Giovedi, 17 marzo 2011 18: 09

Sorveglianza sui rischi professionali

Vota questo gioco
(2 voti )

La sorveglianza dei pericoli è il processo di valutazione della distribuzione e delle tendenze secolari nell'uso e nei livelli di esposizione dei pericoli responsabili di malattie e lesioni (Wegman 1992). In un contesto di salute pubblica, la sorveglianza dei rischi identifica processi lavorativi o singoli lavoratori esposti a livelli elevati di rischi specifici in particolari settori e categorie di lavoro. Poiché la sorveglianza dei pericoli non è diretta agli eventi patologici, il suo utilizzo nel guidare l'intervento di sanità pubblica generalmente richiede che sia stata precedentemente stabilita una chiara relazione esposizione-esito. La sorveglianza può quindi essere giustificata dal presupposto che la riduzione dell'esposizione risulterà in una riduzione della malattia. L'uso corretto dei dati di sorveglianza dei rischi consente un intervento tempestivo, consentendo la prevenzione delle malattie professionali. Il suo vantaggio più significativo è quindi l'eliminazione della necessità di attendere che si verifichi una malattia evidente o addirittura la morte prima di adottare misure per proteggere i lavoratori.

Ci sono almeno altri cinque vantaggi della sorveglianza dei rischi che completano quelli forniti dalla sorveglianza delle malattie. In primo luogo, l'identificazione di eventi di pericolo è solitamente molto più semplice rispetto all'identificazione di eventi di malattie professionali, in particolare per malattie come il cancro che hanno lunghi periodi di latenza. In secondo luogo, l'attenzione ai pericoli (piuttosto che alle malattie) ha il vantaggio di dirigere l'attenzione sulle esposizioni che, in definitiva, devono essere controllate. Ad esempio, la sorveglianza del cancro ai polmoni potrebbe concentrarsi sui tassi nei lavoratori dell'amianto. Tuttavia, una parte considerevole del cancro ai polmoni in questa popolazione potrebbe essere dovuta al fumo di sigaretta, indipendentemente o in interazione con l'esposizione all'amianto, quindi potrebbe essere necessario studiare un gran numero di lavoratori per rilevare un piccolo numero di tumori correlati all'amianto. D'altro canto, la sorveglianza dell'esposizione all'amianto potrebbe fornire informazioni sui livelli e sui modelli di esposizione (posti di lavoro, processi o settori) in cui esiste il controllo dell'esposizione più scarso. Quindi, anche senza un conteggio effettivo dei casi di cancro ai polmoni, gli sforzi per ridurre o eliminare l'esposizione sarebbero opportunamente implementati.

In terzo luogo, poiché non tutte le esposizioni provocano malattie, gli eventi di pericolo si verificano con una frequenza molto più elevata rispetto agli eventi di malattia, con conseguente possibilità di osservare un modello emergente o cambiare nel tempo più facilmente che con la sorveglianza della malattia. Collegato a questo vantaggio è l'opportunità di utilizzare maggiormente gli eventi sentinella. Un pericolo sentinella può essere semplicemente la presenza di un'esposizione (ad es. berillio), come indicato dalla misurazione diretta sul posto di lavoro; la presenza di un'esposizione eccessiva, come indicato dal monitoraggio dei biomarcatori (ad esempio, livelli elevati di piombo nel sangue); o un rapporto di un incidente (ad esempio, una fuoriuscita di sostanze chimiche).

Un quarto vantaggio della sorveglianza dei pericoli è che i dati raccolti a tale scopo non violano la privacy di un individuo. La riservatezza delle cartelle cliniche non è a rischio e si evita la possibilità di stigmatizzare un individuo con un'etichetta di malattia. Ciò è particolarmente importante in contesti industriali in cui il lavoro di una persona può essere in pericolo o una potenziale richiesta di risarcimento può influire sulla scelta di opzioni diagnostiche da parte di un medico.

Infine, la sorveglianza dei rischi può trarre vantaggio da sistemi progettati per altri scopi. Esempi di raccolta in corso di informazioni sui pericoli già esistenti includono registri sull'uso di sostanze tossiche o scarichi di materiali pericolosi, registri per sostanze pericolose specifiche e informazioni raccolte dalle agenzie di regolamentazione per l'uso in conformità. Per molti aspetti, l'igienista industriale praticante ha già abbastanza familiarità con gli usi di sorveglianza dei dati sull'esposizione.

