Giovedi, 24 marzo 2011 17: 42

La natura e gli effetti del rumore

Vota questo gioco
(2 voti )

La natura pervasiva del rumore professionale

Il rumore è uno dei rischi professionali più comuni. Negli Stati Uniti, ad esempio, più di 9 milioni di lavoratori sono esposti a livelli di rumore medi giornalieri ponderati A di 85 decibel (qui abbreviati come 85 dBA). Questi livelli di rumore sono potenzialmente pericolosi per il loro udito e possono produrre anche altri effetti negativi. Ci sono circa 5.2 milioni di lavoratori esposti al rumore al di sopra di questi livelli nel settore manifatturiero e dei servizi pubblici, che rappresentano circa il 35% del numero totale di lavoratori nelle industrie manifatturiere statunitensi.

I livelli di rumore pericolosi sono facilmente identificabili ed è tecnologicamente fattibile controllare il rumore eccessivo nella stragrande maggioranza dei casi applicando tecnologie standard, riprogettando l'apparecchiatura o il processo o adattando macchine rumorose. Ma troppo spesso non si fa nulla. Ci sono diverse ragioni per questo. In primo luogo, sebbene molte soluzioni di controllo del rumore siano notevolmente economiche, altre possono essere costose, soprattutto quando l'obiettivo è ridurre il rischio di rumore a livelli di 85 o 80 dBA.

Una ragione molto importante per l'assenza di programmi di controllo del rumore e di conservazione dell'udito è che, purtroppo, il rumore è spesso accettato come un "male necessario", una parte del fare affari, una parte inevitabile di un lavoro industriale. Il rumore pericoloso non provoca spargimenti di sangue, non rompe ossa, non produce tessuti dall'aspetto strano e, se i lavoratori riescono a superare i primi giorni o settimane di esposizione, spesso si sentono come se si fossero "abituati" al rumore. Ma ciò che molto probabilmente è accaduto è che hanno iniziato a subire una temporanea perdita dell'udito che offusca la loro sensibilità uditiva durante la giornata lavorativa e spesso si attenua durante la notte. Pertanto, il progresso della perdita dell'udito indotta dal rumore è insidioso in quanto si insinua gradualmente nel corso dei mesi e degli anni, in gran parte inosservato fino a raggiungere proporzioni invalidanti.

Un altro motivo importante per cui i pericoli del rumore non sono sempre riconosciuti è che c'è uno stigma collegato alla compromissione dell'udito che ne deriva. Come Raymond Hétu ha dimostrato così chiaramente nel suo articolo sulla riabilitazione dalla perdita dell'udito indotta dal rumore altrove in questo Enciclopedia, le persone con disabilità uditive sono spesso considerate anziane, mentalmente lente e generalmente incompetenti, e coloro che rischiano di incorrere in menomazioni sono riluttanti a riconoscere le loro menomazioni o il rischio per paura di essere stigmatizzati. Questa è una situazione spiacevole perché le perdite uditive indotte dal rumore diventano permanenti e, se aggiunte alla perdita uditiva che si verifica naturalmente con l'invecchiamento, possono portare alla depressione e all'isolamento nella mezza età e nella vecchiaia. Il momento di adottare misure preventive è prima che inizino le perdite uditive.

La portata dell'esposizione al rumore

Come accennato in precedenza, il rumore è particolarmente diffuso nelle industrie manifatturiere. Il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti ha stimato che il 19.3% dei lavoratori nel settore manifatturiero e dei servizi pubblici è esposto a livelli di rumore medi giornalieri di 90 dBA e superiori, il 34.4% è esposto a livelli superiori a 85 dBA e il 53.1% a livelli superiori a 80 dBA. Queste stime dovrebbero essere abbastanza tipiche della percentuale di lavoratori esposti a livelli pericolosi di rumore in altre nazioni. È probabile che i livelli siano un po' più alti nelle nazioni meno sviluppate, dove i controlli tecnici non sono usati così ampiamente, e un po' più bassi nelle nazioni con programmi di controllo del rumore più forti, come i paesi scandinavi e la Germania.

Molti lavoratori in tutto il mondo subiscono esposizioni molto pericolose, ben al di sopra di 85 o 90 dBA. Ad esempio, il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti ha stimato che quasi mezzo milione di lavoratori sono esposti a livelli di rumore medi giornalieri di 100 dBA e superiori, e più di 800,000 a livelli compresi tra 95 e 100 dBA nelle sole industrie manifatturiere.

