Lunedi, 04 aprile 2011 19: 48

Cultura e gestione della sicurezza

Vota questo gioco
(3 voti )

La cultura della sicurezza è un nuovo concetto tra i professionisti della sicurezza e i ricercatori accademici. Si può ritenere che la cultura della sicurezza includa vari altri concetti che si riferiscono ad aspetti culturali della sicurezza sul lavoro, come atteggiamenti e comportamenti verso la sicurezza, nonché il clima di sicurezza sul posto di lavoro, a cui si fa riferimento più comunemente e sono abbastanza ben documentati.

Sorge la domanda se la cultura della sicurezza sia solo una nuova parola usata per sostituire vecchie nozioni o porti nuovi contenuti sostanziali che possono ampliare la nostra comprensione delle dinamiche di sicurezza nelle organizzazioni? La prima sezione di questo articolo risponde a questa domanda definendo il concetto di cultura della sicurezza ed esplorandone le potenziali dimensioni.

Un'altra questione che può essere sollevata sulla cultura della sicurezza riguarda il suo rapporto con le prestazioni di sicurezza delle imprese. È accettato che imprese simili classificate in una data categoria di rischio spesso differiscono per quanto riguarda le loro effettive prestazioni in materia di sicurezza. La cultura della sicurezza è un fattore di efficacia della sicurezza e, in caso affermativo, quale tipo di cultura della sicurezza riuscirà a contribuire a un impatto desiderabile? Questa domanda viene affrontata nella seconda sezione dell'articolo esaminando alcune prove empiriche rilevanti riguardanti l'impatto della cultura della sicurezza sulle prestazioni di sicurezza.

La terza sezione affronta la questione pratica della gestione della cultura della sicurezza, al fine di aiutare i dirigenti e gli altri responsabili organizzativi a costruire una cultura della sicurezza che contribuisca alla riduzione degli infortuni sul lavoro.

Cultura della sicurezza: concetto e realtà

Il concetto di cultura della sicurezza non è ancora ben definito e si riferisce a un'ampia gamma di fenomeni. Alcuni di questi sono già stati parzialmente documentati, come gli atteggiamenti e i comportamenti di dirigenti o lavoratori nei confronti del rischio e della sicurezza (Andriessen 1978; Cru e Dejours 1983; Dejours 1992; Dodier 1985; Eakin 1992; Eyssen, Eakin-Hoffman e Spengler 1980 ; Haas 1977). Questi studi sono importanti per presentare prove circa la natura sociale e organizzativa degli atteggiamenti e dei comportamenti di sicurezza degli individui (Simard 1988). Tuttavia, concentrandosi su particolari attori organizzativi come dirigenti o lavoratori, non affrontano la questione più ampia del concetto di cultura della sicurezza, che caratterizza le organizzazioni.

Un filone di ricerca più vicino all'approccio globale enfatizzato dal concetto di cultura della sicurezza è rappresentato dagli studi sul clima di sicurezza sviluppatisi a partire dagli anni '1980. Il concetto di clima di sicurezza si riferisce alle percezioni che i lavoratori hanno del loro ambiente di lavoro, in particolare il livello di preoccupazione e attività di sicurezza della direzione e il loro stesso coinvolgimento nel controllo dei rischi sul lavoro (Brown e Holmes 1986; Dedobbeleer e Béland 1991; Zohar 1980). Teoricamente, si ritiene che i lavoratori sviluppino e utilizzino tali insiemi di percezioni per accertare ciò che credono ci si aspetti da loro all'interno dell'ambiente organizzativo e si comportino di conseguenza. Sebbene concettualizzato come un individuale attributo dal punto di vista psicologico, le percezioni che formano il clima di sicurezza danno una valutazione preziosa della reazione comune dei lavoratori a un organizzativa attributo socialmente e culturalmente costruito, in questo caso dalla gestione della sicurezza sul lavoro. Di conseguenza, sebbene il clima di sicurezza non catturi completamente la cultura della sicurezza, può essere visto come una fonte di informazioni sulla cultura della sicurezza di un luogo di lavoro.

La cultura della sicurezza è un concetto che (1) include i valori, le convinzioni e i principi che fungono da fondamento per il sistema di gestione della sicurezza e (2) include anche l'insieme di pratiche e comportamenti che esemplificano e rafforzano tali principi di base. Queste credenze e pratiche lo sono significati prodotti dai membri dell'organizzazione nella loro ricerca di strategie per affrontare questioni come i rischi professionali, gli incidenti e la sicurezza sul lavoro. Questi significati (credenze e pratiche) non solo sono condivisi in una certa misura dai membri del mondo del lavoro, ma fungono anche da fonte primaria di attività motivate e coordinate per quanto riguarda la questione della sicurezza sul lavoro. Se ne deduce che la cultura dovrebbe essere differenziata sia dalle concrete strutture di sicurezza sul lavoro (presenza di un dipartimento sicurezza, di un comitato congiunto sicurezza e salute e così via) sia dai programmi esistenti di sicurezza sul lavoro (costituiti da attività di identificazione e controllo dei pericoli come ispezioni sul posto di lavoro, indagini sugli incidenti, analisi della sicurezza sul lavoro e così via).

Petersen (1993) sostiene che la cultura della sicurezza "è al centro del modo in cui gli elementi o gli strumenti dei sistemi di sicurezza... vengono utilizzati" fornendo il seguente esempio:

Due società avevano una politica simile di indagine su incidenti e inconvenienti come parte dei loro programmi di sicurezza. Incidenti simili si sono verificati in entrambe le società e sono state avviate indagini. Nella prima azienda, il preposto ha rilevato che i lavoratori coinvolti si comportavano in modo non sicuro, li ha immediatamente avvertiti dell'infrazione alla sicurezza e ha aggiornato i loro registri personali di sicurezza. Il dirigente preposto ha riconosciuto a questo preposto il rispetto della sicurezza sul lavoro. Nella seconda società, il preposto ha considerato le circostanze dell'incidente, ovvero che si è verificato mentre l'operatore era sotto forte pressione per rispettare le scadenze di produzione dopo un periodo di problemi di manutenzione meccanica che avevano rallentato la produzione, e in un contesto in cui l'attenzione dei dipendenti è stato tratto dalle pratiche di sicurezza perché i recenti tagli aziendali hanno preoccupato i lavoratori per la sicurezza del loro posto di lavoro. I funzionari dell'azienda hanno riconosciuto il problema della manutenzione preventiva e hanno tenuto un incontro con tutti i dipendenti in cui hanno discusso dell'attuale situazione finanziaria e hanno chiesto ai lavoratori di mantenere la sicurezza mentre lavorano insieme per migliorare la produzione in vista di aiutare la redditività dell'azienda.

"Perché", ha chiesto Petersen, "una società ha incolpato il dipendente, ha compilato i moduli di indagine sull'incidente ed è tornata al lavoro mentre l'altra società ha scoperto di dover affrontare colpe a tutti i livelli dell'organizzazione?" La differenza sta nelle culture della sicurezza, non nei programmi di sicurezza stessi, anche se il modo culturale in cui questo programma viene messo in pratica, e i valori e le convinzioni che danno significato alle pratiche effettive, determinano in gran parte se il programma ha un contenuto e un impatto reali sufficienti.

