Venerdì, Febbraio 11 2011 19: 47

ricollocamento

Vota questo gioco
(0 voti )

L'outplacement è un servizio di consulenza professionale che aiuta le organizzazioni a pianificare e attuare licenziamenti individuali o riduzioni della propria forza lavoro in modo da ridurre al minimo le interruzioni ed evitare responsabilità legali, e consiglia i dipendenti licenziati al fine di ridurre al minimo il trauma della separazione, orientandoli verso la ricerca di un'occupazione alternativa o nuova carriere.

La recessione economica degli anni '1980, che continua negli anni '1990, è stata caratterizzata da una virtuale pandemia di licenziamenti che riflette la chiusura di unità, stabilimenti e attività obsolete o non redditizie, l'eliminazione degli esuberi creati da fusioni, acquisizioni, consolidamenti e riorganizzazioni e la riduzione del personale per ridurre i costi operativi e produrre una forza lavoro "snella e media". Sebbene meno evidente che nell'industria privata grazie alla protezione dei regolamenti della pubblica amministrazione e alle pressioni politiche, lo stesso fenomeno è stato osservato anche nelle organizzazioni governative che lottano per far fronte ai deficit di bilancio e una filosofia che desidera meno governo.

Per i dipendenti licenziati, la perdita del lavoro è un potente fattore di stress e fonte di trauma, soprattutto quando la modalità di licenziamento è improvvisa e brutale. Genera rabbia, ansia e depressione e può causare scompenso in persone con un adattamento marginale alla malattia mentale cronica. Raramente, la rabbia può esprimersi in atti di sabotaggio o violenza nei confronti dei superiori e dei dirigenti responsabili del licenziamento. A volte, la violenza è diretta ai coniugi e ai familiari.

Il trauma della perdita del lavoro è stato anche associato a disturbi fisici che vanno da mal di testa, disturbi gastrointestinali e altri disturbi funzionali a disturbi legati allo stress come attacchi di cuore, ulcere peptiche sanguinanti e colite.

Oltre all'impatto finanziario della perdita di guadagno e, negli Stati Uniti, della perdita dell'assicurazione sanitaria sponsorizzata dal datore di lavoro, la perdita del lavoro influisce anche sulla salute e sul benessere delle famiglie dei dipendenti licenziati.

Anche i dipendenti che non vengono licenziati sono interessati. Nonostante le rassicurazioni dei datori di lavoro, vi è spesso preoccupazione per la possibilità di ulteriori licenziamenti (si è scoperto che la minaccia di perdita del lavoro è un fattore di stress ancora più potente della perdita effettiva del lavoro). Inoltre, c'è lo stress di adattarsi ai cambiamenti nel carico di lavoro e nel contenuto del lavoro mentre i rapporti con i colleghi vengono rimescolati. Anche il "ridimensionamento", o riduzione delle dimensioni di una forza lavoro, può essere traumatico per il datore di lavoro. Potrebbero essere necessari tempo e sforzi significativi per appianare le interruzioni organizzative risultanti e raggiungere l'efficienza produttiva desiderata. I dipendenti di valore non programmati per il licenziamento possono partire per altri lavori apparentemente più sicuri e aziende meglio organizzate. Esiste anche il potenziale di responsabilità legale derivante dalle accuse di violazione del contratto o discriminazione illegittima da parte dei dipendenti licenziati.

Ricollocamento: un approccio preventivo

L'outplacement è un servizio professionale offerto per prevenire, o almeno minimizzare, il trauma della riduzione del personale per i dipendenti cessati, per quelli rimasti e per il datore di lavoro.

Non tutti i dipendenti licenziati necessitano di assistenza. Per alcuni, il licenziamento precipita l'opportunità di cercare un nuovo lavoro che potrebbe fornire un gradito sollievo da un lavoro che era diventato opprimente e offriva poche speranze di avanzamento. Per la maggior parte, tuttavia, la consulenza professionale per affrontare la delusione e la rabbia quasi inevitabili dei dipendenti licenziati e l'aiuto nella ricerca di un nuovo lavoro possono facilitare il ripristino del senso di autostima e del proprio benessere. Anche coloro che accettano il richiamo della "stretta di mano d'oro" (un pacchetto di indennità di fine rapporto e pensionistiche migliorate) e se ne vanno volontariamente possono beneficiare dell'aiuto per apportare i necessari aggiustamenti.

È generalmente accettato che i servizi di ricollocamento siano forniti in modo più economico dal personale interno. Tuttavia, anche una grande organizzazione con uno staff competente e ben funzionante potrebbe non aver avuto molta esperienza con il delicato lavoro di ridimensionamento e potrebbe essere troppo occupata a pianificare la ristrutturazione dell'organizzazione dopo l'esodo per occuparsi delle sottigliezze che potrebbero comportare. Anche i dirigenti incalliti spesso hanno difficoltà a trattare con i loro colleghi di un tempo. Inoltre, è più probabile che i dipendenti in partenza diano credibilità ai consigli di una risorsa “neutrale”.

