Venerdì, Marzo 25 2011 04: 00

Problemi oculari e visivi

Vota questo gioco
(0 voti )

C'è stato un numero relativamente elevato di studi dedicati al disagio visivo nei lavoratori delle unità di visualizzazione visiva (VDU), molti dei quali hanno prodotto risultati contraddittori. Da un sondaggio all'altro, ci sono discrepanze nella prevalenza riportata dei disturbi che vanno praticamente dallo 0% all'80% o più (Dainoff 1982). Tali differenze non dovrebbero essere considerate troppo sorprendenti perché riflettono il gran numero di variabili che possono influenzare i disturbi oculari o la disabilità.

Corretti studi epidemiologici sul disagio visivo devono tenere conto di diverse variabili della popolazione, come il sesso, l'età, le carenze oculari o l'uso di lenti, nonché lo stato socio-economico. Anche la natura del lavoro svolto con il videoterminale e le caratteristiche della disposizione della postazione di lavoro e dell'organizzazione del lavoro sono importanti e molte di queste variabili sono correlate.

Molto spesso, sono stati utilizzati questionari per valutare il disagio oculare degli operatori videoterminali. La prevalenza del disagio visivo differisce quindi con il contenuto dei questionari e la loro analisi statistica. Le domande opportune per le indagini riguardano l'entità dei sintomi di astenopia da distress subiti dagli operatori videoterminali. I sintomi di questa condizione sono ben noti e possono includere prurito, arrossamento, bruciore e lacrimazione degli occhi. Questi sintomi sono correlati all'affaticamento della funzione accomodativa dell'occhio. A volte questi sintomi oculari sono accompagnati da mal di testa, con dolore localizzato nella parte anteriore della testa. Possono esserci anche disturbi della funzione oculare, con sintomi come visione doppia e ridotto potere accomodativo. L'acuità visiva, di per sé, tuttavia, è raramente depressa, a condizione che le condizioni di misurazione vengano eseguite con una dimensione della pupilla costante.

Se un sondaggio include domande generali, come "Ti senti bene alla fine della giornata lavorativa?" o "Hai mai avuto problemi visivi lavorando con i videoterminali?" la prevalenza di risposte positive può essere maggiore rispetto a quando vengono valutati i singoli sintomi correlati all'astenopia.

Anche altri sintomi possono essere fortemente associati all'astenopia. Si riscontrano frequentemente dolori al collo, alle spalle e alle braccia. Ci sono due motivi principali per cui questi sintomi possono manifestarsi insieme ai sintomi oculari. I muscoli del collo partecipano al mantenimento di una distanza costante tra occhio e schermo nel lavoro al videoterminale e il lavoro al videoterminale ha due componenti principali: lo schermo e la tastiera, il che significa che le spalle, le braccia e gli occhi lavorano tutti contemporaneamente e quindi possono essere soggetti a simili tensioni lavorative.

Variabili utente relative al comfort visivo

Sesso ed età

Nella maggior parte dei sondaggi, le donne segnalano più fastidio agli occhi rispetto agli uomini. In uno studio francese, ad esempio, il 35.6% delle donne lamentava fastidi agli occhi, contro il 21.8% degli uomini (livello di significatività pJ05) (Dorard 1988). In un altro studio (Sjödren e Elfstrom 1990) è stato osservato che mentre la differenza nel grado di disagio tra donne (41%) e uomini (24%) era grande, era “più pronunciata per coloro che lavoravano 5-8 ore al giorno che per chi lavora 1-4 ore al giorno”. Tali differenze non sono necessariamente legate al sesso, tuttavia, poiché donne e uomini raramente condividono compiti simili. Ad esempio, in un impianto informatico studiato, quando donne e uomini erano entrambi occupati in un tradizionale "lavoro da donna", entrambi i sessi mostravano la stessa quantità di disagio visivo. Inoltre, quando le donne svolgevano i tradizionali “lavori da uomini”, non riportavano maggiori disagi rispetto agli uomini. In generale, indipendentemente dal sesso, il numero di lamentele visive tra i lavoratori qualificati che utilizzano i videoterminali sul proprio lavoro è molto inferiore al numero di lamentele dei lavoratori in lavori non qualificati e frenetici, come l'inserimento di dati o l'elaborazione di testi (Rey e Bousquet 1989) . Alcuni di questi dati sono riportati nella tabella 1.

Tabella 1. Prevalenza dei sintomi oculari in 196 videoterminali secondo 4 categorie

Categorie

Percentuale di sintomi (%)

Donne in lavori "femminili".

81

Maschi in lavori "femminili".

75

Maschi in lavori "maschili".

68

Donne in lavori "maschili".

65

Fonte: Da Dorard 1988 e Rey e Bousquet 1989.

Il numero più alto di disturbi visivi di solito si verifica nel gruppo di 40-50 anni, probabilmente perché questo è il momento in cui i cambiamenti nella capacità di accomodamento dell'occhio si verificano rapidamente. Tuttavia, sebbene si ritenga che gli operatori più anziani abbiano più disturbi visivi rispetto ai lavoratori più giovani e, di conseguenza, la presbiopia (deficit visivo dovuto all'età) sia spesso citata come il principale difetto visivo associato al disagio visivo nelle postazioni di lavoro con videoterminale, è importante considerare che esiste anche una forte associazione tra l'acquisizione di competenze avanzate nel lavoro al videoterminale e l'età. Di solito c'è una percentuale maggiore di donne anziane tra le operatrici di videoterminali non qualificate, e i lavoratori maschi più giovani tendono ad essere impiegati più spesso in lavori qualificati. Pertanto, prima di poter fare ampie generalizzazioni sull'età e sui problemi visivi associati al videoterminale, le cifre dovrebbero essere adeguate per tenere conto della natura comparativa e del livello di abilità del lavoro svolto al videoterminale.

Difetti oculari e lenti correttive

In generale, circa la metà di tutti gli operatori di videoterminali presenta qualche tipo di deficienza visiva e la maggior parte di queste persone utilizza lenti prescrittive di un tipo o dell'altro. Spesso le popolazioni di utenti di videoterminali non differiscono dalla popolazione attiva per quanto riguarda i difetti oculari e la correzione oculare. Ad esempio, un sondaggio (Rubino 1990) condotto tra i videoterminali italiani ha rivelato che circa il 46% aveva una vista normale e il 38% era miope (miope), il che è coerente con i dati osservati tra i videoterminali svizzeri e francesi (Meyer e Bousquet 1990). Le stime della prevalenza dei difetti oculari variano a seconda della tecnica di valutazione utilizzata (Çakir 1981).

La maggior parte degli esperti ritiene che la presbiopia in sé non sembri avere un'influenza significativa sull'incidenza dell'astenopia (stanchezza persistente degli occhi). Piuttosto, sembra probabile che l'uso di lenti inadatte induca affaticamento e fastidio agli occhi. C'è qualche disaccordo sugli effetti nei giovani miopi. Rubino non ha osservato alcun effetto mentre, secondo Meyer e Bousquet (1990), gli operatori miopi si lamentano prontamente di una sottocorrezione per la distanza tra occhio e schermo (solitamente 70 cm). Rubino ha anche proposto che le persone che soffrono di una carenza di coordinazione oculare potrebbero avere maggiori probabilità di soffrire di disturbi visivi durante il lavoro al videoterminale.

