Venerdì, Febbraio 11 2011 19: 33

Programmi di gestione dello stress

Vota questo gioco
(8 voti )

La missione essenziale della salute e sicurezza sul lavoro è proteggere e migliorare la salute, il benessere e la produttività dei lavoratori, individualmente e collettivamente. Tale missione non può essere compiuta senza una comprensione dello stress e dei meccanismi attraverso i quali colpisce individui e organizzazioni, e senza un programma ben pianificato che sia in grado di alleviare i suoi effetti deleteri e, cosa più importante, di prevenirli.

Lo stress è un ingrediente inevitabile della vita di tutte le persone ovunque. Deriva da - e contemporaneamente influenza - il senso di benessere interiore degli individui; i loro rapporti con la famiglia, gli amici, i colleghi e gli estranei; e la loro capacità di funzionare in casa, sul posto di lavoro e nella comunità. Se eccessivo, porta a sintomi fisici o psicologici e, se prolungato, può portare a disabilità e malattie. Modifica le percezioni, i sentimenti, gli atteggiamenti e il comportamento degli individui e colpisce le organizzazioni di cui dirigono o svolgono le attività. Il tema dello stress è trattato ampiamente altrove in questo Enciclopedia.

Progettazione di un programma di gestione dello stress

L'efficace programma di gestione dello stress sul posto di lavoro conterrà una serie di elementi sovrapposti che operano contemporaneamente. Alcuni sono formalizzati sotto la designazione di un programma di gestione dello stress mentre altri sono semplicemente parte della gestione organizzativa generale anche quando sono esplicitamente finalizzati al controllo dello stress. Alcuni di questi sono rivolti ai dipendenti singolarmente e in gruppo; altri sono rivolti ai fattori di stress che si verificano sul posto di lavoro; e altri ancora affrontano i fattori di stress che incidono sull'organizzazione come entità a sé stante che inevitabilmente filtrano per influenzare alcuni o tutti i dipendenti. Gli elementi di un programma di gestione dello stress sul posto di lavoro saranno esaminati nelle sezioni seguenti.

1. Gestione dei sintomi legati allo stress. Questo elemento si occupa di individui che già soffrono degli effetti dello stress. Etichettato come "modello medico", tenta di identificare le persone con segni e sintomi e di persuaderle a farsi avanti volontariamente o ad accettare l'invio a professionisti in grado di valutare i loro problemi, diagnosticare le cause e offrire un trattamento appropriato. Può avere sede nel servizio sanitario per i dipendenti o nel programma di assistenza ai dipendenti, oppure può essere associato a qualsiasi altro servizio di consulenza fornito dall'organizzazione. I servizi possono coprire un'ampia gamma che va dai colloqui e dagli esami individuali alle "linee calde" telefoniche per le situazioni di emergenza ai centri completi con personale multidisciplinare di professionisti qualificati. Può essere servito da professionisti a tempo pieno o part-time o da accordi di rinvio contrattuale o occasionale con professionisti che vengono sul posto di lavoro o hanno sede in strutture vicine nella comunità. Alcune unità si occupano di tutti i problemi, mentre altre possono concentrarsi più o meno su specifiche sindromi legate allo stress come ipertensione, mal di schiena, alcolismo, abuso di droghe o problemi familiari. I contributi di questi elementi di servizio al programma di gestione dello stress si basano sulle seguenti capacità:

  • La consapevolezza che molti disturbi somatici ricorrenti o persistenti come dolori muscolari, mal di schiena, mal di testa, disturbi gastrointestinali e così via, sono attribuibili allo stress. Invece di fornire semplicemente farmaci e consigli palliativi, il professionista sanitario attento o il consulente riconoscerà lo schema e dirigerà l'attenzione sui fattori di stress che sono effettivamente responsabili.
  • Riconoscimento che quando un numero di dipendenti in una particolare unità o area del posto di lavoro presenta tali disturbi funzionali, dovrebbe essere avviata una ricerca per un fattore causale nell'ambiente di lavoro che possa rivelarsi un fattore di stress controllabile.
  • Raggiungere le persone coinvolte o testimoni di un evento catastrofico come un incidente mortale o un episodio di violenza.
  • Cogliere l'opportunità di sospendere un'azione disciplinare affrontata da un dipendente a causa di prestazioni inadeguate o comportamento aberrante in attesa di un'opportunità per abbassare il livello di stress e ripristinare la sua normale equanimità e capacità lavorativa.

