Mercoledì, Febbraio 23 2011 20: 52

Malattie professionali e malattie professionali: la lista internazionale dell'ILO

Vota questo gioco
(21 voti )

Nel 1919, anno della sua creazione, l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) dichiarò che l'antrace era una malattia professionale. Nel 1925, il primo elenco ILO delle malattie professionali è stato istituito dalla Convenzione sull'indennizzo dei lavoratori (malattie professionali) (n. 18). C'erano tre malattie professionali elencate. La Convenzione n. 42 (1934) ha rivisto la Convenzione n. 18 con un elenco di dieci malattie professionali. Nel 1964, la Conferenza internazionale del lavoro ha adottato la Convenzione sulle prestazioni in caso di infortunio sul lavoro (n. 121), questa volta con un elenco separato (Elenco delle malattie professionali) allegato alla Convenzione, che consente di modificare l'elenco senza dover adottare una nuova Convenzione ( OIL 1964).

Definizione di Malattie professionali e Malattie professionali

Nella terza edizione dell'ILO's Enciclopedia della salute e sicurezza sul lavoro, è stata operata una distinzione tra le condizioni patologiche che possono colpire i lavoratori in cui le malattie professionali (malattie professionali) e le malattie aggravate dal lavoro o a maggiore incidenza dovute alle condizioni di lavoro (malattie professionali) sono state separate dalle condizioni che non hanno connessione con il lavoro. Tuttavia, in alcuni paesi le malattie legate al lavoro sono trattate allo stesso modo delle malattie causate dal lavoro, che in realtà sono malattie professionali. I concetti di malattie professionali e malattie professionali sono sempre stati oggetto di discussione.

Nel 1987, un comitato congiunto di esperti ILO/OMS sulla salute occupazionale suggerì che il termine malattie legate al lavoro può essere appropriato descrivere non solo le malattie professionali riconosciute, ma anche altri disturbi a cui l'ambiente di lavoro e l'esecuzione del lavoro contribuiscono in modo significativo come uno dei numerosi fattori causali (Comitato congiunto ILO/OMS sulla salute sul lavoro 1989). Quando è chiaro che esiste una relazione causale tra un'esposizione professionale e una malattia specifica, tale malattia è solitamente considerata sia dal punto di vista medico che legale come professionale e può essere definita come tale. Tuttavia, non tutte le malattie professionali possono essere definite in modo così specifico. La Raccomandazione ILO contro gli infortuni sul lavoro, 1964 (n. 121), paragrafo 6(1), definisce le malattie professionali come segue: processi, mestieri o occupazioni come malattie professionali”.

Tuttavia, non è sempre così facile designare una malattia come correlata al lavoro. In effetti, esiste un'ampia gamma di malattie che potrebbero essere correlate in un modo o nell'altro all'occupazione o alle condizioni di lavoro. Da un lato, ci sono le malattie classiche di natura professionale, generalmente legate a un agente causale e relativamente facili da identificare. D'altra parte, ci sono tutti i tipi di disturbi senza legami forti o specifici con l'occupazione e con numerosi possibili agenti causali.

Molte di queste malattie ad eziologia multifattoriale possono essere correlate al lavoro solo a determinate condizioni. L'argomento è stato discusso in un simposio internazionale sulle malattie professionali organizzato dall'ILO a Linz, in Austria, nell'ottobre 1992 (ILO 1993). La relazione tra lavoro e malattia potrebbe essere identificata nelle seguenti categorie:

    • malattie professionali, avere una relazione specifica o forte con l'occupazione, generalmente con un solo agente causale, e riconosciuto come tale
    • malattie legate al lavoro, con molteplici agenti causali, in cui i fattori dell'ambiente di lavoro possono svolgere un ruolo, insieme ad altri fattori di rischio, nello sviluppo di tali malattie, che hanno un'eziologia complessa
    • malattie che colpiscono la popolazione attiva, senza nesso di causalità con il lavoro ma che possono essere aggravate da rischi professionali per la salute.

         

        Criteri per l'identificazione delle malattie professionali in generale

        Due elementi principali sono presenti nella definizione di malattie professionali:

          • la relazione esposizione-effetto tra uno specifico ambiente di lavoro e/o attività e uno specifico effetto della malattia
          • il fatto che queste malattie si manifestano nel gruppo di persone interessate con una frequenza superiore alla morbilità media del resto della popolazione.

