Lunedi, 04 aprile 2011 20: 47

Programmi di sicurezza di successo

Vota questo gioco
(2 voti )

L'imperativo morale di un'impresa di cercare attivamente di ridurre i danni, il dolore e la sofferenza sul posto di lavoro sarà mitigato dalla capacità dell'organizzazione di sostenere tale sforzo. La maggior parte delle attività umane comporta dei rischi e i rischi sul posto di lavoro variano ampiamente, da quelli molto inferiori a quelli associati alle normali attività non professionali, a quelli molto più pericolosi. Una parte essenziale di un'organizzazione è la sua disponibilità ad accettare i rischi di affari che hanno il potenziale di produrre perdite finanziarie e si basano sul dolore e la sofferenza dei dipendenti che derivano da incidenti. Un programma di sicurezza di successo ha lo scopo di controllare una parte di queste perdite riducendo i rischi, in particolare laddove tali rischi derivino da condizioni o atti non sicuri. Il programma di sicurezza, quindi, è semplicemente un altro sottosistema di gestione. Come altri programmi di gestione, il programma di sicurezza è costituito da strategie, procedure e standard complementari. Allo stesso modo, la misura di un programma di sicurezza è la prestazione, ovvero quanto riduce gli incidenti e le conseguenti perdite.

Un posto di lavoro sicuro dipende dal controllo dei pericoli e dei comportamenti non sicuri, e un controllo come questo è la funzione primaria del management. Un programma di sicurezza dovrebbe produrre benefici complementari: una riduzione dei danni e del dolore e della sofferenza della forza lavoro (da lesioni e malattie sia acute che croniche) e una conseguente riduzione dell'onere finanziario per l'organizzazione dovuto a tali incidenti. Per ottenere tali benefici, un programma di sicurezza di successo seguirà l'approccio generale di tutti gli strumenti di gestione stabilendo obiettivi, monitorando le prestazioni e correggendo le deviazioni. Questo approccio sarà applicato a una gamma piuttosto ampia di attività organizzative, compresa la progettazione organizzativa, i processi produttivi e il comportamento dei lavoratori.

La sicurezza in azienda

Un posto di lavoro sicuro è il prodotto finale di un processo complesso e interattivo e ogni processo è una caratteristica di una singola organizzazione. Un processo tipico è descritto nella figura 1. Il programma di successo dovrà affrontare i vari aspetti di tale sistema.

Figura 1. Il processo di gestione e la sicurezza sul lavoro

PRO06FE

La sicurezza è spesso vista come un problema del lavoratore/luogo di lavoro, ma la figura 1 indica il ruolo centrale della gestione nella sicurezza in quanto risponde agli obiettivi generali dell'organizzazione. Ciò si evince dalla chiara responsabilità della direzione per la selezione dei processi industriali utilizzati, il controllo della supervisione, le condizioni di lavoro e gli atteggiamenti e le procedure del lavoratore, tutti fattori che stabiliscono l'entità di un rischio in un determinato luogo di lavoro . Di solito c'è una grande probabilità che non si verifichi alcun incidente e una piccola probabilità che si verifichi un incidente che provochi danni materiali o lesioni a un lavoratore. Un programma di sicurezza si occupa di ridurre tale rischio e anche di minimizzare gli infortuni che si verificano.

 

 

 

 

 

 

 

 

Comprensione del processo di incidente

Esistono diverse teorie contrastanti sulla causa degli incidenti, ma il modello proposto per primo da Frank Bird (1974) è particolarmente valido, in quanto fornisce un'analogia pronta che è compatibile con molte pratiche di gestione. Bird ha paragonato il processo che porta a lesioni o danni a una fila di domino, in piedi sul bordo (vedi figura 2). Quando un domino cade, può disturbare gli altri e si attiva una sequenza che alla fine porta alla caduta dell'ultimo pezzo, corrispondente al verificarsi di un infortunio. Questa analogia implica che se una qualsiasi delle tessere del domino viene rimossa dalla sequenza, o è abbastanza robusta da resistere all'impatto precedente, allora la catena di eventi verrà spezzata e l'ultimo evento di lesione o danno non si verificherà.

Figura 2. La teoria del domino Bird come modificata da E.Adams

PRO07FE

Nonostante i modelli più recenti, questo approccio è ancora prezioso, poiché identifica chiaramente il concetto di interventi nel processo dell'incidente e il ruolo dell'efficace programma di sicurezza nell'introdurli per inibire il processo e prevenire gli infortuni.

 

 

 

 

Obiettivi organizzativi

C'è poco disaccordo tra gli autori sul fatto che il singolo aspetto più significativo di qualsiasi programma di sicurezza sia l'impegno visibile e continuo del senior management. Questo impegno deve essere riconosciuto e rispecchiato dai successivi livelli di gestione fino ai livelli di supervisione. Sebbene la direzione esecutiva creda spesso che la sua preoccupazione per la sicurezza sia evidente a tutti all'interno dell'azienda, tale chiarezza può perdersi ai successivi livelli di gestione e supervisione. Nei programmi di sicurezza di successo, la direzione esecutiva deve dimostrare un impegno chiaramente identificato al concetto che la sicurezza è una responsabilità di tutti i dipendenti, dall'alta dirigenza al lavoratore temporaneo. Tale impegno dovrebbe assumere la forma di un breve documento scritto, fornito a tutti i membri dell'azienda e utilizzato nella fase più precoce possibile per l'inserimento di nuovi lavoratori nell'organizzazione. Alcune organizzazioni lo hanno recentemente esteso introducendo il concetto che l'impegno per un luogo di lavoro sicuro e salubre per tutti i propri dipendenti e clienti è un valore aziendale esplicito. Tali società spesso esprimono questo punto di vista in documenti scritti, insieme a valori aziendali più tradizionali, come la redditività, l'affidabilità, il servizio clienti e l'impegno per la comunità.

La chiarezza della comunicazione è particolarmente importante nelle grandi organizzazioni, dove il legame diretto tra i proprietari dell'impresa e la forza lavoro può essere facilmente interrotto. Uno dei modi più chiari per raggiungere questo obiettivo è lo sviluppo di una serie di politiche e procedure scritte, a partire dalla definizione degli obiettivi da parte dell'alta dirigenza per il programma di sicurezza. Questi dovrebbero essere chiari, concisi, realizzabili, sostenibili e, soprattutto, non ambigui. Non è sufficiente per un manager presumere che tutti lungo la catena di comando condividano un background, una comprensione e una percezione simili del programma di sicurezza. Questi aspetti devono essere resi perfettamente espliciti. Allo stesso modo, nello precisare i termini di questa procedura scritta, è essenziale avere obiettivi realistici.

Controllo di gestione

Lo sviluppo di programmi di sicurezza efficaci a partire da questo impegno originale richiede che la misurazione delle prestazioni di sicurezza sia parte integrante della revisione annuale delle prestazioni di tutto il personale dirigente e di supervisione. In linea con la filosofia secondo cui la sicurezza è solo una misura, tra le tante, del controllo del processo da parte del manager, le prestazioni di sicurezza devono essere incluse insieme alla produzione, al costo unitario e alla redditività del reparto. Tale filosofia, nella misura in cui gli incidenti si verificano a causa di una mancanza di controllo del processo, sembra essere altamente compatibile con l'enfasi contemporanea sulla gestione della qualità totale (TQM). Entrambe le procedure adottano la posizione che le deviazioni dalla normalità sono ridotte al minimo al fine di fornire un maggiore controllo nel raggiungimento degli obiettivi aziendali. Inoltre, il concetto TQM di miglioramento incrementale anno dopo anno è particolarmente significativo nella gestione a lungo termine dei programmi di sicurezza.

Formazione e Istruzione

La formazione e l'istruzione sono componenti fondamentali di qualsiasi programma di sicurezza. Ciò inizia con la divulgazione da parte dell'alta dirigenza non solo degli obiettivi e degli obiettivi del programma, ma anche delle informazioni sui progressi verso tali obiettivi, misurati attraverso la tenuta dei registri e la contabilità dei costi. L'istruzione, con cui si intende una comprensione più generale della natura di un pericolo e degli approcci alla riduzione del rischio, sembra funzionare bene, in particolare in circostanze in cui sussistono ancora dubbi sui fattori di rischio individuali. Un esempio è l'epidemia di disturbi cumulativi degli arti superiori in Australia, Europa e Nord America. Questi disturbi sono diventati più significativi, soprattutto perché non esiste un ampio accordo sui criteri per il controllo di questi disturbi. La natura cumulativa di tali disturbi, tuttavia, rende il controllo di questo problema particolarmente suscettibile all'educazione. Una maggiore consapevolezza dei rischi consente ai singoli lavoratori di evitare tali condizioni riconoscendo le loro esposizioni e modificandole con modifiche alle procedure. Allo stesso modo, una comprensione dei meccanismi delle sollecitazioni lombari può preparare i lavoratori a evitare alcune pratiche di lavoro potenzialmente pericolose e sostituire metodi più sicuri per svolgere i compiti.

La formazione è tanto necessaria per la direzione e i supervisori quanto lo è per i lavoratori, in modo che sviluppino una comprensione delle loro responsabilità e doveri e aumentino i loro livelli di consapevolezza del potenziale rischio. Ai singoli lavoratori devono essere fornite procedure chiare e inequivocabili rilevanti per il processo per un lavoro sicuro. Dovrebbero avere una comprensione dei pericoli coinvolti nelle operazioni particolari e dei probabili effetti dell'esposizione ad agenti sia tossici che fisici. Inoltre, dirigenti, supervisori e lavoratori dovrebbero avere familiarità con le procedure per ridurre al minimo le perdite una volta che si è verificato un incidente.

Comportamento sicuro

Filosoficamente, il ventesimo secolo ha visto diverse oscillazioni in cui i programmi di sicurezza hanno attribuito quantità variabili di responsabilità per il comportamento dei lavoratori all'individuo, al datore di lavoro e alla società. Tuttavia, è chiaro che il comportamento sicuro è una parte assolutamente cruciale del processo di sicurezza. Un esempio del significato di tale comportamento è lo sviluppo dell'etica di gruppo, o norme di squadra, in cui l'assunzione di un rischio da parte di un individuo potrebbe essere percepita negativamente da altri membri del gruppo. È vero il contrario: l'accettazione di pratiche pericolose può diventare accettata come “normale”. Tali comportamenti possono essere modificati da specifiche procedure di addestramento e rinforzo, come dimostrano i programmi di grande successo che hanno combattuto la diffusione dell'AIDS dovuta all'uso incauto delle siringhe nell'industria sanitaria. L'accresciuta enfasi da parte della direzione, unita alla formazione e ai materiali educativi, ha modificato radicalmente le procedure coinvolte e ridotto l'incidenza di questo rischio.

Partecipazione

Sempre più spesso le società impongono la partecipazione dei lavoratori ai programmi di sicurezza. Sebbene la convalida di tale partecipazione tenda ad essere alquanto variabile, il coinvolgimento dei lavoratori può essere prezioso in diverse fasi del processo di sicurezza. Indubbiamente le persone esposte ai pericoli sono risorse estremamente preziose per l'identificazione dei pericoli e spesso sono a conoscenza di possibili soluzioni per ridurli. Quando i problemi sono stati identificati e le soluzioni sono state sviluppate, l'attuazione sarà notevolmente facilitata se la forza lavoro è stata un partner nella tenuta dei registri, nell'identificazione, nello sviluppo e nella convalida degli interventi proposti. Infine, in termini di comprensione dell'impegno della direzione e dei limiti delle risorse, la partecipazione incorporata in un programma di sicurezza è vantaggiosa.

Incentive

Gli incentivi sono stati ampiamente promulgati in alcuni paesi per aumentare i comportamenti sicuri. L'evidenza che questi incentivi funzionano è tutt'altro che convincente, sebbene, come parte di un programma di sicurezza completo, possano essere utilizzati per dimostrare la continua preoccupazione della direzione per la sicurezza e possano costituire un feedback significativo delle prestazioni. Pertanto, è probabile che quei programmi di sicurezza in cui un piccolo premio finanziario viene inviato per posta a un destinatario siano inefficaci. È probabile che lo stesso premio, assegnato pubblicamente dall'alta dirigenza e basato su misure di performance specifiche, ad esempio 2,500 ore di lavoro senza infortuni, costituisca un rinforzo positivo. In pratica, in molti settori è vero il contrario: esistono incentivi considerevoli che premiano i comportamenti poco sicuri. Ad esempio, i sistemi di pagamento a cottimo premiano chiaramente i lavoratori per aver eliminato qualsiasi elemento che richiede tempo in un ciclo di lavoro, compresi quelli che possono essere correlati a procedure di lavoro sicure. È più probabile che le imprese che utilizzano gli incentivi necessitino di controlli ingegneristici e tecniche di sorveglianza attiva se sono veramente impegnate a proteggere la salute e la sicurezza della forza lavoro.

Misura e controllo

Le informazioni sono la linfa vitale della gestione e la tenuta dei registri è una parte essenziale delle informazioni di gestione. Senza una buona fonte di dati, i progressi verso la riduzione degli incidenti saranno inaffidabili e la volontà della direzione di spendere risorse per ridurre i rischi rischia di essere compromessa. In alcuni paesi, la raccolta di tali dati è un requisito legislativo e chiaramente un programma di sicurezza di successo deve facilitare la raccolta e la raccolta di tali dati. La soddisfazione dei requisiti normativi può essere necessaria, ma spesso non è sufficiente per un programma di sicurezza di successo. Possono verificarsi variazioni locali in tali requisiti di dati, ad esempio tra giurisdizioni, con il risultato che il valore di tali dati è oscurato; questo sviluppo è un problema particolare nelle organizzazioni con più sedi situate in diverse giurisdizioni regionali o nazionali. Di conseguenza, la standardizzazione e l'approccio alla raccolta dei dati devono essere specificatamente stabiliti nell'ambito del programma di sicurezza. Pertanto, ogni programma deve prima identificare le informazioni necessarie per la conformità alle normative, ma poi determinare la necessità di ulteriori raccolte e analisi necessarie per la riduzione degli incidenti.

Costi degli incidenti

Un aspetto essenziale della gestione del sistema dati è l'identificazione del costo delle perdite. L'analisi delle fonti di perdita, ovvero la determinazione delle effettive fonti di perdita, includerà la misurazione del numero di incidenti, della gravità degli incidenti e dei costi diretti di danni, infortuni e malattie. Tali informazioni sono essenziali se la direzione deve mantenere la sua attenzione sui veri problemi sul posto di lavoro. In molti paesi, si può presumere che i costi di compensazione, sostenuti direttamente dal datore di lavoro, da una federazione o da un'organizzazione statale, siano proporzionali al dolore e alla sofferenza sul posto di lavoro. Pertanto, nell'individuare la fonte della perdita, la direzione si assume la responsabilità di fornire condizioni di lavoro sicure per la forza lavoro in un modo altamente compatibile con l'approccio di analisi costi/benefici utilizzato in altre attività.

I costi diretti non sono i veri costi finanziari derivanti da incidenti e infortuni sostenuti da un'impresa. In molti paesi del mondo, e con diversi gradi di rigore, si è tentato di stimare i costi indiretti associati agli incidenti. Questi costi indiretti includono la perdita di tempo di supervisione, la perdita di tempo produttivo durante le indagini sull'incidente e la pulizia, la riqualificazione dei lavoratori sostitutivi e la quantità di straordinari necessari per rispettare i programmi di produzione. È stato riscontrato che questi costi indiretti superano sostanzialmente i costi diretti, spesso di fattori stimati in un intervallo da tre a dieci volte superiore a quello delle perdite assicurative dirette.

Determinazione dei costi

La misurazione delle perdite comporta normalmente passivo sorveglianza, che richiede l'esame della storia precedente in termini di frequenza e gravità degli incidenti. La sorveglianza passiva non è sufficiente per determinate situazioni, in particolare quelle con probabilità molto basse che si verifichino errori, ma nel caso in cui si verifichino danni potenziali ingenti e incontrollati. In tali circostanze, in particolare nelle industrie di processo complesse, è necessario eseguire una valutazione di potenziale perdite. È chiaramente inaccettabile che, semplicemente perché nessun processo ha ancora mietuto vittime, i processi che comportano grandi quantità di energia o di materiali tossici non vengano analizzati prima di un simile incidente. Pertanto, in alcuni settori, è saggio istituire attivo sorveglianza, in particolare laddove processi simili altrove abbiano portato a perdite. Le informazioni provenienti dalle associazioni di categoria e dalle organizzazioni nazionali e internazionali del lavoro e della sicurezza sono una fonte preziosa che può essere utilizzata per stabilire stime pre-incidente probabilmente valide e preziose. Altre tecniche, tra cui l'analisi dell'albero dei guasti e l'analisi della modalità di guasto, sono discusse altrove in questo Enciclopedia. In circostanze come quelle che comportano esposizioni chimiche, la sorveglianza attiva può includere esami medici di routine del lavoratore. Tale approccio è particolarmente significativo laddove siano stati determinati valori limite ben definiti. Questo approccio di stima delle perdite potenziali ed effettive evidenzia una caratteristica che il programma di sicurezza di successo dovrebbe affrontare, e cioè la differenza tra il rischio quotidiano e l'effetto di una potenziale catastrofe.