Di conseguenza, la stragrande maggioranza delle organizzazioni ritiene opportuno stipulare un contratto con un consulente o una società di consulenza di outplacement. Questa neutralità è rafforzata dall'avere tutti i possibili contatti di ricollocamento situati fuori sede in quartieri separati occupati anche temporaneamente dal/i consulente/i.

Processo di ricollocamento

Il processo di ricollocamento per i dipendenti licenziati deve essere individualizzato a seconda delle loro attitudini, capacità e circostanze e della natura del mercato del lavoro a livello locale o in altre regioni. Per gli addetti alla produzione non esonerati ei preposti di prima linea, si tratta di un inventario delle competenze del lavoratore e, ove esista un mercato per esse, di un'assistenza al collocamento. Laddove non esistano posti di lavoro adeguati, comporta la valutazione del potenziale di riqualificazione, il rinvio per la riqualificazione e l'assistenza nella commercializzazione delle nuove competenze. Una spiacevole complicazione difficile da superare sorge quando le tabelle salariali per i nuovi posti di lavoro disponibili non sono all'altezza dei guadagni del precedente impiego.

Per i dipendenti in posizione manageriale e “creativa”, il processo prevede generalmente una serie di fasi che spesso si sovrappongono. Queste fasi sono considerate sotto le seguenti teste.

Lasciare il passato datore di lavoro.

L'obiettivo è aiutare il candidato attraverso le fasi di reazione, comprensione e accettazione della sua situazione difficile. Occasionalmente, ciò può richiedere l'intervento di un professionista della salute mentale.

Questo di solito comporta una rivalutazione dell'evento di cessazione. Per guadagnare la fiducia del candidato e aiutare a stabilire un rapporto desiderabile, il consulente generalmente esamina le circostanze della risoluzione e si assicura che il candidato le comprenda e, inoltre, abbia ricevuto tutti i benefici monetari e di altro tipo a cui potrebbe essere autorizzato.

Questa fase si conclude quando il candidato è in grado di affrontare in modo costruttivo i problemi e le responsabilità immediate ed è pronto a iniziare a prepararsi per il futuro con un atteggiamento positivo. Idealmente, è stata stabilita una certa misura di riconciliazione con il passato datore di lavoro e il candidato è disposto ad accettare qualunque supporto possa essere offerto. Tale supporto può includere l'uso temporaneo di un ufficio con indirizzo e telefono di lavoro, integrato dai servizi di una segretaria che può fornire servizi di dattilografia e fotocopie, ricevere messaggi, confermare appuntamenti, ecc. ambiente che dalle proprie case. Inoltre, il consulente aiuta a formulare un motivo reciprocamente soddisfacente per il licenziamento e ad organizzare una risposta reciprocamente accettabile alle richieste di referenze da parte di potenziali datori di lavoro.

Preparazione alla nuova occupazione.

Questa fase ha lo scopo di fornire il focus e la struttura per il pensiero e l'azione positivi. Prevede un avvio del recupero della fiducia in se stessi (che prosegue lungo tutto il percorso) costruendo un data base personale di competenze, capacità, conoscenze ed esperienze del candidato e imparando a comunicarlo in termini chiari e funzionali. Simultaneamente, il candidato inizia a identificare e confermare gli obiettivi professionali adeguati ea considerare la natura dei lavori per i quali il suo background potrebbe essere particolarmente adatto. Attraverso tutto ciò, il candidato acquisisce l'abilità di accumulare e organizzare informazioni che evidenzieranno la portata e la profondità della sua esperienza e del suo livello di competenza.

Riassunto di scrittura.

Qui, il candidato impara a sviluppare uno strumento flessibile che presenterà i suoi obiettivi, qualifiche e background, susciterà l'interesse di potenziali datori di lavoro, aiuterà a ottenere colloqui e servirà come aiuto durante i colloqui di lavoro. Piuttosto che essere limitato a un formato fisso, il curriculum è variato per "confezionare" competenze ed esperienze per renderle più attraenti per particolari opportunità di lavoro.

Valutare le opportunità di lavoro.

Il consulente guida il candidato a una valutazione della disponibilità di potenziali lavori che potrebbero essere adatti. Ciò include un'indagine su diversi settori, il mercato del lavoro in diverse località, opportunità di crescita e avanzamento e probabile potenziale di guadagno. L'esperienza indica che circa l'80% delle opportunità di lavoro sono "nascoste", cioè non sono immediatamente evidenti sulla base della designazione del settore o del titolo professionale. Se del caso, la valutazione comprende anche una valutazione del potenziale del lavoro autonomo.

Campagna di ricerca di lavoro.

Ciò comporta l'identificazione e l'esplorazione di opportunità esistenti e potenziali attraverso approcci diretti a potenziali datori di lavoro e lo sviluppo e l'utilizzo di contatti e intermediari. La campagna prevede l'ottenimento di interviste con le persone "giuste" sulla giusta base e l'utilizzo di lettere sia per ottenere interviste che come follow-up alle interviste.

