Martedì, 25 gennaio 2011 18: 55

Strategie in cantiere per migliorare la salute materna e infantile: esperienze di datori di lavoro statunitensi

Vota questo gioco
(0 voti )

C'è una crescente consapevolezza tra i datori di lavoro del settore pubblico e privato negli Stati Uniti che i risultati di nascita sani, la produttività e lo stato economico dell'organizzazione sono collegati. Allo stesso tempo, vi è una maggiore preoccupazione per i rischi per la salute riproduttiva sul lavoro. Mai prima d'ora i datori di lavoro avevano ragioni migliori per migliorare la salute materna e infantile tra i dipendenti e le loro famiglie. L'aumento dei costi sanitari, il cambiamento demografico della forza lavoro e la crescente evidenza che dipendenti sani portano a guadagni di produttività, sono motivi convincenti per rendere la salute materna e infantile un'aggiunta ai loro programmi di educazione sanitaria e promozione.

Strategia per la salute materna e infantile è un termine ampiamente utilizzato per definire qualsiasi iniziativa attentamente pianificata, sponsorizzata dal datore di lavoro o dal sindacato, che promuove la salute e il benessere delle donne, prima, durante e dopo la gravidanza, e sostiene la salute dei bambini durante anche il primo anno di vita. Non esiste un'unica soluzione o approccio per migliorare la salute materna e infantile. Piuttosto, per la maggior parte dei datori di lavoro, lo sforzo è una combinazione delle seguenti attività, personalizzate per soddisfare l'ambiente che rende unico il loro posto di lavoro.

Benefici per la salute

È utile considerare i benefici dell'assistenza sanitaria materna e infantile come un continuum di cure che fornisce consapevolezza sulla salute riproduttiva e consulenza e servizi di pianificazione familiare per tutta la durata della vita riproduttiva. I benefici elencati nella tabella 1 rappresentano quelli che un piano di assicurazione sanitaria dovrebbe coprire a causa della loro importanza nel migliorare la salute materna e infantile.

Tabella 1. Benefici dell'assicurazione sanitaria.

Pre-gravidanza

Gravidanza

Post-gravidanza

infanzia

Visita annuale di assistenza preconcezionale o interconcezionale (include i servizi di pianificazione familiare)

Consulenza e test genetici

Piano di prescrizione di farmaci

Trattamento dell'abuso di sostanze

Consulenza e test genetici

L'assistenza prenatale dovrebbe essere offerta senza franchigie o pagamenti

Il travaglio e il parto in un ospedale o in un centro parto dovrebbero essere offerti senza franchigie o co-pagamenti

  •  Vitto e alloggio in ospedale o centro parto
  •  Servizi di anestesia
  •  Piano di prescrizione di farmaci (comprese le vitamine prenatali)
  •  Servizi di assistenza sanitaria a domicilio
  •  Trattamento dell'abuso di sostanze

Assistenza dopo il parto

Piano di prescrizione di farmaci

Servizi di assistenza sanitaria a domicilio

Trattamento dell'abuso di sostanze

Normale asilo nido neonatale

Terapia intensiva neonatale: nessuna esclusione di condizioni preesistenti per i neonati

Piano di prescrizione di farmaci

Servizi di assistenza sanitaria a domicilio

Fonte: March of Dimes Birth Defects Foundation 1994.

Progettazione dei vantaggi

Mentre molti piani sanitari americani forniscono copertura per le cure preconcezionali e prenatali, ci sono una serie di motivi per cui potrebbe essere difficile per alcune donne ottenere cure di alta qualità a prezzi accessibili. Ad esempio, alcuni fornitori richiedono il pagamento anticipato per l'assistenza prenatale e i servizi di parto, tuttavia la maggior parte degli assicuratori non effettuerà il pagamento fino a dopo il parto. Altri ostacoli all'accesso a cure adeguate includono quote deducibili elevate o co-pagamenti, orari d'ufficio scomodi, mancanza di copertura per le persone a carico e inaccessibilità geografica. I datori di lavoro non possono eliminare tutte queste barriere, ma rappresenterebbe un ottimo inizio per aiutare a rimuovere gli oneri dei pagamenti anticipati e delle elevate spese deducibili e per offrire assistenza al dipendente nel trovare l'accettazione da parte di un fornitore adeguato di cure prenatali.

In Texas Instruments (TI), l'obiettivo è rendere accessibile l'assistenza prenatale indipendentemente dal livello di reddito di un dipendente o dall'operatore sanitario. Le madri che cercano cure prenatali all'interno della rete TI pagano solo il 10% di una tariffa negoziata anticipata, un unico addebito che copre i servizi di assistenza prenatale e sia i parti non complicati che i tagli cesarei.

The Haggar Apparel Company paga in anticipo il 100% del costo delle cure prenatali se un dipendente o una persona a carico accede alle cure prenatali nel primo trimestre di gravidanza. The Home Depot (un rivenditore di articoli per l'edilizia e merci correlate) rinuncia alla franchigia ospedaliera della futura mamma se le visite di assistenza prenatale iniziano nel primo trimestre.

Sebbene molti piani prevedano un'assistenza adeguata per i primi giorni di vita del neonato, la copertura per l'assistenza preventiva continua del neonato dopo la dimissione dall'ospedale, spesso indicata come cura del neonato, è spesso inadeguata o inesistente.

Presso la First National Bank di Chicago, le future mamme iscritte al piano di indennizzo e che completano un programma di educazione prenatale entro la fine del loro quarto mese di gravidanza hanno la franchigia di $ 400 esentata dalla copertura assicurativa sanitaria del primo anno del loro neonato. La Monfort Company, un impianto di confezionamento di carne bovina a Greeley, in Colorado, copre totalmente la cura dei bambini fino a tre anni.