Da questo esempio, emerge che l'alta direzione è un attore chiave i cui principi e le cui azioni in materia di sicurezza sul lavoro contribuiscono ampiamente a stabilire la cultura della sicurezza aziendale. In entrambi i casi, i supervisori hanno risposto secondo quello che percepivano come “il modo giusto di fare le cose”, percezione che era stata rafforzata dalle conseguenti azioni del top management. Ovviamente, nel primo caso, l'alta direzione ha privilegiato un approccio “by the book”, ovvero un controllo della sicurezza burocratico e gerarchico, mentre nel secondo caso l'approccio è stato più completo e favorevole all'impegno dei dirigenti e dei lavoratori partecipazione alla sicurezza sul lavoro. Sono possibili anche altri approcci culturali. Ad esempio, Eakin (1992) ha dimostrato che nelle aziende molto piccole è comune che il top manager deleghi completamente la responsabilità per la sicurezza ai lavoratori.

Questi esempi sollevano l'importante questione delle dinamiche di una cultura della sicurezza e dei processi coinvolti nella costruzione, manutenzione e cambiamento della cultura organizzativa in materia di sicurezza sul lavoro. Uno di questi processi è la leadership dimostrata dai top manager e da altri leader organizzativi, come i funzionari sindacali. L'approccio della cultura organizzativa ha contribuito a rinnovare gli studi sulla leadership nelle organizzazioni mostrando l'importanza del ruolo personale dei leader sia naturali che organizzativi nel dimostrare l'impegno per i valori e la creazione di significati condivisi tra i membri dell'organizzazione (Nadler e Tushman 1990; Schein 1985). L'esempio di Petersen della prima azienda illustra una situazione in cui la leadership del top management era strettamente strutturale, una questione meramente di stabilire e rafforzare la conformità al programma di sicurezza e alle regole. Nella seconda azienda, i top manager hanno dimostrato un approccio più ampio alla leadership, combinando un ruolo strutturale nel decidere di concedere il tempo necessario per eseguire la necessaria manutenzione preventiva con un ruolo personale nell'incontrare i dipendenti per discutere di sicurezza e produzione in una situazione finanziaria difficile. Infine, nello studio di Eakin, i senior manager di alcune piccole imprese sembrano non svolgere alcun ruolo di leadership.

Altri attori organizzativi che giocano un ruolo molto importante nelle dinamiche culturali della sicurezza sul lavoro sono i quadri ei quadri. Nel loro studio su più di mille supervisori di prima linea, Simard e Marchand (1994) mostrano che una forte maggioranza di supervisori è coinvolta nella sicurezza sul lavoro, sebbene i modelli culturali del loro coinvolgimento possano differire. In alcuni luoghi di lavoro, il modello dominante è quello che chiamano "coinvolgimento gerarchico" ed è più orientato al controllo; in altre organizzazioni il modello è il “coinvolgimento partecipativo”, perché i supervisori incoraggiano e consentono ai propri dipendenti di partecipare alle attività di prevenzione degli infortuni; e in una piccola minoranza di organizzazioni, i supervisori si ritirano e lasciano la sicurezza ai lavoratori. È facile vedere la corrispondenza tra questi stili di gestione della sicurezza di supervisione e quanto detto in precedenza sui modelli di leadership dei dirigenti di livello superiore nella sicurezza sul lavoro. Empiricamente, tuttavia, lo studio di Simard e Marchand mostra che la correlazione non è perfetta, una circostanza che supporta l'ipotesi di Petersen secondo cui uno dei problemi principali di molti dirigenti è come costruire una cultura della sicurezza forte e orientata alle persone tra le classi medie e gestione di vigilanza. Parte di questo problema può essere dovuto al fatto che la maggior parte dei dirigenti di livello inferiore è ancora prevalentemente orientata alla produzione e incline a incolpare i lavoratori per incidenti sul lavoro e altri incidenti di sicurezza (DeJoy 1987 e 1994; Taylor 1981).

Questa enfasi sulla gestione non deve essere vista come una mancanza di considerazione dell'importanza dei lavoratori nelle dinamiche della cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro. La motivazione ei comportamenti dei lavoratori in materia di sicurezza sul lavoro sono influenzati dalle percezioni che hanno della priorità data alla sicurezza sul lavoro dai loro superiori e dirigenti (Andriessen 1978). Questo modello di influenza dall'alto verso il basso è stato dimostrato in numerosi esperimenti comportamentali, utilizzando il feedback positivo dei manager per rafforzare la conformità alle regole formali di sicurezza (McAfee e Winn 1989; Näsänen e Saari 1987). Inoltre, i lavoratori formano spontaneamente gruppi di lavoro quando l'organizzazione del lavoro offre condizioni adeguate che consentono loro di essere coinvolti nella gestione formale o informale della sicurezza e nella regolamentazione del posto di lavoro (Cru e Dejours 1983; Dejours 1992; Dwyer 1992). Quest'ultimo modello di comportamento dei lavoratori, più orientato alle iniziative di sicurezza dei gruppi di lavoro e alla loro capacità di autoregolamentazione, può essere utilizzato positivamente dal management per sviluppare il coinvolgimento e la sicurezza dei lavoratori nella costruzione di una cultura della sicurezza sul posto di lavoro.

Cultura della sicurezza e prestazioni di sicurezza

Vi è un numero crescente di prove empiriche sull'impatto della cultura della sicurezza sulle prestazioni di sicurezza. Numerosi studi hanno indagato le caratteristiche delle aziende con bassi tassi di infortunio, confrontandole generalmente con aziende simili con tassi di infortunio superiori alla media. Un risultato abbastanza consistente di questi studi, condotti sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo, sottolinea l'importanza dell'impegno e della leadership per la sicurezza dei senior manager per le prestazioni di sicurezza (Chew 1988; Hunt e Habeck 1993; Shannon et al. 1992; Smith et al. 1978). Inoltre, la maggior parte degli studi mostra che nelle aziende con tassi di infortunio più bassi, il coinvolgimento personale dei top manager nella sicurezza sul lavoro è importante almeno quanto le loro decisioni nella strutturazione del sistema di gestione della sicurezza (funzioni che includerebbero l'impiego di risorse finanziarie e professionali e la creazione di politiche e programmi, ecc.). Secondo Smith et al. (1978) il coinvolgimento attivo dei dirigenti senior funge da motivatore per tutti i livelli di gestione mantenendo alto il loro interesse attraverso la partecipazione e per i dipendenti dimostrando l'impegno della direzione per il loro benessere. I risultati di molti studi suggeriscono che uno dei modi migliori per dimostrare e promuovere i suoi valori umanistici e la filosofia orientata alle persone è che l'alta dirigenza partecipi ad attività altamente visibili, come ispezioni sulla sicurezza sul lavoro e incontri con i dipendenti.