Il consulente, come parte del miglioramento delle capacità di ricerca di lavoro del candidato, migliorerà le sue tecniche di scrittura e di colloquio. La pratica nella scrittura di lettere è finalizzata a perfezionare un'abilità comunicativa che è particolarmente utile nella definizione di opportunità di lavoro, nell'identificazione delle persone "giuste" e nello sviluppo di contatti con loro, nell'ottenere colloqui con loro e nel dare seguito ai colloqui. Il candidato viene ulteriormente formato dal colloquio di coaching, che prevede giochi di ruolo e videocassette critiche di colloqui di pratica al fine di massimizzare l'efficacia con cui vengono presentati la sua personalità, esperienza e desideri. Le possibilità del candidato di uscire da un colloquio, con almeno un appuntamento per il colloquio successivo, se non una vera e propria offerta di lavoro, vengono in tal modo incrementate.

Compenso da negoziare.

Il consulente aiuterà i candidati a superare la loro antipatia o persino la paura di discutere di un compenso nella negoziazione di una potenziale posizione in modo che possano ottenere il miglior pacchetto retributivo possibile nelle circostanze esistenti, evitando la possibilità di vendere troppo o meno o inimicarsi l'intervistatore .

Controllo.

Nei limiti del contratto di consulenza, vengono mantenuti contatti regolari con il candidato fino al mantenimento di una nuova posizione. Ciò comporta la raccolta e l'organizzazione delle informazioni per tenere traccia dell'avanzamento della campagna e per garantire un uso ottimale del tempo e dell'impegno. Aiuterà il candidato a evitare errori di omissione e fornirà un segnale per correggere errori di commissione.

Seguendo.

Quando viene ottenuta una nuova posizione, il candidato avvisa il consulente e il vecchio datore di lavoro, nonché altri potenziali datori di lavoro con i quali potrebbe aver negoziato.

Azione supplementare.

Anche in questo caso, entro i limiti del contratto, il consulente mantiene i contatti per assistere l'adattamento del candidato alla nuova posizione per aiutare a superare eventuali fattori avversi e incoraggiare la continua crescita e sviluppo della carriera. Infine, al termine del programma, il consulente fornisce al datore di lavoro un report aggregato dei risultati (le informazioni personali e/o sensibili sono generalmente mantenute riservate).

L'organizzazione

È raro che il consulente per il ricollocamento sia coinvolto nella designazione specifica di quali dipendenti debbano essere separati e quali rimarranno - questa è una decisione solitamente presa dal top management dell'organizzazione, spesso in consultazione con i capi dipartimento e i supervisori di linea e alla luce delle la struttura prevista per l'organizzazione rivista. Il consulente, tuttavia, fornisce indicazioni sulla pianificazione, la tempistica e la messa in scena del processo di ridimensionamento e sulle comunicazioni sia con coloro che se ne andranno sia con coloro che rimarranno. Poiché la "vite" (cioè le voci che circolano tra la forza lavoro) è solitamente attiva, è imperativo che queste comunicazioni siano tempestive, complete e accurate. Comunicazioni adeguate aiuteranno anche ad affrontare potenziali accuse di discriminazione. Il consulente spesso assiste anche con comunicazioni di pubbliche relazioni all'industria, ai clienti e alla comunità.

Avvertenze

L'ampiezza del ridimensionamento nell'ultimo decennio, almeno negli Stati Uniti, ha dato slancio allo sviluppo di una vera e propria industria di consulenti e imprese di outplacement. Un certo numero di società di ricerca dedite all'identificazione di candidati per offerte di lavoro hanno adottato l'outplacement come attività secondaria. Una varietà di semiprofessionisti, inclusi ex direttori del personale, sono diventati consulenti di outplacement.

Fino a poco tempo fa, non esisteva un codice di condotta e standard etici formalmente adottati. Tuttavia, nel 1992, l'International Association of Outplacement Professionals (IAOP) ha sponsorizzato la creazione dell'Outplacement Institute, la cui adesione richiede il rispetto di una serie di criteri basati sul background formativo e sull'esperienza personale, prova della continua partecipazione a programmi di sviluppo personale e professionale e un impegno a sostenere e osservare gli standard IAOP pubblicati per la pratica etica.

Conclusione

La riduzione delle dimensioni di una forza lavoro è, nella migliore delle ipotesi, un'esperienza difficile per i dipendenti licenziati o costretti al pensionamento, e per quelli rimasti e per l'organizzazione nel suo insieme. È invariabilmente traumatico. L'outplacement è un servizio di consulenza professionale progettato per prevenire o minimizzare i potenziali effetti negativi e promuovere la salute e il benessere delle persone coinvolte.

