Mercoledì, marzo 23 2011 20: 29

Ore di lavoro

Vota questo gioco
(0 voti )

Il lavoro a turni è il lavoro programmato, in modo permanente o frequente, al di fuori del normale orario di lavoro diurno. Il lavoro a turni può essere, ad esempio, lavoro a tempo indeterminato di notte, lavoro a tempo indeterminato di sera o l'orario di lavoro può avere schemi di assegnazione variabili. Ogni tipo di sistema di turni ha i suoi vantaggi e svantaggi, e ciascuno è associato a diversi effetti sul benessere, sulla salute, sulla vita sociale e sulle prestazioni lavorative.

Nei tradizionali sistemi di turni a rotazione lenta, i turni cambiano settimanalmente; cioè una settimana di turni notturni è seguita da una settimana di turni serali e poi una settimana di turni mattutini. In un sistema di turni a rapida rotazione si impiegano solo uno, due o massimo tre giorni consecutivi per turno. In alcuni paesi, come gli Stati Uniti, stanno guadagnando popolarità i turni superiori alle 8 ore, in particolare le 12 ore (Rosa et al. 1990).

Gli esseri umani si sono evoluti come essenzialmente diurni; cioè il corpo è principalmente “programmato” per le prestazioni lavorative diurne e per lo svago e il riposo notturno. I meccanismi interni (a volte chiamati corpo o orologio biologico) controllano la fisiologia e la biochimica del corpo per adattarsi a un ambiente di 24 ore. Questi cicli sono chiamati ritmi circadiani. L'interruzione delle variazioni circadiane nella funzione fisiologica causate dal dover essere svegli e al lavoro in orari biologicamente insoliti, così come il sonno durante il giorno, è uno dei principali stress associati al lavoro a turni.

Nonostante il diffuso presupposto che i disturbi del sistema circadiano possano provocare, nel lungo periodo, effetti dannosi, l'effettiva relazione causa-effetto è stata difficile da stabilire. Nonostante questa mancanza di prove assolute, è ampiamente accettato che sia prudente adottare sistemi di turni sul posto di lavoro che riducano al minimo l'interruzione duratura dei ritmi circadiani.

Effetti combinati dei fattori sul posto di lavoro

Alcuni turnisti sono anche esposti ad altri rischi sul posto di lavoro, come agenti tossici, oa lavori con elevati carichi mentali o sforzi fisici. Solo pochi studi, tuttavia, hanno affrontato i problemi causati dalla combinazione di lavoro a turni e condizioni lavorative, organizzative e ambientali sfavorevoli dove gli effetti negativi del lavoro a turni potrebbero essere causati non solo dalla differenza di fase tra ritmi circadiani e condizioni di vita, ma anche da le avverse condizioni di lavoro negative che possono essere combinate con il lavoro a turni.

Una varietà di pericoli sul posto di lavoro, come rumore, condizioni climatiche sfavorevoli, condizioni di illuminazione sfavorevoli, vibrazioni e combinazioni di questi, possono a volte verificarsi più spesso nei sistemi a tre turni, nei sistemi irregolari e nei turni notturni che nei sistemi a due turni o nel lavoro diurno .

Variabili intervenienti

Le persone variano ampiamente nella loro tolleranza al lavoro a turni, secondo Härmä (1993), il che può essere spiegato dall'influenza di molte variabili intervenienti. Alcune differenze individuali che possono modificare lo sforzo dei turnisti sono: differenze nella fase e nell'ampiezza del ciclo circadiano, età, sesso, gravidanza, forma fisica e flessibilità nelle abitudini del sonno e capacità di superare la sonnolenza, come illustrato dalla figura 1.

Figura 1. Modello di stress e sforzo dei turnisti.

HOU010F1

Sebbene alcuni autori abbiano trovato una correlazione tra una maggiore ampiezza dei ritmi circadiani e un minor numero di disturbi medici (Andlauer et al. 1979; Reinberg et al. 1988; Costa et al. 1989; Knauth e Härmä 1992), altri hanno scoperto che non predice adattamento al lavoro a turni (Costa et al. 1989; Minors e Waterhouse 1981) anche dopo tre anni di lavoro (Vidacek et al. 1987).

Sembrano esserci due dimensioni principali della personalità legate alla fase circadiana: “mattutina”/“serale” e intro-versione/estroversione (Kerkhof 1985). La mattutina/sera può essere valutata tramite questionario (Horne e Östberg 1976; Folkard et al. 1979; Torsval e Åkerstedt 1980; Moog 1981) o misurando la temperatura corporea (Breithaupt et al. 1978). I tipi mattutini, "allodole", con una posizione di fase avanzata della temperatura corporea circadiana, vanno a letto prima e si alzano prima della media della popolazione, mentre i tipi serali, "gufi", hanno una posizione di fase circadiana ritardata e vanno a letto e si alzano dopo. Essere “allodola” sembrerebbe essere un vantaggio per i turni mattutini e un “gufo” per i turni notturni. Tuttavia, alcuni autori riferiscono che un numero sproporzionatamente elevato di coloro che abbandonano il lavoro a turni erano tipi mattutini (Åkerstedt e Fröberg 1976; Hauke ​​et al. 1979; Torsvall e Åkerstedt 1979). Bohle e Tilley (1989) e Vidacek et al. (1987). Altri ricercatori, invece, hanno trovato risultati opposti (Costa et al. 1989), e va notato che la maggior parte degli studi ha coinvolto solo “allodole” e “gufi” estremi, ognuno dei quali rappresenta solo il 5% della popolazione.

In molti studi sui questionari, sono stati riscontrati effetti più negativi sulla salute del lavoro a turni con l'aumento , l'età critica è in media di 40-50 anni (Foret et al. 1981; Koller 1983; Åkerstedt e Torsvall 1981). Con l'aumentare dell'età, il sonno durante il giorno diventa progressivamente più difficile (Åkerstedt e Torsvall 1981). Ci sono anche alcune indicazioni di un più lento adattamento circadiano al lavoro a turni nei turnisti di mezza età rispetto a quelli più giovani (Härmä et al. 1990; Matsumoto e Morita 1987).

Sesso ed gravidanza sono due variabili intervenienti che sono state spesso discusse ma non ancora adeguatamente indagate negli studi longitudinali. Sulla base di una revisione della letteratura, Rutenfranz et al. (1987) concludono che i ritmi circadiani di uomini e donne reagiscono allo stesso modo allo spostamento di fase del lavoro e del sonno in connessione con il lavoro notturno. Tuttavia, devono essere presi in considerazione due aspetti: il ciclo mestruale e il carico aggiuntivo della cura dei bambini e delle faccende domestiche.

Sebbene alcuni autori abbiano riscontrato problemi mestruali più frequenti nei gruppi di donne turniste rispetto alle donne nel lavoro diurno (Tasto et al. 1978; Uehata e Sasakawa 1982), la comparabilità di questi gruppi di lavoro a turni e diurni era discutibile. Pokorsky et al. (1990) hanno studiato la percezione del disagio tra le lavoratrici a triplo turno durante tre fasi del ciclo mestruale (praemenstruum, mestruation e postmen-struum). Le differenze relative alla fase erano più pronunciate delle differenze tra turni mattutini, serali e notturni.

L'assistenza all'infanzia a domicilio ha ridotto la durata del sonno e del tempo libero nelle infermiere che lavorano a turni. Estryn-Behar ha intervistato 120 donne in turni notturni permanenti e ha scoperto che la durata media del sonno dopo i turni notturni era di 6 ore e 31 minuti per le donne senza figli, di 5 ore e 30 minuti per le donne con figli più grandi e di 4 ore e 55 minuti per le donne con problemi molto gravi. bambini piccoli (Estryn-Behar et al. 1978). Tuttavia, uno studio sulle poliziotte ha rilevato che quelle con figli erano più favorevoli al lavoro a turni rispetto alle donne senza figli (Beermann et al. 1990).

Idoneità fisica sembrava essere un fattore nell'aumentare la tolleranza al lavoro a turni in uno studio di Härmä et al. (1988a,b). In uno studio di follow-up con disegno a coppie abbinate, il gruppo di partecipanti che si è esercitato regolarmente in un programma di quattro mesi ha riportato una significativa diminuzione della fatica generale, in particolare durante il turno di notte, nonché una diminuzione dei sintomi muscoloscheletrici e un aumento nella durata del sonno.

Le “flessibilità delle abitudini del sonno” ed “capacità di superare la sonnolenza”, come valutato da un questionario sviluppato da Folkard et al. (1979; 1982) erano correlati, in alcuni studi, ad una migliore tolleranza al lavoro a turni (Wynne et al. 1986; Costa et al. 1989; Vidacek et al. 1987). In altri studi, tuttavia, questa relazione non è stata confermata (ad esempio, Bohle e Tilley 1989).

Altre variabili che intervengono che possono essere importanti per la tolleranza al lavoro a turni sono il “impegno per il lavoro notturno” come il modo in cui le persone programmano la propria vita (Folkard et al. 1979; Minors e Waterhouse 1981) o il stile di coping dei turnisti (Olsson et al. 1987; Olsson e Kandolin 1990).

Oltre alle caratteristiche individuali, fattori situazionali sembrano essere importanti per spiegare l'entità dei problemi segnalati dai turnisti. Kupper et al. (1980) e Knauth (1983) hanno scoperto che i turnisti che cercavano di dormire durante il giorno ed erano spesso o sempre disturbati dal rumore, lamentavano più frequentemente sintomi nervosi e gastrointestinali rispetto ai turnisti con sonno indisturbato o raramente disturbato.

Effetti sulla salute del lavoro a turni

La maggior parte dei disturbi di salute dei turnisti può essere correlata alla qualità del sonno diurno dopo i turni notturni e, in misura minore, al sonno prima dei turni mattutini. Poiché i ritmi circadiani generalmente funzionano in modo tale che il corpo è programmato per le prestazioni diurne e per il sonno notturno, dopo il turno di notte il corpo, in generale, non è completamente adattato per andare a dormire. Possono intervenire anche altri fattori. La luce del giorno può disturbare il sonno. Il rumore durante il giorno è generalmente più forte che durante la notte. La maggior parte dei lavoratori notturni si lamenta del rumore dei bambini e del traffico. Alcuni lavoratori notturni interrompono il sonno diurno per consumare un pasto comune con la famiglia, mentre altri riducono il sonno a causa delle faccende domestiche e delle responsabilità di cura dei figli. In uno studio sui turnisti, la durata del sonno notturno è risultata ridotta a 6 ore (Knauth 1983). Sebbene vi siano grandi differenze interindividuali nei bisogni di sonno, 6 o meno ore di sonno al giorno sono inadeguate per molti esseri umani (Williams et al. 1974). In particolare, dopo molti turni notturni consecutivi ci si deve aspettare un accumulo di deficit di sonno, con i relativi effetti sia sulla vita sociale che sulla produttività (Naitoh et al. 1990), nonché la possibilità di un aumento del tasso di infortuni. Diversi studi elettroencefalografici hanno inoltre dimostrato che anche la qualità del sonno diurno è inferiore (Knauth 1983).

I deficit di sonno possono verificarsi sia in una settimana di turni notturni che in una settimana di turni mattutini. La durata prolungata del sonno durante il fine settimana dopo una settimana di turni mattutini sembra indicare che vi è un maggiore bisogno di sonno.

Hak e Kampmann (1981) hanno studiato il sonno e la fatica nei macchinisti. Quanto prima iniziava il turno mattutino, tanto più breve era il sonno del turno notturno precedente e tanto più affaticati erano i macchinisti durante il turno mattutino. La riduzione del sonno in connessione con un inizio anticipato del turno mattutino è stata confermata anche da studi di Moors (1990) e Folkard e Barton (1993). Tali risultati possono essere in parte spiegati dalla pressione sociale della famiglia a non andare a letto troppo presto, o dall'orologio biologico, che secondo Lavie (1986) provoca una "zona proibita" per il sonno, durante la quale la propensione al sonno è notevolmente ridotta . Quest'ultima spiegazione significa che anche se i turnisti vanno a letto prima - a causa dell'inizio anticipato del turno mattutino successivo - potrebbero avere difficoltà ad addormentarsi.

Disturbi gastrointestinali. Il lavoro notturno porta a un cambiamento nella sequenza e nei tempi dei pasti. Durante la notte lo stomaco non sopporta la composizione e la quantità di un tipico pasto diurno. È quindi comprensibile che i lavoratori notturni spesso soffrano maggiormente di disturbi dell'appetito rispetto ai lavoratori diurni o ai turnisti che non fanno il turno di notte, come Rutenfranz et al. (1981) hanno concluso da una revisione della letteratura.