Numerosi studi sul rapporto tra cultura della sicurezza e prestazioni di sicurezza individuano i comportamenti di sicurezza dei supervisori di prima linea, dimostrando che il coinvolgimento dei supervisori in un approccio partecipativo alla gestione della sicurezza è generalmente associato a tassi di incidenti inferiori (Chew 1988; Mattila, Hyttinen e Rantanen 1994 ; Simard e Marchand 1994; Smith et al. 1978). Tale modello di comportamento dei supervisori è esemplificato da frequenti interazioni e comunicazioni formali e informali con i lavoratori in materia di lavoro e sicurezza, prestando attenzione al monitoraggio delle prestazioni di sicurezza dei lavoratori e fornendo feedback positivi, nonché sviluppando il coinvolgimento dei lavoratori nelle attività di prevenzione degli infortuni . Inoltre, le caratteristiche di un'efficace supervisione della sicurezza sono le stesse di una generale efficiente supervisione delle operazioni e della produzione, avvalorando così l'ipotesi che esista una stretta connessione tra un'efficiente gestione della sicurezza e una buona gestione generale.

È dimostrato che una forza lavoro orientata alla sicurezza è un fattore positivo per le prestazioni di sicurezza dell'azienda. Tuttavia, la percezione e la concezione dei comportamenti di sicurezza dei lavoratori non dovrebbero ridursi alla sola prudenza e al rispetto delle regole di sicurezza della direzione, sebbene numerosi esperimenti comportamentali abbiano dimostrato che un livello più elevato di conformità dei lavoratori alle pratiche di sicurezza riduce i tassi di infortuni (Saari 1990). In effetti, anche l'empowerment e il coinvolgimento attivo della forza lavoro sono documentati come fattori di successo dei programmi di sicurezza sul lavoro. A livello di luogo di lavoro, alcuni studi offrono la prova che i comitati congiunti per la salute e la sicurezza (composti da membri ben formati in materia di sicurezza sul lavoro, cooperano nell'espletamento del loro mandato e sono supportati dai loro collegi elettorali) contribuiscono in modo significativo alle prestazioni di sicurezza dell'azienda (Chew 1988; Rees 1988; Tuohy e Simard 1992). Allo stesso modo, a livello di officina, i gruppi di lavoro che sono incoraggiati dal management a sviluppare la sicurezza e l'autoregolamentazione del team generalmente hanno migliori prestazioni in termini di sicurezza rispetto ai gruppi di lavoro soggetti all'autoritarismo e alla disintegrazione sociale (Dwyer 1992; Lanier 1992).

Si può concludere dalle prove scientifiche di cui sopra che un particolare tipo di cultura della sicurezza è più favorevole alle prestazioni di sicurezza. In breve, questa cultura della sicurezza combina la leadership e il supporto del top management, l'impegno del management inferiore e il coinvolgimento dei dipendenti nella sicurezza sul lavoro. In realtà, una tale cultura della sicurezza è quella che ottiene un punteggio elevato su quelle che potrebbero essere concettualizzate come le due dimensioni principali del concetto di cultura della sicurezza, vale a dire missione di sicurezza ed coinvolgimento per la sicurezza, come mostrato in figura 1.

Figura 1. Tipologia delle colture di sicurezza

SAF190F1

Missione di sicurezza si riferisce alla priorità data alla sicurezza sul lavoro nella mission aziendale. La letteratura sulla cultura organizzativa sottolinea l'importanza di una definizione esplicita e condivisa di una missione che scaturisca e sostenga i valori chiave dell'organizzazione (Denison 1990). Di conseguenza, la dimensione della missione di sicurezza riflette il grado in cui la sicurezza e la salute sul lavoro sono riconosciute dal top management come un valore chiave dell'azienda e il grado in cui i dirigenti di livello superiore utilizzano la loro leadership per promuovere l'internalizzazione di questo valore nei sistemi di gestione e pratiche. Si può quindi ipotizzare che un forte senso della missione di sicurezza (+) abbia un impatto positivo sulle prestazioni di sicurezza perché motiva i singoli membri del posto di lavoro ad adottare comportamenti mirati in materia di sicurezza sul lavoro e facilita il coordinamento definendo un obiettivo comune e un criterio esterno per orientare il comportamento.

Coinvolgimento della sicurezza è il luogo in cui supervisori e dipendenti si uniscono per sviluppare la sicurezza del team a livello di officina. La letteratura sulla cultura organizzativa supporta l'argomento secondo cui alti livelli di coinvolgimento e partecipazione contribuiscono alla performance perché creano tra i membri dell'organizzazione un senso di proprietà e responsabilità che porta a un maggiore impegno volontario che facilita il coordinamento dei comportamenti e riduce la necessità di espliciti sistemi di controllo burocratico (Denison 1990). Inoltre, alcuni studi mostrano che il coinvolgimento può essere una strategia dei dirigenti per prestazioni efficaci così come una strategia dei lavoratori per un ambiente di lavoro migliore (Lawler 1986; Walton 1986).

Secondo la figura 1, i luoghi di lavoro che combinano un livello elevato di queste due dimensioni dovrebbero essere caratterizzati da ciò che chiamiamo an cultura della sicurezza integrata, il che significa che la sicurezza sul lavoro è integrata nella cultura organizzativa come valore chiave e nei comportamenti di tutti i membri dell'organizzazione, rafforzando così il coinvolgimento dai top manager fino ai dipendenti di base. L'evidenza empirica sopra menzionata supporta l'ipotesi che questo tipo di cultura della sicurezza dovrebbe portare i luoghi di lavoro alle migliori prestazioni di sicurezza rispetto ad altri tipi di cultura della sicurezza.

La gestione di una cultura della sicurezza integrata

La gestione di una cultura della sicurezza integrata richiede innanzitutto la volontà del senior management di incorporarla nella cultura organizzativa dell'azienda. Questo non è un compito semplice. Va ben oltre l'adozione di una politica aziendale ufficiale che sottolinea il valore chiave e la priorità data alla sicurezza sul lavoro e alla filosofia della sua gestione, sebbene in realtà l'integrazione della sicurezza sul lavoro nei valori fondamentali dell'organizzazione sia una pietra angolare nella costruzione di una sicurezza integrata cultura. In effetti, l'alta direzione dovrebbe essere consapevole che tale politica è il punto di partenza di un importante processo di cambiamento organizzativo, dal momento che la maggior parte delle organizzazioni non funziona ancora secondo una cultura della sicurezza integrata. Naturalmente, i dettagli della strategia di cambiamento varieranno a seconda di quale sia già la cultura della sicurezza esistente sul luogo di lavoro (vedere celle A, B e C della figura 1). In ogni caso, una delle questioni fondamentali è che il top management si comporti in modo congruente con tale politica (in altre parole, metta in pratica ciò che essa predica). Questo fa parte della leadership personale che i top manager dovrebbero dimostrare nell'implementare e far rispettare tale politica. Un'altra questione chiave è che l'alta dirigenza faciliti la strutturazione o la ristrutturazione di vari sistemi di gestione formali in modo da sostenere la costruzione di una cultura della sicurezza integrata. Ad esempio, se l'attuale cultura della sicurezza è burocratica, il ruolo del personale addetto alla sicurezza e del comitato congiunto per la salute e la sicurezza dovrebbe essere riorientato in modo tale da sostenere lo sviluppo del coinvolgimento dei supervisori e dei gruppi di lavoro in materia di sicurezza. Allo stesso modo, il sistema di valutazione delle prestazioni dovrebbe essere adattato in modo da riconoscere la responsabilità dei dirigenti di livello inferiore e le prestazioni dei gruppi di lavoro in materia di sicurezza sul lavoro.

