Banner 3

 

Casi Studio

Fino a tempi molto recenti l'efficacia della formazione e dell'istruzione nel controllo dei rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro era in gran parte una questione di fede piuttosto che di valutazione sistematica (Vojtecky e Berkanovic 1984-85; Wallerstein e Weinger 1992). Con la rapida espansione di intensi programmi di formazione e istruzione finanziati a livello federale negli Stati Uniti nell'ultimo decennio, questo ha cominciato a cambiare. Educatori e ricercatori stanno applicando approcci più rigorosi per valutare l'effettivo impatto della formazione e dell'istruzione dei lavoratori su variabili di risultato come tassi di incidenti, malattie e infortuni e su variabili intermedie come la capacità dei lavoratori di identificare, gestire e risolvere i pericoli nei loro luoghi di lavoro. Il programma che combina la formazione sulle emergenze chimiche e la formazione sui rifiuti pericolosi dell'International Chemical Workers Union Center for Worker Health and Safety Education fornisce un utile esempio di un programma ben progettato che ha incorporato una valutazione efficace nella sua missione.

Il Centro è stato istituito a Cincinnati, Ohio, nel 1988 grazie a una sovvenzione che l'International Chemical Workers Union (ICWU) ha ricevuto dall'Istituto nazionale per le scienze della salute ambientale per fornire formazione ai lavoratori dei rifiuti pericolosi e degli interventi di emergenza. Il Centro è un'impresa cooperativa di sei sindacati industriali, un centro locale di medicina del lavoro e un dipartimento universitario di salute ambientale. Ha adottato un approccio di educazione all'empowerment alla formazione e definisce la sua missione in generale come:

… promuovere la capacità dei lavoratori di risolvere i problemi e sviluppare strategie sindacali per migliorare le condizioni di salute e sicurezza sul posto di lavoro (McQuiston et al. 1994).

Per valutare l'efficacia del programma in questa missione, il Centro ha condotto studi di follow-up a lungo termine con i lavoratori che hanno seguito il programma. Questa valutazione completa è andata molto oltre la tipica valutazione che viene condotta immediatamente dopo la formazione e misura la conservazione delle informazioni a breve termine da parte dei tirocinanti e la soddisfazione per (o la reazione a) l'istruzione.

Programma e pubblico

Il corso oggetto di valutazione è un programma formativo di emergenza chimica/rifiuti pericolosi di quattro o cinque giorni. I partecipanti ai corsi sono iscritti a sei sindacati di categoria e un numero minore di dirigenti di alcuni degli stabilimenti rappresentati dai sindacati. I lavoratori che sono esposti a rilasci sostanziali di sostanze pericolose o che lavorano con rifiuti pericolosi meno prossimamente possono partecipare. Ogni classe è limitata a 24 studenti in modo da favorire la discussione. Il Centro incoraggia i sindacati locali a inviare al corso tre o quattro lavoratori di ciascun sito, ritenendo che sia più probabile che un gruppo ristretto di lavoratori sia più propenso a lavorare efficacemente per ridurre i rischi al ritorno sul posto di lavoro rispetto a un singolo individuo.

Il programma ha stabilito obiettivi correlati a lungo e breve termine:

Obiettivo a lungo termine: affinché i lavoratori diventino e rimangano partecipanti attivi nel determinare e migliorare le condizioni di salute e sicurezza in cui lavorano.

Obiettivo formativo immediato: fornire agli studenti strumenti pertinenti, capacità di problem solving e la fiducia necessaria per utilizzare tali strumenti (McQuiston et al. 1994).

In linea con questi obiettivi, invece di concentrarsi sul richiamo delle informazioni, il programma adotta un approccio formativo "orientato al processo" che cerca di "costruire l'autosufficienza che sottolinea il sapere quando sono necessarie ulteriori informazioni, dove trovarle e come interpretare e usalo”. (McQuiston et al. 1994.)

Il curriculum comprende sia lezioni in aula che esercitazioni pratiche. I metodi didattici enfatizzano le attività di risoluzione dei problemi in piccoli gruppi con la partecipazione attiva dei lavoratori alla formazione. Lo sviluppo del corso si è avvalso anche di un processo partecipativo che ha coinvolto dirigenti di base in materia di sicurezza e salute, personale del programma e consulenti. Questo gruppo ha valutato i corsi pilota iniziali e ha raccomandato revisioni del curriculum, dei materiali e dei metodi sulla base di ampie discussioni con i tirocinanti. Questo formativa la valutazione è un passo importante nel processo di valutazione che avviene durante lo sviluppo del programma, non alla fine del programma.

Il corso introduce i partecipanti a una serie di documenti di riferimento sui materiali pericolosi. Durante il corso, gli studenti sviluppano anche una “carta dei rischi” per la propria struttura, che utilizzano per valutare i rischi ei programmi di sicurezza e salute del proprio impianto. Questi grafici costituiscono la base per i piani d'azione che creano un ponte tra ciò che gli studenti apprendono durante il corso e ciò che decidono di dover implementare sul posto di lavoro.

Metodologia di valutazione

Il Centro conduce test di conoscenza pre-formazione e post-formazione anonimi dei partecipanti per documentare l'aumento dei livelli di conoscenza. Tuttavia, per determinare l'efficacia a lungo termine del programma, il Centro utilizza interviste telefoniche di follow-up degli studenti 12 mesi dopo la formazione. Viene intervistato un partecipante per ogni sindacato locale mentre viene intervistato ogni manager partecipante. Il sondaggio misura i risultati in cinque aree principali:

  1. uso continuo da parte degli studenti delle risorse e dei materiali di riferimento introdotti durante la formazione
  2. l'importo della formazione secondaria, ovvero la formazione svolta dai partecipanti per i collaboratori rientrati in cantiere dopo la frequenza al corso del Centro
  3. tentativi e successi del tirocinante nell'ottenere cambiamenti nella risposta alle emergenze del cantiere o nei programmi, procedure o attrezzature per rifiuti pericolosi
  4. miglioramenti post-formazione nel modo in cui vengono gestiti gli sversamenti sul posto di lavoro
  5. le percezioni degli studenti sull'efficacia del programma di formazione. 

 

I risultati più recenti pubblicati di questa valutazione si basano su 481 intervistati sindacali, ognuno dei quali rappresenta un sito di lavoro distinto, e 50 intervistati della direzione. I tassi di risposta alle interviste sono stati del 91.9% per i sindacati e del 61.7% per i dirigenti.

Risultati e implicazioni

Uso di materiali di risorsa

Dei sei principali materiali di risorsa introdotti nel corso, tutti tranne il grafico del rischio sono stati utilizzati da almeno il 60% dei tirocinanti sindacali e dirigenziali. Il NIOSH Guida tascabile ai rischi chimici e il manuale di formazione del Centro sono stati i più utilizzati.

Formazione dei collaboratori

Quasi l'80% dei tirocinanti sindacali e il 72% dei dirigenti hanno svolto attività di formazione ai colleghi al rientro in cantiere. Il numero medio di collaboratori formati (70) e la durata media della formazione (9.7 ore) sono stati consistenti. Di particolare importanza è stato il fatto che più della metà dei tirocinanti sindacali ha insegnato ai dirigenti nei loro luoghi di lavoro. La formazione secondaria ha coperto un'ampia gamma di argomenti, tra cui l'identificazione chimica, la selezione e l'uso di dispositivi di protezione individuale, gli effetti sulla salute, la risposta alle emergenze e l'uso di materiali di riferimento.

Ottenere migliorie in cantiere

Le interviste hanno posto una serie di domande relative ai tentativi di migliorare i programmi, le pratiche e le attrezzature aziendali in 11 diverse aree, tra cui le seguenti sette particolarmente importanti:

  • formazione sugli effetti sulla salute
  • disponibilità di schede di sicurezza dei materiali
  • etichettatura chimica
  • disponibilità, test e formazione del respiratore
  • guanti e indumenti protettivi
  • risposta di emergenza
  • procedure di decontaminazione.

 

Le domande hanno determinato se gli intervistati ritenessero necessari cambiamenti e, in tal caso, se fossero stati apportati miglioramenti.

In generale, i sindacalisti intervistati hanno sentito un bisogno maggiore e hanno tentato più miglioramenti rispetto al management, anche se il grado di differenza variava a seconda delle aree specifiche. Percentuali ancora piuttosto alte sia di sindacati che di management hanno segnalato tentativi di miglioramento nella maggior parte delle aree. Le percentuali di successo nelle undici aree variavano dal 44 al 90% per i sindacalisti e dal 76 al 100% per i dirigenti.

Risposta alla fuoriuscita

Le domande relative a sversamenti e rilasci avevano lo scopo di accertare se la partecipazione al corso avesse modificato le modalità di gestione degli sversamenti. Lavoratori e dirigenti hanno segnalato un totale di 342 sversamenti gravi nell'anno successivo alla loro formazione. Circa il 60% di coloro che hanno segnalato sversamenti ha indicato che gli sversamenti sono stati gestiti in modo diverso a causa della formazione. Domande più dettagliate sono state successivamente aggiunte al sondaggio per raccogliere ulteriori dati qualitativi e quantitativi. Lo studio di valutazione fornisce i commenti dei lavoratori su sversamenti specifici e sul ruolo svolto dalla formazione nel farvi fronte. Di seguito vengono citati due esempi:

A seguito della formazione è stata rilasciata l'attrezzatura adeguata. Tutto è stato fatto dai libri. Abbiamo fatto molta strada da quando abbiamo formato una squadra. La formazione è valsa la pena. Non dobbiamo preoccuparci dell'azienda, ora possiamo giudicare da soli ciò di cui abbiamo bisogno.

La formazione ha aiutato informando il comitato per la sicurezza sulla catena di comando. Siamo più preparati e il coordinamento tra tutti i reparti è migliorato.

Preparazione

La grande maggioranza dei sindacati e dei dirigenti intervistati ritiene di essere "molto meglio" o "un po' meglio" preparati a gestire le sostanze chimiche pericolose e le emergenze come risultato della formazione.

Conclusione

Questo caso illustra molti dei fondamenti della progettazione e della valutazione dei programmi di formazione e istruzione. Gli scopi e gli obiettivi del programma educativo sono dichiarati esplicitamente. Gli obiettivi di azione sociale riguardanti la capacità dei lavoratori di pensare e agire per se stessi e sostenere i cambiamenti sistemici sono importanti insieme agli obiettivi di conoscenza e comportamento più immediati. I metodi di formazione sono scelti tenendo conto di questi obiettivi. I metodi di valutazione misurano il raggiungimento di questi obiettivi scoprendo come i tirocinanti hanno applicato il materiale del corso nei propri ambienti di lavoro a lungo termine. Misurano l'impatto della formazione su risultati specifici come la risposta agli sversamenti e su variabili intermedie come la misura in cui la formazione viene trasmessa ad altri lavoratori e il modo in cui i partecipanti al corso utilizzano i materiali delle risorse.


Di ritorno

Il termine educazione ambientale copre una gamma potenzialmente ampia di questioni e attività se applicata a dipendenti, dirigenti e luoghi di lavoro. Questi comprendono:

    • formazione per la consapevolezza generale delle preoccupazioni ambientali
    • educazione e formazione verso la modifica di pratiche di lavoro, processi e materiali per ridurre l'impatto ambientale dei processi industriali sulle comunità locali
    • formazione professionale per ingegneri e altri che cercano competenze e carriere nei settori ambientali
    • l'istruzione e la formazione dei lavoratori nel settore in crescita dell'abbattimento ambientale, compresa la pulizia dei rifiuti pericolosi, la risposta alle emergenze in caso di fuoriuscite, rilasci e altri incidenti e la bonifica da amianto e vernice al piombo.

         

        Questo articolo si concentra sullo stato della formazione e dell'istruzione dei lavoratori negli Stati Uniti nel crescente campo delle bonifiche ambientali. Non è una trattazione esaustiva dell'educazione ambientale, ma piuttosto un'illustrazione del legame tra la sicurezza e la salute sul lavoro e l'ambiente e la natura mutevole del lavoro in cui le conoscenze tecnico-scientifiche sono diventate sempre più importanti in quei mestieri tradizionali "manuali" come costruzione. "Formazione" si riferisce in questo contesto a programmi a breve termine organizzati e tenuti da istituzioni sia accademiche che non accademiche. "Istruzione" si riferisce a programmi di studio formale presso istituti accreditati biennali e quadriennali. Attualmente non esiste un chiaro percorso di carriera per le persone con interesse in questo campo. Lo sviluppo di percorsi di carriera più definiti è uno degli obiettivi del National Environmental Education and Training Center, Inc. (NEETC) presso l'Indiana University of Pennsylvania. Nel frattempo, esiste un'ampia gamma di programmi di istruzione e formazione a diversi livelli, offerti da una varietà di istituzioni accademiche e non accademiche. Un'indagine sulle istituzioni coinvolte in questo tipo di formazione e istruzione ha costituito il materiale di partenza per il rapporto originale da cui è stato adattato questo articolo (Madelien e Paulson 1995).

         

        Programmi di allenamento

        Uno studio del 1990 condotto dalla Wayne State University (Powitz et al. 1990) ha identificato 675 corsi brevi separati e distinti senza crediti per la formazione dei lavoratori dei rifiuti pericolosi presso college e università, offrendo oltre 2,000 corsi a livello nazionale ogni anno. Tuttavia, questo studio non ha preso in considerazione alcuni dei principali fornitori di formazione, vale a dire i programmi dei college della comunità, i programmi di formazione della US Occupational Safety and Health Administration e le aziende o gli appaltatori indipendenti. Pertanto, il numero di Wayne State potrebbe probabilmente essere raddoppiato o triplicato per stimare il numero di offerte di corsi senza credito e senza certificazione disponibili oggi negli Stati Uniti.

        Il principale programma di formazione finanziato dal governo nel risanamento ambientale è quello del National Institute for Environmental Health Sciences (NIEHS). Questo programma, istituito ai sensi della legislazione Superfund nel 1987, fornisce sovvenzioni a organizzazioni senza scopo di lucro con accesso a popolazioni di lavoratori adeguate. I destinatari includono i sindacati; programmi universitari in educazione al lavoro/studi del lavoro e sanità pubblica, scienze della salute e ingegneria; collegi comunitari; e coalizioni per la sicurezza e la salute senza scopo di lucro, note come COSH (Comitati per la sicurezza e la salute sul lavoro). Molte di queste organizzazioni operano in consorzi regionali. I destinatari includono:

        • operai edili coinvolti nella bonifica di siti di rifiuti pericolosi
        • personale di risposta alle emergenze che lavora per le agenzie dei servizi antincendio e di emergenza e gli stabilimenti industriali
        • lavoratori dei trasporti coinvolti nel trasporto di materiali pericolosi
        • addetti al trattamento, allo stoccaggio e allo smaltimento dei rifiuti pericolosi
        • addetti al trattamento delle acque reflue.

         

        Il programma NIEHS ha portato a un ampio curriculum e allo sviluppo e all'innovazione dei materiali, che è stato caratterizzato da una notevole condivisione e sinergia tra i beneficiari. Il programma finanzia una stanza di compensazione nazionale che gestisce una biblioteca e un centro curriculare e pubblica una newsletter mensile.

        Altri programmi finanziati dal governo offrono corsi brevi rivolti ai professionisti del settore dei rifiuti pericolosi anziché ai lavoratori di prima linea. Molti di questi programmi sono ospitati nei centri di risorse educative universitarie finanziati dall'Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH).

         

        Programmi educativi

         

        Collegi comunitari

        Il cambiamento più ampio nel panorama dell'istruzione e della formazione sui rifiuti pericolosi negli ultimi anni è stato il drammatico sviluppo di programmi e consorzi di college della comunità per migliorare l'istruzione professionale a livello di laurea associata. Dagli anni '1980, i community college hanno svolto il lavoro di sviluppo del curriculum più organizzato ed esteso nell'istruzione secondaria.

        Il Dipartimento dell'Energia (DOE) ha finanziato programmi a livello nazionale per fornire una forza lavoro qualificata nei siti in cui la necessità è cambiata dai tecnici nucleari agli addetti alla pulizia dei rifiuti pericolosi. Questa formazione si svolge in modo più rigoroso presso i community college, molti dei quali hanno storicamente provveduto alle esigenze del personale in specifici siti del DOE. Anche i programmi finanziati dal DOE presso i college della comunità hanno dato luogo a grandi sforzi nello sviluppo dei programmi di studio e nei consorzi per la condivisione delle informazioni. I loro obiettivi sono stabilire standard di formazione più coerenti e più elevati e fornire mobilità alla forza lavoro, consentendo a un individuo formato a lavorare in un sito in una parte del paese di trasferirsi in un altro sito con requisiti minimi di riqualificazione.

