Mercoledì, marzo 09 2011 17: 04

Gestione e riciclaggio dei rifiuti solidi

Vota questo gioco
(0 voti )

I rifiuti solidi sono tradizionalmente descritti come prodotti residui, che rappresentano un costo quando si deve ricorrere allo smaltimento.

La gestione dei rifiuti comprende una serie complessa di potenziali impatti sulla salute umana, sulla sicurezza e sull'ambiente. Gli impatti, sebbene la tipologia dei pericoli possa essere simile, vanno distinti per tre distinte tipologie di operazione:

  • movimentazione e stoccaggio presso il produttore di rifiuti
  • raccolta e trasporto
  • smistamento, lavorazione e smaltimento.

 

Si dovrebbe tenere presente che i rischi per la salute e la sicurezza sorgono laddove i rifiuti sono prodotti in primo luogo - in fabbrica o con il consumatore. Pertanto, lo stoccaggio dei rifiuti presso il generatore di rifiuti - e soprattutto quando i rifiuti sono separati alla fonte - può causare un impatto dannoso sull'ambiente circostante. Questo articolo si concentrerà su un quadro per comprendere le pratiche di gestione dei rifiuti solidi e situare i rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro associati alle industrie di raccolta, trasporto, lavorazione e smaltimento dei rifiuti.

Perché la gestione dei rifiuti solidi?

La gestione dei rifiuti solidi diventa necessaria e rilevante quando la struttura della società cambia da agricola con popolazione a bassa densità e diffusa a popolazione urbana ad alta densità. Inoltre, l'industrializzazione ha introdotto un gran numero di prodotti che la natura non può, o può solo molto lentamente, decomporre o digerire. Pertanto, alcuni prodotti industriali contengono sostanze che, a causa della bassa degradabilità o addirittura delle caratteristiche tossiche, possono accumularsi in natura a livelli che rappresentano una minaccia per il futuro utilizzo delle risorse naturali da parte dell'umanità, ovvero acqua potabile, suolo agricolo, aria e così via .

L'obiettivo della gestione dei rifiuti solidi è prevenire l'inquinamento dell'ambiente naturale.

Un sistema di gestione dei rifiuti solidi dovrebbe basarsi su studi tecnici e procedure di pianificazione generali, tra cui:

  • studi e stime sulla composizione e quantità dei rifiuti
  • studi sulle tecniche di raccolta
  • studi sugli impianti di trattamento e smaltimento
  • studi sulla prevenzione dell'inquinamento dell'ambiente naturale
  • studi sulle norme di salute e sicurezza sul lavoro
  • studi di fattibilità.

 

Gli studi devono includere la protezione dell'ambiente naturale e gli aspetti di salute e sicurezza sul lavoro, tenendo conto delle possibilità di sviluppo sostenibile. Poiché raramente è possibile risolvere tutti i problemi in una volta, è importante in fase di pianificazione notare che è utile stabilire un elenco di priorità. Il primo passo per risolvere i rischi ambientali e professionali è riconoscere l'esistenza dei pericoli.

Principi di gestione dei rifiuti

La gestione dei rifiuti coinvolge una complessa e ampia gamma di relazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro. La gestione dei rifiuti rappresenta un processo produttivo “inverso”; il “prodotto” è la rimozione dei materiali in eccesso. Lo scopo originario era semplicemente quello di raccogliere i materiali, riutilizzare la parte pregiata dei materiali e smaltire ciò che rimaneva presso i siti più vicini non utilizzati per scopi agricoli, edifici e così via. Questo è ancora il caso in molti paesi.

Le fonti di rifiuti possono essere descritte dalle diverse funzioni in una società moderna (vedi tabella 1).

Tabella 1. Fonti di rifiuti

Attività

Descrizione dei rifiuti

Industria

Residui di prodotto
Prodotti predefiniti

Rivendere

Prodotti predefiniti

Retail packaging

Imballaggio per il trasporto
Prodotti predefiniti
Prodotti organici (dalla lavorazione degli alimenti)
Spreco di cibo

Consumatori

Imballaggio per il trasporto
Imballaggi per la vendita al dettaglio (carta, vetro, metallo, plastica, ecc.)
Rifiuti di cucina (organici)
Rifiuti pericolosi (prodotti chimici, olio)
Rifiuti ingombranti (mobili usati) ecc.
Rifiuti da giardino

Costruzione e demolizione

Calcestruzzo, mattoni, ferro, terra, ecc.