 

2. Ridurre la vulnerabilità individuale. Gli elementi più comuni nei programmi di gestione dello stress sono quelli che aiutano le persone a far fronte allo stress riducendo la loro vulnerabilità. Questi includono serie di seminari e workshop, integrati da audiocassette o videocassette e opuscoli o altre pubblicazioni che educano i dipendenti a far fronte allo stress in modo più efficace. I loro denominatori comuni sono questi:

  • Formazione all'autoconsapevolezza e all'analisi dei problemi per rilevare i segni di aumento dello stress e identificare i fattori di stress responsabili
  • Formazione sull'assertività che consente ai lavoratori di diventare più dinamici nell'affrontarli
  • Tecniche che ridurranno lo stress a livelli più tollerabili

 

Alcuni degli strumenti che utilizzano sono elencati nella figura 1. Per chi non conosce il termine, le “sessioni rap” sono riunioni di gruppi di dipendenti, con o senza la presenza di supervisori, in cui si discutono esperienze e problemi e si espongono liberamente reclami. Sono analoghe alle riunioni di fabbrica tenute sotto gli auspici sindacali.

Figura 1. Alcuni approcci per ridurre la vulnerabilità.

HPP110T1

 

3. Relazioni interpersonali sul posto di lavoro. Le organizzazioni sono sempre più consapevoli dei fattori di stress derivanti dalla diversità della forza lavoro e dai problemi interpersonali che spesso presentano. Il pregiudizio e il fanatismo non si fermano ai cancelli del cantiere e sono spesso aggravati da comportamenti insensibili o discriminatori da parte di dirigenti e preposti. I pregiudizi sessuali e razziali possono assumere la forma di molestie e possono anche essere espressi o evocare atti di violenza. Quando sono dilaganti, tali atteggiamenti richiedono una pronta correzione attraverso l'enunciazione di una politica esplicita che includa azioni disciplinari contro coloro che sono colpevoli, insieme alla protezione delle vittime incoraggiate a lamentarsi contro le rappresaglie.

 

4. Gestione dei fattori di stress legati al lavoro. È responsabilità dell'organizzazione ridurre al minimo i fattori di stress legati al lavoro che possono avere un effetto negativo sulla capacità dei dipendenti di funzionare in modo efficace. È molto importante garantire che i supervisori ei dirigenti a tutti i livelli ricevano una formazione adeguata per riconoscere e affrontare tempestivamente ed efficacemente i "problemi con le persone" che inevitabilmente si presenteranno sul posto di lavoro.
 

5. Gestire lo stress dell'organizzazione. L'organizzazione come entità è esposta a fattori di stress che, se non adeguatamente gestiti, filtrano attraverso la forza lavoro, incidendo inevitabilmente sui dipendenti a tutti i livelli. Questo stato di cose richiede la definizione di traguardi e obiettivi stimolanti ma raggiungibili, l'identificazione precoce e la valutazione di potenziali fattori di stress che potrebbero ostacolare tali piani, il coordinamento delle capacità dell'organizzazione per affrontarli e la comunicazione dei risultati di tali sforzi alla forza lavoro. Quest'ultima esigenza è particolarmente critica in periodi di difficoltà economica, quando la collaborazione dei dipendenti e la produttività ottimale sono particolarmente importanti per affrontare crisi come cambiamenti nel top management, fusioni e acquisizioni minacciate, chiusure o delocalizzazioni di stabilimenti. e ridimensionamento.
 

6. Aiutare a gestire i fattori di stress personali. Mentre la gestione dei fattori di stress che si verificano in casa e nella comunità è fondamentalmente un problema per l'individuo, i datori di lavoro stanno scoprendo che lo stress che generano è inevitabilmente portato sul posto di lavoro dove, da solo o in combinazione con i fattori di stress legati al lavoro, spesso influiscono sul benessere dei dipendenti e ne compromettono le prestazioni lavorative. Di conseguenza, i datori di lavoro trovano opportuno (e in alcuni casi necessario) istituire programmi progettati per aiutare i dipendenti a far fronte a fattori di stress di questo tipo. Un elenco dei fattori di stress personali più comuni e dei programmi sul posto di lavoro rivolti a loro è presentato nella figura 2.

Figura 2. Fattori di stress sul posto di lavoro e programmi sul posto di lavoro per aiutarli.

HPP110T3

Principi di base del programma

Nello stabilire un programma di gestione dello stress sul posto di lavoro, è necessario sottolineare alcuni principi di base.

