Lunedi, 04 aprile 2011 20: 32

Servizi di sicurezza: consulenti

Vota questo gioco
(Voto 1)

Occasionalmente, i responsabili della sicurezza in un'organizzazione, siano essi interessati al sistema comportamentale, al sistema di sicurezza o all'ambiente fisico, si rivolgono a risorse esterne come consulenti professionali per la sicurezza. Quando ciò accade, è importante tenere presente che la responsabilità per il buon esito del compito (distinto dall'esecuzione del compito stesso) di analizzare un dato sistema e apportarvi miglioramenti non può essere delegata ad agenzie esterne. Gli analisti interni (al contrario dei consulenti esterni) che studiano un sistema possono solitamente ottenere dati più affidabili grazie alla loro stretta familiarità con l'organizzazione. Tuttavia, l'aiuto di un consulente esterno che ha una vasta esperienza nell'analisi dei problemi di sicurezza e nel suggerire rimedi appropriati può essere prezioso.

Cerco aiuto esterno

Se in un'organizzazione non c'è nessuno che abbia familiarità con le leggi e gli standard di sicurezza a livello nazionale, potrebbe essere utile chiamare un esperto di norme di sicurezza per assistenza. Spesso non c'è nessuno nella struttura organizzativa che possa essere in grado di analizzare il sistema comportamentale, e in tale eventualità sarebbe opportuno farsi aiutare da qualcuno che possa farlo. Kenneth Albert (1978) suggerisce che ci sono sei occasioni specifiche in cui si dovrebbe ottenere un aiuto esterno:

    • quando è essenziale una competenza specifica
    • per una questione politicamente delicata
    • quando l'imparzialità è necessaria
    • se il tempo è critico e le risorse interne non sono immediatamente disponibili
    • se l'anonimato deve essere mantenuto
    • quando il prestigio di un estraneo sarebbe utile.

               

              Sebbene le osservazioni di Albert non siano state fatte in relazione alla sicurezza, i punti di cui sopra sembrano validi nel determinare la necessità di un consulente esterno per la sicurezza. Spesso un problema di sicurezza si intreccia con le personalità manageriali ed è estremamente difficile da risolvere internamente. In una situazione del genere una soluzione può essere accettabile per tutte le parti coinvolte solo perché proviene da un estraneo. Se un'organizzazione ha bisogno di un'analisi in fretta, spesso può essere eseguita più velocemente da un consulente esterno, e spesso la raccomandazione dell'esterno avrà più peso di quella dell'interno. Nel campo della sicurezza, sembra che molte organizzazioni abbiano bisogno di un aiuto esterno con l'analisi del sistema comportamentale, alcune con l'analisi del sistema di sicurezza e alcune con l'analisi delle condizioni fisiche. Tuttavia, per quanto riguarda la disponibilità di consulenti per la sicurezza, la domanda e l'offerta sono inversamente correlate, poiché sembra esserci un'ampia offerta di consulenti per la condizione fisica, mentre ci sono meno analisti dei sistemi di sicurezza e gli esperti di analisi comportamentale della sicurezza sono quasi inesistenti.

              Consulenti per la sicurezza

              Sebbene i tipi di aiuto dei consulenti esterni per la sicurezza varino in base al paese, potrebbero generalmente essere classificati in queste categorie:

                • ingegneri o consulenti per la sicurezza sul campo della compagnia di assicurazioni
                • consulenti per la sicurezza del governo (nazionale, statale, provinciale e locale)
                • società di consulenza private e consulenti professionali per la sicurezza a tempo pieno
                • consulenti privati ​​a tempo parziale
                • consulenti del consiglio per la sicurezza o dell'associazione per la sicurezza
                • consulenti delle associazioni di categoria.

                           

                          Consulenti assicurativi. La maggior parte dei consulenti per la sicurezza e degli ingegneri della sicurezza negli Stati Uniti che non lavorano per il governo o l'industria sono impiegati da compagnie assicurative. Molti altri professionisti della sicurezza hanno iniziato la loro carriera lavorando per compagnie assicurative. Quasi tutte le compagnie, ad eccezione di quelle molto grandi e autoassicurate, sono assistite abitualmente da rappresentanti assicurativi per il controllo delle perdite.

