Sabato, Marzo 12 2011 16: 50

Raccolta del legno

Vota questo gioco
(33 voti )

Il presente articolo si basa ampiamente su due pubblicazioni: FAO 1996 e FAO/ILO 1980. Questo articolo è una panoramica; numerose altre referenze sono disponibili. Per una guida specifica sulle misure preventive, vedere ILO 1998.

La raccolta del legno è la preparazione di tronchi in una foresta o in una piantagione di alberi in base alle esigenze di un utente e la consegna di tronchi a un consumatore. Comprende il taglio degli alberi, la loro trasformazione in tronchi, l'estrazione e il trasporto su lunga distanza a un impianto di consumo o trasformazione. I termini raccolta forestale, raccolta del legno or registrazione sono spesso usati come sinonimi. Il trasporto a lunga distanza e la raccolta di prodotti forestali non legnosi sono trattati in articoli separati in questo capitolo.

Operazioni

Sebbene vengano utilizzati molti metodi diversi per la raccolta del legno, tutti comportano una sequenza di operazioni simile:

  • abbattimento alberi: staccare un albero dal ceppo e abbatterlo
  • cimatura e sramatura (sramatura): tagliando la corona dell'albero inutilizzabile e i rami
  • scortecciatura: rimuovere la corteccia dal gambo; questa operazione viene spesso effettuata presso l'impianto di trasformazione piuttosto che in foresta; nella raccolta della legna da ardere non si fa affatto
  • estrazione: spostare i fusti o i tronchi dal ceppo in un luogo vicino a una strada forestale dove possono essere smistati, accatastati e spesso immagazzinati temporaneamente, in attesa del trasporto a lunga distanza
  • produzione di tronchi/taglio trasversale (bucking): tagliando lo stelo alla lunghezza specificata dalla destinazione d'uso del tronco
  • ridimensionamento: determinare la quantità di tronchi prodotti, solitamente misurando il volume (per legname di piccole dimensioni anche in peso; quest'ultimo è comune per la pasta di legno; in tal caso la pesatura viene effettuata presso l'impianto di lavorazione)
  • cernita, accatastamento e deposito temporaneo: i tronchi sono solitamente di dimensioni e qualità variabili, e sono quindi classificati in assortimenti in base al loro potenziale utilizzo come pasta di legno, seghetti e così via, e accatastati fino a quando non è stato assemblato un carico completo, solitamente un camion; l'area sgomberata dove avvengono queste operazioni, oltre che il ridimensionamento e il carico è detta “sbarco”
  • Caricamento in corso: spostare i tronchi sul mezzo di trasporto, tipicamente un camion, e fissare il carico.

 

Queste operazioni non sono necessariamente eseguite nella sequenza di cui sopra. A seconda del tipo forestale, del tipo di prodotto desiderato e della tecnologia disponibile, può essere più vantaggioso effettuare un'operazione prima (cioè più vicino alla ceppaia) o dopo (cioè all'approdo o addirittura all'impianto di trasformazione ). Una classificazione comune dei metodi di raccolta si basa sulla distinzione tra:

  • sistemi ad albero intero, dove gli alberi vengono estratti a bordo strada, l'approdo o l'impianto di lavorazione con la chioma piena
  • sistemi a legna corta, dove la cimatura, la diramazione e il taglio trasversale vengono eseguiti vicino al ceppo (i tronchi di solito non sono più lunghi di 4-6 m)
  • sistemi a lunghezza d'albero, dove cime e rami vengono rimossi prima dell'estrazione.

 

Il gruppo più importante di metodi di raccolta del legno industriale si basa sulla lunghezza dell'albero. I sistemi a legna corta sono standard nel nord Europa e comuni anche per legname di piccole dimensioni e legna da ardere in molte altre parti del mondo. È probabile che la loro quota aumenti. I sistemi ad albero intero sono i meno comuni nella raccolta industriale del legno e sono utilizzati solo in un numero limitato di paesi (ad esempio, Canada, Federazione Russa e Stati Uniti). Lì rappresentano meno del 10% del volume. L'importanza di questo metodo sta diminuendo.

Per l'organizzazione del lavoro, l'analisi della sicurezza e l'ispezione, è utile concepire tre distinte aree di lavoro in un'operazione di raccolta del legno:

  1. il sito o il ceppo di abbattimento
  2. il terreno forestale tra il ceppo e la strada forestale
  3. l'atterraggio.

 

Vale anche la pena esaminare se le operazioni si svolgono in modo ampiamente indipendente nello spazio e nel tempo o se sono strettamente correlate e interdipendenti. Quest'ultimo è spesso il caso dei sistemi di raccolta in cui tutte le fasi sono sincronizzate. Qualsiasi disturbo interrompe così l'intera catena, dall'abbattimento al trasporto. Questi cosiddetti sistemi di registrazione a caldo possono creare ulteriore pressione e tensione se non attentamente bilanciati.

La fase del ciclo di vita di una foresta durante la quale avviene la raccolta del legno e il modello di raccolta influiranno sia sul processo tecnico che sui rischi associati. La raccolta del legno avviene sia come diradamento che come taglio finale. Il diradamento è la rimozione di alcuni alberi, solitamente indesiderati, da un giovane popolamento per migliorare la crescita e la qualità degli alberi rimanenti. Di solito è selettivo (vale a dire, i singoli alberi vengono rimossi senza creare grosse lacune). Il modello spaziale generato è simile a quello del taglio finale selettivo. In quest'ultimo caso, invece, gli alberi sono maturi e spesso di grandi dimensioni. Anche così, solo alcuni alberi vengono rimossi e rimane una copertura arborea significativa. In entrambi i casi l'orientamento sul cantiere è difficile perché gli alberi e la vegetazione rimanenti bloccano la visuale. Può essere molto difficile abbattere gli alberi perché le loro chiome tendono ad essere intercettate dalle chiome degli alberi rimasti. C'è un alto rischio di caduta di detriti dalle corone. Entrambe le situazioni sono difficili da meccanizzare. Il diradamento e il taglio selettivo richiedono quindi più pianificazione e abilità per essere eseguiti in sicurezza.

