Giovedi, 24 marzo 2011 16: 33

Caso di studio: protezione dei lavoratori e statistiche sugli infortuni e le malattie professionali - HVBG, Germania

Vota questo gioco
(0 voti )

Il tedesco Berufsgenossenschaften (BG)

Nell'ambito del sistema di previdenza sociale in Germania, l'assicurazione legale contro gli infortuni copre le conseguenze degli infortuni sul lavoro e gli infortuni durante il tragitto da e verso il lavoro, nonché le malattie professionali. Questa assicurazione legale contro gli infortuni è organizzata in tre settori:

  • assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (rappresentata dai GB)
  • assicurazione contro gli infortuni agricoli
  • assicurazione contro gli infortuni del settore pubblico.

 

Le 35 Berufsgenossenschaften (BG) coprono i vari rami dell'economia industriale in Germania. Sono responsabili di 39 milioni di dipendenti assicurati in 2.6 milioni di imprese. Ogni persona che svolge un lavoro, un servizio o una posizione di formazione è assicurata, indipendentemente dall'età, dal sesso o dal livello di reddito. La loro organizzazione ombrello è la Federazione centrale delle Berufsgenossenschaften (HVBG).

Per legge, il BG è responsabile dell'utilizzo di tutti i mezzi adeguati per prevenire gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, per fornire un primo soccorso efficace e un'ottimale riabilitazione medica, occupazionale e sociale, e per pagare le prestazioni agli infortunati, ai malati e ai superstiti. Così prevenzione, riabilitazione e risarcimento sono tutti sotto lo stesso tetto.

I premi per finanziare queste prestazioni sono pagati esclusivamente dai datori di lavoro. Nel 1993 tutti i datori di lavoro industriali pagavano in media 1.44 DM alla BG per ogni 100 DM di salario, ovvero l'1.44%. In tutto, i premi ammontavano a 16 miliardi di DM (miliardi di dollari utilizzati, mille milioni), di cui circa l'80% è stato speso per la riabilitazione e le pensioni. Il resto è stato utilizzato principalmente per programmi di prevenzione.

Sicurezza sul lavoro e tutela della salute

Il datore di lavoro è responsabile della salute e della sicurezza del lavoratore durante il lavoro. L'ambito legale di questa responsabilità è fissato dal governo in leggi e ordinanze, e nei regolamenti di protezione del lavoro delle BG industriali, che completano e concretizzano la legge governativa di protezione del lavoro per ogni ramo dell'industria. Il sistema di prevenzione dei GB si distingue per il suo orientamento alla pratica concreta, il suo costante adattamento alle esigenze del settore e allo stato della tecnologia, nonché per il suo efficace supporto del datore di lavoro e del lavoratore.

I compiti di prevenzione dei BG, che sono principalmente svolti dal Servizio di controllo tecnico (TAD) del BG e dal Servizio di medicina del lavoro (AMD), comprendono:

  • consigliare e motivare il datore di lavoro
  • supervisione delle misure di protezione professionale industriale
  • assistenza medica del lavoro
  • informare e formare il personale aziendale
  • controlli di sicurezza su apparecchi e attrezzature
  • avviare, svolgere e finanziare la ricerca.

 

La responsabilità dell'attuazione della protezione professionale sul lavoro spetta al datore di lavoro, che è legalmente obbligato ad assumere personale adeguatamente qualificato per assistere nella protezione professionale. Si tratta di specialisti della sicurezza sul lavoro (addetti alla sicurezza, tecnici della sicurezza e ingegneri della sicurezza) e medici aziendali. Nelle aziende con più di 20 dipendenti devono essere assunti uno o più rappresentanti per la sicurezza. L'ambito della responsabilità dell'azienda per gli specialisti della sicurezza sul lavoro e per i medici aziendali è stabilito da regolamenti delle associazioni di categoria specifici per settore di attività e grado di pericolosità. Nelle aziende in cui opera uno specialista per la sicurezza sul lavoro o un medico aziendale, il datore di lavoro deve istituire un comitato per la sicurezza sul lavoro, composto da un rappresentante aziendale, due rappresentanti dei lavoratori, il medico competente, specialisti e rappresentanti per la sicurezza sul lavoro. All'organizzazione aziendale per la sicurezza sul lavoro appartiene anche il personale di primo soccorso, la cui formazione è curata dal BG.

La medicina del lavoro ha un significato speciale. Ogni dipendente che è a rischio per un tipo specifico di minaccia per la salute sul posto di lavoro viene esaminato in modo uniforme e i risultati dell'esame sono valutati secondo le linee guida stabilite. Nel 1993 circa quattro milioni di visite mediche preventive sul lavoro sono state effettuate da medici appositamente abilitati. Problemi di salute duraturi sono stati accertati in meno dell'1% degli esami.

I dipendenti che lavorano con materiali pericolosi/cancerogeni hanno anche il diritto di essere visitati dal medico anche dopo che l'attività pericolosa è stata completata. I BG hanno istituito servizi per poter esaminare questi dipendenti. Ora ci sono tre di questi servizi:

  • Servizio organizzativo per gli esami in itinere (ODIN)
  • Servizio di registrazione centrale per i dipendenti a rischio di polvere di amianto (ZA)
  • Ufficio centrale di assistenza Wismut (ZeBWis).