             

            È evidente che la relazione esposizione-effetto deve essere chiaramente stabilita: (a) i dati clinici e patologici e (b) il background professionale e l'analisi del lavoro sono indispensabili, mentre (c) i dati epidemiologici sono utili per determinare la relazione esposizione-effetto di una malattia professionale specifica e la sua attività corrispondente in occupazioni specifiche.

            Come regola generale, i sintomi di tali disturbi non sono sufficientemente caratteristici per consentire la diagnosi di malattie professionali se non sulla base della conoscenza dei cambiamenti patologici generati dai fattori fisici, chimici, biologici o di altro genere incontrati nell'esercizio di un occupazione. È quindi normale che, a seguito del miglioramento delle conoscenze sui processi d'azione dei fattori in questione, del costante aumento del numero di sostanze impiegate, della qualità utilizzata o della varietà degli agenti sospettati, sia sempre più più possibile fare una diagnosi accurata e allo stesso tempo ampliare la gamma di queste malattie. Parallelamente al boom della ricerca in questo campo, lo sviluppo e l'affinamento delle indagini epidemiologiche hanno contribuito in maniera sostanziale ad approfondire la conoscenza delle relazioni esposizione/effetto, facilitando, tra l'altro, la definizione e l'identificazione delle diverse malattie professionali. L'identificazione di una malattia come di origine professionale è, in realtà, un esempio specifico di decisione clinica o di epidemiologia clinica applicata. Decidere sulla causa di una malattia non è una scienza esatta, ma piuttosto una questione di giudizio basata su un esame critico di tutte le prove disponibili, che dovrebbe includere una considerazione di:

              • Forza dell'associazione. Una malattia professionale è quella in cui vi è un evidente e reale aumento della malattia in associazione con l'esposizione al rischio.
              • Consistenzasi. I vari rapporti di ricerca hanno generalmente risultati e conclusioni simili.
              • Specificitàsi. L'esposizione al rischio si traduce in un modello chiaramente definito di malattia o di malattie e non semplicemente in un numero crescente di cause di morbilità o mortalità.
              • Rapporto di tempo appropriato. La malattia segue dopo l'esposizione e con un adeguato intervallo di tempo.
              • Gradiente biologico. Maggiore è il livello di esposizione, maggiore è la prevalenza della gravità delle malattie.
              • Plausibilità biologica. Da quanto si sa di tossicologia, chimica, proprietà fisiche o altri attributi del rischio studiato, ha davvero senso biologico suggerire che l'esposizione porta a un certo disturbo.
              • Coerenza. Una sintesi generale di tutte le prove (epidemiologia umana, studi sugli animali e così via) porta alla conclusione che esiste un effetto causale in senso lato e in termini di buon senso generale.

                           

                          L'entità del rischio è un altro elemento fondamentale generalmente utilizzato per determinare se una malattia è da considerarsi di origine professionale. I criteri quantitativi e qualitativi giocano un ruolo importante nella valutazione del rischio di contrarre una malattia professionale. Tale rischio può essere espresso sia in termini di entità - ad esempio, le quantità in cui la sostanza è impiegata, il numero di lavoratori esposti, i tassi di prevalenza della malattia nei diversi paesi - sia in termini di gravità del rischio , che possono essere valutati sulla base dei suoi effetti sulla salute dei lavoratori (ad esempio, la probabilità che provochi tumori o mutazioni o abbia effetti altamente tossici o porti a tempo debito alla disabilità). Si precisa che i dati disponibili sui tassi di prevalenza e sul grado di gravità delle malattie professionali devono essere visti con una certa circospezione a causa delle differenze nelle procedure di segnalazione dei casi e di raccolta e valutazione dei dati. Lo stesso vale per il numero di lavoratori esposti, in quanto i dati possono essere solo approssimativi.

                          Infine, a livello internazionale, va tenuto conto di un altro fattore molto importante: il fatto che la malattia sia riconosciuta come professionale dalla legislazione di un certo numero di Paesi costituisce un importante criterio su cui basare la decisione di includerla nel l'elenco internazionale. Si può infatti ritenere che la sua inclusione nell'elenco delle malattie che danno diritto all'indennità in un gran numero di paesi dimostri che essa è di notevole importanza sociale ed economica e che i fattori di rischio coinvolti sono riconosciuti e ampiamente riscontrati.