A lungo andare, l'assunzione di cibo irregolare può portare a disturbi gastrointestinali o addirittura a disturbi. Tuttavia, le ragioni dei complessi sintomi gastrointestinali sono sicuramente molteplici. Un'analisi degli studi esistenti, come quello di Costa (1996), è difficile, a causa delle differenze metodologiche. La maggior parte dei risultati si basa su studi trasversali, cioè sui lavoratori attualmente impegnati nel lavoro a turni. Pertanto, se gli individui hanno lasciato il lavoro a turni a causa di problemi o malattie, ci ritroviamo con una popolazione più o meno autoselezionata (l'effetto “lavoratore sano”). Pertanto lo stato di salute di un gruppo di turnisti può essere migliore di un gruppo di lavoratori a giornata, semplicemente perché i turnisti con problemi di salute o sociali peggiori sono passati al lavoro a giornata e quelli che rimangono potrebbero essere maggiormente in grado di far fronte.

Negli studi longitudinali, che sono stati quasi esclusivamente retrospettivi, i problemi con l'autoselezione e la perdita al follow-up sono ben noti. Ad esempio, per il campione nello studio di Leuliet (1963), la popolazione dello studio era quasi dimezzata durante il periodo di studio di 12 anni. Come per gli studi trasversali, sono spesso gli ex turnisti, che sono passati al lavoro diurno fuori turno a causa di problemi medici, a mostrare gli effetti più gravi. Thiis-Evensen (1958) trovò che le ulcere peptiche erano due volte più frequenti tra gli ex turnisti che tra i lavoratori a giornata. Aanonsen (1964) e Angersbach et al. (1980) hanno osservato, rispettivamente, due e tre volte e mezzo in più di casi di ulcera peptica tra gli ex turnisti regolari, con una conseguente significativa diminuzione delle malattie gastrointestinali dopo il trasferimento al di fuori del modello di lavoro a turni.

Costa et al. (1981) hanno calcolato l'intervallo di tempo tra l'inizio del lavoro a turni e la diagnosi di malattia (tabella 1). Confrontando gruppi con orari di lavoro diversi, Costa et al. trovato gli intervalli medi più brevi (4.7 anni) per la comparsa di gastroduodenite nei lavoratori notturni permanenti. Nei gruppi con lavoro notturno (ossia, lavoratori a tre turni e lavoratori notturni a tempo indeterminato), entro un intervallo di circa 5 anni si sono sviluppate ulcere peptiche. Nella sua recensione Costa (1996) conclude che “ci sono prove sufficienti per considerare il lavoro a turni come un fattore di rischio per disturbi e malattie gastrointestinali, in particolare l'ulcera peptica” (tabella 1).

Tabella 1. Intervalli di tempo dall'inizio del lavoro a turni al momento della diagnosi delle tre malattie (media e deviazione standard in anni).

Orario di lavoro

Gastroduodenite

Ulcera peptica

Disturbi nevrotici

Giorno di lavoro

12.6 ± 10.9

12.2 ± 9.9

9.7 ± 6.8

Due turni

7.8 ± 6.6

14.4 ± 8.2

9.0 ± 7.5

Tre turni

7.4 ± 6.5

5.0 ± 3.9

6.8 ± 5.2

Lavoro notturno

4.7 ± 4.3

5.6 ± 2.8

3.6 ± 3.3

Fonte: Costa et al. 1981

Disturbi cardiovascolari. Kristensen (1989) ha analizzato gli studi rilevanti sull'incidenza dei disturbi cardiovascolari nei turnisti per fattori metodologici e analitici, come mostrato nella Tabella 2. Gli articoli pubblicati dopo il 1978 erano più propensi a riportare un aumento dei disturbi cardiovascolari, in particolare tra coloro che si erano trasferiti dal lavoro a turni. Waterhaus et al. (1992) concludono che non è possibile liquidare semplicemente la relazione come era stato generalmente accettato (Harrington 1978).

Tabella 2. Relazione tra lavoro a turni e incidenza di disturbi cardiovascolari

Riferimento

Anni di pubblicazione

Conclusione

Commenti/valutazioni metodologiche

Thiis-Evenson (1949); Aanonsen (1964)

1949-1964

0

2

Taylor e Pocock (1972)

1972

0

? scelta corretta per i controlli

Rutenfranz et al. (1977); Carpentieri et al. (1977)

1977

0, rivedere gli articoli

 

Angersbach et al. (1980);
Koller et al. (1983)

1980-1983

+, in particolare gli abbandoni;
+, con l'aumentare dell'età

2-3

Michel Briand et al. (1981)

1981

+, nei lavoratori in pensione

1

Alfredson et al. (1982; 1983; 1985);
Knutson et al. (1986)

1982-1986

+, negli uomini e nelle donne;
peggiora con anni di lavoro a turni

3-4

Åkerstedt et al. (1984)

1984-1986

+, recensione articolo

 

Orth-Gomer (1985)

1985

+, recensione articolo

 

Andersen (1985)

1985

+, occupazioni che comportano lavoro a turni

 

Frese e Semmer (1986)

1986

+, negli abbandoni

 

Fonte: Waterhouse et al. 1992. Basato su Kristensen 1989. Valutazioni sulle conclusioni utilizzate da Kristensen: +, aumento dell'incidenza; 0, nessuna differenza.
Valutazioni metodologiche, 1-4 dalla metodologia di qualità più bassa a quella più alta.

Disordini neurologici. Sebbene vi sia una mancanza di standardizzazione dei sintomi e dei disturbi negli studi sui disturbi neurologici dei turnisti (Waterhouse et al. 1992; Costa 1996), secondo Waterhouse (1992), tuttavia, “vi è ora evidenza di una maggiore tendenza verso una tendenza generale malessere – comprendente elementi ansiosi e depressivi – nei turnisti che nei colleghi a giornata”. Costa (1996) giunge a una conclusione simile ma più cauta: "ci sono prove sufficienti per suggerire che la morbilità per i disturbi psiconevrotici può essere influenzata dal lavoro a turni in misura maggiore o minore in relazione ad altri fattori individuali e sociali".

Mortalità. Esiste un solo studio epidemiologico molto accurato sulla mortalità dei turnisti. Taylor e Pocock (1972) hanno confrontato i tassi di mortalità nei turnisti e nei lavoratori a giornata su un periodo di 13 anni in un campione di oltre 8,000 persone. Non c'erano differenze nei tassi tra gli attuali turnisti ei lavoratori a giornata. Tuttavia, il tasso di mortalità standardizzato per gli ex turnisti era di 118.9, rispetto a 101.5 per gli attuali turnisti, il che "potrebbe implicare una selezione di uomini meno idonei" (Harrington 1978).

Problemi sociali dei turnisti

Il lavoro a turni può avere effetti negativi sulla vita familiare, sulla partecipazione alla vita istituzionale e sui contatti sociali. L'entità dei problemi che possono esistere dipende da molti fattori, come il tipo di sistema di turni, il sesso, l'età, lo stato civile, la composizione della famiglia del turnista, nonché la diffusione del lavoro a turni in una particolare regione.

Durante una settimana di turni serali, i contatti regolari tra un turnista ei suoi figli in età scolare, o il partner che può lavorare nei turni mattutini o diurni, sono drasticamente ridotti. Questo è un problema importante per i turnisti che lavorano nei cosiddetti turni pomeridiani permanenti (Mott et al. 1965). Nel tradizionale sistema discontinuo a due turni, una settimana di turni mattutini e turni serali si alterna in modo tale che ogni due settimane i contatti vengono disturbati. Il tradizionale sistema a tre turni a rotazione settimanale prevede turni serali ogni tre settimane. Nei sistemi a turni a rapida rotazione, i contatti all'interno della famiglia non vengono mai interrotti durante un'intera settimana. I ricercatori hanno ottenuto risultati contraddittori. Motto et al. (1965) trovarono che molti turni serali o notturni consecutivi potevano compromettere la felicità coniugale dei turnisti, mentre Maasen (1981) non lo osservò. Il lavoro a turni, in particolare quando entrambi i genitori sono turnisti, può avere effetti negativi sul rendimento scolastico dei bambini (Maasen 1981; Diekmann et al. 1981).

Studi riguardanti il ​​valore soggettivo del tempo libero durante le diverse ore della settimana hanno mostrato che i fine settimana sono stati valutati più alti dei giorni feriali e le serate più alte del tempo libero durante il giorno (Wedderburn 1981; Hornberger e Knauth 1993). I contatti con amici, parenti, club, partiti politici, chiese e così via sono principalmente impoveriti dal lavoro del fine settimana, dai turni serali e notturni (Mott et al. 1965), come è stato rivisto da Bunnage (1981); Walker (1985); e Colligan e Rosa (1990).

Solo per quanto riguarda gli hobby e le attività di natura solitaria o quasi solitaria i turnisti sono avvantaggiati rispetto ai lavoratori a giornata, poiché il giardinaggio, le passeggiate, la pesca o i progetti "fai da te" sono attività relativamente flessibili che sono possibili in qualsiasi momento, non solo in la sera o nei fine settimana.

Alcuni studi si sono occupati del peso dei coniugi turnisti (Banks 1956; Ulich 1957; Downie 1963; Sergean 1971), che devono modificare il loro stile di vita (ad esempio l'orario dei pasti) per adattarsi al sistema di turni dei loro compagni. Possono essere costretti a rimandare i lavori domestici rumorosi ea tenere tranquilli i bambini quando il turnista dorme dopo il turno di notte. Inoltre, sono soli durante i turni serali, notturni e del fine settimana e devono far fronte a un coniuge irritabile. Dopo il passaggio da un sistema di turni settimanali a un sistema di turni continui a rapida rotazione, l'87% dei coniugi dei turnisti ha votato a favore del nuovo sistema di turni. Sostenevano che nel vecchio sistema dei turni il coniuge era molto stanco dopo la fine del periodo dei turni notturni, aveva bisogno di diversi giorni per riprendersi e non era dell'umore giusto per attività ricreative congiunte. Tuttavia, nel nuovo sistema di turni con solo due o tre turni notturni consecutivi, il lavoratore era meno stanco e godeva di più attività ricreative congiunte.

Le donne che lavorano a turni possono avere più problemi con le faccende domestiche e il sonno poiché la responsabilità domestica non è equamente condivisa dai coniugi. Tuttavia alcune infermiere notturne a tempo indeterminato hanno espressamente scelto di lavorare di notte per motivi domestici (Barton et al. 1993). Tuttavia, come conclude Walker (1985) nella sua recensione, “dire che i turni notturni fissi per le madri sono compatibili con le loro responsabilità educative ignora i 'costi'”. La stanchezza costante a causa del sonno ridotto può essere il costo.

Prestazioni dei lavoratori

Oltre ai possibili effetti del lavoro a turni sulla salute dei lavoratori, anche le prestazioni dei lavoratori possono risentirne. Le conclusioni generalizzate di Harrington (1978) sulla performance sono state raggiunte considerando la produttività e gli incidenti. Sono ancora validi e sono stati riformulati da Waterhouse et al. (1992):

  • Gli errori e le prestazioni generali hanno spesso mostrato cambiamenti ritmici, con il turno di notte peggiore.
  • Il decremento notturno delle prestazioni potrebbe essere ridotto o prevenuto se fossero possibili interruzioni nel lavoro, se il lavoro fosse interessante o se la motivazione potesse essere mantenuta.
  • Le prestazioni peggioravano (generalmente con il turno di notte più influenzato negativamente rispetto ad altri) se erano coinvolti compiti noiosi e ripetitivi, se si era verificata una perdita di sonno o se la quantità di tempo trascorso in servizio era aumentata.

 

Le differenze tra gli individui erano spesso la più grande variabile nelle prestazioni.

Un problema nel confrontare la produttività e gli infortuni nei turni mattutini, pomeridiani e notturni è metodologico. Le condizioni lavorative, ambientali e organizzative notturne e diurne in genere non sono del tutto comparabili (Colquhoun 1976; Carter e Corlett 1982; Waterhouse et al. 1992). Pertanto è difficile controllare tutte le variabili. Non sorprende che in una revisione di 24 studi ci fossero quasi tanti studi con una maggiore frequenza di incidenti notturni quanti studi con una maggiore frequenza di incidenti diurni (Knauth 1983). In alcuni studi il carico di lavoro diurno e notturno era paragonabile e le misure erano disponibili per tutte le 24 ore. Nella maggior parte di questi studi gli autori hanno riscontrato un peggioramento delle prestazioni del turno di notte (ad esempio, Browne 1949; Bjerner et al. 1955; Hildebrandt et al. 1974; Harris 1977; Hamelin 1981). Tuttavia, come ha concluso Monk (1990), è possibile che gli effetti circadiani possano "apparire" solo quando i lavoratori sono sotto pressione. In assenza di pressione, i lavoratori possono essere in grado di equiparare le prestazioni del turno diurno e del turno notturno, perché entrambi sono notevolmente subottimali.

