Giovedi, 10 marzo 2011 15: 23

Bacche e Uva

Vota questo gioco
(0 voti )

Questo articolo copre i metodi di prevenzione degli infortuni e delle malattie contro i pericoli comunemente riscontrati nella produzione di uva (per il consumo fresco, vino, succo o uva passa) e frutti di bosco, inclusi rovi (cioè lamponi), fragole e frutti di bosco (cioè mirtilli e mirtilli rossi) .

Le viti sono fusti che si arrampicano su strutture portanti. Le viti piantate nei vigneti commerciali vengono solitamente avviate in primavera da talee radicate o innestate di un anno. In genere sono piantati a una distanza compresa tra 2 e 3.5 m. Ogni anno le viti devono essere scavate, concimate, suddivise e potate. Lo stile di potatura varia nelle diverse parti del mondo. Nel sistema prevalente negli Stati Uniti, tutti i tralci tranne quelli più forti della vite vengono successivamente potati; i germogli rimanenti vengono ridotti a 2 o 3 gemme. La pianta risultante sviluppa un forte fusto principale che può stare in piedi da solo, prima che possa dare frutti. Durante l'espansione del fusto principale, la vite è legata in modo lasco a un supporto verticale alto 1.8 m o più alto. Raggiunta la fase di fruttificazione, le viti vengono accuratamente potate per controllare il numero di gemme.

Le fragole vengono piantate all'inizio della primavera, in piena estate o più tardi, a seconda della latitudine. Le piante fruttificano nella primavera dell'anno successivo. Una varietà chiamata fragola rifiorente produce un secondo raccolto di frutta più piccolo in autunno. La maggior parte delle fragole viene propagata naturalmente per mezzo di stoloni che si formano circa due mesi dopo la stagione della semina. Il frutto si trova a livello del suolo. I rovi come i lamponi sono tipicamente arbusti con steli spinosi (canne) e frutti commestibili. Le parti sotterranee dei rovi sono perenni e le canne biennali; solo le canne del secondo anno portano fiori e frutti. I rovi crescono frutti ad altezze di 2 m o meno. Come le viti, le bacche richiedono potature frequenti.

Le pratiche colturali differiscono per ogni specie di frutta, a seconda del tipo di terreno, clima e fertilizzante di cui ha bisogno. È essenziale uno stretto controllo di insetti e malattie, che spesso richiedono frequenti applicazioni di pesticidi. Alcuni coltivatori moderni si sono spostati verso controlli biologici e un attento monitoraggio delle popolazioni di parassiti, spruzzando sostanze chimiche solo nei momenti più efficaci. La maggior parte dell'uva e dei frutti di bosco vengono raccolti a mano.

In uno studio sugli infortuni non mortali per il periodo di 10 anni dal 1981 al 1990 in California, l'infortunio più comune all'interno di questa categoria di allevamenti era distorsioni e stiramenti, che rappresentavano il 42% di tutti gli infortuni riportati. Lacerazioni, fratture e contusioni rappresentano un altro 37% degli infortuni. Le cause più comuni di lesioni sono state l'essere colpiti da un oggetto (27%), lo sforzo eccessivo (23%) e le cadute (19%) (AgSafe 1992). In un'indagine del 1991, Steinke (1991) ha rilevato che il 65% degli infortuni nelle fattorie identificate come produttrici di questa categoria di colture in California erano stiramenti, distorsioni, lacerazioni, fratture e contusioni. Parti del corpo ferite sono state le dita (17%), la schiena (15%), gli occhi (14%) e la mano o il polso (11%). Villarejo (1995) ha riferito che ci sono state 6,000 richieste di risarcimento danni per 100,000 equivalenti a tempo pieno ai lavoratori della produzione di fragole in California nel 1989. Ha anche notato che la maggior parte dei lavoratori non trova lavoro durante tutto l'anno, quindi la percentuale di lavoratori che soffre gli infortuni potrebbero essere molte volte superiori alla cifra del 6% riportata.

Problemi muscoloscheletrici

Il rischio principale associato alle lesioni muscoloscheletriche in queste colture è il ritmo di lavoro. Se il proprietario sta lavorando nei campi, in genere lavora rapidamente per completare un'attività e passare a quella successiva. Il lavoro salariato è spesso pagato a cottimo, la pratica di pagare il lavoro esclusivamente in base a ciò che viene realizzato (ad esempio, chilogrammi di bacche raccolte o numero di viti potate). Questo tipo di pagamento è spesso in contrasto con il tempo extra necessario per assicurarsi che le dita siano fuori dalla cesoia prima di spremere, o camminando con cautela da e verso il bordo del campo quando si scambiano i cesti pieni con quelli vuoti durante il raccolto. Un alto tasso di prestazioni lavorative può portare all'uso di posture scorrette, all'assunzione di rischi eccessivi e al mancato rispetto di buone pratiche e procedure di sicurezza.

La potatura a mano di bacche o viti richiede la frequente spremitura della mano per innestare un tagliacapelli o l'uso frequente di un coltello. I pericoli del coltello sono evidenti, in quanto non vi è alcuna superficie solida contro cui posizionare la vite, il tralcio o il gambo ed è probabile che ne risultino frequenti tagli a dita, mani, braccia, gambe e piedi. La potatura con un coltello dovrebbe essere eseguita solo come ultima risorsa.

Sebbene un tagliacapelli sia lo strumento preferito per la potatura, sia nella stagione dormiente che mentre il fogliame è sulle piante o sulle viti, il suo utilizzo presenta dei rischi. Il principale rischio per la sicurezza è la minaccia di tagli dovuti al contatto con la lama aperta mentre si inserisce una vite o un gambo nelle mascelle, o dal taglio involontario di un dito mentre si taglia anche una vite o un gambo. I robusti guanti in pelle o tessuto sono una buona protezione contro entrambi i pericoli e possono anche fornire protezione contro dermatiti da contatto, allergie, insetti, api e tagli da un traliccio.

La frequenza e lo sforzo richiesti per il taglio determinano la probabilità di sviluppare lesioni da trauma cumulativo. Sebbene i rapporti sugli infortuni non mostrino attualmente infortuni diffusi, si ritiene che ciò sia dovuto alla frequente rotazione del lavoro riscontrata nelle fattorie. La forza richiesta per azionare un comune tagliacapelli è superiore ai valori raccomandati e la frequenza dello sforzo indica il potenziale per disturbi da trauma cumulativo, secondo le linee guida accettate (Miles 1996).

Per ridurre al minimo la probabilità di lesioni, le cesoie devono essere mantenute ben lubrificate e le lame devono essere affilate frequentemente. Quando si incontrano viti di grandi dimensioni, come spesso accade nell'uva, la dimensione della tosatrice dovrebbe essere aumentata di conseguenza, in modo da non sovraccaricare il polso o la stessa tosatrice. Le cesoie o le seghe da potatura sono spesso necessarie per il taglio sicuro di viti o piante di grandi dimensioni.

Il sollevamento e il trasporto di carichi è tipicamente associato alla raccolta di queste colture. Le bacche o i frutti vengono solitamente raccolti a mano e trasportati in qualche tipo di cesto o supporto fino al bordo del campo, dove vengono depositati. I carichi spesso non sono pesanti (10 kg o meno), ma la distanza da percorrere è notevole in molti casi e su terreni sconnessi, che possono anche essere bagnati o scivolosi. I lavoratori non devono correre sul terreno irregolare e devono mantenere sempre un appoggio solido.

La raccolta di questi raccolti viene spesso effettuata in posizioni scomode e ad un ritmo rapido. Le persone in genere si torcono e si piegano, si piegano a terra senza piegare le ginocchia e si muovono rapidamente tra il cespuglio o la vite e il contenitore. I contenitori a volte vengono posizionati a terra e spinti o trascinati insieme al lavoratore. Frutta e bacche possono essere trovate ovunque dal livello del suolo a 2 m di altezza, a seconda del raccolto. I rovi si trovano tipicamente ad altezze di 1 m o meno, portando a una flessione quasi continua della schiena durante la raccolta. Le fragole sono a livello del suolo, ma i lavoratori rimangono in piedi e si chinano per raccogliere.

Le uve vengono anche comunemente tagliate per liberarle dalla vite durante la vendemmia a mano. Anche questo movimento di taglio è molto frequente (centinaia di volte all'ora) e richiede una forza sufficiente a destare preoccupazione per le lesioni da trauma cumulativo se la stagione del raccolto dovesse durare più di qualche settimana.