La figura 1 classifica le industrie manifatturiere più rumorose negli Stati Uniti in ordine decrescente in base alla percentuale di lavoratori esposti sopra i 90 dBA e fornisce stime dei lavoratori esposti al rumore per settore industriale.

Figura 1. Esposizione professionale al rumore: l'esperienza negli Stati Uniti

NOI010T1

Esigenze di ricerca

Nei successivi articoli di questo capitolo dovrebbe risultare chiaro al lettore che gli effetti sull'udito della maggior parte dei tipi di rumore sono ben noti. I criteri per gli effetti del rumore continuo, variabile e intermittente sono stati sviluppati circa 30 anni fa e rimangono sostanzialmente gli stessi oggi. Questo non è vero, tuttavia, per il rumore impulsivo. A livelli relativamente bassi, il rumore impulsivo sembra non essere più dannoso e forse meno del rumore continuo, a parità di energia sonora. Ma ad alti livelli sonori, il rumore impulsivo sembra essere più dannoso, soprattutto quando viene superato un livello critico (o, più correttamente, un'esposizione critica). Sono necessarie ulteriori ricerche per definire più esattamente la forma della curva danno/rischio.

Un'altra area che deve essere chiarita è l'effetto negativo del rumore, sia sull'udito che sulla salute generale, in combinazione con altri agenti. Sebbene gli effetti combinati del rumore e delle droghe ototossiche siano abbastanza noti, la combinazione di rumore e sostanze chimiche industriali è motivo di crescente preoccupazione. I solventi e alcuni altri agenti sembrano essere sempre più neurotossici se sperimentati insieme ad alti livelli di rumore.

In tutto il mondo, i lavoratori esposti al rumore nelle industrie manifatturiere e nell'esercito ricevono la maggior parte dell'attenzione. Vi sono, tuttavia, molti lavoratori nel settore minerario, edile, agricolo e dei trasporti che sono anche esposti a livelli pericolosi di rumore, come evidenziato nella figura 1. È necessario valutare le esigenze uniche associate a queste occupazioni e il controllo del rumore e altri aspetti dei programmi di conservazione dell'udito devono essere estesi a questi lavoratori. Sfortunatamente, la fornitura di programmi di conservazione dell'udito ai lavoratori esposti al rumore non garantisce che la perdita dell'udito e gli altri effetti negativi del rumore saranno prevenuti. Esistono metodi standard per valutare l'efficacia dei programmi di conservazione dell'udito, ma possono essere ingombranti e non sono ampiamente utilizzati. È necessario sviluppare metodi di valutazione semplici che possano essere utilizzati da piccole e grandi aziende e da quelle con risorse minime.

La tecnologia esiste per ridurre la maggior parte dei problemi di rumore, come menzionato sopra, ma c'è un grande divario tra la tecnologia esistente e la sua applicazione. Devono essere sviluppati metodi attraverso i quali le informazioni su tutti i tipi di soluzioni per il controllo del rumore possano essere divulgate a coloro che ne hanno bisogno. Le informazioni sul controllo del rumore devono essere computerizzate e rese disponibili non solo agli utenti dei paesi in via di sviluppo, ma anche ai paesi industrializzati.

Tendenze future

In alcuni paesi vi è una crescente tendenza a porre maggiormente l'accento sull'esposizione al rumore non professionale e sul suo contributo all'onere della perdita dell'udito indotta dal rumore. Questi tipi di fonti e attività includono caccia, tiro al bersaglio, giocattoli rumorosi e musica ad alto volume. Questa focalizzazione è vantaggiosa in quanto mette in evidenza alcune fonti potenzialmente significative di problemi di udito, ma in realtà può essere dannosa se distoglie l'attenzione da gravi problemi di rumore professionale.

Una tendenza molto drammatica è evidente tra le nazioni appartenenti all'Unione Europea, dove la standardizzazione per il rumore avanza a un ritmo quasi senza fiato. Questo processo include standard per le emissioni di rumore del prodotto e per gli standard di esposizione al rumore.

Il processo di definizione degli standard non si sta muovendo rapidamente in Nord America, specialmente negli Stati Uniti, dove gli sforzi normativi sono a un punto morto e il movimento verso la deregolamentazione è una possibilità. Gli sforzi per regolamentare il rumore dei nuovi prodotti sono stati abbandonati nel 1982, quando il Noise Office dell'Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti è stato chiuso e gli standard sul rumore professionale potrebbero non sopravvivere al clima di deregolamentazione dell'attuale Congresso degli Stati Uniti.

