Sabato, Marzo 12 2011 17: 38

Carico fisico

Vota questo gioco
(Voto 1)

Lavoro forestale manuale

Carico di lavoro. Il lavoro forestale manuale comporta generalmente un elevato carico di lavoro fisico. Questo a sua volta comporta un elevato dispendio energetico per il lavoratore. La produzione di energia dipende dall'attività e dal ritmo con cui viene eseguita. Il lavoratore forestale ha bisogno di un'assunzione di cibo molto maggiore rispetto al "normale" impiegato per far fronte alle esigenze del lavoro.

La tabella 1 presenta una selezione di lavori tipicamente svolti in silvicoltura, classificati in categorie di carico di lavoro in base al dispendio energetico richiesto. I dati possono fornire solo un'approssimazione, poiché dipendono dalla corporatura, dal sesso, dall'età, dalla forma fisica e dal ritmo di lavoro, nonché dagli strumenti e dalle tecniche di lavoro. Tuttavia, fornisce un'indicazione generale che il lavoro in vivaio è generalmente da leggero a moderato; lavori di semina e raccolta con motosega da moderati a pesanti; e raccolta manuale da pesante a molto pesante. (Per studi di casi e una discussione dettagliata del concetto di carico di lavoro applicato alla silvicoltura si veda Apud et al. 1989; Apud e Valdés 1995; e FAO 1992.)

Tabella 1. Dispendio energetico nel lavoro forestale.

 

Kj/min/65 kg uomo    

Capacità di carico di lavoro

 

Escursione

Significare 

 

Lavoro in vivaio forestale

Coltivare piante arboree

 

 

18.4

 L

Zappare

 

 

24.7

 M

diserbo

 

 

19.7

 L

Piantare

 

 

 

 

Pulizia dei fossi drenanti con la vanga

 

 

32.7

 H

Guida del trattore/erpicatura stando seduti

 

14.2-22.6

19.3

 L

Piantare a mano

 

23.0-46.9

27.2

 M

Piantare a macchina

 

 

11.7

 L

Lavora con colpi d'ascia orizzontali e perpendicolari

Peso della testa dell'ascia

Tasso (colpi/min)

 

 

 

1.25 kg

20

 

23.0

 M

0.65 1.25 kg

35

38.0-44.4

41.0

 VH

Abbattimento, rifilatura, ecc. con utensili manuali

Abbattimento

 

28.5-53.2

36.0

 H

Portare tronchi

 

41.4-60.3

50.7

 EH

Trascinamento dei log

 

34.7-66.6

50.7

 EH

Lavora con la sega nella foresta

Portare la sega elettrica

 

 

27.2

 M

Taglio trasversale a mano

 

26.8-44.0

36.0

 H

Motosega a taglio orizzontale

 

15.1 - 26.8

22.6

 M

Registrazione meccanizzata

 

 

 

 

Mietitrice/spedizioniere in funzione

 

12-20

 

 L

Preparazione legna da ardere

Segare a mano piccoli tronchi

 

 

15.1

 L

Spaccare il legno

 

36.0-38.1

36.8

 H

Trascinare legna da ardere

 

32.7-41.0

36.8

 H

Accatastamento legna da ardere

 

21.3-26.0

23.9

 M

L = Leggero; M = Moderato; H = Pesante; VH = Molto pesante; EH = Estremamente pesante

Fonte: adattato da Durnin e Passmore 1967.

Sforzo muscoloscheletrico. L'accatastamento manuale comporta ripetuti sollevamenti pesanti. Se la tecnica di lavoro non è perfetta e il ritmo è troppo alto, il rischio di lesioni muscoloscheletriche (MSI) è molto alto. Il trasporto di carichi pesanti per periodi di tempo prolungati, come la raccolta della pasta di legno o la raccolta e il trasporto di legna da ardere, ha un impatto simile.

