Lunedi, 28 marzo 2011 19: 24

Bovini, ovini e caprini

Vota questo gioco
(2 voti )

Il materiale sul taglio e la tosatura dei capelli è stato scritto con l'assistenza dell'articolo di JF Copplestone sull'argomento nella 3a edizione di questa Enciclopedia.

Diversi animali convertono i mangimi ricchi di fibre, chiamati foraggi grossolani (oltre il 18% di fibre), in cibo commestibile che viene consumato dall'uomo. Questa capacità deriva dal loro sistema di digestione a quattro stomaci, che include il loro stomaco più grande, il rumine (per il quale ottengono la designazione ruminanti) (Gillespie 1997). La tabella 1 mostra i vari tipi di bestiame ruminante che sono stati addomesticati e i loro usi.

Tabella 1. Tipi di ruminanti addomesticati come bestiame

Tipo di ruminanti

si utilizza

Bestiame

Carne, latte, bozza

Pecora

Carne, lana

Capre

Carne, latte, mohair

Camelidi (lama, alpaca, dromedario e cammello battriano)

Carne, latte, capelli, spifferi

Bufalo (bufalo d'acqua)

Carne, bozza

Bisonte

La carne

Yak

Carne, latte, lana

Renna

Carne, latte, bozza

 

Processi di produzione

I processi per l'allevamento dei ruminanti variano da operazioni intensive e ad alta produzione come l'allevamento di bovini da carne su grandi terreni di 2,000 km2 ranch in Texas a pascoli comuni come i pastori nomadi del Kenya e della Repubblica Unita della Tanzania. Alcuni agricoltori usano il loro bestiame come buoi per la forza di trazione in attività agricole come l'aratura. Nelle zone umide, il bufalo d'acqua ha lo stesso scopo (Ker 1995). La tendenza è verso sistemi intensivi ad alta produzione (Gillespie 1997).

La produzione intensiva e ad alto volume di carne bovina dipende da varie operazioni interdipendenti. Uno è il sistema vacca-vitello, che comporta il mantenimento di una mandria di mucche. Le mucche vengono allevate da tori o inseminazione artificiale ogni anno per produrre vitelli e, dopo lo svezzamento, i vitelli vengono venduti agli allevatori di bestiame per l'allevamento per la macellazione. I vitelli maschi vengono castrati per il mercato della macellazione; un vitello castrato si chiama a guidare. Gli allevatori di razza pura mantengono le mandrie di animali da riproduzione, compresi i tori, che sono animali molto pericolosi.

Le pecore sono prodotte in gruppi o greggi di fattoria. Nella produzione di gamma, sono comuni greggi da 1,000 a 1,500 pecore. Negli allevamenti, la produzione è solitamente piccola e tipicamente un'impresa secondaria. Le pecore vengono allevate per la loro lana o come agnelli da alimentazione per il mercato della macellazione. Gli agnelli vengono tagliati e la maggior parte degli agnelli maschi viene castrata. Alcune imprese sono specializzate nell'allevamento di arieti per l'allevamento di razza pura.

Le capre vengono allevate attraverso la produzione di pascoli o di piccole fattorie per il loro mohair, latte e carne. Gli allevatori di razza pura sono piccole aziende che allevano montoni per l'allevamento. Esistono razze specifiche per ognuno di questi prodotti. Le capre vengono private delle corna e la maggior parte dei maschi viene castrata. Le capre si nutrono di germogli, ramoscelli e foglie di piante di arbusti, e quindi possono essere utilizzate anche per controllare gli arbusti in un ranch o in una fattoria.

Altri importanti processi coinvolti nell'allevamento di bovini, ovini e caprini includono l'alimentazione, il controllo delle malattie e dei parassiti, il taglio dei capelli e la tosatura del vello. Il processo di mungitura e lo smaltimento dei reflui zootecnici sono trattati in altri articoli di questo capitolo.

Bovini, ovini e caprini sono nutriti in diversi modi, incluso il pascolo o l'alimentazione con fieno e insilati. Il pascolo è il modo meno costoso per fornire foraggio agli animali. Gli animali pascolano tipicamente su pascoli, terre selvagge o residui colturali, come i gambi di mais, che rimangono nel campo dopo il raccolto. Il fieno viene raccolto dal campo e generalmente immagazzinato sfuso o in balle impilate. L'operazione di alimentazione comprende lo spostamento del fieno dalla catasta al campo aperto o nelle mangiatoie per nutrire gli animali. Alcune colture come il mais vengono raccolte e trasformate in insilato. L'insilato viene tipicamente spostato meccanicamente nelle mangiatoie per l'alimentazione.

Il controllo delle malattie e dei parassiti nei bovini, ovini e caprini è parte integrante del processo di allevamento del bestiame e richiede il contatto con gli animali. Le visite di routine alla mandria da parte di un veterinario sono una parte importante di questo processo, così come l'osservazione dei segni vitali. Anche la vaccinazione tempestiva contro le malattie e la messa in quarantena degli animali malati sono importanti.

