Martedì, 25 gennaio 2011 14: 13

Programmi di allenamento fisico e fitness: una risorsa organizzativa

Vota questo gioco
(3 voti )

L'allenamento fisico ei programmi di fitness sono generalmente l'elemento più frequente nei programmi di promozione e protezione della salute nei luoghi di lavoro. Hanno successo quando contribuiscono agli obiettivi dell'organizzazione, promuovono la salute dei dipendenti e rimangono piacevoli e utili per coloro che partecipano (Dishman 1988). Poiché le organizzazioni di tutto il mondo hanno obiettivi, forza lavoro e risorse molto diversi, l'allenamento fisico ei programmi di fitness variano notevolmente nel modo in cui sono organizzati e nei servizi che forniscono.

Questo articolo si occupa dei motivi per cui le organizzazioni offrono programmi di allenamento fisico e fitness, come tali programmi si inseriscono all'interno di una struttura amministrativa, i servizi tipici offerti ai partecipanti, il personale specializzato che offre questi servizi e le questioni più spesso coinvolte nell'idoneità al lavoro programmazione, comprese le esigenze di popolazioni speciali all'interno della forza lavoro. Si concentrerà principalmente sui programmi condotti in loco sul posto di lavoro.

Programmazione di qualità e fitness

L'odierna economia globale modella gli obiettivi e le strategie aziendali di decine di migliaia di datori di lavoro e colpisce milioni di lavoratori in tutto il mondo. L'intensa competizione internazionale impone alle organizzazioni di offrire prodotti e servizi di maggior valore a costi sempre più bassi, ovvero di perseguire come obiettivo la cosiddetta “qualità”. Le organizzazioni orientate alla qualità si aspettano che i lavoratori siano "orientati al cliente", che lavorino con energia, entusiasmo e precisione durante l'intera giornata, che si formino e migliorino continuamente professionalmente e personalmente e che si assumano la responsabilità sia del proprio comportamento sul posto di lavoro che del proprio benessere personale .

I programmi di allenamento fisico e fitness possono svolgere un ruolo nelle organizzazioni orientate alla qualità, aiutando i lavoratori a raggiungere un elevato livello di "benessere". Ciò è particolarmente importante nelle industrie "colletti bianchi", dove i dipendenti sono sedentari. Nelle industrie manifatturiere e più pesanti, l'allenamento della forza e della flessibilità può migliorare la capacità lavorativa e la resistenza e proteggere i lavoratori dagli infortuni sul lavoro. Oltre al miglioramento fisico, le attività di fitness offrono sollievo dallo stress e portano un senso personale di responsabilità per la salute in altri aspetti dello stile di vita come l'alimentazione e il controllo del peso, evitare l'abuso di alcol e droghe e smettere di fumare.

Il condizionamento aerobico, gli esercizi di rilassamento e stretching, l'allenamento della forza, le opportunità di avventura e sfida e le competizioni sportive sono tipicamente offerti nelle organizzazioni orientate alla qualità. Queste offerte sono spesso strutturate all'interno delle iniziative di benessere dell'organizzazione - il "benessere" implica aiutare le persone a realizzare il loro pieno potenziale mentre conducono uno stile di vita che promuove la salute - e si basano sulla consapevolezza che, poiché la vita sedentaria è un fattore di rischio ben dimostrato, l'esercizio fisico regolare è un'abitudine importante da promuovere.

Servizi di fitness di base

I partecipanti ai programmi di fitness dovrebbero essere istruiti sui rudimenti dell'allenamento fitness. L'istruzione include i seguenti componenti:

  • un numero minimo di sessioni di allenamento a settimana per raggiungere la forma fisica e una buona salute (tre o quattro volte a settimana per 30-60 minuti per sessione)
  • imparare a riscaldarsi, allenarsi e rinfrescarsi
  • imparare a monitorare la frequenza cardiaca e come aumentare in sicurezza la propria frequenza cardiaca a un livello di allenamento appropriato per la propria età e livello di forma fisica
  • laureando l'allenamento da leggero a pesante per raggiungere infine un alto livello di forma fisica
  • Tecniche per l'allenamento incrociato
  • I principi dell'allenamento della forza, inclusa la resistenza e il sovraccarico, e la combinazione di ripetizioni e serie per raggiungere obiettivi di rafforzamento
  • riposo strategico e tecniche di sollevamento sicure
  • rilassamento e stretching come parte integrante di un programma di fitness completo
  • imparare a personalizzare gli allenamenti in base ai propri interessi personali e al proprio stile di vita
  • raggiungere una consapevolezza del ruolo che la nutrizione gioca nel fitness e nella buona salute generale.

     

    Oltre all'istruzione, i servizi di fitness comprendono la valutazione della forma fisica e la prescrizione di esercizi, l'orientamento alla struttura e l'addestramento all'uso delle attrezzature, lezioni e attività aerobiche strutturate, lezioni di rilassamento e stretching e lezioni di prevenzione del mal di schiena. Alcune organizzazioni offrono una formazione individuale, ma può essere piuttosto costosa poiché richiede molto personale.

    Alcuni programmi offrono speciali "indurimento del lavoro" o "condizionamento", ovvero formazione per migliorare le capacità dei lavoratori a svolgere compiti ripetitivi o rigorosi e per riabilitare coloro che si stanno riprendendo da infortuni e malattie. Spesso prevedono pause di lavoro per esercizi speciali per rilassare e allungare i muscoli abusati e rafforzare gruppi di muscoli antagonisti per prevenire l'uso eccessivo e le sindromi da lesioni ripetitive. Quando opportuno, includono suggerimenti per modificare il contenuto del lavoro e/o le attrezzature utilizzate.

    Personale di preparazione fisica e fitness

    I fisiologi dell'esercizio, gli educatori fisici e gli specialisti del tempo libero costituiscono la maggior parte dei professionisti che lavorano nei programmi di fitness sul posto di lavoro. A questi programmi partecipano anche educatori sanitari e specialisti della riabilitazione.

    Il fisiologo dell'esercizio progetta regimi di esercizio personalizzati per le persone sulla base di una valutazione della forma fisica che generalmente include una storia clinica, uno screening del rischio per la salute, una valutazione dei livelli di forma fisica e della capacità di esercizio (essenziale per chi ha handicap o si sta riprendendo da un infortunio) e la conferma della loro forma fisica obiettivi. La valutazione della forma fisica include la determinazione della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna a riposo, la composizione corporea. forza muscolare e flessibilità, efficienza cardiovascolare e, spesso, profili lipidici nel sangue. In genere, i risultati vengono confrontati con le norme per persone dello stesso sesso ed età.

