Martedì, 25 gennaio 2011 14: 03

Valutazione del rischio per la salute

Vota questo gioco
(0 voti )

Introduzione

Negli ultimi decenni, la valutazione del rischio sanitario (HRA), nota anche come valutazione dei rischi per la salute o valutazione del rischio per la salute, è diventata sempre più popolare, principalmente negli Stati Uniti, come strumento per promuovere la consapevolezza della salute e motivare il cambiamento comportamentale. Viene anche utilizzato come introduzione allo screening sanitario periodico o come suo sostituto e, quando aggregato per un gruppo di individui, come base per identificare gli obiettivi per un programma di educazione sanitaria o di promozione della salute da progettare per loro. Si basa sul seguente concetto:

  • Individui apparentemente sani e asintomatici possono essere a rischio di sviluppare un processo patologico che può causare morbilità in futuro e può portare a morte prematura.
  • I fattori che portano a tale rischio possono essere identificati.
  • Alcuni di questi fattori di rischio possono essere eliminati o controllati prevenendo o attenuando il processo patologico e prevenendo o ritardando la morbilità e la mortalità.

 

Lo sviluppo dell'HRA negli anni '1940 e '1950 è attribuito al Dr. Lewis Robbins, che lavorava allo studio prospettico di Framingham sulle malattie cardiache e successivamente al National Cancer Institute (Beery et al. 1986). Gli anni '1960 videro lo sviluppo di ulteriori modelli e, nel 1970, Robbins e Hall produssero il lavoro fondamentale che definì la tecnica, descrisse gli strumenti di indagine e il calcolo del rischio e delineasse la strategia di feedback del paziente (Robbins e Hall 1970).

L'interesse per l'HRA e la promozione della salute in generale è stato stimolato da una crescente consapevolezza dell'importanza del controllo dei fattori di rischio come elemento base nella promozione della salute, dall'evoluzione dell'uso dei computer per la raccolta e l'analisi dei dati e, soprattutto negli Stati Uniti, dalla crescente preoccupazione per l'aumento dei costi dell'assistenza sanitaria e la speranza che la prevenzione delle malattie possa rallentare la sua spirale ascendente di crescita. Nel 1982, Edward Wagner ei suoi colleghi dell'Università della Carolina del Nord furono in grado di identificare 217 fornitori di HRA pubblici e privati ​​negli Stati Uniti (Wagner et al. 1982). Molti di questi sono da allora scomparsi dalla scena ma sono stati sostituiti, almeno in misura limitata, da nuovi entranti nel mercato. Secondo un rapporto del 1989 di un'indagine su un campione casuale di cantieri statunitensi, il 29.5% ha svolto attività di HRA; per i cantieri con più di 750 dipendenti tale percentuale sale al 66% (Fielding 1989). L'uso di HRA in altri paesi è notevolmente diminuito.

Cos'è l'HRA?

Ai fini di questo articolo, un HRA è definito come uno strumento per la valutazione dei rischi per la salute che ha tre elementi essenziali:

  1. Un questionario autosomministrato che indaga sul profilo demografico dell'individuo, il background medico, la storia familiare, le abitudini personali e lo stile di vita. Queste informazioni sono spesso integrate da misurazioni biomediche come altezza, peso, pressione sanguigna e spessore delle pieghe della pelle e dati relativi ai risultati delle analisi delle urine, del livello di colesterolo nel sangue e di altri test di laboratorio, riportati dall'individuo o presi come parte di il processo.
  2. Una stima quantitativa del rischio futuro di morte o di altri esiti avversi dell'individuo per cause specifiche basata su un confronto delle risposte dell'individuo a dati epidemiologici, statistiche nazionali sulla mortalità e calcoli attuariali. Alcuni questionari sono autovalutati: i punti vengono assegnati alla risposta a ciascuna domanda e quindi aggiunti per ricavare un punteggio di rischio. Con il software per computer appropriato, le risposte possono essere inserite in un microcomputer che calcolerà il punteggio. Molto spesso i questionari completati vengono inoltrati a un punto centrale per l'elaborazione in batch ei singoli risultati vengono spediti o consegnati ai partecipanti.
  3. Feedback all'individuo con suggerimenti per cambiamenti nello stile di vita e altre azioni che potrebbero migliorare il benessere e ridurre il rischio di malattia o morte prematura.

 

In origine, la stima del rischio totale era presentata come un singolo numero che poteva essere ridotto a un valore "normale" o anche a valori inferiori al normale (rispetto alla popolazione generale) implementando i cambiamenti comportamentali suggeriti. Per rendere i risultati più grafici e convincenti, il rischio è ora talvolta espresso come "età della salute" o "età del rischio" da confrontare con l'età cronologica dell'individuo e "età raggiungibile" come obiettivo per gli interventi. Ad esempio, un rapporto potrebbe dire: "La tua età attuale è 35 ma hai l'aspettativa di vita di una persona di 42 anni. Seguendo queste raccomandazioni, potresti ridurre la tua età a rischio a 32 anni, aggiungendo così dieci anni alla tua durata di vita prevista. "

Invece di confrontare lo stato di salute dell'individuo con la "norma" per la popolazione generale, alcuni HRA offrono un punteggio di "salute ottimale": il miglior punteggio ottenibile che potrebbe essere raggiunto seguendo tutte le raccomandazioni. Questo approccio sembra essere particolarmente utile per guidare i giovani, che potrebbero non aver ancora accumulato rischi significativi per la salute, verso uno stile di vita ottimamente desiderabile.

L'uso di una "età di rischio" o di un singolo numero per rappresentare lo stato di rischio composito dell'individuo può essere fuorviante: un fattore di rischio significativo può essere statisticamente compensato da punteggi "buoni" nella maggior parte delle altre aree e portare a un falso senso di sicurezza. Ad esempio, una persona con pressione sanguigna normale, un basso livello di colesterolo nel sangue e una buona storia familiare che fa esercizio fisico e indossa le cinture di sicurezza dell'automobile può ottenere un buon punteggio di rischio nonostante fumi sigarette. Ciò suggerisce l'opportunità di concentrarsi su ciascun elemento di rischio "superiore alla media" invece di fare affidamento solo sul punteggio composito.

L'HRA non deve essere confuso con i questionari sullo stato di salute utilizzati per classificare l'idoneità dei pazienti a trattamenti particolari o per valutarne gli esiti, né con la varietà di strumenti utilizzati per valutare il grado di disabilità, la salute mentale, il disagio sanitario o il funzionamento sociale , sebbene tali scale siano talvolta incorporate in alcuni HRA.