        Diversi consorzi di community college stanno promuovendo programmi di studio in questo settore. La Partnership for Environmental Technology Education (PETE) opera in sei regioni. PETE sta collaborando con la University of Northern Iowa per creare una rete di livello mondiale di programmi ambientali dei college della comunità, collegati alle scuole superiori, che informano e preparano gli studenti all'ingresso in questi corsi di laurea biennali. Gli obiettivi includono lo sviluppo di (1) modelli di curriculum convalidati a livello nazionale, (2) programmi completi di sviluppo professionale e (3) un centro di smistamento nazionale per l'educazione ambientale.

        L'Hazardous Materials Training and Research Institute (HMTRI) soddisfa le esigenze di sviluppo del curriculum, sviluppo professionale, stampa e comunicazioni elettroniche di 350 college con programmi di credito per tecnologie ambientali di due anni. L'Istituto sviluppa e distribuisce curricula e materiali e implementa programmi educativi presso il proprio Centro di formazione ambientale presso il Kirkwood Community College in Iowa, che dispone di ampie aule, laboratori e strutture simulate sul campo.

        Il Center for Occupational Research and Development (CORD) fornisce la leadership nazionale nell'iniziativa Tech Prep/Associate Degree del Dipartimento dell'Istruzione degli Stati Uniti. Il programma Tech Prep richiede il coordinamento tra istituti secondari e post-secondari per fornire agli studenti una solida base per un percorso professionale e il mondo del lavoro. Questa attività ha portato allo sviluppo di diversi testi studenteschi contestuali ed esperienziali in scienze e matematica di base, progettati per consentire agli studenti di apprendere nuovi concetti in relazione alla conoscenza e all'esperienza esistenti.

        CORD ha anche svolto un ruolo significativo nell'iniziativa educativa nazionale dell'amministrazione Clinton, “Goals 2000: Educate America”. Riconoscendo la necessità di personale qualificato di primo livello, l'iniziativa prevede lo sviluppo di standard di competenze professionali. ("Standard delle competenze" definisce le conoscenze, le abilità, le attitudini e il livello di abilità necessari per svolgere con successo occupazioni specifiche).

         

        Articolazione tra programmi professionali e di diploma di maturità

        Un problema persistente è stato lo scarso collegamento tra gli istituti biennali e quadriennali, che ostacola gli studenti che desiderano accedere ai programmi di ingegneria dopo aver completato i diplomi associati (biennali) in gestione dei rifiuti pericolosi / radioattivi. Tuttavia, un certo numero di consorzi di community college hanno iniziato ad affrontare questo problema.

        Il consorzio Environmental Technology (ET) è una rete di community college della California che ha completato accordi di articolazione con quattro college quadriennali. L'istituzione di una nuova classificazione professionale, "tecnico ambientale", da parte della California Environmental Protection Agency fornisce un ulteriore incentivo per i laureati del programma ET a continuare la loro formazione. Un certificato ET rappresenta il requisito di livello base per la posizione di tecnico ambientale. Il completamento di un diploma di socio rende il dipendente idoneo per la promozione al livello lavorativo successivo. L'ulteriore istruzione e l'esperienza lavorativa consentono al lavoratore di progredire nella scala della carriera.

        Il Waste-management Education and Research Consortium (WERC), un consorzio di scuole del New Mexico, è forse il modello più avanzato che tenta di colmare il divario tra l'istruzione professionale e quella tradizionale di quattro anni. I membri del consorzio sono l'Università del New Mexico, il New Mexico Institute of Mining and Technology, la New Mexico State University, il Navajo Community College, il Sandia Laboratory ei Los Alamos Laboratories. L'approccio al trasferimento del curriculum è stato un programma televisivo interattivo (ITV) nell'apprendimento a distanza, che sfrutta i vari punti di forza delle istituzioni.

        Gli studenti iscritti al programma ambientale sono tenuti a seguire 6 ore di corsi delle altre istituzioni attraverso la formazione a distanza o un semestre fuori sede di corsi. Il programma è decisamente interdisciplinare, combinando un minore in materiali pericolosi / gestione dei rifiuti con un maggiore di un altro dipartimento (scienze politiche, economia, pre-legge, ingegneria o una qualsiasi delle scienze). Il programma è "sia ampio che ristretto", in quanto riconosce la necessità di sviluppare studenti con un'ampia base di conoscenze nel loro campo e una formazione specifica in materiali pericolosi e gestione dei rifiuti pericolosi. Questo programma unico abbina la partecipazione degli studenti a una ricerca applicata realistica e allo sviluppo del curriculum guidato dall'industria. I corsi per i minori sono molto specifici e sfruttano le specialità particolari di ogni scuola, ma ogni programma, incluso il diploma associato, ha un grande requisito di base in scienze umanistiche e sociali.

        Un'altra caratteristica unica è il fatto che le scuole quadriennali offrono diplomi associati biennali in tecnologia dei materiali radioattivi e pericolosi. La laurea biennale in scienze ambientali offerta al Navajo Community College comprende corsi di storia Navajo e corsi sostanziali in comunicazione e affari, oltre a corsi tecnici. È stato inoltre sviluppato un laboratorio pratico nel campus del Navajo Community College, una caratteristica insolita per un college della comunità e parte dell'impegno del consorzio per l'apprendimento pratico in laboratorio e lo sviluppo tecnologico/ricerca applicata. Le istituzioni membri del WERC offrono anche un programma di certificazione "non di laurea" in studi sulla gestione dei rifiuti, che sembra essere al di sopra e al di là dei corsi di 24 e 40 ore offerti in altri college. È rivolto a persone che hanno già una laurea o una laurea e che desiderano inoltre usufruire di seminari e corsi di specializzazione presso le università.

         

        Conclusioni

        Negli ultimi anni si sono verificati diversi cambiamenti significativi nel focus dell'istruzione e della formazione relativa all'industria dei rifiuti pericolosi, oltre alla proliferazione di programmi di formazione di breve durata e programmi di ingegneria tradizionali. Nel complesso, il Dipartimento dell'Energia sembra aver concentrato l'istruzione a livello di community college sulla riqualificazione della forza lavoro, principalmente attraverso la Partnership for Environmental Technology Education (PETE), il Waste-management Education and Research Consortium (WERC) e altri consorzi simili.

        C'è un grande divario tra la formazione professionale e l'istruzione tradizionale in campo ambientale. A causa di questo divario, non esiste un percorso di carriera chiaro e di routine per i lavoratori dei rifiuti pericolosi ed è difficile per questi lavoratori avanzare nell'industria o nel governo senza i classici diplomi tecnici. Sebbene all'interno dei dipartimenti di economia, giurisprudenza e medicina siano state stabilite opzioni interdipartimentali per l'istruzione a livello manageriale che riconoscono l'ampiezza dell'industria ambientale, si tratta ancora di diplomi professionali accademici a cui manca gran parte della forza lavoro disponibile ed esperta.

        Man mano che l'industria del risanamento ambientale matura, le esigenze a lungo termine della forza lavoro per una formazione e un'istruzione più equilibrate e un percorso professionale ben sviluppato diventano più chiare. Il gran numero di lavoratori sfollati da siti militari chiusi significa che più persone stanno entrando nella forza lavoro ambientale da altri campi, rendendo la domanda di formazione sindacale e collocamento dei lavoratori sfollati (sia personale militare congedato che personale civile sfollato) ancora maggiore di prima. Sono necessari programmi educativi che soddisfino sia le esigenze del personale che entra nell'industria sia quelle dell'industria stessa per una forza lavoro più equilibrata e meglio istruita.

        Poiché i membri dei sindacati sono uno dei principali gruppi pronti a entrare nel campo della bonifica dei rifiuti pericolosi e della bonifica ambientale, sembrerebbe che i dipartimenti di studi sul lavoro e relazioni industriali potrebbero essere entità logiche per sviluppare corsi di laurea che incorporino un curriculum di rifiuti pericolosi/ambientali con lo sviluppo delle capacità lavorative/gestionali.

         

        Di ritorno

        Gli articoli in questo capitolo si sono finora concentrati sulla formazione e l'istruzione in materia di rischi sul posto di lavoro. L'educazione ambientale ha molteplici scopi ed è un utile complemento alla formazione sulla sicurezza e salute sul lavoro. La formazione dei lavoratori è un aspetto critico e spesso trascurato di un'ampia ed efficace strategia di protezione ambientale. Le questioni ambientali sono spesso viste come questioni puramente tecnologiche o scientifiche che esulano dalla portata dei lavoratori. Tuttavia, la conoscenza dei lavoratori è fondamentale per qualsiasi soluzione ambientale efficace. I lavoratori sono interessati come cittadini e come dipendenti alle questioni ambientali perché l'ambiente modella le loro vite e influenza le loro comunità e famiglie. Anche quando sono richieste soluzioni tecnologiche che utilizzano nuovi hardware, software o approcci di processo, l'impegno e la competenza dei lavoratori sono necessari per la loro effettiva implementazione. Questo è vero per i lavoratori coinvolti direttamente in industrie e occupazioni ambientali o in altri tipi di posti di lavoro e settori industriali.

        L'educazione dei lavoratori può anche fornire una base concettuale per migliorare la partecipazione dei lavoratori al miglioramento ambientale, alla protezione della salute e della sicurezza e al miglioramento organizzativo. Il Programma dell'Industria e dell'Ambiente dell'UNEP rileva che “molte aziende hanno scoperto che il coinvolgimento dei lavoratori nel miglioramento ambientale può produrre importanti benefici” (UNEP 1993). La Cornell Work and Environment Initiative (WEI) in uno studio sulle imprese statunitensi ha rilevato che un'intensa partecipazione dei lavoratori ha prodotto una riduzione tripla della fonte delle sole soluzioni tecniche o esterne e ha aumentato ancora di più i rendimenti di alcuni approcci tecnologici (Bunge et al. 1995).

        L'educazione ambientale dei lavoratori si presenta in una varietà di forme. Questi includono la sensibilizzazione e l'istruzione sindacale, la formazione e l'orientamento occupazionale, il collegamento dell'ambiente alle preoccupazioni per la salute e la sicurezza sul lavoro e un'ampia consapevolezza come cittadini. Tale educazione si svolge in una serie di luoghi tra cui luoghi di lavoro, sale sindacali, aule e circoli di studio, utilizzando sistemi di consegna basati su computer sia tradizionali che più recenti. È corretto affermare che l'educazione ambientale dei lavoratori è un settore poco sviluppato, soprattutto rispetto alla formazione manageriale e tecnica e all'educazione ambientale scolastica. A livello internazionale, l'istruzione dei lavoratori in prima linea è spesso menzionata di sfuggita e viene trascurata quando si tratta di attuazione. La Fondazione Europea per il Miglioramento delle Condizioni di Vita e di Lavoro ha commissionato una serie di studi sulla dimensione educativa della tutela ambientale, e nel suo prossimo programma di lavoro si rivolgerà direttamente agli operai e ai loro bisogni di educazione ambientale.

        Quelli che seguono sono alcuni esempi raccolti attraverso il WEI della Cornell University che illustrano sia la pratica che le possibilità nell'educazione ambientale dei lavoratori. Il WEI è una rete di manager, sindacalisti, ambientalisti e funzionari governativi di 48 paesi in tutte le parti del mondo, impegnati a trovare modi in cui i lavoratori e il posto di lavoro possono contribuire a soluzioni ambientali. Si rivolge a un'ampia gamma di settori, dall'estrazione primaria alla produzione, ai servizi e alle imprese del settore pubblico. Fornisce un mezzo per l'educazione e l'azione sulle questioni ambientali che cerca di costruire conoscenze sul posto di lavoro e nelle istituzioni accademiche che possono portare a luoghi di lavoro più puliti e produttivi e una migliore connessione tra ambienti interni ed esterni.

        Australia: Moduli Eco-Skills

        L'Australian Council of Trade Unions (ACTU) ha sviluppato nuovi approcci all'educazione dei lavoratori per l'ambiente che fornisce sia un'ampia consapevolezza sociale che competenze specifiche per l'occupazione, specialmente tra i giovani lavoratori.

        L'ACTU ha organizzato una società di formazione ambientale con un ampio mandato per affrontare una varietà di settori, ma con un focus iniziale sulle questioni di gestione del territorio. Questo obiettivo include l'insegnamento dei modi per gestire il lavoro di bonifica in modo sicuro ed efficace, ma anche i modi per garantire la compatibilità con le popolazioni indigene e gli ambienti naturali. Con il contributo di sindacalisti, ambientalisti e datori di lavoro, la società di formazione ha sviluppato una serie di moduli "Eco-Skills" per stabilire l'alfabetizzazione ambientale di base tra i lavoratori di una serie di industrie. Questi sono integrati con una serie di competenze tecniche, sociali e orientate alla sicurezza.

        I moduli Eco-Skills 1 e 2 contengono un'ampia base di informazioni ambientali. Vengono insegnati insieme ad altri programmi di formazione di livello base. I livelli 3 e superiori vengono insegnati a persone specializzate in lavori incentrati sulla riduzione degli impatti ambientali. I primi due moduli Eco-Skills sono composti da due sessioni di quaranta ore. I tirocinanti acquisiscono competenze attraverso lezioni, sessioni di problem solving di gruppo e tecniche pratiche pratiche. I lavoratori vengono valutati attraverso presentazioni scritte e orali, lavori di gruppo e giochi di ruolo.

        I concetti trattati nelle sessioni includono un'introduzione ai principi di sviluppo ecologicamente sostenibile, uso efficiente delle risorse e sistemi di produzione e gestione ambientale più puliti. Una volta completato il Modulo 1, i lavoratori dovrebbero essere in grado di:

        • identificare le implicazioni di un determinato stile di vita per la sostenibilità a lungo termine con un'enfasi specifica posta sullo stile di vita presente e futuro dello studente
        • identificare modi per ridurre l'impatto ambientale delle attività umane
        • descrivere le strategie per ridurre gli impatti ambientali in un determinato settore (agricoltura, silvicoltura, produzione, turismo, tempo libero, estrazione mineraria)
        • descrivere le caratteristiche principali di un Sistema di Gestione Ambientale
        • identificare il ruolo delle parti interessate nella riduzione dell'inquinamento ambientale e dell'esaurimento delle risorse.

         

        Il Modulo 2 amplia questi obiettivi iniziali e prepara i lavoratori ad iniziare ad applicare metodi di prevenzione dell'inquinamento e di conservazione delle risorse.

        Alcuni settori sono interessati a collegare le competenze e le conoscenze sull'impatto ambientale ai loro standard di settore a tutti i livelli. La consapevolezza delle questioni ambientali si rifletterebbe nel lavoro quotidiano di tutti i lavoratori del settore a tutti i livelli di competenza. Un incentivo per i lavoratori risiede nel fatto che le tariffe salariali sono legate agli standard del settore. L'esperimento australiano è agli inizi, ma è un chiaro tentativo di lavorare con tutte le parti per sviluppare attività basate sulle competenze che portino a un'occupazione maggiore e più sicura, migliorando al contempo le prestazioni e la consapevolezza ambientale.

        Collegamento tra salute e sicurezza sul lavoro e formazione ambientale

        Uno dei sindacati più attivi negli Stati Uniti nella formazione ambientale è il Laborers International Union of North American (LIUNA). Le normative del governo degli Stati Uniti richiedono che i lavoratori addetti all'abbattimento dei rifiuti pericolosi ricevano 40 ore di formazione. Il sindacato e gli appaltatori partecipanti hanno sviluppato un corso intensivo di 80 ore progettato per fornire ai potenziali lavoratori dei rifiuti pericolosi una maggiore consapevolezza della sicurezza e del settore. Nel 1995, oltre 15,000 lavoratori sono stati formati per la riduzione di piombo, amianto e altri rifiuti pericolosi e altri lavori di risanamento ambientale. Il programma Laborers-Associated General Contractors ha sviluppato 14 corsi di risanamento ambientale e programmi di formazione associati per i formatori per assistere gli sforzi a livello nazionale per risanamento sicuro e di qualità. Questi sono condotti in 32 siti di formazione e quattro unità mobili.