Sembra che le nazioni in via di sviluppo siano in procinto di adottare e rivedere gli standard sul rumore. Questi standard tendono al conservatorismo, in quanto si stanno muovendo verso un limite di esposizione ammissibile di 85 dBA, e verso un tasso di cambio (rapporto di scambio tempo/intensità) di 3 dB. Quanto bene questi standard vengano applicati, specialmente nelle economie in espansione, è una questione aperta.

La tendenza in alcune delle nazioni in via di sviluppo è quella di concentrarsi sul controllo del rumore con metodi ingegneristici piuttosto che lottare con le complessità dei test audiometrici, dei dispositivi di protezione dell'udito, della formazione e della tenuta dei registri. Questo sembrerebbe essere un approccio molto sensato ove fattibile. A volte può essere necessaria l'integrazione con protezioni acustiche per ridurre l'esposizione a livelli di sicurezza.

Gli effetti del rumore

Alcuni dei materiali che seguono sono stati adattati da Suter, AH, “Rumore e conservazione dell'udito”, Capitolo 2 in Hearing Conservation Manual (3a ed.), Council for Accreditation in Occupational Hearing Conservation, Milwaukee, WI, USA (1993 ).

La perdita dell'udito è certamente l'effetto negativo più noto del rumore, e probabilmente il più grave, ma non è l'unico. Altri effetti dannosi includono l'acufene (fischi nelle orecchie), l'interferenza con la comunicazione vocale e con la percezione dei segnali di avvertimento, l'interruzione delle prestazioni lavorative, il fastidio e gli effetti extra-uditivi. Nella maggior parte dei casi, proteggere l'udito dei lavoratori dovrebbe proteggere dalla maggior parte degli altri effetti. Questa considerazione fornisce un ulteriore supporto alle aziende per implementare buoni programmi di controllo del rumore e di conservazione dell'udito.

Problema uditivo

L'ipoacusia indotta dal rumore è molto comune, ma è spesso sottovalutata perché non ci sono effetti visibili e, nella maggior parte dei casi, nessun dolore. C'è solo una graduale e progressiva perdita di comunicazione con la famiglia e gli amici, e una perdita di sensibilità ai suoni dell'ambiente, come il canto degli uccelli e la musica. Sfortunatamente, il buon udito è generalmente dato per scontato fino a quando non viene perso.

Queste perdite possono essere così graduali che gli individui non si rendono conto di ciò che è accaduto finché la menomazione non diventa invalidante. Il primo segno di solito è che le altre persone non sembrano parlare chiaramente come prima. La persona con problemi di udito dovrà chiedere agli altri di ripetersi e spesso si infastidisce per la loro apparente mancanza di considerazione. Alla famiglia e agli amici viene spesso detto: “Non urlare contro di me. Posso sentirti, ma non riesco proprio a capire quello che stai dicendo.

Man mano che la perdita dell'udito peggiora, l'individuo inizierà a ritirarsi dalle situazioni sociali. La chiesa, le assemblee civiche, le occasioni sociali e il teatro iniziano a perdere la loro attrattiva e l'individuo sceglierà di restare a casa. Il volume della televisione diventa motivo di contesa all'interno della famiglia, e altri membri della famiglia a volte vengono cacciati dalla stanza perché la persona con problemi di udito lo vuole così alto.

La presbiacusia, la perdita dell'udito che accompagna naturalmente il processo di invecchiamento, si aggiunge all'handicap uditivo quando la persona con perdita dell'udito causata dal rumore invecchia. Alla fine, la perdita può progredire fino a uno stadio così grave che l'individuo non può più comunicare con la famiglia o gli amici senza grandi difficoltà, e allora lui o lei è davvero isolato. Un apparecchio acustico può aiutare in alcuni casi, ma la chiarezza dell'udito naturale non sarà mai ripristinata, come la chiarezza della visione è con gli occhiali.