Un problema specifico è l'uso della massima forza corporea, che potrebbe portare a improvvise lesioni muscoloscheletriche in determinate situazioni. Un esempio è abbattere un albero mal appeso usando una leva di abbattimento. Un altro è "salvare" un tronco che cade da una pila.

Il lavoro viene svolto utilizzando solo la forza muscolare e il più delle volte comporta un uso dinamico e non semplicemente ripetitivo degli stessi gruppi muscolari. Non è statico. Il rischio di lesioni da sforzo ripetitivo (RSI) è generalmente ridotto. Tuttavia, lavorare in posizioni del corpo scomode può creare problemi come il mal di schiena. Un esempio è l'uso di un'ascia per smembrare alberi che giacciono a terra, il che richiede di lavorare piegati per lunghi periodi di tempo. Ciò mette a dura prova la parte bassa della schiena e significa anche che i muscoli della schiena svolgono un lavoro statico. Il problema può essere ridotto abbattendo gli alberi attraverso un fusto che è già a terra, utilizzandolo così come un banco di lavoro naturale.

Lavoro forestale motore-manuale

Il funzionamento di macchine portatili come le motoseghe può richiedere un dispendio energetico anche maggiore rispetto al lavoro manuale, a causa del loro notevole peso. Le motoseghe utilizzate, infatti, sono spesso troppo grandi per il compito da svolgere. Invece, dovrebbe essere utilizzato il modello più leggero e la barra guida più piccola possibile.

Ogni volta che un lavoratore forestale che utilizza macchine esegue anche la palificazione manualmente, è esposto ai problemi sopra descritti. I lavoratori devono essere istruiti a mantenere la schiena dritta ea fare affidamento sui grandi muscoli delle gambe per sollevare i carichi.

Il lavoro viene svolto utilizzando la potenza della macchina ed è più statico del lavoro manuale. Il lavoro dell'operatore consiste nello scegliere, spostare e mantenere la macchina nella giusta posizione.

Molti dei problemi creati derivano dal lavorare a bassa altezza. Sramare un albero che giace piatto a terra significa lavorare piegati. Questo è un problema simile a quello descritto nel lavoro forestale manuale. Il problema si aggrava quando si trasporta una motosega pesante. Il lavoro dovrebbe essere pianificato e organizzato in modo che l'altezza di lavoro sia vicina all'anca del lavoratore forestale (ad esempio, utilizzando altri alberi come “banchi da lavoro” per la sramatura, come descritto sopra). La sega dovrebbe essere supportata dallo stelo il più possibile.

Le attività di lavoro motorio-manuale altamente specializzate creano un rischio molto elevato di lesioni muscoloscheletriche poiché i cicli di lavoro sono brevi e i movimenti specifici vengono ripetuti molte volte. Un esempio sono gli abbattitori che lavorano con motoseghe prima di un trasformatore (sramatura e taglio). La maggior parte di questi lavoratori forestali studiati in Svezia aveva problemi al collo e alle spalle. Effettuare l'intera operazione di taglio (abbattimento, sramatura, taglio trasversale e alcuni accatastamenti non troppo pesanti) significa che il lavoro è più vario e l'esposizione a specifici lavori statici sfavorevoli e ripetitivi è ridotta. Anche con la sega appropriata e una buona tecnica di lavoro, gli operatori di motoseghe non dovrebbero lavorare più di 5 ore al giorno con la sega in funzione.

Lavoro a macchina

I carichi di lavoro fisici nella maggior parte delle macchine forestali sono molto bassi rispetto al lavoro manuale o motore-manuale. L'operatore della macchina o il meccanico sono ancora talvolta esposti a sollevamenti pesanti durante la manutenzione e le riparazioni. Il lavoro dell'operatore consiste nel guidare i movimenti della macchina. Lui o lei controlla la forza da esercitare da maniglie, leve, pulsanti e così via. I cicli di lavoro sono molto brevi. Il lavoro per la maggior parte è ripetitivo e statico, il che può portare ad un alto rischio di RSI nelle regioni del collo, della spalla, del braccio, della mano o delle dita.