                          Riassumendo, i criteri per determinare una nuova malattia professionale da inserire in un elenco internazionale sono: la forza del rapporto esposizione-effetto, l'insorgenza della malattia con una specifica attività o un determinato ambiente di lavoro (che include il verificarsi dell'evento e un specificità di tale relazione), l'entità del rischio in base al numero di lavoratori esposti o alla gravità del rischio, e il fatto che una malattia sia riconosciuta in molti elenchi nazionali.

                          Criteri per l'identificazione di una singola malattia

                          Il rapporto esposizione-effetto (rapporto tra esposizione e gravità della menomazione del soggetto) e il rapporto esposizione-risposta (rapporto tra esposizione e relativo numero di soggetti colpiti) sono elementi importanti per la determinazione delle malattie professionali, che la ricerca e studi epidemiologici hanno contribuito notevolmente allo sviluppo nell'ultimo decennio. Queste informazioni relative al nesso causale tra malattie ed esposizione sul posto di lavoro hanno permesso di giungere ad una migliore definizione medica delle malattie professionali. Ne consegue che la definizione giuridica di malattia professionale, che prima era un problema piuttosto complesso, si lega sempre più alle definizioni mediche. Il sistema legale che autorizza la vittima al risarcimento varia da paese a paese. L'articolo 8 della Convenzione sull'indennità per infortunio sul lavoro (n. 121), che indica le diverse possibilità in merito alla forma dell'elenco delle malattie professionali che danno diritto a un'indennità di indennizzo, recita:

                          Ogni membro deve:

                          1. prescrivere un elenco di malattie, comprendente almeno le malattie elencate nella Tabella I della presente Convenzione, che saranno considerate malattie professionali alle condizioni prescritte; o
                          2. includere nella sua legislazione una definizione generale di malattie professionali sufficientemente ampia da coprire almeno le malattie elencate nell'Allegato I alla presente Convenzione; o
                          3. prescrivere un elenco di malattie conformemente alla lettera a), integrato da una definizione generale di malattie professionali o da altre disposizioni per stabilire l'origine professionale di malattie non elencate o che si manifestano in condizioni diverse da quelle prescritte.

                          Il punto (a) è chiamato il sistema di elenchi, il punto (b) è il sistema di definizione generale or sistema di copertura globale mentre il punto (c) è generalmente indicato come il sistema misto.

                          Mentre il sistema degli elenchi ha lo svantaggio di coprire solo un certo numero di malattie professionali, ha il vantaggio di elencare le malattie per le quali si presume che siano di origine professionale. Spesso è molto difficile se non impossibile dimostrare che una malattia è direttamente attribuibile all'occupazione della vittima. Il paragrafo 6, paragrafo 2, della Raccomandazione n. 121 indica che “Salvo prova contraria, dovrebbe sussistere una presunzione di origine professionale di tali malattie” (alle condizioni prescritte). Ha anche l'importante vantaggio di indicare chiaramente dove dovrebbe avvenire la prevenzione.

                          Il sistema di definizione generale copre teoricamente tutte le malattie professionali; offre la protezione più ampia e flessibile, ma lascia alla vittima la prova dell'origine professionale della malattia e non si pone l'accento sulla prevenzione specifica.

                          A causa di questa marcata differenza tra una definizione generale e un elenco di malattie specifiche, il sistema misto è stato favorito da molti Stati membri dell'ILO perché combina i vantaggi degli altri due senza i loro svantaggi.

                          Elenco delle malattie professionali

                          Convenzione n. 121 e Raccomandazione n. 121

                          L'elenco dell'ILO svolge un ruolo chiave nell'armonizzazione dello sviluppo della politica sulle malattie professionali e nella promozione della loro prevenzione. Ha infatti raggiunto uno status considerevole nel campo della salute e sicurezza sul lavoro. Presenta una chiara dichiarazione di malattie o disturbi che possono e devono essere prevenuti. Così com'è, non include tutte le malattie professionali. Dovrebbe rappresentare quelli più comuni nelle industrie di molti paesi e dove la prevenzione può avere il maggiore impatto sulla salute dei lavoratori.

                          Poiché i modelli di occupazione e i rischi stanno cambiando notevolmente e continuamente in molti paesi, e a causa dell'evoluzione delle conoscenze sulle malattie professionali attraverso studi e ricerche epidemiologiche, l'elenco deve essere modificato e integrato, riflettendo uno stato aggiornato delle conoscenze, per essere giusto per le vittime di queste malattie.