I dati sulla sorveglianza dei pericoli possono integrare la sorveglianza delle malattie sia per la ricerca volta a stabilire o confermare un'associazione pericolo-malattia, sia per le applicazioni di sanità pubblica, ei dati raccolti in entrambi i casi possono essere utilizzati per determinare la necessità di rimedi. Diverse funzioni sono servite dai dati di sorveglianza nazionale (come potrebbero essere sviluppati utilizzando i dati del sistema informativo di gestione integrato dell'OSHA statunitense sui risultati dei campioni di conformità all'igiene industriale - vedi sotto) in contrasto con quelli serviti dai dati di sorveglianza dei pericoli a livello di impianto, dove molto più dettagliati focus e analisi sono possibili.

I dati nazionali possono essere estremamente importanti nell'indirizzare le ispezioni per l'attività di conformità o per determinare quale sia la probabile distribuzione dei rischi che si tradurrà in richieste specifiche di servizi medici per una regione. La sorveglianza dei pericoli a livello di impianto, tuttavia, fornisce i dettagli necessari per un attento esame delle tendenze nel tempo. A volte una tendenza si verifica indipendentemente dai cambiamenti nei controlli, ma piuttosto in risposta a cambiamenti di prodotto che non sarebbero evidenti nei dati raggruppati per regione. Sia gli approcci nazionali che quelli a livello di stabilimento possono essere utili per determinare se sono necessari studi scientifici pianificati o programmi educativi per lavoratori e dirigenti.

Combinando i dati di sorveglianza dei rischi provenienti da ispezioni di routine in una vasta gamma di industrie apparentemente non correlate, a volte è possibile identificare gruppi di lavoratori per i quali una forte esposizione potrebbe altrimenti essere trascurata. Ad esempio, l'analisi delle concentrazioni di piombo aerodisperso determinate nelle ispezioni di conformità OSHA dal 1979 al 1985 ha identificato 52 industrie in cui il limite di esposizione consentito (PEL) è stato superato in più di un terzo delle ispezioni (Froines et al. 1990). Queste industrie includevano la fusione primaria e secondaria, la produzione di batterie, la produzione di pigmenti e le fonderie di ottone/bronzo. Poiché si tratta di tutti settori con un'esposizione al piombo storicamente elevata, esposizioni eccessive indicavano uno scarso controllo dei pericoli noti. Tuttavia, alcuni di questi luoghi di lavoro sono piuttosto piccoli, come le operazioni secondarie di fonderia di piombo, ed è improbabile che singoli gestori o operatori di impianti effettuino un campionamento sistematico dell'esposizione e potrebbero quindi non essere a conoscenza di gravi problemi di esposizione al piombo nei propri luoghi di lavoro. Contrariamente agli elevati livelli di esposizione ambientale al piombo che ci si sarebbe potuti aspettare in queste industrie di base del piombo, è stato anche notato che oltre un terzo degli stabilimenti oggetto dell'indagine in cui i PEL sono stati superati derivava da operazioni di verniciatura in un'ampia varietà di impostazioni generali del settore. È noto che i verniciatori di acciaio strutturale sono a rischio di esposizione al piombo, ma poca attenzione è stata rivolta alle industrie che impiegano verniciatori in piccole operazioni di verniciatura di macchinari o parti di macchinari. Questi lavoratori sono a rischio di esposizioni pericolose, ma spesso non sono considerati lavoratori di piombo perché operano in un settore che non è basato sul piombo. In un certo senso, questo sondaggio ha rivelato la prova di un rischio che era noto ma che era stato dimenticato fino a quando non è stato identificato dall'analisi di questi dati di sorveglianza.