I parassiti esterni includono mosche, pidocchi, rogna, acari e zecche. I prodotti chimici sono un controllo contro questi parassiti. I pesticidi vengono applicati a spruzzo o attraverso marchi auricolari impregnati di insetticida. La mosca del tallone depone le uova sul pelo del bestiame e la sua larva, la larva del bestiame, si insinua nella pelle. Un controllo per questa larva sono i pesticidi sistemici (diffusi in tutto il corpo attraverso spray, immersioni o come additivo per mangimi). I parassiti interni, compresi i nematodi oi platelminti, sono controllati con farmaci, antibiotici o inzuppamenti (somministrazione orale di un farmaco liquido). I servizi igienico-sanitari sono anche una strategia per il controllo delle malattie infettive e delle infestazioni parassitarie (Gillespie 1997).

La rimozione del pelo da animali vivi aiuta a mantenerne la pulizia o il comfort ea prepararli per le esposizioni. I capelli possono essere tosati da animali vivi come prodotto, come il vello delle pecore o il mohair delle capre. Il tosatore prende l'animale in un recinto e lo trascina su un supporto dove viene adagiato sul dorso per l'operazione di tosatura. È inchiodato dalle gambe del tosatore. Tagliacapelli e tosatori di pecore utilizzano forbici manuali o cesoie motorizzate per tagliare i capelli. Le cesoie motorizzate sono tipicamente alimentate dall'elettricità. Prima della tosatura e anche come parte della gestione della gestazione, le pecore vengono etichettate e stampellate (ovvero, il pelo incrostato di feci viene rimosso). Il vello tagliato viene rifilato manualmente in base alla qualità e al fiocco del pelo. Viene quindi compresso in pacchi per il trasporto utilizzando una vite azionata a mano o un pistone idraulico.

Gli impianti utilizzati per l'allevamento di bovini, ovini e caprini sono generalmente considerati confinati o non confinati. Le strutture confinate includono case di reclusione, mangiatoie, fienili, recinti (recinti di detenzione, smistamento e affollamento), recinzioni e scivoli di lavoro e di carico. Le strutture non confinate si riferiscono alle operazioni di pascolo o di pascolo. Gli impianti di alimentazione includono strutture di stoccaggio (silos verticali e orizzontali), attrezzature per la macinazione e la miscelazione dei mangimi, pagliai, attrezzature di trasporto (comprese coclee ed elevatori), cuccette per mangimi, fontane d'acqua e alimentatori di minerali e sale. Inoltre, la protezione solare può essere fornita da tettoie, alberi o grate sopraelevate. Altre strutture includono gommini posteriori per il controllo dei parassiti, alimentatori striscianti (consente ai vitelli o agli agnelli di nutrirsi senza che gli adulti si nutrano), autoalimentatori, rifugi per vitelli, cancelli di protezione del bestiame e stalle per il trattamento del bestiame. La recinzione può essere utilizzata intorno ai pascoli, e questi includono filo spinato e recinzioni elettriche. Il filo intrecciato può essere richiesto per contenere le capre. Gli animali in libertà richiederebbero la pastorizia per controllare i loro movimenti; le capre possono essere legate, ma richiedono ombra. Le vasche ad immersione sono utilizzate per il controllo dei parassiti in grandi greggi di pecore (Gillespie 1997).

Pericoli

La tabella 2 mostra diversi altri processi di manipolazione di bovini, ovini e caprini, con esposizioni pericolose associate. In un'indagine sui lavoratori agricoli negli Stati Uniti (Meyers 1997), la gestione del bestiame rappresentava il 26% degli infortuni con perdita di tempo. Questa percentuale era superiore a qualsiasi altra attività agricola, come mostrato nella figura 1. Queste cifre dovrebbero essere rappresentative del tasso di infortuni in altri paesi industrializzati. Nei paesi in cui gli animali da tiro sono comuni, i tassi di infortunio dovrebbero essere più elevati. Le lesioni da bestiame di solito si verificano in fabbricati agricoli o in prossimità di edifici. I bovini infliggono ferite quando prendono a calci o calpestano le persone o le schiacciano contro una superficie dura come il lato di un recinto. Le persone possono anche essere ferite da cadute durante il lavoro con bovini, ovini e caprini. I tori infliggono le ferite più gravi. La maggior parte delle persone ferite sono familiari piuttosto che lavoratori dipendenti. La fatica può ridurre il giudizio e quindi aumentare la possibilità di lesioni (Fretz 1989).

Tabella 2. Processi di allevamento e potenziali pericoli

Processi

Potenziali esposizioni pericolose

Allevamento, inseminazione artificiale

Atti violenti di tori, arieti o cervi; scivola e cade;
zoonosi; polvere organica e forfora

Alimentazione

Polveri organiche; gas per silo; macchine; sollevamento; elettricità

Partorire, partorire, scherzare

Sollevare e tirare; comportamento animale

Castrare, attracco

Comportamento animale; sollevamento; tagli da coltelli

decornazione

Comportamento animale; tagli da trimmer; caustico
unguenti; ustioni da ferri da stiro elettrici

Marchio e marcatura

ustioni; comportamento animale

Vaccinare

Comportamento animale; punture d'ago

Spruzzare e spolverare/inzuppare, worming

Organofosfati

Taglio del piede/zoccolo

Comportamento animale; posture scomode; legato allo strumento
tagli e pizzichi

Tosatura, etichettatura e stampella, lavaggio e tosatura

Posture scomode e sollevamento; comportamento animale;
tagli a mano; elettricità

Caricamento e scaricamento

Comportamento animale

Movimentazione del letame

Gas di letame; scivola e cade; sollevamento; macchine

Fonti: Deere & Co. 1994; Frez 1989; Gillespie 1997; NIOSH 1994.