Servizi relativi ai benefit e programmi per i dipendenti

La tabella 2 elenca i servizi ei programmi relativi ai benefici che sono considerati importanti elementi di supporto per una strategia per la salute materna e infantile. Questi servizi e programmi possono essere forniti direttamente dal datore di lavoro, sul posto di lavoro o in un luogo vicino, o in base a un contratto con un'agenzia o un fornitore esterno, a seconda della struttura, dell'ubicazione e delle dimensioni dell'organizzazione e possono essere gestiti dai benefit , salute dei dipendenti, promozione della salute o dipartimento di assistenza ai dipendenti, ad esempio.

Poche aziende possono offrire tutti questi componenti; tuttavia, più completa e comprensiva è la strategia, maggiori sono le possibilità di migliorare la salute delle madri e dei bambini.

Tabella 2. Altri servizi relativi alle prestazioni forniti dal datore di lavoro.

SERVIZI

Pre-gravidanza

Gravidanza

Post-gravidanza

infanzia

 
  •  Gestione della maternità
    Programma
  •  Caso di maternità ad alto rischio
    gestione (può far parte di a
    gestione della maternità
    programma)
  •  Assegno di invalidità per maternità
  •  Servizi di case management per neonati ad alto rischio
 
  •  Conti di rimborso per cure a carico

PROGRAMMI 

Pre-gravidanza

Gravidanza

Post-gravidanza

infanzia

  •  Promozione della salute preconcetto
  •  Programmi per smettere di fumare
  •  Promozione della salute prenatale
  •  Formazione sulla sensibilità per i dirigenti
  •  Corsi per genitori sulla cura del bambino
    e sviluppo
  •  Programma per smettere di fumare
  •  Programma di allattamento
  •  Struttura per l'infanzia in loco
 
  •  Rinvio ai servizi per l'infanzia

Fonte: March of Dimes Birth Defects Foundation 1994.

Periodo pre-gravidanza e gravidanza

I programmi di gestione della maternità stanno guadagnando popolarità perché offrono caratteristiche interessanti sia per i futuri genitori che per il datore di lavoro. Sebbene non sia progettato per sostituire l'assistenza prenatale fornita da un operatore sanitario, la gestione della maternità è un servizio correlato alle prestazioni che fornisce consulenza e supporto personalizzati in base alle esigenze e ai livelli di rischio della madre.

Levi Strauss & Company, uno dei più grandi produttori di abbigliamento e abbigliamento della nazione, offre un programma di gestione della maternità amministrato da una compagnia di assicurazioni. I dipendenti sono incoraggiati ad accedere al programma non appena sono incinte e riceveranno $ 100 in contanti per chiamare il numero verde di gestione della maternità. Nel 1992, i costi per i neonati le cui madri partecipavano al programma erano inferiori di quasi il 50% rispetto a quelli le cui madri non lo facevano.

La First National Bank di Chicago offre la March of Dimes I bambini e te programma di promozione della salute prenatale come parte della sua strategia per la salute materna e infantile. Questo programma è descritto di seguito e nel caso di studio a p. 15.23 sopra.

Babies and You: un programma di promozione della salute prenatale

La marcia di Dimes' I bambini e te Il programma di promozione della salute prenatale è stato sviluppato nel 1982 in collaborazione con specialisti della salute materna e infantile in tutto il paese. Ampiamente testato sul campo dai capitoli e dai siti di lavoro di March of Dimes, il programma viene continuamente aggiornato e migliorato.

I bambini e te educa gli adulti su come praticare comportamenti di stile di vita sani prima e durante la gravidanza, motiva le donne a ricevere cure prenatali precoci e regolari e influenza i datori di lavoro affinché implementino strategie che supportino esiti sani della gravidanza.

Le attività di promozione della salute prenatale dovrebbero raggiungere uomini e donne dipendenti, partner, altri membri della famiglia e amici. I bambini e te è adattabile alle esigenze specifiche di qualsiasi forza lavoro. Vengono presi in considerazione il livello di istruzione, la cultura e la lingua dei potenziali partecipanti, nonché eventuali limitazioni del luogo di lavoro e le risorse disponibili della comunità.

Poiché i datori di lavoro si trovano in fasi diverse delle loro attività di promozione della salute, I bambini e te offre tre livelli di attuazione: una campagna informativa, seminari educativi e formazione degli operatori sanitari (vedi riquadro). Gli argomenti più popolari per materiali informativi e seminari educativi sono il preconcetto e l'assistenza prenatale, lo sviluppo fetale, la genetica, il ruolo maschile in gravidanza, l'alimentazione durante la gravidanza e la genitorialità. Gli argomenti trattati nei programmi prenatali di 31 aziende intervistate dal New York Business Group on Health hanno trovato come temi dominanti la comprensione di ciò che accade durante la gravidanza e il parto; cure tempestive da parte di professionisti sanitari qualificati; praticare comportamenti sani legati alla gravidanza ed evitare i rischi che potrebbero interessare la madre e/o il feto; cura del neonato; e mantenere relazioni familiari e lavorative soddisfacenti (Duncan, Barr e Warshaw 1992).


BAMBINI E TU: livelli di attuazione

Campagna informativa di I livello è progettato per creare consapevolezza nel luogo di lavoro sull'importanza di cure prenatali precoci e regolari. Per sostenere questo livello di implementazione, è disponibile una varietà di materiali stampati e audiovisivi da March of Dimes.

Seminari Didattici di II Livello vengono consegnati in cantiere da professionisti sanitari volontari di March of Dimes. Sono disponibili quattordici diversi argomenti del seminario tra cui scegliere, tra cui: assistenza preconcezionale, assistenza prenatale, nutrizione, esercizio fisico e gravidanza, gravidanza dopo i 35 anni, stress e gravidanza, complicanze della gravidanza, cura del bambino, ruolo maschile in gravidanza e allattamento.

Formazione di III livello degli operatori sanitari consente a un cantiere di stabilire Babies and You come componente continua delle sue attività di benessere. Il March of Dimes offre una formazione di un giorno sulla consegna e l'implementazione del programma a professionisti della salute in loco come infermieri di medicina del lavoro, gestori di benefici, direttori medici e specialisti della promozione della salute.