Attività infrastrutturali

Rifiuti del parco
Rifiuti per la pulizia delle strade
Clinker, ceneri e fumi da produzione di energia
Fanghi di depurazione
Rifiuti ospedalieri

Trattamento dei rifiuti

Rifiuti dagli impianti di smistamento
Clinker, ceneri e prodotti per la pulizia dei fumi da
incenerimento

 

Ogni tipologia di rifiuto è caratterizzata dalla sua origine o dal tipo di prodotto che era prima di diventare rifiuto. Quindi, sostanzialmente i suoi rischi per la salute e la sicurezza dovrebbero essere stabiliti sulla restrizione della manipolazione del prodotto da parte del produttore di rifiuti. In ogni caso, lo stoccaggio dei rifiuti può creare nuovi e più forti elementi di pericolosità (attività chimica e/o biologica nel periodo di stoccaggio).

La gestione dei rifiuti solidi può essere distinta nelle seguenti fasi:

  • separazione alla fonte in una specifica frazione di rifiuti in funzione delle caratteristiche del materiale
  • deposito temporaneo presso il produttore di rifiuti in cassonetti, sacchi, contenitori o alla rinfusa
  • ritiro e trasporto con automezzo:
    • manuale, tiro a cavallo, motorizzato e così via
    • piattaforma aperta, cassone chiuso, compattatore e così via
  • stazione di trasferimento: compattazione e ricarico su unità di trasporto più grandi
  • impianti di riciclaggio e/o trattamento dei rifiuti
  • trattamento dei rifiuti:
    • cernita manuale o meccanica in diverse frazioni di materiale per il riciclaggio
    • trasformazione di frazioni di rifiuti preselezionati in materie prime secondarie
    • lavorazione di nuove materie prime
    • incenerimento per riduzione volumetrica e/o recupero energetico
    • digestione anaerobica di sostanze organiche per la produzione di ammendante, fertilizzante ed energia (biogas)
    • compostaggio di sostanze organiche per la produzione di ammendante e fertilizzante
  • smaltimento dei rifiuti:
    • discarica, che dovrebbe essere progettata e localizzata in modo da impedire la migrazione di acque inquinate (percolato di discarica), in particolare verso le risorse di acqua potabile (risorse sotterranee, pozzi e fiumi).

Il riciclaggio dei rifiuti può avvenire in qualsiasi fase del sistema dei rifiuti e, in ogni fase del sistema dei rifiuti, possono insorgere particolari rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro.

Nelle società a basso reddito e nei paesi non industriali, il riciclaggio dei rifiuti solidi è un reddito di base per i raccoglitori di rifiuti. In genere, non vengono poste domande sui rischi per la salute e la sicurezza in queste aree.

Nei paesi a forte industrializzazione è evidente la tendenza a porre maggiore attenzione al riciclo delle enormi quantità di rifiuti prodotti. Motivi importanti vanno oltre il valore di mercato diretto dei rifiuti e includono la mancanza di adeguati impianti di smaltimento e la crescente consapevolezza pubblica dello squilibrio tra consumo e protezione dell'ambiente naturale. Pertanto, la raccolta e lo scavenging dei rifiuti sono stati ribattezzati riciclaggio per migliorare l'attività nella mente del pubblico, determinando una consapevolezza in forte crescita delle condizioni di lavoro nel settore dei rifiuti.

Oggi, le autorità per la salute e la sicurezza sul lavoro nei paesi industrializzati si stanno concentrando su condizioni di lavoro che, alcuni anni fa, passavano inosservate con tacita accettazione, come:

  • sollevamento improprio di carichi pesanti e quantità eccessiva di materiali movimentati per giornata lavorativa
  • esposizione inappropriata a polvere di composizione sconosciuta
  • impatto inosservato di microrganismi (batteri, funghi) ed endotossine
  • esposizione inosservata a sostanze chimiche tossiche.

