Lunedi, 04 aprile 2011 20: 13

Percezione del rischio

Vota questo gioco
(7 voti )

Nella percezione del rischio si possono distinguere due processi psicologici: la percezione del pericolo e la valutazione del rischio. Saari (1976) definisce le informazioni elaborate durante l'esecuzione di un compito in termini delle seguenti due componenti: (1) le informazioni necessarie per eseguire un compito (percezione del pericolo) e (2) le informazioni necessarie per tenere sotto controllo i rischi esistenti ( valutazione del rischio). Ad esempio, quando gli operai edili in cima alle scale che praticano fori in un muro devono contemporaneamente mantenere l'equilibrio e coordinare automaticamente i movimenti corpo-mano, la percezione del rischio è fondamentale per coordinare i movimenti del corpo e tenere sotto controllo i pericoli, mentre il rischio consapevole la valutazione gioca solo un ruolo minore, se esiste. Le attività umane generalmente sembrano essere guidate dal riconoscimento automatico di segnali che innescano una gerarchia flessibile, ma memorizzata, di schemi di azione. (Il processo più deliberato che porta all'accettazione o al rifiuto del rischio è discusso in un altro articolo.)

Percezione del rischio

Da un punto di vista tecnico, a pericolo rappresenta una fonte di energia con il potenziale di causare lesioni immediate al personale e danni alle apparecchiature, all'ambiente o alla struttura. I lavoratori possono anche essere esposti a diverse sostanze tossiche, come sostanze chimiche, gas o radioattività, alcune delle quali causano problemi di salute. A differenza delle energie pericolose, che hanno un effetto immediato sul corpo, le sostanze tossiche hanno caratteristiche temporali molto diverse, che vanno da effetti immediati a ritardi di mesi e anni. Spesso si ha un effetto cumulativo di piccole dosi di sostanze tossiche impercettibili per i lavoratori esposti.

Al contrario, non ci possono essere danni alle persone a causa di energia pericolosa o sostanze tossiche, a condizione che non esista alcun pericolo. Pericolo esprime la relativa esposizione al pericolo. Infatti ci può essere poco pericolo in presenza di alcuni pericoli a seguito della fornitura di adeguate precauzioni. Esiste una voluminosa letteratura relativa ai fattori che le persone usano nella valutazione finale per stabilire se una situazione è determinata come pericolosa e, in tal caso, quanto pericolosa. Questo è diventato noto come percezione del rischio. (La parola rischio viene utilizzato nello stesso senso che pericolo è utilizzato nella letteratura sulla sicurezza sul lavoro; vedi Hoyos e Zimolong 1988.)

La percezione del rischio si occupa della comprensione delle realtà percettive e degli indicatori di pericoli e sostanze tossiche, ovvero la percezione di oggetti, suoni, sensazioni odorose o tattili. Incendi, altezze, oggetti in movimento, forti rumori e odori acidi sono alcuni esempi dei pericoli più evidenti che non devono essere interpretati. In alcuni casi, le persone sono altrettanto reattive nelle loro risposte alla presenza improvvisa di un pericolo imminente. L'improvviso verificarsi di forti rumori, perdita di equilibrio e oggetti che aumentano rapidamente di dimensioni (e quindi sembrano sul punto di colpire il proprio corpo), sono stimoli di paura, che provocano risposte automatiche come saltare, schivare, battere le palpebre e afferrare. Altre reazioni riflesse includono il ritiro rapido di una mano che ha toccato una superficie calda. Rachman (1974) conclude che gli stimoli di paura predominanti sono quelli che hanno gli attributi di novità, repentinità e alta intensità.

Probabilmente la maggior parte dei pericoli e delle sostanze tossiche non sono direttamente percepibili dai sensi umani, ma sono desunti da indicatori. Esempi sono l'elettricità; gas incolori e inodori come metano e monossido di carbonio; raggi X e sostanze radioattive; e atmosfere carenti di ossigeno. La loro presenza deve essere segnalata da dispositivi che traducano la presenza del pericolo in qualcosa di riconoscibile. Le correnti elettriche possono essere percepite con l'aiuto di un dispositivo di controllo corrente, come può essere utilizzato per i segnali sui misuratori e contatori in un registro della sala di controllo che indicano livelli normali e anormali di temperatura e pressione in un particolare stato di un processo chimico . Ci sono anche situazioni in cui esistono pericoli che non sono affatto percepibili o che non possono essere resi percepibili in un dato momento. Un esempio è il pericolo di infezione quando si aprono le sonde del sangue per i test medici. La conoscenza dell'esistenza dei pericoli deve essere dedotta dalla propria conoscenza dei comuni principi di causalità o acquisita dall'esperienza.

Valutazione del rischio

Il passo successivo nell'elaborazione delle informazioni è valutazione del rischio, che fa riferimento al processo decisionale applicato a questioni quali se e in che misura una persona sarà esposta a un pericolo. Considera, ad esempio, guidare un'auto ad alta velocità. Dal punto di vista dell'individuo, tali decisioni devono essere prese solo in circostanze impreviste come le emergenze. La maggior parte del comportamento di guida richiesto è automatico e funziona senza intoppi senza un controllo costante dell'attenzione e una valutazione consapevole del rischio.

Hacker (1987) e Rasmussen (1983) hanno distinto tre livelli di comportamento: (1) comportamento basato sull'abilità, che è quasi interamente automatico; (2) comportamento basato su regole, che opera attraverso l'applicazione di regole scelte consapevolmente ma completamente pre-programmate; e (3) comportamento basato sulla conoscenza, sotto il quale sono raggruppati tutti i tipi di pianificazione consapevole e risoluzione dei problemi. A livello basato sull'abilità, un'informazione in arrivo è collegata direttamente a una risposta memorizzata che viene eseguita automaticamente ed eseguita senza deliberazione o controllo cosciente. Se non è disponibile una risposta automatica o si verifica un evento straordinario, il processo di valutazione del rischio passa al livello basato su regole, in cui l'azione appropriata viene selezionata da un campione di procedure prelevate dallo storage e quindi eseguite. Ciascuno dei passaggi comporta un programma percettivo-motorio finemente sintonizzato e, di solito, nessun passaggio in questa gerarchia organizzativa comporta decisioni basate su considerazioni di rischio. Solo alle transizioni viene applicato un controllo condizionato, proprio per verificare se l'andamento è secondo i piani. In caso contrario, il controllo automatico viene interrotto e il problema conseguente risolto a un livello superiore.

Il modello GEMS di Reason (1990) descrive come avviene la transizione dal controllo automatico alla risoluzione consapevole dei problemi quando sorgono circostanze eccezionali o si incontrano nuove situazioni. La valutazione del rischio è assente al livello inferiore, ma può essere pienamente presente al livello superiore. Al livello medio si può ipotizzare una sorta di valutazione del rischio “rapida e sporca”, mentre Rasmussen esclude qualsiasi tipo di valutazione che non sia incorporata in regole fisse. La maggior parte delle volte non ci sarà alcuna percezione cosciente o considerazione dei pericoli in quanto tali. “La mancanza di consapevolezza della sicurezza è sia normale che salutare, nonostante ciò che è stato detto in innumerevoli libri, articoli e discorsi. Essere costantemente consapevoli del pericolo è una ragionevole definizione di paranoia” (Hale e Glendon 1987). Le persone che svolgono il proprio lavoro su base routinaria raramente considerano questi pericoli o incidenti in anticipo: loro eseguire il rischi, ma non lo fanno prendere Loro.

Percezione del pericolo

La percezione dei pericoli e delle sostanze tossiche, nel senso di percezione diretta di forma e colore, volume e tono, odori e vibrazioni, è limitata dalle limitazioni di capacità dei sensi percettivi, che possono essere temporaneamente compromessi a causa di stanchezza, malattia, alcool o droghe. Fattori come l'abbagliamento, la luminosità o la nebbia possono mettere a dura prova la percezione e i pericoli possono non essere rilevati a causa di distrazioni o vigilanza insufficiente.

Come già accennato, non tutti i pericoli sono direttamente percepibili dai sensi umani. La maggior parte delle sostanze tossiche non sono nemmeno visibili. Ruppert (1987) ha scoperto nella sua indagine su una fabbrica di ferro e acciaio, su una raccolta municipale di rifiuti e su laboratori medici, che su 2,230 indicatori di rischio nominati da 138 lavoratori, solo il 42% era percepibile dai sensi umani. Il 23% degli indicatori deve essere desunto dal confronto con gli standard (ad esempio, i livelli di rumore). La percezione del pericolo si basa nel XNUMX% dei casi su eventi chiaramente percepibili che devono essere interpretati rispetto alla conoscenza della pericolosità (ad esempio, una superficie lucida di un pavimento bagnato indica scivoloso). Nel 13% delle segnalazioni, gli indicatori di pericolo possono essere recuperati solo dalla memoria dei passi corretti da compiere (ad esempio, la corrente in una presa a muro può essere resa percepibile solo dall'apposito dispositivo di controllo). Questi risultati dimostrano che i requisiti della percezione del pericolo vanno dal puro rilevamento e percezione all'elaborato processo di inferenza cognitiva di anticipazione e valutazione. Le relazioni causa-effetto sono talvolta poco chiare, scarsamente rilevabili o male interpretate, ed è probabile che gli effetti ritardati o cumulativi dei pericoli e delle sostanze tossiche impongano oneri aggiuntivi agli individui.