Compromissione dell'udito professionale

L'ipoacusia indotta dal rumore è solitamente considerata una malattia o una malattia professionale, piuttosto che un infortunio, perché la sua progressione è graduale. In rare occasioni, un dipendente può subire una perdita dell'udito immediata e permanente a causa di un evento molto rumoroso come un'esplosione o un processo molto rumoroso, come la rivettatura sull'acciaio. In queste circostanze la perdita dell'udito viene talvolta indicata come una lesione e viene chiamata "trauma acustico". La circostanza usuale, tuttavia, è una lenta diminuzione della capacità uditiva nel corso di molti anni. L'entità del danno dipenderà dal livello del rumore, dalla durata dell'esposizione e dalla suscettibilità del singolo lavoratore. Sfortunatamente, non esiste alcun trattamento medico per l'ipoacusia professionale; esiste solo la prevenzione.

Gli effetti uditivi del rumore sono ben documentati e c'è poca controversia sulla quantità di rumore continuo che causa vari gradi di perdita dell'udito (ISO 1990). Anche il fatto che il rumore intermittente causi la perdita dell'udito è incontestato. Ma i periodi di rumore interrotti da periodi di quiete possono offrire all'orecchio interno un'opportunità per riprendersi da una temporanea perdita dell'udito e possono quindi essere in qualche modo meno pericolosi del rumore continuo. Questo è vero principalmente per le occupazioni all'aperto, ma non per ambienti interni come le fabbriche, dove i necessari intervalli di quiete sono rari (Suter 1993).

Anche il rumore impulsivo, come il rumore degli spari e dello stampaggio del metallo, danneggia l'udito. Ci sono alcune prove che il pericolo del rumore impulsivo è più grave di quello di altri tipi di rumore (Dunn et al. 1991; Thiery e Meyer-Bisch 1988), ma non è sempre così. L'entità del danno dipenderà principalmente dal livello e dalla durata dell'impulso e potrebbe essere peggiore in presenza di rumore continuo in sottofondo. Ci sono anche prove che le fonti di rumore impulsivo ad alta frequenza sono più dannose di quelle composte da frequenze più basse (Hamernik, Ahroon e Hsueh 1991; Price 1983).

La perdita dell'udito dovuta al rumore è spesso temporanea all'inizio. Nel corso di una giornata rumorosa, l'orecchio si affatica e il lavoratore sperimenterà una riduzione dell'udito nota come spostamento temporaneo della soglia (STT). Tra la fine di un turno di lavoro e l'inizio del successivo l'orecchio di solito si riprende da gran parte del TTS, ma spesso una parte della perdita rimane. Dopo giorni, mesi e anni di esposizione, il TTS porta a effetti permanenti e nuove quantità di TTS iniziano ad accumularsi sulle perdite ormai permanenti. Un buon programma di test audiometrici cercherà di identificare queste perdite uditive temporanee e fornire misure preventive prima che le perdite diventino permanenti.

Prove sperimentali indicano che diversi agenti industriali sono tossici per il sistema nervoso e producono perdita dell'udito negli animali da laboratorio, specialmente quando si verificano in combinazione con il rumore (Fechter 1989). Questi agenti includono (1) pericoli di metalli pesanti, come composti di piombo e trimetilstagno, (2) solventi organici, come toluene, xilene e solfuro di carbonio, e (3) un asfissiante, il monossido di carbonio. Recenti ricerche sui lavoratori dell'industria (Morata 1989; Morata et al. 1991) suggeriscono che alcune di queste sostanze (solfuro di carbonio e toluene) possono aumentare il potenziale dannoso del rumore. Vi sono anche prove che alcuni farmaci già tossici per l'orecchio possono aumentare gli effetti dannosi del rumore (Boettcher et al. 1987). Gli esempi includono alcuni antibiotici e farmaci chemioterapici contro il cancro. I responsabili dei programmi di conservazione dell'udito devono essere consapevoli del fatto che i lavoratori esposti a queste sostanze chimiche o che usano questi farmaci possono essere più suscettibili alla perdita dell'udito, specialmente se esposti anche al rumore.

Compromissione dell'udito extraprofessionale

È importante comprendere che il rumore professionale non è l'unica causa di perdita dell'udito indotta dal rumore tra i lavoratori, ma la perdita dell'udito può anche essere causata da fonti al di fuori del posto di lavoro. Queste fonti di rumore producono ciò che a volte viene chiamato "sociocusia" e i loro effetti sull'udito sono impossibili da distinguere dall'ipoacusia professionale. Possono essere ipotizzati solo ponendo domande dettagliate sulle attività ricreative e su altre attività rumorose del lavoratore. Esempi di fonti sociocusiche potrebbero essere strumenti per la lavorazione del legno, motoseghe, motociclette non silenziate, musica ad alto volume e armi da fuoco. Il tiro frequente con pistole di grosso calibro (senza protezione dell'udito) può contribuire in modo significativo alla perdita dell'udito indotta dal rumore, mentre è più probabile che la caccia occasionale con armi di piccolo calibro sia innocua.

