Lunedi, Febbraio 28 2011 19: 19

Elettricità-Effetti fisiologici

Vota questo gioco
(3 voti )

Lo studio dei pericoli, dell'elettrofisiologia e della prevenzione degli incidenti elettrici richiede la comprensione di diversi concetti tecnici e medici.

Le seguenti definizioni dei termini elettrobiologici sono tratte dal capitolo 891 dell'International Electrotechnical Vocabulary (Electrobiology) (International Electrotechnical Commission) (IEC) (1979).

An scossa elettrica è l'effetto fisiopatologico derivante dal passaggio diretto o indiretto di una corrente elettrica esterna attraverso il corpo. Include contatti diretti e indiretti e correnti sia unipolari che bipolari.

Si dice che gli individui, vivi o deceduti, che hanno subito scosse elettriche abbiano sofferto elettrificazione; il termine elettrocuzione dovrebbero essere riservati ai casi in cui sopraggiunge la morte. Fulmini sono scosse elettriche mortali derivanti da fulmini (Gourbiere et al. 1994).

Le statistiche internazionali sugli incidenti elettrici sono state compilate dall'Ufficio internazionale del lavoro (ILO), dall'Unione europea (UE), dal Union Internationale des producteurs etdistribuurs d'énergie électrique (UNIPEDE), l'International Social Security Association (ISSA) e il Comitato TC64 della Commissione Elettrotecnica Internazionale. L'interpretazione di queste statistiche è ostacolata dalle differenze nelle tecniche di raccolta dei dati, nelle polizze assicurative e nelle definizioni di incidenti mortali da paese a paese. Tuttavia, sono possibili le seguenti stime del tasso di elettrocuzione (tabella 1).

Tabella 1. Stime del tasso di folgorazione - 1988

 

elettrocuzioni
per milione di abitanti

Totale
morti

Stati Uniti*

2.9

714

Francia

2.0

115

Germania

1.6

99

Austria

0.9

11

Giappone

0.9

112

Svezia

0.6

13

 

* Secondo la National Fire Protection Association (Massachusetts, Stati Uniti) queste statistiche statunitensi riflettono più un'ampia raccolta di dati e obblighi di segnalazione legale che un ambiente più pericoloso. Le statistiche statunitensi includono i decessi per esposizione ai sistemi di trasmissione di pubblica utilità e le scariche elettriche causate dai prodotti di consumo. Nel 1988, 290 morti sono state causate da prodotti di consumo (1.2 morti per milione di abitanti). Nel 1993 il tasso di morte per folgorazione per tutte le cause è sceso a 550 (2.1 morti per milione di abitanti); Il 38% era legato ai prodotti di consumo (0.8 decessi per milione di abitanti).

 

Il numero di folgorazioni sta lentamente diminuendo, sia in termini assoluti sia, in modo ancora più marcato, in funzione del consumo totale di energia elettrica. Circa la metà degli incidenti elettrici è di origine professionale, mentre l'altra metà si verifica in casa e durante le attività del tempo libero. In Francia, il numero medio di decessi tra il 1968 e il 1991 è stato di 151 decessi all'anno, secondo il Istituto nazionale di sanità e ricerca medica (INSERISCI).

Basi fisiche e fisiopatologiche dell'elettrificazione

Gli specialisti elettrici dividono i contatti elettrici in due gruppi: contatti diretti, che comportano il contatto con componenti sotto tensione, e contatti indiretti, che comportano contatti con messa a terra. Ognuno di questi richiede misure preventive fondamentalmente diverse.

Da un punto di vista medico, il percorso della corrente attraverso il corpo è il determinante chiave prognostico e terapeutico. Ad esempio, il contatto bipolare della bocca di un bambino con la spina di una prolunga provoca ustioni estremamente gravi alla bocca, ma non la morte se il bambino è ben isolato da terra.