 

Smaltimento

Riciclo o recupero è la parola che racchiude sia il riuso (uso per lo stesso scopo) sia il recupero/recupero di materia o di energia.

Le ragioni per implementare il riciclaggio possono cambiare a seconda delle condizioni nazionali e locali, e le idee chiave nelle argomentazioni per il riciclaggio possono essere:

  • disintossicazione dei rifiuti pericolosi quando le autorità stabiliscono elevati standard ambientali
  • recupero delle risorse nelle aree a basso reddito
  • riduzione del volume nelle aree dove predomina lo smaltimento in discarica
  • recupero energetico in aree dove la conversione dei rifiuti in energia può sostituire il combustibile fossile (carbone, gas naturale, petrolio greggio e così via) per la produzione di energia.

 

Come accennato in precedenza, il riciclaggio può avvenire in qualsiasi fase del sistema dei rifiuti, ma il riciclaggio può essere progettato per impedire che i rifiuti “nascano”. Questo è il caso quando i prodotti sono progettati per il riciclaggio e un sistema per il riacquisto dopo l'uso finale, ad esempio versando un deposito sui contenitori per bevande (bottiglie di vetro e così via).

Pertanto, il riciclaggio può andare oltre la semplice attuazione del recupero o del recupero di materiali dal flusso dei rifiuti.

Il riciclaggio dei materiali implica, nella maggior parte dei casi, la separazione o lo smistamento dei materiali di scarto in frazioni con un grado minimo di finezza come prerequisito per l'utilizzo dei rifiuti in sostituzione di materie prime vergini o primarie.

La cernita può essere effettuata dai produttori di rifiuti (separazione alla fonte), oppure dopo la raccolta, ovvero la separazione presso un impianto centrale di cernita.

Separazione alla fonte

La separazione alla fonte, con la tecnologia odierna, si tradurrà in frazioni di rifiuti che sono "progettate" per la lavorazione. Un certo grado di separazione alla fonte è inevitabile, poiché alcune miscele di frazioni di rifiuti possono essere nuovamente separate in frazioni materiali utilizzabili solo con un grande sforzo (economico). La progettazione della separazione alla fonte deve sempre tenere in considerazione il tipo finale di riciclaggio.

L'obiettivo del sistema di raccolta differenziata alla fonte dovrebbe essere quello di evitare una miscelazione o l'inquinamento delle diverse frazioni di rifiuti, che potrebbero essere un ostacolo al facile riciclaggio.

La raccolta di frazioni di rifiuti differenziate alla fonte spesso comporta rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro più evidenti rispetto alla raccolta alla rinfusa. Ciò è dovuto alla concentrazione di specifiche frazioni di rifiuti, ad esempio sostanze tossiche. La cernita di sostanze organiche facilmente degradabili può portare a livelli elevati di esposizione a funghi pericolosi, batteri, endotossine e così via, quando i materiali vengono maneggiati o ricaricati.

Ordinamento centrale

Lo smistamento centrale può essere effettuato con metodi meccanici o manuali.

È opinione generale che la cernita meccanica senza previa separazione alla fonte mediante la tecnologia oggi nota debba essere utilizzata solo per la produzione di combustibile derivato da rifiuti (CDR). Prerequisiti per condizioni di lavoro accettabili sono l'involucro totale dell'attrezzatura meccanica e l'uso di “tute spaziali” personali quando si devono eseguire interventi di assistenza e manutenzione.

Lo smistamento meccanico centrale con precedente separazione alla fonte, con la tecnologia odierna, non ha avuto successo a causa delle difficoltà nel raggiungere un'adeguata efficienza di smistamento. Quando le caratteristiche delle frazioni di rifiuti differenziate diventeranno più chiaramente definite, e quando queste caratteristiche diventeranno valide su base nazionale o internazionale, allora ci si può aspettare che vengano sviluppate nuove tecniche adeguate ed efficienti. Il successo di queste nuove tecniche sarà strettamente legato a una prudente considerazione per ottenere condizioni di lavoro accettabili.

