Giovedì, 27 ottobre 2011 20: 59

Caso di studio: donne che pescano

Vota questo gioco
(0 voti )

The Entangling Net: le donne della pesca commerciale dell'Alaska raccontano le loro vite, di Leslie Leyland Fields (Urbana: University of Illinois Press, 1996), è la storia, basata sull'esperienza e sulle interviste dell'autrice, di alcune delle donne che lavoravano come pescatori commerciali nelle acque dell'Oceano Pacifico e del Golfo dell'Alaska intorno all'isola di Kodiak e alle isole Aleutine. I seguenti estratti catturano parte del sapore dell'esperienza di queste donne, perché hanno scelto questa linea di lavoro e cosa ha comportato.

Teresa Peterson

L'ultima stagione del merluzzo nero è iniziata il 15 maggio. Erano due ragazze e due ragazzi. Lo skipper voleva un equipaggio che potesse innescare velocemente l'attrezzatura; era quello che cercava. ... Per iniziare, tutto ciò che stavamo cercando di fare è girare i ganci. È un gioco di numeri. Idealmente esegui 18,000-20,000 hook al giorno. E così avremmo sempre quattro persone che adescano e una persona che trasporta l'attrezzatura. Le persone che adescavano ruoterebbero avvolgendo l'ingranaggio. Siamo tornati al modo tradizionale di pescare. La maggior parte delle barche Kodiak lascerà cadere l'attrezzatura in una vasca, da sola, quindi riporterai quella vasca e la escherai. Sulle vecchie golette di halibut avvolgono tutto a mano in modo da poter girare ogni amo. Cercano di creare una bobina davvero bella, quindi quando la riprendi puoi innescarla due volte più velocemente. I primi due giorni abbiamo esaminato il tempo necessario per innescare i pattini disordinati (le lunghe lenze su cui sono attaccati gli ami). Mi rifiuto di adescare un altro pattino in quel modo, quindi abbiamo iniziato tutti a avvolgere a mano il nostro. Quando lo fai, sei in grado di spostarti dalla tua stazione di esca. Abbiamo davvero lavorato per lunghe ore, spesso ventiquattro ore, poi andiamo al giorno successivo e lavoriamo tutta quella notte fino alle 2:00 circa e il giorno successivo altre venti ore. Poi ci sdraiavamo per circa tre ore. Poi ci rialzavamo e scendevamo per altre ventiquattr'ore e un paio d'ore. La prima settimana abbiamo dormito in media dieci ore tutte insieme: l'abbiamo capito. Quindi abbiamo scherzato, ventiquattro avanti, uno spento.

Non avevo mai pescato così duramente prima. Quando è stato aperto, abbiamo pescato sabato, tutto il sabato, tutta la domenica e metà del lunedì. Così ben oltre cinquantasei ore senza dormire, lavorando sodo, il più velocemente possibile. Poi ci siamo sdraiati per circa tre ore. Ti alzi. Sei così rigido! Poi abbiamo fatto un viaggio, poco più di 40,000 sterline in quattro giorni, quindi praticamente eravamo rimasti in piedi per tutti e quattro i giorni. Era un bel carico. È stato davvero motivante. Guadagno mille dollari al giorno. ... Sono le stagioni più brevi, le stagioni più brevi per i palangari, che stanno riportando le barche a questi orari. ... con una stagione di tre settimane, sei quasi costretto a farlo a meno che tu non riesca a ruotare una persona verso il basso (lasciarla dormire) (pp. 31-33).

Leslie Smith

Ma il motivo per cui mi sento fortunato è perché eravamo là fuori, una donna che gestiva una barca con un equipaggio di sole donne, e lo stavamo facendo. E lo stavamo facendo bene come chiunque altro nella flotta, quindi non mi sono mai sentito intimidito nel pensare: "Oh, una donna non può farlo, non può capirlo o non è in grado di farlo" perché il primo il lavoro che ho mai avuto è stato con le donne e andavamo bene. Quindi ho avuto quel fattore di fiducia dall'inizio della mia carriera di marinaio... (p. 35).

Quando sei su una barca, non hai una vita, non hai spazio fisico, non hai tempo per te stesso. È tutta la barca, la pesca, per quattro mesi di fila... (p. 36).