 

 Figura 1. Stime della frequenza degli infortuni sul tempo perso per attività agricola negli Stati Uniti, 1993

LIV070F2

Il bestiame mostra comportamenti che possono portare a lesioni dei lavoratori. L'istinto di pastorizia è forte tra animali come bovini o pecore e limiti imposti come l'isolamento o il sovraffollamento possono portare a modelli comportamentali insoliti. La risposta riflessiva è un comportamento difensivo comune tra gli animali e può essere previsto. Il territorialismo è un altro comportamento prevedibile. Una lotta di fuga riflessiva è evidente quando un animale viene rimosso dai suoi alloggi normali e collocato in un ambiente confinato. Gli animali trattenuti dagli scivoli per il carico per il trasporto mostreranno un comportamento di risposta riflessa agitato.

Gli ambienti pericolosi sono numerosi negli impianti di produzione di bovini, ovini e caprini. Questi includono pavimenti scivolosi, fosse di letame, recinti, aree di alimentazione polverose, silos, attrezzature di alimentazione meccanizzate ed edifici per il confinamento degli animali. Gli edifici di confinamento possono avere fosse di stoccaggio del letame, che possono emettere gas letali (Gillespie 1997).

 

L'esaurimento da calore e l'ictus sono potenziali pericoli. Il lavoro fisico pesante, lo stress e la tensione, il caldo, l'umidità elevata e la disidratazione dovuta alla mancanza di acqua potabile contribuiscono tutti a questi pericoli.

Gli addetti al bestiame sono a rischio di sviluppare malattie respiratorie dovute all'esposizione alle polveri inalate. Una malattia comune è la sindrome tossica da polvere organica. Questa sindrome può seguire esposizioni a forti concentrazioni di polveri organiche contaminate da microrganismi. Circa il 30-40% dei lavoratori esposti a polveri organiche svilupperà questa sindrome, che comprende le condizioni riportate nella tabella 3; questa tabella mostra anche altre condizioni respiratorie (NIOSH 1994).

Tabella 3. Malattie respiratorie da esposizione in allevamenti

Condizioni di sindrome tossica da polvere organica

Malattia polmonare del contadino precipitina-negativa

Micotossicosi polmonare

La sindrome dello scaricatore di silo

Febbre del grano nei lavoratori dell'elevatore del grano

Altre importanti malattie respiratorie

“Malattia dei riempitivi di silo” (infiammazione tossica acuta del polmone)

"Malattia polmonare del contadino" (polmonite da ipersensibilità)

Bronchite

Asfissia (soffocamento)

Inalazione di gas tossici (ad esempio, fosse di letame)

 

I tagliacapelli e i tosatori di pecore affrontano diversi pericoli. Durante l'operazione di tranciatura possono verificarsi tagli e abrasioni. Anche gli zoccoli e le corna degli animali presentano potenziali pericoli. Scivolate e cadute sono un pericolo sempre presente durante la manipolazione degli animali. La potenza delle cesoie a volte viene trasferita tramite cinghie e le protezioni devono essere mantenute. Sono presenti anche pericoli elettrici. I tosatori affrontano anche rischi posturali, in particolare alla schiena, a causa della cattura e del ribaltamento delle pecore. Vincolare l'animale tra le gambe del tosatore tende a sforzare la schiena e i movimenti torsionali sono comuni durante la tosatura. La tosatura manuale di solito provoca tenosinovite.

Il controllo degli insetti su bovini, ovini e caprini con spray antiparassitario o polvere può esporre i lavoratori al pesticida. I bagni di pecora immergono l'animale in un bagno di pesticidi, e anche la manipolazione dell'animale o il contatto con la soluzione del bagno o con la lana contaminata possono esporre i lavoratori al pesticida (Gillespie 1997).

Le zoonosi comuni includono rabbia, brucellosi, tubercolosi bovina, trichinosi, salmonella, leptospirosi, tigna, tenia, malattia da virus orf, febbre Q e febbre maculosa. Le malattie che possono essere contratte durante il lavoro con capelli e vello includono tetano, salmonellosi da tagging e stampelle, leptospirosi, antrace e malattie parassitarie.

Le feci e l'urina degli animali forniscono anche un meccanismo per l'infezione dei lavoratori. I bovini sono un serbatoio per la criptosporidosi, una malattia che può essere trasmessa dai bovini all'uomo attraverso la via fecale-orale. I vitelli con diarrea (pesce) possono ospitare questa malattia. La schistosomiasi, un'infezione da trematodi del sangue, si riscontra nei bovini, nei bufali d'acqua e in altri animali in diverse parti del mondo; il suo ciclo vitale va dalle uova escrete nelle urine e nelle feci, sviluppandosi in larve, che entrano nelle lumache, poi in cercarie che nuotano liberamente che si attaccano e penetrano nella pelle umana. La penetrazione può avvenire mentre i lavoratori guadano l'acqua.