    Nessuno dei servizi offerti dal fisiologo ha lo scopo di diagnosticare la malattia; i dipendenti vengono indirizzati al servizio sanitario dei dipendenti o ai loro medici personali quando vengono rilevate anomalie. In effetti, molte organizzazioni richiedono che un potenziale richiedente ottenga l'autorizzazione da un medico prima di aderire al programma. Nel caso di dipendenti che si stanno riprendendo da infortuni o malattie, il fisiologo lavorerà a stretto contatto con i loro medici personali e consulenti per la riabilitazione.

    Gli educatori fisici sono stati formati per condurre sessioni di esercizi, per insegnare i principi di un esercizio sano e sicuro, per dimostrare e allenare varie abilità atletiche e per organizzare e amministrare un programma di fitness multiforme. Molti sono stati formati per eseguire valutazioni della forma fisica sebbene, in questa epoca di specializzazione, tale compito venga svolto più spesso dal fisiologo dell'esercizio.

    Gli specialisti del settore ricreativo conducono sondaggi sui bisogni e gli interessi dei partecipanti per determinare i loro stili di vita e le loro esigenze e preferenze ricreative. Possono condurre lezioni di ginnastica, ma generalmente si concentrano sull'organizzazione di viaggi, concorsi e attività che istruiscono, sfidano fisicamente e motivano i partecipanti a impegnarsi in una sana attività fisica.

    La verifica della formazione e della competenza del personale addetto all'allenamento fisico e al fitness presenta spesso problemi alle organizzazioni che cercano di assumere personale per un programma. Negli Stati Uniti, in Giappone e in molti altri paesi, le agenzie governative richiedono credenziali accademiche ed esperienza sotto la supervisione degli educatori fisici che insegnano nei sistemi scolastici. La maggior parte dei governi non richiede la certificazione dei professionisti dell'esercizio; ad esempio, negli Stati Uniti, il Wisconsin è l'unico stato che ha promulgato una legislazione in materia di istruttori di fitness. Nel prendere in considerazione un coinvolgimento con i centri benessere della comunità, volontario come gli YMCA o commerciale, si dovrebbe prestare particolare attenzione per verificare la competenza dei formatori che forniscono poiché molti sono composti da volontari o individui scarsamente formati.

    Un certo numero di associazioni professionali offrono la certificazione per coloro che lavorano nel campo del fitness per adulti. Ad esempio, l'American College of Sports Medicine offre un certificato per istruttori di esercizi e l'International Dance Education Association offre un certificato per istruttori di aerobica. Questi certificati, tuttavia, rappresentano indicatori di esperienza e formazione avanzata piuttosto che licenze per esercitare.

    Programmi di Fitness e Struttura dell'Organizzazione

    Di norma, solo le organizzazioni di dimensioni medio-grandi (da 500 a 700 dipendenti sono generalmente considerate il minimo) possono assumersi il compito di fornire strutture per l'allenamento fisico ai propri dipendenti sul posto di lavoro. Le principali considerazioni diverse dalle dimensioni includono la capacità e la volontà di effettuare le necessarie allocazioni di bilancio e la disponibilità di spazio per ospitare la struttura e qualsiasi attrezzatura possa richiedere, inclusi spogliatoi e docce.

    La collocazione amministrativa del programma all'interno dell'organizzazione di solito riflette gli obiettivi prefissati. Ad esempio, se gli obiettivi sono principalmente correlati alla salute (ad esempio, riduzione del rischio cardiovascolare, riduzione delle assenze per malattia, prevenzione e riabilitazione degli infortuni o contributo alla gestione dello stress) il programma si troverà solitamente nel reparto medico o come supplemento al servizio sanitario dei dipendenti. Quando gli obiettivi primari riguardano il morale e la ricreazione dei dipendenti, di solito si trovano nel dipartimento delle risorse umane o delle relazioni con i dipendenti. Poiché i dipartimenti delle risorse umane sono generalmente incaricati di implementare programmi di miglioramento della qualità, i programmi di fitness con un focus sul benessere e sulla qualità saranno spesso collocati lì.

    Ai dipartimenti di formazione raramente viene assegnata la responsabilità dell'allenamento fisico e dei programmi di fitness poiché la loro missione è solitamente limitata allo sviluppo di competenze specifiche e alla formazione professionale. Tuttavia, alcuni dipartimenti di formazione offrono avventure all'aria aperta e opportunità di sfida ai dipendenti come modi per creare un senso di lavoro di squadra, aumentare la fiducia in se stessi ed esplorare modi per superare le avversità. Quando i lavori comportano attività fisica, il programma di formazione può essere responsabile dell'insegnamento delle tecniche di lavoro adeguate. Tali unità di addestramento si trovano spesso nella polizia, nelle organizzazioni antincendio e di soccorso, nelle società di trasporto e consegna, nelle operazioni minerarie, nelle società di esplorazione e trivellazione petrolifera, nelle organizzazioni di immersioni e salvataggio, nelle imprese di costruzione e simili.

    Programmi di fitness in loco o basati sulla comunità

    Quando lo spazio e le considerazioni economiche non consentono strutture complete per l'esercizio fisico, sul posto di lavoro possono ancora essere condotti programmi limitati. Quando non sono utilizzati per gli scopi previsti, le sale mensa e riunioni, gli atri e i parcheggi possono essere utilizzati per le lezioni di ginnastica. Una compagnia di assicurazioni con sede a New York City ha creato una pista da jogging al coperto in un'ampia area di stoccaggio organizzando un percorso tra banchi di schedari contenenti documenti importanti ma raramente consultati. In molte organizzazioni in tutto il mondo, le pause di lavoro sono regolarmente programmate durante le quali i dipendenti stanno in piedi nelle loro postazioni di lavoro e fanno esercizi di ginnastica ritmica e altri semplici esercizi.

    Quando le strutture per il fitness in loco non sono fattibili (o quando sono troppo piccole per ospitare tutti i dipendenti che le userebbero), le organizzazioni si rivolgono a strutture basate sulla comunità come centri benessere commerciali, scuole e università, chiese, centri comunitari, club e YMCA , centri ricreativi sponsorizzati da città o sindacati e così via. Alcuni parchi industriali ospitano una palestra condivisa dagli inquilini aziendali.