Un'osservazione interessante che è risultata da uno studio francese che prevedeva un esame oculistico approfondito da parte di oftalmologi di 275 operatori VDU e 65 controlli era che il 32% degli esaminati poteva migliorare la vista con una buona correzione. In questo studio il 68% aveva una visione normale, il 24% era miope e l'8% ipermetrope (Boissin et al., 1991). Pertanto, sebbene i paesi industrializzati siano, in generale, ben attrezzati per fornire un'eccellente cura degli occhi, la correzione oculare è probabilmente completamente trascurata o inappropriata per coloro che lavorano al videoterminale. Un risultato interessante in questo studio è stato che sono stati riscontrati più casi di congiuntivite negli operatori videoterminali (48%) rispetto ai controlli. Poiché la congiuntivite e la vista scarsa sono correlate, ciò implica che è necessaria una migliore correzione oculare.

Fattori fisici e organizzativi che influenzano il comfort visivo

È chiaro che per valutare, correggere e prevenire il disagio visivo nel lavoro al videoterminale è essenziale un approccio che tenga conto dei diversi fattori descritti qui e altrove in questo capitolo. L'affaticamento e il disagio oculare possono essere il risultato di difficoltà fisiologiche individuali nell'accomodamento normale e nella convergenza oculare, da congiuntivite o dall'uso di occhiali scarsamente corretti per la distanza. Il disagio visivo può essere correlato alla postazione di lavoro stessa e può anche essere collegato a fattori di organizzazione del lavoro come la monotonia e il tempo trascorso sul posto di lavoro con e senza interruzione. Anche un'illuminazione inadeguata, i riflessi sullo schermo, lo sfarfallio e l'eccessiva luminosità dei caratteri possono aumentare il rischio di disturbi agli occhi. La Figura 1 illustra alcuni di questi punti.

Figura 1. Fattori che aumentano il rischio di affaticamento degli occhi tra i lavoratori VDU

VDU030F1

Molte delle caratteristiche appropriate del layout della postazione di lavoro sono descritte in modo più completo all'inizio del capitolo.

La migliore distanza di visione per il comfort visivo che lascia comunque abbastanza spazio per la tastiera sembra essere di circa 65 cm. Tuttavia, secondo molti esperti, come Akabri e Konz (1991), idealmente, “sarebbe meglio determinare il focus oscuro di un individuo in modo che le postazioni di lavoro possano essere adattate a individui specifici piuttosto che alla popolazione”. Per quanto riguarda i personaggi stessi, in generale, una buona regola pratica è "più grande è meglio". Di solito, la dimensione delle lettere aumenta con la dimensione dello schermo e viene sempre raggiunto un compromesso tra la leggibilità delle lettere e il numero di parole e frasi che possono essere visualizzate sullo schermo contemporaneamente. Il videoterminale stesso dovrebbe essere selezionato in base ai requisiti dell'attività e dovrebbe cercare di massimizzare il comfort dell'utente.

Oltre al design della postazione di lavoro e del videoterminale stesso c'è la necessità di far riposare gli occhi. Ciò è particolarmente importante nei lavori non qualificati, in cui la libertà di “muoversi” è generalmente molto inferiore rispetto ai lavori qualificati. Il lavoro di inserimento dati o altre attività dello stesso tipo vengono solitamente eseguite in tempi ristretti, a volte anche accompagnati da supervisione elettronica, che cronometra l'output dell'operatore in modo molto preciso. In altri lavori interattivi ai videoterminali che comportano l'utilizzo di banche dati, gli operatori sono obbligati ad attendere una risposta dal computer e quindi devono rimanere al loro posto.

Sfarfallio e fastidio agli occhi

Lo sfarfallio è il cambiamento di luminosità dei caratteri sullo schermo nel tempo ed è descritto più dettagliatamente sopra. Quando i caratteri non si aggiornano abbastanza frequentemente, alcuni operatori sono in grado di percepire lo sfarfallio. I lavoratori più giovani possono essere più colpiti poiché la loro frequenza di fusione del flicker è superiore a quella delle persone anziane (Grandjean 1987). Il tasso di sfarfallio aumenta con l'aumentare della luminosità, motivo per cui molti operatori videoterminali non utilizzano comunemente l'intera gamma di luminosità dello schermo disponibile. In generale un videoterminale con una frequenza di aggiornamento di almeno 70 Hz dovrebbe "adattarsi" alle esigenze visive di un'ampia percentuale di operatori di videoterminali.

La sensibilità degli occhi allo sfarfallio è migliorata da una maggiore luminosità e contrasto tra l'area fluttuante e l'area circostante. La dimensione dell'area fluttuante influisce anche sulla sensibilità perché maggiore è l'area da visualizzare, maggiore è l'area della retina che viene stimolata. L'angolo con cui la luce proveniente dall'area fluttuante colpisce l'occhio e l'ampiezza di modulazione dell'area fluttuante sono altre variabili importanti.

Più anziano è l'utente del videoterminale, meno sensibile è l'occhio perché gli occhi più anziani sono meno trasparenti e la retina è meno eccitabile. Questo vale anche per i malati. Risultati di laboratorio come questi aiutano a spiegare le osservazioni fatte sul campo. Ad esempio, è stato riscontrato che gli operatori sono disturbati dallo sfarfallio dello schermo durante la lettura di documenti cartacei (Isensee e Bennett come citato in Grandjean 1987), e la combinazione di fluttuazione dallo schermo e fluttuazione della luce fluorescente è risultata particolarmente inquietante.

Illuminazione

L'occhio funziona meglio quando il contrasto tra il bersaglio visivo e il suo sfondo è massimo, come ad esempio con una lettera nera su carta bianca. L'efficienza è ulteriormente migliorata quando il bordo esterno del campo visivo è esposto a livelli di luminosità leggermente inferiori. Sfortunatamente, con un videoterminale la situazione è proprio l'opposto di questa, che è uno dei motivi per cui così tanti operatori di videoterminali cercano di proteggere i propri occhi dalla luce in eccesso.

Contrasti inappropriati di luminosità e riflessi sgradevoli prodotti dalla luce fluorescente, ad esempio, possono portare a disturbi visivi tra gli operatori videoterminali. In uno studio, il 40% di 409 lavoratori videoterminali ha presentato tali reclami (Läubli et al., 1989).

Per ridurre al minimo i problemi con l'illuminazione, proprio come con le distanze di visione, la flessibilità è importante. Bisogna essere in grado di adattare le sorgenti luminose alla sensibilità visiva degli individui. I luoghi di lavoro dovrebbero essere forniti per offrire alle persone l'opportunità di regolare la propria illuminazione.

Caratteristiche del lavoro

I lavori svolti sotto pressione, soprattutto se poco qualificati e monotoni, sono spesso accompagnati da sensazioni di stanchezza generale, che a loro volta possono dar luogo a lamentele di disagio visivo. Nel laboratorio degli autori, è stato riscontrato che il disagio visivo aumentava con il numero di cambiamenti accomodativi che gli occhi dovevano apportare per svolgere il compito. Ciò si è verificato più spesso nell'immissione di dati o nell'elaborazione di testi che in attività che prevedevano dialoghi con il computer. I lavori sedentari e che offrono poche opportunità di movimento offrono anche minori opportunità di recupero muscolare e quindi aumentano la probabilità di disagio visivo.