Hoyos et al. (1991) hanno elencato un quadro completo degli indicatori di pericolo, dei requisiti comportamentali e delle condizioni rilevanti per la sicurezza nell'industria e nei servizi pubblici. È stato sviluppato un Safety Diagnosis Questionnaire (SDQ) per fornire uno strumento pratico per analizzare pericoli e pericoli attraverso l'osservazione (Hoyos e Ruppert 1993). Sono stati valutati più di 390 luoghi di lavoro e condizioni di lavoro e ambientali in 69 aziende del settore agricolo, industriale, del lavoro manuale e dei servizi. Poiché le aziende avevano tassi di infortunio superiori a 30 infortuni ogni 1,000 dipendenti con un minimo di 3 giorni di lavoro persi per infortunio, sembra esserci una distorsione in questi studi verso i luoghi di lavoro pericolosi. Complessivamente 2,373 pericoli sono stati segnalati dagli osservatori utilizzando SDQ, indicando un tasso di rilevamento di 6.1 pericoli per luogo di lavoro e tra 7 e 18 pericoli sono stati rilevati in circa il 40% di tutti i luoghi di lavoro esaminati. Il tasso medio sorprendentemente basso di 6.1 pericoli per luogo di lavoro deve essere interpretato tenendo conto delle misure di sicurezza ampiamente introdotte nell'industria e nell'agricoltura negli ultimi 20 anni. I pericoli segnalati non includono quelli riconducibili a sostanze tossiche, né quelli controllati da dispositivi e misure tecniche di sicurezza, e riflettono quindi la distribuzione dei “pericoli residui”.

Nella figura 1 viene presentata una panoramica dei requisiti per i processi percettivi di rilevamento e percezione del pericolo. Gli osservatori dovevano valutare tutti i pericoli in un particolare luogo di lavoro rispetto a 13 requisiti, come indicato nella figura. In media, sono stati identificati 5 requisiti per pericolo, tra cui riconoscimento visivo, attenzione selettiva, riconoscimento uditivo e vigilanza. Come previsto, il riconoscimento visivo domina rispetto al riconoscimento uditivo (il 77.3% dei pericoli è stato rilevato visivamente e solo il 21.2% mediante rilevamento uditivo). Nel 57% di tutti i pericoli osservati, i lavoratori dovevano dividere la loro attenzione tra compiti e controllo dei pericoli, e l'attenzione divisa è un risultato mentale molto faticoso che può contribuire agli errori. Gli incidenti sono stati spesso ricondotti a fallimenti nell'attenzione durante l'esecuzione di compiti duali. Ancora più allarmante è la scoperta che nel 56% di tutti i rischi, i lavoratori hanno dovuto far fronte ad attività rapide e reattività per evitare di essere colpiti e feriti. Solo il 15.9% e il 7.3% di tutti i pericoli sono stati segnalati rispettivamente da avvisi acustici o ottici: di conseguenza, il rilevamento e la percezione del pericolo sono stati avviati autonomamente.

Figura 1. Rilevazione e percezione degli indicatori di pericolo nell'industria

SAF080T1

In alcuni casi (16.1%) la percezione dei pericoli è supportata da segnali e avvertenze, ma di solito i lavoratori fanno affidamento su conoscenze, formazione ed esperienza lavorativa. La Figura 2 mostra i requisiti di previsione e valutazione richiesti per controllare i pericoli sul posto di lavoro. La caratteristica fondamentale di tutte le attività riassunte in questa figura è la necessità di conoscenze ed esperienze acquisite nel processo di lavoro, tra cui: conoscenze tecniche su pesi, forze ed energie; formazione per individuare difetti e inadeguatezze di strumenti e macchinari di lavoro; ed esperienza per prevedere debolezze strutturali di attrezzature, edifici e materiali. Come Hoyos et al. (1991) hanno dimostrato che i lavoratori hanno scarse conoscenze relative ai pericoli, alle norme di sicurezza e al corretto comportamento di prevenzione personale. Solo il 60% dei lavoratori edili e il 61% degli automeccanici intervistati conoscevano le giuste soluzioni ai problemi legati alla sicurezza generalmente riscontrati sul posto di lavoro.

Figura 2. Anticipazione e valutazione degli indicatori di pericolo

SAF080T2

L'analisi della percezione del pericolo indica che sono coinvolti diversi processi cognitivi, come il riconoscimento visivo; attenzione selettiva e divisa; rapida identificazione e reattività; stime dei parametri tecnici; e previsioni di rischi e pericoli non osservabili. Infatti, i rischi e i pericoli sono spesso sconosciuti a chi svolge un lavoro: impongono un pesante fardello alle persone che devono far fronte in sequenza a dozzine di requisiti visivi e uditivi e sono una fonte di propensione all'errore quando viene eseguito il lavoro e il controllo dei pericoli contemporaneamente. Ciò richiede molta più enfasi da porre sull'analisi regolare e l'identificazione dei rischi e dei pericoli sul posto di lavoro. In diversi paesi, le valutazioni formali dei rischi dei luoghi di lavoro sono obbligatorie: ad esempio, le direttive sulla salute e la sicurezza della CEE richiedono la valutazione dei rischi dei luoghi di lavoro informatici prima di iniziare a lavorare in essi o quando sono state introdotte importanti modifiche al lavoro; e l'Occupational Safety and Health Administration (OSHA) degli Stati Uniti richiede regolari analisi del rischio di pericolo delle unità di processo.

Coordinamento del lavoro e controllo dei rischi

Come sottolineano Hoyos e Ruppert (1993), (1) il lavoro e il controllo dei rischi possono richiedere attenzione contemporaneamente; (2) possono essere gestiti alternativamente in fasi sequenziali; o (3) prima dell'inizio del lavoro, possono essere prese misure precauzionali (ad esempio, indossare un casco di sicurezza).

Nel caso di requisiti simultanei, il controllo dei pericoli si basa sul riconoscimento visivo, uditivo e tattile. In effetti, è difficile separare il lavoro e il controllo dei rischi nelle attività di routine. Ad esempio, una fonte di pericolo costante è presente quando si esegue il compito di tagliare i fili dai filati in una fabbrica di cotonifici, un compito che richiede un coltello affilato. Gli unici due tipi di protezione contro i tagli sono l'abilità nel maneggiare il coltello e l'uso di dispositivi di protezione. Se uno o entrambi devono avere successo, devono essere totalmente incorporati nelle sequenze di azioni del lavoratore. Abitudini come tagliare in una direzione lontana dalla mano che tiene il filo devono essere radicate nelle capacità del lavoratore fin dall'inizio. In questo esempio il controllo dei rischi è completamente integrato nel controllo delle attività; non è richiesto alcun processo separato di rilevamento dei pericoli. Probabilmente c'è un continuum di integrazione nel lavoro, il cui grado dipende dalla competenza del lavoratore e dalle esigenze della mansione. Da un lato, la percezione e il controllo del pericolo sono intrinsecamente integrati nelle capacità lavorative; d'altra parte, l'esecuzione dei compiti e il controllo dei pericoli sono attività nettamente separate. Il lavoro e il controllo dei pericoli possono essere eseguiti alternativamente, in fasi sequenziali, quando durante il compito, il potenziale di pericolo aumenta costantemente o c'è un segnale di pericolo improvviso e allarmante. Di conseguenza, i lavoratori interrompono l'attività o il processo e adottano misure preventive. Ad esempio, il controllo di un manometro è un tipico esempio di semplice test diagnostico. Un operatore di sala controllo rileva una deviazione dal livello standard su un misuratore che a prima vista non costituisce un segnale drammatico di pericolo, ma che spinge l'operatore a cercare ulteriormente su altri misuratori e contatori. Se sono presenti altre deviazioni, verrà eseguita una rapida serie di attività di scansione a livello basato su regole. Se le deviazioni su altri contatori non rientrano in uno schema familiare, il processo di diagnosi passa al livello basato sulla conoscenza. Nella maggior parte dei casi, guidati da alcune strategie, si cercano attivamente segnali e sintomi per individuare le cause delle deviazioni (Konradt 1994). L'allocazione delle risorse del sistema di controllo dell'attenzione è impostata sul monitoraggio generale. Un segnale improvviso, come un tono di avvertimento o, come nel caso precedente, varie deviazioni di puntatori da uno standard, sposta il sistema di controllo attenzionale sull'argomento specifico del controllo del rischio. Avvia un'attività che cerca di identificare le cause delle deviazioni a livello basato sulle regole o, in caso di sfortuna, a livello basato sulla conoscenza (Reason 1990).