Lo smistamento centrale manuale dovrebbe implicare una preventiva separazione alla fonte per evitare rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro (polvere, batteri, sostanze tossiche e così via). La cernita manuale dovrebbe essere limitata solo a un numero limitato di “qualità” di frazioni di rifiuti per evitare prevedibili errori di cernita alla fonte e per facilitare le strutture di controllo presso l'area di ricezione dell'impianto. Man mano che le frazioni di rifiuti diventano più chiaramente definite, sarà possibile sviluppare sempre più dispositivi per procedure di selezione automatica per ridurre al minimo l'esposizione umana diretta a sostanze nocive.

Perché Riciclare?

È importante notare che il riciclaggio non è un metodo di trattamento dei rifiuti che dovrebbe essere visto indipendentemente da altre pratiche di gestione dei rifiuti. Per integrare il riciclaggio, è necessario avere accesso a una discarica adeguatamente gestita e forse a impianti di trattamento dei rifiuti più tradizionali come impianti di incenerimento e impianti di compostaggio.

Il riciclaggio dovrebbe essere valutato in relazione a

  • approvvigionamento locale di materie prime ed energia
  • ciò che viene sostituito - risorse rinnovabili (es. carta/albero) o risorse non rinnovabili (es. petrolio).

 

Finché il petrolio e il carbone saranno utilizzati come risorse energetiche, ad esempio, l'incenerimento dei rifiuti e del combustibile derivato dai rifiuti con il recupero di energia costituirà una valida opzione di gestione dei rifiuti basata sul recupero di energia. La minimizzazione delle quantità di rifiuti con questo metodo, tuttavia, deve sfociare in depositi finali soggetti a standard ambientali estremamente severi, che possono essere molto costosi.

 

Di ritorno

Leggi 29011 volte Ultima modifica sabato 30 luglio 2011 15:56

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti sul controllo dell'inquinamento ambientale

Associazione americana di sanità pubblica (APHA). 1995. Metodi standard per l'esame dell'acqua e delle acque reflue. Alessandria, Virginia: Federazione per l'ambiente idrico.

Segreteria dell'ARET. 1995. Leader ambientali 1, Impegni volontari all'azione sui tossici attraverso ARET. Hull, Quebec: ufficio di inchiesta pubblica del Canada per l'ambiente.

Vescovo, PL. 1983. Inquinamento marino e suo controllo. New York: McGraw Hill.

Brown, LC e TO Barnwell. 1987. Modelli avanzati di qualità dell'acqua di flusso QUAL2E e QUAL2E-UNCAS: documentazione e manuale utente. Atene, Georgia: US EPA, laboratorio di ricerca ambientale.

Marrone, dx. 1993. Pure Appl Chem 65(8):1859-1874.

Calabrese, EJ e EM Kenyon. 1991. Tossicità dell'aria e valutazione del rischio. Chelsea, Michigan: Lewis.

Canada e Ontario. 1994. L'accordo Canada-Ontario nel rispetto dell'ecosistema dei Grandi Laghi. Hull, Quebec: ufficio di inchiesta pubblica del Canada per l'ambiente.

Dillon, P.J. 1974. Una revisione critica del modello di bilancio dei nutrienti di Vollenweider e altri modelli correlati. Risorsa idrica Bull 10(5):969-989.

Eckenfelder, WW. 1989. Controllo dell'inquinamento idrico industriale. New York: McGraw Hill.

Econopoulos, AP. 1993. Valutazione delle fonti di inquinamento dell'aria, dell'acqua e del suolo. Una guida alle tecniche di inventario rapido delle fonti e al loro utilizzo nella formulazione di strategie di controllo ambientale. Parte prima: tecniche di inventario rapido nell'inquinamento ambientale. Parte seconda: approcci da considerare nella formulazione di strategie di controllo ambientale. (Documento non pubblicato WHO/YEP/93.1.) Ginevra: WHO.

Agenzia per la protezione dell'ambiente (EPA). 1987. Linee guida per la delimitazione delle aree di protezione della testa di pozzo. Englewood Cliffs, New Jersey: EPA.