    Su un altro livello, i programmi di fitness possono consistere in semplici attività fisiche praticate dentro o intorno alla casa. Ricerche recenti hanno stabilito che anche livelli di attività quotidiana da bassi a moderati possono avere effetti protettivi sulla salute. Attività come la camminata ricreativa, la bicicletta o il salire le scale che richiedono alla persona di esercitare in modo dinamico grandi gruppi muscolari per 30 minuti cinque volte alla settimana, possono prevenire o ritardare l'avanzamento delle malattie cardiovascolari fornendo una piacevole tregua dallo stress quotidiano. Programmi che incoraggiano il lavoro a piedi e in bicicletta possono essere sviluppati anche per aziende molto piccole e la loro attuazione costa pochissimo.

    In alcuni paesi, i lavoratori hanno diritto a congedi che possono essere trascorsi presso centri termali o centri benessere che offrono un programma completo di riposo, relax, esercizio fisico, dieta salutare, massaggi e altre forme di terapia riparativa. L'obiettivo, ovviamente, è far sì che mantengano uno stile di vita così salutare dopo il ritorno a casa e al lavoro.

    Esercizio per popolazioni speciali

    Ai lavoratori più anziani, agli obesi e soprattutto a chi è stato a lungo sedentario possono essere offerti programmi di esercizi a basso impatto ea bassa intensità per scongiurare traumi ortopedici ed emergenze cardiovascolari. Nelle strutture in loco, possono essere organizzati orari speciali o spazi di allenamento separati per proteggere la privacy e la dignità di queste popolazioni.

    Le donne incinte che sono state fisicamente attive possono continuare a lavorare o fare esercizio con il consiglio e il consenso dei loro medici personali, tenendo presente le linee guida mediche relative all'esercizio fisico durante la gravidanza (American College of Obstetricians and Gynecologists 1994). Alcune organizzazioni offrono speciali programmi di esercizi di ricondizionamento per le donne che tornano al lavoro dopo il parto.

    I lavoratori diversamente abili o portatori di handicap dovrebbero essere invitati a partecipare al programma di fitness sia per una questione di equità, sia perché potrebbero trarre benefici ancora maggiori dall'esercizio. Il personale del programma, tuttavia, dovrebbe essere attento alle condizioni che possono comportare un rischio maggiore di lesioni o addirittura di morte, come la sindrome di Marfan (una malattia congenita) o alcune forme di malattie cardiache. Per tali individui, la valutazione medica preliminare e la valutazione dell'idoneità sono particolarmente importanti, così come un attento monitoraggio durante l'esercizio.

    Impostazione degli obiettivi per il programma di esercizi

    Gli obiettivi selezionati per un programma di esercizi dovrebbero integrare e supportare quelli dell'organizzazione. La Figura 1 presenta una lista di controllo dei potenziali obiettivi del programma che, se classificati in ordine di importanza per una particolare organizzazione e aggregati, contribuiranno a dare forma al programma.

    Immagine 1. Obiettivi organizzativi suggeriti per un programma di fitness ed esercizio fisico.

    HPP050T1

    Idoneità al programma di esercizi

    Poiché la domanda può superare sia la dotazione di bilancio del programma sia lo spazio e il tempo disponibili, le organizzazioni devono considerare attentamente chi dovrebbe essere idoneo a partecipare. È prudente sapere in anticipo perché viene offerto questo vantaggio e quanti dipendenti potrebbero usufruirne. La mancanza di preparazione a questo riguardo può portare a imbarazzo e cattiva volontà quando coloro che desiderano esercitare non possono essere accolti.

    In particolare quando forniscono una struttura in loco, alcune organizzazioni limitano l'idoneità ai dirigenti al di sopra di un certo livello nell'organigramma. Razionalizzano ciò sostenendo che, poiché tali individui sono pagati di più, il loro tempo è più prezioso ed è corretto dare loro la priorità di accesso. Il programma diventa quindi un privilegio speciale, come la sala da pranzo executive o un comodo parcheggio. Altre organizzazioni sono più imparziali e offrono il programma a tutti in base all'ordine di arrivo. Laddove la domanda supera la capacità dell'impianto, alcuni utilizzano l'anzianità di servizio come criterio di priorità. A volte vengono utilizzate regole che stabiliscono l'utilizzo mensile minimo per aiutare a gestire il problema dello spazio scoraggiando il partecipante occasionale o occasionale dal continuare come membro.

    Reclutamento e mantenimento dei partecipanti al programma

    Un problema è che la comodità e il basso costo della struttura possono renderla particolarmente appetibile per chi è già impegnato a fare esercizio, che può lasciare poco spazio a chi ne ha bisogno molto di più. La maggior parte dei primi probabilmente continuerà ad allenarsi comunque, mentre molti dei secondi saranno scoraggiati da difficoltà o ritardi nell'inserimento nel programma. Di conseguenza, un'importante aggiunta al reclutamento dei partecipanti è semplificare e facilitare il processo di iscrizione.

    Di solito sono necessari sforzi attivi per attrarre partecipanti, almeno quando il programma viene avviato. Includono pubblicità interna tramite poster, volantini e annunci nei mezzi di comunicazione intramurali disponibili, nonché visite aperte alla palestra e l'offerta di abbonamenti sperimentali o di prova.

    Il problema dell'abbandono è una sfida importante per gli amministratori del programma. I dipendenti citano la noia con l'esercizio, i dolori muscolari e i dolori indotti dall'esercizio e la pressione del tempo come le ragioni principali dell'abbandono. Per contrastare ciò, le strutture intrattengono i membri con musica, videocassette e programmi televisivi, giochi motivazionali, eventi speciali, premi come magliette e altri regali e certificati per la partecipazione o il raggiungimento di obiettivi di fitness individuali. Regimi di esercizio adeguatamente progettati e supervisionati ridurranno al minimo gli infortuni e i dolori e, allo stesso tempo, renderanno le sessioni efficienti e meno dispendiose in termini di tempo. Alcune strutture offrono giornali e pubblicazioni aziendali, nonché programmi aziendali e di formazione in televisione e su videocassetta a cui accedere durante l'allenamento per aiutare a giustificare il tempo trascorso nella struttura.

    Sicurezza e supervisione

    Le organizzazioni che offrono programmi di fitness sul posto di lavoro devono farlo in modo sicuro. I potenziali membri devono essere sottoposti a screening per le condizioni mediche che potrebbero essere influenzate negativamente dall'esercizio. Dovrebbero essere disponibili solo attrezzature ben progettate e ben mantenute e i partecipanti devono essere adeguatamente istruiti sul loro utilizzo. I segnali di sicurezza e le regole sull'uso appropriato della struttura dovrebbero essere affissi e applicati e tutto il personale dovrebbe essere addestrato nelle procedure di emergenza, inclusa la rianimazione cardiopolmonare. Un professionista dell'esercizio addestrato dovrebbe supervisionare il funzionamento della struttura.