 

Di ritorno

Leggi 6823 volte Ultima modifica il Giovedi, 16 giugno 2011 12: 02

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti per la tutela e la promozione della salute

Adami, HG, JA Baron e KJ Rothman. 1994. Etica di uno studio di screening del cancro alla prostata. Lancetta (343):958-960.

Akabas, SH e M. Hanson. 1991. Programmi di droga e alcol sul posto di lavoro negli Stati Uniti. Documento di lavoro presentato in occasione degli Atti del Washington Tripartite Symposium on Drug and Alcohol Prevention and Assistance Programs at the Workplace. Ginevra: OIL.

American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG). 1994. Esercizio durante la gravidanza e il periodo postpartum. vol. 189. Bollettino Tecnico. Washington, DC: DCL.

American Dietetic Association (ADA) e Ufficio per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute. 1994. Nutrizione in cantiere: una guida alla pianificazione, implementazione e valutazione. Chicago: ADA.

Associazione polmonare americana. 1992. Indagine sugli atteggiamenti del pubblico nei confronti del fumo. Preparato per la Gallup Organization dall'American Lung Association.

Anderson, DR e deputato O'Donnell. 1994. Verso un'agenda di ricerca sulla promozione della salute: recensioni sullo "stato della scienza". Am J Health Promot (8):482-495.

Anderson, JJB. 1992. Il ruolo della nutrizione nel funzionamento del tessuto scheletrico. Nutr Rev (50): 388-394.

Articolo 13-E della legge sulla salute pubblica dello Stato di New York.

Baile, WF, M Gilbertini, F Ulschak, S Snow-Antle, e D Hann. 1991. Impatto di un divieto di fumo in ospedale: cambiamenti nell'uso del tabacco e negli atteggiamenti dei dipendenti. Tossicodipendente Comportamento 16(6):419-426.

Bargal, D. 1993. Una prospettiva internazionale sullo sviluppo del lavoro sociale sul posto di lavoro. In Work and Well-Being, the Occupational Social Work Advantage, a cura di P Kurzman e SH Akabas. Washington, DC: NASW Press.

Barr, JK, KW Johnson e LJ Warshaw. 1992. Sostegno agli anziani: programmi sul posto di lavoro per badanti occupate. Milbank Q (70):509-533.

Barr, JK, JM Waring e LJ Warshaw. 1991. Fonti dei dipendenti di informazioni sull'AIDS: il posto di lavoro come ambiente educativo promettente. J Occup Med (33): 143-147.

Barr, JK e LJ Warshaw. 1993. Stress tra le donne lavoratrici: rapporto di un'indagine nazionale. New York: New York Business Group sulla salute.

Beery, W, VJ Schoenbach, EH Wagner, et al. 1986. Valutazione del rischio per la salute: metodi e programmi, con bibliografia commentata. Rockville, Md: Centro nazionale per la ricerca sui servizi sanitari e la valutazione delle tecnologie sanitarie.

Bertera, RL. 1991. Gli effetti dei rischi comportamentali sull'assenteismo e sui costi sanitari nei luoghi di lavoro. J Occup Med (33):1119-1124.

Bray, GA. 1989. Classificazione e valutazione delle obesità. Med Clin North Am 73(1):161-192.

Brigham, J, J Gross, ML Stitzer e LJ Felch. 1994. Effetti di una politica sul fumo nei luoghi di lavoro limitati sui dipendenti che fumano. Am J Sanità pubblica 84(5):773-778.

Bungay, GT, MP Vessey e CK McPherson. 1980. Studio dei sintomi della mezza età con particolare riferimento alla menopausa. Brit Med J 308(1):79.

Ufficio per gli affari nazionali (BNA). 1986. Dove c'è fumo: problemi e politiche riguardanti il ​​fumo sul posto di lavoro. Rockville, Maryland: BNA.

—. 1989. Fumo sul posto di lavoro, pratiche aziendali e sviluppi. Relazioni con i dipendenti di BNA settimanale 7 (42): 5-38.

—. 1991. Fumo sul posto di lavoro, sondaggio SHRM-BNA n. 55. Bollettino BNA alla direzione.

Burton, WN e DJ Conti. 1991. Benefici per la salute mentale gestiti dal valore. J Occup Med (33):311-313.

Burton, WN, D Erickson e J Briones. 1991. Programmi per la salute delle donne sul posto di lavoro. J Occup Med (33): 349-350.

Burton, WN e DA Hoy. 1991. Un sistema di gestione dei costi sanitari assistito da computer. J Occup Med (33):268-271.

Burton, WN, DA Hoy, RL Bonin e L Gladstone. 1989. Qualità e gestione economica dell'assistenza sanitaria mentale. J Occup Med (31):363-367.

Soci di Calibro. 1989. Studio costi-benefici della fase due del programma di riabilitazione dell'alcol di livello III della Marina: riabilitazione vs costi di sostituzione. Fairfax, Va: soci di calibro.

Charafin, FB. 1994. Gli Stati Uniti definiscono gli standard per la mammografia. Brit Med J (218): 181-183.