                          Consulenti governativi. I fornitori di servizi di consulenza governativa variano da paese a paese e in base alla loro affiliazione (nazionale, statale, provinciale o locale) e al tipo di compiti che sono autorizzati e qualificati a svolgere. Negli Stati Uniti, l'obiettivo dichiarato del programma di consultazione in loco offerto dalla Occupational Safety and Health Administration (OSHA) è quello di ottenere “posti di lavoro sicuri e salubri per i dipendenti”. Pertanto, per stipulazione, le consultazioni riguarderanno solo le condizioni fisiche. Un'organizzazione che cerca questo tipo di aiuto dovrebbe prendere in considerazione l'offerta dell'OSHA. Se, tuttavia, è necessario un aiuto di consulenza con il sistema di sicurezza o il sistema comportamentale, l'OSHA è il posto sbagliato dove andare.

                          Le responsabilità in loco definite dei consulenti OSHA sono le seguenti:

                            • identificare e classificare correttamente i pericoli
                            • raccomandare misure correttive (a parte l'assistenza ingegneristica)
                            • fissare date di abbattimento per i rischi gravi
                            • segnalare ai propri superiori eventuali gravi pericoli sui quali il datore di lavoro non ha agito
                            • seguire le azioni del datore di lavoro.

                                     

                                    È ovvio che ci sono alcuni aspetti del ricevere il servizio di consulenza OSHA attraverso questa via che sono insoliti. Lo scopo dei consulenti è quello di aiutare a migliorare le condizioni fisiche, ma in due casi i consulenti hanno compiti aggiuntivi:

                                      • In caso di gravi violazioni degli standard OSHA, devono fissare date di abbattimento e seguirle.
                                      • In caso di imminenti violazioni degli standard OSHA, devono riferirle ai propri supervisori (e quindi alla gerarchia del Dipartimento del lavoro) o al personale di conformità dell'organizzazione per un'azione immediata.

                                         

                                        In altre parole, la consulenza OSHA è vera consulenza solo quando non viene trovato nulla di gravemente sbagliato. Se viene rilevato qualcosa di grave o di pericolo imminente, il "cliente" perde il controllo del processo decisionale su come e quando correggerlo.

                                        Società di consulenza private. Una terza fonte di aiuto esterno è il consulente privato (a tempo pieno) o le società di consulenza private, che possono fornire aiuto in qualsiasi area - sistemi comportamentali, sistemi di sicurezza o condizioni fisiche - senza nessuna delle limitazioni speciali sopra menzionate. L'unica difficoltà è garantire che sia stato selezionato un consulente che abbia le competenze e le conoscenze necessarie per fornire il prodotto di lavoro desiderato.

                                        Consulenza privata part-time e altri. Il quarto posto per individuare un consulente privato è tra quelle persone che si consultano part-time per integrare il proprio reddito. Questi consulenti sono professionisti della sicurezza in pensione che rimangono attivi o professori universitari o universitari che integrano le loro entrate e rimangono informati sul mondo al di fuori dell'accademia. Anche in questo caso il problema è individuare queste persone e garantire che la persona assunta abbia le competenze necessarie. Ulteriori fonti includono consulenti che si rendono disponibili attraverso i consigli di sicurezza nazionali o locali e consulenti con associazioni di categoria.

                                        Trovare un consulente

                                        Nelle prime due categorie di aiuto esterno sopra elencate, governo e assicurazioni, trovare un consulente è facile. Ad esempio, negli Stati Uniti, è possibile contattare la compagnia assicurativa per la compensazione dei lavoratori o l'ufficio locale per le sovvenzioni dell'OSHA e chiedere loro di visitare l'organizzazione. Molti altri paesi forniscono risorse governative e assicurative simili.

                                        Trovare un consulente nelle seconde due categorie, consulenti privati ​​e società di consulenza, è più difficile. Negli Stati Uniti, ad esempio, diverse organizzazioni pubblicano elenchi di consulenti. Ad esempio, l'American Society of Safety Engineers (ASSE) pubblica un elenco nazionale, che comprende circa 260 nomi di consulenti. Tuttavia, sembrano esserci notevoli problemi nell'utilizzo di questa directory. Dall'analisi delle 260 persone in elenco emerge che il 56% sono persone che indicano di essere assunte ma che non hanno precisato se lavorano per aziende e cercano introiti aggiuntivi o sono consulenti a tempo pieno o consulenti per la sicurezza in pensione part-time. Un ulteriore 32% è stato identificato come collegato a società di consulenza, il 5% era collegato a università, il 3% era broker assicurativo, il 3% era collegato a società manifatturiere e l'1% era associato a governi statali. In realtà questo elenco, pur pubblicizzato come un documento che dice al lettore “dove sono gli esperti in materia di sicurezza e salute sul lavoro”, è in realtà un elenco di coloro che hanno pagato la quota e sono iscritti alla sezione dei consulenti dell'ASSE.

