Sabato, Marzo 12 2011 17: 00

Trasporto di legname

Vota questo gioco
(36 voti )

Il trasporto del legname fornisce il collegamento tra la raccolta forestale e il mulino. Questa operazione è di grande importanza economica: nell'emisfero settentrionale rappresenta dal 40 al 60% del costo totale dell'approvvigionamento di legname presso la cartiera (escluse le ceppaie), e nei tropici la percentuale è ancora più elevata. I fattori fondamentali che influenzano il trasporto del legname includono: la dimensione dell'operazione; l'ubicazione geografica del bosco e del mulino nonché la loro distanza; l'assortimento di legname per il quale è progettato il mulino; e i tipi di trasporto disponibili e adatti. I principali assortimenti di legname sono alberi interi con rami, lunghezze di alberi sramate, tronchi lunghi (in genere da 10 a 16 m di lunghezza), legno corto (in genere da 2 a 6 m di tronco), trucioli e legna da ardere. Molte segherie possono accettare vari assortimenti di legname; alcuni possono accettare solo tipi specifici, ad esempio legno corto su strada. Il trasporto può avvenire su strada, su rotaia, via nave, galleggiando lungo un corso d'acqua o, a seconda della geografia e della distanza, varie combinazioni di questi. Il trasporto su strada su camion, tuttavia, è diventato la forma principale di trasporto del legname.

In molti casi il trasporto del legname, in particolare il trasporto su strada, è parte integrante dell'operazione di raccolta. Pertanto, qualsiasi problema nel trasporto del legname può interrompere l'intera operazione di raccolta. La pressione del tempo può portare a una richiesta di lavoro straordinario e alla tendenza a prendere scorciatoie che possono compromettere la sicurezza dei lavoratori.

Sia la raccolta forestale che il trasporto del legname sono spesso appaltati. In particolare quando vi sono più appaltatori e subappaltatori, potrebbe sorgere il problema di chi abbia la responsabilità di proteggere la sicurezza e la salute di determinati lavoratori.

Movimentazione e carico del legname

Quando le circostanze lo consentono, il legname può essere caricato direttamente sui camion al ceppo, eliminando la necessità di una fase di trasporto forestale separata. Quando le distanze sono brevi, le attrezzature per il trasporto forestale (ad esempio un trattore agricolo con rimorchio o semirimorchio) possono trasportare il legname direttamente al mulino. Normalmente, tuttavia, il legname viene prima portato al deposito lungo la strada forestale per il trasporto a lunga distanza.

Il caricamento manuale è spesso praticato nei paesi in via di sviluppo e in operazioni scarsamente capitalizzate. I tronchi piccoli possono essere sollevati e quelli grandi fatti rotolare con l'aiuto di rampe (vedi figura 1). Si possono usare semplici utensili manuali come ganci, leve, mollette, carrucole e così via e possono essere coinvolti animali da tiro.

Figura 1. Caricamento manuale (con e senza rampe).

PER030F6

Nella maggior parte dei casi, tuttavia, il caricamento è meccanizzato, solitamente con braccio oscillante, braccio articolato o caricatori frontali. I caricatori con braccio oscillante e braccio articolato possono essere montati su supporti gommati o cingolati o su camion e sono generalmente dotati di pinze. I caricatori frontali di solito hanno forche o pinze e sono montati su trattori cingolati o trattori articolati a quattro ruote motrici. Nel carico semi-meccanizzato, i tronchi possono essere sollevati o arrotolati sulle slitte di carico mediante cavi e diversi tipi di trattori e argani (vedi figura 2) . Il carico semi-meccanizzato spesso richiede che i lavoratori si trovino a terra per attaccare e rilasciare cavi, guidare il carico e così via, spesso utilizzando ganci, leve e altri utensili manuali. Nelle operazioni di cippatura, la cippatrice di solito soffia i trucioli direttamente nel camion, nel rimorchio o nel semirimorchio.

Figura 2. Carico meccanizzato e semimeccanizzato.

