Giovedi, 24 marzo 2011 16: 44

Caso di studio: Wismut - Un'esposizione all'uranio rivisitata

Vota questo gioco
(0 voti )

Sviluppo storico

I monti Erz sono stati estratti dal XII secolo e, a partire dal 1470, l'estrazione dell'argento ha portato l'area alla ribalta. Intorno all'anno 1500 compaiono negli scritti di Agricola le prime notizie di una specifica malattia tra i minatori. Nel 1879 questa malattia fu riconosciuta da Haerting e Hesse come cancro ai polmoni, ma a quel tempo non era chiaro cosa lo causasse. Nel 1925 il “cancro del polmone di Schneeberg” fu aggiunto all'elenco delle malattie professionali.

Il materiale da cui Marie Curie isolò gli elementi radio e polonio proveniva dal mucchio di scorie di Joachimstal (Jachymov) in Boemia. Nel 1936 le misurazioni del radon di Rajewsky vicino a Schneeberg confermarono la connessione già ipotizzata tra il radon nei pozzi minerari e il cancro ai polmoni.

Nel 1945 l'Unione Sovietica intensificò il suo programma di ricerca sulle armi atomiche. La ricerca dell'uranio fu estesa ai Monti Metalliferi, poiché lì le condizioni per l'estrazione erano migliori che nei depositi sovietici. Dopo le prime indagini, l'intera area fu posta sotto l'amministrazione militare sovietica e dichiarata zona ristretta.

Dal 1946 al 1990 la Soviet Wismut Company (SAG), poi Soviet-German Wismut Company (SDAG), ha effettuato l'estrazione dell'uranio in Turingia e Sassonia (figura 1). A quel tempo l'Unione Sovietica era sotto pressione per ottenere quantità sufficienti di uranio per costruire la prima bomba atomica sovietica. Non era disponibile un'attrezzatura adeguata, quindi il raggiungimento del livello necessario di produzione di uranio era possibile solo ignorando le misure di sicurezza. Le condizioni di lavoro erano particolarmente pessime negli anni dal 1946 al 1954. Secondo un rapporto sanitario del SAG Wismut, solo nella seconda metà del 1,281 20,000 minatori ebbero incidenti mortali e 1949 subirono lesioni o altri effetti dannosi per la loro salute.

Figura 1. Aree minerarie di SDAG Wismut nella Germania dell'Est

REC100F1

Nella Germania del dopoguerra, l'Unione Sovietica considerava l'estrazione dell'uranio una forma di riparazione. Furono mobilitati prigionieri, coscritti e "volontari", ma all'inizio non c'era quasi personale qualificato. In tutto, Wismut impiegava tra le 400,000 e le 500,000 persone (figura 2).

Figura 2. Dipendenti Wismut 1946-90

REC100T1

Le cattive condizioni di lavoro, la mancanza di una tecnologia adeguata e l'intensa pressione lavorativa hanno portato a un numero estremamente elevato di infortuni e malattie. Le condizioni di lavoro migliorarono gradualmente a partire dal 1953, quando iniziò la partecipazione tedesca alla società sovietica.

La perforazione a secco, che produceva alti livelli di polvere, fu impiegata dal 1946 al 1955. Non era disponibile alcuna ventilazione artificiale, con conseguenti elevate concentrazioni di radon. Inoltre, la salute dei lavoratori risentiva negativamente del lavoro estremamente gravoso dovuto alla mancanza di attrezzature, alla mancanza di dispositivi di sicurezza e ai lunghi turni di lavoro (200 ore al mese).

Figura 3. Record di esposizione dell'ex SDAG Wismut

REC100T2

Il livello di esposizione variava nel tempo e da pozzo a pozzo. Anche la misurazione sistematica dell'esposizione è avvenuta in diverse fasi, come mostrato in figura 3. Le esposizioni a radiazioni ionizzanti (rappresentate in Working Level Month (WLM)) possono essere fornite solo in modo molto approssimativo (tabella 1). Oggi, i confronti con le situazioni di esposizione alle radiazioni in altri paesi, le misurazioni effettuate in condizioni sperimentali e le valutazioni delle registrazioni scritte consentono una dichiarazione più precisa del livello di esposizione.

Tabella 1. Stime dell'esposizione alle radiazioni (livello di lavoro mesi/anno) nelle miniere di Wismut

Anno

WLM/Anno

1946-1955

30-300

1956-1960

10-100

1961-1965

5-50

1966-1970

3-25

1971-1975

2-10

1976-1989

1-4

 

Oltre all'intensa esposizione alla polvere di roccia, erano presenti altri fattori rilevanti per le malattie, come la polvere di uranio, l'arsenico, l'amianto e le emissioni di esplosivi. C'erano effetti fisici da rumore, vibrazioni mano-braccio e vibrazioni di tutto il corpo. In queste condizioni, le silicosi ei carcinomi bronchiali da radiazioni dominano il registro delle malattie professionali dal 1952 al 1990 (tabella 2).

Tabella 2. Panoramica completa delle malattie professionali conosciute nelle miniere di uranio di Wismut 1952-90

 

Elenco n. BKVO 1

Numero assoluto

%

Malattie dovute al quarzo

40

14,733

47.8

Tumori maligni o pretumori da radiazioni ionizzanti

92

5,276

17.1

Malattie dovute a vibrazioni parziali del corpo

54

-

-

Malattie dei tendini e delle articolazioni delle estremità

71-72

4,950

16.0

Udito compromesso a causa del rumore

50

4,664

15.1

Malattie della pelle

80

601

1.9

Altro

-

628

2.1

Totale

 

30,852

100

1 Classificazione delle malattie professionali dell'ex RDT.
Fonte: Rapporti Annuali Sistema Sanitario Wismut.

 

Sebbene nel corso del tempo i servizi sanitari di SAG/SDAG Wismut abbiano fornito livelli crescenti di assistenza completa ai minatori, compresi esami medici annuali, gli effetti sulla salute dell'estrazione del minerale non sono stati analizzati in modo sistematico. Le condizioni di produzione e di lavoro erano tenute rigorosamente segrete; le società Wismut erano autonome e organizzativamente costituivano uno “stato nello stato”.

L'intera portata degli eventi divenne nota solo nel 1989-90 con la fine della Repubblica Democratica Tedesca (RDT). Nel dicembre 1990 l'estrazione dell'uranio è stata interrotta in Germania. Dal 1991 le Berufsgenossenschaften (associazioni industriali e di categoria per la prevenzione, la registrazione e l'indennizzo), in quanto compagnia assicurativa legale contro gli infortuni, sono responsabili della registrazione e dell'indennizzo di tutti gli infortuni e le malattie professionali relativi all'ex operazione Wismut. Ciò significa che le associazioni sono responsabili di fornire alle persone colpite la migliore assistenza medica possibile e di raccogliere tutte le informazioni pertinenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro.

Nel 1990 erano ancora pendenti presso il sistema previdenziale Wismut circa 600 denunce per carcinoma bronchiale; circa 1,700 casi di cancro ai polmoni erano stati respinti negli anni precedenti. Dal 1991 questi reclami sono stati perseguiti o riaperti dal responsabile Berufsgenossenschaften. Sulla base di proiezioni scientifiche (Jacobi, Henrichs e Barclay 1992; Wichmann, Brüske-Hohlfeld e Mohner 1995), si stima che nei prossimi dieci anni tra i 200 e i 300 casi di carcinoma bronchiale all'anno saranno riconosciuti come derivanti da lavoro a Wismut.

Il presente: dopo il cambiamento

Le condizioni di produzione e di lavoro presso SDAG Wismut hanno lasciato il segno sia sui dipendenti che sull'ambiente in Turingia e Sassonia. In conformità con la legge della Repubblica federale di Germania, il governo federale si è assunto la responsabilità di ripulire l'ambiente nella regione colpita. I costi di queste attività per il periodo 1991-2005 sono stati stimati a 13 miliardi di DM.

Dopo che la DDR è entrata a far parte della Repubblica federale di Germania nel 1990, le Berufsgenossenschaften, in qualità di assicuratori legali contro gli infortuni, sono diventate responsabili della gestione delle malattie professionali nell'ex DDR. Alla luce delle particolari condizioni di Wismut, il Berufsgenossenschaften ha deciso di costituire un'unità speciale per gestire la sicurezza e la salute sul lavoro per il complesso di Wismut. Per quanto possibile, nel rispetto delle norme legali che tutelano la riservatezza dei dati personali, le Berufsgenossenschaften hanno protetto le registrazioni delle precedenti condizioni di lavoro. Pertanto, in caso di scioglimento della società per motivi economici, non andrebbero persi tutti gli elementi che potessero eventualmente servire a fondare le pretese dei dipendenti in caso di malattia. Il "Wismut Central Care Office" (ZeBWis) è stato istituito dalla Federazione il 1° gennaio 1992 ed è responsabile del trattamento medico professionale, della diagnosi precoce e della riabilitazione.

Dall'obiettivo di ZeBWis di fornire un'assistenza medica professionale adeguata agli ex dipendenti delle miniere di uranio, sono emersi quattro compiti essenziali di sorveglianza sanitaria:

  • organizzare esami di screening di massa per la diagnosi precoce e il trattamento delle malattie
  • documentare i risultati dello screening e collegarli con i dati delle procedure di rilevamento delle malattie professionali
  • analizzare scientificamente i dati
  • sostegno alla ricerca sulla diagnosi precoce e il trattamento delle malattie.

 

Lo screening è fornito ai lavoratori esposti al fine di assicurare una diagnosi precoce ove possibile. Gli aspetti etici, scientifici ed economici di tali procedure di screening richiedono una discussione approfondita che esula dallo scopo di questo articolo.

È stato sviluppato un programma di medicina del lavoro, basato sui fondati principi dell'associazione di categoria per esami speciali di medicina del lavoro. Integrati in questo c'erano metodi di esame noti dall'estrazione mineraria e dalla protezione dalle radiazioni. Le parti componenti del programma derivano dai principali agenti di esposizione: polvere, radiazioni e altri materiali pericolosi.