 

I tre servizi si sono presi cura di circa 600,000 persone nel 1993. La raccolta dei dati degli esami aiuta nella cura individuale e aiuta anche a migliorare la ricerca scientifica per la diagnosi precoce dei casi di cancro.

Statistiche sugli infortuni sul lavoro

Goal. L'obiettivo principale della raccolta di statistiche sugli infortuni sul lavoro è migliorare la sicurezza sul lavoro valutando e interpretando i dati sugli incidenti. Tali dati sono ricavati dalle segnalazioni sugli infortuni sul lavoro; Dal 5% al ​​10% degli incidenti (circa 100,000 incidenti) viene indagato ogni anno dai servizi di ispezione tecnica dei BG.

Responsabilità di segnalazione dei datori di lavoro. Ogni datore di lavoro è obbligato a denunciare un infortunio sul lavoro al proprio BG responsabile entro tre giorni se l'infortunio comporta un'incapacità al lavoro per tre giorni di calendario o causa la morte dell'assicurato ("infortunio sul lavoro legalmente denunciabile"). Ciò include gli infortuni in corso o dal luogo di lavoro. Gli infortuni che causano solo danni materiali o impediscono all'infortunato di lavorare per meno di tre giorni non devono essere denunciati. Per gli infortuni sul lavoro denunciabili, il datore di lavoro presenta un modulo “Notifica di infortunio” (figura 1). Il tempo di assenza dal lavoro è il fattore rilevante ai fini della rendicontazione, indipendentemente dalla gravità dell'infortunio. Gli infortuni apparentemente innocui devono essere denunciati se l'infortunato non può lavorare per più di tre giorni. Questo requisito di tre giorni facilita il perseguimento di reclami successivi. La mancata o tardiva denuncia di infortunio costituisce violazione delle norme sanzionata dalla Bg con la sanzione pecuniaria fino a DM 5,000.

Figura 1. Un esempio di modulo di notifica di incidente

REC60F1A

Notifica da parte del medico curante. Per ottimizzare la riabilitazione medica e determinare per quanto tempo il dipendente è inabile al lavoro, l'infortunato viene curato da un medico specialista selezionato per questo lavoro. Il medico è pagato dalla BG industriale responsabile. Pertanto, il BG riceve anche la notifica di infortuni sul lavoro denunciabili dal medico se il datore di lavoro non ha presentato (tempestivamente) una denuncia di infortunio. Il GB può quindi richiedere al datore di lavoro di presentare una notifica di infortunio sul lavoro. Questo doppio sistema di segnalazione (datore di lavoro e medico) assicura al BG di essere a conoscenza di praticamente tutti gli infortuni sul lavoro segnalabili.

Utilizzando le informazioni contenute nella denuncia di infortunio e nel referto medico, il GB verifica se l'infortunio sia, in senso giuridico, un infortunio sul lavoro di propria competenza giurisdizionale. Sulla base della diagnosi medica, il BG può, se necessario, procedere immediatamente a garantire un trattamento ottimale.

Una descrizione corretta e completa delle circostanze dell'incidente è particolarmente importante per la prevenzione. Ciò consente al servizio di ispezione tecnica del BG di trarre conclusioni su macchinari e attrezzature difettosi che richiedono un'azione immediata per evitare ulteriori incidenti simili. In caso di infortuni sul lavoro gravi o mortali, la normativa impone al datore di lavoro di darne immediata comunicazione all'BG. Questi eventi vengono immediatamente indagati dagli esperti di sicurezza sul lavoro del BG.

Nel calcolare il premio di un'azienda, il BG tiene conto del numero e del costo degli infortuni sul lavoro verificatisi presso tale azienda. Nel calcolo viene utilizzata una procedura bonus/malus prevista dalla legge e una quota del premio aziendale è determinata dall'andamento infortunistico aziendale. Ciò può comportare un premio più alto o più basso, creando così incentivi finanziari per i datori di lavoro affinché mantengano luoghi di lavoro sicuri.

Collaborazione dei rappresentanti dei lavoratori e dei rappresentanti per la sicurezza. L'eventuale denuncia di infortunio deve essere firmata anche dal consiglio dei lavoratori (Betriebsrat) e dai rappresentanti per la sicurezza (se presenti). Lo scopo di tale norma è quello di informare il consiglio dei lavoratori ei rappresentanti per la sicurezza sulla situazione infortunistica complessiva dell'azienda, affinché possano esercitare efficacemente i loro diritti collaborativi in ​​materia di sicurezza sul lavoro.

Elaborazione di statistiche sugli infortuni sul lavoro. Sulla base delle informazioni che il BG riceve sull'infortunio sul lavoro dalla denuncia di infortunio e dalla denuncia del medico, i conti vengono tradotti in codici statistici. La codifica copre tre aree, tra le altre:

  • descrizione dell'infortunato (età, sesso, lavoro)
  • descrizione della lesione (sede della lesione, tipo di lesione)
  • descrizione dell'incidente (luogo, oggetto che ha causato l'incidente e circostanze dell'incidente).