Il comportamento preventivo è il terzo tipo di coordinamento. Si verifica prima del lavoro e l'esempio più evidente è l'uso di dispositivi di protezione individuale (DPI).

I significati del rischio

Definizioni di rischi e metodi per valutare i rischi nell'industria e nella società sono stati sviluppati in economia, ingegneria, chimica, scienze della sicurezza ed ergonomia (Hoyos e Zimolong 1988). C'è un'ampia varietà di interpretazioni del termine rischio. Da un lato, viene interpretato nel senso di “probabilità di un evento indesiderato”. È un'espressione della probabilità che accada qualcosa di spiacevole. Una definizione più neutra di rischio è utilizzata da Yates (1992a), il quale sostiene che il rischio dovrebbe essere percepito come un concetto multidimensionale che nel suo insieme si riferisce alla prospettiva di perdita. Contributi importanti alla nostra attuale comprensione della valutazione del rischio nella società sono venuti dalla geografia, dalla sociologia, dalle scienze politiche, dall'antropologia e dalla psicologia. La ricerca si è concentrata originariamente sulla comprensione del comportamento umano di fronte ai pericoli naturali, ma da allora si è ampliata per includere anche i rischi tecnologici. La ricerca sociologica e gli studi antropologici hanno dimostrato che la valutazione e l'accettazione dei rischi affondano le loro radici in fattori sociali e culturali. Short (1984) sostiene che le risposte ai pericoli sono mediate da influenze sociali trasmesse da amici, familiari, colleghi di lavoro e funzionari pubblici rispettati. La ricerca psicologica sulla valutazione del rischio ha avuto origine negli studi empirici sulla valutazione della probabilità, sulla valutazione dell'utilità e sui processi decisionali (Edwards 1961).

La valutazione del rischio tecnico di solito si concentra sul potenziale di perdita, che include la probabilità che si verifichi la perdita e l'entità della perdita data in termini di morte, lesioni o danni. Il rischio è la probabilità che si verifichi un danno di un determinato tipo in un dato sistema in un periodo di tempo definito. Vengono applicate diverse tecniche di valutazione per soddisfare le diverse esigenze dell'industria e della società. I metodi di analisi formale per stimare i gradi di rischio derivano da diversi tipi di analisi dell'albero dei guasti; mediante l'uso di banche dati comprendenti probabilità di errore come THERP (Swain e Guttmann 1983); o su metodi di scomposizione basati su valutazioni soggettive come SLIM-Maud (Embrey et al. 1984). Queste tecniche differiscono notevolmente nel loro potenziale per prevedere eventi futuri come contrattempi, errori o incidenti. In termini di previsione degli errori nei sistemi industriali, gli esperti hanno ottenuto i migliori risultati con THERP. In uno studio di simulazione, Zimolong (1992) ha trovato una stretta corrispondenza tra probabilità di errore derivate oggettivamente e le loro stime derivate con THERP. Zimolong e Trimpop (1994) hanno sostenuto che tali analisi formali hanno la massima "obiettività" se condotte correttamente, poiché separano i fatti dalle credenze e tengono conto di molti dei pregiudizi di giudizio.

Il senso del rischio del pubblico dipende da qualcosa di più della probabilità e dell'entità della perdita. Può dipendere da fattori quali il potenziale grado di danno, la scarsa familiarità con le possibili conseguenze, la natura involontaria dell'esposizione al rischio, l'incontrollabilità del danno e la possibile copertura mediatica distorta. La sensazione di controllo in una situazione può essere un fattore particolarmente importante. Per molti, volare sembra molto pericoloso perché non si ha il controllo sul proprio destino una volta in aria. Rumar (1988) ha rilevato che il rischio percepito nella guida di un'auto è tipicamente basso, poiché nella maggior parte delle situazioni i conducenti credono nella propria capacità di ottenere il controllo e sono abituati al rischio. Altre ricerche hanno affrontato le reazioni emotive a situazioni rischiose. Il potenziale di una grave perdita genera una varietà di reazioni emotive, non tutte necessariamente spiacevoli. C'è una linea sottile tra paura ed eccitazione. Ancora una volta, una delle principali determinanti del rischio percepito e delle reazioni affettive a situazioni rischiose sembra essere la sensazione di controllo o mancanza di controllo da parte di una persona. Di conseguenza, per molte persone, il rischio può essere nient'altro che una sensazione.

Processo decisionale a rischio

L'assunzione di rischi può essere il risultato di un deliberato processo decisionale che comporta diverse attività: identificazione di possibili corsi d'azione; identificazione delle conseguenze; valutazione dell'attrattività e possibilità delle conseguenze; o decidere in base a una combinazione di tutte le valutazioni precedenti. L'evidenza schiacciante che le persone spesso fanno scelte sbagliate in situazioni rischiose implica il potenziale per prendere decisioni migliori. Nel 1738, Bernoulli definì la nozione di "scommessa migliore" come quella che massimizza l'utilità attesa (UE) della decisione. Il concetto di razionalità dell'UE afferma che le persone dovrebbero prendere decisioni valutando le incertezze e considerando le loro scelte, le possibili conseguenze e le proprie preferenze per esse (von Neumann e Morgenstern 1947). Savage (1954) ha successivamente generalizzato la teoria per consentire ai valori di probabilità di rappresentare probabilità soggettive o personali.

L'utilità attesa soggettiva (SEU) è una teoria normativa che descrive come le persone dovrebbero procedere quando prendono decisioni. Slovic, Kunreuther e White (1974) hanno affermato: "La massimizzazione dell'utilità attesa impone il rispetto come linea guida per un comportamento saggio perché è dedotta da principi assiomatici che presumibilmente sarebbero accettati da qualsiasi uomo razionale". Una buona parte del dibattito e della ricerca empirica si è incentrata sulla questione se questa teoria potesse anche descrivere sia gli obiettivi che motivano i decisori effettivi sia i processi che impiegano quando prendono le loro decisioni. Simon (1959) l'ha criticata come una teoria di una persona che seleziona tra alternative fisse e note, a ciascuna delle quali sono associate conseguenze note. Alcuni ricercatori si sono persino chiesti se le persone debbano obbedire ai principi della teoria dell'utilità attesa e, dopo decenni di ricerca, le applicazioni SEU rimangono controverse. La ricerca ha rivelato che i fattori psicologici svolgono un ruolo importante nel processo decisionale e che molti di questi fattori non sono adeguatamente catturati dai modelli SEU.

In particolare, la ricerca sul giudizio e la scelta ha dimostrato che le persone hanno carenze metodologiche come la comprensione delle probabilità, la negligenza dell'effetto delle dimensioni del campione, la dipendenza da esperienze personali fuorvianti, la valutazione dei fatti con fiducia ingiustificata e la valutazione errata dei rischi. È più probabile che le persone sottovalutino i rischi se sono state volontariamente esposte a rischi per un periodo più lungo, come vivere in aree soggette a inondazioni o terremoti. Risultati simili sono stati riportati dall'industria (Zimolong 1985). Gli smistatori, i minatori, i lavoratori forestali e edili sottostimano tutti drammaticamente la rischiosità delle loro attività lavorative più comuni rispetto alle statistiche oggettive sugli incidenti; tuttavia, tendono a sopravvalutare qualsiasi evidente attività pericolosa dei compagni di lavoro quando viene loro richiesto di valutarli.

Sfortunatamente, i giudizi degli esperti sembrano essere inclini a molti degli stessi pregiudizi di quelli del pubblico, in particolare quando gli esperti sono costretti ad andare oltre i limiti dei dati disponibili e fare affidamento sulle loro intuizioni (Kahneman, Slovic e Tversky 1982). La ricerca indica inoltre che i disaccordi sul rischio non dovrebbero scomparire completamente anche quando sono disponibili prove sufficienti. Le opinioni iniziali forti sono resistenti al cambiamento perché influenzano il modo in cui le informazioni successive vengono interpretate. Le nuove prove appaiono affidabili e informative se sono coerenti con le proprie convinzioni iniziali; le prove contrarie tendono ad essere respinte come inaffidabili, errate o non rappresentative (Nisbett e Ross 1980). Quando le persone mancano di forti opinioni precedenti, prevale la situazione opposta: sono in balia della formulazione del problema. Presentare le stesse informazioni sul rischio in modi diversi (ad esempio, i tassi di mortalità rispetto ai tassi di sopravvivenza) altera le loro prospettive e le loro azioni (Tversky e Kahneman 1981). La scoperta di questo insieme di strategie mentali, o euristiche, che le persone implementano per strutturare il loro mondo e prevedere le loro azioni future, ha portato a una comprensione più profonda del processo decisionale in situazioni rischiose. Sebbene queste regole siano valide in molte circostanze, in altre portano a pregiudizi ampi e persistenti con gravi implicazioni per la valutazione del rischio.