Obiettivi della sorveglianza dei rischi

I programmi di sorveglianza dei rischi possono avere una varietà di obiettivi e strutture. In primo luogo, consentono di focalizzare le azioni di intervento e aiutano a valutare i programmi esistenti ea progettarne di nuovi. L'uso attento delle informazioni sulla sorveglianza dei pericoli può portare alla diagnosi precoce di guasti del sistema e richiamare l'attenzione sulla necessità di migliorare i controlli o le riparazioni prima che si verifichino effettivamente esposizioni eccessive o malattie. I dati di tali sforzi possono anche fornire la prova della necessità di una regolamentazione nuova o rivista per un pericolo specifico. In secondo luogo, i dati di sorveglianza possono essere incorporati nelle proiezioni di malattie future per consentire la pianificazione sia della conformità che dell'uso delle risorse mediche. In terzo luogo, utilizzando metodologie di esposizione standardizzate, i lavoratori a vari livelli organizzativi e governativi possono produrre dati che consentono di concentrarsi su una nazione, una città, un'industria, uno stabilimento o persino un lavoro. Con questa flessibilità, la sorveglianza può essere mirata, adattata secondo necessità e perfezionata man mano che nuove informazioni diventano disponibili o quando vengono risolti vecchi problemi o ne compaiono di nuovi. Infine, i dati sulla sorveglianza dei pericoli dovrebbero rivelarsi preziosi nella pianificazione di studi epidemiologici, identificando le aree in cui tali studi sarebbero più fruttuosi.

Esempi di sorveglianza dei rischi

Registro degli agenti cancerogeni: Finlandia. Nel 1979 la Finlandia ha iniziato a richiedere la comunicazione nazionale dell'uso di 50 diversi agenti cancerogeni nell'industria. Le tendenze nei primi sette anni di sorveglianza sono state riportate nel 1988 (Alho, Kauppinen e Sundquist 1988). Oltre due terzi dei lavoratori esposti ad agenti cancerogeni lavoravano solo con tre tipi di agenti cancerogeni: cromati, nichel e composti inorganici o amianto. La sorveglianza dei rischi ha rivelato che un numero sorprendentemente piccolo di composti rappresentava la maggior parte delle esposizioni cancerogene, migliorando così notevolmente l'attenzione per gli sforzi per la riduzione dell'uso tossico e per i controlli dell'esposizione.

Un altro uso importante del registro è stata la valutazione dei motivi per cui gli elenchi "sono usciti" dal sistema, ovvero perché l'uso di un agente cancerogeno è stato segnalato una volta ma non nelle indagini successive. Il 5% delle uscite era dovuto a un'esposizione continua ma non dichiarata. Ciò ha portato all'educazione e al feedback per le industrie di segnalazione sul valore di una segnalazione accurata. Il XNUMX% è uscito perché l'esposizione era cessata, e tra questi oltre la metà è uscita per sostituzione con un non cancerogeno. È possibile che i risultati dei rapporti del sistema di sorveglianza abbiano stimolato la sostituzione. La maggior parte delle uscite rimanenti è derivata dall'eliminazione delle esposizioni mediante controlli tecnici, modifiche ai processi o una notevole riduzione dell'uso o del tempo di esposizione. Solo il XNUMX% delle uscite è derivato dall'uso di dispositivi di protezione individuale. Questo esempio mostra come un registro delle esposizioni può fornire una ricca risorsa per comprendere l'uso di agenti cancerogeni e per tenere traccia del cambiamento nell'uso nel tempo.

Indagine nazionale sull'esposizione professionale (NOES). Il NIOSH statunitense ha condotto due Indagini nazionali sull'esposizione professionale (NOES) a distanza di dieci anni per stimare il numero di lavoratori e luoghi di lavoro potenzialmente esposti a ciascuno di un'ampia varietà di pericoli. Sono state preparate mappe nazionali e statali che mostrano gli elementi esaminati, come il modello di esposizione dei lavoratori e del posto di lavoro alla formaldeide (Frazier, Lalich e Pedersen 1983). Sovrapponendo queste mappe a mappe di mortalità per cause specifiche (es. cancro del seno nasale) si offre l'opportunità di semplici esami ecologici atti a generare ipotesi che possono poi essere indagate da opportuni studi epidemiologici.

Sono stati esaminati anche i cambiamenti tra le due indagini, ad esempio le proporzioni delle strutture in cui c'erano potenziali esposizioni a rumore continuo senza controlli funzionanti (Seta e Sundin 1984). Esaminando per settore, si sono osservati pochi cambiamenti per gli appaltatori generali di costruzioni (dal 92.5% all'88.4%), mentre si è registrato un notevole calo per i prodotti chimici e affini (dall'88.8% al 38.0%) e per i servizi di riparazione vari (dall'81.1% al 21.2%). ). Possibili spiegazioni includevano l'approvazione della legge sulla sicurezza e salute sul lavoro, accordi di contrattazione collettiva, preoccupazioni relative alla responsabilità legale e maggiore consapevolezza dei dipendenti.