La continua sorveglianza medica degli ex dipendenti Wismut è finalizzata principalmente alla diagnosi precoce e al trattamento dei carcinomi bronchiali derivanti dall'esposizione a radiazioni o altri materiali cancerogeni. Mentre le connessioni tra radiazioni ionizzanti e tumori polmonari sono dimostrate con adeguata certezza, gli effetti sulla salute dell'esposizione a radiazioni a lungo termine ea basso dosaggio sono stati meno studiati. Le conoscenze attuali si basano su estrapolazioni di dati dai sopravvissuti ai bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki, nonché su dati ottenuti da altri studi internazionali sui minatori di uranio.

La situazione in Turingia e Sassonia è eccezionale in quanto molte più persone sono state sottoposte a una gamma molto più ampia di esposizioni. Pertanto, da questa esperienza è possibile acquisire una ricchezza di conoscenze scientifiche. In che misura le radiazioni agiscano in sinergia con l'esposizione ad agenti cancerogeni come l'arsenico, l'amianto o le emissioni dei motori diesel nel causare il cancro ai polmoni dovrebbe essere esaminato scientificamente utilizzando nuovi dati ottenuti. La diagnosi precoce dei carcinomi bronchiali attraverso l'introduzione di tecniche di esame all'avanguardia dovrebbe essere una parte importante della futura ricerca scientifica.

Dati disponibili dal Wismut Health System

In risposta agli estremi incidenti e problemi di salute che ha dovuto affrontare, Wismut ha istituito un proprio servizio sanitario, che ha fornito, tra le altre cose, esami medici annuali di screening, comprese le radiografie del torace. Negli anni successivi sono state istituite ulteriori unità di esame delle malattie professionali. Poiché il servizio sanitario Wismut ha assunto non solo la medicina del lavoro, ma anche l'assistenza medica completa per i dipendenti e le persone a loro carico, nel 1990 SDAG Wismut aveva raccolto informazioni sanitarie complete su molti ex e attuali dipendenti Wismut. Oltre alle informazioni complete sulle visite di medicina del lavoro e all'archivio completo delle malattie professionali, esiste un archivio radiografico completo con oltre 792,000 radiografie.

A Stollberg il sistema sanitario di Wismut disponeva di un reparto centrale di patologia in cui veniva raccolto materiale istologico e patologico completo dai minatori, oltre che dagli abitanti della zona. Nel 1994 questo materiale è stato consegnato al Centro tedesco per la ricerca sul cancro (DKFZ) di Heidelberg a scopo di custodia e ricerca. Una parte dei registri dell'ex sistema sanitario è stata inizialmente rilevata dal sistema legale di assicurazione contro gli infortuni. A tale scopo, ZeBWis ha istituito un archivio temporaneo presso il pozzo 371 a Hartenstein (Sassonia).

Questi registri sono utilizzati per l'elaborazione delle richieste di risarcimento, per la preparazione e la gestione dell'assistenza medica professionale e per lo studio scientifico. Oltre ad essere utilizzate dalle Berufsgenossenschaften, le registrazioni sono a disposizione degli esperti e dei medici autorizzati nell'ambito del loro lavoro clinico e della gestione di ciascun ex dipendente.

Il nucleo di questi archivi è costituito dalle schede complete delle malattie professionali (45,000) che sono state acquisite, insieme alle corrispondenti schede di tracciamento delle malattie professionali (28,000), le schede di tracciamento per il monitoraggio delle persone a rischio di polvere (200,000), nonché le schede mirate documentazione documentale con i risultati degli esami di idoneità medica e di sorveglianza sul lavoro. Inoltre, in questo archivio ZeBWis sono conservati i registri dell'autopsia di Stollberg Pathology.

Queste ultime schede, così come le schede di tracciabilità delle malattie professionali, sono state nel frattempo predisposte per l'elaborazione dei dati. Entrambe queste forme di documentazione saranno utilizzate per estrarre i dati per uno studio epidemiologico completo di 60,000 persone da parte del ministero federale dell'ambiente.

Oltre ai dati sull'esposizione al radon e ai sottoprodotti del radon, le registrazioni sull'esposizione degli ex dipendenti ad altri agenti sono di particolare interesse per il Berufsgenossenschaften. L'odierna Wismut GmbH dispone quindi di risultati di misura consultabili, sotto forma di elenco, dai primi anni '1970 ad oggi per polveri silicogeniche, polveri di amianto, polveri di metalli pesanti, polveri di legno, polveri esplosive, vapori tossici, fumi di saldatura, polveri di motori diesel emissioni, rumore, vibrazioni parziali e corpo intero e lavoro fisico pesante. Per gli anni dal 1987 al 1990 le singole misure sono archiviate su supporti elettronici.