Il design dei sistemi a turni

Le raccomandazioni più importanti per la progettazione dei sistemi a turni sono riassunte nella figura 2.

Figura 2. Raccomandazioni per la progettazione di sistemi a turni.

HOU010T3

Lavoro notturno permanente

Il turno di notte è il più dirompente di tutti i turni in termini di adattamento fisiologico, sonno e benessere. I ritmi fisiologici circadiani della maggior parte dei turnisti possono richiedere più di una settimana per un completo adattamento al lavoro notturno. Eventuali conguagli parziali andranno persi in seguito a giorni di riposo dal turno notturno. Pertanto, i ritmi corporei dei lavoratori notturni permanenti sono costantemente in uno stato di interruzione. In uno studio (Alfredsson et al. 1991) le guardie di sicurezza notturne permanenti avevano un'incidenza di disturbi del sonno e affaticamento da 2 a 3 volte superiore rispetto al campione nazionale della popolazione attiva.

Alcuni autori hanno suggerito vari modi in cui abbinare la tolleranza dei dipendenti per il lavoro a turni e alcuni stimoli esterni per aiutare i lavoratori ad adattarsi. Secondo Hildebrandt et al. (1987) le persone con una posizione in fase avanzata (tipi serali) sono in grado di adattarsi al lavoro notturno. Moog (1988) ipotizzò che avrebbero dovuto lavorare in periodi molto lunghi di turni notturni, vale a dire molto più di 10 notti di fila. Per trarre profitto da un adeguamento al lavoro notturno, Folkard (1990) suggerì addirittura la creazione di una “sottosocietà notturna”, che oltre a lavorare stabilmente di notte, continuasse ad essere attiva di notte e a dormire di giorno, anche quando non al lavoro. Sebbene le prestazioni notturne possano a lungo andare aumentare (Wilkinson 1992), una tale proposta provoca un accumulo di deficit di sonno e isolamento sociale, che sembra essere inaccettabile per la maggior parte delle persone (Smith e Folkard 1993).

Vi è un numero crescente di studi che si occupano dell'influenza della luce intensa sul rientro dei ritmi circadiani (alcuni esempi sono Wever et al. 1983; sessione speciale al IX° Simposio Internazionale sul lavoro notturno e a turni; Costa et al. 1990a; Rosa et al.1990; Czeisler et al.1990). Tuttavia, secondo Eastman, "è necessario molto lavoro per determinare i programmi ottimali di luce-lavoro-sonno per i turnisti in termini di capacità di cambiare i ritmi circadiani, migliorare il sonno, ridurre la fatica, nonché in termini di fattibilità sociale", secondo Eastman (1990).

Rispetto ad altri sistemi di turnazione, i turni notturni fissi hanno effetti più negativi sulle famiglie che devono adattare il proprio stile di vita a questo orario, sui rapporti sessuali e sulla capacità dei lavoratori di svolgere ruoli familiari (Stein 1963; Mott et al. 1965; Tasto et al. 1978; Gadbois 1981). Tuttavia, in alcuni studi sul turno notturno permanente, gli infermieri hanno riportato meno reclami rispetto agli infermieri a rotazione o al turno diurno (Verhaegen et al. 1987; Barton et al. 1993). Bartone et al. suggeriscono che una possibile spiegazione di questi risultati potrebbe essere che la libertà di scegliere tra il lavoro diurno o notturno può influenzare notevolmente il grado in cui si verificano problemi successivi. L'idea che ciò rappresenti la “libertà” è, tuttavia, discutibile quando molte infermiere preferiscono il lavoro notturno permanente perché questo rappresenta l'unico modo per organizzare meglio le responsabilità domestiche e il lavoro fuori casa (Gadbois 1981).

Anche il lavoro notturno permanente presenta alcuni vantaggi. I lavoratori notturni riferiscono una maggiore sensazione di indipendenza e una minore supervisione durante la notte (Brown 1990; Hoff e Ebbing 1991). Inoltre, perché è meno facile ottenere sgravi lavorativi per il personale notturno, apparentemente più “team spirit” (spirito di gruppo) si sviluppa. Tuttavia, nella maggior parte dei casi si sceglie il lavoro notturno a causa dell'aumento del reddito dovuto all'indennità per il turno di notte (Hoff e Ebbing 1991).

Sebbene non disponiamo di conoscenze sufficienti sugli effetti sulla salute a lungo termine del lavoro notturno permanente e sui programmi ottimali di lavoro-sonno in condizioni di luce intensa, è noto che il turno di notte è il più dirompente di tutti i turni in termini di adattamento fisiologico, sonno e benessere -essendo, e fino a quando non saranno disponibili i risultati di ulteriori ricerche, supporremo per il momento che il lavoro notturno permanente non sia raccomandabile per la maggior parte dei turnisti.

Sistemi di cambio a rotazione rapida rispetto a quelli a rotazione lenta

Gli orari a rotazione più rapida sono più vantaggiosi rispetto alla rotazione settimanale dei turni. Una rotazione rapida mantiene il ritmo circadiano in un orientamento diurno e non è in uno stato costante di interruzione dovuto ad un parziale adattamento a diversi orientamenti diurni e notturni. Turni notturni consecutivi possono causare un accumulo di deficit di sonno, cioè una privazione cronica del sonno (Tepas e Mahan 1989; Folkard et al. 1990). A lungo andare ciò potrebbe portare a "costi" biologici a lungo termine o persino a disturbi medici. Tuttavia, non è disponibile alcuno studio epidemiologico ben controllato che confronti gli effetti dei sistemi di turni permanenti, a rotazione lenta e rapida. Nella maggior parte degli studi pubblicati i gruppi non sono confrontabili per quanto riguarda la struttura per età, il contenuto del lavoro, il grado di autoselezione (es. Tasto et al. 1978; Costa et al. 1981) o perché i dipendenti che lavorano in orari fissi di mattina, pomeriggio e i turni notturni sono stati combinati per formare un'unica categoria (Jamal e Jamal 1982). In diversi studi longitudinali sul campo, sono stati studiati gli effetti di un cambiamento da sistemi di turni a rotazione settimanali a più veloci (Williamson e Sanderson 1986; Knauth e Kiesswetter 1987; Knauth e Schönfelder 1990; Hornberger e Knauth 1995; Knauth 1996). In tutti i 27 gruppi di turnisti studiati, la maggioranza dei turnisti ha votato a favore dei turni a rotazione più rapida dopo un periodo di prova. Riassumendo, i sistemi a turni a rotazione rapida sono preferibili a quelli a rotazione lenta. Åkerstedt (1988), tuttavia, non è d'accordo, perché la massima sonnolenza di solito si verifica durante il primo turno di notte a causa del prolungato risveglio precedente. Raccomanda una rotazione lenta.

Un altro argomento a favore di un sistema di turni a rotazione rapida è che i turnisti hanno serate libere ogni settimana e quindi è possibile un contatto più regolare con amici e colleghi rispetto ai turni a rotazione settimanale. Sulla base delle analisi delle componenti periodiche del lavoro e del tempo libero, Hedden et al. (1990) concludono che le rotazioni che consentono una sincronizzazione più breve ma più frequente della vita lavorativa con la vita sociale comportano meno menomazioni rispetto alle rotazioni che portano a una sincronizzazione più lunga ma poco frequente.

Durata dei turni

Ci sono molti risultati contraddittori sugli effetti dei giorni lavorativi estesi, e quindi non può essere fatta una raccomandazione generale per i giorni lavorativi estesi (Kelly e Schneider 1982; Tepas 1985). Una giornata lavorativa estesa da 9 a 12 ore dovrebbe essere contemplata solo nei seguenti casi (Knauth e Rutenfranz 1982; Wallace 1989; Tsaneva et al. 1990; Ong e Kogi 1990):

  1. La natura del lavoro e il carico di lavoro sono adatti per orari di lavoro prolungati.
  2. Il sistema di cambio è progettato per ridurre al minimo l'accumulo di fatica.
  3. Esistono disposizioni adeguate per la copertura degli assenti.
  4. Gli straordinari non vengono aggiunti.
  5. L'esposizione tossica è limitata.
  6. È probabile che sia possibile un completo recupero dopo il lavoro e un'elevata accettazione delle disposizioni sull'orario di lavoro (ad esempio, alloggio, problemi familiari, pendolarismo, clima, assenza di lavoro nero).

 

Devono essere presi in considerazione i requisiti fisiologici. Secondo Bonjer (1971), il tasso di consumo di ossigeno accettabile durante un turno di 8 ore dovrebbe essere circa il 30% o meno del consumo massimo di ossigeno. Durante un turno di 12 ore dovrebbe essere circa il 23% o meno del consumo massimo di ossigeno. Poiché la quantità di consumo di ossigeno aumenta con le esigenze fisiche del lavoro, sembrerebbe che turni di 12 ore siano accettabili solo per lavori fisicamente leggeri. Tuttavia, anche in questo caso, se lo stress mentale o emotivo causato dal lavoro è troppo elevato, non è consigliabile prolungare l'orario di lavoro. Prima dell'introduzione dell'orario di lavoro prolungato, lo stress e la tensione sul luogo di lavoro specifico devono essere accuratamente valutati da esperti.

Uno dei potenziali svantaggi dei turni di 12 ore, in particolare dei turni notturni di 12 ore, è l'aumento della fatica. Pertanto il sistema di turni dovrebbe essere progettato per ridurre al minimo l'accumulo di fatica, ovvero non dovrebbero esserci molti turni di 12 ore di fila e il turno diurno non dovrebbe iniziare troppo presto. Koller et al. (1991) raccomandano turni notturni singoli o un massimo di due turni notturni. Questa raccomandazione è supportata da risultati favorevoli di studi sui sistemi a turni con turni notturni singoli di 12 ore (Nachreiner et al. 1975; Nedeltcheva et al. 1990). In uno studio belga, la durata del turno è stata estesa a 9 ore iniziando un'ora prima al mattino (Moors 1990). Il turno diurno iniziava alle 0630:0730 anziché alle 0500:0600 e il turno mattutino in un sistema a due turni iniziava alle 5:XNUMX anziché alle XNUMX:XNUMX. L'autore raccomanda che i turni inizino come nel vecchio orario di lavoro e che il turno sia prolungato di un'ora la sera.

La nostra conoscenza è molto limitata per quanto riguarda un altro problema: l'esposizione tossica e l'eliminazione di sostanze tossiche durante il tempo libero dal lavoro in connessione con orari di lavoro prolungati (Bolt e Rutenfranz 1988). In generale, i limiti di esposizione si basano su un'esposizione di 8 ore e non è possibile estrapolarli semplicemente per coprire un turno di 12 ore. Alcuni autori hanno proposto procedure matematiche per aggiustare queste esposizioni per orari di lavoro che si discostano dal consueto turno di 8 ore, ma nessun metodo è stato adottato in modo uniforme (ad esempio, Hickey e Reist 1977; OSHA 1978; Brief e Scala 1986; Koller et al. 1991).

I progettisti di sistemi a turni devono considerare il carico di lavoro, l'ambiente di lavoro e le condizioni al di fuori del luogo di lavoro. Ong e Kogi (1990) riferiscono che “il clima caldo e tropicale e le unità abitative rumorose di Singapore non favorivano un sonno profondo per i turnisti, che avevano bisogno di dormire durante il giorno”. Tali circostanze aumentavano la fatica e influivano sulla produttività del turno di 12 ore svolto il giorno successivo. Un'altra preoccupazione che riguarda il benessere dei lavoratori è il modo in cui i turnisti utilizzano i loro ampi blocchi di tempo libero. In alcuni studi sembra che possano avere un secondo lavoro (lavoro nero), aumentando così il loro carico di lavoro totale (Angersbach et al. 1980; Wallace 1989; Ong e Kogi 1990). Molti altri fattori sociali, come il pendolarismo, le differenze individuali, il sostegno sociale o gli eventi della vita devono essere considerati anche nei sistemi di turni di 12 ore (es. Tsaneva et al. 1990).

Tempistica dei turni

Sebbene non esista una soluzione ottimale per la tempistica dei turni, ci sono molte prove in letteratura che dovrebbe essere evitato un inizio anticipato per il turno mattutino. Un inizio precoce spesso riduce il sonno totale perché la maggior parte dei turnisti va a letto alla solita ora (Knauth et al. 1980; Åkerstedt et al. 1990; Costa et al. 1990b; Moors 1990; Folkard e Barton 1993). È stato osservato anche un aumento della fatica durante il turno mattutino (Reinberg et. al. 1975; Hak e Kampman 1981; Moors 1990), così come un aumento del rischio di errori e incidenti nel turno mattutino (Wild e Theis 1967 ; Hildebrandt et al. 1974; Pokorny et al. 1981; Folkard e Totterdell 1991).