Misure di ispezione (esposizione) (OSHA). L'US OSHA ispeziona i luoghi di lavoro per valutare l'adeguatezza dei controlli dell'esposizione da oltre vent'anni. Per la maggior parte del tempo, i dati sono stati inseriti in un database, l'Integrated Management Information System (OSHA/IMIS). Le tendenze secolari generali in casi selezionati sono state esaminate dal 1979 al 1987. Per l'amianto, vi sono buone prove di controlli ampiamente riusciti. Al contrario, mentre il numero di campioni raccolti per esposizioni a silice e piombo è diminuito in quegli anni, entrambe le sostanze hanno continuato a mostrare un numero consistente di sovraesposizioni. I dati hanno anche mostrato che, nonostante il numero ridotto di ispezioni, la percentuale di ispezioni in cui sono stati superati i limiti di esposizione è rimasta sostanzialmente costante. Tali dati potrebbero essere molto istruttivi per l'OSHA durante la pianificazione delle strategie di conformità per silice e piombo.

Un altro utilizzo del database delle ispezioni sul posto di lavoro è stato un esame quantitativo dei livelli di esposizione alla silice per nove industrie e posti di lavoro all'interno di tali industrie (Froines, Wegman e Dellenbaugh 1986). I limiti di esposizione sono stati superati in varia misura, dal 14% (fonderie di alluminio) al 73% (ceramiche). All'interno delle ceramiche, sono stati esaminati lavori specifici e la percentuale di superamento dei limiti di esposizione variava dallo 0% (operai) al 69% (lavoratori di cantine). Il grado in cui i campioni superavano il limite di esposizione variava a seconda del lavoro. Per i lavoratori delle cantine le esposizioni in eccesso erano, in media, il doppio del limite di esposizione, mentre gli spruzzatori di barbottina/smalto avevano esposizioni in eccesso in media di oltre otto volte il limite. Questo livello di dettaglio dovrebbe rivelarsi prezioso per la direzione e i lavoratori impiegati nelle ceramiche, nonché per le agenzie governative responsabili della regolamentazione delle esposizioni professionali.

In breve

Questo articolo ha identificato lo scopo della sorveglianza dei pericoli, ne ha descritto i vantaggi e alcuni dei suoi limiti e ha offerto diversi esempi in cui ha fornito utili informazioni sulla salute pubblica. Tuttavia, la sorveglianza dei pericoli non dovrebbe sostituire la sorveglianza delle malattie non infettive. Nel 1977 una task force del NIOSH ha sottolineato la relativa interdipendenza dei due principali tipi di sorveglianza, affermando:

La sorveglianza dei pericoli e delle malattie non può procedere separatamente l'una dall'altra. La riuscita caratterizzazione dei pericoli associati a diversi settori o occupazioni, unitamente alle informazioni tossicologiche e mediche relative ai pericoli, può suggerire settori o gruppi professionali appropriati per la sorveglianza epidemiologica (Craft et al. 1977).

 

Di ritorno

Leggi 6707 volte Ultima modifica giovedì 13 ottobre 2011 20:46

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Sistemi di registrazione e riferimenti di sorveglianza

Agricola, G. 1556. De Re Metallica. Tradotto da HC Hoover e LH Hoover. 1950. New York: Dover.

Ahrens, W, KH Jöckel, P Brochard, U Bolm-Audorf, K Grossgarten, Y Iwatsubo, E Orlowski, H Pohlabeln e F Berrino. 1993. Valutazione retrospettiva dell'esposizione all'amianto. l. Analisi caso-controllo in uno studio sul cancro del polmone: efficienza dei questionari specifici per il lavoro e matrici di esposizione al lavoro. Int J Epidemiol 1993 Suppl. 2:S83-S95.

Alho, J, T Kauppinen e E Sundquist. 1988. Uso della registrazione dell'esposizione nella prevenzione del cancro professionale in Finlandia. Am J Ind Med 13:581-592.