Lavorare con tralicci o pergole è spesso coinvolto nella produzione di viti e bacche. L'installazione o la riparazione di pergolati spesso comporta l'esecuzione di lavori ad altezze superiori alla propria testa e lo stretching mentre si esercita una forza. Uno sforzo prolungato di questo tipo può portare a lesioni cumulative. Ogni istanza è un'esposizione a lesioni da stiramento e distorsione, in particolare alle spalle e alle braccia, risultanti dall'esercizio di una forza significativa mentre si lavora in una postura scomoda. La coltivazione delle piante su graticci richiede l'esercizio di una forza notevole, una forza che viene aumentata dal peso delle viti, del fogliame e dei frutti. Questa forza viene comunemente esercitata attraverso le braccia, le spalle e la schiena, che sono tutte suscettibili di lesioni sia acute che a lungo termine dovute a tale sforzo eccessivo.

Pesticidi e fertilizzanti

L'uva e le bacche sono soggette a frequenti applicazioni di pesticidi per il controllo di insetti e agenti patogeni. Gli applicatori, i miscelatori, i caricatori e chiunque altro sul campo o che assiste all'applicazione deve seguire le precauzioni elencate sull'etichetta del pesticida o come richiesto dalle normative locali. Le applicazioni in queste colture possono essere particolarmente pericolose a causa della natura del deposito richiesto per il controllo dei parassiti. Spesso tutte le parti della pianta devono essere coperte, comprese le parti inferiori delle foglie e tutte le superfici dei frutti o delle bacche. Ciò implica spesso l'uso di goccioline molto piccole e l'uso dell'aria per favorire la penetrazione della chioma e il deposito del pesticida. Pertanto vengono prodotti molti aerosol, che possono essere pericolosi per inalazione, vie di esposizione oculari e dermiche.

I fungicidi vengono spesso applicati come polveri all'uva e a molti tipi di bacche. La più comune di queste polveri è lo zolfo, che può essere utilizzato in agricoltura biologica. Lo zolfo può essere irritante per l'applicatore e per gli altri sul campo. È anche noto che raggiunge concentrazioni nell'aria sufficienti a provocare esplosioni e incendi. È necessario prestare attenzione per evitare di viaggiare attraverso una nuvola di polvere di zolfo con qualsiasi possibile fonte di accensione, come un motore, un motore elettrico o un altro dispositivo che produce scintille.

Molti campi vengono fumigati con materiali altamente tossici prima che queste colture vengano piantate per ridurre la popolazione di parassiti come nematodi, batteri, funghi e virus prima che possano attaccare le giovani piante. La fumigazione di solito comporta l'iniezione di un gas o di un liquido nel terreno e la copertura con un telo di plastica per evitare che il pesticida fuoriesca troppo presto. La fumigazione è una pratica specializzata e dovrebbe essere tentata solo da persone adeguatamente addestrate. I campi sottoposti a fumigazione devono essere affissi con avvisi e non devono essere entrati fino a quando la copertura non è stata rimossa e il fumigante si è dissipato.

I fertilizzanti possono generare pericoli durante la loro applicazione. Possono verificarsi inalazione di polvere, dermatite da contatto con la pelle e irritazione dei polmoni, della gola e delle vie respiratorie. Una maschera antipolvere può essere utile per ridurre l'esposizione a livelli non irritanti.

Ai lavoratori può essere richiesto di entrare nei campi per operazioni di coltivazione come l'irrigazione, la potatura o il raccolto subito dopo l'applicazione dei pesticidi. Se questo è prima dell'intervallo di rientro specificato dall'etichetta del pesticida o dalle normative locali, è necessario indossare indumenti protettivi per proteggersi dall'esposizione. La protezione minima dovrebbe essere una camicia a maniche lunghe, pantaloni a gamba lunga, guanti, copricapo, copripiedi e protezione per gli occhi. Potrebbe essere necessaria una protezione più rigorosa, tra cui un respiratore, indumenti impermeabili e stivali di gomma in base al pesticida utilizzato, al tempo trascorso dall'applicazione e alle normative. Le autorità locali per i pesticidi dovrebbero essere consultate per determinare il livello adeguato di protezione.