Valutazione del rischio personale

L'approccio più comune nello studio del modo in cui le persone effettuano le valutazioni del rischio utilizza il ridimensionamento psicofisico e le tecniche di analisi multivariata per produrre rappresentazioni quantitative degli atteggiamenti e della valutazione del rischio (Slovic, Fischhoff e Lichtenstein 1980). Numerosi studi hanno dimostrato che la valutazione del rischio basata su giudizi soggettivi è quantificabile e prevedibile. Hanno anche dimostrato che il concetto di rischio significa cose diverse per persone diverse. Quando gli esperti giudicano il rischio e fanno affidamento sull'esperienza personale, le loro risposte sono strettamente correlate alle stime tecniche dei decessi annuali. I giudizi di rischio dei profani sono più legati ad altre caratteristiche, come il potenziale catastrofico o la minaccia per le generazioni future; di conseguenza, le loro stime delle probabilità di perdita tendono a differire da quelle degli esperti.

Le valutazioni del rischio dei pericoli da parte dei non addetti ai lavori possono essere raggruppate in due fattori (Slovic 1987). Uno dei fattori riflette il grado di comprensione di un rischio da parte delle persone. La comprensione di un rischio si riferisce al grado in cui è osservabile, è noto alle persone esposte e può essere rilevato immediatamente. L'altro fattore riflette il grado in cui il rischio evoca una sensazione di terrore. Il terrore è correlato al grado di incontrollabilità, di gravi conseguenze, di esposizione a rischi elevati per le generazioni future e di aumento involontario del rischio. Più alto è il punteggio di un pericolo su quest'ultimo fattore, maggiore è il suo rischio valutato, più persone vogliono vedere ridotti i suoi rischi attuali e più vogliono vedere una regolamentazione rigorosa impiegata per ottenere la riduzione del rischio desiderata. Di conseguenza, molti conflitti sul rischio possono derivare da opinioni di esperti e profani derivanti da diverse definizioni del concetto. In tali casi, le citazioni degli esperti delle statistiche del rischio o dell'esito delle valutazioni tecniche del rischio faranno ben poco per cambiare gli atteggiamenti e le valutazioni delle persone (Slovic 1993).

La caratterizzazione dei pericoli in termini di “conoscenza” e “minaccia” riconduce alla precedente discussione dei segnali di pericolo e di pericolo nell'industria in questa sezione, che sono stati discussi in termini di “percettibilità”. Il 45% degli indicatori di pericolo nell'industria sono direttamente percepibili dai sensi umani, il 3% dei casi deve essere desunto dal confronto con gli standard e il XNUMX% dalla memoria. La percettibilità, la conoscenza, le minacce ei brividi dei pericoli sono dimensioni strettamente correlate all'esperienza dei pericoli da parte delle persone e al controllo percepito; tuttavia, per comprendere e prevedere il comportamento individuale di fronte al pericolo, dobbiamo acquisire una comprensione più profonda delle loro relazioni con la personalità, i requisiti dei compiti e le variabili sociali.

Le tecniche psicometriche sembrano adatte per identificare somiglianze e differenze tra i gruppi per quanto riguarda sia le abitudini personali di valutazione del rischio che gli atteggiamenti. Tuttavia, altri metodi psicometrici come l'analisi multidimensionale dei giudizi di similarità dei pericoli, applicati a insiemi di pericoli piuttosto diversi, producono rappresentazioni diverse. L'approccio analitico fattoriale, sebbene informativo, non fornisce in alcun modo una rappresentazione universale dei pericoli. Un altro punto debole degli studi psicometrici è che le persone affrontano il rischio solo in dichiarazioni scritte e separano la valutazione del rischio dal comportamento in situazioni rischiose reali. I fattori che influenzano la valutazione ponderata del rischio di una persona in un esperimento psicometrico possono essere banali se confrontati con un rischio reale. Howarth (1988) suggerisce che tale conoscenza verbale cosciente di solito riflette gli stereotipi sociali. Al contrario, le risposte all'assunzione di rischi nel traffico o in situazioni di lavoro sono controllate dalla conoscenza tacita che sta alla base di comportamenti qualificati o di routine.

La maggior parte delle decisioni sui rischi personali nella vita di tutti i giorni non sono affatto decisioni consapevoli. Le persone, in generale, non sono nemmeno consapevoli del rischio. Al contrario, la nozione sottostante di esperimenti psicometrici è presentata come una teoria della scelta deliberata. Le valutazioni dei rischi solitamente effettuate tramite un questionario sono condotte volutamente in “poltrona”. In molti modi, tuttavia, è più probabile che le risposte di una persona a situazioni rischiose derivino da abitudini apprese che sono automatiche e che sono al di sotto del livello generale di consapevolezza. Le persone normalmente non valutano i rischi e quindi non si può sostenere che il loro modo di valutare il rischio sia impreciso e debba essere migliorato. La maggior parte delle attività correlate al rischio sono necessariamente eseguite al livello più basso del comportamento automatizzato, dove semplicemente non c'è spazio per la considerazione dei rischi. L'idea che i rischi, individuati dopo il verificarsi di incidenti, siano accettati dopo un'analisi consapevole, potrebbe essere emersa da una confusione tra SEU normativo e modelli descrittivi (Wagenaar 1992). Meno attenzione è stata prestata alle condizioni in cui le persone agiranno automaticamente, seguiranno il loro istinto o accetteranno la prima scelta che viene loro offerta. Tuttavia, vi è una diffusa accettazione nella società e tra i professionisti della salute e della sicurezza che l'assunzione di rischi è un fattore primario nel causare incidenti ed errori. In un campione rappresentativo di svedesi di età compresa tra i 18 ei 70 anni, il 90% ha convenuto che l'assunzione di rischi è la principale fonte di incidenti (Hovden e Larsson 1987).

Comportamento preventivo

Gli individui possono adottare deliberatamente misure preventive per escludere pericoli, per attenuare l'energia dei pericoli o per proteggersi mediante misure precauzionali (ad esempio, indossando occhiali di sicurezza e caschi). Spesso le persone sono obbligate dalle direttive aziendali o addirittura dalla legge a rispettare misure di protezione. Ad esempio, un roofer costruisce un'impalcatura prima di lavorare su un tetto per prevenire l'eventualità di subire una caduta. Questa scelta potrebbe essere il risultato di un consapevole processo di valutazione dei rischi e delle proprie capacità di coping, o, più semplicemente, potrebbe essere l'esito di un processo di assuefazione, oppure potrebbe essere un requisito imposto dalla legge. Spesso gli avvisi vengono utilizzati per indicare azioni preventive obbligatorie.

Diverse forme di attività preventive nell'industria sono state analizzate da Hoyos e Ruppert (1993). Alcuni di essi sono mostrati in figura 3, insieme alla loro frequenza di fabbisogno. Come indicato, il comportamento preventivo è in parte autocontrollato e in parte imposto dalle norme e dai requisiti legali dell'azienda. Le attività preventive comprendono alcune delle seguenti misure: pianificazione delle procedure di lavoro e dei passi avanti; utilizzo dei DPI; applicazione della tecnica dei lavori di sicurezza; selezione di procedure di lavoro sicure mediante materiali e strumenti adeguati; stabilire un ritmo di lavoro adeguato; e ispezione di strutture, attrezzature, macchinari e strumenti.

Figura 3. Tipici esempi di comportamento preventivo personale nell'industria e frequenza delle misure preventive

SAF080T3

Equipaggiamento per la protezione personale

La misura preventiva più frequente richiesta è l'uso di DPI. Insieme alla corretta gestione e manutenzione, è di gran lunga il requisito più comune nell'industria. Esistono grandi differenze nell'uso dei DPI tra le aziende. In alcune delle migliori aziende, principalmente negli impianti chimici e nelle raffinerie di petrolio, l'utilizzo dei DPI si avvicina al 100%. Al contrario, nel settore delle costruzioni, i funzionari della sicurezza hanno problemi anche nel tentativo di introdurre regolarmente particolari DPI. È dubbio che la percezione del rischio sia il fattore principale che fa la differenza. Alcune aziende hanno imposto con successo l'uso di DPI che poi diventa abituale (ad esempio, l'uso di elmetti di sicurezza) stabilendo la "corretta cultura della sicurezza" e successivamente alterando la valutazione del rischio personale. Slovic (1987) nella sua breve discussione sull'uso delle cinture di sicurezza mostra che circa il 20% degli utenti della strada indossa volontariamente le cinture di sicurezza, il 50% le userebbe solo se fosse reso obbligatorio per legge, e oltre questo numero, solo il controllo e la punizione servirà a migliorare l'uso automatico.