In contesti professionali, dove sono comuni tensioni elevate, è anche possibile che si formi un arco elettrico tra un componente attivo ad alta tensione e lavoratori che si avvicinano troppo. Anche situazioni lavorative specifiche possono influire sulle conseguenze degli incidenti elettrici: ad esempio, i lavoratori possono cadere o agire in modo inappropriato se sorpresi da una scossa elettrica altrimenti relativamente innocua.

Gli incidenti elettrici possono essere causati dall'intera gamma di tensioni presenti nei luoghi di lavoro. Ogni settore industriale ha il proprio insieme di condizioni in grado di causare contatti diretti, indiretti, unipolari, bipolari, archi o indotti e, in ultima analisi, incidenti. Sebbene esuli ovviamente dallo scopo di questo articolo descrivere tutte le attività umane che coinvolgono l'elettricità, è utile ricordare al lettore i seguenti principali tipi di lavoro elettrico, che sono stati oggetto di linee guida preventive internazionali descritte nel capitolo su prevenzione:

  1. attività che prevedono lavori su cavi sotto tensione (l'applicazione di protocolli estremamente rigorosi è riuscita a ridurre il numero di elettrificazioni durante questo tipo di lavori)
  2. attività che comportano lavori su cavi non alimentati, e
  3. attività svolte in prossimità di cavi sotto tensione (queste attività richiedono la massima attenzione, in quanto spesso sono svolte da personale non elettricista).

 

Fisiopatologia

Tutte le variabili della legge di Joule della corrente continua—

L=V x I x t = RI2t

(il calore prodotto da una corrente elettrica è proporzionale alla resistenza e al quadrato della corrente) - sono strettamente correlati. Nel caso di corrente alternata si deve tener conto anche dell'effetto della frequenza (Folliot 1982).

Gli organismi viventi sono conduttori elettrici. L'elettrificazione si verifica quando c'è una differenza di potenziale tra due punti nell'organismo. È importante sottolineare che il pericolo di incidenti elettrici non nasce dal mero contatto con un conduttore in tensione, ma piuttosto dal contatto simultaneo con un conduttore in tensione e un altro corpo a diverso potenziale.

I tessuti e gli organi lungo il percorso della corrente possono subire un'eccitazione motoria funzionale, in alcuni casi irreversibile, oppure possono subire lesioni temporanee o permanenti, generalmente a seguito di ustioni. L'entità di queste lesioni è una funzione dell'energia rilasciata o della quantità di elettricità che le attraversa. Il tempo di transito della corrente elettrica è quindi fondamentale per determinare il grado di lesione. (Ad esempio, anguille elettriche e razze producono scariche estremamente sgradevoli, capaci di indurre una perdita di coscienza. Tuttavia, nonostante una tensione di 600V, una corrente di circa 1A e una resistenza soggetta di circa 600 ohm, questi pesci non sono in grado di indurre un shock letale, poiché la durata della scarica è troppo breve, dell'ordine di decine di microsecondi.) Pertanto, ad alte tensioni (> 1,000 V), la morte è spesso dovuta all'entità delle ustioni. A tensioni più basse, la morte è una funzione della quantità di elettricità (D=Io x t), raggiungendo il cuore, determinato dal tipo, dalla posizione e dall'area dei punti di contatto.

Le sezioni seguenti discutono il meccanismo di morte dovuto a incidenti elettrici, le terapie immediate più efficaci ei fattori che determinano la gravità della lesione, vale a dire resistenza, intensità, voltaggio, frequenza e forma d'onda.

Cause di morte negli incidenti elettrici nell'industria

In rari casi, l'asfissia può essere la causa della morte. Ciò può derivare da tetano prolungato del diaframma, inibizione dei centri respiratori in caso di contatto con la testa o densità di corrente molto elevate, ad esempio a seguito di fulmini (Gourbiere et al. 1994). Se le cure possono essere fornite entro tre minuti, la vittima può essere rianimata con pochi sbuffi di respirazione bocca a bocca.