L'alternativa all'abbattimento selettivo per il raccolto finale è la rimozione di tutti gli alberi da un sito, chiamata “taglio netto”. I tagli netti possono essere piccoli, diciamo da 1 a 5 ettari, o molto grandi, coprendo diversi chilometri quadrati. I grandi tagli netti sono severamente criticati per motivi ambientali e paesaggistici in molti paesi. Qualunque sia il modello del taglio, la raccolta della vecchia vegetazione e della foresta naturale di solito comporta un rischio maggiore rispetto alla raccolta dei popolamenti più giovani o delle foreste artificiali perché gli alberi sono grandi e hanno un'enorme inerzia quando cadono. I loro rami possono essere intrecciati con le chiome di altri alberi e rampicanti, facendoli spezzare rami di altri alberi mentre cadono. Molti alberi sono morti o hanno marciume interno che potrebbe non essere evidente fino alla fine del processo di abbattimento. Il loro comportamento durante l'abbattimento è spesso imprevedibile. Gli alberi marci possono staccarsi e cadere in direzioni inaspettate. A differenza degli alberi verdi, gli alberi morti e secchi, chiamati ostacoli in Nord America, cadono rapidamente.

Sviluppi tecnologici

Lo sviluppo tecnologico nella raccolta del legno è stato molto rapido nella seconda metà del XX secolo. La produttività media è aumentata vertiginosamente nel processo. Oggi sono in uso molti metodi di raccolta diversi, a volte fianco a fianco nello stesso paese. Una panoramica dei sistemi in uso in Germania a metà degli anni '20, ad esempio, descrive quasi 1980 diverse configurazioni di apparecchiature e metodi (Dummel e Branz 40).

Sebbene alcuni metodi di raccolta siano tecnologicamente molto più complessi di altri, nessun singolo metodo è intrinsecamente superiore. La scelta dipenderà solitamente dalle specifiche del cliente per i tronchi, dalle condizioni della foresta e del terreno, da considerazioni ambientali e spesso in modo decisivo dal costo. Alcuni metodi sono anche tecnicamente limitati ad alberi di piccole e medie dimensioni e terreni relativamente dolci, con pendenze non superiori a 15-20°.

Il costo e le prestazioni di un sistema di raccolta possono variare in un'ampia gamma, a seconda di quanto bene il sistema si adatta alle condizioni del sito e, cosa altrettanto importante, dall'abilità dei lavoratori e da quanto bene è organizzata l'operazione. Gli utensili manuali e l'estrazione manuale, ad esempio, hanno perfettamente senso economico e sociale in paesi con alta disoccupazione, manodopera bassa e alto costo del capitale, o in operazioni su piccola scala. I metodi completamente meccanizzati possono raggiungere produzioni giornaliere molto elevate, ma comportano ingenti investimenti di capitale. Le moderne raccoglitrici in condizioni favorevoli possono produrre fino a 200 m3 di log per giornata di 8 ore. È improbabile che un operatore di motoseghe ne produca più del 10%. Una mietitrice o un grande cantiere di cavi costa circa US $ 500,000 rispetto a US $ 1,000 a US $ 2,000 per una motosega e US $ 200 per una sega a mano di buona qualità.

Metodi comuni, attrezzature e pericoli

Abbattimento e preparazione all'estrazione

Questa fase comprende l'abbattimento e la rimozione della chioma e dei rami; può includere la scortecciatura, il taglio trasversale e il ridimensionamento. È una delle occupazioni industriali più pericolose. Utensili manuali e motoseghe o macchine vengono utilizzati per abbattere e sramare gli alberi e tagliare gli alberi in tronchi. Gli utensili manuali includono utensili da taglio come asce, martelli spaccalegna, ganci per cespugli e coltelli per cespugli e seghe a mano come seghe a taglio trasversale e seghe ad arco. Le motoseghe sono ampiamente utilizzate nella maggior parte dei paesi. Nonostante i grandi sforzi e i progressi da parte delle autorità di regolamentazione e dei produttori per migliorare le motoseghe, rimangono il tipo di macchina più pericoloso nella silvicoltura. La maggior parte degli incidenti gravi e molti problemi di salute sono associati al loro uso.

La prima attività da svolgere è l'abbattimento, ovvero il taglio dell'albero dal ceppo il più vicino possibile al suolo, per quanto le condizioni lo consentano. La parte inferiore dello stelo è tipicamente la parte più pregiata, in quanto contiene un volume elevato, è priva di nodi e ha una tessitura uniforme del legno. Non dovrebbe quindi spaccarsi e nessuna fibra dovrebbe essere strappata dal calcio. Il controllo della direzione di caduta è importante, non solo per proteggere l'albero e quelli da lasciare in piedi, ma anche per proteggere i lavoratori e per facilitare l'estrazione. Nell'abbattimento manuale, questo controllo è ottenuto da una speciale sequenza e configurazione dei tagli.