Pertanto, è importante capire quali fattori governano la percezione del rischio. Tuttavia, è altrettanto importante sapere come modificare il comportamento e successivamente come alterare la percezione del rischio. Sembra che molte più misure precauzionali debbano essere intraprese a livello dell'organizzazione, tra i pianificatori, i progettisti, i manager e quelle autorità che prendono decisioni che hanno implicazioni per molte migliaia di persone. Fino ad ora, c'è poca comprensione a questi livelli sui fattori da cui dipendono la percezione e la valutazione del rischio. Se le aziende sono viste come sistemi aperti, in cui diversi livelli di organizzazioni si influenzano reciprocamente e sono in costante scambio con la società, un approccio sistemico può rivelare quei fattori che costituiscono e influenzano la percezione e la valutazione del rischio.

Etichette di avvertimento

L'uso di etichette e avvertenze per combattere potenziali pericoli è una procedura controversa per la gestione dei rischi. Troppo spesso sono visti come un modo per i produttori di evitare la responsabilità per prodotti irragionevolmente rischiosi. Ovviamente, le etichette avranno successo solo se le informazioni che contengono vengono lette e comprese dai membri del pubblico previsto. Frantz e Rhoades (1993) hanno scoperto che il 40% degli impiegati che riempivano uno schedario notò un'etichetta di avvertenza posta sul cassetto superiore dell'armadietto, il 33% ne leggeva una parte e nessuno leggeva l'intera etichetta. Contrariamente alle aspettative, il 20% ha aderito completamente non mettendo prima alcun materiale nel primo cassetto. Ovviamente non è sufficiente scansionare gli elementi più importanti del bando. Lehto e Papastavrou (1993) hanno fornito un'analisi approfondita dei risultati relativi ai segnali di avvertimento e alle etichette esaminando i fattori relativi al destinatario, all'attività, al prodotto e al messaggio. Inoltre, hanno fornito un contributo significativo alla comprensione dell'efficacia degli avvisi considerando diversi livelli di comportamento.

La discussione sul comportamento qualificato suggerisce che un avviso di avvertimento avrà scarso impatto sul modo in cui le persone eseguono un compito familiare, poiché semplicemente non verrà letto. Lehto e Papastavrou (1993) hanno concluso dai risultati della ricerca che l'interruzione dell'esecuzione di compiti familiari può effettivamente aumentare i segnali di avvertimento o le etichette dei lavoratori. Nell'esperimento di Frantz e Rhoades (1993), l'osservazione delle etichette di avvertenza sugli schedari è aumentata al 93% quando il cassetto superiore è stato sigillato con un avviso che indicava la presenza di un'etichetta all'interno del cassetto. Gli autori hanno concluso, tuttavia, che i modi per interrompere il comportamento basato sull'abilità non sono sempre disponibili e che la loro efficacia dopo l'uso iniziale può diminuire considerevolmente.

A un livello di prestazione basato su regole, le informazioni di avvertimento dovrebbero essere integrate nel compito (Lehto 1992) in modo che possano essere facilmente associate ad azioni rilevanti immediate. In altre parole, le persone dovrebbero cercare di eseguire l'attività seguendo le indicazioni dell'etichetta di avviso. Frantz (1992) ha rilevato che l'85% dei soggetti ha espresso la necessità di un requisito sulle istruzioni per l'uso di un preservante del legno o di un detergente per scarichi. Sul lato negativo, gli studi sulla comprensione hanno rivelato che le persone possono comprendere male i simboli e il testo utilizzati nei segnali di avvertimento e nelle etichette. In particolare, Koslowski e Zimolong (1992) hanno rilevato che i lavoratori chimici comprendevano il significato solo di circa il 60% dei più importanti segnali di avvertimento utilizzati nell'industria chimica.

A un livello di comportamento basato sulla conoscenza, sembra probabile che le persone notino degli avvertimenti quando li cercano attivamente. Si aspettano di trovare avvisi vicino al prodotto. Frantz (1992) ha scoperto che i soggetti in contesti non familiari rispettavano le istruzioni il 73% delle volte se le leggevano, rispetto a solo il 9% quando non le leggevano. Una volta letta, l'etichetta deve essere compresa e ricordata. Diversi studi sulla comprensione e sulla memoria implicano anche che le persone potrebbero avere difficoltà a ricordare le informazioni che leggono dalle istruzioni o dalle etichette di avvertimento. Negli Stati Uniti, il National Research Council (1989) fornisce assistenza nella progettazione di avvertimenti. Sottolineano l'importanza della comunicazione bidirezionale per migliorare la comprensione. Il comunicatore dovrebbe facilitare il feedback delle informazioni e le domande da parte del destinatario. Le conclusioni del rapporto sono riassunte in due liste di controllo, una ad uso dei dirigenti, l'altra che funge da guida per il destinatario delle informazioni.

 

Di ritorno

Leggi 12886 volte Ultima modifica lunedì 22 agosto 2011 14:01

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Politica di sicurezza e riferimenti di leadership

Abbazia, A e JW Dickson. 1983. Clima di lavoro in R&S e innovazione nei semiconduttori. Acad Manage J 26:362–368.

Andriessen, JHTH. 1978. Comportamento sicuro e motivazione alla sicurezza. J Occup Acc 1:363–376.

Bailey, C. 1993. Migliorare l'efficacia del programma di sicurezza con sondaggi sulla percezione. Prof Saf ottobre: ​​28–32.

Bluen, SD e C Donald. 1991. La natura e la misurazione del clima delle relazioni industriali in azienda. S Afr J Psychol 21(1):12–20.

Brown, RL e H Holmes. 1986. L'uso di una procedura di analisi fattoriale per valutare la validità di un modello di clima di sicurezza dei dipendenti. Incidente anale Prev 18(6):445–470.

CCPS (Centro per la sicurezza dei processi chimici). Nd Linee guida per l'automazione sicura dei processi chimici. New York: Centro per la sicurezza dei processi chimici dell'American Institution of Chemical Engineers.

Mastica, DCE. 1988. Quelles sont les mesures quiassunt le mieux la sécurité du travail? Etude menée dans trois pays en développement d'Asie. Rev Int Travail 127:129–145.

Pollo, JC e MR Haynes. 1989. Il metodo di classificazione del rischio nel processo decisionale. Oxford: Pergamo.

Cohen, A. 1977. Fattori in programmi di sicurezza sul lavoro di successo. J Saf Res 9:168–178.

Cooper, MD, RA Phillips, VF Sutherland e PJ Makin. 1994. Riduzione degli incidenti utilizzando la definizione degli obiettivi e il feedback: uno studio sul campo. J Occup Organ Psychol 67:219–240.

Cru, D e Dejours C. 1983. Les savoir-faire de prudence dans les métiers du bâtiment. Cahiers medico-sociali 3:239–247.

Dake, K. 1991. Orientare le disposizioni nella percezione del rischio: un'analisi delle visioni del mondo contemporanee e dei pregiudizi culturali. J Cross Cult Psychol 22:61–82.

—. 1992. Miti della natura: cultura e costruzione sociale del rischio. J Soc Problemi 48: 21–37.

Dedobbeleer, N e F Béland. 1989. L'interrelazione tra gli attributi dell'ambiente di lavoro e le percezioni del clima di sicurezza dei lavoratori nel settore delle costruzioni. In Atti della 22a conferenza annuale dell'Associazione dei fattori umani del Canada. Toronto.

—. 1991. Una misura climatica di sicurezza per i cantieri. JSaf Res 22:97–103.

Dedobbeleer, N, F Béland e P German. 1990. Esiste una relazione tra gli attributi dei cantieri e le pratiche di sicurezza dei lavoratori e le percezioni climatiche? In Advances in Industrial Ergonomics and Safety II, a cura di D Biman. Londra: Taylor e Francesco.

Dejours, C. 1992. Intelligence ouvrière et organization du travail. Parigi: Harmattan.

DeJoy, DM. 1987. Attribuzioni e risposte del supervisore per incidenti sul lavoro multicausali. J Occupare Atti 9:213–223.

—. 1994. Gestione della sicurezza sul posto di lavoro: analisi e modello della teoria dell'attribuzione. J Saf Apocalisse 25:3–17.

Denisone, DR. 1990. Cultura aziendale ed efficacia organizzativa. New York: Wiley.

Dieterly, D e B Schneider. 1974. L'effetto dell'ambiente organizzativo sul potere percepito e sul clima: uno studio di laboratorio. Organ Behav Hum Perform 11: 316–337.

Dodier, N. 1985. La Construction Pratique des conditions de travail: Préservation de la santé et vie quotidienne des ouvriers dans les ateliers. Sci Soc Santé 3:5–39.

Dunetta, MD. 1976. Manuale di psicologia industriale e organizzativa. Chicago: Rand Mc Nally.

Dwyer, T. 1992. Vita e morte sul lavoro. Gli incidenti sul lavoro come caso di errore socialmente prodotto. New York: Plenum Press.

Eakin, J.M. 1992. Lasciando ai lavoratori: prospettiva sociologica sulla gestione della salute e della sicurezza nei piccoli luoghi di lavoro. Int J Health Serv 22:689–704.

Edwards, W. 1961. Teoria della decisione comportamentale. Annu Rev Psychol 12:473–498.