Anche i dirigenti di livello inferiore, e in particolare i supervisori, svolgono un ruolo fondamentale nella gestione di una cultura della sicurezza integrata. Più specificamente, dovrebbero essere responsabili delle prestazioni di sicurezza dei loro gruppi di lavoro e dovrebbero incoraggiare i lavoratori a partecipare attivamente alla sicurezza sul lavoro. Secondo Petersen (1993), la maggior parte dei dirigenti di livello inferiore tende ad essere cinica nei confronti della sicurezza perché si confronta con la realtà dei messaggi contrastanti dei dirigenti superiori e con la promozione di vari programmi che vanno e vengono con scarso impatto duraturo. Pertanto, la costruzione di una cultura della sicurezza integrata spesso può richiedere un cambiamento nel modello di comportamento in materia di sicurezza dei supervisori.

Secondo un recente studio di Simard e Marchand (1995), un approccio sistematico al cambiamento del comportamento dei supervisori è la strategia più efficiente per effettuare il cambiamento. Tale approccio consiste in fasi coerenti e attive volte a risolvere tre problemi principali del processo di cambiamento: (1) la resistenza degli individui al cambiamento, (2) l'adattamento dei sistemi formali di gestione esistenti in modo da supportare il processo di cambiamento e (3 ) la formazione delle dinamiche politiche e culturali informali dell'organizzazione. Gli ultimi due problemi possono essere affrontati dalla leadership personale e strutturale dei dirigenti superiori, come menzionato nel paragrafo precedente. Tuttavia, nei luoghi di lavoro sindacalizzati, questa leadership dovrebbe modellare le dinamiche politiche dell'organizzazione in modo da creare un consenso con i leader sindacali riguardo allo sviluppo della gestione partecipativa della sicurezza a livello di officina. Per quanto riguarda il problema della resistenza dei supervisori al cambiamento, non dovrebbe essere gestito con un approccio di comando e controllo, ma con un approccio consultivo che aiuti i supervisori a partecipare al processo di cambiamento ea sviluppare un senso di appartenenza. Tecniche come il focus group e il comitato ad hoc, che consentono ai supervisori e ai gruppi di lavoro di esprimere le proprie preoccupazioni sulla gestione della sicurezza e di impegnarsi in un processo di risoluzione dei problemi, sono frequentemente utilizzate, in combinazione con un'adeguata formazione dei supervisori sulla gestione partecipativa ed efficace della supervisione .

Non è facile concepire una cultura della sicurezza veramente integrata in un luogo di lavoro che non ha un comitato paritetico per la salute e la sicurezza o un delegato per la sicurezza dei lavoratori. Tuttavia, molti paesi industrializzati e alcuni paesi in via di sviluppo ora dispongono di leggi e regolamenti che incoraggiano o obbligano i luoghi di lavoro a istituire tali comitati e delegati. Il rischio è che questi comitati e delegati possano diventare meri sostituti del reale coinvolgimento e responsabilizzazione dei dipendenti nella sicurezza sul lavoro a livello di officina, servendo così a rafforzare una cultura burocratica della sicurezza. Al fine di sostenere lo sviluppo di una cultura della sicurezza integrata, i comitati misti e i delegati dovrebbero promuovere un approccio di gestione della sicurezza decentralizzato e partecipativo, ad esempio (1) organizzando attività che sensibilizzino i dipendenti sui pericoli sul posto di lavoro e sui comportamenti a rischio (2 ) progettare procedure e programmi di formazione che consentano ai supervisori e ai gruppi di lavoro di risolvere molti problemi di sicurezza a livello di officina, (3) partecipare alla valutazione delle prestazioni di sicurezza sul posto di lavoro e (4) fornire feedback di rinforzo a supervisori e lavoratori.

Un altro potente mezzo per promuovere una cultura della sicurezza integrata tra i dipendenti è condurre un'indagine sulla percezione. I lavoratori in genere sanno dove sono molti dei problemi di sicurezza, ma poiché nessuno chiede loro la loro opinione, resistono a farsi coinvolgere nel programma di sicurezza. Un'indagine anonima sulla percezione è un mezzo per rompere questa situazione di stallo e promuovere il coinvolgimento dei dipendenti in materia di sicurezza, fornendo al contempo all'alta dirigenza un feedback che può essere utilizzato per migliorare la gestione del programma di sicurezza. Tale indagine può essere effettuata utilizzando un metodo di intervista combinato con un questionario somministrato a tutti oa un campione statisticamente valido di dipendenti (Bailey 1993; Petersen 1993). Il follow-up del sondaggio è fondamentale per costruire una cultura della sicurezza integrata. Una volta che i dati sono disponibili, il top management dovrebbe procedere con il processo di cambiamento creando gruppi di lavoro ad hoc con la partecipazione di ogni livello dell'organizzazione, compresi i lavoratori. Ciò fornirà diagnosi più approfondite dei problemi individuati nell'indagine e raccomanderà modi per migliorare gli aspetti della gestione della sicurezza che ne hanno bisogno. Tale indagine di percezione può essere ripetuta ogni anno o due, al fine di valutare periodicamente il miglioramento del loro sistema di gestione della sicurezza e della loro cultura.

 

Di ritorno

Leggi 13403 volte Ultima modifica lunedì 22 agosto 2011 12:43

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Politica di sicurezza e riferimenti di leadership

Abbazia, A e JW Dickson. 1983. Clima di lavoro in R&S e innovazione nei semiconduttori. Acad Manage J 26:362–368.

Andriessen, JHTH. 1978. Comportamento sicuro e motivazione alla sicurezza. J Occup Acc 1:363–376.

Bailey, C. 1993. Migliorare l'efficacia del programma di sicurezza con sondaggi sulla percezione. Prof Saf ottobre: ​​28–32.

Bluen, SD e C Donald. 1991. La natura e la misurazione del clima delle relazioni industriali in azienda. S Afr J Psychol 21(1):12–20.

Brown, RL e H Holmes. 1986. L'uso di una procedura di analisi fattoriale per valutare la validità di un modello di clima di sicurezza dei dipendenti. Incidente anale Prev 18(6):445–470.

CCPS (Centro per la sicurezza dei processi chimici). Nd Linee guida per l'automazione sicura dei processi chimici. New York: Centro per la sicurezza dei processi chimici dell'American Institution of Chemical Engineers.

Mastica, DCE. 1988. Quelles sont les mesures quiassunt le mieux la sécurité du travail? Etude menée dans trois pays en développement d'Asie. Rev Int Travail 127:129–145.

Pollo, JC e MR Haynes. 1989. Il metodo di classificazione del rischio nel processo decisionale. Oxford: Pergamo.

Cohen, A. 1977. Fattori in programmi di sicurezza sul lavoro di successo. J Saf Res 9:168–178.

Cooper, MD, RA Phillips, VF Sutherland e PJ Makin. 1994. Riduzione degli incidenti utilizzando la definizione degli obiettivi e il feedback: uno studio sul campo. J Occup Organ Psychol 67:219–240.

Cru, D e Dejours C. 1983. Les savoir-faire de prudence dans les métiers du bâtiment. Cahiers medico-sociali 3:239–247.

Dake, K. 1991. Orientare le disposizioni nella percezione del rischio: un'analisi delle visioni del mondo contemporanee e dei pregiudizi culturali. J Cross Cult Psychol 22:61–82.