Istituto nazionale americano per gli standard (ANSI). 1963. Metodo standard nazionale americano per la registrazione dei fatti di base relativi alla natura e all'occorrenza degli infortuni sul lavoro. New York: ANSI.

Panettiere, E.L. 1986. Piano completo per la sorveglianza delle malattie professionali e degli infortuni negli Stati Uniti. Washington, DC: NIOSH.

Baker, EL, PA Honchar e LJ Fine. 1989. Sorveglianza in caso di malattia e infortunio sul lavoro: concetti e contenuto. Am J Sanità pubblica 79:9-11.

Baker, EL, JM Melius e JD Millar. 1988. Sorveglianza delle malattie professionali e infortuni negli Stati Uniti: prospettive attuali e direzioni future. J Publ Health Policy 9:198-221.

Baser, ME e D Marion. 1990. Un registro dei casi in tutto lo stato per la sorveglianza dell'assorbimento professionale di metalli pesanti. Am J Sanità pubblica 80:162-164.

Bennett, B. 1990. Registro mondiale dei casi di angiosarcoma del fegato (ASL) dovuto al cloruro di vinile monomero: registro ICI.

Brackbill, RM, TM Frazier e S Shilling. 1988. Caratteristiche del fumo dei lavoratori, 1978-1980. Am J Ind Med 13:4-41.

Burdoff, A. 1995. Riduzione dell'errore di misurazione casuale nella valutazione del carico posturale sulla schiena nelle indagini epidemiologiche. Scand J Ambiente di lavoro Salute 21:15-23.

Ufficio di statistica del lavoro (BLS). 1986. Linee guida per la tenuta dei registri per infortuni e malattie professionali. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1989. Infortuni e malattie sul lavoro in California. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1992. Manuale di classificazione degli infortuni sul lavoro e delle malattie. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1993a. Infortuni e malattie professionali negli Stati Uniti per industria, 1991. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1993 b. Indagine sugli infortuni e le malattie professionali. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1994. Indagine sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie, 1992. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

Ufficio del censimento. 1992. Elenco alfabetico delle industrie e delle occupazioni. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

—. 1993. Current Population Survey, da gennaio a dicembre 1993 (file di dati leggibili dalla macchina). Washington, DC: Ufficio del censimento.

Burstein, JM e BS Levy. 1994. L'insegnamento della medicina del lavoro nelle facoltà di medicina degli Stati Uniti. Piccolo miglioramento in nove anni. Am J Salute pubblica 84:846-849.

Castorino, J e L Rosenstock. 1992. Carenza di medici in medicina del lavoro e ambientale. Ann Intern Med 113:983-986.

Checkoway, H, NE Pearce e DJ Crawford-Brown. 1989. Metodi di ricerca in epidemiologia occupazionale. New York: Università di Oxford. Premere.

Chowdhury, NH, C Fowler e FJ Mycroft. 1994. Epidemiologia e sorveglianza del piombo nel sangue degli adulti - Stati Uniti, 1992-1994. Morb Mortal Weekly Rep 43:483-485.

Coenen, W. 1981. Strategie di misurazione e concetti di documentazione per la raccolta di materiali di lavoro pericolosi. Prevenzione degli infortuni moderna (in tedesco). Mod Unfallverhütung:52-57.

Coenen, W e LH Engels. 1993. Padroneggiare i rischi sul lavoro. Ricerca per lo sviluppo di nuove strategie preventive (in tedesco). BG 2:88-91.

Craft, B, D Spundin, R Spirtas e V Behrens. 1977. Progetto di relazione di una task force sulla sorveglianza della salute sul lavoro. In Hazard Surveillance in Occupational Disease, a cura di J Froines, DH Wegman e E Eisen. Am J Pub Health 79 (Supplemento) 1989.

Dubrow, R, JP Sestito, NR Lalich, CA Burnett e JA Salg. 1987. Sorveglianza della mortalità professionale basata sui certificati di morte negli Stati Uniti. Am J Ind Med 11:329-342.

Figgs, LW, M Dosemeci e A Blair. 1995. Sorveglianza del linfoma non Hodgkin degli Stati Uniti per occupazione 1984-1989: uno studio sui certificati di morte in ventiquattro stati. Am J Ind Med 27:817-835.