Alcune zoonosi sono malattie virali trasmesse da artropodi. I principali vettori di queste malattie sono zanzare, zecche e pappataci. Queste malattie includono encefaliti arbovirali trasmesse da zecche e latte di pecora, babesiosi trasmessa da zecche da bovini e febbre emorragica di Crimea-Congo (febbre emorragica dell'Asia centrale) trasmessa da zanzare e zecche da bovini, ovini e caprini (come ospiti amplificatori) durante l'epizoozia ( Benenson 1990; Mullan e Murthy 1991).

Azione preventiva

I principali rischi professionali che si verificano nell'allevamento dei ruminanti includono lesioni, problemi respiratori e malattie zoonotiche. (Vedi "Una lista di controllo per le pratiche di sicurezza dell'allevamento del bestiame".)

I gradini delle scale devono essere mantenuti in buone condizioni e i pavimenti devono essere uniformi per ridurre i rischi di caduta. Devono essere mantenute le protezioni su cinghie, viti meccaniche, pistoni di compressione e attrezzature per l'affilatura delle cesoie. Il cablaggio deve essere mantenuto in buone condizioni per evitare scosse elettriche. La ventilazione dovrebbe essere assicurata ovunque vengano utilizzati motori a combustione interna nelle stalle.

La formazione e l'esperienza nel maneggiare correttamente gli animali aiutano a prevenire lesioni legate al comportamento degli animali. La gestione sicura del bestiame richiede la comprensione delle componenti innate e acquisite del comportamento animale. Le strutture dovrebbero essere progettate in modo che i lavoratori non debbano entrare in aree piccole o chiuse con animali. L'illuminazione dovrebbe essere diffusa, poiché gli animali possono confondersi e esitare davanti a luci intense. Rumori o movimenti improvvisi possono spaventare il bestiame, costringendolo ad ammassare una persona contro superfici dure. Anche i vestiti appesi alle recinzioni che sventolano al vento possono spaventare il bestiame. Dovrebbero essere avvicinati dalla parte anteriore per non sorprenderli. Evitare l'uso di modelli contrastanti nelle strutture per il bestiame, perché il bestiame rallenterà o si fermerà quando vedrà questi modelli. Le ombre sul pavimento dovrebbero essere evitate perché il bestiame potrebbe rifiutarsi di attraversarle (Gillespie 1997).

I rischi di esposizione alla polvere organica possono essere ridotti al minimo in diversi modi. I lavoratori devono essere consapevoli degli effetti sulla salute della respirazione di polvere organica e informare il proprio medico delle recenti esposizioni alla polvere quando cercano aiuto per malattie respiratorie. Ridurre al minimo il deterioramento del mangime può ridurre al minimo le potenziali esposizioni di spore fungine. Per evitare tali pericoli, i lavoratori dovrebbero utilizzare attrezzature meccanizzate per spostare i materiali in decomposizione. Gli operatori dell'azienda agricola dovrebbero utilizzare la ventilazione locale degli scarichi e metodi umidi di soppressione della polvere per ridurre al minimo l'esposizione. Quando non è possibile evitare l'esposizione alla polvere organica, è necessario indossare respiratori appropriati (NIOSH 1994).

La prevenzione delle zoonosi dipende dal mantenimento di strutture di allevamento pulite, dalla vaccinazione degli animali, dalla quarantena degli animali malati e dall'evitare l'esposizione agli animali malati. I guanti di gomma devono essere indossati durante il trattamento di animali malati per evitare l'esposizione attraverso eventuali tagli alle mani. I lavoratori che si ammalano dopo il contatto con un animale malato dovrebbero cercare assistenza medica (Gillespie 1997).

 

Di ritorno

Leggi 12199 volte Ultima modifica Mercoledì, Settembre 07 2011 18: 58
Altro in questa categoria: " Latticini Maiali »

" DISCLAIMER: L'ILO non si assume alcuna responsabilità per i contenuti presentati su questo portale Web presentati in una lingua diversa dall'inglese, che è la lingua utilizzata per la produzione iniziale e la revisione tra pari del contenuto originale. Alcune statistiche non sono state aggiornate da allora la produzione della 4a edizione dell'Enciclopedia (1998)."

Contenuti

Riferimenti sull'allevamento del bestiame

Aldhous, P. 1996. La teoria della scrapie ha alimentato il compiacimento della BSE, ora crescono i timori per i bambini non ancora nati. Il nuovo scienziato 150:4-5.

Ahlgren, GH. 1956. Colture foraggere. New York: McGraw-Hill Book Co.

Conferenza americana degli igienisti industriali governativi (ACGIH). 1994. Valori limite di soglia per sostanze chimiche e agenti fisici e indici di esposizione biologica. Cincinnati, Ohio: ACGIH.

Auti, JH. 1983. Progetto di potere animale in Australia. Bestiame asiatico VIII: 83-84.

Banwart, WC e JM Brenner. 1975. Identificazione dei gas di zolfo evoluti dai concimi animali. J Ambiente Qual 4:363-366.

Baxter, P.J. 1991. Alghe tossiche marine e d'acqua dolce: un rischio professionale? Br J Ind Med 48(8):505-506.

Bell, RG, DB Wilson e EJ Dew. 1976. Top dressing del letame di feedlot per pascoli irrigati: buona pratica agricola o rischio per la salute? B Ambiente Contam Tox 16:536-540.

Benenson, AS. 1990. Controllo delle malattie trasmissibili nell'uomo. Washington, DC: Associazione americana di sanità pubblica.

—. 1995. Manuale per il controllo delle malattie trasmissibili. Washington, DC: Associazione americana di sanità pubblica.

Marrone, L.R. 1995. La produzione di carne fa un balzo in avanti. In Vital Signs 1995: The Trends that are Shaping our Future, a cura di LR Brown, N Lenssen e H Kane. New York: WW Norton & Company.

Bursey, RG. 1992. Nuovi usi dei prodotti lattiero-caseari. In New Crops, New Uses, New Markets: Industrial and Commercial Products from US Agriculture: 1992 Yearbook of Agriculture. Washington, DC: USDA.

Calandruccio, RA e JH Powers. 1949. Incidenti agricoli: uno studio clinico e statistico che copre vent'anni. Am Surg (novembre):652-660.

Cameron, D e C Bishop. 1992. Incidenti agricoli negli adulti. Br Med J 305:25-26.

Caras, RA. 1996. Un'armonia perfetta: le vite intrecciate di animali e umani nel corso della storia. New York: Simon & Schuster.

Carstensen, O, J Lauritsen e K Rasmussen. 1995. Lo studio West-Justland sulla prevenzione degli incidenti agricoli, Fase 1: uno studio sui fattori specifici del lavoro in 257 infortuni agricoli trattati in ospedale. Giornale di sicurezza e salute agricola 1: 231-239.

Chatterjee, A, D Chattopadhyay, D Bhattacharya, Ak Dutta e DN Sen Gupta. 1980. Alcuni aspetti epidemiologici della dermatofitosi zoofila. Giornale internazionale delle zoonosi 7 (1): 19-33.

Cherry, JP, SH Fearirheller, TA Foglis, GJ Piazza, G Maerker, JH Woychik e M Komanowski. 1992. Usi innovativi di sottoprodotti di origine animale. In New Crops, New Uses, New Markets: Industrial and Commercial Products from US Agriculture: 1992 Yearbook of Agriculture. Washington, DC: USDA.

Crowley, M. 1995. Tendenze e tecnologia dell'acquacoltura. Pescatore Nazionale 76:18-19.

Deere & Co. 1994. Gestione della sicurezza delle fattorie e dei ranch. Moline, IL: Deere & Co.

DeFoliart, GR. 1992. Insetti come alimenti umani. Protezione delle colture 11:395-399.

Donham, KJ. 1985. Malattie zoonotiche di importanza professionale in agricoltura: una rassegna. Giornale internazionale delle zoonosi 12: 163-191.

—. 1986. Agenti pericolosi nelle polveri agricole e metodi di valutazione. Am J Ind Med 10:205-220.

Donham, KJ e LW Knapp. 1982. Esposizione tossica acuta a gas da letame liquido. J Occup Med 24:142-145

Donham, KJ e SJ Reynolds. 1995. Disfunzione respiratoria nei lavoratori della produzione suina: relazione dose-risposta delle esposizioni ambientali e della funzione polmonare. Am J Ind Med 27:405-418.

Donham, KJ e L Scallon. 1985. Caratterizzazione delle polveri raccolte dagli edifici per il ricovero dei suini. Am Ind Hyg Assoc J 46:658-661.

Donham, KJ e KM gio. 1995. Medicina agricola e salute ambientale: la componente mancante del movimento agricolo sostenibile. In Salute e sicurezza in agricoltura: luogo di lavoro, ambiente, sostenibilità, a cura di HH McDuffie, JA Dosman, KM Semchuk, SA Olenchock e A Senthilselvan. Boca Raton, Florida: CRC Press.

Donham, KJ, MJ Rubino, TD Thedell e J Kammenmeyer. 1977. Potenziali rischi per la salute dei lavoratori negli edifici per il confinamento dei maiali. J Occup Med 19:383-387.

Donham, KJ, J Yeggy e RR Dauge. 1985. Parametri chimici e fisici del letame liquido proveniente da strutture per il confinamento dei maiali: implicazioni per la salute dei lavoratori, dei suini e dell'ambiente. Rifiuti agricoli 14:97-113.

—. 1988. Tassi di produzione di gas tossici da letame liquido: implicazioni per la salute dei lavoratori e degli animali negli edifici dei maiali. Rifiuti biologici 24:161-173.

Donham, KJ, DC Zavala e JA Merchant. 1984. Effetti acuti dell'ambiente di lavoro sulle funzioni polmonari dei lavoratori del confinamento dei maiali. Am J Ind Med 5:367-375.

Dosman, JA, BL Graham, D Hall, P Pahwa, H McDuffie, M Lucewicz e T To. 1988. Sintomi respiratori e alterazioni nei test di funzionalità polmonare nei produttori di suini nel Saskatchewan: risultati di un'indagine sugli allevatori. G Occ Med 30:715-720.