        Oltre a fornire sicurezza e formazione tecnica, il programma incoraggia i partecipanti a pensare a questioni ambientali più ampie. Come parte del loro lavoro in classe, i tirocinanti raccolgono materiali dai giornali locali su questioni ambientali e usano questa connessione locale come un'apertura per discutere sfide ambientali più ampie. Questo fondo congiunto per la formazione ambientale impiega 19 persone equivalenti a tempo pieno presso la sua sede centrale e spende oltre 10 milioni di dollari. I materiali e i metodi di formazione soddisfano elevati standard di qualità con un ampio uso di audiovisivi e altri ausili alla formazione, focus sulle competenze specifiche e impegno e valutazione della qualità integrati in tutti i curricula. Un video "impara a casa" viene utilizzato per aiutare a soddisfare le preoccupazioni sull'alfabetizzazione e la formazione ambientale e di alfabetizzazione di base sono collegate. Per chi lo desidera, sei dei corsi sono trasferibili in crediti universitari. Il programma è attivo nel servire le comunità minoritarie e oltre la metà dei partecipanti proviene da gruppi di popolazione minoritaria. Ulteriori programmi sono sviluppati in collaborazione con consorzi di minoranza, progetti di edilizia popolare e altri fornitori di formazione.

        Il sindacato comprende che gran parte dei suoi futuri membri proverrà da attività legate all'ambiente e vede lo sviluppo di programmi di formazione dei lavoratori come base per tale crescita. Mentre sia la sicurezza che la produttività sono migliori nei lavori che utilizzano lavoratori qualificati, il sindacato vede anche l'impatto più ampio:

        L'impatto più interessante che la formazione ambientale ha avuto sui membri è il loro maggiore rispetto per le sostanze chimiche e nocive sul posto di lavoro ea casa. … Sta aumentando anche la consapevolezza riguardo alle conseguenze del continuo inquinamento e ai costi legati alla bonifica dell'ambiente. … Il vero impatto è molto più grande della semplice preparazione delle persone al lavoro (LIUNA 1995).

        Negli Stati Uniti, tale formazione sui materiali pericolosi è condotta anche dagli ingegneri operativi; Pittori; Carpentieri; Lavoratori petroliferi, chimici e atomici; Sindacato dei lavoratori del settore chimico; macchinisti; Teamster; Lavoratori siderurgici e siderurgici.

        LIUNA sta anche lavorando a livello internazionale con la Confederazione messicana dei lavoratori (CTM), gruppi di formazione federali e privati ​​e datori di lavoro per sviluppare metodologie di formazione. L'attenzione si concentra sulla formazione dei lavoratori messicani nei lavori di risanamento ambientale e nelle capacità di costruzione. L'Inter-American Partnership for Environmental Education and Training (IPEET) ha tenuto il suo primo corso di formazione per lavoratori messicani durante l'estate del 1994 a Città del Messico. Un certo numero di leader sindacali e lavoratori delle industrie locali, tra cui la produzione di vernici e la placcatura dei metalli, hanno partecipato al corso di una settimana sulla sicurezza e la salute ambientale. Altre partnership LIUNA sono in fase di sviluppo in Canada con edizioni francesi dei materiali e “canadianizzazione” dei contenuti. L'Istituto europeo per l'educazione e la formazione ambientale è anche un partner per una formazione simile nei paesi dell'Europa orientale e della CSI.

        Zambia: manuale educativo sulla salute e sicurezza sul lavoro

        In Zambia, troppo spesso la salute e la sicurezza sul lavoro sono prese sul serio solo quando si verifica un incidente che comporta lesioni o danni alla proprietà dell'azienda. Anche le questioni ambientali sono ignorate dall'industria. Il Manuale sulla salute e sicurezza sul lavoro è stato scritto nel tentativo di educare dipendenti e datori di lavoro sull'importanza delle questioni di salute e sicurezza sul lavoro.

        Il primo capitolo di questo manuale delinea l'importanza dell'istruzione a tutti i livelli in un'azienda. I supervisori sono tenuti a comprendere il proprio ruolo nella creazione di condizioni di lavoro sane e sicure. Ai lavoratori viene insegnato come il mantenimento di un atteggiamento positivo e collaborativo sia correlato alla propria sicurezza e all'ambiente di lavoro.

        Il manuale affronta specificamente le questioni ambientali, osservando che tutte le principali città dello Zambia devono affrontare

        minaccia di un crescente danno ambientale. Nello specifico, il Congresso dei sindacati dello Zambia (ZCTU) ha identificato i rischi ambientali nell'industria mineraria attraverso l'estrazione mineraria e l'inquinamento dell'aria e dell'acqua che derivano da cattive pratiche. Molte fabbriche sono responsabili dell'inquinamento dell'aria e dell'acqua perché scaricano i loro rifiuti direttamente nei corsi d'acqua e nei fiumi vicini e consentono al fumo e ai fumi di fuoriuscire incontrollati nell'atmosfera (ZCTU 1994).

        Sebbene molti sindacati africani siano interessati a un'ulteriore educazione sull'ambiente, la mancanza di finanziamenti adeguati per l'educazione dei lavoratori e la necessità di materiali che colleghino i rischi ambientali, comunitari e sul posto di lavoro sono i principali ostacoli.

        Educazione e formazione ambientale dei lavoratori basati sul datore di lavoro

        I datori di lavoro, soprattutto quelli più grandi, svolgono ampie attività di educazione ambientale. In molti casi si tratta di formazione obbligatoria collegata a requisiti di sicurezza sul lavoro o ambientale. Tuttavia, un numero crescente di aziende riconosce il potere di un'ampia formazione dei lavoratori che va ben oltre la formazione sulla conformità. Le società del gruppo Royal Dutch/Shell hanno reso la salute, la sicurezza e l'ambiente (HSE) parte del loro approccio generale alla formazione e l'ambiente è parte integrante di tutte le decisioni di gestione (Bright e van Lamsweerde 1995). Questa è una pratica e un mandato globale. Uno degli obiettivi dell'azienda è definire le competenze HSE per i lavori appropriati. La competenza dei lavoratori si sviluppa attraverso una maggiore consapevolezza, conoscenza e abilità. Una formazione adeguata aumenterà la consapevolezza e la conoscenza dei lavoratori e le competenze si svilupperanno con l'applicazione delle nuove conoscenze. Un'ampia gamma di tecniche di consegna aiuta a condividere e rafforzare il messaggio ambientale e l'apprendimento.

        Alla Duquesne Light negli Stati Uniti, tutti i 3,900 dipendenti sono stati formati con successo "su come l'azienda e i suoi dipendenti influiscono effettivamente sull'ambiente". William DeLeo, vicepresidente degli affari ambientali, ha dichiarato:

        Per sviluppare un programma di formazione che ci consentisse di raggiungere gli obiettivi strategici, abbiamo stabilito che i nostri dipendenti necessitavano di una consapevolezza generale dell'importanza della protezione ambientale, nonché di una formazione tecnica specifica relativa alle loro responsabilità lavorative. Questi due punti sono diventati la strategia guida per il nostro programma di educazione ambientale (Cavanaugh 1994).

        Programmi di educazione ambientale basati sui lavoratori e sui sindacati

        Il ramo dell'istruzione dei lavoratori dell'ILO ha sviluppato una serie di sei opuscoli di materiale di base per stimolare la discussione tra sindacalisti e altri. Gli opuscoli trattano i lavoratori e l'ambiente, il posto di lavoro e l'ambiente, la comunità e l'ambiente, le questioni ambientali mondiali, il nuovo programma di contrattazione e forniscono una guida alle risorse e un glossario dei termini. Forniscono un approccio ampio, perspicace e di facile lettura che può essere utilizzato sia nei paesi in via di sviluppo che in quelli industriali per discutere argomenti rilevanti per i lavoratori. I materiali si basano su progetti specifici in Asia, nei Caraibi e nell'Africa meridionale e possono essere utilizzati come testo intero o possono essere separati in un formato di circolo di studio per promuovere il dialogo generale.

        L'ILO in una revisione dei bisogni formativi ha sottolineato:

        I sindacalisti devono aumentare la loro consapevolezza delle preoccupazioni ambientali in generale e dell'impatto che le loro aziende di lavoro stanno avendo sull'ambiente, compresa la sicurezza e la salute dei loro lavoratori, in particolare. I sindacati ei loro membri devono comprendere le questioni ambientali, le conseguenze che i rischi ambientali hanno sui loro membri e sulla comunità in generale, ed essere in grado di sviluppare soluzioni sostenibili nelle negoziazioni con la direzione aziendale e le organizzazioni dei datori di lavoro. (OIL 1991.)

        La Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro ha osservato:

        I sindacati locali e gli altri rappresentanti dei lavoratori si trovano in una situazione particolarmente difficile. Avranno la conoscenza pertinente della situazione locale e del luogo di lavoro ma, nella maggior parte dei casi, non saranno sufficientemente specializzati in questioni ambientali e strategiche complesse.

        Pertanto, non potranno esercitare le loro funzioni se non ricevendo una formazione aggiuntiva e specializzata. (Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro 1993.)

        Numerosi sindacati nazionali hanno sollecitato una maggiore educazione dei lavoratori sull'ambiente. Tra questi c'è il LO in Svezia, il cui programma ambientale del 1991 richiedeva sia maggiore istruzione e azione sul posto di lavoro sia materiale aggiuntivo per i circoli di studio sull'ambiente per promuovere la consapevolezza e l'apprendimento. Il Manufacturing Workers Union in Australia ha sviluppato un corso di formazione e una serie di materiali per aiutare il sindacato a fornire una leadership ambientale, incluso come affrontare le questioni ambientali attraverso la contrattazione collettiva.

        Sommario

        Una buona educazione ambientale basata sui lavoratori fornisce informazioni sia concettuali che tecniche ai lavoratori che li aiutano ad aumentare la consapevolezza ambientale e ad apprendere modi concreti per cambiare le pratiche di lavoro che sono dannose per l'ambiente. Questi programmi apprendono anche dai lavoratori allo stesso tempo per costruire sulla loro consapevolezza, riflessione e intuizione sulla pratica ambientale sul posto di lavoro.

        L'educazione ambientale sul posto di lavoro viene svolta al meglio quando è collegata alle sfide ambientali globali e della comunità, in modo che i lavoratori abbiano un'idea chiara di come i modi in cui lavorano sono collegati all'ambiente generale e di come possono contribuire a un luogo di lavoro più pulito e all'ecosistema globale.

         

        Di ritorno

        Domenica, Gennaio 23 2011 22: 24

        Sicurezza e Salute Formazione dei Dirigenti

        Dopo una breve rassegna dello sviluppo dei contributi educativi alla salute e sicurezza dei lavoratori e dei primi tentativi di stabilire le basi della formazione manageriale, questo articolo affronterà lo sviluppo del curriculum. I due percorsi di carriera lungo i quali si sviluppano i futuri senior manager saranno considerati come una questione rilevante per i bisogni formativi dei manager. Il contenuto del curriculum per le questioni manageriali sarà esposto per primo, a cui seguirà quello relativo alla comprensione della causalità degli infortuni.

        L'educazione alla sicurezza e alla salute sul lavoro è stata rivolta principalmente a persone come i responsabili della sicurezza e i medici del lavoro e, più recentemente, agli infermieri, agli ergonomi e agli igienisti della salute sul lavoro, persone che sono state nominate a posizioni di personale specializzato nelle organizzazioni.

        I ruoli consultivi di questi specialisti hanno incorporato compiti come la gestione degli esami medici prima dell'assunzione, la sorveglianza sanitaria, il monitoraggio dell'esposizione dei dipendenti a una serie di pericoli e l'esame ambientale. Le loro attività includono inoltre il contributo alla progettazione del lavoro e dell'attività al fine di adeguare i controlli ingegneristici o amministrativi riducendo al minimo se non eliminando (ad esempio) gli effetti dannosi delle richieste posturali o dell'esposizione a pericoli tossici.

        Questo approccio educativo orientato allo specialista tendeva a ignorare il fatto centrale che la fornitura di luoghi di lavoro sicuri e salubri richiede una gamma straordinariamente ampia di conoscenze operative necessarie per renderli una realtà. Va tenuto presente che i dirigenti hanno la responsabilità di pianificare, organizzare e controllare le attività lavorative nelle imprese pubbliche e private in tutti i settori industriali.

        sfondo

        Durante il decennio degli anni '1970 sono state prese molte iniziative per offrire programmi di studio a livello terziario per fornire una formazione professionale con formazione pratica per la gamma di ingegneri specializzati, scienziati e operatori sanitari che entrano nel campo della sicurezza e salute sul lavoro.

        Negli anni '1980 è stato riconosciuto che le persone più direttamente interessate alla sicurezza e salute sul lavoro, i dirigenti, i lavoratori stessi e le loro associazioni, erano le entità più significative nel movimento per ridurre gli infortuni sul lavoro e le malattie. La legislazione in molte giurisdizioni è stata introdotta per fornire istruzione ai lavoratori che prestano servizio nei comitati per la sicurezza o come rappresentanti eletti per la sicurezza e la salute. Questi cambiamenti hanno messo in evidenza per la prima volta le limitate strutture di istruzione e formazione allora disponibili per i dirigenti.

        Una prima iniziativa per affrontare la formazione manageriale

        Sono state prese diverse misure per superare questo problema. Il più noto è il Progetto Minerva, un'iniziativa del National Institute for Occupational Safety and Health (NIOSH) degli Stati Uniti, che ha rappresentato uno sforzo iniziale per inculcare quel corpus di competenze manageriali specifiche necessarie per garantire la sicurezza sul lavoro e che “generalmente supera quella che viene offerto attraverso corsi nel curriculum aziendale tradizionale” (NIOSH 1985). Per le business school sono stati forniti materiali didattici destinati ad affrontare i problemi più urgenti di sicurezza e salute. La guida alle risorse comprendeva moduli didattici, studi di casi e un libro di letture. Gli argomenti del modulo sono elencati nella figura 1.

        Figura 1. Contenuto del curriculum modulare, guida alle risorse del Progetto Minerva.

        EDU050T1

        La Canadian Society of Safety Engineers ha raccomandato questa struttura alle business school che cercano di incorporare materiali sulla sicurezza e la salute sul lavoro nei loro programmi di studio.

        Fondamenti della gestione: esigenze generali piuttosto che specifiche

        Qualsiasi responsabilità lavorativa comporta l'acquisizione di conoscenze pertinenti e competenze adeguate per assolverla. La responsabilità della gestione della sicurezza e della salute sul lavoro all'interno di qualsiasi organizzazione sarà affidata sempre più ai dirigenti di linea a ogni livello nella gerarchia del lavoro. Associata a tale responsabilità dovrebbe essere la responsabilità commisurata e l'autorità di comandare le risorse necessarie. Le conoscenze e le competenze necessarie per assolvere a questa responsabilità costituiscono il curriculum per l'educazione alla gestione della sicurezza e della salute sul lavoro.

        A prima vista, sembrerebbe necessario sviluppare un curriculum di questo tipo con l'obiettivo di soddisfare tutte le esigenze speciali dell'intera gamma di funzioni dirigenziali in relazione a una tale diversità di posizioni come amministratore di ufficio, capo infermiere, direttore operativo , sovrintendente alle forniture e agli acquisti, coordinatore della flotta e persino capitano della nave. I curricula devono anche, forse, affrontare l'intera gamma di industrie e le occupazioni che si trovano al loro interno. Tuttavia, l'esperienza suggerisce fortemente che non è così. Le competenze e le conoscenze necessarie sono, infatti, comuni a tutte le funzioni dirigenziali e sono più fondamentali di quelle degli specialisti. Sono operativi a livello di competenza manageriale di base. Tuttavia, non tutti i manager arrivano alla loro posizione di responsabilità seguendo percorsi simili.

        Percorsi di carriera manageriale

        Il solito percorso verso una carriera manageriale è attraverso funzioni di supervisione o specialistiche. Nel primo caso, lo sviluppo della carriera dipende dall'esperienza lavorativa e dalla conoscenza del lavoro e nel secondo presuppone normalmente un'istruzione universitaria fuori dal lavoro e uno studio post-laurea, ad esempio come ingegnere o infermiere dirigente. Entrambi i flussi devono sviluppare competenze in materia di sicurezza e salute sul lavoro (SSL). Per quest'ultimo questo può essere fatto nella scuola di specializzazione.

