Lunedi, 04 aprile 2011 20: 38

Implementazione di un programma di sicurezza

Vota questo gioco
(Voto 1)

L'attuazione di un programma di sicurezza dovrebbe riflettere la sua natura di normale preoccupazione quotidiana della direzione generale. La necessità di informazioni per il processo decisionale in tutte le fasi e per la comunicazione tra tutti i livelli dell'impresa costituiscono la base per l'attuazione di successo di tale programma.

Livello dirigenziale

Inizialmente, l'introduzione di un programma di sicurezza nuovo o modificato richiederà l'accordo dell'alta dirigenza, che potrebbe considerarla una decisione costi/benefici da prendere alla luce della concorrenza per le risorse provenienti da altre parti dell'azienda. Il desiderio di ridurre i danni, il dolore e la sofferenza sul posto di lavoro attraverso l'attuazione di un programma di sicurezza sarà mitigato dalla capacità dell'organizzazione di sostenere tale sforzo. Decisioni gestionali informate richiederanno tre elementi:

  1. una descrizione esplicita del programma, che definisca compiutamente l'approccio proposto
  2. una valutazione dell'impatto del programma sull'operatività aziendale
  3. una stima dei costi di implementazione con una previsione dei benefici che potrebbero essere prodotti.

 

L'unica eccezione a questo sarà quando un programma di sicurezza è obbligatorio per regolamento e deve essere istituito per rimanere in attività.

In quest'ultimo tentativo, è utile aggiungere una stima del vero costi dell'attuale stato di sicurezza dell'impresa, nonché quei costi coperti da un'assicurazione diretta o da spese vive dirette. È probabile che i costi indiretti siano significativi in ​​tutti i casi; le stime per gli incidenti gravi nel Regno Unito suggeriscono che i costi reali (sopportati da un'impresa come costi indiretti) vanno da un fattore da due a tre fino a un fattore dieci volte i costi assicurativi diretti effettivi. In quei paesi che richiedono l'assicurazione obbligatoria, il costo, e quindi il risparmio, varierà ampiamente a seconda dell'ambiente sociale di ogni particolare nazione. I costi assicurativi nei paesi in cui le compagnie assicurative sono tenute a coprire integralmente i costi medici e riabilitativi, come gli Stati Uniti, sono probabilmente più elevati di quelli nei paesi in cui il trattamento del lavoratore infortunato è parte del contratto sociale. Un modo ideale per sottolineare l'importanza di tali perdite è identificare la produzione annuale necessaria per generare entrate perso nel pagare queste perdite. Ciò è altamente compatibile con il concetto che, mentre un'azienda deve necessariamente assumersi il rischio di fare affari, dovrebbe esserlo gestione tale rischio al fine di ridurre le perdite e migliorare la propria performance finanziaria.

Livello di gestione

Dopo l'accettazione a livello di senior management, dovrebbe essere formato un team di implementazione per sviluppare la strategia e il piano per introdurre il programma del piano di roll-out. È più probabile che un tale approccio sia efficace rispetto a quello che sposta la responsabilità della sicurezza su un individuo designato come ingegnere della sicurezza. Le dimensioni e il livello di coinvolgimento di questo team di implementazione varieranno ampiamente, a seconda dell'impresa e dell'ambiente sociale. Tuttavia, è essenziale il contributo almeno di coloro che sono responsabili delle operazioni, del personale, della gestione dei rischi e della formazione, nonché dei rappresentanti chiave dei gruppi di dipendenti che saranno interessati dal programma. È probabile che un team di questa composizione rilevi possibili conflitti (ad esempio, tra produzione e sicurezza) all'inizio del processo, prima che gli atteggiamenti e le posizioni, così come le procedure, l'hardware e le attrezzature, siano stati fissati. È a questo punto che è probabile che la collaborazione, piuttosto che il confronto, fornisca una migliore opportunità per la risoluzione dei problemi. Il risultato di questo team dovrebbe essere un documento che identifichi la visione aziendale del programma, gli elementi chiave del programma, il calendario per l'attuazione e le responsabilità delle persone coinvolte.

Occorre prestare attenzione per garantire che l'impegno esecutivo sia particolarmente evidente per i dirigenti a livello operativo a cui il programma di sicurezza può essere effettuato. Forse il modo più significativo per raggiungere questo obiettivo è stabilire una forma di chargeback, ovvero l'attribuzione dei costi effettivi di un incidente direttamente a questo livello di gestione. L'assunzione dei costi medici e di indennizzo (o dei relativi costi assicurativi) come spese generali aziendali dovrebbe essere evitata dalla direzione. Il responsabile dell'unità, preoccupato del controllo finanziario quotidiano dell'organizzazione, dovrebbe avere i costi reali di programmi di sicurezza inadeguati sullo stesso bilancio dei costi di produzione e sviluppo. Ad esempio, un responsabile di unità di un'organizzazione in cui tutti i costi di compensazione dei lavoratori sono sostenuti come spese generali aziendali non sarà in grado di giustificare la spesa di risorse per rimuovere un pericolo molto grave che interessa un basso numero di lavoratori. Questa difficoltà può verificarsi a livello locale, nonostante il fatto che tali spese potrebbero produrre risparmi importanti a livello aziendale. È essenziale che i dirigenti responsabili della progettazione e delle operazioni sul posto di lavoro sostengano il peso, o raccolgano i frutti, del programma di sicurezza di cui sono responsabili.