    Tenuta dei registri e riservatezza

    Devono essere conservate registrazioni individuali contenenti informazioni sulla salute e sullo stato fisico, valutazione della forma fisica e prescrizione di esercizi, obiettivi di forma fisica e progressi verso il loro raggiungimento e qualsiasi nota pertinente. In molti programmi, il partecipante può tracciare da solo ciò che è stato fatto in ogni visita. Come minimo, il contenuto delle registrazioni dovrebbe essere tenuto al sicuro da tutti tranne che dal singolo partecipante e dai membri dello staff del programma. Fatta eccezione per il personale del servizio sanitario dipendente, che è tenuto alle stesse regole di riservatezza e, in caso di urgenza, il medico personale dell'assistito, i dettagli della partecipazione e dell'andamento dell'individuo non devono essere rivelati a nessuno senza l'espresso consenso dell'interessato.

    Al personale del programma può essere richiesto di effettuare rapporti periodici alla direzione presentando dati aggregati relativi alla partecipazione al programma e ai risultati.

    Di chi è il tempo, chi paga?

    Poiché la maggior parte dei programmi di esercizio in cantiere sono volontari e stabiliti a beneficio del lavoratore, sono considerati un vantaggio o un privilegio extra. Di conseguenza, l'organizzazione offre tradizionalmente il programma nel tempo libero del lavoratore (durante l'ora di pranzo o fuori orario) e lui o lei è tenuto a pagare tutto o parte del costo. Questo è generalmente applicabile anche ai programmi forniti fuori sede nelle strutture della comunità. In alcune organizzazioni, i contributi dei dipendenti sono indicizzati al livello salariale e alcuni offrono "borse di studio" a coloro che sono poco pagati o con problemi finanziari.

    Molti datori di lavoro consentono la partecipazione durante l'orario di lavoro, di solito per i dipendenti di livello superiore, e si fanno carico della maggior parte se non di tutti i costi. Alcuni rimborsano i contributi dei dipendenti se vengono raggiunti determinati obiettivi di frequenza o fitness.

    Quando la partecipazione al programma è obbligatoria, come nella formazione per prevenire potenziali infortuni sul lavoro o per condizionare i lavoratori a svolgere determinati compiti, i regolamenti governativi e/o gli accordi sindacali richiedono che sia fornita durante l'orario di lavoro con tutti i costi a carico del datore di lavoro.

    Gestione dei dolori e dei dolori dei partecipanti

    Molte persone credono che l'esercizio debba essere doloroso per essere benefico. Questo è spesso espresso dal motto “No pain, no gain”. Spetta allo staff del programma contrastare questa convinzione errata modificando la percezione dell'esercizio attraverso campagne di sensibilizzazione e sessioni educative e assicurando che l'intensità degli esercizi sia graduata in modo che rimangano indolori e piacevoli pur migliorando il livello del partecipante di forma fisica.

    Se i partecipanti lamentano dolori e dolori, dovrebbero essere incoraggiati a continuare a esercitare a un livello di intensità inferiore o semplicemente a riposare fino alla guarigione. Dovrebbero essere insegnati "RISO", l'acronimo dei principi del trattamento degli infortuni sportivi: Riposo; Calma l'infortunio; Comprimere qualsiasi gonfiore; e Elevare la parte del corpo ferita.

    Programmi di sport

    Molte organizzazioni incoraggiano i dipendenti a partecipare a eventi sportivi sponsorizzati dall'azienda. Questi possono variare da partite di softball o di calcio al picnic aziendale annuale, a partite di campionato intramurali in una varietà di sport, a competizioni interaziendali come la Corporate Challenge della Chemical Bank, una corsa a distanza competitiva per squadre di dipendenti di organizzazioni partecipanti che hanno avuto origine a New York City e ora si è diffuso in altre aree, con molte più aziende che si uniscono come sponsor.

    Il concetto chiave per i programmi sportivi è la gestione del rischio. Sebbene i guadagni derivanti dagli sport agonistici possano essere considerevoli, compreso un morale migliore e sentimenti di "squadra" più forti, comportano inevitabilmente alcuni rischi. Quando i lavoratori si impegnano in competizione, possono portare in gioco un “bagaglio” psicologico legato al lavoro che può causare problemi, soprattutto se non sono in buone condizioni fisiche. Gli esempi includono il manager di mezza età e fuori forma che, cercando di impressionare i subordinati più giovani, può essere ferito superando le sue capacità fisiche e il lavoratore che, sentendosi sfidato da un altro nel competere per lo status nell'organizzazione, può trasformare quella che dovrebbe essere una partita amichevole in una mischia pericolosa e livida.

    L'organizzazione che desidera offrire il coinvolgimento in sport agonistici dovrebbe considerare seriamente i seguenti consigli:

    • Assicurati che i partecipanti comprendano lo scopo dell'evento e ricorda loro che sono dipendenti dell'organizzazione e non atleti professionisti.
    • Stabilire regole e linee guida ferme che disciplinano il gioco sicuro e leale.
    • Sebbene i moduli di consenso informato e di rinuncia firmati non sempre proteggano l'organizzazione dalla responsabilità in caso di infortunio, aiutano i partecipanti a comprendere l'entità del rischio associato allo sport.
    • Offri sessioni di condizionamento e sessioni di pratica prima dell'apertura della competizione in modo che i partecipanti possano essere in buona forma fisica quando iniziano a giocare.
    • Richiedere, o almeno incoraggiare, un esame fisico completo da parte del medico personale del dipendente se non disponibile nel servizio sanitario del dipendente. (Nota: l'organizzazione potrebbe dover accettare la responsabilità finanziaria per questo.)
    • Eseguire un'ispezione di sicurezza del campo sportivo e di tutte le attrezzature sportive. Fornire o richiedere dispositivi di protezione individuale come caschi, indumenti, protezioni e occhiali protettivi.
    • Assicurati che gli arbitri e il personale di sicurezza necessari siano presenti per l'evento.
    • Avere a portata di mano forniture di pronto soccorso e un piano prestabilito per l'assistenza medica di emergenza e l'evacuazione, se necessario.
    • Assicurarsi che la copertura assicurativa di responsabilità civile e invalidità dell'organizzazione copra tali eventi e che sia adeguata e in vigore. (Nota: dovrebbe coprire i dipendenti e gli altri che partecipano come spettatori, nonché quelli della squadra.)