Fondazione Bambini Alcolisti. 1990. Figli di alcolisti nel sistema medico: problemi nascosti, costi nascosti. New York: Fondazione per i figli degli alcolisti.

La città di New York. Titolo 17, capitolo 5 del codice amministrativo della città di New York.

Coalizione su fumo e salute. 1992. Azioni legislative statali sulle questioni relative al tabacco. Washington, DC: Coalizione su fumo e salute.

Gruppo Politiche Sanitarie Aziendali. 1993. Problemi di fumo di tabacco ambientale sul posto di lavoro. Washington, DC: Comitato consultivo nazionale del Comitato interagenzia su fumo e salute.

Cowell, JWF. 1986. Linee guida per gli esami di idoneità al lavoro. CMAJ 135 (1 novembre):985-987.

Daniele, W.W. 1987. Relazioni industriali sul posto di lavoro e cambiamento tecnico. Londra: Istituto di studi politici.

Davis, R.M. 1987. Tendenze attuali nella pubblicità e nel marketing delle sigarette. New Engl J Med 316:725-732.

DeCresce, R, A Mazura, M Lifshitz e J Tilson. 1989. Test antidroga sul posto di lavoro. Chicago: stampa ASCP.

DeFriese, GH e JE Fielding. 1990. Valutazione del rischio per la salute negli anni '1990: opportunità, sfide e aspettative. Rivista annuale della sanità pubblica (11): 401-418.

Dishman, R.H. 1988. Aderenza all'esercizio: il suo impatto sulla salute pubblica. Champaign, Ill: libri di cinetica.

Duncan, MM, JK Barr e LJ Warshaw. 1992. Programmi di educazione prenatale sponsorizzati dal datore di lavoro: un'indagine condotta dal New York Business Group sulla salute. Montvale, NJ: editori di affari e salute.

Elixhauser, A. 1990. I costi del fumo e l'efficacia dei programmi per smettere di fumare. J Publ Health Policy (11):218-235.

Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.1991. Panoramica dell'azione innovativa per la salute sul posto di lavoro nel Regno Unito. Documento di lavoro n. WP/91/03/IT.

Ewing, JA. 1984. Rilevamento dell'alcolismo: il questionario CAGE. JAMA 252(14):1905-1907.

Fielding, J.E. 1989. Frequenza delle attività di valutazione dei rischi per la salute nei cantieri statunitensi. Am G Prev Med 5:73-81.

Fielding, JE e PV Piserchia. 1989. Frequenza delle attività di promozione della salute nei cantieri. Am G Prev Med 79:16-20.

Fielding, JE, KK Knight, RZ Goetzel e M Laouri. 1991. Utilizzo dei servizi sanitari preventivi da parte di una popolazione occupata. J Occup Med 33:985-990.

Fiorino, F. 1994. Prospettive aeree. Aviat settimana tecnologia spaziale (1 agosto):19.

Fishbeck, W. 1979. Rapporto interno e lettera. Midland, Michigan: Dow Chemical Company, dipartimento medico aziendale.

Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e Organizzazione mondiale della sanità (OMS). 1992. Conferenza internazionale sulla nutrizione: questioni importanti per le strategie nutrizionali. Ginevra: OMS.

Forrest, P. 1987. Breast Cancer Screening 1987. Rapporto ai ministri della Sanità di Inghilterra, Galles, Scozia e Irlanda. Londra: HMSO.

Freis, JF, CE Koop, PP Cooper, MJ England, RF Greaves, JJ Sokolov, D Wright e Health Project Consortium. 1993. Ridurre i costi dell'assistenza sanitaria riducendo la necessità e la domanda di servizi sanitari. New Engl J Med 329:321-325.

Glanz, K e RN Mullis. 1988. Interventi ambientali per promuovere un'alimentazione sana: una rassegna di modelli, programmi e prove. Salute Educ Q 15: 395-415.

Glanz, K e T Rogers. 1994. Programmi nutrizionali in cantiere nella promozione della salute sul posto di lavoro. In Health Promotion in the Workplace, a cura di MP O'Donnell e J Harris. Albany, NY: Delmar.

Glied, S e S Kofman. 1995. Donne e salute mentale: questioni per la riforma sanitaria. New York: Il Fondo del Commonwealth.

Googins, B e B Davidson. 1993. L'organizzazione come cliente: ampliare il concetto di programmi di assistenza ai dipendenti. Lavoro sociale 28:477-484.

Guidotti, TL, JWF Cowell e GG Jamieson. 1989. Servizi di medicina del lavoro: un approccio pratico. Chicago: Associazione medica americana.

Hammer, L. 1994. Equità e questioni di genere nella fornitura di assistenza sanitaria: il rapporto sullo sviluppo della Banca mondiale del 1993 e le sue implicazioni per i destinatari del servizio sanitario. Serie di documenti di lavoro, n.172. L'Aia: Istituto di studi sociali.