Nei macchinari dei paesi nordici l'operatore lavora solo con piccolissime tensioni muscolari, utilizzando dei mini-joy stick, seduto su un sedile ergonomico con braccioli. Ma ancora RSI sono un grosso problema. Gli studi dimostrano che tra il 50 e l'80% degli operatori di macchine ha disturbi al collo o alle spalle. Queste cifre sono spesso difficili da confrontare poiché le lesioni si sviluppano gradualmente nel corso di un lungo periodo di tempo. I risultati dipendono dalla definizione di lesioni o reclami.

Le lesioni da sforzo ripetitivo dipendono da molte cose nella situazione lavorativa:

Grado di tensione nel muscolo. Un'elevata tensione muscolare statica o ripetuta e monotona può essere causata, ad esempio, dall'uso di controlli pesanti, da posizioni di lavoro scomode o da vibrazioni e urti di tutto il corpo, ma anche da un elevato stress mentale. Lo stress può essere generato da un'elevata concentrazione, da decisioni complicate o dalla situazione psicosociale, come la mancanza di controllo sulla situazione lavorativa e sui rapporti con i superiori e con i compagni di lavoro.

Tempo di esposizione al lavoro statico. Le continue tensioni muscolari statiche possono essere interrotte solo facendo frequenti pause e micropause, cambiando le mansioni lavorative, ruotando le mansioni e così via. Una lunga esposizione totale a movimenti di lavoro monotoni e ripetitivi nel corso degli anni aumenta il rischio di RSI. Le lesioni compaiono gradualmente e possono essere irreversibili quando si manifestano.

Stato individuale ("resistenza"). La “resistenza” dell'individuo cambia nel tempo e dipende dalla sua predisposizione ereditaria e dallo stato fisico, psicologico e sociale.

La ricerca in Svezia ha dimostrato che l'unico modo per ridurre questi problemi è lavorare con tutti questi fattori, in particolare attraverso la rotazione del lavoro e l'allargamento del lavoro. Queste misure riducono il tempo di esposizione e migliorano il benessere e la situazione psicosociale del lavoratore.

Gli stessi principi possono essere applicati a tutti i lavori forestali: lavoro manuale, motore-manuale o macchina.

Combinazioni di lavoro manuale, motore-manuale e macchina

Le combinazioni di lavoro manuale e meccanico senza rotazione del lavoro significano sempre che le attività lavorative diventano più specializzate. Un esempio sono le abbattitrici manuali a motore che lavorano davanti a un processore che sta sramando e tagliando. I cicli di lavoro per gli abbattitori sono brevi e monotoni. Il rischio di MSI e RSI è molto alto.

In Svezia è stato effettuato un confronto tra operatori di motoseghe e operatori di macchine. Ha mostrato che gli operatori di motoseghe avevano rischi più elevati di MSI nella parte bassa della schiena, nelle ginocchia e nell'anca, nonché alti rischi di problemi di udito. Gli operatori della macchina, d'altra parte, avevano rischi più elevati di RSI al collo e alle spalle. I due tipi di lavoro erano soggetti a pericoli molto diversi. Un confronto con il lavoro manuale mostrerebbe probabilmente ancora un altro modello di rischio. Combinazioni di diversi tipi di attività lavorative che utilizzano la rotazione del lavoro e l'allargamento del lavoro offrono la possibilità di ridurre il tempo di esposizione a molti rischi specifici.

 

Di ritorno

Leggi 7334 volte Ultima modifica Mercoledì, Settembre 07 2011 18: 33

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti forestali

Apud, E, L Bostrand, I Mobbs, and B Strehlke. 1989. Linee guida sullo studio ergonomico nella silvicoltura. Ginevra: OIL.

Apud, E e S Valdés. 1995. Ergonomia nella silvicoltura: il caso cileno. Ginevra: OIL.