Ma indipendentemente dal livello di Babies and You che un luogo di lavoro sceglie di implementare, ci sono otto obiettivi per uno sforzo di promozione della salute prenatale di successo che questo programma si sforza di raggiungere:

  • Impegno di gestione
  • Pianificazione del programma interdipartimentale
  • Ingresso dei dipendenti
  • L'offerta di incentivi
  • Vantaggi e politiche di supporto
  • Creazione di canali di comunicazione
  • Accesso alle risorse della comunità
  • Valutazione

Periodo post-gravidanza e infanzia

Oltre a implementare programmi di promozione della salute e altri servizi incentrati sulla salute della madre prima e durante la gravidanza, molti datori di lavoro offrono anche programmi a sostegno di genitori e neonati dopo la gravidanza, durante i primi dodici mesi critici e oltre. I benefici per l'invalidità di maternità, i programmi di allattamento, i conti di rimborso per le cure a carico (ad es. accantonamenti al lordo delle imposte sui guadagni a cui i dipendenti possono attingere per pagare le spese per le cure a carico), i corsi per genitori e l'assistenza all'infanzia in loco sono solo alcuni dei benefici e dei programmi ora offerto.

Ad esempio, per mantenere la buona volontà con i suoi dipendenti, Lancaster Laboratories, con sede a Lancaster, Pennsylvania, e fornendo ricerca di laboratorio a contratto e consulenza alle industrie ambientali, alimentari e farmaceutiche, continua a fornire benefici assicurativi sanitari durante sia il congedo per invalidità di maternità che il congedo parentale non retribuito congedo indipendentemente dal fatto che la dipendente intenda o meno tornare al lavoro dopo aver partorito. Questo approccio gestionale a sostegno della famiglia ha ottenuto risultati: in un settore in cui un tasso di turnover del 27% è la norma, il tasso a Lancaster è solo dell'8% (March of Dimes 1994).

Anche i programmi di allattamento sono facili e vantaggiosi da implementare per i datori di lavoro. I benefici per la salute dell'allattamento al seno vanno oltre quelli del bambino. Uno studio recente mostra che migliorare la salute di un bambino attraverso l'allattamento al seno ha un effetto diretto sulla produttività dei dipendenti. Neonati più sani significano che madri e padri perdono significativamente meno giorni di lavoro per prendersi cura di un bambino malato (Ryan e Martinez 1989). Offrire un programma di allattamento richiede semplicemente di fornire spazio e attrezzature in loco per l'estrazione e la conservazione del latte materno.

Il Los Angeles Department of Water and Power è stato in grado di quantificare alcuni vantaggi del suo programma di allattamento: ad esempio, l'86% dei partecipanti afferma che il programma ha facilitato il loro ritorno al lavoro; Il 71% riferisce di aver preso meno tempo libero dalla partecipazione; e i partecipanti al programma hanno un tasso di turnover del 2% (March of Dimes 1994).

Politiche del datore di lavoro

Ci sono molte politiche sul posto di lavoro che i datori di lavoro possono avviare per creare una cultura di sostegno alla salute materna e infantile. Istituire nuove politiche e modificare quelle vecchie può inviare un messaggio importante ai dipendenti sulla cultura aziendale dell'azienda.

Alcune politiche influenzano la salute di tutti i lavoratori, come la creazione di un ambiente privo di fumo. Altri si concentrano su gruppi selezionati, come quelli che affrontano i rischi professionali per la salute riproduttiva e che sono mirati a soddisfare le esigenze di uomini e donne che stanno pianificando di avere un figlio. Ancora di più, comprese le politiche di lavoro flessibile, sostengono le donne incinte nella programmazione delle visite prenatali e alleggeriscono il peso dei genitori con neonati e bambini piccoli. Infine, le politiche relative alla modifica degli incarichi di lavoro quando necessario durante la gravidanza e alla risoluzione delle questioni relative alla disabilità e alla sua durata aiutano a proteggere la salute della lavoratrice gestante riducendo al minimo l'interferenza con i suoi incarichi di lavoro.

Quando la Warner-Lambert Company, leader nel settore farmaceutico, della salute dei consumatori e dei prodotti dolciari, ha avviato i suoi programmi di gestione della maternità e di educazione prenatale, l'azienda ha anche introdotto linee guida complete per la gestione della salute riproduttiva. Le linee guida incoraggiano i dipendenti a completare questionari che valutano il potenziale di rischi per la salute riproduttiva nei loro posti di lavoro o luoghi di lavoro. Se necessario, un ingegnere della sicurezza Warner-Lambert condurrà una valutazione per determinare quale eventuale controllo dei rischi sul posto di lavoro o delle limitazioni del lavoro potrebbe essere necessario.

Oltre alle politiche sui rischi per la salute riproduttiva, un certo numero di datori di lavoro offre politiche flessibili di congedo familiare. Ad esempio, presso AT&T, il colosso delle comunicazioni, i dipendenti possono richiedere fino a 12 mesi di congedo non retribuito per prendersi cura di un neonato o di un bambino adottato. Più del 50% dei dipendenti che hanno usufruito di questa politica di congedo dal 1990 è tornato al lavoro entro tre mesi. Entro sei mesi, l'82% dei dipendenti era tornato al lavoro (March of Dimes 1994).

E presso PepsiCo Inc., il grande conglomerato di bevande e alimenti con sede a Purchase, New York, i padri di neonati possono richiedere fino a otto settimane di congedo retribuito e altre otto settimane di congedo non retribuito con la garanzia dello stesso lavoro o di un lavoro paragonabile quando ritornano (March of Dimes 1994).