In primo luogo, va ricordato che non ci sono confini tra lo stress che sorge sul posto di lavoro, in casa e nella comunità. Ogni individuo presenta un composto unico di tutti i fattori che sono portati ovunque lui o lei possa andare. Ciò significa che mentre il programma deve concentrarsi sui problemi che sorgono sul posto di lavoro, deve riconoscere che questi continuano a influenzare la vita esterna del lavoratore, né può ignorare quelli originati al di fuori del lavoro. È stato infatti dimostrato che il lavoro stesso e il supporto che deriva dai collaboratori e dall'organizzazione possono avere una valenza terapeutica nell'affrontare problemi personali e familiari. La perdita di questo sostegno, infatti, spiega probabilmente gran parte dell'invalidità legata al pensionamento, anche quando questo è volontario.

In secondo luogo, lo stress è altamente "contagioso". Non riguarda solo individui particolari, ma anche coloro che li circondano con i quali devono relazionarsi e collaborare. Pertanto, affrontare lo stress è allo stesso tempo terapeutico e preventivo.

In terzo luogo, far fronte allo stress è intrinsecamente una responsabilità individuale. I dipendenti in difficoltà possono essere identificati e offerti consulenza e orientamento. Possono ricevere supporto e incoraggiamento e insegnare a migliorare le loro capacità di coping. Se necessario, possono essere indirizzati a professionisti sanitari qualificati nella comunità per una terapia più intensiva o prolungata. Ma, in ultima analisi, tutto ciò richiede il consenso e la partecipazione dell'individuo che, a sua volta, dipende dalla struttura del programma, dal suo status nell'organizzazione, dalla competenza del suo personale e dalla reputazione che guadagna, e dalla sua accessibilità . Forse il fattore determinante più importante per il successo del programma è l'istituzione e il rigoroso rispetto di una politica di osservanza della riservatezza delle informazioni personali.

In quarto luogo, il controllo dello stress sul posto di lavoro è fondamentalmente una responsabilità manageriale. Il programma deve essere basato su una politica organizzativa esplicita che attribuisce un valore elevato alla salute e al benessere dei dipendenti. E quella politica deve riflettersi nelle operazioni quotidiane attraverso gli atteggiamenti e il comportamento dei dirigenti a tutti i livelli,

In quinto luogo, il coinvolgimento dei dipendenti nella progettazione e nel funzionamento del programma e, in particolare, nell'identificazione dei fattori di stress e nell'ideazione di modi per controllarli è un ingrediente importante per il successo del programma. Ciò è facilitato in molti luoghi di lavoro in cui operano comitati congiunti per la sicurezza e la salute e la direzione del lavoro o dove è incoraggiata la partecipazione dei lavoratori al processo decisionale manageriale.

Infine, un programma di gestione dello stress di successo richiede una profonda comprensione dei dipendenti e dell'ambiente in cui lavorano. Ha maggior successo quando i problemi legati allo stress vengono identificati e risolti prima che venga fatto qualsiasi danno.

Conclusione

La missione essenziale della salute e sicurezza sul lavoro è proteggere e migliorare la salute, il benessere e la produttività dei lavoratori, individualmente e collettivamente. Questa missione non può essere portata a termine senza una comprensione dello stress e dei meccanismi attraverso i quali colpisce individui e organizzazioni, e un programma ben pianificato che allevierà i suoi effetti deleteri e, cosa più importante, li preverrà.

 

Di ritorno

Leggi 18503 volte Ultima modifica Venerdì 05 Agosto 2011 13:23

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti per la tutela e la promozione della salute

Adami, HG, JA Baron e KJ Rothman. 1994. Etica di uno studio di screening del cancro alla prostata. Lancetta (343):958-960.

Akabas, SH e M. Hanson. 1991. Programmi di droga e alcol sul posto di lavoro negli Stati Uniti. Documento di lavoro presentato in occasione degli Atti del Washington Tripartite Symposium on Drug and Alcohol Prevention and Assistance Programs at the Workplace. Ginevra: OIL.

American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG). 1994. Esercizio durante la gravidanza e il periodo postpartum. vol. 189. Bollettino Tecnico. Washington, DC: DCL.

American Dietetic Association (ADA) e Ufficio per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute. 1994. Nutrizione in cantiere: una guida alla pianificazione, implementazione e valutazione. Chicago: ADA.

Associazione polmonare americana. 1992. Indagine sugli atteggiamenti del pubblico nei confronti del fumo. Preparato per la Gallup Organization dall'American Lung Association.

Anderson, DR e deputato O'Donnell. 1994. Verso un'agenda di ricerca sulla promozione della salute: recensioni sullo "stato della scienza". Am J Health Promot (8):482-495.

Anderson, JJB. 1992. Il ruolo della nutrizione nel funzionamento del tessuto scheletrico. Nutr Rev (50): 388-394.

Articolo 13-E della legge sulla salute pubblica dello Stato di New York.