Ringhiera, E, D Robinson e D Trites. 1990. Ergonomia della piantagione di alberi. Canada–British Columbia Forest Resources Development Agreement, rapporto FRDA 127. Victoria, BC: FRDA.

Marrone, GW. 1985. Silvicoltura e qualità dell'acqua. Corvallis, OR: Oregon State University (OSU) Librerie Inc.

Chen, K.T. 1990. Incidenti di registrazione: un problema emergente. Sarawak, Malesia: unità di medicina del lavoro, dipartimento medico.

Dummel, K e H Branz. 1986. "Holzernteverfahren", Schriften Reihefdes Bundesministers für Ernätrung, Handwirtschaft und Forsten. Reihe A: Landwirtschafts verlag Münster-Hiltrup.

Durnin, JVGA e R Passmore. 1967. Energia, lavoro, tempo libero. Londra: Heinemann.

Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite. 1992. Introduzione all'ergonomia nella silvicoltura nei paesi in via di sviluppo. Carta Forestale 100. Roma: FAO.

—. 1995. Foreste: statistiche oggi per domani. Roma: FAO.

—. 1996. Codice modello FAO per le pratiche di abbattimento forestale. Roma: FAO.

FAO/ECE/OIL. 1989. Impatto della meccanizzazione delle operazioni forestali sul suolo. Atti di un seminario, Louvain-la-neuve, Belgio, 11–15 settembre. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

—. 1991. L'uso dei pesticidi nella silvicoltura. Atti di un seminario, Sparsholt, Regno Unito, 10-14 settembre 1990.

—. 1994. Interazioni suolo, albero, macchina, FORSITRISK. Atti di un workshop e seminario interattivo, Feldafiraf, Germania, 4–8 luglio. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

—. 1996a. Manuale sui danni acuti alle foreste. Documenti di discussione UN/ECE/FAO ECE/TIM/DP/7, New York e Ginevra: Joint FAO/ECE/ILO Committee on Forest Technology, Management and Training.

—. 1996b. Competenze e formazione nella silvicoltura: risultati di un'indagine sui paesi membri dell'ECE. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

FAO/OIL. 1980. Motoseghe nelle foreste tropicali. Serie di addestramento forestale n. 2. Roma: FAO.

Gellerstedt, S. 1993. Lavoro e salute nel lavoro forestale. Göteborg: Chalmers University of Technology.

Giguère, D, R Bélanger, JM Gauthier, e C Larue. 1991. Étude préliminaire du travail de reboisement. Rapporto IRSST B-026. Montréal: IRSST.

—. 1993. Aspetti ergonomici della piantagione di alberi utilizzando la tecnologia multi-vaso. Ergonomia 36(8):963-972.

Golsse, JM. 1994. Lista di controllo ergonomica FERIC rivista per macchine forestali canadesi. Pointe Claire: Istituto di ricerca sull'ingegneria forestale del Canada.

Haile, F. 1991. Donne trasportatrici di legna da ardere ad Addis Abeba e nella foresta periurbana. Ricerca sulle donne nel trasporto di legna da ardere ad Addis Abeba, Etiopia ETH/88/MO1/IRDC e ETH/89/MO5/NOR. Rapporto di progetto. Ginevra: OIL.

Harstela, P. 1990. Posture di lavoro e tensione dei lavoratori nel lavoro forestale nordico: una revisione selettiva. Int J Ind Erg 5:219–226.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1969. Sicurezza e salute nel lavoro forestale. Un codice di condotta dell'ILO. Ginevra: OIL.

—. 1988. Pesi massimi nel sollevamento e nel trasporto di carichi. Servizio per la sicurezza e la salute sul lavoro, n. 59. Ginevra: ILO.

—. 1991. Sicurezza e salute sul lavoro nella silvicoltura. Relazione II, Commissione per le industrie forestali e del legno, seconda sessione. Ginevra: OIL.