Embrey, DE, P Humphreys, EA Rosa, B Kirwan e K Rea. 1984. Un approccio alla valutazione delle probabilità di errore umano utilizzando il giudizio di esperti strutturato. In Nuclear Regulatory Commission NUREG/CR-3518, Washington, DC: NUREG.

Eyssen, G, J Eakin-Hoffman e R Spengler. 1980. Gli atteggiamenti del manager e il verificarsi di incidenti in una compagnia telefonica. J Occupare Acc 2:291–304.

Campo, RHG e MA Abelson. 1982. Clima: una riconcettualizzazione e un modello proposto. Hum Relat 35:181–201.

Fischhoff, B e D MacGregor. 1991. Letalità giudicata: quanto le persone sembrano sapere dipende da come viene loro chiesto. Rischio Anal 3:229–236.

Fischhoff, B, L Furby e R Gregory. 1987. Valutazione dei rischi volontari di lesioni. Incidente anale Prev 19:51–62.

Fischhoff, B, S Lichtenstein, P Slovic, S Derby e RL Keeney. 1981. Rischio accettabile. Cambridge: COPPA.

Flanagan, O. 1991. La scienza della mente. Cambridge: MIT Press.

Franzz, JP. 1992. Effetto dell'ubicazione, dell'esplicitezza procedurale e del formato di presentazione sull'elaborazione da parte dell'utente e sulla conformità alle avvertenze e alle istruzioni del prodotto. dottorato di ricerca Dissertazione, Università del Michigan, Ann Arbor.

Frantz, JP e TP Rhoades.1993. Fattori umani. Un approccio analitico delle attività al posizionamento temporale e spaziale degli avvisi sui prodotti. Fattori umani 35:713–730.

Frederiksen, M, O Jensen e AE Beaton. 1972. Previsione del comportamento organizzativo. Elmsford, NY: Pergamo.
Freire, P. 1988. Pedagogia degli oppressi. New York: Continuo.

Glick, WH. 1985. Concettualizzare e misurare il clima organizzativo e psicologico: insidie ​​​​nella ricerca multilivello. Acad Manage Rev 10(3):601–616.

Governo del Québec. 1978. Santé et sécurité au travail: Politique québecoise de la santé et de la sécurité des travailleurs. Québec: Editore ufficiale del Québec.

Haas, J. 1977. Imparare i veri sentimenti: uno studio sulle reazioni dei lavoratori siderurgici alla paura e al pericolo. Sociol Work Occup 4:147–170.

Hacker, W. 1987. Arbeitspychologie. Stoccarda: Hans Huber.

Haight, FA. 1986. Rischio, soprattutto rischio di incidente stradale. Incidente anale Precedente 18:359–366.

Hale, AR e AI Glendon. 1987. Comportamento individuale nel controllo del pericolo. vol. 2. Serie sulla sicurezza industriale. Amsterdam: Elsevier.

Hale, AR, B Hemning, J Carthey e B Kirwan. 1994. Estensione del Modello di Comportamento nel Controllo del Pericolo. Volume 3: descrizione estesa del modello. Delft University of Technology, Safety Science Group (Rapporto per HSE). Birmingham, Regno Unito: Università di Birmingham, Gruppo di ergonomia industriale.
Hansen, L. 1993a. Oltre l'impegno. Occupare pericoli 55(9):250.

—. 1993 b. Gestione della sicurezza: un invito alla rivoluzione. Prof Saf 38(30):16–21.

Harrison, E.F. 1987. Il processo decisionale manageriale. Boston: Houghton Mifflin.

Heinrich, H, D Petersen e N Roos. 1980. Prevenzione degli infortuni sul lavoro. New York: McGraw Hill.

Hovden, J e TJ Larsson. 1987. Rischio: cultura e concetti. In Risk and Decisions, a cura di WT Singleton e J Hovden. New York: Wiley.

Howarth, C.I. 1988. Il rapporto tra rischio oggettivo, rischio soggettivo, comportamento. Ergonomia 31:657–661.

Hox, JJ e IGGKreft. 1994. Metodi di analisi multilivello. Sociol Methods Res 22(3):283–300.

Hoyos, CG e B Zimolong. 1988. Sicurezza sul lavoro e prevenzione degli infortuni. Strategie e metodi comportamentali. Amsterdam: Elsevier.

Hoyos, CG e E Ruppert. 1993. Der Fragebogen zur Sicherheitsdiagnose (FSD). Berna: Huber.

Hoyos, CT, U Bernhardt, G Hirsch e T Arnhold. 1991. Vorhandenes und erwünschtes sicherheits-relevantes Wissen in Industriebetrieben. Zeitschrift für Arbeits-und Organisationspychologie 35:68–76.

Huber, O. 1989. Operatori di elaborazione delle informazioni nel processo decisionale. In Process and Structure of Human Decision Making, a cura di H Montgomery e O Svenson. Chichester: Wiley.

Hunt, HA e camper Habeck. 1993. Lo studio sulla prevenzione della disabilità del Michigan: punti salienti della ricerca. Rapporto inedito. Kalamazoo, MI: EE Upjohn Institute for Employment Research.

Commissione elettrotecnica internazionale (IEC). Nd Progetto di norma IEC 1508; Sicurezza funzionale: sistemi legati alla sicurezza. Ginevra: CEI.

Società degli strumenti d'America (ISA). Nd Draft Standard: Applicazione di sistemi strumentati di sicurezza per le industrie di processo. Carolina del Nord, USA: ISA.

Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO). 1990. ISO 9000-3: Standard di gestione della qualità e garanzia della qualità: linee guida per l'applicazione della norma ISO 9001 allo sviluppo, alla fornitura e alla manutenzione del software. Ginevra: ISO.

Giacomo, L.R. 1982. Distorsione di aggregazione nelle stime dell'accordo percettivo. J Appl Psychol 67:219–229.

James, LR e AP Jones. 1974. Clima organizzativo: una revisione della teoria e della ricerca. Psychol Bull 81(12):1096–1112.
Janis, IL e L Mann. 1977. Processo decisionale: un'analisi psicologica del conflitto, della scelta e dell'impegno. New York: Stampa libera.

Johnson, BB. 1991. Ricerca sul rischio e sulla cultura: una certa cautela. J Cross Cult Psychol 22:141–149.

Johnson, EJ e A Tversky. 1983. Affetto, generalizzazione e percezione del rischio. J Personal Soc Psychol 45:20–31.

Jones, AP e LR James. 1979. Clima psicologico: dimensioni e relazioni delle percezioni dell'ambiente di lavoro individuale e aggregato. Organ Behav Hum Perform 23: 201–250.

Joyce, WF e JWJ Slocum. 1984. Clima collettivo: accordo come base per definire i climi aggregati nelle organizzazioni. Acad Manage J 27:721–742.

Jungermann, H e P Slovic. 1987. Die Psychologie der Kognition und Evaluation von Risiko. Manoscritto inedito. Technische Universität di Berlino.

Kahneman, D e A Tversky. 1979. Teoria del prospetto: un'analisi della decisione sotto rischio. Econometrica 47:263–291.

—. 1984. Scelte, valori e cornici. Am Psychol 39:341–350.

Kahnemann, D, P Slovic e A Tversky. 1982. Giudizio in condizioni di incertezza: euristica e pregiudizi. New York: Pressa dell'Università di Cambridge.

Kasperson, RE. 1986. Sei proposte sulla partecipazione pubblica e la loro rilevanza per la comunicazione del rischio. Rischio Anal 6:275–281.

Kleinhesselink, RR e EA Rosa. 1991. Rappresentazione cognitiva della percezione del rischio. J Cross Cult Psychol 22:11–28.

Komaki, J, KD Barwick e LR Scott. 1978. Un approccio comportamentale alla sicurezza sul lavoro: individuare e rafforzare le prestazioni sicure in un impianto di produzione alimentare. J Appl Psychol 4:434–445.

Komaki, JL. 1986. Promozione della sicurezza sul lavoro e prevenzione degli infortuni. In Health and Industry: A Behavioral Medicine Perspective, a cura di MF Cataldo e TJ Coats. New York: Wiley.

Konradt, U. 1994. Handlungsstrategien bei der Störungsdiagnose an flessibilin Fertigungs-einrichtungen. Zeitschrift für Arbeits-und Organisations-pychologie 38:54–61.

Koopman, P e J Pool. 1991. Processo decisionale organizzativo: modelli, contingenze e strategie. Nel processo decisionale distribuito. Modelli cognitivi per il lavoro cooperativo, a cura di J Rasmussen, B Brehmer e J Leplat. Chichester: Wiley.

Koslowski, M e B Zimolong. 1992. Gefahrstoffe am Arbeitsplatz: Organisatorische Einflüsse auf Gefahrenbewußstein und Risikokompetenz. In Workshop Psychologie der Arbeitssicherheit, a cura di B Zimolong e R Trimpop. Heidelberg: Asanger.