Ho un po' di protezione da alcuni venti, ma praticamente la otterrò tutta. ... C'è anche molta marea qui. Scarichi queste ancore; hai quindici o venti ancore, alcune delle quali da trecento libbre, per cercare di tenere in posizione una rete. E ogni volta che esci la rete si attorciglia in una forma diversa e devi trascinare queste ancore in giro. E il tempo non è molto bello per la maggior parte del tempo. Combatti sempre contro il vento. È una sfida, una sfida fisica invece che una sfida mentale... (p. 37).

Battere i moli (andare di barca in barca in cerca di lavoro) era la cosa peggiore. Dopo averlo fatto per un po' mi sono reso conto che probabilmente c'è solo il 15 percento delle barche su cui hai la possibilità di essere assunto perché il resto non assumerà donne. Principalmente perché le loro mogli non glielo permettono o c'è già un'altra donna sulla barca o sono semplicemente sessisti a tutto campo: non vogliono donne. Ma tra questi tre fattori, il numero di barche su cui potevi essere noleggiato era così esiguo da essere scoraggiante. Ma dovevi scoprire di che barche si trattava. Ciò significa camminare sui moli... (p. 81).

Marta Sutro

Stavo pensando alla domanda che hai fatto prima. Perché le donne sono sempre più attratte da questo. Non lo so. Ti chiedi se ci sia un numero crescente di donne che estraggono carbone o si autotrasportano. Non so se ha qualcosa a che fare con l'Alaska e l'intero fascino di poter prendere parte a qualcosa che prima ti era stato negato, o forse è una razza di donne che sono state cresciute o in qualche modo sono state cresciute per capire che certe barriere che presumibilmente c'erano non sono legittime. Anche resistendo a tutti i pericoli, è un'esperienza importante ed è molto fattibile, molto... odio usare la parola "soddisfacente", ma è molto appagante. Ho adorato, ho adorato far finire perfettamente una serie di pentole e non dover chiedere a nessuno di aiutarmi con una delle porte una volta e ottenere tutte le enormi mazzette di esca che in un certo senso piombi sotto la pentola nel mezzo. ...Ci sono elementi che non puoi trovare in nessun altro tipo di esperienza. È quasi come coltivare. È così elementare. Richiede un processo così elementare. Fin dai tempi biblici abbiamo parlato di questo tipo di persone. C'è questo ethos che lo circonda che è molto antico. E poter andare a quello e attingere da esso. Entra in tutto questo regno mistico (p.44).

Lisa Jakubowski

È molto solitario essere l'unica donna su una barca. Mi impegno a non farmi mai coinvolgere da ragazzi a livello romantico o altro. Gli amici. Sono sempre aperto agli amici, ma devi sempre stare attento che non pensino che sia di più. Vedi, ci sono così tanti diversi livelli di ragazzi. Non voglio essere amico degli ubriaconi e dei cocainomani. Ma sicuramente le persone più rispettabili con cui sono diventato amico. E ho mantenuto amicizie maschili e amicizie femminili. C'è molta solitudine però. Ho scoperto che la terapia della risata aiuta. Esco sul ponte posteriore e rido tra me e mi sento meglio (p. 61).

Campi di Leslie Leyland

Ciascuna (donna) ha chiesto solo parità di trattamento e pari opportunità. Questo non viene automaticamente in un lavoro in cui hai bisogno della forza per far atterrare una nassa oscillante da 130 libbre, la resistenza per resistere a trentasei ore consecutive di lavoro senza dormire, il moxie per guidare una sciabica da 150 cavalli a pieno regime velocità vicino alle barriere coralline e abilità pratiche speciali come la riparazione e la manutenzione di motori diesel, la riparazione di reti, l'idraulica operativa. Questi sono i poteri che vincono la giornata e il pesce; questi sono i poteri che le donne pescatrici devono dimostrare agli uomini miscredenti. E, non da ultimo, c'è una resistenza attiva da parte di una parte inaspettata: altre donne, mogli di uomini che pescano (p. 53).

Questo fa parte di ciò che so di essere uno skipper. ... Tu solo tieni in mano la vita di due, tre o quattro persone. I pagamenti della tua barca e i costi assicurativi ti costano decine di migliaia ogni anno: devi pescare. Gestisci un mix potenzialmente instabile di personalità e abitudini lavorative. Devi avere una vasta conoscenza della navigazione, delle condizioni meteorologiche, dei regolamenti sulla pesca; devi essere in grado di far funzionare e riparare in una certa misura l'array di elettronica ad alta tecnologia che è il cervello della barca. ... L'elenco potrebbe continuare.