 

La codifica viene eseguita da specialisti di dati altamente qualificati che hanno familiarità con l'organizzazione delle industrie BG, utilizzando un elenco di codici di incidenti e infortuni che contiene oltre 10,000 voci. Al fine di ottenere statistiche della massima qualità, le classificazioni vengono regolarmente rielaborate, ad esempio per adattarle ai nuovi sviluppi tecnologici. Inoltre, il personale addetto alla codifica viene periodicamente riqualificato ei dati sono sottoposti a test logico-formali e sensibili al contenuto.

Usi delle statistiche sugli infortuni sul lavoro

Un compito importante di queste statistiche è quello di descrivere le circostanze dell'infortunio sul lavoro. Tabella 1 illustra l'andamento degli infortuni sul lavoro denunciabili, dei nuovi casi di pensione per infortunio e degli infortuni mortali sul lavoro tra il 1981 e il 1993. La colonna 3 ("Nuovi casi di pensione") mostra i casi per i quali, a causa della gravità dell'infortunio, è stato effettuato un GB industriali nell'anno in questione.

Tabella 1. Occorrenze di infortuni sul lavoro, Germania, 1981-93

Anno

Incidenti sul lavoro

 

Incidenti segnalabili

Nuovi casi pensionistici

morti

1981

1,397,976

40,056

1,689

1982

1,228,317

39,478

1,492

1983

1,144,814

35,119

1,406

1984

1,153,321

34,749

1,319

1985

1,166,468

34,431

1,204

1986

1,212,064

33,737

1,069

1987

1,211,517

32,537

1,057

1988

1,234,634

32,256

1,130

1989

1,262,374

30,840

1,098

1990

1,331,395

30,142

1,086

1991

1,587,177

30,612

1,062

1992

1,622,732

32,932

1,310

1993

1,510,745

35,553

1,414

Fonte: Federazione centrale delle Berufsgenossenschaften (HVBG), Germania.

Per giudicare il rischio di infortunio medio di un assicurato, il numero di infortuni sul lavoro viene diviso per il tempo effettivo lavorato, per produrre un tasso di infortunio. Il tasso per milione di ore lavorate viene utilizzato per il confronto a livello internazionale e per anni. La figura 2 mostra come questo tasso è variato tra il 1981 e il 1993.

Figura 2. Frequenza degli infortuni sul lavoro

REC060F2

Statistiche sugli incidenti specifici del settore. Oltre a descrivere le tendenze generali, le statistiche sul posto di lavoro possono essere suddivise per settore. Ad esempio, ci si potrebbe chiedere: “Quanti incidenti sul lavoro con smerigliatrici portatili nel settore della lavorazione dei metalli ci sono stati negli ultimi anni; come e dove si sono svolti; e quali lesioni ne sono derivate? Tali analisi possono essere utili a molte persone e istituzioni, come ministeri, funzionari di vigilanza, istituti di ricerca, università, imprese ed esperti di sicurezza sul lavoro (tabella 2).

Tabella 2. Incidenti sul lavoro con smerigliatrici portatili nella lavorazione dei metalli, Germania, 1984-93

Anno

Incidenti segnalabili

Nuove pensioni infortuni

1984

9,709

79

1985

10,560

62

1986

11,505

76

1987

11,852

75

1988

12,436

79

1989

12,895

76

1990

12,971

78

1991

19,511

70

1992

17,180

54

1993

17,890

70

Fonte: Federazione centrale delle Berufsgenossenschaften (HVBG), Germania.

Ad esempio, la tabella 2 mostra che gli infortuni sul lavoro denunciabili con smerigliatrici portatili nella lavorazione dei metalli sono aumentati in modo continuo dalla metà degli anni '1980 al 1990. Dal 1990 al 1991 è da notare un notevole aumento degli infortuni. Si tratta di un artefatto derivante dall'inserimento, a partire dal 1991, di figure che abbracciano i nuovi confini della Germania riunificata. (Le cifre precedenti riguardano solo la Repubblica federale di Germania.)

Altri dati raccolti dai rapporti sugli incidenti rivelano che non tutti gli incidenti con le smerigliatrici portatili per la lavorazione dei metalli si verificano principalmente nelle aziende del settore della lavorazione dei metalli. Le smerigliatrici portatili, che ovviamente vengono spesso utilizzate come smerigliatrici angolari per tagliare tubi, barre di ferro e altri oggetti, sono spesso impiegate nei cantieri. Di conseguenza, quasi un terzo degli infortuni si concentra nelle imprese del settore edile. Lavorare con smerigliatrici portatili nella lavorazione dei metalli provoca principalmente lesioni alla testa e alle mani. Le lesioni alla testa più comuni colpiscono gli occhi e l'area intorno agli occhi, che sono feriti da pezzi rotti, schegge e scintille volanti. L'utensile ha una mola che gira velocemente e si verificano lesioni alle mani quando la persona che utilizza la macchina portatile ne perde il controllo. L'elevato numero di lesioni agli occhi dimostra che all'interno delle aziende è necessario sottolineare l'importanza e l'obbligo di indossare occhiali protettivi durante la molatura del metallo con questa macchina portatile.

Confronto dei tassi di infortuni all'interno e tra le industrie. Anche se nel 1993 si sono verificati quasi 18,000 infortuni sul lavoro con smerigliatrici portatili nella lavorazione dei metalli, rispetto ai soli 2,800 incidenti sul lavoro con motoseghe manuali nella lavorazione del legno, non si può automaticamente concludere che questo macchinario rappresenti un rischio maggiore per i metalmeccanici. Per valutare il rischio di incidenti per settori specifici, il numero di incidenti deve essere prima correlato a una misura dell'esposizione al pericolo, come le ore lavorate (vedere "Analisi del rischio di infortuni e malattie non mortali sul lavoro" [REC05AE]). Tuttavia, queste informazioni non sono sempre disponibili. Pertanto, viene derivato un tasso surrogato come la proporzione che gli incidenti gravi fanno di tutti gli incidenti segnalabili. Confrontando le percentuali di lesioni gravi per le smerigliatrici portatili nella lavorazione dei metalli e le seghe circolari portatili nella lavorazione del legno, si dimostra che le seghe circolari portatili hanno un tasso di gravità degli incidenti dieci volte superiore rispetto alle smerigliatrici portatili. Per dare la priorità alle misure di sicurezza sul posto di lavoro, questa è una scoperta importante. Questo tipo di analisi comparativa dei rischi è una componente importante di una strategia globale di prevenzione degli incidenti industriali.

Statistiche sulle malattie professionali

Definizione e reportistica

In Germania una malattia professionale è legalmente definita come una malattia la cui causa può essere ricondotta all'attività professionale della persona colpita. Esiste un elenco ufficiale delle malattie professionali. Pertanto, valutare se una malattia costituisca una malattia professionale è una questione sia medica che legale ed è deferita dal diritto pubblico al BG. Se si sospetta una malattia professionale, non è sufficiente dimostrare che il dipendente soffra, ad esempio, di un eczema. Sono necessarie ulteriori conoscenze sulle sostanze utilizzate sul lavoro e sul loro potenziale di danneggiare la pelle.

Compilazione di statistiche sulle malattie professionali. Poiché i GB sono responsabili dell'indennizzo dei lavoratori con malattie professionali nonché della fornitura di riabilitazione e prevenzione, hanno un notevole interesse nell'applicazione delle statistiche derivate dai rapporti sulle malattie professionali. Queste applicazioni includono il targeting di misure preventive sulla base di industrie e occupazioni ad alto rischio identificate e la divulgazione delle loro scoperte al pubblico, alla comunità scientifica e alle autorità politiche.

A supporto di queste attività, i BG hanno introdotto nel 1975 una serie di statistiche sulle malattie professionali, che contengono i dati su ogni denuncia di malattia professionale e la sua determinazione finale - riconosciuta o negata - comprese le motivazioni della decisione a livello di singolo caso. Questa banca dati contiene dati anonimi su:

  • la persona, come sesso, anno di nascita, nazionalità
  • diagnosi
  • esposizioni pericolose
  • la decisione legale, compreso l'esito della richiesta, la determinazione della disabilità e qualsiasi ulteriore azione intrapresa dai GB.

 

Risultati delle statistiche sulle malattie professionali. Una funzione importante delle statistiche sulle malattie professionali è monitorare l'incidenza delle malattie professionali nel tempo. La tabella 3 riporta le notifiche di malattia professionale sospetta, il numero di casi di malattia professionale riconosciuti complessivamente e il pagamento delle pensioni, nonché il numero di casi mortali tra il 1980 e il 1993. Occorre avvertire che questi dati non sono di facile interpretazione, poiché definizioni e criteri differiscono ampiamente. Inoltre, durante questo periodo di tempo il numero di malattie professionali ufficialmente designate è passato da 55 a 64. Inoltre, le cifre del 1991 comprendono i nuovi confini della Germania riunificata, mentre quelli precedenti riguardano solo la Repubblica federale di Germania.

Tabella 3. Occorrenze di malattie professionali, Germania, 1980-93

Anno

Notifiche
di sospetta malattia professionale

Casi di malattia professionale riconosciuti

Di quelli con
pensione

Morti per malattie professionali

1980

40,866

12,046

5,613

1,932

1981

38,303

12,187

5,460

1,788

1982

33,137

11,522

4,951

1,783

1983

30,716

9,934

4,229

1,557

1984

31,235

8,195

3,805

1,558

1985

32,844

6,869

3,439

1,299

1986

39,706

7,317

3,317

1,548

1987

42,625

7,275

3,321

1,455

1988

46,280

7,367

3,660

1,363

1989

48,975

9,051

3,941

1,281

1990

51,105

9,363

4,008

1,391

1991

61,156

10,479

4,570

1,317

1992

73,568

12,227

5,201

1,570

1993

92,058

17,833

5,668

2,040

Fonte: Federazione centrale delle Berufsgenossenschaften (HVBG), Germania.