PER030F7

Operazioni di sbarco

Gli sbarchi sono luoghi affollati e rumorosi in cui vengono condotte contemporaneamente molte operazioni diverse. A seconda del sistema di raccolta, questi includono il carico e lo scarico, la sramatura, la scortecciatura, l'abbattimento, la cernita, l'immagazzinamento e la cippatura. Una o più macchine di grandi dimensioni possono essere in movimento e in funzione contemporaneamente mentre le motoseghe sono in uso nelle vicinanze. Durante e dopo la pioggia, la neve e il gelo, i tronchi possono essere molto scivolosi e il terreno può essere molto fangoso e scivoloso. L'area può essere disseminata di detriti e con tempo asciutto può essere molto polverosa. I tronchi possono essere immagazzinati in pile non protette alte diversi metri. Tutto ciò rende l'approdo una delle zone di lavoro più pericolose nell'industria forestale.

Trasporto stradale

Il trasporto su strada del legname è effettuato da veicoli le cui dimensioni dipendono dalle dimensioni del legname, dalle condizioni della strada e dalle norme sul traffico e dalla disponibilità di capitale per l'acquisto o il noleggio dell'attrezzatura. Nei paesi tropicali vengono comunemente utilizzati autocarri a due o tre assi con una capacità di carico da 5 a 6 tonnellate. In Scandinavia, ad esempio, il tipico camion per il trasporto di legname è un camion a 4 assi con un rimorchio a 3 assi o viceversa, con una capacità di carico da 20 a 22 tonnellate. Sulle strade private del Nord America si possono incontrare trivelle con un peso totale da 100 a 130 tonnellate o più.

Trasporto per via d'acqua

L'uso delle vie d'acqua per il trasporto del legname è diminuito con l'aumento del trasporto su strada, ma rimane ancora importante in Canada, Stati Uniti, Finlandia e Russia nell'emisfero settentrionale, nei bacini idrografici dei fiumi Amazzonia, Paraguay e Parana in latino America, in molti fiumi e laghi dell'Africa occidentale e nella maggior parte dei paesi del sud-est asiatico.

Nelle foreste di mangrovie e di marea, il trasporto dell'acqua di solito inizia direttamente dal ceppo; altrimenti i tronchi devono essere trasportati sul lungomare, di solito su camion. Tronchi o fasci sciolti possono essere trasportati a valle nei fiumi. Possono essere legati su zattere che possono essere trainate o spinte nei fiumi, laghi e lungo le coste, oppure possono essere caricati su barche e chiatte di varie dimensioni. Le navi oceaniche svolgono un ruolo importante nel commercio internazionale di legname.

Trasporto ferroviario

In Nord America e ai tropici, il trasporto ferroviario, come il trasporto per via d'acqua, sta cedendo il passo al trasporto su strada. Rimane comunque molto importante in paesi come Canada, Finlandia, Russia e Cina, dove esistono buone reti ferroviarie con idonei approdi intermedi. In alcune operazioni su larga scala possono essere utilizzate ferrovie temporanee a scartamento ridotto. Il legname può essere trasportato in vagoni merci standard o possono essere utilizzati vagoni per il trasporto di legname appositamente costruiti. In alcuni terminal possono essere utilizzate gru fisse di grandi dimensioni per il carico e lo scarico, ma, di norma, vengono utilizzate le modalità di carico sopra descritte.

Conclusione

Il carico e lo scarico, che a volte devono essere eseguiti più volte poiché il legname si sposta dalla foresta al luogo in cui verrà utilizzato, è spesso un'operazione particolarmente pericolosa nell'industria del legno. Anche se completamente meccanizzati, i lavoratori a piedi e che utilizzano utensili manuali possono essere coinvolti e possono essere a rischio. Alcuni operatori e appaltatori più grandi lo riconoscono, mantengono adeguatamente le proprie attrezzature e forniscono ai propri lavoratori dispositivi di protezione individuale (DPI) come scarpe, guanti, caschi, occhiali e protezioni antirumore. Anche in questo caso, sono necessari supervisori addestrati e diligenti, per garantire che i problemi di sicurezza non vengano trascurati. La sicurezza diventa spesso problematica nelle operazioni più piccole e in particolare nei paesi in via di sviluppo. (Per un esempio vedere la figura 3 , che mostra i lavoratori senza DPI che caricano i registri in Nigeria.)

