione; è l'effetto su una popolazione che può anche essere un criterio per la sindrome dell'edificio malato secondo alcune definizioni. La MCS sembra essere endemica nelle popolazioni, mentre la sindrome dell'edificio malato è spesso epidemica; tuttavia, le indagini preliminari suggeriscono che un certo grado di sensibilità chimica (e stanchezza cronica) può verificarsi nelle epidemie, come è stato riscontrato tra i veterani americani del conflitto del Golfo Persico. Gli studi sull'esposizione controllata che hanno fatto molto per chiarire il ruolo dei composti organici volatili e degli irritanti nella sindrome dell'edificio malato devono ancora essere eseguiti in modo controllato per le sensibilità chimiche multiple.

Molti praticanti affermano di riconoscere la MCS quando la vedono, ma non esiste una definizione concordata. Può benissimo essere inclusa come una condizione che “si sovrappone” ad altre sindromi extraprofessionali come la sindrome da stanchezza cronica, la fibromialgia, il disturbo da somatizzazione ed altre. L'analisi della sua relazione sia con le diagnosi psichiatriche che con i primi rapporti suggerisce che quando l'insorgenza della sindrome è abbastanza definibile, c'è un tasso molto più basso di comorbilità psichiatrica diagnosticabile (Fiedler et al. 1996). Il fenomeno dei sintomi innescati dall'odore è distintivo, ma chiaramente non unico, e la misura in cui questa sia una condizione professionale è dibattuta. Questo è importante perché la definizione del Dr. Cullen (1987), come molte altre, descrive le sensibilità chimiche multiple come conseguenza di un disturbo professionale o ambientale meglio caratterizzato. Tuttavia, come affermato sopra, i sintomi che seguono l'esposizione a livelli ambientali di odori sono comuni tra gli individui sia con che senza diagnosi clinica, e può essere tanto importante esplorare le somiglianze tra MCS e altre condizioni quanto definire le differenze (Kipen et al. 1995; Buchwald e Garrity 1994).

 

Di ritorno

Leggi 4850 volte Ultima modifica Martedì, Ottobre 11 2011 21: 21
Altro in questa categoria: Sindrome da edificio malato »

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti alle condizioni sistemiche

Società americana di ingegneri del riscaldamento, della refrigerazione e del condizionamento dell'aria (ASHRAE). 1989. Standard 62-89: Ventilazione per una qualità dell'aria interna accettabile. Atlanta: ASHRAE.

Società americana per i test e i materiali (ASTM). 1984. Metodo di prova standard per la stima dell'irritazione sensoriale delle sostanze chimiche trasportate dall'aria. Filadelfia: ASTM.

Anon. 1990. Controlli ambientali e malattie polmonari. (Erratum in Am Rev Respir Dis 143(3):688, 1991 Am Rev Respir Dis 142:915-939.

Ashford, NA e CS Miller. 1991. Esposizioni chimiche: bassi livelli e alta posta in gioco. New York: Van Nostrand Reinhold.
Bascom, R. 1992. Sensibilità chimica multipla: un disturbo respiratorio? Toxicol Ind Health 8:221-228.

Bell, I. 1982. Ecologia clinica. Colinas, California: Common Knowledge Press.

Nero, DW, A Ruth e RB Goldstein. 1990. Malattia ambientale: uno studio controllato su 26 soggetti con malattia del 20° secolo. J Am Med Assoc 264:3166-3170.

Bolle-Wilson, K, RJ Wilson e ML Bleecker. 1988. Condizionamento dei sintomi fisici dopo l'esposizione neurotossica. J Occup Med 30:684-686.

Brodskij, CM. 1983. Fattori psicologici che contribuiscono alle malattie somatoformi attribuite al posto di lavoro. Il caso dell'intossicazione. J Occup Med 25:459-464.

Brown, SK, MR Sim, MJ Abramson e CN Gray. 1994. Concentrazioni di COV nell'aria interna. Aria interna 2:123-134.

Buchwald, D e D Garrity. 1994. Confronto di pazienti con sindrome da stanchezza cronica, fibromialgia e sensibilità chimica multipla. Arch Int Med 154:2049-2053.

Cullen, MR. 1987. Il lavoratore con sensibilità chimiche multiple: una panoramica. In Lavoratori con sensibilità chimiche multiple, a cura di M Cullen. Filadelfia: Hanley & Belfus.