Progettazione di una strategia per la salute materna e infantile per soddisfare le esigenze aziendali

Qualsiasi strategia sostenibile per la salute materna e infantile basata sul datore di lavoro, oltre a essere accettabile per i dipendenti, deve soddisfare solidi obiettivi aziendali. A seconda degli obiettivi di un'azienda, diversi vantaggi, programmi per i dipendenti o politiche possono avere la priorità. I seguenti passaggi sono utili per sviluppare una strategia preliminare:

  1. Documentare i benefici, i programmi e le politiche esistenti che supportano la salute materna e infantile al fine di creare le fondamenta di una strategia formale.
  2. Scopri le risorse della comunità disponibili per assistere gli sforzi dell'azienda.
  3. Preparare un elenco prioritario di iniziative preliminari per la salute materna e infantile che includa cambiamenti o introduzioni di benefici, programmi o politiche.
  4. Ottieni il supporto preliminare dal top management prima di fare il passo successivo.
  5. Valutare le esigenze percepite e testare le strategie proposte con i dipendenti per convalidare le raccomandazioni preliminari.
  6. Sviluppare una strategia formale per la salute materna e infantile articolando una missione, delineando obiettivi, allocando le risorse necessarie, identificando potenziali ostacoli e attori chiave, preparando un calendario di attuazione e ottenendo il supporto necessario a tutti i livelli dell'azienda.

 

Implementazione di iniziative per la salute materna e infantile

Il passo successivo è implementare i benefici, i programmi e le politiche che fanno parte della strategia. Il processo di implementazione include in genere i seguenti passaggi:

  1. Assegnare la responsabilità dell'implementazione.
  2. Seleziona misure di qualità con cui gestire il programma.
  3. Valutare e selezionare i fornitori.
  4. Esaminare gli incentivi e altri metodi per aumentare la partecipazione dei dipendenti.
  5. Comunicare le iniziative ai dipendenti e ai familiari.

 

Gestire il successo di una strategia per la salute materna e infantile

Dopo l'implementazione, la strategia per la salute materna e infantile del datore di lavoro dovrebbe essere rivista per verificarne l'efficacia nel soddisfare gli obiettivi originali e le esigenze aziendali. La valutazione e il feedback sono essenziali e aiutano a garantire che le iniziative per la salute materna e infantile soddisfino le esigenze sia del datore di lavoro che dei dipendenti.


Salute materno-infantile in Francia

Poco dopo la seconda guerra mondiale, la Francia ha istituito la Protection maternelle et infantile (PMI), un sistema nazionale attraverso il quale gli operatori sanitari pubblici e privati, in collaborazione con i servizi sociali, forniscono servizi sanitari preventivi di base, medici, sociali ed educativi a donne incinte, neonati e bambini fino all'età di sei anni.

Per la maggior parte, le famiglie ei medici privati ​​provvedono individualmente alla consulenza preconcezionale, alla pianificazione familiare, all'assistenza prenatale precoce e regolare, agli esami sanitari preventivi e alle vaccinazioni per i bambini fino all'età di sei anni. La partecipazione al programma è incoraggiata attraverso il rimborso del 100% da parte dell'assicurazione sanitaria nazionale (per poter beneficiare di questa copertura, le donne devono registrare le loro gravidanze entro la 15a settimana di gestazione), assegni mensili (familiari) dal quarto mese di gestazione della donna fino al terzo mese di vita del bambino come incentivo al rispetto delle linee guida nazionali per la prevenzione e un programma continuo di informazione ed educazione.

Le donne che non possono partecipare all'assistenza attraverso il settore privato sono coperte da 96 centri PMI controllati localmente, uno in ciascun dipartimento francese. Oltre a fornire cliniche sanitarie di quartiere gratuite, questi centri identificano e mirano all'intervento donne in gravidanza e bambini a rischio, effettuano visite domiciliari e monitorano i progressi di tutte le donne e i bambini per garantire che vengano ricevuti i servizi di prevenzione richiesti dalle linee guida nazionali.

Il ruolo dei datori di lavoro in questo sistema è regolato dalla legge. Forniscono alle donne incinte:

  • Cambi di lavoro; orari flessibili per alleviare gli oneri del pendolarismo e periodi di riposo al fine di ridurre lo stress e la fatica che possono portare a un parto prematuro
  • Congedo di maternità con sicurezza del lavoro per le madri che partoriscono o adottano figli per promuovere il legame e lo sviluppo sano del bambino (un'indennità di maternità pari all'84% dello stipendio, è pagata dalla previdenza sociale fino a un massimale)
  • Accordi di lavoro part-time e congedo parentale non retribuito con sicurezza del lavoro per consentire ai genitori di bilanciare la cura dei figli e le responsabilità lavorative (un'indennità parentale nazionale aiuta a compensare il costo del congedo non retribuito) (Richardson 1994)

Conclusione

La necessità di affrontare la salute materna e infantile sul posto di lavoro americano aumenterà man mano che sempre più donne entreranno nel mondo del lavoro e man mano che le questioni familiari e lavorative diventeranno inseparabili. Le aziende lungimiranti lo hanno già riconosciuto e stanno sviluppando approcci innovativi. I datori di lavoro sono in una posizione unica e potente per influenzare il cambiamento e diventare leader nella promozione di madri e bambini sani.

 

Di ritorno

Leggi 6513 volte Ultima modifica Martedì, Ottobre 11 2011 16: 17

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti per la tutela e la promozione della salute

Adami, HG, JA Baron e KJ Rothman. 1994. Etica di uno studio di screening del cancro alla prostata. Lancetta (343):958-960.

Akabas, SH e M. Hanson. 1991. Programmi di droga e alcol sul posto di lavoro negli Stati Uniti. Documento di lavoro presentato in occasione degli Atti del Washington Tripartite Symposium on Drug and Alcohol Prevention and Assistance Programs at the Workplace. Ginevra: OIL.

American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG). 1994. Esercizio durante la gravidanza e il periodo postpartum. vol. 189. Bollettino Tecnico. Washington, DC: DCL.

American Dietetic Association (ADA) e Ufficio per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute. 1994. Nutrizione in cantiere: una guida alla pianificazione, implementazione e valutazione. Chicago: ADA.