Figura 3. Operazioni di disboscamento in Nigeria con lavoratori non protetti.

PER030F8

 

Di ritorno

Leggi 24480 volte Ultima modifica Sabato 27 Agosto 2011 14:28

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti forestali

Apud, E, L Bostrand, I Mobbs, and B Strehlke. 1989. Linee guida sullo studio ergonomico nella silvicoltura. Ginevra: OIL.

Apud, E e S Valdés. 1995. Ergonomia nella silvicoltura: il caso cileno. Ginevra: OIL.

Ringhiera, E, D Robinson e D Trites. 1990. Ergonomia della piantagione di alberi. Canada–British Columbia Forest Resources Development Agreement, rapporto FRDA 127. Victoria, BC: FRDA.

Marrone, GW. 1985. Silvicoltura e qualità dell'acqua. Corvallis, OR: Oregon State University (OSU) Librerie Inc.

Chen, K.T. 1990. Incidenti di registrazione: un problema emergente. Sarawak, Malesia: unità di medicina del lavoro, dipartimento medico.

Dummel, K e H Branz. 1986. "Holzernteverfahren", Schriften Reihefdes Bundesministers für Ernätrung, Handwirtschaft und Forsten. Reihe A: Landwirtschafts verlag Münster-Hiltrup.

Durnin, JVGA e R Passmore. 1967. Energia, lavoro, tempo libero. Londra: Heinemann.

Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite. 1992. Introduzione all'ergonomia nella silvicoltura nei paesi in via di sviluppo. Carta Forestale 100. Roma: FAO.

—. 1995. Foreste: statistiche oggi per domani. Roma: FAO.

—. 1996. Codice modello FAO per le pratiche di abbattimento forestale. Roma: FAO.

FAO/ECE/OIL. 1989. Impatto della meccanizzazione delle operazioni forestali sul suolo. Atti di un seminario, Louvain-la-neuve, Belgio, 11–15 settembre. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

—. 1991. L'uso dei pesticidi nella silvicoltura. Atti di un seminario, Sparsholt, Regno Unito, 10-14 settembre 1990.

—. 1994. Interazioni suolo, albero, macchina, FORSITRISK. Atti di un workshop e seminario interattivo, Feldafiraf, Germania, 4–8 luglio. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

—. 1996a. Manuale sui danni acuti alle foreste. Documenti di discussione UN/ECE/FAO ECE/TIM/DP/7, New York e Ginevra: Joint FAO/ECE/ILO Committee on Forest Technology, Management and Training.

—. 1996b. Competenze e formazione nella silvicoltura: risultati di un'indagine sui paesi membri dell'ECE. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

FAO/OIL. 1980. Motoseghe nelle foreste tropicali. Serie di addestramento forestale n. 2. Roma: FAO.

Gellerstedt, S. 1993. Lavoro e salute nel lavoro forestale. Göteborg: Chalmers University of Technology.

Giguère, D, R Bélanger, JM Gauthier, e C Larue. 1991. Étude préliminaire du travail de reboisement. Rapporto IRSST B-026. Montréal: IRSST.

—. 1993. Aspetti ergonomici della piantagione di alberi utilizzando la tecnologia multi-vaso. Ergonomia 36(8):963-972.

Golsse, JM. 1994. Lista di controllo ergonomica FERIC rivista per macchine forestali canadesi. Pointe Claire: Istituto di ricerca sull'ingegneria forestale del Canada.

Haile, F. 1991. Donne trasportatrici di legna da ardere ad Addis Abeba e nella foresta periurbana. Ricerca sulle donne nel trasporto di legna da ardere ad Addis Abeba, Etiopia ETH/88/MO1/IRDC e ETH/89/MO5/NOR. Rapporto di progetto. Ginevra: OIL.

Harstela, P. 1990. Posture di lavoro e tensione dei lavoratori nel lavoro forestale nordico: una revisione selettiva. Int J Ind Erg 5:219–226.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1969. Sicurezza e salute nel lavoro forestale. Un codice di condotta dell'ILO. Ginevra: OIL.

—. 1988. Pesi massimi nel sollevamento e nel trasporto di carichi. Servizio per la sicurezza e la salute sul lavoro, n. 59. Ginevra: ILO.

—. 1991. Sicurezza e salute sul lavoro nella silvicoltura. Relazione II, Commissione per le industrie forestali e del legno, seconda sessione. Ginevra: OIL.

—. 1997. Codice di condotta sulla sicurezza e la salute nel lavoro forestale. MEFW/1997/3. Ginevra: OIL.

—. 1998. Codice di condotta sulla sicurezza e la salute nel lavoro forestale. Ginevra: OIL.

Organizzazione internazionale per gli standard (ISO). 1986. Attrezzature per la lavorazione del terreno: ROPS: test di laboratorio e specifiche delle prestazioni. ISO 3471-1. Ginevra: ISO.

Jokulioma, H e H Tapola. 1993. Sicurezza e salute dei lavoratori forestali in Finlandia. Unasylva 4(175):57–63.

Juntunen, ML. 1993. Addestramento alle operazioni di raccolta in Finlandia. Presentato in un seminario sull'uso di macchinari e attrezzature multifunzionali nelle operazioni di disboscamento. Olenino Logging Enterprise, Regione di Tvor, Federazione Russa 22–28 agosto.

—. 1995. Operatore professionista di mietitrebbie: conoscenze e competenze di base derivanti dalla formazione—Competenze operative derivanti dalla vita lavorativa? Presentato al XX Congresso Mondiale IUFRO, Tampre, Finlandia, 6–12 agosto.

Kanninen, K. 1986. Il verificarsi di infortuni sul lavoro nelle operazioni di disboscamento e gli obiettivi delle misure preventive. Negli atti di un seminario sulla salute sul lavoro e la riabilitazione dei lavoratori forestali, Kuopio, Finlandia, 3–7 giugno 1985. Comitato congiunto FAO/ECE/ILO sulle tecniche di lavoro forestale e sulla formazione dei lavoratori forestali.

Kastenholz, E. 1996. Sicheres Handeln bei der Holzernteuntersuchung von Einflüssen auf das Unfallgeschehen bei der Waldarbeit unter besonderer Berücksichtigung der Lohnform. Tesi di dottorato. Friburgo, Germania: Università di Friburgo.

Kantola, M e P Harstela. 1988. Manuale sulla tecnologia appropriata per le operazioni forestali nelle contee in via di sviluppo, parte 2. Pubblicazione del programma di formazione forestale 19. Helsinki: Consiglio nazionale per l'istruzione professionale.

Kimmins, H. 1992. Legge sull'equilibrio: problemi ambientali nella silvicoltura. Vancouver, BC: University of British Columbia Press.

Lejhancova, M. 1968. Danni alla pelle causati da oli minerali. Procovni Lekarstvi 20(4):164–168.

Lidén, E. 1995. Appaltatori di macchine forestali nella silvicoltura industriale svedese: significato e condizioni nel periodo 1986-1993. Rapporto n. 195 del Dipartimento di efficienza operativa. Università svedese di scienze agrarie.

Ministero dello sviluppo delle competenze. 1989. Operatore cutter-skidder: standard di formazione basati sulle competenze. Ontario: Ministero dello sviluppo delle competenze.

Moos, H e B Kvitzau. 1988. Riqualificazione di lavoratori forestali adulti che entrano nella silvicoltura da altra occupazione. In Proceedings of Seminar on the Employment of Contractor in Forestry, Loubières, Francia 26-30 settembre 1988. Loubiéres: Comitato misto FAO/ECE/ILO per le tecniche di lavoro forestale e la formazione dei lavoratori forestali.

National Proficiency Test Council (NPTC) e Scottish Skill Testing Service (SSTS). 1992. Programma degli standard per motoseghe. Warwickshire, Regno Unito: NPTC e SSTS.

—. 1993. Certificati di competenza nel funzionamento della motosega. Warwickshire, Regno Unito: National Proficiency Tests Council e Scottish Skills Testing Service.

Patosaari, P. 1987. Prodotti chimici nella silvicoltura: rischi per la salute e protezione. Rapporto al comitato congiunto FAO/ECE/ILO sulla tecnica di lavoro forestale e la formazione dei lavoratori forestali, Helsinki (mimeo).

Pellet. 1995. Rapport d'étude: L'ánalyse de l'áccident par la méthode de l'arbre des cause. Lucerna: Schweizerische Unfallversicherungsanstalt (SUVA) (mimeo).

Powers, RF, DH Alban, RE Miller, AE Tiarks, CG Wells, PE Avers, RG Cline, RO Fitzgerald e JNS Loftus. 1990.
Sostenere la produttività del sito nelle foreste nordamericane: problemi e prospettive. In Sustained Productivity of Forest Soils, a cura di SP Gessed, DS Lacate, GF Weetman e RF Powers. Vancouver, BC: pubblicazione della Facoltà di silvicoltura.

Robinson, DG, DG Trites e EW Banister. 1993. Effetti fisiologici dello stress da lavoro e dell'esposizione ai pesticidi nella piantagione di alberi da parte dei lavoratori della selvicoltura colombiana britannica. Ergonomia 36(8):951–961.

Rodero, F. 1987. Nota sobre sinestralidad en incendios forestales. Madrid, Spagna: Instituto Nacional para la Conservación de la Naturaleza.

Saarilahti, M e A Asghar. 1994. Studio sulla semina invernale del pino cirmolo. Documento di ricerca 12, progetto ILO, Pakistan.
Skoupy, A e R Ulrich. 1994. Dispersione dell'olio per la lubrificazione della catena nelle motoseghe monoposto. Forsttechnische Information 11:121–123.

Skyberg, K, A Ronneberg, CC Christensen, CR Naess-Andersen, HE Refsum e A Borgelsen. 1992. Funzione polmonare e segni radiografici di fibrosi polmonare nei lavoratori esposti all'olio in un'azienda produttrice di cavi: uno studio di follow-up. Brit J Ind Med 49 (5): 309–315.

Slappendel, C, I Laird, I Kawachi, S Marshal e C Cryer. 1993. Fattori che influenzano gli infortuni sul lavoro tra i lavoratori forestali: una rassegna. JSaf Res 24:19–32.

Smith, T.J. 1987. Caratteristiche professionali del lavoro di piantagione di alberi. Sylviculture Magazine II (1): 12-17.

Sozialversicherung der Bauern. 1990. Estratti dalle statistiche ufficiali austriache presentate all'ILO (non pubblicate).

Staudt, F. 1990. Ergonomia 1990. Atti P3.03 Ergonomia XIX Congresso mondiale IUFRO, Montreal, Canada, agosto 1990. Paesi Bassi: Dipartimento di silvicoltura, Sezione tecnica forestale e scienze del legno, Wageningen Agricultural University.

Stjernberg, EI. 1988. Uno studio sulle operazioni manuali di piantagione di alberi nel Canada centrale e orientale. Relazione tecnica FERIC TR-79. Montreal: Istituto di ricerca sull'ingegneria forestale del Canada.

Stolk, T. 1989. Gebruiker mee laten kiezen uit persoonlijke beschermingsmiddelen. Tuin & Landschap 18.

Strehlke, B. 1989. Lo studio degli incidenti forestali. In Guidelines on Ergonomic Study in Forestry, a cura di E Apud. Ginevra: OIL.

Trites, DG, DG Robinson e EW Banister. 1993. Sforzo cardiovascolare e muscolare durante una stagione di piantagione di alberi tra i lavoratori della selvicoltura colombiana britannica. Ergonomia 36(8):935–949.

Udo, ES. 1987. Condizioni di lavoro e incidenti nelle industrie nigeriane di disboscamento e segheria. Rapporto per l'ILO (inedito).

Wettman, O. 1992. Securité au travail dans l'exploitation forestière en Suisse. In FAO/ECE/ILO Atti del seminario sul futuro della forza lavoro forestale, a cura di FAO/ECE/ILO. Corvallis, OR: Oregon State University Press.