Koys, DJ e TA DeCotiis. 1991. Misure induttive del clima psicologico. Hum Relat 44(3):265–285.

Krause, TH, JH Hidley e SJ Hodson. 1990. Il processo di sicurezza basato sul comportamento. New York: Van Norstrand Reinhold.
Lanier, EB. 1992. Riduzione degli infortuni e dei costi grazie alla sicurezza della squadra. ASSE J luglio: 21–25.

Lark, J. 1991. Leadership nella sicurezza. Prof Saf 36(3):33–35.

Lawler, EE. 1986. Management ad alto coinvolgimento. San Francisco: Jossey Basso.

Leto, MR. 1992. Progettazione di segnali di avvertimento ed etichette di avvertenza: basi scientifiche per le linee guida iniziali. Int J Ind Erg 10:115–119.

Lehto, MR e JD Papastavrou. 1993. Modelli del processo di avvertimento: importanti implicazioni verso l'efficacia. Scienza della sicurezza 16: 569–595.

Lewin, K. 1951. Teoria del campo nelle scienze sociali. New York: Harper e Row.

Likert, R. 1967. L'organizzazione umana. New York: McGraw Hill.

Lopes, LL e P-HS Ekberg. 1980. Test di un'ipotesi di ordinamento nel processo decisionale rischioso. Acta Physiol 45: 161–167.

Machlis, GE e EA Rosa. 1990. Rischio desiderato: ampliare l'amplificazione sociale del quadro di rischio. Rischio anale 10: 161–168.

Marzo, J e H Simon. 1993. Organizzazioni. Cambridge: Blackwell.

Marzo, JG e Z Shapira. 1992. Preferenze di rischio variabili e centro dell'attenzione. Psicol Ap 99:172–183.

Manson, WM, GY Wong e B Entwisle. 1983. Analisi contestuale attraverso il modello lineare multilivello. In metodologia sociologica, 1983-1984. San Francisco: Jossey-Bass.

Mattila, M, M Hyttinen e E Rantanen. 1994. Vigilanza efficace e sicurezza in cantiere. Int J Ind Erg 13:85–93.

Mattila, M, E Rantanen e M Hyttinen. 1994. La qualità dell'ambiente di lavoro, la vigilanza e la sicurezza nell'edilizia. Saf Sci 17:257–268.

McAfee, RB e AR Winn. 1989. L'uso di incentivi/feedback per migliorare la sicurezza sul posto di lavoro: una critica della letteratura. J Saf Res 20(1):7–19.

McSween, TE. 1995. Il processo di sicurezza basato sui valori. New York: Van Norstrand Reinhold.

Melia, JL, JM Tomas e A Oliver. 1992. Concepciones del clima organizacional hacia la seguridad laboral: Replication del modelo confirmatorio de Dedobbeleer y Béland. Revista de Psicologia del Trabajo y de las Organizaciones 9(22).

Minter, SG. 1991. Creare la cultura della sicurezza. Occup Hazards Agosto: 17–21.

Montgomery, H e O Svenson. 1989. Processo e struttura del processo decisionale umano. Chichester: Wiley.

Moravec, M. 1994. La partnership datore di lavoro-dipendente del 21° secolo. HR Mag Gennaio:125–126.

Morgan, G. 1986. Immagini di organizzazioni. Beverly Hills: salvia.

Nadler, D e ML Tushman. 1990. Oltre il leader carismatico. Leadership e cambiamento organizzativo. Calif Manage Ap 32:77–97.

Näsänen, M e J Saari. 1987. Gli effetti del feedback positivo sulle pulizie e sugli incidenti in un cantiere navale. J Occupare Atti 8:237–250.

Consiglio Nazionale per la Ricerca. 1989. Migliorare la comunicazione del rischio. Washington, DC: National Academy Press.

Naylor, JD, RD Pritchard e DR Ilgen. 1980. Una teoria del comportamento nelle organizzazioni. New York: stampa accademica.

Neumann, PJ e PE Politser. 1992. Rischio e ottimalità. In Risk-taking Behavior, a cura di FJ Yates. Chichester: Wiley.

Nisbett, R e L Ross. 1980. Inferenza umana: strategie e carenze del giudizio sociale. Scogliere di Englewood: Prentice-Hall.

Nunnally, JC. 1978. Teoria psicometrica. New York: McGraw Hill.

Oliver, A, JM Tomas e JL Melia. 1993. Una seconda convalida cruzada de la escala de clima organizacional de seguridad de Dedobbeleer y Béland. Ajuste confirmatorio de los modelos nonfattoriale, bifattoriale e trifattoriale. Psicologica 14:59–73.

Otway, HJ e D von Winterfeldt. 1982. Oltre il rischio accettabile: sull'accettabilità sociale delle tecnologie. Politica Sci 14:247–256.

Perrow, C. 1984. Incidenti normali: vivere con tecnologie ad alto rischio. New York: libri di base.

Petersen, D. 1993. Stabilire una buona "cultura della sicurezza" aiuta a mitigare i pericoli sul posto di lavoro. Occupare salute Saf 62 (7): 20-24.

Piccione, NF. 1991. Cultura della sicurezza e gestione del rischio nelle organizzazioni. J Cross Cult Psychol 22:129–140.

Rabash, J e G Woodhouse. 1995. Riferimento al comando MLn. Versione 1.0 marzo 1995, ESRC.

Rachman, SJ. 1974. I significati della paura. Harmondsworth: Pinguino.

Rasmussen, J. 1983. Abilità, regole, conoscenze, segnali, segni e simboli e altre distinzioni. IEEE T Syst Man Cyb 3:266–275.

Motivo, J.T. 1990. Errore umano. Cambridge: COPPA.

Rees, JV. 1988. Autoregolamentazione: un'alternativa efficace alla regolamentazione diretta da parte dell'OSHA? Stud J 16:603–614.

Renn, O. 1981. Uomo, tecnologia e rischio: uno studio sulla valutazione intuitiva del rischio e sugli atteggiamenti nei confronti dell'energia nucleare. Spezielle Berichte der Kernforschungsanlage Jülich.

Rittel, HWJ e MM Webber. 1973. Dilemmi in una teoria generale della pianificazione. Pol Sci 4:155-169.

Robertson, A e M Minkler. 1994. Nuovo movimento di promozione della salute: un esame critico. Health Educ Q 21(3):295–312.

Rogers, CR. 1961. Sul diventare una persona. Boston: Houghton Mifflin.

Rohrmann, B. 1992a. La valutazione dell'efficacia della comunicazione del rischio. Acta Physiol 81:169–192.

—. 1992 b. Risiko Kommunikation, Aufgaben-Konzepte-Valutazione. In Psychologie der Arbeitssicherheit, a cura di B Zimolong e R Trimpop. Heidelberg: Asanger.

—. 1995. Ricerca sulla percezione del rischio: revisione e documentazione. In Arbeiten zur Risikokommunikation. Peso 48. Jülich: Forschungszentrum Jülich.

—. 1996. Percezione e valutazione dei rischi: un confronto interculturale. In Arbeiten zur Risikokommunikation Heft 50. Jülich: Forschungszentrum Jülich.

Rosenhead, J. 1989. Analisi razionale per un mondo problematico. Chichester: Wiley.

Rumar, K. 1988. Rischio collettivo ma sicurezza individuale. Ergonomia 31:507–518.

Rummel, RJ. 1970. Analisi fattoriale applicata. Evanston, IL: Northwestern University Press.

Ruppert, E. 1987. Gefahrenwahrnehmung — ein Modell zur Anforderungsanalyse für die verhaltensabbhängige Kontrolle von Arbeitsplatzgefahren. Zeitschrift für Arbeitswissenschaft 2:84–87.

Saari, J. 1976. Caratteristiche dei compiti associati al verificarsi di incidenti. J Occup Acc 1:273–279.

Saari, J. 1990. Su strategie e metodi nel lavoro di sicurezza aziendale: dalle strategie informative a quelle motivazionali. J Occupare Acc 12:107–117.

Saari, J e M Nasänen. 1989. L'effetto del feedback positivo sulla pulizia industriale e sugli incidenti: uno studio a lungo termine in un cantiere navale. Int J Ind Erg 4:3:201–211.

Sarkis, H. 1990. Ciò che realmente provoca incidenti. Presentazione al seminario Wausau Insurance Safety Excellence. Canandaigua, New York, Stati Uniti, giugno 1990.

Sass, R. 1989. Le implicazioni dell'organizzazione del lavoro per la politica della salute sul lavoro: il caso del Canada. Int J Health Serv 19(1):157–173.

Selvaggio, L.J. 1954. I fondamenti della statistica. New York: Wiley.

Schäfer, RE. 1978. Di cosa parliamo quando parliamo di "rischio"? Un'indagine critica sulle teorie del rischio e delle preferenze di rischio. RM-78-69. Laxenber, Austria: Istituto internazionale per l'analisi dei sistemi applicati.

