Lunedi, 14 marzo 2011 17: 25

Rischi biologici tra i lavoratori forestali

Vota questo gioco
(3 voti )

Le persone attive all'aperto, in particolare nell'agricoltura e nella silvicoltura, sono esposte a rischi per la salute derivanti da animali, piante, batteri, virus e così via in misura maggiore rispetto al resto della popolazione.

Piante e legno

Le più comuni sono le reazioni allergiche alle piante e ai prodotti del legno (legno, componenti della corteccia, segatura), in particolare il polline. Le lesioni possono derivare dalla lavorazione (p. es., da spine, spine, corteccia) e da infezioni secondarie, che non sempre possono essere escluse e possono portare a ulteriori complicazioni. Un abbigliamento protettivo adeguato è quindi particolarmente importante.

Non è possibile una descrizione esaustiva della tossicità delle piante e dei prodotti del legno e dei loro componenti. La conoscenza di una particolare area può essere acquisita solo attraverso l'esperienza pratica, non solo dai libri. Eventuali misure di sicurezza devono derivare dalla conoscenza della zona specifica.

Grandi mammiferi

L'utilizzo di cavalli, buoi, bufali, elefanti e così via come animali da lavoro può portare a situazioni pericolose impreviste, che possono portare a lesioni con gravi conseguenze. Anche le malattie trasmissibili da questi animali all'uomo rappresentano un pericolo importante.

Infezioni e malattie trasmesse dagli animali

Questi costituiscono il rischio biologico più significativo. La loro natura e incidenza varia fortemente da regione a regione. Una panoramica completa non è quindi possibile. La tabella 1 contiene una selezione di infezioni comuni nella silvicoltura.

Tabella 1. Selezione delle infezioni comuni nella silvicoltura.

 

Causare

    Trasmissione         

Sedi

effetti

Prevenzione/terapia   

Amebiasi

Entamoeba histolytica

Da persona a persona, ingestione di cibo (acqua, frutta, verdura); spesso portatori asintomatici

Tropici e zona temperata

Frequenti complicazioni del tratto digestivo

Igiene personale; chemioprofilassi e immunizzazione non possibili.

Terapia: chemioterapia

la febbre dengue

Arbovirus

Puntura di zanzara Aedes

Tropici, subtropicali, Caraibi

La malattia si traduce in immunità per un anno o più, non letale

Controllo ed eliminazione delle zanzare portatrici, zanzariere.

Terapia: sintomatica

Meningoencefalite di inizio estate

flavivirus

Legata alla presenza della zecca ixodes ricinus, trasmissione priva di vettori nota in singoli casi (p. es., latte)

Serbatoi naturali confinati in determinate regioni, aree endemiche per lo più conosciute

Possibili complicazioni con danni successivi

Possibilità di immunizzazione attiva e passiva.

Terapia: sintomatica

Erisipeloide

Erysipelotrix rhusiopathiae

Ferite profonde tra persone che maneggiano pesci o tessuti animali

Onnipresente, infetta soprattutto i suini

Guarigione generalmente spontanea dopo 2-3 settimane, possibile batteriemia (artrite settica, valvola cardiaca compromessa)

Indumenti protettivi

Terapia: antibiotici

Filariosi

Wuchereria bancrofti, Brugia malayi

Dall'animale all'uomo, ma anche da alcuni tipi di zanzare

Tropici e subtropicali

Molto vario

Igiene personale, controllo delle zanzare.

Terapia: farmaci possibili

Tenia della volpe

Echinococcus multilocularis

Animali selvatici, spec. volpi, meno comunemente anche animali domestici (gatti, cani)

Necessaria la conoscenza delle aree endemiche

Prevalentemente colpisce il fegato

Nessun consumo di frutti selvatici crudi; inumidire la pelliccia quando si maneggiano volpi morte; guanti, protezione per la bocca

Terapia: trattamento clinico

Cancrena gassosa

Vari clostridi

All'inizio dell'infezione, è necessario un ambiente anaerobico con basso potenziale redox e tessuto necrotico (p. es., parti molli frantumate aperte)

