Venerdì, Marzo 25 2011 04: 03

Rischi riproduttivi - Dati sperimentali

Vota questo gioco
(0 voti )

Lo scopo degli studi sperimentali qui descritti, utilizzando modelli animali, è, in parte, quello di rispondere alla domanda se si possa dimostrare che le esposizioni a campi magnetici a frequenza estremamente bassa (ELF) a livelli simili a quelli intorno alle postazioni videoterminali influenzino le funzioni riproduttive negli animali in un modo che può essere equiparato a un rischio per la salute umana.

Gli studi qui considerati sono limitati a in vivo studi (quelli eseguiti su animali vivi) della riproduzione in mammiferi esposti a campi magnetici a bassissima frequenza (VLF) con frequenze adeguate, escludendo, quindi, gli studi sugli effetti biologici in generale dei campi magnetici VLF o ELF. Questi studi su animali da esperimento non riescono a dimostrare in modo inequivocabile che i campi magnetici, come quelli che si trovano attorno ai videoterminali, influenzano la riproduzione. Inoltre, come si può vedere considerando gli studi sperimentali descritti in dettaglio di seguito, i dati sugli animali non gettano una chiara luce sui possibili meccanismi degli effetti sulla riproduzione umana dell'uso di videoterminali. Questi dati completano la relativa assenza di indicazioni di un effetto misurabile dell'uso di videoterminali sugli esiti riproduttivi dagli studi sulla popolazione umana.

Studi sugli effetti riproduttivi dei campi magnetici VLF nei roditori

Campi magnetici VLF simili a quelli attorno ai videoterminali sono stati utilizzati in cinque studi teratologici, tre con topi e due con ratti. I risultati di questi studi sono riassunti nella tabella 1. Solo uno studio (Tribukait e Cekan 1987), ha riscontrato un aumento del numero di feti con malformazioni esterne. Stucchi et al. (1988) e Huuskonen, Juutilainen e Komulainen (1993) riportarono entrambi un aumento significativo del numero di feti con anomalie scheletriche, ma solo quando l'analisi era basata sul feto come unità. Lo studio di Wiley e Corey (1992) non ha dimostrato alcun effetto dell'esposizione al campo magnetico sul riassorbimento placentare o su altri esiti della gravidanza. I riassorbimenti placentari corrispondono approssimativamente agli aborti spontanei nell'uomo. Infine, Frölén e Svedenstål (1993) hanno eseguito una serie di cinque esperimenti. In ogni esperimento, l'esposizione è avvenuta in un giorno diverso. Tra i primi quattro sottogruppi sperimentali (inizio giorno 1-inizio giorno 5), si sono verificati aumenti significativi nel numero di riassorbimenti placentari tra le femmine esposte. Nessun effetto di questo tipo è stato osservato nell'esperimento in cui l'esposizione è iniziata il giorno 7 e che è illustrato nella figura 1.

Tabella 1. Studi teratologici con ratti o topi esposti a campi magnetici a dente di sega di 18-20 kHz

   

Esposizione al campo magnetico

 

Studio

Oggetto1

Frequenza

Ampiezza2

Durata3

Risultati4

Tribukait e Cekan (1987)

76 cucciolate di topi
(C3H)

20 kHz

1μT, 15μT

Esposto al giorno 14 di gravidanza

Aumento significativo della malformazione esterna; solo se il feto è utilizzato come unità di osservazione; e solo nella prima metà dell'esperimento; nessuna differenza per quanto riguarda il riassorbimento o la morte fetale.

Stucchi et al.
(1988)

20 cucciolate di ratti
(SD)

18 kHz

5.7μT, 23μT,
66μT

Esposto in tutto
gravidanza

Aumento significativo delle malformazioni scheletriche minori; solo se il feto è utilizzato come unità di osservazione; qualche diminuzione delle concentrazioni di cellule del sangue nessuna differenza per quanto riguarda il riassorbimento, né per quanto riguarda altri tipi di malformazioni

Wiley e Corey
(1992)

144 cucciolate di
topi (CD-1)

20 kHz

3.6μT, 17μT,
200μT

Esposto in tutto
gravidanza

Nessuna differenza rispetto a qualsiasi risultato osservato (malformazioni,
riassorbimento, ecc.).

Frölen e
Svedenstal
(1993)

In totale 707
cucciolate di topi
(ACB/S)

20 kHz

15μT

A partire da vari giorni di gravidanza in
diversi sottoesperimenti

Aumento significativo del riassorbimento; solo se l'esposizione inizia dal giorno 1 al giorno 5; nessuna differenza per quanto riguarda le malformazioni

Huuskonen,
Juutilainen e
Komulainen
(1993)

72 cucciolate di ratti
(Wistar)

20 kHz

15μT

Esposto al giorno 12 di gravidanza

Aumento significativo delle malformazioni scheletriche minori; solo se il feto è utilizzato come unità di osservazione; nessuna differenza rispetto a
riassorbimento, né quanto ad altri tipi di malformazioni.

1 Numero totale di cucciolate nella categoria di massima esposizione.

2 Ampiezza picco-picco.

3 L'esposizione variava da 7 a 24 ore al giorno in diversi esperimenti.

4 "Differenza" si riferisce a confronti statistici tra animali esposti e non esposti, "aumento" si riferisce a un confronto tra il gruppo più esposto rispetto al gruppo non esposto.

 

Figura 1. La percentuale di topi femmine con riassorbimento placentare in relazione all'esposizione

VDU040F1

Le interpretazioni date dai ricercatori alle loro scoperte includono quanto segue. Stuchly e collaboratori hanno riferito che le anomalie osservate non erano insolite e hanno attribuito il risultato a "rumore comune che appare in ogni valutazione teratologica". Huuskonen et al., i cui risultati erano simili a quelli di Stuchly et al., furono meno negativi nella loro valutazione e considerarono il loro risultato più indicativo di un effetto reale, ma anch'essi osservarono nel loro rapporto che le anomalie erano "sottili e probabilmente non pregiudicare il successivo sviluppo dei feti”. Discutendo le loro scoperte in cui gli effetti sono stati osservati nelle prime esposizioni ma non in quelle successive, Frölén e Svedenstål suggeriscono che gli effetti osservati potrebbero essere correlati ai primi effetti sulla riproduzione, prima che l'ovulo fecondato venga impiantato nell'utero.