Feedback informativo

L'uso del feedback informativo si è dimostrato cruciale in un'ampia gamma di attività organizzative, compresi i programmi di sicurezza. Il calcolo sia dei tassi di incidenza che dei tassi di gravità costituirà la base per un impiego razionale delle risorse da parte dell'impresa e per misurare il successo del programma. Queste informazioni sono preziose per la direzione per valutare la funzione di sicurezza così come lo sono per i lavoratori nell'esecuzione del programma. Tuttavia, la presentazione di tali dati dovrebbe riflettere l'utente finale: i dati aggregati consentiranno il confronto gestionale delle unità operative; dati specifici del reparto e ausili visivi (come grafici termometrici che indicano il numero di giorni di lavoro sicuri a livello di officina) possono migliorare la comprensione e l'accettazione da parte dell'intero spettro di dipendenti.

Osservazione sul campo

Il sistema informativo è una componente off-line di un programma di sicurezza di successo, che deve essere integrato da un approccio pratico alla sicurezza sul posto di lavoro. Tale approccio comporterebbe il walk-through, in cui un osservatore informato e addestrato individua soggettivamente i pericoli sul posto di lavoro. Oltre che per identificare i pericoli, il walk-through è particolarmente adatto per rilevare problemi di non conformità ai requisiti sia aziendali che legislativi. Ad esempio, la riduzione dei rischi mediante la protezione della macchina è inefficace se a molte delle macchine sono state rimosse le protezioni, un riscontro tipico di un attraversamento. Poiché il walk-through è una procedura a tempo indeterminato e adattativo, è anche il modo più semplice per rilevare le carenze nella formazione del lavoratore, ed eventualmente quelle del supervisore.

Programmi di sicurezza efficaci dovrebbero utilizzare questa tecnica su base regolare ma casuale. Il walk-through, tuttavia, non è l'unico modo per identificare i pericoli. I lavoratori stessi possono fornire informazioni essenziali. In molti casi, hanno esperienza di "quasi incidenti" che non sono mai stati segnalati e, di conseguenza, sono in una buona posizione per discuterne con il responsabile della sicurezza durante il walk-through. I lavoratori in generale dovrebbero essere incoraggiati dalla supervisione a segnalare difetti di sicurezza sia effettivi che potenziali.

Indagini sugli incidenti

Tutti gli incidenti devono essere indagati dal supervisore responsabile. Gli incidenti come quelli nell'industria di processo richiedono spesso un'indagine da parte di un team di persone competenti che rappresentano interessi diversi, possibilmente compreso un esperto esterno. I programmi di successo spesso coinvolgono i lavoratori in tali indagini sugli incidenti. Questo coinvolgimento porta benefici in termini di una migliore comprensione dell'incidente e di una rapida diffusione delle raccomandazioni a tutta la forza lavoro. Dalla figura 1 si evince che, in questo contesto, gli infortuni non sono solo quegli eventi che si concludono con un infortunio per un lavoratore, ma piuttosto eventi che comprendono danni ad attrezzature o materiali o eventi anche significativi che non provocano nessuno dei due (noti come “quasi incidenti”). La figura indica che tali incidenti dovrebbero essere oggetto di indagine e controllo da parte della direzione anche se, fortuitamente, nessun lavoratore si è infortunato. Evitare incidenti simili in futuro ridurrà il rischio che provochino lesioni. Le indagini sugli incidenti che cercano di attribuire la colpa sembrano avere meno successo di quelle che cercano metodi per determinare la causa. In un'indagine che viene vista come un tentativo di incolpare un lavoratore, la pressione dei pari e altri comportamenti psicosociali possono degradare gravemente la qualità delle informazioni raccolte.