Questionario HRA

Sebbene l'HRA sia talvolta utilizzato come preludio o parte di una visita medica periodica, pre-assunzione o pre-collocamento, di solito viene offerto in modo indipendente come esercizio volontario. Sono in uso molte varietà di questionari HRA. Alcuni sono limitati a domande fondamentali che alimentano direttamente i calcoli dell'età a rischio. In altri, queste domande fondamentali sono intervallate da ulteriori argomenti medici e comportamentali: storia medica più ampia; percezioni dello stress; scale per misurare l'ansia, la depressione e altri disturbi psicologici; nutrizione; uso di servizi preventivi; abitudini personali e persino relazioni interpersonali. Alcuni fornitori consentono agli acquirenti di aggiungere domande al questionario, sebbene le risposte a queste non siano solitamente incorporate nei calcoli del rischio per la salute.

Quasi tutte le HRA utilizzano ormai moduli con caselle da spuntare o da compilare a matita per l'inserimento informatico a mano o tramite scanner ottico. Di norma, i questionari completati vengono raccolti ed elaborati in batch, internamente o dal fornitore HRA. Per incoraggiare la fiducia nella riservatezza del programma, a volte i questionari compilati vengono spediti direttamente al fornitore per l'elaborazione ei rapporti vengono spediti a casa dei partecipanti. In alcuni programmi, solo i risultati "normali" vengono inviati ai partecipanti, mentre i dipendenti con risultati che richiedono un intervento sono invitati a colloqui privati ​​con persone del personale addestrate che li interpretano e delineano le azioni correttive indicate. Un maggiore accesso ai personal computer e una più diffusa familiarità con il loro utilizzo hanno portato allo sviluppo di programmi software interattivi che consentono l'inserimento diretto delle risposte in un microcomputer e il calcolo e il feedback immediati dei risultati insieme a raccomandazioni per la riduzione del rischio. Questo approccio lascia all'individuo la possibilità di prendere l'iniziativa di chiedere aiuto a una persona dello staff quando è necessario chiarire i risultati e le loro implicazioni. Tranne quando il programma software consente l'archiviazione dei dati o il loro trasferimento a una banca dati centralizzata, questo approccio non fornisce informazioni per il follow-up sistematico e preclude lo sviluppo di report aggregati.

Gestione del programma

La responsabilità della gestione del programma HRA è solitamente assegnata ai rispettivi direttori del servizio di salute dei dipendenti, del programma di benessere o, meno frequentemente, del programma di assistenza ai dipendenti. Molto spesso, tuttavia, è organizzato e supervisionato dal personale/personale delle risorse umane. In alcuni casi viene creato un comitato consultivo, spesso con la partecipazione di dipendenti o sindacati. I programmi incorporati nella routine operativa dell'organizzazione sembrano funzionare più agevolmente di quelli che esistono come progetti in qualche modo isolati (Beery et al. 1986). L'ubicazione organizzativa del programma può essere un fattore per la sua accettazione da parte dei dipendenti, in particolare quando la riservatezza delle informazioni sanitarie personali è un problema. Per escludere tale preoccupazione, il questionario compilato viene solitamente spedito in busta chiusa al venditore, che elabora i dati e spedisce la relazione individuale (anch'essa in busta chiusa) direttamente a casa del partecipante.

Per migliorare la partecipazione al programma, la maggior parte delle organizzazioni pubblicizza il programma attraverso dispense preliminari, poster e articoli nella newsletter aziendale. Occasionalmente, vengono offerti incentivi (ad es. magliette, libri e altri premi) per il completamento dell'esercizio e potrebbero esserci anche premi in denaro (ad es. riduzione del contributo del dipendente ai premi dell'assicurazione sanitaria) per la riuscita riduzione del rischio in eccesso. Alcune organizzazioni programmano riunioni in cui i dipendenti vengono informati sugli scopi e sulle procedure del programma e vengono istruiti a completare il questionario. Alcuni, invece, si limitano a distribuire un questionario con istruzioni scritte a ciascun dipendente (e, se previsto dal programma, a ciascuna persona a carico). In alcuni casi, vengono distribuiti uno o più promemoria per completare e spedire il questionario al fine di aumentare la partecipazione. In ogni caso, è importante disporre di una risorsa designata, all'interno dell'organizzazione o presso il fornitore del programma HRA, a cui rivolgere le domande di persona o per telefono. Può essere importante notare che, anche quando il questionario non viene completato e restituito, la semplice lettura può rafforzare le informazioni provenienti da altre fonti e favorire una consapevolezza della salute che può influenzare favorevolmente il comportamento futuro.

Molti dei moduli richiedono informazioni cliniche che l'intervistato può avere o meno. In alcune organizzazioni, il personale del programma misura effettivamente l'altezza, il peso, la pressione sanguigna e lo spessore delle pieghe della pelle e raccoglie campioni di sangue e urina per le analisi di laboratorio. I risultati vengono poi integrati con le risposte al questionario; ove tali dati non vengano inseriti, il programma informatico può inserire automaticamente dati rappresentativi delle “norme” per persone dello stesso sesso ed età.

Il tempo di risposta (il tempo che intercorre tra la compilazione del questionario e la ricezione dei risultati) può essere un fattore significativo nel valore del programma. La maggior parte dei fornitori promette la consegna dei risultati in un periodo compreso tra dieci giorni e due settimane, ma l'elaborazione in batch e i ritardi degli uffici postali possono prolungare questo periodo. Nel momento in cui i rapporti vengono ricevuti, alcuni partecipanti potrebbero aver dimenticato come hanno risposto e potrebbero essersi dissociati dal processo; per ovviare a questa possibilità, alcuni fornitori restituiscono il questionario compilato o includono le risposte chiave dell'individuo nel rapporto.

Rapporti all'individuo

I rapporti possono variare da una dichiarazione di risultati e raccomandazioni di una sola pagina a una brochure di oltre 20 pagine piena di grafici e illustrazioni multicolori e spiegazioni estese della rilevanza dei risultati e dell'importanza delle raccomandazioni. Alcuni si basano quasi interamente su informazioni generali prestampate, mentre in altri il computer genera un rapporto interamente personalizzato. In alcuni programmi in cui l'esercizio è stato ripetuto e sono stati conservati i dati precedenti, vengono forniti i confronti dei risultati attuali con quelli registrati in precedenza; questo può fornire un senso di gratificazione che può servire come ulteriore motivazione per la modifica del comportamento.