Onnipresente, nel suolo, nell'intestino di esseri umani e animali

Altamente letale, fatale senza trattamento (1-3 giorni)

Nessuna antitossina specifica nota fino ad oggi, siero di cancrena gassosa controverso

Terapia: trattamento clinico

Encefalite B giapponese

arbovirus

Dalle zanzare (Culex spp.); da persona a persona; da mammifero a persona

Endemico in Cina, India, Giappone, Corea e paesi limitrofi

Mortalità al 30%; cura parziale all'80%

Prevenzione delle zanzare, immunizzazione attiva possibile;

Terapia: sintomatica

Leptospirosi

Varie leptospira

Urina di animali selvatici e domestici infetti (topi, ratti, conigli selvatici, volpi, cani), lesioni cutanee, mucose

Aree endemiche del mondo

Da asintomatica a infestazione multiorgano

Indumenti protettivi adeguati in presenza di animali infetti, immunizzazione non possibile

Terapia: penicillina, tetraciclina

La malattia di Lyme

Borrelia burgdorferi

Ixodes ricinus tick, anche altri insetti sospettati

Europa, Nord America, Australia, Giappone, Cina

Numerose forme di malattia, complicazione dell'infezione d'organo possibile

Misure di protezione personale prima dell'infezione da zecche, immunizzazione non possibile

Terapia: antibiotici

Meningite, meningoencefalite

Batteri (meningo-, pneumo-stafilococchi e altri)

Principalmente infezione per via aerea

Meningococchi, epidemia di meningite, altrimenti ubiquitari

Mortalità inferiore al 10% con diagnosi precoce e trattamento specifico

Igiene personale, isolare le persone infette

Terapia: antibiotici

 

Virus (virus della poliomielite, Coxsackie, Echo, Arbo, Herpes e Varicella)

Infezione delle mucose e dell'aria (vie aeree, tessuto connettivo, pelle lesa), i topi sono fonte di infezione in un'alta percentuale di casi

Incidenza ubiquitaria

Elevata mortalità (70%) con infezione da herpes

Igiene personale; prevenzione del topo

Terapia: sintomatica, tra varicella trattamento specifico efficace possibile

 

funghi

Principalmente infezioni sistemiche

Incidenza ubiquitaria

Prognosi incerta

Terapia: antibiotici (trattamento prolungato)

 

Micobatteri (vedi tubercolosi)

 

 

 

 

 

Leptospira (vedi leptospirosi)

 

 

 

 

Malaria

Vari plasmodi (tropica, vivax, ovale, falciparum, malariae)

zanzare (specie Anopheles)

Regioni subtropicali e tropicali

Mortalità del 30% con M. tropica

Chemioprofilassi possibile, non assolutamente certa, zanzariere, repellenti, indumenti

Terapia: farmaci

Oncocercosi

loiasis

Dracunculiasi

Dirofilariosi

Varie filarie

Mosche, acqua

Africa occidentale e centrale, India, Pakistan, Guinea, Medio Oriente

Molto vario

Controllo delle mosche, igiene personale

Terapia: chirurgia, farmaci o combinati

Ornitosi

Clamidia psittaci

Uccelli, in particolare varietà di pappagalli e colombe

www.era.com

Sono stati descritti casi fatali

Elimina il serbatoio del patogeno, l'immunizzazione non è possibile

Terapia: tetraciclina

Febbre papatasi

Flavivirus

Zanzare (Phlebotomus papatasii)

Endemico ed epidemico nei paesi del Mediterraneo, Asia meridionale e orientale, Africa orientale, America centrale e meridionale

Convalescenza per lo più favorevole, spesso lunga, la malattia lascia un'immunità di vasta portata

Controllo degli insetti

Terapia: sintomatica

Rabbia

Rabdovirus

Morso di animali selvatici o domestici infetti (saliva altamente infettiva), descritta infezione aerea