D'altra parte, il collasso circolatorio periferico secondario alla fibrillazione ventricolare rimane la principale causa di morte. Ciò si sviluppa invariabilmente in assenza di massaggio cardiaco applicato contemporaneamente alla rianimazione bocca a bocca. Questi interventi, che dovrebbero essere insegnati a tutti gli elettricisti, dovrebbero essere mantenuti fino all'arrivo del pronto soccorso medico, che richiede quasi sempre più di tre minuti. Moltissimi elettropatologi e ingegneri in tutto il mondo hanno studiato le cause della fibrillazione ventricolare, al fine di progettare migliori misure protettive passive o attive (International Electrotechnical Commission 1987; 1994). La desincronizzazione casuale del miocardio richiede una corrente elettrica sostenuta di frequenza, intensità e tempo di transito specifici. Soprattutto, il segnale elettrico deve arrivare al miocardio durante il cosiddetto fase vulnerabile del ciclo cardiaco, corrispondente all'inizio dell'onda T dell'elettrocardiogramma.

La Commissione elettrotecnica internazionale (1987; 1994) ha prodotto curve che descrivono l'effetto dell'intensità di corrente e del tempo di transito sulla probabilità (espressa in percentuale) di fibrillazione e sul percorso della corrente mano-piede in un maschio di 70 kg in buona salute. Questi strumenti sono appropriati per le correnti industriali nella gamma di frequenza da 15 a 100 Hz, con frequenze più elevate attualmente in fase di studio. Per tempi di transito inferiori a 10 ms, l'area sotto la curva del segnale elettrico è un'approssimazione ragionevole dell'energia elettrica.

Ruolo dei vari parametri elettrici

Ciascuno dei parametri elettrici (corrente, tensione, resistenza, tempo, frequenza) e forma d'onda sono determinanti importanti del danno, sia di per sé che in virtù della loro interazione.

Sono state stabilite soglie di corrente per la corrente alternata, nonché per altre condizioni sopra definite. L'intensità della corrente durante l'elettrificazione non è nota, poiché è funzione della resistenza del tessuto al momento del contatto (I = V/R), ma è generalmente percepibile a livelli di circa 1 mA. Correnti relativamente basse possono causare contrazioni muscolari che possono impedire a una vittima di lasciare andare un oggetto energizzato. La soglia di questa corrente è funzione della densità, dell'area di contatto, della pressione di contatto e delle variazioni individuali. Praticamente tutti gli uomini e quasi tutte le donne e i bambini possono lasciar andare correnti fino a 6 mA. A 10 mA è stato osservato che il 98.5% degli uomini e il 60% delle donne e il 7.5% dei bambini possono lasciar andare. Solo il 7.5% degli uomini e nessuna donna o bambino può lasciare andare a 20mA. Nessuno può lasciar andare a 30 mA e oltre.

Correnti di circa 25 mA possono provocare il tetano del diaframma, il muscolo respiratorio più potente. Se il contatto viene mantenuto per tre minuti, può verificarsi anche un arresto cardiaco.

La fibrillazione ventricolare diventa un pericolo a livelli di circa 45 mA, con una probabilità negli adulti del 5% dopo un contatto di 5 secondi. Durante l'intervento al cuore, certamente una condizione speciale, una corrente da 20 a 100 × 10-6Una applicata direttamente al miocardio è sufficiente per indurre la fibrillazione. Questa sensibilità miocardica è la ragione per i severi standard applicati ai dispositivi elettromedicali.

Tutte le altre cose (V, R, frequenza) a parità di frequenza, le soglie di corrente dipendono anche dalla forma d'onda, dalla specie animale, dal peso, dalla direzione della corrente nel cuore, dal rapporto tra il tempo di transito della corrente e il ciclo cardiaco, il punto del ciclo cardiaco in cui arriva la corrente e fattori individuali.