Organizzazione del lavoro

Il disagio oculare è solo un aspetto dei problemi fisici e mentali che possono essere associati a molti lavori, come descritto più dettagliatamente altrove in questo capitolo. Non sorprende, quindi, trovare un'elevata correlazione tra il livello di disagio oculare e la soddisfazione lavorativa. Sebbene il lavoro notturno non sia ancora ampiamente praticato nel lavoro d'ufficio, i suoi effetti sul disagio oculare nel lavoro al videoterminale potrebbero essere inaspettati. Questo perché, sebbene siano ancora disponibili pochi dati per confermarlo, da un lato la capacità oculare durante il turno di notte può essere in qualche modo depressa e quindi più vulnerabile agli effetti del videoterminale, mentre dall'altro l'ambiente di illuminazione è più facile regolarsi senza essere disturbati dall'illuminazione naturale, a condizione che vengano eliminati i riflessi delle lampade fluorescenti sulle finestre buie.

Gli individui che utilizzano i videoterminali per lavorare da casa dovrebbero assicurarsi di dotarsi delle attrezzature e delle condizioni di illuminazione adeguate per evitare i fattori ambientali avversi riscontrati in molti luoghi di lavoro formali.

Sorveglianza medica

Nessun singolo, particolare agente pericoloso è stato identificato come rischio visivo. L'astenopia tra gli operatori videoterminali sembra piuttosto essere un fenomeno acuto, sebbene vi sia una certa convinzione che possa verificarsi uno sforzo prolungato dell'accomodamento. A differenza di molte altre malattie croniche, il disadattamento al lavoro al videoterminale viene solitamente notato molto presto dal "paziente", che potrebbe essere più propenso a cercare assistenza medica rispetto ai lavoratori in altre situazioni lavorative. Dopo tali visite, spesso vengono prescritti occhiali, ma purtroppo a volte mal si adattano alle esigenze del posto di lavoro qui descritte. È essenziale che i professionisti siano appositamente formati per prendersi cura dei pazienti che lavorano con videoterminali. Proprio per questo scopo, ad esempio, è stato creato un corso speciale presso il Politecnico federale di Zurigo.

I seguenti fattori devono essere presi in considerazione nella cura dei lavoratori VDU. Rispetto al tradizionale lavoro d'ufficio, la distanza tra l'occhio e l'obiettivo visivo, lo schermo, è solitamente compresa tra 50 e 70 cm e non può essere modificata. Pertanto, dovrebbero essere prescritte lenti che tengano conto di questa distanza di visione costante. Le lenti bifocali sono inappropriate perché richiedono un'estensione dolorosa del collo affinché l'utente possa leggere lo schermo. Le lenti multifocali sono migliori, ma poiché limitano i rapidi movimenti oculari, il loro uso può portare a più movimenti della testa, producendo uno sforzo aggiuntivo.

La correzione oculare dovrebbe essere il più precisa possibile, tenendo conto dei minimi difetti visivi (ad es. astigmatismo) e anche della distanza di visione del videoterminale. Gli occhiali colorati che riducono il livello di illuminazione al centro del campo visivo non dovrebbero essere prescritti. Gli occhiali parzialmente colorati non sono utili, poiché gli occhi sul posto di lavoro si muovono sempre in tutte le direzioni. L'offerta di occhiali speciali ai dipendenti, tuttavia, non dovrebbe significare che ulteriori lamentele di disagio visivo da parte dei lavoratori possano essere ignorate poiché le lamentele potrebbero essere giustificate da una scarsa progettazione ergonomica della postazione di lavoro e delle attrezzature.

Va detto, infine, che gli operatori che soffrono maggiormente il disagio sono quelli che necessitano di elevati livelli di illuminamento per lavori di dettaglio e che, al tempo stesso, hanno una maggiore sensibilità all'abbagliamento. Gli operatori con occhi poco corretti mostreranno quindi una tendenza ad avvicinarsi allo schermo per avere più luce e saranno in questo modo più esposti allo sfarfallio.

Screening e prevenzione secondaria

All'ambiente di lavoro si applicano i consueti principi di prevenzione secondaria in sanità pubblica. Lo screening quindi dovrebbe essere mirato ai pericoli noti ed è più utile per le malattie con lunghi periodi di latenza. Lo screening dovrebbe avvenire prima di qualsiasi evidenza di malattia prevenibile e sono utili solo i test con alta sensibilità, alta specificità e alto potere predittivo. I risultati degli esami di screening possono essere utilizzati per valutare l'entità dell'esposizione sia di individui che di gruppi.

Dal momento che non sono mai stati identificati gravi effetti avversi sull'occhio nel lavoro con videoterminali, e poiché non è stato rilevato alcun livello pericoloso di radiazioni associato a problemi visivi, è stato concordato che non vi è alcuna indicazione che il lavoro con videoterminali "causerà malattie o danni agli occhi” (WHO 1987). L'affaticamento oculare e il disagio oculare che sono stati segnalati negli operatori videoterminali non sono i tipi di effetti sulla salute che generalmente costituiscono la base per la sorveglianza medica in un programma di prevenzione secondaria.

Tuttavia, nella maggior parte dei paesi membri dell'Organizzazione internazionale del lavoro sono diffusi gli esami medici visivi prima dell'assunzione degli operatori videoterminali, un requisito sostenuto dai sindacati e dai datori di lavoro (ILO 1986). In molti Paesi europei (tra cui Francia, Olanda e Regno Unito) è stata istituita anche la sorveglianza sanitaria degli operatori videoterminali, compresi i test oculari, a seguito dell'emanazione della Direttiva 90/270/CEE sul lavoro con videoterminali.

Se si vuole istituire un programma per la sorveglianza medica degli operatori videoterminali, oltre a decidere i contenuti del programma di screening e le opportune procedure di test, devono essere affrontati i seguenti problemi:

  • Qual è il significato della sorveglianza e come dovrebbero essere interpretati i suoi risultati?
  • Tutti gli operatori videoterminali hanno bisogno della sorveglianza?
  • Gli effetti oculari osservati sono appropriati per un programma di prevenzione secondaria?

 

La maggior parte dei test di screening visivo di routine disponibili per il medico del lavoro hanno scarsa sensibilità e potere predittivo per il disagio oculare associato al lavoro al videoterminale (Rey e Bousquet 1990). I grafici per i test visivi di Snellen sono particolarmente inappropriati per la misurazione dell'acuità visiva degli operatori VDU e per prevedere il loro disagio oculare. Nelle carte di Snellen i bersagli visivi sono lettere scure e precise su uno sfondo chiaro e ben illuminato, per niente come le tipiche condizioni di visualizzazione VDU. Infatti, a causa dell'inapplicabilità di altri metodi, è stata sviluppata dagli autori una procedura di test (il dispositivo C45) che simula le condizioni di lettura e illuminazione di un posto di lavoro con videoterminale. Sfortunatamente, questo rimane per il momento un allestimento da laboratorio. È importante rendersi conto, tuttavia, che gli esami di screening non sostituiscono un posto di lavoro ben progettato e una buona organizzazione del lavoro.

Strategie ergonomiche per ridurre il disagio visivo

Sebbene lo screening oculare sistematico e le visite sistematiche all'oculista non si siano dimostrati efficaci nel ridurre la sintomatologia visiva, sono stati ampiamente incorporati nei programmi di salute sul lavoro per i lavoratori VDU. Una strategia più efficace in termini di costi potrebbe includere un'intensa analisi ergonomica sia del lavoro che del posto di lavoro. I lavoratori con malattie oculari note dovrebbero cercare di evitare il più possibile il lavoro intensivo al videoterminale. Una visione scarsamente corretta è un'altra potenziale causa di reclami dell'operatore e dovrebbe essere indagata se si verificano tali reclami. Altre strategie efficaci sono il miglioramento dell'ergonomia del posto di lavoro, che potrebbe includere la previsione di un angolo di lettura basso per evitare una minore frequenza di ammiccamento e l'estensione del collo, e la possibilità di riposare e muoversi durante il lavoro. Nuovi dispositivi, con tastiere separate, consentono di regolare le distanze. Il videoterminale può anche essere reso mobile, ad esempio posizionandolo su un braccio mobile. L'affaticamento degli occhi sarà quindi ridotto consentendo cambiamenti nella distanza di visione che corrispondono alle correzioni dell'occhio. Spesso i passi compiuti per ridurre il dolore muscolare alle braccia, alle spalle e alla schiena consentiranno allo stesso tempo anche all'ergonomo di ridurre l'affaticamento visivo. Oltre al design dell'attrezzatura, la qualità dell'aria può influenzare l'occhio. L'aria secca porta alla secchezza degli occhi, quindi è necessaria un'adeguata umidificazione.

In generale, dovrebbero essere affrontate le seguenti variabili fisiche:

  • la distanza tra lo schermo e l'occhio
  • l'angolo di lettura, che determina la posizione della testa e del collo
  • la distanza da pareti e finestre
  • la qualità dei documenti cartacei (spesso molto scarsa)
  • luminanze dello schermo e dell'ambiente circostante (per illuminazione artificiale e naturale)
  • effetti di sfarfallio
  • fonti di abbagliamento e riflessi
  • il livello di umidità.

 

Tra le variabili organizzative che dovrebbero essere affrontate per migliorare le condizioni visive di lavoro ci sono:

  • contenuto del compito, livello di responsabilità
  • orari, lavoro notturno, durata del lavoro
  • libertà di “muoversi”
  • lavori a tempo pieno o part-time, ecc.

 

Di ritorno

Leggi 8635 volte Ultima modifica mercoledì 17 agosto 2011 19:52

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti delle unità di visualizzazione visiva

Akabri, M e S Konz. 1991. Distanza di visione per il lavoro VDT. In Designing For Everyone, a cura di Y Queinnec e F Daniellou. Londra: Taylor e Francesco.

Apple Computer Co. 1987. Linee guida per l'interfaccia umana Apple. L'interfaccia desktop di Apple. Waltham, Massachusetts: Addison-Wesley.

Amick, BC e MJ Smith. 1992. Stress, monitoraggio del lavoro basato su computer e sistemi di misurazione: una panoramica concettuale. Appl Ergon 23(1):6-16.

Bammer, G. 1987. Come il cambiamento tecnologico può aumentare il rischio di lesioni da movimenti ripetitivi. Seminari Occup Med 2:25-30.

—. 1990. Rassegna delle conoscenze attuali -Problemi muscoloscheletrici. In Work With Display Units 89: Selected Papers from the Work with Display Units Conference, settembre 1989, Montreal, a cura di L Berlinguet e D Berthelette. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Bammer, G e B Martin. 1988. Gli argomenti sulla RSI: un esame. Community Health Stud 12:348-358.

—. 1992. Lesione da sforzo ripetuto in Australia: conoscenza medica, movimento sociale e faziosità de facto. Social Prob 39:301-319.

Bastien, JMC e DL Scapin. 1993. Criteri ergonomici per la valutazione delle interfacce uomo-macchina. Relazione tecnica n. 156, Programma 3 Intelligenza artificiale, sistemi cognitivi e interazione uomo-macchina. Francia: INRIA.

Berg, M. 1988. Problemi della pelle nei lavoratori che utilizzano terminali visivi: uno studio su 201 pazienti. Contatta Dermat 19:335-341.

—-. 1989. Disturbi della pelle del viso e lavoro presso le unità di visualizzazione. Studi epidemiologici, clinici e istopatologici. Acta Derm-Venereol Suppl. 150:1-40.

Berg, M, MA Hedblad e K Erkhardt. 1990. Disturbi della pelle del viso e lavoro presso le unità di visualizzazione visiva: uno studio istopatologico. Acta Derm-Venereolo 70:216-220.

Berg, M, S Lidén, e O Axelson. 1990. Reclami cutanei e lavoro presso unità di visualizzazione visiva: uno studio epidemiologico sugli impiegati. J Am Acad Dermatol 22:621-625.

Berg, M, BB Arnetz, S Lidén, P Eneroth, and A Kallner. 1992. Techno-stress, uno studio psicofisiologico di dipendenti con disturbi cutanei associati al videoterminale. J Occup Med 34:698-701.

Bergqvist, U. 1986. Gravidanza e lavoro VDT -Una valutazione dello stato dell'arte. In Work With Display Units 86: Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Bikson, T.K. 1987. Comprensione dell'implementazione della tecnologia per ufficio. In Tecnologia e trasformazione del lavoro dei colletti bianchi, a cura di RE Kraut. Hillsdale, New Jersey: Erlbaum Associates.

Bjerkedal, T e J Egenaes. 1986. Videoterminali e difetti congeniti. Uno studio sugli esiti della gravidanza dei dipendenti del Postal-Giro-Center, Oslo, Norvegia. In Work With Display Units 86: Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Blackwell, R e A Chang. 1988. Videoterminali e gravidanza. Una recensione. Brit J Obstet Gynaec 95:446-453.

Blignault, I. 1985. Aspetti psicosociali dei disturbi da uso eccessivo. Tesi di Master in Psicologia Clinica, Dipartimento di Psicologia, The Australian National University, Canberra ACT.

Boissin, JP, J Mur, JL Richard e J Tanguy. 1991. Studio dei fattori di fatica quando si lavora su un videoterminale. In Designing for Everyone, a cura di Y Queinnec e F Daniellou. Londra: Taylor e Francesco.

Bradley, G. 1983. Effetti dell'informatizzazione sull'ambiente di lavoro e sulla salute: da una prospettiva di uguaglianza tra i sessi. Occupare infermieristica sanitaria: 35-39.

—. 1989. Computer e ambiente psicologico. Londra: Taylor e Francesco.
Bramwell, RS e MJ Davidson. 1994. Unità di visualizzazione visiva ed esito della gravidanza: uno studio prospettico. J Psychosom Obstet Gynecol 14(3):197-210.

Brandt, LPA e CV Nielsen. 1990. Malformazioni congenite tra figli di donne che lavorano con videoterminali. Scand J Ambiente di lavoro Salute 16:329-333.