Frazier, TM, NR Lalich e DH Pederson. 1983. Usi di mappe generate al computer nella sorveglianza dei rischi professionali e della mortalità. Scand J Ambiente di lavoro Salute 9:148-154.

Freund, E, PJ Seligman, TL Chorba, SK Safford, JG Drachmann e HF Hull. 1989. Segnalazione obbligatoria delle malattie professionali da parte dei medici. GIAMA 262:3041-3044.

Froines, JR, DH Wegman e CA Dellenbaugh. 1986. Un approccio alla caratterizzazione dell'esposizione alla silice nell'industria statunitense. Am J Ind Med 10:345-361.

Froines, JR, S Baron, DH Wegman e S O'Rourke. 1990. Caratterizzazione delle concentrazioni aeree di piombo nell'industria statunitense. Am J Ind Med 18:1-17.

Gallagher, RF, WJ Threlfall, PR Band e JJ Spinelli. 1989. Mortalità professionale nella Columbia Britannica 1950-1984. Vancouver: Agenzia per il controllo del cancro della Columbia Britannica.

Guralnick, L. 1962. Mortalità per occupazione e industria tra gli uomini di età compresa tra 20 e 46 anni: Stati Uniti, 1950. Vital Statistics-Special Reports 53 (2). Washington, DC: Centro nazionale per le statistiche sanitarie.

—. 1963a. Mortalità per industria e causa di morte tra gli uomini di età compresa tra 20 e 40 anni: Stati Uniti, 1950. Vital Statistics-Special Reports, 53 (4). Washington, DC: Centro nazionale per le statistiche sanitarie.

—. 1963 b. Mortalità per occupazione e causa di morte tra gli uomini di età compresa tra 20 e 64 anni: Stati Uniti, 1950. Vital Statistics-Special Reports 53 (3). Washington, DC: Centro nazionale per le statistiche sanitarie.

Halperin, WE e TM Frazier. 1985. Sorveglianza per gli effetti dell'esposizione sul posto di lavoro. Ann Rev Salute Pubblica 6:419-432.

Hansen, DJ e LW Whitehead. 1988. L'influenza del compito e della posizione sulle esposizioni ai solventi in un impianto di stampa. Am Ind Hyg Assoc J 49:259-265.

Haerting, FH e W Hesse. 1879. Der Lungenkrebs, die Bergkrankheit in den Schneeberger Gruben Vierteljahrsschr gerichtl. Medizin und Öffentl. Gesundheitswesen 31:296-307.

Istituto di Medicina. 1988. Ruolo del Medico di Base in Medicina del Lavoro e dell'Ambiente. Washington, DC: National Academy Press.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1990. Erbicidi e contaminanti dell'acido fenossidico: descrizione del registro internazionale dei lavoratori IARC. Am J Ind Med 18:39-45.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1980. Linee guida per l'uso della classificazione internazionale ILO delle radiografie delle pneumoconiosi. Serie sulla sicurezza e la salute sul lavoro, n. 22. Ginevra: ILO.

Jacobi, W, K Henrichs e D Barclay. 1992. Verursachungswahrscheinlichkeit von Lungenkrebs durch die berufliche Strahlenexposition von Uran-Bergarbeitem der Wismut AG. Neuherberg: GSF—Bericht S-14/92.

Jacobi, W e P Roth. 1995. Risiko und Verursachungs-Wahrscheinlichkeit von extrapulmonalen Krebserkrankungen durch die berufliche Strahlenexposition von Beschäftigten der ehemaligen. Neuherberg: GSF—Bericht S-4/95.

Kauppinen, T, M Kogevinas, E Johnson, H Becher, PA Bertazzi, HB de Mesquita, D Coggon, L Green, M Littorin e E Lynge. 1993. Esposizione chimica nella produzione di erbicidi fenossidici e clorofenoli e nell'irrorazione di erbicidi fenossidici. Am J Ind Med 23:903-920.

Landrigan, P.J. 1989. Migliorare la sorveglianza delle malattie professionali. Am J Sanità pubblica 79:1601-1602.

Lee, HS e WH Phoon. 1989. Asma professionale a Singapore. J Occup Med, Singapore 1:22-27.

Linet, MS, H Malker e JK McLaughlin. 1988. Leucemie e occupazione in Svezia. Un'analisi basata sul registro. Am J Ind Med 14:319-330.