L'importanza dell'esposizione al rumore non professionale e la conseguente sociocusia è che questa perdita dell'udito si aggiunge all'esposizione che un individuo potrebbe ricevere da fonti professionali. Per il bene della salute generale dell'udito dei lavoratori, dovrebbe essere consigliato loro di indossare un'adeguata protezione dell'udito quando si impegnano in attività ricreative rumorose.

Acufene

L'acufene è una condizione che spesso accompagna l'ipoacusia sia temporanea che permanente dovuta al rumore, così come altri tipi di ipoacusia neurosensoriale. Spesso indicato come "fischio nelle orecchie", l'acufene può variare da lieve in alcuni casi a grave in altri. A volte le persone riferiscono di essere più infastidite dal loro acufene che dal loro deficit uditivo.

È probabile che le persone con acufene lo notino maggiormente in condizioni di quiete, ad esempio quando cercano di andare a dormire la notte o quando sono sedute in una cabina insonorizzata per sottoporsi a un test audiometrico. È un segno che le cellule sensoriali nell'orecchio interno sono state irritate. È spesso un precursore della perdita dell'udito indotta dal rumore e quindi un importante segnale di avvertimento.

Interferenza di comunicazione e sicurezza

Il fatto che il rumore possa interferire o "mascherare" la comunicazione vocale e i segnali di avvertimento è solo buon senso. Molti processi industriali possono essere eseguiti molto bene con un minimo di comunicazione tra i lavoratori. Altri lavori, tuttavia, come quelli svolti da piloti di aerei, ingegneri ferroviari, comandanti di carri armati e molti altri, fanno molto affidamento sulla comunicazione vocale. Alcuni di questi lavoratori utilizzano sistemi elettronici che sopprimono il rumore e amplificano il parlato. Al giorno d'oggi sono disponibili sofisticati sistemi di comunicazione, alcuni con dispositivi che annullano i segnali acustici indesiderati in modo che la comunicazione possa avvenire più facilmente.

In molti casi, i lavoratori devono solo arrangiarsi, sforzandosi di comprendere le comunicazioni al di sopra del rumore e gridando sopra di esso o segnalando. A volte le persone possono sviluppare raucedine o persino noduli vocali o altre anomalie sulle corde vocali a causa di uno sforzo eccessivo. Potrebbe essere necessario rivolgersi a queste persone per cure mediche.

Le persone hanno imparato per esperienza che a livelli di rumore superiori a circa 80 dBA devono parlare a voce molto alta, mentre a livelli superiori a 85 dBA devono gridare. A livelli molto superiori a 95 dBA devono avvicinarsi l'uno all'altro per comunicare. Specialisti acustici hanno sviluppato metodi per prevedere la quantità di comunicazione che può avvenire in situazioni industriali. Le previsioni risultanti dipendono dalle caratteristiche acustiche sia del rumore che del parlato (o altro segnale desiderato), nonché dalla distanza tra chi parla e chi ascolta.

È generalmente noto che il rumore può interferire con la sicurezza, ma solo pochi studi hanno documentato questo problema (ad esempio, Moll van Charante e Mulder 1990; Wilkins e Acton 1982). Ci sono state numerose segnalazioni, tuttavia, di lavoratori che hanno vestiti o mani intrappolati nelle macchine e sono rimasti gravemente feriti mentre i loro colleghi erano ignari delle loro grida di aiuto. Per evitare interruzioni della comunicazione in ambienti rumorosi, alcuni datori di lavoro hanno installato dispositivi di allarme visivo.

Un altro problema, riconosciuto più dagli stessi lavoratori esposti al rumore che dai professionisti della conservazione dell'udito e della salute sul lavoro, è che i dispositivi di protezione dell'udito possono talvolta interferire con la percezione del parlato e dei segnali di avvertimento. Questo sembra essere vero soprattutto quando i portatori hanno già perdite uditive ei livelli di rumore scendono al di sotto dei 90 dBA (Suter 1992). In questi casi, i lavoratori nutrono una preoccupazione molto legittima nell'indossare protezioni acustiche. È importante essere attenti alle loro preoccupazioni e implementare controlli tecnici del rumore o migliorare il tipo di protezione offerta, come protezioni integrate in un sistema di comunicazione elettronico. Inoltre, le protezioni acustiche sono ora disponibili con una risposta in frequenza più piatta e più "ad alta fedeltà", che può migliorare la capacità dei lavoratori di comprendere il parlato ei segnali di avvertimento.