Il metodo standard per le motoseghe è illustrato nella figura 1. Dopo aver determinato la direzione di abbattimento (1) e liberato la base dell'albero e le vie di fuga, il taglio inizia con il sottosquadro (2), che dovrebbe penetrare per circa un quinto a un quarto del diametro nell'albero. L'apertura del sottosquadro dovrebbe essere ad un angolo di circa 45°. Il taglio obliquo (3) viene eseguito prima del taglio orizzontale (4), che deve incontrare il taglio obliquo in linea retta rivolta verso la direzione di abbattimento a 90°o angolo. Se i ceppi tendono a strappare schegge dall'albero, come è comune con i legni più teneri, il sottosquadro dovrebbe essere terminato con piccoli tagli laterali (5) su entrambi i lati della cerniera (6). Anche il taglio posteriore (7) deve essere orizzontale. Dovrebbe essere più alto di 2.5-5 cm rispetto alla base del sottosquadro. Se il diametro dell'albero è inferiore alla barra di guida, il taglio posteriore può essere eseguito in un unico movimento (8). In caso contrario, la sega deve essere spostata più volte (9). Il metodo standard viene utilizzato per alberi con diametro del tronco superiore a 15 cm. La tecnica standard viene modificata se gli alberi hanno chiome unilaterali, sono inclinati in una direzione o hanno un diametro superiore al doppio della lunghezza della lama della motosega. Istruzioni dettagliate sono incluse nella FAO/ILO (1980) e in molti altri manuali di formazione per operatori di motoseghe.

Figura 1. Abbattimento con motosega: sequenza di tagli.

PER020F4

Utilizzando metodi standard, lavoratori qualificati possono abbattere un albero con un alto grado di precisione. Gli alberi che hanno chiome simmetriche o quelli leggermente inclinati in una direzione diversa dalla direzione di caduta prevista potrebbero non cadere affatto o potrebbero cadere ad angolo rispetto alla direzione prevista. In questi casi è necessario utilizzare strumenti quali leve abbattitrici per alberi piccoli o martelli e cunei per alberi grandi per spostare il baricentro naturale dell'albero nella direzione desiderata.

Fatta eccezione per alberi molto piccoli, le asce non sono adatte per l'abbattimento e il taglio trasversale. Con le seghe a mano il processo è relativamente lento e gli errori possono essere rilevati e riparati. Con le motoseghe i tagli sono veloci e il rumore blocca i segnali provenienti dall'albero, come il suono della fibra che si spezza prima che cada. Se l'albero inizia a cadere ma viene intercettato da altri alberi, ne risulta un "riaggancio", che è estremamente pericoloso e deve essere affrontato immediatamente e professionalmente. I ganci e le leve girevoli per alberi più piccoli e gli argani manuali o montati su trattore per alberi più grandi vengono utilizzati per abbattere alberi appesi in modo efficace e sicuro.

I pericoli legati all'abbattimento includono alberi che cadono o rotolano; rami che cadono o si spezzano; utensili da taglio; e rumore, vibrazioni e gas di scarico con motoseghe. Il colpo di fortuna è particolarmente pericoloso con il legno e gli apparati radicali parzialmente recisi sotto tensione; gli alberi appesi sono una causa frequente di incidenti gravi e mortali. Tutti i lavoratori coinvolti nell'abbattimento dovrebbero aver ricevuto una formazione specifica. Gli strumenti per l'abbattimento e per trattare gli alberi appesi devono essere presenti in loco. I pericoli associati al taglio trasversale includono gli utensili da taglio, nonché lo spezzarsi del legno e il rotolamento di steli o bulloni, in particolare sui pendii.

Una volta che un albero è stato abbattuto, di solito viene cimato e sramato. Nella maggior parte dei casi, questo viene ancora fatto con utensili manuali o motoseghe sul ceppo. Gli assi possono essere molto efficaci per la deramificazione. Ove possibile, gli alberi vengono abbattuti su un fusto già a terra. Questo stelo funge quindi da banco di lavoro naturale, sollevando l'albero da diramare ad un'altezza più conveniente e consentendo la completa diramazione senza dover girare l'albero. I rami e la chioma vengono tagliati dal fusto e lasciati sul sito. Le chiome di grandi alberi a foglia larga potrebbero dover essere tagliate in pezzi più piccoli o tirate da parte perché altrimenti ostacolerebbero l'estrazione sul ciglio della strada o l'atterraggio.

I pericoli legati alla deramificazione includono tagli con strumenti o motoseghe; alto rischio di contraccolpo della motosega (vedi figura 2); spezzare i rami sotto tensione; tronchi rotanti; inciampi e cadute; posture di lavoro scomode; e carico di lavoro statico se si utilizza una tecnica scadente.

Figura 2. Contraccolpo della motosega.

PER020F5

Nelle operazioni meccanizzate, la caduta direzionale si ottiene trattenendo l'albero con un braccio montato su una macchina di base sufficientemente pesante, e tagliando il fusto con una cesoia, sega circolare o motosega integrata nel braccio. Per fare ciò, la macchina deve essere guidata piuttosto vicino all'albero da abbattere. L'albero viene quindi abbassato nella direzione desiderata mediante movimenti del braccio o della base della macchina. Le tipologie più comuni di macchine sono le abbattitrici-raccoglitrici e le raccoglitrici.

Le abbattitrici-raccoglitrici sono per lo più montate su macchine cingolate, ma possono anche essere dotate di pneumatici. Il boom di abbattimento consente solitamente di abbattere e raccogliere un numero di piccoli alberi (un mazzo), che viene poi depositato lungo una pista di scorrimento. Alcuni hanno una cuccetta di vongole per raccogliere un carico. Quando vengono utilizzate le abbattitrici-raccoglitrici, la cimatura e la sramatura vengono solitamente eseguite da macchine al pianerottolo.

 

Con una buona progettazione della macchina e un funzionamento attento, il rischio di incidenti con le abbattitrici è relativamente basso, tranne quando gli operatori della motosega lavorano insieme alla macchina. I rischi per la salute, come vibrazioni, rumore, polvere e fumi, sono significativi, poiché le macchine di base spesso non sono costruite per scopi forestali. Gli abbattitori-raccoglitori non devono essere utilizzati su pendenze eccessive e il braccio non deve essere sovraccaricato, poiché la direzione di abbattimento diventa incontrollabile.

Le raccoglitrici sono macchine che integrano tutte le operazioni di abbattimento tranne la scortecciatura. Di solito hanno da sei a otto ruote, trazione e sospensioni idrauliche e sterzo articolato. Hanno bracci con uno sbraccio da 6 a 10 m sotto carico. Viene fatta una distinzione tra raccoglitrici a una presa e a due prese. Le raccoglitrici a una presa hanno un braccio con una testa di abbattimento dotata di dispositivi per l'abbattimento, la sramatura, la cimatura e il taglio trasversale. Vengono utilizzati per piccoli alberi fino a 40 cm di diametro di testa, principalmente nei diradamenti ma sempre più anche nel taglio finale. Una mietitrice a due pinze ha teste di abbattimento e lavorazione separate. Quest'ultimo è montato sulla macchina base anziché sul braccio. Può gestire alberi fino a un diametro del ceppo di 60 cm. Le moderne raccoglitrici dispongono di un dispositivo di misurazione assistito da computer integrato che può essere programmato per prendere decisioni sul taglio trasversale ottimale in base agli assortimenti necessari.

Le mietitrebbie sono la tecnologia dominante nella raccolta su larga scala nel nord Europa, ma attualmente rappresentano una quota piuttosto piccola della raccolta in tutto il mondo. Tuttavia, è probabile che la loro importanza aumenti rapidamente man mano che la seconda crescita, le foreste e le piantagioni create dall'uomo diventano più importanti come fonti di materia prima.

I tassi di incidenti durante il funzionamento della mietitrice sono in genere bassi, sebbene il rischio di incidenti aumenti quando gli operatori di motoseghe lavorano insieme alle mietitrici. La manutenzione delle mietitrici è pericolosa; le riparazioni sono sempre ad alta pressione di lavoro, sempre più di notte; c'è un alto rischio di scivolamento e caduta, posture di lavoro scomode e scomode, sollevamento di carichi pesanti, contatto con oli idraulici e oli caldi sotto pressione. I pericoli maggiori sono la tensione muscolare statica e lo sforzo ripetitivo dovuto ai controlli operativi e allo stress psicologico.

Estrazione

L'estrazione comporta lo spostamento degli steli o dei tronchi dal ceppo a un pianerottolo o sul ciglio della strada dove possono essere lavorati o impilati in assortimenti. L'estrazione può essere un lavoro molto pesante e pericoloso. Può inoltre arrecare danni ambientali sostanziali al bosco e alla sua rigenerazione, ai suoli e ai corsi d'acqua. Le principali tipologie di sistemi di estrazione comunemente riconosciuti sono:

  • sistemi di sbandata: I fusti oi tronchi vengono trascinati a terra da macchine, animali da tiro o esseri umani.
  • spedizionieri: I fusti oi tronchi vengono trasportati su una macchina (nel caso della legna da ardere, anche dall'uomo).
  • sistemi di cavi: I tronchi vengono convogliati dal ceppo al pianerottolo mediante uno o più cavi sospesi.
  • sistemi aerei: Elicotteri o palloni vengono utilizzati per trasportare in aereo i tronchi.

 

Lo slittamento del terreno, di gran lunga il sistema di estrazione più importante sia per il legno industriale che per la legna da ardere, viene solitamente effettuato con esboscatrici gommate appositamente progettate per le operazioni forestali. I trattori cingolati e, in particolare, i trattori agricoli possono essere convenienti in piccoli boschi privati ​​o per l'estrazione di piccoli alberi da piantagioni di alberi, ma sono necessari adattamenti per proteggere sia gli operatori che le macchine. I trattori sono meno robusti, meno equilibrati e meno protetti delle macchine appositamente costruite. Come per tutte le macchine utilizzate nella silvicoltura, i pericoli includono il ribaltamento, la caduta di oggetti, la penetrazione di oggetti, il fuoco, le vibrazioni del corpo intero e il rumore. È preferibile la trazione integrale e un minimo del 20% del peso della macchina deve essere mantenuto come carico sull'assale sterzante durante il funzionamento, il che potrebbe richiedere l'applicazione di un peso aggiuntivo sulla parte anteriore della macchina. Il motore e la trasmissione potrebbero richiedere una protezione meccanica aggiuntiva. La potenza minima del motore dovrebbe essere di 35 kW per legname di piccole dimensioni; 50 kW sono generalmente adeguati per ceppi di dimensioni normali.

Gli skidder con rampino guidano direttamente verso l'individuo o gli steli pre-raggruppati, sollevano l'estremità anteriore del carico e lo trascinano sul pianerottolo. Gli skidder con argani a fune possono operare da skid road. I loro carichi sono solitamente assemblati tramite girocolli, cinghie, catene o cavi corti che sono attaccati ai singoli tronchi. Un setter di choker prepara i tronchi da agganciare e, quando lo skidder ritorna dal pianerottolo, un certo numero di choker viene attaccato alla lenza principale e caricato con il verricello sullo skidder. La maggior parte degli skidder ha un arco su cui è possibile sollevare l'estremità anteriore del carico per ridurre l'attrito durante lo slittamento. Quando si utilizzano skidder con argani motorizzati, è essenziale una buona comunicazione tra i membri dell'equipaggio tramite radio ricetrasmittenti o segnali ottici o acustici. Segnali chiari devono essere concordati; qualsiasi segnale non compreso significa “Stop!”. Figura 3  mostra i segnali manuali proposti per gli skidder con argani motorizzati.

Figura 3. Convenzioni internazionali per i segnali manuali da utilizzare per gli skidder con argani motorizzati.