—. 1992. Miti della natura: cultura e costruzione sociale del rischio. J Soc Problemi 48: 21–37.

Dedobbeleer, N e F Béland. 1989. L'interrelazione tra gli attributi dell'ambiente di lavoro e le percezioni del clima di sicurezza dei lavoratori nel settore delle costruzioni. In Atti della 22a conferenza annuale dell'Associazione dei fattori umani del Canada. Toronto.

—. 1991. Una misura climatica di sicurezza per i cantieri. JSaf Res 22:97–103.

Dedobbeleer, N, F Béland e P German. 1990. Esiste una relazione tra gli attributi dei cantieri e le pratiche di sicurezza dei lavoratori e le percezioni climatiche? In Advances in Industrial Ergonomics and Safety II, a cura di D Biman. Londra: Taylor e Francesco.

Dejours, C. 1992. Intelligence ouvrière et organization du travail. Parigi: Harmattan.

DeJoy, DM. 1987. Attribuzioni e risposte del supervisore per incidenti sul lavoro multicausali. J Occupare Atti 9:213–223.

—. 1994. Gestione della sicurezza sul posto di lavoro: analisi e modello della teoria dell'attribuzione. J Saf Apocalisse 25:3–17.

Denisone, DR. 1990. Cultura aziendale ed efficacia organizzativa. New York: Wiley.

Dieterly, D e B Schneider. 1974. L'effetto dell'ambiente organizzativo sul potere percepito e sul clima: uno studio di laboratorio. Organ Behav Hum Perform 11: 316–337.

Dodier, N. 1985. La Construction Pratique des conditions de travail: Préservation de la santé et vie quotidienne des ouvriers dans les ateliers. Sci Soc Santé 3:5–39.

Dunetta, MD. 1976. Manuale di psicologia industriale e organizzativa. Chicago: Rand Mc Nally.

Dwyer, T. 1992. Vita e morte sul lavoro. Gli incidenti sul lavoro come caso di errore socialmente prodotto. New York: Plenum Press.

Eakin, J.M. 1992. Lasciando ai lavoratori: prospettiva sociologica sulla gestione della salute e della sicurezza nei piccoli luoghi di lavoro. Int J Health Serv 22:689–704.

Edwards, W. 1961. Teoria della decisione comportamentale. Annu Rev Psychol 12:473–498.

Embrey, DE, P Humphreys, EA Rosa, B Kirwan e K Rea. 1984. Un approccio alla valutazione delle probabilità di errore umano utilizzando il giudizio di esperti strutturato. In Nuclear Regulatory Commission NUREG/CR-3518, Washington, DC: NUREG.

Eyssen, G, J Eakin-Hoffman e R Spengler. 1980. Gli atteggiamenti del manager e il verificarsi di incidenti in una compagnia telefonica. J Occupare Acc 2:291–304.

Campo, RHG e MA Abelson. 1982. Clima: una riconcettualizzazione e un modello proposto. Hum Relat 35:181–201.

Fischhoff, B e D MacGregor. 1991. Letalità giudicata: quanto le persone sembrano sapere dipende da come viene loro chiesto. Rischio Anal 3:229–236.

Fischhoff, B, L Furby e R Gregory. 1987. Valutazione dei rischi volontari di lesioni. Incidente anale Prev 19:51–62.

Fischhoff, B, S Lichtenstein, P Slovic, S Derby e RL Keeney. 1981. Rischio accettabile. Cambridge: COPPA.

Flanagan, O. 1991. La scienza della mente. Cambridge: MIT Press.

Franzz, JP. 1992. Effetto dell'ubicazione, dell'esplicitezza procedurale e del formato di presentazione sull'elaborazione da parte dell'utente e sulla conformità alle avvertenze e alle istruzioni del prodotto. dottorato di ricerca Dissertazione, Università del Michigan, Ann Arbor.

Frantz, JP e TP Rhoades.1993. Fattori umani. Un approccio analitico delle attività al posizionamento temporale e spaziale degli avvisi sui prodotti. Fattori umani 35:713–730.

Frederiksen, M, O Jensen e AE Beaton. 1972. Previsione del comportamento organizzativo. Elmsford, NY: Pergamo.
Freire, P. 1988. Pedagogia degli oppressi. New York: Continuo.

Glick, WH. 1985. Concettualizzare e misurare il clima organizzativo e psicologico: insidie ​​​​nella ricerca multilivello. Acad Manage Rev 10(3):601–616.

Governo del Québec. 1978. Santé et sécurité au travail: Politique québecoise de la santé et de la sécurité des travailleurs. Québec: Editore ufficiale del Québec.

Haas, J. 1977. Imparare i veri sentimenti: uno studio sulle reazioni dei lavoratori siderurgici alla paura e al pericolo. Sociol Work Occup 4:147–170.

Hacker, W. 1987. Arbeitspychologie. Stoccarda: Hans Huber.

Haight, FA. 1986. Rischio, soprattutto rischio di incidente stradale. Incidente anale Precedente 18:359–366.

Hale, AR e AI Glendon. 1987. Comportamento individuale nel controllo del pericolo. vol. 2. Serie sulla sicurezza industriale. Amsterdam: Elsevier.

Hale, AR, B Hemning, J Carthey e B Kirwan. 1994. Estensione del Modello di Comportamento nel Controllo del Pericolo. Volume 3: descrizione estesa del modello. Delft University of Technology, Safety Science Group (Rapporto per HSE). Birmingham, Regno Unito: Università di Birmingham, Gruppo di ergonomia industriale.
Hansen, L. 1993a. Oltre l'impegno. Occupare pericoli 55(9):250.

—. 1993 b. Gestione della sicurezza: un invito alla rivoluzione. Prof Saf 38(30):16–21.

Harrison, E.F. 1987. Il processo decisionale manageriale. Boston: Houghton Mifflin.

Heinrich, H, D Petersen e N Roos. 1980. Prevenzione degli infortuni sul lavoro. New York: McGraw Hill.

Hovden, J e TJ Larsson. 1987. Rischio: cultura e concetti. In Risk and Decisions, a cura di WT Singleton e J Hovden. New York: Wiley.

Howarth, C.I. 1988. Il rapporto tra rischio oggettivo, rischio soggettivo, comportamento. Ergonomia 31:657–661.

Hox, JJ e IGGKreft. 1994. Metodi di analisi multilivello. Sociol Methods Res 22(3):283–300.

Hoyos, CG e B Zimolong. 1988. Sicurezza sul lavoro e prevenzione degli infortuni. Strategie e metodi comportamentali. Amsterdam: Elsevier.

Hoyos, CG e E Ruppert. 1993. Der Fragebogen zur Sicherheitsdiagnose (FSD). Berna: Huber.

Hoyos, CT, U Bernhardt, G Hirsch e T Arnhold. 1991. Vorhandenes und erwünschtes sicherheits-relevantes Wissen in Industriebetrieben. Zeitschrift für Arbeits-und Organisationspychologie 35:68–76.

Huber, O. 1989. Operatori di elaborazione delle informazioni nel processo decisionale. In Process and Structure of Human Decision Making, a cura di H Montgomery e O Svenson. Chichester: Wiley.

Hunt, HA e camper Habeck. 1993. Lo studio sulla prevenzione della disabilità del Michigan: punti salienti della ricerca. Rapporto inedito. Kalamazoo, MI: EE Upjohn Institute for Employment Research.