Livello Supervisore

Il preposto ha la responsabilità di comprendere, trasmettere e garantire il rispetto degli obiettivi gestionali del programma di sicurezza. I programmi di sicurezza di successo affronteranno la questione dell'istruzione e della formazione dei supervisori in questa responsabilità. Sebbene a volte vengano utilizzati speciali formatori per la sicurezza nella formazione dei lavoratori, il supervisore dovrebbe essere responsabile sia di questa formazione che dell'atteggiamento dei lavoratori. In particolare, i supervisori informati ritengono che la loro responsabilità includa la prevenzione di atti non sicuri e l'esibizione di un alto livello di intolleranza per le condizioni non sicure sul posto di lavoro. Il controllo del processo di produzione è accettato come la principale responsabilità dei supervisori; l'applicazione di tale controllo produrrà benefici anche nella riduzione dei danni e delle lesioni colpose. Indipendentemente dal fatto che la funzione di sicurezza sia composta da addetti alla sicurezza, comitati congiunti lavoratori-gestione o consulenti, la responsabilità quotidiana per un funzionamento sicuro e senza errori del processo dovrebbe essere una componente scritta nella descrizione del lavoro dei supervisori.

Livello operaio

All'inizio del secolo, l'enfasi principale affinché i lavoratori lavorassero in sicurezza era posta sul rinforzo negativo. Le regole erano stabilite, i lavoratori dovevano seguirle senza fare domande e una trasgressione delle regole sottoponeva il lavoratore ad azioni disciplinari. Con luoghi di lavoro sempre più complicati, sistemi di gestione flessibili e crescenti aspettative sociali della forza lavoro, le inadeguatezze e le responsabilità di un tale approccio sono state rivelate. Non è solo nell'arena militare che la flessibilità e la responsabilità a livello locale sembrano essere una componente vitale delle unità ad alte prestazioni. Questo approccio ha portato a una crescente dipendenza dal rafforzamento positivo e dall'empowerment della forza lavoro, con i requisiti concomitanti di istruzione e comprensione. Questa spinta alla sicurezza rispecchia la tendenza mondiale del lavoro a cercare miglioramenti nella qualità della vita lavorativa e lo sviluppo di gruppi di lavoro autodiretti.

Piano di lancio

Gli elementi chiave del programma di sicurezza identificheranno i requisiti per la familiarizzazione con la base concettuale del programma, lo sviluppo di competenze specifiche in materia di sicurezza e l'implementazione di strumenti di misurazione. Le responsabilità saranno assegnate a persone specifiche all'interno di un programma graduale al momento dell'introduzione. La fine del processo di implementazione sarà l'istituzione di un sistema di misurazione, o audit del programma di sicurezza, al fine di valutare la continuità delle prestazioni del programma. La comunicazione appropriata deve essere esplicitamente specificata nel piano. In molte culture, sul posto di lavoro coesistono più dialetti e lingue; e in alcune culture, un dialetto o una lingua "manageriale" potrebbe normalmente non essere utilizzato dalla forza lavoro. Questo problema include l'uso del gergo e degli acronimi nella comunicazione tra i gruppi. La partecipazione dei lavoratori alla progettazione del roll-out può evitare tali carenze e portare a soluzioni come istruzioni e linee guida multilingue, un uso più ampio di simboli e pittogrammi e la selezione di un linguaggio semplice. L'approccio più ampio alla partecipazione dei lavoratori al piano produrrà benefici in termini di “adesione” e accettazione degli obiettivi e degli approcci del piano.

Il processo di revisione, o audit del programma di sicurezza, dovrebbe essere ripetuto su base regolare (annuale) e costituirà la base per piani triennali (o ciclici). Questi piani stabiliranno la direzione futura del programma e forniranno lo slancio per il miglioramento continuo, anche di fronte ai cambiamenti dei sistemi di produzione e di processo.

Miglioramento continuo

I programmi di sicurezza di successo non rimangono statici, ma cambiano per riflettere i cambiamenti negli ambienti aziendali e sociali. Allo stesso modo, i programmi di successo evitano obiettivi drammatici ma irraggiungibili. Al contrario, una filosofia di miglioramento continuo e di standard sempre più elevati è un approccio chiave. Il piano annuale a rotazione di 3 anni è un buon modo per raggiungere questo obiettivo. Ogni anno, il piano identifica obiettivi generali e stime rispetto ai probabili costi e benefici che si svilupperanno nel prossimo periodo di 3 anni. Ciò fornirà automaticamente l'adattamento e il miglioramento continuo. Poiché tali piani devono essere rivisti dalla direzione ogni anno, un ulteriore vantaggio sarà che gli obiettivi della funzione di sicurezza saranno costantemente allineati con gli obiettivi aziendali.

Conclusione

L'attuazione del programma di sicurezza deve riflettere il suo essere parte integrante della gestione dell'impresa. Il successo dipenderebbe dall'identificazione chiara delle responsabilità dei vari livelli di gestione. È probabile che la partecipazione dei lavoratori al programma di attuazione, e in particolare al piano di roll-out, produca benefici nell'adozione diffusa del piano. Il piano di roll-out è un documento che identifica le attività necessarie, la tempistica di tali attività e la responsabilità per l'attuazione di ciascuna attività. Le componenti di ciascuna attività, che si tratti di formazione, sviluppo di una procedura di lavoro o istruzione, devono essere descritte in modo non ambiguo a tutti i livelli dell'impresa. La fase finale del piano di roll-out consiste nell'assicurare che possa verificarsi un ciclo di miglioramento continuo mediante l'installazione di un audit del programma di sicurezza su base almeno annuale.

 

Di ritorno

Leggi 5522 volte Ultima modifica lunedì 27 giugno 2011 13:51

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti ai programmi di sicurezza

Albert, K. 1978. Come essere il tuo consulente di gestione. New York: McGraw Hill.

Società americana degli ingegneri della sicurezza (ASSE). 1974. Elenco dei consulenti per la sicurezza. Oakton, Illinois, Stati Uniti: ASSE.

Associazione degli ingegneri gestionali di consulenza. 1966. Pratiche Professionali in Consulenza Direzionale. New York: Associazione degli ingegneri gestionali di consulenza.

Uccello, F.E. 1974. Guida alla gestione del controllo delle perdite. Atlanta: Institute Press.

Bruening, JC. 1989. Gli incentivi rafforzano la consapevolezza della sicurezza. Occup Haz 51:49-52.

Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). 1988. Linee guida per la valutazione dei sistemi di sorveglianza. MMWR 37 (suppl. n. S-5). Atlanta: CDC.

Fox, DK, BL Hopkins e WK Rabbia. 1987. Gli effetti a lungo termine di un'economia simbolica sulle prestazioni di sicurezza nelle miniere a cielo aperto. J App Comportamento anale 20:215-224.

Geller, E.S. 1990. A Bruening, JC. Modellare l'atteggiamento dei lavoratori nei confronti della sicurezza. Occup Haz 52:49-51.

Gibson, J.J. 1961. Il contributo della psicologia sperimentale alla formulazione del problema della sicurezza: una sintesi per la ricerca di base. Negli approcci comportamentali alla ricerca sugli incidenti. New York: Associazione per l'aiuto ai bambini storpi.

Gordon, J.E. 1949. L'epidemiologia degli incidenti. Am J Public Health 39, aprile: 504–515.

Gros J. 1989. Das Kraft-Fahr-Sicherheitsprogramm. Personalführung 3:246-249.

Haddon, W, Jr. 1973. Danni energetici e dieci strategie di contromisura. G Trauma 13:321–331.

Haddon, W, EA Suchman e D Klein. 1964. Ricerca sugli incidenti: metodi e approcci. New York: Harper e Row.

Harano, RM e DE Hubert. 1974. Una valutazione del programma di incentivi Good Driver della California. Rapporto n. 6. Sacramento: California Division of Highways.

Komaki, JKD Barwick e LR Scott. 1978. Un approccio comportamentale alla sicurezza sul lavoro: individuare e rafforzare le prestazioni sicure in un impianto di produzione alimentare. JApp Psy 63:434-445.

Latham, GP e JJ Baldes. 1975. Il significato pratico della teoria della definizione degli obiettivi di Locke. J App Psy 60: 122-124.

Lippit, G. 1969. Rinnovo organizzativo. New York: Meredith Corp.

McAfee, RB e AR Winn. 1989. L'uso di incentivi/feedback per migliorare la sicurezza sul posto di lavoro: una critica della letteratura. JSaf Res 20:7-19.

Peters, G. 1978. Perché solo uno sciocco fa affidamento sugli standard di sicurezza. Prof Saf maggio 1978.

Peters, R.H. 1991. Strategie per incoraggiare comportamenti autoprotettivi dei dipendenti. JSaf Res 22:53-70.

Robertson, L.S. 1983. Lesioni: cause, strategie di controllo e ordine pubblico. Lexington, MA, Stati Uniti: Lexington Books.

Starr, C. 1969. Benefici sociali contro rischio tecnologico. Quanto è disposta a pagare la nostra società per la sicurezza? Scienza 165:1232-1238.

Stratton, J. 1988. L'incentivo a basso costo aumenta la consapevolezza della sicurezza dei dipendenti. Occup Health Saf marzo: 12-15.

Suokas, J. 1988. Il ruolo dell'analisi della sicurezza nella prevenzione degli incidenti. Incidente anale Precedente 20(1):67–85.

Veazie, MA, DD Landen, TR Bender e HE Amandus. 1994. Ricerca epidemiologica sull'eziologia degli infortuni sul lavoro. Annu Rev Publ Health 15:203–221.

Wilde, GJS. 1988. Incentivi per la guida sicura e gestione assicurativa. In CA Osborne (a cura di), Report of Inquiry in Motor Vehicle Accident Compensation in Ontario. vol. II. Toronto: Queen's Printer per l'Ontario.