     

       

      Per alcune aziende, le competizioni sportive sono una delle principali cause di disabilità dei dipendenti. Le raccomandazioni di cui sopra indicano che il rischio può essere "gestito", ma si dovrebbe riflettere seriamente sul contributo netto che ci si può ragionevolmente aspettare che le attività sportive forniscano alla forma fisica e al programma di allenamento.

      Conclusione

      Programmi di esercizi sul posto di lavoro ben progettati e gestiti in modo professionale avvantaggiano i dipendenti migliorandone la salute, il benessere, il morale e le prestazioni lavorative. Beneficiano le organizzazioni migliorando la produttività qualitativamente e quantitativamente, prevenendo gli infortuni sul lavoro, accelerando il recupero dei dipendenti da malattie e infortuni e riducendo l'assenteismo. La progettazione e l'attuazione di ciascun programma dovrebbero essere individualizzate in accordo con le caratteristiche dell'organizzazione e della sua forza lavoro, con la comunità in cui opera e con le risorse che possono essere messe a sua disposizione. Dovrebbe essere gestito o almeno supervisionato da un professionista del fitness qualificato che sarà costantemente consapevole di ciò che il programma contribuisce ai suoi partecipanti e all'organizzazione e che sarà pronto a modificarlo quando sorgono nuove esigenze e sfide.

       

      Di ritorno

      Leggi 9750 volte Ultima modifica sabato 23 luglio 2022 20:11

      " DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

      Contenuti

      Riferimenti per la tutela e la promozione della salute

      Adami, HG, JA Baron e KJ Rothman. 1994. Etica di uno studio di screening del cancro alla prostata. Lancetta (343):958-960.

      Akabas, SH e M. Hanson. 1991. Programmi di droga e alcol sul posto di lavoro negli Stati Uniti. Documento di lavoro presentato in occasione degli Atti del Washington Tripartite Symposium on Drug and Alcohol Prevention and Assistance Programs at the Workplace. Ginevra: OIL.

      American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG). 1994. Esercizio durante la gravidanza e il periodo postpartum. vol. 189. Bollettino Tecnico. Washington, DC: DCL.

      American Dietetic Association (ADA) e Ufficio per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute. 1994. Nutrizione in cantiere: una guida alla pianificazione, implementazione e valutazione. Chicago: ADA.

      Associazione polmonare americana. 1992. Indagine sugli atteggiamenti del pubblico nei confronti del fumo. Preparato per la Gallup Organization dall'American Lung Association.

      Anderson, DR e deputato O'Donnell. 1994. Verso un'agenda di ricerca sulla promozione della salute: recensioni sullo "stato della scienza". Am J Health Promot (8):482-495.

      Anderson, JJB. 1992. Il ruolo della nutrizione nel funzionamento del tessuto scheletrico. Nutr Rev (50): 388-394.

      Articolo 13-E della legge sulla salute pubblica dello Stato di New York.

      Baile, WF, M Gilbertini, F Ulschak, S Snow-Antle, e D Hann. 1991. Impatto di un divieto di fumo in ospedale: cambiamenti nell'uso del tabacco e negli atteggiamenti dei dipendenti. Tossicodipendente Comportamento 16(6):419-426.

      Bargal, D. 1993. Una prospettiva internazionale sullo sviluppo del lavoro sociale sul posto di lavoro. In Work and Well-Being, the Occupational Social Work Advantage, a cura di P Kurzman e SH Akabas. Washington, DC: NASW Press.

      Barr, JK, KW Johnson e LJ Warshaw. 1992. Sostegno agli anziani: programmi sul posto di lavoro per badanti occupate. Milbank Q (70):509-533.

      Barr, JK, JM Waring e LJ Warshaw. 1991. Fonti dei dipendenti di informazioni sull'AIDS: il posto di lavoro come ambiente educativo promettente. J Occup Med (33): 143-147.

      Barr, JK e LJ Warshaw. 1993. Stress tra le donne lavoratrici: rapporto di un'indagine nazionale. New York: New York Business Group sulla salute.

      Beery, W, VJ Schoenbach, EH Wagner, et al. 1986. Valutazione del rischio per la salute: metodi e programmi, con bibliografia commentata. Rockville, Md: Centro nazionale per la ricerca sui servizi sanitari e la valutazione delle tecnologie sanitarie.

      Bertera, RL. 1991. Gli effetti dei rischi comportamentali sull'assenteismo e sui costi sanitari nei luoghi di lavoro. J Occup Med (33):1119-1124.

      Bray, GA. 1989. Classificazione e valutazione delle obesità. Med Clin North Am 73(1):161-192.

      Brigham, J, J Gross, ML Stitzer e LJ Felch. 1994. Effetti di una politica sul fumo nei luoghi di lavoro limitati sui dipendenti che fumano. Am J Sanità pubblica 84(5):773-778.

      Bungay, GT, MP Vessey e CK McPherson. 1980. Studio dei sintomi della mezza età con particolare riferimento alla menopausa. Brit Med J 308(1):79.

      Ufficio per gli affari nazionali (BNA). 1986. Dove c'è fumo: problemi e politiche riguardanti il ​​fumo sul posto di lavoro. Rockville, Maryland: BNA.

      —. 1989. Fumo sul posto di lavoro, pratiche aziendali e sviluppi. Relazioni con i dipendenti di BNA settimanale 7 (42): 5-38.

      —. 1991. Fumo sul posto di lavoro, sondaggio SHRM-BNA n. 55. Bollettino BNA alla direzione.

      Burton, WN e DJ Conti. 1991. Benefici per la salute mentale gestiti dal valore. J Occup Med (33):311-313.

      Burton, WN, D Erickson e J Briones. 1991. Programmi per la salute delle donne sul posto di lavoro. J Occup Med (33): 349-350.

      Burton, WN e DA Hoy. 1991. Un sistema di gestione dei costi sanitari assistito da computer. J Occup Med (33):268-271.

      Burton, WN, DA Hoy, RL Bonin e L Gladstone. 1989. Qualità e gestione economica dell'assistenza sanitaria mentale. J Occup Med (31):363-367.

      Soci di Calibro. 1989. Studio costi-benefici della fase due del programma di riabilitazione dell'alcol di livello III della Marina: riabilitazione vs costi di sostituzione. Fairfax, Va: soci di calibro.

      Charafin, FB. 1994. Gli Stati Uniti definiscono gli standard per la mammografia. Brit Med J (218): 181-183.

      Fondazione Bambini Alcolisti. 1990. Figli di alcolisti nel sistema medico: problemi nascosti, costi nascosti. New York: Fondazione per i figli degli alcolisti.