Effetti sulle prestazioni lavorative

Gli effetti del rumore sulle prestazioni lavorative sono stati studiati sia in laboratorio che in condizioni di lavoro reali. I risultati hanno dimostrato che il rumore di solito ha scarso effetto sull'esecuzione di lavori ripetitivi e monotoni e, in alcuni casi, può effettivamente aumentare le prestazioni lavorative quando il livello del rumore è basso o moderato. Alti livelli di rumore possono degradare le prestazioni lavorative, soprattutto quando l'attività è complicata o comporta l'esecuzione di più di una cosa alla volta. Il rumore intermittente tende ad essere più dirompente del rumore continuo, in particolare quando i periodi di rumore sono imprevedibili e incontrollabili. Alcune ricerche indicano che le persone hanno meno probabilità di aiutarsi a vicenda e hanno maggiori probabilità di mostrare comportamenti antisociali in ambienti rumorosi piuttosto che in quelli silenziosi. (Per una rassegna dettagliata degli effetti del rumore sulle prestazioni lavorative si veda Suter 1992).

Fastidio

Sebbene il termine "fastidio" sia più spesso connesso a problemi di rumore nella comunità, come aeroporti o piste automobilistiche, i lavoratori dell'industria possono anche sentirsi infastiditi o irritati dal rumore del loro posto di lavoro. Questo fastidio può essere correlato all'interferenza della comunicazione vocale e delle prestazioni lavorative sopra descritte, ma può anche essere dovuto al fatto che molte persone hanno un'avversione per il rumore. A volte l'avversione al rumore è così forte che un lavoratore cercherà lavoro altrove, ma questa opportunità non è spesso praticabile. Dopo un periodo di adattamento, la maggior parte non sembrerà molto infastidita, ma potrebbe ancora lamentarsi di affaticamento, irritabilità e insonnia. (La regolazione avrà più successo se i giovani lavoratori sono adeguatamente dotati di protezioni acustiche fin dall'inizio, prima che sviluppino qualsiasi perdita dell'udito.) È interessante notare che questo tipo di informazioni a volte affiora dopo un'azienda avvia un programma di controllo del rumore e di conservazione dell'udito perché i lavoratori si sarebbero resi conto del contrasto tra le condizioni precedenti e quelle migliorate successivamente.

Effetti extrauditivi

In quanto fattore di stress biologico, il rumore può influenzare l'intero sistema fisiologico. Il rumore agisce allo stesso modo di altri fattori di stress, inducendo il corpo a rispondere in modi che possono essere dannosi a lungo termine e portare a disturbi noti come "malattie da stress". Di fronte al pericolo in tempi primitivi, il corpo subirebbe una serie di cambiamenti biologici, preparandosi a combattere oa scappare (la classica risposta "lotta o fuga"). Ci sono prove che questi cambiamenti persistono ancora con l'esposizione a forti rumori, anche se una persona può sentirsi "adattata" al rumore.

La maggior parte di questi effetti sembra essere transitoria, ma con l'esposizione continua è stato dimostrato che alcuni effetti avversi sono cronici negli animali da laboratorio. Anche diversi studi sui lavoratori dell'industria puntano in questa direzione, mentre alcuni studi non mostrano effetti significativi (Rehm 1983; van Dijk 1990). L'evidenza è probabilmente più forte per gli effetti cardiovascolari come l'aumento della pressione sanguigna o i cambiamenti nella chimica del sangue. Una serie significativa di studi di laboratorio sugli animali ha mostrato livelli di pressione arteriosa elevati cronici derivanti dall'esposizione al rumore intorno a 85-90 dBA, che non sono tornati al basale dopo la cessazione dell'esposizione (Peterson et al. 1978, 1981 e 1983).

Gli studi sulla chimica del sangue mostrano un aumento dei livelli delle catecolamine epinefrina e norepinefrina a causa dell'esposizione al rumore (Rehm 1983), e una serie di esperimenti condotti da ricercatori tedeschi hanno trovato una connessione tra l'esposizione al rumore e il metabolismo del magnesio nell'uomo e negli animali (Ising e Kruppa 1993). Il pensiero corrente sostiene che gli effetti extra-uditivi del rumore sono molto probabilmente mediati psicologicamente, attraverso l'avversione al rumore, rendendo molto difficile ottenere relazioni dose-risposta. (Per una panoramica completa di questo problema, vedere Ising e Kruppa 1993.)