Perché qualcuno solleva e trasporta volentieri un tale carico? C'è un altro lato, ovviamente. Per affermarlo positivamente, c'è indipendenza nello skipper, un grado di autonomia che raramente si trova in altre professioni. Tu solo controlli la vita all'interno della tua arca. Puoi decidere dove andrai a pescare, quando la barca va, quanto velocemente va, per quanto tempo e duramente lavorerà l'equipaggio, per quanto tempo dormono tutti, le condizioni meteorologiche in cui lavorerai, i gradi di rischio che correrai, il tipo di cibo che mangi... (p. 75).

Nel 1992, quarantaquattro navi affondarono in Alaska, ottantasette persone furono salvate da navi che affondavano, trentacinque morirono. Nella primavera del 1988 quarantaquattro morirono dopo che la nebbia di ghiaccio si era spostata e aveva consumato barche ed equipaggio. Per mettere questi numeri in prospettiva, l'Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro riferisce che il tasso di mortalità annuale per tutte le professioni statunitensi è di 7 ogni 100,000 lavoratori. Per la pesca commerciale in Alaska, il tasso sale a 200 per 100,000, rendendolo il lavoro più mortale del paese. Per i pescatori di granchi, la cui stagione dura tutto l'inverno, il tasso sale a 660 per 100,000, o quasi 100 volte la media nazionale (p. 98).

Debra Nielsen

Sono alto solo un metro e mezzo e peso cento libbre e quindi gli uomini hanno un istinto protettivo nei miei confronti. Ho dovuto superarlo per tutta la mia vita per entrare davvero e fare qualsiasi cosa. L'unico modo in cui sono riuscito a superare è essere più veloce e sapere cosa sto facendo. Si tratta di leva finanziaria. ... Devi rallentare. Devi usare la tua testa in modo diverso e il tuo corpo in modo diverso. Penso che sia importante che le persone sappiano quanto sono piccolo perché se posso farlo, significa che qualsiasi donna può farlo... (p. 86).

Cristina Holmes

Credo davvero nella North Pacific Vessel Owner's Association, offrono alcuni corsi davvero buoni, uno dei quali è Emergenze mediche in mare. Penso che ogni volta che prendi qualsiasi tipo di corso di tecnologia marina ti stai facendo un favore (p. 106).

Rebecca Raigoza

Sviluppato un tale senso di indipendenza e forza. Cose che pensavo non avrei mai potuto fare, ho imparato che le avrei fatte qui. Mi ha appena aperto un mondo completamente nuovo da giovane. diventare una donna, non lo so. Ci sono così tante possibilità ora perché so che posso fare "un lavoro da uomo", sai? C'è molto potere che ne deriva (p. 129).

Copyright 1997 del Board of Trustees dell'Università dell'Illinois. Usato con il permesso della University of Illinois Press.

 

Di ritorno

Leggi 8033 volte Ultima modifica il Giovedi, 26 maggio 2022 15: 04

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti di pesca

Alverson, DL, MH Freeberg, SA Murawski e JG Pope. 1994. Una valutazione globale delle catture accessorie e dei rigetti nel settore della pesca. Roma: FAO.

Anderson, D.M. 1994. Maree rosse. SciAm 271:62–68.

Chiang, HC, YC Ko, SS Chen, HS Yu, TN Wu e PY Chang. 1993. Prevalenza dei disturbi della spalla e degli arti superiori tra i lavoratori dell'industria della lavorazione del pesce. Scand J Ambiente di lavoro e salute 19:126–131.

Cura, Nuovo Messico. 1995. Calpestando acque pericolose. Samudra 13:19–23.

Dayton, PK, SF Thrush, MT Agardy e RF Hofman. 1995. Effetti ambientali della pesca marina. Conservazione acquatica: ecosistemi marini e d'acqua dolce 5: 205–232.

Tintore, CL. 1988. L'organizzazione sociale in funzione del lavoro. Organizzazione a bordo di un peschereccio surimi giapponese. Journal of the Society for Applied Anthropology 47: 76–81.

Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite. 1992. Revisione dello stato delle risorse della pesca mondiale. Parte 1: Risorse marine. Roma: FAO.

—. 1993. Pesca marittima e diritto del mare: un decennio di cambiamenti. Roma: FAO.

—. 1995. Lo stato della pesca mondiale e dell'acquacoltura. Roma: FAO.

Consiglio per l'alimentazione e la nutrizione. 1991. Sicurezza dei frutti di mare. Washington, DC: National Academy Press.

Gales, R. 1993. Meccanismi cooperativi per la conservazione dell'albatro. Australia: Agenzia australiana per la conservazione della natura.