Associazione polmonare americana. 1992. Indagine sugli atteggiamenti del pubblico nei confronti del fumo. Preparato per la Gallup Organization dall'American Lung Association.

Anderson, DR e deputato O'Donnell. 1994. Verso un'agenda di ricerca sulla promozione della salute: recensioni sullo "stato della scienza". Am J Health Promot (8):482-495.

Anderson, JJB. 1992. Il ruolo della nutrizione nel funzionamento del tessuto scheletrico. Nutr Rev (50): 388-394.

Articolo 13-E della legge sulla salute pubblica dello Stato di New York.

Baile, WF, M Gilbertini, F Ulschak, S Snow-Antle, e D Hann. 1991. Impatto di un divieto di fumo in ospedale: cambiamenti nell'uso del tabacco e negli atteggiamenti dei dipendenti. Tossicodipendente Comportamento 16(6):419-426.

Bargal, D. 1993. Una prospettiva internazionale sullo sviluppo del lavoro sociale sul posto di lavoro. In Work and Well-Being, the Occupational Social Work Advantage, a cura di P Kurzman e SH Akabas. Washington, DC: NASW Press.

Barr, JK, KW Johnson e LJ Warshaw. 1992. Sostegno agli anziani: programmi sul posto di lavoro per badanti occupate. Milbank Q (70):509-533.

Barr, JK, JM Waring e LJ Warshaw. 1991. Fonti dei dipendenti di informazioni sull'AIDS: il posto di lavoro come ambiente educativo promettente. J Occup Med (33): 143-147.

Barr, JK e LJ Warshaw. 1993. Stress tra le donne lavoratrici: rapporto di un'indagine nazionale. New York: New York Business Group sulla salute.

Beery, W, VJ Schoenbach, EH Wagner, et al. 1986. Valutazione del rischio per la salute: metodi e programmi, con bibliografia commentata. Rockville, Md: Centro nazionale per la ricerca sui servizi sanitari e la valutazione delle tecnologie sanitarie.

Bertera, RL. 1991. Gli effetti dei rischi comportamentali sull'assenteismo e sui costi sanitari nei luoghi di lavoro. J Occup Med (33):1119-1124.

Bray, GA. 1989. Classificazione e valutazione delle obesità. Med Clin North Am 73(1):161-192.

Brigham, J, J Gross, ML Stitzer e LJ Felch. 1994. Effetti di una politica sul fumo nei luoghi di lavoro limitati sui dipendenti che fumano. Am J Sanità pubblica 84(5):773-778.

Bungay, GT, MP Vessey e CK McPherson. 1980. Studio dei sintomi della mezza età con particolare riferimento alla menopausa. Brit Med J 308(1):79.

Ufficio per gli affari nazionali (BNA). 1986. Dove c'è fumo: problemi e politiche riguardanti il ​​fumo sul posto di lavoro. Rockville, Maryland: BNA.

—. 1989. Fumo sul posto di lavoro, pratiche aziendali e sviluppi. Relazioni con i dipendenti di BNA settimanale 7 (42): 5-38.

—. 1991. Fumo sul posto di lavoro, sondaggio SHRM-BNA n. 55. Bollettino BNA alla direzione.

Burton, WN e DJ Conti. 1991. Benefici per la salute mentale gestiti dal valore. J Occup Med (33):311-313.

Burton, WN, D Erickson e J Briones. 1991. Programmi per la salute delle donne sul posto di lavoro. J Occup Med (33): 349-350.

Burton, WN e DA Hoy. 1991. Un sistema di gestione dei costi sanitari assistito da computer. J Occup Med (33):268-271.

Burton, WN, DA Hoy, RL Bonin e L Gladstone. 1989. Qualità e gestione economica dell'assistenza sanitaria mentale. J Occup Med (31):363-367.

Soci di Calibro. 1989. Studio costi-benefici della fase due del programma di riabilitazione dell'alcol di livello III della Marina: riabilitazione vs costi di sostituzione. Fairfax, Va: soci di calibro.

Charafin, FB. 1994. Gli Stati Uniti definiscono gli standard per la mammografia. Brit Med J (218): 181-183.

Fondazione Bambini Alcolisti. 1990. Figli di alcolisti nel sistema medico: problemi nascosti, costi nascosti. New York: Fondazione per i figli degli alcolisti.

La città di New York. Titolo 17, capitolo 5 del codice amministrativo della città di New York.

Coalizione su fumo e salute. 1992. Azioni legislative statali sulle questioni relative al tabacco. Washington, DC: Coalizione su fumo e salute.

Gruppo Politiche Sanitarie Aziendali. 1993. Problemi di fumo di tabacco ambientale sul posto di lavoro. Washington, DC: Comitato consultivo nazionale del Comitato interagenzia su fumo e salute.

Cowell, JWF. 1986. Linee guida per gli esami di idoneità al lavoro. CMAJ 135 (1 novembre):985-987.

Daniele, W.W. 1987. Relazioni industriali sul posto di lavoro e cambiamento tecnico. Londra: Istituto di studi politici.

Davis, R.M. 1987. Tendenze attuali nella pubblicità e nel marketing delle sigarette. New Engl J Med 316:725-732.

DeCresce, R, A Mazura, M Lifshitz e J Tilson. 1989. Test antidroga sul posto di lavoro. Chicago: stampa ASCP.

DeFriese, GH e JE Fielding. 1990. Valutazione del rischio per la salute negli anni '1990: opportunità, sfide e aspettative. Rivista annuale della sanità pubblica (11): 401-418.

Dishman, R.H. 1988. Aderenza all'esercizio: il suo impatto sulla salute pubblica. Champaign, Ill: libri di cinetica.

Duncan, MM, JK Barr e LJ Warshaw. 1992. Programmi di educazione prenatale sponsorizzati dal datore di lavoro: un'indagine condotta dal New York Business Group sulla salute. Montvale, NJ: editori di affari e salute.