Lubin, JH, JD Boise, RW Hornung, C Edling, GR Howe, E Kunz, RA Kusiak, HI Morrison, EP Radford, JM Samet, M Tirmarche, A Woodward, TS Xiang e DA Pierce. 1994. Radon e rischio di cancro ai polmoni: un'analisi congiunta di 11 studi sui minatori sotterranei. Bethesda, MD: Istituto Nazionale della Sanità (NIH).

Markowitz, S. 1992. Il ruolo della sorveglianza nella salute sul lavoro. In Medicina Ambientale e del Lavoro, a cura di W Rom.

Markowitz, SB, E Fischer, MD Fahs, J Shapiro e P Landrigan. 1989. Malattia professionale nello Stato di New York. Am J Ind Med 16:417-435.

Matte, TD, RE Hoffman, KD Rosenman e M Stanbury. 1990. Sorveglianza dell'asma occupazionale nell'ambito del modello SENSOR. Petto 98:173S-178S.

McDowell, ME. 1983. Mortalità per leucemia negli elettricisti in Inghilterra e Galles. Lancetta 1:246.

Melius, JM, JP Sestito e PJ Seligman. 1989. Sorveglianza delle malattie professionali con fonti di dati esistenti. Am J Sanità pubblica 79:46-52.

Milham, S. 1982. Mortalità per leucemia nei lavoratori esposti a campi elettrici e magnetici. New Engl J Med 307:249.

—. 1983. Mortalità professionale nello Stato di Washington 1950-1979. Pubblicazione NIOSH n. 83-116. Springfield, Virginia: Servizio nazionale di informazioni tecniche.

Muldoon, JT, LA Wintermeyer, JA Eure, L Fuortes, JA Merchant, LSF Van e TB Richards. 1987. Fonti di dati di sorveglianza delle malattie professionali 1985. Am J Public Health 77:1006-1008.

Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). 1984. Strategie di test di tossicità per determinare bisogni e priorità. Washington, DC: stampa accademica nazionale.

Ufficio di gestione e bilancio (OMB). 1987. Manuale di classificazione industriale standard. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

OSHA. 1970. Legge sulla sicurezza e la salute sul lavoro del 1970 Legge pubblica 91-596 91° Congresso degli Stati Uniti.

Ott, G. 1993. Proposte strategiche per la tecnica di misurazione nei casi di danno (in tedesco). Dräger Heft 355:2-5.

Pearce, NE, RA Sheppard, JK Howard, J Fraser e BM Lilley. 1985. Leucemia negli elettricisti in Nuova Zelanda. Lancetta II:811-812.

Phoon, WH. 1989. Malattie professionali a Singapore. J Occup Med, Singapore 1:17-21.

Pollack, ES e DG Keimig (a cura di). 1987. Conteggio infortuni e malattie sul posto di lavoro: proposte per un sistema migliore. Washington, DC: National Academy Press.

Rajewsky, B. 1939. Bericht über die Schneeberger Untersuchungen. Zeitschrift für Krebsforschung 49:315-340.

Rapport, SM. 1991. Valutazione delle esposizioni a lungo termine a sostanze tossiche nell'aria. Ann Occup Hyg 35:61-121.

Cancelliere Generale. 1986. Occupation Mortality, Decennial Supplement for England and Wales, 1979-1980, 1982-1983 Part I Commentary. Serie DS, n. 6. Londra: ufficio di cancelleria di Sua Maestà.

Robinson, C, F Stern, W Halperin, H Venable, M Petersen, T Frazier, C Burnett, N Lalich, J Salg e J Sestito. 1995. Valutazione della mortalità nel settore delle costruzioni negli Stati Uniti, 1984-1986. Am J Ind Med 28:49-70.

Roche, L.M. 1993. Uso dei rapporti di malattia del datore di lavoro per la sorveglianza delle malattie professionali tra i dipendenti pubblici nel New Jersey. J Occup Med 35:581-586.

Rosenmann, KD. 1988. Utilizzo dei dati di dimissione ospedaliera nella sorveglianza delle malattie professionali. Am J Ind Med 13:281-289.

Rosenstock, L. 1981. Medicina del lavoro: troppo a lungo trascurata. Ann Intern Med 95:994.