Una chiave per il successo di un programma è la disponibilità di un professionista della salute o di un consulente qualificato che possa spiegare l'importanza dei risultati e offrire un programma individualizzato di interventi. Tale consulenza personalizzata può essere estremamente utile per placare l'ansia inutile che potrebbe essere stata generata da un'errata interpretazione dei risultati, per aiutare le persone a stabilire priorità di cambiamento comportamentale e per indirizzarle alle risorse per l'implementazione.

Segnalazioni all'Organizzazione

Nella maggior parte dei programmi, i singoli risultati sono riassunti in un rapporto aggregato inviato al datore di lavoro o all'organizzazione promotrice. Tali rapporti tabulano la demografia dei partecipanti, a volte per posizione geografica e classificazione professionale, e analizzano la gamma ei livelli di rischi per la salute scoperti. Un certo numero di fornitori di HRA include proiezioni dell'aumento dei costi sanitari che potrebbero essere sostenuti dai dipendenti ad alto rischio. Questi dati sono estremamente preziosi nella progettazione di elementi per il programma di promozione della salute e del benessere dell'organizzazione e nello stimolare la considerazione dei cambiamenti nella struttura del lavoro, nell'ambiente di lavoro e nella cultura del posto di lavoro che promuoveranno la salute e il benessere della forza lavoro.

Si precisa che la validità del report aggregato dipende dal numero dei dipendenti e dal livello di partecipazione al programma HRA. I partecipanti al programma tendono ad essere più attenti alla salute e, quando il loro numero è relativamente piccolo, i loro punteggi potrebbero non riflettere accuratamente le caratteristiche dell'intera forza lavoro.

Follow-up e valutazione

L'efficacia del programma HRA può essere accresciuta da un sistema di follow-up per ricordare ai partecipanti le raccomandazioni e incoraggiarne il rispetto. Ciò può comportare memorandum indirizzati individualmente, consulenza individuale da parte di un medico, infermiere o educatore sanitario o riunioni di gruppo. Tale follow-up è particolarmente importante per le persone ad alto rischio.

La valutazione del programma HRA dovrebbe iniziare con una tabulazione del livello di partecipazione, preferibilmente analizzato in base a caratteristiche quali età, sesso, posizione geografica o unità lavorativa, lavoro e livello di istruzione. Tali dati possono identificare differenze nell'accettazione del programma che potrebbero suggerire cambiamenti nel modo in cui viene presentato e pubblicizzato.

Una maggiore partecipazione agli elementi di riduzione del rischio del programma di benessere (p. es., un programma di fitness, corsi per smettere di fumare, seminari sulla gestione dello stress) può indicare che le raccomandazioni HRA vengono ascoltate. Alla fine, tuttavia, la valutazione comporterà la determinazione dei cambiamenti nello stato di rischio. Ciò può comportare l'analisi dei risultati del follow-up di individui ad alto rischio o la ripetizione del programma dopo un intervallo appropriato. Tali dati possono essere rafforzati dalla correlazione con dati quali l'utilizzo dei benefici per la salute, l'assenteismo o misure di produttività. Un riconoscimento appropriato, tuttavia, dovrebbe essere dato ad altri fattori che potrebbero essere stati coinvolti (ad esempio, pregiudizi che riflettono il tipo di persona che ritorna per ripetere il test, regressione alla media e tendenze secolari); una valutazione veramente scientifica dell'impatto del programma richiede uno studio clinico prospettico randomizzato (Schoenbach 1987; DeFriese e Fielding 1990).

Validità e utilità del HRA

I fattori che possono influenzare l'accuratezza e la validità di un HRA sono stati discussi altrove (Beery et al. 1986; Schoenbach 1987; DeFriese e Fielding 1990) e saranno elencati solo qui. Rappresentano una lista di controllo per i decisori sul posto di lavoro che valutano diversi strumenti e includono quanto segue:

  • accuratezza e coerenza delle informazioni auto-riportate
  • completezza e qualità dei dati epidemiologici e attuariali su cui si basano le stime di rischio
  • limiti dei metodi statistici per il calcolo del rischio, inclusa la combinazione di fattori di rischio per diversi problemi in un unico punteggio composito e le distorsioni prodotte dalla sostituzione di valori "medi" per le risposte mancanti nel questionario o per le misurazioni non effettuate
  • affidabilità del metodo per il calcolo dei benefici della riduzione del rischio
  • applicabilità degli stessi calcoli di mortalità ai giovani i cui tassi di mortalità sono bassi e agli individui più anziani per i quali l'età da sola può essere il fattore di mortalità più significativo. Inoltre, la validità dell'HRA quando applicata a popolazioni diverse da quelle su cui è stata svolta la maggior parte della ricerca (ovvero donne, minoranze, persone con background educativi e culturali diversi) deve essere considerata da un punto di vista critico.

 

Sono state inoltre sollevate domande sull'utilità dell'HRA sulla base di considerazioni come le seguenti:

  1. L'obiettivo principale di HRA è l'aspettativa di vita. Fino a poco tempo fa, poca o nessuna attenzione è stata prestata ai fattori che influenzano principalmente la morbilità da condizioni che di solito non sono fatali ma che possono avere un impatto ancora maggiore sul benessere, sulla produttività e sui costi correlati alla salute (p. es., artrite, disturbi mentali e effetti a lungo termine di trattamenti volti a ridurre rischi specifici). Il problema è la mancanza di buoni database di morbilità per la popolazione generale, per non parlare dei sottogruppi definiti per età, sesso, razza o etnia.
  2. È stata espressa preoccupazione per gli effetti negativi dell'ansia generati dalle segnalazioni di stato ad alto rischio che riflettono fattori che l'individuo non è in grado di modificare (ad es. o lo stato a basso rischio può indurre gli individui a ignorare segni e sintomi potenzialmente significativi che non sono stati riportati o che si sono sviluppati dopo il completamento dell'HRA.
  3. La partecipazione a un programma HRA è solitamente volontaria, ma sono state fatte accuse di coercizione a partecipare o a seguire le raccomandazioni.
  4. Le accuse di "incolpare la vittima" sono state giustamente rivolte ai datori di lavoro che offrono HRA come parte di un programma di promozione della salute, ma fanno poco o nulla per controllare i rischi per la salute nell'ambiente di lavoro.
  5. La riservatezza delle informazioni personali è una preoccupazione sempre presente, soprattutto quando un HRA è condotto come un programma interno e risultati anomali sembrano essere un fattore scatenante per azioni discriminatorie.PP9

 

Le prove del valore della riduzione del rischio per la salute si stanno accumulando. Ad esempio, Fielding e i suoi collaboratori presso Johnson and Johnson Health Management, Inc., hanno scoperto che i 18,000 dipendenti che avevano completato l'HRA fornito tramite i loro datori di lavoro hanno utilizzato servizi di prevenzione a un tasso notevolmente più elevato rispetto a una popolazione comparabile che ha risposto al National Health Interview Survey (Fielding et al. 1991). Uno studio quinquennale su quasi 46,000 dipendenti DuPont ha dimostrato che quelli con uno qualsiasi dei sei fattori di rischio cardiovascolare comportamentali identificati da un HRA (ad es. fumo di sigaretta, ipertensione, livelli elevati di colesterolo, mancanza di esercizio) avevano tassi di assenteismo significativamente più elevati e l'uso dei benefici sanitari rispetto a quelli senza tali fattori di rischio (Bertera 1991). Inoltre, l'applicazione di modelli di regressione multivariata a 12 misure relative alla salute prese principalmente da un HRA ha consentito a Yen e ai suoi colleghi del Fitness Research Center dell'Università del Michigan di prevedere quali dipendenti avrebbero generato costi più elevati per il datore di lavoro per reclami medici e assenteismo (Yen, Edington e Witting 1991).

Implementazione di un programma HRA

L'attuazione di un programma HRA non è un esercizio casuale e non dovrebbe essere intrapreso senza un'attenta considerazione e pianificazione. I costi di un singolo questionario e della sua elaborazione possono non essere elevati, ma i costi complessivi per l'organizzazione possono essere considerevoli quando elementi come il tempo del personale per la pianificazione, l'implementazione e il follow-up, il tempo dei dipendenti per il completamento dei questionari e la promozione della salute aggiuntiva i programmi sono inclusi. Alcuni fattori da considerare nell'implementazione sono presentati nella figura 1.

Immagine 1. Lista di controllo per l'implementazione della valutazione del rischio sanitario (HRA).

HPP040T1

Dovremmo avere un programma HRA?

Un numero crescente di aziende, almeno negli Stati Uniti, sta rispondendo a questa domanda in modo affermativo, favorito dal numero crescente di fornitori che commercializzano energicamente i programmi HRA. I media popolari e le pubblicazioni “commerciali” sono piene di aneddoti che descrivono programmi “di successo”, mentre in confronto c'è una scarsità di articoli su riviste professionali che offrono prove scientifiche dell'accuratezza dei loro risultati, della loro affidabilità pratica e della loro validità scientifica.

Appare chiaro che la definizione del proprio stato di rischio per la salute è una base necessaria per la riduzione del rischio. Ma, chiedono alcuni, è necessario un esercizio formale come l'HRA per farlo? Ormai, praticamente tutti coloro che persistono nel fumo di sigaretta sono stati esposti a prove del potenziale di effetti negativi sulla salute e i benefici di una corretta alimentazione e forma fisica sono stati ben pubblicizzati. I fautori dell'HRA ribattono sottolineando che la ricezione di un rapporto HRA personalizza e drammatizza le informazioni sul rischio, creando un "momento di insegnamento" che può motivare le persone a intraprendere azioni appropriate. Inoltre, aggiungono, può evidenziare fattori di rischio di cui i partecipanti potrebbero non essere a conoscenza, consentendo loro di vedere esattamente quali sono le loro opportunità di riduzione del rischio e di sviluppare priorità per affrontarli.

C'è un accordo generale sul fatto che l'HRA abbia un valore limitato se utilizzato come esercizio a sé stante (cioè, in assenza di altre modalità) e che la sua utilità si realizzi pienamente solo quando fa parte di un programma integrato di promozione della salute. Tale programma dovrebbe offrire non solo spiegazioni e consulenza individualizzate, ma anche l'accesso a programmi di intervento che affrontano i fattori di rischio identificati (questi interventi possono essere forniti internamente o nella comunità). Pertanto, l'impegno a offrire HRA deve essere ampliato (e forse può diventare più costoso) offrendo o rendendo disponibili attività come corsi per smettere di fumare, attività di fitness e consulenza nutrizionale. Un impegno così ampio dovrebbe essere espresso esplicitamente nella dichiarazione degli obiettivi del programma e nella dotazione di bilancio richiesta per sostenerlo.

Nella pianificazione di un programma HRA, si deve decidere se offrirlo all'intera forza lavoro o solo a determinati segmenti (ad esempio, ai lavoratori dipendenti o orari, a entrambi, o ai lavoratori di età specificate, anzianità di servizio o in luoghi o mansioni specificati). categorie); e se estendere il programma per includere i coniugi e altre persone a carico (che, di norma, rappresentano più della metà dell'utilizzo delle prestazioni sanitarie). Un fattore critico è la necessità di garantire la disponibilità di almeno una persona nell'organizzazione sufficientemente informata e adeguatamente posizionata per supervisionare la progettazione e l'implementazione del programma e le prestazioni sia del fornitore che del personale interno coinvolto.

In alcune organizzazioni in cui gli esami medici annuali su vasta scala vengono eliminati o offerti meno frequentemente, l'HRA è stato offerto in sostituzione da solo o in combinazione con test di screening sanitari selezionati. Questa strategia ha valore in termini di miglioramento del rapporto costi/benefici di un programma di promozione della salute, ma a volte si basa non tanto sul valore intrinseco della HRA quanto sulla volontà di evitare il malanimo che potrebbe essere generato da ciò che potrebbe essere percepito come l'eliminazione di un beneficio stabilito per i dipendenti.

Conclusione

Nonostante i suoi limiti e la scarsità di ricerche scientifiche che confermano le affermazioni sulla sua validità e utilità, l'uso di HRA continua a crescere negli Stati Uniti e, molto meno rapidamente, altrove. DeFriese e Fielding, i cui studi li hanno resi autorità in materia di HRA, vedono un brillante futuro per esso sulla base della loro previsione di nuove fonti di informazioni rilevanti per il rischio e nuovi sviluppi tecnologici come miglioramenti nell'hardware e nel software del computer che consentiranno l'accesso diretto al computer di risposte al questionario, consentono la modellizzazione degli effetti dei cambiamenti nel comportamento sanitario e producono report e grafici a colori più efficaci (DeFriese e Fielding 1990).