Baile, WF, M Gilbertini, F Ulschak, S Snow-Antle, e D Hann. 1991. Impatto di un divieto di fumo in ospedale: cambiamenti nell'uso del tabacco e negli atteggiamenti dei dipendenti. Tossicodipendente Comportamento 16(6):419-426.

Bargal, D. 1993. Una prospettiva internazionale sullo sviluppo del lavoro sociale sul posto di lavoro. In Work and Well-Being, the Occupational Social Work Advantage, a cura di P Kurzman e SH Akabas. Washington, DC: NASW Press.

Barr, JK, KW Johnson e LJ Warshaw. 1992. Sostegno agli anziani: programmi sul posto di lavoro per badanti occupate. Milbank Q (70):509-533.

Barr, JK, JM Waring e LJ Warshaw. 1991. Fonti dei dipendenti di informazioni sull'AIDS: il posto di lavoro come ambiente educativo promettente. J Occup Med (33): 143-147.

Barr, JK e LJ Warshaw. 1993. Stress tra le donne lavoratrici: rapporto di un'indagine nazionale. New York: New York Business Group sulla salute.

Beery, W, VJ Schoenbach, EH Wagner, et al. 1986. Valutazione del rischio per la salute: metodi e programmi, con bibliografia commentata. Rockville, Md: Centro nazionale per la ricerca sui servizi sanitari e la valutazione delle tecnologie sanitarie.

Bertera, RL. 1991. Gli effetti dei rischi comportamentali sull'assenteismo e sui costi sanitari nei luoghi di lavoro. J Occup Med (33):1119-1124.

Bray, GA. 1989. Classificazione e valutazione delle obesità. Med Clin North Am 73(1):161-192.

Brigham, J, J Gross, ML Stitzer e LJ Felch. 1994. Effetti di una politica sul fumo nei luoghi di lavoro limitati sui dipendenti che fumano. Am J Sanità pubblica 84(5):773-778.

Bungay, GT, MP Vessey e CK McPherson. 1980. Studio dei sintomi della mezza età con particolare riferimento alla menopausa. Brit Med J 308(1):79.

Ufficio per gli affari nazionali (BNA). 1986. Dove c'è fumo: problemi e politiche riguardanti il ​​fumo sul posto di lavoro. Rockville, Maryland: BNA.

—. 1989. Fumo sul posto di lavoro, pratiche aziendali e sviluppi. Relazioni con i dipendenti di BNA settimanale 7 (42): 5-38.

—. 1991. Fumo sul posto di lavoro, sondaggio SHRM-BNA n. 55. Bollettino BNA alla direzione.

Burton, WN e DJ Conti. 1991. Benefici per la salute mentale gestiti dal valore. J Occup Med (33):311-313.

Burton, WN, D Erickson e J Briones. 1991. Programmi per la salute delle donne sul posto di lavoro. J Occup Med (33): 349-350.

Burton, WN e DA Hoy. 1991. Un sistema di gestione dei costi sanitari assistito da computer. J Occup Med (33):268-271.

Burton, WN, DA Hoy, RL Bonin e L Gladstone. 1989. Qualità e gestione economica dell'assistenza sanitaria mentale. J Occup Med (31):363-367.

Soci di Calibro. 1989. Studio costi-benefici della fase due del programma di riabilitazione dell'alcol di livello III della Marina: riabilitazione vs costi di sostituzione. Fairfax, Va: soci di calibro.

Charafin, FB. 1994. Gli Stati Uniti definiscono gli standard per la mammografia. Brit Med J (218): 181-183.

Fondazione Bambini Alcolisti. 1990. Figli di alcolisti nel sistema medico: problemi nascosti, costi nascosti. New York: Fondazione per i figli degli alcolisti.

La città di New York. Titolo 17, capitolo 5 del codice amministrativo della città di New York.

Coalizione su fumo e salute. 1992. Azioni legislative statali sulle questioni relative al tabacco. Washington, DC: Coalizione su fumo e salute.

Gruppo Politiche Sanitarie Aziendali. 1993. Problemi di fumo di tabacco ambientale sul posto di lavoro. Washington, DC: Comitato consultivo nazionale del Comitato interagenzia su fumo e salute.

Cowell, JWF. 1986. Linee guida per gli esami di idoneità al lavoro. CMAJ 135 (1 novembre):985-987.

Daniele, W.W. 1987. Relazioni industriali sul posto di lavoro e cambiamento tecnico. Londra: Istituto di studi politici.

Davis, R.M. 1987. Tendenze attuali nella pubblicità e nel marketing delle sigarette. New Engl J Med 316:725-732.