Assumendo una durata costante del turno di 8 ore, un inizio ritardato del turno mattutino comporta anche un inizio ritardato del turno notturno (ad es. orari di cambio turno alle 0700:1500/2300:0800/1600:2400 o XNUMX:XNUMX/XNUMX:XNUMX/XNUMX:XNUMX). Un inizio tardivo del turno di notte significa anche una fine tardiva del turno serale. In entrambi i casi potrebbero esserci problemi di trasporto perché autobus, tram e treni passano meno frequentemente.

La decisione a favore di uno specifico orario di cambio turno può anche dipendere dal contenuto del lavoro. Negli ospedali, in genere, è il turno di notte che sveglia, lava e prepara i pazienti (Gadbois 1991).

Sono state avanzate anche argomentazioni a favore di un inizio anticipato. Alcuni studi hanno dimostrato che più tardi inizia il sonno diurno dopo un turno di notte, più breve sarà (Foret e Lantin 1972; Åkerstedt e Gillberg 1981; Knauth e Rutenfranz 1981). Il sonno diurno può essere disturbato e un inizio molto precoce del sonno dopo i turni notturni potrebbe evitare questi problemi. Debry et al. (1967) hanno proposto orari di cambio turno alle 0400:1200, 2000:1991 e XNUMX:XNUMX per facilitare ai lavoratori il maggior numero possibile di pasti in famiglia. Secondo Gadbois (XNUMX) un inizio anticipato del turno di notte migliora il contatto tra personale e pazienti negli ospedali.

Orari di lavoro flessibili sono possibili anche nei sistemi a tre turni, dove i dipendenti possono scegliere il proprio orario di lavoro (McEwan 1978; Knauth et al. 1981b; 1984; Knauth e Schönfelder 1988). Tuttavia, contrariamente all'orario flessibile dei lavoratori a giornata, i turnisti devono prendere accordi preliminari con i colleghi.

Distribuzione del tempo libero all'interno del sistema dei turni

La distribuzione del tempo libero tra turni consecutivi ha importanti implicazioni per il sonno, la fatica e il benessere, nonché per la vita sociale e familiare e per la soddisfazione complessiva del turnista rispetto al sistema a turni. Se ci sono solo 8 ore tra la fine di un turno e l'inizio del successivo, ci sarà una riduzione del sonno tra i turni e un aumento della fatica nel secondo turno (Knauth e Rutenfranz 1972; Saito e Kogi 1978; Knauth et al. 1983; Totterdell e Folkard 1990).

Troppe giornate lavorative consecutive possono portare ad un accumulo di fatica e talvolta a sovraesposizione a sostanze tossiche (Bolt e Rutenfranz 1988). Non è facile definire un limite al numero massimo di giornate lavorative consecutive, perché variano il carico di lavoro, l'organizzazione delle pause e l'esposizione a condizioni ambientali sfavorevoli. Tuttavia Koller et al. (1991) raccomandano di limitare il numero di giorni lavorativi consecutivi tra 5 e 7.

I fine settimana liberi sono di particolare importanza sociale. Pátkei e Dahlgren (1981) hanno studiato la soddisfazione con diversi tipi di sistemi di turni a rotazione rapida. La soddisfazione per un sistema a turni di 7 giorni con da 3 a 5 giorni regolari liberi era significativamente più alta rispetto a un sistema con solo 2 giorni liberi. Gli autori hanno concluso che "la durata della pausa potrebbe essere un fattore importante nel determinare l'attrattiva dei turni a rotazione rapida". D'altra parte, i giorni liberi nel sistema del primo turno sono stati controbilanciati da ulteriori periodi di ferie durante l'anno.

Direzione di rotazione. La direzione di rotazione è un'altra considerazione importante (Tsaneva et al. 1987; Totterdell e Folkard 1990). Un sistema di turni che passa prima dal turno mattutino al turno serale, e poi al turno notturno, ha una rotazione in avanti (ritardo di fase, rotazione oraria). Una rotazione in senso antiorario, o all'indietro, ha un anticipo di fase che si sposta dalla notte alla sera ai turni mattutini. La rotazione in avanti sembra corrispondere più strettamente al ritmo circadiano endogeno, che ha un periodo superiore alle 24 ore, ma esistono solo due studi longitudinali sul campo sugli effetti delle diverse direzioni di rotazione (Landen et al. 1981; Czeisler et al. 1982). La maggior parte dei turnisti in questi studi sembra preferire la rotazione in avanti, ma gli studi non sono definitivi. Barton e Folkard (1993) hanno scoperto che un sistema in senso antiorario porta a livelli più elevati di affaticamento e maggiori disturbi del sonno tra i turni. I sistemi "ibridi" non erano migliori. La rotazione in senso orario è stata associata al minor numero di problemi. Turek (1986) propone, tuttavia, che i disturbi del sonno di entrambi i sistemi sarebbero paragonabili.

I turnisti con un sistema di turni discontinui con rotazione all'indietro hanno apprezzato il lungo periodo di assenza dal lavoro tra la fine dell'ultimo turno mattutino e l'inizio del primo turno notturno, in particolare se questo periodo include un fine settimana.

Sebbene le prove siano limitate e siano necessarie ulteriori ricerche, la rotazione in avanti sembra essere raccomandabile almeno nei sistemi a turni continui.

Ottimizzazione dei sistemi di turni

Non esiste un sistema di turni "ottimale". Ogni impresa, i suoi dirigenti e turnisti dovrebbero ricercare il miglior compromesso tra le esigenze dell'impresa e le esigenze dei lavoratori. Inoltre, la decisione dovrebbe basarsi su raccomandazioni scientifiche per la progettazione di sistemi di turni. La strategia di implementazione è di particolare importanza per l'accettazione di un nuovo sistema di turni. Sono stati pubblicati molti manuali e linee guida per l'attuazione di nuovi accordi sull'orario di lavoro (ILO 1990). Troppo spesso i turnisti non sono sufficientemente coinvolti nella fase di analisi, pianificazione e progettazione dei turni.

Un sistema a turni continui con un rapido schema di rotazione in avanti, con 8 ore di lavoro per turno, alcuni fine settimana liberi, almeno due giorni interi consecutivi di riposo e nessun cambio rapido, sembra essere il sistema da raccomandare. Un tale sistema di turni di base ha una media di 33.6 ore settimanali, che potrebbe non essere universalmente accettabile. Se sono richiesti turni aggiuntivi, l'accettazione è maggiore quando i turni aggiuntivi sono pianificati a lungo termine, ad esempio all'inizio dell'anno in modo che i lavoratori possano pianificare le ferie. Alcuni datori di lavoro non richiedono ai turnisti più anziani di svolgere turni aggiuntivi.

Le figure 3 e 4 mostrano schemi per sistemi a turni continui e discontinui che soddisfano queste regole. La Figura 5 mostra un sistema di turni per un posto di lavoro meno flessibile. Copre 128 ore operative settimanali, con una settimana lavorativa individuale media di 37 ore. Questo sistema prevede un massimo di tre turni notturni e due fine settimana liberi più lunghi (terza settimana: da giovedì a domenica; quinta/sesta settimana: da sabato a lunedì). È irregolare e non ruota in avanti, il che è meno ottimizzante. Per i turni con un orario operativo di 120 ore settimanali, non possono essere utilizzati turni a rotazione graduale, come ad esempio dal lunedì 0600 al sabato 0600, e un orario medio di lavoro di 40 ore settimanali.

Figura 3. Sistema a turni continui rotanti.

HOU010F2

Figura 4. Sistema di spostamento discontinuo rotante.

HOU10F2B

Figura 5. Sistema di turni discontinui rotanti con sette squadre.

HOU010F3

Quando l'equipaggio può essere ridotto durante la notte, può essere possibile un sistema di turni come mostrato nella figura 6. Dal lunedì al venerdì, ogni giorno due sottogruppi lavorano nei turni mattutini, due nei turni serali ma solo un sottogruppo lavora nei turni notturni. Pertanto, il numero di turni notturni pro capite verrebbe ridotto rispetto al tradizionale sistema a tre turni.

Figura 6. Sistema a turni discontinui con una riduzione del 50% del personale dei turni notturni.

HOU010F4

Periodi di riposo

In relazione all'organizzazione dell'orario di lavoro, anche periodi di riposo adeguati, come le pause durante l'orario di lavoro, le pause per i pasti, il riposo giornaliero o notturno e il riposo settimanale, sono importanti per il benessere, la salute e la sicurezza dei lavoratori.

Ci sono vari motivi per l'introduzione di periodi di riposo.

Recupero

Quando un lavoratore svolge un lavoro fisico pesante, si sviluppa la fatica ed è necessario che il lavoratore si fermi e si riposi ad intervalli. Durante le pause scompaiono i sintomi dei cambiamenti funzionali reversibili dell'organismo. Quando, ad esempio, la frequenza cardiaca viene aumentata dal lavoro fisico, tornerà al valore iniziale prima del lavoro durante un adeguato periodo di riposo. L'efficienza di un periodo di riposo diminuisce esponenzialmente con l'aumentare della durata della pausa. Poiché le pause brevi hanno un'elevata efficienza, è stata dedotta la regola che molte pause brevi sono meglio di poche pause lunghe.

Prevenzione della fatica

Durante il lavoro fisico pesante, molti periodi di riposo possono non solo ridurre, ma in determinate circostanze anche prevenire l'affaticamento. Ciò è illustrato dagli studi classici di Karrasch e Müller (1951). In laboratorio, i soggetti dovevano esercitarsi su ergonometri da bicicletta (Figura 7). Questo lavoro fisico pesante (10 mkp/s) è stato organizzato nel modo seguente: dopo ogni periodo di lavoro (100%) è seguito un periodo di riposo più lungo (150%). Ciascuno dei tre esperimenti prevedeva una diversa disposizione dei periodi di lavoro e di riposo. Nel primo esperimento il soggetto ha lavorato 5 minuti, ha riposato per 7.5 minuti, poi ha lavorato di nuovo per 5 minuti e ha interrotto l'esperimento quando era esausto. La frequenza cardiaca ha raggiunto circa 140 battiti/minuto nel primo periodo di lavoro e più di 160 battiti/minuto nel secondo periodo di lavoro. Anche un'ora dopo la fine dell'esperimento la frequenza cardiaca non era tornata al valore iniziale prima dell'esperimento. Il secondo esperimento mostrato nella figura prevedeva un lavoro più breve e periodi di riposo più brevi (2 min e 3 min). Sebbene il carico di lavoro fosse identico a quello del primo esperimento, il soggetto del secondo esperimento era in grado di lavorare più a lungo prima che arrivasse il completo esaurimento. Nel terzo esperimento è stata impostata una disposizione estrema di 0.5 minuti di lavoro e 0.75 minuti di riposo. La frequenza cardiaca è rimasta al livello di stato stazionario. L'esperimento è stato interrotto, non perché il soggetto fosse esausto ma per motivi tecnici. Questa estrema organizzazione del lavoro e dei periodi di riposo ovviamente non può essere attuata nell'industria, ma dimostra che l'estrema stanchezza può essere prevenuta se i periodi di riposo vengono suddivisi.

Questo fenomeno è stato dimostrato anche in altri studi con altri indicatori come l'acido lattico nel sangue (Åstrand e Rodahl 1970).

Figura 7. Frequenza cardiaca durante e dopo un lavoro fisico pesante con diverse durate di lavoro e periodi di riposo ma un rapporto lavoro/riposo costante di 2:3.

HOU010F5

In uno studio sui lavoratori di fonderia, il confronto di una disposizione di 20 min di lavoro seguita sempre da una pausa di 10 min con una disposizione di 10 min di lavoro e una pausa di 5 min ha mostrato la superiorità del secondo approccio (Scholz 1963) , perché la frequenza cardiaca media su 8 ore era inferiore nel secondo caso.

La prevenzione della fatica è stata dimostrata anche con l'aiuto della misurazione della frequenza cardiaca in esperimenti con l'apprendimento delle prestazioni sensomotorie (Rutenfranz et al. 1971). Inoltre, il progresso nell'apprendimento è stato chiaramente maggiore negli esperimenti con periodi di riposo regolari rispetto agli esperimenti senza periodi di riposo, come mostrato nella figura 8.

 

Figura 8. Effetto dei periodi di riposo sull'apprendimento di semplici prestazioni sensomotorie.