Hagmar, L, K Lindén, A Nilsson, B Norrving, BÅkesson, A Schütz, and T Möller. 1992. Incidenza e mortalità del cancro tra i pescatori svedesi del Mar Baltico. Scand J Ambiente di lavoro Salute 18:217–224.

Husmo, M. 1993. Drømmen om å bli fiskekjøper. Om rekruttering til ledelse e kvinners lederstil in norsk fiskeindustri, Rap. No. 8. Tromsø, Norvegia: Fiskeriforskning/Norges fiskerihøgskole, Universitetet i Tromsø.

—. 1995. Institusjonell Endring o Ferniss? Kvalitetsstyringsprosessen i noen norske fiskeindustribedrifter, Rap. No. 1. Tromsø, Norvegia: Norges fiskerihøgskole/Seksjon per fiskeriorganisasjon.

Husmo, M ed E Munk-Madsen. 1994. Kjønn som kvalifikasjon i fiskeindustrien. A Leve Kysten? Strandhogg i fiskeri-Norge, a cura di O Otterstad e S Jentoft. Norvegia: Ad Notam Glydenal.

Husmo, M e G Søvik. 1995. Ledelsesstrukturen i norsk fiskeforedlingsindustri. Rap. N. 2. Tromsø, Norvegia: Norges fiskerihøgskole/Seksjon per fiskeriorganisasjon.

Kolare, S. 1993. Strategie per la prevenzione dei disturbi muscoloscheletrici legati al lavoro (consensus paper). Int J di Ind Ergonomia 11:77–81.

Moore, SRW. 1969. La mortalità e la morbilità dei pescatori d'altura che salpano da Grimsby in un anno. Br J Ind Med 26:25–46.

Munk-Madsen, E. 1990. Skibet er ladet med køn. Un'analisi delle relazioni di coppia e dei clienti si svolge nel campo dei fabriksskibsflåden. Tromsø, Norvegia: Collegio norvegese di scienze della pesca, Università di Tromsø.

Ohlsson, K, GÅ Hansson, I Balogh, U Strömberg, B Pålsson, C Nordander, L Rylander e S Skerfving. 1994. Disordini del collo e degli arti superiori nelle donne nell'industria della lavorazione del pesce. Occup e Envir Med 51:826–32.

Ólafsdóttir, H e V Rafnsson. 1997. Aumento dei sintomi muscoloscheletrici degli arti superiori tra le donne dopo l'introduzione della linea di flusso nelle piante a filetto di pesce. Int J Ind Erg, in corso di stampa.

Rafnsson, V e H Gunnarsdóttir. 1992. Incidenti mortali tra marinai islandesi: 1966-1986. Br J Ind Med 49:694–699.

—. 1993. Rischio di incidenti mortali che si verificano al di fuori del mare tra i marittimi islandesi. Br Med J 306:1379-1381.

—. 1994. Mortalità tra i marinai islandesi. Int J Epidemiol 23:730–736.

—. 1995. Incidenza del cancro tra i marinai in Islanda. Am J Ind Med 27:187–193.

Reilley, MSJ. 1985. Mortalità per incidenti sul lavoro ai pescatori del Regno Unito 1961–1980. Br J Ind Med 42:806–814.

Skaptadottir, UD. 1995. Mogli dei pescatori e trasformatori di pesce: continuità e cambiamento nella posizione delle donne nei villaggi di pescatori islandesi, 1870–1990. dottorato di ricerca tesi. New York: Università di New York.

Stroud, C. 1996. L'etica e la politica della caccia alle balene. In The Conservation of Whales and Dolphins: Science and Practice, a cura di MP Simmons e JD Hutchinson. Chichester, Regno Unito: John Wiley & Sons.

Svenson, BG, Z Mikoczy, U Strömberg e L Hagmar. 1995. Mortalità e incidenza del cancro tra i pescatori svedesi con un elevato apporto dietetico di composti organoclorurati persistenti. Scand J Ambiente di lavoro Salute 21:106–115.

Törner, M, G Blide, H Eriksson, R Kadefors, R Karlsson, e io Petersen. 1988. Sintomi muscolo-scheletrici correlati alle condizioni di lavoro tra i pescatori professionisti svedesi. Ergonomia applicata 19: 191–201.

Vacher, J. 1994. Sii forte stando insieme. Samudra 10 e 11 (supplemento speciale).

Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). 1985. Identificazione e controllo delle malattie legate al lavoro. Rapporto tecnico serie n. 714. Ginevra: OMS.