Douglas, JDM. 1995. Allevamento di salmone: salute sul lavoro in una nuova industria rurale. Occupare Med 45:89-92.

Douglas, JDM e AH Milne. 1991. Malattia da decompressione nei lavoratori dell'allevamento ittico: un nuovo rischio professionale. Br Med J 302:1244-1245.

Durning, AT e HB Brough. 1992. Riformare l'economia del bestiame. In State of the World, a cura di LR Brown. Londra: WW Norton & Company.

Erlich, SM, TR Driscoll, JE Harrison, MS Frommer e J Leight. 1993. Vittime agricole legate al lavoro in Australia, 1982-1984. Scand J Ambiente di lavoro Salute 19:162-167.

Feddes, JJR e ​​EM Barber. 1994. Soluzioni di ingegneria agricola ai problemi dei contaminanti dell'aria nei silos agricoli e nei fabbricati per animali. In Agricultural Health and Safety: Workplace, Environment, Sustainability, a cura di HH McDuffie, JA Dosman, KM Semchuk, SA Olenchock e A Senthilselvan. Boca Raton, Florida: CRC Press.

Ferguson, percorso IR e LRC. 1993. Ratti, pesci e malattia di Weil. Professionista della sicurezza e della salute: 12-16.

Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) delle Nazioni Unite. 1965. Attrezzi agricoli per regioni aride e tropicali. Roma: FAO.

—. 1995. Lo stato della pesca mondiale e dell'acquacoltura. Roma: FAO.

Fretz, P. 1989. Lesioni da animali da allevamento. In Principles of Health and Safety in Agriculture, a cura di JA Dosman e DW Crockcroft. Boca Raton, Florida: CRC Press.

Fröhlich, PA. 1995. Osservazioni e raccomandazioni sul controllo tecnico per le strutture di allevamento di insetti. Cincinnati, Ohio: NIOSH.

Gillespie, JR. 1997. Produzione moderna di bestiame e pollame. New York: Editori Delmar.

Gorhe, DS. 1983. Progetto di potenza animale vs meccanizzazione. Bestiame asiatico VIII:90-91.

Haglind, M e R Rylander. 1987. Misurazioni dell'esposizione professionale e della funzione polmonare tra i lavoratori negli edifici per il confinamento dei maiali. J Occup Med 29:904-907.

Harries, MG e O Cromwell. 1982. Allergia professionale causata dall'allergia all'urina di maiale. Br Med J 284:867.

Heederick, D, R Brouwer, K Biersteker, e J. Boleij. Relazione tra livelli di endotossine e batteri nell'aria negli allevamenti di suini con funzionalità polmonare e sintomi respiratori degli allevatori. Intl Arch Occup Health 62:595-601.

Hogan, DJ e P Lane. 1986. Disturbi dermatologici in agricoltura. Occup Med: State Art Rev 1:285-300.

Holness, DL, EL O'Glenis, A Sass-Kortsak, C Pilger e J Nethercott. 1987. Effetti respiratori ed esposizioni alla polvere nell'allevamento di maiali. Am J Ind Med 11:571-580.

Holness, DL e JR Nethercott. 1994. Traumi acuti e cronici negli allevatori di maiali. In Agricultural Health and Safety: Workplace, Environment, Sustainability, a cura di HH McDuffie, JA Dosman, KM Semchuk, SA Olenchock e A Senthilselvan. Boca Raton, Florida: CRC Press.

Dipartimento di sanità pubblica dell'Iowa. 1995. Sistema di notifica degli infortuni agricoli per la ricerca sul progetto Sentinel. Des Moines, IA: Dipartimento di sanità pubblica dell'Iowa.

Iverson, M, R Dahl, J. Korsgaard, T Hallas e EJ Jensen. 1988. Sintomi respiratori negli agricoltori danesi: uno studio epidemiologico sui fattori di rischio. Torace 48:872-877.

Johnson, SA. 1982. Bachi da seta. Minneapolis, Minnesota: Lerner Publications.

Jones, W, K Morring, SA Olenchock, T Williams e J. Hickey. 1984. Studio ambientale degli edifici di confinamento del pollame. Am Ind Hyg Assoc J 45:760-766.

Joshi, DD. 1983. Progetto di alimentazione animale per la produzione alimentare in Nepal. Bestiame asiatico VIII: 86-87.

Ker, A. 1995. Sistemi di allevamento nella savana africana. Ottawa, Canada: Libri IDRC.

Khan, M.H. 1983. Animale come fonte di energia nell'agricoltura asiatica. Bestiame asiatico VIII: 78-79.

Kiefer, M. 1996. Dipartimento dell'agricoltura della Florida e divisione dei servizi ai consumatori dell'industria delle piante, Gainesville, Florida. Cincinnati, Ohio: NIOSH.

Knoblauch, A, B Steiner, S Bachmann, G Trachsler, R Burgheer e J Osterwalder. 1996. Incidenti legati al letame nella Svizzera orientale: uno studio epidemiologico. Occup Environ Med 53:577-582.

Kok, R, K Lomaliza e US Shivhare. 1988. La progettazione e le prestazioni di un allevamento di insetti/reattore chimico per la produzione alimentare umana. Ingegneria agricola canadese 30: 307-317.