Commissione elettrotecnica internazionale (IEC). Nd Progetto di norma IEC 1508; Sicurezza funzionale: sistemi legati alla sicurezza. Ginevra: CEI.

Società degli strumenti d'America (ISA). Nd Draft Standard: Applicazione di sistemi strumentati di sicurezza per le industrie di processo. Carolina del Nord, USA: ISA.

Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO). 1990. ISO 9000-3: Standard di gestione della qualità e garanzia della qualità: linee guida per l'applicazione della norma ISO 9001 allo sviluppo, alla fornitura e alla manutenzione del software. Ginevra: ISO.

Giacomo, L.R. 1982. Distorsione di aggregazione nelle stime dell'accordo percettivo. J Appl Psychol 67:219–229.

James, LR e AP Jones. 1974. Clima organizzativo: una revisione della teoria e della ricerca. Psychol Bull 81(12):1096–1112.
Janis, IL e L Mann. 1977. Processo decisionale: un'analisi psicologica del conflitto, della scelta e dell'impegno. New York: Stampa libera.

Johnson, BB. 1991. Ricerca sul rischio e sulla cultura: una certa cautela. J Cross Cult Psychol 22:141–149.

Johnson, EJ e A Tversky. 1983. Affetto, generalizzazione e percezione del rischio. J Personal Soc Psychol 45:20–31.

Jones, AP e LR James. 1979. Clima psicologico: dimensioni e relazioni delle percezioni dell'ambiente di lavoro individuale e aggregato. Organ Behav Hum Perform 23: 201–250.

Joyce, WF e JWJ Slocum. 1984. Clima collettivo: accordo come base per definire i climi aggregati nelle organizzazioni. Acad Manage J 27:721–742.

Jungermann, H e P Slovic. 1987. Die Psychologie der Kognition und Evaluation von Risiko. Manoscritto inedito. Technische Universität di Berlino.

Kahneman, D e A Tversky. 1979. Teoria del prospetto: un'analisi della decisione sotto rischio. Econometrica 47:263–291.

—. 1984. Scelte, valori e cornici. Am Psychol 39:341–350.

Kahnemann, D, P Slovic e A Tversky. 1982. Giudizio in condizioni di incertezza: euristica e pregiudizi. New York: Pressa dell'Università di Cambridge.

Kasperson, RE. 1986. Sei proposte sulla partecipazione pubblica e la loro rilevanza per la comunicazione del rischio. Rischio Anal 6:275–281.

Kleinhesselink, RR e EA Rosa. 1991. Rappresentazione cognitiva della percezione del rischio. J Cross Cult Psychol 22:11–28.

Komaki, J, KD Barwick e LR Scott. 1978. Un approccio comportamentale alla sicurezza sul lavoro: individuare e rafforzare le prestazioni sicure in un impianto di produzione alimentare. J Appl Psychol 4:434–445.

Komaki, JL. 1986. Promozione della sicurezza sul lavoro e prevenzione degli infortuni. In Health and Industry: A Behavioral Medicine Perspective, a cura di MF Cataldo e TJ Coats. New York: Wiley.

Konradt, U. 1994. Handlungsstrategien bei der Störungsdiagnose an flessibilin Fertigungs-einrichtungen. Zeitschrift für Arbeits-und Organisations-pychologie 38:54–61.

Koopman, P e J Pool. 1991. Processo decisionale organizzativo: modelli, contingenze e strategie. Nel processo decisionale distribuito. Modelli cognitivi per il lavoro cooperativo, a cura di J Rasmussen, B Brehmer e J Leplat. Chichester: Wiley.

Koslowski, M e B Zimolong. 1992. Gefahrstoffe am Arbeitsplatz: Organisatorische Einflüsse auf Gefahrenbewußstein und Risikokompetenz. In Workshop Psychologie der Arbeitssicherheit, a cura di B Zimolong e R Trimpop. Heidelberg: Asanger.

Koys, DJ e TA DeCotiis. 1991. Misure induttive del clima psicologico. Hum Relat 44(3):265–285.

Krause, TH, JH Hidley e SJ Hodson. 1990. Il processo di sicurezza basato sul comportamento. New York: Van Norstrand Reinhold.
Lanier, EB. 1992. Riduzione degli infortuni e dei costi grazie alla sicurezza della squadra. ASSE J luglio: 21–25.

Lark, J. 1991. Leadership nella sicurezza. Prof Saf 36(3):33–35.

Lawler, EE. 1986. Management ad alto coinvolgimento. San Francisco: Jossey Basso.

Leto, MR. 1992. Progettazione di segnali di avvertimento ed etichette di avvertenza: basi scientifiche per le linee guida iniziali. Int J Ind Erg 10:115–119.

Lehto, MR e JD Papastavrou. 1993. Modelli del processo di avvertimento: importanti implicazioni verso l'efficacia. Scienza della sicurezza 16: 569–595.

Lewin, K. 1951. Teoria del campo nelle scienze sociali. New York: Harper e Row.

Likert, R. 1967. L'organizzazione umana. New York: McGraw Hill.

Lopes, LL e P-HS Ekberg. 1980. Test di un'ipotesi di ordinamento nel processo decisionale rischioso. Acta Physiol 45: 161–167.

Machlis, GE e EA Rosa. 1990. Rischio desiderato: ampliare l'amplificazione sociale del quadro di rischio. Rischio anale 10: 161–168.

Marzo, J e H Simon. 1993. Organizzazioni. Cambridge: Blackwell.

Marzo, JG e Z Shapira. 1992. Preferenze di rischio variabili e centro dell'attenzione. Psicol Ap 99:172–183.

Manson, WM, GY Wong e B Entwisle. 1983. Analisi contestuale attraverso il modello lineare multilivello. In metodologia sociologica, 1983-1984. San Francisco: Jossey-Bass.

Mattila, M, M Hyttinen e E Rantanen. 1994. Vigilanza efficace e sicurezza in cantiere. Int J Ind Erg 13:85–93.

Mattila, M, E Rantanen e M Hyttinen. 1994. La qualità dell'ambiente di lavoro, la vigilanza e la sicurezza nell'edilizia. Saf Sci 17:257–268.

McAfee, RB e AR Winn. 1989. L'uso di incentivi/feedback per migliorare la sicurezza sul posto di lavoro: una critica della letteratura. J Saf Res 20(1):7–19.

McSween, TE. 1995. Il processo di sicurezza basato sui valori. New York: Van Norstrand Reinhold.

Melia, JL, JM Tomas e A Oliver. 1992. Concepciones del clima organizacional hacia la seguridad laboral: Replication del modelo confirmatorio de Dedobbeleer y Béland. Revista de Psicologia del Trabajo y de las Organizaciones 9(22).

Minter, SG. 1991. Creare la cultura della sicurezza. Occup Hazards Agosto: 17–21.

Montgomery, H e O Svenson. 1989. Processo e struttura del processo decisionale umano. Chichester: Wiley.

Moravec, M. 1994. La partnership datore di lavoro-dipendente del 21° secolo. HR Mag Gennaio:125–126.

Morgan, G. 1986. Immagini di organizzazioni. Beverly Hills: salvia.

Nadler, D e ML Tushman. 1990. Oltre il leader carismatico. Leadership e cambiamento organizzativo. Calif Manage Ap 32:77–97.