Ambiente Canada. 1995a. Prevenzione dell'inquinamento: una strategia d'azione federale. Ottawa: Ambiente Canada.

—. 1995b. Prevenzione dell'inquinamento: una strategia d'azione federale. Ottawa: Ambiente Canada.

Fermo, RA e JA Cherry. 1987. Acque sotterranee. Englewood Cliffs, New Jersey: Prentice Hall.

Sistema di monitoraggio ambientale globale (GEMS/Aria). 1993. Un programma globale per il monitoraggio e la valutazione della qualità dell'aria urbana. Ginevra: UNEP.

Hosker, RP. 1985. Flusso attorno a strutture isolate e gruppi di edifici, una recensione. ASHRAE Trans 91.

Commissione mista internazionale (IJC). 1993. Una strategia per l'eliminazione virtuale delle sostanze tossiche persistenti. vol. 1, 2, Windsor, Ontario: IJC.

Kanarek, A. 1994. Ricarica delle acque sotterranee con effluenti municipali, bacini di ricarica Soreq, Yavneh 1 e Yavneh 2. Israele: Mekoroth Water Co.

Lee, N. 1993. Panoramica della VIA in Europa e sua applicazione nel New Bundeslander. Nell'UVP

Leitfaden, a cura di V Kleinschmidt. Dortmund.

Metcalf e Eddy, I. 1991. Trattamento, smaltimento e riutilizzo dell'ingegneria delle acque reflue. New York: McGraw Hill.

Miller, JM e A Soudine. 1994. Il sistema di sorveglianza atmosferica globale dell'OMM. Hvratski meteorolski casopsis 29:81-84.

Ministerium für Umwelt. 1993. Raumordnung Und Landwirtschaft Des Landes Nordrhein-Westfalen, Luftreinhalteplan
Ruhrgebiet West [Piano di attuazione dell'aria pulita zona della Ruhr occidentale].

Parkhurst, B. 1995. Metodi di gestione del rischio, ambiente idrico e tecnologia. Washington, DC: Federazione per l'ambiente idrico.

Pecor, CH. 1973. Bilancio annuale dell'azoto e del fosforo del lago Houghton. Lansing, Michigan: Dipartimento delle risorse naturali.

Pielke, RA. 1984. Modellazione meteorologica su mesoscala. Orlando: stampa accademica.

Preul, HC. 1964. Viaggio di composti azotati nei suoli. dottorato di ricerca Tesi di laurea, Università del Minnesota, Minneapolis, Minn.

—. 1967. Movimento sotterraneo dell'azoto. vol. 1. Londra: Associazione internazionale sulla qualità dell'acqua.

—. 1972. Analisi e controllo dell'inquinamento sotterraneo. Ricerca sull'acqua. J Int Assoc Qualità dell'acqua (ottobre):1141-1154.

—. 1974. Effetti dello smaltimento dei rifiuti nel sottosuolo nello spartiacque del lago Sunapee. Studio e rapporto per Lake Sunapee Protective Association, Stato del New Hampshire, non pubblicato.

—. 1981. Piano di riciclaggio per le acque reflue delle concerie di cuoio. Associazione internazionale per le risorse idriche.

—. 1991. Nitrati nelle risorse idriche negli Stati Uniti. : Associazione risorse idriche.

Preul, HC e GJ Schroepfer. 1968. Viaggio di composti azotati nei suoli. J Water Pollut Contr Fed (aprile).

Reid, G e R Wood. 1976. Ecologia delle acque interne e degli estuari. New York: Van Nostrand.

Reish, D. 1979. Inquinamento marino ed estuario. J Water Pollut Contr Fed 51(6):1477-1517.

Sawyer, NC. 1947. Fertilizzazione dei laghi mediante drenaggio agricolo e urbano. J New Engl Waterworks Assoc 51:109-127.

Schwela, DH e io Köth-Jahr. 1994. Leitfaden für die Aufstellung von Luftreinhalteplänen [Linee guida per l'attuazione dei piani di attuazione dell'aria pulita]. Landesumweltamt des Landes Nordrhein Westfalen.