Elixhauser, A. 1990. I costi del fumo e l'efficacia dei programmi per smettere di fumare. J Publ Health Policy (11):218-235.

Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.1991. Panoramica dell'azione innovativa per la salute sul posto di lavoro nel Regno Unito. Documento di lavoro n. WP/91/03/IT.

Ewing, JA. 1984. Rilevamento dell'alcolismo: il questionario CAGE. JAMA 252(14):1905-1907.

Fielding, J.E. 1989. Frequenza delle attività di valutazione dei rischi per la salute nei cantieri statunitensi. Am G Prev Med 5:73-81.

Fielding, JE e PV Piserchia. 1989. Frequenza delle attività di promozione della salute nei cantieri. Am G Prev Med 79:16-20.

Fielding, JE, KK Knight, RZ Goetzel e M Laouri. 1991. Utilizzo dei servizi sanitari preventivi da parte di una popolazione occupata. J Occup Med 33:985-990.

Fiorino, F. 1994. Prospettive aeree. Aviat settimana tecnologia spaziale (1 agosto):19.

Fishbeck, W. 1979. Rapporto interno e lettera. Midland, Michigan: Dow Chemical Company, dipartimento medico aziendale.

Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e Organizzazione mondiale della sanità (OMS). 1992. Conferenza internazionale sulla nutrizione: questioni importanti per le strategie nutrizionali. Ginevra: OMS.

Forrest, P. 1987. Breast Cancer Screening 1987. Rapporto ai ministri della Sanità di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda. Londra: HMSO.

Freis, JF, CE Koop, PP Cooper, MJ England, RF Greaves, JJ Sokolov, D Wright e Health Project Consortium. 1993. Ridurre i costi dell'assistenza sanitaria riducendo la necessità e la domanda di servizi sanitari. New Engl J Med 329:321-325.

Glanz, K e RN Mullis. 1988. Interventi ambientali per promuovere un'alimentazione sana: una rassegna di modelli, programmi e prove. Salute Educ Q 15: 395-415.

Glanz, K e T Rogers. 1994. Programmi nutrizionali in cantiere nella promozione della salute sul posto di lavoro. In Health Promotion in the Workplace, a cura di MP O'Donnell e J Harris. Albany, NY: Delmar.

Glied, S e S Kofman. 1995. Donne e salute mentale: questioni per la riforma sanitaria. New York: Il Fondo del Commonwealth.

Googins, B e B Davidson. 1993. L'organizzazione come cliente: ampliare il concetto di programmi di assistenza ai dipendenti. Lavoro sociale 28:477-484.

Guidotti, TL, JWF Cowell e GG Jamieson. 1989. Servizi di medicina del lavoro: un approccio pratico. Chicago: Associazione medica americana.

Hammer, L. 1994. Equità e questioni di genere nella fornitura di assistenza sanitaria: il rapporto sullo sviluppo della Banca mondiale del 1993 e le sue implicazioni per i destinatari del servizio sanitario. Serie di documenti di lavoro, n.172. L'Aia: Istituto di studi sociali.

Harris, L et al. 1993. La salute delle donne americane. New York: Il Fondo del Commonwealth.

Haselhurst, J. 1986. Screening mammografico. In Complications in the Management of Breast Disease, a cura di RW Blamey. Londra: Balliere Tindall.

Henderson, BE, RK Ross e MC Pike. 1991. Verso la prevenzione primaria del cancro. Scienza 254:1131-1138.

Hutchison, J e A Tucker. 1984. Lo screening del seno risulta da una popolazione sana e attiva. Clin Oncol 10:123-128.

Istituto per le politiche sanitarie. Ottobre 1993. Abuso di sostanze: il problema sanitario numero uno della nazione. Princeton: Fondazione Robert Wood Johnson.

Kaplan, GD e VL Brinkman-Kaplan. 1994. Gestione del peso sul posto di lavoro nella promozione della salute sul posto di lavoro. In Health Promotion in the Workplace, a cura di MP O'Donnell e J Harris. Albany, NY: Delmar.

Karpilow, C. 1991. Medicina del lavoro nel posto di lavoro industriale. Firenze, Ky: Van Nostrand Reinhold.

Kohler, S e J Kamp. 1992. Lavoratori americani sotto pressione: rapporto tecnico. St. Paul, Minnesota: St. Paul Fire and Marine Insurance Company.

Kristein, M. 1983. Quanto possono aspettarsi di trarre profitto le aziende dalla cessazione del fumo? Prevenire Med 12:358-381.

Lesieur, HR e SB Blume. 1987. The South Oaks Gambling Screen (SOGS): un nuovo strumento per l'identificazione dei giocatori patologici. Am J Psychiatr 144(9):1184-1188.

Lesieur, HR, SB Blume e RM Zoppa. 1986. Alcolismo, abuso di droghe e gioco d'azzardo. Alcol, Clin Exp Res 10(1):33-38.

Lesmes, G. 1993. Convincere i dipendenti a dire di no al fumo. Salute degli autobus (marzo): 42-46.

Lew, EA e L. Garfinkel. 1979. Variazioni di mortalità in peso tra 750,000 uomini e donne. J Chron Dis 32:563-576.

Lewin, K. [1951] 1975. Teoria del campo nelle scienze sociali: articoli teorici selezionati di Kurt
Lewin, a cura di D Cartwright. Westport: stampa di Greenwood.

Malcom, AI. 1971. La ricerca dell'ebbrezza. Toronto: Libri ARF.
M
andelker, J. 1994. Un programma di benessere o una pillola amara. Salute degli autobus (marzo): 36-39.

March of Dimes Birth Defects Foundation. 1992. Lezioni apprese dal programma Babies and You. White Plains, NY: Fondazione March of Dimes Birth Defects.

—. 1994. Bambini sani, affari sani: guida di un datore di lavoro sul miglioramento della salute materna e infantile. White Plains, NY: Fondazione March of Dimes Birth Defects.