Oltre agli esiti riproduttivi, nello studio di Stuchly e collaboratori è stata notata una diminuzione dei globuli bianchi e rossi nel gruppo di esposizione più elevato. (La conta delle cellule del sangue non è stata analizzata negli altri studi.) Gli autori, pur suggerendo che ciò potrebbe indicare un lieve effetto dei campi, hanno anche notato che le variazioni della conta delle cellule del sangue erano "all'interno del range normale". L'assenza di dati istologici e l'assenza di qualsiasi effetto sulle cellule del midollo osseo hanno reso difficile valutare questi ultimi risultati.

Interpretazione e comparazione degli studi 

Pochi dei risultati qui descritti sono coerenti tra loro. Come affermato da Frölén e Svedenstål, “non si possono trarre conclusioni qualitative riguardo agli effetti corrispondenti sugli esseri umani e sugli animali da esperimento”. Esaminiamo alcuni dei ragionamenti che potrebbero portare a tale conclusione.

I risultati di Tribukait generalmente non sono considerati conclusivi per due motivi. In primo luogo, l'esperimento ha prodotto effetti positivi solo quando il feto è stato utilizzato come unità di osservazione per l'analisi statistica, mentre i dati stessi hanno effettivamente indicato un effetto specifico della cucciolata. In secondo luogo, c'è una discrepanza nello studio tra i risultati della prima e della seconda parte, il che implica che i risultati positivi possono essere il risultato di variazioni casuali e/o di fattori incontrollati nell'esperimento.

Studi epidemiologici che indagano malformazioni specifiche non hanno osservato un aumento delle malformazioni scheletriche tra i bambini nati da madri che lavorano con videoterminali e quindi esposti a campi magnetici VLF. Per questi motivi (analisi statistica basata sul feto, anomalie probabilmente non correlate alla salute e mancanza di concordanza con i risultati epidemiologici), i risultati - sulle malformazioni scheletriche minori - non sono tali da fornire un'indicazione certa di un rischio per la salute per l'uomo.


Background tecnico

Unità di osservazione

Quando si valutano statisticamente gli studi sui mammiferi, si deve prendere in considerazione almeno un aspetto del meccanismo (spesso sconosciuto). Se l'esposizione colpisce la madre, che a sua volta colpisce i feti nella figliata, è lo stato della figliata nel suo insieme che dovrebbe essere usato come unità di osservazione (l'effetto che viene osservato e misurato), poiché l'individuo i risultati tra i compagni di cucciolata non sono indipendenti. Se invece si ipotizza che l'esposizione agisca direttamente e indipendentemente sui singoli feti all'interno della cucciolata, allora si può opportunamente utilizzare il feto come unità di valutazione statistica. La pratica usuale è contare la figliata come unità di osservazione, a meno che non sia disponibile la prova che l'effetto dell'esposizione su un feto è indipendente dall'effetto sugli altri feti nella figliata.


Wiley e Corey (1992) non hanno osservato un effetto di riassorbimento placentare simile a quello visto da Frölén e Svedenstål. Uno dei motivi addotti per questa discrepanza è che sono stati utilizzati diversi ceppi di topi e l'effetto potrebbe essere specifico per il ceppo utilizzato da Frölén e Svedenstål. Oltre a un tale effetto specie ipotizzato, è anche degno di nota il fatto che sia le femmine esposte a campi di 17 μT che i controlli nello studio Wiley avevano frequenze di riassorbimento simili a quelle delle femmine esposte nella corrispondente serie Frölén, mentre la maggior parte dei gruppi non esposti nello studio Frölén studio aveva frequenze molto più basse (vedi figura 1). Una spiegazione ipotetica potrebbe essere che un livello di stress più elevato tra i topi nello studio Wiley sia il risultato della manipolazione degli animali durante il periodo di tre ore senza esposizione. Se così fosse, forse un effetto del campo magnetico potrebbe essere stato “annegato” da un effetto stress. Sebbene sia difficile respingere definitivamente una tale teoria dai dati forniti, sembra alquanto inverosimile. Inoltre, ci si aspetterebbe che un effetto "reale" attribuibile al campo magnetico sia osservabile al di sopra di un tale effetto di stress costante all'aumentare dell'esposizione al campo magnetico. Tale tendenza non è stata osservata nei dati dello studio Wiley.

Lo studio Wiley riferisce sul monitoraggio ambientale e sulla rotazione delle gabbie per eliminare gli effetti di fattori incontrollati che potrebbero variare all'interno dell'ambiente stesso della stanza, come i campi magnetici, mentre lo studio Frölén no. Pertanto, il controllo di "altri fattori" è almeno meglio documentato nello studio Wiley. Ipoteticamente, i fattori incontrollati che non sono stati randomizzati potrebbero plausibilmente offrire alcune spiegazioni. È anche interessante notare che la mancanza di effetto osservata nella serie del giorno 7 dello studio Frölén sembra essere dovuta non a una diminuzione dei gruppi esposti, ma a un aumento del gruppo di controllo. Pertanto, le variazioni nel gruppo di controllo sono probabilmente importanti da considerare quando si confrontano i risultati disparati dei due studi.

Studi sugli effetti riproduttivi dei campi magnetici ELF nei roditori

Sono stati condotti diversi studi, principalmente su roditori, con campi da 50 a 80 Hz. I dettagli su sei di questi studi sono mostrati nella tabella 2. Sebbene siano stati condotti altri studi sull'ELF, i loro risultati non sono apparsi nella letteratura scientifica pubblicata e sono generalmente disponibili solo come abstract di conferenze. In generale i risultati sono di "effetti casuali", "nessuna differenza osservata" e così via. Uno studio, tuttavia, ha rilevato un numero ridotto di anomalie esterne nei topi CD-1 esposti a un campo di 20 mT, 50 Hz, ma gli autori hanno suggerito che ciò potrebbe riflettere un problema di selezione. Sono stati riportati alcuni studi su specie diverse dai roditori (scimmie rhesus e mucche), anche in questo caso apparentemente senza osservazioni di effetti negativi dell'esposizione.

Tabella 2. Studi teratologici con ratti o topi esposti a campi magnetici pulsati sinusoidali o quadrati da 15-60 Hz

   

Esposizione al campo magnetico

   

Studio

Oggetto1

Frequenza

Ampiezza

Descrizione

Durata dell'esposizione

Risultati

Rivas e Rius
(1985)

25 topi svizzeri

50 Hz

83 μT, 2.3 mT

Impulso, durata impulso 5 ms

Prima e durante la gravidanza e la crescita della prole; totale 120 giorni

Nessuna differenza significativa alla nascita in alcun parametro misurato; diminuzione del peso corporeo maschile quando adulto

Zecca et al. (1985)

10 ratti SD

50 Hz

5.8 mT

 

6-15 giorni di gravidanza,
3 ore/giorno

Nessuna differenza significativa

Tribukait e Cekan (1987)

35 topi C3H

50 Hz

1μT, 15μT
(picco)

Forme d'onda quadre, durata 0.5 ms

0-14 giorni di gravidanza,
24 ore/giorno

Nessuna differenza significativa

Salzinger e
Frimark (1990)

41 discendenti di ratti SD. Utilizzati solo cuccioli maschi

60 Hz

100μT (valore efficace).