Gli elementi essenziali di un rapporto di incidente includeranno un processo formalizzato, che coinvolge descrizioni scritte degli eventi che si sono verificati prima, durante e dopo l'incidente, nonché una valutazione dei fattori che hanno portato all'incidente. La relazione dovrebbe terminare con una chiara raccomandazione all'azione. La raccomandazione potrebbe variare dalla modifica immediata del processo di lavoro o, nel caso di situazioni complesse, alla necessità di ulteriori indagini professionali. Tali relazioni dovrebbero essere firmate dal supervisore responsabile o dal capo della squadra investigativa e inoltrate a un livello di gestione adeguato. Il riesame da parte della direzione e l'accettazione delle raccomandazioni è una parte essenziale del processo di segnalazione degli incidenti. La firma del dirigente dovrebbe indicare la sua approvazione o il suo rifiuto delle modifiche proposte per prevenire futuri incidenti e i rifiuti dovrebbero essere accompagnati da una spiegazione. Le indagini sugli incidenti che non portano a una responsabilità individuale per l'azione per le raccomandazioni rischiano di essere inefficaci e vengono rapidamente considerate irrilevanti da tutte le parti coinvolte. Un programma di sicurezza di successo cerca di garantire che le lezioni apprese da un particolare incidente siano condivise altrove all'interno dell'organizzazione.

Controllo dei rischi

Il miglior intervento per quanto riguarda il controllo del rischio sarà sempre la rimozione del pericolo mediante progettazione ingegneristica, sostituzione o modifica. Se il pericolo viene rimosso (o, nella migliore delle ipotesi, schermato o custodito), allora indipendentemente dalla variabilità umana derivante dall'allenamento, dalle differenze individuali di forza, attenzione, fatica o ritmo diurno, l'operatore sarà protetto.

Purtroppo, in alcuni casi, i costi per realizzare questo progetto ingegneristico possono raggiungere o superare i limiti di responsabilità economica. Alcuni processi sono intrinsecamente molto più rischiosi di altri e i progetti ingegneristici fattibili sono solo soluzioni parziali. I progetti di costruzione eseguiti in siti sopraelevati, l'estrazione di carbone in profondità, la produzione di acciaio e la guida su strada richiedono tutti l'esposizione dei dipendenti a rischi superiori al "normale". In tali casi possono essere necessari controlli amministrativi e dispositivi di protezione individuale. Il controllo amministrativo può comportare formazione e procedure specifiche per ridurre i rischi: si consideri, ad esempio, il divieto di ingresso di singoli lavoratori in spazi confinati o la previsione di sistemi di blocco progettati per isolare apparecchiature e processi pericolosi dall'operatore durante il ciclo di lavoro. Queste procedure possono essere efficaci, ma richiedono una manutenzione continua. In particolare, le prassi lavorative tendono ad allontanarsi dal rispetto delle necessarie procedure amministrative. Questa tendenza deve essere arrestata con l'implementazione di procedure di formazione, anche di aggiornamento, per tutti i lavoratori ei preposti coinvolti nel sistema.

La componente finale nel controllo dei rischi è l'uso di dispositivi di protezione individuale, che includono respiratori, guanti protettivi, imbracature per tutto il corpo e elmetti, per citarne solo alcuni. In generale, si può vedere che tali dispositivi sono preziosi quando i pericoli non sono stati completamente rimossi dal posto di lavoro, né controllati da procedure amministrative. Hanno lo scopo di ridurre l'effetto di tali pericoli sul lavoratore e in genere sono soggetti a preoccupazioni di uso improprio, limitazioni di progettazione, supervisione inadeguata del supervisore e mancata manutenzione.