Margolin, A, SK Avants, P Chang e TR Kosten. 1993. Agopuntura per il trattamento della dipendenza da cocaina nei pazienti mantenuti con metadone. Am J Addict 2(3):194-201.

Maskin, A, A Connelly e EA Noonan. 1993. Fumo di tabacco ambientale: implicazioni per il posto di lavoro. Occ Saf Health Rep (2 febbraio).

Mansueto, DC. 1992. Il programma medico disabile della Medical Society of the District of Columbia. Maryland MedJ 41(4):321-323.

Morse, RM e DK Flavin. 1992. La definizione di alcolismo. JAMA 268(8):1012-1014.

Muchnick-Baku, S e S Orrick. 1992. Lavorare per una buona salute: promozione della salute e piccole imprese. Washington, DC: Washington Business Group sulla salute.

Consiglio consultivo nazionale per la ricerca sul genoma umano. 1994. Dichiarazione sull'uso del test del DNA per l'identificazione presintomatica del rischio di cancro. GIAMA 271:785.

Consiglio nazionale sull'assicurazione di compensazione (NCCI). 1985. Stress emotivo sul posto di lavoro: nuovi diritti legali negli anni Ottanta. New York: NCCI.

Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH). 1991. Bollettino di intelligence corrente 54. Bethesda, Md: NIOSH.

Istituti Nazionali della Salute (NIH). 1993a. Rapporto del gruppo di lavoro del programma nazionale di educazione alla pressione alta sulla prevenzione primaria dell'ipertensione. National High Blood Pressure Education Program, National Heart, Lung, and Blood Institute. Pubblicazione NIH n. 93-2669. Bethesda, Maryland: NIH.

—. 1993 b. Secondo rapporto del gruppo di esperti sulla rilevazione, valutazione e trattamento del colesterolo alto negli adulti (ATP II). National Cholesterol Education Program, National Institutes of Health, National Heart, Lung, and Blood Institute. Pubblicazione NIH n. 93-3095. Bethesda, Maryland: NIH.

Consiglio Nazionale per la Ricerca. 1989. Dieta e salute: implicazioni per ridurre il rischio di malattie croniche. Washington, DC: National Academy Press.

Accademia di medicina di New York. 1989. Droghe sul posto di lavoro: Atti di un simposio. B NY Acad Med 65(2).

Noah, T. 1993. L'EPA dichiara il fumo passivo cancerogeno per l'uomo. Wall Street J, 6 gennaio.

Ornish, D, SE Brown, LW Scherwitz, JH Billings, WT Armstrong, TA Ports, SM McLanahan, RL Kirkeeide, RJ Brand e KL Gould. 1990. I cambiamenti nello stile di vita possono invertire la malattia coronarica? La prova del cuore stile di vita. Lancetta 336:129-133.

Parodi contro Veterans Administration. 1982. 540 F. Suppl. 85 WD. Washington DC.

Patnick, J. 1995. NHS Breast Screening Programs: Review 1995. Sheffield: Clear Communications.

Pelletier, KR. 1991. Una revisione e un'analisi degli studi sui risultati economici di programmi completi di promozione della salute e prevenzione delle malattie. Am J Health Promot 5:311-315.

—. 1993. Una revisione e un'analisi della salute e degli studi sui risultati economici di programmi completi di promozione della salute e prevenzione delle malattie. Am J Health Promot 8:50-62.

—. 1994. Ottenere il valore dei tuoi soldi: il programma di pianificazione strategica dello Stanford Corporate Health Program. Am J Health Promot 8:323-7,376.

Penner, M e S Penner. 1990. Costi sanitari assicurati in eccesso dai dipendenti che consumano tabacco in un piano di gruppo di grandi dimensioni. J Occup Med 32:521-523.

Task force per i servizi preventivi. 1989. Guida ai servizi di prevenzione clinica: una valutazione dell'efficacia di 169 interventi. Baltimora: Williams & Wilkins.

Richardson, G. 1994. Un benvenuto per ogni bambino: come la Francia protegge la salute materna e infantile: un nuovo quadro di riferimento per gli Stati Uniti. Arlington, Virginia: Centro nazionale per l'educazione alla salute materna e infantile.

Richmond, K. 1986. Presentazione di cibi salutari per il cuore in una mensa aziendale. J Nutr Educ 18:S63-S65.

Robbins, LC e JH Hall. 1970. Come praticare la medicina prospettica. Indianapolis, Indiana: Ospedale Metodista dell'Indiana.

Rodale, R, ST Belden, T Dybdahl e M Schwartz. 1989. L'indice di promozione: una pagella sulla salute della nazione. Emmaus, Penn: Rodale Press.

Ryan, AS e GA Martinez. 1989. L'allattamento al seno e la madre che lavora: un profilo. Pediatria 82:524-531.

Saunders, JB, OG Aasland, A Amundsen e M Grant. 1993. Consumo di alcol e problemi correlati tra i pazienti di assistenza sanitaria primaria: progetto collaborativo dell'OMS sulla diagnosi precoce di persone con consumo dannoso di alcol-I. Dipendenza 88:349-362.

Schneider, WJ, SC Stewart e MA Haughey. 1989. Promozione della salute in un formato ciclico programmato. J Occup Med 31:482-485.

Schoenbach, VJ. 1987. Valutazione della valutazione del rischio per la salute. Am J Sanità pubblica 77:409-411.

Seidel, JC. 1992. Obesità e salute regionali. Int J Obesità 16:S31-S34.

Selzer, ML. 1971. Il test di screening dell'alcolismo del Michigan: la ricerca di un nuovo strumento diagnostico. Am J Psychiatr 127(12):89-94.

Serdula, MK, DE Williamson, RF Anda, A Levy, A Heaton e T Byers. 1994. Pratiche di controllo del peso negli adulti: risultati di un'indagine multistato. Am J Publ Health 81:1821-24.