Esempio: malattie infettive. La tabella 4 mostra la diminuzione del numero di casi riconosciuti di malattie infettive nel periodo dal 1980 al 1993. Essa individua specificamente l'epatite virale, per la quale si può vedere chiaramente che una tendenza fortemente decrescente si è sviluppata a partire dalla metà degli anni '1980 in Germania, quando i dipendenti a rischio nel servizio sanitario sono stati sottoposti a vaccinazioni preventive. In questo modo le statistiche sulle malattie professionali possono servire non solo a rilevare tassi elevati di malattie, ma possono anche documentare i successi delle misure di protezione. Il calo dei tassi di malattia può ovviamente avere altre spiegazioni. In Germania, ad esempio, la riduzione del numero di casi di silicosi negli ultimi due decenni è principalmente il risultato della diminuzione del numero di posti di lavoro nel settore minerario.

Tabella 4. Malattie infettive riconosciute come malattie professionali, Germania, 1980-93

Anno

Totale casi riconosciuti

Di quelli: epatite virale

1980

1173

857

1981

883

736

1982

786

663

1983

891

717

1984

678

519

1985

417

320

1986

376

281

1987

224

152

1988

319

173

1989

303

185

1990

269

126

1991

224

121

1992

282

128

1993

319

149

Fonte: Federazione centrale delle Berufsgenossenschaften (HVBG), Germania.

Fonti di informazione

L'HVBG, in quanto organizzazione ombrello per i BG, centralizza le statistiche comuni e produce analisi e opuscoli. Inoltre, l'HVBG considera le informazioni statistiche come un aspetto delle informazioni complessive che devono essere disponibili per svolgere l'ampia gamma di responsabilità del sistema di assicurazione contro gli infortuni. Per questo motivo, nel 1978 è stato costituito il Sistema Informativo Centrale dei GB (ZIGUV), che prepara la documentazione pertinente e la mette a disposizione dei GB.

La sicurezza sul lavoro come approccio interdisciplinare e completo richiede un accesso ottimale alle informazioni. I BG in Germania hanno deciso di intraprendere questa strada, contribuendo così in modo significativo all'efficienza del sistema di sicurezza sul lavoro in Germania.

 

Di ritorno

Leggi 10495 volte Ultima modifica Martedì, Luglio 26 2022 19: 22

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Sistemi di registrazione e riferimenti di sorveglianza

Agricola, G. 1556. De Re Metallica. Tradotto da HC Hoover e LH Hoover. 1950. New York: Dover.

Ahrens, W, KH Jöckel, P Brochard, U Bolm-Audorf, K Grossgarten, Y Iwatsubo, E Orlowski, H Pohlabeln e F Berrino. 1993. Valutazione retrospettiva dell'esposizione all'amianto. l. Analisi caso-controllo in uno studio sul cancro del polmone: efficienza dei questionari specifici per il lavoro e matrici di esposizione al lavoro. Int J Epidemiol 1993 Suppl. 2:S83-S95.

Alho, J, T Kauppinen e E Sundquist. 1988. Uso della registrazione dell'esposizione nella prevenzione del cancro professionale in Finlandia. Am J Ind Med 13:581-592.

Istituto nazionale americano per gli standard (ANSI). 1963. Metodo standard nazionale americano per la registrazione dei fatti di base relativi alla natura e all'occorrenza degli infortuni sul lavoro. New York: ANSI.

Panettiere, E.L. 1986. Piano completo per la sorveglianza delle malattie professionali e degli infortuni negli Stati Uniti. Washington, DC: NIOSH.

Baker, EL, PA Honchar e LJ Fine. 1989. Sorveglianza in caso di malattia e infortunio sul lavoro: concetti e contenuto. Am J Sanità pubblica 79:9-11.

Baker, EL, JM Melius e JD Millar. 1988. Sorveglianza delle malattie professionali e infortuni negli Stati Uniti: prospettive attuali e direzioni future. J Publ Health Policy 9:198-221.

Baser, ME e D Marion. 1990. Un registro dei casi in tutto lo stato per la sorveglianza dell'assorbimento professionale di metalli pesanti. Am J Sanità pubblica 80:162-164.

Bennett, B. 1990. Registro mondiale dei casi di angiosarcoma del fegato (ASL) dovuto al cloruro di vinile monomero: registro ICI.

Brackbill, RM, TM Frazier e S Shilling. 1988. Caratteristiche del fumo dei lavoratori, 1978-1980. Am J Ind Med 13:4-41.

Burdoff, A. 1995. Riduzione dell'errore di misurazione casuale nella valutazione del carico posturale sulla schiena nelle indagini epidemiologiche. Scand J Ambiente di lavoro Salute 21:15-23.

Ufficio di statistica del lavoro (BLS). 1986. Linee guida per la tenuta dei registri per infortuni e malattie professionali. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1989. Infortuni e malattie sul lavoro in California. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1992. Manuale di classificazione degli infortuni sul lavoro e delle malattie. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1993a. Infortuni e malattie professionali negli Stati Uniti per industria, 1991. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1993 b. Indagine sugli infortuni e le malattie professionali. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1994. Indagine sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie, 1992. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

Ufficio del censimento. 1992. Elenco alfabetico delle industrie e delle occupazioni. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

—. 1993. Current Population Survey, da gennaio a dicembre 1993 (file di dati leggibili dalla macchina). Washington, DC: Ufficio del censimento.

Burstein, JM e BS Levy. 1994. L'insegnamento della medicina del lavoro nelle facoltà di medicina degli Stati Uniti. Piccolo miglioramento in nove anni. Am J Salute pubblica 84:846-849.

Castorino, J e L Rosenstock. 1992. Carenza di medici in medicina del lavoro e ambientale. Ann Intern Med 113:983-986.

Checkoway, H, NE Pearce e DJ Crawford-Brown. 1989. Metodi di ricerca in epidemiologia occupazionale. New York: Università di Oxford. Premere.

Chowdhury, NH, C Fowler e FJ Mycroft. 1994. Epidemiologia e sorveglianza del piombo nel sangue degli adulti - Stati Uniti, 1992-1994. Morb Mortal Weekly Rep 43:483-485.

Coenen, W. 1981. Strategie di misurazione e concetti di documentazione per la raccolta di materiali di lavoro pericolosi. Prevenzione degli infortuni moderna (in tedesco). Mod Unfallverhütung:52-57.

Coenen, W e LH Engels. 1993. Padroneggiare i rischi sul lavoro. Ricerca per lo sviluppo di nuove strategie preventive (in tedesco). BG 2:88-91.

Craft, B, D Spundin, R Spirtas e V Behrens. 1977. Progetto di relazione di una task force sulla sorveglianza della salute sul lavoro. In Hazard Surveillance in Occupational Disease, a cura di J Froines, DH Wegman e E Eisen. Am J Pub Health 79 (Supplemento) 1989.

Dubrow, R, JP Sestito, NR Lalich, CA Burnett e JA Salg. 1987. Sorveglianza della mortalità professionale basata sui certificati di morte negli Stati Uniti. Am J Ind Med 11:329-342.

Figgs, LW, M Dosemeci e A Blair. 1995. Sorveglianza del linfoma non Hodgkin degli Stati Uniti per occupazione 1984-1989: uno studio sui certificati di morte in ventiquattro stati. Am J Ind Med 27:817-835.

Frazier, TM, NR Lalich e DH Pederson. 1983. Usi di mappe generate al computer nella sorveglianza dei rischi professionali e della mortalità. Scand J Ambiente di lavoro Salute 9:148-154.

Freund, E, PJ Seligman, TL Chorba, SK Safford, JG Drachmann e HF Hull. 1989. Segnalazione obbligatoria delle malattie professionali da parte dei medici. GIAMA 262:3041-3044.

Froines, JR, DH Wegman e CA Dellenbaugh. 1986. Un approccio alla caratterizzazione dell'esposizione alla silice nell'industria statunitense. Am J Ind Med 10:345-361.

Froines, JR, S Baron, DH Wegman e S O'Rourke. 1990. Caratterizzazione delle concentrazioni aeree di piombo nell'industria statunitense. Am J Ind Med 18:1-17.

Gallagher, RF, WJ Threlfall, PR Band e JJ Spinelli. 1989. Mortalità professionale nella Columbia Britannica 1950-1984. Vancouver: Agenzia per il controllo del cancro della Columbia Britannica.

Guralnick, L. 1962. Mortalità per occupazione e industria tra gli uomini di età compresa tra 20 e 46 anni: Stati Uniti, 1950. Vital Statistics-Special Reports 53 (2). Washington, DC: Centro nazionale per le statistiche sanitarie.

—. 1963a. Mortalità per industria e causa di morte tra gli uomini di età compresa tra 20 e 40 anni: Stati Uniti, 1950. Vital Statistics-Special Reports, 53 (4). Washington, DC: Centro nazionale per le statistiche sanitarie.

—. 1963 b. Mortalità per occupazione e causa di morte tra gli uomini di età compresa tra 20 e 64 anni: Stati Uniti, 1950. Vital Statistics-Special Reports 53 (3). Washington, DC: Centro nazionale per le statistiche sanitarie.

Halperin, WE e TM Frazier. 1985. Sorveglianza per gli effetti dell'esposizione sul posto di lavoro. Ann Rev Salute Pubblica 6:419-432.

Hansen, DJ e LW Whitehead. 1988. L'influenza del compito e della posizione sulle esposizioni ai solventi in un impianto di stampa. Am Ind Hyg Assoc J 49:259-265.

Haerting, FH e W Hesse. 1879. Der Lungenkrebs, die Bergkrankheit in den Schneeberger Gruben Vierteljahrsschr gerichtl. Medizin und Öffentl. Gesundheitswesen 31:296-307.