—. 1992. La fecondità e l'uso dei videoterminali. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:298-301.

Breslow, L e P Buell. 1960. Mortalità e malattie coronariche e attività fisica sul lavoro in California. J Chron Dis 11:615-626.

Broadbeck, FC, D Zapf, J Prumper e M Frese. 1993. Gestione degli errori nel lavoro d'ufficio con i computer: uno studio sul campo. J Occup Organ Psychol 66:303-317.

Marrone, LMC. 1988. Linee guida per l'interfaccia uomo-computer. Norwood, New Jersey: Ablex.

Bryant, HE e EJ Love. 1989. Uso del videoterminale e rischio di aborto spontaneo. Int J Epidemiol 18:132-138.

Çakir, A. 1981. Belastung und Beanspruching bei Biuldschirmtätigkeiten. In Schriften zur Arbeitspychologie, a cura di M Frese. Berna: Huber.

Çakir, A, D Hart e TFM Stewart. 1979. Il manuale VDT. Darmstadt: Associazione di ricerca Inca-Fiej.

Carayon, P. 1993a. Job design e stress da lavoro negli impiegati. Ergonomia 36:463-477.

—. 1993 b. Effetto del monitoraggio elettronico delle prestazioni sulla progettazione del lavoro e sullo stress dei lavoratori: una revisione della letteratura e del modello concettuale. Fattori di ronzio 35(3):385-396.

Carayon-Sainfort, P. 1992. L'uso dei computer negli uffici: impatto sulle caratteristiche delle attività e sullo stress dei lavoratori. Int J Hum Comput Interact 4:245-261.

Carmichael, AJ e DL Roberts. 1992. Unità di visualizzazione visiva ed eruzioni facciali. Contatta Dermat 26:63-64.

Carroll, JM e MB Rosson. 1988. Paradosso dell'utente attivo. Nell'interfacciare il pensiero. Aspetti cognitivi dell'interazione uomo-computer, a cura di JM Carroll. Cambridge: Bradford.

Cohen, ML, JF Arroyo, GD Champion e CD Browne. 1992. Alla ricerca della patogenesi della sindrome del dolore cervicobrachiale refrattario. Una decostruzione del fenomeno RSI. Med J Australe 156:432-436.

Cohen, S e N Weinstein. 1981. Effetti non uditivi del rumore sul comportamento e sulla salute. J Soc Problemi 37:36-70.

Cooper, CL e J Marshall. 1976. Fonti occupazionali di stress: una revisione della letteratura relativa alle malattie coronariche e ai disturbi mentali. J Occupare Psicol 49:11-28.

Dainoff, MG. 1982. Fattori di stress occupazionale nell'operazione VDT: una revisione della ricerca empirica nel comportamento e nella tecnologia dell'informazione. Londra: Taylor e Francesco.

Desmarais, MC, L Giroux e L Larochelle. 1993. Un'interfaccia di consulenza basata sul riconoscimento del piano e sulla valutazione della conoscenza dell'utente. Int J Man Mach Stud 39:901-924.

Dorard, G. 1988. Place et validité des test ophthalmologiques dans l'étude de la fatica visuelle engendrée par le travail sur écran. Grenoble: Faculté de médecine, Univ. di Grenoble.

Egan, DE. 1988. Differenze individuali nell'interazione uomo-computer. In Handbook of Human-Computer Interaction, a cura di M Helander. Amsterdam: Elsevier.

Ellinger, S, W Karmaus, H Kaupen-Haas, KH Schäfer, G Schienstock e E Sonn. 1982. 1982 Arbeitsbedingungen, gesundheitsverhalten und rheumatische Erkrankungen. Amburgo: Medizinische Soziologie, Univ. Amburgo.

Ericson, A e B Källén. 1986. Uno studio epidemiologico sul lavoro con schermi video e sull'esito della gravidanza: II. Uno studio caso-controllo. Am J Ind Med 9:459-475.

Franco, AL. 1983. Effetti sulla salute in seguito all'esposizione professionale ai videoterminali. Lexington, Ky: Dipartimento di Medicina Preventiva e Salute Ambientale.

Frese, M. 1987. Interazione uomo-computer in ufficio. In International Review of Industrial and Organizational Psychology, a cura di CL Cooper. New York: Wiley.

Frölén, H e NM Svedenstål. 1993. Effetti dei campi magnetici pulsati sull'embrione di topo in via di sviluppo. Bioelettromagnetismo 14:197-204.

Friggere, HJH. 1992. Sindrome da uso eccessivo e concetto di uso eccessivo. Discussion Papers On the Pathology of Work-Related Neck and Upper Art Disorders and the Implications for Treatment, a cura di G Bammer. Documento di lavoro n. 32. Canberra: NCEPH, Australian National Univ.

Gaines, BR e MLG Shaw. 1986. Dalla multiproprietà alla sesta generazione: lo sviluppo dell'interazione uomo-macchina. Parte I. Int J Man Mach Stud 24:1-27.

Gardell, B. 1971. Alienazione e salute mentale nell'ambiente industriale moderno. In Società, stress e malattia, a cura di L Levi. Oxford: OUP.

Goldhaber, MK, MR Polen e RA Hiatt. 1988. Il rischio di aborto spontaneo e malformazioni congenite tra le donne che utilizzano terminali visivi durante la gravidanza. Am J Ind Med 13:695-706.

Gould, J.D. 1988. Come progettare sistemi utilizzabili. In Handbook of Human Computer Interaction, a cura di M Helander. Amsterdam: Elsevier.

Gould, JD e C Lewis. 1983. Progettare per l'usabilità: principi chiave e cosa pensano i designer. In Atti della conferenza CHI del 1983 sui fattori umani nei sistemi informatici, 12 dicembre, Boston. New York: ACM.

Grandjean, E. 1987. Ergonomia negli uffici computerizzati. Londra: Taylor e Francesco.

Hackman, JR e GR Oldham. 1976. Motivazione attraverso la progettazione del lavoro: test di una teoria. Organ Behav Hum Perform 16:250-279.

Hagberg, M, Å Kilbom, P Buckle, L Fine, T Itani, T Laubli, H Riihimaki, B Silverstein, G Sjogaard, S Snook e E Viikari-Juntura. 1993. Strategie per la prevenzione dei disturbi muscolo-scheletrici legati al lavoro. Appl Ergon 24:64-67.

Halasz, F e TP Moran. 1982. Analogia considerata dannosa. In atti della conferenza sui fattori umani nei sistemi informatici. Gaithersburg, Maryland: ACM Press.

Hartson, risorse umane e CE Smith. 1991. Prototipazione rapida nello sviluppo dell'interfaccia uomo-computer. Interagisci Calcola 3(1):51-91.

Hedge, A, WA Erickson e G Rubin. 1992. Effetti di fattori personali e occupazionali sui rapporti sulla sindrome dell'edificio malato negli uffici climatizzati. In Stress and Well-Being At Work-Assessments and Interventions for Occupational Mental Health, a cura di JC Quick, LR Murphy e JJ Hurrell Jr. Washington, DC: American Psychological Association.

Helme, RD, SA LeVasseur e SJ Gibson. 1992. RSI rivisitato: evidenza di differenze psicologiche e fisiologiche da un gruppo di controllo abbinato per età, sesso e occupazione. Aust NZ J Med 22:23-29.

Herzberg, F. 1974. Il vecchio saggio turco. Harvard Bus Rev (settembre/ottobre): 70-80.

House, J. 1981. Stress da lavoro e sostegno sociale. Lettura, Massachusetts: Addison-Wesley.

Hutchin, EL. 1989. Metafore per sistemi interattivi. In The Structure of Multimodal Dialogue, a cura di DG Bouwhuis, MM Taylor e F Néel. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Huuskonen, H, J Juutilainen, and H Komulainen. 1993. Effetti dei campi magnetici a bassa frequenza sullo sviluppo fetale nei ratti. Bioelettromagnetismo 14(3):205-213.

Infante-Rivard, C, M David, R Gauthier e GE Rivard. 1993. Perdita di gravidanza e programma di lavoro durante la gravidanza. Epidemiologia 4:73-75.

Institut de recherche en santé et en sécurité du travail (IRSST). 1984. Rapport du groupe de travail sur les terminaux e écran de visualisation. Montreal: IRSST.

International Business Machines Corp. (IBM). 1991a. Architettura delle applicazioni di sistema. Guida comune all'accesso degli utenti-Riferimento alla progettazione dell'interfaccia avanzata. White Plains, New York: IBM.

—. 1991b. Architettura delle applicazioni di sistema. Guida comune all'accesso degli utenti alla progettazione dell'interfaccia utente. White Plains, New York: IBM.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1984. Automazione, organizzazione del lavoro e stress occupazionale. Ginevra: OIL.

—. 1986. Numero speciale sugli espositori. Cond Lavoro Scavare .

—. 1989. Lavorare con unità di visualizzazione visiva. Serie sulla sicurezza e la salute sul lavoro, n. 61. Ginevra: ILO.

—. 1991. Privacy del lavoratore. Parte I: Protezione dei dati personali. Cond Lavoro Scava 10:2.

Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO). 1992. Requisiti ergonomici per il lavoro d'ufficio con terminali video (VDT). Norma ISO 9241. Ginevra: ISO.

Johansson, G e G Aronsson. 1984. Reazioni allo stress nel lavoro amministrativo computerizzato. J Occup Behav 5:159-181.

Juliussen, E e K Petska-Juliussen. 1994. Il settimo Almanacco annuale dell'industria informatica 1994-1995. Dallas: Almanacco dell'industria dei computer.

Kalimo, R e A Leppanen. 1985. Feedback dai videoterminali, controllo delle prestazioni e stress nella preparazione del testo nell'industria della stampa. J Occupare Psicol 58:27-38.

Kanawaty, G. 1979. Introduzione allo studio del lavoro. Ginevra: OIL.

Karasek, RA, D Baker, F Marxer, A Ahlbom e R Theorell. 1981. Latitudine decisionale sul lavoro, richieste di lavoro e malattie cardiovascolari. In Machine-Pacing and Occupational Stress, a cura di G Salvendy e MJ Smith. Londra: Taylor e Francesco.

Karat, J. 1988. Metodologie di valutazione del software. In Handbook of Human-Computer Interaction, a cura di M Helander. Amsterdam: Elsevier.

Kasl, SV. 1978. Contributi epidemiologici allo studio dello stress da lavoro. In Stress At Work, a cura di CL Cooper e R Payne. New York: Wiley.

Koh, D, CL Goh, J Jeyaratnam, WC Kee e CN Ong. 1991. Reclami dermatologici tra operatori di videocamere e impiegati. Am J Contact Dermatol 2:136-137.

Kurppa, K, PC Holmberg, K Rantala, T Nurminen, L Saxén e S Hernberg. 1986. Difetti congeniti, decorso della gravidanza e lavoro con videoterminali. Uno studio finlandese di riferimento al caso. In Work With Display Units 86: Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Läubli, T, H Nibel, C Thomas, U Schwanninger e H Krueger. 1989. Merito dei test periodici di screening visivo negli operatori videoterminali. In Work With Computers, a cura di MJ Smith e G Salvendy. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Levi, L. 1972. Stress e angoscia in risposta a stimoli psicosociali. New York: Pergamo Press.

Lewis, C e DA Norman. 1986. Progettare per errore. In User Centered System: New Perspectives On Human-Computer Interation, a cura di DA Norman e SW Draper. Hillsdale, New Jersey: Erlbaum Associates.

Lidén, C. 1990. Allergia da contatto: una causa di dermatite facciale tra gli operatori di unità di visualizzazione visiva. Am J Contact Dermatol 1:171-176.

Lidén, C e JE Wahlberg. 1985. Lavoro con videoterminali tra impiegati d'ufficio. Scand J Ambiente di lavoro Salute 11:489-493.

Lindbohm, ML, M Hietanen, P Kygornen, M Sallmen, P von Nandelstadh, H Taskinen, M Pekkarinen, M Ylikoski e K Hemminki. 1992. Campi magnetici di videoterminali e aborto spontaneo. Am J Epidemiol 136:1041-1051.

Lindström, K. 1991. Benessere e lavoro mediato dal computer di vari gruppi professionali nel settore bancario e assicurativo. Int J Hum Comput Interact 3:339-361.

Mantei, MM e TJ Teorey. 1989. Incorporare tecniche comportamentali nel ciclo di vita dello sviluppo dei sistemi. MIS Q settembre:257-274.

Marshall, C, C Nelson e MM Gardiner. 1987. Linee guida di progettazione. In Applicare la psicologia cognitiva al design dell'interfaccia utente, a cura di MM Gardiner e B Christie. Chichester, Regno Unito: Wiley.

Mayhew, DJ. 1992. Principi e linee guida nella progettazione dell'interfaccia utente del software. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice Hall.

McDonald, AD, JC McDonald, B Armstrong, N Cherry, AD Nolin e D Robert. 1988. Lavoro con unità video in gravidanza. Brit J Ind Med 45:509-515.

McGivern, RF e RZ Sokol. 1990. L'esposizione prenatale a un campo elettromagnetico a bassa frequenza demascolinizza il comportamento di marcatura del profumo degli adulti e aumenta il peso degli organi sessuali accessori nei ratti. Teratologia 41:1-8.

Meyer, JJ e A Bousquet. 1990. Disagio e abbagliamento invalidante negli operatori videoterminali. In Work With Display Units 89, a cura di L Berlinguet e D Berthelette. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Microsoft Corp. 1992. L'interfaccia di Windows: una guida alla progettazione di applicazioni. Redmond, Washington: Microsoft Corp.

Monaco, TH e DI Tepas. 1985. Lavoro a turni. In Job Stress and Blue Collar Work, a cura di CL Cooper e MJ Smith. New York: Wiley.

Morano, TP. 1981. La grammatica del linguaggio di comando: una rappresentazione per l'interfaccia utente dei sistemi informatici di interazione. Int J Man Mach Stud 15:3-50.

—-. 1983. Entrare in un sistema: analisi della mappatura delle attività interne ed esterne. In Atti della conferenza CHI 1983 sui fattori umani nei sistemi informatici, 12-15 dicembre, Boston. New York: ACM.

Moshowitz, A. 1986. Dimensioni sociali dell'automazione d'ufficio. Adv Comput 25:335-404.

Murray, WE, CE Moss, WH Parr, C Cox, MJ Smith, BFG Cohen, LW Stammerjohn e A Happ. 1981. Potenziali rischi per la salute dei videoterminali. Rapporto di ricerca NIOSH 81-129. Cincinnati, Ohio: Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH).

Nielsen, CV e LPA Brandt. 1990. Aborto spontaneo tra donne che utilizzano videoterminali. Scand J Ambiente di lavoro Salute 16:323-328.

—-. 1992. Crescita fetale, parto pretermine e mortalità infantile in relazione al lavoro con videoterminali durante la gravidanza. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:346-350.

Nielsen, J. 1992. Il ciclo di vita dell'ingegneria dell'usabilità. Computer (marzo): 12-22.

—-. 1993. Design iterativo dell'interfaccia utente. Computer (novembre): 32-41.

Nielsen, J e RL Mack. 1994. Metodi di ispezione dell'usabilità. New York: Wiley.

Numero speciale sui laboratori di utilizzo. 1994. Comportamento Inf Technol.

Nurminen, T e K Kurppa. 1988. Lavoro d'ufficio, lavoro con videoterminali e decorso della gravidanza. Fare riferimento all'esperienza delle madri da uno studio finlandese di casi di riferimento sui difetti alla nascita. Scand J Ambiente di lavoro Salute 14:293-298.

Ufficio di valutazione della tecnologia (OTA). 1987. Il supervisore elettronico: nuova tecnologia, nuove tensioni. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

Fondazione software aperta. 1990. Guida allo stile OSF/Motif. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice Hall.

Ostberg, O e C Nilsson. 1985. Tecnologia emergente e stress. In Job Stress and Blue Collar Work, a cura di CL Cooper e MJ Smith. New York: Wiley.

Piotrkowski, CS, GGG Cohen e KE Coray. 1992. Condizioni di lavoro e benessere delle impiegate. Int J Hum Comput Interact 4:263-282.

Pot, F, P Padmos e A Brouwers. 1987. Determinanti del benessere dell'operatore videoterminale. In Work With Display Units 86. Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Preece, J, Y Rogers, H Sharp, D Benyon, S Holland e T Carey. 1994. Interazione uomo-computer. Lettura, Massachusetts: Addison-Wesley.

Quinter, J e R Elvey. 1990. L'ipotesi neurogenica della RSI. Discussion Papers On the Pathology of Work-Related Neck and Upper Art Disorders and the Implications for Treatment, a cura di G Bammer. Documento di lavoro n. 24. Canberra: NCEPH, Australian National Univ.

Rasmussen, J. 1986. Elaborazione delle informazioni e interazione uomo-macchina. Un approccio all'ingegneria cognitiva . New York: Olanda Settentrionale.

Ravden, SJ e GI Johnson. 1989. Valutazione dell'usabilità delle interfacce uomo-computer: un approccio pratico. West Sussex, Regno Unito: E. Horwood.

—. 1992. Architettura delle applicazioni di sistema: supporto per le comunicazioni comuni. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice Hall.

Canna, AV. 1982. Strategie di correzione degli errori e interazione umana con i sistemi informatici. In Atti della conferenza sui fattori umani nei sistemi informatici Gaithersburg, Md .: ACM.

Rey, P e A Bousquet. 1989. Sforzo visivo degli operatori VDT: il giusto e lo sbagliato. In Work With Computers, a cura di G Salvendy e MJ Smith. Amsterdam: Scienza Elsevier.

—. 1990. Strategie di visita oculistica medica per operatori videoterminali. In Work With Display Units 89, a cura di L Berlinguet e D Berthelette. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Rheingold, HR. 1991. Realtà virtuale. New York: pietra di paragone.

Rich, E. 1983. Gli utenti sono individui: individualizzazione dei modelli utente. Int J Man Mach Stud 18:199-214.

Rivas, L e C Rius. 1985. Effetti dell'esposizione cronica a campi elettromagnetici deboli nei topi. IRCS Med Sci 13:661-662.

Roberto, JM. 1989. Apprendimento di un sistema informatico mediante esplorazione non assistita. Un esempio: il Macintosh. In MACINTER II Man-Computer Interaction Research, a cura di F Klix, N Streitz, Y Warren e H Wandke. Amsterdam: Elsevier.

Robert, JM e JY Fiset. 1992. Conception et évaluation ergonomiques d'une interface pour un logiciel d'aide au diagnostic: Une étude de cas. ICO printemps-été:1-7.

Roman, E, V Beral, M Pelerin e C Hermon. 1992. Aborto spontaneo e lavoro con videocitofoni. Brit J Ind Med 49:507-512.

Rubino, GF. 1990. Indagine epidemiologica sui disturbi oculari: la ricerca multicentrica italiana. In Work With Display Units 89, a cura di L Berlinguet e D Berthelette. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Rumelhart, DE e DA Norman. 1983. Processi analogici nell'apprendimento. In Abilità cognitive e loro acquisizione, a cura di JR Anderson. Hillsdale, New Jersey: Lawrence Erlbaum.

Ryan, GA e M. Bampton. 1988. Confronto di operatori di elaborazione dati con e senza sintomi dell'arto superiore. Community Health Stud 12:63-68.

Ryan, GA, JH Mullerworth e J Pimble. 1984. La prevalenza della lesione da sforzo ripetuto negli operatori di elaborazione dati. In Atti della 21a Conferenza annuale della Società di ergonomia dell'Australia e della Nuova Zelanda. Sidney.

Sanfort, PC. 1990. Predittori della progettazione del lavoro di stress negli uffici automatizzati. Behav Inf Technol 9:3-16.

—-. 1991. Stress, controllo del lavoro e altri elementi del lavoro: uno studio sugli impiegati. Int J Ind Erg 7:11-23.

Salvendy, G. 1992. Manuale di ingegneria industriale. New York: Wiley.

Salzinger, K e S Freimark. 1990. Comportamento operante alterato di ratti adulti dopo l'esposizione perinatale a un campo elettromagnetico di 60 Hz. Bioelettromagnetismo 11:105-116.

Sauter, SL, CL Cooper e JJ Hurrell. 1989. Controllo del lavoro e salute dei lavoratori. New York: Wiley.

Sauter, SL, MS Gottlieb, KC Jones, NV Dodson e KM Rohrer. 1983a. Implicazioni sul lavoro e sulla salute dell'uso del VDT: risultati iniziali dello studio Wisconsin-NIOSH. Comuni ACM 26:284-294.

Sauter, SL, MS Gottlieb, KM Rohrer e NV Dodson. 1983b. Il benessere degli utenti di videoterminali. Uno studio esplorativo. Cincinnati, Ohio: NIOSH.

Scapino, DL. 1986. Guida ergonomica di concezione delle interfacce uomo-macchina. Rapporto di ricerca n. 77. Le Chesnay, Francia: INRIA.

Schnorr, TM, BA Grajewski, RW Hornung, MJ Thun, GM Egeland, WE Murray, DL Conover e WE Halperin. 1991. I videoterminali e il rischio di aborto spontaneo. New Engl J Med 324:727-733.

Shepherd, A. 1989. Analisi e formazione nei compiti di tecnologia dell'informazione. In Task Analysis for Human-Computer Interaction, a cura di D Diaper. Chichester: MI Horwood.

Shneiderman, B. 1987. Progettazione dell'interfaccia utente: strategie per un'efficace interazione uomo-computer. Lettura, Massachusetts: Addison-Wesley.

Sjödren, S e A Elfstrom. 1990. Disturbi oculari tra 4000 utilizzatori di videoterminali. Al lavoro con display
Unità 89, a cura di L Berlinguet e D Berthelette. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Smith, M.J. 1987. Stress professionale. In Handbook of Ergonomics/Human Factors, a cura di G Salvendy. New York: Wiley.

Smith, MJ e BC Amick. 1989. Monitoraggio elettronico sul posto di lavoro: implicazioni per il controllo dei dipendenti e lo stress lavorativo. In Job Control and Worker Health, a cura di S Sauter, J Hurrel e C Cooper. New York: Wiley.

Smith, MJ, P Carayon e K Miezio. 1987. Tecnologia VDT: problemi psicosociali e di stress. In Work With Display Units, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Smith, MJ e P Carayon-Sainfort. 1989. Una teoria dell'equilibrio della progettazione del lavoro per la riduzione dello stress. Int J Ind Erg 4:67-79.

Smith, MJ, GGG Cohen, LW Stammerjohn e A Happ. 1981. Un'indagine sui disturbi di salute e sullo stress lavorativo nelle operazioni di visualizzazione video. Fattori di ronzio 23:387-400.

Smith, MJ, P Carayon, KH Sanders, SY Lim e D LeGrande. 1992a. Monitoraggio elettronico delle prestazioni, progettazione del lavoro e stress del lavoratore. Appl Ergon 23:17-27.

Smith, MJ, G Salvendy, P Carayon-Sainfort, e R Eberts. 1992 b. Interazione umano-computer. In Handbook of Industrial Engineering, a cura di G Salvendy. New York: Wiley.

Smith, SL e SL Mosier. 1986. Linee guida per la progettazione del software dell'interfaccia utente. Rapporto ESD-TR-278. Bedford, Massachussets: MITRE.

Ramo di epidemiologia della Commissione sanitaria dell'Australia meridionale. 1984. Sintomi di stress da ripetizione e condizioni di lavoro tra gli addetti alla tastiera impegnati nell'immissione di dati o nell'elaborazione di testi nel servizio pubblico dell'Australia meridionale. Adelaide: Commissione per la salute dell'Australia meridionale.

Stammerjohn, LW, MJ Smith e GGG Cohen. 1981. Valutazione dei fattori di progettazione della stazione di lavoro nelle operazioni VDT. Fattori di ronzio 23:401-412.

Stellman, JM, S Klitzman, GC Gordon e BR Snow. 1985. Qualità dell'aria ed ergonomia in ufficio: risultati dell'indagine e questioni metodologiche. Am Ind Hyg Assoc J 46:286-293.

—-. 1987a. Confronto del benessere tra impiegati interattivi senza macchina e utilizzatori e dattilografi di videoterminali a tempo pieno e part-time. In Work With Display Units 86. Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

—-. 1987b. Ambiente di lavoro e benessere degli impiegati e dei videoterminali. J Occup Behav 8:95-114.

Strassmann, PA. 1985. Payoff informativo: la trasformazione del lavoro nell'era elettronica. New York: Stampa libera.

Stuchly, M, AJ Ruddick, et al. 1988. Valutazione teratologica dell'esposizione a campi magnetici variabili nel tempo. Teratologia 38:461-466.

Sun Microsystems Inc. 1990. Sguardo aperto. Linee guida sullo stile dell'applicazione dell'interfaccia utente grafica. Lettura, Massachusetts: Addison-Wesley.

Swanbeck, G e T Bleeker. 1989. Problemi della pelle da unità di visualizzazione visiva: provocazione di sintomi della pelle in condizioni sperimentali. Acta Derm-Venereolo 69:46-51.

Taylor, F.W. 1911. I principi della gestione scientifica. New York: Norton & Co.

Thimbleby, H. 1990. Progettazione dell'interfaccia utente. Chichester: ACM.

Tikkanen, J e OP Heinonen. 1991. Esposizione materna a fattori chimici e fisici durante la gravidanza e malformazioni cardiovascolari nella prole. Teratologia 43:591-600.

Tribukait, B ed E Cekan. 1987. Effetti dei campi magnetici pulsati sullo sviluppo embrionale nei topi. In Work With Display Units 86: Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Wahlberg, JE e C Lidén. 1988. La pelle è danneggiata dal lavoro ai videoterminali? Dermatol Clin 6:81-85.

Waterworth, JA e MH Chignell. 1989. Un manifesto per la ricerca sull'usabilità ipermediale. Ipermedia 1:205-234.

Westerholm, P e A Ericson. 1986. L'esito della gravidanza e il videoterminale lavorano in una coorte di impiegati assicurativi. In Work With Display Units 86. Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Westlander, G. 1989. Uso e non uso dei videoterminali: organizzazione del lavoro terminale. In Work With Computers: Organizational, Management, Stress and Health Aspects, a cura di MJ Smith e G Salvendy. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Westlander, G e E Aberg. 1992. Varietà nel lavoro VDT: un problema per la valutazione nella ricerca sull'ambiente di lavoro. Int J Hum Comput Interact 4:283-302.

Wickens, C. 1992. Psicologia ingegneristica e prestazioni umane. New York: Harper Collins.

Wiley, MJ e P Corey. 1992. Gli effetti dell'esposizione continua a campi magnetici a dente di sega da 20 kHz sulle cucciolate di topi CD-1. Teratologia 46:391-398.

Wilson, J e D Rosenberg. 1988. Prototipazione rapida per il design dell'interfaccia utente. In Handbook of Human-Computer Interaction, a cura di M Helander. Amsterdam: Elsevier.

Windham, GC, L Fenster, SH Swan e RR Neutra. 1990. Uso di videoterminali durante la gravidanza e rischio di aborto spontaneo, basso peso alla nascita o ritardo della crescita intrauterina. Am J Ind Med 18:675-688.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1987. Terminali visivi e salute dei lavoratori. Ginevra: OMS.

—-. 1989. Lavoro con i videoterminali: aspetti psicosociali e salute. J Occup Med 31:957-968.

Yang, CL e P Carayon. 1993. Effetti delle richieste di lavoro e del sostegno al lavoro sullo stress dei lavoratori: uno studio sugli utenti di videoterminali. Comportamento Inf Technol .

Giovane, J.E. 1993. Rete globale. Computer in una società sostenibile. Washington, DC: Worldwatch Paper 115.

Giovane, R.M. 1981. La macchina dentro la macchina: i modelli di calcolatrici tascabili degli utenti. Int J Man Mach Stud 15:51-85.

Zecca, L, P Ferrario, G Dal Conte. 1985. Studi tossicologici e teratologici nei ratti dopo l'esposizione a campi magnetici pulsati. Bioelectrochem Bioenerget 14:63-69.

Zuboff, S. 1988. Nell'era della macchina intelligente: il futuro del lavoro e del potere. New York: libri di base.