Esposizioni di macchine

L'uso di macchinari in queste colture è comune per la preparazione del terreno, la semina, la coltivazione delle erbe infestanti e il raccolto. Molte di queste colture vengono coltivate su pendii e campi irregolari, aumentando la possibilità di ribaltamenti di trattori e attrezzature. Devono essere seguite le regole generali di sicurezza del funzionamento del trattore e dell'attrezzatura per evitare il ribaltamento, così come la politica di non far salire a bordo l'attrezzatura a meno che non sia necessario la presenza di personale aggiuntivo per il corretto funzionamento dell'attrezzatura e che sia prevista una piattaforma per la loro sicurezza. Ulteriori informazioni sull'uso corretto delle apparecchiature sono disponibili nell'articolo "Meccanizzazione" in questo capitolo e altrove in questo Enciclopedia.

Molte di queste colture vengono coltivate anche in campi irregolari, come letti o creste o solchi. Queste caratteristiche aumentano il pericolo quando diventano fangose, scivolose o nascoste dalle erbacce o dalla chioma della pianta. Cadere davanti all'attrezzatura rappresenta un pericolo, così come la caduta e lo stiramento o la distorsione di una parte del corpo. Ulteriori precauzioni dovrebbero essere prese in particolare quando i campi sono bagnati o al momento del raccolto, quando la frutta scartata può essere sotto i piedi.

La potatura meccanica delle uve è in aumento in tutto il mondo. La potatura meccanica in genere comporta la rotazione di coltelli o dita per raccogliere le viti e trascinarle oltre i coltelli fissi. Questa attrezzatura può essere pericolosa per chiunque si trovi nelle vicinanze del punto di ingresso delle lame e deve essere utilizzata solo da un operatore adeguatamente addestrato.

Le operazioni di raccolta in genere utilizzano più macchine contemporaneamente, richiedendo il coordinamento e la collaborazione di tutti gli operatori delle attrezzature. Le operazioni di raccolta, per loro stessa natura, comprendono anche la raccolta e la rimozione del raccolto, che spesso richiedono l'uso di aste o pale vibranti, dita di scuoiatura, ventagli, operazioni di taglio o affettatura e rastrelli, ognuno dei quali è in grado di causare gravi danni fisici alle persone che ne rimangono invischiati. Si deve prestare attenzione a non posizionare alcuna persona vicino all'aspirazione di tali macchine mentre sono in funzione. Le protezioni della macchina devono essere sempre mantenute in posizione e sottoposte a manutenzione. Se le protezioni devono essere rimosse per la lubrificazione, la regolazione o la pulizia, devono essere sostituite prima di riavviare la macchina. Le protezioni su una macchina in funzione non devono mai essere aperte o rimosse.

Altri pericoli

infezioni

Una delle lesioni più comuni subite dai lavoratori dell'uva e dei frutti di bosco è un taglio o una perforazione, causata da spine sulla pianta, strumenti o tralicci o strutture di supporto. Tali ferite aperte sono sempre soggette all'infezione da parte dei numerosi batteri, virus o agenti infettivi presenti nei campi. Tali infezioni possono causare gravi complicazioni, persino la perdita di un arto o della vita. Tutti i lavoratori sul campo dovrebbero essere protetti con un'immunizzazione antitetanica aggiornata. I tagli devono essere lavati e puliti e deve essere applicato un agente antibatterico; eventuali infezioni che si sviluppano devono essere trattate immediatamente da un medico.

Morsi di insetti e punture di api

I lavoratori sul campo che si occupano e raccolgono sono a maggior rischio di punture di insetti e punture di api. Mettere le mani e le dita nella chioma della pianta per selezionare e afferrare frutti o bacche maturi aumenta l'esposizione alle api e agli insetti che potrebbero nutrirsi o riposare nella chioma. Alcuni insetti possono nutrirsi anche delle bacche mature, così come i roditori e altri parassiti. La migliore protezione è indossare maniche lunghe e guanti quando si lavora nel fogliame.