      La città di New York. Titolo 17, capitolo 5 del codice amministrativo della città di New York.

      Coalizione su fumo e salute. 1992. Azioni legislative statali sulle questioni relative al tabacco. Washington, DC: Coalizione su fumo e salute.

      Gruppo Politiche Sanitarie Aziendali. 1993. Problemi di fumo di tabacco ambientale sul posto di lavoro. Washington, DC: Comitato consultivo nazionale del Comitato interagenzia su fumo e salute.

      Cowell, JWF. 1986. Linee guida per gli esami di idoneità al lavoro. CMAJ 135 (1 novembre):985-987.

      Daniele, W.W. 1987. Relazioni industriali sul posto di lavoro e cambiamento tecnico. Londra: Istituto di studi politici.

      Davis, R.M. 1987. Tendenze attuali nella pubblicità e nel marketing delle sigarette. New Engl J Med 316:725-732.

      DeCresce, R, A Mazura, M Lifshitz e J Tilson. 1989. Test antidroga sul posto di lavoro. Chicago: stampa ASCP.

      DeFriese, GH e JE Fielding. 1990. Valutazione del rischio per la salute negli anni '1990: opportunità, sfide e aspettative. Rivista annuale della sanità pubblica (11): 401-418.

      Dishman, R.H. 1988. Aderenza all'esercizio: il suo impatto sulla salute pubblica. Champaign, Ill: libri di cinetica.

      Duncan, MM, JK Barr e LJ Warshaw. 1992. Programmi di educazione prenatale sponsorizzati dal datore di lavoro: un'indagine condotta dal New York Business Group sulla salute. Montvale, NJ: editori di affari e salute.

      Elixhauser, A. 1990. I costi del fumo e l'efficacia dei programmi per smettere di fumare. J Publ Health Policy (11):218-235.

      Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.1991. Panoramica dell'azione innovativa per la salute sul posto di lavoro nel Regno Unito. Documento di lavoro n. WP/91/03/IT.

      Ewing, JA. 1984. Rilevamento dell'alcolismo: il questionario CAGE. JAMA 252(14):1905-1907.

      Fielding, J.E. 1989. Frequenza delle attività di valutazione dei rischi per la salute nei cantieri statunitensi. Am G Prev Med 5:73-81.

      Fielding, JE e PV Piserchia. 1989. Frequenza delle attività di promozione della salute nei cantieri. Am G Prev Med 79:16-20.

      Fielding, JE, KK Knight, RZ Goetzel e M Laouri. 1991. Utilizzo dei servizi sanitari preventivi da parte di una popolazione occupata. J Occup Med 33:985-990.

      Fiorino, F. 1994. Prospettive aeree. Aviat settimana tecnologia spaziale (1 agosto):19.

      Fishbeck, W. 1979. Rapporto interno e lettera. Midland, Michigan: Dow Chemical Company, dipartimento medico aziendale.

      Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e Organizzazione mondiale della sanità (OMS). 1992. Conferenza internazionale sulla nutrizione: questioni importanti per le strategie nutrizionali. Ginevra: OMS.

      Forrest, P. 1987. Breast Cancer Screening 1987. Rapporto ai ministri della Sanità di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda. Londra: HMSO.

      Freis, JF, CE Koop, PP Cooper, MJ England, RF Greaves, JJ Sokolov, D Wright e Health Project Consortium. 1993. Ridurre i costi dell'assistenza sanitaria riducendo la necessità e la domanda di servizi sanitari. New Engl J Med 329:321-325.

      Glanz, K e RN Mullis. 1988. Interventi ambientali per promuovere un'alimentazione sana: una rassegna di modelli, programmi e prove. Salute Educ Q 15: 395-415.

      Glanz, K e T Rogers. 1994. Programmi nutrizionali in cantiere nella promozione della salute sul posto di lavoro. In Health Promotion in the Workplace, a cura di MP O'Donnell e J Harris. Albany, NY: Delmar.

      Glied, S e S Kofman. 1995. Donne e salute mentale: questioni per la riforma sanitaria. New York: Il Fondo del Commonwealth.

      Googins, B e B Davidson. 1993. L'organizzazione come cliente: ampliare il concetto di programmi di assistenza ai dipendenti. Lavoro sociale 28:477-484.

      Guidotti, TL, JWF Cowell e GG Jamieson. 1989. Servizi di medicina del lavoro: un approccio pratico. Chicago: Associazione medica americana.

      Hammer, L. 1994. Equità e questioni di genere nella fornitura di assistenza sanitaria: il rapporto sullo sviluppo della Banca mondiale del 1993 e le sue implicazioni per i destinatari del servizio sanitario. Serie di documenti di lavoro, n.172. L'Aia: Istituto di studi sociali.

      Harris, L et al. 1993. La salute delle donne americane. New York: Il Fondo del Commonwealth.

      Haselhurst, J. 1986. Screening mammografico. In Complications in the Management of Breast Disease, a cura di RW Blamey. Londra: Balliere Tindall.

      Henderson, BE, RK Ross e MC Pike. 1991. Verso la prevenzione primaria del cancro. Scienza 254:1131-1138.

      Hutchison, J e A Tucker. 1984. Lo screening del seno risulta da una popolazione sana e attiva. Clin Oncol 10:123-128.

      Istituto per le politiche sanitarie. Ottobre 1993. Abuso di sostanze: il problema sanitario numero uno della nazione. Princeton: Fondazione Robert Wood Johnson.

      Kaplan, GD e VL Brinkman-Kaplan. 1994. Gestione del peso sul posto di lavoro nella promozione della salute sul posto di lavoro. In Health Promotion in the Workplace, a cura di MP O'Donnell e J Harris. Albany, NY: Delmar.

      Karpilow, C. 1991. Medicina del lavoro nel posto di lavoro industriale. Firenze, Ky: Van Nostrand Reinhold.

      Kohler, S e J Kamp. 1992. Lavoratori americani sotto pressione: rapporto tecnico. St. Paul, Minnesota: St. Paul Fire and Marine Insurance Company.

      Kristein, M. 1983. Quanto possono aspettarsi di trarre profitto le aziende dalla cessazione del fumo? Prevenire Med 12:358-381.

      Lesieur, HR e SB Blume. 1987. The South Oaks Gambling Screen (SOGS): un nuovo strumento per l'identificazione dei giocatori patologici. Am J Psychiatr 144(9):1184-1188.

      Lesieur, HR, SB Blume e RM Zoppa. 1986. Alcolismo, abuso di droghe e gioco d'azzardo. Alcol, Clin Exp Res 10(1):33-38.

