Giovedi, 10 marzo 2011 15: 11

Caso di studio: macchine agricole

Vota questo gioco
(Voto 1)

Adattato dalla 3a edizione, "Encyclopaedia of Occupational Health and Safety".

Le macchine agricole sono progettate per coltivare il terreno e renderlo più adatto alla crescita delle colture, per seminare i semi, per applicare prodotti chimici agricoli per migliorare la crescita delle piante e il controllo di parassiti e malattie e per raccogliere e immagazzinare i raccolti maturi. Esiste una varietà estremamente ampia di macchine agricole, ma tutte sono essenzialmente una combinazione di ingranaggi, alberi, catene, cinghie, coltelli, scuotitori e così via, assemblati per svolgere un determinato compito. Queste parti sono solitamente sospese in un telaio che può essere fisso o, come più spesso accade, mobile e progettato per eseguire l'operazione desiderata durante il movimento attraverso un campo. I principali gruppi di macchine agricole sono: macchine per la lavorazione del terreno; macchine per piantare; macchine per coltivare; macchine per la raccolta del foraggio; macchine per la raccolta di cereali, fibre, verdura e frutta e noci; applicatori chimici agricoli; macchine per il trasporto e il sollevamento; e macchine per la selezione e l'imballaggio.

Macchine per la lavorazione del terreno. Questi includono aratri, motozappe, ripuntatori, erpici, rulli, spianatrici, livellatrici e così via. Sono progettati per rivoltare, agitare, livellare e compattare il terreno per prepararlo alla semina. Possono essere di piccole dimensioni e richiedere solo una piccola fonte di energia (come nel caso di una motozappa monoposto per la lavorazione di una risaia), oppure possono essere grandi e richiedere una notevole fonte di energia (come nel caso di un ripuntatore combinato, trapano ed erpice).

Macchine per piantare. Questi includono piantatrici, seminatrici, seminatrici a spaglio e così via e sono progettati per prelevare i semi da una tramoggia o da un contenitore e inserirli nel terreno a una profondità e spaziatura predeterminate o distribuirli uniformemente sul terreno. Le fioriere possono avere un design semplice e comprendere un meccanismo di semina a fila singola, oppure possono essere molto complesse (come nel caso della seminatrice a più file con accessori che aggiungono contemporaneamente fertilizzanti, pesticidi ed erbicidi).

Macchine per coltivare. Questi includono zappe rotanti, coltivatori, sarchiatrici (meccaniche e a fiamma) e così via. Sono utilizzati per sradicare erbacce o erbe indesiderabili che competono con la pianta per l'umidità del suolo e rendono più difficile la raccolta del raccolto. Migliorano anche la lavorazione del terreno in modo da renderlo più assorbente della pioggia.

Macchine per la raccolta del foraggio. Questi includono falciatrici, trinciatrici, presse e così via e sono progettati per separare gli steli delle colture di foraggio grossolano dalle loro radici e prepararli per lo stoccaggio o l'uso immediato. Le macchine variano anche nella loro complessità: la semplice falciatrice si limita a tagliare il raccolto, mentre il trinciatore non solo separerà il gambo dalla radice, ma taglierà anche l'intera pianta in piccoli pezzi e la caricherà su un veicolo, che può essere un trainato carro. I crimpers, che schiacciano o rompono i gambi delle piante, sono spesso utilizzati per accelerare il processo di essiccazione in campo delle colture foraggere per prevenire il deterioramento, in particolare dei legumi che verranno posti in depositi asciutti o imballati. Le pellettatrici vengono utilizzate per comprimere le colture foraggere in cubetti compatti per l'alimentazione meccanica del bestiame. Le presse vengono utilizzate per comprimere il foraggio in balle quadrate o rotonde per facilitare lo stoccaggio e la movimentazione. Alcune balle sono abbastanza piccole (da 20 a 40 kg) da essere movimentate manualmente, mentre altre possono essere così grandi (da 400 a 500 kg) da richiedere sistemi di movimentazione meccanica.