Harris, L et al. 1993. La salute delle donne americane. New York: Il Fondo del Commonwealth.

Haselhurst, J. 1986. Screening mammografico. In Complications in the Management of Breast Disease, a cura di RW Blamey. Londra: Balliere Tindall.

Henderson, BE, RK Ross e MC Pike. 1991. Verso la prevenzione primaria del cancro. Scienza 254:1131-1138.

Hutchison, J e A Tucker. 1984. Lo screening del seno risulta da una popolazione sana e attiva. Clin Oncol 10:123-128.

Istituto per le politiche sanitarie. Ottobre 1993. Abuso di sostanze: il problema sanitario numero uno della nazione. Princeton: Fondazione Robert Wood Johnson.

Kaplan, GD e VL Brinkman-Kaplan. 1994. Gestione del peso sul posto di lavoro nella promozione della salute sul posto di lavoro. In Health Promotion in the Workplace, a cura di MP O'Donnell e J Harris. Albany, NY: Delmar.

Karpilow, C. 1991. Medicina del lavoro nel posto di lavoro industriale. Firenze, Ky: Van Nostrand Reinhold.

Kohler, S e J Kamp. 1992. Lavoratori americani sotto pressione: rapporto tecnico. St. Paul, Minnesota: St. Paul Fire and Marine Insurance Company.

Kristein, M. 1983. Quanto possono aspettarsi di trarre profitto le aziende dalla cessazione del fumo? Prevenire Med 12:358-381.

Lesieur, HR e SB Blume. 1987. The South Oaks Gambling Screen (SOGS): un nuovo strumento per l'identificazione dei giocatori patologici. Am J Psychiatr 144(9):1184-1188.

Lesieur, HR, SB Blume e RM Zoppa. 1986. Alcolismo, abuso di droghe e gioco d'azzardo. Alcol, Clin Exp Res 10(1):33-38.

Lesmes, G. 1993. Convincere i dipendenti a dire di no al fumo. Salute degli autobus (marzo): 42-46.

Lew, EA e L. Garfinkel. 1979. Variazioni di mortalità in peso tra 750,000 uomini e donne. J Chron Dis 32:563-576.

Lewin, K. [1951] 1975. Teoria del campo nelle scienze sociali: articoli teorici selezionati di Kurt
Lewin, a cura di D Cartwright. Westport: stampa di Greenwood.

Malcom, AI. 1971. La ricerca dell'ebbrezza. Toronto: Libri ARF.
M
andelker, J. 1994. Un programma di benessere o una pillola amara. Salute degli autobus (marzo): 36-39.

March of Dimes Birth Defects Foundation. 1992. Lezioni apprese dal programma Babies and You. White Plains, NY: Fondazione March of Dimes Birth Defects.

—. 1994. Bambini sani, affari sani: guida di un datore di lavoro sul miglioramento della salute materna e infantile. White Plains, NY: Fondazione March of Dimes Birth Defects.

Margolin, A, SK Avants, P Chang e TR Kosten. 1993. Agopuntura per il trattamento della dipendenza da cocaina nei pazienti mantenuti con metadone. Am J Addict 2(3):194-201.

Maskin, A, A Connelly e EA Noonan. 1993. Fumo di tabacco ambientale: implicazioni per il posto di lavoro. Occ Saf Health Rep (2 febbraio).

Mansueto, DC. 1992. Il programma medico disabile della Medical Society of the District of Columbia. Maryland MedJ 41(4):321-323.

Morse, RM e DK Flavin. 1992. La definizione di alcolismo. JAMA 268(8):1012-1014.

Muchnick-Baku, S e S Orrick. 1992. Lavorare per una buona salute: promozione della salute e piccole imprese. Washington, DC: Washington Business Group sulla salute.

Consiglio consultivo nazionale per la ricerca sul genoma umano. 1994. Dichiarazione sull'uso del test del DNA per l'identificazione presintomatica del rischio di cancro. GIAMA 271:785.

Consiglio nazionale sull'assicurazione di compensazione (NCCI). 1985. Stress emotivo sul posto di lavoro: nuovi diritti legali negli anni Ottanta. New York: NCCI.

Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH). 1991. Bollettino di intelligence corrente 54. Bethesda, Md: NIOSH.

Istituti Nazionali della Salute (NIH). 1993a. Rapporto del gruppo di lavoro del programma nazionale di educazione alla pressione alta sulla prevenzione primaria dell'ipertensione. National High Blood Pressure Education Program, National Heart, Lung, and Blood Institute. Pubblicazione NIH n. 93-2669. Bethesda, Maryland: NIH.

—. 1993 b. Secondo rapporto del gruppo di esperti sulla rilevazione, valutazione e trattamento del colesterolo alto negli adulti (ATP II). National Cholesterol Education Program, National Institutes of Health, National Heart, Lung, and Blood Institute. Pubblicazione NIH n. 93-3095. Bethesda, Maryland: NIH.