Molti paesi del mondo, frequenza ampiamente variabile

Altamente letale

Possibile immunizzazione attiva (anche dopo l'esposizione) e passiva

Terapia: trattamento clinico

Febbre ricorrente

Borrelia-spirochete

Zecche, pidocchi della testa e del corpo, roditori

America, Africa, Asia, Europa

febbre estesa; fino al 5% di mortalità se non trattata

Igiene personale

Terapia: farmaci (p. es., tetraciclina)

Tetano

Clostridium tetani

Ferite parenterali, profonde e impure, introduzione di corpi estranei

Onnipresente, particolarmente comune nelle zone tropicali

Altamente letale

Possibilità di immunizzazione attiva e passiva

Terapia: trattamento clinico

Trichuriasi

Trichuris trichiura

Ingerito da uova che sono state incubate 2-3 settimane nel terreno

Tropici, subtropicali, raramente negli Stati Uniti

Solo le infezioni gravi mostrano sintomi

Igiene personale

Terapia: farmaci possibili

Febbre Tsutsugamushi

Rickettsia

(R. orientalis)

Associato agli acari (serbatoio animale: ratti, topi, marsupiali); infezione dal lavoro nelle piantagioni e nella boscaglia; dormire all'aperto particolarmente pericoloso

Lontano est,

Regione del Pacifico, Australia

Corso serio; mortalità prossima allo zero con trattamento tempestivo

Controllo dei roditori e degli acari, controversa la chemioprofilassi

Terapia: antibiotici tempestivi

Tubercolosi

Vari micobatteri (p. es., M. bovis, avium balnei)

Inalazione di goccioline infette, latte contaminato, contatto con animali selvatici infetti (p. es., capre di montagna, cervi, tassi, conigli, pesci), ferite, mucose

Onnipresente

Mortalità ancora alta, a seconda dell'organo infetto

Immunizzazione attiva possibile, chemioprofilassi contestata

Terapia: trattamento clinico, isolamento, farmaci

tularemia

Francisella tularensis

Ferite dell'apparato digerente, acqua contaminata, roditori, contatto con conigli selvatici, zecche, artropodi, uccelli; i germi possono entrare anche attraverso la pelle illesa

Onnipresente

Varie forme di malattia; la prima malattia porta all'immunità; mortalità con trattamento 0%, senza trattamento ca. 6%

Attenzione agli animali selvatici nelle aree endemiche, disinfettare l'acqua

Terapia: antibiotici

Febbre gialla

I virus

Morso dalle zanzare della foresta, che sono infettate dai primati selvatici

Africa Centrale, America Meridionale e Centrale

Mortalità fino al 10%.

Immunizzazione attiva

 

Serpenti velenosi

I morsi di serpente velenosi sono sempre emergenze mediche. Richiedono una diagnosi corretta e un trattamento immediato. L'identificazione del serpente è di importanza decisiva. A causa dell'ampia gamma di varietà e particolarità territoriali, le conoscenze necessarie per questo possono essere acquisite solo localmente, e per questo motivo non possono essere descritte in generale. Il blocco delle vene e le incisioni locali (solo da parte di persone esperte) non sono indiscusse come misura di primo soccorso. È necessaria una dose tempestiva di un antidoto specifico. Occorre prestare attenzione anche alla possibilità di una reazione allergica generale all'antidoto potenzialmente letale. Le persone ferite devono essere trasportate sdraiate. Non somministrare alcool o morfina.

Spiders

Finora sono stati studiati pochi veleni. Va assolutamente fatto un tentativo di identificazione del ragno (di cui si può acquisire conoscenza solo localmente). Non esistono, infatti, valide misure generiche di primo soccorso (eventualmente somministrare gli antisieri disponibili). Inoltre vale analogamente quanto detto sui serpenti velenosi.

Api, Vespe, Calabroni, Formiche

I veleni degli insetti hanno effetti molto diversi, a seconda del luogo. La rimozione del pungiglione dalla pelle (e facendo attenzione a non introdurre altro veleno durante la manipolazione) e il raffreddamento locale sono misure di primo soccorso consigliate. La complicanza più temuta è una reazione allergica generale pericolosa per la vita, che può essere provocata da una puntura di insetto. Le persone allergiche ai veleni degli insetti dovrebbero quindi portare con sé adrenalina e un antistaminico iniettabile.

Scorpions

Dopo l'infortunio va assolutamente somministrata una dose di antidoto. È necessaria la conoscenza locale del primo soccorso.

 

Di ritorno

Leggi 7959 volte Ultima modifica Mercoledì, Settembre 07 2011 18: 37

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti forestali

Apud, E, L Bostrand, I Mobbs, and B Strehlke. 1989. Linee guida sullo studio ergonomico nella silvicoltura. Ginevra: OIL.

Apud, E e S Valdés. 1995. Ergonomia nella silvicoltura: il caso cileno. Ginevra: OIL.

Ringhiera, E, D Robinson e D Trites. 1990. Ergonomia della piantagione di alberi. Canada–British Columbia Forest Resources Development Agreement, rapporto FRDA 127. Victoria, BC: FRDA.

Marrone, GW. 1985. Silvicoltura e qualità dell'acqua. Corvallis, OR: Oregon State University (OSU) Librerie Inc.

Chen, K.T. 1990. Incidenti di registrazione: un problema emergente. Sarawak, Malesia: unità di medicina del lavoro, dipartimento medico.

Dummel, K e H Branz. 1986. "Holzernteverfahren", Schriften Reihefdes Bundesministers für Ernätrung, Handwirtschaft und Forsten. Reihe A: Landwirtschafts verlag Münster-Hiltrup.

Durnin, JVGA e R Passmore. 1967. Energia, lavoro, tempo libero. Londra: Heinemann.

Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite. 1992. Introduzione all'ergonomia nella silvicoltura nei paesi in via di sviluppo. Carta Forestale 100. Roma: FAO.

—. 1995. Foreste: statistiche oggi per domani. Roma: FAO.

—. 1996. Codice modello FAO per le pratiche di abbattimento forestale. Roma: FAO.

FAO/ECE/OIL. 1989. Impatto della meccanizzazione delle operazioni forestali sul suolo. Atti di un seminario, Louvain-la-neuve, Belgio, 11–15 settembre. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

—. 1991. L'uso dei pesticidi nella silvicoltura. Atti di un seminario, Sparsholt, Regno Unito, 10-14 settembre 1990.

—. 1994. Interazioni suolo, albero, macchina, FORSITRISK. Atti di un workshop e seminario interattivo, Feldafiraf, Germania, 4–8 luglio. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

—. 1996a. Manuale sui danni acuti alle foreste. Documenti di discussione UN/ECE/FAO ECE/TIM/DP/7, New York e Ginevra: Joint FAO/ECE/ILO Committee on Forest Technology, Management and Training.

—. 1996b. Competenze e formazione nella silvicoltura: risultati di un'indagine sui paesi membri dell'ECE. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

FAO/OIL. 1980. Motoseghe nelle foreste tropicali. Serie di addestramento forestale n. 2. Roma: FAO.

Gellerstedt, S. 1993. Lavoro e salute nel lavoro forestale. Göteborg: Chalmers University of Technology.

Giguère, D, R Bélanger, JM Gauthier, e C Larue. 1991. Étude préliminaire du travail de reboisement. Rapporto IRSST B-026. Montréal: IRSST.

—. 1993. Aspetti ergonomici della piantagione di alberi utilizzando la tecnologia multi-vaso. Ergonomia 36(8):963-972.

Golsse, JM. 1994. Lista di controllo ergonomica FERIC rivista per macchine forestali canadesi. Pointe Claire: Istituto di ricerca sull'ingegneria forestale del Canada.

Haile, F. 1991. Donne trasportatrici di legna da ardere ad Addis Abeba e nella foresta periurbana. Ricerca sulle donne nel trasporto di legna da ardere ad Addis Abeba, Etiopia ETH/88/MO1/IRDC e ETH/89/MO5/NOR. Rapporto di progetto. Ginevra: OIL.

Harstela, P. 1990. Posture di lavoro e tensione dei lavoratori nel lavoro forestale nordico: una revisione selettiva. Int J Ind Erg 5:219–226.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1969. Sicurezza e salute nel lavoro forestale. Un codice di condotta dell'ILO. Ginevra: OIL.