L'HRA dovrebbe essere utilizzato come elemento in un programma continuo e ben concepito di benessere o di promozione della salute. Trasmette un impegno implicito a fornire attività e cambiamenti nella cultura del posto di lavoro che offrano opportunità per aiutare a controllare i fattori di rischio che identificherà. La direzione dovrebbe essere consapevole di tale impegno ed essere disposta a effettuare gli stanziamenti di bilancio necessari.

Mentre resta ancora molta ricerca da fare, molte organizzazioni troveranno HRA un utile complemento ai loro sforzi per migliorare la salute dei propri dipendenti. L'autorità scientifica implicita delle informazioni che fornisce, l'uso della tecnologia informatica e l'impatto personalizzato dei risultati in termini di età cronologica rispetto a quella a rischio sembrano aumentare il suo potere di motivare i partecipanti ad adottare comportamenti sani e che riducano il rischio. Si stanno accumulando prove per dimostrare che i dipendenti e le persone a carico che mantengono profili di rischio sani hanno meno assenteismo, dimostrano una maggiore produttività e utilizzano meno cure mediche, tutti fattori che hanno un effetto positivo sui "risultati economici" dell'organizzazione.

 

Di ritorno

Leggi 8999 volte Ultima modifica Venerdì 05 Agosto 2011 01:24

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti per la tutela e la promozione della salute

Adami, HG, JA Baron e KJ Rothman. 1994. Etica di uno studio di screening del cancro alla prostata. Lancetta (343):958-960.

Akabas, SH e M. Hanson. 1991. Programmi di droga e alcol sul posto di lavoro negli Stati Uniti. Documento di lavoro presentato in occasione degli Atti del Washington Tripartite Symposium on Drug and Alcohol Prevention and Assistance Programs at the Workplace. Ginevra: OIL.

American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG). 1994. Esercizio durante la gravidanza e il periodo postpartum. vol. 189. Bollettino Tecnico. Washington, DC: DCL.

American Dietetic Association (ADA) e Ufficio per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute. 1994. Nutrizione in cantiere: una guida alla pianificazione, implementazione e valutazione. Chicago: ADA.

Associazione polmonare americana. 1992. Indagine sugli atteggiamenti del pubblico nei confronti del fumo. Preparato per la Gallup Organization dall'American Lung Association.

Anderson, DR e deputato O'Donnell. 1994. Verso un'agenda di ricerca sulla promozione della salute: recensioni sullo "stato della scienza". Am J Health Promot (8):482-495.

Anderson, JJB. 1992. Il ruolo della nutrizione nel funzionamento del tessuto scheletrico. Nutr Rev (50): 388-394.

Articolo 13-E della legge sulla salute pubblica dello Stato di New York.

Baile, WF, M Gilbertini, F Ulschak, S Snow-Antle, e D Hann. 1991. Impatto di un divieto di fumo in ospedale: cambiamenti nell'uso del tabacco e negli atteggiamenti dei dipendenti. Tossicodipendente Comportamento 16(6):419-426.

Bargal, D. 1993. Una prospettiva internazionale sullo sviluppo del lavoro sociale sul posto di lavoro. In Work and Well-Being, the Occupational Social Work Advantage, a cura di P Kurzman e SH Akabas. Washington, DC: NASW Press.

Barr, JK, KW Johnson e LJ Warshaw. 1992. Sostegno agli anziani: programmi sul posto di lavoro per badanti occupate. Milbank Q (70):509-533.

Barr, JK, JM Waring e LJ Warshaw. 1991. Fonti dei dipendenti di informazioni sull'AIDS: il posto di lavoro come ambiente educativo promettente. J Occup Med (33): 143-147.

Barr, JK e LJ Warshaw. 1993. Stress tra le donne lavoratrici: rapporto di un'indagine nazionale. New York: New York Business Group sulla salute.

Beery, W, VJ Schoenbach, EH Wagner, et al. 1986. Valutazione del rischio per la salute: metodi e programmi, con bibliografia commentata. Rockville, Md: Centro nazionale per la ricerca sui servizi sanitari e la valutazione delle tecnologie sanitarie.

Bertera, RL. 1991. Gli effetti dei rischi comportamentali sull'assenteismo e sui costi sanitari nei luoghi di lavoro. J Occup Med (33):1119-1124.

Bray, GA. 1989. Classificazione e valutazione delle obesità. Med Clin North Am 73(1):161-192.

Brigham, J, J Gross, ML Stitzer e LJ Felch. 1994. Effetti di una politica sul fumo nei luoghi di lavoro limitati sui dipendenti che fumano. Am J Sanità pubblica 84(5):773-778.

Bungay, GT, MP Vessey e CK McPherson. 1980. Studio dei sintomi della mezza età con particolare riferimento alla menopausa. Brit Med J 308(1):79.

Ufficio per gli affari nazionali (BNA). 1986. Dove c'è fumo: problemi e politiche riguardanti il ​​fumo sul posto di lavoro. Rockville, Maryland: BNA.

—. 1989. Fumo sul posto di lavoro, pratiche aziendali e sviluppi. Relazioni con i dipendenti di BNA settimanale 7 (42): 5-38.

—. 1991. Fumo sul posto di lavoro, sondaggio SHRM-BNA n. 55. Bollettino BNA alla direzione.

Burton, WN e DJ Conti. 1991. Benefici per la salute mentale gestiti dal valore. J Occup Med (33):311-313.

Burton, WN, D Erickson e J Briones. 1991. Programmi per la salute delle donne sul posto di lavoro. J Occup Med (33): 349-350.

Burton, WN e DA Hoy. 1991. Un sistema di gestione dei costi sanitari assistito da computer. J Occup Med (33):268-271.

Burton, WN, DA Hoy, RL Bonin e L Gladstone. 1989. Qualità e gestione economica dell'assistenza sanitaria mentale. J Occup Med (31):363-367.

Soci di Calibro. 1989. Studio costi-benefici della fase due del programma di riabilitazione dell'alcol di livello III della Marina: riabilitazione vs costi di sostituzione. Fairfax, Va: soci di calibro.

Charafin, FB. 1994. Gli Stati Uniti definiscono gli standard per la mammografia. Brit Med J (218): 181-183.

Fondazione Bambini Alcolisti. 1990. Figli di alcolisti nel sistema medico: problemi nascosti, costi nascosti. New York: Fondazione per i figli degli alcolisti.