        Oggi è normale che i manager di successo acquisiscano il titolo di Master of Business Administration (MBA). Per questo motivo il Progetto Minerva ha rivolto la sua attenzione alle 600 o più scuole di management laureate negli Stati Uniti. Incorporando nei curricula MBA quegli aspetti della sicurezza e della salute sul lavoro ritenuti fondamentali per una gestione di successo del settore, si riteneva che questo materiale sarebbe stato integrato negli studi formali del middle management.

        Dato il tasso estremamente elevato di invenzioni tecnologiche e scoperte scientifiche, i corsi universitari, in particolare nelle discipline ingegneristiche e scientifiche, hanno solo limitate opportunità di integrare la teoria e la pratica della sicurezza su base ampia negli studi di progettazione, processo e funzionamento.

        Poiché i ruoli manageriali iniziano abbastanza presto dopo la laurea per coloro che hanno una formazione specialistica, è necessario fornire le conoscenze e le competenze che sosterranno la responsabilità in materia di sicurezza e salute sia dei dirigenti specialisti che di quelli generalisti.

        È importante che la consapevolezza del contenuto di qualsiasi curriculum dedicato agli obiettivi di sicurezza e salute sul lavoro tra la dirigenza sia promossa tra il resto del personale con responsabilità correlate. Pertanto, la formazione di tali dipendenti chiave come i rappresentanti della sicurezza e della salute dovrebbe essere progettata per tenerli aggiornati con tali sviluppi curriculari.

        Curriculum per la gestione della sicurezza e salute sul lavoro

        Due sono le grandi classi di conoscenza in cui ricade la disciplina della sicurezza e salute sul lavoro. Uno è quello relativo alle funzioni e ai principi della gestione e l'altro riguarda la natura e il controllo proattivo dei pericoli. Il modello di sviluppo del curriculum esposto di seguito seguirà questa divisione. Sia il percorso da supervisore a gestionale che il percorso specialistico richiederanno la propria particolare copertura di ciascuna di queste classi.

        La questione di quale livello di complessità e di dettaglio tecnologico debba essere fornito agli studenti può essere determinata dallo scopo del corso, dalla sua durata e dall'intenzione degli erogatori riguardo al successivo sviluppo dell'istruzione e delle competenze. Questi problemi saranno affrontati in una sezione successiva.

        In particolare, i curricula dovrebbero trattare la sicurezza dei macchinari e degli impianti, il rumore, le radiazioni, le polveri, i materiali tossici, gli incendi, le procedure di emergenza, le disposizioni mediche e di primo soccorso, il monitoraggio del posto di lavoro e dei dipendenti, l'ergonomia, l'igiene ambientale, la progettazione e la manutenzione del posto di lavoro e, soprattutto, la sviluppo di procedure operative standard e formazione. Quest'ultima è una componente essenziale della comprensione manageriale. Non solo compiti e processi devono essere oggetto di formazione degli operatori, ma l'esigenza di miglioramento continuo delle persone e dei processi rende la formazione e la riqualificazione la fase più critica per migliorare la qualità di entrambi. La teoria e la pratica dell'apprendimento degli adulti devono essere applicate nello sviluppo dei materiali curriculari che guidano questo processo di formazione continua.

        Le funzioni ei principi della gestione

        Gli scopi fondamentali della gestione abbracciano la pianificazione, l'organizzazione e il controllo delle attività sul posto di lavoro. Abbracciano anche l'incorporazione di pratiche che massimizzano le opportunità di partecipazione della forza lavoro nella definizione degli obiettivi, nel funzionamento del team e nel miglioramento della qualità. Inoltre, una gestione di successo richiede l'integrazione della sicurezza e della salute sul lavoro in tutte le attività dell'organizzazione.

        È raro che i programmi universitari, al di fuori di quelli dei college aziendali, coprano una qualsiasi di queste conoscenze. Tuttavia, è una componente essenziale per i professionisti specializzati da incorporare nel loro studio universitario.

        Quadro organizzativo

        La dichiarazione di intenti, il piano strategico e la struttura istituiti per guidare e facilitare il raggiungimento degli obiettivi dell'organizzazione devono essere compresi dai dirigenti come la base per le loro attività individuali. Ogni divisione dell'organizzazione, che si tratti di un ospedale, di un'azienda di autotrasporti o di una miniera di carbone, avrà a sua volta i propri obiettivi e la propria struttura. Ciascuno rifletterà la necessità di raggiungere gli obiettivi organizzativi e, presi insieme, guideranno l'organizzazione verso di essi.

        Politiche e procedure

        L'incarnazione primaria degli obiettivi di un'organizzazione è costituita dai documenti politici, le guide per i singoli dipendenti su argomenti specifici. (In alcune giurisdizioni, la pubblicazione della politica generale di un'organizzazione è richiesta dalla legge.) Questi documenti dovrebbero includere riferimenti alla gamma di programmi di sicurezza e salute sul lavoro progettati in relazione alle attività e ai processi che occupano l'orario di lavoro dei dipendenti. Un campione di alcune dichiarazioni di politica generale potrebbe includere documenti sull'evacuazione di emergenza, lotta antincendio, procedure di acquisto, segnalazione di infortuni e indagini su incidenti e inconvenienti. D'altro canto, i pericoli specifici richiederanno i propri materiali politici specifici per il processo riguardanti, ad esempio, la gestione delle sostanze pericolose, gli interventi ergonomici o l'ingresso in spazi confinati.

        Dopo aver stabilito la politica, attività svolta preferibilmente con la partecipazione delle rappresentanze dei lavoratori e il coinvolgimento dei sindacati, sarebbero poi messe in atto procedure dettagliate per darle attuazione. Ancora una volta, le pratiche partecipative contribuiranno a farle accettare con tutto il cuore dalla forza lavoro come un prezioso contributo alla loro sicurezza e salute.

        Un sistema di gestione della sicurezza e della salute è schematicamente illustrato in figura 2.

        Figura 2. Un sistema di gestione della salute e sicurezza.

        EDU050F1

        Strutture organizzative che definiscono i ruoli chiave

        La fase successiva del processo di gestione è quella di definire una struttura organizzativa che caratterizzi i ruoli delle persone chiave - ad esempio, l'amministratore delegato - e dei consulenti professionali come i consulenti per la sicurezza, gli igienisti del lavoro, l'infermiere di medicina del lavoro, il medico e l'ergonomo. Per facilitare i loro ruoli, i rapporti di queste persone e dei rappresentanti eletti per la sicurezza e la salute (richiesti in alcune giurisdizioni) e dei membri dei lavoratori dei comitati per la sicurezza con la struttura organizzativa devono essere espliciti.

        Le funzioni di pianificazione e organizzazione del management integreranno strutture, politiche e procedure nelle attività operative dell'impresa.

        Control

        Le attività di controllo - stabilire processi e obiettivi, determinare standard di raggiungimento accettabile e misurare le prestazioni rispetto a tali standard - sono le fasi operative che portano alla realizzazione delle intenzioni del piano strategico. Devono anche essere stabiliti attraverso la co-determinazione. Gli strumenti di controllo sono gli audit sul posto di lavoro, che possono essere continui, frequenti, casuali o formali.

        La comprensione di queste attività è una componente importante di un programma di educazione manageriale e le competenze dovrebbero essere sviluppate nel portarle a termine. Tali competenze sono essenziali per il successo di un piano integrato di sicurezza e salute così come lo sono per l'adempimento di qualsiasi altra funzione gestionale, che si tratti di acquisti o gestione della flotta.

        Sviluppo organizzativo e curriculum

        Poiché l'introduzione di nuove strutture organizzative, nuove attrezzature e nuovi materiali sta avvenendo a un ritmo rapido, occorre prestare particolare attenzione ai processi di cambiamento. I dipendenti che saranno interessati da questi cambiamenti possono avere un'influenza decisiva sulla loro efficacia e sull'efficienza del gruppo di lavoro. Deve essere acquisita una comprensione dei fattori psicosociali che influenzano le attività dell'organizzazione e devono essere sviluppate abilità nell'utilizzare questa conoscenza per raggiungere gli obiettivi organizzativi. Di particolare importanza è la delega dell'autorità e la responsabilità del dirigente a gruppi di lavoro formati in squadre di lavoro autonome o semiautonome. Il curriculum di formazione manageriale deve mettere a disposizione dei suoi studenti gli strumenti necessari per adempiere al loro obbligo di garantire non solo il miglioramento e la qualità dei processi, ma lo sviluppo delle molteplici competenze e la consapevolezza della qualità del personale con cui il tema della sicurezza è così strettamente coinvolto .

        Ci sono due ulteriori componenti del curriculum di gestione che richiedono un esame. Uno di questi è l'attività di indagine sugli incidenti e l'altro, su cui si basa tutta questa attività, è la comprensione del fenomeno degli incidenti.

        Il fenomeno dell'incidente

        Il lavoro di Derek Viner (1991) nell'esporre chiaramente il significato delle fonti energetiche come potenziali pericoli in tutti i luoghi di lavoro ha definito metà dell'equazione degli incidenti. In concomitanza con il lavoro di Viner, il contributo del Dr. Eric Wigglesworth (1972) nell'individuazione dell'errore umano, elemento cruciale nella gestione delle attività di sicurezza sul lavoro, ne completa la definizione. Un accento sul processi di ogni evento dannoso è stato dimostrato da Benner (1985) quando considera i metodi di indagine sugli incidenti come l'approccio più produttivo alla gestione della sicurezza e della salute dei lavoratori.

        La visualizzazione di Wigglesworth della sequenza di eventi che si traduce in lesioni, danni e perdite appare nella figura 3. Evidenzia il ruolo dell'errore umano non colpevole, nonché l'elemento essenziale della perdita di contenimento dell'energia e il potenziale per l'esito dell'infortunio in cui ciò si verifica .

        Figura 3. Il processo di errore/lesione.

        EDU050F2

        Le implicazioni del modello per la gestione diventano chiare quando la pianificazione dei processi di lavoro tiene conto degli input comportamentali che influenzano tali processi. Questo è vero in particolare quando al ruolo del design viene assegnato il suo giusto posto come meccanismo di avvio sia per lo sviluppo delle apparecchiature che del processo. Quando la pianificazione tiene conto sia della progettazione degli impianti e delle attrezzature sia dei fattori umani che influenzano l'attività lavorativa, possono essere attuati meccanismi di coordinamento e controllo per assicurare il contenimento dei pericoli individuati.

        Un modello può essere utilizzato per illustrare il significato dell'interazione tra il lavoratore, le attrezzature, gli strumenti e le macchine impiegate per promuovere gli obiettivi del compito e l'ambiente in cui si svolge l'attività. Il modello evidenzia la necessità di affrontare i fattori all'interno di tutti e tre gli elementi che possono contribuire a eventi dannosi. All'interno dell'ambiente della postazione di lavoro, che comprende i componenti termici, acustici e di illuminazione, tra gli altri, il lavoratore interagisce con gli strumenti e le attrezzature necessarie per svolgere il lavoro (vedere figura 4).

        Figura 4. Rappresentazione degli elementi della postazione di lavoro rilevanti per la causazione e il controllo degli infortuni.

        EDU050F3

        Investigazioni e analisi sugli incidenti

        Le indagini sugli incidenti svolgono una serie di importanti funzioni. In primo luogo, può essere un processo proattivo, utilizzato in situazioni in cui si verifica un incidente che non provoca danni o lesioni, ma in cui esiste un potenziale danno. Lo studio della sequenza degli eventi può portare alla luce caratteristiche del processo lavorativo che potrebbero portare a conseguenze più gravi. In secondo luogo, si può acquisire una comprensione del processo mediante il quale gli eventi si sono svolti e quindi identificare l'assenza o la debolezza di processi o compiti, formazione, supervisione o controlli sulle fonti di energia. In terzo luogo, molte giurisdizioni richiedono legalmente indagini su determinati tipi di incidenti, ad esempio, crolli di impalcature e trincee, folgorazioni e guasti alle apparecchiature di sollevamento. Il lavoro di Benner (1985) illustra bene l'importanza di avere una chiara comprensione del fenomeno degli incidenti e un protocollo efficace per indagare sugli eventi di infortunio e danno.

        La natura e il controllo dei pericoli

        Tutte le lesioni derivano da una qualche forma di scambio di energia. Il rilascio incontrollato di energia fisica, chimica, biologica, termica o di altro tipo è una fonte di potenziale danno per una varietà di lavoratori. Il contenimento mediante adeguati meccanismi ingegneristici e amministrativi è un aspetto essenziale di un adeguato controllo. Identificare e valutare queste fonti di energia è un prerequisito per il controllo.

        Un curriculum di formazione manageriale conterrebbe quindi argomenti che coprono una serie di attività che includono la definizione di obiettivi, la pianificazione del lavoro, lo sviluppo di politiche e procedure, l'adozione di cambiamenti organizzativi e l'installazione di controlli sui processi di lavoro (e in particolare sulle fonti di energia utilizzate nello svolgimento di tale lavoro), il tutto finalizzato alla prevenzione degli infortuni. Mentre i curricula progettati per le aree tecniche delle operazioni devono affrontare solo i principi fondamentali, le organizzazioni che fanno uso di materiali o processi molto pericolosi devono avere al loro impiego un dirigente senior con una formazione sufficiente nelle modalità specifiche di manipolazione, stoccaggio e trasporto di tali tecnologia per garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori e dei membri della comunità.

        Grandi imprese e piccole imprese

        I manager che lavorano in organizzazioni più grandi che impiegano, diciamo, un centinaio o più di persone, di solito hanno una o solo poche responsabilità funzionali e riferiscono a un senior manager oa un consiglio di amministrazione. Hanno la responsabilità della sicurezza e della salute sul lavoro per i propri subordinati e agiscono secondo le linee guida stabilite. Le loro esigenze educative possono essere soddisfatte dai programmi formali offerti nelle business school a livello universitario o post-laurea.

        D'altra parte, è meno probabile che i dirigenti unici o i soci delle piccole imprese abbiano avuto un'istruzione universitaria e, se l'hanno, è più probabile che sia di tipo tecnologico piuttosto che manageriale, ed è più difficile soddisfare le loro esigenze per la gestione della salute e sicurezza sul lavoro.

        Piccole esigenze aziendali

        Fornire programmi di formazione per questi dirigenti, che spesso lavorano molto a lungo, ha rappresentato una difficoltà di lunga data. Sebbene un certo numero di grandi giurisdizioni legislative abbia prodotto opuscoli di orientamento che stabiliscono livelli minimi di prestazioni, gli approcci più promettenti vengono resi disponibili attraverso le associazioni di settore, come le Associazioni per la prevenzione degli incidenti industriali dell'Ontario finanziate da prelievi imposti dal Consiglio di compensazione dei lavoratori su tutte le imprese nel dato settore industriale.

        Contenuto del programma

        Un corpus di conoscenze e competenze che risponde alle esigenze dei dirigenti a livello di supervisione di prima linea, quadri intermedi e alti dirigenti è delineato nella figura 5 per argomento. Nella figura 6 seguono i singoli programmi di studio in forma abbreviata. Questi sono stati raccolti dai programmi di un certo numero di programmi di studio universitari.

        Figura 5. Programma di studio per un programma di studio sulla SSL.

        EDU050T2

        Figura 6. Sillabi in forma sintetica per un programma di studio sulla SSL.

        EDU050T3

        Le esigenze dei supervisori di prima linea saranno soddisfatte attraverso l'acquisizione di conoscenze e competenze coperte da quegli argomenti che riguardano le esigenze operative. La formazione degli alti dirigenti si concentrerà su argomenti quali pianificazione strategica, gestione del rischio e questioni di conformità, nonché sull'avvio di proposte politiche. L'assegnazione delle ore per ogni corso di studio dovrebbe riflettere le esigenze degli studenti.

        Sommario

        La formazione manageriale per la sicurezza e la salute sul lavoro richiede un approccio eclettico alla più ampia gamma di problemi. Condivide con la qualità l'imperativo di essere integrato in ogni attività dirigenziale e lavorativa, nella descrizione del lavoro di ogni dipendente e dovrebbe far parte della valutazione delle prestazioni di tutti.

         

        Di ritorno

        Categorie di professionisti della sicurezza e salute sul lavoro che richiedono Formazione e Istruzione

        La fornitura di servizi di sicurezza e salute sul lavoro richiede un team altamente qualificato e multidisciplinare. In alcuni paesi meno sviluppati, tale squadra potrebbe non esistere, ma nella stragrande maggioranza dei paesi del mondo, gli esperti in diversi aspetti della SSL sono generalmente almeno disponibili, anche se non necessariamente in numero sufficiente.