 

HOU010F6

Aumento delle prestazioni

In generale, i periodi di riposo sono considerati semplicemente come interruzioni improduttive dell'orario di lavoro. Tuttavia, Graf (1922; 1927) ha mostrato che i periodi di riposo possono essere, per così dire, “gratificanti”. Sappiamo dallo sport che gli atleti che corrono per 100 metri iniziano ad alta velocità, mentre gli atleti che corrono per 5,000 metri iniziano a una velocità "ridotta". Risultati analoghi sul lavoro mentale sono stati pubblicati da Graf (figura 9). A tre gruppi sperimentali è stato chiesto di eseguire calcoli. I salari dipendevano dalle prestazioni. Senza rendersene conto, il gruppo A (che aveva il primo periodo di riposo dopo 3 ore) è partito con una velocità ridotta rispetto al gruppo B (che prevedeva il primo periodo di riposo dopo 45 minuti di lavoro). La massima velocità iniziale e successiva prestazione è stata riscontrata nel gruppo C (con periodi di riposo ogni 15 minuti di lavoro).

Figura 9. Effetti di brevi periodi di riposo sulle prestazioni mentali.

HOU010F7

Mantenere un adeguato livello di vigilanza

In alcuni compiti monotoni di monitoraggio o di guardia e in compiti molto semplificati con tempi di ciclo brevi, è difficile rimanere vigili per periodi più lunghi. La riduzione della vigilanza può essere superata da periodi di riposo (o misure di strutturazione del lavoro).

L'assunzione di cibo

Il valore recuperativo delle pause pasto è spesso limitato, in particolare quando il lavoratore deve percorrere una lunga distanza per raggiungere la mensa, fare la fila per il cibo, mangiare velocemente e tornare di corsa al posto di lavoro.

Esercizio fisico compensativo

Se i lavoratori, come gli operatori di unità video, devono lavorare in posture costrette, si raccomanda che eseguano alcuni esercizi fisici compensatori durante i periodi di riposo. Naturalmente la soluzione migliore sarebbe quella di migliorare il design del posto di lavoro secondo principi ergonomici. Gli esercizi fisici sul posto di lavoro sembrano essere più accettati nei paesi asiatici che in molti altri luoghi.

Comunicazione

Non va trascurato l'aspetto sociale dei periodi di riposo, riferito alla comunicazione privata tra i lavoratori. C'è una contraddizione tra la raccomandazione fisiologica di pause molto brevi in ​​relazione a lavori fisici pesanti e il desiderio dei lavoratori di riunirsi nelle aree di sosta e parlare con i colleghi. Occorre quindi trovare un compromesso.

Hettinger (1993) ha pubblicato le seguenti regole per la progettazione ottimale dei periodi di riposo:

  • Le parti iniziali di un periodo di riposo hanno il più alto valore di recupero, che è ciò che si traduce nell'efficacia delle pause brevi (cioè, molte pause brevi sono più favorevoli di alcune pause più lunghe per quanto riguarda il valore recuperativo).
  • Eccezioni a questa regola: Il periodo di riposo di raffreddamento dopo il lavoro in un clima caldo dovrebbe durare almeno 10 minuti in una stanza con un clima neutro. Il periodo di riposo di riscaldamento dopo il lavoro in un clima freddo (da –15 a –30°C) dovrebbe durare almeno 30 minuti in una stanza con un clima neutro. Il periodo di riposo dopo aver lavorato in un ambiente di lavoro molto rumoroso dovrebbe essere relativamente lungo in una stanza con meno di 70 dB(A). Questi periodi di riposo sono problematici, se si tiene presente che, dimezzando il tempo di esposizione, si ottiene solo una riduzione di circa 3 dB(A) della dose di rumore.
  • La frequenza e la durata del periodo di riposo dipendono dal grado di difficoltà del lavoro fisico o mentale. Per quanto riguarda il lavoro fisico, si può precisare che il lavoro fisico con un consumo di energia superiore al limite di sopportazione accettabile ma inferiore a 40 KJ/min consente di organizzare il periodo di riposo all'interno dell'orario di lavoro a turni. Il lavoro fisico con un consumo energetico superiore a 40 KJ/min richiede un periodo di riposo subito dopo l'interruzione del lavoro pesante, a causa dell'aumento esponenziale della fatica.
  • L'efficienza di un periodo di riposo non dovrebbe essere ridotta da "pseudo-attività" (pause mascherate). I lavoratori ei superiori devono essere informati di conseguenza.

 

I periodi di riposo per l'assunzione di cibo dovrebbero durare almeno 15 minuti.

Per ulteriori informazioni sui periodi di riposo dopo il lavoro muscolare, vedi Laurig (1981); e per i periodi di riposo dopo il lavoro mentale, vedi Luczak (1982).

Riduzione dei problemi di sonno

Non esistono formule magiche per aiutare i turnisti ad addormentarsi velocemente oa dormire bene. Ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un'altra.

Alcune proposte utili, soprattutto per il riposo diurno dopo i turni notturni, sono:

  • Usa cuffie individuali per TV e radio per gli altri membri della famiglia e una segreteria telefonica silenziosa. Spegni il campanello.
  • Informare la propria famiglia sull'orario di lavoro ed evitare il rumore domestico durante le ore di sonno.
  • Riduci la luce e il rumore esterni utilizzando tende pesanti e scure, porte e finestre insonorizzate e un condizionatore d'aria.
  • Anche i tappi per le orecchie, una mascherina per dormire e non bere bevande contenenti caffeina entro 5 ore dall'ora prevista per andare a dormire possono aiutare.
  • Se gli alloggi sono rumorosi, i lavoratori dovrebbero considerare di trasferirsi in alloggi più tranquilli.

 

I lavoratori dovrebbero evitare l'uso di alcol per favorire l'addormentamento e dovrebbero concedersi il tempo di rallentare dopo il lavoro (Community Health Network 1984; Monk 1988; Wedderburn 1991).

Per i casi in cui è in gioco la sicurezza, alcuni autori raccomandano "pisolini di mantenimento" durante il turno di notte come ponte sul punto basso notturno della vigilanza circadiana (Andlauer et al. 1982). Molte industrie giapponesi aperte 24 ore su 1981 consentono pratiche di pisolino durante i turni di notte (Kogi XNUMX).

Dieta

Sebbene non ci siano prove che la dieta aiuti a far fronte al lavoro notturno (Rosa et al. 1990), sono state fatte le seguenti raccomandazioni prudenti:

  • Durante il turno di notte, il pasto principale dovrebbe essere consumato entro le 0100:XNUMX e dovrebbe essere ricco di proteine ​​piuttosto che di carboidrati e avere un basso contenuto di grassi.
  • Fai uno spuntino a base di frutta fresca o latticini alle 0400:0415–XNUMX circa.
  • Si consiglia di consumare i pasti alla stessa ora ogni giorno.
  • Un pasto pesante poco prima di coricarsi dovrebbe essere evitato. I lavoratori dovrebbero imparare ad ascoltare il proprio corpo, a giudicare il benessere dello stomaco ei livelli di energia (Community Health Network 1984; Wedderburn 1991; Knauth et al. 1991).

 

Misure di salute sul lavoro

Alcuni autori raccomandano lo screening pre-assunzione e la sorveglianza medica dei turnisti (per es., Rutenfranz et al. 1985; Scott e LaDou 1990). Ai lavoratori dovrebbe essere sconsigliato il lavoro notturno se hanno o sono:

  • una storia di disturbi del tratto digerente (p. es., ulcera peptica ricorrente, sindrome dell'intestino irritabile, se i sintomi sono gravi)
  • diabete mellito insulino-dipendente
  • tireotossicosi
  • malattia coronarica, specialmente se c'è angina instabile o una storia di infarto del miocardio
  • narcolettici e altri che soffrono di disturbi cronici del sonno
  • epilettici
  • gravi disturbi psichiatrici, in particolare depressione cronica
  • asma che richiede farmaci, soprattutto se il paziente è dipendente da steroidi
  • tubercolosi attiva ed estesa
  • alcolisti e tossicodipendenti
  • compromissione visiva marcata o emeralopia (cecità diurna) troppo grave per una correzione efficace.

 

Inoltre, Scott e LaDou (1990) menzionano anche alcune "controindicazioni relative" utilizzate in modo più appropriato per la consulenza ai potenziali dipendenti, come l'estrema "mattutinezza", la rigidità del sonno. Potrebbero voler considerare la loro età e l'entità delle loro responsabilità familiari.

Hermann (1982) ha proposto i seguenti intervalli per i controlli sanitari regolari: ci dovrebbe essere un secondo controllo sanitario non oltre 12 mesi dopo l'inizio del lavoro notturno, e regolari controlli sanitari almeno ogni 2 anni per chi ha meno di 25 anni, ogni 5 anni per chi tra i 25 e i 50 anni, ogni 2-3 anni per quelli tra i 50 e i 60 anni e ogni 1-2 anni per quelli sopra i 60 anni.

Tecniche comportamentali individuali

Ci sono solo pochi studi che analizzano la capacità dei turnisti di far fronte allo stress (Olsson et al. 1987; Olsson e Kandolin 1990; Kandolin 1993, Spelten et al. 1993). Una strategia di coping attiva, ad esempio discutere i problemi con gli altri, sembra ridurre lo stress meglio delle strategie passive, come l'uso di alcol (Kandolin 1993). Tuttavia, sono necessari studi longitudinali per studiare la relazione tra lo stile di coping o le tecniche comportamentali e lo stress.

Pagamenti in denaro

Sebbene esistano molti piani di compensazione in base ai quali un lavoratore riceve una remunerazione maggiore per il lavoro a turni (bonus di turno), i pagamenti in denaro non sono un compromesso appropriato per possibili effetti negativi sulla salute e perturbazioni della vita sociale.

Il modo migliore, ovviamente, per risolvere i problemi è eliminare o ridurre le cause. Tuttavia, poiché non è possibile eliminare completamente il lavoro a turni, una strategia alternativa da prendere in considerazione è la seguente: una riduzione dell'orario di lavoro inusuale per l'individuo; riduzione dei turni notturni; ridurre la parte superflua del lavoro notturno (a volte le attività possono essere spostate al turno mattutino o serale mediante riorganizzazione del lavoro); implementare sistemi di turni misti con, ad esempio, almeno un mese all'anno senza lavoro a turni; inserimento di ulteriori squadre di turno, ad esempio passando da un sistema a 3 turni a un sistema a 4 turni o da un sistema a 4 turni a un sistema a 5 turni, o mediante riduzione degli straordinari. La riduzione dell'orario di lavoro per i turnisti è un'altra possibilità, con orari di lavoro settimanali più brevi per i turnisti che per i lavoratori a giornata, con pause retribuite e periodi di ferie più lunghi. Altri possibili rimedi sono i giorni di ferie extra e il pensionamento graduale o anticipato.

Tutte queste proposte sono già state implementate in alcune aziende dell'industria o del settore dei servizi (es. Knauth et al. 1990).

Altre misure

Molte altre misure come esercizio fisico (Härmä et al. 1988a, b), ausili farmacologici (Rosa et al. 1990), consulenza familiare (Rosa et al. 1990), miglioramento delle condizioni ambientali sul lavoro (Knauth et al. 1989) , una migliore comunicazione tra turnisti e sindacati o turnisti e il loro membro del Congresso (Monk 1988; Knauth et al. 1989), o un "programma di sensibilizzazione sul lavoro a turni" all'interno dell'azienda (Monk 1988) sono stati proposti per ridurre i problemi dei turnisti. Poiché non esiste un modo migliore per ridurre i problemi dei turnisti, si dovrebbero provare molte soluzioni creative (Colquhoun et al. 1996).

 

Di ritorno

Leggi 12039 volte Ultima modifica giovedì 13 ottobre 2011 21:26

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti orari di lavoro

Aanonsen, A. 1964. Lavoro a turni e salute. Oslo: Universitetsforlaget.

Åkerstedt, T. 1988. Sonnolenza come conseguenza del lavoro a turni. Sonno 11:17-34.

Åkerstedt, T e J Fröberg. 1976. Lavoro a turni e aspetto interdisciplinare sanitario. In Turni di lavoro e salute, a cura di PG Rentos e RD Shepard. Washington, DC: Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere.

Åkerstedt, T e M Gilberg. 1981. Disturbi del sonno e lavoro a turni. In Night and Shiftwork: Biological and Social Aspects, a cura di A Reinberg, N Vieux e P Andlauer. Oxford: Pergamo.

Åkerstedt, T e L Torsvall. 1981. Età, sonno e adattamento al lavoro a turni. In Sleep 1980, a cura di WP Koella. Basilea: Karger.