      Lesmes, G. 1993. Convincere i dipendenti a dire di no al fumo. Salute degli autobus (marzo): 42-46.

      Lew, EA e L. Garfinkel. 1979. Variazioni di mortalità in peso tra 750,000 uomini e donne. J Chron Dis 32:563-576.

      Lewin, K. [1951] 1975. Teoria del campo nelle scienze sociali: articoli teorici selezionati di Kurt
      Lewin, a cura di D Cartwright. Westport: stampa di Greenwood.

      Malcom, AI. 1971. La ricerca dell'ebbrezza. Toronto: Libri ARF.
      M
      andelker, J. 1994. Un programma di benessere o una pillola amara. Salute degli autobus (marzo): 36-39.

      March of Dimes Birth Defects Foundation. 1992. Lezioni apprese dal programma Babies and You. White Plains, NY: Fondazione March of Dimes Birth Defects.

      —. 1994. Bambini sani, affari sani: guida di un datore di lavoro sul miglioramento della salute materna e infantile. White Plains, NY: Fondazione March of Dimes Birth Defects.

      Margolin, A, SK Avants, P Chang e TR Kosten. 1993. Agopuntura per il trattamento della dipendenza da cocaina nei pazienti mantenuti con metadone. Am J Addict 2(3):194-201.

      Maskin, A, A Connelly e EA Noonan. 1993. Fumo di tabacco ambientale: implicazioni per il posto di lavoro. Occ Saf Health Rep (2 febbraio).

      Mansueto, DC. 1992. Il programma medico disabile della Medical Society of the District of Columbia. Maryland MedJ 41(4):321-323.

      Morse, RM e DK Flavin. 1992. La definizione di alcolismo. JAMA 268(8):1012-1014.

      Muchnick-Baku, S e S Orrick. 1992. Lavorare per una buona salute: promozione della salute e piccole imprese. Washington, DC: Washington Business Group sulla salute.

      Consiglio consultivo nazionale per la ricerca sul genoma umano. 1994. Dichiarazione sull'uso del test del DNA per l'identificazione presintomatica del rischio di cancro. GIAMA 271:785.

      Consiglio nazionale sull'assicurazione di compensazione (NCCI). 1985. Stress emotivo sul posto di lavoro: nuovi diritti legali negli anni Ottanta. New York: NCCI.

      Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH). 1991. Bollettino di intelligence corrente 54. Bethesda, Md: NIOSH.

      Istituti Nazionali della Salute (NIH). 1993a. Rapporto del gruppo di lavoro del programma nazionale di educazione alla pressione alta sulla prevenzione primaria dell'ipertensione. National High Blood Pressure Education Program, National Heart, Lung, and Blood Institute. Pubblicazione NIH n. 93-2669. Bethesda, Maryland: NIH.

      —. 1993 b. Secondo rapporto del gruppo di esperti sulla rilevazione, valutazione e trattamento del colesterolo alto negli adulti (ATP II). National Cholesterol Education Program, National Institutes of Health, National Heart, Lung, and Blood Institute. Pubblicazione NIH n. 93-3095. Bethesda, Maryland: NIH.

      Consiglio Nazionale per la Ricerca. 1989. Dieta e salute: implicazioni per ridurre il rischio di malattie croniche. Washington, DC: National Academy Press.

      Accademia di medicina di New York. 1989. Droghe sul posto di lavoro: Atti di un simposio. B NY Acad Med 65(2).

      Noah, T. 1993. L'EPA dichiara il fumo passivo cancerogeno per l'uomo. Wall Street J, 6 gennaio.

      Ornish, D, SE Brown, LW Scherwitz, JH Billings, WT Armstrong, TA Ports, SM McLanahan, RL Kirkeeide, RJ Brand e KL Gould. 1990. I cambiamenti nello stile di vita possono invertire la malattia coronarica? La prova del cuore stile di vita. Lancetta 336:129-133.

      Parodi contro Veterans Administration. 1982. 540 F. Suppl. 85 WD. Washington DC.

      Patnick, J. 1995. NHS Breast Screening Programs: Review 1995. Sheffield: Clear Communications.

      Pelletier, KR. 1991. Una revisione e un'analisi degli studi sui risultati economici di programmi completi di promozione della salute e prevenzione delle malattie. Am J Health Promot 5:311-315.

      —. 1993. Una revisione e un'analisi della salute e degli studi sui risultati economici di programmi completi di promozione della salute e prevenzione delle malattie. Am J Health Promot 8:50-62.

      —. 1994. Ottenere il valore dei tuoi soldi: il programma di pianificazione strategica dello Stanford Corporate Health Program. Am J Health Promot 8:323-7,376.

      Penner, M e S Penner. 1990. Costi sanitari assicurati in eccesso dai dipendenti che consumano tabacco in un piano di gruppo di grandi dimensioni. J Occup Med 32:521-523.

      Task force per i servizi preventivi. 1989. Guida ai servizi di prevenzione clinica: una valutazione dell'efficacia di 169 interventi. Baltimora: Williams & Wilkins.

      Richardson, G. 1994. Un benvenuto per ogni bambino: come la Francia protegge la salute materna e infantile: un nuovo quadro di riferimento per gli Stati Uniti. Arlington, Virginia: Centro nazionale per l'educazione alla salute materna e infantile.

      Richmond, K. 1986. Presentazione di cibi salutari per il cuore in una mensa aziendale. J Nutr Educ 18:S63-S65.

      Robbins, LC e JH Hall. 1970. Come praticare la medicina prospettica. Indianapolis, Indiana: Ospedale Metodista dell'Indiana.

      Rodale, R, ST Belden, T Dybdahl e M Schwartz. 1989. L'indice di promozione: una pagella sulla salute della nazione. Emmaus, Penn: Rodale Press.

      Ryan, AS e GA Martinez. 1989. L'allattamento al seno e la madre che lavora: un profilo. Pediatria 82:524-531.

      Saunders, JB, OG Aasland, A Amundsen e M Grant. 1993. Consumo di alcol e problemi correlati tra i pazienti di assistenza sanitaria primaria: progetto collaborativo dell'OMS sulla diagnosi precoce di persone con consumo dannoso di alcol-I. Dipendenza 88:349-362.

      Schneider, WJ, SC Stewart e MA Haughey. 1989. Promozione della salute in un formato ciclico programmato. J Occup Med 31:482-485.

      Schoenbach, VJ. 1987. Valutazione della valutazione del rischio per la salute. Am J Sanità pubblica 77:409-411.