Näsänen, M e J Saari. 1987. Gli effetti del feedback positivo sulle pulizie e sugli incidenti in un cantiere navale. J Occupare Atti 8:237–250.

Consiglio Nazionale per la Ricerca. 1989. Migliorare la comunicazione del rischio. Washington, DC: National Academy Press.

Naylor, JD, RD Pritchard e DR Ilgen. 1980. Una teoria del comportamento nelle organizzazioni. New York: stampa accademica.

Neumann, PJ e PE Politser. 1992. Rischio e ottimalità. In Risk-taking Behavior, a cura di FJ Yates. Chichester: Wiley.

Nisbett, R e L Ross. 1980. Inferenza umana: strategie e carenze del giudizio sociale. Scogliere di Englewood: Prentice-Hall.

Nunnally, JC. 1978. Teoria psicometrica. New York: McGraw Hill.

Oliver, A, JM Tomas e JL Melia. 1993. Una seconda convalida cruzada de la escala de clima organizacional de seguridad de Dedobbeleer y Béland. Ajuste confirmatorio de los modelos nonfattoriale, bifattoriale e trifattoriale. Psicologica 14:59–73.

Otway, HJ e D von Winterfeldt. 1982. Oltre il rischio accettabile: sull'accettabilità sociale delle tecnologie. Politica Sci 14:247–256.

Perrow, C. 1984. Incidenti normali: vivere con tecnologie ad alto rischio. New York: libri di base.

Petersen, D. 1993. Stabilire una buona "cultura della sicurezza" aiuta a mitigare i pericoli sul posto di lavoro. Occupare salute Saf 62 (7): 20-24.

Piccione, NF. 1991. Cultura della sicurezza e gestione del rischio nelle organizzazioni. J Cross Cult Psychol 22:129–140.

Rabash, J e G Woodhouse. 1995. Riferimento al comando MLn. Versione 1.0 marzo 1995, ESRC.

Rachman, SJ. 1974. I significati della paura. Harmondsworth: Pinguino.

Rasmussen, J. 1983. Abilità, regole, conoscenze, segnali, segni e simboli e altre distinzioni. IEEE T Syst Man Cyb 3:266–275.

Motivo, J.T. 1990. Errore umano. Cambridge: COPPA.

Rees, JV. 1988. Autoregolamentazione: un'alternativa efficace alla regolamentazione diretta da parte dell'OSHA? Stud J 16:603–614.

Renn, O. 1981. Uomo, tecnologia e rischio: uno studio sulla valutazione intuitiva del rischio e sugli atteggiamenti nei confronti dell'energia nucleare. Spezielle Berichte der Kernforschungsanlage Jülich.

Rittel, HWJ e MM Webber. 1973. Dilemmi in una teoria generale della pianificazione. Pol Sci 4:155-169.

Robertson, A e M Minkler. 1994. Nuovo movimento di promozione della salute: un esame critico. Health Educ Q 21(3):295–312.

Rogers, CR. 1961. Sul diventare una persona. Boston: Houghton Mifflin.

Rohrmann, B. 1992a. La valutazione dell'efficacia della comunicazione del rischio. Acta Physiol 81:169–192.

—. 1992 b. Risiko Kommunikation, Aufgaben-Konzepte-Valutazione. In Psychologie der Arbeitssicherheit, a cura di B Zimolong e R Trimpop. Heidelberg: Asanger.

—. 1995. Ricerca sulla percezione del rischio: revisione e documentazione. In Arbeiten zur Risikokommunikation. Peso 48. Jülich: Forschungszentrum Jülich.

—. 1996. Percezione e valutazione dei rischi: un confronto interculturale. In Arbeiten zur Risikokommunikation Heft 50. Jülich: Forschungszentrum Jülich.

Rosenhead, J. 1989. Analisi razionale per un mondo problematico. Chichester: Wiley.

Rumar, K. 1988. Rischio collettivo ma sicurezza individuale. Ergonomia 31:507–518.

Rummel, RJ. 1970. Analisi fattoriale applicata. Evanston, IL: Northwestern University Press.

Ruppert, E. 1987. Gefahrenwahrnehmung — ein Modell zur Anforderungsanalyse für die verhaltensabbhängige Kontrolle von Arbeitsplatzgefahren. Zeitschrift für Arbeitswissenschaft 2:84–87.

Saari, J. 1976. Caratteristiche dei compiti associati al verificarsi di incidenti. J Occup Acc 1:273–279.

Saari, J. 1990. Su strategie e metodi nel lavoro di sicurezza aziendale: dalle strategie informative a quelle motivazionali. J Occupare Acc 12:107–117.

Saari, J e M Nasänen. 1989. L'effetto del feedback positivo sulla pulizia industriale e sugli incidenti: uno studio a lungo termine in un cantiere navale. Int J Ind Erg 4:3:201–211.

Sarkis, H. 1990. Ciò che realmente provoca incidenti. Presentazione al seminario Wausau Insurance Safety Excellence. Canandaigua, New York, Stati Uniti, giugno 1990.

Sass, R. 1989. Le implicazioni dell'organizzazione del lavoro per la politica della salute sul lavoro: il caso del Canada. Int J Health Serv 19(1):157–173.

Selvaggio, L.J. 1954. I fondamenti della statistica. New York: Wiley.

Schäfer, RE. 1978. Di cosa parliamo quando parliamo di "rischio"? Un'indagine critica sulle teorie del rischio e delle preferenze di rischio. RM-78-69. Laxenber, Austria: Istituto internazionale per l'analisi dei sistemi applicati.

Schein, EH. 1989. Cultura organizzativa e leadership. San Francisco: Jossey-Bass.

Schneider, B. 1975a. Clima organizzativo: un saggio. Pers Psychol 28:447–479.

—. 1975b. Clima organizzativo: preferenze individuali e realtà organizzative rivisitate. J Appl Psychol 60:459–465.

Schneider, B e AE Reichers. 1983. Sull'eziologia dei climi. Pers Psicol 36:19–39.

Schneider, B, JJ Parkington e VM Buxton. 1980. Percezione del servizio nelle banche da parte dei dipendenti e dei clienti. Adm Sci Q 25: 252–267.

Shannon, HS, V Walters, W Lewchuk, J Richardson, D Verma, T Haines e LA Moran. 1992. Approcci alla salute e sicurezza sul posto di lavoro. Rapporto inedito. Toronto: Università McMaster.

Breve, J.F. 1984. Il tessuto sociale a rischio: verso la trasformazione sociale dell'analisi del rischio. Amer Social R 49:711–725.

Simard, M. 1988. La prise de risque dans le travail: un phénomène organizationnel. In La prise de risque dans le travail, a cura di P Goguelin e X Cuny. Marsiglia: Edizioni Octares.

Simard, M e A Marchand. 1994. Il comportamento dei preposti in prima linea nella prevenzione degli infortuni e l'efficacia nella sicurezza sul lavoro. Saf Sci 19:169–184.

Simard, M e A Marchand. 1995. L'adaptation des supervisors à la gestion partecipative de la prévention des accidents. Relazioni industriali 50: 567-589.

Simone, HA. 1959. Teorie del processo decisionale in economia e scienze comportamentali. Am Econ Ap 49:253–283.