Anche elettrico
esposizione sul campo.

Circolare uniforme polarizzata

Giorno 0-22 di gravidanza e
8 giorni dopo la nascita, 20 ore al giorno

Minore aumento della risposta operando durante l'addestramento a partire dai 90 giorni di età

McGivern e
Sokol (1990)

11 figli di ratti SD. Utilizzati solo cuccioli maschi.

15 Hz

800 μT (picco)

Forme d'onda quadre, durata 0.3 ms

15-20 giorni di gravidanza,
2x15 min/giorno

Comportamento di marcatura olfattiva territoriale ridotto a 120 giorni di età.
Il peso di alcuni organi è aumentato.

Huuskonen et al.
(1993)

72 ratti Wistar

50 Hz

12.6μT (rms)

sinusoidale

0-12 giorni di gravidanza,
24 ore/giorno

Più feti/cucciolata. Malformazioni scheletriche minori

1 Numero di animali (madri) nella categoria di esposizione più alta indicata se non diversamente specificato.

 

Come si può vedere dalla tabella 2, è stata ottenuta un'ampia gamma di risultati. Questi studi sono più difficili da riassumere perché ci sono così tante variazioni nei regimi di esposizione, negli endpoint in studio e in altri fattori. Il feto (o il cucciolo sopravvissuto, "abbattuto") era l'unità utilizzata nella maggior parte degli studi. Nel complesso, è chiaro che questi studi non mostrano alcun effetto teratogeno grave dell'esposizione al campo magnetico durante la gravidanza. Come osservato in precedenza, le "anomalie scheletriche minori" non sembrano avere importanza nella valutazione dei rischi umani. I risultati degli studi comportamentali di Salzinger e Freimark (1990) e McGivern e Sokol (1990) sono interessanti, ma non costituiscono una base per indicazioni di rischi per la salute umana in una postazione videoterminale, né dal punto di vista delle procedure (uso del feto , e, per McGivern, una diversa frequenza) o di effetti.

Sintesi di studi specifici

Salzinger e McGivern hanno osservato un ritardo comportamentale 3-4 mesi dopo la nascita nella prole di femmine esposte. Questi studi sembrano aver utilizzato la prole individuale come unità statistica, il che può essere discutibile se l'effetto stipulato sia dovuto a un effetto sulla madre. Lo studio Salzinger ha anche esposto i cuccioli durante i primi 8 giorni dopo la nascita, quindi questo studio ha coinvolto più dei rischi riproduttivi. In entrambi gli studi è stato utilizzato un numero limitato di cucciolate. Inoltre, non si può ritenere che questi studi confermino reciprocamente i risultati poiché le esposizioni variavano notevolmente tra loro, come si può vedere nella tabella 2.

Oltre a un cambiamento comportamentale negli animali esposti, lo studio McGivern ha rilevato un aumento di peso di alcuni organi sessuali maschili: la prostata, le vescicole seminali e l'epididimo (tutte parti del sistema riproduttivo maschile). Gli autori ipotizzano se ciò possa essere collegato alla stimolazione di alcuni livelli enzimatici nella prostata poiché sono stati osservati effetti di campo magnetico su alcuni enzimi presenti nella prostata per 60 Hz.

Huuskonen e collaboratori (1993) hanno notato un aumento del numero di feti per figliata (10.4 feti/figliata nel gruppo esposto a 50 Hz vs. 9 feti/figliata nel gruppo di controllo). Gli autori, che non avevano osservato tendenze simili in altri studi, hanno minimizzato l'importanza di questa scoperta osservando che "potrebbe essere accidentale piuttosto che un effettivo effetto del campo magnetico". Nel 1985 Rivas e Rius riportarono un risultato diverso con un numero leggermente inferiore di nati vivi per nidiata tra i gruppi esposti rispetto a quelli non esposti. La differenza non era statisticamente significativa. Hanno svolto gli altri aspetti delle loro analisi sia su base "per feto" che "per figliata". Il noto aumento delle malformazioni scheletriche minori è stato osservato solo con l'analisi che utilizzava il feto come unità di osservazione.

Raccomandazioni e Riepilogo

Nonostante la relativa mancanza di dati positivi e coerenti che dimostrino effetti sulla riproduzione umana o animale, i tentativi di replicare i risultati di alcuni studi sono ancora giustificati. Questi studi dovrebbero tentare di ridurre le variazioni nelle esposizioni, nei metodi di analisi e nei ceppi di animali utilizzati.

In generale, gli studi sperimentali eseguiti con campi magnetici a 20 kHz hanno fornito risultati alquanto vari. Se si aderisce rigorosamente alla procedura di analisi della lettiera e al test dell'ipotesi statistica, non sono stati mostrati effetti nei ratti (sebbene risultati simili non significativi siano stati ottenuti in entrambi gli studi). Nei topi, i risultati sono stati vari e al momento non sembra possibile un'unica interpretazione coerente. Per i campi magnetici a 50 Hz, la situazione è leggermente diversa. Gli studi epidemiologici rilevanti per questa frequenza sono scarsi e uno studio ha indicato un possibile rischio di aborto spontaneo. Al contrario, gli studi sperimentali sugli animali non hanno prodotto risultati con esiti simili. Nel complesso, i risultati non stabiliscono un effetto dei campi magnetici a frequenza estremamente bassa dei videoterminali sull'esito delle gravidanze. La totalità dei risultati non riesce quindi a suggerire un effetto dei campi magnetici VLF o ELF dei videoterminali sulla riproduzione.

 

Di ritorno

Leggi 6161 volte Ultima modifica Martedì, Luglio 26 2022 21: 42

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti delle unità di visualizzazione visiva

Akabri, M e S Konz. 1991. Distanza di visione per il lavoro VDT. In Designing For Everyone, a cura di Y Queinnec e F Daniellou. Londra: Taylor e Francesco.

Apple Computer Co. 1987. Linee guida per l'interfaccia umana Apple. L'interfaccia desktop di Apple. Waltham, Massachusetts: Addison-Wesley.

Amick, BC e MJ Smith. 1992. Stress, monitoraggio del lavoro basato su computer e sistemi di misurazione: una panoramica concettuale. Appl Ergon 23(1):6-16.