        La questione di chi appartenga alle categorie di professionisti della SSL è controversa. Di solito non c'è dubbio che i medici del lavoro, gli infermieri del lavoro, gli igienisti del lavoro ei professionisti della sicurezza (a volte indicati come professionisti della sicurezza) siano professionisti della SSL. Tuttavia, ci sono anche membri di molte altre discipline che possono rivendicare in modo plausibile l'appartenenza alle professioni in materia di SSL. Includono quegli ergonomi, tossicologi, psicologi e altri che si specializzano negli aspetti occupazionali delle loro materie. Ai fini del presente articolo, tuttavia, la formazione di questi ultimi tipi di personale non verrà discussa, in quanto l'obiettivo principale della loro formazione spesso non è la SSL.

        Prospettiva storica

        Nella maggior parte dei paesi, la formazione specifica in materia di SSL è di origine abbastanza recente. Fino alla seconda guerra mondiale, la maggior parte dei professionisti della SSL riceveva poca o nessuna formazione formale nella professione scelta. Poche scuole di sanità pubblica o università hanno offerto corsi formali in materia di SSL, anche se alcuni di questi istituti hanno offerto la SSL come materia nel contesto di un corso di laurea più ampio, di solito in sanità pubblica. Segmenti di SSL sono stati insegnati a livello post-laurea per la formazione dei medici in discipline come la dermatologia o la medicina respiratoria. Alcuni aspetti ingegneristici della sicurezza, come la protezione delle macchine, venivano insegnati nelle scuole tecnologiche e di ingegneria. Nella maggior parte dei paesi, anche la formazione nelle singole componenti dei corsi di igiene del lavoro era difficile da trovare prima della seconda guerra mondiale. Lo sviluppo della formazione infermieristica occupazionale è ancora più recente.

        Nei paesi sviluppati, la formazione in materia di SSL ha ricevuto un impulso durante la seconda guerra mondiale, proprio come i servizi di SSL. La mobilitazione di massa di intere nazioni per lo sforzo bellico ha portato a una maggiore enfasi sulla protezione della salute dei lavoratori (e quindi della loro capacità di combattimento o produttività rispetto alla produzione di più munizioni, aerei da guerra, carri armati e navi da guerra). Allo stesso tempo, tuttavia, le condizioni del tempo di guerra e l'arruolamento nelle forze armate sia di docenti universitari che di studenti hanno reso estremamente difficile l'organizzazione di corsi formali di formazione in materia di SSL. Dopo la seconda guerra mondiale, tuttavia, molti di questi corsi furono istituiti, alcuni con l'aiuto delle generose borse di studio per militari smobilitati concesse da governi riconoscenti.

        Dopo la seconda guerra mondiale, la maggior parte delle colonie degli imperi europei raggiunse l'indipendenza e intraprese la via dell'industrializzazione in misura maggiore o minore come mezzo per lo sviluppo nazionale. In poco tempo, tali paesi in via di sviluppo si trovarono ad affrontare i mali della rivoluzione industriale dell'Europa del diciannovesimo secolo, ma in un lasso di tempo molto ridotto e su una scala senza precedenti. Gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali e l'inquinamento ambientale sono diventati dilaganti. Ciò ha portato allo sviluppo della formazione in materia di SSL, sebbene ancora oggi vi siano grandi variazioni nella disponibilità di tale formazione in questi paesi.

        Rassegna delle attuali iniziative internazionali

        Organizzazione internazionale del lavoro (OIL)

        Ci sono state diverse iniziative dell'ILO negli ultimi anni che riguardano la formazione in materia di SSL. Molti di essi riguardano la formazione pratica per gli interventi in cantiere. Alcune altre iniziative sono realizzate in collaborazione con i governi nazionali (Rantanen e Lehtinen 1991).

        Altre attività dell'ILO dagli anni '1970 sono state svolte in gran parte nei paesi in via di sviluppo di tutto il mondo. Molte di queste attività riguardano l'aggiornamento della formazione degli ispettori di fabbrica in paesi come l'Indonesia, il Kenya, le Filippine, la Tanzania, la Tailandia e lo Zimbabwe.

        L'ILO, insieme ad altre agenzie delle Nazioni Unite come il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, ha anche contribuito alla creazione o al potenziamento di istituti nazionali di SSL, le cui funzioni di formazione sono solitamente tra le loro massime priorità.

        L'ILO ha anche prodotto diverse monografie pratiche che sono molto utili come materiale di formazione per i corsi di SSL (Kogi, Phoon e Thurman 1989).

        Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)

        L'OMS ha tenuto negli ultimi anni una serie di importanti conferenze e seminari internazionali e regionali sulla formazione in materia di SSL. Nel 1981, sotto gli auspici dell'Ufficio regionale per l'Europa dell'OMS, si tenne una conferenza intitolata "Formazione del personale di medicina del lavoro". Nello stesso anno, l'OMS ha convocato con l'ILO un Comitato congiunto ILO/OMS sulla salute sul lavoro che si è concentrato su “educazione e formazione in materia di salute, sicurezza ed ergonomia sul lavoro” (WHO 1981). Tale incontro ha valutato le esigenze di istruzione e formazione a diversi livelli, ha sviluppato politiche in materia di istruzione e formazione e ha fornito consigli sulla metodologia e sui programmi per l'istruzione e la formazione (WHO 1988).

        Nel 1988 un gruppo di studio dell'OMS ha pubblicato un rapporto intitolato Formazione e istruzione in medicina del lavoro affrontare in particolare le nuove politiche sulle strategie di assistenza sanitaria primaria adottate dagli Stati membri dell'OMS, le nuove esigenze risultanti dagli sviluppi tecnologici ei nuovi approcci alla promozione della salute sul lavoro (WHO 1988).

        Commissione internazionale per la salute sul lavoro (ICOH)

        Nel 1985, l'ICOH ha istituito un comitato scientifico per l'istruzione e la formazione in medicina del lavoro. Questo Comitato ha organizzato quattro conferenze internazionali e mini-simposi sull'argomento nell'ambito dei Congressi internazionali sulla salute sul lavoro (ICOH 1987). Tra le conclusioni della seconda conferenza, la necessità di sviluppare strategie di formazione e metodologie di formazione ha ricevuto una menzione di rilievo nell'elenco delle questioni prioritarie (ICOH 1989).

        Una caratteristica principale della terza conferenza è stata la metodologia della formazione in materia di SSL, comprese funzioni come l'apprendimento attraverso la partecipazione, l'apprendimento basato sui problemi e la valutazione dei corsi, dell'insegnamento e degli studenti (ICOH 1991).

        Iniziative regionali

        In diverse parti del mondo, enti regionali hanno organizzato attività di formazione in materia di SSL. Ad esempio, l'Asian Association of Occupational Health, fondata nel 1954, ha un comitato tecnico per l'educazione alla salute sul lavoro che conduce indagini sulla formazione degli studenti di medicina e materie correlate.

        Tipi di programmi professionali

        Corsi di laurea e programmi simili

        Probabilmente il prototipo di corsi di laurea e simili è del tipo che è stato sviluppato nelle scuole di sanità pubblica o istituti equivalenti. L'istruzione superiore per la sanità pubblica è uno sviluppo relativamente recente. Negli Stati Uniti, la prima scuola dedicata a questo scopo fu fondata nel 1916 come Institute of Hygiene presso la Johns Hopkins University. A quel tempo, le principali preoccupazioni di salute pubblica erano incentrate sulle malattie trasmissibili. Con il passare del tempo, l'educazione sulla prevenzione e il controllo dei pericoli causati dall'uomo e sulla salute occupazionale ha ricevuto un'enfasi crescente nei programmi di formazione delle scuole di sanità pubblica (Sheps 1976).

        Le scuole di sanità pubblica offrono corsi di SSL per un diploma post-laurea o per il titolo di Master in sanità pubblica, consentendo agli studenti di concentrarsi sulla salute sul lavoro. Solitamente i requisiti di accesso prevedono il possesso di un titolo di studio terziario. Alcune scuole insistono anche su un'importante esperienza precedente in materia di SSL. La durata della formazione a tempo pieno è solitamente di un anno per il diploma e di due anni per il Master.

        Alcune delle scuole formano insieme i diversi membri del personale in materia di SSL in corsi di base, mentre la formazione nelle specifiche discipline in materia di SSL (ad es. medicina del lavoro, igiene o infermieristica) viene offerta agli studenti specializzati in queste aree. Questa formazione comune è probabilmente un grande vantaggio, in quanto i tirocinanti delle diverse discipline in materia di SSL potrebbero sviluppare una maggiore comprensione delle reciproche funzioni e una migliore esperienza di lavoro di squadra.

        Soprattutto negli ultimi anni, le scuole di medicina, infermieristica e ingegneria hanno offerto corsi simili a quelli delle scuole di sanità pubblica.

        Alcune università offrono corsi di SSL di livello base o universitario. A differenza dei tradizionali corsi terziari in materia di SSL, la cui ammissione è solitamente subordinata all'acquisizione di un precedente titolo di studio, questi nuovi corsi ammettono studenti che hanno appena conseguito il diploma di scuola superiore. Molte polemiche circondano ancora i meriti di questo sviluppo. I fautori di tali corsi sostengono che producono più professionisti della SSL in meno tempo ea costi inferiori. I loro oppositori sostengono che i professionisti della SSL sono più efficaci se costruiscono la loro formazione in materia di SSL su una disciplina di base in cui integrano la loro pratica speciale di SSL, come la medicina del lavoro o l'assistenza infermieristica. La conoscenza delle scienze di base può essere acquisita a livello di specializzazione se non è stata insegnata nell'ambito della formazione universitaria.

        I corsi di formazione in materia di SSL per i medici variano nella loro componente clinica. La già citata conferenza sulla formazione del personale di medicina del lavoro organizzata dall'OMS/Ufficio regionale per l'Europa ha sottolineato che “la medicina del lavoro è fondamentalmente una competenza clinica ei suoi operatori devono essere pienamente competenti in medicina clinica”. Va inoltre sottolineato che la diagnosi di intossicazione chimica tra i lavoratori è in gran parte clinica, così come la differenziazione tra “malattia professionale” e altre malattie e la loro gestione (Phoon 1986). È diventata, quindi, una tendenza mondiale quella di insistere sugli incarichi in diverse cliniche come parte della formazione del medico del lavoro. Negli Stati Uniti e in Canada, ad esempio, i tirocinanti seguono un programma di residenza quadriennale che include una componente clinica sostanziale in materie come dermatologia e medicina respiratoria oltre al curriculum richiesto per il grado di Master of Public Health o equivalente.

        La formazione formale degli infermieri del lavoro probabilmente varia ancora di più nelle diverse parti del mondo rispetto a quella dei medici del lavoro. Queste differenze dipendono dalle variazioni delle responsabilità e delle funzioni degli infermieri occupazionali. Alcuni paesi definiscono l'infermieristica per la salute sul lavoro come “l'applicazione dei principi infermieristici nella conservazione della salute dei lavoratori in tutte le professioni. Implica la prevenzione, il riconoscimento e il trattamento di malattie e lesioni e richiede competenze e conoscenze speciali nei campi dell'educazione sanitaria e della consulenza, della salute ambientale, della riabilitazione e delle relazioni umane” (Kono e Nishida 1991). infermieristica occupazionale come ruolo dell'infermiere in un team interdisciplinare di salute sul lavoro, che dovrebbe partecipare a tutti i campi della gestione sanitaria generale, fornitura di servizi sanitari, controllo ambientale, procedure di lavoro sane e sicure ed educazione alla SSL. Un'indagine in Giappone ha mostrato, tuttavia, che non tutti i diplomati di uno staff infermieristico occupazionale hanno preso parte a tutte queste attività. Ciò era probabilmente dovuto a una mancanza di comprensione del ruolo dell'infermiere nella SSL ea una formazione inadeguata in alcuni campi (Kono e Nishida 1991).

        La disciplina dell'igiene del lavoro è stata definita dall'American Industrial Hygiene Association come la scienza e l'arte dedicate al riconoscimento, alla valutazione e al controllo di quei fattori ambientali e di stress, derivanti nel o dal posto di lavoro, che possono causare malattie, danni alla salute e benessere -esistenza, ovvero di disagio e disservizi significativi tra i lavoratori o tra i cittadini della collettività. È emersa anche una formazione specialistica nel campo generale dell'igiene del lavoro, compresa quella in chimica, ingegneria, rumore, radiazioni, inquinamento atmosferico e tossicologia.

        Curricula per il personale addetto alla sicurezza e salute sul lavoro

        Nelle pagine seguenti verranno rappresentati i contenuti di dettaglio dei curricula per la formazione di medici del lavoro, infermieri, igienisti e personale addetto alla sicurezza, come raccomandato dal Comitato Congiunto ILO/OMS del 1981 per la Salute sul Lavoro sopra citato. Per quanto riguarda le principali aree disciplinari da insegnare, il Comitato raccomanda:

        • organizzazione dei servizi di sicurezza e salute sul lavoro, loro attività, legislazione e regolamenti
        • medicina del lavoro
        • igiene del lavoro
        • sicurezza sul lavoro
        • fisiologia ed ergonomia del lavoro, occupandosi in particolare dell'adattamento del lavoro all'uomo, ma anche del riadattamento al lavoro dei portatori di handicap
        • psicologia del lavoro, sociologia ed educazione sanitaria.

         

        Secondo il profilo del personale, i programmi educativi andranno ad approfondire più o meno le diverse materie per soddisfare le esigenze delle rispettive professioni, come discusso di seguito per diverse categorie.

        È difficile commentare in dettaglio cosa dovrebbe essere inserito nei curricula dei corsi di SSL. È generalmente accettato che tali corsi dovrebbero avere un maggiore input di scienze comportamentali di quanto non sia ora, ma tale input dovrebbe essere rilevante per l'ambiente socioculturale di un particolare paese o regione per cui un corso è progettato. Inoltre, la SSL non dovrebbe essere insegnata separatamente dai servizi sanitari generali e dalla situazione sanitaria della comunità in un dato paese o regione. I fondamenti della scienza gestionale dovrebbero essere inclusi nei programmi di studio in materia di SSL per migliorare la comprensione delle strutture organizzative e delle pratiche nelle imprese nonché per potenziare le capacità amministrative dei professionisti della SSL. Anche l'arte della comunicazione e la capacità di condurre un'indagine scientifica sui problemi di SSL e di formulare soluzioni sono state raccomandate per l'inclusione in tutti i curricula di SSL (Phoon 1985b).

        Medici e infermieri

        A tutti gli studenti di medicina dovrebbe essere insegnata un po' di salute sul lavoro. In alcuni paesi ci sono corsi separati; in altri, la salute sul lavoro è trattata in corsi come fisiologia, farmacologia e tossicologia, sanità pubblica, medicina sociale e medicina interna. Tuttavia, gli studenti di medicina, di norma, non acquisiscono conoscenze e competenze sufficienti per consentire loro di praticare la medicina del lavoro in modo indipendente ed è necessaria una formazione post-laurea in salute e sicurezza sul lavoro. Per un'ulteriore specializzazione in medicina del lavoro (ad es. malattie professionali o campi ancora più ristretti, come la neurologia o la dermatologia del lavoro), dovrebbero essere disponibili programmi di formazione post-laurea. Per gli infermieri attivi nei servizi di medicina del lavoro, devono essere organizzati sia corsi a lungo termine che corsi a breve termine, a seconda della loro gamma di attività.

        La figura 1 elenca le materie da includere nella formazione specialistica post-laurea per medici e infermieri.

        Figura 1. Programma di formazione post-laurea per medici e infermieri.

        EDU060T1

        Ingegneri della sicurezza e della salute e addetti alla sicurezza

        La pratica della sicurezza sul lavoro riguarda quei guasti di materiali, macchine, processi e strutture che possono dar luogo a situazioni pericolose, incluso il rilascio di agenti nocivi. Lo scopo dell'educazione in questo campo è quello di consentire agli studenti di prevedere il pericolo, sia nella fase di pianificazione dei progetti che nelle situazioni esistenti, di quantificare il pericolo e di progettare misure per combatterlo. La formazione in materia di sicurezza sul lavoro coinvolge lo studente in un approfondito approfondimento di argomenti selezionati dall'ingegneria e dalla scienza dei materiali, in particolare quelli relativi all'ingegneria meccanica, civile, chimica, elettrica e strutturale.