Consiglio Nazionale per la Ricerca. 1989. Dieta e salute: implicazioni per ridurre il rischio di malattie croniche. Washington, DC: National Academy Press.

Accademia di medicina di New York. 1989. Droghe sul posto di lavoro: Atti di un simposio. B NY Acad Med 65(2).

Noah, T. 1993. L'EPA dichiara il fumo passivo cancerogeno per l'uomo. Wall Street J, 6 gennaio.

Ornish, D, SE Brown, LW Scherwitz, JH Billings, WT Armstrong, TA Ports, SM McLanahan, RL Kirkeeide, RJ Brand e KL Gould. 1990. I cambiamenti nello stile di vita possono invertire la malattia coronarica? La prova del cuore stile di vita. Lancetta 336:129-133.

Parodi contro Veterans Administration. 1982. 540 F. Suppl. 85 WD. Washington DC.

Patnick, J. 1995. NHS Breast Screening Programs: Review 1995. Sheffield: Clear Communications.

Pelletier, KR. 1991. Una revisione e un'analisi degli studi sui risultati economici di programmi completi di promozione della salute e prevenzione delle malattie. Am J Health Promot 5:311-315.

—. 1993. Una revisione e un'analisi della salute e degli studi sui risultati economici di programmi completi di promozione della salute e prevenzione delle malattie. Am J Health Promot 8:50-62.

—. 1994. Ottenere il valore dei tuoi soldi: il programma di pianificazione strategica dello Stanford Corporate Health Program. Am J Health Promot 8:323-7,376.

Penner, M e S Penner. 1990. Costi sanitari assicurati in eccesso dai dipendenti che consumano tabacco in un piano di gruppo di grandi dimensioni. J Occup Med 32:521-523.

Task force per i servizi preventivi. 1989. Guida ai servizi di prevenzione clinica: una valutazione dell'efficacia di 169 interventi. Baltimora: Williams & Wilkins.

Richardson, G. 1994. Un benvenuto per ogni bambino: come la Francia protegge la salute materna e infantile: un nuovo quadro di riferimento per gli Stati Uniti. Arlington, Virginia: Centro nazionale per l'educazione alla salute materna e infantile.

Richmond, K. 1986. Presentazione di cibi salutari per il cuore in una mensa aziendale. J Nutr Educ 18:S63-S65.

Robbins, LC e JH Hall. 1970. Come praticare la medicina prospettica. Indianapolis, Indiana: Ospedale Metodista dell'Indiana.

Rodale, R, ST Belden, T Dybdahl e M Schwartz. 1989. L'indice di promozione: una pagella sulla salute della nazione. Emmaus, Penn: Rodale Press.

Ryan, AS e GA Martinez. 1989. L'allattamento al seno e la madre che lavora: un profilo. Pediatria 82:524-531.

Saunders, JB, OG Aasland, A Amundsen e M Grant. 1993. Consumo di alcol e problemi correlati tra i pazienti di assistenza sanitaria primaria: progetto collaborativo dell'OMS sulla diagnosi precoce di persone con consumo dannoso di alcol-I. Dipendenza 88:349-362.

Schneider, WJ, SC Stewart e MA Haughey. 1989. Promozione della salute in un formato ciclico programmato. J Occup Med 31:482-485.

Schoenbach, VJ. 1987. Valutazione della valutazione del rischio per la salute. Am J Sanità pubblica 77:409-411.

Seidel, JC. 1992. Obesità e salute regionali. Int J Obesità 16:S31-S34.

Selzer, ML. 1971. Il test di screening dell'alcolismo del Michigan: la ricerca di un nuovo strumento diagnostico. Am J Psychiatr 127(12):89-94.

Serdula, MK, DE Williamson, RF Anda, A Levy, A Heaton e T Byers. 1994. Pratiche di controllo del peso negli adulti: risultati di un'indagine multistato. Am J Publ Health 81:1821-24.

Shapiro, S. 1977. Prove di screening per il cancro al seno da uno studio randomizzato. Cancro: 2772-2792.

Skinner, HA. 1982. Il test di screening per l'abuso di droghe (DAST). Tossicodipendente Comportamento 7:363-371.

Smith-Schneider, LM, MJ Sigman-Grant e PM Kris-Etherton. 1992. Strategie dietetiche per la riduzione del grasso. J Am Diet Assoc 92:34-38.

Sorensen, G, H Lando e TF Pechacek. 1993. Promuovere la cessazione del fumo sul posto di lavoro. J Occup Med 35(2):121-126.

Sorensen, G, N Rigotti, A Rosen, J Pinney, and R Prible. 1991. Effetti di una politica sul fumo sul posto di lavoro: prove per una maggiore cessazione. Am J Sanità pubblica 81(2):202-204.

Stave, GM e GW Jackson. 1991. Effetto del divieto totale di fumo sul posto di lavoro sul fumo e sugli atteggiamenti dei dipendenti. J Occup Med 33(8):884-890.