La tensione coinvolta negli incidenti è generalmente nota. In caso di contatto diretto, la fibrillazione ventricolare e la gravità delle ustioni sono direttamente proporzionali alla tensione, poiché

V = RI più W = V x I x t

Le ustioni derivanti da scosse elettriche ad alta tensione sono associate a molte complicazioni, solo alcune delle quali sono prevedibili. Di conseguenza le vittime di incidenti devono essere assistite da specialisti competenti. Il rilascio di calore avviene principalmente nei muscoli e nei fasci neurovascolari. La fuoriuscita di plasma a seguito di un danno tissutale provoca uno shock, in alcuni casi rapido e intenso. Per una data superficie, le ustioni elettrotermiche, ustioni causate da una corrente elettrica, sono sempre più gravi di altri tipi di ustione. Le ustioni elettrotermiche sono sia esterne che interne e, sebbene ciò possa non essere inizialmente evidente, possono indurre danni vascolari con gravi effetti secondari. Questi includono stenosi interne e trombi che, in virtù della necrosi che inducono, richiedono spesso l'amputazione.

La distruzione dei tessuti è anche responsabile del rilascio di cromoproteine ​​come la mioglobina. Tale rilascio si osserva anche nelle vittime di lesioni da schiacciamento, sebbene l'entità del rilascio sia notevole nelle vittime di ustioni da alta tensione. Si ritiene che la precipitazione della mioglobina nei tubuli renali, secondaria all'acidosi causata dall'anossia e dall'iperkaliemia, sia la causa dell'anuria. Questa teoria, confermata sperimentalmente ma non universalmente accettata, è alla base delle raccomandazioni per la terapia immediata di alcalinizzazione. L'alcalinizzazione endovenosa, che corregge anche l'ipovolemia e l'acidosi secondarie alla morte cellulare, è la pratica raccomandata.

Nel caso di contatti indiretti, la tensione di contatto (V) e anche il limite di tensione convenzionale deve essere preso in considerazione.

La tensione di contatto è la tensione a cui è sottoposta una persona quando tocca contemporaneamente due conduttori tra i quali esiste un differenziale di tensione dovuto ad un isolamento difettoso. L'intensità del flusso di corrente risultante dipende dalle resistenze del corpo umano e del circuito esterno. Questa corrente non deve superare i livelli di sicurezza, vale a dire che deve conformarsi a curve tempo-corrente sicure. La più alta tensione di contatto che può essere tollerata indefinitamente senza indurre effetti elettropatologici è definita limite di tensione convenzionale o, più intuitivamente, il tensione di sicurezza.

Il valore effettivo della resistenza durante gli incidenti elettrici è sconosciuto. Le variazioni nelle resistenze in serie, ad esempio vestiti e scarpe, spiegano gran parte della variazione osservata negli effetti di incidenti elettrici apparentemente simili, ma esercitano poca influenza sull'esito di incidenti che coinvolgono contatti bipolari ed elettrificazioni ad alta tensione. Nel caso di corrente alternata, al calcolo standard basato su tensione e corrente deve essere aggiunto l'effetto dei fenomeni capacitivi e induttivi (R=V/I).

La resistenza del corpo umano è la somma della resistenza della pelle (R) nei due punti di contatto e la resistenza interna del corpo (R). La resistenza della pelle varia con i fattori ambientali e, come notato da Biegelmeir (International Electrotechnical Commission 1987; 1994), è parzialmente funzione della tensione di contatto. Anche altri fattori come la pressione, l'area di contatto, lo stato della pelle nel punto di contatto e fattori individuali influenzano la resistenza. Non è quindi realistico tentare di basare le misure preventive su stime della resistenza cutanea. La prevenzione dovrebbe invece basarsi sull'adattamento di attrezzature e procedure all'uomo, piuttosto che il contrario. Per semplificare le cose, la CEI ha definito quattro tipologie di ambiente – secco, umido, umido e per immersione – e ha definito di volta in volta dei parametri utili alla programmazione delle attività di prevenzione.

La frequenza del segnale elettrico responsabile degli incidenti elettrici è generalmente nota. In Europa è quasi sempre 50 Hz e nelle Americhe è generalmente 60 Hz. In rari casi che coinvolgono ferrovie in paesi come Germania, Austria e Svizzera, può essere 16 2/3 Hz, frequenza che teoricamente rappresenta un maggior rischio di tetanizzazione e di fibrillazione ventricolare. Va ricordato che la fibrillazione non è una reazione muscolare ma è causata da stimoli ripetuti, con una sensibilità massima a circa 10 Hz. Questo spiega perché, a parità di tensione, la corrente alternata a bassissima frequenza è considerata da tre a cinque volte più pericolosa della corrente continua per quanto riguarda gli effetti diversi dalle ustioni.