Kuo, C e MCM Beveridge. 1990. Maricoltura: problemi biologici e gestionali e possibili soluzioni ingegneristiche. In ingegneria per l'allevamento ittico offshore. Londra: Thomas Telford.

Layde, PM, DL Nordstrom, D Stueland, LB Wittman, MA Follen e KA Olsen. 1996. Infortuni sul lavoro legati agli animali nei residenti dell'azienda agricola. Giornale di sicurezza e salute agricola 2: 27-37.

Leistikow, B Donham, JA Merchant e S Leonard. 1989. Valutazione del rischio respiratorio del lavoratore di pollame degli Stati Uniti. Am J Ind Med 17:73-74.

Lenhart, SW. 1984. Fonti di insulto respiratorio nell'industria di lavorazione del pollame. Am J Ind Med 6:89-96.

Lincoln, JM e ML Klatt. 1994. Prevenzione degli annegamenti dei pescatori commerciali. Ancoraggio, AK: NIOSH.

MacDiarmid, SC. 1993. Analisi dei rischi e importazione di animali e prodotti di origine animale. Rev Sci Tech 12:1093-1107.

Marx, J, J Twiggs, B Ault, J Merchant e E Fernandez-Caldas. 1993. Aeroallergene inalato e reattività dell'acaro di deposito in uno studio caso-controllo nidificato di un agricoltore del Wisconsin. Am Rev Respir Dis 147:354-358.

Mattia, CGT. 1989. Epidemiologia della malattia della pelle professionale in agricoltura. In Principles of Health and Safety in Aagriculture, a cura di JA Dosman e DW Cockroft. Boca Raton, Florida: CRC Press.

Meadows, R. 1995. Eredità del bestiame. Ambiente Salute Persp 103:1096-1100.

Meyer, JR. 1997. Infortuni tra i lavoratori agricoli negli Stati Uniti, 1993. Pubblicazione n. 97-115 del DHHS (NIOSH). Cincinnati, Ohio: NIOSH.

Mullan, RJ e LI Murthy. 1991. Eventi di salute sentinella sul lavoro: un elenco aggiornato per il riconoscimento medico e la sorveglianza della salute pubblica. Am J Ind Med 19:775-799.

Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH). 1993. Infortuni tra i lavoratori agricoli negli Stati Uniti. Cincinnati, Ohio: NIOSH.

—. 1994. Richiesta di assistenza nella prevenzione della sindrome tossica da polvere organica. Washington, DC: Oggetto Criteri di gruppo.

Istituti Nazionali della Salute (NIH). 1988. Manuale dell'amministratore istituzionale per la cura e l'uso degli animali da laboratorio. Washington, DC: Oggetto Criteri di gruppo.

Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). 1989. Agricoltura alternativa: Comitato sul ruolo dei metodi di agricoltura alternativa nell'agricoltura di produzione moderna. Washington, DC: National Academy Press.

Consiglio nazionale per la sicurezza. 1982. Fatti sugli incidenti. Chicago, IL: Consiglio nazionale per la sicurezza.

—. 1985. Elettropesca. Scheda dati NSC I-696-85. Chicago, IL: Consiglio nazionale per la sicurezza.

Nesheim, MC, RE Austic e LE Card. 1979. Produzione di pollame. Filadelfia, Pennsylvania: Lea e Febiger.

Olenchock, S, J May, D Pratt, L Piacitelli e J Parker. 1990. Presenza di endotossine in diversi ambienti agricoli. Am J Ind Med 18:279-284.

O'Toole, C. 1995. Impero alieno. New York: editori Harper Collins.

Orlic, M e RA Lung. 1992. Proposta preliminare per aiutare il Bangladesh a migliorare la produttività del bestiame dei ruminanti e ridurre le emissioni di metano. Washington, DC: Agenzia statunitense per la protezione dell'ambiente, Divisione Cambiamento globale.

Panti, NK e SP Clark. 1991. Condizioni di pericolo transitorie nelle stalle dovute al rilascio di gas di letame durante la miscelazione del liquame. Ingegneria applicata in agricoltura 7: 478-484.

Platt, A.E. 1995. L'acquacoltura incrementa le catture di pesce. In Vital Signs 1995: The Trends that Are Shaping our Future, a cura di LR Brown, N Lenssen e H Kane. New York: WW Norton & Company.

Pursel, VG, CE Rexroad e RJ Wall. 1992. La biotecnologia da cortile potrebbe presto produrre nuove terapie mediche. In New Crops, New Uses, New Markets: Industrial and Commercial Products from US Agriculture: 1992 Yearbook of Agriculture Washington, DC: USDA.

Ramaswami, NS e GL Narasimhan. 1982. Un caso per costruire il potere degli animali da tiro. Kurushetra (Giornale indiano per lo sviluppo rurale) 30:4.

Reynolds, SJ, KJ Donham, P Whitten, JA Merchant, LF Burmeister e WJ Popendorf. 1996. Una valutazione longitudinale delle relazioni dose-risposta per le esposizioni ambientali e la funzione polmonare nei lavoratori della produzione suina. Am J Ind Med 29:33-40.