PER020F6

Come regola generale, l'attrezzatura per lo slittamento del terreno non deve essere utilizzata su pendenze superiori a 15°. I trattori cingolati possono essere utilizzati per estrarre alberi di grandi dimensioni da terreni relativamente ripidi, ma possono causare danni sostanziali al suolo se usati con noncuranza. Per motivi ambientali e di sicurezza, tutte le operazioni di slittamento dovrebbero essere sospese durante condizioni meteorologiche eccezionalmente umide.

L'estrazione con animali da tiro è un'opzione economicamente valida per piccoli tronchi, in particolare nelle operazioni di diradamento. Le distanze di slittamento devono essere brevi (tipicamente 200 m o meno) e le pendenze dolci. È importante utilizzare imbracature appropriate che forniscano la massima potenza di trazione e dispositivi come skidding pan, sulkies o slitte che riducano la resistenza allo slittamento.

Lo slittamento manuale è sempre più raro nel disboscamento industriale, ma continua ad essere praticato nel disboscamento di sussistenza, in particolare per la legna da ardere. È limitato a brevi distanze e solitamente in discesa, sfruttando la gravità per spostare i tronchi. Mentre i tronchi sono in genere piccoli, questo è un lavoro molto pesante e può essere pericoloso su pendii ripidi. L'efficienza e la sicurezza possono essere aumentate utilizzando ganci, leve e altri strumenti manuali per sollevare e tirare i tronchi. Gli scivoli, tradizionalmente realizzati in legno ma disponibili anche come semitubi in polietilene, possono essere un'alternativa allo slittamento manuale a terra di tronchi corti su terreni ripidi.

Gli spedizionieri sono macchine di estrazione che trasportano un carico di tronchi completamente da terra, all'interno del proprio telaio o su un rimorchio. Solitamente dispongono di una gru meccanica o idraulica per l'autocarico e lo scarico dei tronchi. Tendono ad essere utilizzati in combinazione con attrezzature di abbattimento e lavorazione meccanizzate. La distanza di estrazione economica è da 2 a 4 volte quella degli skidder a terra. Gli spedizionieri funzionano meglio quando i registri hanno dimensioni approssimativamente uniformi.

Gli incidenti che coinvolgono gli spedizionieri sono tipicamente simili a quelli dei trattori e delle altre macchine forestali: ribaltamento, penetrazione e caduta di oggetti, linee elettriche e problemi di manutenzione. I rischi per la salute includono vibrazioni, rumore e oli idraulici.

L'uso di esseri umani per trasportare carichi è ancora fatto per tronchi corti come legno di cellulosa o puntelli di fossa in alcune raccolte industriali, ed è la regola nella raccolta di legna da ardere. I carichi trasportati superano spesso tutti i limiti raccomandati, in particolare per le donne, spesso responsabili della raccolta della legna da ardere. L'allenamento con tecniche adeguate che eviterebbero uno sforzo estremo sulla colonna vertebrale e l'utilizzo di dispositivi come zaini che danno una migliore distribuzione del peso allevierebbe il loro carico.

I sistemi di estrazione dei cavi sono fondamentalmente diversi dagli altri sistemi di estrazione in quanto la macchina stessa non si muove. I tronchi vengono trasportati con un carrello che si muove su cavi sospesi. I cavi sono azionati da un verricello, noto anche come cantiere o trasportatore. La macchina è installata al pianerottolo o all'estremità opposta della funivia, spesso su un crinale. I cavi sono sospesi da terra su uno o più alberi “sparati”, che possono essere alberi o torri d'acciaio. Sono in uso molti tipi diversi di sistemi di cavi. Gli skyline o le gru a cavo hanno un carrello che può essere spostato lungo la linea principale e il cavo può essere rilasciato per consentire la trazione laterale dei tronchi alla linea, prima che vengano sollevati e inoltrati al pianerottolo. Se il sistema consente la sospensione completa del carico durante il trasporto, il disturbo del suolo è minimo. Poiché la macchina è fissa, i sistemi di cavi possono essere utilizzati su terreni ripidi e su terreni bagnati. I sistemi di cavi in ​​generale sono sostanzialmente più costosi dello scorrimento a terra e richiedono un'attenta pianificazione e operatori qualificati.

I pericoli si verificano durante l'installazione, il funzionamento e lo smontaggio del sistema di cavi e comprendono l'impatto meccanico dovuto alla deformazione della cabina o dello stand; rottura di cavi, ancoraggi, pennoni o sostegni; movimenti involontari o incontrollabili di cavi, carrelli, strozzatori e carichi; e schiacciamenti, abrasioni e così via dalle parti in movimento. I rischi per la salute includono rumore, vibrazioni e posture di lavoro scomode.

I sistemi di estrazione aerea sono quelli che sospendono completamente i tronchi nell'aria durante tutto il processo di estrazione. I due tipi attualmente in uso sono i sistemi a pallone e gli elicotteri, ma solo gli elicotteri sono ampiamente utilizzati. Sono disponibili in commercio elicotteri con una capacità di sollevamento di circa 11 tonnellate. I carichi sono sospesi sotto l'elicottero su una linea tether (chiamata anche "tagline"). Le linee di ancoraggio sono tipicamente lunghe tra 30 e 100 m, a seconda sia della topografia che dell'altezza degli alberi sopra i quali l'elicottero deve librarsi. I carichi sono fissati con lunghi girocolli e vengono portati in atterraggio, dove i girocolli vengono rilasciati tramite telecomando dall'aereo. Quando si estraggono tronchi di grandi dimensioni, è possibile utilizzare un sistema di pinze ad azionamento elettrico invece di strozzatori. I tempi di andata e ritorno sono in genere da due a cinque minuti. Gli elicotteri hanno un costo diretto molto elevato, ma possono anche raggiungere elevati tassi di produzione e ridurre o eliminare la necessità di costose costruzioni stradali. Inoltre causano un basso impatto ambientale. In pratica il loro uso è limitato a legname di alto valore in regioni altrimenti inaccessibili o in altre circostanze particolari.