Thériault, G. 1994. Rischi di cancro associati all'esposizione professionale a campi magnetici tra i lavoratori delle utenze elettriche in Ontario e Quebec, Canada e Francia. Am J Epidemiol 139(6):550-572.

Tramm, ML e LJ Warshaw. 1989. Screening per problemi di alcol: una guida per ospedali, cliniche e altre strutture sanitarie. New York: New York Business Group sulla salute.

Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti: Servizio di informazione sulla nutrizione umana. 1990. Rapporto del comitato consultivo per le linee guida dietetiche sulle linee guida dietetiche per gli americani. Pubblicazione n. 261-495/20/24. Hyattsville, Md: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere degli Stati Uniti. 1964. Fumo e Salute Relazione del Comitato Consultivo al Chirurgo Generale del Servizio Sanitario Pubblico. Pubblicazione PHS n. 1103. Rockville, Md: Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere degli Stati Uniti.

Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (USDHHS). 1989. Ridurre le conseguenze sulla salute del fumo: 25 anni di progressi. Un rapporto del chirurgo generale. Pubblicazione USDHHS n.10 89-8411.Washington, DC: Ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

—. 1990. Costi economici dell'abuso di alcol e droghe e malattie mentali. Pubblicazione DHHS n. (ADM) 90-1694. Washington, DC: amministrazione di alcol, abuso di droghe e salute mentale.

—. 1991. Fumo di tabacco ambientale sul posto di lavoro: cancro ai polmoni e altri effetti. Pubblicazione USDHHS (NIOSH) n. 91-108. Washington, DC: USDHHS.
Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. 1995. Scadenza qualità mammografia. FDA Med Toro 23: 3-4.

Ufficio di contabilità generale degli Stati Uniti. 1994. Assistenza a lungo termine: il supporto per l'assistenza agli anziani potrebbe giovare al posto di lavoro governativo e agli anziani. GAO/HEHS-94-64. Washington, DC: ufficio di contabilità generale degli Stati Uniti.

Ufficio statunitense per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute. 1992. 1992 Indagine nazionale sulle attività di promozione della salute nei luoghi di lavoro: rapporto di sintesi. Washington, DC: Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani, Servizio Sanitario Pubblico.

Servizio Sanitario Pubblico degli Stati Uniti. 1991. Healthy People 2000: Obiettivi nazionali per la promozione della salute e la prevenzione delle malattie: rapporto completo con commento. Pubblicazione DHHS n. (PHS) 91-50212. Washington, DC: Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti.

Voelker, R. 1995. Preparazione dei pazienti per la menopausa. GIAMA 273:278.

Wagner, EH, WL Beery, VJ Schoenbach e RM Graham. 1982. Una valutazione del pericolo per la salute/valutazione del rischio per la salute. Am J Sanità pubblica 72:347-352.

Walsh, DC, RW Hingson, DM Merrigan, SM Levenson, LA Cupples, T Heeren, GA Coffman, CA Becker, TA Barker, SK Hamilton, TG McGuire e CA Kelly. 1991. Uno studio randomizzato sulle opzioni terapeutiche per i lavoratori che abusano di alcol. New Engl J Med 325(11):775-782.

Warshaw, L.J. 1989. Stress, ansia e depressione sul posto di lavoro: rapporto dell'indagine NYGBH/Gallup. New York: il gruppo aziendale di New York sulla salute.

Weismann, CS. 1995. Indagine nazionale sui centri per la salute delle donne: rapporto preliminare per gli intervistati. New York: Fondo del Commonwealth.

Wilber, C.S. 1983. Il programma Johnson e Johnson. Prevenire Med 12:672-681.

Woodruff, TJ, B Rosbrook, J Pierce e SA Glantz. 1993. Livelli inferiori di consumo di sigarette riscontrati nei luoghi di lavoro senza fumo in California. Arch Int Med 153(12):1485-1493.

Woodside, M. 1992. Figli di alcolisti al lavoro: la necessità di saperne di più. New York: Fondazione per i figli degli alcolisti.

Banca Mondiale. 1993. Rapporto sullo sviluppo mondiale: investire nella salute. Nuova York: 1993.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1988. Promozione della salute per le popolazioni lavoratrici: rapporto di un comitato di esperti dell'OMS. Serie di relazioni tecniche, n. 765. Ginevra: OMS.

—. 1992. Kit di consulenza per la Giornata mondiale senza tabacco 1992. Ginevra: OMS.

—. 1993. Donne e abuso di sostanze: rapporto di valutazione del paese del 1993. Documento N. OMS/PSA/93.13. Ginevra: OMS.

—. 1994. Una guida sul cibo sicuro per i viaggiatori. Ginevra: OMS.

Yen, LT, DW Edington e P Witting. 1991. Previsione di potenziali reclami medici e assenteismo per 1,285 lavoratori orari di un'azienda manifatturiera, 1992. J Occup Med 34:428-435.