DeCresce, R, A Mazura, M Lifshitz e J Tilson. 1989. Test antidroga sul posto di lavoro. Chicago: stampa ASCP.

DeFriese, GH e JE Fielding. 1990. Valutazione del rischio per la salute negli anni '1990: opportunità, sfide e aspettative. Rivista annuale della sanità pubblica (11): 401-418.

Dishman, R.H. 1988. Aderenza all'esercizio: il suo impatto sulla salute pubblica. Champaign, Ill: libri di cinetica.

Duncan, MM, JK Barr e LJ Warshaw. 1992. Programmi di educazione prenatale sponsorizzati dal datore di lavoro: un'indagine condotta dal New York Business Group sulla salute. Montvale, NJ: editori di affari e salute.

Elixhauser, A. 1990. I costi del fumo e l'efficacia dei programmi per smettere di fumare. J Publ Health Policy (11):218-235.

Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.1991. Panoramica dell'azione innovativa per la salute sul posto di lavoro nel Regno Unito. Documento di lavoro n. WP/91/03/IT.

Ewing, JA. 1984. Rilevamento dell'alcolismo: il questionario CAGE. JAMA 252(14):1905-1907.

Fielding, J.E. 1989. Frequenza delle attività di valutazione dei rischi per la salute nei cantieri statunitensi. Am G Prev Med 5:73-81.

Fielding, JE e PV Piserchia. 1989. Frequenza delle attività di promozione della salute nei cantieri. Am G Prev Med 79:16-20.

Fielding, JE, KK Knight, RZ Goetzel e M Laouri. 1991. Utilizzo dei servizi sanitari preventivi da parte di una popolazione occupata. J Occup Med 33:985-990.

Fiorino, F. 1994. Prospettive aeree. Aviat settimana tecnologia spaziale (1 agosto):19.

Fishbeck, W. 1979. Rapporto interno e lettera. Midland, Michigan: Dow Chemical Company, dipartimento medico aziendale.

Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e Organizzazione mondiale della sanità (OMS). 1992. Conferenza internazionale sulla nutrizione: questioni importanti per le strategie nutrizionali. Ginevra: OMS.

Forrest, P. 1987. Breast Cancer Screening 1987. Rapporto ai ministri della Sanità di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda. Londra: HMSO.

Freis, JF, CE Koop, PP Cooper, MJ England, RF Greaves, JJ Sokolov, D Wright e Health Project Consortium. 1993. Ridurre i costi dell'assistenza sanitaria riducendo la necessità e la domanda di servizi sanitari. New Engl J Med 329:321-325.

Glanz, K e RN Mullis. 1988. Interventi ambientali per promuovere un'alimentazione sana: una rassegna di modelli, programmi e prove. Salute Educ Q 15: 395-415.

Glanz, K e T Rogers. 1994. Programmi nutrizionali in cantiere nella promozione della salute sul posto di lavoro. In Health Promotion in the Workplace, a cura di MP O'Donnell e J Harris. Albany, NY: Delmar.

Glied, S e S Kofman. 1995. Donne e salute mentale: questioni per la riforma sanitaria. New York: Il Fondo del Commonwealth.

Googins, B e B Davidson. 1993. L'organizzazione come cliente: ampliare il concetto di programmi di assistenza ai dipendenti. Lavoro sociale 28:477-484.

Guidotti, TL, JWF Cowell e GG Jamieson. 1989. Servizi di medicina del lavoro: un approccio pratico. Chicago: Associazione medica americana.

Hammer, L. 1994. Equità e questioni di genere nella fornitura di assistenza sanitaria: il rapporto sullo sviluppo della Banca mondiale del 1993 e le sue implicazioni per i destinatari del servizio sanitario. Serie di documenti di lavoro, n.172. L'Aia: Istituto di studi sociali.

Harris, L et al. 1993. La salute delle donne americane. New York: Il Fondo del Commonwealth.

Haselhurst, J. 1986. Screening mammografico. In Complications in the Management of Breast Disease, a cura di RW Blamey. Londra: Balliere Tindall.

Henderson, BE, RK Ross e MC Pike. 1991. Verso la prevenzione primaria del cancro. Scienza 254:1131-1138.

Hutchison, J e A Tucker. 1984. Lo screening del seno risulta da una popolazione sana e attiva. Clin Oncol 10:123-128.

Istituto per le politiche sanitarie. Ottobre 1993. Abuso di sostanze: il problema sanitario numero uno della nazione. Princeton: Fondazione Robert Wood Johnson.

Kaplan, GD e VL Brinkman-Kaplan. 1994. Gestione del peso sul posto di lavoro nella promozione della salute sul posto di lavoro. In Health Promotion in the Workplace, a cura di MP O'Donnell e J Harris. Albany, NY: Delmar.