A causa degli elevati ritmi di produzione richiesti per rendere economico l'uso di tali apparecchiature, il numero di lavoratori impiegati nelle operazioni con elicotteri è molto maggiore che per altri sistemi. Questo vale per gli sbarchi, ma anche per gli addetti alle operazioni di taglio. Il disboscamento degli elicotteri può creare gravi problemi di sicurezza, compresi incidenti mortali, se le precauzioni vengono ignorate e gli equipaggi mal preparati.

Creazione e caricamento del registro

La produzione di tronchi, se avviene al pianerottolo, è per lo più eseguita da operatori di motoseghe. Può essere eseguito anche da un trasformatore (ovvero una macchina che srama, cima e taglia a misura). Il ridimensionamento viene eseguito principalmente manualmente utilizzando un metro a nastro. Per lo smistamento e l'accatastamento, i tronchi vengono generalmente movimentati da macchine come skidder, che utilizzano la loro lama anteriore per spingere e sollevare i tronchi, o da caricatori a pinza. Gli aiutanti con utensili manuali come le leve spesso assistono gli operatori della macchina. Nella raccolta della legna da ardere o dove sono coinvolti piccoli tronchi, il caricamento sui camion viene solitamente effettuato manualmente o utilizzando un piccolo verricello. Il caricamento manuale di tronchi di grandi dimensioni è molto arduo e pericoloso; questi sono solitamente gestiti da caricatori a braccio articolato o con pinze. In alcuni paesi i camion del legname sono attrezzati per l'autocaricamento. I tronchi sono fissati al camion da supporti laterali e cavi che possono essere tirati.

Nel caricamento manuale del legname, lo sforzo fisico e i carichi di lavoro sono estremamente elevati. Sia nel caricamento manuale che in quello meccanizzato, esiste il pericolo di essere colpiti da tronchi o attrezzature in movimento. I rischi di carico meccanizzato includono rumore, polvere, vibrazioni, carico di lavoro mentale elevato, sforzo ripetitivo, ribaltamento, penetrazione o caduta di oggetti e oli idraulici.

Norme e regolamenti

Attualmente la maggior parte degli standard di sicurezza internazionali applicabili alle macchine forestali sono generali, ad esempio la protezione in caso di ribaltamento. Tuttavia, sono in corso lavori su standard specializzati presso l'Organizzazione internazionale per la standardizzazione (ISO). (Vedi l'articolo "Norme, legislazione, regolamenti e codici di pratica forestale" in questo capitolo.)

Le motoseghe sono una delle poche attrezzature forestali per le quali esistono normative internazionali specifiche sulle caratteristiche di sicurezza. Sono rilevanti varie norme ISO. Sono stati incorporati e integrati nel 1994 nella norma europea 608, Macchine agricole e forestali: Motoseghe portatili - Sicurezza. Questa norma contiene indicazioni dettagliate sulle caratteristiche progettuali. Stabilisce inoltre che i produttori sono tenuti a fornire istruzioni e informazioni complete su tutti gli aspetti della manutenzione da parte dell'operatore/utente e sull'uso sicuro della sega. Ciò deve includere i requisiti in materia di abbigliamento di sicurezza e dispositivi di protezione individuale, nonché la necessità di formazione. Tutte le seghe vendute all'interno dell'Unione Europea devono essere contrassegnate con "Attenzione, vedere il manuale di istruzioni". Lo standard elenca gli elementi da includere nel manuale.

Le macchine forestali sono coperte meno bene dagli standard internazionali e spesso non esiste una normativa nazionale specifica sulle caratteristiche di sicurezza richieste. Anche le macchine forestali possono presentare carenze ergonomiche significative. Questi svolgono un ruolo importante nello sviluppo di gravi problemi di salute tra gli operatori. In altri casi, le macchine hanno un buon design per una particolare popolazione di lavoratori, ma sono meno adatte se importate in paesi in cui i lavoratori hanno diverse dimensioni corporee, routine di comunicazione e così via. Nel peggiore dei casi le macchine vengono private delle caratteristiche essenziali di sicurezza e salute per ridurre i prezzi per le esportazioni.

Al fine di guidare le organizzazioni di test e i responsabili dell'acquisizione delle macchine, in vari paesi sono state sviluppate liste di controllo ergonomiche specializzate. Le liste di controllo di solito riguardano le seguenti caratteristiche della macchina:

  • aree di accesso e uscita come gradini, scale e porte
  • spazio in cabina e posizione dei comandi
  • sedile, braccioli, schienale e poggiapiedi della poltrona dell'operatore
  • visibilità durante l'esecuzione delle operazioni principali
  • “interfaccia operatore-macchina”: tipologia e disposizione degli indicatori e dei comandi delle funzioni della macchina
  • ambiente fisico, inclusi rumori di vibrazione, gas e fattori climatici
  • sicurezza, inclusi ribaltamento, oggetti penetranti, fuoco e così via
  • manutenzione.

 

Esempi specifici di tali liste di controllo possono essere trovati in Golsse (1994) e Apud e Valdés (1995). Raccomandazioni per macchine e attrezzature, nonché un elenco di standard ILO esistenti sono inclusi in ILO 1998.

 

Di ritorno

Leggi 20581 volte Ultima modifica il Giovedi, Settembre 01 2011 23: 04
Altro in questa categoria: « Profilo generale Trasporto legname »

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti forestali

Apud, E, L Bostrand, I Mobbs, and B Strehlke. 1989. Linee guida sullo studio ergonomico nella silvicoltura. Ginevra: OIL.

Apud, E e S Valdés. 1995. Ergonomia nella silvicoltura: il caso cileno. Ginevra: OIL.

Ringhiera, E, D Robinson e D Trites. 1990. Ergonomia della piantagione di alberi. Canada–British Columbia Forest Resources Development Agreement, rapporto FRDA 127. Victoria, BC: FRDA.

Marrone, GW. 1985. Silvicoltura e qualità dell'acqua. Corvallis, OR: Oregon State University (OSU) Librerie Inc.

Chen, K.T. 1990. Incidenti di registrazione: un problema emergente. Sarawak, Malesia: unità di medicina del lavoro, dipartimento medico.

Dummel, K e H Branz. 1986. "Holzernteverfahren", Schriften Reihefdes Bundesministers für Ernätrung, Handwirtschaft und Forsten. Reihe A: Landwirtschafts verlag Münster-Hiltrup.

Durnin, JVGA e R Passmore. 1967. Energia, lavoro, tempo libero. Londra: Heinemann.

Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite. 1992. Introduzione all'ergonomia nella silvicoltura nei paesi in via di sviluppo. Carta Forestale 100. Roma: FAO.

—. 1995. Foreste: statistiche oggi per domani. Roma: FAO.

—. 1996. Codice modello FAO per le pratiche di abbattimento forestale. Roma: FAO.

FAO/ECE/OIL. 1989. Impatto della meccanizzazione delle operazioni forestali sul suolo. Atti di un seminario, Louvain-la-neuve, Belgio, 11–15 settembre. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

—. 1991. L'uso dei pesticidi nella silvicoltura. Atti di un seminario, Sparsholt, Regno Unito, 10-14 settembre 1990.

—. 1994. Interazioni suolo, albero, macchina, FORSITRISK. Atti di un workshop e seminario interattivo, Feldafiraf, Germania, 4–8 luglio. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

—. 1996a. Manuale sui danni acuti alle foreste. Documenti di discussione UN/ECE/FAO ECE/TIM/DP/7, New York e Ginevra: Joint FAO/ECE/ILO Committee on Forest Technology, Management and Training.

—. 1996b. Competenze e formazione nella silvicoltura: risultati di un'indagine sui paesi membri dell'ECE. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

FAO/OIL. 1980. Motoseghe nelle foreste tropicali. Serie di addestramento forestale n. 2. Roma: FAO.

Gellerstedt, S. 1993. Lavoro e salute nel lavoro forestale. Göteborg: Chalmers University of Technology.

Giguère, D, R Bélanger, JM Gauthier, e C Larue. 1991. Étude préliminaire du travail de reboisement. Rapporto IRSST B-026. Montréal: IRSST.

—. 1993. Aspetti ergonomici della piantagione di alberi utilizzando la tecnologia multi-vaso. Ergonomia 36(8):963-972.

Golsse, JM. 1994. Lista di controllo ergonomica FERIC rivista per macchine forestali canadesi. Pointe Claire: Istituto di ricerca sull'ingegneria forestale del Canada.

Haile, F. 1991. Donne trasportatrici di legna da ardere ad Addis Abeba e nella foresta periurbana. Ricerca sulle donne nel trasporto di legna da ardere ad Addis Abeba, Etiopia ETH/88/MO1/IRDC e ETH/89/MO5/NOR. Rapporto di progetto. Ginevra: OIL.

Harstela, P. 1990. Posture di lavoro e tensione dei lavoratori nel lavoro forestale nordico: una revisione selettiva. Int J Ind Erg 5:219–226.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1969. Sicurezza e salute nel lavoro forestale. Un codice di condotta dell'ILO. Ginevra: OIL.

—. 1988. Pesi massimi nel sollevamento e nel trasporto di carichi. Servizio per la sicurezza e la salute sul lavoro, n. 59. Ginevra: ILO.

—. 1991. Sicurezza e salute sul lavoro nella silvicoltura. Relazione II, Commissione per le industrie forestali e del legno, seconda sessione. Ginevra: OIL.

—. 1997. Codice di condotta sulla sicurezza e la salute nel lavoro forestale. MEFW/1997/3. Ginevra: OIL.

—. 1998. Codice di condotta sulla sicurezza e la salute nel lavoro forestale. Ginevra: OIL.

Organizzazione internazionale per gli standard (ISO). 1986. Attrezzature per la lavorazione del terreno: ROPS: test di laboratorio e specifiche delle prestazioni. ISO 3471-1. Ginevra: ISO.

Jokulioma, H e H Tapola. 1993. Sicurezza e salute dei lavoratori forestali in Finlandia. Unasylva 4(175):57–63.

Juntunen, ML. 1993. Addestramento alle operazioni di raccolta in Finlandia. Presentato in un seminario sull'uso di macchinari e attrezzature multifunzionali nelle operazioni di disboscamento. Olenino Logging Enterprise, Regione di Tvor, Federazione Russa 22–28 agosto.

—. 1995. Operatore professionista di mietitrebbie: conoscenze e competenze di base derivanti dalla formazione—Competenze operative derivanti dalla vita lavorativa? Presentato al XX Congresso Mondiale IUFRO, Tampre, Finlandia, 6–12 agosto.

Kanninen, K. 1986. Il verificarsi di infortuni sul lavoro nelle operazioni di disboscamento e gli obiettivi delle misure preventive. Negli atti di un seminario sulla salute sul lavoro e la riabilitazione dei lavoratori forestali, Kuopio, Finlandia, 3–7 giugno 1985. Comitato congiunto FAO/ECE/ILO sulle tecniche di lavoro forestale e sulla formazione dei lavoratori forestali.

Kastenholz, E. 1996. Sicheres Handeln bei der Holzernteuntersuchung von Einflüssen auf das Unfallgeschehen bei der Waldarbeit unter besonderer Berücksichtigung der Lohnform. Tesi di dottorato. Friburgo, Germania: Università di Friburgo.