La città di New York. Titolo 17, capitolo 5 del codice amministrativo della città di New York.

Coalizione su fumo e salute. 1992. Azioni legislative statali sulle questioni relative al tabacco. Washington, DC: Coalizione su fumo e salute.

Gruppo Politiche Sanitarie Aziendali. 1993. Problemi di fumo di tabacco ambientale sul posto di lavoro. Washington, DC: Comitato consultivo nazionale del Comitato interagenzia su fumo e salute.

Cowell, JWF. 1986. Linee guida per gli esami di idoneità al lavoro. CMAJ 135 (1 novembre):985-987.

Daniele, W.W. 1987. Relazioni industriali sul posto di lavoro e cambiamento tecnico. Londra: Istituto di studi politici.

Davis, R.M. 1987. Tendenze attuali nella pubblicità e nel marketing delle sigarette. New Engl J Med 316:725-732.

DeCresce, R, A Mazura, M Lifshitz e J Tilson. 1989. Test antidroga sul posto di lavoro. Chicago: stampa ASCP.

DeFriese, GH e JE Fielding. 1990. Valutazione del rischio per la salute negli anni '1990: opportunità, sfide e aspettative. Rivista annuale della sanità pubblica (11): 401-418.

Dishman, R.H. 1988. Aderenza all'esercizio: il suo impatto sulla salute pubblica. Champaign, Ill: libri di cinetica.

Duncan, MM, JK Barr e LJ Warshaw. 1992. Programmi di educazione prenatale sponsorizzati dal datore di lavoro: un'indagine condotta dal New York Business Group sulla salute. Montvale, NJ: editori di affari e salute.

Elixhauser, A. 1990. I costi del fumo e l'efficacia dei programmi per smettere di fumare. J Publ Health Policy (11):218-235.

Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.1991. Panoramica dell'azione innovativa per la salute sul posto di lavoro nel Regno Unito. Documento di lavoro n. WP/91/03/IT.

Ewing, JA. 1984. Rilevamento dell'alcolismo: il questionario CAGE. JAMA 252(14):1905-1907.

Fielding, J.E. 1989. Frequenza delle attività di valutazione dei rischi per la salute nei cantieri statunitensi. Am G Prev Med 5:73-81.

Fielding, JE e PV Piserchia. 1989. Frequenza delle attività di promozione della salute nei cantieri. Am G Prev Med 79:16-20.

Fielding, JE, KK Knight, RZ Goetzel e M Laouri. 1991. Utilizzo dei servizi sanitari preventivi da parte di una popolazione occupata. J Occup Med 33:985-990.

Fiorino, F. 1994. Prospettive aeree. Aviat settimana tecnologia spaziale (1 agosto):19.

Fishbeck, W. 1979. Rapporto interno e lettera. Midland, Michigan: Dow Chemical Company, dipartimento medico aziendale.

Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e Organizzazione mondiale della sanità (OMS). 1992. Conferenza internazionale sulla nutrizione: questioni importanti per le strategie nutrizionali. Ginevra: OMS.

Forrest, P. 1987. Breast Cancer Screening 1987. Rapporto ai ministri della Sanità di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda. Londra: HMSO.

Freis, JF, CE Koop, PP Cooper, MJ England, RF Greaves, JJ Sokolov, D Wright e Health Project Consortium. 1993. Ridurre i costi dell'assistenza sanitaria riducendo la necessità e la domanda di servizi sanitari. New Engl J Med 329:321-325.

Glanz, K e RN Mullis. 1988. Interventi ambientali per promuovere un'alimentazione sana: una rassegna di modelli, programmi e prove. Salute Educ Q 15: 395-415.

Glanz, K e T Rogers. 1994. Programmi nutrizionali in cantiere nella promozione della salute sul posto di lavoro. In Health Promotion in the Workplace, a cura di MP O'Donnell e J Harris. Albany, NY: Delmar.

Glied, S e S Kofman. 1995. Donne e salute mentale: questioni per la riforma sanitaria. New York: Il Fondo del Commonwealth.

Googins, B e B Davidson. 1993. L'organizzazione come cliente: ampliare il concetto di programmi di assistenza ai dipendenti. Lavoro sociale 28:477-484.

Guidotti, TL, JWF Cowell e GG Jamieson. 1989. Servizi di medicina del lavoro: un approccio pratico. Chicago: Associazione medica americana.

Hammer, L. 1994. Equità e questioni di genere nella fornitura di assistenza sanitaria: il rapporto sullo sviluppo della Banca mondiale del 1993 e le sue implicazioni per i destinatari del servizio sanitario. Serie di documenti di lavoro, n.172. L'Aia: Istituto di studi sociali.

Harris, L et al. 1993. La salute delle donne americane. New York: Il Fondo del Commonwealth.

Haselhurst, J. 1986. Screening mammografico. In Complications in the Management of Breast Disease, a cura di RW Blamey. Londra: Balliere Tindall.

Henderson, BE, RK Ross e MC Pike. 1991. Verso la prevenzione primaria del cancro. Scienza 254:1131-1138.

Hutchison, J e A Tucker. 1984. Lo screening del seno risulta da una popolazione sana e attiva. Clin Oncol 10:123-128.

Istituto per le politiche sanitarie. Ottobre 1993. Abuso di sostanze: il problema sanitario numero uno della nazione. Princeton: Fondazione Robert Wood Johnson.

Kaplan, GD e VL Brinkman-Kaplan. 1994. Gestione del peso sul posto di lavoro nella promozione della salute sul posto di lavoro. In Health Promotion in the Workplace, a cura di MP O'Donnell e J Harris. Albany, NY: Delmar.

Karpilow, C. 1991. Medicina del lavoro nel posto di lavoro industriale. Firenze, Ky: Van Nostrand Reinhold.

Kohler, S e J Kamp. 1992. Lavoratori americani sotto pressione: rapporto tecnico. St. Paul, Minnesota: St. Paul Fire and Marine Insurance Company.

Kristein, M. 1983. Quanto possono aspettarsi di trarre profitto le aziende dalla cessazione del fumo? Prevenire Med 12:358-381.

Lesieur, HR e SB Blume. 1987. The South Oaks Gambling Screen (SOGS): un nuovo strumento per l'identificazione dei giocatori patologici. Am J Psychiatr 144(9):1184-1188.

Lesieur, HR, SB Blume e RM Zoppa. 1986. Alcolismo, abuso di droghe e gioco d'azzardo. Alcol, Clin Exp Res 10(1):33-38.