Karpilow, C. 1991. Medicina del lavoro nel posto di lavoro industriale. Firenze, Ky: Van Nostrand Reinhold.

Kohler, S e J Kamp. 1992. Lavoratori americani sotto pressione: rapporto tecnico. St. Paul, Minnesota: St. Paul Fire and Marine Insurance Company.

Kristein, M. 1983. Quanto possono aspettarsi di trarre profitto le aziende dalla cessazione del fumo? Prevenire Med 12:358-381.

Lesieur, HR e SB Blume. 1987. The South Oaks Gambling Screen (SOGS): un nuovo strumento per l'identificazione dei giocatori patologici. Am J Psychiatr 144(9):1184-1188.

Lesieur, HR, SB Blume e RM Zoppa. 1986. Alcolismo, abuso di droghe e gioco d'azzardo. Alcol, Clin Exp Res 10(1):33-38.

Lesmes, G. 1993. Convincere i dipendenti a dire di no al fumo. Salute degli autobus (marzo): 42-46.

Lew, EA e L. Garfinkel. 1979. Variazioni di mortalità in peso tra 750,000 uomini e donne. J Chron Dis 32:563-576.

Lewin, K. [1951] 1975. Teoria del campo nelle scienze sociali: articoli teorici selezionati di Kurt
Lewin, a cura di D Cartwright. Westport: stampa di Greenwood.

Malcom, AI. 1971. La ricerca dell'ebbrezza. Toronto: Libri ARF.
M
andelker, J. 1994. Un programma di benessere o una pillola amara. Salute degli autobus (marzo): 36-39.

March of Dimes Birth Defects Foundation. 1992. Lezioni apprese dal programma Babies and You. White Plains, NY: Fondazione March of Dimes Birth Defects.

—. 1994. Bambini sani, affari sani: guida di un datore di lavoro sul miglioramento della salute materna e infantile. White Plains, NY: Fondazione March of Dimes Birth Defects.

Margolin, A, SK Avants, P Chang e TR Kosten. 1993. Agopuntura per il trattamento della dipendenza da cocaina nei pazienti mantenuti con metadone. Am J Addict 2(3):194-201.

Maskin, A, A Connelly e EA Noonan. 1993. Fumo di tabacco ambientale: implicazioni per il posto di lavoro. Occ Saf Health Rep (2 febbraio).

Mansueto, DC. 1992. Il programma medico disabile della Medical Society of the District of Columbia. Maryland MedJ 41(4):321-323.

Morse, RM e DK Flavin. 1992. La definizione di alcolismo. JAMA 268(8):1012-1014.

Muchnick-Baku, S e S Orrick. 1992. Lavorare per una buona salute: promozione della salute e piccole imprese. Washington, DC: Washington Business Group sulla salute.

Consiglio consultivo nazionale per la ricerca sul genoma umano. 1994. Dichiarazione sull'uso del test del DNA per l'identificazione presintomatica del rischio di cancro. GIAMA 271:785.

Consiglio nazionale sull'assicurazione di compensazione (NCCI). 1985. Stress emotivo sul posto di lavoro: nuovi diritti legali negli anni Ottanta. New York: NCCI.

Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH). 1991. Bollettino di intelligence corrente 54. Bethesda, Md: NIOSH.

Istituti Nazionali della Salute (NIH). 1993a. Rapporto del gruppo di lavoro del programma nazionale di educazione alla pressione alta sulla prevenzione primaria dell'ipertensione. National High Blood Pressure Education Program, National Heart, Lung, and Blood Institute. Pubblicazione NIH n. 93-2669. Bethesda, Maryland: NIH.

—. 1993 b. Secondo rapporto del gruppo di esperti sulla rilevazione, valutazione e trattamento del colesterolo alto negli adulti (ATP II). National Cholesterol Education Program, National Institutes of Health, National Heart, Lung, and Blood Institute. Pubblicazione NIH n. 93-3095. Bethesda, Maryland: NIH.

Consiglio Nazionale per la Ricerca. 1989. Dieta e salute: implicazioni per ridurre il rischio di malattie croniche. Washington, DC: National Academy Press.

Accademia di medicina di New York. 1989. Droghe sul posto di lavoro: Atti di un simposio. B NY Acad Med 65(2).

Noah, T. 1993. L'EPA dichiara il fumo passivo cancerogeno per l'uomo. Wall Street J, 6 gennaio.