Robertson, MH, IR Clarke, JD Coghlan e ON Gill. 1981. Leptospirosi negli allevatori di trote. Lancetta: 2(8247)626-627.

Robertson, TD, SA Ribeiro, S Zodrow, e JV Breman. 1994. Valutazione dell'integrazione strategica dell'alimentazione del bestiame come opportunità per generare reddito per i produttori di latte su piccola scala e ridurre le emissioni di metano in Bangladesh. Washington, DC: Agenzia statunitense per la protezione dell'ambiente.

Rylander, R. 1994. Sintomi e meccanismi: Infiammazione del polmone. Am J Ind Med 25:19-24.

Rylander, R, KJ Donham, C Hjort, R Brouwer e D Heederik. 1989. Effetti dell'esposizione alla polvere negli edifici per il confinamento dei maiali: un rapporto del gruppo di lavoro. Scand J Ambiente di lavoro Salute 15:309-312.

Rylander, R e N Essle. 1990. Iperattività bronchiale tra allevatori di suini e latticini. Am J Ind Med 17:66-69.

Rylander, R, Y Peterson e KJ Donman. 1990. Questionario che valuta l'esposizione alla polvere organica. Am J Ind Med 17:121-128.

Rylander, R e R Jacobs. 1994. Polveri organiche: esposizione, effetti e prevenzione. Chicago, IL: Lewis Publishing.
Safina, C. 1995. Il pesce in pericolo del mondo. Sci Am 272:46-53.

Scherf, B.D. 1995. World Watch List per la diversità degli animali domestici. Roma: FAO.

Schmidt, M.J. 1997. Elefanti che lavorano. Sci Am 279:82-87.

Schmidt, J.O. 1992. Allergia agli insetti velenosi. In The Hive and the Honey Bee, a cura di JM Graham. Hamilton: DaDant & Sons.

Shumacher, MJ e NB Egen. 1995. Importanza delle api africanizzate sulla salute pubblica. Arch Int Med 155:2038-2043.

Sherson, D, I Hansen e T Sigsgaard. 1989. Sintomi respiratori professionali nei lavoratori della lavorazione della trota. Allergia 44:336-341.

Gambo, C, DD Joshi e M Orlic. 1995. Riduzione delle emissioni di metano dal bestiame ruminante: studio di prefattibilità del Nepal. Washington, DC: Agenzia statunitense per la protezione dell'ambiente, Divisione Cambiamento globale.

Addolcisci, JM. 1995. Tecnologia e applicazioni per la misurazione degli odori: una revisione all'avanguardia. Nel Settimo Simposio Internazionale sui Rifiuti di Lavorazione Agricola e Alimentare: Atti del 7° Simposio Internazionale, a cura di CC Ross. Società americana di ingegneria agricola.

Tannahill, R. 1973. Il cibo nella storia. New York: Stein e Giorno.

Thorne, PS, KJ Donham, J Dosman, P Jagielo, JA Merchant e S Von Essen. 1996. Salute sul lavoro. In Understanding the Impacts of Large-scale Suin Production, a cura di KM Thu, D Mcmillan e J Venzke. Iowa City, IA: Università dell'Iowa.

Turner, F e PJ Nichols. 1995. Ruolo dell'epitelio nella risposta delle vie aeree. Abstract per la 19a conferenza di ricerca sulla polvere di cotone e altre sostanze organiche, 6-7 gennaio, San antonio, TX.

Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP). 1996. Agricoltura urbana: cibo, lavoro e città sostenibili. New York: UNDP.

Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA). 1992. Manuale sul campo per la gestione dei rifiuti agricoli. Washington, DC: Servizio di conservazione del suolo dell'USDA.

—. 1996a. Bestiame e pollame: mercati mondiali e commercio . Circolare Serie FL&P 1-96. Washington DC: Servizio agricolo estero dell'USDA.

—. 1996b. Prodotti lattiero-caseari: mercati e commercio mondiali. Serie circolare FD 1-96. Washington DC: Servizio agricolo estero dell'USDA.

—. 1997. Produzione e valore del pollame, riepilogo del 1996. Washington, DC: Servizio nazionale di statistica agricola.

van Hage-Hamsten, M, S Johansson e S Hogland. 1985. L'allergia agli acari di stoccaggio è comune in una popolazione agricola. Clin Allergy 15:555-564.

Vivian, J. 1986. Mantenere le api. Charlotte, VT: Williamson Publishing.

Waller, J.A. 1992. Lesioni ad agricoltori e famiglie di agricoltori in uno stato lattiero-caseario. J Occup Med 34:414-421.

Yang, N. 1995. Ricerca e sviluppo del potere di tiraggio del bufalo per l'agricoltura in Cina. Bestiame asiatico XX:20-24.

Zhou, C e JM Roseman. 1995. Lesioni residue legate all'agricoltura: prevalenza, tipo e fattori associati tra gli operatori agricoli dell'Alabama, 1990. Journal of Rural Health 11:251-258.

Zuehlke, RL, CF Mutel e KJ Donham. 1980. Malattie dei lavoratori agricoli. Iowa City, IA: Dipartimento di Medicina Preventiva e Salute Ambientale, Università dell'Iowa.