        Unità curriculari separate riguarderebbero, ad esempio, la struttura e la resistenza dei materiali, in ingegneria meccanica; con forze nelle strutture, nell'ingegneria civile; con manipolazione e trasporto di prodotti chimici, nell'ingegneria chimica; con standard di progettazione, dispositivi di protezione e teoria della manutenzione preventiva, in ingegneria elettrica; e con il comportamento degli strati, nell'ingegneria mineraria.

        Gli ingegneri della sicurezza, oltre ad acquisire una conoscenza di base, dovrebbero anche seguire un corso di specializzazione. Le raccomandazioni del Comitato congiunto ILO/OMS del 1981 per un corso di studi specializzato in ingegneria della sicurezza sono elencate nella figura 2.

        Figura 2. Un programma per la specializzazione in ingegneria della sicurezza.

        EDU060T3

        I corsi possono essere a tempo pieno, part-time o “corsi sandwich”: in quest'ultimo caso, i periodi di studio sono intervallati da periodi di pratica. La selezione dei corsi da seguire è una questione di circostanze o preferenze individuali. Ciò è particolarmente vero poiché molti professionisti della sicurezza hanno una vasta conoscenza acquisita attraverso l'esperienza sul posto di lavoro in particolari settori. Tuttavia, all'interno di una grande comunità o di un paese, dovrebbe esserci preferibilmente un'ampia gamma di scelte per soddisfare tutte queste diverse esigenze.

        I recenti enormi progressi nella tecnologia delle comunicazioni dovrebbero consentire un maggiore utilizzo di corsi di formazione a distanza che possono essere erogati sia in aree remote di un paese o anche oltre le frontiere nazionali. Sfortunatamente, tale tecnologia è ancora piuttosto costosa e i paesi o le aree che necessitano di tali capacità di apprendimento a distanza potrebbero essere proprio quelli meno in grado di permettersele.

         

         

         

        Operatori sanitari di base

        Vi è una grave carenza di professionisti della SSL nei paesi in via di sviluppo. Inoltre, tra gli operatori sanitari di base e gli operatori sanitari nel loro insieme, c'è la tendenza a indirizzare le loro attività principali verso i servizi curativi. Ciò dovrebbe essere controbilanciato con l'ausilio di un'adeguata formazione per sottolineare il grande valore di istituire misure preventive sul posto di lavoro in collaborazione con altri soggetti responsabili quali lavoratori e dirigenti. Ciò aiuterebbe, in una certa misura, ad alleviare i problemi causati dall'attuale carenza di personale per la SSL nei paesi in via di sviluppo (Pupo-Nogueira e Radford 1989).

        Un certo numero di paesi in via di sviluppo ha recentemente avviato brevi corsi di formazione in materia di SSL per l'assistenza sanitaria di base e il personale della sanità pubblica. Vi è un ampio spettro di organizzazioni che hanno intrapreso tale formazione. Includono i comitati nazionali per la produttività (Phoon 1985a), le associazioni di agricoltori, i consigli nazionali per la sicurezza, gli istituti nazionali di sanità e gli organismi professionali come le associazioni di medici e infermieri (Cordes e Rea 1989).

        La scarsità di professionisti della SSL colpisce non solo i paesi in via di sviluppo, ma anche molti di quelli sviluppati. Negli Stati Uniti, una risposta a questo problema ha assunto la forma di un rapporto congiunto di un gruppo di studio di medicina preventiva e medicina interna che raccomandava che i programmi di formazione in medicina interna enfatizzassero i controlli dei rischi sul posto di lavoro e nell'ambiente, poiché la maggior parte dei pazienti vedeva da internisti sono membri della forza lavoro. Inoltre, l'American Academy of Family Physicians e l'American Medical Association hanno pubblicato diverse monografie sulla salute occupazionale per il medico di famiglia. Uno studio dell'American Institute of Medicine ha riaffermato il ruolo del medico di base nella medicina del lavoro, ha delineato le competenze di base richieste e ha sottolineato la necessità di potenziare l'attività di medicina del lavoro nella formazione di base e nell'istruzione continua (Ellington e Lowis 1991). Sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo, tuttavia, vi è ancora un numero inadeguato di programmi di formazione in materia di SSL per il personale sanitario di base e un numero insufficiente di personale qualificato.

        Formazione multidisciplinare

        La formazione sulla natura multidisciplinare della SSL può essere migliorata assicurandosi che tutti coloro che si formano conoscano perfettamente i ruoli, le attività e le aree di interesse dell'altro personale in materia di SSL. In un corso di SSL in Scozia, ad esempio, i membri delle diverse professioni di SSL partecipano al programma di insegnamento. Agli studenti vengono inoltre forniti pacchetti di autoistruzione progettati per fornire loro una conoscenza dettagliata e una visione approfondita delle diverse aree professionali in materia di SSL. Viene fatto ampio uso anche di tecniche di apprendimento esperienziale come simulazioni di giochi di ruolo e studi di casi partecipativi. Ad esempio, agli studenti viene chiesto di compilare liste di controllo personali su come ciascuna particolare area dell'attività di medicina del lavoro può influire su di loro nelle proprie situazioni lavorative e su come possono cooperare efficacemente con altri professionisti della medicina del lavoro.

        Nella conduzione di un corso multidisciplinare in materia di SSL, un elemento chiave è la combinazione di studenti di diversa estrazione professionale nella stessa classe. Il materiale del corso, come esercizi di gruppo e saggi, deve essere accuratamente selezionato senza alcun pregiudizio per una particolare disciplina. I docenti devono anche ricevere una formazione nell'impostazione di questioni e problemi multidisciplinari (D'Auria, Hawkins e Kenny 1991).

        Formazione continua

        Nella formazione professionale nel suo complesso, c'è una crescente consapevolezza della necessità di una formazione continua. Nel campo della SSL, le nuove conoscenze relative a vecchi pericoli e nuovi problemi derivanti dai cambiamenti tecnologici si stanno sviluppando così rapidamente che nessun professionista della SSL potrebbe sperare di tenersi aggiornato senza compiere uno sforzo sistematico e costante per farlo.

        La formazione continua in materia di SSL può essere formale o informale, volontaria o obbligatoria per mantenere la certificazione. È essenziale che ogni professionista della SSL continui a leggere le principali riviste professionali, almeno nelle proprie discipline. Quando si incontra un nuovo pericolo, sarebbe molto utile avviare una ricerca bibliografica su quell'argomento attraverso una biblioteca. Se tale biblioteca non è disponibile, si potrebbe chiedere al servizio CIS dell'OIL di occuparsi di tale servizio. Inoltre, avere accesso continuo e diretto ad almeno alcuni testi aggiornati sulla SSL è essenziale per qualsiasi tipo di pratica di SSL.

        Tipi più formali di formazione continua potrebbero assumere la forma di conferenze, workshop, conferenze, journal club o seminari. Solitamente gli istituti di istruzione terziaria o le organizzazioni professionali possono fornire i mezzi per l'erogazione di tali programmi. Quando possibile, dovrebbero esserci eventi annuali in cui si possa raccogliere una gamma più ampia di punti di vista o competenze rispetto a quella normalmente disponibile nell'ambito di una piccola comunità o città. Conferenze o seminari regionali o internazionali possono fornire opportunità estremamente utili ai partecipanti, non solo per trarre vantaggio dal programma formale, ma anche per scambiare informazioni con altri professionisti o ricercatori al di fuori delle sessioni formali.

        Al giorno d'oggi, sempre più organizzazioni professionali di SSL richiedono ai membri di frequentare un numero minimo di attività di formazione continua come condizione per l'estensione della certificazione o dell'adesione. Di solito è richiesto solo il fatto di partecipare alle funzioni approvate. La partecipazione di per sé, ovviamente, non garantisce che il partecipante abbia tratto beneficio dall'essere presente. Anche alternative come sottoporre i professionisti della SSL a regolari esami sono irte di problemi. All'interno di una singola disciplina di SSL, vi è una tale diversità di pratiche anche all'interno dello stesso paese che è estremamente difficile ideare un esame equo per tutti gli operatori di SSL interessati.

        Autoapprendimento

        In ogni corso di formazione sulla SSL dovrebbe essere posto l'accento sulla necessità dell'autoapprendimento e della sua pratica continua. A tal fine, la formazione nel recupero delle informazioni e nell'analisi critica della letteratura pubblicata è imperativa. Sarebbe utile anche una formazione sull'uso dei computer per facilitare l'ottenimento di informazioni dalle numerose eccellenti risorse in materia di SSL in tutto il mondo. Diversi corsi sono stati sviluppati negli ultimi anni per promuovere l'autoapprendimento e la gestione delle informazioni attraverso i microcomputer (Koh, Aw e Lun 1992).

        Sviluppo del curriculum

        Vi è una crescente richiesta da parte dei tirocinanti e della comunità di garantire che i curricula siano costantemente valutati e migliorati. Molti programmi di studio moderni sono basati sulle competenze. Viene prima compilata una serie di competenze professionali richieste. Poiché la competenza può essere definita da diversi gruppi in modi diversi, si dovrebbero tenere ampie consultazioni su questo argomento con membri della facoltà e professionisti della SSL (Pochyly 1973). Inoltre, c'è bisogno di consultazioni con i “consumatori” (ad esempio, studenti, lavoratori e datori di lavoro), un programma di valutazione integrato e obiettivi educativi ben definiti ma flessibili (Phoon 1988). A volte l'istituzione di comitati consultivi sui curricula o sui programmi di insegnamento, che normalmente includono docenti e rappresentanti degli studenti, ma talvolta coinvolgono anche membri della comunità in generale, può fornire un forum utile per tali consultazioni.

        Sviluppo dell'infrastruttura

        Le infrastrutture sono spesso ignorate nelle discussioni sulla formazione e l'istruzione in materia di SSL. Tuttavia, le strutture di supporto e le risorse umane come computer, biblioteche, personale e procedure amministrative efficienti e un accesso sicuro e conveniente sono tra le numerose considerazioni infrastrutturali che potrebbero essere cruciali per il successo dei corsi di formazione. Adeguato monitoraggio dei progressi degli studenti, consulenza e assistenza agli studenti con problemi, assistenza sanitaria agli studenti e alle loro famiglie (ove indicato), assistenza ai figli degli studenti, mensa e strutture ricreative e fornitura di armadietti o armadi per la conservazione di effetti personali di i tirocinanti sono tutti dettagli importanti che dovrebbero ricevere un'attenzione particolare.

        Reclutamento e sviluppo della facoltà

        La qualità e la popolarità di un programma di formazione sono spesso fattori vitali nel determinare la qualità del personale che fa domanda per una posizione vacante. Ovviamente, sono importanti anche altri fattori come condizioni di servizio soddisfacenti e opportunità di carriera e sviluppo intellettuale.

        Un'attenta considerazione dovrebbe essere data alle specifiche del lavoro e ai requisiti del lavoro. I docenti dovrebbero possedere le necessarie qualifiche in materia di SSL, anche se dovrebbe essere esercitata la flessibilità per consentire l'assunzione di personale proveniente da discipline non in materia di SSL che potrebbe essere in grado di apportare contributi speciali all'insegnamento o candidati particolarmente promettenti che potrebbero avere le capacità ma non tutte le qualifiche o l'esperienza normalmente richiesto per il lavoro. Quando possibile, i docenti dovrebbero avere esperienza pratica in materia di SSL.

        Dopo l'assunzione, è responsabilità della dirigenza e dei membri più anziani della scuola o del dipartimento assicurarsi che il nuovo personale riceva quanto più incoraggiamento possibile e opportunità di sviluppo. Il nuovo personale dovrebbe essere inserito nella cultura dell'organizzazione ma anche incoraggiato ad esprimersi ea partecipare ai processi decisionali relativi ai programmi di insegnamento e di ricerca. Dovrebbe essere loro fornito un feedback riguardo al loro rendimento nell'insegnamento in modo sensibile e costruttivo. Ove necessario, dovrebbero essere fornite offerte di aiuto per rimediare alle limitazioni identificate. Molti dipartimenti hanno trovato estremamente utile lo svolgimento regolare di seminari didattici o di valutazione per il personale. I distacchi incrociati nelle industrie e il congedo sabbatico sono altre misure importanti per lo sviluppo del personale. Una certa estensione del lavoro di consulenza, che può essere clinica, di cantiere o di laboratorio (a seconda della disciplina e delle aree di attività del docente) contribuisce a rendere più pratico l'insegnamento accademico.

        Luoghi Didattici

        Le aule dovrebbero essere progettate e arredate secondo adeguati principi ergonomici e dotate di attrezzature audiovisive e di videoproiezione. L'illuminazione e l'acustica dovrebbero essere soddisfacenti. L'accesso a un'uscita dovrebbe essere posizionato in modo tale da ridurre al minimo il disturbo di una lezione in corso.

        Alla progettazione e alla costruzione dei laboratori dovrebbero essere applicati principi adeguati di SSL. Tali attrezzature di sicurezza come docce, strutture per il lavaggio degli occhi, forniture di primo soccorso e attrezzature per la rianimazione e cappe aspiranti dovrebbero essere installate o rese disponibili dove indicato, e i laboratori dovrebbero essere luminosi, ariosi e inodori.

        I luoghi per le visite sul campo dovrebbero essere scelti in modo da offrire un'ampia gamma di esperienze di SSL ai tirocinanti. Se possibile, dovrebbero essere scelti siti di lavoro con diversi livelli di standard di SSL. Tuttavia, in nessun caso la sicurezza o la salute dei tirocinanti devono essere compromesse.

        I luoghi per il lavoro clinico dipenderebbero molto dalla natura e dal livello del corso di formazione. In alcune circostanze, l'insegnamento al letto del paziente può essere indicato per dimostrare l'appropriato approccio clinico alle capacità di raccolta dell'anamnesi. In alcune altre circostanze, la presentazione di casi con o senza pazienti potrebbe servire allo stesso scopo.

        Esami e valutazione

        La tendenza recente è stata quella di cercare alternative alla somministrazione di un esame finale unico e importantissimo alla fine di un corso. Alcuni corsi hanno abolito del tutto gli esami formali e li hanno sostituiti con compiti o valutazioni periodiche. Alcuni altri corsi hanno una combinazione di tali incarichi e valutazioni, esami a libro aperto e anche esami a libro chiuso. Al giorno d'oggi è sempre più chiaro che gli esami o le valutazioni sono tanto misure della qualità dei corsi e degli insegnanti quanto dei tirocinanti.

        Un feedback delle opinioni dei tirocinanti sull'intero corso o sui suoi componenti attraverso questionari o discussioni è inestimabile nella valutazione o revisione di un corso. Per quanto possibile, tutti i corsi dovrebbero essere costantemente valutati, almeno su base annuale, e rivisti se necessario.

        Per quanto riguarda le modalità d'esame, le domande a risposta libera possono mettere alla prova l'organizzazione, integrando abilità e capacità di scrittura. La precisione e la validità degli esami di saggio, tuttavia, si sono rivelate deboli. Le domande a scelta multipla (MCQ) sono meno soggettive, ma quelle buone sono difficili da formulare e non consentono una dimostrazione di conoscenza pratica. Le domande a saggio modificato (MEQ) differiscono da saggi o MCQ in quanto al candidato viene presentata una quantità progressiva di informazioni su un problema. Evita i suggerimenti richiedendo risposte a risposta breve piuttosto che presentare ai candidati alternative tra cui scegliere la risposta appropriata. Gli esami orali possono misurare le capacità di risoluzione dei problemi, il giudizio professionale, le capacità di comunicazione e la capacità di mantenere la calma sotto stress. La principale difficoltà con l'esame orale è la potenziale cosiddetta “mancanza di obiettività”. L'esame orale può essere reso più affidabile imponendogli una struttura (Verma, Sass-Kortsak e Gaylor 1991). Forse l'alternativa migliore è utilizzare una batteria di questi diversi tipi di esame piuttosto che fare affidamento solo su uno o due di essi.

        Certificazione e Accreditamento

        La parola Certificazione si riferisce solitamente al conferimento a un professionista dell'autorizzazione all'esercizio della professione. Tale certificazione potrebbe essere conferita da un consiglio nazionale o da un collegio o da un istituto di professionisti di una disciplina di SSL. Solitamente, il professionista in materia di SSL ottiene la certificazione solo dopo aver completato un periodo di formazione stabilito in relazione a un corso o posizioni approvate e anche dopo aver superato un esame. In generale, tale “certificazione globale” ha validità a vita, salvo provata negligenza o colpa professionale. Tuttavia, esistono altre forme di accreditamento che richiedono un rinnovo periodico. Includono l'accreditamento come quello richiesto in alcuni paesi per condurre speciali esami medici legali o per riferire su radiografie di persone esposte all'amianto.