Pronto Soccorso

Nonostante i migliori tentativi per ridurre i rischi, il programma di sicurezza di successo deve affrontare lo scenario post-incidente. Lo sviluppo delle capacità di primo soccorso e di trattamento medico di emergenza può fornire importanti vantaggi per il programma di sicurezza. Deve essere stabilito un protocollo per le cure mediche a seguito di un incidente. I lavoratori selezionati devono essere a conoscenza delle istruzioni scritte per la convocazione dell'assistenza medica sul posto di lavoro. Tale assistenza dovrebbe essere predisposta, poiché un ritardo può pregiudicare gravemente la condizione di un lavoratore infortunato. Per gli incidenti che producono lesioni lievi, le perdite intrinseche possono essere ridotte fornendo cure mediche al momento dell'incidente. Il trattamento in stabilimento per piccoli tagli e contusioni, contusioni e così via, può ridurre il tempo degli operatori lontano dalle loro attività.

La capacità di primo soccorso deve includere livelli accettabili di rifornimenti, ma, cosa più importante, un'adeguata formazione medica/di primo soccorso. Tale formazione può influenzare direttamente la probabilità di sopravvivenza in caso di infortunio potenzialmente mortale e può ridurre la gravità effettiva di una serie di incidenti meno gravi. Azioni di primo soccorso come la rianimazione cardiopolmonare, o la stabilizzazione di un'emorragia, possono fare la differenza tra la vita e la morte di pazienti che necessitano di cure di emergenza urgenti. Spesso, la fornitura di pronto soccorso immediato sul luogo dell'incidente offre l'opportunità di successivi interventi chirurgici importanti. Tale capacità è ancora più significativa nelle imprese non urbane, dove le cure mediche possono essere ritardate di poche ore.

Il primo soccorso può anche facilitare l'efficiente ritorno al lavoro di un lavoratore coinvolto in un lieve infortunio. È stato dimostrato che tale intervento interno riduce la necessità di lunghe visite mediche al di fuori dell'azienda, prevenendo così una perdita di produttività. Forse ancora più significativa è la ridotta possibilità di medicalizzazione della lesione, che è vista come un problema emergente in diversi paesi.

Pianificazione delle catastrofi

Di routine, almeno una volta l'anno, un programma di sicurezza dovrebbe identificare le potenziali cause di catastrofe. In alcune circostanze, ad esempio con lo stoccaggio di grandi quantità di materiali infiammabili o pericolosi, il focus dell'attenzione non è troppo difficile. In altre circostanze, potrebbe essere necessaria una grande ingegnosità per dare suggerimenti significativi per pianificare tali catastrofi. Per definizione, le catastrofi sono rare ed è improbabile che una particolare impresa abbia subito una catastrofe simile in precedenza. La definizione della gestione sanitaria, i flussi di comunicazione e il controllo gestionale della situazione catastrofale dovrebbero far parte del programma di sicurezza. È chiaro che in molte imprese tali piani annuali sarebbero piuttosto minimi, ma l'esercizio stesso di svilupparli può essere prezioso per aumentare la consapevolezza del management di alcuni dei rischi che l'azienda si assume.

Conclusione

Il programma di sicurezza di successo non è un libro o un raccoglitore di appunti, ma un piano concettuale per ridurre i rischi di lesioni misurati sulla base sia degli incidenti che della gravità. Come tutti gli altri processi in un'impresa, il processo di sicurezza è responsabilità della direzione piuttosto che quella di un ingegnere della sicurezza o di un singolo lavoratore. La direzione è responsabile della definizione degli obiettivi, della fornitura di risorse, della definizione dei mezzi per misurare i progressi verso tali obiettivi e dell'adozione di azioni correttive quando questi progressi non sono soddisfacenti. Per fare questo, l'informazione è il requisito fondamentale, seguito per importanza dalla comunicazione degli obiettivi a tutti i livelli all'interno dell'impresa. A ogni livello, dal dirigente al supervisore della direzione fino al singolo lavoratore, è possibile contribuire a condizioni di lavoro sicure. Ma allo stesso tempo, inadeguatezze organizzative, procedurali e comportamentali possono purtroppo impedire il verificarsi di tali conferimenti. Il programma di sicurezza di successo è quello che riconosce e utilizza tali fattori nello sviluppo di un approccio integrato per ridurre il dolore e la sofferenza sul posto di lavoro che derivano da infortuni e malattie.

 

Di ritorno

Leggi 8991 volte Ultima modifica Martedì 23 Agosto 2011 23:15

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti ai programmi di sicurezza

Albert, K. 1978. Come essere il tuo consulente di gestione. New York: McGraw Hill.