Le soglie precedentemente descritte sono direttamente proporzionali alla frequenza della corrente. Pertanto, a 10 kHz, la soglia di rilevamento è dieci volte superiore. L'IEC sta studiando curve di rischio di fibrillazione riviste per frequenze superiori a 1,000 Hz (International Electrotechnical Commission 1994).

Al di sopra di una certa frequenza, le leggi fisiche che regolano la penetrazione della corrente nel corpo cambiano completamente. Gli effetti termici legati alla quantità di energia rilasciata diventano l'effetto principale, poiché i fenomeni capacitivi e induttivi iniziano a prevalere.

La forma d'onda del segnale elettrico responsabile di un incidente elettrico è generalmente nota. Può essere un importante determinante di lesioni in incidenti che comportano il contatto con condensatori o semiconduttori.

Studio clinico di scosse elettriche

Classicamente, le elettrificazioni sono state suddivise in incidenti a bassa tensione (da 50 a 1,000 V) e ad alta tensione (> 1,000 V).

La bassa tensione è un pericolo familiare, anzi onnipresente, e gli shock dovuti ad essa si verificano in ambito domestico, ricreativo, agricolo, ospedaliero e industriale.

Nell'esaminare la gamma di scosse elettriche a bassa tensione, dalle più banali alle più gravi, dobbiamo iniziare con scosse elettriche semplici. In questi casi, le vittime sono in grado di liberarsi dal danno da sole, mantenere la coscienza e mantenere una ventilazione normale. Gli effetti cardiaci sono limitati alla semplice tachicardia sinusale con o senza alterazioni elettrocardiografiche minori. Nonostante le conseguenze relativamente minori di tali incidenti, l'elettrocardiografia rimane una precauzione medica e medico-legale appropriata. L'indagine tecnica su questi incidenti potenzialmente gravi è indicata come complemento all'esame clinico (Gilet e Choquet 1990).

Le vittime di scosse che comportano scosse elettriche da contatto un po' più forti e più durature possono soffrire di perturbazioni o perdita di coscienza, ma guarire completamente più o meno rapidamente; il trattamento accelera il recupero. L'esame obiettivo rivela generalmente ipertonie neuromuscolari, problemi di ventilazione iperriflessiva e congestione, l'ultima delle quali è spesso secondaria ad ostruzione orofaringea. I disturbi cardiovascolari sono secondari all'ipossia o all'anossia, o possono assumere la forma di tachicardia, ipertensione e, in alcuni casi, anche infarto. I pazienti con queste condizioni richiedono cure ospedaliere.

Le vittime occasionali che perdono conoscenza entro pochi secondi dal contatto appaiono pallide o cianotiche, smettono di respirare, hanno polsi appena percettibili e mostrano midriasi indicativa di lesione cerebrale acuta. Anche se di solito è dovuto alla fibrillazione ventricolare, la patogenesi precisa di questa morte apparente è, tuttavia, irrilevante. Il punto importante è il rapido inizio di una terapia ben definita, poiché è noto da tempo che questo stato clinico non porta mai alla morte vera e propria. La prognosi in questi casi di scosse elettriche, da cui è possibile una guarigione totale, dipende dalla rapidità e dalla qualità dei primi soccorsi. Statisticamente, è molto probabile che questo venga somministrato da personale non medico, ed è quindi indicata la formazione di tutti gli elettricisti negli interventi di base atti a garantire la sopravvivenza.

In caso di morte apparente, il trattamento di emergenza deve avere la priorità. In altri casi, invece, occorre prestare attenzione a traumi multipli conseguenti a tetano violento, cadute o proiezione in aria della vittima. Una volta risolto il pericolo immediato di pericolo di vita, è necessario occuparsi di traumi e ustioni, compresi quelli causati da contatti a bassa tensione.

Gli incidenti che coinvolgono alta tensione provocano ustioni significative così come gli effetti descritti per gli incidenti a bassa tensione. La conversione dell'energia elettrica in calore avviene sia internamente che esternamente. In uno studio sugli incidenti elettrici in Francia realizzato dal dipartimento medico dell'azienda elettrica EDF-GDF, quasi l'80% delle vittime ha riportato ustioni. Questi possono essere classificati in quattro gruppi:

  1. ustioni da arco, che di solito coinvolgono la pelle esposta e complicate in alcuni casi da ustioni dovute a indumenti bruciati
  2. ustioni elettrotermiche multiple, estese e profonde, causate da contatti ad alta tensione
  3. ustioni classiche, causate da indumenti in fiamme e dalla proiezione di materia in fiamme, e
  4. ustioni miste, causate da archi elettrici, ustioni e flusso di corrente.

 

Gli esami di follow-up e complementari vengono eseguiti secondo necessità, a seconda dei particolari dell'infortunio. La strategia utilizzata per stabilire una prognosi oa fini medico-legali è ovviamente determinata dalla natura delle complicanze osservate o attese. Nelle elettrificazioni ad alta tensione (Folliot 1982) e nei fulmini (Gourbiere et al. 1994), l'enzimologia e l'analisi delle cromoproteine ​​e dei parametri della coagulazione del sangue sono obbligatorie.

Il corso del recupero dal trauma elettrico può essere compromesso da complicanze precoci o tardive, in particolare quelle che coinvolgono i sistemi cardiovascolare, nervoso e renale. Queste complicazioni di per sé sono una ragione sufficiente per ricoverare le vittime di elettrificazioni ad alta tensione. Alcune complicanze possono lasciare sequele funzionali o estetiche.

Se il percorso della corrente è tale che una corrente significativa raggiunge il cuore, saranno presenti complicazioni cardiovascolari. I più frequentemente osservati e i più benigni di questi sono i disturbi funzionali, in presenza o in assenza di correlati clinici. Le aritmie - tachicardia sinusale, extrasistole, flutter e fibrillazione atriale (in quest'ordine) - sono le anomalie elettrocardiografiche più comuni e possono lasciare sequele permanenti. I disturbi della conduzione sono più rari e difficilmente correlabili a incidenti elettrici in assenza di un precedente elettrocardiogramma.

Sono stati segnalati anche disturbi più gravi come insufficienza cardiaca, lesioni valvolari e ustioni miocardiche, ma sono rari, anche nelle vittime di incidenti ad alta tensione. Sono stati segnalati anche casi netti di angina e persino infarto.

Lesioni vascolari periferiche possono essere osservate nella settimana successiva all'elettrificazione ad alta tensione. Sono stati proposti diversi meccanismi patogenetici: lo spasmo arterioso, l'azione della corrente elettrica sugli strati mediali e muscolari dei vasi e la modificazione dei parametri della coagulazione del sangue.

È possibile un'ampia varietà di complicazioni neurologiche. Il primo a comparire è l'ictus, indipendentemente dal fatto che la vittima abbia inizialmente subito una perdita di coscienza. La fisiopatologia di queste complicanze comporta il trauma cranico (di cui occorre accertare la presenza), l'effetto diretto della corrente sulla testa, o la modificazione del flusso ematico cerebrale e l'induzione di un edema cerebrale ritardato. Inoltre, le complicanze periferiche midollari e secondarie possono essere causate da traumi o dall'azione diretta della corrente elettrica.

I disturbi sensoriali coinvolgono l'occhio e il sistema audiovestibolare o cocleare. È importante esaminare la cornea, il cristallino e il fondo oculare il prima possibile e seguire le vittime di arco elettrico e contatto diretto con la testa per effetti ritardati. La cataratta può svilupparsi dopo un periodo intermedio senza sintomi di diversi mesi. I disturbi vestibolari e la perdita dell'udito sono principalmente dovuti agli effetti dell'esplosione e, nelle vittime di fulmini trasmessi attraverso le linee telefoniche, a traumi elettrici (Gourbiere et al. 1994).