Ornish, D, SE Brown, LW Scherwitz, JH Billings, WT Armstrong, TA Ports, SM McLanahan, RL Kirkeeide, RJ Brand e KL Gould. 1990. I cambiamenti nello stile di vita possono invertire la malattia coronarica? La prova del cuore stile di vita. Lancetta 336:129-133.

Parodi contro Veterans Administration. 1982. 540 F. Suppl. 85 WD. Washington DC.

Patnick, J. 1995. NHS Breast Screening Programs: Review 1995. Sheffield: Clear Communications.

Pelletier, KR. 1991. Una revisione e un'analisi degli studi sui risultati economici di programmi completi di promozione della salute e prevenzione delle malattie. Am J Health Promot 5:311-315.

—. 1993. Una revisione e un'analisi della salute e degli studi sui risultati economici di programmi completi di promozione della salute e prevenzione delle malattie. Am J Health Promot 8:50-62.

—. 1994. Ottenere il valore dei tuoi soldi: il programma di pianificazione strategica dello Stanford Corporate Health Program. Am J Health Promot 8:323-7,376.

Penner, M e S Penner. 1990. Costi sanitari assicurati in eccesso dai dipendenti che consumano tabacco in un piano di gruppo di grandi dimensioni. J Occup Med 32:521-523.

Task force per i servizi preventivi. 1989. Guida ai servizi di prevenzione clinica: una valutazione dell'efficacia di 169 interventi. Baltimora: Williams & Wilkins.

Richardson, G. 1994. Un benvenuto per ogni bambino: come la Francia protegge la salute materna e infantile: un nuovo quadro di riferimento per gli Stati Uniti. Arlington, Virginia: Centro nazionale per l'educazione alla salute materna e infantile.

Richmond, K. 1986. Presentazione di cibi salutari per il cuore in una mensa aziendale. J Nutr Educ 18:S63-S65.

Robbins, LC e JH Hall. 1970. Come praticare la medicina prospettica. Indianapolis, Indiana: Ospedale Metodista dell'Indiana.

Rodale, R, ST Belden, T Dybdahl e M Schwartz. 1989. L'indice di promozione: una pagella sulla salute della nazione. Emmaus, Penn: Rodale Press.

Ryan, AS e GA Martinez. 1989. L'allattamento al seno e la madre che lavora: un profilo. Pediatria 82:524-531.

Saunders, JB, OG Aasland, A Amundsen e M Grant. 1993. Consumo di alcol e problemi correlati tra i pazienti di assistenza sanitaria primaria: progetto collaborativo dell'OMS sulla diagnosi precoce di persone con consumo dannoso di alcol-I. Dipendenza 88:349-362.

Schneider, WJ, SC Stewart e MA Haughey. 1989. Promozione della salute in un formato ciclico programmato. J Occup Med 31:482-485.

Schoenbach, VJ. 1987. Valutazione della valutazione del rischio per la salute. Am J Sanità pubblica 77:409-411.

Seidel, JC. 1992. Obesità e salute regionali. Int J Obesità 16:S31-S34.

Selzer, ML. 1971. Il test di screening dell'alcolismo del Michigan: la ricerca di un nuovo strumento diagnostico. Am J Psychiatr 127(12):89-94.

Serdula, MK, DE Williamson, RF Anda, A Levy, A Heaton e T Byers. 1994. Pratiche di controllo del peso negli adulti: risultati di un'indagine multistato. Am J Publ Health 81:1821-24.

Shapiro, S. 1977. Prove di screening per il cancro al seno da uno studio randomizzato. Cancro: 2772-2792.

Skinner, HA. 1982. Il test di screening per l'abuso di droghe (DAST). Tossicodipendente Comportamento 7:363-371.

Smith-Schneider, LM, MJ Sigman-Grant e PM Kris-Etherton. 1992. Strategie dietetiche per la riduzione del grasso. J Am Diet Assoc 92:34-38.

Sorensen, G, H Lando e TF Pechacek. 1993. Promuovere la cessazione del fumo sul posto di lavoro. J Occup Med 35(2):121-126.

Sorensen, G, N Rigotti, A Rosen, J Pinney, and R Prible. 1991. Effetti di una politica sul fumo sul posto di lavoro: prove per una maggiore cessazione. Am J Sanità pubblica 81(2):202-204.

Stave, GM e GW Jackson. 1991. Effetto del divieto totale di fumo sul posto di lavoro sul fumo e sugli atteggiamenti dei dipendenti. J Occup Med 33(8):884-890.

Thériault, G. 1994. Rischi di cancro associati all'esposizione professionale a campi magnetici tra i lavoratori delle utenze elettriche in Ontario e Quebec, Canada e Francia. Am J Epidemiol 139(6):550-572.