Società americana degli ingegneri della sicurezza (ASSE). 1974. Elenco dei consulenti per la sicurezza. Oakton, Illinois, Stati Uniti: ASSE.

Associazione degli ingegneri gestionali di consulenza. 1966. Pratiche Professionali in Consulenza Direzionale. New York: Associazione degli ingegneri gestionali di consulenza.

Uccello, F.E. 1974. Guida alla gestione del controllo delle perdite. Atlanta: Institute Press.

Bruening, JC. 1989. Gli incentivi rafforzano la consapevolezza della sicurezza. Occup Haz 51:49-52.

Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). 1988. Linee guida per la valutazione dei sistemi di sorveglianza. MMWR 37 (suppl. n. S-5). Atlanta: CDC.

Fox, DK, BL Hopkins e WK Rabbia. 1987. Gli effetti a lungo termine di un'economia simbolica sulle prestazioni di sicurezza nelle miniere a cielo aperto. J App Comportamento anale 20:215-224.

Geller, E.S. 1990. A Bruening, JC. Modellare l'atteggiamento dei lavoratori nei confronti della sicurezza. Occup Haz 52:49-51.

Gibson, J.J. 1961. Il contributo della psicologia sperimentale alla formulazione del problema della sicurezza: una sintesi per la ricerca di base. Negli approcci comportamentali alla ricerca sugli incidenti. New York: Associazione per l'aiuto ai bambini storpi.

Gordon, J.E. 1949. L'epidemiologia degli incidenti. Am J Public Health 39, aprile: 504–515.

Gros J. 1989. Das Kraft-Fahr-Sicherheitsprogramm. Personalführung 3:246-249.

Haddon, W, Jr. 1973. Danni energetici e dieci strategie di contromisura. G Trauma 13:321–331.

Haddon, W, EA Suchman e D Klein. 1964. Ricerca sugli incidenti: metodi e approcci. New York: Harper e Row.

Harano, RM e DE Hubert. 1974. Una valutazione del programma di incentivi Good Driver della California. Rapporto n. 6. Sacramento: California Division of Highways.

Komaki, JKD Barwick e LR Scott. 1978. Un approccio comportamentale alla sicurezza sul lavoro: individuare e rafforzare le prestazioni sicure in un impianto di produzione alimentare. JApp Psy 63:434-445.

Latham, GP e JJ Baldes. 1975. Il significato pratico della teoria della definizione degli obiettivi di Locke. J App Psy 60: 122-124.

Lippit, G. 1969. Rinnovo organizzativo. New York: Meredith Corp.

McAfee, RB e AR Winn. 1989. L'uso di incentivi/feedback per migliorare la sicurezza sul posto di lavoro: una critica della letteratura. JSaf Res 20:7-19.

Peters, G. 1978. Perché solo uno sciocco fa affidamento sugli standard di sicurezza. Prof Saf maggio 1978.

Peters, R.H. 1991. Strategie per incoraggiare comportamenti autoprotettivi dei dipendenti. JSaf Res 22:53-70.

Robertson, L.S. 1983. Lesioni: cause, strategie di controllo e ordine pubblico. Lexington, MA, Stati Uniti: Lexington Books.

Starr, C. 1969. Benefici sociali contro rischio tecnologico. Quanto è disposta a pagare la nostra società per la sicurezza? Scienza 165:1232-1238.

Stratton, J. 1988. L'incentivo a basso costo aumenta la consapevolezza della sicurezza dei dipendenti. Occup Health Saf marzo: 12-15.

Suokas, J. 1988. Il ruolo dell'analisi della sicurezza nella prevenzione degli incidenti. Incidente anale Precedente 20(1):67–85.

Veazie, MA, DD Landen, TR Bender e HE Amandus. 1994. Ricerca epidemiologica sull'eziologia degli infortuni sul lavoro. Annu Rev Publ Health 15:203–221.

Wilde, GJS. 1988. Incentivi per la guida sicura e gestione assicurativa. In CA Osborne (a cura di), Report of Inquiry in Motor Vehicle Accident Compensation in Ontario. vol. II. Toronto: Queen's Printer per l'Ontario.