Shapiro, S. 1977. Prove di screening per il cancro al seno da uno studio randomizzato. Cancro: 2772-2792.

Skinner, HA. 1982. Il test di screening per l'abuso di droghe (DAST). Tossicodipendente Comportamento 7:363-371.

Smith-Schneider, LM, MJ Sigman-Grant e PM Kris-Etherton. 1992. Strategie dietetiche per la riduzione del grasso. J Am Diet Assoc 92:34-38.

Sorensen, G, H Lando e TF Pechacek. 1993. Promuovere la cessazione del fumo sul posto di lavoro. J Occup Med 35(2):121-126.

Sorensen, G, N Rigotti, A Rosen, J Pinney, and R Prible. 1991. Effetti di una politica sul fumo sul posto di lavoro: prove per una maggiore cessazione. Am J Sanità pubblica 81(2):202-204.

Stave, GM e GW Jackson. 1991. Effetto del divieto totale di fumo sul posto di lavoro sul fumo e sugli atteggiamenti dei dipendenti. J Occup Med 33(8):884-890.

Thériault, G. 1994. Rischi di cancro associati all'esposizione professionale a campi magnetici tra i lavoratori delle utenze elettriche in Ontario e Quebec, Canada e Francia. Am J Epidemiol 139(6):550-572.

Tramm, ML e LJ Warshaw. 1989. Screening per problemi di alcol: una guida per ospedali, cliniche e altre strutture sanitarie. New York: New York Business Group sulla salute.

Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti: Servizio di informazione sulla nutrizione umana. 1990. Rapporto del comitato consultivo per le linee guida dietetiche sulle linee guida dietetiche per gli americani. Pubblicazione n. 261-495/20/24. Hyattsville, Md: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere degli Stati Uniti. 1964. Fumo e Salute Relazione del Comitato Consultivo al Chirurgo Generale del Servizio Sanitario Pubblico. Pubblicazione PHS n. 1103. Rockville, Md: Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere degli Stati Uniti.

Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (USDHHS). 1989. Ridurre le conseguenze sulla salute del fumo: 25 anni di progressi. Un rapporto del chirurgo generale. Pubblicazione USDHHS n.10 89-8411.Washington, DC: Ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

—. 1990. Costi economici dell'abuso di alcol e droghe e malattie mentali. Pubblicazione DHHS n. (ADM) 90-1694. Washington, DC: amministrazione di alcol, abuso di droghe e salute mentale.

—. 1991. Fumo di tabacco ambientale sul posto di lavoro: cancro ai polmoni e altri effetti. Pubblicazione USDHHS (NIOSH) n. 91-108. Washington, DC: USDHHS.
Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. 1995. Scadenza qualità mammografia. FDA Med Toro 23: 3-4.

Ufficio di contabilità generale degli Stati Uniti. 1994. Assistenza a lungo termine: il supporto per l'assistenza agli anziani potrebbe giovare al posto di lavoro governativo e agli anziani. GAO/HEHS-94-64. Washington, DC: ufficio di contabilità generale degli Stati Uniti.

Ufficio statunitense per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute. 1992. 1992 Indagine nazionale sulle attività di promozione della salute nei luoghi di lavoro: rapporto di sintesi. Washington, DC: Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani, Servizio Sanitario Pubblico.

Servizio Sanitario Pubblico degli Stati Uniti. 1991. Healthy People 2000: Obiettivi nazionali per la promozione della salute e la prevenzione delle malattie: rapporto completo con commento. Pubblicazione DHHS n. (PHS) 91-50212. Washington, DC: Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.

Voelker, R. 1995. Preparazione dei pazienti per la menopausa. GIAMA 273:278.

Wagner, EH, WL Beery, VJ Schoenbach e RM Graham. 1982. Una valutazione del pericolo per la salute/valutazione del rischio per la salute. Am J Sanità pubblica 72:347-352.

Walsh, DC, RW Hingson, DM Merrigan, SM Levenson, LA Cupples, T Heeren, GA Coffman, CA Becker, TA Barker, SK Hamilton, TG McGuire e CA Kelly. 1991. Uno studio randomizzato sulle opzioni terapeutiche per i lavoratori che abusano di alcol. New Engl J Med 325(11):775-782.

Warshaw, L.J. 1989. Stress, ansia e depressione sul posto di lavoro: rapporto dell'indagine NYGBH/Gallup. New York: il gruppo aziendale di New York sulla salute.

Weismann, CS. 1995. Indagine nazionale sui centri per la salute delle donne: rapporto preliminare per gli intervistati. New York: Fondo del Commonwealth.

Wilber, C.S. 1983. Il programma Johnson e Johnson. Prevenire Med 12:672-681.

Woodruff, TJ, B Rosbrook, J Pierce e SA Glantz. 1993. Livelli inferiori di consumo di sigarette riscontrati nei luoghi di lavoro senza fumo in California. Arch Int Med 153(12):1485-1493.

Woodside, M. 1992. Figli di alcolisti al lavoro: la necessità di saperne di più. New York: Fondazione per i figli degli alcolisti.

Banca Mondiale. 1993. Rapporto sullo sviluppo mondiale: investire nella salute. Nuova York: 1993.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1988. Promozione della salute per le popolazioni lavoratrici: rapporto di un comitato di esperti dell'OMS. Serie di relazioni tecniche, n. 765. Ginevra: OMS.

—. 1992. Kit di consulenza per la Giornata mondiale senza tabacco 1992. Ginevra: OMS.

—. 1993. Donne e abuso di sostanze: rapporto di valutazione del paese del 1993. Documento N. OMS/PSA/93.13. Ginevra: OMS.

—. 1994. Una guida sul cibo sicuro per i viaggiatori. Ginevra: OMS.

Yen, LT, DW Edington e P Witting. 1991. Previsione di potenziali reclami medici e assenteismo per 1,285 lavoratori orari di un'azienda manifatturiera, 1992. J Occup Med 34:428-435.