—. 1997. Codice di condotta sulla sicurezza e la salute nel lavoro forestale. MEFW/1997/3. Ginevra: OIL.

—. 1998. Codice di condotta sulla sicurezza e la salute nel lavoro forestale. Ginevra: OIL.

Organizzazione internazionale per gli standard (ISO). 1986. Attrezzature per la lavorazione del terreno: ROPS: test di laboratorio e specifiche delle prestazioni. ISO 3471-1. Ginevra: ISO.

Jokulioma, H e H Tapola. 1993. Sicurezza e salute dei lavoratori forestali in Finlandia. Unasylva 4(175):57–63.

Juntunen, ML. 1993. Addestramento alle operazioni di raccolta in Finlandia. Presentato in un seminario sull'uso di macchinari e attrezzature multifunzionali nelle operazioni di disboscamento. Olenino Logging Enterprise, Regione di Tvor, Federazione Russa 22–28 agosto.

—. 1995. Operatore professionista di mietitrebbie: conoscenze e competenze di base derivanti dalla formazione—Competenze operative derivanti dalla vita lavorativa? Presentato al XX Congresso Mondiale IUFRO, Tampre, Finlandia, 6–12 agosto.

Kanninen, K. 1986. Il verificarsi di infortuni sul lavoro nelle operazioni di disboscamento e gli obiettivi delle misure preventive. Negli atti di un seminario sulla salute sul lavoro e la riabilitazione dei lavoratori forestali, Kuopio, Finlandia, 3–7 giugno 1985. Comitato congiunto FAO/ECE/ILO sulle tecniche di lavoro forestale e sulla formazione dei lavoratori forestali.

Kastenholz, E. 1996. Sicheres Handeln bei der Holzernteuntersuchung von Einflüssen auf das Unfallgeschehen bei der Waldarbeit unter besonderer Berücksichtigung der Lohnform. Tesi di dottorato. Friburgo, Germania: Università di Friburgo.

Kantola, M e P Harstela. 1988. Manuale sulla tecnologia appropriata per le operazioni forestali nelle contee in via di sviluppo, parte 2. Pubblicazione del programma di formazione forestale 19. Helsinki: Consiglio nazionale per l'istruzione professionale.

Kimmins, H. 1992. Legge sull'equilibrio: problemi ambientali nella silvicoltura. Vancouver, BC: University of British Columbia Press.

Lejhancova, M. 1968. Danni alla pelle causati da oli minerali. Procovni Lekarstvi 20(4):164–168.

Lidén, E. 1995. Appaltatori di macchine forestali nella silvicoltura industriale svedese: significato e condizioni nel periodo 1986-1993. Rapporto n. 195 del Dipartimento di efficienza operativa. Università svedese di scienze agrarie.

Ministero dello sviluppo delle competenze. 1989. Operatore cutter-skidder: standard di formazione basati sulle competenze. Ontario: Ministero dello sviluppo delle competenze.

Moos, H e B Kvitzau. 1988. Riqualificazione di lavoratori forestali adulti che entrano nella silvicoltura da altra occupazione. In Proceedings of Seminar on the Employment of Contractor in Forestry, Loubières, Francia 26-30 settembre 1988. Loubiéres: Comitato misto FAO/ECE/ILO per le tecniche di lavoro forestale e la formazione dei lavoratori forestali.

National Proficiency Test Council (NPTC) e Scottish Skill Testing Service (SSTS). 1992. Programma degli standard per motoseghe. Warwickshire, Regno Unito: NPTC e SSTS.

—. 1993. Certificati di competenza nel funzionamento della motosega. Warwickshire, Regno Unito: National Proficiency Tests Council e Scottish Skills Testing Service.

Patosaari, P. 1987. Prodotti chimici nella silvicoltura: rischi per la salute e protezione. Rapporto al comitato congiunto FAO/ECE/ILO sulla tecnica di lavoro forestale e la formazione dei lavoratori forestali, Helsinki (mimeo).