Tramm, ML e LJ Warshaw. 1989. Screening per problemi di alcol: una guida per ospedali, cliniche e altre strutture sanitarie. New York: New York Business Group sulla salute.

Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti: Servizio di informazione sulla nutrizione umana. 1990. Rapporto del comitato consultivo per le linee guida dietetiche sulle linee guida dietetiche per gli americani. Pubblicazione n. 261-495/20/24. Hyattsville, Md: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere degli Stati Uniti. 1964. Fumo e Salute Relazione del Comitato Consultivo al Chirurgo Generale del Servizio Sanitario Pubblico. Pubblicazione PHS n. 1103. Rockville, Md: Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere degli Stati Uniti.

Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (USDHHS). 1989. Ridurre le conseguenze sulla salute del fumo: 25 anni di progressi. Un rapporto del chirurgo generale. Pubblicazione USDHHS n.10 89-8411.Washington, DC: Ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

—. 1990. Costi economici dell'abuso di alcol e droghe e malattie mentali. Pubblicazione DHHS n. (ADM) 90-1694. Washington, DC: amministrazione di alcol, abuso di droghe e salute mentale.

—. 1991. Fumo di tabacco ambientale sul posto di lavoro: cancro ai polmoni e altri effetti. Pubblicazione USDHHS (NIOSH) n. 91-108. Washington, DC: USDHHS.
Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. 1995. Scadenza qualità mammografia. FDA Med Toro 23: 3-4.

Ufficio di contabilità generale degli Stati Uniti. 1994. Assistenza a lungo termine: il supporto per l'assistenza agli anziani potrebbe giovare al posto di lavoro governativo e agli anziani. GAO/HEHS-94-64. Washington, DC: ufficio di contabilità generale degli Stati Uniti.

Ufficio statunitense per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute. 1992. 1992 Indagine nazionale sulle attività di promozione della salute nei luoghi di lavoro: rapporto di sintesi. Washington, DC: Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani, Servizio Sanitario Pubblico.

Servizio Sanitario Pubblico degli Stati Uniti. 1991. Healthy People 2000: Obiettivi nazionali per la promozione della salute e la prevenzione delle malattie: rapporto completo con commento. Pubblicazione DHHS n. (PHS) 91-50212. Washington, DC: Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.

Voelker, R. 1995. Preparazione dei pazienti per la menopausa. GIAMA 273:278.

Wagner, EH, WL Beery, VJ Schoenbach e RM Graham. 1982. Una valutazione del pericolo per la salute/valutazione del rischio per la salute. Am J Sanità pubblica 72:347-352.

Walsh, DC, RW Hingson, DM Merrigan, SM Levenson, LA Cupples, T Heeren, GA Coffman, CA Becker, TA Barker, SK Hamilton, TG McGuire e CA Kelly. 1991. Uno studio randomizzato sulle opzioni terapeutiche per i lavoratori che abusano di alcol. New Engl J Med 325(11):775-782.

Warshaw, L.J. 1989. Stress, ansia e depressione sul posto di lavoro: rapporto dell'indagine NYGBH/Gallup. New York: il gruppo aziendale di New York sulla salute.

Weismann, CS. 1995. Indagine nazionale sui centri per la salute delle donne: rapporto preliminare per gli intervistati. New York: Fondo del Commonwealth.

Wilber, C.S. 1983. Il programma Johnson e Johnson. Prevenire Med 12:672-681.

Woodruff, TJ, B Rosbrook, J Pierce e SA Glantz. 1993. Livelli inferiori di consumo di sigarette riscontrati nei luoghi di lavoro senza fumo in California. Arch Int Med 153(12):1485-1493.

Woodside, M. 1992. Figli di alcolisti al lavoro: la necessità di saperne di più. New York: Fondazione per i figli degli alcolisti.

Banca Mondiale. 1993. Rapporto sullo sviluppo mondiale: investire nella salute. Nuova York: 1993.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1988. Promozione della salute per le popolazioni lavoratrici: rapporto di un comitato di esperti dell'OMS. Serie di relazioni tecniche, n. 765. Ginevra: OMS.

—. 1992. Kit di consulenza per la Giornata mondiale senza tabacco 1992. Ginevra: OMS.

—. 1993. Donne e abuso di sostanze: rapporto di valutazione del paese del 1993. Documento N. OMS/PSA/93.13. Ginevra: OMS.

—. 1994. Una guida sul cibo sicuro per i viaggiatori. Ginevra: OMS.

Yen, LT, DW Edington e P Witting. 1991. Previsione di potenziali reclami medici e assenteismo per 1,285 lavoratori orari di un'azienda manifatturiera, 1992. J Occup Med 34:428-435.