                          Nei paesi sviluppati, le industrie pesanti come la fabbricazione dell'acciaio e l'estrazione mineraria sotterranea sono notevolmente diminuite e le condizioni ambientali sono migliorate. Le industrie dei servizi e gli uffici automatizzati hanno acquisito un'importanza relativa. Una quota di gran lunga maggiore della forza lavoro è costituita da donne che ancora, per la maggior parte, gestiscono la casa e si prendono cura dei figli oltre a lavorare all'esterno. La necessità di asili nido per i bambini è in aumento mentre questi sviluppi pongono ulteriore stress sulle donne. Il lavoro notturno e il lavoro a turni a rotazione sono diventati uno schema normale. Lo stress, sotto tutti gli aspetti, è ormai un problema importante.

                          Nei paesi in via di sviluppo, le industrie pesanti stanno crescendo rapidamente per soddisfare i bisogni locali e di esportazione e fornire lavoro a queste popolazioni in crescita. Le popolazioni rurali si stanno spostando verso le città in cerca di lavoro e per sfuggire alla povertà.

                          I rischi per la salute umana di alcune nuove sostanze chimiche sono noti e viene data particolare enfasi ai test biologici a breve termine o alle esposizioni animali a lungo termine ai fini dell'incidenza tossicologica e cancerogena. Le esposizioni della popolazione attiva nella maggior parte dei paesi sviluppati sono probabilmente controllate a bassi livelli, ma non si può assumere tale garanzia per l'uso di sostanze chimiche in molte altre nazioni. Un esempio particolarmente significativo è fornito dall'uso di pesticidi ed erbicidi in agricoltura. Sebbene non vi siano seri dubbi sul fatto che aumentino i raccolti a breve termine e aumentino il controllo delle malattie trasmesse da vettori come la malaria, non sappiamo chiaramente in quali condizioni controllate possano essere utilizzate senza un impatto rilevante sulla salute dei lavoratori agricoli o di coloro che mangiano i cibi così prodotti. Sembra che in alcuni paesi un gran numero di lavoratori agricoli sia stato avvelenato dal loro uso. Anche nei paesi ben industrializzati la salute dei lavoratori agricoli è un problema serio. L'isolamento e la mancanza di supervisione li mettono a rischio reale. Una questione importante è rappresentata dalla continua produzione di alcune sostanze chimiche in paesi in cui il loro uso è vietato, al fine di esportare tali sostanze chimiche in paesi in cui tale divieto non esiste.

                          Il design e la funzione degli edifici moderni chiusi nei paesi industrializzati e delle apparecchiature elettroniche per ufficio al loro interno hanno ricevuto molta attenzione. I continui movimenti ripetitivi sono ampiamente considerati la causa di sintomi debilitanti.

                          Il fumo di tabacco sul posto di lavoro, sebbene non sia considerato di per sé una causa di malattie professionali, sembra probabile che costituirà un problema in futuro. I non fumatori sono sempre più intolleranti al pericolo per la salute percepito dal fumo emesso dai fumatori nelle vicinanze. È probabile che la pressione per vendere prodotti del tabacco nei paesi in via di sviluppo produrrà un'epidemia di malattie senza precedenti nel prossimo futuro. L'esposizione dei non fumatori all'inquinamento da fumo di tabacco dovrà essere presa in maggiore considerazione. La legislazione pertinente è già in vigore in alcuni paesi. Un rischio molto importante è associato agli operatori sanitari che sono esposti a un'ampia varietà di sostanze chimiche, sensibilizzanti e infezioni. L'epatite e l'AIDS forniscono esempi speciali.

                          L'ingresso delle donne nella forza lavoro in tutti i paesi è alla base del problema dei disturbi riproduttivi associati a fattori legati al luogo di lavoro. Questi includono infertilità, disfunzione sessuale ed effetti sul feto e sulla gravidanza quando le donne sono esposte ad agenti chimici e fattori sul posto di lavoro, incluso lo sforzo ergonomico. Vi è una crescente evidenza che gli stessi problemi possono colpire i lavoratori di sesso maschile.