Lesmes, G. 1993. Convincere i dipendenti a dire di no al fumo. Salute degli autobus (marzo): 42-46.

Lew, EA e L. Garfinkel. 1979. Variazioni di mortalità in peso tra 750,000 uomini e donne. J Chron Dis 32:563-576.

Lewin, K. [1951] 1975. Teoria del campo nelle scienze sociali: articoli teorici selezionati di Kurt
Lewin, a cura di D Cartwright. Westport: stampa di Greenwood.

Malcom, AI. 1971. La ricerca dell'ebbrezza. Toronto: Libri ARF.
M
andelker, J. 1994. Un programma di benessere o una pillola amara. Salute degli autobus (marzo): 36-39.

March of Dimes Birth Defects Foundation. 1992. Lezioni apprese dal programma Babies and You. White Plains, NY: Fondazione March of Dimes Birth Defects.

—. 1994. Bambini sani, affari sani: guida di un datore di lavoro sul miglioramento della salute materna e infantile. White Plains, NY: Fondazione March of Dimes Birth Defects.

Margolin, A, SK Avants, P Chang e TR Kosten. 1993. Agopuntura per il trattamento della dipendenza da cocaina nei pazienti mantenuti con metadone. Am J Addict 2(3):194-201.

Maskin, A, A Connelly e EA Noonan. 1993. Fumo di tabacco ambientale: implicazioni per il posto di lavoro. Occ Saf Health Rep (2 febbraio).

Mansueto, DC. 1992. Il programma medico disabile della Medical Society of the District of Columbia. Maryland MedJ 41(4):321-323.

Morse, RM e DK Flavin. 1992. La definizione di alcolismo. JAMA 268(8):1012-1014.

Muchnick-Baku, S e S Orrick. 1992. Lavorare per una buona salute: promozione della salute e piccole imprese. Washington, DC: Washington Business Group sulla salute.

Consiglio consultivo nazionale per la ricerca sul genoma umano. 1994. Dichiarazione sull'uso del test del DNA per l'identificazione presintomatica del rischio di cancro. GIAMA 271:785.

Consiglio nazionale sull'assicurazione di compensazione (NCCI). 1985. Stress emotivo sul posto di lavoro: nuovi diritti legali negli anni Ottanta. New York: NCCI.

Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH). 1991. Bollettino di intelligence corrente 54. Bethesda, Md: NIOSH.

Istituti Nazionali della Salute (NIH). 1993a. Rapporto del gruppo di lavoro del programma nazionale di educazione alla pressione alta sulla prevenzione primaria dell'ipertensione. National High Blood Pressure Education Program, National Heart, Lung, and Blood Institute. Pubblicazione NIH n. 93-2669. Bethesda, Maryland: NIH.

—. 1993 b. Secondo rapporto del gruppo di esperti sulla rilevazione, valutazione e trattamento del colesterolo alto negli adulti (ATP II). National Cholesterol Education Program, National Institutes of Health, National Heart, Lung, and Blood Institute. Pubblicazione NIH n. 93-3095. Bethesda, Maryland: NIH.

Consiglio Nazionale per la Ricerca. 1989. Dieta e salute: implicazioni per ridurre il rischio di malattie croniche. Washington, DC: National Academy Press.

Accademia di medicina di New York. 1989. Droghe sul posto di lavoro: Atti di un simposio. B NY Acad Med 65(2).

Noah, T. 1993. L'EPA dichiara il fumo passivo cancerogeno per l'uomo. Wall Street J, 6 gennaio.

Ornish, D, SE Brown, LW Scherwitz, JH Billings, WT Armstrong, TA Ports, SM McLanahan, RL Kirkeeide, RJ Brand e KL Gould. 1990. I cambiamenti nello stile di vita possono invertire la malattia coronarica? La prova del cuore stile di vita. Lancetta 336:129-133.

Parodi contro Veterans Administration. 1982. 540 F. Suppl. 85 WD. Washington DC.

Patnick, J. 1995. NHS Breast Screening Programs: Review 1995. Sheffield: Clear Communications.

Pelletier, KR. 1991. Una revisione e un'analisi degli studi sui risultati economici di programmi completi di promozione della salute e prevenzione delle malattie. Am J Health Promot 5:311-315.

—. 1993. Una revisione e un'analisi della salute e degli studi sui risultati economici di programmi completi di promozione della salute e prevenzione delle malattie. Am J Health Promot 8:50-62.

—. 1994. Ottenere il valore dei tuoi soldi: il programma di pianificazione strategica dello Stanford Corporate Health Program. Am J Health Promot 8:323-7,376.

Penner, M e S Penner. 1990. Costi sanitari assicurati in eccesso dai dipendenti che consumano tabacco in un piano di gruppo di grandi dimensioni. J Occup Med 32:521-523.

Task force per i servizi preventivi. 1989. Guida ai servizi di prevenzione clinica: una valutazione dell'efficacia di 169 interventi. Baltimora: Williams & Wilkins.

Richardson, G. 1994. Un benvenuto per ogni bambino: come la Francia protegge la salute materna e infantile: un nuovo quadro di riferimento per gli Stati Uniti. Arlington, Virginia: Centro nazionale per l'educazione alla salute materna e infantile.

Richmond, K. 1986. Presentazione di cibi salutari per il cuore in una mensa aziendale. J Nutr Educ 18:S63-S65.

Robbins, LC e JH Hall. 1970. Come praticare la medicina prospettica. Indianapolis, Indiana: Ospedale Metodista dell'Indiana.

Rodale, R, ST Belden, T Dybdahl e M Schwartz. 1989. L'indice di promozione: una pagella sulla salute della nazione. Emmaus, Penn: Rodale Press.

Ryan, AS e GA Martinez. 1989. L'allattamento al seno e la madre che lavora: un profilo. Pediatria 82:524-531.

Saunders, JB, OG Aasland, A Amundsen e M Grant. 1993. Consumo di alcol e problemi correlati tra i pazienti di assistenza sanitaria primaria: progetto collaborativo dell'OMS sulla diagnosi precoce di persone con consumo dannoso di alcol-I. Dipendenza 88:349-362.

Schneider, WJ, SC Stewart e MA Haughey. 1989. Promozione della salute in un formato ciclico programmato. J Occup Med 31:482-485.

Schoenbach, VJ. 1987. Valutazione della valutazione del rischio per la salute. Am J Sanità pubblica 77:409-411.

Seidel, JC. 1992. Obesità e salute regionali. Int J Obesità 16:S31-S34.

Selzer, ML. 1971. Il test di screening dell'alcolismo del Michigan: la ricerca di un nuovo strumento diagnostico. Am J Psychiatr 127(12):89-94.

Serdula, MK, DE Williamson, RF Anda, A Levy, A Heaton e T Byers. 1994. Pratiche di controllo del peso negli adulti: risultati di un'indagine multistato. Am J Publ Health 81:1821-24.

Shapiro, S. 1977. Prove di screening per il cancro al seno da uno studio randomizzato. Cancro: 2772-2792.

Skinner, HA. 1982. Il test di screening per l'abuso di droghe (DAST). Tossicodipendente Comportamento 7:363-371.

Smith-Schneider, LM, MJ Sigman-Grant e PM Kris-Etherton. 1992. Strategie dietetiche per la riduzione del grasso. J Am Diet Assoc 92:34-38.

Sorensen, G, H Lando e TF Pechacek. 1993. Promuovere la cessazione del fumo sul posto di lavoro. J Occup Med 35(2):121-126.

Sorensen, G, N Rigotti, A Rosen, J Pinney, and R Prible. 1991. Effetti di una politica sul fumo sul posto di lavoro: prove per una maggiore cessazione. Am J Sanità pubblica 81(2):202-204.

Stave, GM e GW Jackson. 1991. Effetto del divieto totale di fumo sul posto di lavoro sul fumo e sugli atteggiamenti dei dipendenti. J Occup Med 33(8):884-890.

Thériault, G. 1994. Rischi di cancro associati all'esposizione professionale a campi magnetici tra i lavoratori delle utenze elettriche in Ontario e Quebec, Canada e Francia. Am J Epidemiol 139(6):550-572.

Tramm, ML e LJ Warshaw. 1989. Screening per problemi di alcol: una guida per ospedali, cliniche e altre strutture sanitarie. New York: New York Business Group sulla salute.

Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti: Servizio di informazione sulla nutrizione umana. 1990. Rapporto del comitato consultivo per le linee guida dietetiche sulle linee guida dietetiche per gli americani. Pubblicazione n. 261-495/20/24. Hyattsville, Md: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere degli Stati Uniti. 1964. Fumo e Salute Relazione del Comitato Consultivo al Chirurgo Generale del Servizio Sanitario Pubblico. Pubblicazione PHS n. 1103. Rockville, Md: Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere degli Stati Uniti.

Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (USDHHS). 1989. Ridurre le conseguenze sulla salute del fumo: 25 anni di progressi. Un rapporto del chirurgo generale. Pubblicazione USDHHS n.10 89-8411.Washington, DC: Ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

—. 1990. Costi economici dell'abuso di alcol e droghe e malattie mentali. Pubblicazione DHHS n. (ADM) 90-1694. Washington, DC: amministrazione di alcol, abuso di droghe e salute mentale.

—. 1991. Fumo di tabacco ambientale sul posto di lavoro: cancro ai polmoni e altri effetti. Pubblicazione USDHHS (NIOSH) n. 91-108. Washington, DC: USDHHS.
Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. 1995. Scadenza qualità mammografia. FDA Med Toro 23: 3-4.

Ufficio di contabilità generale degli Stati Uniti. 1994. Assistenza a lungo termine: il supporto per l'assistenza agli anziani potrebbe giovare al posto di lavoro governativo e agli anziani. GAO/HEHS-94-64. Washington, DC: ufficio di contabilità generale degli Stati Uniti.

Ufficio statunitense per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute. 1992. 1992 Indagine nazionale sulle attività di promozione della salute nei luoghi di lavoro: rapporto di sintesi. Washington, DC: Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani, Servizio Sanitario Pubblico.

Servizio Sanitario Pubblico degli Stati Uniti. 1991. Healthy People 2000: Obiettivi nazionali per la promozione della salute e la prevenzione delle malattie: rapporto completo con commento. Pubblicazione DHHS n. (PHS) 91-50212. Washington, DC: Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.

Voelker, R. 1995. Preparazione dei pazienti per la menopausa. GIAMA 273:278.

Wagner, EH, WL Beery, VJ Schoenbach e RM Graham. 1982. Una valutazione del pericolo per la salute/valutazione del rischio per la salute. Am J Sanità pubblica 72:347-352.

Walsh, DC, RW Hingson, DM Merrigan, SM Levenson, LA Cupples, T Heeren, GA Coffman, CA Becker, TA Barker, SK Hamilton, TG McGuire e CA Kelly. 1991. Uno studio randomizzato sulle opzioni terapeutiche per i lavoratori che abusano di alcol. New Engl J Med 325(11):775-782.

Warshaw, L.J. 1989. Stress, ansia e depressione sul posto di lavoro: rapporto dell'indagine NYGBH/Gallup. New York: il gruppo aziendale di New York sulla salute.

Weismann, CS. 1995. Indagine nazionale sui centri per la salute delle donne: rapporto preliminare per gli intervistati. New York: Fondo del Commonwealth.

Wilber, C.S. 1983. Il programma Johnson e Johnson. Prevenire Med 12:672-681.

Woodruff, TJ, B Rosbrook, J Pierce e SA Glantz. 1993. Livelli inferiori di consumo di sigarette riscontrati nei luoghi di lavoro senza fumo in California. Arch Int Med 153(12):1485-1493.

Woodside, M. 1992. Figli di alcolisti al lavoro: la necessità di saperne di più. New York: Fondazione per i figli degli alcolisti.

Banca Mondiale. 1993. Rapporto sullo sviluppo mondiale: investire nella salute. Nuova York: 1993.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1988. Promozione della salute per le popolazioni lavoratrici: rapporto di un comitato di esperti dell'OMS. Serie di relazioni tecniche, n. 765. Ginevra: OMS.

—. 1992. Kit di consulenza per la Giornata mondiale senza tabacco 1992. Ginevra: OMS.

—. 1993. Donne e abuso di sostanze: rapporto di valutazione del paese del 1993. Documento N. OMS/PSA/93.13. Ginevra: OMS.

—. 1994. Una guida sul cibo sicuro per i viaggiatori. Ginevra: OMS.

Yen, LT, DW Edington e P Witting. 1991. Previsione di potenziali reclami medici e assenteismo per 1,285 lavoratori orari di un'azienda manifatturiera, 1992. J Occup Med 34:428-435.