Istituto di Medicina. 1988. Ruolo del Medico di Base in Medicina del Lavoro e dell'Ambiente. Washington, DC: National Academy Press.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1990. Erbicidi e contaminanti dell'acido fenossidico: descrizione del registro internazionale dei lavoratori IARC. Am J Ind Med 18:39-45.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1980. Linee guida per l'uso della classificazione internazionale ILO delle radiografie delle pneumoconiosi. Serie sulla sicurezza e la salute sul lavoro, n. 22. Ginevra: ILO.

Jacobi, W, K Henrichs e D Barclay. 1992. Verursachungswahrscheinlichkeit von Lungenkrebs durch die berufliche Strahlenexposition von Uran-Bergarbeitem der Wismut AG. Neuherberg: GSF—Bericht S-14/92.

Jacobi, W e P Roth. 1995. Risiko und Verursachungs-Wahrscheinlichkeit von extrapulmonalen Krebserkrankungen durch die berufliche Strahlenexposition von Beschäftigten der ehemaligen. Neuherberg: GSF—Bericht S-4/95.

Kauppinen, T, M Kogevinas, E Johnson, H Becher, PA Bertazzi, HB de Mesquita, D Coggon, L Green, M Littorin e E Lynge. 1993. Esposizione chimica nella produzione di erbicidi fenossidici e clorofenoli e nell'irrorazione di erbicidi fenossidici. Am J Ind Med 23:903-920.

Landrigan, P.J. 1989. Migliorare la sorveglianza delle malattie professionali. Am J Sanità pubblica 79:1601-1602.

Lee, HS e WH Phoon. 1989. Asma professionale a Singapore. J Occup Med, Singapore 1:22-27.

Linet, MS, H Malker e JK McLaughlin. 1988. Leucemie e occupazione in Svezia. Un'analisi basata sul registro. Am J Ind Med 14:319-330.

Lubin, JH, JD Boise, RW Hornung, C Edling, GR Howe, E Kunz, RA Kusiak, HI Morrison, EP Radford, JM Samet, M Tirmarche, A Woodward, TS Xiang e DA Pierce. 1994. Radon e rischio di cancro ai polmoni: un'analisi congiunta di 11 studi sui minatori sotterranei. Bethesda, MD: Istituto Nazionale della Sanità (NIH).

Markowitz, S. 1992. Il ruolo della sorveglianza nella salute sul lavoro. In Medicina Ambientale e del Lavoro, a cura di W Rom.

Markowitz, SB, E Fischer, MD Fahs, J Shapiro e P Landrigan. 1989. Malattia professionale nello Stato di New York. Am J Ind Med 16:417-435.

Matte, TD, RE Hoffman, KD Rosenman e M Stanbury. 1990. Sorveglianza dell'asma occupazionale nell'ambito del modello SENSOR. Petto 98:173S-178S.

McDowell, ME. 1983. Mortalità per leucemia negli elettricisti in Inghilterra e Galles. Lancetta 1:246.

Melius, JM, JP Sestito e PJ Seligman. 1989. Sorveglianza delle malattie professionali con fonti di dati esistenti. Am J Sanità pubblica 79:46-52.

Milham, S. 1982. Mortalità per leucemia nei lavoratori esposti a campi elettrici e magnetici. New Engl J Med 307:249.

—. 1983. Mortalità professionale nello Stato di Washington 1950-1979. Pubblicazione NIOSH n. 83-116. Springfield, Virginia: Servizio nazionale di informazioni tecniche.

Muldoon, JT, LA Wintermeyer, JA Eure, L Fuortes, JA Merchant, LSF Van e TB Richards. 1987. Fonti di dati di sorveglianza delle malattie professionali 1985. Am J Public Health 77:1006-1008.

Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). 1984. Strategie di test di tossicità per determinare bisogni e priorità. Washington, DC: stampa accademica nazionale.

Ufficio di gestione e bilancio (OMB). 1987. Manuale di classificazione industriale standard. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

OSHA. 1970. Legge sulla sicurezza e la salute sul lavoro del 1970 Legge pubblica 91-596 91° Congresso degli Stati Uniti.

Ott, G. 1993. Proposte strategiche per la tecnica di misurazione nei casi di danno (in tedesco). Dräger Heft 355:2-5.

Pearce, NE, RA Sheppard, JK Howard, J Fraser e BM Lilley. 1985. Leucemia negli elettricisti in Nuova Zelanda. Lancetta II:811-812.

Phoon, WH. 1989. Malattie professionali a Singapore. J Occup Med, Singapore 1:17-21.

Pollack, ES e DG Keimig (a cura di). 1987. Conteggio infortuni e malattie sul posto di lavoro: proposte per un sistema migliore. Washington, DC: National Academy Press.

Rajewsky, B. 1939. Bericht über die Schneeberger Untersuchungen. Zeitschrift für Krebsforschung 49:315-340.

Rapport, SM. 1991. Valutazione delle esposizioni a lungo termine a sostanze tossiche nell'aria. Ann Occup Hyg 35:61-121.

Cancelliere Generale. 1986. Occupation Mortality, Decennial Supplement for England and Wales, 1979-1980, 1982-1983 Part I Commentary. Serie DS, n. 6. Londra: ufficio di cancelleria di Sua Maestà.