                          In questo quadro di cambiamento delle popolazioni e dei modelli di rischio, è necessario rivedere l'elenco e aggiungere quelle malattie identificate come professionali. L'elenco allegato alla Convenzione n. 121 dovrebbe pertanto essere aggiornato in modo da includere i disturbi più ampiamente riconosciuti come di origine professionale e quelli più pericolosi per la salute. A questo proposito, nel dicembre 121, l'ILO ha tenuto a Ginevra una consultazione informale sulla revisione dell'elenco delle malattie professionali allegato alla Convenzione n. 1991. Nella loro relazione, gli esperti hanno proposto un nuovo elenco, che è riportato nella tabella 1 .

                           


                          Tabella 1. Elenco proposto dall'ILO delle malattie professionali

                           

                          1.

                          Malattie causate da agenti

                           

                          1.1

                          Malattie causate da agenti chimici

                           

                           

                          1.1.1

                          Malattie causate dal berillio o dai suoi composti tossici

                           

                           

                          1.1.2

                          Malattie causate dal cadmio o dai suoi composti tossici

                           

                           

                          1.1.3

                          Malattie causate dal fosforo o dai suoi composti tossici

                           

                           

                          1.1.4

                          Malattie causate dal cromo o dai suoi composti tossici

                           

                           

                          1.1.5

                          Malattie causate dal manganese o dai suoi composti tossici

                           

                           

                          1.1.6

                          Malattie causate dall'arsenico o dai suoi composti tossici

                           

                           

                          1.1.7

                          Malattie causate dal mercurio o dai suoi composti tossici

                           

                           

                          1.1.8

                          Malattie causate dal piombo o dai suoi composti tossici

                           

                           

                          1.1.9

                          Malattie causate dal fluoro o dai suoi composti tossici

                           

                           

                          1.1.10

                          Malattie causate da solfuro di carbonio

                           

                           

                          1.1.11

                          Malattie causate dai derivati ​​alogenati tossici degli idrocarburi alifatici o aromatici

                           

                           

                          1.1.12

                          Malattie causate dal benzene o dai suoi omologhi tossici

                           

                           

                          1.1.13

                          Malattie causate da derivati ​​tossici nitro e amminici del benzene o dei suoi omologhi

                           

                           

                          1.1.14

                          Malattie causate da nitroglicerina o altri esteri dell'acido nitrico

                           

                           

                          1.1.15

                          Malattie causate da alcoli glicoli o chetoni

                           

                           

                          1.1.16

                          Malattie causate da asfissianti: monossido di carbonio acido cianidrico o suoi derivati ​​tossici acido solfidrico

                           

                           

                          1.1.17

                          Malattie causate dall'acrilonitrito

                           

                           

                          1.1.18

                          Malattie causate da ossidi di azoto

                           

                           

                          1.1.19

                          Malattie causate dal vanadio o dai suoi composti tossici

                           

                           

                          1.1.20

                          Malattie causate dall'antimonio o dai suoi composti tossici

                           

                           

                          1.1.21

                          Malattie causate da esano

                           

                           

                          1.1.22

                          Malattie dei denti dovute agli acidi minerali

                           

                           

                          1.1.23

                          Malattie dovute ad agenti farmaceutici

                           

                           

                          1.1.24

                          Malattie dovute al tallio o ai suoi composti

                           

                           

                          1.1.25

                          Malattie dovute all'osmio o ai suoi composti

                           

                           

                          1.1.26

                          Malattie dovute al selenio o ai suoi composti tossici

                           

                           

                          1.1.27

                          Malattie dovute al rame o ai suoi composti

                           

                           

                          1.1.28

                          Malattie dovute allo stagno o ai suoi composti

                           

                           

                          1.1.29

                          Malattie dovute allo zinco o ai suoi composti tossici

                           

                           

                          1.1.30

                          Malattie da ozono, fosgene

                           

                           

                          1.1.31

                          Malattie da sostanze irritanti: benzochinone e altri irritanti corneali

                           

                           

                          1.1.32

                          Malattie causate da qualsiasi altro agente chimico non menzionato nei precedenti punti da 1.1.1 a 1.1.31 in cui sia accertato un nesso tra l'esposizione di un lavoratore a tale agente chimico e la malattia subita.