—. 1994. Sensibilità chimiche multiple: esistono prove di un'estrema vulnerabilità del cervello alle sostanze chimiche ambientali? In Il cervello vulnerabile e i rischi ambientali, vol. 3, a cura di RL Isaacson e KIF Jensen. New York: Plenum.

Cullen, MR, PE Pace e CA Redlich. 1992. L'esperienza delle cliniche di medicina occupazionale e ambientale di Yale con MCS, 1986-1989. Toxicol Ind Health 8:15-19.

Fiedler, NL, H Kipen, J De Luca, K Kelly-McNeil e B Natelson. 1996. Un confronto controllato di sensibilità chimiche multiple e sindrome da stanchezza cronica. Psicosom Med 58:38-49.

Hodgson, M.J. 1992. Una serie di studi sul campo sulla sindrome dell'edificio malato. Ann NY Acad Sci 641:21-36.

Hodgson, MJ, H. Levin e P. Wolkoff. 1994. Composti organici volatili e aria interna (recensione). J Allergy Clin Immunol 94:296-303.

Kipen, HM, K Hallman, N Kelly-McNeil e N Fiedler. 1995. Misurazione della prevalenza della sensibilità chimica. Am J Sanità pubblica 85(4):574-577.

Levin, AS e VS Byers. 1987. Malattia ambientale: un disturbo della regolazione immunitaria. Stato Art Rev Occup Med 2: 669-682.

Lewis, B.M. 1987. Lavoratori con sensibilità chimiche multiple: interventi psicosociali. Stato Art Rev Occup Med 2: 791-800.

Mendel, MJ. 1993. Sintomi non specifici negli impiegati: una revisione e un riassunto della letteratura. Aria interna 4:227-236.

Middaugh, DA, SM Pinney e DH Linz. 1992. Sindrome dell'edificio malato: valutazione medica di due forze di lavoro. J Occup Med 34:1197-1204.

Miller, C.S. 1992. Possibili modelli per sensibilità chimica multipla: problemi concettuali e ruolo del sistema limbico. Toxicol Ind Salute: 181-202.

Mølhave, L, R Bach, e OF Pederson. 1986. Reazioni umane a basse concentrazioni di composti organici volatili. Ambiente Int 12:167-175.

Molhave, L e GD Nielsen. 1992. Interpretazione e limitazioni del concetto di “Composti organici volatili totali” (TVOC) come indicatore delle risposte umane all'esposizione di composti organici volatili (COV) nell'aria interna. Aria interna 2:65-77.

Robertson, A, PS Burge, A Hedge, S Wilson e J Harris-Bass. 1988. Relazione tra esposizione passiva al fumo di sigaretta e “malattia dell'edificio”. Torace 43:263P.

Schottenfeld, RS e MR Cullen. 1985. Disturbo da stress post-traumatico indotto dall'occupazione. Am J Psychol 142:198-202.

Selner, JC e H Strudenmayer. 1992. Osservazioni neuropsicofisiologiche in pazienti che presentano malattie ambientali. Toxicol Ind Health 8:145-156.

Shorter, E. 1992. Dalla paralisi alla fatica. New York: la stampa libera.

Simone, GE. 1992. MCS epidemico in ambiente industriale. Toxicol Ind Salute 8:41-46.

Simon, GE, W Daniel e H Stockbridge. 1993. Fattori immunologici, psicologici e neuropsicologici nella sensibilità chimica multipla. Ann Intern Med 19:97-103.

Sundell, J, T Lindvall, B Stenberg e S Wall. 1994. SBS negli impiegati e sintomi della pelle del viso tra i lavoratori VDT in relazione alle caratteristiche dell'edificio e della stanza: due studi di riferimento. Aria interna 2:83-94.

Wechsler, CJ. 1992. Chimica interna: ozono, composti organici volatili e tappeti. Environ Sci Technol 26:2371-2377.

Welch, LS e P. Sokas. 1992. Sviluppo di MCS dopo un focolaio di sindrome dell'edificio malato. Toxicol Ind Salute 8:47-50.

Boschi, J.E. 1989. Riduzione dei costi e produttività. Stato Art Rev Occup Med 4: 753-770.