Robinson, C, F Stern, W Halperin, H Venable, M Petersen, T Frazier, C Burnett, N Lalich, J Salg e J Sestito. 1995. Valutazione della mortalità nel settore delle costruzioni negli Stati Uniti, 1984-1986. Am J Ind Med 28:49-70.

Roche, L.M. 1993. Uso dei rapporti di malattia del datore di lavoro per la sorveglianza delle malattie professionali tra i dipendenti pubblici nel New Jersey. J Occup Med 35:581-586.

Rosenmann, KD. 1988. Utilizzo dei dati di dimissione ospedaliera nella sorveglianza delle malattie professionali. Am J Ind Med 13:281-289.

Rosenstock, L. 1981. Medicina del lavoro: troppo a lungo trascurata. Ann Intern Med 95:994.

Rothmann, KJ. 1986. Epidemiologia moderna. Boston: Little, Brown & Co.

Seifert, B. 1987. Strategia di misurazione e procedura di misurazione per le indagini sull'aria interna. Tecnica di misurazione e protezione dell'ambiente (in tedesco). 2:M61-M65.

Selikoff, IJ. 1982. Risarcimento di invalidità per malattia associata all'amianto negli Stati Uniti. New York: Scuola di Medicina del Monte Sinai.

Selikoff, IJ, EC Hammond e H Seidman. 1979. Esperienza di mortalità dei lavoratori dell'isolamento negli Stati Uniti e in Canada, 1943-1976. Ann NY Acad Sci 330:91-116.

Selikoff, IJ e H. Seidman. 1991. Morti associate all'amianto tra i lavoratori dell'isolamento negli Stati Uniti e in Canada, 1967-1987. Ann NY Acad Sci 643:1-14.

Seta, JA e DS Sundin. 1984. Tendenze di un decennio: una prospettiva sulla sorveglianza dei rischi professionali 1970-1983. Morb Mortal Weekly Rep 34(2):15SS-24SS.

Scellino, S e RM Brackbill. 1987. Rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro e potenziali conseguenze per la salute percepite dai lavoratori statunitensi. Publ Health Rep 102:36-46.

Slighter, R. 1994. Comunicazione personale, Programma di compensazione dell'Ufficio degli Stati Uniti per i lavoratori, 13 settembre 1994.

Tanaka, S, DK Wild, PJ Seligman, WE Halperin, VJ Behrens e V Putz-Anderson. 1995. Prevalenza e correlazione con il lavoro della sindrome del tunnel carpale auto-riferita tra i lavoratori statunitensi: analisi dei dati del supplemento di salute sul lavoro dell'indagine sull'intervista sulla salute nazionale del 1988. Am J Ind Med 27:451-470.

Teschke, K, SA Marion, A Jin, RA Fenske e C van Netten. 1994. Strategie per determinare l'esposizione professionale nella valutazione del rischio. Una revisione e una proposta per valutare le esposizioni ai fungicidi nell'industria del legname. Am Ind Hyg Assoc J 55:443-449.

Ullrich, D. 1995. Metodi per determinare l'inquinamento dell'aria interna. Qualità dell'aria interna (in tedesco). Rapporto BIA 2/95,91-96.

Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (USDHHS). 1980. Caratteristiche industriali delle persone che segnalano morbilità durante i sondaggi sui colloqui sulla salute condotti nel 1969-1974. Washington, DC: USDHHS.

—. Luglio 1993. Statistiche vitali e sanitarie Condizioni di salute tra gli attualmente occupati: Stati Uniti 1988. Washington, DC: USDHHS.

—. Luglio 1994. Piano di statistiche vitali e sanitarie e funzionamento della terza indagine nazionale sull'esame della salute e della nutrizione, 1988-94. vol. N. 32. Washington, DC: USDHHS.

Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti (USDOL). 1980. Un rapporto provvisorio al Congresso sulle malattie professionali. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

Servizi sanitari pubblici statunitensi (USPHS). 1989. Classificazione internazionale delle malattie, nona revisione, modificazione clinica. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

Wegmann, D.H. 1992. Sorveglianza dei rischi. Cap. 6 in Public Health Surveillance, a cura di W Halperin, EL Baker e RR Ronson. New York: Van Nostrand Reinhold.

Wegman, DH e JR Froines. 1985. Esigenze di sorveglianza per la salute sul lavoro. Am J Sanità pubblica 75:1259-1261.

Welch, L. 1989. Il ruolo delle cliniche di medicina del lavoro nella sorveglianza delle malattie professionali. Am J Sanità pubblica 79:58-60.

Wichmann, HE, I Brüske-Hohlfeld e M Mohner. 1995. Stichprobenerhebung und Auswertung von Personaldaten der Wismut Hauptverband der gewerblichen Berufsgenossenschaften. Forschungsbericht 617.0-WI-02, Sant'Agostino.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1977. Manuale della classificazione statistica internazionale delle malattie, lesioni e cause di morte, basato sulle raccomandazioni della nona conferenza di revisione, 1975. Ginevra: OMS.