                                        Non esiste un modo semplice per trovare un consulente che abbia le competenze necessarie. Probabilmente i migliori approcci diversi dall'assicurazione o dal governo sono (1) fare rete con altre organizzazioni con problemi simili per vedere chi hanno usato e se erano soddisfatti dei risultati, (2) contattare un'organizzazione professionale a livello nazionale, o ( 3) avvalersi di elenchi professionali come quello di cui sopra, tenendo conto delle abilitazioni fatte al riguardo.

                                        Consulenza assicurativa

                                        I consulenti esterni più prontamente disponibili sono i consulenti assicurativi. Dall'inizio del movimento per la sicurezza industriale, il settore assicurativo è stato coinvolto nella sicurezza. Per molti anni. l'unico aiuto esterno possibile per la maggior parte delle compagnie era stato quello messo a disposizione dalla compagnia assicurativa della compagnia. Anche se questo non è più vero, il consulente assicurativo viene spesso ricercato.

                                        I dipartimenti dei servizi di sicurezza delle tipiche grandi compagnie di assicurazione sono incaricati di tre funzioni specifiche:

                                          • una funzione di assistenza alla vendita
                                          • una funzione di assistenza alla sottoscrizione
                                          • una funzione di servizio al cliente.

                                           

                                          Solo il terzo di questi ha valore per il cliente che necessita di assistenza per la sicurezza. La funzione di assistenza alla sottoscrizione è svolta da un rappresentante sul campo che rappresenta “gli occhi e le orecchie” della compagnia assicurativa, osservando ciò che accade presso la sede di attività dell'assicurato e riportando al sottoscrittore alla scrivania. La terza funzione consiste nell'assistere i clienti a migliorare i loro programmi di sicurezza e prevenzione delle perdite e ridurre la probabilità che tali clienti subiscano incidenti e perdite finanziarie. L'assistenza offerta varia notevolmente da azienda ad azienda.

                                          Nel corso degli anni sono emerse diverse filosofie che dettano il valore del servizio che la compagnia assicurativa è in grado di fornire. In alcune società il dipartimento dei servizi di sicurezza è ancora una parte importante della funzione di sottoscrizione e le sue funzioni sono di osservare e riferire, mentre in altre il dipartimento di ingegneria riferisce al dipartimento di sottoscrizione. In alcune compagnie assicurative, il dipartimento di controllo delle perdite è indipendente, esiste principalmente per servire il cliente e solo secondariamente per assistere le funzioni di vendita e sottoscrizione. Quando la missione principale del servizio è assistere le vendite, il servizio clienti ne risentirà. Se il dipartimento di controllo delle perdite fa parte della sottoscrizione, potrebbe essere difficile ottenere il servizio di sicurezza da loro, poiché semplicemente potrebbero non disporre di personale addestrato e qualificato per fornire quel tipo di servizio. Se il dipartimento di controllo delle perdite non fa parte della sottoscrizione, potrebbe essere in grado di fornire un buon servizio a un cliente. Viceversa, può anche essere del tutto inefficace, perché possono intervenire numerosi fattori che possono vanificare l'effettiva erogazione del servizio di sicurezza.

                                          Quando il servizio è un servizio di sola ispezione, come è molto diffuso, il sistema di sicurezza e il sistema comportamentale saranno totalmente trascurati. Quando il servizio consiste nella consegna di ausili e materiali per la sicurezza, e nient'altro, è un servizio praticamente privo di significato. Quando il servizio consiste principalmente o totalmente nell'organizzazione di riunioni di sicurezza per un cliente, come la consegna del programma di sicurezza "preconfezionato" che l'ufficio interno del vettore ha ideato per l'uso presso tutte le compagnie assicurate, o semplicemente assicurando che le condizioni fisiche siano conformi al codice, è anche un servizio debole.

                                          A seconda del tipo di filosofia alla base del servizio del vettore, potrebbero essere disponibili servizi aggiuntivi oltre a quelli forniti dal rappresentante che chiama il cliente. Nella figura 1 sono riportati alcuni tipici servizi aggiuntivi che possono essere particolarmente utili ai clienti, quali servizi di igiene industriale, infermieristici e specialistici (ingegneria e protezione antincendio), a seconda delle esigenze attuali dell'organizzazione. I servizi di formazione sono in qualche modo meno comuni ma sono anche preziosi.