I miglioramenti nelle pratiche di emergenza mobile hanno notevolmente ridotto la frequenza delle complicanze renali, in particolare l'oligo-anuria, nelle vittime di elettrificazioni ad alta tensione. La reidratazione precoce e attenta e l'alcalinizzazione per via endovenosa sono il trattamento di scelta nelle vittime di gravi ustioni. Sono stati segnalati alcuni casi di albuminuria ed ematuria microscopica persistente.

Ritratti clinici e problemi diagnostici

Il quadro clinico delle scosse elettriche è complicato dalla varietà delle applicazioni industriali dell'elettricità e dalla crescente frequenza e varietà delle applicazioni mediche dell'elettricità. Per molto tempo, tuttavia, gli incidenti elettrici sono stati causati esclusivamente da fulmini (Gourbiere et al. 1994). I fulmini possono comportare quantità notevoli di elettricità: una vittima su tre dei fulmini muore. Gli effetti di un fulmine - ustioni e morte apparente - sono paragonabili a quelli derivanti dall'elettricità industriale e sono attribuibili a scosse elettriche, alla trasformazione dell'energia elettrica in calore, agli effetti delle esplosioni e alle proprietà elettriche dei fulmini.

I fulmini sono tre volte più diffusi negli uomini che nelle donne. Ciò riflette modelli di lavoro con diversi rischi di esposizione ai fulmini.

Le ustioni derivanti dal contatto con superfici metalliche collegate a terra di bisturi elettrici sono gli effetti più comuni osservati nelle vittime di elettrificazione iatrogena. L'entità delle correnti di dispersione accettabili nei dispositivi elettromedicali varia da un dispositivo all'altro. Per lo meno, dovrebbero essere seguite le specifiche dei produttori e le raccomandazioni sull'uso.

Per concludere questa sezione, vorremmo discutere il caso speciale di scossa elettrica che coinvolge donne incinte. Ciò può causare la morte della donna, del feto o di entrambi. In un caso notevole, un feto vivo è stato partorito con successo mediante taglio cesareo 15 minuti dopo che sua madre era morta a causa di una scossa elettrica da 220 V (Folliot 1982).

I meccanismi fisiopatologici dell'aborto causato da scosse elettriche richiedono ulteriori studi. È causata da disturbi della conduzione nel tubo cardiaco embrionale sottoposto a gradiente di voltaggio o da una lacerazione della placenta secondaria a vasocostrizione?

Il verificarsi di incidenti elettrici come questo fortunatamente raro è un altro motivo per richiedere la notifica di tutti i casi di lesioni derivanti dall'elettricità.

Diagnosi Positiva e Medico-Legale

Le circostanze in cui si verifica la scossa elettrica sono generalmente sufficientemente chiare da consentire una diagnosi eziologica inequivocabile. Tuttavia, questo non è sempre il caso, anche in ambienti industriali.

La diagnosi di insufficienza circolatoria a seguito di scossa elettrica è estremamente importante, poiché richiede che gli astanti inizino un pronto soccorso immediato e di base una volta che la corrente è stata interrotta. L'arresto respiratorio in assenza di polso è un'indicazione assoluta per l'inizio del massaggio cardiaco e della respirazione bocca a bocca. In precedenza, questi venivano eseguiti solo in presenza di midriasi (dilatazione delle pupille), segno diagnostico di danno cerebrale acuto. La pratica corrente è, tuttavia, iniziare questi interventi non appena il polso non è più rilevabile.

Poiché la perdita di coscienza dovuta alla fibrillazione ventricolare può richiedere alcuni secondi per svilupparsi, le vittime potrebbero essere in grado di prendere le distanze dall'attrezzatura responsabile dell'incidente. Ciò può avere una certa importanza medico-legale, ad esempio quando una vittima di un incidente viene trovata a diversi metri da un armadio elettrico o da un'altra fonte di tensione senza tracce di lesioni elettriche.