                           

                          1.2

                          Malattie causate da agenti fisici

                           

                           

                          1.2.1

                          Compromissione dell'udito causata dal rumore

                           

                           

                          1.2.2

                          Malattie causate da vibrazioni (disturbi di muscoli, tendini, ossa, articolazioni, vasi sanguigni periferici o nervi periferici)

                           

                           

                          1.2.3

                          Malattie causate dal lavoro in aria compressa

                           

                           

                          1.2.4

                          Malattie causate da radiazioni ionizzanti

                           

                           

                          1.2.5

                          Malattie causate da radiazioni di calore

                           

                           

                          1.2.6

                          Malattie causate da radiazioni ultraviolette

                           

                           

                          1.2.7

                          Malattie dovute a temperature estreme (p. es., insolazione, congelamento)

                           

                           

                          1.2.8

                          Malattie causate da qualsiasi altro agente fisico non menzionato nei precedenti punti da 1.2.1 a 1.2.7 in cui sia accertato un legame diretto tra l'esposizione di un lavoratore a tale agente fisico e la malattia subita.

                           

                          1.3

                          agenti biologici

                           

                           

                          1.3.1

                          Infezioni o malattie parassitarie contratte nell'ambito di un'attività lavorativa in cui vi è un particolare rischio di contaminazione

                          2.

                          Malattie da sistemi di organi bersaglio

                           

                          2.1

                          Malattie respiratorie professionali

                           

                           

                          2.1.1

                          Pneumoconiosi causate da polveri minerali sclerogeniche (silicosi, antracosilicosi, asbestosi) e silicotubercolosi, a condizione che la silicosi sia un fattore essenziale nel determinare la conseguente incapacità o morte

                           

                           

                          2.1.2

                          Malattie broncopolmonari causate da polvere di metalli duri

                           

                           

                          2.1.3

                          Malattie broncopolmonari causate da polvere di cotone, lino, canapa o sisal (bissinosi)

                           

                           

                          2.1.4

                          Asma professionale causato da agenti sensibilizzanti riconosciuti o irritanti inerenti al processo lavorativo

                           

                           

                          2.1.5

                          Alveolite allergica estrinseca causata dall'inalazione di polveri organiche come prescritto dalla legislazione nazionale

                           

                           

                          2.1.6

                          Siderosi

                           

                           

                          2.1.7

                          Malattie polmonari ostruttive croniche

                           

                           

                          2.1.8

                          Malattie del polmone dovute all'alluminio

                           

                           

                          2.1.9

                          Disturbi delle vie aeree superiori causati da agenti sensibilizzanti riconosciuti o irritanti inerenti al processo lavorativo

                           

                           

                          2.1.10

                          Qualsiasi altra malattia respiratoria non menzionata nei precedenti punti da 2.1.1 a 2.1.9 causata da un agente in cui è stabilito un legame diretto tra l'esposizione di un lavoratore a tale agente e la malattia subita

                           

                          2.2

                          Malattie professionali della pelle

                           

                           

                          2.2.1

                          Malattie della pelle causate da agenti fisici, chimici o biologici non compresi nelle altre voci

                           

                           

                          2.2.2

                          Vitiligine professionale

                           

                          2.3

                          Disturbi muscolo-scheletrici professionali

                           

                           

                          2.3.1

                          Malattie muscolo-scheletriche causate da specifiche attività lavorative o ambienti di lavoro in cui sono presenti particolari fattori di rischio.

                          Esempi di tali attività o ambienti includono:

                          (a) Movimento rapido o ripetitivo

                          (b) Forti sforzi

                          (c) Eccessive concentrazioni di forza meccanica

                          (d) Posture scomode o non neutre

                          (e) Vibrazione

                          Il freddo locale o ambientale può potenziare il rischio.

                           

                           

                          2.3.2

                          Nistagmo del minatore

                          3.

                          Cancro professionale

                           

                          3.1

                          Cancro causato dai seguenti agenti:

                           

                           

                          3.1.1

                          Amianto

                           

                           

                          3.1.2

                          Benzidina e sali

                           

                           

                          3.1.3

                          Biclorometil etere (BCME)

                           

                           

                          3.1.4

                          Cromo e composti del cromo

                           

                           

                          3.1.5

                          Catrami di carbone e pece di catrame di carbone; fuliggine

                           

                           

                          3.1.6

                          Beta-naftilammina

                           

                           

                          3.1.7

                          Cloruro di vinile

                           

                           

                          3.1.8

                          Benzene o suoi omologhi tossici

                           

                           

                          3.1.9

                          Nitro- e ammino-derivati ​​tossici del benzene o dei suoi omologhi

                           

                           

                          3.1.10

                          Radiazione ionizzante

                           

                           

                          3.1.11

                          Catrame, pece, bitume, olio minerale, antracene o composti, prodotti o residui di tali sostanze

                           

                           

                          3.1.12

                          Emissioni da cokeria

                           

                           

                          3.1.13

                          Composti di nichel

                           

                           

                          3.1.14

                          Polvere di legno

                           

                           

                          3.1.15

                          Cancro causato da qualsiasi altro agente non menzionato nei precedenti punti da 3.1.1 a 3.1.14, qualora sia accertato un legame diretto tra l'esposizione di un lavoratore a tale agente e il cancro subito.