—. 1988. Pesi massimi nel sollevamento e nel trasporto di carichi. Servizio per la sicurezza e la salute sul lavoro, n. 59. Ginevra: ILO.

—. 1991. Sicurezza e salute sul lavoro nella silvicoltura. Relazione II, Commissione per le industrie forestali e del legno, seconda sessione. Ginevra: OIL.

—. 1997. Codice di condotta sulla sicurezza e la salute nel lavoro forestale. MEFW/1997/3. Ginevra: OIL.

—. 1998. Codice di condotta sulla sicurezza e la salute nel lavoro forestale. Ginevra: OIL.

Organizzazione internazionale per gli standard (ISO). 1986. Attrezzature per la lavorazione del terreno: ROPS: test di laboratorio e specifiche delle prestazioni. ISO 3471-1. Ginevra: ISO.

Jokulioma, H e H Tapola. 1993. Sicurezza e salute dei lavoratori forestali in Finlandia. Unasylva 4(175):57–63.

Juntunen, ML. 1993. Addestramento alle operazioni di raccolta in Finlandia. Presentato in un seminario sull'uso di macchinari e attrezzature multifunzionali nelle operazioni di disboscamento. Olenino Logging Enterprise, Regione di Tvor, Federazione Russa 22–28 agosto.

—. 1995. Operatore professionista di mietitrebbie: conoscenze e competenze di base derivanti dalla formazione—Competenze operative derivanti dalla vita lavorativa? Presentato al XX Congresso Mondiale IUFRO, Tampre, Finlandia, 6–12 agosto.

Kanninen, K. 1986. Il verificarsi di infortuni sul lavoro nelle operazioni di disboscamento e gli obiettivi delle misure preventive. Negli atti di un seminario sulla salute sul lavoro e la riabilitazione dei lavoratori forestali, Kuopio, Finlandia, 3–7 giugno 1985. Comitato congiunto FAO/ECE/ILO sulle tecniche di lavoro forestale e sulla formazione dei lavoratori forestali.

Kastenholz, E. 1996. Sicheres Handeln bei der Holzernteuntersuchung von Einflüssen auf das Unfallgeschehen bei der Waldarbeit unter besonderer Berücksichtigung der Lohnform. Tesi di dottorato. Friburgo, Germania: Università di Friburgo.

Kantola, M e P Harstela. 1988. Manuale sulla tecnologia appropriata per le operazioni forestali nelle contee in via di sviluppo, parte 2. Pubblicazione del programma di formazione forestale 19. Helsinki: Consiglio nazionale per l'istruzione professionale.

Kimmins, H. 1992. Legge sull'equilibrio: problemi ambientali nella silvicoltura. Vancouver, BC: University of British Columbia Press.

Lejhancova, M. 1968. Danni alla pelle causati da oli minerali. Procovni Lekarstvi 20(4):164–168.

Lidén, E. 1995. Appaltatori di macchine forestali nella silvicoltura industriale svedese: significato e condizioni nel periodo 1986-1993. Rapporto n. 195 del Dipartimento di efficienza operativa. Università svedese di scienze agrarie.

Ministero dello sviluppo delle competenze. 1989. Operatore cutter-skidder: standard di formazione basati sulle competenze. Ontario: Ministero dello sviluppo delle competenze.

Moos, H e B Kvitzau. 1988. Riqualificazione di lavoratori forestali adulti che entrano nella silvicoltura da altra occupazione. In Proceedings of Seminar on the Employment of Contractor in Forestry, Loubières, Francia 26-30 settembre 1988. Loubiéres: Comitato misto FAO/ECE/ILO per le tecniche di lavoro forestale e la formazione dei lavoratori forestali.

National Proficiency Test Council (NPTC) e Scottish Skill Testing Service (SSTS). 1992. Programma degli standard per motoseghe. Warwickshire, Regno Unito: NPTC e SSTS.

—. 1993. Certificati di competenza nel funzionamento della motosega. Warwickshire, Regno Unito: National Proficiency Tests Council e Scottish Skills Testing Service.