Simone, HA et al. 1992. Processo decisionale e risoluzione dei problemi. In Decision Making: alternative ai modelli di scelta razionale, a cura di M Zev. Londra: salvia.

Simonds, RH e Y Shafai-Sahrai. 1977. Fattori che apparentemente influenzano la frequenza degli infortuni in undici coppie di società abbinate. J Saf Res 9(3):120–127.

Slovic, P. 1987. Percezione del rischio. Scienza 236: 280–285.

—. 1993. Percezioni dei rischi ambientali: prospettive psicologiche. In Comportamento e ambiente, a cura di GE Stelmach e PA Vroon. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Slovic, P, B Fischhoff e S Lichtenstein. 1980. Rischio percepito. In Valutazione del rischio sociale: quanto è sicuro è abbastanza sicuro?, a cura di RC Schwing e WA Albers Jr. New York: Plenum Press.

—. 1984. Prospettive della teoria della decisione comportamentale su rischio e sicurezza. Acta Physiol 56:183–203.

Slovic, P, H Kunreuther e GF White. 1974. Processi decisionali, razionalità e adeguamento ai rischi naturali. In Natural Hazards, Local, National and Global, a cura di GF White. New York: Stampa dell'Università di Oxford.

Smith, MJ, HH Cohen, A Cohen e RJ Cleveland. 1978. Caratteristiche dei programmi di sicurezza di successo. J Saf Apocalisse 10:5–15.

Smith, R.B. 1993. Profilo del settore delle costruzioni: arrivare al fondo degli alti tassi di incidenti. Occup Health Saf giugno: 35–39.

Smith, AT. 1989. Perché dovresti mettere il tuo programma di sicurezza sotto controllo statistico. Prof Saf 34(4):31–36.

Starr, C. 1969. Vantaggio sociale contro rischio tecnologico. Scienza 165: 1232–1238.

Sulzer-Azaroff, B. 1978. Ecologia comportamentale e prevenzione degli incidenti. J Organ Behav Manage 2:11–44.

Sulzer-Azaroff, B e D Fellner. 1984. Ricerca di obiettivi prestazionali nell'analisi comportamentale della salute e sicurezza sul lavoro: una strategia di valutazione. J Organ Behav Gestisci 6: 2: 53–65.

Sulzer-Azaroff, B, TC Harris e KB McCann. 1994. Oltre la formazione: tecniche di gestione delle prestazioni organizzative. Occup Med: State Art Rev 9:2:321–339.

Swain, AD e HE Guttmann. 1983. Manuale di analisi dell'affidabilità umana con enfasi sulle applicazioni delle centrali nucleari. Sandia National Laboratories, NUREG/CR-1278, Washington, DC: Commissione di regolamentazione nucleare degli Stati Uniti.

Taylor, D.H. 1981. L'ermeneutica degli infortuni e della sicurezza. Ergonomia 24:48–495.

Thompson, JD e A Tuden. 1959. Strategie, strutture e processi delle decisioni organizzative. In Comparative Studies in Administration, a cura di JD Thompson, PB Hammond, RW Hawkes, BH Junker e A Tuden. Pittsburgh: Pressa dell'Università di Pittsburgh.

Trimpop, RM. 1994. La psicologia del comportamento a rischio. Amsterdam: Elsevier.

Tuohy, C e M Simard. 1992. L'impatto dei comitati congiunti per la salute e la sicurezza in Ontario e Quebec. Rapporto non pubblicato, Canadian Association of Administrators of Labor Laws, Ottawa.

Tversky, A e D Kahneman. 1981. L'inquadramento delle decisioni e la psicologia della scelta. Scienza 211: 453–458.

Vlek, C e G Cvetkovich. 1989. Metodologia delle decisioni sociali per i progetti tecnologici. Dordrecht, Olanda: Kluwer.

Vlek, CAJ e PJ Stallen. 1980. Aspetti razionali e personali del rischio. Acta Physiol 45:273–300.

von Neumann, J e O Morgenstern. 1947. Teoria dei giochi e comportamento ergonomico. Princeton, New Jersey: Princeton University Press.

von Winterfeldt, D e W Edwards. 1984. Modelli di conflitto sulle tecnologie rischiose. Rischio Anale 4:55–68.

von Winterfeldt, D, RS John e K Borcherding. 1981. Componenti cognitive delle valutazioni del rischio. Rischio Anal 1:277–287.

Wagenaar, W. 1990. Valutazione del rischio e cause di incidenti. Ergonomia 33, nn. 10/11.

Wagenaar, WA. 1992. Assunzione di rischi e causalità degli incidenti. In Risk-taking Behavior, a cura di JF Yates. Chichester: Wiley.

Wagenaar, W, J Groeneweg, PTW Hudson e JT Reason. 1994. Promuovere la sicurezza nell'industria petrolifera. Ergonomia 37, n. 12: 1,999–2,013.

Walton, RE. 1986. Dal controllo all'impegno sul posto di lavoro. Harvard Bus Ap 63: 76–84.

Wilde, GJS. 1986. Oltre il concetto di omeostasi del rischio: suggerimenti per la ricerca e l'applicazione verso la prevenzione degli incidenti e delle malattie legate allo stile di vita. Incidente anale Precedente 18:377–401.

—. 1993. Effetti delle comunicazioni dei mass media sulle abitudini di salute e sicurezza: una panoramica dei problemi e delle prove. Dipendenza 88:983–996.

—. 1994. Teoria dell'omeostasi del rischio e la sua promessa per una maggiore sicurezza. In Challenges to Accident Prevention: The Issue of Risk Compensation Behaviour, a cura di R Trimpop e GJS Wilde. Groningen, Paesi Bassi: pubblicazioni STYX.

Yates, J.F. 1992a. Il costrutto di rischio. In Risk Taking Behaviour, a cura di JF Yates. Chichester: Wiley.

—. 1992b. Comportamento a rischio. Chichester: Wiley.

Yates, JF e ER Stone. 1992. Il costrutto di rischio. In Risk Taking Behaviour, a cura di JF Yates. Chichester: Wiley.

Zembrosky, EL. 1991. Lezioni apprese dalle catastrofi provocate dall'uomo. Nella gestione del rischio. New York: Emisfero.


Zey, M. 1992. Processo decisionale: alternative ai modelli di scelta razionale. Londra: salvia.

Zimolong, B. 1985. Percezione del pericolo e stima del rischio nella causa degli incidenti. In Trends in Ergonomics/Human Factors II, a cura di RB Eberts e CG Eberts. Amsterdam: Elsevier.

Zimolong, B. 1992. Valutazione empirica di THERP, SLIM e classificazione per stimare gli HEP. Reliab Eng Sys Saf 35:1–11.

Zimolong, B e R Trimpop. 1994. Gestione dell'affidabilità umana nei sistemi di produzione avanzati. In Design of Work and Development of Personnel in Advanced Manufacturing Systems, a cura di G Salvendy e W Karwowski. New York: Wiley.

Zohar, D. 1980. Clima di sicurezza nelle organizzazioni industriali: implicazioni teoriche e applicate. J Appl Psychol 65, n. 1: 96–102.

Zuckerman, M. 1979. Ricerca di sensazioni: oltre il livello ottimale di eccitazione. Hillsdale: Lawrence Erlbaum.