Macchine per la raccolta di cereali e fibre. Questi includono mietitrici, legatrici, raccoglitrici di mais, mietitrebbie, trebbiatrici e così via. Sono utilizzati per rimuovere il grano maturo o la fibra dalla pianta e metterlo in un bidone o in un sacchetto per il trasporto nell'area di stoccaggio. La raccolta del grano può comportare l'uso di un numero di macchine, come una mietitrice o una legatrice per tagliare il grano in piedi, un carro o un camion per trasportare il raccolto alla trebbiatrice o macchine e veicoli separatori per trasportare il grano in un'area di stoccaggio. In altri casi molte di queste funzioni possono essere svolte da un'unica macchina, la mietitrebbia (figura 1), che taglia la granella in piedi, la separa dal raspo, la pulisce e la raccoglie in un cassone, il tutto mentre si sposta nel campo . Tali macchine caricheranno anche il grano nei veicoli di trasporto. Alcune macchine come raccoglitrici di cotone e raccoglitrici di mais possono operare in modo selettivo e rimuovere solo la capsula di grano o fibra dallo stelo o dal gambo.

Figura 1. Mietitrebbia per la raccolta del grano senza cabina chiusa.

AGR070F5

Macchine per la raccolta degli ortaggi. Questi includono escavatori e sollevatori e sono progettati per scavare i raccolti dalla terra e separarli dal terreno o per sollevare o liberare la pianta. Lo scavapatate, ad esempio, può far parte di una mietitrebbia per patate comprendente un dispositivo di smistamento, classificazione, lucidatrice, insaccatrice ed elevatore. All'altro estremo c'è il semplice raccoglitore di barbabietole da zucchero a due ruote, a lame, seguito da manovali.

Macchine per la raccolta di frutta e noci. Queste macchine sono utilizzate per raccogliere bacche, frutta e noci. Possono essere semplici come uno scuotitore vibrante montato su un trattore che separa il frutto maturo dall'albero. Oppure possono essere complessi come quelli che raccolgono la frutta, catturano la frutta che cade, la mettono in un contenitore di stoccaggio e poi la trasferiscono sui veicoli di trasporto.

Macchine per il trasporto e il sollevamento. Anche questi variano notevolmente per dimensioni e complessità che vanno, ad esempio, da un semplice carro costituito da un semplice pianale su ruote ad un'unità di trasporto autocaricante e impilabile. I trasportatori inclinati a catena, a rampa oa nastro o altri dispositivi di movimentazione meccanica vengono utilizzati per movimentare materiale ingombrante (fieno, paglia, spighe, ecc.) dal carro al deposito o da un luogo all'altro di un edificio. I trasportatori a coclea vengono utilizzati per spostare materiale granulare e grano da un livello all'altro e soffiatori o trasportatori pneumatici vengono utilizzati per spostare materiali leggeri orizzontalmente o verticalmente.

Applicatori chimici agricoli. Questi sono usati per applicare fertilizzanti per stimolare la crescita delle piante o erbicidi e pesticidi per controllare erbe infestanti e parassiti. Le sostanze chimiche possono essere liquide, in polvere o granulari e l'applicatore le distribuisce per pressione attraverso un ugello o per forza centrifuga. Gli applicatori possono essere portatili o montati su un veicolo; l'uso di aeromobili per applicazioni chimiche sta crescendo rapidamente.

Macchine selezionatrici e confezionatrici. Queste macchine sono generalmente fisse. Possono essere semplici come un mulino a ventaglio, che classifica e pulisce il grano semplicemente facendolo passare su una serie di vagli, o complessi come un mulino per semi, che non solo taglierà e pulirà ma anche, per esempio, separerà diversi tipi di semi. Le macchine per l'imballaggio di solito fanno parte di un sofisticato sistema di classificazione. Sono utilizzati principalmente per frutta e verdura e possono avvolgere i prodotti in carta, insaccarli o inserirli in un contenitore di plastica.

Centrali elettriche. I motori elettrici possono essere utilizzati per azionare apparecchiature fisse situate in modo permanente vicino a una rete elettrica; tuttavia, poiché molte macchine agricole sono mobili e devono operare in aree remote, sono solitamente alimentate da un motore a benzina integrato o da un motore separato come quello di un trattore. La potenza di un trattore può essere trasmessa alla macchina tramite cinghie, catene, ingranaggi o trasmissioni ad albero; la maggior parte dei trattori è dotata di una presa di forza appositamente progettata per questo scopo.

 

Di ritorno

Leggi 10240 volte Ultima modifica sabato 30 luglio 2022 02:22
Altro in questa categoria: «Meccanizzazione

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti