Lunedi, 14 marzo 2011 17: 34

Equipaggiamento per la protezione personale

Vota questo gioco
(7 voti )

Il lavoro forestale è una di quelle occupazioni in cui i dispositivi di protezione individuale (DPI) sono sempre necessari. La meccanizzazione ha ridotto il numero di lavoratori che utilizzano motoseghe manuali, ma le attività rimanenti sono spesso in luoghi difficili dove le grandi macchine non possono arrivare.

L'efficienza e la velocità della catena delle motoseghe portatili sono aumentate, mentre è diminuita la protezione data da indumenti protettivi e calzature. Il requisito più elevato per la protezione ha reso l'attrezzatura pesante. Soprattutto in estate nei paesi nordici e durante tutto l'anno in altri paesi, i dispositivi di protezione aggiungono un carico extra al lavoro pesante dei lavoratori forestali. Questo articolo si concentra sugli operatori di motoseghe, ma la protezione è necessaria nella maggior parte dei lavori forestali. La tabella 1 fornisce una panoramica di ciò che dovrebbe essere normalmente richiesto.


Tabella 1. Dispositivi di protezione individuale idonei per le operazioni forestali.

 

Operazioni DPI1
Impianto manuale meccanizzato
Stivali o scarpe di sicurezza Stivali o scarpe di sicurezza, indumenti attillati, cuffie antirumore2
Sarchiatura/pulizia Utensili a filo liscio Sega a mano Sega a catena
Stivali o scarpe di sicurezza, guanti, occhiali Stivali o scarpe di sicurezza, guanti Stivali o scarpe di sicurezza,pantaloni di sicurezza, abbigliamento attillato, guanti,4 casco di sicurezza, occhiali, visiera (rete), cuffie antirumore
Decespugliatore: con lama in metallo con filamento in nylon
Stivali o scarpe di sicurezza,3 pantaloni di sicurezza, abbigliamento attillato, guanti,4 casco di sicurezza, occhiali, visiera (rete), cuffie Stivali o scarpe di sicurezza, pantaloni di sicurezza, guanti, occhiali, cuffie
Coltello/flagello rotante Stivali o scarpe di sicurezza, indumenti attillati, guanti, cuffie antirumore2
Applicazione di pesticidi Rispettare le specifiche per la particolare sostanza e tecnica di applicazione
Potatura5 Utensili a mano
Stivali o scarpe di sicurezza, guanti, casco di sicurezza, 6 occhiali, cuffie
Abbattimento7 Utensili manuali Motosega
Stivali o scarpe di sicurezza, abbigliamento attillato, guanti,8 casco di sicurezza Stivali o scarpe di sicurezza, pantaloni di sicurezza, indumenti attillati, guanti,4 casco di sicurezza, visiera (mesh), cuffie antirumore
meccanizzata Stivali o scarpe di sicurezza, indumenti attillati, elmetto di sicurezza, cuffie antirumore
Scortecciatura Manuale Meccanizzata
Stivali o scarpe di sicurezza, guanti Stivali o scarpe di sicurezza, indumenti attillati, guanti, occhiali, cuffie antirumore2
Spaccatura manuale meccanizzata
Stivali o scarpe di sicurezza, guanti, occhiali Stivali o scarpe di sicurezza, indumenti attillati, guanti, occhiali, cuffie antirumore
Estrazione Manuale, scivolo e animale Meccanizzato - skidder - forwarder - gru a cavo - elicottero
Stivali o scarpe di sicurezza, guanti, casco di sicurezza9
Stivali o scarpe di sicurezza, abbigliamento attillato, guanti,10 casco di sicurezza, cuffie antirumore2 Stivali o scarpe di sicurezza, indumenti attillati, elmetto di sicurezza, cuffie antirumore2 Stivali o scarpe di sicurezza, abbigliamento attillato, guanti,10 casco di sicurezza, cuffie antirumore2 Stivali o scarpe di sicurezza, abbigliamento attillato,11 guanti,10 casco di sicurezza, occhiali, cuffie antirumore
Impilamento/caricamento Stivali o scarpe di sicurezza, indumenti attillati, guanti, casco di sicurezza, cuffie antirumore2
Chipping Stivali o scarpe di sicurezza, indumenti attillati, guanti, elmetto di sicurezza, visiera (rete), cuffie antirumore2
Arrampicata sugli alberi: utilizzando una motosega senza utilizzare una motosega
Stivali o scarpe di sicurezza,3 pantaloni di sicurezza, abbigliamento attillato, guanti,4 casco di sicurezza,13 occhiali, cuffie antirumore Stivali o scarpe di sicurezza, elmetto di sicurezza

1 Sgli stivali o le scarpe di sicurezza dovrebbero includere punte in acciaio integrate per carichi medi o pesanti. I pantaloni di sicurezza dovrebbero incorporare materiale intasante; in climi caldi/climi caldi si possono usare gambali o gambali da motosega. I pantaloni e le ghette di sicurezza contengono fibre infiammabili e possono sciogliersi; non dovrebbero essere indossati durante la lotta antincendio. I tappi per le orecchie e le valvole auricolari generalmente non sono adatti per la silvicoltura a causa del rischio di infezione.

2 Quando il livello di rumore nella postazione di lavoro supera gli 85 dBA.

3 Gli stivali da motosega devono avere protezioni protettive sulla tomaia anteriore e sul collo del piede.

4 Deve essere incorporato materiale resistente al taglio.

5 Se la potatura comporta l'arrampicata su alberi superiori a 3 m, è necessario utilizzare un dispositivo di limitazione della caduta. I DPI devono essere utilizzati quando è probabile che i rami caduti causino lesioni.

6 Quando si pota ad un'altezza superiore a 2.5 m.

7 L'abbattimento include la deramificazione e il taglio trasversale.

8 Quando si utilizza una sega a mano.

9 Quando si estrae vicino ad alberi instabili o rami.

10 Solo se si manipolano i log; guanti con palmo per impieghi gravosi se si maneggia una fune metallica o una fune.

11 Dovrebbero essere usati colori altamente visibili.

12 Il casco deve avere un sottogola.

13 Sono preferibili i caschi da arrampicata; se non sono disponibili, possono essere utilizzati elmetti di sicurezza con sottogola.

Fonte: OIL 1997.

 


 

Meccanismo di protezione ed efficienza dei dispositivi di protezione individuale

Indumenti protettivi

L'abbigliamento protettivo contro i tagli protegge da tre diversi meccanismi principali. Nella maggior parte dei casi pantaloni e guanti contengono un'imbottitura di sicurezza in tessuto multistrato con fibre ad alta resistenza alla trazione. Quando la catena in movimento tocca le fibre, queste vengono estratte e resisteranno al movimento della catena. In secondo luogo, questi materiali di imbottitura possono aggirare la ruota dentata di trasmissione e la scanalatura della lama e aumentare l'attrito della catena contro la lama così tanto che la catena si fermerà. In terzo luogo, il materiale può anche essere realizzato in modo tale che la catena scivoli sulla superficie e non possa penetrarvi facilmente.

Attività lavorative diverse richiedono coperture protettive diverse. Per i normali lavori forestali l'imbottitura protettiva copre solo la parte anteriore dei pantaloni e la parte posteriore dei guanti di sicurezza. Compiti speciali (p. es., giardinaggio o interventi sugli alberi) spesso richiedono un'area più ampia di copertura protettiva. Le imbottiture protettive coprono totalmente le gambe, compresa la parte posteriore. Se la sega viene tenuta sopra la testa, potrebbe essere necessaria la protezione della parte superiore del corpo.

Va sempre ricordato che tutti i DPI offrono solo una protezione limitata e devono essere utilizzati metodi di lavoro corretti e attenti. Le nuove motoseghe portatili sono così efficaci che la catena può passare facilmente attraverso il miglior materiale protettivo quando la velocità della catena è elevata o la forza della catena contro il materiale protettivo è elevata. Le imbottiture protettive antitaglio realizzate con i migliori materiali attualmente conosciuti sarebbero così spesse da non poter essere utilizzate nei lavori forestali pesanti. Il compromesso tra efficienza di protezione e comfort si basa su esperimenti sul campo. È stato inevitabile che il livello di protezione sia stato ridotto per poter aumentare il comfort dell'abbigliamento.

Calzature protettive

Le calzature protettive in gomma resistono abbastanza bene ai tagli della motosega. Il tipo di taglio più frequente deriva dal contatto della catena con la zona della punta della calzatura. Le calzature di sicurezza devono avere una fodera antitaglio sulla parte anteriore e puntali metallici; questo protegge molto bene da questi tagli. A temperature più elevate l'uso di stivali di gomma è scomodo e dovrebbero essere usati stivali di pelle o scarpe alte fino alla caviglia. Anche queste scarpe devono essere dotate di puntali metallici. La protezione è normalmente notevolmente inferiore a quella degli stivali di gomma e occorre prestare particolare attenzione quando si utilizzano stivali o scarpe di pelle. I metodi di lavoro devono essere pianificati in modo da ridurre al minimo la possibilità di contatto a catena con i piedi.

Una buona vestibilità e costruzione della suola esterna è essenziale per evitare incidenti di scivolamento e caduta, che sono molto comuni. Nelle aree in cui il terreno può essere coperto da ghiaccio e neve o dove i lavoratori camminano su tronchi scivolosi, sono preferiti gli stivali che possono essere dotati di punte.

Casco protettivo

I caschi protettivi forniscono protezione contro la caduta di rami e alberi. Forniscono inoltre protezione contro la motosega in caso di contraccolpo. Il casco dovrebbe essere il più leggero possibile per ridurre al minimo l'affaticamento del collo. L'archetto deve essere regolato correttamente affinché il casco aderisca saldamente alla testa. Le fasce della maggior parte dei caschi sono progettate in modo tale da consentire anche la regolazione verticale. È importante che il casco sia posizionato in basso sulla fronte in modo che il suo peso non causi troppo disagio quando si lavora a faccia in giù. Nella stagione fredda è necessario utilizzare un berretto in tessuto o pelliccia sotto il casco. Devono essere utilizzati cappucci speciali progettati per essere utilizzati con il casco. Il cappuccio può ridurre l'efficienza di protezione del casco a causa di un errato posizionamento del casco. L'efficienza di protezione delle protezioni acustiche può avvicinarsi allo zero quando le coppe delle protezioni acustiche sono posizionate all'esterno del cappuccio. I caschi forestali sono dotati di dispositivi integrati per collegare una visiera e cuffie per la protezione dell'udito. Le coppe delle protezioni acustiche devono essere posizionate direttamente contro la testa inserendo le coppe attraverso le fessure nel cappuccio.

Quando fa caldo, i caschi dovrebbero avere fori di ventilazione. I fori devono far parte del design del casco. In nessun caso devono essere praticati fori nel casco, in quanto ciò potrebbe ridurne notevolmente la resistenza.

Protezione del viso e degli occhi

La protezione per il viso o la visiera è normalmente attaccata al casco ed è più comunemente realizzata con un materiale a rete. I fogli di plastica si sporcano facilmente dopo un tempo di lavoro relativamente breve. Anche la pulizia è difficile perché le plastiche resistono poco ai solventi. La rete riduce la luce che arriva agli occhi del lavoratore e i riflessi sulla superficie dei fili possono rendere difficile la visione. Gli occhiali sigillati indossati sotto le protezioni per il viso si appannano facilmente e la distorsione della vista è spesso troppo elevata. Sono preferibili maschere di metallo con rivestimento nero e aperture rettangolari piuttosto che rotonde.

Protettori dell'udito

Le protezioni acustiche sono efficaci solo se le coppe sono posizionate saldamente e saldamente contro la testa. Pertanto le protezioni acustiche devono essere utilizzate con attenzione. Eventuali spazi tra la testa e gli anelli di tenuta delle coppe diminuiranno notevolmente l'efficienza. Ad esempio, le stanghette degli occhiali possono causare questo. L'anello di tenuta deve essere ispezionato spesso e deve essere sostituito se danneggiato.

Selezione dei dispositivi di protezione individuale

Prima di iniziare a lavorare in una nuova area, è necessario valutare i possibili rischi. Gli strumenti di lavoro, i metodi, l'ambiente, le competenze dei lavoratori e così via dovrebbero essere valutati e dovrebbero essere pianificate tutte le misure tecniche e organizzative. Se i rischi non possono essere eliminati con questi metodi, i DPI possono essere utilizzati per migliorare la protezione. I DPI non possono mai essere utilizzati come unico metodo preventivo. Deve essere visto solo come un mezzo complementare. La motosega deve avere un freno catena, l'operaio deve essere addestrato e così via.

Sulla base di questa analisi dei rischi, devono essere definiti i requisiti per i dispositivi di protezione individuale. I fattori ambientali dovrebbero essere presi in considerazione al fine di ridurre al minimo il carico incassato dall'apparecchiatura. Occorre valutare il pericolo causato dalla sega e definire l'area di protezione e l'efficienza dell'abbigliamento. Se i lavoratori non sono professionisti, l'area e il livello di protezione dovrebbero essere più alti, ma questo carico aggiuntivo deve essere preso in considerazione quando si pianificano i periodi di lavoro. Dopo che i requisiti per i DPI sono stati definiti in base ai rischi e ai compiti, l'attrezzatura adeguata viene selezionata tra i dispositivi che sono stati approvati. I lavoratori dovrebbero avere il privilegio di provare diversi modelli e dimensioni per selezionare quello che meglio si adatta a loro. L'abbigliamento selezionato in modo errato può causare posture e movimenti anomali e quindi aumentare i rischi di incidenti e rischi per la salute. La figura 1 illustra la selezione delle apparecchiature.

Figura 1. Ubicazione corporea delle lesioni e dispositivi di protezione individuale raccomandati per il lavoro forestale, Paesi Bassi, 1989.

PER180F1

Determinazione delle condizioni d'uso

Tutti i lavoratori dovrebbero essere adeguatamente istruiti e formati all'uso dei DPI. Il meccanismo di protezione deve essere descritto in modo che gli stessi lavoratori possano ispezionare e valutare giornalmente lo stato dell'attrezzatura. Le conseguenze del mancato utilizzo devono essere chiarite. Devono essere fornite adeguate istruzioni per la pulizia e la riparazione.

I dispositivi di protezione utilizzati nei lavori forestali possono costituire un onere aggiuntivo relativamente elevato per il lavoratore. Questo deve essere preso in considerazione quando si pianificano gli orari di lavoro e i periodi di riposo.

Spesso l'uso dei DPI dà un falso senso di sicurezza. I preposti devono assicurarsi che l'assunzione di rischi non sia in aumento e che i lavoratori conoscano bene i limiti dell'efficacia della protezione.

Cura e manutenzione

I metodi impropri utilizzati per la manutenzione e la riparazione possono distruggere l'efficienza di protezione dell'apparecchiatura.

La calotta del casco deve essere pulita con soluzioni detergenti deboli. Le resine non possono essere rimosse in modo efficiente senza l'uso di solventi, ma l'uso di solventi dovrebbe essere evitato perché il guscio può essere danneggiato. Le istruzioni del produttore devono essere seguite e il casco scartato se non può essere pulito. Alcuni materiali sono più resistenti agli effetti dei solventi e dovrebbero essere selezionati per l'uso nei lavori forestali.

Anche altri fattori ambientali influenzano i materiali utilizzati in un casco. I materiali plastici sono sensibili alla radiazione ultravioletta (UV) del sole, che rende il guscio più rigido, soprattutto a basse temperature; questo invecchiamento indebolisce il casco e non proteggerà dagli urti come previsto. L'invecchiamento è difficile da vedere, ma piccole screpolature e la perdita di brillantezza possono essere segni di invecchiamento. Inoltre, quando viene attorcigliato delicatamente, il guscio potrebbe emettere rumori di crepitio. I caschi devono essere attentamente ispezionati visivamente almeno ogni sei mesi.

Se la catena è stata a contatto con i pantaloni, l'efficacia della protezione può essere molto ridotta o scomparire del tutto. Se le fibre dell'imbottitura di sicurezza si sfilacciano, i pantaloni devono essere eliminati e devono essere utilizzati nuovi. Se solo il materiale esterno è danneggiato, può essere riparato con cura senza fare punti attraverso l'imbottitura di sicurezza. L'efficienza di protezione dei pantaloni di sicurezza si basa comunemente sulle fibre resistenti e, se vengono fissate saldamente durante la riparazione, non forniranno la protezione prevista.

Il lavaggio deve essere effettuato secondo le istruzioni fornite dal produttore. È stato dimostrato che metodi di lavaggio errati possono distruggere l'efficienza della protezione. L'abbigliamento del lavoratore forestale è difficile da pulire e dovrebbero essere selezionati prodotti che resistano ai metodi di lavaggio intensivi necessari.

Come viene contrassegnato l'equipaggiamento protettivo approvato

Il design e la qualità della produzione dei DPI devono soddisfare standard elevati. Nello Spazio economico europeo, i dispositivi di protezione individuale devono essere testati prima di essere immessi sul mercato. I requisiti di base in materia di salute e sicurezza per i DPI sono descritti in una direttiva. Per chiarire tali requisiti sono state redatte norme armonizzate europee. Gli standard sono volontari, ma i dispositivi progettati per soddisfare i requisiti degli standard appropriati sono ritenuti conformi ai requisiti della direttiva. L'International Standards Organization (ISO) e il Comitato europeo di standardizzazione (CEN) stanno lavorando insieme a questi standard secondo l'accordo di Vienna. Quindi ci saranno standard EN e ISO tecnicamente identici.

Le stazioni di prova accreditate testano i dispositivi e rilasciano un certificato se soddisfano i requisiti. Successivamente il produttore può contrassegnare il prodotto con la marcatura CE, che dimostra che la valutazione della conformità è stata effettuata. In altri paesi la procedura è simile ei prodotti sono contrassegnati con il marchio di omologazione nazionale.

Parte essenziale del prodotto è il foglio illustrativo che fornisce all'utilizzatore le informazioni sul suo corretto utilizzo, il grado di protezione che può fornire e le istruzioni per la sua pulizia, lavaggio e riparazione.

 

Di ritorno

Leggi 19814 volte Ultima modifica Mercoledì, Settembre 07 2011 18: 41

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti forestali

Apud, E, L Bostrand, I Mobbs, and B Strehlke. 1989. Linee guida sullo studio ergonomico nella silvicoltura. Ginevra: OIL.

Apud, E e S Valdés. 1995. Ergonomia nella silvicoltura: il caso cileno. Ginevra: OIL.

Ringhiera, E, D Robinson e D Trites. 1990. Ergonomia della piantagione di alberi. Canada–British Columbia Forest Resources Development Agreement, rapporto FRDA 127. Victoria, BC: FRDA.

Marrone, GW. 1985. Silvicoltura e qualità dell'acqua. Corvallis, OR: Oregon State University (OSU) Librerie Inc.

Chen, K.T. 1990. Incidenti di registrazione: un problema emergente. Sarawak, Malesia: unità di medicina del lavoro, dipartimento medico.

Dummel, K e H Branz. 1986. "Holzernteverfahren", Schriften Reihefdes Bundesministers für Ernätrung, Handwirtschaft und Forsten. Reihe A: Landwirtschafts verlag Münster-Hiltrup.

Durnin, JVGA e R Passmore. 1967. Energia, lavoro, tempo libero. Londra: Heinemann.

Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite. 1992. Introduzione all'ergonomia nella silvicoltura nei paesi in via di sviluppo. Carta Forestale 100. Roma: FAO.

—. 1995. Foreste: statistiche oggi per domani. Roma: FAO.

—. 1996. Codice modello FAO per le pratiche di abbattimento forestale. Roma: FAO.

FAO/ECE/OIL. 1989. Impatto della meccanizzazione delle operazioni forestali sul suolo. Atti di un seminario, Louvain-la-neuve, Belgio, 11–15 settembre. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

—. 1991. L'uso dei pesticidi nella silvicoltura. Atti di un seminario, Sparsholt, Regno Unito, 10-14 settembre 1990.

—. 1994. Interazioni suolo, albero, macchina, FORSITRISK. Atti di un workshop e seminario interattivo, Feldafiraf, Germania, 4–8 luglio. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

—. 1996a. Manuale sui danni acuti alle foreste. Documenti di discussione UN/ECE/FAO ECE/TIM/DP/7, New York e Ginevra: Joint FAO/ECE/ILO Committee on Forest Technology, Management and Training.

—. 1996b. Competenze e formazione nella silvicoltura: risultati di un'indagine sui paesi membri dell'ECE. Ginevra: Comitato congiunto FAO/ECE/ILO per la tecnologia, la gestione e la formazione forestale.

FAO/OIL. 1980. Motoseghe nelle foreste tropicali. Serie di addestramento forestale n. 2. Roma: FAO.

Gellerstedt, S. 1993. Lavoro e salute nel lavoro forestale. Göteborg: Chalmers University of Technology.

Giguère, D, R Bélanger, JM Gauthier, e C Larue. 1991. Étude préliminaire du travail de reboisement. Rapporto IRSST B-026. Montréal: IRSST.

—. 1993. Aspetti ergonomici della piantagione di alberi utilizzando la tecnologia multi-vaso. Ergonomia 36(8):963-972.

Golsse, JM. 1994. Lista di controllo ergonomica FERIC rivista per macchine forestali canadesi. Pointe Claire: Istituto di ricerca sull'ingegneria forestale del Canada.

Haile, F. 1991. Donne trasportatrici di legna da ardere ad Addis Abeba e nella foresta periurbana. Ricerca sulle donne nel trasporto di legna da ardere ad Addis Abeba, Etiopia ETH/88/MO1/IRDC e ETH/89/MO5/NOR. Rapporto di progetto. Ginevra: OIL.

Harstela, P. 1990. Posture di lavoro e tensione dei lavoratori nel lavoro forestale nordico: una revisione selettiva. Int J Ind Erg 5:219–226.

Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO). 1969. Sicurezza e salute nel lavoro forestale. Un codice di condotta dell'ILO. Ginevra: OIL.

—. 1988. Pesi massimi nel sollevamento e nel trasporto di carichi. Servizio per la sicurezza e la salute sul lavoro, n. 59. Ginevra: ILO.

—. 1991. Sicurezza e salute sul lavoro nella silvicoltura. Relazione II, Commissione per le industrie forestali e del legno, seconda sessione. Ginevra: OIL.

—. 1997. Codice di condotta sulla sicurezza e la salute nel lavoro forestale. MEFW/1997/3. Ginevra: OIL.

—. 1998. Codice di condotta sulla sicurezza e la salute nel lavoro forestale. Ginevra: OIL.

Organizzazione internazionale per gli standard (ISO). 1986. Attrezzature per la lavorazione del terreno: ROPS: test di laboratorio e specifiche delle prestazioni. ISO 3471-1. Ginevra: ISO.

Jokulioma, H e H Tapola. 1993. Sicurezza e salute dei lavoratori forestali in Finlandia. Unasylva 4(175):57–63.

Juntunen, ML. 1993. Addestramento alle operazioni di raccolta in Finlandia. Presentato in un seminario sull'uso di macchinari e attrezzature multifunzionali nelle operazioni di disboscamento. Olenino Logging Enterprise, Regione di Tvor, Federazione Russa 22–28 agosto.

—. 1995. Operatore professionista di mietitrebbie: conoscenze e competenze di base derivanti dalla formazione—Competenze operative derivanti dalla vita lavorativa? Presentato al XX Congresso Mondiale IUFRO, Tampre, Finlandia, 6–12 agosto.

Kanninen, K. 1986. Il verificarsi di infortuni sul lavoro nelle operazioni di disboscamento e gli obiettivi delle misure preventive. Negli atti di un seminario sulla salute sul lavoro e la riabilitazione dei lavoratori forestali, Kuopio, Finlandia, 3–7 giugno 1985. Comitato congiunto FAO/ECE/ILO sulle tecniche di lavoro forestale e sulla formazione dei lavoratori forestali.

Kastenholz, E. 1996. Sicheres Handeln bei der Holzernteuntersuchung von Einflüssen auf das Unfallgeschehen bei der Waldarbeit unter besonderer Berücksichtigung der Lohnform. Tesi di dottorato. Friburgo, Germania: Università di Friburgo.

Kantola, M e P Harstela. 1988. Manuale sulla tecnologia appropriata per le operazioni forestali nelle contee in via di sviluppo, parte 2. Pubblicazione del programma di formazione forestale 19. Helsinki: Consiglio nazionale per l'istruzione professionale.

Kimmins, H. 1992. Legge sull'equilibrio: problemi ambientali nella silvicoltura. Vancouver, BC: University of British Columbia Press.

Lejhancova, M. 1968. Danni alla pelle causati da oli minerali. Procovni Lekarstvi 20(4):164–168.

Lidén, E. 1995. Appaltatori di macchine forestali nella silvicoltura industriale svedese: significato e condizioni nel periodo 1986-1993. Rapporto n. 195 del Dipartimento di efficienza operativa. Università svedese di scienze agrarie.

Ministero dello sviluppo delle competenze. 1989. Operatore cutter-skidder: standard di formazione basati sulle competenze. Ontario: Ministero dello sviluppo delle competenze.

Moos, H e B Kvitzau. 1988. Riqualificazione di lavoratori forestali adulti che entrano nella silvicoltura da altra occupazione. In Proceedings of Seminar on the Employment of Contractor in Forestry, Loubières, Francia 26-30 settembre 1988. Loubiéres: Comitato misto FAO/ECE/ILO per le tecniche di lavoro forestale e la formazione dei lavoratori forestali.

National Proficiency Test Council (NPTC) e Scottish Skill Testing Service (SSTS). 1992. Programma degli standard per motoseghe. Warwickshire, Regno Unito: NPTC e SSTS.

—. 1993. Certificati di competenza nel funzionamento della motosega. Warwickshire, Regno Unito: National Proficiency Tests Council e Scottish Skills Testing Service.

Patosaari, P. 1987. Prodotti chimici nella silvicoltura: rischi per la salute e protezione. Rapporto al comitato congiunto FAO/ECE/ILO sulla tecnica di lavoro forestale e la formazione dei lavoratori forestali, Helsinki (mimeo).

Pellet. 1995. Rapport d'étude: L'ánalyse de l'áccident par la méthode de l'arbre des cause. Lucerna: Schweizerische Unfallversicherungsanstalt (SUVA) (mimeo).

Powers, RF, DH Alban, RE Miller, AE Tiarks, CG Wells, PE Avers, RG Cline, RO Fitzgerald e JNS Loftus. 1990.
Sostenere la produttività del sito nelle foreste nordamericane: problemi e prospettive. In Sustained Productivity of Forest Soils, a cura di SP Gessed, DS Lacate, GF Weetman e RF Powers. Vancouver, BC: pubblicazione della Facoltà di silvicoltura.

Robinson, DG, DG Trites e EW Banister. 1993. Effetti fisiologici dello stress da lavoro e dell'esposizione ai pesticidi nella piantagione di alberi da parte dei lavoratori della selvicoltura colombiana britannica. Ergonomia 36(8):951–961.

Rodero, F. 1987. Nota sobre sinestralidad en incendios forestales. Madrid, Spagna: Instituto Nacional para la Conservación de la Naturaleza.

Saarilahti, M e A Asghar. 1994. Studio sulla semina invernale del pino cirmolo. Documento di ricerca 12, progetto ILO, Pakistan.
Skoupy, A e R Ulrich. 1994. Dispersione dell'olio per la lubrificazione della catena nelle motoseghe monoposto. Forsttechnische Information 11:121–123.

Skyberg, K, A Ronneberg, CC Christensen, CR Naess-Andersen, HE Refsum e A Borgelsen. 1992. Funzione polmonare e segni radiografici di fibrosi polmonare nei lavoratori esposti all'olio in un'azienda produttrice di cavi: uno studio di follow-up. Brit J Ind Med 49 (5): 309–315.

Slappendel, C, I Laird, I Kawachi, S Marshal e C Cryer. 1993. Fattori che influenzano gli infortuni sul lavoro tra i lavoratori forestali: una rassegna. JSaf Res 24:19–32.

Smith, T.J. 1987. Caratteristiche professionali del lavoro di piantagione di alberi. Sylviculture Magazine II (1): 12-17.

Sozialversicherung der Bauern. 1990. Estratti dalle statistiche ufficiali austriache presentate all'ILO (non pubblicate).

Staudt, F. 1990. Ergonomia 1990. Atti P3.03 Ergonomia XIX Congresso mondiale IUFRO, Montreal, Canada, agosto 1990. Paesi Bassi: Dipartimento di silvicoltura, Sezione tecnica forestale e scienze del legno, Wageningen Agricultural University.

Stjernberg, EI. 1988. Uno studio sulle operazioni manuali di piantagione di alberi nel Canada centrale e orientale. Relazione tecnica FERIC TR-79. Montreal: Istituto di ricerca sull'ingegneria forestale del Canada.

Stolk, T. 1989. Gebruiker mee laten kiezen uit persoonlijke beschermingsmiddelen. Tuin & Landschap 18.

Strehlke, B. 1989. Lo studio degli incidenti forestali. In Guidelines on Ergonomic Study in Forestry, a cura di E Apud. Ginevra: OIL.

Trites, DG, DG Robinson e EW Banister. 1993. Sforzo cardiovascolare e muscolare durante una stagione di piantagione di alberi tra i lavoratori della selvicoltura colombiana britannica. Ergonomia 36(8):935–949.

Udo, ES. 1987. Condizioni di lavoro e incidenti nelle industrie nigeriane di disboscamento e segheria. Rapporto per l'ILO (inedito).

Wettman, O. 1992. Securité au travail dans l'exploitation forestière en Suisse. In FAO/ECE/ILO Atti del seminario sul futuro della forza lavoro forestale, a cura di FAO/ECE/ILO. Corvallis, OR: Oregon State University Press.