Radiazione solare

Stress termico

L'esposizione a radiazioni solari e calore eccessivi può facilmente portare a colpi di calore, colpi di calore o addirittura morte. Il calore aggiunto al corpo umano attraverso la radiazione solare, lo sforzo del lavoro e il trasferimento di calore dall'ambiente devono essere rimossi dal corpo attraverso il sudore o una sensibile perdita di calore. Quando la temperatura ambiente è superiore a 37 °C (cioè la normale temperatura corporea), non può esserci una sensibile perdita di calore, quindi il corpo deve fare affidamento esclusivamente sul sudore per il raffreddamento.

La traspirazione richiede acqua. Chiunque lavori al sole o in un clima caldo dovrebbe bere molti liquidi durante l'intera giornata. Dovrebbero essere utilizzate acqua o bevande sportive, anche prima di avere sete. L'alcool e la caffeina dovrebbero essere evitati, poiché tendono ad agire come diuretici e in realtà accelerano la perdita di acqua e interferiscono con il processo di termoregolazione del corpo. Si consiglia spesso alle persone di bere 1 litro per ora di lavoro al sole o in climi caldi. Un segno di bere liquidi insufficienti è la mancanza della necessità di urinare.

Le malattie legate al calore possono essere pericolose per la vita e richiedono un'attenzione immediata. Le persone che soffrono di colpi di calore dovrebbero essere fatte sdraiare all'ombra e bere molti liquidi. Chiunque soffra di un colpo di calore è in grave pericolo e necessita di cure immediate. L'assistenza medica deve essere convocata immediatamente. Se l'assistenza non è disponibile entro pochi minuti, si dovrebbe tentare di raffreddare la vittima immergendola in acqua fresca. Se la vittima è incosciente, la respirazione continua dovrebbe essere assicurata attraverso il primo soccorso. Non somministrare liquidi per via orale.

I segni di malattie legate al caldo includono sudorazione eccessiva, debolezza degli arti, disorientamento, mal di testa, vertigini e, in casi estremi, perdita di coscienza e anche perdita della capacità di sudare. Questi ultimi sintomi sono immediatamente pericolosi per la vita ed è necessaria un'azione.

Lavorare nei vigneti e nei campi di frutti di bosco può aumentare il rischio di malattie legate al caldo. La circolazione dell'aria tra le file è ridotta e si ha l'illusione di lavorare parzialmente all'ombra. L'elevata umidità relativa e le coperture nuvolose possono anche dare una falsa impressione degli effetti del sole. È necessario bere molti liquidi ogni volta che si lavora nei campi.

Malattie della pelle

L'esposizione a lungo termine al sole può portare all'invecchiamento precoce della pelle e ad una maggiore probabilità di tumori della pelle. Le persone esposte ai raggi diretti del sole devono indossare indumenti o prodotti per la protezione solare per fornire protezione. Alle latitudini più basse, anche pochi minuti di esposizione al sole possono provocare gravi scottature, soprattutto in chi ha la carnagione chiara.

I tumori della pelle possono iniziare in qualsiasi parte del corpo e i tumori sospetti devono essere immediatamente controllati da un medico. Alcuni dei segni frequenti di tumori della pelle o lesioni precancerose sono cambiamenti in un neo o una voglia, un bordo irregolare, sanguinamento o un cambiamento di colore, spesso in una tonalità marrone o grigia. Quelli con una storia di esposizione al sole dovrebbero sottoporsi a screening annuali per il cancro della pelle.

Dermatite da contatto e altre allergie

Il contatto frequente e prolungato con escrementi vegetali o pezzi di piante può provocare sensibilizzazione e casi di allergie da contatto e dermatiti. La prevenzione attraverso l'uso di camicie a maniche lunghe, pantaloni a gamba lunga e guanti quando possibile è la linea d'azione preferita. Alcune creme possono essere utilizzate per fornire una barriera al trasferimento di sostanze irritanti sulla pelle. Se la pelle non può essere protetta dall'esposizione alle piante, il lavaggio subito dopo la fine del contatto con la pianta ridurrà al minimo gli effetti. I casi di dermatite con eruzioni cutanee o che non guariscono devono essere visitati da un medico.

 

Di ritorno

Leggi 4204 volte Ultima modifica Martedì, Giugno 28 2011 08: 11
Altro in questa categoria: Coltivazioni Frutteto »

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti