Domenica, Gennaio 16 2011 19: 30

L'approccio degli Stati Uniti alla valutazione del rischio di sostanze tossiche per la riproduzione e agenti neurotossici

Vota questo gioco
(Voto 1)

La neurotossicità e la tossicità riproduttiva sono aree importanti per la valutazione del rischio, poiché i sistemi nervoso e riproduttivo sono altamente sensibili agli effetti xenobiotici. Molti agenti sono stati identificati come tossici per questi sistemi nell'uomo (Barlow e Sullivan 1982; OTA 1990). Molti pesticidi sono deliberatamente progettati per interrompere la riproduzione e la funzione neurologica negli organismi bersaglio, come gli insetti, attraverso l'interferenza con la biochimica ormonale e la neurotrasmissione.

È difficile identificare sostanze potenzialmente tossiche per questi sistemi per tre motivi correlati: in primo luogo, questi sono tra i sistemi biologici più complessi nell'uomo, e i modelli animali della funzione riproduttiva e neurologica sono generalmente riconosciuti come inadeguati per rappresentare eventi critici come la cognizione o sviluppo embriofetale precoce; secondo, non ci sono test semplici per identificare potenziali tossici riproduttivi o neurologici; e terzo, questi sistemi contengono più tipi di cellule e organi, in modo tale che nessun singolo insieme di meccanismi di tossicità può essere utilizzato per dedurre relazioni dose-risposta o prevedere relazioni struttura-attività (SAR). Inoltre, è noto che la sensibilità sia del sistema nervoso che di quello riproduttivo varia con l'età e che le esposizioni in periodi critici possono avere effetti molto più gravi che in altri periodi.

Valutazione del rischio di neurotossicità

La neurotossicità è un importante problema di salute pubblica. Come mostrato nella tabella 1, ci sono stati diversi episodi di neurotossicità umana che hanno coinvolto migliaia di lavoratori e altre popolazioni esposte attraverso rilasci industriali, cibo contaminato, acqua e altri vettori. Le esposizioni professionali a neurotossine come piombo, mercurio, insetticidi organofosfati e solventi clorurati sono diffuse in tutto il mondo (OTA 1990; Johnson 1978).

Tabella 1. Principali incidenti di neurotossicità selezionati

Anni) Dove Sostanza Commenti
400 BC Roma Portare Ippocrate riconosce la tossicità del piombo nell'industria mineraria.
1930 secondi Stati Uniti (sud-est) TOCP Composto spesso aggiunto agli oli lubrificanti contamina "Ginger Jake", una bevanda alcolica; più di 5,000 paralizzati, da 20,000 a 100,000 colpiti.
1930 secondi Europa Apiol (con TOCP) Il farmaco che induce l'aborto contenente TOCP causa 60 casi di neuropatia.
1932 Stati Uniti (California) Tallio L'orzo corretto con solfato di tallio, usato come rodenticida, viene rubato e usato per fare le tortillas; 13 familiari ricoverati con sintomi neurologici; 6 morti.
1937 Sud Africa TOCP 60 sudafricani sviluppano la paralisi dopo aver usato olio da cucina contaminato.
1946 - Piombo tetraetile Più di 25 persone soffrono di effetti neurologici dopo aver pulito i serbatoi di benzina.
1950 secondi Giappone (Minimi) mercurio Centinaia ingeriscono pesce e crostacei contaminati con mercurio da impianti chimici; 121 avvelenati, 46 morti, molti neonati con gravi danni al sistema nervoso.
1950 secondi Francia Organostagno La contaminazione di Stallinon con trietilstagno provoca più di 100 morti.
1950 secondi Marocco Manganese 150 minatori di minerali soffrono di intossicazione cronica da manganese che comporta gravi problemi neurocomportamentali.
1950s-1970s Stati Uniti AETT Componente di fragranze risultato essere neurotossico; ritirato dal mercato nel 1978; effetti sulla salute umana sconosciuti.
1956 - Endrin 49 persone si ammalano dopo aver mangiato cibi da forno preparati con farina contaminata con l'insetticida endrin; in alcuni casi si verificano convulsioni.
1956 Turchia HCB L'esaclorobenzene, un fungicida per semi di grano, porta all'avvelenamento da 3,000 a 4,000; Tasso di mortalità del 10%.
1956-1977 Giappone Cliochinolo Farmaco usato per trattare la diarrea dei viaggiatori che causa neuropatia; ben 10,000 colpiti in due decenni.
1959 Marocco TOCP L'olio da cucina contaminato con olio lubrificante colpisce circa 10,000 persone.
1960 Iraq mercurio Mercurio usato come fungicida per trattare i semi di grano usati nel pane; più di 1,000 persone colpite.
1964 Giappone mercurio Il metilmercurio colpisce 646 persone.
1968 Giappone PCB Bifenili policlorurati filtrati nell'olio di riso; 1,665 persone colpite.
1969 Giappone n-esano 93 casi di neuropatia si verificano in seguito all'esposizione a n-esano, utilizzato per realizzare sandali in vinile.
1971 Stati Uniti esaclorofene Dopo anni passati a fare il bagno ai neonati nel 3% di esaclorofene, il disinfettante risulta essere tossico per il sistema nervoso e per altri sistemi.
1971 Iraq mercurio Il mercurio usato come fungicida per trattare i semi di grano è usato nel pane; più di 5,000 avvelenamenti gravi, 450 decessi in ospedale, effetti su molti neonati esposti prenatalmente non documentati.
1973 Stati Uniti (Ohio) MIBK Dipendenti dell'impianto di produzione di tessuti esposti a solvente; più di 80 lavoratori soffrono di neuropatia, 180 hanno effetti meno gravi.
1974-1975 Stati Uniti (Hopewell, VA) Clordecone (Kepone) Dipendenti di impianti chimici esposti a insetticida; più di 20 soffrono di gravi problemi neurologici, più di 40 hanno problemi meno gravi.
1976 Stati Uniti (Texas) Leptofos (Fosvel) Almeno 9 dipendenti soffrono di gravi problemi neurologici a seguito dell'esposizione a insetticidi durante il processo di produzione.
1977 Stati Uniti (California) Dicloropropene (Telone II) 24 persone ricoverate dopo l'esposizione al pesticida Telone a seguito di incidente stradale.
1979-1980 Stati Uniti (Lancaster, Texas) BHM (Lucel-7) Sette dipendenti dell'impianto di produzione di vasche da bagno in plastica hanno avuto seri problemi neurologici a seguito dell'esposizione al BHMH.
1980 secondi Stati Uniti MPTP L'impurità nella sintesi della droga illecita è risultata causare sintomi identici a quelli del morbo di Parkinson.
1981 Spagna Olio tossico contaminato 20,000 persone avvelenate dalla sostanza tossica nel petrolio, provocando più di 500 morti; molti soffrono di grave neuropatia.
1985 Stati Uniti e Canada aldicarb Più di 1,000 persone in California e in altri Stati occidentali e nella Columbia Britannica soffrono di problemi neuromuscolari e cardiaci a seguito dell'ingestione di meloni contaminati dal pesticida aldicarb.
1987 Canada acido domoico L'ingestione di mitili contaminati con acido domoico provoca 129 malattie e 2 morti; i sintomi includono perdita di memoria, disorientamento e convulsioni.

Fonte: OTA 1990.

Le sostanze chimiche possono influenzare il sistema nervoso attraverso azioni su uno qualsiasi dei numerosi bersagli cellulari o processi biochimici all'interno del sistema nervoso centrale o periferico. Gli effetti tossici su altri organi possono colpire anche il sistema nervoso, come nell'esempio dell'encefalopatia epatica. Le manifestazioni di neurotossicità includono effetti sull'apprendimento (inclusi memoria, cognizione e prestazioni intellettuali), processi somatosensoriali (inclusi sensazione e propriorecezione), funzione motoria (inclusi equilibrio, andatura e controllo fine del movimento), affettività (inclusi stato di personalità ed emotività) e sistema nervoso autonomo funzione (controllo nervoso della funzione endocrina e dei sistemi di organi interni). Gli effetti tossici delle sostanze chimiche sul sistema nervoso spesso variano in sensibilità ed espressione con l'età: durante lo sviluppo, il sistema nervoso centrale può essere particolarmente suscettibile all'insulto tossico a causa dell'esteso processo di differenziazione cellulare, migrazione e contatto cellula-cellula. che avviene negli esseri umani (OTA 1990). Inoltre, il danno citotossico al sistema nervoso può essere irreversibile perché i neuroni non vengono sostituiti dopo l'embriogenesi. Mentre il sistema nervoso centrale (SNC) è in qualche modo protetto dal contatto con i composti assorbiti attraverso un sistema di cellule strettamente unite (la barriera emato-encefalica, composta da cellule endoteliali capillari che rivestono il sistema vascolare del cervello), le sostanze chimiche tossiche possono accedere a il SNC mediante tre meccanismi: solventi e composti lipofili possono passare attraverso le membrane cellulari; alcuni composti possono legarsi a proteine ​​trasportatrici endogene che servono a fornire nutrienti e biomolecole al SNC; piccole proteine ​​se inalate possono essere captate direttamente dal nervo olfattivo e trasportate al cervello.

autorità di regolamentazione degli Stati Uniti

L'autorità statutaria per la regolamentazione delle sostanze per la neurotossicità è assegnata a quattro agenzie negli Stati Uniti: la Food and Drug Administration (FDA), l'Environmental Protection Agency (EPA), la Occupational Safety and Health Administration (OSHA) e la Consumer Product Safety Commission (CPSC). Mentre l'OSHA regola generalmente le esposizioni professionali a sostanze chimiche neurotossiche (e altre), l'EPA ha l'autorità di regolare le esposizioni professionali e non professionali ai pesticidi ai sensi del Federal Insecticide, Fungicide and Rodenticide Act (FIFRA). L'EPA regola anche le nuove sostanze chimiche prima della produzione e della commercializzazione, il che obbliga l'agenzia a considerare sia i rischi professionali che quelli non professionali.

Identificazione dei pericoli

Gli agenti che influenzano negativamente la fisiologia, la biochimica o l'integrità strutturale del sistema nervoso o la funzione del sistema nervoso espressa a livello comportamentale sono definiti come pericoli neurotossici (EPA 1993). La determinazione della neurotossicità intrinseca è un processo difficile, a causa della complessità del sistema nervoso e delle molteplici espressioni della neurotossicità. Alcuni effetti possono apparire ritardati, come la neurotossicità ritardata di alcuni insetticidi organofosfati. Sono richiesti cautela e giudizio nel determinare il rischio neurotossico, inclusa la considerazione delle condizioni di esposizione, dose, durata e tempistica.

L'identificazione del pericolo si basa solitamente su studi tossicologici di organismi intatti, in cui la funzione comportamentale, cognitiva, motoria e somatosensoriale viene valutata con una serie di strumenti investigativi tra cui biochimica, elettrofisiologia e morfologia (Tilson e Cabe 1978; Spencer e Schaumberg 1980). L'importanza di un'attenta osservazione del comportamento dell'intero organismo non può essere sottovalutata. L'identificazione del pericolo richiede anche la valutazione della tossicità nelle diverse fasi dello sviluppo, compresa la prima infanzia (intrauterina e neonatale) e la senescenza. Nell'uomo, l'identificazione della neurotossicità implica la valutazione clinica utilizzando metodi di valutazione neurologica della funzione motoria, fluenza del linguaggio, riflessi, funzione sensoriale, elettrofisiologia, test neuropsicologici e, in alcuni casi, tecniche avanzate di imaging cerebrale ed elettroencefalografia quantitativa. L'OMS ha sviluppato e convalidato una batteria di test di base neurocomportamentale (NCTB), che contiene sonde di funzione motoria, coordinazione occhio-mano, tempo di reazione, memoria immediata, attenzione e umore. Questa batteria è stata convalidata a livello internazionale da un processo coordinato (Johnson 1978).

L'identificazione dei pericoli utilizzando gli animali dipende anche da attenti metodi di osservazione. L'EPA statunitense ha sviluppato una batteria di osservazione funzionale come test di primo livello progettato per rilevare e quantificare i principali effetti neurotossici manifesti (Moser 1990). Questo approccio è anche incorporato nei metodi di prova della tossicità subcronica e cronica dell'OCSE. Una batteria tipica include le seguenti misure: postura; andatura; mobilità; eccitazione generale e reattività; presenza o assenza di tremore, convulsioni, lacrimazione, piloerezione, salivazione, eccesso di minzione o defecazione, stereotipia, movimenti circolari o altri comportamenti bizzarri. I comportamenti suscitati includono la risposta alla manipolazione, il pizzicotto della coda o i clic; equilibrio, riflesso di raddrizzamento e forza di presa degli arti posteriori. Alcuni test rappresentativi e agenti identificati con questi test sono mostrati nella tabella 2.

Tabella 2. Esempi di test specializzati per misurare la neurotossicità

Funzione Procedura Agenti rappresentativi
Neuromuscolare
Debolezza Forza di presa; resistenza al nuoto; sospensione dall'asta; funzione motoria discriminativa; divaricazione degli arti posteriori n-Esano, Metilbutilchetone, Carbaril
Incoordinazione Rotorod, misurazioni dell'andatura 3-acetilpiridina, etanolo
Tremore Scala di valutazione, analisi spettrale Clordecone, Piretroidi di tipo I, DDT
Mioclonie, spasmi Scala di valutazione, analisi spettrale DDT, piretroidi di tipo II
Sensoriale
Uditorio Condizionamento discriminante, modifica dei riflessi Toluene, Trimetilstagno
Tossicità visiva Condizionamento discriminante Metil mercurio
Tossicità somatosensoriale Condizionamento discriminante acrilamide
Sensibilità al dolore Condizionamento discriminante (btrazione); batteria di osservazione funzionale parathion
Tossicità olfattiva Condizionamento discriminante 3-metilbromuro di metile
Apprendimento, memoria
assuefazione Riflesso di allarme Diisopropilfluorofosfato (DFP)
Condizionamento classico Membrana nittitante, avversione condizionata al sapore, evitamento passivo, condizionamento olfattivo Alluminio, Carbaril, Trimetilstagno, IDPN, Trimetilstagno (neonatale)
Condizionamento operante o strumentale Evitamento a senso unico, Evitamento a due vie, Evitamento del labirinto a Y, Labirinto acquatico Biol, Labirinto acquatico Morris, Labirinto del braccio radiale, Abbinamento ritardato al campione, Acquisizione ripetuta, Apprendimento della discriminazione visiva Clordecone, Piombo (neonatale), Ipervitaminosi A, Stirene, DFP, Trimetilstagno, DFP. Carbaril, Piombo

Fonte: EPA 1993.

Questi test possono essere seguiti da valutazioni più complesse solitamente riservate agli studi meccanicistici piuttosto che all'identificazione dei pericoli. I metodi in vitro per l'identificazione del pericolo di neurotossicità sono limitati poiché non forniscono indicazioni sugli effetti su funzioni complesse, come l'apprendimento, ma possono essere molto utili per definire i siti target di tossicità e migliorare la precisione degli studi dose-risposta del sito target (cfr. OMS 1986 e EPA 1993 per discussioni complete su principi e metodi per l'identificazione di potenziali sostanze neurotossiche).

Valutazione dose-risposta

La relazione tra tossicità e dose può essere basata su dati umani quando disponibili o su test su animali, come descritto sopra. Negli Stati Uniti, per i neurotossici viene generalmente utilizzato un approccio basato sul fattore di incertezza o di sicurezza. Questo processo comporta la determinazione di un "livello senza effetti avversi osservati" (NOAEL) o "livello di effetti avversi più basso osservato" (LOAEL) e quindi la divisione di questo numero per fattori di incertezza o sicurezza (di solito multipli di 10) per consentire considerazioni come l'incompletezza di dati, sensibilità potenzialmente più elevata degli esseri umani e variabilità della risposta umana a causa dell'età o di altri fattori dell'ospite. Il numero risultante è definito dose di riferimento (RfD) o concentrazione di riferimento (RfC). L'effetto che si verifica alla dose più bassa nelle specie animali e nel genere più sensibili viene generalmente utilizzato per determinare il LOAEL o il NOAEL. La conversione della dose animale all'esposizione umana viene effettuata mediante metodi standard di dosimetria interspecie, tenendo conto delle differenze nella durata della vita e della durata dell'esposizione.

L'uso dell'approccio del fattore di incertezza presuppone che esista una soglia o una dose al di sotto della quale non viene indotto alcun effetto avverso. Le soglie per neurotossici specifici possono essere difficili da determinare sperimentalmente; si basano su presupposti relativi al meccanismo d'azione che possono valere o meno per tutti i neurotossici (Silbergeld 1990).

Valutazione dell'esposizione

In questa fase, le informazioni vengono valutate su fonti, vie, dosi e durate dell'esposizione al neurotossico per popolazioni umane, sottopopolazioni o anche individui. Queste informazioni possono essere derivate dal monitoraggio dei mezzi ambientali o dal campionamento umano, o da stime basate su scenari standard (come le condizioni del posto di lavoro e le descrizioni del lavoro) o modelli di destino ambientale e dispersione (vedere EPA 1992 per le linee guida generali sui metodi di valutazione dell'esposizione). In alcuni casi limitati, i marcatori biologici possono essere utilizzati per convalidare le deduzioni e le stime dell'esposizione; tuttavia, ci sono relativamente pochi biomarcatori utilizzabili di sostanze neurotossiche.

Caratterizzazione del rischio

La combinazione di identificazione del pericolo, dose-risposta e valutazione dell'esposizione viene utilizzata per sviluppare la caratterizzazione del rischio. Questo processo comporta ipotesi sull'estrapolazione di dosi da alte a basse, estrapolazione dagli animali all'uomo, e l'adeguatezza delle ipotesi di soglia e l'uso di fattori di incertezza.

Tossicologia riproduttiva: metodi di valutazione del rischio

I rischi riproduttivi possono influenzare più endpoint funzionali e bersagli cellulari all'interno degli esseri umani, con conseguenze per la salute dell'individuo interessato e delle generazioni future. I rischi riproduttivi possono influenzare lo sviluppo del sistema riproduttivo nei maschi o nelle femmine, i comportamenti riproduttivi, la funzione ormonale, l'ipotalamo e l'ipofisi, le gonadi e le cellule germinali, la fertilità, la gravidanza e la durata della funzione riproduttiva (OTA 1985). Inoltre, le sostanze chimiche mutagene possono anche influenzare la funzione riproduttiva danneggiando l'integrità delle cellule germinali (Dixon 1985).

La natura e l'entità degli effetti negativi delle esposizioni chimiche sulla funzione riproduttiva nelle popolazioni umane è in gran parte sconosciuta. Sono disponibili relativamente poche informazioni di sorveglianza su endpoint come la fertilità di uomini o donne, l'età della menopausa nelle donne o il numero di spermatozoi negli uomini. Tuttavia, sia uomini che donne sono impiegati in industrie in cui possono verificarsi esposizioni a rischi riproduttivi (OTA 1985).

Questa sezione non ricapitola quegli elementi comuni alla valutazione del rischio di sostanze tossiche neurotossiche e riproduttive, ma si concentra su questioni specifiche per la valutazione del rischio di sostanze tossiche per la riproduzione. Come per le sostanze neurotossiche, l'autorità di regolamentare le sostanze chimiche per la tossicità riproduttiva è conferita per legge all'EPA, all'OSHA, alla FDA e al CPSC. Di queste agenzie, solo l'EPA ha una serie dichiarata di linee guida per la valutazione del rischio di tossicità riproduttiva. Inoltre, lo stato della California ha sviluppato metodi per la valutazione del rischio di tossicità riproduttiva in risposta a una legge statale, la Proposition 65 (Pease et al. 1991).

Le sostanze tossiche per la riproduzione, come le sostanze neurotossiche, possono agire colpendo uno qualsiasi di un certo numero di organi bersaglio o siti molecolari di azione. La loro valutazione è ulteriormente complessa a causa della necessità di valutare separatamente e insieme tre organismi distinti: il maschio, la femmina e la prole (Mattison e Thomford 1989). Mentre un punto finale importante della funzione riproduttiva è la generazione di un bambino sano, anche la biologia riproduttiva svolge un ruolo nella salute degli organismi in via di sviluppo e maturi, indipendentemente dal loro coinvolgimento nella procreazione. Ad esempio, la perdita della funzione ovulatoria dovuta all'esaurimento naturale o alla rimozione chirurgica degli ovociti ha effetti sostanziali sulla salute delle donne, comportando cambiamenti nella pressione sanguigna, nel metabolismo dei lipidi e nella fisiologia ossea. I cambiamenti nella biochimica degli ormoni possono influenzare la suscettibilità al cancro.

Identificazione dei pericoli

L'identificazione di un pericolo riproduttivo può essere effettuata sulla base di dati umani o animali. In generale, i dati sugli esseri umani sono relativamente scarsi, a causa della necessità di un'attenta sorveglianza per rilevare alterazioni nella funzione riproduttiva, come il numero o la qualità dello sperma, la frequenza ovulatoria e la durata del ciclo o l'età alla pubertà. Rilevare i rischi riproduttivi attraverso la raccolta di informazioni sui tassi di fertilità o dati sull'esito della gravidanza può essere confuso dalla soppressione intenzionale della fertilità esercitata da molte coppie attraverso misure di pianificazione familiare. Un attento monitoraggio di popolazioni selezionate indica che i tassi di fallimento riproduttivo (aborto spontaneo) possono essere molto alti, quando vengono valutati i biomarcatori della gravidanza precoce (Sweeney et al. 1988).

I protocolli di test che utilizzano animali da esperimento sono ampiamente utilizzati per identificare le sostanze tossiche per la riproduzione. Nella maggior parte di questi progetti, sviluppati negli Stati Uniti dalla FDA e dall'EPA ea livello internazionale dal programma di linee guida sui test dell'OCSE, gli effetti degli agenti sospetti vengono rilevati in termini di fertilità dopo l'esposizione maschile e/o femminile; osservazione dei comportamenti sessuali legati all'accoppiamento; ed esame istopatologico delle gonadi e delle ghiandole sessuali accessorie, come le ghiandole mammarie (EPA 1994). Spesso gli studi di tossicità riproduttiva comportano la somministrazione continua di animali per una o più generazioni al fine di rilevare gli effetti sul processo riproduttivo integrato nonché di studiare gli effetti su specifici organi della riproduzione. Si raccomandano studi multigenerazionali perché consentono di rilevare gli effetti che possono essere indotti dall'esposizione durante lo sviluppo del sistema riproduttivo in utero. Uno speciale protocollo di test, il Reproductive Assessment by Continuous Breeding (RACB), è stato sviluppato negli Stati Uniti dal National Toxicology Program. Questo test fornisce dati sui cambiamenti nella spaziatura temporale delle gravidanze (che riflettono la funzione ovulatoria), così come il numero e la dimensione delle cucciolate durante l'intero periodo del test. Se esteso alla vita della femmina, può fornire informazioni sui primi fallimenti riproduttivi. Le misurazioni dello sperma possono essere aggiunte al RACB per rilevare i cambiamenti nella funzione riproduttiva maschile. Un test speciale per rilevare la perdita pre o postimpianto è il test letale dominante, progettato per rilevare effetti mutageni nella spermatogenesi maschile.

Sono stati sviluppati anche test in vitro come screening per la tossicità riproduttiva (e dello sviluppo) (Heindel e Chapin 1993). Questi test sono generalmente utilizzati per integrare i risultati dei test in vivo fornendo maggiori informazioni sul sito bersaglio e sul meccanismo degli effetti osservati.

La tabella 3 mostra i tre tipi di endpoint nella valutazione della tossicità riproduttiva: mediata dalla coppia, specifica per la femmina e specifica per il maschio. Gli endpoint mediati dalla coppia includono quelli rilevabili negli studi multigenerazionali e su un singolo organismo. Generalmente includono anche la valutazione della prole. Va notato che la misurazione della fertilità nei roditori è generalmente poco sensibile, rispetto a tale misurazione negli esseri umani, e che gli effetti avversi sulla funzione riproduttiva possono verificarsi a dosi inferiori rispetto a quelle che influenzano significativamente la fertilità (EPA 1994). Gli endpoint specifici per il maschio possono includere test di letalità dominante, nonché valutazione istopatologica di organi e sperma, misurazione degli ormoni e marcatori dello sviluppo sessuale. La funzione degli spermatozoi può anche essere valutata mediante metodi di fecondazione in vitro per rilevare le proprietà di penetrazione e capacitazione delle cellule germinali; questi test sono preziosi perché sono direttamente paragonabili alle valutazioni in vitro condotte nelle cliniche della fertilità umana, ma non forniscono di per sé informazioni dose-risposta. Gli endpoint specifici per le donne includono, oltre all'istopatologia degli organi e alle misurazioni ormonali, la valutazione delle sequele della riproduzione, compresa l'allattamento e la crescita della prole.

Tabella 3. Endpoint in tossicologia riproduttiva

  Endpoint mediati dalla coppia
Studi multigenerazionali Altri endpoint riproduttivi
Tasso di accoppiamento, tempo di accoppiamento (tempo di gravidanza1)
Tasso di gravidanza1
Tasso di consegna1
Durata della gestazione1
Dimensione della cucciolata (totale e viva)
Numero di figli vivi e morti (tasso di mortalità fetale1)
Genere della prole1
Peso alla nascita1
Pesi postnatali1
Sopravvivenza della prole1
Malformazioni e variazioni esterne1
Riproduzione della prole1
Tasso di ovulazione

Tasso di fecondazione
Perdita preimpianto
Numero di impianto
Perdita post-impianto1
Malformazioni interne e variazioni1
Sviluppo strutturale e funzionale postnatale1
  Endpoint specifici per il maschio
Pesi d'organo

Esame visivo e istopatologia

Valutazione dello sperma1

Livelli ormonali1

Dello sviluppo
Testicoli, epididimi, vescicole seminali, prostata, ipofisi
Testicoli, epididimi, vescicole seminali, prostata, ipofisi
Numero di spermatozoi (conta) e qualità (morfologia, motilità)
Ormone luteinizzante, ormone follicolo-stimolante, testosterone, estrogeni, prolattina
Discesa del testicolo1, separazione prepuziale, produzione di spermatozoi1, distanza ano-genitale, normalità dei genitali esterni1
  Endpoint specifici per le donne
Peso corporeo
Pesi d'organo
Esame visivo e istopatologia

Estrale (mestruale1) normalità del ciclo
Livelli ormonali1
Lattazione1
Mercato


Senescenza (menopausa1)

Ovaio, utero, vagina, ipofisi
Ovaio, utero, vagina, ipofisi, ovidotto, ghiandola mammaria
Citologia dello striscio vaginale
LH, FSH, estrogeni, progesterone, prolattina
Crescita della prole
Normalità dei genitali esterni1, apertura vaginale, citologia da striscio vaginale, inizio del comportamento estrale (mestruazioni1)
Citologia dello striscio vaginale, istologia ovarica

1 Endpoint che possono essere ottenuti in modo relativamente non invasivo con gli esseri umani.

Fonte: EPA 1994.

Negli Stati Uniti, l'identificazione del pericolo si conclude con una valutazione qualitativa dei dati sulla tossicità in base alla quale si giudica che le sostanze chimiche abbiano prove di pericolo sufficienti o insufficienti (EPA 1994). Le prove "sufficienti" includono dati epidemiologici che forniscono prove convincenti di una relazione causale (o della sua mancanza), sulla base di studi caso-controllo o di coorte o serie di casi ben supportati. Dati sugli animali sufficienti possono essere accoppiati con dati umani limitati per supportare la scoperta di un rischio riproduttivo: per essere sufficienti, gli studi sperimentali sono generalmente tenuti a utilizzare le linee guida sui test di due generazioni dell'EPA e devono includere un minimo di dati che dimostrino un effetto negativo sulla riproduzione in uno studio appropriato e ben condotto su una specie di prova. I dati umani limitati possono o non possono essere disponibili; non è necessario ai fini dell'identificazione del pericolo. Per escludere un potenziale rischio riproduttivo, i dati sugli animali devono includere una serie adeguata di endpoint da più di uno studio che non mostri alcun effetto riproduttivo avverso a dosi minimamente tossiche per l'animale (EPA 1994).

Valutazione dose-risposta

Come per la valutazione delle sostanze neurotossiche, la dimostrazione degli effetti dose-correlati è una parte importante della valutazione del rischio per le sostanze tossiche per la riproduzione. Due particolari difficoltà nelle analisi dose-risposta sorgono a causa della complicata tossicocinetica durante la gravidanza e dell'importanza di distinguere la tossicità riproduttiva specifica dalla tossicità generale per l'organismo. Gli animali debilitati o gli animali con una sostanziale tossicità non specifica (come la perdita di peso) possono non riuscire a ovulare o ad accoppiarsi. La tossicità materna può influenzare la vitalità della gravidanza o il supporto per l'allattamento. Questi effetti, sebbene siano prove di tossicità, non sono specifici della riproduzione (Kimmel et al. 1986). La valutazione della risposta alla dose per un endpoint specifico, come la fertilità, deve essere effettuata nel contesto di una valutazione complessiva della riproduzione e dello sviluppo. Le relazioni dose-risposta per effetti diversi possono differire in modo significativo, ma interferiscono con il rilevamento. Ad esempio, gli agenti che riducono le dimensioni della cucciolata potrebbero non avere alcun effetto sul peso della cucciolata a causa della ridotta competizione per la nutrizione intrauterina.

Valutazione dell'esposizione

Una componente importante della valutazione dell'esposizione per la valutazione del rischio riproduttivo riguarda le informazioni sui tempi e sulla durata delle esposizioni. Le misure di esposizione cumulativa possono non essere sufficientemente precise, a seconda del processo biologico interessato. È noto che le esposizioni a diversi stadi di sviluppo nei maschi e nelle femmine possono portare a esiti diversi sia nell'uomo che negli animali da esperimento (Gray et al. 1988). Anche la natura temporale della spermatogenesi e dell'ovulazione influisce sull'esito. Gli effetti sulla spermatogenesi possono essere reversibili se cessano le esposizioni; tuttavia, la tossicità degli ovociti non è reversibile poiché le femmine hanno un insieme fisso di cellule germinali a cui attingere per l'ovulazione (Mattison e Thomford 1989).

Caratterizzazione del rischio

Come per le sostanze neurotossiche, per le sostanze tossiche per la riproduzione si assume solitamente l'esistenza di una soglia. Tuttavia, le azioni dei composti mutageni sulle cellule germinali possono essere considerate un'eccezione a questa ipotesi generale. Per altri endpoint, un RfD o un RfC viene calcolato come con le sostanze neurotossiche mediante la determinazione del NOAEL o del LOAEL e l'applicazione di appropriati fattori di incertezza. L'effetto utilizzato per determinare il NOAEL o il LOAEL è l'endpoint riproduttivo avverso più sensibile delle specie di mammiferi più appropriate o più sensibili (EPA 1994). I fattori di incertezza includono la considerazione della variazione interspecie e intraspecie, la capacità di definire un vero NOAEL e la sensibilità dell'endpoint rilevato.

Le caratterizzazioni del rischio dovrebbero anche essere focalizzate su specifiche sottopopolazioni a rischio, possibilmente specificando maschi e femmine, stato di gravidanza ed età. Possono essere presi in considerazione anche individui particolarmente sensibili, come donne che allattano, donne con numero di ovociti ridotto o uomini con numero di spermatozoi ridotto e adolescenti in età prepuberale.

 

Di ritorno

Leggi 7997 volte Ultima modifica Martedì, Luglio 26 2022 19: 37

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti tossicologici

Andersen, KE e HI Maibach. 1985. Test predittivi di allergia da contatto su cavie. Cap. 14 pollici Problemi attuali in dermatologia. Basilea: Karger.

Ashby, J e RW Tennant. 1991. Relazioni definitive tra struttura chimica, cancerogenicità e mutagenicità per 301 sostanze chimiche testate dall'NTP statunitense. Mutat Res 257: 229-306.

Barlow, S e F Sullivan. 1982. Rischi riproduttivi di prodotti chimici industriali. Londra: stampa accademica.

Barrett, JC. 1993a. Meccanismi di azione di cancerogeni umani noti. In Meccanismi di cancerogenesi nell'identificazione del rischio, a cura di H Vainio, PN Magee, DB McGregor e AJ McMichael. Lione: Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC).

—. 1993 b. Meccanismi di carcinogenesi a più fasi e valutazione del rischio cancerogeno. Ambiente Salute Persp 100: 9-20.

Bernstein, ME. 1984. Agenti che influenzano il sistema riproduttivo maschile: effetti della struttura sull'attività. Drug Metab Rev 15: 941-996.

Beutler, E. 1992. La biologia molecolare delle varianti G6PD e altri difetti dei globuli rossi. Annu Rev Med 43: 47-59.

Bloom, AD. 1981. Linee guida per gli studi sulla riproduzione nelle popolazioni umane esposte. White Plains, New York: Fondazione March of Dimes.

Borghoff, S, B Short e J Swenberg. 1990. Meccanismi biochimici e patobiologia della nefropatia a-2-globulina. Annu Rev Pharmacol Toxicol 30: 349.

Burchell, B, DW Nebert, DR Nelson, KW Bock, T Iyanagi, PLM Jansen, D Lancet, GJ Mulder, JR Chowdhury, G Siest, TR Tephly e PI Mackenzie. 1991. La superfamiglia del gene UPD-glucuronosiltransferasi: nomenclatura suggerita basata sulla divergenza evolutiva. DNA cellulare biologico 10: 487-494.

Burleson, G, A Munson e J Dean. 1995. Metodi moderni in immunotossicologia. New York: Wiley.

Capecchi, M. 1994. Sostituzione genica mirata. Sci Am 270: 52-59.

Carney, EW. 1994. Una prospettiva integrata sulla tossicità dello sviluppo del glicole etilenico. Rep Toxicolo 8: 99-113.

Dean, JH, MI Lustre, AE Munson e io Kimber. 1994. Immunotossicologia e immunofarmacologia. New York: Corvo Press.

Descotes, J. 1986. Immunotossicologia dei farmaci e dei prodotti chimici. AEKXNUMXNDH

Devary, Y, C Rosette, JA DiDonato e M Karin. 1993. Attivazione di NFkB mediante luce ultravioletta non dipendente da un segnale nucleare. Scienze 261: 1442-1445.

dennis the trickster dennis the menace milftoon Tossicologia riproduttiva. New York: Corvo Press.

Duffus, JH. 1993. Glossario per i chimici dei termini usati in tossicologia. Appl Chem puro 65: 2003-2122.

Elsenhans, B, K Schuemann e W Forth. 1991. Metalli tossici: interazioni con metalli essenziali. In Nutrizione, tossicità e cancro, a cura di IR Rowland. Boca-Raton: CRC Press.

Agenzia per la protezione dell'ambiente (EPA). 1992. Linee guida per la valutazione dell'esposizione. Reg. Federale 57: 22888-22938.

—. 1993. Principi di valutazione del rischio di neurotossicità. Reg. Federale 58: 41556-41598.

—. 1994. Linee guida per la valutazione della tossicità riproduttiva. Washington, DC: US ​​EPA: Ufficio di ricerca e sviluppo.

Fergusson, J.E. 1990. Gli elementi pesanti. Cap. 15 pollici Chimica, impatto ambientale ed effetti sulla salute. Oxford: Pergamo.

Gehring, PJ, PG Watanabe e GE Blau. 1976. Studi farmacocinetici nella valutazione del rischio tossicologico e ambientale delle sostanze chimiche. Nuovi concetti Saf Eval 1 (Parte 1, Capitolo 8): 195-270.

Goldstein, JA e SMF de Morais. 1994. Biochimica e biologia molecolare dell'essere umano CYP2C sottofamiglia. Farmacogenetica 4: 285-299.

González, FJ. 1992. Citocromi umani P450: Problemi e prospettive. Tendenze Pharmacol Sci 13: 346-352.

Gonzalez, FJ, CL Crespi e HV Gelboin. 1991. Citocromo umano P450 espresso da cDNA: una nuova era nella tossicologia molecolare e nella valutazione del rischio umano. Mutat Res 247: 113-127.

González, FJ e DW Nebert. 1990. Evoluzione della superfamiglia del gene P450: "guerra" animale-pianta, impulso molecolare e differenze genetiche umane nell'ossidazione dei farmaci. Tendenze Genet 6: 182-186.

Concedere, DM. 1993. Genetica molecolare delle N-acetiltransferasi. Farmacogenetica 3: 45-50.

Gray, LE, J Ostby, R Sigmon, J Ferrel, R Linder, R Cooper, J Goldman e J Laskey. 1988. Lo sviluppo di un protocollo per valutare gli effetti riproduttivi di sostanze tossiche nel ratto. Rep Toxicolo 2: 281-287.

Guengerich, FP. 1989. Polimorfismo del citocromo P450 nell'uomo. Tendenze Pharmacol Sci 10: 107-109.

—. 1993. Enzimi del citocromo P450. Sono Sci 81: 440-447.

Hansch, C e A Leone. 1979. Costanti sostituenti per l'analisi di correlazione in chimica e biologia. New York: Wiley.

Hansch, C e L Zhang. 1993. Relazioni quantitative struttura-attività del citocromo P450. Drug Metab Rev 25: 1-48.

Hayes A.W. 1988. Principi e metodi di tossicologia. 2a ed. New York: Corvo Press.

Heindell, JJ e RE Chapin. 1993. Metodi in tossicologia: tossicologia riproduttiva maschile e femminile. vol. 1 e 2. San Diego, California: Academic Press.

Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC). 1992. Radiazioni solari e ultraviolette. Lione: IARC.

—. 1993. Esposizioni professionali di parrucchieri e barbieri e uso personale di coloranti per capelli: alcune tinture per capelli, coloranti cosmetici, coloranti industriali e ammine aromatiche. Lione: IARC.

—. 1994a. Preambolo. Lione: IARC.

—. 1994 b. Alcuni prodotti chimici industriali. Lione: IARC.

Commissione internazionale per la protezione radiologica (ICRP). 1965. Principi di monitoraggio ambientale relativi alla manipolazione di materiali radioattivi. Rapporto del Comitato IV della Commissione Internazionale per la Protezione Radiologica. Oxford: Pergamo.

Programma internazionale sulla sicurezza chimica (IPCS). 1991. Principi e metodi per la valutazione della nefrotossicità associata all'esposizione a sostanze chimiche, EHC 119. Ginevra: OMS.

—. 1996. Principi e metodi per la valutazione Immunotossicità diretta associata all'esposizione a sostanze chimiche, EHC180. Ginevra: OMS.

Johanson, G. e PH Naslund. 1988. Programmazione di fogli di calcolo: un nuovo approccio nella modellazione su base fisiologica della tossicocinetica dei solventi. Lettere tossicologiche 41: 115-127.

înghițire de esperma,dominare,femdom,femdom pov,fetiș,umilire,umilire pov,interrasial, Prevenzione delle malattie neurotossiche nelle popolazioni lavoratrici. New York: Wiley.

Jones, JC, JM Ward, U Mohr e RD Hunt. 1990. Sistema Emopoietico, Monografia ILSI, Berlino: Springer Verlag.

: ta1962.wmv Farmacogenetica: ereditarietà e risposta ai farmaci. Filadelfia: WB Saunders.

—. 1992. Farmacogenetica del metabolismo dei farmaci. New York: Pergamo.

Kammüller, ME, N Bloksma e W Seinen. 1989. Autoimmunità e tossicologia. Disregolazione immunitaria indotta da farmaci e sostanze chimiche. Amsterdam: Scienze Elsevier.

Kawajiri, K, J Watanabe e SI Hayashi. 1994. Polimorfismo genetico di P450 e cancro umano. In Citocromo P450: Biochimica, Biofisica e Biologia Molecolare, a cura di MC Lechner. Parigi: John Libbey Eurotext.

Kehrer, J.P. 1993. Radicali liberi come mediatori di lesioni e malattie dei tessuti. Crit Rev Toxicol 23: 21-48.

Kellerman, G, CR Shaw e M. Luyten-Kellerman. 1973. Inducibilità dell'idrossilasi dell'idrocarburo arilico e carcinoma bronochogenico. New Engl J Med 289: 934-937.

Khera, KS. 1991. Alterazioni indotte chimicamente dall'omeostasi materna e dall'istologia del concepito: il loro significato eziologico nelle anomalie fetali del ratto. teratologia 44: 259-297.

Kimmel, CA, GL Kimmel e V Frankos. 1986. Seminario del gruppo di collegamento normativo tra agenzie sulla valutazione del rischio di tossicità riproduttiva. Ambiente Salute Persp 66: 193-221.

Klaassen, CD, MO Amdur e J Doull (a cura di). 1991. Tossicologia di Casarett e Doull. New York: Pergamo Press.

Kramer, HJ, EJHM Jansen, MJ Zeilmaker, HJ van Kranen e ED Kroese. 1995. Metodi quantitativi in ​​tossicologia per la valutazione dose-risposta umana. Rapporto RIVM n. 659101004.

Kress, S, C Sutter, PT Strickland, H Mukhtar, J Schweizer e M Schwarz. 1992. Schema mutazionale cancerogeno specifico nel gene p53 nei carcinomi a cellule squamose indotti da radiazioni ultraviolette B della pelle del topo. Cancer Res 52: 6400-6403.

Krewski, D, D Gaylor, M Szyazkowicz. 1991. Un approccio senza modello all'estrapolazione a basse dosi. Busta H pers 90: 270-285.

Lawton, MP, T Cresteil, AA Elfarra, E Hodgson, J Ozols, RM Philpot, AE Rettie, DE Williams, JR Cashman, CT Dolphin, RN Hines, T Kimura, IR Phillips, LL Poulsen, EA Shephare e DM Ziegler. 1994. Una nomenclatura per la famiglia di geni monoossigenasi contenente flavina dei mammiferi basata su identità di sequenze di amminoacidi. Arch Biochem Biophys 308: 254-257.

Lewalter, J e U Korallus. 1985. Coniugati di proteine ​​​​del sangue e acetilazione di ammine aromatiche. Nuove scoperte sul monitoraggio biologico. Int Arch Occupare Ambiente Salute 56: 179-196.

Majno, G e io Joris. 1995. Apoptosi, oncosi e necrosi: una panoramica della morte cellulare. Sono J Pathol 146: 3-15.

Mattison, DR e PJ Thomford. 1989. Il meccanismo d'azione delle sostanze tossiche per la riproduzione. Patolo tossico 17: 364-376.

Meyer, UA. 1994. Polimorfismi del citocromo P450 CYP2D6 come fattore di rischio nella carcinogenesi. In Citocromo P450: Biochimica, Biofisica e Biologia Molecolare, a cura di MC Lechner. Parigi: John Libbey Eurotext.

Moller, H, H Vainio e E Heseltine. 1994. Stima quantitativa e previsione del rischio presso l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro. Cancro Ris 54:3625-3627.

Moolenaar, RJ. 1994. Assunzioni predefinite nella valutazione del rischio cancerogeno utilizzate dalle agenzie di regolamentazione. Regul Toxicol Farmaco 20: 135-141.

Moser, VC. 1990. Approcci di screening alla neurotossicità: una batteria di osservazione funzionale. J Am Coll tossico 1: 85-93.

Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). 1983. Valutazione del rischio nel governo federale: gestione del processo. Washington, DC: NAS Press.

—. 1989. Marcatori biologici nella tossicità riproduttiva. Washington, DC: NAS Press.

—. 1992. Marcatori biologici in immunotossicologia. Sottocommissione per la tossicologia. Washington, DC: NAS Press.

Nebert, DW. 1988. Geni che codificano per gli enzimi che metabolizzano i farmaci: possibile ruolo nella malattia umana. In Variazione fenotipica nelle popolazioni, a cura di AD Woodhead, MA Bender e RC Leonard. New York: Pubblicazione Plenum.

—. 1994. Enzimi che metabolizzano farmaci nella trascrizione modulata dal ligando. Biochem Pharmacol 47: 25-37.

Nebert, DW e WW Weber. 1990. Farmacogenetica. In Principi di azione dei farmaci. Le basi della farmacologia, a cura di WB Pratt e PW Taylor. New York: Churchill-Livingstone.

Nebert, DW e DR Nelson. 1991. Nomenclatura del gene P450 basata sull'evoluzione. In Metodi di Enzimologia. Citocromo P450, a cura di MR Waterman e EF Johnson. Orlando, Florida: stampa accademica.

Nebert, DW e RA McKinnon. 1994. Citocromo P450: Evoluzione e diversità funzionale. Prog Live Dis 12: 63-97.

Nebert, DW, M Adesnik, MJ Coon, RW Estabrook, FJ Gonzalez, FP Guengerich, IC Gunsalus, EF Johnson, B Kemper, W Levin, IR Phillips, R Sato e MR Waterman. 1987. La superfamiglia del gene P450: nomenclatura consigliata. DNA cellulare biologico 6: 1-11.

Nebert, DW, DR Nelson, MJ Coon, RW Estabrook, R Feyereisen, Y Fujii-Kuriyama, FJ Gonzalez, FP Guengerich, IC Gunsalas, EF Johnson, JC Loper, R Sato, MR Waterman e DJ Waxman. 1991. La superfamiglia P450: aggiornamento su nuove sequenze, mappatura genica e nomenclatura raccomandata. DNA cellulare biologico 10: 1-14.

Nebert, DW, DD Petersen e A Puga. 1991. Polimorfismo e cancro del locus AH umano: inducibilità del CYP1A1 e di altri geni mediante prodotti di combustione e diossina. Farmacogenetica 1: 68-78.

Nebert, DW, A Puga e V Vasiliou. 1993. Ruolo del recettore Ah e della batteria del gene [Ah] inducibile dalla diossina nella tossicità, nel cancro e nella trasduzione del segnale. Ann NY Acad Sci 685: 624-640.

Nelson, DR, T Kamataki, DJ Waxman, FP Guengerich, RW Estabrook, R Feyereisen, FJ Gonzalez, MJ Coon, IC Gunsalus, O Gotoh, DW Nebert e K Okuda. 1993. La superfamiglia P450: aggiornamento su nuove sequenze, mappatura genica, numeri di accessione, primi nomi banali di enzimi e nomenclatura. DNA cellulare biologico 12: 1-51.

Nicholson, DW, A All, NA Thornberry, JP Vaillancourt, CK Ding, M Gallant, Y Gareau, PR Griffin, M Labelle, YA Lazebnik, NA Munday, SM Raju, ME Smulson, TT Yamin, VL Yu e DK Miller. 1995. Identificazione e inibizione della proteasi ICE/CED-3 necessaria per l'apoptosi dei mammiferi. Natura 376: 37-43.

Nolan, RJ, WT Stott e PG Watanabe. 1995. Dati tossicologici nella valutazione della sicurezza chimica. Cap. 2 dentro Igiene industriale e tossicologia di Patty, a cura di LJ Cralley, LV Cralley e JS Bus. New York: John Wiley & Figli.

Nordberg, GF. 1976. Effetto e relazioni dose-risposta dei metalli tossici. AEKXNUMXNDH

Ufficio di valutazione della tecnologia (OTA). 1985. Rischi riproduttivi sul posto di lavoro. Documento n. OTA-BA-266. Washington, DC: ufficio stampa del governo.

—. 1990. Neurotossicità: identificazione e controllo dei veleni del sistema nervoso. Documento n. OTA-BA-436. Washington, DC: ufficio stampa del governo.

Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). 1993. Progetto congiunto US EPA/CE sulla valutazione delle relazioni (quantitative) struttura-attività. Parigi: OCSE.

Parco, CN e NC Hawkins. 1993. Revisione della tecnologia; una panoramica della valutazione del rischio di cancro. Metodi tossici 3: 63-86.

Pease, W, J Vandenberg e WK Hooper. 1991. Confronto di approcci alternativi per stabilire livelli normativi per sostanze tossiche per la riproduzione: DBCP come caso di studio. Ambiente Salute Persp 91: 141-155.

Prpi ƒ -Maji ƒ , D, S Telišman e S Kezi ƒ . 6.5. Studio in vitro sull'interazione tra piombo e alcol e sull'inibizione dell'acido deidratasi eritrocitaria delta-aminolevulinico nell'uomo. Scand J Ambiente di lavoro Salute 10: 235-238.