Bammer, G. 1987. Come il cambiamento tecnologico può aumentare il rischio di lesioni da movimenti ripetitivi. Seminari Occup Med 2:25-30.

—. 1990. Rassegna delle conoscenze attuali -Problemi muscoloscheletrici. In Work With Display Units 89: Selected Papers from the Work with Display Units Conference, settembre 1989, Montreal, a cura di L Berlinguet e D Berthelette. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Bammer, G e B Martin. 1988. Gli argomenti sulla RSI: un esame. Community Health Stud 12:348-358.

—. 1992. Lesione da sforzo ripetuto in Australia: conoscenza medica, movimento sociale e faziosità de facto. Social Prob 39:301-319.

Bastien, JMC e DL Scapin. 1993. Criteri ergonomici per la valutazione delle interfacce uomo-macchina. Relazione tecnica n. 156, Programma 3 Intelligenza artificiale, sistemi cognitivi e interazione uomo-macchina. Francia: INRIA.

Berg, M. 1988. Problemi della pelle nei lavoratori che utilizzano terminali visivi: uno studio su 201 pazienti. Contatta Dermat 19:335-341.

—-. 1989. Disturbi della pelle del viso e lavoro presso le unità di visualizzazione. Studi epidemiologici, clinici e istopatologici. Acta Derm-Venereol Suppl. 150:1-40.

Berg, M, MA Hedblad e K Erkhardt. 1990. Disturbi della pelle del viso e lavoro presso le unità di visualizzazione visiva: uno studio istopatologico. Acta Derm-Venereolo 70:216-220.

Berg, M, S Lidén, e O Axelson. 1990. Reclami cutanei e lavoro presso unità di visualizzazione visiva: uno studio epidemiologico sugli impiegati. J Am Acad Dermatol 22:621-625.

Berg, M, BB Arnetz, S Lidén, P Eneroth, and A Kallner. 1992. Techno-stress, uno studio psicofisiologico di dipendenti con disturbi cutanei associati al videoterminale. J Occup Med 34:698-701.

Bergqvist, U. 1986. Gravidanza e lavoro VDT -Una valutazione dello stato dell'arte. In Work With Display Units 86: Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Bikson, T.K. 1987. Comprensione dell'implementazione della tecnologia per ufficio. In Tecnologia e trasformazione del lavoro dei colletti bianchi, a cura di RE Kraut. Hillsdale, New Jersey: Erlbaum Associates.

Bjerkedal, T e J Egenaes. 1986. Videoterminali e difetti congeniti. Uno studio sugli esiti della gravidanza dei dipendenti del Postal-Giro-Center, Oslo, Norvegia. In Work With Display Units 86: Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Blackwell, R e A Chang. 1988. Videoterminali e gravidanza. Una recensione. Brit J Obstet Gynaec 95:446-453.

Blignault, I. 1985. Aspetti psicosociali dei disturbi da uso eccessivo. Tesi di Master in Psicologia Clinica, Dipartimento di Psicologia, The Australian National University, Canberra ACT.

Boissin, JP, J Mur, JL Richard e J Tanguy. 1991. Studio dei fattori di fatica quando si lavora su un videoterminale. In Designing for Everyone, a cura di Y Queinnec e F Daniellou. Londra: Taylor e Francesco.

Bradley, G. 1983. Effetti dell'informatizzazione sull'ambiente di lavoro e sulla salute: da una prospettiva di uguaglianza tra i sessi. Occupare infermieristica sanitaria: 35-39.

—. 1989. Computer e ambiente psicologico. Londra: Taylor e Francesco.
Bramwell, RS e MJ Davidson. 1994. Unità di visualizzazione visiva ed esito della gravidanza: uno studio prospettico. J Psychosom Obstet Gynecol 14(3):197-210.

Brandt, LPA e CV Nielsen. 1990. Malformazioni congenite tra figli di donne che lavorano con videoterminali. Scand J Ambiente di lavoro Salute 16:329-333.

—. 1992. La fecondità e l'uso dei videoterminali. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:298-301.

Breslow, L e P Buell. 1960. Mortalità e malattie coronariche e attività fisica sul lavoro in California. J Chron Dis 11:615-626.

Broadbeck, FC, D Zapf, J Prumper e M Frese. 1993. Gestione degli errori nel lavoro d'ufficio con i computer: uno studio sul campo. J Occup Organ Psychol 66:303-317.

Marrone, LMC. 1988. Linee guida per l'interfaccia uomo-computer. Norwood, New Jersey: Ablex.

Bryant, HE e EJ Love. 1989. Uso del videoterminale e rischio di aborto spontaneo. Int J Epidemiol 18:132-138.

Çakir, A. 1981. Belastung und Beanspruching bei Biuldschirmtätigkeiten. In Schriften zur Arbeitspychologie, a cura di M Frese. Berna: Huber.

Çakir, A, D Hart e TFM Stewart. 1979. Il manuale VDT. Darmstadt: Associazione di ricerca Inca-Fiej.

Carayon, P. 1993a. Job design e stress da lavoro negli impiegati. Ergonomia 36:463-477.

—. 1993 b. Effetto del monitoraggio elettronico delle prestazioni sulla progettazione del lavoro e sullo stress dei lavoratori: una revisione della letteratura e del modello concettuale. Fattori di ronzio 35(3):385-396.

Carayon-Sainfort, P. 1992. L'uso dei computer negli uffici: impatto sulle caratteristiche delle attività e sullo stress dei lavoratori. Int J Hum Comput Interact 4:245-261.

Carmichael, AJ e DL Roberts. 1992. Unità di visualizzazione visiva ed eruzioni facciali. Contatta Dermat 26:63-64.

Carroll, JM e MB Rosson. 1988. Paradosso dell'utente attivo. Nell'interfacciare il pensiero. Aspetti cognitivi dell'interazione uomo-computer, a cura di JM Carroll. Cambridge: Bradford.

Cohen, ML, JF Arroyo, GD Champion e CD Browne. 1992. Alla ricerca della patogenesi della sindrome del dolore cervicobrachiale refrattario. Una decostruzione del fenomeno RSI. Med J Australe 156:432-436.

Cohen, S e N Weinstein. 1981. Effetti non uditivi del rumore sul comportamento e sulla salute. J Soc Problemi 37:36-70.

Cooper, CL e J Marshall. 1976. Fonti occupazionali di stress: una revisione della letteratura relativa alle malattie coronariche e ai disturbi mentali. J Occupare Psicol 49:11-28.

Dainoff, MG. 1982. Fattori di stress occupazionale nell'operazione VDT: una revisione della ricerca empirica nel comportamento e nella tecnologia dell'informazione. Londra: Taylor e Francesco.

Desmarais, MC, L Giroux e L Larochelle. 1993. Un'interfaccia di consulenza basata sul riconoscimento del piano e sulla valutazione della conoscenza dell'utente. Int J Man Mach Stud 39:901-924.

Dorard, G. 1988. Place et validité des test ophthalmologiques dans l'étude de la fatica visuelle engendrée par le travail sur écran. Grenoble: Faculté de médecine, Univ. di Grenoble.

Egan, DE. 1988. Differenze individuali nell'interazione uomo-computer. In Handbook of Human-Computer Interaction, a cura di M Helander. Amsterdam: Elsevier.

Ellinger, S, W Karmaus, H Kaupen-Haas, KH Schäfer, G Schienstock e E Sonn. 1982. 1982 Arbeitsbedingungen, gesundheitsverhalten und rheumatische Erkrankungen. Amburgo: Medizinische Soziologie, Univ. Amburgo.

Ericson, A e B Källén. 1986. Uno studio epidemiologico sul lavoro con schermi video e sull'esito della gravidanza: II. Uno studio caso-controllo. Am J Ind Med 9:459-475.

Franco, AL. 1983. Effetti sulla salute in seguito all'esposizione professionale ai videoterminali. Lexington, Ky: Dipartimento di Medicina Preventiva e Salute Ambientale.

Frese, M. 1987. Interazione uomo-computer in ufficio. In International Review of Industrial and Organizational Psychology, a cura di CL Cooper. New York: Wiley.

Frölén, H e NM Svedenstål. 1993. Effetti dei campi magnetici pulsati sull'embrione di topo in via di sviluppo. Bioelettromagnetismo 14:197-204.

Friggere, HJH. 1992. Sindrome da uso eccessivo e concetto di uso eccessivo. Discussion Papers On the Pathology of Work-Related Neck and Upper Art Disorders and the Implications for Treatment, a cura di G Bammer. Documento di lavoro n. 32. Canberra: NCEPH, Australian National Univ.

Gaines, BR e MLG Shaw. 1986. Dalla multiproprietà alla sesta generazione: lo sviluppo dell'interazione uomo-macchina. Parte I. Int J Man Mach Stud 24:1-27.

Gardell, B. 1971. Alienazione e salute mentale nell'ambiente industriale moderno. In Società, stress e malattia, a cura di L Levi. Oxford: OUP.

Goldhaber, MK, MR Polen e RA Hiatt. 1988. Il rischio di aborto spontaneo e malformazioni congenite tra le donne che utilizzano terminali visivi durante la gravidanza. Am J Ind Med 13:695-706.

Gould, J.D. 1988. Come progettare sistemi utilizzabili. In Handbook of Human Computer Interaction, a cura di M Helander. Amsterdam: Elsevier.

Gould, JD e C Lewis. 1983. Progettare per l'usabilità: principi chiave e cosa pensano i designer. In Atti della conferenza CHI del 1983 sui fattori umani nei sistemi informatici, 12 dicembre, Boston. New York: ACM.

Grandjean, E. 1987. Ergonomia negli uffici computerizzati. Londra: Taylor e Francesco.

Hackman, JR e GR Oldham. 1976. Motivazione attraverso la progettazione del lavoro: test di una teoria. Organ Behav Hum Perform 16:250-279.

Hagberg, M, Å Kilbom, P Buckle, L Fine, T Itani, T Laubli, H Riihimaki, B Silverstein, G Sjogaard, S Snook e E Viikari-Juntura. 1993. Strategie per la prevenzione dei disturbi muscolo-scheletrici legati al lavoro. Appl Ergon 24:64-67.

Halasz, F e TP Moran. 1982. Analogia considerata dannosa. In atti della conferenza sui fattori umani nei sistemi informatici. Gaithersburg, Maryland: ACM Press.

Hartson, risorse umane e CE Smith. 1991. Prototipazione rapida nello sviluppo dell'interfaccia uomo-computer. Interagisci Calcola 3(1):51-91.

Hedge, A, WA Erickson e G Rubin. 1992. Effetti di fattori personali e occupazionali sui rapporti sulla sindrome dell'edificio malato negli uffici climatizzati. In Stress and Well-Being At Work-Assessments and Interventions for Occupational Mental Health, a cura di JC Quick, LR Murphy e JJ Hurrell Jr. Washington, DC: American Psychological Association.

Helme, RD, SA LeVasseur e SJ Gibson. 1992. RSI rivisitato: evidenza di differenze psicologiche e fisiologiche da un gruppo di controllo abbinato per età, sesso e occupazione. Aust NZ J Med 22:23-29.

Herzberg, F. 1974. Il vecchio saggio turco. Harvard Bus Rev (settembre/ottobre): 70-80.

House, J. 1981. Stress da lavoro e sostegno sociale. Lettura, Massachusetts: Addison-Wesley.

Hutchin, EL. 1989. Metafore per sistemi interattivi. In The Structure of Multimodal Dialogue, a cura di DG Bouwhuis, MM Taylor e F Néel. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Huuskonen, H, J Juutilainen, and H Komulainen. 1993. Effetti dei campi magnetici a bassa frequenza sullo sviluppo fetale nei ratti. Bioelettromagnetismo 14(3):205-213.

Infante-Rivard, C, M David, R Gauthier e GE Rivard. 1993. Perdita di gravidanza e programma di lavoro durante la gravidanza. Epidemiologia 4:73-75.

Institut de recherche en santé et en sécurité du travail (IRSST). 1984. Rapport du groupe de travail sur les terminaux e écran de visualisation. Montreal: IRSST.

International Business Machines Corp. (IBM). 1991a. Architettura delle applicazioni di sistema. Guida comune all'accesso degli utenti-Riferimento alla progettazione dell'interfaccia avanzata. White Plains, New York: IBM.

—. 1991b. Architettura delle applicazioni di sistema. Guida comune all'accesso degli utenti alla progettazione dell'interfaccia utente. White Plains, New York: IBM.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1984. Automazione, organizzazione del lavoro e stress occupazionale. Ginevra: OIL.

—. 1986. Numero speciale sugli espositori. Cond Lavoro Scavare .

—. 1989. Lavorare con unità di visualizzazione visiva. Serie sulla sicurezza e la salute sul lavoro, n. 61. Ginevra: ILO.

—. 1991. Privacy del lavoratore. Parte I: Protezione dei dati personali. Cond Lavoro Scava 10:2.

Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO). 1992. Requisiti ergonomici per il lavoro d'ufficio con terminali video (VDT). Norma ISO 9241. Ginevra: ISO.

Johansson, G e G Aronsson. 1984. Reazioni allo stress nel lavoro amministrativo computerizzato. J Occup Behav 5:159-181.

Juliussen, E e K Petska-Juliussen. 1994. Il settimo Almanacco annuale dell'industria informatica 1994-1995. Dallas: Almanacco dell'industria dei computer.

Kalimo, R e A Leppanen. 1985. Feedback dai videoterminali, controllo delle prestazioni e stress nella preparazione del testo nell'industria della stampa. J Occupare Psicol 58:27-38.

Kanawaty, G. 1979. Introduzione allo studio del lavoro. Ginevra: OIL.

Karasek, RA, D Baker, F Marxer, A Ahlbom e R Theorell. 1981. Latitudine decisionale sul lavoro, richieste di lavoro e malattie cardiovascolari. In Machine-Pacing and Occupational Stress, a cura di G Salvendy e MJ Smith. Londra: Taylor e Francesco.

Karat, J. 1988. Metodologie di valutazione del software. In Handbook of Human-Computer Interaction, a cura di M Helander. Amsterdam: Elsevier.

Kasl, SV. 1978. Contributi epidemiologici allo studio dello stress da lavoro. In Stress At Work, a cura di CL Cooper e R Payne. New York: Wiley.

Koh, D, CL Goh, J Jeyaratnam, WC Kee e CN Ong. 1991. Reclami dermatologici tra operatori di videocamere e impiegati. Am J Contact Dermatol 2:136-137.

Kurppa, K, PC Holmberg, K Rantala, T Nurminen, L Saxén e S Hernberg. 1986. Difetti congeniti, decorso della gravidanza e lavoro con videoterminali. Uno studio finlandese di riferimento al caso. In Work With Display Units 86: Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Läubli, T, H Nibel, C Thomas, U Schwanninger e H Krueger. 1989. Merito dei test periodici di screening visivo negli operatori videoterminali. In Work With Computers, a cura di MJ Smith e G Salvendy. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Levi, L. 1972. Stress e angoscia in risposta a stimoli psicosociali. New York: Pergamo Press.

Lewis, C e DA Norman. 1986. Progettare per errore. In User Centered System: New Perspectives On Human-Computer Interation, a cura di DA Norman e SW Draper. Hillsdale, New Jersey: Erlbaum Associates.

Lidén, C. 1990. Allergia da contatto: una causa di dermatite facciale tra gli operatori di unità di visualizzazione visiva. Am J Contact Dermatol 1:171-176.

Lidén, C e JE Wahlberg. 1985. Lavoro con videoterminali tra impiegati d'ufficio. Scand J Ambiente di lavoro Salute 11:489-493.

Lindbohm, ML, M Hietanen, P Kygornen, M Sallmen, P von Nandelstadh, H Taskinen, M Pekkarinen, M Ylikoski e K Hemminki. 1992. Campi magnetici di videoterminali e aborto spontaneo. Am J Epidemiol 136:1041-1051.

Lindström, K. 1991. Benessere e lavoro mediato dal computer di vari gruppi professionali nel settore bancario e assicurativo. Int J Hum Comput Interact 3:339-361.

Mantei, MM e TJ Teorey. 1989. Incorporare tecniche comportamentali nel ciclo di vita dello sviluppo dei sistemi. MIS Q settembre:257-274.

Marshall, C, C Nelson e MM Gardiner. 1987. Linee guida di progettazione. In Applicare la psicologia cognitiva al design dell'interfaccia utente, a cura di MM Gardiner e B Christie. Chichester, Regno Unito: Wiley.

Mayhew, DJ. 1992. Principi e linee guida nella progettazione dell'interfaccia utente del software. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice Hall.

McDonald, AD, JC McDonald, B Armstrong, N Cherry, AD Nolin e D Robert. 1988. Lavoro con unità video in gravidanza. Brit J Ind Med 45:509-515.

McGivern, RF e RZ Sokol. 1990. L'esposizione prenatale a un campo elettromagnetico a bassa frequenza demascolinizza il comportamento di marcatura del profumo degli adulti e aumenta il peso degli organi sessuali accessori nei ratti. Teratologia 41:1-8.

Meyer, JJ e A Bousquet. 1990. Disagio e abbagliamento invalidante negli operatori videoterminali. In Work With Display Units 89, a cura di L Berlinguet e D Berthelette. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Microsoft Corp. 1992. L'interfaccia di Windows: una guida alla progettazione di applicazioni. Redmond, Washington: Microsoft Corp.

Monaco, TH e DI Tepas. 1985. Lavoro a turni. In Job Stress and Blue Collar Work, a cura di CL Cooper e MJ Smith. New York: Wiley.

Morano, TP. 1981. La grammatica del linguaggio di comando: una rappresentazione per l'interfaccia utente dei sistemi informatici di interazione. Int J Man Mach Stud 15:3-50.

—-. 1983. Entrare in un sistema: analisi della mappatura delle attività interne ed esterne. In Atti della conferenza CHI 1983 sui fattori umani nei sistemi informatici, 12-15 dicembre, Boston. New York: ACM.

Moshowitz, A. 1986. Dimensioni sociali dell'automazione d'ufficio. Adv Comput 25:335-404.

Murray, WE, CE Moss, WH Parr, C Cox, MJ Smith, BFG Cohen, LW Stammerjohn e A Happ. 1981. Potenziali rischi per la salute dei videoterminali. Rapporto di ricerca NIOSH 81-129. Cincinnati, Ohio: Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH).

Nielsen, CV e LPA Brandt. 1990. Aborto spontaneo tra donne che utilizzano videoterminali. Scand J Ambiente di lavoro Salute 16:323-328.

—-. 1992. Crescita fetale, parto pretermine e mortalità infantile in relazione al lavoro con videoterminali durante la gravidanza. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:346-350.

Nielsen, J. 1992. Il ciclo di vita dell'ingegneria dell'usabilità. Computer (marzo): 12-22.

—-. 1993. Design iterativo dell'interfaccia utente. Computer (novembre): 32-41.

Nielsen, J e RL Mack. 1994. Metodi di ispezione dell'usabilità. New York: Wiley.

Numero speciale sui laboratori di utilizzo. 1994. Comportamento Inf Technol.

Nurminen, T e K Kurppa. 1988. Lavoro d'ufficio, lavoro con videoterminali e decorso della gravidanza. Fare riferimento all'esperienza delle madri da uno studio finlandese di casi di riferimento sui difetti alla nascita. Scand J Ambiente di lavoro Salute 14:293-298.

Ufficio di valutazione della tecnologia (OTA). 1987. Il supervisore elettronico: nuova tecnologia, nuove tensioni. Washington, DC: ufficio stampa del governo degli Stati Uniti.

Fondazione software aperta. 1990. Guida allo stile OSF/Motif. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice Hall.

Ostberg, O e C Nilsson. 1985. Tecnologia emergente e stress. In Job Stress and Blue Collar Work, a cura di CL Cooper e MJ Smith. New York: Wiley.

Piotrkowski, CS, GGG Cohen e KE Coray. 1992. Condizioni di lavoro e benessere delle impiegate. Int J Hum Comput Interact 4:263-282.

Pot, F, P Padmos e A Brouwers. 1987. Determinanti del benessere dell'operatore videoterminale. In Work With Display Units 86. Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Preece, J, Y Rogers, H Sharp, D Benyon, S Holland e T Carey. 1994. Interazione uomo-computer. Lettura, Massachusetts: Addison-Wesley.

Quinter, J e R Elvey. 1990. L'ipotesi neurogenica della RSI. Discussion Papers On the Pathology of Work-Related Neck and Upper Art Disorders and the Implications for Treatment, a cura di G Bammer. Documento di lavoro n. 24. Canberra: NCEPH, Australian National Univ.

Rasmussen, J. 1986. Elaborazione delle informazioni e interazione uomo-macchina. Un approccio all'ingegneria cognitiva . New York: Olanda Settentrionale.

Ravden, SJ e GI Johnson. 1989. Valutazione dell'usabilità delle interfacce uomo-computer: un approccio pratico. West Sussex, Regno Unito: E. Horwood.

—. 1992. Architettura delle applicazioni di sistema: supporto per le comunicazioni comuni. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice Hall.

Canna, AV. 1982. Strategie di correzione degli errori e interazione umana con i sistemi informatici. In Atti della conferenza sui fattori umani nei sistemi informatici Gaithersburg, Md .: ACM.

Rey, P e A Bousquet. 1989. Sforzo visivo degli operatori VDT: il giusto e lo sbagliato. In Work With Computers, a cura di G Salvendy e MJ Smith. Amsterdam: Scienza Elsevier.

—. 1990. Strategie di visita oculistica medica per operatori videoterminali. In Work With Display Units 89, a cura di L Berlinguet e D Berthelette. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Rheingold, HR. 1991. Realtà virtuale. New York: pietra di paragone.

Rich, E. 1983. Gli utenti sono individui: individualizzazione dei modelli utente. Int J Man Mach Stud 18:199-214.

Rivas, L e C Rius. 1985. Effetti dell'esposizione cronica a campi elettromagnetici deboli nei topi. IRCS Med Sci 13:661-662.

Roberto, JM. 1989. Apprendimento di un sistema informatico mediante esplorazione non assistita. Un esempio: il Macintosh. In MACINTER II Man-Computer Interaction Research, a cura di F Klix, N Streitz, Y Warren e H Wandke. Amsterdam: Elsevier.

Robert, JM e JY Fiset. 1992. Conception et évaluation ergonomiques d'une interface pour un logiciel d'aide au diagnostic: Une étude de cas. ICO printemps-été:1-7.

Roman, E, V Beral, M Pelerin e C Hermon. 1992. Aborto spontaneo e lavoro con videocitofoni. Brit J Ind Med 49:507-512.

Rubino, GF. 1990. Indagine epidemiologica sui disturbi oculari: la ricerca multicentrica italiana. In Work With Display Units 89, a cura di L Berlinguet e D Berthelette. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Rumelhart, DE e DA Norman. 1983. Processi analogici nell'apprendimento. In Abilità cognitive e loro acquisizione, a cura di JR Anderson. Hillsdale, New Jersey: Lawrence Erlbaum.

Ryan, GA e M. Bampton. 1988. Confronto di operatori di elaborazione dati con e senza sintomi dell'arto superiore. Community Health Stud 12:63-68.

Ryan, GA, JH Mullerworth e J Pimble. 1984. La prevalenza della lesione da sforzo ripetuto negli operatori di elaborazione dati. In Atti della 21a Conferenza annuale della Società di ergonomia dell'Australia e della Nuova Zelanda. Sidney.

Sanfort, PC. 1990. Predittori della progettazione del lavoro di stress negli uffici automatizzati. Behav Inf Technol 9:3-16.

—-. 1991. Stress, controllo del lavoro e altri elementi del lavoro: uno studio sugli impiegati. Int J Ind Erg 7:11-23.

Salvendy, G. 1992. Manuale di ingegneria industriale. New York: Wiley.

Salzinger, K e S Freimark. 1990. Comportamento operante alterato di ratti adulti dopo l'esposizione perinatale a un campo elettromagnetico di 60 Hz. Bioelettromagnetismo 11:105-116.

Sauter, SL, CL Cooper e JJ Hurrell. 1989. Controllo del lavoro e salute dei lavoratori. New York: Wiley.

Sauter, SL, MS Gottlieb, KC Jones, NV Dodson e KM Rohrer. 1983a. Implicazioni sul lavoro e sulla salute dell'uso del VDT: risultati iniziali dello studio Wisconsin-NIOSH. Comuni ACM 26:284-294.

Sauter, SL, MS Gottlieb, KM Rohrer e NV Dodson. 1983b. Il benessere degli utenti di videoterminali. Uno studio esplorativo. Cincinnati, Ohio: NIOSH.

Scapino, DL. 1986. Guida ergonomica di concezione delle interfacce uomo-macchina. Rapporto di ricerca n. 77. Le Chesnay, Francia: INRIA.

Schnorr, TM, BA Grajewski, RW Hornung, MJ Thun, GM Egeland, WE Murray, DL Conover e WE Halperin. 1991. I videoterminali e il rischio di aborto spontaneo. New Engl J Med 324:727-733.

Shepherd, A. 1989. Analisi e formazione nei compiti di tecnologia dell'informazione. In Task Analysis for Human-Computer Interaction, a cura di D Diaper. Chichester: MI Horwood.

Shneiderman, B. 1987. Progettazione dell'interfaccia utente: strategie per un'efficace interazione uomo-computer. Lettura, Massachusetts: Addison-Wesley.

Sjödren, S e A Elfstrom. 1990. Disturbi oculari tra 4000 utilizzatori di videoterminali. Al lavoro con display
Unità 89, a cura di L Berlinguet e D Berthelette. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Smith, M.J. 1987. Stress professionale. In Handbook of Ergonomics/Human Factors, a cura di G Salvendy. New York: Wiley.

Smith, MJ e BC Amick. 1989. Monitoraggio elettronico sul posto di lavoro: implicazioni per il controllo dei dipendenti e lo stress lavorativo. In Job Control and Worker Health, a cura di S Sauter, J Hurrel e C Cooper. New York: Wiley.

Smith, MJ, P Carayon e K Miezio. 1987. Tecnologia VDT: problemi psicosociali e di stress. In Work With Display Units, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Smith, MJ e P Carayon-Sainfort. 1989. Una teoria dell'equilibrio della progettazione del lavoro per la riduzione dello stress. Int J Ind Erg 4:67-79.

Smith, MJ, GGG Cohen, LW Stammerjohn e A Happ. 1981. Un'indagine sui disturbi di salute e sullo stress lavorativo nelle operazioni di visualizzazione video. Fattori di ronzio 23:387-400.

Smith, MJ, P Carayon, KH Sanders, SY Lim e D LeGrande. 1992a. Monitoraggio elettronico delle prestazioni, progettazione del lavoro e stress del lavoratore. Appl Ergon 23:17-27.

Smith, MJ, G Salvendy, P Carayon-Sainfort, e R Eberts. 1992 b. Interazione umano-computer. In Handbook of Industrial Engineering, a cura di G Salvendy. New York: Wiley.

Smith, SL e SL Mosier. 1986. Linee guida per la progettazione del software dell'interfaccia utente. Rapporto ESD-TR-278. Bedford, Massachussets: MITRE.

Ramo di epidemiologia della Commissione sanitaria dell'Australia meridionale. 1984. Sintomi di stress da ripetizione e condizioni di lavoro tra gli addetti alla tastiera impegnati nell'immissione di dati o nell'elaborazione di testi nel servizio pubblico dell'Australia meridionale. Adelaide: Commissione per la salute dell'Australia meridionale.

Stammerjohn, LW, MJ Smith e GGG Cohen. 1981. Valutazione dei fattori di progettazione della stazione di lavoro nelle operazioni VDT. Fattori di ronzio 23:401-412.

Stellman, JM, S Klitzman, GC Gordon e BR Snow. 1985. Qualità dell'aria ed ergonomia in ufficio: risultati dell'indagine e questioni metodologiche. Am Ind Hyg Assoc J 46:286-293.

—-. 1987a. Confronto del benessere tra impiegati interattivi senza macchina e utilizzatori e dattilografi di videoterminali a tempo pieno e part-time. In Work With Display Units 86. Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

—-. 1987b. Ambiente di lavoro e benessere degli impiegati e dei videoterminali. J Occup Behav 8:95-114.

Strassmann, PA. 1985. Payoff informativo: la trasformazione del lavoro nell'era elettronica. New York: Stampa libera.

Stuchly, M, AJ Ruddick, et al. 1988. Valutazione teratologica dell'esposizione a campi magnetici variabili nel tempo. Teratologia 38:461-466.

Sun Microsystems Inc. 1990. Sguardo aperto. Linee guida sullo stile dell'applicazione dell'interfaccia utente grafica. Lettura, Massachusetts: Addison-Wesley.

Swanbeck, G e T Bleeker. 1989. Problemi della pelle da unità di visualizzazione visiva: provocazione di sintomi della pelle in condizioni sperimentali. Acta Derm-Venereolo 69:46-51.

Taylor, F.W. 1911. I principi della gestione scientifica. New York: Norton & Co.

Thimbleby, H. 1990. Progettazione dell'interfaccia utente. Chichester: ACM.

Tikkanen, J e OP Heinonen. 1991. Esposizione materna a fattori chimici e fisici durante la gravidanza e malformazioni cardiovascolari nella prole. Teratologia 43:591-600.

Tribukait, B ed E Cekan. 1987. Effetti dei campi magnetici pulsati sullo sviluppo embrionale nei topi. In Work With Display Units 86: Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Wahlberg, JE e C Lidén. 1988. La pelle è danneggiata dal lavoro ai videoterminali? Dermatol Clin 6:81-85.

Waterworth, JA e MH Chignell. 1989. Un manifesto per la ricerca sull'usabilità ipermediale. Ipermedia 1:205-234.

Westerholm, P e A Ericson. 1986. L'esito della gravidanza e il videoterminale lavorano in una coorte di impiegati assicurativi. In Work With Display Units 86. Selected Papers from the International Scientific Conference On Work With Display Units, maggio 1986, Stoccolma, a cura di B Knave e PG Widebäck. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Westlander, G. 1989. Uso e non uso dei videoterminali: organizzazione del lavoro terminale. In Work With Computers: Organizational, Management, Stress and Health Aspects, a cura di MJ Smith e G Salvendy. Amsterdam: Scienza Elsevier.

Westlander, G e E Aberg. 1992. Varietà nel lavoro VDT: un problema per la valutazione nella ricerca sull'ambiente di lavoro. Int J Hum Comput Interact 4:283-302.

Wickens, C. 1992. Psicologia ingegneristica e prestazioni umane. New York: Harper Collins.

Wiley, MJ e P Corey. 1992. Gli effetti dell'esposizione continua a campi magnetici a dente di sega da 20 kHz sulle cucciolate di topi CD-1. Teratologia 46:391-398.

Wilson, J e D Rosenberg. 1988. Prototipazione rapida per il design dell'interfaccia utente. In Handbook of Human-Computer Interaction, a cura di M Helander. Amsterdam: Elsevier.

Windham, GC, L Fenster, SH Swan e RR Neutra. 1990. Uso di videoterminali durante la gravidanza e rischio di aborto spontaneo, basso peso alla nascita o ritardo della crescita intrauterina. Am J Ind Med 18:675-688.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1987. Terminali visivi e salute dei lavoratori. Ginevra: OMS.

—-. 1989. Lavoro con i videoterminali: aspetti psicosociali e salute. J Occup Med 31:957-968.

Yang, CL e P Carayon. 1993. Effetti delle richieste di lavoro e del sostegno al lavoro sullo stress dei lavoratori: uno studio sugli utenti di videoterminali. Comportamento Inf Technol .

Giovane, J.E. 1993. Rete globale. Computer in una società sostenibile. Washington, DC: Worldwatch Paper 115.

Giovane, R.M. 1981. La macchina dentro la macchina: i modelli di calcolatrici tascabili degli utenti. Int J Man Mach Stud 15:51-85.

Zecca, L, P Ferrario, G Dal Conte. 1985. Studi tossicologici e teratologici nei ratti dopo l'esposizione a campi magnetici pulsati. Bioelectrochem Bioenerget 14:63-69.

Zuboff, S. 1988. Nell'era della macchina intelligente: il futuro del lavoro e del potere. New York: libri di base.