Poiché gli effetti extra-uditivi del rumore sono mediati dal sistema uditivo, il che significa che è necessario udire il rumore affinché si verifichino effetti avversi, una protezione dell'udito adeguatamente adattata dovrebbe ridurre la probabilità di questi effetti proprio come accade con la perdita dell'udito .

 

Di ritorno

Leggi 10073 volte Ultima modifica Martedì, Luglio 26 2022 21: 32

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti al rumore

Istituto nazionale americano per gli standard (ANSI). 1985. ANSI SI.4-1983, come modificato da ANSI SI.4-1985. New York: ANSI.

—. 1991. ANSI SI2.13. Valutazione dei programmi di conservazione dell'udito. New York: ANSI.

—. 1992. ANSI S12.16. Linee guida per la specifica del rumore dei nuovi macchinari. New York: ANSI.

Arenas, Giappone. 1995. Istituto di Acustica, Universidad Austral de Chile. Documento presentato al 129° incontro dell'Acoustical Society of America, Valdivia, Cile.

Boettcher FA, D Henderson, MA Gratton, RW Danielson e CD Byrne. 1987. Interazioni sinergiche di rumore e altri agenti ototraumatici. Orecchio Ascolta. 8(4):192-212.

Consiglio delle Comunità Europee (KEK). 1986. Direttiva del 12 maggio 1986 sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti dall'esposizione al rumore durante il lavoro (86/188/CEE).

—. 1989a. Direttiva 89/106/CEE del 21 dicembre 1988 sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri relative ai prodotti da costruzione, GU L40 dell'11 febbraio.

—. 1989 b. Direttiva 89/392/CEE del 14 giugno 1989 per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine, GU L 183 del 29.6.1989.

—. 1989 c. Direttiva 89/686/CEE del 21 dicembre 1989 per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati Membri relative ai dispositivi di protezione individuale, GU L399 del 30.12.1989.

—. 1991. Direttiva 91/368/CEE del 20 giugno 1991 che modifica la direttiva 89/392/CEE relativa al ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine, GU n. L198 del 22.7.91.

—. 1993a. Direttiva 93/44/CEE del 14 giugno 1993 che modifica la direttiva 89/392/CEE relativa al ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine, GU L175 del 19.7.92.

—. 1993 b. Direttiva 93/95/CEE del 29 ottobre 1993 che modifica la direttiva 89/686/CEE per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative ai dispositivi di protezione individuale (DPI), GU n. L276 del 9.11.93.

Dunn, DE, RR Davis, CJ Merry e JR Franks. 1991. Perdita dell'udito nel cincillà da impatto e continua esposizione al rumore. J Acust Soc Am 90:1975-1985.

Embleton, TFW. 1994. Valutazione tecnica dei limiti massimi sul rumore nei luoghi di lavoro. Rumore/Notizie Int. Poughkeepsie, NY: I-INCE.

Fechter, LD. 1989. Una base meccanicistica per le interazioni tra rumore ed esposizione chimica. ACES 1:23-28.

Gunn, PNd Department of Occupational Health Safety and Welfare, Perth, Western Australia. Comm. personale

Hamernik, RP, WA Ahroon e KD Hsueh. 1991. Lo spettro energetico di un impulso: la sua relazione con la perdita dell'udito. J Acust Soc Am 90:197-204.

Commissione elettrotecnica internazionale (IEC). 1979. Documento IEC n. 651.

—. 1985. Documento IEC n. 804.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1994. Norme e standard sul rumore (riepilogo). Ginevra: OIL.

Organizzazione internazionale per la standardizzazione. (ISO). 1975. Metodo per il calcolo del livello di sonorità. Documento ISO n. 532. Ginevra: ISO.

—. 1990. Acustica: Determinazione dell'esposizione professionale al rumore e stima del danno uditivo indotto dal rumore. Documento ISO n. 1999. Ginevra: ISO.

Ising, H e B Kruppa. 1993. Larm und Krankheit [rumore e malattia]. Stoccarda: Gustav Fischer Verlag.

Kihlman, T. 1992. Piano d'azione svedese contro il rumore. Rumore/Notizie Intl 1(4):194-208.