Reitz, RH, RJ Nolan e AM Schumann. 1987. Sviluppo di modelli farmacocinetici multispecie e multivia per cloruro di metilene e 1,1,1-tricloroetano. In Farmacocinetica e valutazione del rischio, acqua potabile e salute. Washington, DC: Stampa dell'Accademia Nazionale.

Roitt, io, J Brostoff e D maschio. 1989. Immunologia. Londra: Gower Medical Publishing.

Sato, A. 1991. L'effetto dei fattori ambientali sul comportamento farmacocinetico dei vapori di solventi organici. Ann Occupare Hyg 35: 525-541.

Silbergeld, EK. 1990. Sviluppo di metodi formali di valutazione del rischio per neurotossici: una valutazione dello stato dell'arte. In Progressi nella tossicologia neurocomportamentale, a cura di BL Johnson, WK Anger, A Durao e C Xintaras. Chelsea, Michigan: Lewis.

Spencer, PS e HH Schaumberg. 1980. Neurotossicologia sperimentale e clinica. Baltimora: Williams & Wilkins.

Sweeney, AM, MR Meyer, JH Aarons, JL Mills e RE LePorte. 1988. Valutazione dei metodi per l'identificazione prospettica delle perdite fetali precoci negli studi di epidemiologia ambientale. Am J Epidemiol 127: 843-850.

Taylor, BA, HJ Heiniger e H Meier. 1973. Analisi genetica della resistenza al danno testicolare indotto dal cadmio nei topi. Proc Soc Exp Biol Med 143: 629-633.

Telišman, S. 1995. Interazioni di metalli e metalloidi essenziali e/o tossici riguardanti le differenze interindividuali nella suscettibilità a varie sostanze tossiche e malattie croniche nell'uomo. Arh rig rada toksikol 46: 459-476.

Telišman, S, A Pinent, e D Prpi ƒ -Maji ƒ . 6.5. Interferenza del piombo nel metabolismo dello zinco e interazione tra piombo e zinco nell'uomo come possibile spiegazione dell'apparente suscettibilità individuale al piombo. In Metalli pesanti nell'ambiente, a cura di RJ Allan e JO Nriagu. Edimburgo: Consulenti CEP.

Telisman, S, D Prpi ƒ -Maji ƒ , e S Kezi ƒ . 6.5. Studio in vivo sull'interazione tra piombo e alcol e sull'inibizione dell'acido deidratasi eritrocitaria delta-aminolevulinico nell'uomo. Scand J Ambiente di lavoro Salute 10: 239-244.

Tilson, HA e PA Cabe. 1978. Strategie per la valutazione delle conseguenze neurocomportamentali dei fattori ambientali. Ambiente Salute Persp 26: 287-299.

Trump, BF e AU Arstila. 1971. Lesione cellulare e morte cellulare. In Principi di patobiologia, a cura di MF LaVia e RB Hill Jr. New York: Oxford Univ. Premere.

Trump, BF e IK Berezesky. 1992. Il ruolo del Ca2 citosolico + danno cellulare, necrosi e apoptosi. Curr Opinioni Cell Biol 4: 227-232.

—. 1995. Lesione cellulare mediata dal calcio e morte cellulare. FASEB J 9: 219-228.

Trump, BF, IK Berezesky e A Osornio-Vargas. 1981. Morte cellulare e processo patologico. Il ruolo del calcio cellulare. In Morte cellulare in biologia e patologia, a cura di ID Bowen e RA Lockshin. Londra: Chapman & Hall.

Vos, JG, M Younes e E Smith. 1995. Ipersensibilità allergiche indotte da sostanze chimiche: raccomandazioni per la prevenzione pubblicate per conto dell'Ufficio regionale per l'Europa dell'Organizzazione mondiale della sanità. Boca Raton, Florida: CRC Press.

Weber, W.W. 1987. I geni dell'acetilatore e la risposta ai farmaci. New York: Università di Oxford. Premere.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1980. Limiti sanitari consigliati per l'esposizione professionale a metalli pesanti. Technical Report Series, n. 647. Ginevra: OMS.

—. 1986. Principi e metodi per la valutazione della neurotossicità associata all'esposizione a sostanze chimiche. Criteri di salute ambientale, n. 60. Ginevra: OMS.

—. 1987. Linee guida sulla qualità dell'aria per l'Europa. Serie europea, n. 23. Copenaghen: pubblicazioni regionali dell'OMS.

—. 1989. Glossario dei termini sulla sicurezza chimica per l'uso nelle pubblicazioni IPCS. Ginevra: OMS.

—. 1993. La derivazione dei valori guida per i limiti di esposizione basati sulla salute. Criteri di salute ambientale, bozza inedita. Ginevra: OMS.

Wyllie, AH, JFR Kerr e AR Currie. 1980. Morte cellulare: il significato dell'apoptosi. Zizare handiko engranajea altxatzen da Txina onena Bangalore Indiako zehaztasun espiral alaka engranaje metalezko gurpil txikia kalitate gorenarekin 68: 251-306.

@REFS LABEL = Altre letture rilevanti

Alberto, RE. 1994. Valutazione del rischio cancerogeno nella US Environmental Protection Agency. Critico. Rev. Toxicol 24: 75-85.

Alberts, B, D Bray, J Lewis, M Raff, K Roberts e JD Watson. 1988. Biologia molecolare della cellula. New York: Garland Publishing.

เคิร์นและโซห์น Ccs 1964k-XNUMXu | ระบบการนับ น้ำหนักสูงสุด XNUMXกก. | Farmacologia molecolare. Vol.1. New York: stampa accademica.

Ariens, EJ, E Mutschler e AM Simonis. 1978. Allgemeine Toxicologie [Tossicologia generale]. Stoccarda: Georg Thieme Verlag.

Ashby, J e RW Tennant. 1994. Previsione della cancerogenicità nei roditori per 44 sostanze chimiche: risultati. mutagenesi 9: 7-15.

Ashford, NA, CJ Spadafor, DB Hattis e CC Caldart. 1990. Monitoraggio del lavoratore per l'esposizione e la malattia. Baltimora: Johns Hopkins Univ. Premere.

Balabuha, NS e GE Fradkin. 1958. Nakoplenie radioaktivnih elementov v organizme I ih vivedenie [Accumulo di elementi radioattivi nell'organismo e loro escrezione]. Mosca: Medgiz.

Balls, M, J Bridges e J Southee. 1991. Animali e alternative in tossicologia Stato attuale e prospettive future. Nottingham, Regno Unito: Fondo per la sostituzione degli animali negli esperimenti medici.

Berlin, A, J Dean, MH Draper, EMB Smith e F Spreafico. 1987. Immunotossicologia. Dordrecht: Martinus Nijoff.

BloggersIdeas.com Respirazione. New York: Grune & Stratton.

Brandau, R e BH Lippold. 1982. Assorbimento dermico e transdermico. Stoccarda: Wissenschaftliche Verlagsgesellschaft.

Brusic, DJ. 1994. Metodi per la valutazione del rischio genetico. Boca Raton: Lewis Editori.

Burrell, R. 1993. Tossicità immunitaria umana. Mol Aspetti Med 14: 1-81.

Castell, JV e MJ Gómez-Lechón. 1992. Alternative in vitro alla farmaco-tossicologia animale. Madrid, Spagna: Farmaindustria.

Chapmann, G. 1967. Fluidi corporei e loro funzioni. Londra: Edward Arnold.

Commissione Marcatori Biologici del Consiglio Nazionale delle Ricerche. 1987. Indicatori biologici nella ricerca sulla salute ambientale. Ambiente Salute Persp 74: 3-9.

Cralley, LJ, LV Cralley e JS Bus (a cura di). 1978. Igiene industriale e tossicologia di Patty. New York: Witey.

Dayan, AD, RF Hertel, E Heseltine, G Kazantis, EM Smith e MT Van der Venne. 1990. Immunotossicità dei metalli e immunotossicologia. Purwanchal_vm@rediffmail.com

Djuric, D. 1987. Aspetti molecolari-cellulari dell'esposizione professionale a sostanze chimiche tossiche. In Parte 1 Tossicocinetica. Ginevra: OMS.

PDKT Tossicologia ambientale. Londra: Edward Arnold.

1986 femdom pov Relazione struttura-attività in tossicologia ed ecotossicologia, monografia n. 8. Bruxelles: ECOTOC.

Forth, W, D Henschler e W Rummel. 1983. Farmacologia e tossicologia. Mannheim: Bibliographische Institut.

XNL1990A-XNUMX Criteri scientifici per la convalida dei test di tossicità in vitro. Monografia ambientale dell'OCSE, n. 36. Parigi: OCSE.

—. 1992. Tossicità in vitro: applicazioni alla valutazione della sicurezza. New York: Marcel Dekker.

Gad, SC. 1994. Tossicologia in vitro. New York: Corvo Press.

Gadaskina, ID. 1970. Zhiroraya tkan I yadi [Tessuti grassi e sostanze tossiche]. In Aktualnie Vaprosi promishlenoi toksikolgii [Problemi reali in tossicologia occupazionale], a cura di NV Lazarev. Leningrado: Ministero della Salute RSFSR.

Gaylor, DW. 1983. L'uso dei fattori di sicurezza per il controllo del rischio. J Toxicol Ambiente Salute 11: 329-336.

Gibson, GG, R Hubbard e DV Parke. 1983. Immunotossicologia. Londra: stampa accademica.

Goldberg, A.M. 1983-1995. Alternative in tossicologia. vol. 1-12. New York: Mary Ann Liebert.

Grandjean, P. 1992. Suscettibilità individuale alla tossicità. Lettere tossicologiche 64 / 65: 43-51.

Hanke, J e JK Piotrowski. 1984. Biochemyczne podstawy toksikologii [Basi biochimiche della tossicologia]. Varsavia: PZWL.

Portello, T e P Gross. 1954. Deposizione polmonare e ritenzione di aerosol inalati. New York: stampa accademica.

Consiglio sanitario dei Paesi Bassi: Comitato per la valutazione della cancerogenicità delle sostanze chimiche. 1994. Valutazione del rischio di sostanze chimiche cancerogene nei Paesi Bassi. Regul Toxicol Farmaco 19: 14-30.

Olanda, WC, RL Klein e AH Briggs. 1967. Farmacologia Molecolare.

Huff, J.E. 1993. Sostanze chimiche e cancro negli esseri umani: prima prova negli animali da esperimento. Ambiente Salute Persp 100: 201-210.

Klaassen, CD e DL Eaton. 1991. Principi di tossicologia. Cap. 2 dentro Tossicologia di Casarett e Doull, a cura di CD Klaassen, MO Amdur e J Doull. New York: Pergamo Press.

Kossover, E.M. 1962. Biochimica molecolare. New York: McGraw-Hill.

Kundiev, YI. 1975.Vssavanie pesticidov cherez kozsu I profilaktika otravlenii [Assorbimento di pesticidi attraverso la pelle e prevenzione dell'intossicazione]. Kiev: Zdorovia.

Kustov, VV, LA Tiunov e JA Vasiljev. 1975. Komvinovanie deistvie promishlenih yadov [Effetti combinati di sostanze tossiche industriali]. Mosca: Medicina.

Lauwerys, R. 1982. Tossicologie industrielle et intossicazioni professionali. Parigi: Masson.

Li, AP e RH Heflich. 1991. Tossicologia genetica. วาล์วระบายความปลอดภัย ขนาดทางเข้า XNUMX/XNUMX นิ้ว XNUMX PSI สเตนเลส | CNXNUMXAJA - ชำระเป็น EUR | จัดส่งทั่วไทย |

Loewey, AG e P. Siekewitz. 1969. Struttura e funzioni delle cellule. New York: Holt, Reinhart e Winston.

จาก นิวสมา ภัทรนนคร Elementi essenziali di tossicologia. Filadelfia: Lea & Febiger.

Mendelsohn, ML e RJ Albertini. 1990. Mutazione e ambiente, parti AE. Îi vei suge penisul și îi vei înghiți sperma video porno gay. Înghițire perfectă de sperma, fetiș, video interracial cu băieți fierbinți. Verificați mii de videoclipuri porno gay din categorii precum Deepthroat, Anal sau Bareback.

Metzler, DE. 1977. Biochimica. New York: stampa accademica.

Miller, K, JL Turk e S Nicklin. 1992. Principi e pratica di immunotossicologia. Oxford: Blackwell Scientific.

Ministero del Commercio Internazionale e dell'Industria. 1981. Manuale delle sostanze chimiche esistenti. Tokyo: stampa quotidiana chimica.

—. 1987. Domanda di approvazione di sostanze chimiche da parte della legge sul controllo delle sostanze chimiche. (In giapponese e in inglese). Tokio: Kagaku Kogyo Nippo Press.

Montagna, W. 1956. La struttura e la funzione della pelle. New York: stampa accademica.

Moolenaar, RJ. 1994. Valutazione del rischio cancerogeno: confronto internazionale. RHare-Kon. 20: 302-336.

Consiglio Nazionale per la Ricerca. 1989. Marcatori biologici nella tossicità riproduttiva. Washington, DC: NAS Press.

Neuman, WG e M. Neuman. 1958. La dinamica chimica dei minerali ossei. Chicago: l'univ. della Chicago Press.

Newcombe, DS, NR Rose e JC Bloom. 1992. Immunotossicologia clinica. New York: Corvo Press.

Pacheco, H.1973. La farmacologia molecolare. Parigi: Presse Universitaire.

Piotrowski, JK. 1971. L'applicazione della cinetica metabolica ed escretoria ai problemi di tossicologia industriale. Washington, DC: Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere degli Stati Uniti.

—. 1983. Interazioni biochimiche di metalli pesanti: Metalotioneina. In Effetti sulla salute dell'esposizione combinata a sostanze chimiche. Copenaghen: Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa.

Atti della conferenza Arnold O. Beckman/IFCC sui biomarcatori di tossicologia ambientale dell'esposizione chimica. 1994. Clin Chem 40(7B).

Russell, WMS e RL Burch. 1959. I principi della tecnica sperimentale umana. Londra: Methuen & Co. Ristampato dalla Universities Federation for Animal Welfare, 1993.

Rycroft, RJG, T Menné, PJ Frosch e C Benezra. 1992. Manuale di dermatite da contatto. Berlino: Springer-Verlag.

Schubert, J. 1951. Stima dei radioelementi negli individui esposti. Nucleonica 8: 13-28.

Shelby, MD ed E Zeiger. 1990. Attività di agenti cancerogeni umani nei test di citogenetica del midollo osseo di roditori e salmonella. Mutat Res 234: 257-261.

Stone, R. 1995. Un approccio molecolare al rischio di cancro. Scienze 268: 356-357.

Teisinger, J. 1984. Test di esposizione nella tossicologia industriale [Test di esposizione in tossicologia industriale]. Berlino: VEB Verlag Volk und Gesundheit.

Congresso degli Stati Uniti. 1990. Monitoraggio genetico e screening sul posto di lavoro, OTA-BA-455. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

VEB. 1981. Kleine Enzyklopaedie: Leben [Vita]. Lipsia: VEB Bibliographische Institut.

Weil, E. 1975. Elementi di tossicologia industriale [Elementi di Tossicologia Industriale]. Parigi: Masson et Cie.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1975. Metodi utilizzati in URSS per stabilire livelli sicuri di sostanze tossiche. Ginevra: OMS.

1978 Principi e metodi per valutare la tossicità delle sostanze chimiche, parte 1. Criteri di salute ambientale, n.6. Ginevra: OMS.

—. 1981. Esposizione combinata a sostanze chimiche, documento provvisorio n.11. Copenaghen: Ufficio regionale dell'OMS per l'Europa.

—. 1986. Principi di studi tossicocinetici. Criteri di salute ambientale, n. 57. Ginevra: OMS.

Yoftrey, JM e FC Courtice. 1956. Linfatici, linfa e tessuto linfoide. Cambridge: Università di Harvard. Premere.

Zakutinsky, DI. 1959. Voprosi toksikologii radioaktivnih veshchestv [Problemi di tossicologia dei materiali radioattivi]. Mosca: Medgiz.

Zurlo, J, D Rudacille e AM Goldberg. 1993. Animali e alternative nei test: storia, scienza ed etica. New York: Mary Ann Liebert.