Si tratta di informazioni importanti per l'analisi retrospettiva delle esposizioni nelle operazioni di estrazione dell'uranio di Wismut. Costituisce inoltre la base per la costruzione di una matrice delle esposizioni lavorative che assegna le esposizioni alle mansioni per scopi di ricerca.

A completare il quadro, presso il reparto che tutela i dati sanitari della Wismut GmbH sono conservate ulteriori registrazioni, tra cui: cartelle cliniche ex ambulatoriali, denunce di infortunio della ex azienda e da ispezioni di sicurezza sul lavoro, cartelle cliniche di medicina del lavoro, esposizione biologica esami, riabilitazione medico-occupazionale e referti di malattie neoplastiche.

Tuttavia, non tutti gli archivi Wismut, principalmente file cartacei, sono stati progettati per la valutazione centralizzata. Così, con lo scioglimento di SDAG Wismut il 31 dicembre 1990, e lo scioglimento del sistema sanitario aziendale Wismut, si è posta la questione di cosa fare di questi record unici.

Digressione: incorporare le partecipazioni

Il primo compito per ZeBWis è stato quello di definire le persone che lavoravano sottoterra o negli impianti di preparazione e di determinare la loro posizione attuale. Le aziende comprendono circa 300,000 persone. Pochi dei registri della società erano in una forma che potesse essere utilizzata nell'elaborazione dei dati. Quindi era necessario percorrere il faticoso percorso di vedere una carta alla volta. Dovevano essere raccolti i file delle carte da quasi 20 località.

Il passo successivo è stato quello di raccogliere le statistiche vitali e gli indirizzi di queste persone. Le informazioni dal vecchio personale e dai registri salariali non sono state utili per questo. I vecchi indirizzi spesso non erano più validi, anche perché dopo la firma del trattato di unificazione avveniva una ridenominazione generalizzata di strade, piazze e strade. Anche il Registro centrale degli abitanti dell'ex RDT non era utile, poiché a quel punto le informazioni non erano più complete.

Trovare queste persone è stato infine reso possibile con l'assistenza dell'Associazione delle assicurazioni pensionistiche tedesche, attraverso la quale sono stati raccolti gli indirizzi di quasi 150,000 persone per comunicare l'offerta di cure mediche gratuite sul lavoro.

Per dare al medico esaminatore un'idea dei pericoli e dell'esposizione a cui era soggetto il paziente dalla cosiddetta anamnesi occupazionale o lavorativa è stata costruita una matrice di esposizione lavorativa.

Assistenza medica sul lavoro

Per gli esami sono stati reclutati circa 125 medici del lavoro appositamente formati con esperienza nella diagnosi di malattie causate da polvere e radiazioni. Lavorano sotto la direzione di ZeBWis e sono diffusi in tutta la Repubblica Federale per garantire che le persone interessate possano ottenere l'esame indicato vicino al loro attuale luogo di residenza. Grazie all'intensa formazione dei medici partecipanti, vengono eseguiti esami standard di alta qualità in tutte le sedi di esame. Distribuendo in anticipo moduli di documentazione uniformi, si garantisce che tutte le informazioni rilevanti vengano raccolte secondo gli standard stabiliti e inserite nei data center di ZeBWis. Ottimizzando il numero di file, ogni medico esaminatore svolge un numero adeguato di esami ogni anno e rimane così praticato ed esperto nel programma di esami. Attraverso il regolare scambio di informazioni e la formazione continua, i medici hanno sempre accesso alle informazioni aggiornate. Tutti i medici esaminatori sono esperti nella valutazione delle radiografie del torace in conformità con le linee guida ILO del 1980 (International Labour Organization 1980).

Il pool di dati, che sta crescendo a seguito degli esami in corso, è orientato a fornire ai medici e agli esperti di valutazione del rischio nel programma di rilevamento delle malattie professionali i risultati preliminari rilevanti. Fornisce inoltre una base per affrontare specifici sintomi o malattie che compaiono in determinate situazioni di rischio.

Il futuro

Confrontando il numero di persone che lavoravano per Wismut nel sottosuolo e/o negli impianti di preparazione con il numero di persone impiegate nell'estrazione dell'uranio nel mondo occidentale, è evidente che, pur con grandi lacune, i dati a disposizione presentano una base straordinaria per guadagnare nuova comprensione scientifica. Considerando che la panoramica del 1994 di Lubin et al. (1994) sul rischio di cancro ai polmoni copriva circa 60,000 individui affetti e circa 2,700 casi di cancro ai polmoni in 11 studi, i dati di circa 300,000 ex dipendenti Wismut sono ora disponibili. Almeno 6,500 sono morti fino ad oggi per cancro ai polmoni causato dalle radiazioni. Wismut, inoltre, non ha mai raccolto informazioni sull'esposizione di un gran numero di persone esposte a radiazioni ionizzanti o ad altri agenti.