        Accreditamento, invece, fa riferimento al riconoscimento dei corsi di SSL da parte di un ente nazionale o di un'organizzazione professionale o di un ente che concede borse di studio. Tale accreditamento dovrebbe essere soggetto a rivalutazione periodica per garantire che i corsi mantengano un livello adeguato di attualità ed efficacia.

         

        Di ritorno

        Abuja: Che cosa c'é? Sembri esausto.

        Mwangi: I am sfinito... e disgustato. Sono stato sveglio metà della notte a prepararmi per questa conferenza che ho appena tenuto e non credo sia andata molto bene. Non riuscivo a tirar fuori niente da loro, niente domande, niente entusiasmo. Per quanto ne so, non hanno capito una parola di quello che ho detto.

        Kariuki: So cosa vuoi dire. La scorsa settimana ho passato un periodo terribile cercando di spiegare la sicurezza chimica in swahili.

        Abuja: Non credo sia la lingua. Probabilmente stavi solo parlando sopra le loro teste. Quante informazioni tecniche hanno davvero bisogno di sapere questi lavoratori?

        Kariuki: Abbastanza per proteggersi. Se non riusciamo a far capire il punto, stiamo solo perdendo tempo. Mwangi, perché non hai provato a chiedere loro qualcosa oa raccontare una storia?

        Mwangi: Non riuscivo a capire cosa fare. So che deve esserci un modo migliore, ma non sono mai stato addestrato su come fare bene queste lezioni.

        Abuja: Perché tutto questo trambusto? Dimenticalo! Con tutte le ispezioni che dobbiamo fare, chi ha tempo per preoccuparsi della formazione?

        La discussione di cui sopra in un ispettorato di fabbrica africano, che potrebbe aver luogo ovunque, mette in luce un vero problema: come far passare il messaggio in una sessione di formazione. L'utilizzo di un problema reale come spunto di discussione (o innesco) è un'eccellente tecnica di formazione per identificare potenziali ostacoli alla formazione, le loro cause e le potenziali soluzioni. Abbiamo usato questa discussione come gioco di ruolo nei nostri seminari di formazione per formatori in Kenya ed Etiopia.

        Il progetto ILO-FINNIDA per la sicurezza e la salute in Africa fa parte delle attività di cooperazione tecnica dell'ILO volte a migliorare i servizi di formazione e informazione sulla sicurezza e salute sul lavoro in 21 paesi africani dove si parla comunemente l'inglese. È sponsorizzato da FINNIDA, l'Agenzia finlandese per lo sviluppo internazionale. Il progetto ha avuto luogo dal 1991 al 1994 con un budget di 5 milioni di dollari. Una delle principali preoccupazioni nell'implementazione del Progetto è stata quella di determinare l'approccio formativo più appropriato attraverso il quale facilitare un apprendimento di alta qualità. Nel seguente caso di studio descriveremo l'implementazione pratica dell'approccio formativo, il corso TOT (Training the Trainers') (Weinger 1993).

         

        Sviluppo di un nuovo approccio formativo

        In passato, l'approccio formativo nella maggior parte degli ispettorati di fabbrica africani, e anche in molti progetti di cooperazione tecnica dell'ILO, si basava su argomenti isolati e selezionati casualmente di sicurezza e salute sul lavoro (SSL) che venivano presentati principalmente utilizzando metodi di lezione. L'African Safety and Health Project ha condotto il primo corso pilota in TOT nel 1992 per 16 paesi partecipanti. Questo corso è stato implementato in due parti, la prima parte riguardante i principi di base dell'educazione degli adulti (come le persone apprendono, come stabilire obiettivi di apprendimento e selezionare i contenuti didattici, come progettare il curriculum e selezionare metodi didattici e attività di apprendimento e come migliorare il personale capacità di insegnamento) e la seconda parte con una formazione pratica in materia di SSL basata su incarichi individuali che ciascun partecipante ha svolto durante un periodo di quattro mesi successivo alla prima parte del corso.

        Le caratteristiche principali di questo nuovo approccio sono la partecipazione e l'orientamento all'azione. La nostra formazione non riflette il modello tradizionale di apprendimento in aula in cui i partecipanti sono destinatari passivi di informazioni e la lezione è il metodo didattico dominante. Oltre all'orientamento all'azione e ai metodi di formazione partecipativa, questo approccio si basa sulle ultime ricerche nell'educazione degli adulti moderna e adotta una visione cognitiva e teorica dell'attività dell'apprendimento e dell'insegnamento (Engeström 1994).

        Sulla base dell'esperienza maturata durante il corso pilota, che ha riscosso un notevole successo, è stato predisposto un set di materiale didattico dettagliato, denominato Pacchetto formazione formatori, che si compone di due parti, un manuale del formatore e una fornitura di materiali per i partecipanti. Questo pacchetto è stato utilizzato come linea guida durante le sessioni di pianificazione, a cui hanno partecipato da 20 a 25 ispettori di fabbrica per un periodo di dieci giorni, e riguardante l'istituzione di corsi TOT nazionali in Africa. Nella primavera del 1994, i corsi TOT nazionali erano stati implementati in due paesi africani, il Kenya e l'Etiopia.

         

        Apprendimento di alta qualità

        Ci sono quattro componenti chiave dell'apprendimento di alta qualità.

        Motivazione per l'apprendimento. La motivazione si verifica quando i partecipanti vedono il "valore d'uso" di ciò che stanno imparando. È stimolato quando riescono a percepire il divario che separa ciò che sanno e ciò di cui hanno bisogno per risolvere un problema.

        Organizzazione della materia. Il contenuto dell'apprendimento è troppo comunemente pensato come fatti separati immagazzinati nel cervello come oggetti in scatole su uno scaffale. In realtà, le persone costruiscono modelli, o immagini mentali, del mondo mentre imparano. Nel promuovere l'apprendimento cognitivo, gli insegnanti cercano di organizzare i fatti in modelli per un migliore apprendimento e includono principi o concetti esplicativi (i "ma perché" dietro un fatto o un'abilità).

        Avanzare attraverso le fasi del processo di apprendimento. Nel processo di apprendimento, il partecipante è come un investigatore alla ricerca di un modello attraverso il quale comprendere l'argomento. Con l'aiuto dell'insegnante, il partecipante forma questo modello, si esercita ad usarlo e ne valuta l'utilità. Questo processo può essere suddiviso nelle seguenti sei fasi:

        • motivazione
        • orientamento
        • integrare nuove conoscenze (interiorizzazione)
        • applicazione
        • critica del programma
        • valutazione dei partecipanti.

         

        L'interazione sociale. L'interazione sociale tra i partecipanti a una sessione di formazione è una componente essenziale dell'apprendimento. Nelle attività di gruppo, i partecipanti imparano gli uni dagli altri.

         

        Pianificare la formazione per un apprendimento di alta qualità

        Viene chiamato il tipo di istruzione finalizzata a particolari abilità e competenze formazione. L'obiettivo della formazione è quello di facilitare l'apprendimento di alta qualità ed è un processo che si svolge in una serie di fasi. Richiede un'attenta pianificazione in ogni fase e ogni passaggio è ugualmente importante. Esistono molti modi per scomporre la formazione in componenti, ma dal punto di vista della concezione cognitiva dell'apprendimento, il compito di pianificare un percorso formativo può essere analizzato in sei fasi.

        Passaggio 1: condurre una valutazione dei bisogni (conosci il tuo pubblico).

        Fase 2: Formulare obiettivi di apprendimento.

        Passaggio 3: sviluppare una base di orientamento o una "road map" per il corso.

        Fase 4: Sviluppare il curriculum, stabilendone i contenuti ei metodi di formazione associati e utilizzando una tabella per delineare il curriculum.

        Passaggio 5: insegnare il corso.

        Passaggio 6: valutare il corso e dare seguito alla valutazione.

         

        Realizzazione pratica dei Corsi TOT Nazionali

        Sulla base del suddetto approccio formativo e dell'esperienza del primo corso pilota, sono stati attivati ​​due corsi TOT nazionali in Africa, uno in Kenya nel 1993 e l'altro in Etiopia nel 1994.

        I bisogni formativi erano basati sull'attività lavorativa degli ispettori di fabbrica e sono stati determinati mediante un questionario pre-workshop e una discussione con i partecipanti al corso sul loro lavoro quotidiano e sui tipi di abilità e competenze necessarie per svolgerlo (vedi figura 1 ). Il corso è stato quindi pensato principalmente per gli ispettori di fabbrica (nei nostri corsi TOT nazionali, di solito hanno partecipato da 20 a 25 ispettori), ma potrebbe essere esteso ad altro personale che potrebbe aver bisogno di svolgere formazione in materia di sicurezza e salute, come delegati di negozio, capisquadra , e gli addetti alla sicurezza e alla salute.

        Figura 1. Base di orientamento per l'attività lavorativa dell'ispettore di fabbrica.

        EDU070F1

        Una raccolta degli obiettivi del corso TOT nazionale è stata assemblata passo dopo passo in collaborazione con i partecipanti ed è riportata immediatamente di seguito.

         

        Obiettivi del corso TOT nazionale

        Gli obiettivi del corso di formazione dei formatori (TOT) sono i seguenti:

        • Aumentare la comprensione da parte dei partecipanti del ruolo e dei compiti in evoluzione degli ispettori di fabbrica, dall'applicazione immediata al servizio di consulenza a lungo termine, compresa la formazione e la consultazione.
        • Aumentare la comprensione da parte dei partecipanti dei principi di base dell'apprendimento e dell'istruzione di alta qualità.
        • Aumentare la comprensione da parte dei partecipanti della varietà di competenze coinvolte nella pianificazione dei programmi di formazione: identificazione dei bisogni formativi, formulazione degli obiettivi di apprendimento, sviluppo di curricula e materiali di formazione, selezione di metodi di insegnamento appropriati, presentazione efficace e valutazione del programma.
        • Migliorare le capacità dei partecipanti nella comunicazione efficace per l'applicazione durante le ispezioni e le consultazioni, nonché nelle sessioni di formazione formale.
        • Facilitare lo sviluppo di piani di formazione a breve e lungo termine in cui verranno implementate nuove pratiche didattiche.

           

          Contenuti del corso

          Le principali aree tematiche o unità curriculari che hanno guidato l'implementazione del corso TOT in Etiopia sono delineate nella figura 2. Questo schema può anche servire come base di orientamento per l'intero corso TOT.

          Figura 2. Le principali aree tematiche del corso TOT.

          EDU070F2

          Determinazione dei metodi di allenamento

          Il esterno aspetto del metodo di insegnamento è immediatamente osservabile quando entri in un'aula. Potresti assistere a una lezione, una discussione, un lavoro di gruppo o individuale. Tuttavia, ciò che non si vede è l'aspetto più essenziale dell'insegnamento: il tipo di lavoro mentale svolto dallo studente in un dato momento. Questo è chiamato il interno aspetto del metodo didattico.

          I metodi di insegnamento possono essere suddivisi in tre gruppi principali:

          • Presentazione didattica: presentazioni dei partecipanti, conferenze, dimostrazioni, presentazioni audiovisive
          • Incarico indipendente: test o esami, attività in piccoli gruppi, letture assegnate, uso di materiali didattici autoguidati, giochi di ruolo
          • Istruzione cooperativa

           

          La maggior parte dei metodi di cui sopra sono stati utilizzati nei nostri corsi TOT. Tuttavia, il metodo scelto dipende dagli obiettivi di apprendimento che si vogliono raggiungere. Ogni metodo o attività di apprendimento dovrebbe avere una funzione. Questi funzioni didattiche, che sono le attività di un insegnante, corrispondono alle fasi del processo di apprendimento sopra descritto e possono aiutare a guidare la scelta dei metodi. Segue un elenco delle nove funzioni didattiche:

           

            1. preparazione
            2. motivazione
            3. orientamento
            4. trasmettere nuove conoscenze
            5. consolidare ciò che è stato insegnato
            6. pratica (sviluppo delle conoscenze in abilità)
            7. applicazione (risolvere nuovi problemi con l'aiuto di nuove conoscenze)
            8. critica del programma
            9. valutazione dei partecipanti.

                         

                         

                        Pianificare il curriculum: tracciare il tuo corso

                        Una delle funzioni del curriculum o del piano del corso è quella di aiutare a guidare e monitorare il processo di insegnamento e apprendimento. Il curriculum può essere suddiviso in due parti, quella generale e quella specifica.

                        Il curriculum generale fornisce un quadro generale del corso: i suoi scopi, obiettivi, contenuti, partecipanti e linee guida per la loro selezione, l'approccio didattico (come sarà condotto il corso) e le modalità organizzative, come i compiti pre-corso. Questo curriculum generale sarebbe solitamente la descrizione del corso e una bozza del programma o un elenco di argomenti.

                        A curriculum specifico fornisce informazioni dettagliate su ciò che si insegnerà e su come si intende insegnarlo. Un curriculum scritto preparato sotto forma di grafico servirà come un buon schema per la progettazione di un curriculum sufficientemente specifico da servire da guida nell'attuazione della formazione. Tale grafico include le seguenti categorie:

                        Ora: il tempo stimato necessario per ogni attività di apprendimento

                        Unità curriculari: aree tematiche primarie

                        Argomenti: temi all'interno di ciascuna unità curriculare

                        Funzione didattica: la funzione di ciascuna attività di apprendimento nell'aiutare a raggiungere i tuoi obiettivi di apprendimento

                        Attività: le fasi per lo svolgimento di ciascuna attività di apprendimento

                        Materiali: le risorse ei materiali necessari per ogni attività

                        istruttore: il formatore responsabile di ogni attività (quando ci sono più formatori)

                        Per progettare il curriculum con l'aiuto del formato grafico, seguire i passaggi descritti di seguito. I grafici completati sono illustrati in connessione con un curriculum completato in Weinger 1993.

                        1. Specifica le aree tematiche principali del corso (unità curriculari) che si basano sui tuoi obiettivi e sulla base dell'orientamento generale.
                        2. Elenca gli argomenti che tratterai in ciascuna di queste aree.
                        3. Pianifica di includere il maggior numero possibile di funzioni didattiche in ciascuna area disciplinare per avanzare attraverso tutte le fasi del processo di apprendimento.
                        4. Scegli i metodi che soddisfano ogni funzione e stima la quantità di tempo necessaria. Registra l'ora, l'argomento e la funzione sul grafico.
                        5. Nella colonna delle attività, fornisci linee guida per l'istruttore su come condurre l'attività. Le voci possono includere anche i punti principali da trattare in questa sessione. Questa colonna dovrebbe offrire un quadro chiaro di ciò che esattamente accadrà nel corso durante questo periodo di tempo.
                        6. Elencare i materiali, come fogli di lavoro, dispense o attrezzature necessarie per ogni attività.
                        7. Assicurati di includere pause appropriate durante la progettazione di un ciclo di attività.

                         

                        Valutazione del corso e follow-up

                        L'ultima fase del processo di formazione è la valutazione e il follow-up. Purtroppo è un passaggio spesso dimenticato, ignorato e, a volte, evitato. Valutazione, o la determinazione del grado di raggiungimento degli obiettivi del corso, è una componente essenziale della formazione. Questo dovrebbe includere entrambi critica del programma (dagli amministratori del corso) e valutazione dei partecipanti.

                        I partecipanti dovrebbero avere l'opportunità di valutare i fattori esterni dell'insegnamento: le capacità di presentazione dell'istruttore, le tecniche utilizzate, le strutture e l'organizzazione del corso. Gli strumenti di valutazione più comuni sono i questionari post corso ei test pre e post.

                        Follow-up è un'attività di supporto necessaria nel processo formativo. Le attività di follow-up dovrebbero essere progettate per aiutare i partecipanti ad applicare e trasferire ciò che hanno appreso al loro lavoro. Esempi di attività di follow-up per i nostri corsi TOT includono:

                        • piani d'azione e progetti
                        • sessioni formali di follow-up o workshop


                        Selezione dei formatori

                        Sono stati selezionati formatori che avevano familiarità con l'approccio di apprendimento cognitivo e avevano buone capacità di comunicazione. Durante il corso pilota nel 1992 abbiamo utilizzato esperti internazionali che erano stati coinvolti nello sviluppo di questo approccio di apprendimento durante gli anni '1980 in Finlandia. Nei corsi nazionali abbiamo avuto un misto di esperti: un esperto internazionale, uno o due esperti regionali che avevano partecipato al primo corso pilota e da due a tre risorse nazionali che avevano la responsabilità della formazione nei propri paesi o che avevano partecipato prima in questo approccio formativo. Quando è stato possibile, ha partecipato anche il personale del progetto.

