Mercoledì, marzo 09 2011 00: 13

Sindrome da costruzione malata

Vota questo gioco
(3 voti )

Sindrome da edificio malato (SBS) è un termine utilizzato per descrivere il disagio e i sintomi medici degli impiegati che sono correlati alle caratteristiche dell'edificio, all'esposizione agli inquinanti e all'organizzazione del lavoro e che sono mediati da fattori di rischio personali. Esiste un'ampia gamma di definizioni, ma rimane disaccordo (a) sul fatto che un singolo individuo in un edificio possa sviluppare questa sindrome o se debba essere utilizzato un determinato criterio numerico (la proporzione interessata); e (b) per quanto riguarda le necessarie componenti dei sintomi. La Figura 1 elenca i sintomi comunemente inclusi nella SBS; negli ultimi anni, con una maggiore comprensione, i disturbi legati agli odori sono stati generalmente eliminati dall'elenco e i sintomi del torace sono stati inclusi nell'irritazione delle mucose. È necessario fare una distinzione fondamentale tra SBS e malattia correlata all'edificio (BRI), in cui irritazione, allergia o malattia verificabili come polmonite da ipersensibilità, asma o mal di testa indotto dal monossido di carbonio possono essere presenti come un focolaio associato a un edificio. La SBS dovrebbe anche essere distinta dalla sensibilità chimica multipla (MCS; vedi sotto) che è più sporadica nell'occorrenza, spesso si verifica all'interno di una popolazione SBS ed è molto meno reattiva alle modifiche dell'ambiente d'ufficio.

Figura 1. Sindrome dell'edificio malato.

SYS020T1

SBS dovrebbe essere simultaneamente vista e informata da tre diverse prospettive. Per gli operatori sanitari, il punto di vista è dal punto di vista della medicina e delle scienze della salute in quanto definiscono i sintomi legati al lavoro al chiuso e i meccanismi fisiopatologici associati. La seconda prospettiva è quella dell'ingegneria, compresa la progettazione, la messa in servizio, le operazioni, la manutenzione e la valutazione dell'esposizione per inquinanti specifici. La terza prospettiva include gli aspetti organizzativi, sociali e psicologici del lavoro.

Epidemiologia

Dalla metà degli anni '1970, il disagio degli impiegati sempre più espresso è stato studiato in modo formale. Questi hanno incluso studi epidemiologici sul campo che utilizzano un edificio o una postazione di lavoro come unità di campionamento per identificare fattori e cause di rischio, indagini basate sulla popolazione per definire la prevalenza, studi da camera sugli esseri umani per definire effetti e meccanismi e studi di intervento sul campo.

Studi trasversali e caso-controllo

Sono state pubblicate circa 30 indagini trasversali (Mendell 1993; Sundell et al. 1994). Molti di questi hanno incluso principalmente edifici "non problematici", selezionati a caso. Questi studi dimostrano costantemente un'associazione tra ventilazione meccanica e aumento della segnalazione dei sintomi. Ulteriori fattori di rischio sono stati definiti in diversi studi caso-controllo. La figura 2 presenta un raggruppamento di fattori di rischio ampiamente riconosciuti associati all'aumento dei tassi di reclami.

Molti di questi fattori si sovrappongono; Non si escludono a vicenda. Ad esempio, la presenza di pulizie e manutenzione inadeguate, la presenza di forti fonti di inquinamento indoor e una maggiore suscettibilità individuale possono portare a problemi molto maggiori rispetto alla presenza di un solo fattore.

Figura 2. Fattori di rischio e cause della sindrome dell'edificio malato.

SYS020T2

Le analisi dei fattori e delle componenti principali delle risposte al questionario nelle indagini trasversali hanno esplorato l'interrelazione di vari sintomi. Coerentemente, i sintomi relativi a singoli sistemi di organi si sono raggruppati più fortemente dei sintomi relativi a diversi sistemi di organi. Cioè, l'irritazione oculare, la lacrimazione oculare, la secchezza oculare e il prurito oculare sembrano essere tutti fortemente correlati e si ottengono pochi benefici osservando più sintomi all'interno di un sistema di organi.