                           


                           

                          Nella loro relazione, gli esperti hanno indicato che l'elenco dovrebbe essere aggiornato regolarmente per contribuire all'armonizzazione delle prestazioni di sicurezza sociale a livello internazionale. È stato chiaramente indicato che non vi è alcuna ragione morale o etica per raccomandare standard in un paese inferiori a quelli di un altro. Ulteriori motivi per rivedere spesso questo elenco includono (1) stimolare la prevenzione delle malattie professionali facilitando una maggiore consapevolezza dei rischi connessi al lavoro, (2) incoraggiare la lotta contro l'uso di sostanze nocive e (3) mantenere i lavoratori sotto controllo medico. La prevenzione delle malattie professionali rimane un obiettivo essenziale di qualsiasi sistema di previdenza sociale che si preoccupi della tutela della salute dei lavoratori.

                          È stato proposto un nuovo formato, suddividendo l'elenco nelle tre seguenti categorie:

                          1. malattie causate da agenti (chimici, fisici, biologici)
                          2. malattie dei sistemi di organi bersaglio (respiratorio, cutaneo, muscoloscheletrico)
                          3. cancro professionale.

                           

                          Di ritorno

                          Leggi 31102 volte Ultima modifica Martedì, Luglio 26 2022 19: 03

                          " DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

                          Contenuti

                          Retribuzione dei lavoratori, argomenti nei riferimenti

                          Abenhaim, L e S Suissa. 1987. Importanza e onere economico del mal di schiena professionale. J Occup Med 29:670-674.

                          Aronoff, GM, PW McLary, A Witkower e MS Berdell. 1987. Programmi di trattamento del dolore: riportano i lavoratori sul posto di lavoro? J Occup Med 29:123-136.

                          Berthelette, D. 1982. Effetti della retribuzione incentivante sulla sicurezza dei lavoratori. N. 8062t. Montréal: IRSST.

                          Brody, B, Y Letourneau e A Poirier. 1990. Teoria dei costi indiretti della prevenzione degli infortuni sul lavoro. J Occupare Acc 13:255-270.

                          Burger, E.J. 1989. Ristrutturazione degli indennizzi per la prevenzione delle malattie professionali. Ann NY Acad Sci 572:282-283.

                          Choi, BC. 1992. Definizione, fonti, entità, modificatori di effetto e strategie di riduzione dell'effetto lavoratore sano. J Occup Med 34:979-988.

                          Cousineau, JM, R Lacroix e AM Girard. 1989. Rischio professionale e differenziali di compensazione salariale. Cahier 2789. Montreal: CRDE, Università di Montreal.

                          Dejours, C. 1993. Ergonomia, salute sul lavoro e stato di salute di gruppi di lavoratori. In Ergonomia e Salute, a cura di D Ramaciotti e A Bousquet. Ginevra: igiene medica.

                          Durrafourg, J e B Pélegrin. 1993. La prevenzione come beneficio. In Ergonomia e Salute, a cura di Ramaciotti e Bousquet. Ginevra: igiene medica.

                          Euzéby, A. 1993. Finanziamento della previdenza sociale: efficacia economica e diritti sociali. Ginevra: OIL.

                          Faverge, JM. 1977. Analisi dei fattori di rischio della sicurezza sul lavoro. Rev Epidemiol Santé Publ 25:229-241.

                          François, M e D Liévin. 1993. Esiste un rischio specifico per i lavori precari? In Ergonomia e Salute, a cura di Ramaciotti e Bousquet. Ginevra: igiene medica.

                          Gressot, M e P Rey. 1982. Analisi statistica degli infortuni sul lavoro utilizzando i dati CNA (Svizzera). Sozial-und Präventivmedizin 27:167-172.