Schein, EH. 1989. Cultura organizzativa e leadership. San Francisco: Jossey-Bass.

Schneider, B. 1975a. Clima organizzativo: un saggio. Pers Psychol 28:447–479.

—. 1975b. Clima organizzativo: preferenze individuali e realtà organizzative rivisitate. J Appl Psychol 60:459–465.

Schneider, B e AE Reichers. 1983. Sull'eziologia dei climi. Pers Psicol 36:19–39.

Schneider, B, JJ Parkington e VM Buxton. 1980. Percezione del servizio nelle banche da parte dei dipendenti e dei clienti. Adm Sci Q 25: 252–267.

Shannon, HS, V Walters, W Lewchuk, J Richardson, D Verma, T Haines e LA Moran. 1992. Approcci alla salute e sicurezza sul posto di lavoro. Rapporto inedito. Toronto: Università McMaster.

Breve, J.F. 1984. Il tessuto sociale a rischio: verso la trasformazione sociale dell'analisi del rischio. Amer Social R 49:711–725.

Simard, M. 1988. La prise de risque dans le travail: un phénomène organizationnel. In La prise de risque dans le travail, a cura di P Goguelin e X Cuny. Marsiglia: Edizioni Octares.

Simard, M e A Marchand. 1994. Il comportamento dei preposti in prima linea nella prevenzione degli infortuni e l'efficacia nella sicurezza sul lavoro. Saf Sci 19:169–184.

Simard, M e A Marchand. 1995. L'adaptation des supervisors à la gestion partecipative de la prévention des accidents. Relazioni industriali 50: 567-589.

Simone, HA. 1959. Teorie del processo decisionale in economia e scienze comportamentali. Am Econ Ap 49:253–283.

Simone, HA et al. 1992. Processo decisionale e risoluzione dei problemi. In Decision Making: alternative ai modelli di scelta razionale, a cura di M Zev. Londra: salvia.

Simonds, RH e Y Shafai-Sahrai. 1977. Fattori che apparentemente influenzano la frequenza degli infortuni in undici coppie di società abbinate. J Saf Res 9(3):120–127.

Slovic, P. 1987. Percezione del rischio. Scienza 236: 280–285.

—. 1993. Percezioni dei rischi ambientali: prospettive psicologiche. In Comportamento e ambiente, a cura di GE Stelmach e PA Vroon. Amsterdam: Olanda Settentrionale.

Slovic, P, B Fischhoff e S Lichtenstein. 1980. Rischio percepito. In Valutazione del rischio sociale: quanto è sicuro è abbastanza sicuro?, a cura di RC Schwing e WA Albers Jr. New York: Plenum Press.

—. 1984. Prospettive della teoria della decisione comportamentale su rischio e sicurezza. Acta Physiol 56:183–203.

Slovic, P, H Kunreuther e GF White. 1974. Processi decisionali, razionalità e adeguamento ai rischi naturali. In Natural Hazards, Local, National and Global, a cura di GF White. New York: Stampa dell'Università di Oxford.

Smith, MJ, HH Cohen, A Cohen e RJ Cleveland. 1978. Caratteristiche dei programmi di sicurezza di successo. J Saf Apocalisse 10:5–15.

Smith, R.B. 1993. Profilo del settore delle costruzioni: arrivare al fondo degli alti tassi di incidenti. Occup Health Saf giugno: 35–39.

Smith, AT. 1989. Perché dovresti mettere il tuo programma di sicurezza sotto controllo statistico. Prof Saf 34(4):31–36.

Starr, C. 1969. Vantaggio sociale contro rischio tecnologico. Scienza 165: 1232–1238.

Sulzer-Azaroff, B. 1978. Ecologia comportamentale e prevenzione degli incidenti. J Organ Behav Manage 2:11–44.

Sulzer-Azaroff, B e D Fellner. 1984. Ricerca di obiettivi prestazionali nell'analisi comportamentale della salute e sicurezza sul lavoro: una strategia di valutazione. J Organ Behav Gestisci 6: 2: 53–65.

Sulzer-Azaroff, B, TC Harris e KB McCann. 1994. Oltre la formazione: tecniche di gestione delle prestazioni organizzative. Occup Med: State Art Rev 9:2:321–339.

Swain, AD e HE Guttmann. 1983. Manuale di analisi dell'affidabilità umana con enfasi sulle applicazioni delle centrali nucleari. Sandia National Laboratories, NUREG/CR-1278, Washington, DC: Commissione di regolamentazione nucleare degli Stati Uniti.

Taylor, D.H. 1981. L'ermeneutica degli infortuni e della sicurezza. Ergonomia 24:48–495.

Thompson, JD e A Tuden. 1959. Strategie, strutture e processi delle decisioni organizzative. In Comparative Studies in Administration, a cura di JD Thompson, PB Hammond, RW Hawkes, BH Junker e A Tuden. Pittsburgh: Pressa dell'Università di Pittsburgh.

Trimpop, RM. 1994. La psicologia del comportamento a rischio. Amsterdam: Elsevier.

Tuohy, C e M Simard. 1992. L'impatto dei comitati congiunti per la salute e la sicurezza in Ontario e Quebec. Rapporto non pubblicato, Canadian Association of Administrators of Labor Laws, Ottawa.

Tversky, A e D Kahneman. 1981. L'inquadramento delle decisioni e la psicologia della scelta. Scienza 211: 453–458.

Vlek, C e G Cvetkovich. 1989. Metodologia delle decisioni sociali per i progetti tecnologici. Dordrecht, Olanda: Kluwer.

Vlek, CAJ e PJ Stallen. 1980. Aspetti razionali e personali del rischio. Acta Physiol 45:273–300.

von Neumann, J e O Morgenstern. 1947. Teoria dei giochi e comportamento ergonomico. Princeton, New Jersey: Princeton University Press.

von Winterfeldt, D e W Edwards. 1984. Modelli di conflitto sulle tecnologie rischiose. Rischio Anale 4:55–68.

von Winterfeldt, D, RS John e K Borcherding. 1981. Componenti cognitive delle valutazioni del rischio. Rischio Anal 1:277–287.

Wagenaar, W. 1990. Valutazione del rischio e cause di incidenti. Ergonomia 33, nn. 10/11.

Wagenaar, WA. 1992. Assunzione di rischi e causalità degli incidenti. In Risk-taking Behavior, a cura di JF Yates. Chichester: Wiley.

Wagenaar, W, J Groeneweg, PTW Hudson e JT Reason. 1994. Promuovere la sicurezza nell'industria petrolifera. Ergonomia 37, n. 12: 1,999–2,013.

Walton, RE. 1986. Dal controllo all'impegno sul posto di lavoro. Harvard Bus Ap 63: 76–84.

Wilde, GJS. 1986. Oltre il concetto di omeostasi del rischio: suggerimenti per la ricerca e l'applicazione verso la prevenzione degli incidenti e delle malattie legate allo stile di vita. Incidente anale Precedente 18:377–401.

—. 1993. Effetti delle comunicazioni dei mass media sulle abitudini di salute e sicurezza: una panoramica dei problemi e delle prove. Dipendenza 88:983–996.

—. 1994. Teoria dell'omeostasi del rischio e la sua promessa per una maggiore sicurezza. In Challenges to Accident Prevention: The Issue of Risk Compensation Behaviour, a cura di R Trimpop e GJS Wilde. Groningen, Paesi Bassi: pubblicazioni STYX.

Yates, J.F. 1992a. Il costrutto di rischio. In Risk Taking Behaviour, a cura di JF Yates. Chichester: Wiley.

—. 1992b. Comportamento a rischio. Chichester: Wiley.

Yates, JF e ER Stone. 1992. Il costrutto di rischio. In Risk Taking Behaviour, a cura di JF Yates. Chichester: Wiley.

Zembrosky, EL. 1991. Lezioni apprese dalle catastrofi provocate dall'uomo. Nella gestione del rischio. New York: Emisfero.


Zey, M. 1992. Processo decisionale: alternative ai modelli di scelta razionale. Londra: salvia.

Zimolong, B. 1985. Percezione del pericolo e stima del rischio nella causa degli incidenti. In Trends in Ergonomics/Human Factors II, a cura di RB Eberts e CG Eberts. Amsterdam: Elsevier.

Zimolong, B. 1992. Valutazione empirica di THERP, SLIM e classificazione per stimare gli HEP. Reliab Eng Sys Saf 35:1–11.

Zimolong, B e R Trimpop. 1994. Gestione dell'affidabilità umana nei sistemi di produzione avanzati. In Design of Work and Development of Personnel in Advanced Manufacturing Systems, a cura di G Salvendy e W Karwowski. New York: Wiley.

Zohar, D. 1980. Clima di sicurezza nelle organizzazioni industriali: implicazioni teoriche e applicate. J Appl Psychol 65, n. 1: 96–102.

Zuckerman, M. 1979. Ricerca di sensazioni: oltre il livello ottimale di eccitazione. Hillsdale: Lawrence Erlbaum.