Studi sull'esposizione controllata

I test sugli animali per determinare le proprietà e le soglie irritanti sono diventati standard. Un metodo di consenso dell'American Society for Testing and Materials (1984) è ampiamente considerato come lo strumento di base. Questo metodo è stato utilizzato per sviluppare relazioni struttura-attività, per dimostrare che nel nervo trigemino può esistere più di un recettore irritante e per esplorare le interazioni tra esposizioni multiple. Più di recente, è stato utilizzato per dimostrare le proprietà irritanti del degassamento delle apparecchiature per ufficio.

Analogamente a questo metodo, sono stati definiti diversi approcci per documentare i metodi e le relazioni dose-risposta per l'irritazione negli esseri umani. Questo lavoro nel frattempo suggerisce che, almeno per i composti "non reattivi" come gli idrocarburi alifatici saturi, la percentuale di saturazione della tensione di vapore di un composto è un ragionevole predittore della sua potenza irritante. Alcune prove supportano anche l'idea che l'aumento del numero di composti in miscele complesse riduca le soglie irritanti. Cioè, più agenti sono presenti, anche a massa costante, maggiore è l'irritazione.

Sono stati eseguiti studi sull'esposizione controllata di volontari in camere di acciaio inossidabile. La maggior parte è stata eseguita con una miscela costante di composti organici volatili (COV) (Mølhave e Nielsen 1992). Questi documentano costantemente le relazioni tra i sintomi e l'aumento dei livelli di esposizione. Gli impiegati che si percepivano come “suscettibili” agli effetti dei livelli abituali di COV al chiuso hanno dimostrato un certo deterioramento nei test standard delle prestazioni neuropsicologiche (Mølhave, Bach e Pederson 1986). I volontari sani, d'altra parte, hanno mostrato irritazione delle mucose e mal di testa a esposizioni comprese tra 10 e 25 mg/mXNUMX3, ma nessun cambiamento nelle prestazioni neuropsicologiche. Più di recente, gli impiegati hanno mostrato sintomi simili dopo aver simulato il lavoro in ambienti in cui sono stati generati inquinanti da apparecchiature per ufficio di uso comune. Gli animali hanno reagito in modo simile quando è stato utilizzato un test standardizzato di potenza irritante.

Studi basati sulla popolazione

Ad oggi, tre studi basati sulla popolazione sono stati pubblicati in Svezia, Germania e Stati Uniti. I questionari differivano notevolmente e quindi le stime di prevalenza non possono essere confrontate direttamente. Tuttavia, tra il 20 e il 35% degli intervistati provenienti da vari edifici non noti per essere malati ha avuto lamentele.

meccanismi

Sono stati identificati numerosi meccanismi potenziali e misure oggettive per spiegare ed esaminare i sintomi all'interno di sistemi di organi specifici. Nessuno di questi ha un alto valore predittivo per la presenza di malattia, e quindi non sono adatti per uso diagnostico clinico. Sono utili nella ricerca sul campo e nelle indagini epidemiologiche. Per molti di questi non è chiaro se debbano essere considerati meccanismi, marcatori di effetti o misure di suscettibilità.

Occhi

Entrambi i meccanismi allergici e irritanti sono stati proposti come spiegazioni per i sintomi oculari. Un tempo di rottura del film lacrimale più breve, una misura dell'instabilità del film lacrimale, è associato a un aumento dei livelli di sintomi. Sono state utilizzate anche la misurazione e la fotografia dello "spessore della schiuma grassa" per la documentazione dell'eritema oculare. Alcuni autori attribuiscono almeno in parte i sintomi oculari all'aumentata suscettibilità individuale misurata da questi fattori. Inoltre, è stato dimostrato che gli impiegati con sintomi oculari ammiccano meno frequentemente quando lavorano ai videoterminali.

Naso

Entrambi i meccanismi allergici e irritanti sono stati proposti come spiegazioni per i sintomi nasali. Le misure che sono state utilizzate con successo includono tamponi nasali (eosinofili), lavanda nasale o biopsia, rinometria acustica (volume nasale), rinomanometria anteriore e posteriore (pletismografia) e misure di iperreattività nasale.

Sistema nervoso centrale

I test neuropsicologici sono stati utilizzati per documentare una diminuzione delle prestazioni nei test standardizzati, sia in funzione dell'esposizione controllata (Mølhave, Bach e Pederson 1986) sia in funzione della presenza di sintomi (Middaugh, Pinney e Linz 1982).

Fattori di rischio individuali

Sono stati discussi due insiemi di fattori di rischio individuali. In primo luogo, due diatesi comunemente riconosciute, atopia e seborrea, sono considerate fattori predisponenti per sintomi definiti dal punto di vista medico. In secondo luogo, le variabili psicologiche possono essere importanti. Ad esempio, tratti personali come ansia, depressione o ostilità sono associati alla suscettibilità al ruolo malato. Allo stesso modo, lo stress da lavoro è così costantemente associato a sintomi legati all'edilizia che è probabile che sia presente qualche associazione causale. Quale delle tre componenti dello stress lavorativo - tratti individuali, capacità di coping e funzione organizzativa come stili di gestione scadenti - è la causa dominante rimane indeterminata. È riconosciuto che il mancato intervento su un problema ben definito porta i lavoratori a vivere il proprio disagio con crescente angoscia.

Ingegneria e fonti

A partire dalla fine degli anni '1970, il National Institute for Occupational Safety and Health (NIOSH) degli Stati Uniti ha risposto alle richieste di aiuto nell'identificare le cause del disagio degli occupanti negli edifici, attribuendo problemi ai sistemi di ventilazione (50%), alla contaminazione microbiologica (dal 3 al 5%) , forti fonti di inquinamento indoor (tabacco 3%, altri 14%), inquinanti trascinati dall'esterno (15%) e altri. D'altra parte, Woods (1989) e Robertson (et al. 1988) hanno pubblicato due note serie di analisi ingegneristiche di edifici problematici, documentando in media la presenza di tre potenziali fattori causali in ciascun edificio.

Un attuale standard di ventilazione professionale (American Society of Heating, Refrigerating, and Aircondition Engineers (1989) suggerisce due approcci alla ventilazione: una procedura relativa alla velocità di ventilazione e una procedura relativa alla qualità dell'aria. La prima fornisce un approccio tabellare ai requisiti di ventilazione: gli edifici per uffici richiedono 20 cubi piedi di aria esterna per occupante al minuto per mantenere i tassi di disagio ambientale lamentati dagli occupanti al di sotto del 20%. Ciò presuppone fonti di inquinamento relativamente deboli. Quando sono presenti fonti più forti, lo stesso tasso fornirà meno soddisfazione. Ad esempio, quando è consentito fumare a tassi abituali (secondo i dati dei primi anni '1980), circa il 30% degli occupanti lamenterà disagio ambientale.Il secondo approccio richiede la selezione di una concentrazione target nell'aria (particolato, COV, formaldeide, ecc.), informazioni sui tassi di emissione (inquinante per volta per massa o superficie) e deriva i requisiti di ventilazioneuna procedura intellettualmente molto più soddisfacente, rimane sfuggente a causa dei dati sulle emissioni inadeguati e del disaccordo sulle concentrazioni target.

Inquinanti

Gli scienziati ambientali hanno generalmente definito l'esposizione e gli effetti sulla salute in base all'inquinante per inquinante. L'American Thoracic Society (1988) ha definito sei categorie importanti, elencate nella figura 3.

Figura 3. Principali categorie di inquinanti.

SYS020T3

Sono stati stabiliti criteri ambientali per molte delle singole sostanze di questi sei gruppi. L'utilità e l'applicabilità di tali criteri per gli ambienti interni è controversa per molte ragioni. Ad esempio, gli obiettivi dei valori limite di soglia spesso non includono la prevenzione dell'irritazione oculare, una lamentela comune negli ambienti interni con requisiti per il lavoro con gli occhi ravvicinati presso le unità video. Per la maggior parte delle categorie di inquinanti, il problema delle interazioni, comunemente denominato “problema dei contaminanti multipli”, rimane definito in modo inadeguato. Anche per gli agenti che si ritiene influenzino lo stesso recettore, come aldeidi, alcoli e chetoni, non esistono modelli predittivi ben stabiliti. Infine, la definizione di "composti rappresentativi" per la misurazione non è chiara. Cioè, gli inquinanti devono essere misurabili, ma le miscele complesse variano nella loro composizione. Non è chiaro, ad esempio, se il fastidio cronico dell'odore residuo dovuto al fumo di tabacco ambientale si correli meglio con nicotina, particolato, monossido di carbonio o altri inquinanti. La misura dei “composti organici volatili totali” è invece considerata un concetto interessante, ma non è utile ai fini pratici in quanto i vari componenti hanno effetti radicalmente diversi (Mølhave e Nielsen 1992; Brown et al. 1994). Le particelle interne possono differire nella composizione dalle loro controparti esterne, poiché le dimensioni dei filtri influenzano le concentrazioni trascinate e le fonti interne possono differire da quelle esterne. Ci sono anche problemi di misurazione, poiché le dimensioni dei filtri utilizzati influenzeranno le particelle raccolte. Potrebbero essere necessari filtri diversi per le misurazioni all'interno.

Infine, i dati emergenti suggeriscono che gli inquinanti interni reattivi possono interagire con altri inquinanti e portare a nuovi composti. Ad esempio, la presenza di ozono, proveniente da macchine da ufficio o trascinato dall'esterno, può interagire con il 4-fenilcicloesene e generare aldeidi (Wechsler 1992).

Teorie eziologiche primarie

Solventi organici

Gli edifici hanno sempre fatto affidamento su strategie generali di diluizione per la rimozione degli inquinanti, ma i progettisti hanno ipotizzato che gli esseri umani fossero la fonte primaria di inquinanti. Più di recente, le emissioni di "materiali solidi" (come scrivanie in truciolare, moquette e altri mobili), di prodotti umidi (come colle, pitture murali, toner per macchine da ufficio) e prodotti per la persona (profumi) sono state riconosciute come contributori a un miscela complessa di livelli molto bassi di singoli inquinanti (riassunti in Hodgson, Levin e Wolkoff 1994).

Diversi studi suggeriscono che la presenza di composti organici volatili reattivi, come aldeidi e idrocarburi alogenati, è associata a livelli crescenti di sintomi. Gli uffici con tassi di reclami più elevati hanno avuto una maggiore "perdita" di VOC tra l'aria in entrata e in uscita rispetto agli uffici con minori reclami. In uno studio prospettico sulle scuole, i COV a catena corta sono stati associati allo sviluppo dei sintomi. In un'altra indagine, campioni personali più elevati per COV utilizzando un campionatore di screening che "reagisce in modo eccessivo" a COV reattivi, come aldeidi e idrocarburi alogenati, sono stati associati a livelli di sintomi più elevati. In quello studio, le donne avevano livelli più elevati di VOC nella loro zona di respirazione, suggerendo un'altra potenziale spiegazione per l'aumento del tasso di disturbi tra le donne. I COV potrebbero adsorbirsi su pozzi, come superfici soffici, ed essere riemessi da tali fonti secondarie. Anche l'interazione dell'ozono e dei COV relativamente non irritanti per formare aldeidi è coerente con questa ipotesi.

La presenza di molteplici fonti potenziali, la coerenza degli effetti sulla salute dei COV e dei sintomi di SBS e i problemi ampiamente riconosciuti associati ai sistemi di ventilazione rendono i COV un attraente agente eziologico. Soluzioni diverse da una migliore progettazione e funzionamento dei sistemi di ventilazione includono la selezione di inquinanti a bassa emissione, una migliore pulizia e la prevenzione della "chimica interna".

Bioaerosol

Diversi studi hanno suggerito che i bioaerosol hanno il potenziale per contribuire al disagio degli occupanti. Possono farlo attraverso diversi meccanismi: emissioni irritanti; rilascio di frammenti, spore o organismi vitali che portano all'allergia; e secrezione di tossine complesse. Esistono meno dati a supporto di questa teoria rispetto alle altre. Tuttavia, è chiaro che i sistemi di riscaldamento, ventilazione e condizionamento dell'aria possono essere fonti di microrganismi.

Sono stati descritti anche nei materiali da costruzione (a causa di una polimerizzazione impropria), a causa di infiltrazioni d'acqua indesiderate e nella polvere degli uffici. La presenza di sensibilizzanti nell'ambiente d'ufficio, come acari della polvere o peli di gatto portati da casa sui vestiti, presenta un'altra possibilità di esposizione. Nella misura in cui gli agenti biologici contribuiscono al problema, la gestione dello sporco e dell'acqua diventa strategie primarie di controllo.

Inoltre, i funghi tossigeni possono essere trovati su altri prodotti porosi negli edifici, tra cui pannelli per controsoffitti, isolanti spray e travetti in legno. Soprattutto negli ambienti residenziali, la proliferazione fungina associata a un inadeguato controllo dell'umidità è stata associata a sintomi.

Aspetti psicosociali del lavoro

In tutti gli studi in cui è stato esaminato, lo "stress da lavoro" è stato chiaramente associato ai sintomi della SBS. La percezione dei lavoratori delle pressioni sul lavoro, dei conflitti di lavoro e dei fattori di stress non lavorativi come le richieste del coniuge o dei genitori può chiaramente portare all'esperienza soggettiva di un'irritazione "più forte" in funzione del comportamento di malattia. A volte, tali percezioni possono in realtà derivare da cattive pratiche di vigilanza. Inoltre, si ritiene che la presenza di sostanze irritanti che portano all'irritazione soggettiva porti allo "stress da lavoro".

Valutazione del paziente

L'esame dovrebbe essere diretto all'identificazione o all'esclusione di una componente significativa della malattia correlata all'edificio (BRI). La malattia allergica dovrebbe essere identificata e gestita in modo ottimale. Tuttavia, questo deve essere fatto con la consapevolezza che i meccanismi non allergici possono contribuire a un sostanziale carico residuo di sintomi. A volte gli individui possono essere rassicurati sull'assenza di una chiara malattia da studi come il monitoraggio portatile del picco di flusso o test di funzionalità polmonare prima e dopo il lavoro. Una volta che tale malattia osservabile o patologicamente verificabile è stata esclusa, la valutazione dell'edificio stesso diventa fondamentale e dovrebbe essere effettuata con input di igiene industriale o ingegneria. La documentazione, la gestione e la risoluzione dei problemi individuati è discussa in Controllo dell'ambiente interno.

Conclusione

SBS è un fenomeno che può essere sperimentato da un individuo, ma di solito è visto in gruppi; è associato a carenze ingegneristiche ed è probabilmente causato da una serie di inquinanti e categorie di inquinanti. Come per tutte le "malattie", una componente della psicologia personale funge da modificatore dell'effetto che può portare a vari gradi di intensità dei sintomi a un dato livello di disagio.

 

Di ritorno

Leggi 17241 volte Ultima modifica Martedì, Ottobre 11 2011 21: 20

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti alle condizioni sistemiche

Società americana di ingegneri del riscaldamento, della refrigerazione e del condizionamento dell'aria (ASHRAE). 1989. Standard 62-89: Ventilazione per una qualità dell'aria interna accettabile. Atlanta: ASHRAE.

Società americana per i test e i materiali (ASTM). 1984. Metodo di prova standard per la stima dell'irritazione sensoriale delle sostanze chimiche trasportate dall'aria. Filadelfia: ASTM.

Anon. 1990. Controlli ambientali e malattie polmonari. (Erratum in Am Rev Respir Dis 143(3):688, 1991 Am Rev Respir Dis 142:915-939.

Ashford, NA e CS Miller. 1991. Esposizioni chimiche: bassi livelli e alta posta in gioco. New York: Van Nostrand Reinhold.
Bascom, R. 1992. Sensibilità chimica multipla: un disturbo respiratorio? Toxicol Ind Health 8:221-228.

Bell, I. 1982. Ecologia clinica. Colinas, California: Common Knowledge Press.

Nero, DW, A Ruth e RB Goldstein. 1990. Malattia ambientale: uno studio controllato su 26 soggetti con malattia del 20° secolo. J Am Med Assoc 264:3166-3170.

Bolle-Wilson, K, RJ Wilson e ML Bleecker. 1988. Condizionamento dei sintomi fisici dopo l'esposizione neurotossica. J Occup Med 30:684-686.

Brodskij, CM. 1983. Fattori psicologici che contribuiscono alle malattie somatoformi attribuite al posto di lavoro. Il caso dell'intossicazione. J Occup Med 25:459-464.

Brown, SK, MR Sim, MJ Abramson e CN Gray. 1994. Concentrazioni di COV nell'aria interna. Aria interna 2:123-134.

Buchwald, D e D Garrity. 1994. Confronto di pazienti con sindrome da stanchezza cronica, fibromialgia e sensibilità chimica multipla. Arch Int Med 154:2049-2053.

Cullen, MR. 1987. Il lavoratore con sensibilità chimiche multiple: una panoramica. In Lavoratori con sensibilità chimiche multiple, a cura di M Cullen. Filadelfia: Hanley & Belfus.

—. 1994. Sensibilità chimiche multiple: esistono prove di un'estrema vulnerabilità del cervello alle sostanze chimiche ambientali? In Il cervello vulnerabile e i rischi ambientali, vol. 3, a cura di RL Isaacson e KIF Jensen. New York: Plenum.

Cullen, MR, PE Pace e CA Redlich. 1992. L'esperienza delle cliniche di medicina occupazionale e ambientale di Yale con MCS, 1986-1989. Toxicol Ind Health 8:15-19.

Fiedler, NL, H Kipen, J De Luca, K Kelly-McNeil e B Natelson. 1996. Un confronto controllato di sensibilità chimiche multiple e sindrome da stanchezza cronica. Psicosom Med 58:38-49.

Hodgson, M.J. 1992. Una serie di studi sul campo sulla sindrome dell'edificio malato. Ann NY Acad Sci 641:21-36.

Hodgson, MJ, H. Levin e P. Wolkoff. 1994. Composti organici volatili e aria interna (recensione). J Allergy Clin Immunol 94:296-303.

Kipen, HM, K Hallman, N Kelly-McNeil e N Fiedler. 1995. Misurazione della prevalenza della sensibilità chimica. Am J Sanità pubblica 85(4):574-577.

Levin, AS e VS Byers. 1987. Malattia ambientale: un disturbo della regolazione immunitaria. Stato Art Rev Occup Med 2: 669-682.

Lewis, B.M. 1987. Lavoratori con sensibilità chimiche multiple: interventi psicosociali. Stato Art Rev Occup Med 2: 791-800.

Mendel, MJ. 1993. Sintomi non specifici negli impiegati: una revisione e un riassunto della letteratura. Aria interna 4:227-236.

Middaugh, DA, SM Pinney e DH Linz. 1992. Sindrome dell'edificio malato: valutazione medica di due forze di lavoro. J Occup Med 34:1197-1204.

Miller, C.S. 1992. Possibili modelli per sensibilità chimica multipla: problemi concettuali e ruolo del sistema limbico. Toxicol Ind Salute: 181-202.

Mølhave, L, R Bach, e OF Pederson. 1986. Reazioni umane a basse concentrazioni di composti organici volatili. Ambiente Int 12:167-175.

Molhave, L e GD Nielsen. 1992. Interpretazione e limitazioni del concetto di “Composti organici volatili totali” (TVOC) come indicatore delle risposte umane all'esposizione di composti organici volatili (COV) nell'aria interna. Aria interna 2:65-77.

Robertson, A, PS Burge, A Hedge, S Wilson e J Harris-Bass. 1988. Relazione tra esposizione passiva al fumo di sigaretta e “malattia dell'edificio”. Torace 43:263P.

Schottenfeld, RS e MR Cullen. 1985. Disturbo da stress post-traumatico indotto dall'occupazione. Am J Psychol 142:198-202.

Selner, JC e H Strudenmayer. 1992. Osservazioni neuropsicofisiologiche in pazienti che presentano malattie ambientali. Toxicol Ind Health 8:145-156.

Shorter, E. 1992. Dalla paralisi alla fatica. New York: la stampa libera.

Simone, GE. 1992. MCS epidemico in ambiente industriale. Toxicol Ind Salute 8:41-46.

Simon, GE, W Daniel e H Stockbridge. 1993. Fattori immunologici, psicologici e neuropsicologici nella sensibilità chimica multipla. Ann Intern Med 19:97-103.

Sundell, J, T Lindvall, B Stenberg e S Wall. 1994. SBS negli impiegati e sintomi della pelle del viso tra i lavoratori VDT in relazione alle caratteristiche dell'edificio e della stanza: due studi di riferimento. Aria interna 2:83-94.

Wechsler, CJ. 1992. Chimica interna: ozono, composti organici volatili e tappeti. Environ Sci Technol 26:2371-2377.

Welch, LS e P. Sokas. 1992. Sviluppo di MCS dopo un focolaio di sindrome dell'edificio malato. Toxicol Ind Salute 8:47-50.

Boschi, J.E. 1989. Riduzione dei costi e produttività. Stato Art Rev Occup Med 4: 753-770.