      Seidel, JC. 1992. Obesità e salute regionali. Int J Obesità 16:S31-S34.

      Selzer, ML. 1971. Il test di screening dell'alcolismo del Michigan: la ricerca di un nuovo strumento diagnostico. Am J Psychiatr 127(12):89-94.

      Serdula, MK, DE Williamson, RF Anda, A Levy, A Heaton e T Byers. 1994. Pratiche di controllo del peso negli adulti: risultati di un'indagine multistato. Am J Publ Health 81:1821-24.

      Shapiro, S. 1977. Prove di screening per il cancro al seno da uno studio randomizzato. Cancro: 2772-2792.

      Skinner, HA. 1982. Il test di screening per l'abuso di droghe (DAST). Tossicodipendente Comportamento 7:363-371.

      Smith-Schneider, LM, MJ Sigman-Grant e PM Kris-Etherton. 1992. Strategie dietetiche per la riduzione del grasso. J Am Diet Assoc 92:34-38.

      Sorensen, G, H Lando e TF Pechacek. 1993. Promuovere la cessazione del fumo sul posto di lavoro. J Occup Med 35(2):121-126.

      Sorensen, G, N Rigotti, A Rosen, J Pinney, and R Prible. 1991. Effetti di una politica sul fumo sul posto di lavoro: prove per una maggiore cessazione. Am J Sanità pubblica 81(2):202-204.

      Stave, GM e GW Jackson. 1991. Effetto del divieto totale di fumo sul posto di lavoro sul fumo e sugli atteggiamenti dei dipendenti. J Occup Med 33(8):884-890.

      Thériault, G. 1994. Rischi di cancro associati all'esposizione professionale a campi magnetici tra i lavoratori delle utenze elettriche in Ontario e Quebec, Canada e Francia. Am J Epidemiol 139(6):550-572.

      Tramm, ML e LJ Warshaw. 1989. Screening per problemi di alcol: una guida per ospedali, cliniche e altre strutture sanitarie. New York: New York Business Group sulla salute.

      Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti: Servizio di informazione sulla nutrizione umana. 1990. Rapporto del comitato consultivo per le linee guida dietetiche sulle linee guida dietetiche per gli americani. Pubblicazione n. 261-495/20/24. Hyattsville, Md: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

      Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere degli Stati Uniti. 1964. Fumo e Salute Relazione del Comitato Consultivo al Chirurgo Generale del Servizio Sanitario Pubblico. Pubblicazione PHS n. 1103. Rockville, Md: Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere degli Stati Uniti.

      Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (USDHHS). 1989. Ridurre le conseguenze sulla salute del fumo: 25 anni di progressi. Un rapporto del chirurgo generale. Pubblicazione USDHHS n.10 89-8411.Washington, DC: Ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

      —. 1990. Costi economici dell'abuso di alcol e droghe e malattie mentali. Pubblicazione DHHS n. (ADM) 90-1694. Washington, DC: amministrazione di alcol, abuso di droghe e salute mentale.

      —. 1991. Fumo di tabacco ambientale sul posto di lavoro: cancro ai polmoni e altri effetti. Pubblicazione USDHHS (NIOSH) n. 91-108. Washington, DC: USDHHS.
      Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. 1995. Scadenza qualità mammografia. FDA Med Toro 23: 3-4.

      Ufficio di contabilità generale degli Stati Uniti. 1994. Assistenza a lungo termine: il supporto per l'assistenza agli anziani potrebbe giovare al posto di lavoro governativo e agli anziani. GAO/HEHS-94-64. Washington, DC: ufficio di contabilità generale degli Stati Uniti.

      Ufficio statunitense per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute. 1992. 1992 Indagine nazionale sulle attività di promozione della salute nei luoghi di lavoro: rapporto di sintesi. Washington, DC: Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani, Servizio Sanitario Pubblico.

      Servizio Sanitario Pubblico degli Stati Uniti. 1991. Healthy People 2000: Obiettivi nazionali per la promozione della salute e la prevenzione delle malattie: rapporto completo con commento. Pubblicazione DHHS n. (PHS) 91-50212. Washington, DC: Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.

      Voelker, R. 1995. Preparazione dei pazienti per la menopausa. GIAMA 273:278.

      Wagner, EH, WL Beery, VJ Schoenbach e RM Graham. 1982. Una valutazione del pericolo per la salute/valutazione del rischio per la salute. Am J Sanità pubblica 72:347-352.

      Walsh, DC, RW Hingson, DM Merrigan, SM Levenson, LA Cupples, T Heeren, GA Coffman, CA Becker, TA Barker, SK Hamilton, TG McGuire e CA Kelly. 1991. Uno studio randomizzato sulle opzioni terapeutiche per i lavoratori che abusano di alcol. New Engl J Med 325(11):775-782.

      Warshaw, L.J. 1989. Stress, ansia e depressione sul posto di lavoro: rapporto dell'indagine NYGBH/Gallup. New York: il gruppo aziendale di New York sulla salute.

      Weismann, CS. 1995. Indagine nazionale sui centri per la salute delle donne: rapporto preliminare per gli intervistati. New York: Fondo del Commonwealth.

      Wilber, C.S. 1983. Il programma Johnson e Johnson. Prevenire Med 12:672-681.

      Woodruff, TJ, B Rosbrook, J Pierce e SA Glantz. 1993. Livelli inferiori di consumo di sigarette riscontrati nei luoghi di lavoro senza fumo in California. Arch Int Med 153(12):1485-1493.

      Woodside, M. 1992. Figli di alcolisti al lavoro: la necessità di saperne di più. New York: Fondazione per i figli degli alcolisti.

      Banca Mondiale. 1993. Rapporto sullo sviluppo mondiale: investire nella salute. Nuova York: 1993.

      Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1988. Promozione della salute per le popolazioni lavoratrici: rapporto di un comitato di esperti dell'OMS. Serie di relazioni tecniche, n. 765. Ginevra: OMS.

      —. 1992. Kit di consulenza per la Giornata mondiale senza tabacco 1992. Ginevra: OMS.

      —. 1993. Donne e abuso di sostanze: rapporto di valutazione del paese del 1993. Documento N. OMS/PSA/93.13. Ginevra: OMS.

      —. 1994. Una guida sul cibo sicuro per i viaggiatori. Ginevra: OMS.

      Yen, LT, DW Edington e P Witting. 1991. Previsione di potenziali reclami medici e assenteismo per 1,285 lavoratori orari di un'azienda manifatturiera, 1992. J Occup Med 34:428-435.