Rothmann, KJ. 1986. Epidemiologia moderna. Boston: Little, Brown & Co.

Seifert, B. 1987. Strategia di misurazione e procedura di misurazione per le indagini sull'aria interna. Tecnica di misurazione e protezione dell'ambiente (in tedesco). 2:M61-M65.

Selikoff, IJ. 1982. Risarcimento di invalidità per malattia associata all'amianto negli Stati Uniti. New York: Scuola di Medicina del Monte Sinai.

Selikoff, IJ, EC Hammond e H Seidman. 1979. Esperienza di mortalità dei lavoratori dell'isolamento negli Stati Uniti e in Canada, 1943-1976. Ann NY Acad Sci 330:91-116.

Selikoff, IJ e H. Seidman. 1991. Morti associate all'amianto tra i lavoratori dell'isolamento negli Stati Uniti e in Canada, 1967-1987. Ann NY Acad Sci 643:1-14.

Seta, JA e DS Sundin. 1984. Tendenze di un decennio: una prospettiva sulla sorveglianza dei rischi professionali 1970-1983. Morb Mortal Weekly Rep 34(2):15SS-24SS.

Scellino, S e RM Brackbill. 1987. Rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro e potenziali conseguenze per la salute percepite dai lavoratori statunitensi. Publ Health Rep 102:36-46.

Slighter, R. 1994. Comunicazione personale, Programma di compensazione dell'Ufficio degli Stati Uniti per i lavoratori, 13 settembre 1994.

Tanaka, S, DK Wild, PJ Seligman, WE Halperin, VJ Behrens e V Putz-Anderson. 1995. Prevalenza e correlazione con il lavoro della sindrome del tunnel carpale auto-riferita tra i lavoratori statunitensi: analisi dei dati del supplemento di salute sul lavoro dell'indagine sull'intervista sulla salute nazionale del 1988. Am J Ind Med 27:451-470.

Teschke, K, SA Marion, A Jin, RA Fenske e C van Netten. 1994. Strategie per determinare l'esposizione professionale nella valutazione del rischio. Una revisione e una proposta per valutare le esposizioni ai fungicidi nell'industria del legname. Am Ind Hyg Assoc J 55:443-449.

Ullrich, D. 1995. Metodi per determinare l'inquinamento dell'aria interna. Qualità dell'aria interna (in tedesco). Rapporto BIA 2/95,91-96.

Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (USDHHS). 1980. Caratteristiche industriali delle persone che segnalano morbilità durante i sondaggi sui colloqui sulla salute condotti nel 1969-1974. Washington, DC: USDHHS.

—. Luglio 1993. Statistiche vitali e sanitarie Condizioni di salute tra gli attualmente occupati: Stati Uniti 1988. Washington, DC: USDHHS.

—. Luglio 1994. Piano di statistiche vitali e sanitarie e funzionamento della terza indagine nazionale sull'esame della salute e della nutrizione, 1988-94. vol. N. 32. Washington, DC: USDHHS.

Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti (USDOL). 1980. Un rapporto provvisorio al Congresso sulle malattie professionali. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

Servizi sanitari pubblici statunitensi (USPHS). 1989. Classificazione internazionale delle malattie, nona revisione, modificazione clinica. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

Wegmann, D.H. 1992. Sorveglianza dei rischi. Cap. 6 in Public Health Surveillance, a cura di W Halperin, EL Baker e RR Ronson. New York: Van Nostrand Reinhold.

Wegman, DH e JR Froines. 1985. Esigenze di sorveglianza per la salute sul lavoro. Am J Sanità pubblica 75:1259-1261.

Welch, L. 1989. Il ruolo delle cliniche di medicina del lavoro nella sorveglianza delle malattie professionali. Am J Sanità pubblica 79:58-60.

Wichmann, HE, I Brüske-Hohlfeld e M Mohner. 1995. Stichprobenerhebung und Auswertung von Personaldaten der Wismut Hauptverband der gewerblichen Berufsgenossenschaften. Forschungsbericht 617.0-WI-02, Sant'Agostino.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1977. Manuale della classificazione statistica internazionale delle malattie, lesioni e cause di morte, basato sulle raccomandazioni della nona conferenza di revisione, 1975. Ginevra: OMS.