                          Helmkamp, ​​JC e CM Bone. 1987. L'effetto del tempo in un nuovo lavoro sui tassi di ospedalizzazione per incidenti e infortuni nella Marina degli Stati Uniti, dal 1977 al 1983. J Occup Med 29: 653-659.

                          Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1964. Convenzione sulle indennità di infortunio sul lavoro, 1964 (n. 121) e Raccomandazione, 1964 (n. 121). Ginevra: OIL.

                          —. 1993. Atti del Simposio internazionale sulle malattie legate al lavoro: prevenzione e promozione della salute (ottobre 1992). Linz: OIL.

                          Johnson, MR e BA Schmieden. 1992. Sviluppo di un servizio di informazione basato sulla biblioteca per il tema della retribuzione del lavoratore: una proposta. J Occup Med 34:975-977.

                          Judd, FK e GD Burrows. 1986. Risarcimento e riabilitazione psichiatrica. Med J Australe 144:131-135.

                          Laflamme, L e A Arsenault. 1984. Modalità salariali e infortuni sul lavoro. Ind Relat J 39:509-525.

                          Léger, JP e io Macun. 1990. Sicurezza nell'industria sudafricana: analisi delle statistiche sugli incidenti. J Occup Med 11:197-220.

                          Mallino, D.L. 1989. Indennità dei lavoratori e prevenzione delle malattie professionali. Ann NY Acad Sci 572:271-277.

                          Mikaelsson, B e C Lister. 1991. Assicurazione svedese contro gli infortuni sul lavoro: un programma lodevole che necessita di riforma. Int Soc Sec Ap 44:39-50.

                          Morabia, A. 1984. Il Sistema Preventivo Italiano per l'Ambiente di Lavoro. Cahiers ECOTRA, n. 5. Ginevra: Università di Ginevra.

                          Istituto nazionale per la vita lavorativa e il mercato del lavoro Fiducia assicurativa per responsabilità senza colpa. 1995. Malattia professionale. Agente pericoloso sul lavoro: infortuni sul lavoro (in svedese). Arbete och hälsa 16:1-219.

                          Niemcryk, SJ, CD Jenkins, RM Rose e MW Hurst. 1987. L'impatto prospettico delle variabili psicologiche sui tassi di malattia e infortunio nei dipendenti professionisti. J Occup Med 29:645-652.

                          Legge ufficiale sull'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. 1993. Rif. SFS 1976:380 con modifica in SFS 1993:357 (in svedese).

                          Rey, P e A Bousquet. 1995. Risarcimento per infortuni e malattie professionali: il suo effetto sulla prevenzione sul posto di lavoro. Ergonomia 38:475-486.

                          Rey, P, V Gonik, and D Ramaciotti. 1984. Medicina del lavoro all'interno del sistema sanitario svizzero. Ginevra: Cahiers ECOTRA, n. 4. Ginevra: Università di Ginevra.

                          Rey, P, JJ Meyer e A Bousquet. 1991. Lavoratori che utilizzano videoterminali: difficoltà sul posto di lavoro e atteggiamento del medico del lavoro in tal caso. In Ergonomia, salute e sicurezza, a cura di Singleton e Dirkx. Lovanio: Leuven Univ. Premere.

                          Stonecipher, LJ e GC Hyner. 1993. Pratiche sanitarie prima e dopo uno screening sanitario sul posto di lavoro. J Occup Med 35:297-305.

                          Tchopp, P. 1995. Crises et mutations économiques: l'impact sur la sécurité sociale. Realtà Sociali. 29:75-83.

                          Von Allmen, M e D Ramaciotti.1993. Occupazione LBP e vita quotidiana. FNRS n. 402-7068.

                          Walsh, N e D Dumitru. 1988. L'influenza del risarcimento sul recupero da LPB. In Back Pain in Workers, a cura di Rayo. Filadelfia: Hanley & Belfus.

                          Walters, V e T Haines. 1988. Utilizzo e conoscenza da parte del lavoratore del “sistema di responsabilità interna”. Limiti alla partecipazione alla salute e sicurezza sul lavoro. Politica sanitaria canadese 14:411-423.

                          Warshaw, L.J. 1988. Stress professionale. Occup Med: State Art Rev 3:587-593.

                          Yassi, A.1983. Recenti sviluppi nella remunerazione dei lavoratori. Prima conferenza annuale del Consiglio canadese di medicina del lavoro, novembre, Toronto.