Moll van Charante, AW e PGH Mulder. 1990. Acuità percettiva e rischio di incidenti sul lavoro. Am J Epidemiol 131:652-663.

Morata, TC. 1989. Studio degli effetti dell'esposizione simultanea al rumore e al disolfuro di carbonio sull'udito dei lavoratori. Scand Audiol 18:53-58.

Morata, TC, DE Dunn, LW Kretchmer, GK Lemasters e UP Santos. 1991. Effetti dell'esposizione simultanea al rumore e al toluene sull'udito e sull'equilibrio dei lavoratori. In Proceedings of the Fourth International Conference On the Combined Environmental Factors, a cura di LD Fechter. Baltimora: Johns Hopkins Univ.

Moreland, JB. 1979. Tecniche di controllo del rumore. In Handbook of Noise Control, a cura di CM Harris. New York: McGraw Hill

Peterson, EA, JS Augenstein e DC Tanis. 1978. Studi continui sul rumore e sulla funzione cardiovascolare. J Suono Vibrazione 59:123.

Peterson, EA, JS Augenstein, D Tanis e DG Augenstein. 1981. Il rumore aumenta la pressione sanguigna senza compromettere la sensibilità uditiva. Scienza 211:1450-1452.

Peterson, EA, JS Augenstein, DC Tanis, R Warner e A Heal. 1983. Atti del IV Congresso Internazionale Sul rumore come problema di sanità pubblica, a cura di G Rossi. Milano: Centro Richerche e Studi Amplifon.

Prezzo, gr. 1983. Rischio relativo degli impulsi delle armi. J Acusto Soc Am 73:556-566.

Rehm, S. 1983. Research on extraaural effects of noise since 1978. In Proceedings of the Fourth International Congress On Noise As a Public Health Problem, a cura di G Rossi. Milano: Centro Richerche e Studi Amplifon.

Royster, JD. 1985. Valutazioni audiometriche per la conservazione dell'udito industriale. J Suono Vibrazione 19(5):24-29.

Royster, JD e LH Royster. 1986. Analisi della base di dati audiometrica. In Noise and Hearing Conservation Manual, a cura di EH Berger, WD Ward, JC Morrill e LH Royster. Akron, Ohio: Associazione americana per l'igiene industriale (AIHA).

—. 1989. Conservazione dell'udito. NC-OSHA Industry Guide No. 15. Raleigh, NC: Dipartimento del lavoro della Carolina del Nord.

—. 1990. Programmi di conservazione dell'udito: linee guida pratiche per il successo. Chelsea, Michigan: Lewis.

Royster, LH, EH Berger e JD Royster. 1986. Indagini sul rumore e analisi dei dati. In Noise and Hearing Conservation Manual, a cura di EH Berger, WH Ward, JC Morill e LH Royster. Akron, Ohio: Associazione americana per l'igiene industriale (AIHA).

Royster, LH e JD Royster. 1986. Educazione e motivazione. In Noise & Hearing Conservation Manual, a cura di EH Berger, WH Ward, JC Morill e LH Royster. Akron, Ohio: Associazione americana per l'igiene industriale (AIHA).

Suter, AH. 1992. Comunicazione e prestazioni lavorative nel rumore: una rassegna. Monografie dell'American Speech-Language Hearing Association, n. 28. Washington, DC: ASHA.

—. 1993. Rumore e conservazione dell'udito. Cap. 2 nel manuale sulla conservazione dell'udito Milwaukee, Wisc: Consiglio per l'accreditamento nella conservazione dell'udito professionale.

Thiery, L e C Meyer-Bisch. 1988. Perdita dell'udito dovuta all'esposizione al rumore industriale parzialmente impulsiva a livelli compresi tra 87 e 90 dBA. J Acusto Soc Am 84:651-659.

van Dijk, FJH. 1990. Ricerca epidemiologica sugli effetti non uditivi dell'esposizione professionale al rumore dal 1983. In Noise As a Public Health Problem, a cura di B Berglund e T Lindvall. Stoccolma: Consiglio svedese per la ricerca edilizia.

Von Gierke, SE. 1993. Norme e standard sul rumore: progressi, esperienze e sfide. In Noise As a Public Health Problem, a cura di M Vallet. Francia: Institut National de Recherche sur les Transports et leur Sécurité.

Wilkins, PA e WI Acton. 1982. Rumore e incidenti: una rassegna. Ann Occup Hyg 2:249-260.