Åkerstedt, T, A Knutsson, L Alfredsson e T Theorell. 1984. Lavoro a turni e malattie cardiovascolari. Scand J Ambiente di lavoro Salute 10:409-14.

Åkerstedt, T, L Torsvall, G Kecklund e A Knutsson. 1990. Il ciclo del turno e gli indici clinici dell'insonnia. In Shiftwork: Health, Sleep and Performance, a cura di G Costa, G Cesana, K Kogi e A Wedderburn. Francoforte: Peter Lang.

Alfredsson, L, R Karasek e T Theorell. 1982. Rischio di infarto miocardico e ambiente di lavoro psicosociale: un'analisi della forza lavoro svedese maschile. Soc Sci Med 16:463-7.

Alfredsson, L e T Theorell. 1983. Caratteristiche lavorative delle occupazioni e rischio di infarto del miocardio: effetto di possibili fattori di confusione. Soc Sci Med 17:1497-1503.

Alfredsson, L, CL Spetz e T Theorell. 1985. Tipo di occupazione e ricovero prossimo futuro per infarto del miocardio e alcune altre diagnosi. Int J Epidemiol 14:378-88.

Alfredsson, L, TÅkerstedt, M Mattson, and B Wilborg. 1991. Salute e benessere autodichiarati tra le guardie di sicurezza notturne: un confronto con la popolazione attiva. Ergonomia 34:525-530.

Andersen, O. 1985. Dodelight og erhverv 1970-80 [Mortalità e occupazione 1970-80]. Statistike Undersogelser nr 41. Copenaghen: Danmarks Statistik.

Andlauer, P, A Reinberg, L Fourré, W Battle e G Duverneuil. 1979. Ampiezza del ritmo circadiano della temperatura orale e tolleranza al lavoro a turni. J Physiol 75:507-512.

Andlauer, P, J Rutenfranz, K Kogi, H Thierry, N Vieux, and G Duverneuil. 1982. Organizzazione dei turni notturni nelle industrie dove è in gioco la sicurezza pubblica. Int Arch Occup Environ Health 49:353-355.

Angersbach, D, P Knauth, H Loskant, MJ Karvonen, K Undeutsch e J Rutenfranz. 1980. Uno studio di coorte retrospettivo che confronta i reclami e le malattie nei lavoratori diurni e turnisti. Int Arch Occup Environ Health 45:127-140.

Åstrand, PO e K Rodahl. 1970. Manuale di fisiologia del lavoro. New York: McGraw Hill.

Banks, O. 1956. Lavoro a turni continui: gli atteggiamenti delle mogli. Occup Psychol 30:69-84.

Barton, J e S Folkard. 1993. Avanzare contro ritardare i sistemi di turni. Ergonomia 36:59-64.

Barton, J, L Smith, P Totterdell, E Spelten e S Folkard. 1993. La scelta individuale determina l'accettabilità del sistema di turni? Ergonomia 36:93-99.

Beermann, B, KH Schmidt e J Rutenfranz. 1990. Zur Wirkung verschiedener Schichttypen auf das gesundheitliche Befinden und das Schlaf- und Freizeitverhalten. Z Arb Wiss 44:14-17.

Bjerner, B, A Holm e A Swensson. 1955. Variazione diurna delle prestazioni mentali. Br J Ind Med 12:103-110.

Bohle, P e AJ Tilley. 1989. L'impatto del lavoro notturno sul benessere psicologico. Ergonomia 32:1089-1099.

Bolt, HM e J Rutenfranz. 1988. L'impatto degli aspetti del tempo e della durata dell'esposizione sulla tossicocinetica e sulla tossicodinamica delle sostanze chimiche sul posto di lavoro. In Health Surveillance of Individual Workers Exposed to Chemical Agents, a cura di WRF Notten, RFM Herber, WJ Hunter, AC Monster e RL Zielhuis. Berlino: Springer Verlag.

Bonjer, F.H. 1971. Fattori temporali e carico fisiologico. In Measurement of Man At Work, a cura di WJ Singleton, JG Fox e D Whitfield. Londra: Taylor e Francesco.

Breithaupt, H, G Hildebrandt, D Dohr, R Josch, U Sieber e M Werner. 1978. Tolleranza allo spostamento del sonno, in relazione alla posizione della fase circadiana individuale. Ergonomia 21:767-774.

Breve, RS e RA Scala. 1986. Aspetti di salute sul lavoro di orari di lavoro insoliti: una rassegna delle esperienze di Exxon. Am Ind Hyg Assoc J 47:199-202.

Marrone, F.M. 1990. Comportamenti pisolino di tre turni permanenti di infermieri ospedalieri. In Shiftwork: Health, Sleep and Performance, a cura di G Costa, G Cesana, K Kogi e A Wedderburn. Francoforte: Peter Lang.

Browne, RC. 1949. Lo spettacolo diurno e notturno dei centralinisti delle telescriventi. Occup Psychol 23:121-126.

Bunnage, D. 1981. Studio sulle conseguenze del lavoro a turni sulla vita sociale e familiare. In Gli effetti del lavoro a turni sulla salute, sulla vita sociale e familiare Dublino: Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.

Carpentier, J e P Cazamian. 1977. Lavoro notturno: i suoi effetti sulla salute e il benessere del lavoratore. Ginevra: OIL.

Carter, FA e EN Corlett. 1982. Infortuni e lavoro a turni. Dublino: Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.

Colligan, MJ e RRRosa. 1990. Effetti del lavoro a turni sulla vita sociale e familiare. In Shiftwork, a cura di AJ Scott. Filadelfia: Hanley & Belfus.

Colquhoun, WP. 1976. Incidenti, infortuni e lavoro a turni. Nel lavoro a turni e nella salute. A Symposium, a cura di PG Rentos e RD Shepard. Washington, DC: Dipartimento della salute, dell'istruzione e del benessere.

Colquhoun, WP, G Costa, S Folkard e P Knauth. 1996. Lavoro a turni: problemi e soluzioni. Francoforte: Peter Lang.

Rete Sanitaria Comunitaria. 1984. Lavoro a turni: come far fronte. Parte 1: Dormire. Parte 2: Mangiare. Parte 3: Il resto della tua vita. Claremont, NH: Rete sanitaria comunitaria.

Costa, G. 1996. Effetti sulla salute e sul benessere. In Shiftwork: Problems and Solutions, a cura di WP Colquhoun, S Folkard, G Costa, P Knauth e P Lang. Francoforte: Peter Lang.

Costa, G, P Apostoli, F d'Andrea, E Gaffuri. 1981. Disturbi gastrointestinali e nevrotici nei turnisti tessili. In Night and Shift Work: Biological and Social Aspects, a cura di N Reinberg, N Vieux e P Andlauer. Oxford: Pergamo Press.

Costa, G, F Lievore, G Casaletti, E Gaffuri, and S Folkard. 1989. Caratteristiche circadiane che influenzano le differenze interindividuali nella tolleranza e nell'adattamento al lavoro a turni. Ergonomia 32:373-385.

Costa, G, G Cesana, K Kogi, A Wedderburn. 1990a. Lavoro a turni: salute, sonno e rendimento. Francoforte: Peter Lang.

Costa, G, Olivato D, Peroni E, Mossini E, Gonella G. 1990b. Problemi connessi all'introduzione del lavoro notturno in un gruppo di lavoratrici di un'industria alimentare. In Shiftwork: Health, Sleep and Performance, a cura di G Costa, G Cesana, K Kogi e A Wedderburn. Francoforte: Peter Lang.

Czeisler, CA, MC Moore-Ede e RM Coleman. 1982. Gli orari di lavoro a turni rotanti che interrompono il sonno vengono migliorati applicando i principi circadiani. Scienza 217:460-463.

Czeisler, CA, MP Johnson, JF Duffy, EN Brown, JM Ronda e RE Kronauer. 1990. Esposizione a luce intensa e oscurità per trattare il disadattamento fisiologico al lavoro notturno. New Engl J Med 322:1253-1259.

Debry, G, P Girault, J Lefort e J Thiébault. 1967. Enquête sur les habitudes alimentaires des travailleurs “à feux continus”. B Instit Natl Santé Rech Méd 22:1169-1202.

Diekmann, A, G Ernst e F Nachreiner. 1981. Auswirkung der Schichtarbeit des Vaters auf die schulische Entwicklung der Kinder. Z Arb Wiss 35:174-178.

Downie, J.H. 1963. Alcune implicazioni sociali e industriali del lavoro a turni. Società di previdenza industriale. Londra: Casa di Robert Hyde.

Eastman, C.I. 1990. Una revisione critica del ritmo circadiano e della letteratura sulla luce intensa con raccomandazioni per il lavoro a turni. Stress da lavoro 4:245-260.

Estryn-Behar, M, C Gadbois, e E Vaichere. 1978. Effets du travail de nuit en équipes fixes sur une Population Féminine. Risultati di una ricerca nel settore ospedaliero. Arch Mal Prof 39:531-535.

Folkard, S. 1990. Ritmi di performance circadiani: alcune implicazioni pratiche e teoriche. Phil Trans Royal Soc London 327:543-553.

Folkard, S e J Barton. 1993. La "zona proibita" per l'inizio del sonno influenza la durata del sonno del turno mattutino? Ergonomia 36: 85-91.

Folkard, S, TH Monk e MC Lobban. 1979. Verso un test predittivo di adattamento al lavoro a turni. Ergonomia 22:79-91.

Folkard, S e P Totterdell. 1991. Variazioni circadiane nelle prestazioni. Implicazioni per orari di lavoro anormali. Abstracts: Simposio internazionale “Lavoro a turni e richieste di lavoro”. 11-12 luglio, Parigi.

Folkard, S, TH Monk, EK Lewis e CP Whelpton. 1982. Differenze individuali e adattamento al lavoro a turni. In Lavoro a turni: quantità e qualità del sonno. Differenze individuali. Dublino: Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.

Folkard, S, J Arendt e M Clark. 1990. Sonno e umore su un sistema di turni "settimanali" a rotazione (7-7-7): alcuni risultati preliminari. In Shiftwork: Health, Sleep and Performance, a cura di G Costa, G Cesana, K Kogi e A Wedderburn. Francoforte: Peter Lang.

Foret, J e G Lantin. 1972. Il sonno dei macchinisti: un esempio degli effetti di orari di lavoro irregolari sul sonno. Nel sonno dei macchinisti: un esempio degli effetti degli aspetti dell'efficienza umana, a cura di WP Colquhoun. Londra: English University Press.

Foret, J, G Bensimon, O Benoit e N Vieux. 1981. Qualità del sonno in funzione dell'età e del lavoro a turni. In Aspects of Human Efficiency, a cura di A Reinberg, N Vieux e P Andlauer. Londra: English University Press.

Frese, M e N Semmer. 1986. Lavoro a turni, stress e disturbi psicosomatici: un confronto tra lavoratori in diversi orari di lavoro a turni, non turnisti ed ex turnisti. Ergonomia 29:99-114.

Gadbois, C. 1981. Donne nel turno di notte: interdipendenza tra sonno e attività extralavorative. In Night and Shiftwork: Biological and Social Aspects, a cura di A Reinberg, N Vieux e P Andlauer. Oxford: Pergamo Press.

—. 1991. Operazioni 11 ore su 12 negli ospedali: programmazione dei turni, richieste di compiti e organizzazione del lavoro. Abstracts: Simposio internazionale “Lavoro a turni e richieste di lavoro”. Parigi XNUMX-XNUMX luglio.

Graf, O. 1922. Über lohnendste Arbeitspausen bei geistiger Arbeit. Psychol Arbeiten 7:548-611.

—. 1927. Die Arbeitspausen in Theorie und Praxis. Psychol Arbeiten 9:563-681.

Harmä, MI. 1993. Differenze individuali nella tolleranza al lavoro a turni: una rassegna. Ergonomia 36:101-109.

Härmä, MI, J Ilmarinen, P Knauth, J Rutenfranz, and O Hänninen. 1988a. Intervento di allenamento fisico nelle lavoratrici turniste: I. Gli effetti dell'intervento su forma fisica, affaticamento, sonno e sintomi psicosomatici. Ergonomia 31:39-50.

—. 1988b. Intervento di allenamento fisico nelle lavoratrici turniste: II. Gli effetti dell'intervento sui ritmi circadiani, sulla memoria a breve termine e sulla temperatura corporea. Ergonomia 31:51-63.

Härmä, MI, P Knauth, J Ilmarinen e H Ollila. 1990. La relazione dell'età con l'adeguamento dei ritmi circadiani della temperatura orale e della sonnolenza al lavoro a turni. Chronobiol Int 7:227-233.

Hak, A e R Kampmann. 1981. Orario di lavoro irregolare: Reclami e stato di idoneità del personale ferroviario. In Night and Shiftwork: Biological and Social Aspects, a cura di A Reinberg, N Vieux e P Andlauer. Oxford: Pergamo.

Hamelin, P. 1981. Les conditions temporelles de travail des conduttori routiers et la sécurité routière. Il travaglio Hum 44:5-21.

Harrington, JM. 1978. Lavoro a turni e salute: una revisione critica della letteratura. Londra: ufficio di cancelleria di Sua Maestà.

Harris, W. 1977. Fatica, ritmo circadiano e incidenti con camion. In Vigilance, Theory, Operational Performance, and Physiological Correlates, a cura di RR Mackie. New York: Plenum.

Hauke, P, H Kittler e R Moog. 1979. Differenze interindividuali nella tolleranza al lavoro a turni relative alla mattutina-sera. Cronobiologia 6:109.

Hedden, I, H Grzech-Sukalo e F Nachreiner. 1990. Classificazione dei turni in base a componenti periodiche. In Shiftwork, Health, Sleep and Performance, a cura di G Costa, G Cesana, K Kogi e A Wedderburn. Francoforte: Peter Lang.

Herrmann, H. 1982. Bedeutung und Bewertung der Nachtarbeit—Gedanken zur Erstellung eines berufsgenossenschaftlichen Grundsatzes. In Kombinierte Belastungen Am Arbeitsplatz, a cura di TM Fliedner. Stoccarda: Genter Verlag.

Hettinger, T. 1993. Ermüdung und Pausen. In Kompendium Der Arbeitswissenschaft, a cura di T Hettinger e G Wobbe. Ludwigshafen Reno: Kiehl.

Hickey, J e P Reist. 1977. Applicazione dei limiti di esposizione professionale a orari di lavoro insoliti. Am Ind Hyg Assoc J 38:613.

Hildebrandt, G, W Rohmert, e J Rutenfranz. 1974. Ritmi di 12 e 24 ore nella frequenza degli errori dei macchinisti e l'influenza della stanchezza. Int J Chronobiol 2:175-180.

Hildebrandt, G, P Deitmer, R Moog, e L Poellmann. 1987. Criteri fisiologici per l'ottimizzazione del lavoro a turni (relazioni con gli studi sul campo). In Contemporary Advances in Shiftwork Research, a cura di A Oginski, J Pokorski e J Rutenfranz. Cracovia: Accademia medica.

Hoff, A e U in calo. 1991. Menschengerechte Umsetzung Von Arbeitszeitverkürzungen. Dortmund, Forschungsanwendung Fa 25: Bundesanstalt für Arbeitsschutz.

Hornberger, S e P Knauth. 1993. Differenze interindividuali sulla valutazione soggettiva dell'utilità del tempo libero. Ergonomia 36:255-264.

—. 1995. Effetti di vari tipi di cambiamento negli orari dei turni: uno studio longitudinale controllato. Stress da lavoro 9(213):124-133.

Horne, JA e O'Östberg. 1976. Un questionario di autovalutazione per determinare la mattina-sera nei ritmi circadiani umani. Int J Chronobiol 4:97-110.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1990. Le ore in cui lavoriamo: nuovi orari di lavoro nella politica e nella pratica. Cond Work Dig 9. Ginevra: ILO.

Jamal, M e SM Jamal. 1982. Esperienze lavorative e non lavorative di turni fissi e rotanti: una valutazione empirica. J Vocat Behav 20:282-293.

Kandolin, I. 1993. Burnout di infermiere e infermiere nel lavoro a turni. Ergonomia 36:141-147.

Karrasch, K e EA Müller. 1951. Das Verhalten der Pulsfrequenz in der Erholungsperiode nach körperlicher Arbeit. Arbeitsphysiol 14:369-382.

Kelly, RJ e MF Schneider. 1982. Il turno di dodici ore rivisitato: recenti tendenze nel settore dell'energia elettrica. J Hum Ergol 11:369-384.

Kerkhof, A. 1985. Differenze interindividuali nel sistema circadiano umano: una revisione. Biol Psicol 20:83-112.

Knauth, P. 1983. Ergonomische Beiträge Zu Sicherheitsaspekten Der Arbeitszeitorganisation. Dusseldorf: Fortschr.-Ber.

—. 1993. La progettazione dei sistemi di turni. Ergonomia 36:15-28.

—. 1996. Progettare sistemi di turni migliori. Appl Ergon 24(1):39-44.

Knauth, P e M Härmä. 1992. La relazione tra tolleranza al lavoro a turni e regolazione circadiana. Chronobiol Int 9:46-54.

Knauth, P ed E Kiesswetter. 1987. Passaggio da turni settimanali a turni più rapidi. Uno studio sul campo dei lavoratori discontinui su tre turni. Ergonomia 30:1311-1321.

Knauth, P e J Rutenfranz. 1972. Untersuchungen über die Beziehungen zwischen Schichtform und Tagesaufteilung. Int Arch Arbeitsmed 30:173-191.

—. 1981. Durata del sonno in relazione al tipo di lavoro a turni. In Night and Shiftwork: Biological and Social Aspects, a cura di A Reinberg, N Vieux e P Andlauer. Oxford: Pergamo Press.

—. 1982. Sviluppo di criteri per la progettazione di sistemi di lavoro a turni. J Hum Ergol 11:337-367.

Knauth, P ed E Schönfelder. 1988. Systematische Darstellung innovativo. Arbeitszeitmod Pers 40:408-412.

—. 1990. Effetti di un nuovo sistema di turni sulla vita sociale dei turnisti. In Shiftwork: Health, Sleep and Performance, a cura di G Costa, G Cesana, K Kogi e A Wedderburn. Francoforte: Peter Lang.

Knauth, P, K Landau, C Dröge, M Schwitteck, M Widynski e J Rutenfranz. 1980. Durata del sonno a seconda del tipo di lavoro a turni. Int Arch Occup Environ Health 46:167-177.

Knauth, E, E Emde, J Rutenfranz, E Kiesswetter, e P Smith. 1981a. Rientro della temperatura corporea negli studi sul campo del lavoro a turni. Int Arch Occup Environ Health 49:137-149.

Knauth, P, G Ernst, P Schwarzenau e J Rutenfranz. 1981b. Möglichkeiten der Compensation negativer Auswirkungen der Schichtarbeit. Z Arb Sap 35:1-7.

Knauth, P, E Kiesswetter, W Ottmann, MJ Karvonen e J Rutenfranz. 1983. Studi sul budget temporale dei poliziotti nei sistemi di turni settimanali oa rotazione rapida. Appl Ergon 14:247-252.

Knauth, P, E Kiesswetter, e P Schwarzenau. 1984. Erfahrungen mit einer flexiblen Arbeitszeitregelung bei Dreischichtarbeitern. Z Arb Sap 38:96-99.

Knauth, P, S Dovalova, e E Schönfelder. 1989. Linee guida per i turnisti. Bollettino sui temi del lavoro a turni europeo (BEST). Dublino: Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.

Knauth, P, E Schönfelder, e S Hornberger. 1991. Retribuzione per lavoro a turni. Bollettino per i temi del lavoro a turni europeo. Dublino: Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.

Knutsson, A e KZ de Ancelar. 1982. Några medicinska och sociala aspekter på skiftarbete vid Ortvikens Pappersbruk [Alcuni aspetti medici e sociali del lavoro a turni alla cartiera di Ortviken]. Stressforskingsrapport n. 148. Stoccolma: Laboratoriet för klinisk stressforskning.

Knutsson, A, AÅkerstedt, BG Jonsson e K Orth-Gomer. 1986. Aumento del rischio di cardiopatia ischemica nei turnisti. Lancetta 2:89-92.

Kogi, K. 1981. Confronto delle condizioni di riposo tra i vari sistemi di rotazione dei turni per i lavoratori dell'industria. In Night and Shift Work: Biological and Social Aspects, a cura di A Reinberg, N Vieux e P Andlauer. Oxford: Pergamo.

Koller, M. 1983. Rischi per la salute legati al lavoro a turni. Un esempio di effetti contingenti nel tempo dello stress a lungo termine. Int Arch Occup Environ Health 53:59-75.

Koller, M, M Kundi e M Haider. 1991. Neue Herausforderungen menschengerechter Arbeits-Zeitgestaltung. Vienna: Österreichischer Arbeiterkammertag.

Kristensen, TS. 1989. Malattie cardiovascolari e ambiente di lavoro. Una revisione critica della letteratura epidemiologica sui fattori non chimici. Scand J Ambiente di lavoro Salute 15:165-179.

Küpper, R, J Rutenfranz, P Knauth, R Romahn, K Undeutsch e I Löwenthal. 1980. Weschselwirkungen zwischen lärmbedingten Störungen des Tagschlafs und der Häufigkeit verschiedener Beschwerden bei Schichtarbeitern. In Arbeitsbedingte Gesundheitsschäden—Fiktion Oder Wirklichkeit?, a cura di W Brenner, J Rutenfranz, E Baumgartner e M Haider. Stoccarda: Genter Verlag.

Landen, RO, AO Vikström e BÖberg. 1981. Ordningspoliser I Stoccolma: Delrapport III: I Intervention—Sociala Och Psykologiska Reactioner På Förändrade Arbetstider. Stoccolma: Laboratoriet för Klinisk Stressforskning Karolinska Institutet.

Laurig, W. 1981. Belastung, Beanspruchung und Erholungszeit bei energetisch-muskulärer Arbeit– Literaturexpertise. In Forschungsbericht n. 272 Der Bundesanstalt Für Arbeitsschutz Und Unfallforschung Dortmund. Bremerhaven: Wirtschaftsverlag NW.

Lavie, P. 1986. Programma sonno-veglia ultrabreve, III. 'Cancelli' e 'zone proibite' per dormire. Electroen Clin Neuro 63:414-425.

Leuliet, S. 1963. Douze années de travail posté 3 x 8. Arch Mal Prof 24:164-171.

Luczak, H. 1982. Belastung, Beanspruchung Und Erholungszeit Bei Informatorisch-Mentaler Arbeit– Literaturexpertise. Forschungsbericht Der Bundesanstalt Für Arbeitsschutz Und Unfallforschung Dortmund. Bremerhaven: Wirtschaftsverlag NW.

Maasen, A. 1981. La vita familiare dei turnisti e la carriera scolastica dei loro figli. In Gli effetti del lavoro a turni sulla salute, sulla vita sociale e familiare Dublino: Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.

Matsumoto, K e Y Morita. 1987. Effetti del pisolino notturno e dell'età sui modelli di sonno dei turnisti. Sonno 10:580-589.

McEwan, YW. 1978. Accordi di lavoro flessibili nella produzione a turni continui. Pers Rev :12-19.

Michel-Briand, C, JL Chopard, A Guiot, M Paulmier e G Studer. 1981. Le conseguenze patologiche del lavoro a turni nei lavoratori in pensione. Adv Biosci 30:399-407.

Minori, S e JM Waterhouse. 1981. Ancora il sonno come sincronizzatore di ritmi su routine anormali. Int J Chronobiol 7:165-188.

Monaco, TH. 1988. Come rendere il lavoro a turni sicuro e produttivo. Des Plaines, Illinois: American Society of Safety Engineers.

—. 1990. Lavoro a turni. In Shiftwork, a cura di AJ Scott. Filadelfia: Hanley & Belfus.

Moog, R. 1981. Tipi mattina-sera e lavoro a turni. Uno studio del questionario. Adv Biosci 30:481-488.

—. 1988. Die Individuelle Circadiane Phasenlage-Ein Prädiktor Der Nacht-Und Schicht-Arbeitstoleranz. Marberg: Tesi.

Mori, SH. 1990. Imparare da un sistema di flessibilità determinata stagionalmente: iniziare a lavorare prima aumenta la stanchezza tanto quanto lavorare più giorni. In Shiftwork: Health, Sleep and Performance, a cura di G Costa, G Cesana, K Kogi e A Wedderburn. Francoforte: Peter Lang.

Mott, PE, FC Mann, Q McLoughlin e DP Warwick. 1965. Lavoro a turni: le conseguenze sociali, psicologiche e fisiche. Ann Arbor, Michigan: The University of Michigan Press.

Nachreiner, F, R Frielingsdorf, R Romahn, P Knauth, W Kuhlmann, F Klimmer, J Rutenfranz e E Werner. 1975. Schichtarbeit bei kontinuierlicher Produktion. Arbeitssoziologische, sozialpsychologische, arbeitspsychologische und arbeitsmedizinische Aspekte. Forschungsbericht der Bundesanstalt für Arbeitsschutz Und Unfallforschung Dortmund, Nr 141. Opladen: Westdeutscher Verlag.

Naitoh, P, TL Kelly e C Englund. 1990. Effetti sulla salute della privazione del sonno. In Shiftwork Philadelphia: Hanley & Belfus.

Nedeltcheva, K, N Nilolova, A Stoynev e S Handjiev. 1990. Escrezione di catecolamine e glucocorticoidi nei ferrovieri che lavorano a turni. In Shiftwork: Health, Sleep and Performance, a cura di G Costa, G Cesana, K Kogi e A Wedderburn. Francoforte: Peter Lang.

Amministrazione per la sicurezza e la salute sul lavoro (OSHA). 1978. Modifica sui PEL per periodi di esposizione prolungati. Nel manuale di igiene industriale. Washington, DC: OSHA.

Olsson, K e io Kandolin. 1990. Sforzi e soddisfazione dei lavoratori a tre turni: un metodo di intervista per l'assistenza sanitaria sul lavoro. In Shiftwork: Health, Sleep and Performance, a cura di G Costa, G Cesana, K Kogi e A Wedderburn. Francoforte: Peter Lang.

Olsson, K, I Kandolin, e K Kauppinen-Toropainen. 1987. La gestione dello stress da parte dei turnisti. In Contemporary Advances in Shiftwork Research, a cura di J Oginski, J Pokorski e J Rutenfranz. Cracovia: Accademia medica.

Ong, CN e K Kogi. 1990. Lavoro a turni nei paesi in via di sviluppo: problemi e tendenze attuali. In Shiftwork, a cura di AJ Scott. Filadelfia: Hanley & Belfus.

Orth-Gomer, K. 1985. Malattie cardiovascolari: fattori di importanza nei lavoratori a turni. Nel settimo simposio svedese-jugoslavo sulla salute sul lavoro, a cura di B Komodin-Hedman. Stoccolma: Arbetarskyddsverket 56-53. (Arbete och hälsa 1985-27.)

Patkei, P e K Dahlgren. 1981. Soddisfazione per diversi tipi di sistemi di cambio a rotazione rapida. In Night and Shift Work: Biological and Social Aspects, a cura di A Reinberg, N Vieux e P Andlauer. Oxford: Pergamo Press.

Pokorny, MLI, DHJ Blom e P Van Leeuwen. 1981. Analisi dei dati sugli incidenti stradali (dagli autisti di autobus) un approccio alternativo (I). Nella notte e nel lavoro a turni: aspetti biologici e sociali. Oxford: Pergamo.

Pokorski, J, I Iskra-Golec, AM Czekaj, and C Noworal. 1990. Ritmo mestruale e interferenza sul lavoro a turni: uno studio retrospettivo soggettivo. In Shiftwork: Health, Sleep and Performance, a cura di G Costa, G Cesana, K Kogi e A Wedderburn. Francoforte: Peter Lang.

Reinberg, A, AJ Chaumont, e A Laporte. 1975. Struttura temporale circadiana di 20 turnisti (rotazione settimanale del turno di 8 ore): uno studio sul campo autometrico. In Experimental Studies of Shiftwork, a cura di P Colquhoun, S Folkard, P Knauth e J Rutenfranz. Opladen: Westdeutscher Verlag.

Reinberg, A, Y Motohaschi, P Bourdelean, P Andlauer, F Levi, and A Bicakova-Rocher. 1988. Alterazione del periodo e dell'ampiezza dei ritmi circadiani nei turnisti. Eur J Appl Physiol 57:15-25.

Rohmert, W, J Rutenfranz e E Ulich. 1971. Das Anlernen sensumotorischer Fertigkeiten. Wirtschaftliche und soziale Aspekte des technischen Wandels in der Bundesrepublik Deutschland. Bd. 7. Francoforte sul Meno: Europäische Verlagsanstalt.

Rosa, RR, MH Bonnet, RR Bootzin, CI Eastman, T Monk, PE Penn, DI Tepas e JK Walsh. 1990. Fattori di intervento per promuovere l'adattamento al lavoro notturno ea turni. In Shiftwork, a cura di AJ Scott. Filadelfia: Hanley & Belfus.

Rutenfranz, J, W Rohmert, e A Iskander. 1971. Über das Verhalten der Pulsfrequenz während des Erlernens sensumotorischer Fertigkeiten unter besonderer Berücksichtigung der Pausenwirkung. Int Zeitschr Angewandte Physiol einsch Arbeitphysiol 29:101-118.

Rutenfranz, J, WP Colquhoun, P Knauth e JN Ghata. 1977. Aspetti biomedici e psicosociali del lavoro a turni: una rassegna. Scand J Ambiente di lavoro Salute 3:165-82.

Rutenfranz, J, P Knauth, e D Angersbach. 1981. Problemi di ricerca sul lavoro a turni. In Ritmi biologici, sonno e lavoro a turni, a cura di LC Johnson, DI Tepas, WP Colquhoun e MJ Colligan. New York: Spettro.

Rutenfranz, J, M Haider, e M Koller. 1985. Misure di medicina del lavoro per i lavoratori notturni e turnisti. In Hours of Work: Temporal Factors in Work-Scheduling, a cura di S Folkard e TH Monk. Chichester: Wiley.

Rutenfranz, J, B Beermann, e io Löwenthal. 1987. Nachtarbeit für Frauen. Überlegungen aus chronophysiologischer und arbeitsmedizinischer Sicht. Schriftenreihe Arbeitsmedizin Sozial-Medizin Präventivmedizin. Stoccarda: Gentner Verlag.

Saito, Y e K Kogi. 1978. Condizioni psicologiche di lavoro notturno e successivi turni diurni intervallati da brevi ore di sonno. Ergonomia 21:871.

Scholz, H. 1963. Die Physische Arbeitsbelastung Der Giessereiarbeiter. Forschungsbericht Des Landes Nordrhein-Westfalen Nr. 1185. Opladen: Westdeutscher Verlag.

Scott, AJ e J Ladou. 1990. Lavoro a turni: effetti sul sonno e sulla salute con raccomandazioni per la sorveglianza medica e lo screening. In Shiftwork, a cura di AJ Scott. Filadelfia: Hanley & Belfus.

Seibt, A, G Friedrichsen, A Jakubowski, O Kaugmann e U Schurig. 1986. Indagini sull'effetto del rumore dipendente dal lavoro in combinazione con il lavoro a turni. In Night and Shiftwork: Effetti a lungo termine e loro prevenzione, a cura di M Haider, M Koller e R Cervinka. Francoforte: Peter Lang.

Sergean, R. 1971. Gestione del lavoro a turni. Londra: Gower Press.

Smith, L e S Folkard. 1993. È praticabile un turno di notte permanente "più sicuro"? Ergonomia 36:317-318.

Spelten, E, L Smith, P Totterdell, J Barton, S Folkard, e P Bohle. 1993. La relazione tra strategie di coping e punteggi GHQ negli infermieri. Ergonomia 36:227-232.

Stein, A. 1963. Zur Frage der Belastung berufstätiger Frauen durch Nacht - Und Schichtarbeit. Monaco: Tesi.

Tasto, DL, MJ Colligan, EW Skjei, and SJ Polly. 1978. Conseguenze sulla salute del lavoro a turni, rapporto finale, progetto SRI URU-4426. Cincinnati: Taft Laboratories, National Institute for Occupational Safety and Health, Behavioral and Motivational Factors Branch.

Taylor, PJ e SJ Pocock. 1972. Mortalità dei turnisti e dei lavoratori giornalieri 1956-68. Br J Ind Med 29:201-207.

Tepas, DI. 1985. Orario flessibile, settimane lavorative compresse e altri orari di lavoro alternativi. Nell'orario di lavoro. Fattori temporali nella programmazione del lavoro, a cura di S Folkard e T Monk. Chichester: Wiley.

Tepas, DI e RP Mahan. 1989. I tanti significati del sonno. Stress da lavoro 3:93-102.

Thiis-Evensen, E. 1958. Lavoro a turni e salute. Ind Med Chirurgia 27:493-497. (1949. Originariamente pubblicato in norvegese.)

Torsvall, L e TÅkerstedt. 1979. Lavoro a turni e tipo diurno: uno studio del questionario. Cronobiologia 6:163-164.

—. 1980. Una scala di tipo diurno: costruzione, coerenza e convalida nel lavoro a turni. Scand J Ambiente di lavoro Salute 6:283-290.

Totterdell, P e S Folkard. 1990. Gli effetti del passaggio dalla rotazione settimanale a un programma di turni a rotazione rapida. In Shiftwork: Health, Sleep, and Performance, a cura di G Costa, G Cesana, K Kogi e A Wedderburn. Francoforte: Peter Lang.

Tsaneva, N, L Mincheva, M Topalova e R Beraha. 1987. Monitoraggio Holter ECG dei turnisti nell'elettronica moderna. In Contemporary Advances in Shiftwork Research, a cura di A Oginski, J Pokorski e J Rutenfranz. Cracovia: Accademia medica.

Tsaneva, N, R Nicolova, M Topalova e S Danev. 1990. Cambiamenti nell'organismo dei lavoratori a turni che operano un orario diurno e notturno di 12 ore nella produzione di disolfuro di carbonio. In Shiftwork: Health, Sleep, and Performance, a cura di G Costa, G Cesana, K Kogi e A Wedderburn. Francoforte: Peter Lang.

Turek, FW. 1986. Principi circadiani e progettazione di orari di lavoro a turni rotanti. Am J Physiol 251:R636-R638.

Uehata, T e N Sasakawa. 1982. La fatica ei disturbi della maternità delle lavoratrici notturne. J Hum Ergol 11:465-474.

Ulich, E. 1957. Zur Frage der Belastung des arbeitenden Menschen durch Nacht- und Schichtarbeit. Psychol Rundschau 8:42-61.

Ulich, E, M Rauterberg, T Moll, T Greutmann, e O Strohm. 1991. Orientamento al compito e progettazione del dialogo orientato all'utente. Int J Hum Comput Interact 3:117-144.

Verhaegen, P, R Cober, M De Smedt, J Dirkx, J Kerstens, D Ryvers, and P Van Daele. 1987. L'adattamento delle infermiere notturne ai diversi orari di lavoro. Ergonomia 30:1301-1309.

Vidacek, S, LJ Kaliterna e B Radosevic-Vidacek. 1987. Validità predittiva delle misure di differenza individuale per problemi di salute nei turnisti: risultati preliminari. In Contemporary Advances in Shiftwork Research, a cura di A Oginski, J. Pokorski e J. Rutenfranz. Cracovia: Accademia medica.

Walker, J. 1985. Problemi sociali del lavoro a turni. Nell'orario di lavoro. Fattori temporali nella programmazione del lavoro, a cura di S Folkard e T Monk. Chichester: Wiley.

Wallace, M. 1989. La settimana di 3 giorni: turni di 12 ore. In Managing Shiftwork, a cura di M Wallace. Bundoora, Australia: La Trobe University, Dipartimento di Psicologia, Brain-Behaviour Research Institute.

Waterhouse, JM, S Folkard e DS Minors. 1992. Lavoro a turni, salute e sicurezza. Una panoramica della letteratura scientifica 1978-1990. Rapporto di ricerca sui contratti esecutivi in ​​materia di salute e sicurezza n. 3l. Londra: HMSO.

Wedderburn, AI. 1981. Esiste uno schema nel valore del tempo libero dal lavoro? In Night and Shiftwork: Biological and Social Aspects, a cura di N Reinberg, N Vieux e P Andlauer. Oxford: Pergamo.

—. 1991. Linee guida per i turnisti. Bollettino delle tematiche del lavoro a turni europeo (BEST), n.3. Dublino: Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro.

Wever, RA, J Polasek e CM Wildgruber. 1983. Effetti di luce intensa sui ritmi circadiani umani. Pflügers Arch 396:85-87.

Wild, HW e H Theis. 1967. Der Einfluss des Schichtbeginns auf die Unfallhäufigkeit. Glückauf, Bergmännische Zeitschrift 103:833-838.

Wilkinson, RT. 1992. Quanto velocemente dovrebbe ruotare il turno di notte? Ergonomia 35:1425-1446.

Williams, RL, I Karacan e CI Hursch. 1974. EEG del sonno umano: applicazione clinica. New York: Wiley.

Williamson, AM e JW Sanderson. 1986. Modifica della velocità di rotazione del turno, uno studio sul campo. Ergonomia 29:1085-1096.

Wynne, RF, GM Ryan e JH Cullen. 1986. Adeguamento al lavoro a turni e sua previsione: risultati di uno studio longitudinale. In Night and Shiftwork: Effetti a lungo termine e loro prevenzione, a cura di M Haider, M Koller e R Cervinka. Francoforte: Peter Lang.