Patosaari, P. 1987. Prodotti chimici nella silvicoltura: rischi per la salute e protezione. Rapporto al comitato congiunto FAO/ECE/ILO sulla tecnica di lavoro forestale e la formazione dei lavoratori forestali, Helsinki (mimeo).

Pellet. 1995. Rapport d'étude: L'ánalyse de l'áccident par la méthode de l'arbre des cause. Lucerna: Schweizerische Unfallversicherungsanstalt (SUVA) (mimeo).

Powers, RF, DH Alban, RE Miller, AE Tiarks, CG Wells, PE Avers, RG Cline, RO Fitzgerald e JNS Loftus. 1990.
Sostenere la produttività del sito nelle foreste nordamericane: problemi e prospettive. In Sustained Productivity of Forest Soils, a cura di SP Gessed, DS Lacate, GF Weetman e RF Powers. Vancouver, BC: pubblicazione della Facoltà di silvicoltura.

Robinson, DG, DG Trites e EW Banister. 1993. Effetti fisiologici dello stress da lavoro e dell'esposizione ai pesticidi nella piantagione di alberi da parte dei lavoratori della selvicoltura colombiana britannica. Ergonomia 36(8):951–961.

Rodero, F. 1987. Nota sobre sinestralidad en incendios forestales. Madrid, Spagna: Instituto Nacional para la Conservación de la Naturaleza.

Saarilahti, M e A Asghar. 1994. Studio sulla semina invernale del pino cirmolo. Documento di ricerca 12, progetto ILO, Pakistan.
Skoupy, A e R Ulrich. 1994. Dispersione dell'olio per la lubrificazione della catena nelle motoseghe monoposto. Forsttechnische Information 11:121–123.

Skyberg, K, A Ronneberg, CC Christensen, CR Naess-Andersen, HE Refsum e A Borgelsen. 1992. Funzione polmonare e segni radiografici di fibrosi polmonare nei lavoratori esposti all'olio in un'azienda produttrice di cavi: uno studio di follow-up. Brit J Ind Med 49 (5): 309–315.

Slappendel, C, I Laird, I Kawachi, S Marshal e C Cryer. 1993. Fattori che influenzano gli infortuni sul lavoro tra i lavoratori forestali: una rassegna. JSaf Res 24:19–32.

Smith, T.J. 1987. Caratteristiche professionali del lavoro di piantagione di alberi. Sylviculture Magazine II (1): 12-17.

Sozialversicherung der Bauern. 1990. Estratti dalle statistiche ufficiali austriache presentate all'ILO (non pubblicate).

Staudt, F. 1990. Ergonomia 1990. Atti P3.03 Ergonomia XIX Congresso mondiale IUFRO, Montreal, Canada, agosto 1990. Paesi Bassi: Dipartimento di silvicoltura, Sezione tecnica forestale e scienze del legno, Wageningen Agricultural University.

Stjernberg, EI. 1988. Uno studio sulle operazioni manuali di piantagione di alberi nel Canada centrale e orientale. Relazione tecnica FERIC TR-79. Montreal: Istituto di ricerca sull'ingegneria forestale del Canada.

Stolk, T. 1989. Gebruiker mee laten kiezen uit persoonlijke beschermingsmiddelen. Tuin & Landschap 18.

Strehlke, B. 1989. Lo studio degli incidenti forestali. In Guidelines on Ergonomic Study in Forestry, a cura di E Apud. Ginevra: OIL.

Trites, DG, DG Robinson e EW Banister. 1993. Sforzo cardiovascolare e muscolare durante una stagione di piantagione di alberi tra i lavoratori della selvicoltura colombiana britannica. Ergonomia 36(8):935–949.

Udo, ES. 1987. Condizioni di lavoro e incidenti nelle industrie nigeriane di disboscamento e segheria. Rapporto per l'ILO (inedito).

Wettman, O. 1992. Securité au travail dans l'exploitation forestière en Suisse. In FAO/ECE/ILO Atti del seminario sul futuro della forza lavoro forestale, a cura di FAO/ECE/ILO. Corvallis, OR: Oregon State University Press.