Kantola, M e P Harstela. 1988. Manuale sulla tecnologia appropriata per le operazioni forestali nelle contee in via di sviluppo, parte 2. Pubblicazione del programma di formazione forestale 19. Helsinki: Consiglio nazionale per l'istruzione professionale.

Kimmins, H. 1992. Legge sull'equilibrio: problemi ambientali nella silvicoltura. Vancouver, BC: University of British Columbia Press.

Lejhancova, M. 1968. Danni alla pelle causati da oli minerali. Procovni Lekarstvi 20(4):164–168.

Lidén, E. 1995. Appaltatori di macchine forestali nella silvicoltura industriale svedese: significato e condizioni nel periodo 1986-1993. Rapporto n. 195 del Dipartimento di efficienza operativa. Università svedese di scienze agrarie.

Ministero dello sviluppo delle competenze. 1989. Operatore cutter-skidder: standard di formazione basati sulle competenze. Ontario: Ministero dello sviluppo delle competenze.

Moos, H e B Kvitzau. 1988. Riqualificazione di lavoratori forestali adulti che entrano nella silvicoltura da altra occupazione. In Proceedings of Seminar on the Employment of Contractor in Forestry, Loubières, Francia 26-30 settembre 1988. Loubiéres: Comitato misto FAO/ECE/ILO per le tecniche di lavoro forestale e la formazione dei lavoratori forestali.

National Proficiency Test Council (NPTC) e Scottish Skill Testing Service (SSTS). 1992. Programma degli standard per motoseghe. Warwickshire, Regno Unito: NPTC e SSTS.

—. 1993. Certificati di competenza nel funzionamento della motosega. Warwickshire, Regno Unito: National Proficiency Tests Council e Scottish Skills Testing Service.

Patosaari, P. 1987. Prodotti chimici nella silvicoltura: rischi per la salute e protezione. Rapporto al comitato congiunto FAO/ECE/ILO sulla tecnica di lavoro forestale e la formazione dei lavoratori forestali, Helsinki (mimeo).

Pellet. 1995. Rapport d'étude: L'ánalyse de l'áccident par la méthode de l'arbre des cause. Lucerna: Schweizerische Unfallversicherungsanstalt (SUVA) (mimeo).

Powers, RF, DH Alban, RE Miller, AE Tiarks, CG Wells, PE Avers, RG Cline, RO Fitzgerald e JNS Loftus. 1990.
Sostenere la produttività del sito nelle foreste nordamericane: problemi e prospettive. In Sustained Productivity of Forest Soils, a cura di SP Gessed, DS Lacate, GF Weetman e RF Powers. Vancouver, BC: pubblicazione della Facoltà di silvicoltura.

Robinson, DG, DG Trites e EW Banister. 1993. Effetti fisiologici dello stress da lavoro e dell'esposizione ai pesticidi nella piantagione di alberi da parte dei lavoratori della selvicoltura colombiana britannica. Ergonomia 36(8):951–961.

Rodero, F. 1987. Nota sobre sinestralidad en incendios forestales. Madrid, Spagna: Instituto Nacional para la Conservación de la Naturaleza.

Saarilahti, M e A Asghar. 1994. Studio sulla semina invernale del pino cirmolo. Documento di ricerca 12, progetto ILO, Pakistan.
Skoupy, A e R Ulrich. 1994. Dispersione dell'olio per la lubrificazione della catena nelle motoseghe monoposto. Forsttechnische Information 11:121–123.

Skyberg, K, A Ronneberg, CC Christensen, CR Naess-Andersen, HE Refsum e A Borgelsen. 1992. Funzione polmonare e segni radiografici di fibrosi polmonare nei lavoratori esposti all'olio in un'azienda produttrice di cavi: uno studio di follow-up. Brit J Ind Med 49 (5): 309–315.

Slappendel, C, I Laird, I Kawachi, S Marshal e C Cryer. 1993. Fattori che influenzano gli infortuni sul lavoro tra i lavoratori forestali: una rassegna. JSaf Res 24:19–32.

Smith, T.J. 1987. Caratteristiche professionali del lavoro di piantagione di alberi. Sylviculture Magazine II (1): 12-17.

Sozialversicherung der Bauern. 1990. Estratti dalle statistiche ufficiali austriache presentate all'ILO (non pubblicate).

Staudt, F. 1990. Ergonomia 1990. Atti P3.03 Ergonomia XIX Congresso mondiale IUFRO, Montreal, Canada, agosto 1990. Paesi Bassi: Dipartimento di silvicoltura, Sezione tecnica forestale e scienze del legno, Wageningen Agricultural University.

Stjernberg, EI. 1988. Uno studio sulle operazioni manuali di piantagione di alberi nel Canada centrale e orientale. Relazione tecnica FERIC TR-79. Montreal: Istituto di ricerca sull'ingegneria forestale del Canada.

Stolk, T. 1989. Gebruiker mee laten kiezen uit persoonlijke beschermingsmiddelen. Tuin & Landschap 18.

Strehlke, B. 1989. Lo studio degli incidenti forestali. In Guidelines on Ergonomic Study in Forestry, a cura di E Apud. Ginevra: OIL.

Trites, DG, DG Robinson e EW Banister. 1993. Sforzo cardiovascolare e muscolare durante una stagione di piantagione di alberi tra i lavoratori della selvicoltura colombiana britannica. Ergonomia 36(8):935–949.

Udo, ES. 1987. Condizioni di lavoro e incidenti nelle industrie nigeriane di disboscamento e segheria. Rapporto per l'ILO (inedito).

Wettman, O. 1992. Securité au travail dans l'exploitation forestière en Suisse. In FAO/ECE/ILO Atti del seminario sul futuro della forza lavoro forestale, a cura di FAO/ECE/ILO. Corvallis, OR: Oregon State University Press.