Stato dell'Ohio. 1995. Standard di qualità dell'acqua. Nel cap. 3745-1 nel codice amministrativo. Columbus, Ohio: APE dell'Ohio.

Taylor, ST. 1995. Simulazione dell'impatto della vegetazione radicata sui nutrienti interni e sulla dinamica dell'ossigeno disciolto utilizzando il modello diurno OMNI. In atti della conferenza annuale del WEF. Alessandria, Virginia: Federazione per l'ambiente idrico.

Stati Uniti e Canada. 1987. Accordo sulla qualità dell'acqua dei Grandi Laghi rivisto del 1978 come modificato dal protocollo firmato il 18 novembre 1987. Hull, Quebec: Ufficio per le indagini pubbliche del Canada ambientale.

Venkatram, A e J Wyngaard. 1988. Lezioni sulla modellazione dell'inquinamento atmosferico. Boston, Mass: American Meteorological Society.

Venezia, RA. 1977. Uso del territorio e pianificazione dei trasporti. In Inquinamento atmosferico, a cura di AC Stern. New York: stampa accademica.

Verein Deutscher Ingenieure (VDI) 1981. Linea guida 3783, parte 6: Dispersione regionale degli inquinanti su treno complesso.
Simulazione del campo eolico. Düsseldorf: VDI.

—. 1985. Linea guida 3781, Parte 3: Determinazione dell'innalzamento del pennacchio. Düsseldorf: VDI.

—. 1992. Linea guida 3782, parte 1: modello di dispersione gaussiana per la gestione della qualità dell'aria. Düsseldorf: VDI.

—. 1994. Linea guida 3945, parte 1 (bozza): modello a sbuffo gaussiano. Düsseldorf: VDI.

—. nd Linea guida 3945, parte 3 (in preparazione): modelli di particelle. Düsseldorf: VDI.

Viessman, W, GL Lewis e JW Knapp. 1989. Introduzione all'idrologia. New York: Harper & Row.

Vollenweider, RA. 1968. Fondamenti scientifici dell'eutrofizzazione dei laghi e delle acque correnti, con particolare
Riferimento ai fattori di azoto e fosforo nell'eutrofizzazione. Parigi: OCSE.

—. 1969. Möglichkeiten e Grenzen elementarer Modelle der Stoffbilanz von Seen. Arco Hydrobiol 66:1-36.

Walsch, deputato. 1992. Revisione delle misure di controllo delle emissioni dei veicoli a motore e della loro efficacia. In Motor Vehicle Air Pollution, Public Health Impact and Control Measures, a cura di D Mage e O Zali. Repubblica e Cantone di Ginevra: Servizio OMS-Ecotossicologia, Dipartimento della sanità pubblica.

Federazione per l'ambiente idrico. 1995. Prevenzione dell'inquinamento e minimizzazione dei rifiuti Digest. Alessandria, Virginia: Federazione per l'ambiente idrico.

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1980. Glossario sull'inquinamento atmosferico. Serie europea, n. 9. Copenaghen: pubblicazioni regionali dell'OMS.

—. 1987. Linee guida sulla qualità dell'aria per l'Europa. Serie europea, n. 23. Copenaghen: pubblicazioni regionali dell'OMS.

Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e Programma ambientale delle Nazioni Unite (UNEP). 1994. GEMS/AIR Methodology Review Handbook Series. vol. 1-4. Assicurazione di qualità nel monitoraggio della qualità dell'aria urbana, Ginevra: OMS.

—. 1995a. Tendenze della qualità dell'aria in città. vol. 1-3. Ginevra: OMS.

—. 1995 b. GEMS/AIR Methodology Review Handbook Series. vol. 5. Linee guida per revisioni collaborative GEMS/AIR. Ginevra: OMS.

Yamartino, RJ e G Wiegand. 1986. Sviluppo e valutazione di modelli semplici per i campi di flusso, turbolenza e concentrazione di inquinanti all'interno di un canyon stradale urbano. Ambiente Atmos 20(11):S2137-S2156.