                         

                        Discussione e riassunto

                         

                        Valutazione delle esigenze di formazione in fabbrica

                        La visita alla fabbrica e il successivo insegnamento pratico sono un punto culminante del workshop. Questa attività di formazione è stata utilizzata per la valutazione dei fabbisogni formativi sul posto di lavoro (unità curriculare VI A, figura 1). La raccomandazione qui sarebbe di completare il background su teoria e metodi prima della visita. In Etiopia abbiamo programmato la visita prima di affrontare la questione dei metodi didattici. Mentre sono stati esaminati due stabilimenti, avremmo potuto prolungare il tempo per la valutazione dei bisogni eliminando una delle visite allo stabilimento. Pertanto, i gruppi in visita visiteranno e si concentreranno solo su quella fabbrica in cui si alleneranno effettivamente.

                        La componente di mappatura del rischio del seminario (anche questa parte dell'unità curriculare VI A) ha avuto più successo in Etiopia che in Kenya. Le mappe dei rischi sono state incorporate nell'insegnamento pratico nelle fabbriche e sono state altamente motivanti per i lavoratori. Nei workshop futuri, vorremmo sottolineare che i pericoli specifici devono essere evidenziati ovunque si verifichino, piuttosto che, ad esempio, utilizzare un singolo simbolo verde per rappresentare uno qualsiasi dei vari pericoli fisici. In questo modo, l'entità di un particolare tipo di pericolo viene riflessa più chiaramente.

                         

                        Metodi di formazione

                        I metodi didattici si sono concentrati sulle tecniche audiovisive e sull'uso di strumenti di discussione. Entrambi hanno avuto un discreto successo. In utile integrazione alla sessione sulle trasparenze, ai partecipanti è stato chiesto di lavorare in gruppo per sviluppare una propria trasparenza sui contenuti di un articolo assegnato.

                        Lavagna a fogli mobili e brainstorming sono stati nuovi metodi di insegnamento per i partecipanti. Infatti, una lavagna a fogli mobili è stata sviluppata appositamente per il workshop. Oltre ad essere un eccellente aiuto alla formazione, l'uso di lavagne a fogli mobili e “pennarelli magici” è un sostituto molto economico e pratico per la lavagna luminosa, che non è disponibile per la maggior parte degli ispettori nei paesi in via di sviluppo.

                         

                        Microdidattica videoregistrata

                        Il “Microteaching”, ovvero l'insegnamento in aula incentrato su particolari problemi locali, si è avvalso di videotape e successiva critica da parte di altri partecipanti e risorse umane, e ha avuto molto successo. Oltre a migliorare il funzionamento dei metodi di insegnamento esterno, la registrazione è stata una buona opportunità per commentare le aree di miglioramento del contenuto prima dell'insegnamento in fabbrica.

                        Un errore comune, tuttavia, è stato l'incapacità di collegare gli spunti di discussione e le attività di brainstorming con il contenuto o il messaggio di un'attività. Il metodo è stato eseguito in modo superficiale e il suo effetto è stato ignorato. Altri errori comuni sono stati l'uso di una terminologia eccessivamente tecnica e l'incapacità di rendere la formazione pertinente alle esigenze del pubblico utilizzando esempi di luoghi di lavoro specifici. Ma le successive presentazioni in fabbrica erano progettate per riflettere chiaramente le critiche che i partecipanti avevano ricevuto il giorno prima.

                         

                        Pratica l'insegnamento in fabbrica

                        Nella loro valutazione delle sessioni di insegnamento pratico in fabbrica, i partecipanti sono rimasti estremamente colpiti dall'uso di una varietà di metodi di insegnamento, inclusi audiovisivi, poster che hanno sviluppato, lavagne a fogli mobili, brainstorming, giochi di ruolo, "buzz group" e così via. La maggior parte dei gruppi ha utilizzato anche un questionario di valutazione, una nuova esperienza per loro. Di particolare rilievo è stato il loro successo nel coinvolgere il loro pubblico, dopo aver fatto affidamento esclusivamente sul metodo della conferenza in passato. Le aree comuni di miglioramento erano la gestione del tempo e l'uso di termini e spiegazioni eccessivamente tecnici. In futuro, le persone risorsa dovrebbero anche cercare di garantire che tutti i gruppi includano le fasi di applicazione e valutazione nel processo di apprendimento.

                         

                        La progettazione del corso come esperienza formativa

                        Durante questi due corsi è stato possibile osservare cambiamenti significativi nella comprensione da parte dei partecipanti delle sei fasi dell'apprendimento di alta qualità.

                        Nell'ultimo corso è stata aggiunta al programma una sezione sugli obiettivi di scrittura, in cui ogni partecipante scrive una serie di obiettivi didattici. La maggior parte dei partecipanti non aveva mai scritto obiettivi formativi e questa attività è stata estremamente utile.

                        Per quanto riguarda l'uso della tabella del curriculum nella pianificazione, abbiamo visto progressi definiti tra tutti i partecipanti e padronanza da parte di alcuni. Questa zona potrebbe sicuramente beneficiare di più tempo. Nei workshop futuri, aggiungeremo un'attività in cui i partecipanti utilizzano la tabella per seguire un argomento attraverso il processo di apprendimento, utilizzando tutte le funzioni didattiche. C'è ancora la tendenza a riempire la formazione di materiale di contenuto (argomenti) ea intervallare, senza la dovuta considerazione della loro rilevanza, le varie funzioni didattiche attraverso una serie di argomenti. È inoltre necessario che i formatori pongano l'accento su quelle attività che vengono scelte per completare la fase di applicazione nel processo di apprendimento e che acquisiscano più pratica nello sviluppo dei compiti degli studenti. L'applicazione è un concetto nuovo per la maggior parte e difficile da incorporare nel processo didattico.

                        Infine l'uso del termine unità curriculare era difficile e talvolta confuso. La semplice identificazione e l'ordinamento delle aree tematiche rilevanti è un inizio adeguato. Era anche ovvio che molti altri concetti dell'approccio dell'apprendimento cognitivo erano difficili, come i concetti di base dell'orientamento, fattori esterni e interni nell'apprendimento e nell'insegnamento, funzioni didattiche e alcuni altri.

                        In sintesi, aggiungeremmo più tempo alle sezioni di teoria e sviluppo del curriculum, come delineato sopra, e alla pianificazione del curriculum futuro, che offre l'opportunità di osservare la capacità individuale di applicare la teoria.

                         

                        Conclusione

                        Il Progetto ILO-FINNIDA per la sicurezza e la salute in Africa ha intrapreso un compito particolarmente impegnativo e impegnativo: cambiare le nostre idee e le vecchie pratiche sull'apprendimento e la formazione. Il problema quando si parla di apprendimento è questo apprendimento ha perso il suo significato centrale nell'uso contemporaneo. L'apprendimento è diventato sinonimo di prendere informazioni. Tuttavia, l'acquisizione di informazioni è solo lontanamente correlata al vero apprendimento. Attraverso il vero apprendimento ricreiamo noi stessi. Attraverso il vero apprendimento diventiamo capaci di fare qualcosa che non eravamo mai stati in grado di fare prima (Senge 1990). Questo è il messaggio del nuovo approccio del nostro Progetto all'apprendimento e alla formazione.

                         

                        Di ritorno

                        " DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

                        Contenuti

                        Riferimenti di istruzione e formazione

                        Benner, L. 1985. Valutazione dei modelli di incidente e metodologie di indagine. J Saf Res 16(3):105-126.

                        Luminoso, P e C Van Lamsweerde. 1995. Educazione e formazione ambientale nel gruppo di società Royal Dutch/Shell. In Employee Participation in Pollution Reduction, a cura di E Cohen-Rosenthal e A Ruiz-Quintinallia. Analisi preliminare del Toxic Release Inventory, CAHRS Research Report. Itaca, NY: Industria dell'UNEP.

                        Bunge, J, E Cohen-Rosenthal, e A Ruiz-Quintinallia (a cura di). 1995. Partecipazione dei dipendenti alla riduzione dell'inquinamento. Analisi preliminare del Toxic Release Inventory, CAHRS Research Report. Itaca, NY:

                        Cavanaugh, HA. 1994. Gestione dell'ambiente: il piano "verde" di Duquesne Light forma i dipendenti alla piena conformità. Electr World (novembre):86.

                        Cordes, DH e DF Rea. 1989. Istruzione in medicina del lavoro per i fornitori di assistenza sanitaria di base negli Stati Uniti: un bisogno crescente. :197-202.?? prenotare?

                        D'Auria, D, L Hawkins, e P Kenny. 1991. J Univ Occup Envir Health l4 Suppl.:485-499.

                        Ellington, H e A Lowis. 1991. Educazione interdisciplinare in medicina del lavoro. J Univ Occup Envir Health l4 Suppl.:447-455.

                        Engeström, Y. 1994. Formazione per il cambiamento: nuovo approccio all'istruzione e all'apprendimento nella vita lavorativa. Ginevra: Ufficio Internazionale del Lavoro (ILO).

                        Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro. 1993.

                        Requisiti di educazione e formazione ambientale nell'industria. Documento di lavoro. 6 aprile.

                        Heath, E. 1981. Formazione e istruzione dei lavoratori in materia di sicurezza e salute sul lavoro: un rapporto sulla pratica in sei nazioni occidentali industrializzate. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti, amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro.

                        Commissione internazionale per la salute sul lavoro (ICOH). 1987. Atti della prima conferenza sull'istruzione e la formazione in medicina del lavoro. Hamilton, Ontario, Canada: ICOH.

                        --. 1989. Atti della seconda conferenza internazionale sull'istruzione e la formazione in medicina del lavoro. Espoo, Finlandia: ICOH.

                        --. 1991. Atti della terza conferenza internazionale sull'istruzione e la formazione in medicina del lavoro. Kitakyushu, Giappone: ICOH.

                        Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1991. Formazione, Ambiente e ILO. Ginevra: OIL.

                        Comitato congiunto ILO/OMS sulla salute sul lavoro. 1981. Istruzione e formazione in materia di salute, sicurezza ed ergonomia sul lavoro. Rapporto tecnico serie n. 663. Ginevra: Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

                        Kogi, H, WO Phoon e J Thurman. 1989. Modi a basso costo per migliorare le condizioni di lavoro: 100 esempi dall'Asia. Ginevra: OIL.

                        Koh, D, TC Aw e KC Lun. 1992. Formazione sui microcomputer per i medici del lavoro. In atti della terza conferenza internazionale sull'istruzione e la formazione in medicina del lavoro. Kitakyushu, Giappone: ICOH.

                        Kono, K e K Nishida. 1991. Indagine per l'attività infermieristica di medicina del lavoro dei laureati dei corsi di specializzazione in Infermieristica di medicina del lavoro. In atti della terza conferenza internazionale sull'istruzione e la formazione in medicina del lavoro. Kitakyushu, Giappone: ICOH.

                        Unione Internazionale dei Lavoratori del Nord America (LIUNA). 1995. La formazione ambientale insegna molto di più delle semplici abilità lavorative. Operaio (maggio-giugno):BR2.

                        Madelien, M e G Paulson. 1995. Formazione, istruzione e ricerca sullo stato dei materiali pericolosi. Np: Centro nazionale di educazione e formazione ambientale.

                        McQuiston, TH, P Coleman, NB Wallerstein, AC Marcus, JS Morawetz e DW Ortlieb. 1994. Istruzione dei lavoratori dei rifiuti pericolosi: effetti a lungo termine. J Occup Med 36(12):1310-1323.

                        Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH). 1978. Il nuovo infermiere nell'industria: una guida per l'infermiere di medicina del lavoro appena assunto. Cincinnati, Ohio: Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere degli Stati Uniti.

                        --. 1985. Progetto Minerva, Guida al curriculum aziendale supplementare. Cincinnati, Ohio: Stati Uniti NIOSH.

                        Phoon, WO. 1985a. Il corso designato per medici di fabbrica a Singapore. Atti della decima conferenza asiatica sulla salute sul lavoro, Manila.

                        --. 1985b. Istruzione e formazione in medicina del lavoro: programmi formali. In Occupational Health in Developing Countries in Asia, a cura di WO Phoon e CN Ong. Tokyo: Centro informazioni mediche del sud-est asiatico.

                        --. 1986. Precetto corrispondente e pratica nella salute sul lavoro. Lucas Lectures, No. 8. Londra: Royal College of Physicians Faculty of Occupational Medicine.

                        --. 1988. Passi nello sviluppo di un curriculum in salute e sicurezza sul lavoro. Nel libro degli abstract. Bombay: dodicesima conferenza asiatica sulla salute sul lavoro.

                        Pochyly, DF. 1973. Pianificazione del programma educativo. Nello sviluppo di programmi educativi per le professioni sanitarie. Ginevra: OMS.

                        Powitz, RW. 1990. Valutazione dei rifiuti pericolosi, istruzione e formazione. Washington, DC: Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti, in collaborazione con Wayne State Univ.

                        Pupo-Nogueira, D e J Radford. 1989. Relazione del seminario sull'assistenza sanitaria primaria. In Atti della seconda conferenza internazionale sull'istruzione e la formazione in medicina del lavoro. Espoo, Finlandia: ICOH.

                        Rantanen, J e S Lehtinen. 1991. Progetto ILO/FINNIDA sulla formazione e l'informazione per i paesi africani in materia di sicurezza e salute sul lavoro. East Afr Newslett su Occup Safety and Health Suppl.:117-118.

                        Samelson, Nuovo Messico. 1977. L'effetto dei capisquadra sulla sicurezza nelle costruzioni. Rapporto tecnico n. 219. Stanford, California: Stanford Univ. Dipartimento di Ingegneria Civile.

                        Senge, P. 1990. La quinta disciplina: l'arte e la pratica dell'organizzazione che apprende. New York: Doppio giorno.

                        Sheps, C.G. 1976. Istruzione superiore per la sanità pubblica. Il rapporto del Milbank Memorial Fund.
                        Gestione della salute e sicurezza di successo. 1991. Londra: ufficio stazionario di Sua Maestà.

                        Programma ambientale delle Nazioni Unite (UNEP). 1993. Educazione per l'industria sostenibile. Programma per l'industria e l'ambiente. Nairobi: UNEP.

                        Verma, KK, A Sass-Kortsak e DH Gaylor. 1991. Valutazione della competenza professionale in igiene del lavoro in Canada. In Proceedings of Third International Conference On Occupational Health Education and Training Kitakyushu, Giappone: ICOH.

                        Viner, D. 1991. Analisi degli incidenti e controllo dei rischi. Carlton South, Victoria: VRJ Delphi.

                        Vojtecky, MA e E Berkanovic. 1984-85. La valutazione della formazione in materia di salute e sicurezza. Int Q Community Health Educ 5(4):277-286.

                        Wallerstein, N e H Rubenstein. 1993. Insegnamento sui rischi del lavoro: una guida per i lavoratori e i loro fornitori di servizi sanitari. Washington, DC: Associazione americana di sanità pubblica.

                        Wallerstein, N e M Weinger. 1992. Educazione alla salute e sicurezza per l'empowerment dei lavoratori. Am J Ind Med 11(5).

                        Weinger, M. 1993. Training of Trainer's Package, Parte 1: Manuale del formatore, Parte 2: Dispensa per i partecipanti. Progetto per la sicurezza e la salute in Africa, Rapporto 9a/93 e 9b/93. Ginevra: Ufficio Internazionale del Lavoro (ILO).

                        Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1981. Formazione del personale di medicina del lavoro. Rapporti e studi sull'euro, n. 58. Copenaghen: Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa.

                        --. 1988. Formazione e istruzione in medicina del lavoro. Technical Report Series, n. 762. Ginevra: OMS.

                        Wigglesworth, EC. 1972. Un modello didattico di causalità degli infortuni e una guida per la selezione delle contromisure. Occupare Psicol 46:69-78.

                        Congresso dei sindacati dello Zambia (ZCTU). 1994. Manuale sulla salute e sicurezza sul lavoro. (luglio): 21.