Pellet. 1995. Rapport d'étude: L'ánalyse de l'áccident par la méthode de l'arbre des cause. Lucerna: Schweizerische Unfallversicherungsanstalt (SUVA) (mimeo).

Powers, RF, DH Alban, RE Miller, AE Tiarks, CG Wells, PE Avers, RG Cline, RO Fitzgerald e JNS Loftus. 1990.
Sostenere la produttività del sito nelle foreste nordamericane: problemi e prospettive. In Sustained Productivity of Forest Soils, a cura di SP Gessed, DS Lacate, GF Weetman e RF Powers. Vancouver, BC: pubblicazione della Facoltà di silvicoltura.

Robinson, DG, DG Trites e EW Banister. 1993. Effetti fisiologici dello stress da lavoro e dell'esposizione ai pesticidi nella piantagione di alberi da parte dei lavoratori della selvicoltura colombiana britannica. Ergonomia 36(8):951–961.

Rodero, F. 1987. Nota sobre sinestralidad en incendios forestales. Madrid, Spagna: Instituto Nacional para la Conservación de la Naturaleza.

Saarilahti, M e A Asghar. 1994. Studio sulla semina invernale del pino cirmolo. Documento di ricerca 12, progetto ILO, Pakistan.
Skoupy, A e R Ulrich. 1994. Dispersione dell'olio per la lubrificazione della catena nelle motoseghe monoposto. Forsttechnische Information 11:121–123.

Skyberg, K, A Ronneberg, CC Christensen, CR Naess-Andersen, HE Refsum e A Borgelsen. 1992. Funzione polmonare e segni radiografici di fibrosi polmonare nei lavoratori esposti all'olio in un'azienda produttrice di cavi: uno studio di follow-up. Brit J Ind Med 49 (5): 309–315.

Slappendel, C, I Laird, I Kawachi, S Marshal e C Cryer. 1993. Fattori che influenzano gli infortuni sul lavoro tra i lavoratori forestali: una rassegna. JSaf Res 24:19–32.

Smith, T.J. 1987. Caratteristiche professionali del lavoro di piantagione di alberi. Sylviculture Magazine II (1): 12-17.

Sozialversicherung der Bauern. 1990. Estratti dalle statistiche ufficiali austriache presentate all'ILO (non pubblicate).

Staudt, F. 1990. Ergonomia 1990. Atti P3.03 Ergonomia XIX Congresso mondiale IUFRO, Montreal, Canada, agosto 1990. Paesi Bassi: Dipartimento di silvicoltura, Sezione tecnica forestale e scienze del legno, Wageningen Agricultural University.

Stjernberg, EI. 1988. Uno studio sulle operazioni manuali di piantagione di alberi nel Canada centrale e orientale. Relazione tecnica FERIC TR-79. Montreal: Istituto di ricerca sull'ingegneria forestale del Canada.

Stolk, T. 1989. Gebruiker mee laten kiezen uit persoonlijke beschermingsmiddelen. Tuin & Landschap 18.

Strehlke, B. 1989. Lo studio degli incidenti forestali. In Guidelines on Ergonomic Study in Forestry, a cura di E Apud. Ginevra: OIL.

Trites, DG, DG Robinson e EW Banister. 1993. Sforzo cardiovascolare e muscolare durante una stagione di piantagione di alberi tra i lavoratori della selvicoltura colombiana britannica. Ergonomia 36(8):935–949.

Udo, ES. 1987. Condizioni di lavoro e incidenti nelle industrie nigeriane di disboscamento e segheria. Rapporto per l'ILO (inedito).

Wettman, O. 1992. Securité au travail dans l'exploitation forestière en Suisse. In FAO/ECE/ILO Atti del seminario sul futuro della forza lavoro forestale, a cura di FAO/ECE/ILO. Corvallis, OR: Oregon State University Press.