Non si può sottovalutare il fatto che l'assenza di ustioni elettriche non esclude la possibilità di folgorazione. Se l'autopsia di soggetti trovati in ambienti elettrici o vicino ad apparecchiature in grado di sviluppare voltaggi pericolosi non rivela lesioni Jelinek visibili e nessun segno apparente di morte, dovrebbe essere presa in considerazione la folgorazione.

Se il corpo viene trovato all'aperto, si arriva a una diagnosi di fulmine con il processo di eliminazione. I segni di un fulmine dovrebbero essere ricercati entro un raggio di 50 metri dal corpo. Il Museo di Elettropatologia di Vienna offre un'interessante mostra di tali segni, tra cui vegetazione carbonizzata e sabbia vetrificata. Gli oggetti metallici indossati dalla vittima possono fondersi.

Sebbene il suicidio con mezzi elettrici rimanga fortunatamente raro nell'industria, la morte per concorso di colpa rimane una triste realtà. Ciò è particolarmente vero nei siti non standard, in particolare quelli che comportano l'installazione e il funzionamento di impianti elettrici provvisori in condizioni difficili.

Gli incidenti elettrici dovrebbero a tutti gli effetti non verificarsi più, data la disponibilità di efficaci misure preventive descritte nell'articolo “Prevenzione e norme”.

 

Di ritorno

Leggi 12079 volte Ultima modifica Martedì, Luglio 26 2022 21: 14
Altro in questa categoria: Elettricità statica "

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Elettricità Riferimenti

Istituto nazionale americano per gli standard (ANSI). 1990. Codice nazionale di sicurezza elettrica: ANSI C2. New York: ANSI.

Andreoni, D e R Castagna. 1983. L'Ingegnere e la Sicurezza. vol. 2. Roma: Edizioni Scientifiche.

FES-GDF. 1991. Carnet de Prescriptions au Personnel—Prévention du Risque électrique.

ENEL Spa. 1994. Disposizioni per la prevenzione dei rischi elettrici.

Norma europea (1994a). Funzionamento degli impianti elettrici. Bozza finale EN 50110-1.

Norma europea (1994b). Funzionamento degli impianti elettrici (Allegati Nazionali.) Bozza finale EN 50110-2.

Comunità Economica Europea (CEE). 1989. Direttiva del Consiglio del 12 giugno 1989 sull'introduzione di misure per incoraggiare il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro. Documento n. 89/391/CEE. Lussemburgo: CEE.

Folliot, D. 1982. Les accidents d'origine électrique, leur prévention. Collezione monographie de médecine du travail. Parigi: Edizioni Masson.

Gilet, JC e R Choquet. 1990. La Sécurité électrique: Tecniche di prevenzione. Grenoble, Francia: Société alpine de publishing.

Gourbiere, E, J Lambrozo, D Folliot, and C Gary. 1994. Complications et séquelles des accidents dus à la foudre. Rev Gén Electr 6 (4 giugno).

Commissione elettrotecnica internazionale (IEC). 1979. Elettrobiologia. Cap. 891 nell'Indice Generale del Vocabolario Elettrotecnico Internazionale. Ginevra: CEI.

—. 1987. Effets du Courant Passant par le Corps humain: Deuxième partie. CEI 479-2. Ginevra: CEI.

—. 1994. Effets du Courant Passant par le Corps humain: Première partie. Ginevra: CEI.

Kane, JW e MM Sternheim. 1980. Fisica Biomedica. Roma: EMSI.

Lee, RC, M Capelli-Schellpfeffer e KM Kelly. 1994. Lesioni elettriche: un approccio multidisciplinare alla terapia, prevenzione e riabilitazione. Ann NY Acad Sci 720.

Lee, RC, EG Cravalho e JF Burke. 1992. Trauma elettrico. Cambridge: Università di Cambridge. Premere.

Winckler, R. 1994. Standardizzazione elettrotecnica in Europa: uno strumento per il mercato interno. Bruxelles: CENELEC.