                                          Figura 1. Servizi aggiuntivi di consulenti

                                          PRO01FE

                                          Consulenti governativi

                                          Come per i consulenti assicurativi, alcune considerazioni, come le seguenti, devono essere soppesate da un'azienda prima di decidere se richiedere o meno l'assistenza di consulenti governativi.

                                            • se i termini in base ai quali viene offerta l'assistenza governativa sono accettabili
                                            • la competenza delle persone
                                            • l'ambito limitato della consulenza
                                            • l'incapacità di dirigere l'attenzione della consulenza.

                                                   

                                                  Probabilmente la prima considerazione è se un'azienda desideri o meno essere coinvolta con un governo. Quando si utilizzano altri tipi di consulenti (privati ​​o forniti da una compagnia di assicurazioni), qualunque risultato si ottenga è strettamente tra l'organizzazione e il consulente. Qualunque cosa la società decida di fare è una decisione riservata alla sola società, che mantiene il controllo sulla disposizione delle informazioni. Con i consulenti del governo questo non è del tutto vero. Ad esempio, se i consulenti riscontrano uno o entrambi i due tipi di pericoli - violazioni della legge e quelli immediatamente pericolosi per la vita o la salute - l'organizzazione potrebbe non essere in grado di mantenere il potere decisionale su cosa fare riguardo al pericolo e quando farlo.

                                                  I consulenti governativi possono fornire assistenza per determinare se un'organizzazione è conforme o meno a regolamenti e standard. Questo è un obiettivo estremamente ristretto e presenta molti punti deboli, come sottolineato da Peters (1978) nel suo articolo “Perché solo uno sciocco fa affidamento sugli standard di sicurezza”: “Per coloro che sanno poco di sicurezza, sembra abbastanza plausibile e ragionevole aspettarsi che l'esistenza di buoni standard di sicurezza e una sufficiente conformità a tali standard dovrebbe essere una misura adeguata di garanzia della sicurezza. Peters suggerisce che non solo tale aspettativa è errata, ma anche che l'affidamento agli standard sovvertirà le attività professionali necessarie per ridurre le perdite.

                                                  Consulenza privata

                                                  Con il consulente privato, sia esso un libero professionista o un dipendente di una società di consulenza, a tempo pieno o parziale, non ci sono obblighi di comunicazione obbligatoria. Il consulente privato non deve attenersi ai mandati di un sistema di rinvio obbligatorio; il rapporto è strettamente tra l'organizzazione e il singolo consulente. L'ambito della consulenza è limitato, in quanto il "cliente" può controllare molto direttamente il focus delle attività del consulente. Pertanto, l'unica cosa di cui il cliente deve preoccuparsi è se il consulente è competente o meno nelle aree in cui è necessario l'aiuto e se il compenso è giudicato equo o meno. La figura 2 elenca alcune delle funzioni più basilari del consulente di gestione.

                                                  Figura 2. Funzioni di base del consulente di direzione

                                                  PRO02FE

                                                  G. Lippit (1969), che ha scritto molto sul processo di consulenza, ha individuato otto specifiche attività di consulenza:

                                                    1. aiuta la direzione a esaminare i problemi organizzativi (p. es., organizza una riunione di direzione per l'identificazione del problema nelle relazioni problematiche tra personale domestico e sul campo)
                                                    2. aiuta la direzione a esaminare il contributo del dialogo adeguato a questi problemi (p. es., in relazione ai problemi domestici e dell'ufficio sul campo, esplora con la direzione come una conferenza sui blocchi di comunicazione potrebbe portare alla risoluzione dei problemi)
                                                    3. aiuta a esaminare gli obiettivi a lungo e breve termine dell'azione di rinnovamento (p. es., coinvolge la direzione nella definizione degli obiettivi e nella definizione degli obiettivi)
                                                    4. esplora, con il management, alternative ai piani di rinnovo
                                                    5. sviluppa, con la direzione, i piani di rinnovamento (p. es., sulla base degli obiettivi, lavora con una task force per sviluppare un processo con valutazione integrata piuttosto che sottoporre semplicemente un piano sviluppato in modo indipendente alla direzione per l'approvazione)
                                                    6. esplora le risorse appropriate per implementare i piani di rinnovamento (p. es., fornisce al management una varietà di risorse sia all'interno che all'esterno dell'organizzazione; lo stimolatore del rinnovamento deve aiutare il management a capire che cosa ogni risorsa può contribuire a un'efficace risoluzione dei problemi)
                                                    7. fornisce consulenza alla direzione sulla valutazione e revisione del processo di rinnovo (ad es., la valutazione deve essere in termini di risoluzione dei problemi; lavorare con la direzione; lo stimolatore del rinnovo deve valutare lo stato attuale del problema, piuttosto che verificare se determinate attività sono state condotte o meno )
                                                    8. esplora con la direzione le fasi di follow-up necessarie per rafforzare la risoluzione dei problemi e gli esiti del processo di rinnovo (ad esempio, incoraggia la direzione a esaminare le implicazioni delle misure intraprese finora e a valutare lo stato attuale dell'organizzazione in termini di altre azioni che potrebbe essere necessario per seguire l'attuazione del processo di rinnovo).

                                                                   

                                                                  Anche Lippit (1969) ha individuato cinque diverse posizioni che i consulenti possono assumere nei confronti delle esigenze dei loro clienti (figura 3).

                                                                  Figura 3. Cinque approcci di consulenza

                                                                  PRO03FE

                                                                  La scelta di un consulente

                                                                  Quando si sceglie un consulente, viene suggerito un processo come quello dato dalla figura 4.

                                                                  Figura 4. Scelta di un consulente

                                                                  PRO04FE

                                                                  Se utilizzare o meno un consulente, e quale utilizzare, dovrebbe essere determinato dai bisogni definiti dell'utente e dal tipo di abilità e conoscenza che il consulente deve avere per essere di reale aiuto. Quindi, sembrerebbe logico cercare individui o gruppi che abbiano quel tipo di abilità e conoscenza. Si può stabilire che, come risultato di questo processo, il lavoro può essere svolto senza aiuto esterno; ad esempio, individuare internamente le competenze necessarie e applicarle ai problemi di sicurezza definiti. Al contrario, si può decidere di andare all'esterno per le competenze necessarie.

                                                                   

                                                                   

                                                                   

                                                                   

                                                                   

                                                                   

                                                                   

                                                                   

                                                                   

                                                                   

                                                                   

                                                                  Valutazione delle prestazioni del consulente

                                                                  Dopo aver lavorato con i consulenti per un periodo di tempo, un'azienda può giudicare le loro prestazioni individuali e il loro valore per l'organizzazione in modo molto più accurato (figura 5). Come risultato dell'analisi fornita dal consulente, si può concludere che forse anche il resto del lavoro, o un lavoro simile, può essere svolto utilizzando risorse interne. Molte aziende lo fanno ora e altre si stanno rivolgendo ad esso, sia nelle aree di sicurezza che in quelle non di sicurezza.

                                                                  Figura 5. Valutazione delle prestazioni del consulente

                                                                  PRO05FE

                                                                  Approcci alla risoluzione dei problemi

                                                                  K. Albert, nel suo libro, Come essere il tuo consulente di gestione (1978), suggerisce che ci sono quattro diversi tipi di approcci di risoluzione dei problemi di gestione interna:

                                                                    • assumere un consulente interno a tempo pieno
                                                                    • assegnare temporaneamente a qualcuno un incarico speciale
                                                                    • creare una task force per lavorare su un problema
                                                                    • collaborazione tra un consulente esterno e un consulente interno.

                                                                           

                                                                          Inoltre, Albert suggerisce che, indipendentemente dall'approccio scelto, queste regole di base devono essere seguite per avere successo:

                                                                            • Ottieni il supporto totale del top management.
                                                                            • Stabilire la riservatezza.
                                                                            • Ottieni l'accettazione delle unità operative.
                                                                            • Evita la politica aziendale.
                                                                            • Rapporto ad alto livello.
                                                                            • Inizia lentamente e mantieni l'obiettività.

                                                                                       

                                                                                      Di ritorno

                                                                                      Leggi 8048 volte Ultima modifica sabato 30 luglio 2022 01:54

                                                                                      " DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

                                                                                      Contenuti

                                                                                      Riferimenti ai programmi di sicurezza

                                                                                      Albert, K. 1978. Come essere il tuo consulente di gestione. New York: McGraw Hill.

                                                                                      Società americana degli ingegneri della sicurezza (ASSE). 1974. Elenco dei consulenti per la sicurezza. Oakton, Illinois, Stati Uniti: ASSE.

                                                                                      Associazione degli ingegneri gestionali di consulenza. 1966. Pratiche Professionali in Consulenza Direzionale. New York: Associazione degli ingegneri gestionali di consulenza.

                                                                                      Uccello, F.E. 1974. Guida alla gestione del controllo delle perdite. Atlanta: Institute Press.

                                                                                      Bruening, JC. 1989. Gli incentivi rafforzano la consapevolezza della sicurezza. Occup Haz 51:49-52.

                                                                                      Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). 1988. Linee guida per la valutazione dei sistemi di sorveglianza. MMWR 37 (suppl. n. S-5). Atlanta: CDC.

                                                                                      Fox, DK, BL Hopkins e WK Rabbia. 1987. Gli effetti a lungo termine di un'economia simbolica sulle prestazioni di sicurezza nelle miniere a cielo aperto. J App Comportamento anale 20:215-224.

                                                                                      Geller, E.S. 1990. A Bruening, JC. Modellare l'atteggiamento dei lavoratori nei confronti della sicurezza. Occup Haz 52:49-51.

                                                                                      Gibson, J.J. 1961. Il contributo della psicologia sperimentale alla formulazione del problema della sicurezza: una sintesi per la ricerca di base. Negli approcci comportamentali alla ricerca sugli incidenti. New York: Associazione per l'aiuto ai bambini storpi.

                                                                                      Gordon, J.E. 1949. L'epidemiologia degli incidenti. Am J Public Health 39, aprile: 504–515.

                                                                                      Gros J. 1989. Das Kraft-Fahr-Sicherheitsprogramm. Personalführung 3:246-249.

                                                                                      Haddon, W, Jr. 1973. Danni energetici e dieci strategie di contromisura. G Trauma 13:321–331.

                                                                                      Haddon, W, EA Suchman e D Klein. 1964. Ricerca sugli incidenti: metodi e approcci. New York: Harper e Row.

                                                                                      Harano, RM e DE Hubert. 1974. Una valutazione del programma di incentivi Good Driver della California. Rapporto n. 6. Sacramento: California Division of Highways.

                                                                                      Komaki, JKD Barwick e LR Scott. 1978. Un approccio comportamentale alla sicurezza sul lavoro: individuare e rafforzare le prestazioni sicure in un impianto di produzione alimentare. JApp Psy 63:434-445.

                                                                                      Latham, GP e JJ Baldes. 1975. Il significato pratico della teoria della definizione degli obiettivi di Locke. J App Psy 60: 122-124.

                                                                                      Lippit, G. 1969. Rinnovo organizzativo. New York: Meredith Corp.

                                                                                      McAfee, RB e AR Winn. 1989. L'uso di incentivi/feedback per migliorare la sicurezza sul posto di lavoro: una critica della letteratura. JSaf Res 20:7-19.

                                                                                      Peters, G. 1978. Perché solo uno sciocco fa affidamento sugli standard di sicurezza. Prof Saf maggio 1978.

                                                                                      Peters, R.H. 1991. Strategie per incoraggiare comportamenti autoprotettivi dei dipendenti. JSaf Res 22:53-70.

                                                                                      Robertson, L.S. 1983. Lesioni: cause, strategie di controllo e ordine pubblico. Lexington, MA, Stati Uniti: Lexington Books.

                                                                                      Starr, C. 1969. Benefici sociali contro rischio tecnologico. Quanto è disposta a pagare la nostra società per la sicurezza? Scienza 165:1232-1238.

                                                                                      Stratton, J. 1988. L'incentivo a basso costo aumenta la consapevolezza della sicurezza dei dipendenti. Occup Health Saf marzo: 12-15.

                                                                                      Suokas, J. 1988. Il ruolo dell'analisi della sicurezza nella prevenzione degli incidenti. Incidente anale Precedente 20(1):67–85.

                                                                                      Veazie, MA, DD Landen, TR Bender e HE Amandus. 1994. Ricerca epidemiologica sull'eziologia degli infortuni sul lavoro. Annu Rev Publ Health 15:203–221.

                                                                                      Wilde, GJS. 1988. Incentivi per la guida sicura e gestione assicurativa. In CA Osborne (a cura di), Report of Inquiry in Motor Vehicle Accident Compensation in Ontario. vol. II. Toronto: Queen's Printer per l'Ontario.