Informazioni quanto più precise possibili sull'esposizione sono necessarie per una diagnosi ottimale delle malattie professionali e per la ricerca scientifica. Di questo si tiene conto in due progetti di ricerca sponsorizzati o realizzati dal Berufsgenossenschaften. È stata preparata una matrice di esposizione del lavoro consolidando le misurazioni del sito disponibili, analizzando i dati geologici, utilizzando le informazioni sui dati di produzione e, in alcuni casi, ricostruendo le condizioni di lavoro nei primi anni di Wismut. Dati di questo tipo sono un prerequisito per sviluppare una migliore comprensione, attraverso studi di coorte o studi caso-controllo, della natura e dell'entità delle malattie che derivano dall'estrazione dell'uranio. In questo modo si potrebbe anche migliorare la comprensione dell'effetto di dosi di radiazioni a lungo termine e di basso livello e degli effetti cumulativi di radiazioni, polvere e altri materiali cancerogeni. Gli studi su questo stanno ora iniziando o sono in fase di pianificazione. Con l'aiuto di campioni biologici raccolti negli ex laboratori di patologia di Wismut, è possibile ottenere conoscenze scientifiche anche sul tipo di cancro ai polmoni e anche sugli effetti interattivi tra polveri silicogeniche e radiazioni, nonché altri materiali pericolosi cancerogeni che vengono inalati o ingerito. Tali piani sono perseguiti in questo momento dalla DKFZ. La collaborazione su questo tema è ora in corso tra le strutture di ricerca tedesche e altri gruppi di ricerca come il NIOSH statunitense e il National Cancer Institute (NCI). Anche gruppi di lavoro corrispondenti in paesi come la Repubblica ceca, la Francia e il Canada stanno collaborando allo studio dei dati sull'esposizione.

Fino a che punto tumori maligni diversi dal cancro ai polmoni possono svilupparsi dall'esposizione alle radiazioni durante l'estrazione del minerale di uranio è poco noto. Su richiesta delle associazioni di categoria, ne è stato sviluppato un modello (Jacobi e Roth 1995) per stabilire in quali condizioni tumori della bocca e della gola, del fegato, dei reni, della pelle o delle ossa possono essere causati da condizioni di lavoro come quelle della Wismut .

 

Di ritorno

Leggi 8237 volte Ultima modifica Martedì, Luglio 26 2022 19: 23

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Sistemi di registrazione e riferimenti di sorveglianza

Agricola, G. 1556. De Re Metallica. Tradotto da HC Hoover e LH Hoover. 1950. New York: Dover.

Ahrens, W, KH Jöckel, P Brochard, U Bolm-Audorf, K Grossgarten, Y Iwatsubo, E Orlowski, H Pohlabeln e F Berrino. 1993. Valutazione retrospettiva dell'esposizione all'amianto. l. Analisi caso-controllo in uno studio sul cancro del polmone: efficienza dei questionari specifici per il lavoro e matrici di esposizione al lavoro. Int J Epidemiol 1993 Suppl. 2:S83-S95.

Alho, J, T Kauppinen e E Sundquist. 1988. Uso della registrazione dell'esposizione nella prevenzione del cancro professionale in Finlandia. Am J Ind Med 13:581-592.

Istituto nazionale americano per gli standard (ANSI). 1963. Metodo standard nazionale americano per la registrazione dei fatti di base relativi alla natura e all'occorrenza degli infortuni sul lavoro. New York: ANSI.

Panettiere, E.L. 1986. Piano completo per la sorveglianza delle malattie professionali e degli infortuni negli Stati Uniti. Washington, DC: NIOSH.

Baker, EL, PA Honchar e LJ Fine. 1989. Sorveglianza in caso di malattia e infortunio sul lavoro: concetti e contenuto. Am J Sanità pubblica 79:9-11.

Baker, EL, JM Melius e JD Millar. 1988. Sorveglianza delle malattie professionali e infortuni negli Stati Uniti: prospettive attuali e direzioni future. J Publ Health Policy 9:198-221.

Baser, ME e D Marion. 1990. Un registro dei casi in tutto lo stato per la sorveglianza dell'assorbimento professionale di metalli pesanti. Am J Sanità pubblica 80:162-164.

Bennett, B. 1990. Registro mondiale dei casi di angiosarcoma del fegato (ASL) dovuto al cloruro di vinile monomero: registro ICI.

Brackbill, RM, TM Frazier e S Shilling. 1988. Caratteristiche del fumo dei lavoratori, 1978-1980. Am J Ind Med 13:4-41.

Burdoff, A. 1995. Riduzione dell'errore di misurazione casuale nella valutazione del carico posturale sulla schiena nelle indagini epidemiologiche. Scand J Ambiente di lavoro Salute 21:15-23.

Ufficio di statistica del lavoro (BLS). 1986. Linee guida per la tenuta dei registri per infortuni e malattie professionali. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1989. Infortuni e malattie sul lavoro in California. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1992. Manuale di classificazione degli infortuni sul lavoro e delle malattie. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1993a. Infortuni e malattie professionali negli Stati Uniti per industria, 1991. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1993 b. Indagine sugli infortuni e le malattie professionali. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

—. 1994. Indagine sugli infortuni sul lavoro e sulle malattie, 1992. Washington, DC: Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti.

Ufficio del censimento. 1992. Elenco alfabetico delle industrie e delle occupazioni. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

—. 1993. Current Population Survey, da gennaio a dicembre 1993 (file di dati leggibili dalla macchina). Washington, DC: Ufficio del censimento.

Burstein, JM e BS Levy. 1994. L'insegnamento della medicina del lavoro nelle facoltà di medicina degli Stati Uniti. Piccolo miglioramento in nove anni. Am J Salute pubblica 84:846-849.

Castorino, J e L Rosenstock. 1992. Carenza di medici in medicina del lavoro e ambientale. Ann Intern Med 113:983-986.

Checkoway, H, NE Pearce e DJ Crawford-Brown. 1989. Metodi di ricerca in epidemiologia occupazionale. New York: Università di Oxford. Premere.

Chowdhury, NH, C Fowler e FJ Mycroft. 1994. Epidemiologia e sorveglianza del piombo nel sangue degli adulti - Stati Uniti, 1992-1994. Morb Mortal Weekly Rep 43:483-485.

Coenen, W. 1981. Strategie di misurazione e concetti di documentazione per la raccolta di materiali di lavoro pericolosi. Prevenzione degli infortuni moderna (in tedesco). Mod Unfallverhütung:52-57.

Coenen, W e LH Engels. 1993. Padroneggiare i rischi sul lavoro. Ricerca per lo sviluppo di nuove strategie preventive (in tedesco). BG 2:88-91.

Craft, B, D Spundin, R Spirtas e V Behrens. 1977. Progetto di relazione di una task force sulla sorveglianza della salute sul lavoro. In Hazard Surveillance in Occupational Disease, a cura di J Froines, DH Wegman e E Eisen. Am J Pub Health 79 (Supplemento) 1989.

Dubrow, R, JP Sestito, NR Lalich, CA Burnett e JA Salg. 1987. Sorveglianza della mortalità professionale basata sui certificati di morte negli Stati Uniti. Am J Ind Med 11:329-342.

Figgs, LW, M Dosemeci e A Blair. 1995. Sorveglianza del linfoma non Hodgkin degli Stati Uniti per occupazione 1984-1989: uno studio sui certificati di morte in ventiquattro stati. Am J Ind Med 27:817-835.

Frazier, TM, NR Lalich e DH Pederson. 1983. Usi di mappe generate al computer nella sorveglianza dei rischi professionali e della mortalità. Scand J Ambiente di lavoro Salute 9:148-154.

Freund, E, PJ Seligman, TL Chorba, SK Safford, JG Drachmann e HF Hull. 1989. Segnalazione obbligatoria delle malattie professionali da parte dei medici. GIAMA 262:3041-3044.

Froines, JR, DH Wegman e CA Dellenbaugh. 1986. Un approccio alla caratterizzazione dell'esposizione alla silice nell'industria statunitense. Am J Ind Med 10:345-361.

Froines, JR, S Baron, DH Wegman e S O'Rourke. 1990. Caratterizzazione delle concentrazioni aeree di piombo nell'industria statunitense. Am J Ind Med 18:1-17.

Gallagher, RF, WJ Threlfall, PR Band e JJ Spinelli. 1989. Mortalità professionale nella Columbia Britannica 1950-1984. Vancouver: Agenzia per il controllo del cancro della Columbia Britannica.

Guralnick, L. 1962. Mortalità per occupazione e industria tra gli uomini di età compresa tra 20 e 46 anni: Stati Uniti, 1950. Vital Statistics-Special Reports 53 (2). Washington, DC: Centro nazionale per le statistiche sanitarie.

—. 1963a. Mortalità per industria e causa di morte tra gli uomini di età compresa tra 20 e 40 anni: Stati Uniti, 1950. Vital Statistics-Special Reports, 53 (4). Washington, DC: Centro nazionale per le statistiche sanitarie.

—. 1963 b. Mortalità per occupazione e causa di morte tra gli uomini di età compresa tra 20 e 64 anni: Stati Uniti, 1950. Vital Statistics-Special Reports 53 (3). Washington, DC: Centro nazionale per le statistiche sanitarie.

Halperin, WE e TM Frazier. 1985. Sorveglianza per gli effetti dell'esposizione sul posto di lavoro. Ann Rev Salute Pubblica 6:419-432.

Hansen, DJ e LW Whitehead. 1988. L'influenza del compito e della posizione sulle esposizioni ai solventi in un impianto di stampa. Am Ind Hyg Assoc J 49:259-265.

Haerting, FH e W Hesse. 1879. Der Lungenkrebs, die Bergkrankheit in den Schneeberger Gruben Vierteljahrsschr gerichtl. Medizin und Öffentl. Gesundheitswesen 31:296-307.

Istituto di Medicina. 1988. Ruolo del Medico di Base in Medicina del Lavoro e dell'Ambiente. Washington, DC: National Academy Press.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1990. Erbicidi e contaminanti dell'acido fenossidico: descrizione del registro internazionale dei lavoratori IARC. Am J Ind Med 18:39-45.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1980. Linee guida per l'uso della classificazione internazionale ILO delle radiografie delle pneumoconiosi. Serie sulla sicurezza e la salute sul lavoro, n. 22. Ginevra: ILO.

Jacobi, W, K Henrichs e D Barclay. 1992. Verursachungswahrscheinlichkeit von Lungenkrebs durch die berufliche Strahlenexposition von Uran-Bergarbeitem der Wismut AG. Neuherberg: GSF—Bericht S-14/92.

Jacobi, W e P Roth. 1995. Risiko und Verursachungs-Wahrscheinlichkeit von extrapulmonalen Krebserkrankungen durch die berufliche Strahlenexposition von Beschäftigten der ehemaligen. Neuherberg: GSF—Bericht S-4/95.

Kauppinen, T, M Kogevinas, E Johnson, H Becher, PA Bertazzi, HB de Mesquita, D Coggon, L Green, M Littorin e E Lynge. 1993. Esposizione chimica nella produzione di erbicidi fenossidici e clorofenoli e nell'irrorazione di erbicidi fenossidici. Am J Ind Med 23:903-920.

Landrigan, P.J. 1989. Migliorare la sorveglianza delle malattie professionali. Am J Sanità pubblica 79:1601-1602.

Lee, HS e WH Phoon. 1989. Asma professionale a Singapore. J Occup Med, Singapore 1:22-27.

Linet, MS, H Malker e JK McLaughlin. 1988. Leucemie e occupazione in Svezia. Un'analisi basata sul registro. Am J Ind Med 14:319-330.

Lubin, JH, JD Boise, RW Hornung, C Edling, GR Howe, E Kunz, RA Kusiak, HI Morrison, EP Radford, JM Samet, M Tirmarche, A Woodward, TS Xiang e DA Pierce. 1994. Radon e rischio di cancro ai polmoni: un'analisi congiunta di 11 studi sui minatori sotterranei. Bethesda, MD: Istituto Nazionale della Sanità (NIH).

Markowitz, S. 1992. Il ruolo della sorveglianza nella salute sul lavoro. In Medicina Ambientale e del Lavoro, a cura di W Rom.

Markowitz, SB, E Fischer, MD Fahs, J Shapiro e P Landrigan. 1989. Malattia professionale nello Stato di New York. Am J Ind Med 16:417-435.

Matte, TD, RE Hoffman, KD Rosenman e M Stanbury. 1990. Sorveglianza dell'asma occupazionale nell'ambito del modello SENSOR. Petto 98:173S-178S.

McDowell, ME. 1983. Mortalità per leucemia negli elettricisti in Inghilterra e Galles. Lancetta 1:246.

Melius, JM, JP Sestito e PJ Seligman. 1989. Sorveglianza delle malattie professionali con fonti di dati esistenti. Am J Sanità pubblica 79:46-52.

Milham, S. 1982. Mortalità per leucemia nei lavoratori esposti a campi elettrici e magnetici. New Engl J Med 307:249.

—. 1983. Mortalità professionale nello Stato di Washington 1950-1979. Pubblicazione NIOSH n. 83-116. Springfield, Virginia: Servizio nazionale di informazioni tecniche.

Muldoon, JT, LA Wintermeyer, JA Eure, L Fuortes, JA Merchant, LSF Van e TB Richards. 1987. Fonti di dati di sorveglianza delle malattie professionali 1985. Am J Public Health 77:1006-1008.

Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). 1984. Strategie di test di tossicità per determinare bisogni e priorità. Washington, DC: stampa accademica nazionale.

Ufficio di gestione e bilancio (OMB). 1987. Manuale di classificazione industriale standard. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

OSHA. 1970. Legge sulla sicurezza e la salute sul lavoro del 1970 Legge pubblica 91-596 91° Congresso degli Stati Uniti.

Ott, G. 1993. Proposte strategiche per la tecnica di misurazione nei casi di danno (in tedesco). Dräger Heft 355:2-5.

Pearce, NE, RA Sheppard, JK Howard, J Fraser e BM Lilley. 1985. Leucemia negli elettricisti in Nuova Zelanda. Lancetta II:811-812.

Phoon, WH. 1989. Malattie professionali a Singapore. J Occup Med, Singapore 1:17-21.

Pollack, ES e DG Keimig (a cura di). 1987. Conteggio infortuni e malattie sul posto di lavoro: proposte per un sistema migliore. Washington, DC: National Academy Press.

Rajewsky, B. 1939. Bericht über die Schneeberger Untersuchungen. Zeitschrift für Krebsforschung 49:315-340.

Rapport, SM. 1991. Valutazione delle esposizioni a lungo termine a sostanze tossiche nell'aria. Ann Occup Hyg 35:61-121.

Cancelliere Generale. 1986. Occupation Mortality, Decennial Supplement for England and Wales, 1979-1980, 1982-1983 Part I Commentary. Serie DS, n. 6. Londra: ufficio di cancelleria di Sua Maestà.

Robinson, C, F Stern, W Halperin, H Venable, M Petersen, T Frazier, C Burnett, N Lalich, J Salg e J Sestito. 1995. Valutazione della mortalità nel settore delle costruzioni negli Stati Uniti, 1984-1986. Am J Ind Med 28:49-70.

Roche, L.M. 1993. Uso dei rapporti di malattia del datore di lavoro per la sorveglianza delle malattie professionali tra i dipendenti pubblici nel New Jersey. J Occup Med 35:581-586.

Rosenmann, KD. 1988. Utilizzo dei dati di dimissione ospedaliera nella sorveglianza delle malattie professionali. Am J Ind Med 13:281-289.

Rosenstock, L. 1981. Medicina del lavoro: troppo a lungo trascurata. Ann Intern Med 95:994.

Rothmann, KJ. 1986. Epidemiologia moderna. Boston: Little, Brown & Co.

Seifert, B. 1987. Strategia di misurazione e procedura di misurazione per le indagini sull'aria interna. Tecnica di misurazione e protezione dell'ambiente (in tedesco). 2:M61-M65.

Selikoff, IJ. 1982. Risarcimento di invalidità per malattia associata all'amianto negli Stati Uniti. New York: Scuola di Medicina del Monte Sinai.

Selikoff, IJ, EC Hammond e H Seidman. 1979. Esperienza di mortalità dei lavoratori dell'isolamento negli Stati Uniti e in Canada, 1943-1976. Ann NY Acad Sci 330:91-116.

Selikoff, IJ e H. Seidman. 1991. Morti associate all'amianto tra i lavoratori dell'isolamento negli Stati Uniti e in Canada, 1967-1987. Ann NY Acad Sci 643:1-14.

Seta, JA e DS Sundin. 1984. Tendenze di un decennio: una prospettiva sulla sorveglianza dei rischi professionali 1970-1983. Morb Mortal Weekly Rep 34(2):15SS-24SS.

Scellino, S e RM Brackbill. 1987. Rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro e potenziali conseguenze per la salute percepite dai lavoratori statunitensi. Publ Health Rep 102:36-46.

Slighter, R. 1994. Comunicazione personale, Programma di compensazione dell'Ufficio degli Stati Uniti per i lavoratori, 13 settembre 1994.

Tanaka, S, DK Wild, PJ Seligman, WE Halperin, VJ Behrens e V Putz-Anderson. 1995. Prevalenza e correlazione con il lavoro della sindrome del tunnel carpale auto-riferita tra i lavoratori statunitensi: analisi dei dati del supplemento di salute sul lavoro dell'indagine sull'intervista sulla salute nazionale del 1988. Am J Ind Med 27:451-470.

Teschke, K, SA Marion, A Jin, RA Fenske e C van Netten. 1994. Strategie per determinare l'esposizione professionale nella valutazione del rischio. Una revisione e una proposta per valutare le esposizioni ai fungicidi nell'industria del legname. Am Ind Hyg Assoc J 55:443-449.

Ullrich, D. 1995. Metodi per determinare l'inquinamento dell'aria interna. Qualità dell'aria interna (in tedesco). Rapporto BIA 2/95,91-96.

Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (USDHHS). 1980. Caratteristiche industriali delle persone che segnalano morbilità durante i sondaggi sui colloqui sulla salute condotti nel 1969-1974. Washington, DC: USDHHS.

—. Luglio 1993. Statistiche vitali e sanitarie Condizioni di salute tra gli attualmente occupati: Stati Uniti 1988. Washington, DC: USDHHS.

—. Luglio 1994. Piano di statistiche vitali e sanitarie e funzionamento della terza indagine nazionale sull'esame della salute e della nutrizione, 1988-94. vol. N. 32. Washington, DC: USDHHS.

Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti (USDOL). 1980. Un rapporto provvisorio al Congresso sulle malattie professionali. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

Servizi sanitari pubblici statunitensi (USPHS). 1989. Classificazione internazionale delle malattie, nona revisione, modificazione clinica. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

Wegmann, D.H. 1992. Sorveglianza dei rischi. Cap. 6 in Public Health Surveillance, a cura di W Halperin, EL Baker e RR Ronson. New York: Van Nostrand Reinhold.

Wegman, DH e JR Froines. 1985. Esigenze di sorveglianza per la salute sul lavoro. Am J Sanità pubblica 75:1259-1261.

Welch, L. 1989. Il ruolo delle cliniche di medicina del lavoro nella sorveglianza delle malattie professionali. Am J Sanità pubblica 79:58-60.

Wichmann, HE, I Brüske-Hohlfeld e M Mohner. 1995. Stichprobenerhebung und Auswertung von Personaldaten der Wismut Hauptverband der gewerblichen Berufsgenossenschaften. Forschungsbericht 617.0-WI-02, Sant'Agostino.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1977. Manuale della classificazione statistica internazionale delle malattie, lesioni e cause di morte, basato sulle raccomandazioni della nona conferenza di revisione, 1975. Ginevra: OMS.